Area Contabile. Esempio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Area Contabile. Esempio"

Transcript

1 I recenti provvedimenti del Governo, a partire dal D.L. n.223/06 convertito nella L. n. 248/06 (Manovra Visco-Bersani) fino ad arrivare al D.L. n.262/06 in corso di conversione in legge (collegato alla Finanziaria 2007), hanno modificato la disciplina degli ammortamenti riguardanti taluni cespiti posseduti da professionisti ed imprese. In particolare le modifiche riguardano: fabbricati strumentali (decorrenza 2006); autovetture (decorrenza 2006). L analisi delle modifiche sopra elencate offre lo spunto per ripercorrere le regole generali di determinazione delle quote di ammortamento riguardanti le voci comprese nella classe BII. Immobilizzazioni materiali del bilancio civilistico. Lo schema di Stato Patrimoniale previsto dall art c.c. sotto la classe BII - prevede le seguenti voci: 1. terreni e fabbricati 2. impianti e macchinari 3. attrezzature industriali e commerciali 4. altri beni 5. immobilizzazioni in corso e acconti Dal punto di vista civilistico, l art c.c. prevede che l indicazione in bilancio delle immobilizzazioni materiali deve avvenire al netto dei rispettivi fondi di ammortamento e degli eventuali fondi di svalutazione. Sotto il profilo contabile, la rilevazione delle quote di ammortamento relativa alle immobilizzazioni materiali non presenta particolari complessità. Esso va effettuato utilizzando sempre il metodo indiretto (non trova applicazione come per le immobilizzazioni immateriali l ammortamento diretto o in conto ) e, quindi, stanziando le quote di ammortamento in un apposito fondo. Esempio 31/12 Amm.to impianti e macchinari (Quota relativa al 2006) a F.do amm.to impianti e macchinari Sotto l aspetto della valutazione, il punto 1 co. 1 dell art c.c. prevede anche per le immobilizzazioni materiali la valutazione al costo di acquisto o di produzione, con le seguenti precisazioni: nel costo di acquisto vanno ricompresi gli oneri accessori; nel costo di produzione vanno inclusi i costi direttamente imputabili al prodotto ed eventualmente, la quota ragionevolmente imputabile ai costi indiretti sostenuti durante il periodo di fabbricazione e fino al momento in cui il bene è oggettivamente utilizzabile, nonché gli oneri relativi al finanziamento della fabbricazione interna o presso terzi. L AMMORTAMENTO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI 1

2 Relativamente agli oneri accessori: il Principio Contabile n. 16 li definisce le spese sostenute dall impresa affinché le immobilizzazioni possano essere utilizzate; si tratta dei costi sostenuti per l impianto, l installazione, l assicurazione, il trasporto, ecc. del bene; la capitalizzazione degli oneri accessori è consentita nei limiti in cui l aggiunta di tali costi al prezzo di acquisto non ecceda il valore recuperabile tramite l uso del bene. Esempi di oneri accessori AUTOMEZZI IMMOBILI ALTRI BENI MOBILI INTERESSI PASSIVI IVA INDETRAIBILE spese immatricolazione e notarili modifiche strutturali (ad esempio alla carrozzeria) accessori onorari e spese notarili imposta di registro oneri di urbanizzazione provvigioni di intermediazione oneri di progettazione spese di assicurazione spese di installazione e montaggio spese di trasporto dazi doganali di importazione al valore dell immobilizzazione è possibile imputare (va precisato che non si tratta di un obbligo bensì di una facoltà) gli interessi passivi relativi all acquisto o alla fabbricazione del bene sono capitalizzabili solo gli interessi passivi maturati fino al momento in cui il cespite è pronto per l uso, e può essere potenzialmente utilizzato l imposta sul valore aggiunto non ammessa in detrazione (ad esempio nei casi di acquisto di telefoni cellulari o di autovetture) rappresenta un onere accessori di diretta imputazione al bene l ammontare di Iva indetraibile va ad aumentare il valore del bene cui si riferisce, concorrendo quindi alla determinazione del costo ammortizzabile Con riferimento alle manutenzioni e riparazioni sostenute in relazione alla immobilizzazione materiale, il principio contabile n. 16 propone la seguente distinzione: spese ordinarie: rappresentano costi di natura ricorrente che servono per mantenere in bene in buono stato di funzionamento; vanno iscritte a conto economico nell esercizio in cui sono state sostenute; spese straordinarie: comportano un aumento significativo di produttività o di vita utile del bene; in quanto tali, rientrano tra i costi capitalizzabili da iscrivere ad incremento del valore dell immobilizzazione cui si riferiscono. In ogni caso il valore risultante dalla capitalizzazione non può eccedere il valore recuperabile tramite l uso. Sotto il profilo fiscale, l art. 102 del Tuir disciplina gli ammortamenti riguardanti le immobilizzazioni materiali. L AMMORTAMENTO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI 2

3 Le regole dell art. 102 Tuir INIZIO DELL AMMORTAMENT O MISURA DELL AMMORTAMENT O AMMORTAMENTI MINIMI BENI DI VALORE INFERIORE A 516,46 BENI CEDUTI IN CORSO D ANNO BENI ACQUISTATI (o meglio) ENTRATI IN FUNZIONE IN CORSO D ANNO Le quote di ammortamento si deducono fiscalmente a partire dall esercizio di entrata in funzione del bene. Si rileva che sotto il profilo civilistico il processo di ammortamento inizia dall esercizio in cui il bene è disponibile per l uso (in pratica da quando si ha la proprietà del bene) e, quindi, talvolta (quando il bene acquistato non viene utilizzato nel medesimo esercizio) si verifica uno sfasamento temporale tra ammortamento civile e fiscale. La deduzione delle quote di ammortamento è ammessa in misura non superiore a quella risultante dall applicazione al costo dei beni dei coefficienti stabiliti con decreto del Ministro dell economia e delle finanze, ridotti alla metà per il primo esercizio. Le quote annuali di ammortamento sotto il profilo fiscale possono essere ridotte ad un livello minimo senza alcun vincolo. Dal 1 gennaio 2004 è stata, infatti, soppressa la previgente disposizione contenuta nel co. 4 dell art. 67 (ora 102) del Tuir in base alla quale le quote di ammortamento erano fiscalmente deducibile in ciascun esercizio se calcolate in misura non inferiore alla metà del coefficiente ordinario: la conseguenza era che se le quote venivano calcolate in misura inferiore, la differenze non poteva più essere dedotta ai fini fiscali. Con le R.M. n. 51 del e n. 78 del è stato chiarito che l ammortamento fiscale trova un suo limite nella disciplina civilistica in quanto viene ammesso nella misura in cui viene imputato a conto economico (non è quindi possibile calcolare ammortamenti ridotti per mere ragioni di convenienza fiscale ma occorre che vi sia un effettivo prolungamento del piano di ammortamento). Per i beni il cui costo unitario non è superiore ad euro 516,46 è consentita la deduzione integrale delle spese di acquisizione nell esercizio in cui sono state sostenute. Si osserva che dal punto di vista civilistico non è presente una disposizione analoga in quanto qualsiasi bene utilizzato per più esercizi deve essere ammortizzato sistematicamente per tutta la durata del suo utilizzo. Per l ammortamento fiscale dei beni ceduti in corso d anno è possibile scegliere tra due alternative: R.M. n.41/02: calcolare la quota di ammortamento nel periodo compreso tra la data di inizio esercizio e quella di cessione del bene e, quindi, determinare la plus o la minusvalenza al netto di tale ammortamento; C.M. n.98/00: non calcolare alcuna quota di ammortamento in corso d esercizio e quindi determinare la plus a la minus avendo riferimento al fondo di ammortamento presente all inizio dell esercizo. In caso di azienda esistente per l intero esercizio, l acquisto e relativa entrata in funzione del bene nel corso dell esercizio non determina la necessità di operare alcun ragguaglio della quota di ammortamento. Infatti, per espressa previsione normativa, la quota di ammortamento ai fini fiscali - deve essere calcolata con riferimento ai 12 mesi e ridotta forfetariamente del 50 per cento. AMMORTAMENTO L ammortamento anticipato non corrisponde mai ad un maggiore e più ANTICIPATO L AMMORTAMENTO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI 3

4 ANTICIPATO intenso utilizzo del bene; pertanto, trattasi di mera una disposizione di natura fiscale non ammessa sotto il profilo civilistico. L ammortamento anticipato fatto pari all ammortamento ordinario può essere applicato nell esercizio di entrata in funzione e nei due successivi per i beni nuovi e nel solo esercizio di entrata in funzione per i beni usati. Va ricordato che per effetto della abrogazione del co. 2 dell art del codice civile (che ammetteva interferenze fiscali nel bilancio civilistico, non è più possibile contabilizzare in bilancio l ammortamento anticipato. Per dedurre ai fini fiscali l ammortamento anticipato andrà utilizzato un apposito prospetto extracontabile (detto QUADRO EC) contenuto nella dichiarazione dei redditi. L utilizzo del quadro EC (e, quindi, la rilevazione temporanea di un utile civilistico superiore a quello fiscale) comporta l obbligo di rilevare in bilancio le imposte differite al fine di accantonare le imposte sul maggior utile civilistico che temporaneamente non sconta alcuna tassazione. Terreni (Voce B.II.1.A) In tale voce vanno indicati i terreni: detenuti a titolo di proprietà; per cui il diritto di superficie è stato ceduto a terzi; per cui vi siano diritti di superficie ancora da utilizzare; oggetto di altri diritti reali. Non vanno indicati in bilancio in tale voce i terreni acquisiti in leasing o in comodato. Tipologie di terreni Pertinenze fondiarie degli stabilimenti Fondi e terreni agricoli Moli Ormeggi e banchine Terreni e pertinenze riferiti ad autostrade in esercizio Cave Terreni estrattivo e minerari Sorgenti In relazione alla loro destinazione i terreni possono essere variamente classificati in: terreni agricoli; aree fabbricabili; pertinenze di immobili commerciali ed industriali; pertinenze di immobili civili; altri terreni. Si riepiloga di seguito il loro trattamento civilistico e fiscale: L AMMORTAMENTO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI 4

5 DISCIPLINA CIVILISTICA (principio contabile n. 16) in generale i terreni non possono costituire oggetto di ammortamento; la loro residua possibilità di utilizzazione è sempre costante ed il loro valore residuo, alla fine del periodo di utilizzo, è di norma superiore al costo; va rilevato che nei casi in cui il terreno abbia un valore solo perché sullo stesso insiste un fabbricato e quest ultimo venga meno, poiché di norma i costi di bonifica azzerano il valore del terreno, tale ultimo valore va ammortizzato. DISCIPLINA FISCALE (art. 108 c. 3 e 4 del TUIR) In generale i terreni, ancorché assolvano ad una funzione di strumentalità nell esercizio delle attività, non sono ammortizzabili atteso che per loro natura non sono suscettibili di deperimento e consumo (C.M. n. 98 del ). Vi sono in ambito fiscale alcune eccezioni che consentono un ammortamento dei terreni. Vi sono ad esempio, i terreni adibiti ad autostrade per le quali la R.M. n. 42 del ha stabilito un coefficiente di ammortamento pari all 1 per cento. Fabbricati (voce B.II.1.b) Sotto il profilo civilistico i fabbricati possono essere suddivisi in: civili (abitazioni, alberghi, ecc.); industriali (edifici, silos, magazzini, costruzioni leggere, negozi, autorimesse, ecc.). Il principio contabile n. 16, con riferimento ai fabbricati dispone che: i fabbricati civili aventi carattere accessorio rispetto a quelli strumentali e indirettamente strumentali all impresa sono assimilati ai fabbricati industriali e conseguentemente devono essere ammortizzati; i fabbricati civili rappresentati da un altra forma di investimento possono non essere ammortizzati, tuttavia, se ammortizzati il piano di ammortamento deve rispondere alle medesime caratteristiche delle immobilizzazioni materiali; tutti i cespiti vanno assoggettati ad ammortamento tranne i fabbricati civili (che rappresentano altre forme di investimento) e quei cespiti la cui utilità non si esaurisce, come i terreni. Tuttavia, nel caso in cui il valore dei fabbricati incorpori anche quello dei terreni sui quali essi insistono, il valore dei terreni va scorporato ai fini dell ammortamento sulla base di una percentuale forfetaria che può essere del 20 o del 30%. In quei casi, invece, in cui il terreno ha un valore in quanti vi insiste un fabbricato, se lo stesso viene meno il costo di bonifica può azzerare verosimilmente quello del terreno, con la conseguenza che anch esso va ammortizzato. Dal punto di vista fiscale i fabbricati possono essere suddivisi in: FABBRICATI STUMENTALI PER NATURA: si tratta di fabbricati che non sono suscettibili di una diversa utilizzazione senza interventi di trasformazione radicale (ad esempio negozi, uffici e capannoni). In questo caso la quota di ammortamento è deducibile; FABBRICATI STRUMENTALI PER DESTINAZIONE: si tratta di immobili generalmente ad uso abitativo utilizzati esclusivamente nell esercizio dell impresa (ad esempio un appartamento utilizzato come magazzino). In questo caso la quota di ammortamento è deducibile; FABBRICATI NON STRUMENTALI: vengono utilizzati al di fuori dell attività di impresa in quanto rappresentano un mero investimento (esempio tipico è l immobile abitativo che viene locato a terzi). In questo caso l eventuale quota di ammortamento non è deducibile in quanto tali immobili concorrono alla formazione del reddito tramite le regole catastali (per le L AMMORTAMENTO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI 5

6 abitazioni locate da imprese, va ricordato che il D.L. n.203/05 ha abrogato la deduzione forfetaria del 15 per cento). NOVITA : divieto di ammortamento del valore delle aree su cui insistono i fabbricati Il D.L. n.223/06 convertito nella L. n. 248/06 dispone a fini fiscali l indeducibilità degli ammortamenti riferibili sia all area su cui insiste il fabbricato strumentale, sia a quella che ne costituisce pertinenza. Il problema deriva da questioni di natura civilistica, poiché tanto il principio contabile nazionale n. 16 citato in precedenza quanto il principio contabile internazionale IAS16, affermano che il valore ammortizzabile di un fabbricato deve essere determinato scorporando, dal costo complessivo, dato dal valore dell area cui si aggiunge il valore del costruito, appunto il valore dell area. Dal punto di vista fiscale, invece, prima delle modifiche apportate dal D.L. n.223/06, non sembrava vi fossero ostacoli alla deduzione dell ammortamento dell area, qualora dal punto di vista civilistico non fosse avvenuta tale imputazione. La questione della deducibilità del costo riferibile al terreno è emersa in questi ultimi anni, e sembrava aver trovato una soluzione nel momento in cui si è introdotta la disciplina delle deduzioni extracontabili: tale deduzione, infatti, poteva essere beneficiata ricorrendo al quadro EC della dichiarazione dei redditi. IL D.L. n.223/06, come già detto, rende indeducibili gli ammortamenti riferibili sia all area su cui insiste il fabbricato, sia a quella che ne costituisce pertinenza. La disposizione affronta anche il problema della quantificazione del valore non ammortizzabile. In proposito si osserva che il provvedimento di conversione del D.L. n.262/06 (collegato alla finanziaria 2007) ha modificato il D.L. n.223/06 convertito nella L. n.248/06, eliminando il fastidioso obbligo di redazione della perizia di stima. In pratica si ritorna alla versione originaria del decreto L. n.223/06 che prevedeva un confronto tra: - valore esposto in bilancio - valore determinato forfetariamente come segue: - 30% del costo complessivo, per i fabbricati industriali. - 20% del costo complessivo negli altri casi, dovendosi ritenere che ciò valga per immobili quali, ad esempio, uffici e negozi. Alla norma, opportunamente, non è stato attribuito effetto interpretativo, quindi il passato non è toccato, e ciò si ricava dalla disposizione che riguarda la sua decorrenza: si applica, infatti, alle quote di ammortamento stanziate a decorrere dal periodo d imposta 2006, anche per fabbricati acquistati o costruiti in periodi d imposta precedenti. Impianti e macchinario (voce B.II.2) Gli impianti e i macchinari costituiscono i mezzi tecnici che consentono lo svolgi mento dell attività produttiva dell impresa. In base al principio contabile n. 16 possono essere classificati a titolo esemplificativo nel seguente modo. IMPIANTI GENERICI Impianti di produzione e distribuzione energia Officine di manutenzione Raccordi e materiale rotabile Mezzi di traino e sollevamento Centrali di conversione Parco motori Pompe Impianti di trasporto interno, servizi vapore, riscaldamento e L AMMORTAMENTO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI 6

7 condizionamento Impianti di allarme IMPIANTI SPECIFICI Impianti di produzione attinenti l attività esercitata ALTRI IMPIANTI Forni e loro pertinenze MACCHINARI Macchinari AUTOMATICI Operatori automatici MACCHINARI NON AUTOMATICI Torni Nell ambito di questa voce, il legislatore fiscale ha previsto una particolare disciplina per le apparecchiature terminali per il servizio radiomobile terrestre di comunicazione soggette alla tassa sulle concessioni governative (si tratta dei telefoni cellulari). Con riferimento a tali beni viene prevista una deducibilità delle quote di ammortamento pari al 50 per cento. Fanno eccezione a tale limitazione, gli oneri relativi ad impianti di telefonia dei veicoli utilizzati per il trasporto di merci da parte delle imprese di autotrasporto, che risultano integralmente deducibili al 100 per cento limitatamente, però, ad un impianto per ciascun veicolo. Attrezzature industriali e commerciali (voce B.II.3) Le attrezzature industriali e commerciali sono i mezzi tecnici diversi dagli impianti e macchinari con i quali viene esercitata l attività produttiva dell impresa. Si propone una classificazione esemplificativa. ATTREZZATURE ATTREZZATURA VARIA Officina Attrezzi da laboratorio Equipaggiamenti e ricambi Attrezzatura commerciale e di mensa Utensili Attrezzatura legata al processo produttivo o commerciale dell impresa Sotto il profilo fiscale non si riscontrano particolari disposizioni riguardanti la deducibilità delle quote di ammortamento relative a tali beni. Altri beni (voce B.II.4) Si tratta di una voce residuale nella quale vanno indicati quei beni ammortizzabili che non trovano collocazione nelle voci precedentemente elencate. Si tratta, ad esempio, degli arredi, delle macchine d ufficio, degli automezzi, ecc. Spesso nella pratica tali beni vengono ricompresi nella categoria delle attrezzature industriali e commerciali. Va, inoltre, ricordato che l art ter co. 2 c.c. prevede la possibilità di scomporre le voci di bilancio in ulteriori sottovoci al fine di favorire la chiarezza del bilancio. E tale operazione risulta quantomeno consigliabile in presenza di una voce generica quale quella rappresentata dagli Altri beni. In tale voce debbono trovare collocazione anche i beni di costo inferiore ad euro 516,46 per i quali sotto il profilo fiscale è consentita la deduzione integrale delle spese di acquisizione nell esercizio in cui sono state sostenute. Resta in ogni caso l obbligo di redazione del quadro EC (prospetto extracontabile) qualora le deduzioni fiscali operate superano quello imputate a conto economico. Con riferimento alla categorie delle autovetture va segnalata la modifica apportata dal DL 262/2006, in corso di conversione in legge, che introduce delle limitazioni alla disciplina L AMMORTAMENTO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI 7

8 dell ammortamento riguardante tali beni. In particolare viene soppressa la possibilità di beneficiare dell ammortamento anticipato relativamente a: autovetture; autocaravan; ciclomotori; motocicli, beni per i quali è prevista la deduzione limitata al 50% delle quote di ammortamento ordinario, entro i noti limiti previsti dall articolo 164 del Tuir relativi al valore complessivamente ammortizzabile. Tale disposizione, che ha come effetto quello di rendere deducibili solamente gli ammortamenti ordinari, entra in vigore dal 2006, e si applica anche ai beni acquistati in periodi d imposta precedenti. Immobilizzazioni in corso e acconti (voce B.II.5) In questa voce vanno collocati quei cespiti che alla data di chiusura dell esercizio non sono stati ultimati e sono ancora in corso di costruzione e gli anticipi corrisposti a fornitori per l acquisizione di immobilizzazioni materiali. L iscrizione delle immobilizzazioni in corso avviene tramite la capitalizzazione dei costi sostenuti. Va precisato che tali immobilizzazioni non sono ammortizzabili in quanto non sono ancora entrate in funzione e non possono quindi essere utilizzate. Quando la costruzione delle immobilizzazioni viene appaltata a terzi ed il completamento assume durata ultrannulae, la valorizzazione può essere concordata in base ai cosiddetti stati di avanzamento lavori (S.A.L.). Sotto il profilo civilistico-fiscale le regole generali che attengono alla valutazione delle opere ad esecuzione pluriennale sono contenute nei seguenti provvedimenti: art. 93 del Tuir (fini fiscali); principio contabile n. 23 (fini civilistici e contabili). La valorizzazione della immobilizzazione in corso deve avvenire in base ai costi sostenuti ed ai ricavi realizzati. E possibile in deroga al principio generale - adottare il metodo della commessa completata ma solo previa autorizzazione dell Agenzia delle Entrate (dopo 3 mesi vale il silenzioassenso). Esempio La società Gamma Srl sta realizzando un impianto in economia la cui costruzione è ancora in corso alla fine dell esercizio. I costi direttamente imputabili (personale, materiali, ecc.) sostenuti al 31 dicembre ammontano ad euro ,00. Si procede alla rilevazione del valore attribuibile alla immobilizzazione in corso al /12 Imm. materiali in corso a Incrementi imm. mat. per lavori interni ,00 L AMMORTAMENTO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI 8

LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO

LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE ROMA LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO Roma, 10 dicembre 2009 TRA

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 5/2015

NOTA OPERATIVA N. 5/2015 NOTA OPERATIVA N. 5/2015 OGGETTO: Le immobilizzazioni materiali: definizione, classificazione e scritture contabili alla luce dei nuovi principi contabili. - Introduzione Le immobilizzazioni materiali

Dettagli

UNICO 2008 - Le novità del Quadro RF

UNICO 2008 - Le novità del Quadro RF Seminario LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DELLE SOCIETÀ Arezzo 20 maggio 2008 Firenze 22 maggio 2008 Pisa 28 maggio 2008 UNICO 2008 - Le novità del Quadro RF Dott. Fabio Giommoni Le novità della dichiarazione

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 7/2013. OGGETTO: Spese di manutenzione su beni propri, imputazione in bilancio e deducibilità.

NOTA OPERATIVA N. 7/2013. OGGETTO: Spese di manutenzione su beni propri, imputazione in bilancio e deducibilità. NOTA OPERATIVA N. 7/2013 OGGETTO: Spese di manutenzione su beni propri, imputazione in bilancio e deducibilità. - Introduzione Nella formazione del bilancio di esercizio civilistico, bisogna porre molta

Dettagli

I.R.E.S. Imposta sul Reddito delle Società Titolo II D.P.R. 917/86 Tuir

I.R.E.S. Imposta sul Reddito delle Società Titolo II D.P.R. 917/86 Tuir PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA a.a.2013-2014 I.R.E.S. Imposta sul Reddito delle Società Titolo II D.P.R. 917/86 Tuir 1 I.R.E.S. soggetti passivi = società di capitali S.p.a., S.a.p.a., S.r.l.,

Dettagli

SCORPORO DEL VALORE DEI TERRENI DA QUELLO DEI FABBRICATI. GIANCARLO GROSSI dottore commercialista giancarlo.grossi@odc.pescara.it

SCORPORO DEL VALORE DEI TERRENI DA QUELLO DEI FABBRICATI. GIANCARLO GROSSI dottore commercialista giancarlo.grossi@odc.pescara.it SCORPORO DEL VALORE DEI TERRENI DA QUELLO DEI FABBRICATI GIANCARLO GROSSI dottore commercialista giancarlo.grossi@odc.pescara.it RIFERIMENTI NORMATIVI E PRASSI Fonte normativa Art. 36 commi 7-8 legge 4

Dettagli

GUIDA ALLA DEDUCIBILITA' DELLE SPESE DI RIPARAZIONE : ASPETTI CIVILI E FISCALI

GUIDA ALLA DEDUCIBILITA' DELLE SPESE DI RIPARAZIONE : ASPETTI CIVILI E FISCALI GUIDA ALLA DEDUCIBILITA' DELLE SPESE DI RIPARAZIONE : ASPETTI CIVILI E FISCALI MANUTENZIONE E a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Ai fini della chiusura del Bilancio d'esercizio il tema oggetto

Dettagli

Le immobilizzazioni materiali. internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari

Le immobilizzazioni materiali. internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari Documento OIC n. 16 Principi Contabili internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari 1 Sono beni destinati a permanere durevolmente

Dettagli

Quadro RF: analisi delle principali variazioni in aumento II parte

Quadro RF: analisi delle principali variazioni in aumento II parte Focus di pratica professionale di Sandro Cerato e Michele Bana Quadro RF: analisi delle principali variazioni in aumento II parte I contribuenti Ires, determinato il reddito d impresa del periodo d imposta

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali Immobilizzazioni materiali Art. 2426 c.c.; documento n. 16 dei principi contabili OIC Principi Contabili Internazionali IAS 16 "Immobilizzazioni tecniche" * IAS 40 "Investimenti in immobili"; DPR 917/86:

Dettagli

LE NUOVE REGOLE (DAL 2012) PER LA DEDUCIBILITÀ DELLE SPESE DI MANUTENZIONE

LE NUOVE REGOLE (DAL 2012) PER LA DEDUCIBILITÀ DELLE SPESE DI MANUTENZIONE INFORMATIVA N. 094 09 APRILE 2013 IMPOSTE DIRETTE LE NUOVE REGOLE (DAL 2012) PER LA DEDUCIBILITÀ DELLE SPESE DI MANUTENZIONE Art. 102, comma 6, TUIR Art. 3, comma 16-quater, DL n. 16/2012 Dal 2012 ai fini

Dettagli

Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali

Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali di Luciano Olivieri SOMMARIO Pag. riore alla metà dei coefficienti presi a base per il calcolo degli ammortamenti. 1. Premessa 2. La deducibilità degli ammortamenti

Dettagli

ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING. Gianluca De Candia Direttore operativo ASSILEA

ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING. Gianluca De Candia Direttore operativo ASSILEA ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING Gianluca De Candia Direttore operativo ASSILEA 1 ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING Le modifiche della Finanziaria 2008 Il regime IRES per l impresa utilizzatrice

Dettagli

SOMMARIO. Schema n. 5 - Criteri di determinazione fiscale delle quote di ammortamento

SOMMARIO. Schema n. 5 - Criteri di determinazione fiscale delle quote di ammortamento Sezione prima IN SINTESI Capitolo I - L ammortamento dei beni materiali Normativa civilistica... 3 Normativa fiscale... 3 Prassi amministrativa... 6 Giurisprudenza... 13 Classificazione delle immobilizzazioni

Dettagli

730, Unico 2013 e Studi di settore

730, Unico 2013 e Studi di settore 730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 22 30.05.2014 I canoni di leasing in Unico14 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico-Società di capitali Con specifico riferimento

Dettagli

SOMMARIO. Le modalità di iscrizione nello stato patrimoniale... 175

SOMMARIO. Le modalità di iscrizione nello stato patrimoniale... 175 Sezione prima IN SINTESI Capitolo I - L ammortamento dei beni materiali Normativa civilistica... 3 Normativa fiscale... 3 Prassi amministrativa... 5 Giurisprudenza... 9 Classificazione delle immobilizzazioni

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 07 11.02.2014 Il leasing per le auto A cura di Devis Nucibella Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette La disposizione di riferimento per l individuazione

Dettagli

I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO

I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO Torino, 06 maggio 2014 I REDDITI DI LAVORO AUTONOMO Dott. Gustavo Desana DEFINIZIONE CIVILISTICA Il lavoro autonomo civilisticamente ricade nella categoria dei contratti d opera. L art. 2222 C.c. definisce

Dettagli

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI 1 L AMMORTAMENTO (NOZIONE GIURIDICA) il costo delle immobilizzazioni, materiali ed immateriali, la cui utilizzazione è limitata nel tempo

Dettagli

nel reddito di lavoro autonomo Dottori commercialisti

nel reddito di lavoro autonomo Dottori commercialisti TRATTAMENTO DEGLI IMMOBILI nel reddito di lavoro autonomo RRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti RRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti Ammortamenti e canoni di leasing

Dettagli

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI ALTRI INTERESSI SU IMMOBILI PATRIMONIO SU VEICOLI A MOTORE SOGGETTI IRPEF SOGGETTI IRES BANCHE ASSICURAZIONI

Dettagli

Provvedimenti 2008 di avvicinamento IAS

Provvedimenti 2008 di avvicinamento IAS Immobilizzazioni materiali Codice civile e PC nazionali Art. 2426 C.C. Immobilizzazioni Immateriali Materiali Finanziarie Circolante Scorte Crediti Attività finanziarie Liquidità valutazione Costo storico

Dettagli

Genova, 12 febbraio 2015 DAL BILANCIO DI VERIFICA AL MODELLO UNICO. Viale IV Novembre 6/7-8

Genova, 12 febbraio 2015 DAL BILANCIO DI VERIFICA AL MODELLO UNICO. Viale IV Novembre 6/7-8 Genova, 12 febbraio 2015 DAL BILANCIO DI VERIFICA AL MODELLO UNICO Viale IV Novembre 6/7-8 1 DAL BILANCIO AL REDDITO D IMPRESA PRINCIPIO DI DERIVAZIONE Art. 83 del TUIR: Il reddito complessivo è determinato

Dettagli

CIRCOLARE N.17/E. OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16

CIRCOLARE N.17/E. OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 CIRCOLARE N.17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 maggio 2013 OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 INDICE Premessa... 3 1 La nuova disciplina fiscale dei

Dettagli

LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI. BENI IMMOBILI TERRENI FABBRICATI CIVILI FABBRICATI Industriali / Commerciali

LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI. BENI IMMOBILI TERRENI FABBRICATI CIVILI FABBRICATI Industriali / Commerciali LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI BENI IMMOBILI TERRENI FABBRICATI CIVILI FABBRICATI Industriali / Commerciali BENI MOBILI DUREVOLI IMPIANTI E MACCHINARI ATTREZZATURE Industriali / Commerciali MACCHINE Elettriche

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE

CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE SOMMARIO TRATTAMENTO FISCALE E CONTA- BILE Art. 88 D.P.R. 22.12.1986, n. 917 - Principio contabile n. 16 - R.M. 29.03.2002, n. 100/E Costituiscono sopravvenienze attive i proventi

Dettagli

I L T R A T T A M E N T O F I S C A L E D E G L I A U T O V E I C O L I A Z I E N D A L I

I L T R A T T A M E N T O F I S C A L E D E G L I A U T O V E I C O L I A Z I E N D A L I I L T R A T T A M E N T O F I S C A L E D E G L I A U T O V E I C O L I A Z I E N D A L I MONOGRAFIA IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI AUTOVEICOLI AZIENDALI INDICE 1.1 PREMESSE 3 1.2 VEICOLI CON COSTI INTEGRALMENTE

Dettagli

-anna maria mangiapelo

-anna maria mangiapelo REDDITI DI IMPRESA - norme generali - dall utile al reddito: esame dei principali casi di deducibilità fiscale dei componenti negativi - regole per la contabilità semplificata -anna maria mangiapelo 1

Dettagli

LA FISCALITÀ DEGLI IMMOBILI

LA FISCALITÀ DEGLI IMMOBILI LA FISCALITÀ DEGLI IMMOBILI I fabbricati strumentali a cura di Roberto Protani I FABBRICATI STRUMENTALI L'art. 36, comma 7, del D.L. 4 luglio 2006, n. 223, convertito, con modificazioni, dalla L. 4 agosto

Dettagli

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali 1 1 Le immobilizzazioni materiali Le immobilizzazioni materiali sono disciplinate da due IAS di riferimento

Dettagli

Circolare n. 8 del 21 aprile 2015. Bilancio 2014, novità nella determinazione delle imposte e check list di verifica

Circolare n. 8 del 21 aprile 2015. Bilancio 2014, novità nella determinazione delle imposte e check list di verifica Circolare n. 8 del 21 aprile 2015 Bilancio 2014, novità nella determinazione delle imposte e check list di verifica Indice 1. Principali novità Ires ed Irap relative al periodo d imposta 2014 2. Scorporo

Dettagli

COMPONENTI NEGATIVI DEL REDDITO PROFESSIONALE

COMPONENTI NEGATIVI DEL REDDITO PROFESSIONALE 25 COMPONENTI NEGATIVI DEL REDDITO PROFESSIONALE TUIR 54 Prassi R.M. 8.7.75 n. 2/208; R.M. 19.10.76 n. 9/1551; R.M. 29.10.76 n. 9/1684; R.M. 19.4.80 n. 9/876; R.M. 13.6.80 n. 25; C.M. 8.6.81 n. 46/128594;

Dettagli

Deducibilità dei canoni di leasing

Deducibilità dei canoni di leasing Circolare Monografica 11 giugno 2014 n. 1989 DICHIARAZIONI Deducibilità dei canoni di leasing Modifiche normative e gestione in UNICO 2014 di Marianna Annicchiarico, Giuseppe Mercurio La Legge 27 dicembre

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare n. 11 del 28 marzo 2008 Spese auto IVA (art. 19 bis 1 DPR 633/72) Il regime di detraibilità dell Iva afferente le autovetture è stato modificato dalla Legge n. 244/2007 (Finanziaria 2008), alla

Dettagli

Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari

Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari Filodiritto.it Premessa La disciplina fiscale del leasing finanziario ha visto, nel tempo, importanti variazioni

Dettagli

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani 1 Profili fiscali e opportunità in vista di Basilea 2 Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani Scuola Superiore Economia e

Dettagli

Circolare N.147 del 23 Ottobre 2012. Legge di stabilità. Stretta sui veicoli aziendali, deducibilità dimezzata

Circolare N.147 del 23 Ottobre 2012. Legge di stabilità. Stretta sui veicoli aziendali, deducibilità dimezzata Circolare N.147 del 23 Ottobre 2012 Legge di stabilità. Stretta sui veicoli aziendali, deducibilità dimezzata Legge di stabilità: stretta sui veicoli aziendali, deducibilità dimezzata Gentile cliente,

Dettagli

residua possibilità di utilizzazione

residua possibilità di utilizzazione Focus di pratica professionale di Fabio Giommoni La modifica dei piani di ammortamento: vincoli civilistici e fiscali Premessa A causa del difficile contesto economico e di mercato dovuto alla perdurante

Dettagli

Istruzioni Quadro G. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2014

Istruzioni Quadro G. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro G Il contribuente, per la compilazione di questo

Dettagli

Immobili e imposte dirette; Legge di stabilità, decreto salva-italia ; adempimenti di fine anno.

Immobili e imposte dirette; Legge di stabilità, decreto salva-italia ; adempimenti di fine anno. VideoFisco 14 dicembre 2011 Immobili e imposte dirette; Legge di stabilità, decreto salva-italia ; adempimenti di fine anno. Relatori: Paolo Meneghetti e Giovanni Saccenti SEGNALAZIONI E ASSISTENZA: T.

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DEL LEASING E LE ALTRE NOVITÀ DEL REDDITO DI IMPRESA. Dott. Gianluca Odetto

LA NUOVA DISCIPLINA DEL LEASING E LE ALTRE NOVITÀ DEL REDDITO DI IMPRESA. Dott. Gianluca Odetto E LE ALTRE NOVITÀ DEL REDDITO DI IMPRESA Dott. Gianluca Odetto DEDUCIBILITÀ CANONI LEASING Per i contratti di leasing stipulati sino al 28.4.2012 deducibilità subordinata alla durata contrattuale Previgente

Dettagli

CIRCOLARE N. 33/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 10 luglio 2009

CIRCOLARE N. 33/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 10 luglio 2009 CIRCOLARE N. 33/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 10 luglio 2009 OGGETTO: Disciplina per il riallineamento dei valori contabili e fiscali per i soggetti IAS adopter Articolo 15, commi

Dettagli

OIC 16 Immobilizzazioni materiali Sintesi dei principali interventi

OIC 16 Immobilizzazioni materiali Sintesi dei principali interventi OIC 16 Immobilizzazioni materiali Sintesi dei principali interventi Nel rivedere i criteri di classificazione delle immobilizzazioni materiali nel bilancio, si è ritenuto di modificare la collocazione

Dettagli

Collegato alla Finanziaria 2007. D.L. 03.10.2006 n. 262 convertito in Legge il 23.11.2006 n. 286

Collegato alla Finanziaria 2007. D.L. 03.10.2006 n. 262 convertito in Legge il 23.11.2006 n. 286 Collegato alla Finanziaria 2007 D.L. 03.10.2006 n. 262 convertito in Legge il 23.11.2006 n. 286 Mancata emissione scontrino/ricevuta fiscale art. 1 commi da 8 a 8-ter In caso di mancata emissione dello

Dettagli

SOFTWARE GESTIONALE. Manuale d uso

SOFTWARE GESTIONALE. Manuale d uso SOFTWARE GESTIONALE Manuale d uso Le informazioni riportate su questo documento potrebbero risultare, al momento della lettura, obsolete o poco attinenti alla versione in uso. Consigliamo la consultazione

Dettagli

Profili contabili e fiscali della nuova disciplina dei contratti di leasing

Profili contabili e fiscali della nuova disciplina dei contratti di leasing Profili contabili e fiscali della nuova disciplina dei contratti di leasing Disciplina fiscale e relativi effetti contabili Ambito temporale di applicazione della nuova disciplina Art. 1, comma 163, della

Dettagli

Lo scorporo dei terreni nel leasing immobiliare e altri aspetti operativi. Gianluca De Candia Assilea Associazione Italiana Leasing

Lo scorporo dei terreni nel leasing immobiliare e altri aspetti operativi. Gianluca De Candia Assilea Associazione Italiana Leasing Lo scorporo dei terreni nel leasing immobiliare e altri aspetti operativi Gianluca De Candia Assilea Associazione Italiana Leasing AGENDA Novità per imprese utilizzatrici Ammortamento terreni (regole generali)

Dettagli

Imposte sul reddito d esercizio

Imposte sul reddito d esercizio Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 25 novembre 29 Reddito esercizio e reddito fiscale Determinazione del reddito fiscale (IRAP e IRES) Imposte sul reddito d

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni materiali Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

LEASING. È un contratto mediante il quale una parte (locatore), cede ad

LEASING. È un contratto mediante il quale una parte (locatore), cede ad LEASING Il codice civile non menziona esplicitamente fra i singoli contratti la locazione finanziaria per cui quest ultima si configura come un contratto atipico È un contratto mediante il quale una parte

Dettagli

LA RILEVAZIONE DELLE SPESE TELEFONICHE ALLA LUCE DELLE NOVITÀ INTRODOTTE DALLA FINANZIARIA

LA RILEVAZIONE DELLE SPESE TELEFONICHE ALLA LUCE DELLE NOVITÀ INTRODOTTE DALLA FINANZIARIA Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CF 13/2007 Come comunicato con la circolare CC 02/2006, Vi rinnoviamo la segnalazione che nella nuova veste del nostro sito internet www.studiosinergie.it, sono costantemente

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

LE NOVITA FISCALI DELLA FINANZIARIA 2007

LE NOVITA FISCALI DELLA FINANZIARIA 2007 Seminario LE NOVITA FISCALI DELLA FINANZIARIA 2007 Firenze 26 GENNAIO 2007 Le novità in materia di fringe benefit e stock option Auto Aziendali Stock Option Dott. Fabio Giommoni Studio Legale e Tributario

Dettagli

08/11/2010. Condizioni di iscrizione ( 7) Il bene per poter essere iscritto tra le immobilizzazioni deve: Dott.ssa Francesca Picciaia

08/11/2010. Condizioni di iscrizione ( 7) Il bene per poter essere iscritto tra le immobilizzazioni deve: Dott.ssa Francesca Picciaia Immobili, impianti e macchinari IAS 16 Finalità ( ( 1) Definire il trattamento contabile di immobili, impianti e macchinari Dare informazioni su tali poste agli utilizzatori del bilancio Definire le problematiche

Dettagli

CIRCOLARE N. 27/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 26 maggio 2009

CIRCOLARE N. 27/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 26 maggio 2009 CIRCOLARE N. 27/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 26 maggio 2009 OGGETTO: Modifiche alla determinazione della base imponibile IRAP Legge 24 dicembre 2007, n. 244 (legge finanziaria per

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IN CORSO E ACCONTI

IMMOBILIZZAZIONI IN CORSO E ACCONTI IMMOBILIZZAZIONI IN CORSO E ACCONTI Sono costituite da acconti o spese sostenute per immobilizzazioni immateriali (B.I.6) e materiali (B.II.5) non ancora completate. Il c/ di Stato patrimoniale Immobilizzazioni

Dettagli

LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE

LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE LA RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI DELLE IMPRESE a cura di Diego Cigna Direzione Regionale dell Emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Fiscalità delle Imprese e Finanziaria LA RIVALUTAZIONE DEGLI

Dettagli

Veicoli aziendali acquisto-leasing-noleggio

Veicoli aziendali acquisto-leasing-noleggio Veicoli aziendali acquisto-leasing-noleggio analisi di convenienza fiscale Saverio Cinieri Dottore Commercialista Revisore Contabile Giornalista pubblicista Agg. 16/05/2015 1 Principali riferimenti normativi

Dettagli

1. Gestione dei cespiti civilistici / fiscali...2

1. Gestione dei cespiti civilistici / fiscali...2 1. Gestione dei cespiti civilistici / fiscali...2 Introduzione...2 Nuova struttura del menù dei cespiti...4 Conversione archivi...5 Aggiornamento anagrafiche...6 Anagrafica cespiti...8 Calcolo degli ammortamenti...

Dettagli

Dott. Tommaso Carusi Tributarista ex-lege n. 04/2013

Dott. Tommaso Carusi Tributarista ex-lege n. 04/2013 Dott. Tommaso Carusi Tributarista ex-lege n. 04/2013 La deducibilità dei costi nel lavoro autonomo Con la presente si fornisce un quadro generale della deducibilità dei costi, a seguito delle numerose

Dettagli

Rivalutazione beni d impresa

Rivalutazione beni d impresa Legge di stabilità 2014 art. 1, commi 140-146 2 PUÒ ESSERE ANCHE SOLO CIVILISTICA? Ossia il maggior valore può essere iscritto in bilancio senza assolvere l imposta sostitutiva, e quindi senza rilevare

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare n. 3 del 16 febbraio 209 Le misure fiscali contenute nel decreto anti-crisi Premessa Il 27 gennaio u.s. è stato convertito in Legge il Decreto n. 185/2008 contenente le misure anti-crisi varate

Dettagli

IMBALLAGGI. IMMOBILI - Redditi immobiliari

IMBALLAGGI. IMMOBILI - Redditi immobiliari I IMBALLAGGI Gli imballaggi, possono incidere sulla determinazione del reddito in modo diverso: 1) conto aperto ai costi d'esercizio: Imballaggi c/ acquisti, c/ rimanenze iniziali, c/ rimanenze finali

Dettagli

Deducibilità auto aziendali dimezzata dal 2013

Deducibilità auto aziendali dimezzata dal 2013 Numero 43/2013 Pagina 1 di 10 Deducibilità auto aziendali dimezzata dal 2013 Numero : 43/2013 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : IMPOSTE DIRETTE DEDUCIBILITÀ AUTO AZIENDALI ART. 164, COMMA 1, LETT. B),

Dettagli

730, Unico 2013 e Studi di settore

730, Unico 2013 e Studi di settore 730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 15 14.05.2014 La svalutazione dei crediti Disciplina fiscale ed esempi di compilazione del modello Unico14 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria:

Dettagli

NOVITÀ FISCALI PER IL LEASING LEGGE DI STABILITÀ 2014

NOVITÀ FISCALI PER IL LEASING LEGGE DI STABILITÀ 2014 NOVITÀ FISCALI PER IL LEASING LEGGE DI STABILITÀ 2014 Pietrasanta, 12 maggio 2014 Rosaria de Michele Responsabile tributario Iccrea BancaImpresa Responsabile fiscale corporate Gruppo Bancario Iccrea 2

Dettagli

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO SCHEMA DI SINTESI - DISCIPLINA DAL 2007 TRATTAMENTO FISCALE LIMITI DI IMPORTO VEICOLI A MOTORE ALTRI VEICOLI AMMORTAMENTO PARTICOLARITÀ PER AGENTI DI COMMERCIO DISCIPLINA

Dettagli

Formazione Professionale Continua 2011. Padova, 13 aprile 2011

Formazione Professionale Continua 2011. Padova, 13 aprile 2011 Formazione Professionale Continua 2011 Padova, 13 aprile 2011 IL BILANCIO 2010: ASPETTI CIVILISTICI E FISCALI Immobilizzazioni immateriali Immobilizzazioni materiali Beni in locazione finanziaria Relatore:

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata I (Valutazioni di Bilancio) IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI e IMMATERIALI

Ragioneria Generale e Applicata I (Valutazioni di Bilancio) IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI e IMMATERIALI IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI e IMMATERIALI IL COSTO DI ACQUISTO E DI PRODUZIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI Art. 2426, comma 1: Le immobilizzazioni sono iscritte al costo di acquisto o di produzione. Nel costo

Dettagli

IL NUOVO REGIME FORFETARIO, LA RETTIFICA DELLA DETRAZIONE IVA E IL MOD. IVA 2015

IL NUOVO REGIME FORFETARIO, LA RETTIFICA DELLA DETRAZIONE IVA E IL MOD. IVA 2015 INFORMATIVA N. 073 09 MARZO 2015 IVA IL NUOVO REGIME FORFETARIO, LA RETTIFICA DELLA DETRAZIONE IVA E IL MOD. IVA 2015 Art. 1, commi da 54 a 89, Finanziaria 2015 Art. 19-bis2, DPR n. 633/72 Circolare Agenzia

Dettagli

NUOVA DISCIPLINA DEGLI AMMORTAMENTI DEI BENI MATERIALI

NUOVA DISCIPLINA DEGLI AMMORTAMENTI DEI BENI MATERIALI Facoltà ECONOMIA Cattedra DIRITTO TRIBUTARIO NUOVA DISCIPLINA DEGLI AMMORTAMENTI DEI BENI MATERIALI RELATORE Prof. Fabio Marchetti CANDIDATO Antonio Guerrieri Matr.117771 ANNO ACCADEMICO 2010/2011 Sommario

Dettagli

Schema di stato patrimoniale. Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale. Stato patrimoniale - ATTIVO. Stato patrimoniale - ATTIVO

Schema di stato patrimoniale. Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale. Stato patrimoniale - ATTIVO. Stato patrimoniale - ATTIVO Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale analisi bilancio 1 Schema di stato patrimoniale ATTIVO PASSIVO A) Crediti verso soci A) Patrimonio netto B) Immobilizzazioni B) Fondi per rischi e oneri C)

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA E DELLE PARTECIPAZIONI LA RIVALUTAZIONE DELLE AREE FABBRICABILI NON ANCORA EDIFICATE (Legge 23 dicembre 2005, n. 266) Documento n. 10 del 4 maggio

Dettagli

AUTO AZIENDALI E DETERMINAZIONE DEL REDDITO

AUTO AZIENDALI E DETERMINAZIONE DEL REDDITO AUTO AZIENDALI E DETERMINAZIONE DEL REDDITO Come è noto, l articolo 4, commi 72 e 73, della Legge 28-6-2012 n. 92, in vigore dal 12 agosto 2012, ha abbassato la soglia di deducibilità delle spese e degli

Dettagli

CIRCOLARE AGENZIA DELLE ENTRATE N. 1/E DEL 19 GENNAIO 2007: AMMORTAMENTO DEI TERRENI

CIRCOLARE AGENZIA DELLE ENTRATE N. 1/E DEL 19 GENNAIO 2007: AMMORTAMENTO DEI TERRENI N. 11 2007 CIRCOLARE AGENZIA DELLE ENTRATE N. 1/E DEL 19 GENNAIO 2007: AMMORTAMENTO DEI TERRENI 1. Premessa Con il decreto legge n. 223 del 2006 e con il successivo decreto legge n. 262 del 2006 (cosiddetto

Dettagli

#$%& '%()%#$%%) Prof. Gianfranco FERRANTI Capo dipartimento Scienze Tributarie Scuola Superiore Economia e Finanze

#$%& '%()%#$%%) Prof. Gianfranco FERRANTI Capo dipartimento Scienze Tributarie Scuola Superiore Economia e Finanze !" #$%& '%()%#$%%) Prof. Gianfranco FERRANTI Capo dipartimento Scienze Tributarie Scuola Superiore Economia e Finanze *#+ %#()%%$ AMBITO DELLE NOVITÀ AMMORTAMENTO ANTICIPATO REDDITO DI IMPRESA DURATA CONTRATTI

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 16-2007/T Redditi di lavoro autonomo: novità relative ai criteri di determinazione introdotte dalla manovra finanziaria 2007 Approvato dalla Commissione Studi

Dettagli

ESERCITAZIONI UTILE DI ESERCIZIO E REDDITO IMPONIBILE IRES: METODOLOGIE E DETERMINAZIONI QUANTITATIVE D AZIENDA. anno accademico 2006/2007

ESERCITAZIONI UTILE DI ESERCIZIO E REDDITO IMPONIBILE IRES: METODOLOGIE E DETERMINAZIONI QUANTITATIVE D AZIENDA. anno accademico 2006/2007 METODOLOGIE E DETERMINAZIONI QUANTITATIVE D AZIENDA anno accademico 2006/2007 UTILE DI ESERCIZIO E REDDITO IMPONIBILE IRES: PROFILI CIVILISTICI, PRINCIPI CONTABILI O.I.C., LINEAMENTI DELLA NORMATIVA FISCALE

Dettagli

AUTO: NOVITA APPLICABILI DAL 2013 IN MATERIA DI DEDUZIONE COSTI E DETRAZIONE IVA

AUTO: NOVITA APPLICABILI DAL 2013 IN MATERIA DI DEDUZIONE COSTI E DETRAZIONE IVA AUTO: NOVITA APPLICABILI DAL 2013 IN MATERIA DI DEDUZIONE COSTI E DETRAZIONE IVA a cura del Dott. Vito e in Bitonto (BA) 1. Premessa Nel corso del 2012, il Legislatore è intervenuto sulla deducibilità

Dettagli

Artt. 2423, 2423-ter, 2427, 2428 C.C. - Art. 2, c. 6-bis D.L. 27.04.1990, n. 90, conv. in

Artt. 2423, 2423-ter, 2427, 2428 C.C. - Art. 2, c. 6-bis D.L. 27.04.1990, n. 90, conv. in Circolare n. 5 11 Marzo 2013 Approfondimenti in tema di: CONTROLLI CONTABILI PER IL BILANCIO Artt. 2423, 2423-ter, 2427, 2428 C.C. - Art. 2, c. 6-bis D.L. 27.04.1990, n. 90, conv. in L.26.06.1990, n. 165-

Dettagli

L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI

L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI INFORMATIVA N. 253 10 NOVEMBRE 2011 IMPOSTE DIRETTE - IVA L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI Art. 1, commi 96 e seguenti, Legge n. 244/2007 Circolari Agenzia Entrate 21.12.2007,

Dettagli

CIRCOLARE N. 60/E. Roma, 28 ottobre 2008

CIRCOLARE N. 60/E. Roma, 28 ottobre 2008 CIRCOLARE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 28 ottobre 2008 OGGETTO: Le nuove modalità di determinazione della base imponibile dell imposta regionale sulle attività produttive per

Dettagli

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO IMPOSTE E TASSE DIVERSE FILMATO VideoFisco 5.03.2008 Info al n. 0376-775130 FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI - DISCIPLINA DAL 2007 TRATTAMENTO FISCALE LIMITI DI IMPORTO VEICOLI

Dettagli

Circolare Informativa n. 2/2013

Circolare Informativa n. 2/2013 Dr. Carmelo Grillo Dottore commercialista Revisore contabile Dr. Santi Grillo Consulente del lavoro - Dottore commercialista Revisore contabile Circolare Informativa n. 2/2013 Olivarella, 14.01.2013 Ai

Dettagli

SCHEMA DI SVOLGIMENTO. Revisione legale dei conti: soggetti obbligati e principi di revisone. La relazione di revisione.

SCHEMA DI SVOLGIMENTO. Revisione legale dei conti: soggetti obbligati e principi di revisone. La relazione di revisione. TEMA N. 3 L istituto della revisione legale dei conti (TRACCIA ASSEGNATA ALL UNIVERISTÀ DI VERONA - I SESSIONE 2010) SCHEMA DI SVOLGIMENTO Revisione legale dei conti: soggetti obbligati e principi di revisone.

Dettagli

Area Contabilità EFFETTI CONTABILI DELLA DETRAIBILITA DELL IVA 1

Area Contabilità EFFETTI CONTABILI DELLA DETRAIBILITA DELL IVA 1 In questo intervento si intendono esaminare le conseguenze di natura contabile, civilistica e fiscale che si generano per effetto dell indetraibilità (sia essa totale o parziale) dell Iva assolta sugli

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE GARA NAZIONALE PROGETTO MERCURIO - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 20 ) Operazioni relative

Dettagli

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della Temi in preparazione alla maturità Ammortamento, contabilizzazione delle operazioni di gestione e di assestamento, bilancio sintetico a stati comparati, prospetti della Nota integrativa, calcolo delle

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 178 COMPUTO DEGLI AMMORTAMENTI

Dettagli

ASSISTENZA N. VERDE TELECOM 800.010.750 QUESITI: PRENOTAZIONE 0376.775130 INVIO VIA FAX 0376.770151. Relatori: Andrea Scaini e Stefano Zanon

ASSISTENZA N. VERDE TELECOM 800.010.750 QUESITI: PRENOTAZIONE 0376.775130 INVIO VIA FAX 0376.770151. Relatori: Andrea Scaini e Stefano Zanon ASSISTENZA N. VERDE TELECOM 800.010.750 QUESITI: PRENOTAZIONE 0376.775130 INVIO VIA FAX 0376.770151 Argomenti di oggi Le verifiche in azienda da parte dell amministrazione finanziaria Scadenza della registrazione

Dettagli

IL COSTO DI ACQUISTO E DI PRODUZIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

IL COSTO DI ACQUISTO E DI PRODUZIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI IL COSTO DI ACQUISTO E DI PRODUZIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI La società industriale Alfa S.p.A. deve redigere il Bilancio dell esercizio 20x5 ai sensi della normativa nazionale. A tal fine, si

Dettagli

INTERESSI PASSIVI. Rol x 30% = = soglia massima di deducibilità interessi passivi netti. Interessi passivi + Voce C17) conto economico

INTERESSI PASSIVI. Rol x 30% = = soglia massima di deducibilità interessi passivi netti. Interessi passivi + Voce C17) conto economico INTERESSI PASSIVI Gli interessi passivi di qualsiasi natura vanno imputati al conto economico per competenza. Si considerano assimilati agli interessi passivi: - le commissioni passive su finanziamenti

Dettagli

IMMOBILI dei PROFESSIONISTI

IMMOBILI dei PROFESSIONISTI IMMOBILI dei PROFESSIONISTI NOVITÀ 2010 IN QUESTA CIRCOLARE: 1. Nuovo regime dal 2010; 2. Ammortamenti; 3. Leasing; 4. Locazione; 5. Ammodernamento, ristrutturazione e manutenzione straordinaria; 6. Manutenzione

Dettagli

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta Dott. Pasquale SAGGESE LA CESSIONE DI NON DETENUTE NELL ESERCIZIO DI IMPRESA QUALIFICATE E FATTISPECIE ASSIMILATE Partecipazioni che rappresentano

Dettagli

La valutazione delle immobilizzazioni

La valutazione delle immobilizzazioni Bilancio d esercizio - Valutazione delle Immobilizzazioni Art. 2426, Co. 1, punto 1 Criterio del costo di acquisto (costi accessori) Criterio del costo di produzione Lezione 19 1 B-II Immobilizzazioni

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

Fiscal News N. 38. Veicolo strumentale solo ai fini Iva. La circolare di aggiornamento professionale 03.02.2014

Fiscal News N. 38. Veicolo strumentale solo ai fini Iva. La circolare di aggiornamento professionale 03.02.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 38 03.02.2014 Veicolo strumentale solo ai fini Iva Categoria: Auto Sottocategoria: Iva Ai fini Iva, con la L. n. 244/2007 è stato regolamentato

Dettagli

Il Quadro da compilare relativo alle deduzioni del personale è denominato IS ed è formato da diverse colonne :

Il Quadro da compilare relativo alle deduzioni del personale è denominato IS ed è formato da diverse colonne : LA DICHIARAZIONE IRAP 2012 E' prossima la scadenza della redazione del Bilancio 2011 e, come di consueto, Professionisti e Contribuenti dovranno cimentarsi con il calcolo dell imposta IRAP per l anno appena

Dettagli