1) PALAZZO DEL RETTORATO superficie mq ,95 Via Banchi di Sotto, 55 Siena.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1) PALAZZO DEL RETTORATO superficie mq 10.106,95 Via Banchi di Sotto, 55 Siena."

Transcript

1 Elenco degli edifici oggetto della gara di appalto dell Università degli Studi di Siena, con la tipologia d impianto : 1) PALAZZO DEL RETTORATO superficie mq ,95 Via Banchi di Sotto, 55 Siena. Centrale Fraccaro CALL 2; n 8 sensori di rivelazione; n 3 pulsanti di allarme manuali; n 3 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme n 2 elettromagneti per tenuta porte REI. Porte REI n. 12; Uscite di Sicurezza n. 6 2) PALAZZO BANDINI PICCOLOMINI superficie mq ,58 Via S. Bandini, 25 Impianto di rivelazione fumi piano seminterrato e terzo : Centrale I.M.S. Micro 320; n 22 sensori di rivelazione; n 2 pulsanti di allarme manuali; n 2 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme. Impianto di rivelazione fumi, stanza server centrale di rete : Centrale I.M.S.; n 2 sensori di rivelazione; n 1 pulsanti di allarme manuali; n 2 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; sistema di spegnimento a saturazione tramite gas NAF S - III (n 1 bombole), compreso varie centrali di controllo e comando. Impianto di rivelazione fumi piano terra da via Lucherini (ex officina Fisica) : Centrale I.M.S.Micro 4 ; n 6 sensori di rivelazione; n 1 pulsanti di allarme manuali; 1

2 n 1 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme. 3) PALAZZETTO UNIVERSITARIO superficie mq ,99 Via S. Vigilio, 6 Siena 4) VILLA CHIGI FARNESE superficie mq ,53 Strada Volte Alte, 6 Sovicille Siena. 5) EDIFICIO SEDE FACOLTA GIURISPRUDENZA E FACOLTA SCIENZE POLITICHE superficie mq ,00 Via P.A. Mattioli, 10 Siena Centrale Notifire AM 6000; n 487 sensori di rivelazione; n 43 pulsanti di allarme manuali; n 28 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; n 7 fermi elettromagnetici per le porte antincendio n 11 serrande taglia fuoco per canali di trattamento aria; sistema di spegnimento a saturazione tramite gas PF23 (n 14 bombole), compreso varie centrali di controllo e comando; sistema di supervisione computerizzato. Porte REI n. 100; Uscite di Sicurezza n. 30 Impianto antincendio a rete o Sprinkler : Impianto formato da 1 stazione di pompaggio e pressurizzazione sprinkler a protezione dell autorimessa ; Impianto formato da 1 stazione di pompaggio, n. 50 naspi, n. 3 idranti a parete, n. 4 idranti soprasuolo 6) COMPLESSO LATERINO superficie mq ,00 Strada Laterina, 8 Siena EX IGIENE IN VIA LATERINO Centrale Lince IF 240; 2

3 n 24 sensori di rivelazione; n 5 pulsanti di allarme manuali; Impianto di rivelazione gas : n 7 sensori di rivelazione; EX ISTOLOGIA IN VIA LATERINO Centrale Lince IF240 ; n 6 sensori di rivelazione; n 2 pulsanti di allarme manuali; Impianto di rivelazione gas : n 4 sensori di rivelazione; PALAZZO CENTRALE IN VIA DEL LATERINO Centrale Aritech ; n 93 sensori di rivelazione; n 11 pulsanti di allarme manuali; n 7 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; n 4 elettrovalvole. NUOVO MUSEO ANTARTIDE Centrale Bentel J506F ; n 2 sensori di rivelazione; n 7 pulsanti di allarme manuali; n 2 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; n 3 fermi elettromagnetici per porte antincendio. COMPLESSO DIDATTICO IN VIA DEL LATERINO n 1 Centrali Notifier FIRESTAR 4 Zone; 3

4 n 13 sensori di rivelazione; n 2 pulsanti di allarme manuali; n 5 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; n 4 pannelli luminosi; n 1 elettromagneti di tenuta porte REI; sistema di spegnimento a saturazione tramite gas Argonfire IG-01 (n 10 bombole), compreso varie centrali di controllo e comando. Porte REI n. 37; Uscite di Sicurezza n. 33 Impianto formato da 1 stazione di pompaggio (n. 2 pompe primarie sommerse, n. 1 pompa pilota e n. 1 pompa per lo scarico troppo pieno), n. 25 naspi DN 25, n. 2 idranti DN 50, n. 2 idranti soprasuolo UNI 70 7) PALAZZO CENTRALE -COMPLESSO EX O.P. superficie mq ,21 Via Roma, 56 Siena PALAZZO CENTRALE EX OSPEDALE PSICHIATRICO Centrale Notifire Net 2000-N generale; n 700 sensori di rivelazione; n 63 led di segnalazione dei rivelatori nel controsoffitto; n 58 pulsanti di allarme manuali; n 58 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; n 58 magneti per porte REI; n 6 sottocentrali di controllo impianto; n 10 quadri sinottici; n 8 rivelatori di gas metano; n 10 serrande taglia fuoco; Impianto di rivelazione gas nel laboratorio N 253 BIBLIOTECA PALAZZO CENTRALE EX OSPEDALE PSICHIATRICO Centrale ADEMCO PMT - 300; 4

5 n 12 sensori di rivelazione tipo volumetrici ; n 3 pulsanti di allarme manuali; n 2 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; stampante di sistema. terminali di rivelazione allacciato alla centrale NOTIFAIR di piano; n 3 rivelatori di ossigeno a cella elettrochimica; n 3 rivelatori di monossido di carbonio a cella elettrochimica; n 5 rivelatore di biossido di azoto a cella elettrochimica; n 4 cassonetti ottico-acustici a 78 led e buzzer piezoelettrico per allarma gas n 1 estrattore aria di emergenza comandato dalla centrale di rivelazione n 1 estrattore aria nel deposito bombole comandato dalla centrale di rivelazione n 6 elettrovalvole di intercettazione gas comandate dalla centrale di rivelazione LOCALI REPERTI ARCHEOLOGICI PALAZZO CENTRALE EX OSPEDALE PSICHIATRICO Centrale ADEMCO PTM 202 Prometheus; n 9 sensori di rivelazione; n 2 pulsanti di allarme manuali; n 1 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; stampante di sistema. NUOVE AULE ESTERNE PALAZZO CENTRALE EX OSPEDALE PSICHIATRICO Centrale Notifire AM 6000; n 40 sensori di rivelazione; n 6 pulsanti di allarme manuali; n 6 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; n 2 evacuatori Porte REI n. 234; Uscite di Sicurezza n. 126 Impianto formato da 1 stazione di pompaggio, n. 60 naspi DIN 25, n. 6 idranti soprasuolo UNI70; N. 5 serbatoi da lt

6 8) DIPARTIMENTO FISICA -COMPLESSO EX O.P. superficie mq ,00 Via Roma, 56 Siena Centrale Prometeus Adesco PMT 300 ; n 82 sensori di rivelazione; n 4 pulsanti di allarme manuali; n 8 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; n 21 serrande taglia fuoco Porte REI n. 35; Uscite di Sicurezza n. 10 Impianto formato da n. 1 stazione di pompaggio e pressurizzazione, n. 7 naspi DN25, n. 1 idrante soprasuolo UNI70 9) FUNAIOLI MAZZI -COMPLESSO EX O.P. superficie mq ,00 Via Roma, 56 Siena 10) GLICINE - COMPLESSO EX O.P. superficie totale mq. 716,00 Via Roma, 56 Siena 11) DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA AMBIENTALE superficie mq ,00 Via P.A. Mattioli, 4 Siena n 1 Centrali IMS Micro 320; n 66 sensori di rivelazione; n 13 pulsanti di allarme manuali; n 9 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; n 1 evacuatori di fumo; n 1 serrande tagliafuoco per i canali trattamento aria. Impianto di rivelazione gas : n 2 Centrali IMS Micro 320; n 18 sensori di rivelazione gas ( 4 rivelazione acetilene) n 5 elettrovalvole; n 1 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; 6

7 Porte REI n. 35; Uscite di Sicurezza n. 6 Impianto formato n. 11 naspi DN25, n. 1 idranti soprasuolo UNI70 con collegamento diretto all acquedotto comunale. 12) CHIESA DELLA ROSA superficie mq. 716,00 P.zza Silvio Gigli Siena Uscite di Sicurezza n. 2 13) CHIESA DELLA MADDALENA superficie mq. 365,00 Via P.A. Mattioli, 6 Siena Uscite di Sicurezza n. 1 14) COMPLESSO FACOLTA ECONOMIA superficie mq ,44 Piazza S. Francesco, 7 Siena EX SEMINARIO ARCIVESCOVILE Impianto di segnalazione incendio : Centrale IESS FX/20 ; n 16 pulsanti di allarme manuali; n 16 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; EX CASERMA DI SAN. FRANCESCO Centrale Notifire AM 2000; n 60 sensori di rivelazione; n 10 pulsanti di allarme manuali; n 19 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; n 9 fermi elettromagnetici per porte antincendio 7

8 n 1 pannello di ripetizione allarmi, posto alla portineria del ex Seminario. CRIPTA SAN FRANCESCO Centrale OEF Polaris 4 ; n 3 rivelatore lineare di fumo; n 9 sensori di rivelazione; n 3 pulsanti di allarme manuale; n 3 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; Porte REI n. 20; Uscite di Sicurezza n. 47 EX SEMINARIO ARCIVESCOVILE E BIBLIOTECA DI ECONOMIA (CRIPTA) Impianto formato n. 13 naspi DN45, n. 1 idranti soprasuolo UNI70 collegati direttamente all acquedotto comunale EX CASERMA DEI CARBINIERI Impianto formato da n. 1 stazione di pompaggio e pressurizzazione, n. 10 naspi DN25, n. 2 idrante soprasuolo UNI70 15) EDIFICIO VIA TOMMASO PENDOLA superficie mq ,96 Via Tommaso Pendola, 62 Siena n 2 Centrali Notifier AM200; n 8 sensori di rivelazione; n 4 pulsanti di allarme manuali; n 6 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; n 8 elettromagneti di tenuta porte REI; n 1 combinatore telefonico sistema di spegnimento a saturazione tramite gas Argonfire IG-01 (n 22 bombole), compreso varie centrali di controllo e comando. 8

9 Porte REI n. 1; Uscite di Sicurezza n. 1 16) EDIFICIO EX CASERMA MAZZINI superficie mq ,11 Via Pian dei Mantellini Siena Centrale Sira AREA 54/4; n 111 sensori di rivelazione; n 1 sensore di rivelazione gas metano; n 20 pulsanti di allarme manuali; n 12 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; n 29 elettromagneti di tenuta porte REI; n 6 serrande tagliafuoco per i canali trattamento aria n 8 attuatori lineari per apertura finestre; n 2 evacuatori di fumo sinottico di ripetizione allarmi in portineria; sistema di spegnimento a saturazione tramite gas Argonfire IG-01 (n 8 bombole), compreso varie centrali di controllo e comando. Porte REI n. 64; Uscite di Sicurezza n. 22 Impianto formato n. 19 naspi DN25, n. 2 idranti soprasuolo UNI70 collegati direttamente all acquedotto comunale 17) GRADUATE COLLEGE S. CHIARA superficie mq ,00. Via Valdimontone, 1 Siena Centrale Sira ; n 4 sensori di rivelazione; n 13 pulsanti di allarme manuali; n 10 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; n 10 fermi elettromagnetici per porte REI n 2 serrande taglia fuoco 9

10 Porte REI n. 31; Uscite di Sicurezza n. 12 Impianto formato n. 19 naspi DN25, n. 2 idranti soprasuolo UNI70 collegati direttamente all acquedotto comunale 18) EDIFICIO IN VIA DELLA DIANA superficie mq. 638,50 Via della Diana, 2 Siena Impianto di rivelazione gas : Centrale Perry ; n 3 sensori di rivelazione metano; n 1 elettrovalvola. Porte REI n. 4; Uscite di Sicurezza n. 2 Impianto formato n. 3 naspi DN25 con collegamento diretto all acquedotto comunale. 19) PALAZZO SAN GALGANO superficie mq ,00 Via Roma, 47 Siena 20) PALAZZO VIA FIERAVECCHIA superficie mq ,33 Via Roma, 47 Siena Porte REI n. 3; Uscite di Sicurezza n. 2 21) PALAZZO VIA DEL REFUGIO superficie mq ,65 Via del Refugio, 4 Siena 10

11 Centrale Sira AREA 54/4; n 120 sensori di rivelazione; n 2 sensori di rivelazione gas; n 15 pulsanti di allarme manuali; n 4 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; n 10 fermi elettromagnetici per porte REI; n 1 serrande taglia fuoco; Porte REI n. 40; Uscite di Sicurezza n. 9 22) CERTOSA DI PONTIGNANO superficie mq Centrale IMS Micro 320; n 9 sensori di rivelazione; n 4 pulsanti di allarme manuali; n 5 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; Impianto di rivelazione gas cucina: Rivelatore STS Isobutano 0,5%; n 1 elettrovalvola; n 3 magneti per porte REI. Porte REI n. 4; Uscite di Sicurezza n. 2 Impianto formato da n. 1 stazione di pompaggio e pressurizzazione, n. 5 naspi DN25, n. 1 idrante soprasuolo UNI70 23) DIPARTIMENTO BIOLOGIA MOLECOLARE PRESSO COMPLESSO NOVARTIS Via Fiorentina, 1 Siena superficie mq ,00 11

12 Centrale Notifire System 5000 Fire (unità 5-6); Centrale Sira mipro 1000 (unità 2); n 45 sensori di rivelazione; n 9 pulsanti di allarme manuali; n 3 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; Impianto di rivelazione gas : Centrale Notifire G 100 R - 24 (unità 5-6); Centrale Sira mipro 1000 (unità 2); n 27 sensori di rivelazione gas metano; Porte REI n. 18; Uscite di Sicurezza n. 7 24) MAGAZZINO MONTERONI D ARBIA superficie mq. 600,00 Viale Curtatone Centrale Bentel Fire Class 100; n 8 sensori di rivelazione; n 4 pulsanti di allarme manuali; n 2 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; 25) POLO ARETINO a) Palazzina uomini Complesso Pionta Via L. Cittadini, 33 Arezzo Centrale Fraccaro CA4E; n 27 sensori di rivelazione; n 4 pulsanti di allarme manuali; n 3 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme. Porte REI n. 4; Uscite di Sicurezza n

13 Impianto formato da n. 1 stazione di pompaggio e pressurizzazione, n. 7 naspi DN25, n. 1 idrante soprasuolo UNI70 b) Palazzina Donne Complesso Pionta Via L. Cittadini, 33 Arezzo Centrale Fraccaro CA4E; n 8 sensori di rivelazione; n 2 pulsanti di allarme manuali; n 1 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; Porte REI n. 2; Uscite di Sicurezza n. 22 Impianto formato da n. 1 stazione di pompaggio e pressurizzazione, n. 4 naspi DN25, n. 1 idrante soprasuolo UNI 70 c) Palazzina orologio Complesso Pionta Via L. Cittadini, 33 Arezzo Impianto formato n. 4 naspi DN25, n. 1 idrante soprasuolo UNI70 d) Ex Ram Complesso Pionta Via L. Cittadini, 33 Arezzo Impianto di rivelazione fumi nella biblioteca : Centrale Bosch; n 30 sensori di rivelazione; n 6 pulsanti di allarme manuali; n 13 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; Impianto di rivelazione fumi al piano terra negli uffici : Centrale Bosch; 13

14 n 4 sensori di rivelazione; n 3 pulsanti di allarme manuali; n 3 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; Impianto di rivelazione fumi al piano primo negli uffici : Centrale Bosch; n 5 sensori di rivelazione; n 3 pulsanti di allarme manuali; n 4 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; Porte REI n. 22; Uscite di Sicurezza n. 14 Impianto formato da n. 1 stazione di pompaggio e pressurizzazione, n. 6 naspi DN25, n. 1 idrante soprasuolo UNI 70 e) Ex Segheria Complesso Pionta Via L. Cittadini, 33 Arezzo f) Ex Caserma cadorna Via Porta Buia, 3 Arezzo Centrale Urmet Sidetronic 4 zone; n 50 sensori di rivelazione; n 13 pulsanti di allarme manuali; n 10 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme Porte REI n. 2; Uscite di Sicurezza n. 13 Impianto formato n. 10 idranti UNI45 e n. 1 idrante soprasuolo UNI 70 26) POLO GROSSETANO 14

15 Via Ginori, Grosseto Porte REI n. 2; Uscite di Sicurezza n. 1 DISLOCAZIONE DEGLI ESTINTORI Il numero degli estintori di seguito riportato è di 816estintori (in numero di 349 tipo CO2 e 467 tipo polvere) totali, dislocati presso le sedi universitarie sotto elencate. ELENCO EDIFICI UNIVERSITARI Sede Universitaria in via della Diana n. 2 - Siena - Edificio 14 Sede Universitaria in Località Volte Alte - Siena - Edificio 60 - Villa Chigi Farnese Sede Universitaria in via Fieravecchia n Siena - Edificio 18 Sede Universitaria in via Fieravecchia n Siena - Edificio 18a - Deposito libri (Capanna) Sede Universitaria in via Piazza San Francesco n. 7 - Siena - Edificio 22 - Cripta San Francesco Sede Universitaria in via Tommaso Pendola n Siena - Edificio 23 Serre in via Pier Andrea Mattioli n. 4 - Siena - Edificio 32a - Serra orto botanico - Edificio 32b - Serra orto botanico - Edificio 32c - Serra orto botanico Autorimessa in Piazza Provenzano n. 5, 7 e 9 - Siena - Edificio 47 Sede Universitaria in Piazza San Francesco n.8 - Siena - Edificio 49 ex Caserma dei Carabinieri Sede Universitaria in via Fiorentina n. 1 - Siena - Edificio 80 Deposito in via Curtatone - Monteroni d Arbia (SI) - Edificio 101 Sede Universitaria in via Roma n Siena - Edificio Il Glicine Accademia Fisiocritici Piazzetta Silvio Gigli Siena -Edificio 39 Biblioteca Sede Universitaria in via Roma n Siena 15

16 a) Edificio 92 - Palazzo Centrale Centro Siena-Toronto in via Via Banchi di Sotto n Siena Sede Universitaria in via Banchi di Sotto n. 55, Siena - Edificio 01 - Palazzo del Rettorato Sede Universitaria in via San Vigilio n. 6, Siena - Edificio 02 - Palazzetto Universitario Sede Universitaria in via Sallustio Bandini n Siena - Edificio 03 - Palazzo Bandini Piccolomini Sede Universitaria in via Pier Andrea Mattioli n. 4a - Siena - Edificio 09 - Chiesa della Maddalena Sede Universitaria in via Pier Andrea Mattioli n. 4 - Siena - Edificio 10 Botanica Sede Universitaria in Pian dei Mantellini n Siena - Edificio 13 Sede Universitaria in via Roma n Siena - Edificio 20 - Palazzo di San Galgano Sede Universitaria in Piazza San Francesco n. 7 - Siena - Edificio 21 Sede Universitaria in via Roma n Siena - Edificio 26 - Funaioli Mazzi Sede Universitaria in via del Laterino n. 6 - Siena - Edificio 31- Conplesso Didattico Sede Universitaria in via Pier Andrea Mattioli n Siena - Edificio 38 - Facoltà di Giurisprudenza e Facoltà di Scienze Politiche Sede Universitaria in via Valdimontone n. 1 - Siena - Edificio 82 - Graduate College di S. Chiara Sede Universitaria in via Roma n Siena - Edificio 93 - Dipartimento di Fisica Certosa di Pontignano in Località Pontignano, Castelnuovo B.ga - Siena - Edificio 34 - Edificio 34a - Serra della Certosa - Edificio 34b - Portineria della Certosa - Edificio 34c - Capanna di stoccaggio acqua Polo Aretino - Arezzo - Palazzina Donne Complesso Pionta Via L. Cittadini, 33 Arezzo - Palazzina uomini Complesso Pionta Via L. Cittadini, 33 Arezzo - Palazzina orologio Complesso Pionta Via L. Cittadini, 33 Arezzo - Ex Ram Complesso Pionta Via L. Cittadini, 33 Arezzo - Ex Segheria Complesso Pionta Via L. Cittadini, 33 Arezzo - Ex Caserma cadorna Via Porta Buia, 3 Arezzo Polo S. Giovanni Valdarno ex vetreria via vetri vecchi, 36 San Giovanni Valdarno - Arezzo Polo Grossetano via Ginori Grosseto 16

1) PALAZZO DEL RETTORATO superficie mq 10.1060,95 Via Banchi di Sotto, 55 Siena.

1) PALAZZO DEL RETTORATO superficie mq 10.1060,95 Via Banchi di Sotto, 55 Siena. Elenco degli edifici oggetto della gara di appalto dell Università degli Studi di Siena, con la tipologia d impianto, indicazione della potenza termica e elenco delle apparecchiature: 1) PALAZZO DEL RETTORATO

Dettagli

DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENTI ex art. 26, D.Lgs 81/08

DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENTI ex art. 26, D.Lgs 81/08 DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENTI ex art. 26, D.Lgs 81/08 Responsabile del Procedimento Dott. Ing. Massimiliano Pagni Revisione: 2.1 Modulo: DUVRI Data creazione: 9/12/2008 Data aggiornamento:

Dettagli

Allegato A 1-1 - Descrizione impianti rilevazione incendi

Allegato A 1-1 - Descrizione impianti rilevazione incendi Allegato A 1-1 - Descrizione impianti rilevazione incendi Struttura Modello Universitaria di centrale rilevatori di fumo barriere infrarossi pulsanti serrande automatiche elettromagneti porte targhe ottico-acustiche

Dettagli

PARTE A: INFORMAZIONI GENERALI RIGUARDANTI IL COMMITTENTE E LA DITTA AGGIUDICATARIA

PARTE A: INFORMAZIONI GENERALI RIGUARDANTI IL COMMITTENTE E LA DITTA AGGIUDICATARIA PARTE A: INFORMAZIONI GENERALI RIGUARDANTI IL COMMITTENTE E LA DITTA AGGIUDICATARIA Anagrafica committente Ragione sociale: Università degli Studi di Parma Sede Legale: via Università, 12 43121 Parma Partita

Dettagli

Oggetto: budget economico 2013-2015 Divisione Appalti, Convenzioni e Patrimonio.

Oggetto: budget economico 2013-2015 Divisione Appalti, Convenzioni e Patrimonio. DIVISIONE APPALTI, CONVENZIONI E PATRIMONIO Oggetto: budget economico 2013-2015 Divisione Appalti, Convenzioni e Patrimonio. Ai fini della previsione del budget economico di competenza della Divisione

Dettagli

0LVXUHGLSURWH]LRQHSDVVLYD 5HD]LRQHDOIXRFRGHLPDWHULDOL

0LVXUHGLSURWH]LRQHSDVVLYD 5HD]LRQHDOIXRFRGHLPDWHULDOL 0LVXUHGLSURWH]LRQHSDVVLYD 5HD]LRQHDOIXRFRGHLPDWHULDOL Rappresenta il comportamento al fuoco dei materiali. Per determinare la reazione al fuoco si fanno delle prove sperimentali in laboratorio. I materiali

Dettagli

I NOSTRI SERVIZI ED I NOSTRI PRODOTTI

I NOSTRI SERVIZI ED I NOSTRI PRODOTTI ANTINCENDIO I NOSTRI SERVIZI ED I NOSTRI PRODOTTI GESTIONE COMPUTERIZZATA ATTREZZATURA ANTINCENDIO Esclusivo software gestionale per l elaborazione dei dati analitici, riferimenti UNI e scadenze operative

Dettagli

IMPIANTI DI RIVELAZIONE GAS

IMPIANTI DI RIVELAZIONE GAS IMPIANTI DI RIVELAZIONE GAS ESEMPI DI INSTALLAZIONE Il presente documento è stato redatto con l obiettivo di fornire delle informazioni che possano aiutare l utente a comprendere le problematiche relative

Dettagli

APPLICAZIONI INDUSTRIALI ANTINCENDIO E SICUREZZA

APPLICAZIONI INDUSTRIALI ANTINCENDIO E SICUREZZA APPLICAZIONI INDUSTRIALI ANTINCENDIO E SICUREZZA www.cepitaas.it - info@cepitaas.it ANTINCENDIO La divisione antincendio si occupa in maniera specifica della fornitura di tutta l attrezzatura necessaria

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Protezione dal fuoco semplice ed affidabile con i Sistemi di RILEVAZIONE INCENDIO

Protezione dal fuoco semplice ed affidabile con i Sistemi di RILEVAZIONE INCENDIO Protezione dal fuoco semplice ed affidabile con i Sistemi di RILEVAZIONE INCENDIO La norma UNI 9795 regola i criteri per la realizzazione di impianti fissi automatici di rilevazione e segnalazione di incendio

Dettagli

ART. 1 - OGGETTO DELL'APPALTO

ART. 1 - OGGETTO DELL'APPALTO Servizio di manutenzione e controllo efficienza degli impianti di rilevazione fumi e gas degli edifici dell Università degli studi di Brescia per il triennio 01/07/2012-30/06/2015 CIG: 37821844F8 Capitolato

Dettagli

NELL AMBITO DELL OPERA DI

NELL AMBITO DELL OPERA DI f di Maurizio Livraghi, Tecnoprogen srl MEGASTORE A MILANO IMPIANTO SPRINKLER E IDRANTI NELL AMBITO DELL OPERA DI RISTRUTTURAZIONE DI UNA STORICA SALA CINEMATOGRAFICA, RICONVERTITA IN MEGASTORE NEL CENTRO

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIA MASCAGNI SIENA

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIA MASCAGNI SIENA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIA MASCAGNI SIENA 1 STRUTTURA SEDE SEDE AMMINISTRATIVA VIA MASCAGNI 53,

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli Le guide degli alberghi La prevenzione incendi Il registro dei controlli INTRODUZIONE L art. 5 del D.P.R. n. 37/98, disciplinando i principali adempimenti gestionali finalizzati a garantire il corretto

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO 2010 TIPO_1: INCONTRI INFORMATIVI

PROGETTO FORMATIVO 2010 TIPO_1: INCONTRI INFORMATIVI PROGETTO FORMATIVO 2010 TIPO_1: INCONTRI INFORMATIVI DESCRIZIONE SINTETICA ARGOMENTI INCONTRI: 1a 1b 1c 1d 1e reti idranti Componenti reti idranti: scelta, utilizzo e manutenzione UNI 10779 2007 estintori

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE PER LA FORNITURA IN ESCLUSIVA DI AZOTO LIQUIDO, GAS TECNICI, PURI, PURISSIMI E MISCELE SPECIALI, COMPRENSIVA DEL

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIALE GRAMSCI FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIALE GRAMSCI FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIALE GRAMSCI FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Sede Amministrativa Viale Gramsci,

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria Varlungo

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Il Responsabile del Procedimento Dott. Ing. Massimiliano Pagni Revisione: 1 Oggetto: Capitolato Speciale d Appalto Data creazione: -- Data aggiornamento: -- 1 ARTICOLO 1.

Dettagli

Università degli Studi di Parma

Università degli Studi di Parma Le quantità riportate sono da ritenersi attendibili ma indicative e non vincolanti, sarà in ogni caso onere del concorrente verificare la reale consistenza impiantistica durante i sopralluoghi ed esprimere

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA UNIVERSITARIA BRUSCHI CARRARA

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA UNIVERSITARIA BRUSCHI CARRARA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA UNIVERSITARIA BRUSCHI CARRARA 1 STRUTTURA SEDE RESIDENZA UNIVERSITARIA BRUSCHI VIA

Dettagli

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI 1.0.0. PREMESSA L Azienda Ospedaliera Ospedale di Lecco intende procedere, presso il Presidio Ospedale S. Leopoldo Mandic di Merate, alla ristrutturazione di tre reparti (Pneumologia; Centro assistenza

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA NETTUNO PISA

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA NETTUNO PISA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA NETTUNO PISA 1

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DELLE EMERGENZE ALL INTERNO DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DELLE EMERGENZE ALL INTERNO DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DELLE EMERGENZE ALL INTERNO DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA (Emanato con D.R. n. 1215 del 28 giugno 2007, pubblicato nel Bollettino Ufficiale n. 69) Sommario

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

ELABORATI DESCRITTIVI... 2 ELABORATI GRAFICI... 2. 1. Premessa... 4. 2. Scopo del progetto... 5

ELABORATI DESCRITTIVI... 2 ELABORATI GRAFICI... 2. 1. Premessa... 4. 2. Scopo del progetto... 5 SOMMARIO ELABORATI DESCRITTIVI... 2 ELABORATI GRAFICI... 2 1. Premessa... 4 2. Scopo del progetto... 5 2.1. Impianti di rivelamento fumi e segnalazione incendio... 5 2.2. Scala di sicurezza esterna in

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE MENSA MARTIRI PISA

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE MENSA MARTIRI PISA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE MENSA MARTIRI PISA 1 STRUTTURA SEDE MENSA UNIVERSITARIA MARTIRI VIA DEI MARTIRI PISA DESCRIZIONE

Dettagli

SOMMARIO PRESENTAZIONE V PARTE I INTRODUZIONE ALLA PROBLEMATICA ANTINCENDIO. 1.1 La prevenzione 1.2 Il controllo e l estensione

SOMMARIO PRESENTAZIONE V PARTE I INTRODUZIONE ALLA PROBLEMATICA ANTINCENDIO. 1.1 La prevenzione 1.2 Il controllo e l estensione SOMMARIO PRESENTAZIONE V PARTE I INTRODUZIONE ALLA PROBLEMATICA ANTINCENDIO CAPITOLO 1 - I criteri di difesa antincendio 3 1.1 La prevenzione 1.2 Il controllo e l estensione» 3» 3 CAPITOLO 2 - I sistemi

Dettagli

PROCEDURA DI PRONTO INTERVENTO IN ORARIO EXTRALAVORATIVO

PROCEDURA DI PRONTO INTERVENTO IN ORARIO EXTRALAVORATIVO PROCEDURA DI PRONTO INTERVENTO IN ORARIO EXTRALAVORATIVO 1. DEFINIZIONI Lavori di pronto intervento: tutte quelle opere di cui all art. 176 del DPR 207/2010, che si rendono necessarie in ragione di eventi

Dettagli

COMUNE DI GORLAGO PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI GORLAGO PROVINCIA DI BERGAMO PRESTAZIONALE IMPIANTI ELEVATORI E ASCENSORI, ANTINCENDIO, ANTIFURTO CITTOFONO E CONTROLLO ACCESSO 1. IMPIANTI ELEVATORI, ASCENSORI, Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli

Dettagli

10. 11. SISTEMI DI SPEGNIMENTO INCENDI A GAS INERTE - GAS CHIMICI GAS CO2 - NOVEC 123O

10. 11. SISTEMI DI SPEGNIMENTO INCENDI A GAS INERTE - GAS CHIMICI GAS CO2 - NOVEC 123O 1. Bombola 2. Valvola ad apertura rapida 3. Bombola pilota con attuatore man/elett. 4. Collettore 5. Ugelli 6. Rilevatori 7. Centrale di rivelazione 8. Pulsante elettro/manuale 9. Allarme ottico acustico

Dettagli

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)]

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] A seguito dell incontro del 20 marzo u.s. e degli accordi presi a maggioranza dei presenti, si trasmette la modifica del calendario

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

IMPIANTI FISSI DI ESTINZIONE INCENDI AD ALIMENTAZIONE IDRICA E GRUPPI DI PRESSURIZZAZIONE

IMPIANTI FISSI DI ESTINZIONE INCENDI AD ALIMENTAZIONE IDRICA E GRUPPI DI PRESSURIZZAZIONE IMPIANTI FISSI DI ESTINZIONE INCENDI AD ALIMENTAZIONE IDRICA E GRUPPI DI PRESSURIZZAZIONE SEMINARIO TECNICO SCUOLA DI FORMAZIONE OIC CAESAR S HOTEL CAGLIARI 14 OTTOBRE 2014 SICUREZZA ANTINCENDIO DEFINIZIONI

Dettagli

IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDIO. Ing. PAOLO MAURIZI Corso 818/84

IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDIO. Ing. PAOLO MAURIZI Corso 818/84 IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDIO Ing. PAOLO MAURIZI Corso 818/84 GENERALITA E OBIETTIVI Misure di protezione incendi Protezione di tipo attivo Salvaguardia della incolumità delle persone (attraverso un

Dettagli

Innovazione Tecnologica e Gestionale per gli Impianti Speciali. Marino Mariani

Innovazione Tecnologica e Gestionale per gli Impianti Speciali. Marino Mariani 1 Innovazione Tecnologica e Gestionale per gli Impianti Speciali Marino Mariani LA CULTURA DELL INNOVAZIONE L UNITA IMPIANTI E SISTEMI MODENA CEA Estintori S.p.A dal 1967 si occupa con passione di tutte

Dettagli

Antincendio Sistemi Integrati

Antincendio Sistemi Integrati Antincendio Sistemi Integrati La società FARO è presente sul mercato italiano già dal 1916 con una produzione di estintori che ebbe largo successo sin dalla sua prima comparsa e poi nell ultimo dopoguerra,

Dettagli

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA EDIFICIO SITO IN VIA FORTEZZA N. 11 - MILANO SEDE TERRITORIALE INPDAP ATTIVITA

Dettagli

SIENA PARCHEGGI S.p.A.

SIENA PARCHEGGI S.p.A. SIENA PARCHEGGI S.p.A. Siena, 17 07. 2014 Prot. U/14/ 265 AVVISO FINALIZZATO ALLA RACCOLTA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE ALLA PARTECIPAZIONE ALLA PROCEDURA DI COTTIMO FIDUCIARIO PER L INDIVIDUAZIONE DI

Dettagli

Manutenzioni e verifiche. Listino Servizi

Manutenzioni e verifiche. Listino Servizi Manutenzioni e verifiche Listino Servizi CODICE DESCRIZIONE ARTICOLO A VISITA COSTO ANNUO 2 VISITE NORMA UNI 9994 5.1 E 5.2 per estintori portatili e carrellati CON da 1 a 5 estintori CON da 6 a 10 estintori

Dettagli

ADEGUAMENTO ALLA REGOLA TECNICA D.M. 18.09.

ADEGUAMENTO ALLA REGOLA TECNICA D.M. 18.09. ALLEGATO 11 ADEGUAMENTO ALLA REGOLA TECNICA D.M. 18.09.2002 DIMINUZIONE RISCHIO INCENDIO IMPIANTI DI RILEVAZIONE INCENDI E DIFFUSIONE SONORA NEI PRESIDI OSPEDALIERI - CIG. 205386462F (codice CUP J69FO7000000005)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LE INTERFERENZE E INFORMAZIONI SUI RISCHI DI CUI ALL ART. 26 DEL D.LGS. 81/08 RELATIVO ALLA FORNITURA IN ESCLUSIVA DI AZOTO LIQUIDO,

Dettagli

1. RIFACIMENTO IMPIANTO DI RIVELAZIONE INCENDI

1. RIFACIMENTO IMPIANTO DI RIVELAZIONE INCENDI Sommario 1. RIFACIMENTO IMPIANTO DI RIVELAZIONE INCENDI... 2 1.1. - Premessa... 2 1.2 Descrizione dell impianto esistente... 4 1.2.1 Gestione impianti di spegnimento incendi... 5 1.3 Descrizione del nuovo

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI SESTRI LEVANTE PROGETTO DEFINITIVO DI RISTRUTTURAZIONE DEL PALAZZO FASCIE ROSSI POLO CULTURALE E MUSEALE PER LA CITTA E PER IL TIGULLIO ORIENTALE IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

Dettagli

By: Over IP Gruppo Ital East Engineering

By: Over IP Gruppo Ital East Engineering Over IP Società per l'innovazione nel mondo ICT By: Over IP Gruppo Ital East Engineering 1 TELEHotel settore: Turistico - Alberghiero Sistema applicabile senza interventi infrastrutturali perché utilizza

Dettagli

Quesiti di prevenzione incendi

Quesiti di prevenzione incendi Quesiti di prevenzione incendi Raccolta 2010/2011 183 domande e risposte a cura di Mario Abate Direttore Vice Dirigente Comando VVF Milano (Le risposte ai quesiti sono riferite alle norme vigenti al momento

Dettagli

LISTINO UNITEK ITALIA

LISTINO UNITEK ITALIA LISTINO UNITEK ITALIA Ed. 01/2011 CODICE ANTIFURTO CONTATTI MAGNETICI DA INCASSO UTKCI01 Contatto magnetico da incasso plastico - IMQ 1 Livello 10 3,90 UTKCI01C1 Contatto magnetico da incasso plastico

Dettagli

GARA COMUNITARIA CENTRALIZZATA A PROCEDURA APERTA FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL MULTISERVIZIO TECNOLOGICO

GARA COMUNITARIA CENTRALIZZATA A PROCEDURA APERTA FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL MULTISERVIZIO TECNOLOGICO GARA COMUNITARIA CENTRALIZZATA A PROCEDURA APERTA FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL MULTISERVIZIO TECNOLOGICO E FORNITURA DEI VETTORI ENERGETICI AGLI IMMOBILI IN PROPRIETÀ O NELLA DISPONIBILITÀ DELLE AZIENDE

Dettagli

Sistemi Rilevazione Incendio

Sistemi Rilevazione Incendio stemi Rilevazione Incendio stemi antincendio convenzionali - pag. 32 stemi antincendio analogici indirizzati - pag. 36 Organi di segnalazione - pag. 41 Rilevatore termico lineare - pag. 43 stemi ad aspirazione

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA COMUNE DI SESTRI LEVANTE PROGETTO DEFINITIVO DI RISTRUTTURAZIONE DEL PALAZZO FASCIE ROSSI POLO CULTURALE E MUSEALE PER LA CITTA E PER IL TIGULLIO ORIENTALE IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

Dettagli

N.B. Si prega di citare, nella risposta, il nostro numero di protocollo. c.f. 80002130195

N.B. Si prega di citare, nella risposta, il nostro numero di protocollo. c.f. 80002130195 AREA INFRASTRUTTURE E PATRIMONIO SETTORE PATRIMONIO Via Bella Rocca, 7-26100 CREMONA - tel. 0372/4061 - fax n 0372/406499 e-mail: patrimonio@provincia.cremona.it c.f. 80002130195 Oggetto: ISTITUTO PROFESSIONALE

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD ASILO NIDO

PROGETTO PRELIMINARE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD ASILO NIDO STUDIO TECNICO ING. MERIZZI PAOLO PROGETTAZIONI E CONSULENZE IN MATERIA TERMOTECNICA E ANTINCENDIO Via Roncari, 39a 21023 BESOZZO (VA) Tel. - Fax 0332/970477 - e-mail: pmerizzi@gmail.com PROGETTO PRELIMINARE

Dettagli

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Impianti di estinzione incendi RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed esercizio UNI 10779 - Luglio 2007 Vicenza: aprile 2008 relatore: Giuseppe Ing.

Dettagli

Area di intervento n. 1 - Via Festa del Perdono, 7 - Milano

Area di intervento n. 1 - Via Festa del Perdono, 7 - Milano Area di intervento n. 1 - Via Festa del Perdono, 7 - Milano Biblioteca di Giurisprudenza, Lettere e Filosofia magazzini centrali, Sala Crociera, Sala Sottocrociera, Sala Common Law, Sala del Settecento,

Dettagli

La SERIM IMPIANTI è lieta di presentarsi e ringrazia per l opportunità concessale di comunicare ciò che rappresenta nel proprio settore.

La SERIM IMPIANTI è lieta di presentarsi e ringrazia per l opportunità concessale di comunicare ciò che rappresenta nel proprio settore. Oggetto: lettera di presentazione La SERIM IMPIANTI è lieta di presentarsi e ringrazia per l opportunità concessale di comunicare ciò che rappresenta nel proprio settore. Da 14 anni la SERIM IMPIANTI opera

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO DELLA CITTA UNIVERSITARIA E DELLE SEDI ESTERNE

MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO DELLA CITTA UNIVERSITARIA E DELLE SEDI ESTERNE MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO DELLA CITTA UNIVERSITARIA E DELLE SEDI ESTERNE ALLEGATO C REGISTRO DEI CONTROLLI DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO EDIFICIO Sede I 1. INTRODUZIONE

Dettagli

ESTINTORI IDRANTI E NASPI

ESTINTORI IDRANTI E NASPI ESTINTORI La norma di riferimento per la manutenzione degli estintori portatili e carrellati è la UNI 9994 rev. 11/03. Tale norma indica le periodicità degli interventi e le modalità d'esecuzione. Le principali

Dettagli

THE NEW FIRE PROTECTION SYSTEM IS

THE NEW FIRE PROTECTION SYSTEM IS THE NEW FIRE PROTECTION SYSTEM IS BY SISTEMA PROGETTATO IN RIFERIMENTO ALLA UNI 11292 Locali destinati ad ospitare gruppi di pompaggio per antincendio. Quest ultima specifica i requisiti costruttivi e

Dettagli

Sistemi fissi automatici di rivelazione e di segnalazione di allarme antincendio secondo UNI 9795:2010

Sistemi fissi automatici di rivelazione e di segnalazione di allarme antincendio secondo UNI 9795:2010 Sistemi fissi automatici di rivelazione e di segnalazione di allarme antincendio secondo UNI 9795:2010 EDIFICIO INDIRIZZO DESCRIZIONE COMMITTENTE INDIRIZZO Istituto Mario Rossi via Verdi, 3 - Milano Centro

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

***************** Lavori di adeguamento e manutenzione per l integrazione logistica degli uffici della Direzione Provinciale di Benevento.

***************** Lavori di adeguamento e manutenzione per l integrazione logistica degli uffici della Direzione Provinciale di Benevento. DIREZIONE REGIONALE CAMPANIA Ufficio Tecnico Regionale ***************** Lavori di adeguamento e manutenzione per l integrazione logistica degli uffici della Direzione Provinciale di Benevento. Immobile

Dettagli

SISTEMI INTEGRATI DI SICUREZZA PROTEZIONE PERIMETRALE

SISTEMI INTEGRATI DI SICUREZZA PROTEZIONE PERIMETRALE Pag.1 Le tipologie impiantistiche in cui Elettro Light è in grado di garantire un eccellente know-how e altissimi livelli di performance possono essere sintetizzate come segue: SISTEMI INTEGRATI DI SICUREZZA

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) Residenza Universitaria G.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) Residenza Universitaria G. Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) Residenza Universitaria G.

Dettagli

RIDEFINIZIONE\ SPAZI\ INTERNI\ ED OPERE\ IMPIANTISTICHE\ INTEGRATIVE PER\ ACCREDITAMENTO\ ISTITUZIONALE\ RSA\ DI\ CASOLI

RIDEFINIZIONE\ SPAZI\ INTERNI\ ED OPERE\ IMPIANTISTICHE\ INTEGRATIVE PER\ ACCREDITAMENTO\ ISTITUZIONALE\ RSA\ DI\ CASOLI RAGGRUPPAMENTO\ TEMPORANEO\ DI\ PROFESSIONISTI: ARCH.\ MARIO\ DI\ PRINZIO\ (CAPOGRUPPO) ARCH.\ MARIO\ GALLO ARCH.\ PAOLO\ DE\ NOBILI ARCH.\ ANTONIO\ COLANZI ING.\ LUCIANO\ GENTILE PER.\ IND.\ GIUSEPPE\

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria. Diop Mor Samb Modou FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria. Diop Mor Samb Modou FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Diop Mor Samb Modou FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria

Dettagli

01 - CENTRALI ANTINCENDIO

01 - CENTRALI ANTINCENDIO 01 - CENTRALI ANTINCENDIO CENTRALE ANTINCENDIO CONVENZIONALE 2 LOOP Centrale antincendio a microprocessore 2 zone non espandibile. Uscite programmabili: 2 uscite supervisionate per sirene, 2 uscite relè

Dettagli

Rivelatori di fughe gas Serie CIVIC1 - CIVIC4

Rivelatori di fughe gas Serie CIVIC1 - CIVIC4 Rivelatori di fughe gas Serie - Caratteristiche principali - Adatti per applicazioni domestiche e industriali. - Funzionamento mediante elettronica con autodiagnostica. - Collegabili fino a 4 sensori IP44

Dettagli

Estintore portatile a polvere

Estintore portatile a polvere estintori portatili art. BML 1 BML 1 è un estintore della capacità di 1 kg, pressurizzato a polvere con manometro e valvola di sicurezza disegnato appositamente per uso su autoveicoli, caravan e per uso

Dettagli

Our Business Your Continuity

Our Business Your Continuity Our Business Your Continuity Slide tecniche Business Factory I.NET Perché una Business Factory L informazione è il fulcro dell incremento di produttività Alan Greenspan Le attuali necessità di lavoro per

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori 3.5 ascensori se attraversano due compartimenti, vano corsa protetto EI come strutture (vale anche per le scale) H > 24 m almeno un ascensore antincendio 1 4.1 affollamento aree vendita dettaglio alimentari

Dettagli

Prevenzione Incendi. Perché scegliere AntiFuocus. Elaborati prodotti da AntiFuocus

Prevenzione Incendi. Perché scegliere AntiFuocus. Elaborati prodotti da AntiFuocus Il vantaggio di una soluzione unica, integrata ed omogenea. Unica interfaccia per tutte le attività: più semplice l integrazione delle diverse attività, più veloci l input dei dati e la lettura dei risultati.

Dettagli

Abitazioni private ed ambienti domestici

Abitazioni private ed ambienti domestici Abitazioni private ed ambienti domestici Sicurezza in ambienti domestici Fire Antigen rappresenta un importante passo in avanti nella prevenzione degli incendi domestici; i rapporti dell OMS evidenziano

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA E PUNTO RISTORO ROSELLINI

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA E PUNTO RISTORO ROSELLINI Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA E PUNTO RISTORO ROSELLINI PISA 1 STRUTTURA SEDE RESIDENZA ROSELLINI Via Rosellini,

Dettagli

Una delle più importanti referenze di cui DEF può fregiarsi è il museo del Louvre a Parigi - 2 -

Una delle più importanti referenze di cui DEF può fregiarsi è il museo del Louvre a Parigi - 2 - Una delle più importanti referenze di cui DEF può fregiarsi è il museo del Louvre a Parigi - - Caro Cliente, Siamo presenti da più di 55 anni nel settore dei sistemi di sicurezza ed in special modo nella

Dettagli

ELAB. F01 - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

ELAB. F01 - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA Il presente documento riguarda il progetto esecutivo per la sostituzione della centrale termica a servizio della Villa Andrea facente parte del complesso Ville Ponti in Varese. E inoltre compresa l installazione

Dettagli

Facoltà di Giurisprudenza Via Verdi, n 53 - Trento

Facoltà di Giurisprudenza Via Verdi, n 53 - Trento Facoltà di Giurisprudenza Via Verdi, n 53 - Trento A cura di: Trento, dicembre 2007 Servizio Prevenzione e Protezione Galleria Tirrena, 10-38100 Trento INDICE INDICE... 1 1. CARATTERISTICHE DELLA FACOLTA...

Dettagli

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Istituto Comprensivo C. Casteller di Paese - Viale Panizza, 4-31038 PAESE (TV) - Tel 0422 959057 Fax 0422 959459 C.F.: 94131860267 e-mail: tvic868002@istruzione.it Sito internet: www.castellerpaese.org

Dettagli

Impianti e dispositivi antincendio

Impianti e dispositivi antincendio Gestione ambientale Impianti e dispositivi antincendio 1/2 Concetti base sugli incendi classificazione e cinetica degli incendi carico d incendio e REI 2 2005 Politecnico Torino 1 2/2 Interventi preventivi

Dettagli

Dati anagrafici. Formazione scolastica e Corsi di Specializzazione frequentati

Dati anagrafici. Formazione scolastica e Corsi di Specializzazione frequentati CURRICULUM VITAE Dati anagrafici Cognome...Massarenti Nome...Edi Nato a...codigoro (FE) il...01/11/1967 sesso...maschile Residenza:...Codigoro (FE) Via...I Maggio, 20/A Ufficio:...Codigoro (FE) Via...Roma,

Dettagli

PIANO ORGANIZZATIVO E PROCEDURE PER EMERGENZA UNIVERSITA MILANO-BICOCCA

PIANO ORGANIZZATIVO E PROCEDURE PER EMERGENZA UNIVERSITA MILANO-BICOCCA PIANO ORGANIZZATIVO E PROCEDURE PER EMERGENZA UNIVERSITA MILANO-BICOCCA IL RETTORE LA RESPONSABILE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO 1 INTRODUZIONE Il piano di emergenza costituisce

Dettagli

DIGITALE >ANTINCENDIO SISTEMA FAP500 ANTINCENDIO

DIGITALE >ANTINCENDIO SISTEMA FAP500 ANTINCENDIO ANTINCENDIO >ANTINCENDIO DIGITALE SISTEMA FAP500 ANTINCENDIO SISTEMA FAP500 Alta flessibilità del sistema Il sistema FAP500 è un sistema intelligente modulare, omologato EN54, realizzato con una tecnologia

Dettagli

La sicurezza degli impianti condominiali richiesta dal D.L. 145/2013 in relazione alla prevenzione incendi

La sicurezza degli impianti condominiali richiesta dal D.L. 145/2013 in relazione alla prevenzione incendi La sicurezza degli impianti condominiali richiesta dal D.L. 145/2013 in relazione alla prevenzione incendi Relatore: dott. ing. Mauro Piazza Softability srl Genova, 20 febbraio 2014 ANACI Associazione

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA LASCHI AREZZO

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA LASCHI AREZZO Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA LASCHI AREZZO 1 STRUTTURA SEDE RESIDENZA LASCHI (AREZZO) Via G. Laschi, 24 AREZZO

Dettagli

Aprile 2008. EW40 Sistema di Rivelazione Gas - 1

Aprile 2008. EW40 Sistema di Rivelazione Gas - 1 Sensigas EsiWelma Sistema di rivelazione gas per applicazioni industriali EW40 Sistema di Rivelazione Gas - 1 Soluzione EW40: applicazioni Rivelazione di: Applicazioni per: Gas metano Centrali termiche

Dettagli

L ATTIVITA OSPEDALIERA E SICURAMENTE DA COLLOCARE FRA QUELLE CON ALTO PROFILO DI RISCHIO PER I SEGUENTI MOTIVI:

L ATTIVITA OSPEDALIERA E SICURAMENTE DA COLLOCARE FRA QUELLE CON ALTO PROFILO DI RISCHIO PER I SEGUENTI MOTIVI: LA PREVENZIONE INCENDI NEGLI OSPEDALI 1. LA PROBLEMATICA OSPEDALIERA L ATTIVITÀ OSPEDALIERA È CONTEMPLATA AL N. 86 DELL ELENCO ANNESSO AL D.M. 16.02.1982.. IN UNA ATTIVITÀ OSPEDALIERA GENERALMENTE POSSIAMO

Dettagli

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA le metodologie di elaborazione degli strumenti di espressione della domanda e di verifica del progetto Firenze 15 gennaio 2014 Requisiti a supporto di una corretta progettazione

Dettagli

SI SPECIFICA CHE I PRODOTTI OGGETTO DI MANUTENZIONE SONO: - estintori a polvere - estintori ad anidride carbonica

SI SPECIFICA CHE I PRODOTTI OGGETTO DI MANUTENZIONE SONO: - estintori a polvere - estintori ad anidride carbonica CONDIZIONI PARTICOLARI DI CONTRATTO relativo alla fornitura dei servizi di manutenzione degli impianti antincendio nell immobile sede di ARS ed IRPET presso Villa La Quiete alle Montalve Via P. Dazzi 1

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA AREA SVILUPPO EDILIZIO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AMBIENTE E ADEGUAMENTO NORMATIVO PREVENZIONE INCENDI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA AREA SVILUPPO EDILIZIO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AMBIENTE E ADEGUAMENTO NORMATIVO PREVENZIONE INCENDI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA AREA SVILUPPO EDILIZIO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AMBIENTE E ADEGUAMENTO NORMATIVO PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE LINEE GUIDA REVISIONE DATA Prima

Dettagli

A.A.M.A.P. Segnaletica aziendale NAVALE

A.A.M.A.P. Segnaletica aziendale NAVALE Segnaletica aziendale NAVALE segnali d obbligo per mezzi di salvataggio 0683 00 10 allaciare le cinture di sicurezza 0683 00 60 calare in acqua battello di salvataggio 0683 00 20 assicurarsi che il boccaporto/portello

Dettagli

ha notizia che un progetto analogo o pressoché uguale si ritiene opportuno che venga fatta questa segnalazione ai soli fini della trasparenza.

ha notizia che un progetto analogo o pressoché uguale si ritiene opportuno che venga fatta questa segnalazione ai soli fini della trasparenza. INDICE 1.0 Premessa progetto già presentato 2.0 Composizione della pratica di prevenzione incendi 3.0 Accesso da parte dei mezzi dei Vigili del Fuoco 4.0 Caratteristiche costruttive classificazione ai

Dettagli

Sistemi di pressurizzazione Idrica a norma UNI EN 12845. Forum Antincendio 2012 Milano 26 Settembre 2012

Sistemi di pressurizzazione Idrica a norma UNI EN 12845. Forum Antincendio 2012 Milano 26 Settembre 2012 Sistemi di pressurizzazione Idrica a norma UNI EN 12845 Forum Antincendio 2012 Milano 26 Settembre 2012 Salmson la leggenda Un marchio, oltre un secolo di storia 1896 : Emile SALMSON «SA» fabbrica pompe

Dettagli

Documento illustrativo per automazione di residenze universitarie e servizi universitari. www.apice.org apice@apice.org

Documento illustrativo per automazione di residenze universitarie e servizi universitari. www.apice.org apice@apice.org Documento illustrativo per automazione di residenze universitarie e servizi universitari 1. INTRODUZIONE APICE è dal 1990 un azienda italiana specializzata nella produzione di dispositivi per il controllo

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418. Regolamento concernente norme di sicurezza antincendio per gli edifici di interesse storico-artistico destinati a biblioteche ed archivi.

Dettagli