1) PALAZZO DEL RETTORATO superficie mq ,95 Via Banchi di Sotto, 55 Siena.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1) PALAZZO DEL RETTORATO superficie mq 10.106,95 Via Banchi di Sotto, 55 Siena."

Transcript

1 Elenco degli edifici oggetto della gara di appalto dell Università degli Studi di Siena, con la tipologia d impianto : 1) PALAZZO DEL RETTORATO superficie mq ,95 Via Banchi di Sotto, 55 Siena. Centrale Fraccaro CALL 2; n 8 sensori di rivelazione; n 3 pulsanti di allarme manuali; n 3 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme n 2 elettromagneti per tenuta porte REI. Porte REI n. 12; Uscite di Sicurezza n. 6 2) PALAZZO BANDINI PICCOLOMINI superficie mq ,58 Via S. Bandini, 25 Impianto di rivelazione fumi piano seminterrato e terzo : Centrale I.M.S. Micro 320; n 22 sensori di rivelazione; n 2 pulsanti di allarme manuali; n 2 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme. Impianto di rivelazione fumi, stanza server centrale di rete : Centrale I.M.S.; n 2 sensori di rivelazione; n 1 pulsanti di allarme manuali; n 2 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; sistema di spegnimento a saturazione tramite gas NAF S - III (n 1 bombole), compreso varie centrali di controllo e comando. Impianto di rivelazione fumi piano terra da via Lucherini (ex officina Fisica) : Centrale I.M.S.Micro 4 ; n 6 sensori di rivelazione; n 1 pulsanti di allarme manuali; 1

2 n 1 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme. 3) PALAZZETTO UNIVERSITARIO superficie mq ,99 Via S. Vigilio, 6 Siena 4) VILLA CHIGI FARNESE superficie mq ,53 Strada Volte Alte, 6 Sovicille Siena. 5) EDIFICIO SEDE FACOLTA GIURISPRUDENZA E FACOLTA SCIENZE POLITICHE superficie mq ,00 Via P.A. Mattioli, 10 Siena Centrale Notifire AM 6000; n 487 sensori di rivelazione; n 43 pulsanti di allarme manuali; n 28 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; n 7 fermi elettromagnetici per le porte antincendio n 11 serrande taglia fuoco per canali di trattamento aria; sistema di spegnimento a saturazione tramite gas PF23 (n 14 bombole), compreso varie centrali di controllo e comando; sistema di supervisione computerizzato. Porte REI n. 100; Uscite di Sicurezza n. 30 Impianto antincendio a rete o Sprinkler : Impianto formato da 1 stazione di pompaggio e pressurizzazione sprinkler a protezione dell autorimessa ; Impianto formato da 1 stazione di pompaggio, n. 50 naspi, n. 3 idranti a parete, n. 4 idranti soprasuolo 6) COMPLESSO LATERINO superficie mq ,00 Strada Laterina, 8 Siena EX IGIENE IN VIA LATERINO Centrale Lince IF 240; 2

3 n 24 sensori di rivelazione; n 5 pulsanti di allarme manuali; Impianto di rivelazione gas : n 7 sensori di rivelazione; EX ISTOLOGIA IN VIA LATERINO Centrale Lince IF240 ; n 6 sensori di rivelazione; n 2 pulsanti di allarme manuali; Impianto di rivelazione gas : n 4 sensori di rivelazione; PALAZZO CENTRALE IN VIA DEL LATERINO Centrale Aritech ; n 93 sensori di rivelazione; n 11 pulsanti di allarme manuali; n 7 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; n 4 elettrovalvole. NUOVO MUSEO ANTARTIDE Centrale Bentel J506F ; n 2 sensori di rivelazione; n 7 pulsanti di allarme manuali; n 2 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; n 3 fermi elettromagnetici per porte antincendio. COMPLESSO DIDATTICO IN VIA DEL LATERINO n 1 Centrali Notifier FIRESTAR 4 Zone; 3

4 n 13 sensori di rivelazione; n 2 pulsanti di allarme manuali; n 5 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; n 4 pannelli luminosi; n 1 elettromagneti di tenuta porte REI; sistema di spegnimento a saturazione tramite gas Argonfire IG-01 (n 10 bombole), compreso varie centrali di controllo e comando. Porte REI n. 37; Uscite di Sicurezza n. 33 Impianto formato da 1 stazione di pompaggio (n. 2 pompe primarie sommerse, n. 1 pompa pilota e n. 1 pompa per lo scarico troppo pieno), n. 25 naspi DN 25, n. 2 idranti DN 50, n. 2 idranti soprasuolo UNI 70 7) PALAZZO CENTRALE -COMPLESSO EX O.P. superficie mq ,21 Via Roma, 56 Siena PALAZZO CENTRALE EX OSPEDALE PSICHIATRICO Centrale Notifire Net 2000-N generale; n 700 sensori di rivelazione; n 63 led di segnalazione dei rivelatori nel controsoffitto; n 58 pulsanti di allarme manuali; n 58 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; n 58 magneti per porte REI; n 6 sottocentrali di controllo impianto; n 10 quadri sinottici; n 8 rivelatori di gas metano; n 10 serrande taglia fuoco; Impianto di rivelazione gas nel laboratorio N 253 BIBLIOTECA PALAZZO CENTRALE EX OSPEDALE PSICHIATRICO Centrale ADEMCO PMT - 300; 4

5 n 12 sensori di rivelazione tipo volumetrici ; n 3 pulsanti di allarme manuali; n 2 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; stampante di sistema. terminali di rivelazione allacciato alla centrale NOTIFAIR di piano; n 3 rivelatori di ossigeno a cella elettrochimica; n 3 rivelatori di monossido di carbonio a cella elettrochimica; n 5 rivelatore di biossido di azoto a cella elettrochimica; n 4 cassonetti ottico-acustici a 78 led e buzzer piezoelettrico per allarma gas n 1 estrattore aria di emergenza comandato dalla centrale di rivelazione n 1 estrattore aria nel deposito bombole comandato dalla centrale di rivelazione n 6 elettrovalvole di intercettazione gas comandate dalla centrale di rivelazione LOCALI REPERTI ARCHEOLOGICI PALAZZO CENTRALE EX OSPEDALE PSICHIATRICO Centrale ADEMCO PTM 202 Prometheus; n 9 sensori di rivelazione; n 2 pulsanti di allarme manuali; n 1 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; stampante di sistema. NUOVE AULE ESTERNE PALAZZO CENTRALE EX OSPEDALE PSICHIATRICO Centrale Notifire AM 6000; n 40 sensori di rivelazione; n 6 pulsanti di allarme manuali; n 6 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; n 2 evacuatori Porte REI n. 234; Uscite di Sicurezza n. 126 Impianto formato da 1 stazione di pompaggio, n. 60 naspi DIN 25, n. 6 idranti soprasuolo UNI70; N. 5 serbatoi da lt

6 8) DIPARTIMENTO FISICA -COMPLESSO EX O.P. superficie mq ,00 Via Roma, 56 Siena Centrale Prometeus Adesco PMT 300 ; n 82 sensori di rivelazione; n 4 pulsanti di allarme manuali; n 8 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; n 21 serrande taglia fuoco Porte REI n. 35; Uscite di Sicurezza n. 10 Impianto formato da n. 1 stazione di pompaggio e pressurizzazione, n. 7 naspi DN25, n. 1 idrante soprasuolo UNI70 9) FUNAIOLI MAZZI -COMPLESSO EX O.P. superficie mq ,00 Via Roma, 56 Siena 10) GLICINE - COMPLESSO EX O.P. superficie totale mq. 716,00 Via Roma, 56 Siena 11) DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA AMBIENTALE superficie mq ,00 Via P.A. Mattioli, 4 Siena n 1 Centrali IMS Micro 320; n 66 sensori di rivelazione; n 13 pulsanti di allarme manuali; n 9 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; n 1 evacuatori di fumo; n 1 serrande tagliafuoco per i canali trattamento aria. Impianto di rivelazione gas : n 2 Centrali IMS Micro 320; n 18 sensori di rivelazione gas ( 4 rivelazione acetilene) n 5 elettrovalvole; n 1 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; 6

7 Porte REI n. 35; Uscite di Sicurezza n. 6 Impianto formato n. 11 naspi DN25, n. 1 idranti soprasuolo UNI70 con collegamento diretto all acquedotto comunale. 12) CHIESA DELLA ROSA superficie mq. 716,00 P.zza Silvio Gigli Siena Uscite di Sicurezza n. 2 13) CHIESA DELLA MADDALENA superficie mq. 365,00 Via P.A. Mattioli, 6 Siena Uscite di Sicurezza n. 1 14) COMPLESSO FACOLTA ECONOMIA superficie mq ,44 Piazza S. Francesco, 7 Siena EX SEMINARIO ARCIVESCOVILE Impianto di segnalazione incendio : Centrale IESS FX/20 ; n 16 pulsanti di allarme manuali; n 16 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; EX CASERMA DI SAN. FRANCESCO Centrale Notifire AM 2000; n 60 sensori di rivelazione; n 10 pulsanti di allarme manuali; n 19 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; n 9 fermi elettromagnetici per porte antincendio 7

8 n 1 pannello di ripetizione allarmi, posto alla portineria del ex Seminario. CRIPTA SAN FRANCESCO Centrale OEF Polaris 4 ; n 3 rivelatore lineare di fumo; n 9 sensori di rivelazione; n 3 pulsanti di allarme manuale; n 3 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; Porte REI n. 20; Uscite di Sicurezza n. 47 EX SEMINARIO ARCIVESCOVILE E BIBLIOTECA DI ECONOMIA (CRIPTA) Impianto formato n. 13 naspi DN45, n. 1 idranti soprasuolo UNI70 collegati direttamente all acquedotto comunale EX CASERMA DEI CARBINIERI Impianto formato da n. 1 stazione di pompaggio e pressurizzazione, n. 10 naspi DN25, n. 2 idrante soprasuolo UNI70 15) EDIFICIO VIA TOMMASO PENDOLA superficie mq ,96 Via Tommaso Pendola, 62 Siena n 2 Centrali Notifier AM200; n 8 sensori di rivelazione; n 4 pulsanti di allarme manuali; n 6 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; n 8 elettromagneti di tenuta porte REI; n 1 combinatore telefonico sistema di spegnimento a saturazione tramite gas Argonfire IG-01 (n 22 bombole), compreso varie centrali di controllo e comando. 8

9 Porte REI n. 1; Uscite di Sicurezza n. 1 16) EDIFICIO EX CASERMA MAZZINI superficie mq ,11 Via Pian dei Mantellini Siena Centrale Sira AREA 54/4; n 111 sensori di rivelazione; n 1 sensore di rivelazione gas metano; n 20 pulsanti di allarme manuali; n 12 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; n 29 elettromagneti di tenuta porte REI; n 6 serrande tagliafuoco per i canali trattamento aria n 8 attuatori lineari per apertura finestre; n 2 evacuatori di fumo sinottico di ripetizione allarmi in portineria; sistema di spegnimento a saturazione tramite gas Argonfire IG-01 (n 8 bombole), compreso varie centrali di controllo e comando. Porte REI n. 64; Uscite di Sicurezza n. 22 Impianto formato n. 19 naspi DN25, n. 2 idranti soprasuolo UNI70 collegati direttamente all acquedotto comunale 17) GRADUATE COLLEGE S. CHIARA superficie mq ,00. Via Valdimontone, 1 Siena Centrale Sira ; n 4 sensori di rivelazione; n 13 pulsanti di allarme manuali; n 10 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; n 10 fermi elettromagnetici per porte REI n 2 serrande taglia fuoco 9

10 Porte REI n. 31; Uscite di Sicurezza n. 12 Impianto formato n. 19 naspi DN25, n. 2 idranti soprasuolo UNI70 collegati direttamente all acquedotto comunale 18) EDIFICIO IN VIA DELLA DIANA superficie mq. 638,50 Via della Diana, 2 Siena Impianto di rivelazione gas : Centrale Perry ; n 3 sensori di rivelazione metano; n 1 elettrovalvola. Porte REI n. 4; Uscite di Sicurezza n. 2 Impianto formato n. 3 naspi DN25 con collegamento diretto all acquedotto comunale. 19) PALAZZO SAN GALGANO superficie mq ,00 Via Roma, 47 Siena 20) PALAZZO VIA FIERAVECCHIA superficie mq ,33 Via Roma, 47 Siena Porte REI n. 3; Uscite di Sicurezza n. 2 21) PALAZZO VIA DEL REFUGIO superficie mq ,65 Via del Refugio, 4 Siena 10

11 Centrale Sira AREA 54/4; n 120 sensori di rivelazione; n 2 sensori di rivelazione gas; n 15 pulsanti di allarme manuali; n 4 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; n 10 fermi elettromagnetici per porte REI; n 1 serrande taglia fuoco; Porte REI n. 40; Uscite di Sicurezza n. 9 22) CERTOSA DI PONTIGNANO superficie mq Centrale IMS Micro 320; n 9 sensori di rivelazione; n 4 pulsanti di allarme manuali; n 5 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; Impianto di rivelazione gas cucina: Rivelatore STS Isobutano 0,5%; n 1 elettrovalvola; n 3 magneti per porte REI. Porte REI n. 4; Uscite di Sicurezza n. 2 Impianto formato da n. 1 stazione di pompaggio e pressurizzazione, n. 5 naspi DN25, n. 1 idrante soprasuolo UNI70 23) DIPARTIMENTO BIOLOGIA MOLECOLARE PRESSO COMPLESSO NOVARTIS Via Fiorentina, 1 Siena superficie mq ,00 11

12 Centrale Notifire System 5000 Fire (unità 5-6); Centrale Sira mipro 1000 (unità 2); n 45 sensori di rivelazione; n 9 pulsanti di allarme manuali; n 3 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; Impianto di rivelazione gas : Centrale Notifire G 100 R - 24 (unità 5-6); Centrale Sira mipro 1000 (unità 2); n 27 sensori di rivelazione gas metano; Porte REI n. 18; Uscite di Sicurezza n. 7 24) MAGAZZINO MONTERONI D ARBIA superficie mq. 600,00 Viale Curtatone Centrale Bentel Fire Class 100; n 8 sensori di rivelazione; n 4 pulsanti di allarme manuali; n 2 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; 25) POLO ARETINO a) Palazzina uomini Complesso Pionta Via L. Cittadini, 33 Arezzo Centrale Fraccaro CA4E; n 27 sensori di rivelazione; n 4 pulsanti di allarme manuali; n 3 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme. Porte REI n. 4; Uscite di Sicurezza n

13 Impianto formato da n. 1 stazione di pompaggio e pressurizzazione, n. 7 naspi DN25, n. 1 idrante soprasuolo UNI70 b) Palazzina Donne Complesso Pionta Via L. Cittadini, 33 Arezzo Centrale Fraccaro CA4E; n 8 sensori di rivelazione; n 2 pulsanti di allarme manuali; n 1 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; Porte REI n. 2; Uscite di Sicurezza n. 22 Impianto formato da n. 1 stazione di pompaggio e pressurizzazione, n. 4 naspi DN25, n. 1 idrante soprasuolo UNI 70 c) Palazzina orologio Complesso Pionta Via L. Cittadini, 33 Arezzo Impianto formato n. 4 naspi DN25, n. 1 idrante soprasuolo UNI70 d) Ex Ram Complesso Pionta Via L. Cittadini, 33 Arezzo Impianto di rivelazione fumi nella biblioteca : Centrale Bosch; n 30 sensori di rivelazione; n 6 pulsanti di allarme manuali; n 13 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; Impianto di rivelazione fumi al piano terra negli uffici : Centrale Bosch; 13

14 n 4 sensori di rivelazione; n 3 pulsanti di allarme manuali; n 3 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; Impianto di rivelazione fumi al piano primo negli uffici : Centrale Bosch; n 5 sensori di rivelazione; n 3 pulsanti di allarme manuali; n 4 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme; Porte REI n. 22; Uscite di Sicurezza n. 14 Impianto formato da n. 1 stazione di pompaggio e pressurizzazione, n. 6 naspi DN25, n. 1 idrante soprasuolo UNI 70 e) Ex Segheria Complesso Pionta Via L. Cittadini, 33 Arezzo f) Ex Caserma cadorna Via Porta Buia, 3 Arezzo Centrale Urmet Sidetronic 4 zone; n 50 sensori di rivelazione; n 13 pulsanti di allarme manuali; n 10 targhe ottiche / acustiche e/o sirene di allarme Porte REI n. 2; Uscite di Sicurezza n. 13 Impianto formato n. 10 idranti UNI45 e n. 1 idrante soprasuolo UNI 70 26) POLO GROSSETANO 14

15 Via Ginori, Grosseto Porte REI n. 2; Uscite di Sicurezza n. 1 DISLOCAZIONE DEGLI ESTINTORI Il numero degli estintori di seguito riportato è di 816estintori (in numero di 349 tipo CO2 e 467 tipo polvere) totali, dislocati presso le sedi universitarie sotto elencate. ELENCO EDIFICI UNIVERSITARI Sede Universitaria in via della Diana n. 2 - Siena - Edificio 14 Sede Universitaria in Località Volte Alte - Siena - Edificio 60 - Villa Chigi Farnese Sede Universitaria in via Fieravecchia n Siena - Edificio 18 Sede Universitaria in via Fieravecchia n Siena - Edificio 18a - Deposito libri (Capanna) Sede Universitaria in via Piazza San Francesco n. 7 - Siena - Edificio 22 - Cripta San Francesco Sede Universitaria in via Tommaso Pendola n Siena - Edificio 23 Serre in via Pier Andrea Mattioli n. 4 - Siena - Edificio 32a - Serra orto botanico - Edificio 32b - Serra orto botanico - Edificio 32c - Serra orto botanico Autorimessa in Piazza Provenzano n. 5, 7 e 9 - Siena - Edificio 47 Sede Universitaria in Piazza San Francesco n.8 - Siena - Edificio 49 ex Caserma dei Carabinieri Sede Universitaria in via Fiorentina n. 1 - Siena - Edificio 80 Deposito in via Curtatone - Monteroni d Arbia (SI) - Edificio 101 Sede Universitaria in via Roma n Siena - Edificio Il Glicine Accademia Fisiocritici Piazzetta Silvio Gigli Siena -Edificio 39 Biblioteca Sede Universitaria in via Roma n Siena 15

16 a) Edificio 92 - Palazzo Centrale Centro Siena-Toronto in via Via Banchi di Sotto n Siena Sede Universitaria in via Banchi di Sotto n. 55, Siena - Edificio 01 - Palazzo del Rettorato Sede Universitaria in via San Vigilio n. 6, Siena - Edificio 02 - Palazzetto Universitario Sede Universitaria in via Sallustio Bandini n Siena - Edificio 03 - Palazzo Bandini Piccolomini Sede Universitaria in via Pier Andrea Mattioli n. 4a - Siena - Edificio 09 - Chiesa della Maddalena Sede Universitaria in via Pier Andrea Mattioli n. 4 - Siena - Edificio 10 Botanica Sede Universitaria in Pian dei Mantellini n Siena - Edificio 13 Sede Universitaria in via Roma n Siena - Edificio 20 - Palazzo di San Galgano Sede Universitaria in Piazza San Francesco n. 7 - Siena - Edificio 21 Sede Universitaria in via Roma n Siena - Edificio 26 - Funaioli Mazzi Sede Universitaria in via del Laterino n. 6 - Siena - Edificio 31- Conplesso Didattico Sede Universitaria in via Pier Andrea Mattioli n Siena - Edificio 38 - Facoltà di Giurisprudenza e Facoltà di Scienze Politiche Sede Universitaria in via Valdimontone n. 1 - Siena - Edificio 82 - Graduate College di S. Chiara Sede Universitaria in via Roma n Siena - Edificio 93 - Dipartimento di Fisica Certosa di Pontignano in Località Pontignano, Castelnuovo B.ga - Siena - Edificio 34 - Edificio 34a - Serra della Certosa - Edificio 34b - Portineria della Certosa - Edificio 34c - Capanna di stoccaggio acqua Polo Aretino - Arezzo - Palazzina Donne Complesso Pionta Via L. Cittadini, 33 Arezzo - Palazzina uomini Complesso Pionta Via L. Cittadini, 33 Arezzo - Palazzina orologio Complesso Pionta Via L. Cittadini, 33 Arezzo - Ex Ram Complesso Pionta Via L. Cittadini, 33 Arezzo - Ex Segheria Complesso Pionta Via L. Cittadini, 33 Arezzo - Ex Caserma cadorna Via Porta Buia, 3 Arezzo Polo S. Giovanni Valdarno ex vetreria via vetri vecchi, 36 San Giovanni Valdarno - Arezzo Polo Grossetano via Ginori Grosseto 16

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Elenco Ditte. : (A1) : MILANO - NAPOLI Tratto : Barberino di Mugello - Incisa Valdarno Lotto 7 : [I1AA] FIRENZE (FI) Ditta

Elenco Ditte. : (A1) : MILANO - NAPOLI Tratto : Barberino di Mugello - Incisa Valdarno Lotto 7 : [I1AA] FIRENZE (FI) Ditta N. ORDINE 1 Commessa 110110-19 (A1) MILANO - NAPOLI Tratto Barberino di Mugello - Incisa Valdarno Lotto 7 Ditta BONCOMPAGNI Giuseppe n. a Citerna il 07.01.1952 propr. per 1/2;BONCOMPAGNI Luigi n. a Citerna

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici Indicazione delle dotazioni strumentali, anche informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell automazione dell ufficio Segreteria SS.DD. - Affari Generali Anagrafe, Stato Civile, Elettorale Segreteria,

Dettagli

LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO

LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO Nel rispetto dei diritti di copyright che tutelano le norme tecniche UNI la presente versione della Linea Guida è stata redatta in forma

Dettagli

Guida al Campus. Aule, mappe e servizi. Sede di Milano

Guida al Campus. Aule, mappe e servizi. Sede di Milano Guida al Campus Aule, mappe e servizi Sede di Milano INDICE Elenco aule per attività didattiche 2 Elenco Istituti e Dipartimenti 7 Mappe delle Sedi universitarie del campus di Milano 8 Vista d insieme

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 dell 8.04.2013 INDICE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...

Dettagli

Corso di formazione. Leonardo Lione

Corso di formazione. Leonardo Lione Corso di formazione PER ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Leonardo Lione 1 2 ART. 18 d.lgs. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente designare preventivamente i lavoratori

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI DI CUI ALL ART.26 D.LGS 81/08

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI DI CUI ALL ART.26 D.LGS 81/08 Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti ai fini dell applicazione dell articolo 26 del Decreto Legislativo 81/08 COMMITTENTE CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Istituto di Scienze dell Alimentazione

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

Resistenza agli urti Acoustichoc e sistemi Impact

Resistenza agli urti Acoustichoc e sistemi Impact Resistenza agli urti Acoustichoc e sistemi Impact Nuova dimensione : pannello 600 x 600 mm Assorbimento Acustico Elevato Una scelta di 7 colori Resistenza al Ball Test www.eurocoustic.com Un offerta dedicata

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

Progetta facile, progetta domotico. Le soluzioni su misura per ogni ambiente.

Progetta facile, progetta domotico. Le soluzioni su misura per ogni ambiente. Progetta facile, progetta domotico. Le soluzioni su misura per ogni ambiente. C O S T R U I T E C I S O P R A Indice 3 3 La Domotica y Home 4 4 Le applicazioni 4 55 Le applicazioni integrate 56 6 Le linee

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

CITTA DI AOSTA VILLE D AOSTE REGOLAMENTO DELL ACQUEDOTTO

CITTA DI AOSTA VILLE D AOSTE REGOLAMENTO DELL ACQUEDOTTO ACQUEDOTTO CITTA DI AOSTA VILLE D AOSTE REGOLAMENTO COMUNALE DELL ACQUEDOTTO CITTÀ DI AOSTA REGOLAMENTO COMUNALE DELL ACQUEDOTTO Via Parigi 196 11100 Aosta Tel. 0165.300.600 - Fax: 0165.554.961 www.comune.aosta.it

Dettagli

SERBATOI A SINGOLA PARETE

SERBATOI A SINGOLA PARETE SERBATOIO DA INTERRO: serbatoi cilindrici ad asse orizzontale, a singola o doppia parete per il deposito nel sottosuolo di liquidi infiammabili e non. Costruiti con lamiere in acciaio al carbonio tipo

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Sistemi di Rivelazione Incendio MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Proprietà del rivelatore adatte all'utilizzo in ambienti interni Regolazione

Dettagli

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO Parma 16 novembre 2012 S.D.A.C. Arch. Fabrizio Finuoli L evoluzione della Prevenzione Incendi 2 Panorama normativo della Prevenzione incendi

Dettagli

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE 1 CLASSIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO DI ELEMENTI COSTRUTTIVI SECONDO NORME, LEGGI E DIRETTIVE IN VIGORE 2 1. CLASSIFICAZIONE DELLA RESISTENZA AL FUOCO 2. CERTIFICAZIONE

Dettagli

ESEMPI APPLICATIVI. esempi di progettazione ed installazione

ESEMPI APPLICATIVI. esempi di progettazione ed installazione lighting management ESEMPI APPLICATIVI esempi di progettazione ed installazione 2 INDICE LIGHTING MANAGEMENT ESEMPI APPLICATIVI 04 L offerta di BTICINO 05 ORGANIZZAZIONE DELLA GUIDA CONTROLLO LOCALE -

Dettagli

12 - APQ Beni Culturali

12 - APQ Beni Culturali 12 - APQ Beni Culturali Assessorato Pubblica Istruzione Schede di sintesi per intervento al 31 dicembre 2006 Cagliari, febbraio 2007 12 - Beni Culturali Indice Pag. Intervento 1 APQ Originario 1 1 - SarBC-SF1

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo o Mobilitare la società locale per garantire la qualità dell istruzione Obiettivi Linee

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIOREE V. I. CAPIZZI -BRONTE I.I.S.S "V. IGNAZIO CAPIZZI" BRONTE Liceo Classico - Liceo Artistico - Liceo Scientifico - I.P.S.I.A. CM: CTIS00900X OPUSCOLOO INFORMATIVO

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile Comune di Prato Leventina - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile 1 Marzo 2004 Incarico del Municipio di Prato-Leventina per la valutazione dell efficienza funzionale

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

Costruire con la canapa in ITALIA

Costruire con la canapa in ITALIA Costruire con la canapa in ITALIA OLVER ZACCANTI anab architetturanaturale officinadelbuoncostruire@yahoo.it Costruire con la canapa in Italia pannelli in fibra di canapa per isolamenti Pareti divisorie

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

CATALOGO ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO A.A. 2014-15 Aggiornato al 09/04/2015

CATALOGO ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO A.A. 2014-15 Aggiornato al 09/04/2015 CATALOGO ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO A.A. 2014-15 Aggiornato al 09/04/2015 Il presente documento riporta l elenco delle iniziative di orientamento dedicate alle future matricole e agli insegnanti delle scuole

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

Manuale di utilizzo centrale ST-V

Manuale di utilizzo centrale ST-V Accessori 1 Capitolo I : Introduzione 2 1.1 Funzioni 2 1.2 Pannello_ 5 1.3 I CON 5 Capitolo II : Installazione e connessione 6 2.1 Apertura della confezione 6 2.2 Installazione del pannello_ 6 2.3 Cablaggio

Dettagli

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di FIRENZE

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di FIRENZE COMUNE DI ALBO DEI BENEFICIARI DI PROVVIDENZE DI NATURA ECONOMICA EROGATE NELL ESERCIZIO 2014 (D.P.R. 7 APRILE 2000 N. 118) Approvato con determinazione del Responsabile del Servizio Affari Generali n.

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Negli UFFICI. 28 settembre 2010

Negli UFFICI. 28 settembre 2010 Negli UFFICI Come si fa 28 settembre 2010 Dai suggerimenti ai benefici Alcuni sono di facile attuazione, altri sono complessi o/e onerosi economicamente. Ovviamente non è necessario adottarli tutti e subito

Dettagli

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo Gli attuatori Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo ATTUATORI Definizione: in una catena di controllo automatico l attuatore è il dispositivo che riceve

Dettagli

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI Corrente e Tensioni Corrente continua Trasformatore a due avvolgimenti con schermo trasformatore di isolamento CEI 14-6 Trasformatore di sicurezza CEI 14-6 Polarità positiva e negativa Convertitori di

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2.1 RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2 ELEMENTI DELLA RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2.1 Condotte... 12 2.2.2 Allacciamenti... 12 2.2.3 Impianti di ricezione

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

ALLEGATO A. DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI

ALLEGATO A. DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI ALLEGATO A Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI Provincia Area Edilizia di Scolastica Na Ufficio Specialistico Tecnico Edilizia Scolastica 1 DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

Relazione di accompagnamento

Relazione di accompagnamento Area Tecnico Edilizia Programma Triennale dei lavori pubblici e dei servizi di gestione del patrimonio dell'ateneo per gli anni 2013 2015 ed elenco annuale per l anno 2013 Relazione di accompagnamento

Dettagli

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio 2 Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Il vostro sistema per la comunicazione al pubblico di facile

Dettagli

N.B. Le parti di testo abrogate o sostituite sono riportate tra [ ]. Le parti di testo inserite sono riportate in carattere corsivo.

N.B. Le parti di testo abrogate o sostituite sono riportate tra [ ]. Le parti di testo inserite sono riportate in carattere corsivo. Decreto Ministeriale 12 aprile 1996 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio degli impianti termici alimentati da combustibili gassosi.

Dettagli

La norma UNI-CIG 7129/08

La norma UNI-CIG 7129/08 1 2 3 Ossido carbonio 4 Normale Ordinamento Codice civile Codice Penale Leggi speciali Legge 1083/71 D.P.R. 412/93 -> D.Lgs. 192/05 DM 37/08 5 Premessa: L incontro ha lo scopo di illustrare le principali

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM Ubicazione dell edificio sede del COM: Comune di : RIMINI Località : Padulli Indirizzo : Via Marecchiese n.193/195 Dati Generali Stralcio C.T.R.: 256113 Coordinate (lat. long.):

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

VAV-EasySet per VARYCONTROL

VAV-EasySet per VARYCONTROL 5/3.6/I/3 per VARYCONTROL Per la sanificazione di regolatori di portata TROX Italia S.p.A. Telefono 2-98 29 741 Telefax 2-98 29 74 6 Via Piemonte 23 C e-mail trox@trox.it 298 San Giuliano Milanese (MI)

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze.

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze. MONITOR DEFIBRILLATORE LIFEPAK 12 Il Monitor Defibrillatore LIFEPAK 12 è un dispositivo medicale che nasce per l emergenza e resiste ad urti, vibrazioni, cadute, polvere, pioggia e a tutte quelle naturali

Dettagli

Tassi di Assenza e di Maggior presenza del personale in servizio presso COMUNE DI SALERNO dal 01 03 2015 al 31 03 2015 GG. LAVORATIVI TOTALE PERSONALE

Tassi di Assenza e di Maggior presenza del personale in servizio presso COMUNE DI SALERNO dal 01 03 2015 al 31 03 2015 GG. LAVORATIVI TOTALE PERSONALE GRECO GIUSEPPE Dirigente DIREZIONE/SEGRETERIA (INGGRECO), EDILIZIA SCOLASTICA, MAN.PATRIMONIO ABITATIVO, MANUTENZIONE IMPIANTI ELETTRICI, PUBBLICA ILLUMINAZIONE UOPI ASSENZA ASSENZA/ PRESENZA PRESENZA/

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli