Area Contabile. Esempio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Area Contabile. Esempio"

Transcript

1 I recenti provvedimenti del Governo, a partire dal D.L. n.223/06 convertito nella L. n. 248/06 (Manovra Visco-Bersani) fino ad arrivare al D.L. n.262/06 in corso di conversione in legge (collegato alla Finanziaria 2007), hanno modificato la disciplina degli ammortamenti riguardanti taluni cespiti posseduti da professionisti ed imprese. In particolare le modifiche riguardano: fabbricati strumentali (decorrenza 2006); autovetture (decorrenza 2006). L analisi delle modifiche sopra elencate offre lo spunto per ripercorrere le regole generali di determinazione delle quote di ammortamento riguardanti le voci comprese nella classe BII. Immobilizzazioni materiali del bilancio civilistico. Lo schema di Stato Patrimoniale previsto dall art c.c. sotto la classe BII - prevede le seguenti voci: 1. terreni e fabbricati 2. impianti e macchinari 3. attrezzature industriali e commerciali 4. altri beni 5. immobilizzazioni in corso e acconti Dal punto di vista civilistico, l art c.c. prevede che l indicazione in bilancio delle immobilizzazioni materiali deve avvenire al netto dei rispettivi fondi di ammortamento e degli eventuali fondi di svalutazione. Sotto il profilo contabile, la rilevazione delle quote di ammortamento relativa alle immobilizzazioni materiali non presenta particolari complessità. Esso va effettuato utilizzando sempre il metodo indiretto (non trova applicazione come per le immobilizzazioni immateriali l ammortamento diretto o in conto ) e, quindi, stanziando le quote di ammortamento in un apposito fondo. Esempio 31/12 Amm.to impianti e macchinari (Quota relativa al 2006) a F.do amm.to impianti e macchinari Sotto l aspetto della valutazione, il punto 1 co. 1 dell art c.c. prevede anche per le immobilizzazioni materiali la valutazione al costo di acquisto o di produzione, con le seguenti precisazioni: nel costo di acquisto vanno ricompresi gli oneri accessori; nel costo di produzione vanno inclusi i costi direttamente imputabili al prodotto ed eventualmente, la quota ragionevolmente imputabile ai costi indiretti sostenuti durante il periodo di fabbricazione e fino al momento in cui il bene è oggettivamente utilizzabile, nonché gli oneri relativi al finanziamento della fabbricazione interna o presso terzi. L AMMORTAMENTO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI 1

2 Relativamente agli oneri accessori: il Principio Contabile n. 16 li definisce le spese sostenute dall impresa affinché le immobilizzazioni possano essere utilizzate; si tratta dei costi sostenuti per l impianto, l installazione, l assicurazione, il trasporto, ecc. del bene; la capitalizzazione degli oneri accessori è consentita nei limiti in cui l aggiunta di tali costi al prezzo di acquisto non ecceda il valore recuperabile tramite l uso del bene. Esempi di oneri accessori AUTOMEZZI IMMOBILI ALTRI BENI MOBILI INTERESSI PASSIVI IVA INDETRAIBILE spese immatricolazione e notarili modifiche strutturali (ad esempio alla carrozzeria) accessori onorari e spese notarili imposta di registro oneri di urbanizzazione provvigioni di intermediazione oneri di progettazione spese di assicurazione spese di installazione e montaggio spese di trasporto dazi doganali di importazione al valore dell immobilizzazione è possibile imputare (va precisato che non si tratta di un obbligo bensì di una facoltà) gli interessi passivi relativi all acquisto o alla fabbricazione del bene sono capitalizzabili solo gli interessi passivi maturati fino al momento in cui il cespite è pronto per l uso, e può essere potenzialmente utilizzato l imposta sul valore aggiunto non ammessa in detrazione (ad esempio nei casi di acquisto di telefoni cellulari o di autovetture) rappresenta un onere accessori di diretta imputazione al bene l ammontare di Iva indetraibile va ad aumentare il valore del bene cui si riferisce, concorrendo quindi alla determinazione del costo ammortizzabile Con riferimento alle manutenzioni e riparazioni sostenute in relazione alla immobilizzazione materiale, il principio contabile n. 16 propone la seguente distinzione: spese ordinarie: rappresentano costi di natura ricorrente che servono per mantenere in bene in buono stato di funzionamento; vanno iscritte a conto economico nell esercizio in cui sono state sostenute; spese straordinarie: comportano un aumento significativo di produttività o di vita utile del bene; in quanto tali, rientrano tra i costi capitalizzabili da iscrivere ad incremento del valore dell immobilizzazione cui si riferiscono. In ogni caso il valore risultante dalla capitalizzazione non può eccedere il valore recuperabile tramite l uso. Sotto il profilo fiscale, l art. 102 del Tuir disciplina gli ammortamenti riguardanti le immobilizzazioni materiali. L AMMORTAMENTO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI 2

3 Le regole dell art. 102 Tuir INIZIO DELL AMMORTAMENT O MISURA DELL AMMORTAMENT O AMMORTAMENTI MINIMI BENI DI VALORE INFERIORE A 516,46 BENI CEDUTI IN CORSO D ANNO BENI ACQUISTATI (o meglio) ENTRATI IN FUNZIONE IN CORSO D ANNO Le quote di ammortamento si deducono fiscalmente a partire dall esercizio di entrata in funzione del bene. Si rileva che sotto il profilo civilistico il processo di ammortamento inizia dall esercizio in cui il bene è disponibile per l uso (in pratica da quando si ha la proprietà del bene) e, quindi, talvolta (quando il bene acquistato non viene utilizzato nel medesimo esercizio) si verifica uno sfasamento temporale tra ammortamento civile e fiscale. La deduzione delle quote di ammortamento è ammessa in misura non superiore a quella risultante dall applicazione al costo dei beni dei coefficienti stabiliti con decreto del Ministro dell economia e delle finanze, ridotti alla metà per il primo esercizio. Le quote annuali di ammortamento sotto il profilo fiscale possono essere ridotte ad un livello minimo senza alcun vincolo. Dal 1 gennaio 2004 è stata, infatti, soppressa la previgente disposizione contenuta nel co. 4 dell art. 67 (ora 102) del Tuir in base alla quale le quote di ammortamento erano fiscalmente deducibile in ciascun esercizio se calcolate in misura non inferiore alla metà del coefficiente ordinario: la conseguenza era che se le quote venivano calcolate in misura inferiore, la differenze non poteva più essere dedotta ai fini fiscali. Con le R.M. n. 51 del e n. 78 del è stato chiarito che l ammortamento fiscale trova un suo limite nella disciplina civilistica in quanto viene ammesso nella misura in cui viene imputato a conto economico (non è quindi possibile calcolare ammortamenti ridotti per mere ragioni di convenienza fiscale ma occorre che vi sia un effettivo prolungamento del piano di ammortamento). Per i beni il cui costo unitario non è superiore ad euro 516,46 è consentita la deduzione integrale delle spese di acquisizione nell esercizio in cui sono state sostenute. Si osserva che dal punto di vista civilistico non è presente una disposizione analoga in quanto qualsiasi bene utilizzato per più esercizi deve essere ammortizzato sistematicamente per tutta la durata del suo utilizzo. Per l ammortamento fiscale dei beni ceduti in corso d anno è possibile scegliere tra due alternative: R.M. n.41/02: calcolare la quota di ammortamento nel periodo compreso tra la data di inizio esercizio e quella di cessione del bene e, quindi, determinare la plus o la minusvalenza al netto di tale ammortamento; C.M. n.98/00: non calcolare alcuna quota di ammortamento in corso d esercizio e quindi determinare la plus a la minus avendo riferimento al fondo di ammortamento presente all inizio dell esercizo. In caso di azienda esistente per l intero esercizio, l acquisto e relativa entrata in funzione del bene nel corso dell esercizio non determina la necessità di operare alcun ragguaglio della quota di ammortamento. Infatti, per espressa previsione normativa, la quota di ammortamento ai fini fiscali - deve essere calcolata con riferimento ai 12 mesi e ridotta forfetariamente del 50 per cento. AMMORTAMENTO L ammortamento anticipato non corrisponde mai ad un maggiore e più ANTICIPATO L AMMORTAMENTO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI 3

4 ANTICIPATO intenso utilizzo del bene; pertanto, trattasi di mera una disposizione di natura fiscale non ammessa sotto il profilo civilistico. L ammortamento anticipato fatto pari all ammortamento ordinario può essere applicato nell esercizio di entrata in funzione e nei due successivi per i beni nuovi e nel solo esercizio di entrata in funzione per i beni usati. Va ricordato che per effetto della abrogazione del co. 2 dell art del codice civile (che ammetteva interferenze fiscali nel bilancio civilistico, non è più possibile contabilizzare in bilancio l ammortamento anticipato. Per dedurre ai fini fiscali l ammortamento anticipato andrà utilizzato un apposito prospetto extracontabile (detto QUADRO EC) contenuto nella dichiarazione dei redditi. L utilizzo del quadro EC (e, quindi, la rilevazione temporanea di un utile civilistico superiore a quello fiscale) comporta l obbligo di rilevare in bilancio le imposte differite al fine di accantonare le imposte sul maggior utile civilistico che temporaneamente non sconta alcuna tassazione. Terreni (Voce B.II.1.A) In tale voce vanno indicati i terreni: detenuti a titolo di proprietà; per cui il diritto di superficie è stato ceduto a terzi; per cui vi siano diritti di superficie ancora da utilizzare; oggetto di altri diritti reali. Non vanno indicati in bilancio in tale voce i terreni acquisiti in leasing o in comodato. Tipologie di terreni Pertinenze fondiarie degli stabilimenti Fondi e terreni agricoli Moli Ormeggi e banchine Terreni e pertinenze riferiti ad autostrade in esercizio Cave Terreni estrattivo e minerari Sorgenti In relazione alla loro destinazione i terreni possono essere variamente classificati in: terreni agricoli; aree fabbricabili; pertinenze di immobili commerciali ed industriali; pertinenze di immobili civili; altri terreni. Si riepiloga di seguito il loro trattamento civilistico e fiscale: L AMMORTAMENTO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI 4

5 DISCIPLINA CIVILISTICA (principio contabile n. 16) in generale i terreni non possono costituire oggetto di ammortamento; la loro residua possibilità di utilizzazione è sempre costante ed il loro valore residuo, alla fine del periodo di utilizzo, è di norma superiore al costo; va rilevato che nei casi in cui il terreno abbia un valore solo perché sullo stesso insiste un fabbricato e quest ultimo venga meno, poiché di norma i costi di bonifica azzerano il valore del terreno, tale ultimo valore va ammortizzato. DISCIPLINA FISCALE (art. 108 c. 3 e 4 del TUIR) In generale i terreni, ancorché assolvano ad una funzione di strumentalità nell esercizio delle attività, non sono ammortizzabili atteso che per loro natura non sono suscettibili di deperimento e consumo (C.M. n. 98 del ). Vi sono in ambito fiscale alcune eccezioni che consentono un ammortamento dei terreni. Vi sono ad esempio, i terreni adibiti ad autostrade per le quali la R.M. n. 42 del ha stabilito un coefficiente di ammortamento pari all 1 per cento. Fabbricati (voce B.II.1.b) Sotto il profilo civilistico i fabbricati possono essere suddivisi in: civili (abitazioni, alberghi, ecc.); industriali (edifici, silos, magazzini, costruzioni leggere, negozi, autorimesse, ecc.). Il principio contabile n. 16, con riferimento ai fabbricati dispone che: i fabbricati civili aventi carattere accessorio rispetto a quelli strumentali e indirettamente strumentali all impresa sono assimilati ai fabbricati industriali e conseguentemente devono essere ammortizzati; i fabbricati civili rappresentati da un altra forma di investimento possono non essere ammortizzati, tuttavia, se ammortizzati il piano di ammortamento deve rispondere alle medesime caratteristiche delle immobilizzazioni materiali; tutti i cespiti vanno assoggettati ad ammortamento tranne i fabbricati civili (che rappresentano altre forme di investimento) e quei cespiti la cui utilità non si esaurisce, come i terreni. Tuttavia, nel caso in cui il valore dei fabbricati incorpori anche quello dei terreni sui quali essi insistono, il valore dei terreni va scorporato ai fini dell ammortamento sulla base di una percentuale forfetaria che può essere del 20 o del 30%. In quei casi, invece, in cui il terreno ha un valore in quanti vi insiste un fabbricato, se lo stesso viene meno il costo di bonifica può azzerare verosimilmente quello del terreno, con la conseguenza che anch esso va ammortizzato. Dal punto di vista fiscale i fabbricati possono essere suddivisi in: FABBRICATI STUMENTALI PER NATURA: si tratta di fabbricati che non sono suscettibili di una diversa utilizzazione senza interventi di trasformazione radicale (ad esempio negozi, uffici e capannoni). In questo caso la quota di ammortamento è deducibile; FABBRICATI STRUMENTALI PER DESTINAZIONE: si tratta di immobili generalmente ad uso abitativo utilizzati esclusivamente nell esercizio dell impresa (ad esempio un appartamento utilizzato come magazzino). In questo caso la quota di ammortamento è deducibile; FABBRICATI NON STRUMENTALI: vengono utilizzati al di fuori dell attività di impresa in quanto rappresentano un mero investimento (esempio tipico è l immobile abitativo che viene locato a terzi). In questo caso l eventuale quota di ammortamento non è deducibile in quanto tali immobili concorrono alla formazione del reddito tramite le regole catastali (per le L AMMORTAMENTO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI 5

6 abitazioni locate da imprese, va ricordato che il D.L. n.203/05 ha abrogato la deduzione forfetaria del 15 per cento). NOVITA : divieto di ammortamento del valore delle aree su cui insistono i fabbricati Il D.L. n.223/06 convertito nella L. n. 248/06 dispone a fini fiscali l indeducibilità degli ammortamenti riferibili sia all area su cui insiste il fabbricato strumentale, sia a quella che ne costituisce pertinenza. Il problema deriva da questioni di natura civilistica, poiché tanto il principio contabile nazionale n. 16 citato in precedenza quanto il principio contabile internazionale IAS16, affermano che il valore ammortizzabile di un fabbricato deve essere determinato scorporando, dal costo complessivo, dato dal valore dell area cui si aggiunge il valore del costruito, appunto il valore dell area. Dal punto di vista fiscale, invece, prima delle modifiche apportate dal D.L. n.223/06, non sembrava vi fossero ostacoli alla deduzione dell ammortamento dell area, qualora dal punto di vista civilistico non fosse avvenuta tale imputazione. La questione della deducibilità del costo riferibile al terreno è emersa in questi ultimi anni, e sembrava aver trovato una soluzione nel momento in cui si è introdotta la disciplina delle deduzioni extracontabili: tale deduzione, infatti, poteva essere beneficiata ricorrendo al quadro EC della dichiarazione dei redditi. IL D.L. n.223/06, come già detto, rende indeducibili gli ammortamenti riferibili sia all area su cui insiste il fabbricato, sia a quella che ne costituisce pertinenza. La disposizione affronta anche il problema della quantificazione del valore non ammortizzabile. In proposito si osserva che il provvedimento di conversione del D.L. n.262/06 (collegato alla finanziaria 2007) ha modificato il D.L. n.223/06 convertito nella L. n.248/06, eliminando il fastidioso obbligo di redazione della perizia di stima. In pratica si ritorna alla versione originaria del decreto L. n.223/06 che prevedeva un confronto tra: - valore esposto in bilancio - valore determinato forfetariamente come segue: - 30% del costo complessivo, per i fabbricati industriali. - 20% del costo complessivo negli altri casi, dovendosi ritenere che ciò valga per immobili quali, ad esempio, uffici e negozi. Alla norma, opportunamente, non è stato attribuito effetto interpretativo, quindi il passato non è toccato, e ciò si ricava dalla disposizione che riguarda la sua decorrenza: si applica, infatti, alle quote di ammortamento stanziate a decorrere dal periodo d imposta 2006, anche per fabbricati acquistati o costruiti in periodi d imposta precedenti. Impianti e macchinario (voce B.II.2) Gli impianti e i macchinari costituiscono i mezzi tecnici che consentono lo svolgi mento dell attività produttiva dell impresa. In base al principio contabile n. 16 possono essere classificati a titolo esemplificativo nel seguente modo. IMPIANTI GENERICI Impianti di produzione e distribuzione energia Officine di manutenzione Raccordi e materiale rotabile Mezzi di traino e sollevamento Centrali di conversione Parco motori Pompe Impianti di trasporto interno, servizi vapore, riscaldamento e L AMMORTAMENTO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI 6

7 condizionamento Impianti di allarme IMPIANTI SPECIFICI Impianti di produzione attinenti l attività esercitata ALTRI IMPIANTI Forni e loro pertinenze MACCHINARI Macchinari AUTOMATICI Operatori automatici MACCHINARI NON AUTOMATICI Torni Nell ambito di questa voce, il legislatore fiscale ha previsto una particolare disciplina per le apparecchiature terminali per il servizio radiomobile terrestre di comunicazione soggette alla tassa sulle concessioni governative (si tratta dei telefoni cellulari). Con riferimento a tali beni viene prevista una deducibilità delle quote di ammortamento pari al 50 per cento. Fanno eccezione a tale limitazione, gli oneri relativi ad impianti di telefonia dei veicoli utilizzati per il trasporto di merci da parte delle imprese di autotrasporto, che risultano integralmente deducibili al 100 per cento limitatamente, però, ad un impianto per ciascun veicolo. Attrezzature industriali e commerciali (voce B.II.3) Le attrezzature industriali e commerciali sono i mezzi tecnici diversi dagli impianti e macchinari con i quali viene esercitata l attività produttiva dell impresa. Si propone una classificazione esemplificativa. ATTREZZATURE ATTREZZATURA VARIA Officina Attrezzi da laboratorio Equipaggiamenti e ricambi Attrezzatura commerciale e di mensa Utensili Attrezzatura legata al processo produttivo o commerciale dell impresa Sotto il profilo fiscale non si riscontrano particolari disposizioni riguardanti la deducibilità delle quote di ammortamento relative a tali beni. Altri beni (voce B.II.4) Si tratta di una voce residuale nella quale vanno indicati quei beni ammortizzabili che non trovano collocazione nelle voci precedentemente elencate. Si tratta, ad esempio, degli arredi, delle macchine d ufficio, degli automezzi, ecc. Spesso nella pratica tali beni vengono ricompresi nella categoria delle attrezzature industriali e commerciali. Va, inoltre, ricordato che l art ter co. 2 c.c. prevede la possibilità di scomporre le voci di bilancio in ulteriori sottovoci al fine di favorire la chiarezza del bilancio. E tale operazione risulta quantomeno consigliabile in presenza di una voce generica quale quella rappresentata dagli Altri beni. In tale voce debbono trovare collocazione anche i beni di costo inferiore ad euro 516,46 per i quali sotto il profilo fiscale è consentita la deduzione integrale delle spese di acquisizione nell esercizio in cui sono state sostenute. Resta in ogni caso l obbligo di redazione del quadro EC (prospetto extracontabile) qualora le deduzioni fiscali operate superano quello imputate a conto economico. Con riferimento alla categorie delle autovetture va segnalata la modifica apportata dal DL 262/2006, in corso di conversione in legge, che introduce delle limitazioni alla disciplina L AMMORTAMENTO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI 7

8 dell ammortamento riguardante tali beni. In particolare viene soppressa la possibilità di beneficiare dell ammortamento anticipato relativamente a: autovetture; autocaravan; ciclomotori; motocicli, beni per i quali è prevista la deduzione limitata al 50% delle quote di ammortamento ordinario, entro i noti limiti previsti dall articolo 164 del Tuir relativi al valore complessivamente ammortizzabile. Tale disposizione, che ha come effetto quello di rendere deducibili solamente gli ammortamenti ordinari, entra in vigore dal 2006, e si applica anche ai beni acquistati in periodi d imposta precedenti. Immobilizzazioni in corso e acconti (voce B.II.5) In questa voce vanno collocati quei cespiti che alla data di chiusura dell esercizio non sono stati ultimati e sono ancora in corso di costruzione e gli anticipi corrisposti a fornitori per l acquisizione di immobilizzazioni materiali. L iscrizione delle immobilizzazioni in corso avviene tramite la capitalizzazione dei costi sostenuti. Va precisato che tali immobilizzazioni non sono ammortizzabili in quanto non sono ancora entrate in funzione e non possono quindi essere utilizzate. Quando la costruzione delle immobilizzazioni viene appaltata a terzi ed il completamento assume durata ultrannulae, la valorizzazione può essere concordata in base ai cosiddetti stati di avanzamento lavori (S.A.L.). Sotto il profilo civilistico-fiscale le regole generali che attengono alla valutazione delle opere ad esecuzione pluriennale sono contenute nei seguenti provvedimenti: art. 93 del Tuir (fini fiscali); principio contabile n. 23 (fini civilistici e contabili). La valorizzazione della immobilizzazione in corso deve avvenire in base ai costi sostenuti ed ai ricavi realizzati. E possibile in deroga al principio generale - adottare il metodo della commessa completata ma solo previa autorizzazione dell Agenzia delle Entrate (dopo 3 mesi vale il silenzioassenso). Esempio La società Gamma Srl sta realizzando un impianto in economia la cui costruzione è ancora in corso alla fine dell esercizio. I costi direttamente imputabili (personale, materiali, ecc.) sostenuti al 31 dicembre ammontano ad euro ,00. Si procede alla rilevazione del valore attribuibile alla immobilizzazione in corso al /12 Imm. materiali in corso a Incrementi imm. mat. per lavori interni ,00 L AMMORTAMENTO DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI 8

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni materiali Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

VARIAZIONE IN AUMENTO. RF7/8 - PLUSVALENZE e SOPRAVVENIENZE ATTIVE

VARIAZIONE IN AUMENTO. RF7/8 - PLUSVALENZE e SOPRAVVENIENZE ATTIVE Analisi di alcune fattispecie di variazione in aumento ed in diminuzione maggiormente significative per la determinazione del reddito d'impresa nel Modello Unico SC/2010 Il quadro RF contenuto nel Modello

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott.

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott. RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013 Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO Curatore Dott.ssa Elena MOGNONI Facciamo seguito all incarico conferitoci dalla Dott.ssa Elena MOGNONI

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

GESTIONE MANUTENZIONI SU BENI PROPRI (tipo conto=l)

GESTIONE MANUTENZIONI SU BENI PROPRI (tipo conto=l) GESTIONE MANUTENZIONI SU BENI PROPRI (tipo conto=l) Le spese di manutenzione possono essere di diverse tipologie: Spese aventi natura periodica e contrattuale: (pulizia, verniciatura..) che servono per

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Immobilizzazioni immateriali

Immobilizzazioni immateriali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni immateriali Gennaio 2015 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità

1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità 1 Introduzione La riscossione delle imposte è un attività che risale ai tempi antichi. Richiami al pagamento delle imposte si trovano anche nell Antico Testamento.

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi

OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi Svalutazioni per perdite durevoli di valore: attualmente la disciplina relativa alle svalutazioni per perdite durevoli di valore è

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su:

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su: Pag. 5030 n. 43/98 21/11/1998 I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell su: regolarizzazione degli omessi o insufficienti versamenti relativi al primo acconto modifiche recate dal decreto legislativo

Dettagli

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

OGGETTO: Impianti fotovoltaici Profili catastali e aspetti fiscali

OGGETTO: Impianti fotovoltaici Profili catastali e aspetti fiscali CIRCOLARE N.36/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Catasto e Cartografia Roma, 19 dicembre 2013 Allegati: 1 OGGETTO: Impianti fotovoltaici Profili catastali e aspetti fiscali 2 INDICE Premessa...4

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000 ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE L'INSERTO 2 Analisi della rilevanza ai fini IRAP delle voci del Conto Economico A cura

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI Articolo 1 Son fissati, conformemente alle disposizioni del secondo alinea dell art. 45 della Costituzione, gli obiettivi fondamentali dell azione delo Stato, per i prossimi

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

= Circolare n. 9/2013

= Circolare n. 9/2013 = Scadenze + 27 dicembre + Invio degli elenchi INTRA- STAT mensili versamento acconto IVA mediante Mod. F24 + 30 dicembre + Stampa dei libri contabili dell'anno 2012 (libro giornale, registri IVA, libro

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli