nel reddito di lavoro autonomo Dottori commercialisti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "nel reddito di lavoro autonomo Dottori commercialisti"

Transcript

1 TRATTAMENTO DEGLI IMMOBILI nel reddito di lavoro autonomo RRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti

2 RRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti Ammortamenti e canoni di leasing

3 Ammortamenti Definizione di immobili strumentali Art. 43, co. 2, Tuir Si considerano strumentali gli immobili utilizzati esclusivamente per l esercizio dell arte/professione da parte del possessore strumentalità per destinazione Diversamente dall IVA, non conta la classificazione catastale 3

4 Ammortamenti Ammortamenti triennio Art. 54, co. 2 e 3, Tuir Per gli immobili strumentali acquistati/costruiti nel triennio (sulla decorrenza cfr. risposta a interrogazione parlamentare n del 21/02/2007) è riconosciuta al professionista la deduzione di quote annuali di ammortamento non superiori a quelle delle tabelle del DM 31 dicembre 1988 (3% per l applicabilità al caso di specie della tabella residuale altre attività ). Per il triennio gli importi deducibili sono ridotti a 1/3 La quota dovrebbe applicarsi sul costo del bene, indipendentemente dalle modalità di pagamento (anche rateizzato in più periodi d imposta) ed avendo riguardo alla data di stipula più che a quella di utilizzazione dell immobile (che pur deve sussistere per originare la strumentalità ) (Circ. Min. n. 90/E/2001) 4

5 Ammortamenti Ammortamenti triennio Circ. Min. n. 38/E del 23/06/ L Agenzia delle Entrate ha affermato l indeducibilità delle quote d ammortamento per gli immobili acquistati dal 2010 Pertanto, gli acquisti di immobili professionali eseguiti dal 2010 tornano alla disciplina ante 2007, con l unica eccezione dei contratti di leasing per i quali nemmeno la rendita catastale potrà essere dedotta Resta irrisolto il problema delle spese incrementative o meno eseguite sugli immobili acquistati dal

6 Ammortamenti Ammortamenti In caso di associazione professionale In sede di risposta a interrogazione parlamentare (20/02/2007), nonché con la Ris. Min. n. 48/E del 15/02/2008, è stato chiarito che l ammortamento è possibile se l immobile è iscritto nei pubblici registri immobiliari a nome dei partecipanti all associazione professionale Con la comproprietà sul bene tra tutti i partecipanti all associazione di cui all art. 5, co. 3, lett. c), Tuir è possibile, quindi, dedurre quote di ammortamento anche nell ambito della determinazione del reddito dello studio associato, ossia di un soggetto che, tecnicamente, non potrebbe essere intestatario di un bene immobile 6

7 Ammortamenti Scorporo del terreno sottostante il fabbricato L ammortamento non può essere applicato con rilevanza fiscale alla parte di fabbricato rappresentata dal costo del terreno sottostante e pertinenziale, secondo le regole introdotte dall art. 36, co. 7 e 7 bis, D.L. n. 223/06 per le imprese al costo di acquisto specifico, nel caso (piuttosto raro) di acquisto separato dell area e successiva costruzione del fabbricato Lo scorporo dell area avverrà applicando al costo di acquisto dell immobile (nella sua interezza) la percentuale forfetaria del 20%, che rappresenta la frazione non ammortizzabile 7

8 Ammortamenti Tabella riepilogativa ammortamenti Alla luce delle normative succedutesi negli anni, le regole di deduzione degli immobili strumentali in proprietà, nell ipotesi di uso esclusivamente professionale, possono essere così riassunte: Anno di acquisto Fino al 14/06/1990 Dal 15/06/1990 al 31/12/2006 Deducibilità quote di ammortamento Dal 01/01/2007 al 31/12/2009 (riduzione a 1/3) Dal 01/10/2010 8

9 Canoni di leasing Contratti stipulati nel triennio Sempre con riferimento ai contratti stipulati nel triennio (risposta a interrogazione parlamentare del 18 aprile 2007 n ), è ora ammessa la deduzione di canoni di locazione finanziaria relativi agli immobili, in luogo della precedente deduzione dell importo pari alla rendita catastale, seguendo tuttavia il criterio proprio delle imprese (pur con limiti di durata differenti) Coefficiente di ammortamento 3%, quindi, in pratica, solo in presenza di una durata contrattuale di almeno 15 anni (sarebbe ½ del periodo di ammortamento ma con durata compresa tra 8 e 15 anni) Scorporo dell area occupata dall immobile (da quantificarsi nella misura forfetaria pari al 20% del valore fissato dal contratto, salva l ipotesi dell utilizzo del costo specifico dell area qualora la società di leasing abbia provveduto all acquisto di questa e alla successiva costruzione Ris. Min. 08/08/2007 n. 211/E) Per il triennio gli importi deducibili sono ridotti a 1/3 9

10 Canoni di leasing Tabella riepilogativa canoni di leasing Alla luce delle normative succedutesi negli anni, le regole di deduzione dei canoni di leasing riferiti agli immobili strumentali, nell ipotesi di uso esclusivamente professionale, possono essere così riassunte: Anno di stipulazione del contratto Fino al 01/03/1989 Dal 02/03/1989 al 14/06/1990 Dal 15/06/1990 al 31/12/2006 Dal 01/01/2007 al 31/12/2009 Dal 2010 Deducibilità canoni di leasing, per cassa, per competenza (durata minima contratto 8 anni) (deducibilità ammessa per importo pari a rendita catastale) (1/3 con durata minima a 15 anni) 10

11 RRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti Spese di manutenzione, plusvalenze e minusvalenze

12 Spese di manutenzione Immobili acquistati a decorrere dal 01/01/2007 (Circ. Min. n. 47/E/ ) Immobili acquistati ante 01/01/2007 Spese di manutenzione, ammodernamento su immobili di proprietà Le spese di ammodernamento, ristrutturazione e manutenzione, non imputabili ad incremento del costo dei beni cui afferiscono (c.d. spese non incrementative ), sono deducibili nel limite del 5% del costo complessivo di tutti i beni materiali ammortizzabili risultante dal registro cespiti all inizio del periodo d imposta. L eccedenza è deducibile in 5 quote costanti nei periodi d imposta successivi Resta valida la precedente disciplina di cui all art. 54, co. 2, ultimo periodo Tuir (deducibilità in quote costanti nel periodo di imposta in cui sono sostenute e nei quattro successivi). E per le spese di manutenzione ordinaria? 12

13 Spese di manutenzione REDDITI IVA Spese di ristrutturazione su immobili di terzi Ris. Min. n. 99/E del 08/04/2009 Accoglimento tesi dell Istituto di Ricerca DCEC Circ. 01/IR/2008 Le spese di ristrutturazione di natura incrementativa, sostenute da uno studio associato, per un immobile che da uso abitativo si trasforma in ufficio, di proprietà di terzi, sia nel caso di acquisizione con atto di donazione che nel caso di locazione: restano deducibili nel limite del 5% del costo complessivo dei beni materiali ammortizzabili nell anno di sostenimento della stessa, con l eventuale eccedenza deducibile in quote costanti nei cinque periodi d imposta successivi se nel corso dei lavori di ristrutturazione, l immobile è accatastato in via transitoria come unità immobiliare in fase di trasformazione edilizia, l Iva relativa all acquisto o alla locazione finanziaria o alla manutenzione o recupero dell unità immobiliare non è detraibile, ex art.19 bis1, DPR n. 633/72 13

14 Spese di manutenzione Spese di ristrutturazione su immobili di terzi Ris. Min. n. 99/E del 08/04/2009 Le spese di ristrutturazione/manutenzione sostenute da un lavoratore autonomo su un immobile di proprietà di terzi, di natura non incrementativa (ossia non imputabili ad incremento dell immobile), sono deducibili nel periodo d imposta di sostenimento nel limite del 5% del costo dei beni materiali ammortizzabili risultanti all inizio del periodo d imposta; l eccedenza è deducibile in quote costanti nei 5 periodi d imposta successivi Ciò, indipendentemente dal momento di stipula del contratto? (PRIMA O DOPO IL 01/01/2007) Per le spese sull immobile ricevuto in donazione, dalla citata risoluzione pare che conti la data di donazione, così come per gli immobili di proprietà conta la data di acquisto (Circ. Min. n. 47/E/2008) 14

15 Plusvalenze e minusvalenze Plusvalenze e minusvalenze A seguito della previsione della deducibilità delle relative quote di ammortamento, la Finanziaria 2007 ha introdotto a decorrere dal 01/01/2007 la rilevanza delle plus/minusvalenze relative ai beni immobili Questione più delicata DECORRENZA Con risposta ad interrogazione parlamentare del 21 febbraio 2007 (n ), il Ministero dell economia ha affermato che la novità riguardante plus e minus immobiliari coinvolge esclusivamente gli immobili acquistati nel triennio Altra questione RAPPORTI CON ART. 67 TUIR Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali o da snc o sas, né in relazione alla qualità di lavoratore dipendente: a). b) 15

16 RRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti Altre disposizioni

17 Altre disposizioni Uso promiscuo Come per il passato, gli immobili strumentali consentono una deducibilità pari al 50% della rendita catastale, ovvero, in caso di locazione non finanziaria, del 50% del canone, sempreché il contribuente non disponga, nel medesimo comune, di altro immobile adibito esclusivamente all esercizio dell arte o della professione Cosa è cambiato Immobili strumentali acquistati dal 01/01/2007 La rilevanza fiscale del canone di locazione finanziaria corrisposto: ora ne viene disposta la deducibilità in misura pari al 50%, in luogo del previgente regime che consentiva la mera deduzione del 50% della rendita catastale 17

18 Altre disposizioni I recenti chiarimenti dell A.F. Ris. Min. 13/E del 02/03/2010 Relativamente all immobile utilizzato da un lavoratore autonomo per l esercizio dell attività è stato precisato, tra l altro, che: l immobile è considerato strumentale se utilizzato, in via esclusiva, per l esercizio dell attività, non essendo rilevante il fatto che l acquisto dello stesso sia stato effettuato dal soggetto in qualità di persona fisica o di lavoratore autonomo la cessione dell immobile determina l emersione di una plus/minusvalenza fiscalmente rilevante solo se lo stesso è stato acquisito successivamente all 01/01/2007 (e fino al 31/12/2009?) i canoni di leasing relativi all immobile sono deducibili solo per i contratti stipulati nel triennio Per i contratti stipulati dall 01/01/2010 sono indeducibili sia i canoni sia la rendita catastale 18

19 Altre disposizioni Finanziamento per acquisto immobile Immobili esclusivamente strumentali Deduzione per cassa (istruzioni in UNICO) Deducibilità interessi passivi Immobili ad utilizzo promiscuo?? Tesi CNDC (Circ. n.1/2008) 50% Dubbi E per la ristrutturazione (anche eventualmente su beni di terzi?) 19

20 RRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti Tabelle riepilogative

21 Tabelle riepilogative Tipologia di costo/provento Immobili strumentali acquistati entro il 14/06/1990 Deducibilità/ imponibilità Note Ammortamento Quote maturate dal 01/01/1985 Plusvalenza/minusvalenza Rilevanza fiscale solo per quelli acquistati nel triennio Affitto Manutenzioni e riparazioni straordinarie Manutenzioni e riparazioni ordinarie Deduzione in quote costanti nell esercizio di sostenimento e nei 4 successivi Deduzione integrale nell esercizio di sostenimento (principio di cassa) Spese su beni di terzi Stesse regole dei beni propri Canoni di leasing Principio di competenza. Durata minima contratto 8 anni. Per contratti sino al 01/03/89, deduzione integrale per cassa (no durata minima) 21

22 Tabelle riepilogative Tipologia di costo/provento Ammortamento Plusvalenza/minusvalenza Immobili strumentali acquistati dal 15/06/1990 al 31/12/2006 Deducibilità/ imponibilità Note (Fino al 31/12/1992 è stato possibile dedurre la rendita catastale) La rendita non va indicata nel quadro RB Rilevanza fiscale solo per quelli acquistati nel triennio Possibilità di reddito diverso Affitto Manutenzioni straordinarie e ristrutturazioni Manutenzioni e riparazioni ordinarie Deduzione in quote costanti nell esercizio di sostenimento e nei 4 successivi (anche se sostenute dopo il 01/01/2007) Deduzione integrale nell esercizio di sostenimento (principio di cassa) Spese su beni di terzi Stesse regole dei beni propri Canoni di leasing Deduzione solo per quelli acquistati nel triennio (si deduce la rendita catastale) 22

23 Tabelle riepilogative Tipologia di costo/provento Ammortamento Plusvalenza/minusvalenza Immobili strumentali acquistati dal 01/01/2007 al 31/12/2009 Deducibilità/ imponibilità (anche dopo il 2009) Note Aliquota ministeriale, no ammortamento anticipato, no riduzione al 50% per il primo anno, scorporo terreno (20% salvo costruzione in proprio riparto specifico), ammontare ridotto a 1/3 (1%) fino al 2009 Escluse minusvalenze da autoconsumo. Nella stessa proporzione tra ammortamento dedotto e ammortamento stanziato (Circ. Min. n. 28/E/2006) Affitto Manutenzioni incrementative/ ristrutturazioni Manutenzioni non incrementative Spese su beni di terzi Canoni di leasing (anche dopo il 2009) Capitalizzate e ammortizzate con il bene cui si riferiscono Nel limite del 5% del costo complessivo di tutti i beni materiali ammortizzabili risultante dal registro cespiti all inizio del periodo d imposta (no pro rata temporis). Eccedenza nei 5 periodi successivi Come manutenzioni non incrementative (Tesi CNDC 01/IR/2008 accolta dalle Entrate con Ris. Min. n. 99/E/2009) Principio di competenza. Durata ½ periodo di ammortamento con forchetta 8 15 anni. Scorporo area (20% salvo costruzione da parte di società di leasing riparto specifico). Ammontare ridotto a 1/3 fino al

24 Tabelle riepilogative Tipologia di costo/provento Ammortamento Immobili strumentali acquistati dal 01/01/2010 Deducibilità/ imponibilità Plusvalenza/minusvalenza (?) Note Si dovrebbe tornare al regime precedente il 01/01/2007 Rilevanza fiscale solo per quelli acquistati nel triennio Possibilità di reddito diverso Affitto Manutenzioni incrementative/ ristrutturazioni Manutenzioni non incrementative Spese su beni di terzi?? Canoni di leasing?? Come manutenzioni non incrementative?? In attesa di chiarimenti ufficiali Nel limite del 5% del costo complessivo di tutti i beni materiali ammortizzabili risultante dal registro cespiti all inizio del periodo d imposta (no pro rata temporis). Eccedenza nei 5 periodi successivi Come manutenzioni non incrementative (Tesi CNDC 01/IR/2008 accolta dalle Entrate con Ris. Min. n. 99/E/2009) Si torna al regime ante 01/01/2007. N deducibile la rendita catastale (Ris. Min. n. 13/E/2010) 24

25 Tabelle riepilogative Tipologia di costo/provento Ammortamento Plusvalenza/minusvalenza Immobili ad uso promiscuo acquistati entro il 14/06/1990 Deducibilità/ imponibilità Note Deducibile 50% della rendita catastale. L immobile va indicato nel quadro RB Rilevanza fiscale solo per quelli strumentali acquistati nel triennio Affitto 50% Spese incrementative su beni propri o di terzi Spese non incrementative su beni propri o di terzi Deduzione 50% in quote costanti nell esercizio di sostenimento e nei 4 successivi Deduzione 50% nell esercizio di sostenimento (principio di cassa) Canoni di leasing Deduzione 50% del canone di competenza (durata minima contratto 8 anni). Contratti fino al 01/03/89, deduzione 50% per cassa (no durata minima) 25

26 Tabelle riepilogative Tipologia di costo/provento Ammortamento Plusvalenza/minusvalenza Immobili ad uso promiscuo acquistati dal 15/06/1990 al 31/12/2006 Deducibilità/ imponibilità Note Deducibile 50% della rendita catastale. L immobile va indicato nel quadro RB Rilevanza fiscale solo per quelli strumentali acquistati nel triennio Possibilità di reddito diverso Affitto 50% Manutenzioni incrementative Manutenzioni non incrementative Spese su beni di terzi Deduzione 50% in quote costanti nell esercizio di sostenimento e nei 4 successivi (vecchia regola anche dopo il 2007) Deduzione 50% nell esercizio di sostenimento (principio di cassa) Stesse regole dei beni propri (oppure vale la regola nuova se sostenute dopo il 01/01/2007?) Canoni di leasing Deduzione 50% della rendita catastale 26

27 Tabelle riepilogative Tipologia di costo/provento Ammortamento Plusvalenza/minusvalenza Immobili ad uso promiscuo acquistati dal 01/01/2007 al 31/12/2009 Deducibilità/ imponibilità Note Deducibile 50% della rendita catastale. L immobile va indicato nel quadro RB Rilevanza fiscale solo per quelli strumentali acquistati nel triennio Possibilità di reddito diverso Affitto 50% Manutenzioni incrementative/ ristrutturazioni Manutenzioni non incrementative Spese su beni di terzi?? Canoni di leasing Deduzione 50% ma come? Con limiti e ripartizione pluriennale? (CNDC Circ. 01/IR/2008) Deduzione 50% (con limiti e ripartizione pluriennale?) Come manutenzioni non incrementative? (Tesi CNDC Circ. 01/IR/2008) Deduzione 50% del canone (scorporo area??) Riduzione ad 1/3 sino al 2009?? 27

28 Tabelle riepilogative Tipologia di costo/provento Ammortamento Plusvalenza/minusvalenza Immobili ad uso promiscuo acquistati dal 01/01/2010 Deducibilità/ imponibilità Note Deducibile 50% della rendita catastale. L immobile va indicato nel quadro RB Rilevanza fiscale solo per quelli strumentali acquistati nel triennio Possibilità di reddito diverso Affitto 50% Manutenzioni incrementative/ ristrutturazioni Manutenzioni non incrementative Spese su beni di terzi?? Canoni di leasing?? In attesa di chiarimenti ufficiali Deduzione 50% ma come? Con limiti e ripartizione pluriennale? (CNDC Circ. 01/IR/2008) Deduzione 50% (con limiti e ripartizione pluriennale?) Come manutenzioni non incrementative? (Tesi CNDC Circ. 01/IR/2008) Dovrebbe permanere la deduzione al 50% del canone come accaduto nel triennio (??) 28

29 RRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti Spese relative agli immobili e componenti straordinari di reddito in UNICO 2011

30 Quadro RE Rigo RE4 Plusvalenze patrimoniali In tale rigo vanno indicate le plusvalenze di beni strumentali derivanti da: cessione a titolo oneroso risarcimento, anche in forma assicurativa, per la perdita o il danneggiamento dei beni comprese consumo personale o familiare del lavoratore autonomo o destinazione a finalità estranee all esercizio della professione le plusvalenze relative ad IMMOBILI STRUMENTALI acquistati nel 2007, 2008 e 2009 ai sensi dell art. 1, co. 334, della Finanziaria

31 Quadro RE Per gli immobili di proprietà o posseduti a titolo di usufrutto o di altro diritto reale utilizzati promiscuamente il 50% della rendita catastale (a condizione che il contribuente non disponga nel medesimo comune di altro immobile adibito esclusivamente all esercizio dell arte o della professione (art. 54, co. 3, Tuir) Per gli immobili acquisiti mediante locazione, anche finanziaria il 50% del relativo canone Per i contratti di leasing stipulati entro il 31/12/2006 il 50% della rendita catastale Rigo RE10 Spese relative agli immobili In tale rigo vanno indicati: Per l immobile strumentale acquistato o costruito entro il 14/06/1990, ovvero acquistato nel periodo 01/01/ /12/2009 l ammontare della quota di ammortamento, di competenza dell anno, del costo di acquisto o di costruzione N.B. per gli immobili acquistati nel 2007, nel 2008 e nel 2009 gli importi deducibili delle quote di ammortamento devono essere ridotti ad un terzo segue Per l immobile utilizzato esclusivamente per l esercizio dell arte o della professione l ammontare del canone di locazione corrisposto nell anno

32 Quadro RE segue Rigo RE10 Spese relative agli immobili Per i contratti di leasing stipulati entro il 14/06/1990, ovvero nel periodo 01/01/ /12/2009 il canone di locazione finanziaria. N.B. per i contratti stipulati nel 2007, 2008 e 2009: 1) la deduzione è ammessa a condizione che la durata del contratto non sia inferiore alla metà del periodo di ammortamento corrispondente al coefficiente stabilito con decreto del MEF e comunque con un min. di 8 anni e un max di 15 avendo per oggetto beni immobili 2) la deduzione dei canoni di leasing è consentita nella misura di 1/3 Per i contratti stipulati negli altri periodi la rendita catastale dell immobile strumentale utilizzato In tale rigo vanno indicati: L ammontare deducibile nell anno delle spese di ammodernamento, ristrutturazione e manutenzione non imputabili ad incremento del costo degli immobili utilizzati nell esercizio dell arte o della professione, nonché le quote di competenza delle predette spese straordinarie sostenute negli esercizi precedenti 50% se trattasi di immobili ad uso promiscuo Le altre spese relative all immobile strumentale a qualunque titolo utilizzato, con esclusione della locazione finanziaria es. spese condominiali e per riscaldamento 32

33 Quadro RE Rigo RE18 Minusvalenze patrimoniali In tale rigo vanno indicate le minusvalenze di beni strumentali conseguite nel periodo di imposta, in relazione a beni mobili acquisiti a partire dal 04/07/2006 (Ris. Min. n. 310 del 21/07/2008) derivanti da: cessione a titolo oneroso comprese risarcimento, anche in forma assicurativa, per la perdita o il danneggiamento dei beni le minusvalenze relative ad IMMOBILI STRUMENTALI acquistati nel 2007, 2008 e 2009 ai sensi dell art. 1, co. 334, della Finanziaria

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

VARIAZIONE IN AUMENTO. RF7/8 - PLUSVALENZE e SOPRAVVENIENZE ATTIVE

VARIAZIONE IN AUMENTO. RF7/8 - PLUSVALENZE e SOPRAVVENIENZE ATTIVE Analisi di alcune fattispecie di variazione in aumento ed in diminuzione maggiormente significative per la determinazione del reddito d'impresa nel Modello Unico SC/2010 Il quadro RF contenuto nel Modello

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su:

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su: Pag. 5030 n. 43/98 21/11/1998 I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell su: regolarizzazione degli omessi o insufficienti versamenti relativi al primo acconto modifiche recate dal decreto legislativo

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

OGGETTO: Impianti fotovoltaici Profili catastali e aspetti fiscali

OGGETTO: Impianti fotovoltaici Profili catastali e aspetti fiscali CIRCOLARE N.36/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Catasto e Cartografia Roma, 19 dicembre 2013 Allegati: 1 OGGETTO: Impianti fotovoltaici Profili catastali e aspetti fiscali 2 INDICE Premessa...4

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative.

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 giugno 2002 CIRCOLARE N. 50/E OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 maggio 2014 Alle Direzioni regionali e provinciali Agli Uffici dell Agenzia delle entrate OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate

Dettagli

1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità

1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità 1 Introduzione La riscossione delle imposte è un attività che risale ai tempi antichi. Richiami al pagamento delle imposte si trovano anche nell Antico Testamento.

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

CIRCOLARE N. 17/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 24 aprile 2015

CIRCOLARE N. 17/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 24 aprile 2015 CIRCOLARE N. 17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 24 aprile 2015 OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale e da altri

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000 ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE L'INSERTO 2 Analisi della rilevanza ai fini IRAP delle voci del Conto Economico A cura

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag.

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag. Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI A cura di: Dott.ssa Luana Bernardoni Dott.ssa Antonella Scaglioni Dott. Marco Ferri Dott.

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI Che cos'è la TASI VADEMECUM TASI E' il tributo dovuto per la copertura dei servizi indivisibili. Il presupposto E' il possesso o la detenzione a qualsiasi

Dettagli

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 marzo 2007 OGGETTO: Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006 e successive modifiche Revisione del regime fiscale delle cessioni

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Ufficio Studi CODAU. Approfondimento. L'IMU e gli Enti non Commerciali - Università. Riferimenti

Ufficio Studi CODAU. Approfondimento. L'IMU e gli Enti non Commerciali - Università. Riferimenti Ufficio Studi CODAU "Documento redatto con il CONTRIBUTO DEI COMPONENTI dell'ufficio Studi e VALIDATO dal Comitato Scientifico del Codau Approfondimento L'IMU e gli Enti non Commerciali - Università Riferimenti

Dettagli

GESTIONE MANUTENZIONI SU BENI PROPRI (tipo conto=l)

GESTIONE MANUTENZIONI SU BENI PROPRI (tipo conto=l) GESTIONE MANUTENZIONI SU BENI PROPRI (tipo conto=l) Le spese di manutenzione possono essere di diverse tipologie: Spese aventi natura periodica e contrattuale: (pulizia, verniciatura..) che servono per

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA Gli aggiornamenti più recenti agevolazioni prima casa e utilizzo del credito d imposta detrazione interessi passivi sui mutui per l acquisto dell abitazione principale acquisto di fabbricati ristrutturati

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Risposte alle domande più frequenti (FAQ)

Risposte alle domande più frequenti (FAQ) COMUNICAZIONE DEI DATI DEI BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI DELL IMPRENDITORE E DEI FINANZIAMENTI E CAPITALIZZAZIONI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL IMPRESA

Dettagli

Le regole di deducibilità degli interessi passivi in base all articolo 96 del Tuir

Le regole di deducibilità degli interessi passivi in base all articolo 96 del Tuir N. 11 del 23.03.2012 I Focus A cura di Ennio Vial e Gioacchino De Pasquale Le regole di deducibilità degli interessi passivi in base all articolo 96 del Tuir Lo scopo del presente lavoro è illustrare la

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO COME COMPILARE IL MODELLO UNICO E PAGARE LE IMPOSTE INDICE 1. I NON RESIDENTI 2 Chi sono i non residenti 2 Il domicilio fiscale in Italia dei non residenti

Dettagli

Guida fiscale per i residenti all estero

Guida fiscale per i residenti all estero 19 Guida fiscale per i residenti all estero AGENZIA DELLE ENTRATE Ufficio Relazioni Esterne Sezione prodotti editoriali Sommario 1. LE IMPOSTE PER I NON RESIDENTI... 3 1.1. CHI SONO I NON RESIDENTI...

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli