Il bambino che non c è: la rappresentazione dei minori nei TG locali. A cura di Rossella Tirotta, Alessandra Donattini, Marco Guiati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il bambino che non c è: la rappresentazione dei minori nei TG locali. A cura di Rossella Tirotta, Alessandra Donattini, Marco Guiati"

Transcript

1 Il bambino che non c è: la rappresentazione dei minori nei TG locali A cura di Rossella Tirotta, Alessandra Donattini, Marco Guiati

2 Il monitoraggio è stato interamente eseguito dal CORECOM Emilia- Romagna Coordinatore scientifico del monitoraggio: Rossella Tirotta, dottore di ricerca in Sociologia (CORECOM Emilia- Romagna). Gruppo di lavoro: dottoressa Alessandra Donattini, laurea specialistica in Scienze della Comunicazione Pubblica, Sociale e Politica (CORECOM Emilia- Romagna); dottor Marco Guiati, laurea specialistica in Scienze della Comunicazione Pubblica, Sociale e Politica (CORECOM Emilia- Romagna); dottor Antonio Platis, laurea in Informatica (CORECOM Emilia- Romagna). Tiratura: 400 copie Distribuzione gratuita Regione Emilia-Romagna - CORECOM Emilia-Romagna, 2011 Tutti i diritti riservati. È consentita la riproduzione a fini didattici e non commerciali, a condizione che ne venga citata la fonte. Il testo integrale è pubblicato su internet all indirizzo 2

3 I DICE PREMESSA: RIUSCIREMO MAI A COMUNICARE UN BAMBINO? Pag. 5 INTRODUZIONE Pag. 7 CAPITOLO 1: LO SVILUPPO DELLE RETI SOCIALI: LA TELEVISIONE COME STATUS SYMBOL 1.1. Introduzione Pag La televisione come agenzia di socializzazione Pag Una finestra per guardare il mondo Pag Una nuova baby sitter Pag Una Tv troppo violenta? Pag. 18 CAPITOLO 2: DALLA CARTA DI TREVISO AL CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE TV E MINORI 2.1. Premessa Pag La tutela dei minori nel mondo dell informazione: la Carta di Treviso Pag Bollino verde e fascia protetta per un palinsesto a misura di bambino: il Codice di autoregolamentazione Tv e Minori Pag. 25 CAPITOLO 3: NOTA METODOLOGICA 3.1. Oggetto di studio e obiettivi del monitoraggio Pag Il campione Pag Lo strumento di rilevazione Pag. 32 CAPITOLO 4: QUALE IMMAGINE? 4.1. L argomento e i soggetti delle notizie Pag La voce dei minori Pag. 46 3

4 4.2. La struttura delle notizie e dei Tg Pag Il rispetto dei diritti dei minori Pag. 55 CONCLUSIONI Pag. 66 BIBLIOGRAFIA Pag. 69 SITI CONSULTATI Pag. 71 FONTI NORMATIVE Pag. 73 QUOTIDIANI E RIVISTE Pag. 74 APPENDICE Il Codice di autoregolamentazione Tv e Minori La Carta di Treviso Pag. I Pag. XV 4

5 PREMESSA RIUSCIREMO MAI A COMU ICARE U BAMBI O? In un universo in cui il successo è dato dal guadagnar tempo, pensare ha un solo difetto, ma incorreggibile: quello di farne perdere. Jean-François Lyotard Riusciremo mai a capire un bambino? Questa è la domanda che si poneva Philipp Frank, uno dei primi biografi di Einstein. Riusciremo mai a comunicare un bambino o un adolescente è la domanda che, parafrasando Frank, dovremmo farci parlando del rapporto tra media e minori. L interessante analisi sintetizzata nella presente pubblicazione ci offre in questo senso risposte confortanti, ma che rilevano al contempo alcune criticità. E questo, a mio parere, l elemento cruciale del lavoro realizzato dal CORECOM Emilia-Romagna. La ricerca condotta registra infatti un sostanziale rispetto dei codici di autoregolamentazione nella rappresentazione dei minori all interno dei telegiornali locali, evidenziando tuttavia come l informazione venga veicolata attraverso modalità omologate nei linguaggi e nella struttura. Del resto, siamo consapevoli di quanto spesso Carta di Treviso e Codici di autoregolamentazione siano stati fin qui aggirati o irrisi in un crogiuolo di voci e immagini che con l alibi dell approfondimento sono diventati spettacolo noir. 1 Queste considerazioni mi pare assumano rilevanza determinante se si considerano i dati della ricerca Eurispes-Telefono Azzurro, raccolti nel 10 Rapporto Nazionale sulla Condizione dell Infanzia e dell Adolescenza, che segnalano come i telegiornali siano seguiti dai minori più di quanto si pensi: l analisi indica ad esempio che quasi un 1 Neirotti M., Basta accanirsi su Yara - I genitori contro i media, La Stampa, 3 aprile 2011, p.17. 5

6 quinto dei bambini tra i 7 e gli 11 anni sono rimasti impressionati dalle immagini di violenza trasmesse dai notiziari. 2 Perciò l elemento interessante della ricerca sintetizzata nella pagine seguenti è il fatto di scoprire che, al di là di una sostanziale correttezza regolamentare, affiora comunque il rischio di un tradimento, ovvero un immagine del minore quasi sempre comunicata secondo logiche più attente a colpire emotivamente il telespettatore che ad offrire utili occasioni di approfondimento intorno alla condizione reale e quotidiana dell infanzia e dell adolescenza. Si svela dunque all interno del processo di newsmaking l attenzione rivolta all audience e, al contempo, la disattenzione per il contenuto e i protagonisti dell evento. Così facendo si comunicano bambini, fanciulli e ragazzi la stessa parola minore mi sembra di per sé contraddittoria per chi voglia accreditare giovani donne e uomini come paritari soggetti di diritto, portatori di saperi e competenze non per quello che sono, ma per come vengono letti attraverso lenti adulte, con il risultato che l immagine che ne risulta è estremamente depauperata. Tutto ciò non sorprende se si pensa che ancora oggi, nella cosiddetta società dell immagine, sono in genere molto scarse le testimonianze relative al mondo dell infanzia e ancor meno quelle in grado di rendere visibili e analizzabili vissuti, accadimenti quotidiani, intelligenze e competenze di bambini e ragazzi. Proprio questo, in conclusione, mi pare il punto di attenzione e di rilancio che il presente studio riesce a sollevare, con un evidenza che mi auguro possa stimolare nuove soluzioni nelle scelte comunicative degli operatori dell informazione e di tutti coloro disposti a perdere un po di tempo per cercare davvero il modo di raccontare l infanzia e l adolescenza. Arianna Alberici Componente CORECOM Emilia-Romagna 2 Eurispes, Telefono Azzurro, 10 Rapporto azionale sulla Condizione dell Infanzia e dell Adolescenza, Eurilink, Roma, 2009, p

7 I TRODUZIO E Approfitto dello spazio che il CORECOM mi ha affidato per proporvi alcune riflessioni e osservazioni nate dal lavoro con i ragazzi e le ragazze. Da tredici anni Zaffiria incontra circa studenti ogni anno e il tema dell informazione d attualità è spesso oggetto di lavoro. Quali sono le notizie che li colpiscono di più? Sicuramente al primo posto devo citare le notizie di cronaca che riguardano la loro fascia d età. Yara, durante questo anno scolastico, è stata la notizia che i ragazzi hanno menzionato con maggior coinvolgimento. Perché aveva la loro età, perché faceva una vita normale, perché semplicemente andava in palestra, nel suo paese. E facile capire come scatti l immedesimazione e anche la paura. Ad alzata di mano, tutte le ragazzine incontrate, mi hanno confidato che un po di paura è venuta anche a loro: perché d inverno fa buio presto e non ci pensi che possa succederti qualcosa. Parlavano riferendosi alle loro vite, prova concreta di come quello che ascoltano e vedono in tv influenza la loro quotidianità. Poi ci sono le violenze in famiglia: ogni volta che un genitore o una persona cara è responsabile di violenza su un loro coetaneo questo li turba profondamente. La famiglia deve saper e poter proteggere, questo è quello che dicono i ragazzi. E il resto del mondo, semmai, da tenere a bada. Le notizie di cronaca che parlano di orchi con le pantofole di casa spaventano da morire. Anche quando sono successe anni fa: nei lavori di gruppo nei quali emergono le notizie che li hanno colpiti di più ascolto il racconto di notizie di cronaca datate ma che sembrano ri-attualizzate dalle emozioni provate dai ragazzi. Dalla cronaca locale arrivano tanti spunti per raccontarsi: Ho scelto una foto di un ragazzo caduto con il motorino: anch io ne vorrei uno ma ammetto di aver paura di cadere. E non è solo la cronaca ad occupare i loro interessi: notizie sull ambiente (merito dei tanti progetti scolastici?), sulle tecnologie, sullo sport e la moda sono quelle gettonate per un informazione rilassante e piacevole. La politica non la citiamo neppure. Gli adulti non sembrano uscire bene dall informazione d attualità: quando fanno i politici sono vittima di zapping (se possibile) o di improvvisa sordità, quando gestiscono i grandi temi del mondo lasciano i ragazzi 7

8 con la sensazione di non avere un progetto per il futuro. Disastri ambientali e guerre raccontano a bambini e adolescenti di un mondo in cui le sfide sono davvero grandi e spesso le notizie di un Tg non li aiutano a comprenderlo meglio. Vuoto totale anche per quello che riguarda la Carta di Treviso: i diretti interessati non sanno che ci sono protocolli d intesa che mirano a preservare il loro diritto ad una crescita serena anche a costo di mediare con il diritto di cronaca. Li sorprende scoprirlo e spontaneamente parte il dibattito sulle notizie nelle quali è stata oppure no rispettata la carta. L ultima riflessione: l accesso all informazione d attualità passa per la televisione. Scoprono le notizie del mondo guardando i telegiornali, nazionali e locali. Questo a testimonianza dell importanza di vigilare su questo genere che rappresenta davvero la loro porta di accesso all attualità. I giornali entrano in poche case e internet non viene considerato un mezzo per informarsi sull attualità. I siti dei principali quotidiani nella quasi totalità dei casi li scoprono durante l attività educativa. Per questo motivo è fondamentale l attività di monitoraggio realizzata dal CORECOM: su quei Tg si modella, prende forma l idea del mondo che li circonda e nel quale vivono. E su alcune di quelle notizie che si innestano paure che si riassorbono nel corso di settimane, ma che lasciano il segno anche anni dopo. Alessandra Falconi Presidente Centro permanente per l educazione ai media Zaffiria 3 3 Per maggiori informazioni visitare il sito 8

9 CAPITOLO I LO SVILUPPO DELLE RETI SOCIALI: LA TELEVISIO E COME STATUS SYMBOL 1.1. Introduzione Si può senza dubbio affermare che la televisione sia uno tra i più accreditati diffusori della cultura di massa nel nostro paese, un microcosmo capace di catturare per lunghi momenti il tempo libero e i consumi culturali degli italiani. Ed è altrettanto indubbio che essa abbia sollevato più giudizi e problemi di qualsiasi altro medium della storia. Alla televisione va riconosciuto l importantissimo contributo di aver ridimensionato le differenze culturali fra diverse classi d età, aree geografiche e sociali assai distanti e, infine, per aver esteso notevolmente il nucleo dei valori condivisi dall insieme della comunità nazionale. Il mezzo televisivo, attraverso la sua capacità di unire enormi platee attorno ad eventi, in grado di educare, informare e catturare l attenzione di milioni di persone, è stato lo strumento di comunicazione di massa più efficace e discusso di tutti i tempi, anche a causa del suo potere di influenzare e modificare la realtà. Alla sua nascita, tuttavia, non sembrava che il nuovo mezzo potesse affermarsi in maniera tanto rapida e capillare, anche a causa dell enorme diffusione della radio. Nel 1939 il The ew York Times scriveva a tale proposito che la tv non sarà mai rivale della radio perché è un mezzo che obbliga la gente a tenere gli occhi fissi sul video, le persone in America non hanno abbastanza tempo per dedicarsi alla sua visione. 4 Mai affermazione fu più lontana dalla realtà. In breve tempo, il televisore divenne uno status symbol. Famiglie che avevano a disposizione scarsissime risorse finanziarie erano disposte a economizzare sui beni di prima necessità per poterne acquistare uno. È in quest ottica che molte persone di condizioni modeste iniziarono anche a utilizzare forme di pagamento dilazionato. 4 Pulcini E., Click tv, come Internet e il Digitale cambieranno la televisione, Franco Angeli, Milano, 2006, pag

10 Gradualmente, ma anche con una velocità senza precedenti, il televisore si è diffuso in modo capillare raggiungendo tutte le case al punto da risultare, al giorno d oggi, il medium più diffuso e più intensamente utilizzato per occupare il tempo libero, con il 92,1% di utenti complessivi, di cui il 27,3% che fruisce anche di quella satellitare e il 13,4% di quella digitale terrestre. 5 Esso, infatti, è in grado di soddisfare una forbice molto ampia di domande, che spaziano dall intrattenimento all informazione, dallo spettacolo alla cultura, dallo sport alla fiction. Il successo della televisione può essere imputato all altissimo grado di penetrazione e di assiduità nella fruizione, dovuti al fatto di avere una diffusione pressoché universale, sostanzialmente indipendente dalle variabili geografiche. Il bisogno comune di mezzi di comunicazione affidabili per la copertura di grandi distanze è cresciuto, infatti, parallelamente all aumento della complessità sociale. Fino a quando le attività umane rimasero prerogativa di un piccolo gruppo che si muoveva entro spazi limitati o rimaneva fermo in un villaggio, la potenza della voce umana o un uomo capace di coprire di corsa una certa distanza furono mezzi sufficienti per risolvere i problemi di comunicazione. Tuttavia, quando furono inventate organizzazioni sociali complesse per scopi militari, commerciali o di governo, questi gruppi si trovarono ad affrontare continuamente la questione di coordinare le loro attività senza avere un metodo veramente affidabile per trasmettere informazioni velocemente a distanze notevoli La televisione come agenzia di socializzazione Si può affermare con sicurezza che la televisione svolga sull audience diverse funzioni di tipo sociale. James Lull distingue gli usi sociali della tv in strutturali e relazionali. 6 I primi sono a loro volta suddivisi in usi strutturali ambientali (che si caratterizzano dalla creazione di un flusso di rumore di fondo, che garantisce una fonte di divertimento per la famiglia) e usi strutturali 5 XXXXI Rapporto Annuale del Censis, estratto riportato su 6 Lull J., In famiglia, davanti alla TV, Meltemi, Roma, 2003, pag

11 regolativi (caratterizzati dalla strutturazione della giornata e delle attività della famiglia in funzione degli appuntamenti televisivi e dall incidenza sui modelli di conversazione). Gli usi relazionali della televisione, in altre parole i modi attraverso quali i membri dell audience usano la televisione per creare accordi pratici sociali, si distinguono in quattro tipi: il primo uso consiste nel facilitare la comunicazione; il secondo nel creare un maggiore senso di appartenenza a chi guarda la tv, in modo da facilitarne anche le relazioni interpersonali; il terzo fa riferimento al suo essere un mezzo di apprendimento sociale per moltissimi aspetti della vita quotidiana; il quarto, infine, permette di dimostrare competenze e di attuare forme di dominio attraverso le modalità prescelte di ricoprire certi ruoli all interno della famiglia. I mass media dunque, e tra essi la tv in particolar modo, rappresentano una delle agenzie di socializzazione più influente nella vita delle persone, preceduta solamente dalla famiglia e dalla scuola. Essi, svolgono una funzione di primo piano nel costruire le rappresentazioni e i ruoli degli appartenenti di una determinata società, veicolando modelli di comportamento e valori di riferimento. 7 Che cosa significa l espressione agenzia di socializzazione? Col termine socializzazione intendiamo l'apprendimento di valori, norme, modelli culturali da parte dei membri di una collettività, che non solo vengono conosciuti, ma anche interiorizzati, così che la maggior parte dei desideri, delle aspettative e dei bisogni vi si conformano e gli individui percepiscono come "naturale" adottare certe scelte piuttosto che altre. Un tempo i due tradizionali enti di socializzazione erano, come detto in precedenza, la famiglia e la scuola, ma nella nostra società non si può ignorare l'importanza sempre maggiore che acquisiscono le comunicazioni di massa nella costruzione di rapporti sociali tra le varie generazioni. La socializzazione prodotta dai media agisce su due livelli: da un lato essi sono un potente mezzo di socializzazione primaria, in quanto forniscono ai bambini una serie di valori, ruoli, atteggiamenti, competenze e modelli precedentemente forniti esclusivamente dalla 7 Parola A. (a cura di), Le trappole del verosimile. TV dei ragazzi e qualità: analisi e proposte, Franco Angeli, Milano, 2009, pag

12 famiglia, dalla comunità o dalla scuola, ponendosi dunque come degli agenti paralleli di socializzazione. Dall altro lato essi svolgono una funzione di socializzazione secondaria, poiché forniscono informazioni e intrattenimento attraverso i quali le persone accrescono la propria consapevolezza sulla realtà sociale e allargano la sfera delle proprie conoscenze. A questo processo si sviluppa parallelamente quello d inculturazione, che consente di fare un ulteriore passo in avanti, assimilando la cultura del gruppo di appartenenza durante il processo di socializzazione dell individuo. 8 Al suo arrivo nel nostro paese, il televisore si è dovuto scontrare con la ritrosia e l ostilità dimostrate dagli intellettuali e dai pensatori dell epoca, che hanno esercitato una forte resistenza verso il nuovo mezzo, circondato da un clima di sfiducia e di pessimismo. Pier Paolo Pasolini fu uno dei primi a rendersi conto dei reali effetti del piccolo schermo sugli spettatori, intuendo i cambiamenti sociali e culturali prodotti dalla massificazione televisiva. Si accorse che tutti i giovani di borgata avevano iniziato a vestire, comportarsi, pensare in modo analogo. Se prima di allora si poteva distinguere un proletario da un borghese, oppure un comunista da un fascista, già agli inizi degli anni Settanta ciò non era più possibile in quanto l'omologazione sociale in Italia si stava allargando a macchia d'olio. 9 Pasolini chiamò questi fenomeni mutazione antropologica, prendendo a prestito il termine dalla biologia. In biologia la mutazione genetica è determinata prima dalla variazione e poi dalla fissazione. Nel caso della "mutazione antropologica" la variazione delle mode e dei desideri della collettività è decisa prima nei consigli d'amministrazione delle reti televisive nazionali e poi viene fissata nelle menti dei telespettatori tramite messaggi subliminali e pubblicità. Scrive ancora Beniamino Placido in un articolo pubblicato su la Repubblica il 13 maggio 1989: Quando la televisione arrivò e si affermò, mi ammalai della stessa malattia contagiosa di cui si ammalarono tutti quelli come me, allora: il misoneismo. Ovvero: l odio, la diffidenza per le cose nuove. Una epidemia che si ripresenta, puntualissima, ad ogni nuova invenzione, nella comunicazione di 8 Ibidem, pag Amato N., TV e cambiamenti sociali. Come cambiano gli utenti,

13 massa. [ ] Si dice che l invenzione di prima, quella sì che era buona e propizia allo spirito. Mentre l ultima invenzione, per esempio la televisione, porterà con sé la fine del mondo. 10 Educare e non intrattenere era il primo obiettivo da raggiungere. In Italia, questa strada fu intrapresa dalla RAI, la società concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo italiano. Lo scenario che si aveva di fronte al termine del secondo conflitto mondiale, vedeva un paese ancora agricolo, analfabeta e in condizioni economiche disastrose. Si cercò dunque di sfruttare la comunicazione all interno di un più ampio progetto pedagogico. Fu la televisione a unificare l intera nazione sotto una lingua comune, ricoprendo il ruolo di principale agente di socializzazione e di democratizzazione. Infatti, la televisione s inserì in quel percorso di rinnovamento e di ristrutturazione di una società che stava passando dalla condizione agricola a quella industriale e promosse un processo di unificazione culturale, innanzitutto nel linguaggio parlato. Un ligure con un siciliano non si capivano: avevano bisogno di un interprete se erano persone non dotate di cultura o di un livello di scolarizzazione superiore (scuola media o università). All incirca in dieci anni, dal 1954 al 1964, la TV fornì agli italiani i mezzi per parlare tutti la stessa lingua. 11 Celeberrima è la trasmissione del 1960 on è mai troppo tardi, un programma d insegnamento elementare condotto dal maestro Alberto Manzi e che, è stato stimato, avrebbe aiutato quasi un milione e mezzo di adulti a conseguire la licenza elementare 12. In Storia della televisione italiana, Aldo Grasso e Umberto Eco paragonano l avvento del nuovo apparecchio alla Divina Commedia di Dante Alighieri e alla spedizione dei Mille guidata da Giuseppe Garibaldi. Infatti, così come Dante aveva contribuito a diffondere una 10 Placido B., Lo confesso, Vostro Onore, la guardo e ne godo, in la Repubblica, 13 maggio L estratto dell articolo è contenuto all interno dell introduzione di Grasso A., Storia della televisione italiana, Garzanti, Milano, 1992, pagg Bernabei E., La nascita della televisione tra informazione e spettacolo, in Morcellini M. (a cura di), Società e industria culturale in Italia, Meltemi, Roma, 1998, pag Per celebrare la figura del Maestro Manzi, l Assemblea legislativa e la Giunta della Regione Emilia-Romagna, insieme al Ministero dell'istruzione, dell'università e Ricerca, al Dipartimento di Scienze dell'educazione dell'università degli Studi di Bologna e la Rai, hanno dato vita al Centro Alberto Manzi, che ha lo scopo di valorizzare e far conoscere il suo lavoro, in veste di educatore, scrittore e autore di programmi radio-televisivi. 13

14 lingua unitaria, comprensibile a tutti, in sostituzione del latino e Garibaldi aveva dato all Italia quell unità politica e strutturale vanamente inseguita per diversi secoli, allo stesso modo, la televisione ha unificato linguisticamente la penisola, là dove non vi era riuscita la scuola. Certo non l ha unificata con la lingua di Dante, bensì con quella di Mike Bongiorno, del Festival di Sanremo e del telegiornale. 13 Il caso italiano conferma la sostanziale correttezza dell ipotesi di Gerbner sul rapporto tra sistema televisivo e realtà. Questa, meglio conosciuta come teoria della coltivazione a causa del carattere graduale e cumulativo che presenta, afferma che la televisione dell era pedagogica ha prodotto un enorme anticipazione cognitiva, una vera e propria coltivazione di modelli socio-culturali, rivelandosi capace di costruire la realtà sociale dei suoi spettatori, tutti fondamentalmente poco competenti rispetto al mezzo e alle dinamiche comunicative che sono istituite. 14 Attraverso un processo suddivisibile in diverse fasi, la televisione coltiva immagini del reale, produce acculturazione e sedimenta sistemi di credenze, rappresentazioni mentali e atteggiamenti. 15 Quindi, il pubblico sarebbe portato ad adottare opinioni e immagini della realtà conformi alla visione che ne hanno tramite i mass media. Vediamo ora quali sono gli effetti che il mezzo televisivo produce sui telespettatori più piccoli Una finestra per guardare il mondo Abbiamo precedentemente affermato come i mezzi di comunicazione di massa dispongano della capacità di rivolgersi a molteplici individui, alle masse appunto, e di mediare la realtà che in essi viene rappresentata o la società stessa in cui viviamo. Quali sono i motivi per cui i mass media svolgono un ruolo tanto importante? Un primo motivo può essere ricondotto al fatto che i bambini ma, soprattutto, i ragazzi trascorrano il loro tempo libero in compagnia 13 Grasso A., Storia della televisione italiana, Garzanti, Milano, 1992, pag Wolf M., Gli effetti sociali dei media, Milano, Bompiani, 2000, pag Ibidem, pag

15 della televisione piuttosto che con i genitori, gli amici o le altre agenzia di socializzazione come, ad esempio, la scuola. Un secondo motivo può essere invece addotto alle caratteristiche intrinseche dei mezzi di comunicazione di massa. Si definisce medium il mezzo che si interpone tra persone in comunicazione [ ]. E la comunicazione uno-molti è uno dei requisiti indispensabili per la socializzazione: pertanto i minori acquisiscono quotidianamente informazioni non direttamente da figure significative del loro ambiente di vita, bensì dai media. 16 Infine, una terza ragione è legata alle ricadute socio-economiche che sottostanno all industria mediale. Alla luce del forte impatto esercitato sulle capacità critiche dei telespettatori più giovani, si può osservare come attraverso la fruizione di contenuti mediali, i minori possano essere influenzati in maniera determinante nella costruzione della propria identità. La televisione, infatti, presenta una grande varietà di personaggi che, soprattutto nel periodo adolescenziale, possono essere presi a esempio e diventare veri e propri modelli da imitare, veicolando specifici valori e determinati stili di vita che contribuiscono a plasmare la loro personalità futura. Questo avviene poiché i giovani tendono a mescolare i diversi schemi comportamentali presentati dalle varie agenzie di socializzazione e a fare propri quelli che più ricorrono nella loro quotidianità e che sentono più vicini al loro modo di essere e di pensare. Vi è quindi una proposta da parte dei mass media e una possibile appropriazione di tale proposta da parte dell adolescente. Ovviamente tanto più l adolescente utilizza i mass media come fonte di sapere, di intrattenimento, di luogo di interazione, tanto più è possibile che tale appropriazione si realizzi. 17 Le variabili che interagiscono con la fruizione del messaggio televisivo da parte dei bambini sono due. Da una parte abbiamo le variabili soggettive, cioè quelle che si riferiscono alle caratteristiche del telespettatore come, ad esempio, l età, la situazione socio-culturale di appartenenza, il quoziente intellettivo, l esperienza televisiva pregressa. Dall altra parte, invece, le variabili oggettive sono strettamente legate ai contenuti e alle tecniche televisive che vengono 16 Parola A., op. cit., pag Ibidem, pag

16 utilizzate, soprattutto se particolarmente in grado di coinvolgere lo spettatore da un punto di vista emotivo. Altre variabili poi si aggiungono a queste e riguardano il contesto familiare all interno del quale avviene la fruizione. La posizione dell apparecchio all interno della casa, le regole, le modalità e i tempi di utilizzo, i programmi o la mediazione della famiglia possono influenzare e modificare notevolmente il rapporto tra il bambino e la tv, nel processo di mediazione e costruzione della realtà. Dunque, i bambini guardano la televisione come se fossero affacciati a un enorme finestra e cercano di capire attraverso di essa la realtà che li circonda. Una realtà fatta di situazioni, personaggi e vicende che racchiudono una grande potenzialità cognitiva e relazionale ma anche, a volte, molto pericolosa. Quali sono, nello specifico, queste potenzialità e questi pericoli? Una nuova baby sitter Uno dei maggiori pericoli derivanti dall utilizzo della televisione da parte dei minori è legato alla sovraesposizione. Per molti bambini è l amico con il quale giocare, i genitori la considerano una comoda baby sitter [ ]: la televisione rende infantili gli adulti e precocemente adulti i bambini. 18 Un affermazione preoccupante se si considera che in Italia i ragazzi passano davanti a essa 2,24 ore al giorno 19, mentre negli Stati Uniti ogni bambino vede ore di tv l anno, ovvero oltre spot, riuscendo a ricordare, prima ancora di cominciare le elementari, il nome di duecento marche. 20 Nel nostro paese la televisione è il medium maggiormente utilizzato da bambini e adolescenti. Solamente il 4% dei bambini e il 3,1% degli 18 Trombetti C., La TV: buona baby sitter o cattiva maestra?, in insalute, periodico d informazione de la Provincia di Como e Lecco, febbraio 2004, pagg. 2-3, 19 Arcidiacono E., La Pietra L., Turrioni M., Una Tv formato Internet, in Famiglia Cristiana, agosto 2010, pag Mismetti Capua C., Arriva la tv per neonati, farà da baby sitter, in la Repubblica, 13 maggio 2006, 16

17 adolescenti non la guardano mai, a fronte dell 8,1% e del 9,1% che la guardano per più di quattro ore al giorno. 21 Le trasmissioni televisive presentavano inizialmente un carattere pedagogico e mostravano la volontà di educare il pubblico di giovani telespettatori. La più nota iniziativa al fine di utilizzare la televisione come strumento nell interesse del bambino risale alla fine degli anni Sessanta e ha luogo negli Stati Uniti. Nel 1969, infatti, fu creato il Children s Television Workshop, un ente che diede vita alla serie televisiva Sesame Street, il quale perseguiva l obiettivo di insegnare a leggere ai bambini in età prescolare. Il tutto era fondato su un lavoro d equipe e, nonostante le sue buone intenzioni, suscitò un lungo strascico di polemiche, soprattutto in quei paesi che, a differenza degli Stati Uniti, non volevano considerare i bambini come prodotti commerciali. Tuttavia, questo programma può vantare numerosi tentativi d imitazione, in quasi tutti i paesi europei. Un altro fattore che incide sul tempo che i bambini passano seduti davanti al televisore riguarda la scomparsa della famiglia patriarcale, la quale è stata sostituita dalla famiglia moderna, composta nella maggior parte da padre, madre e figlio. In questi casi, è proprio la televisione a fare compagnia ai bambini, dato che le madri dedicano gran parte del loro tempo ad attività lavorative. Oramai, anche le campagne promozionali sono pensate e ritagliate in funzione di un audience per lo più infantile, in quanto oltre il 60% dei genitori chiede ai figli consigli per l acquisto d un cellulare, e il 30% per l auto. 22 Come a dire che l enorme potere di cui gode la televisione sia sottoposto unicamente al controllo delle logiche economiche e commerciali [ ]. La rappresentazione del mondo che viene offerta a un bambino non ha finalità educative, ma solo commerciali, quindi utilizza i codici emotivi unicamente per catturare l attenzione dello spettatore, con una finalità ben diversa da quella di insegnare a regolare i propri comportamenti. [ ] I tempi veloci sono dettati dall esigenza di tenere il maggior numero di telespettatori incollati davanti al piccolo schermo [ ] Eurispes, Telefono Azzurro, 10 Rapporto azionale sulla Condizione dell Infanzia e dell Adolescenza, Eurilink, Roma, 2009, pag. 651 e pag Ibidem, pag Trombetti C., op. cit., pag

18 Un problema, questo, che può essere arginato in minima parte educando per primi gli adulti. Siamo noi i primi a cadere nella trappola e a prendere sul serio tutto quello che dice la tivù [ ]. Sono i genitori a doversi meritare l amore dei propri bimbi anche aiutandoli con pazienza e affetto a imparare il linguaggio della tivù, per aprirsi, con misurato disincanto, al mondo quotidiano dove le fiabe sono molto più rare. 24 E poi, successivamente, anche i bambini. Anche a livello scolastico, secondo Caprettini, sarebbe opportuno inserire all interno dei programmi didattici una vera e propria educazione ai media, in modo tale da poter studiare, capire e apprendere i linguaggi, le forme e le espressioni del mezzo televisivo. La formazione di un proprio bagaglio di conoscenze tecniche è indispensabile al fine di farne un uso più critico e responsabile, di modo che la televisione diventi una fonte di aggregazione e di socializzazione familiare e non uno strumento da demonizzare Una Tv troppo violenta? Un altro grave problema causato dalla televisione moderna consiste nella violenza che continuamente propone ai bambini. Una delle più celebri analisi sugli effetti della tv sugli spettatori è stata elaborata da Karl Popper, in Cattiva maestra televisione. L autore, analizzando i contenuti dei programmi, sostiene che un eccessiva esposizione al mezzo televisivo, possa contribuire a un incremento della violenza nella società e in particolare tra i giovani. A sostegno della sua tesi, Popper individua alcuni degli effetti che la continua fruizione di spettacoli violenti rischia di causare in una mente ancora in fase di formazione come quella del bambino: 1. una difficoltà costante a tenere separata la realtà dalla finzione poiché spesso non è presente nessun adulto che affianchi e spieghi ai bambini ciò che stanno vedendo; 2. la disumanizzazione orientata sul soggetto: di fronte a dosi molto elevate di violenza potrebbe causare nel bambino una mancanza di comprensione della sofferenza delle persone; 24 Caprettini G. P., Tutta colpa della tivù. I vizi (e le virtù) della nostra, quotidiana «piazza universale», Donzelli editore, Roma, 2004, pagg

19 3. la disumanizzazione orientata sull'oggetto: il bambino potrebbe iniziare a pensare che le altre persone siano in fondo paragonabili ad oggetti, portandolo a pensare che siano cose piuttosto che esseri umani; 4. conseguentemente ai primi tre punti una televisione troppo violenta potrebbe scatenare nel tempo reazioni aggressive. 25 Il fatto che il mezzo televisivo veicoli una quantità eccessiva di contenuti violenti viene rilevato anche dall Osservatorio sui diritti dei minori, secondo il quale un bambino assiste mediamente in un giorno a dieci casi di violenza televisiva, tre dei quali si concludono con la morte. Sangue, botte, cadaveri sono disseminati ovunque e colpiscono profondamente l attenzione e l inconscio dei più piccoli che passano davanti allo schermo troppo tempo. 26 Secondo l indagine condotta da Eurispes e Telefono Azzurro, contenuti potenzialmente disturbanti per la sensibilità dei piccoli spettatori sono presenti anche all interno della fascia protetta, cioè quella che va dalle 16:00 alle 19:00. Tra le situazioni considerate più fastidiose da vedere in tv abbiamo le scene di sesso e/o nudo presenti in film e telefilm (62,5%), seguite da immagini di guerra e/o morte nei telegiornali (60,7%), da scene di violenza (57%) e dalle volgarità e parolacce (56,4%). Una percentuale molto elevata si dice infastidita anche per le scene in cui persone raccontano fatti intimi e privati (52,9%), mentre i litigi si trovano all ultimo posto (42,8%). 27 Il fatto che i bambini provino maggior fastidio e imbarazzo di fronte a scene di sesso o di nudismo, può essere spiegato dal fatto che sin da piccolissimi essi siano già in un qualche modo assuefatti alla violenza, mentre situazioni legate alla sfera sessuale urtano il loro senso del pudore. Discorso diverso deve invece essere fatto per gli adolescenti. Pochissimi tra loro sono infastiditi da scene di violenza (29,2%) o di nudo (26,9%). Il racconto di fatti intimi e privati è al contrario l aspetto che colpisce di più la sensibilità dei ragazzi (51,3%) precedendo le liti e le immagini di guerra e/o morte (entrambe al 46%). 28 Questo dimostra che, crescendo, gli adolescenti si abituano 25 Popper K., Cattiva maestra televisione, Marsilio Editori, Venezia, 2002, pagg Barbaglia P., Una tv da brividi, in Presenza dell Università Cattolica del Sacro Cuore, giugno-luglio 2003, n. 6, pagg Eurispes, Telefono Azzurro, op. cit., pag Ibidem, pag

20 alla violenza, riuscendo a entrare in contatto con essa senza particolari reazioni di fastidio. 20

21 CAPITOLO II DALLA CARTA DI TREVISO AL CODICE DI AUTOREGOLAME TAZIO E TV E MI ORI 2.1. Premessa Giunti a questo punto della nostra riflessione, è opportuno interrogarsi sulle regole che tutelano il pubblico dei minori e sulle condizioni che promuovono una programmazione di qualità a loro rivolta. Parola, infatti, si chiede: Ma quale tv fa bene ai bambini? Dalla legislazione corrente in materia di qualità possiamo desumere numerose definizioni in negativo ma non si propongono criteri per fare un buon programma. 29 Esistono quindi due approcci al problema, tra loro complementari: quello della tutela negativa e quello della promozione. Il primo mira soprattutto a definire l ambito di ciò che è vietato, il secondo a indicare una serie di interventi che dovrebbero essere messi in atto a favore del pubblico minorile. 30 Nel nostro sistema televisivo, il primo approccio è quello maggiormente seguito, come si evince dai palinsesti televisivi, soprattutto delle emittenze private, i quali presentano una scarsa o addirittura nulla programmazione pensata appositamente per bambini e ragazzi. Alla luce di questa osservazione, è necessario segnalare la compresenza di un principio di regolamentazione, espresso da Leggi dello Stato, che impone determinati comportamenti alle emittenti e un orientamento verso l autoregolamentazione, sviluppato dai soggetti che sono direttamente responsabili. Dal punto di vista normativo, il principio di regolamentazione presenta sostanzialmente un carattere negativo e generale. Gli strumenti a tutela negativa sono molto generici, e pongono un serio problema di definizioni e interpretazioni utili a individuare limiti e confini [ ]. Quando, al contrario, sono molto specifici, sono utili come retini per farfalle a chi va a caccia di elefanti: permettono di 29 Parola A., op. cit., pag Aroldi P., La TV risorsa educativa. Uno sguardo familiare sulla televisione, Edizioni San Paolo, Milano, 2004, pagg

22 riconoscere singole e puntuali violazioni ma, spesso, non riescono a incidere sulla prassi di programmazione di un intero genere televisivo o di una emittente. 31 Il tentativo di conciliare regolamentazione e promozione dei diritti dei minori in ambito televisivo è rappresentato da strumenti come la Carta di Treviso e il Codice di autoregolamentazione Tv e Minori. La prima costituisce un fondamentale documento deontologico che vincola tutti gli operatori dell informazione al rispetto della dignità e della privacy del minore coinvolto in fatti di cronaca. Il secondo disciplina differenti aspetti della programmazione televisiva, tra i quali la partecipazione dei minori alle trasmissioni, la pubblicità, i contenuti del palinsesto (in particolare all interno della fascia protetta ). Entrambi sanciscono il principio del minore come cittadino con diritti riconosciuti, che necessita di specifiche tutele per uno sviluppo equilibrato, e hanno contribuito ad incrementare la consapevolezza e la sensibilità dei professionisti in ambito televisivo La tutela dei minori nel mondo dell informazione: la Carta di Treviso La Carta di Treviso è un protocollo d intesa, varato nel 1990 dall Ordine dei Giornalisti e da FNSI, promosso tra gli altri da Telefono Azzurro e da Enti ed Istituzioni della Città di Treviso. Si tratta di un documento deontologico di autoregolamentazione, che stabilisce i principi etici e i comportamenti corretti che i professionisti dell informazione devono rispettare nello svolgimento della propria attività, al fine di proteggere i diritti dei minori, in particolare quando vengono trattate notizie che li riguardano. La Carta nacque in seguito ad alcuni fatti di cronaca dei primi anni Novanta, che coinvolgevano bambini e suscitarono scalpore a livello nazionale, generando un ampio dibattito riguardo alla tutela dell infanzia nell ambito dell informazione. In seguito, i principi stabiliti dalla Carta vennero ribaditi e rafforzati attraverso le direttive contenute nel Vademecum La stesura definitiva risale al 2006, quando, alla luce dei cambiamenti apportati dai nuovi media nel panorama dell informazione e degli scenari culturali e sociali 31 Ibidem, pag

23 dell Europa unita 32, si provvide ad integrare la Carta con un aggiornamento che, pur mantenendo validi gli stessi principi, adottava un lessico più adatto alla realtà contemporanea. Oltre che dalla Costituzione italiana e dalle Convenzioni europee sottoscritte in materia di tutela dei minori, la Carta di Treviso trae ispirazione soprattutto dalla Convenzione ONU del 1989 sui diritti del bambino, assumendone i principi a garanzia della riservatezza e dell armonico sviluppo delle personalità. 33 Il bambino viene concepito come un cittadino con diritti riconosciuti e inviolabili, ma anche come soggetto vulnerabile che, in quanto tale, va protetto da contenuti che possono nuocere al suo benessere e, al tempo stesso, va stimolato nell acquisizione di senso critico. Uno dei principi cardine della Carta di Treviso consiste nella limitazione del diritto di cronaca, qualora vada a ledere i diritti e la dignità del minore, la cui tutela assume una rilevanza prioritaria. In particolare, gli operatori dell informazione vengono vincolati nell esercizio della loro professione ad una serie di disposizioni, che prevedono in primo luogo la garanzia dell anonimato del minore, nel caso che sia coinvolto in fatti di cronaca, come autore, vittima o testimone. Si fa riferimento a episodi di pedofilia, abusi e altri reati in generale, ma anche a fatti senza rilevanza penale ma con forti implicazioni per l equilibrio psico-fisico, come suicidi, casi di affidamento ed adozione, figli con genitori in carcere. E vietata la pubblicazione di tutti gli elementi che possono permettere l identificazione del minore, come le generalità dei genitori, l indirizzo di casa o la scuola frequentata, foto, immagini, messaggi. La divulgazione di dati personali e di immagini è consentita nel caso avvenga nell interesse del bambino (ad esempio nel caso di sparizioni o rapimenti), ma tenendo conto del parere e dell assenso di genitori ed autorità competenti. Le norme disposte dalla Carta di Treviso sono inoltre indirizzate a proteggere i minori da eventuali strumentalizzazioni della loro immagine da parte degli adulti e ad evitare sensazionalismi e qualsiasi forma di speculazione. 34 E un aspetto che tocca sia il trattamento di notizie che riguardano i minori, sia la partecipazione 32 Premessa alla Carta di Treviso (www.odg.it/content/minori). 33 Carta di Treviso (www.odg.it/content/minori). 34 Ibidem, art

24 degli stessi a programmi o interviste lesivi del loro benessere ed equilibrato sviluppo. Tutti i dispositivi previsti dalla Carta vincolano non solo gli operatori della carta stampata o della tv, ma si applicano a forme di giornalismo legate alla rete o ad altre tecnologie, tenendo conto del carattere pervasivo dei nuovi mezzi di comunicazione, che offrono la possibilità di amplificare in modo esponenziale l accessibilità, la diffusione e la permanenza nel tempo delle informazioni. Il forte valore educativo della Carta risiede nel fatto che giornalisti e direttori non vengono solo sottoposti ad una serie di regole restrittive e di divieti, ma vengono responsabilizzati in quanto protagonisti di un processo di sviluppo della cultura dell informazione, basata sul dialogo coi lettori, e, nel caso di notizie che riguardano i minori, su elementi essenziali come il controllo delle fonti, il contributo di esperti, la predilezione di servizi firmati. L intento è quello di assicurare un approccio al problema dell infanzia che non si limiti all eccezionalità dei casi che fanno clamore, ma che approfondisca con inchieste, speciali, dibattiti la condizione del minore e le sue difficoltà, nella quotidianità. 35 L avvento della Carta di Treviso ha costituito senza dubbio un passo decisivo nella tutela dei diritti dell infanzia, contribuendo in maniera essenziale allo sviluppo di una maggiore sensibilità da parte dei professionisti dell informazione e ad una diminuzione progressiva dei casi di gravi violazioni. Alcuni recenti fatti di cronaca hanno dimostrato tuttavia che la spettacolarizzazione della sofferenza è una tendenza tutt altro che sopita, così come l enfatizzazione esasperata di storie drammatiche che riguardano bambini e adolescenti. L alta notiziabilità ottenuta da queste vicende e l accanimento anche nei dettagli più morbosi o indiscreti testimoniano la necessità di mettere in atto ulteriori azioni di sensibilizzazione e confronto sui principi previsti dalla Carta. 35 Ibidem, art

25 2.3. Bollino verde e fascia protetta per un palinsesto a misura di bambino: il Codice di autoregolamentazione Tv e Minori La legge n. 223 del 6 agosto 1990, conosciuta come Legge Mammì, disciplina il sistema radiotelevisivo e vuole proteggere i minori, indicando vari divieti per questo pubblico: pornografia, incitamento all odio, all intolleranza, al razzismo, all uso della violenza. L articolo 15, comma 10 vieta la trasmissione di programmi che possano nuocere allo sviluppo psichico o morale dei minori che contengono scene di violenza gratuita o pornografiche, che inducano ad atteggiamenti di intolleranza basati su differenze di razza sesso, religione o nazionalità. 36 Da qui si evince il principio fondamentale della corresponsabilità dell emittente nei confronti dello sviluppo della personalità dei piccoli telespettatori. Principio ripreso e ribadito successivamente dalla normativa europea, recepita in parte dalla Legge n. 249 del 31 luglio 1997 (Legge Maccanico), che introduce nel nostro ordinamento alcune norme relative alla limitazione della pubblicità, ma trascura altri aspetti più significativi, come l adozione di un sistema di segnalazione al pubblico dei programmi inadatti alla visione dei minori e la loro collocazione in fasce orarie particolari. 37 Il «Codice di regolamentazione convenzionale dei principi, delle norme e delle regole cui si attengono le televisioni commerciali ai fini di assicurare il rispetto dei diritti e delle esigenze di un armonioso sviluppo dei telespettatori in età evolutiva» risale al maggio del In questa occasione viene introdotto il concetto di fascia oraria protetta, ovverosia quella compresa tra le 16:00 e le 19:00. La cosiddetta segnaletica, invece, è del gennaio del 1994 e consiste nell accompagnamento di ogni programma di fiction con un segnale visivo che permetta l immediato riconoscimento di quelli adatti a tutti, di quelli che richiedono la presenza di adulti e di quelli la cui visione da parte di minori è sconsigliata in modo assoluto. Tutte queste iniziative confluiscono, nel novembre del 2002, nel Codice di autoregolamentazione Tv e Minori, che costituisce il punto di riferimento più recente per l intero sistema dell autoregolamentazione Aroldi. P., op. cit., pagg Ibidem, pag

26 Esso si basa su alcuni principi fondamentali: a) che l utenza televisiva è costituita [ ] anche da minori; b) che il bisogno del minore a uno sviluppo regolare e compiuto è un diritto riconosciuto dall ordinamento giuridico nazionale e internazionale [ ]; c) che la funzione educativa, che compete innanzitutto alla famiglia, deve essere agevolata dalla televisione [ ]; d) che il minore è un cittadino soggetto di diritti [ ]. 39 Il Codice, il cui primo principio è quello di migliorare ed elevare la qualità delle trasmissioni televisive destinate ai minori, 40 può essere interpretato come un segnale di una pubblica assunzione di responsabilità da parte dell intero sistema televisivo. 41 Ha l obiettivo, secondo la volontà delle emittenti private, nazionali e locali, di affiancare le famiglie e il pubblico più giovane durante la fruizione, da un lato per educare a un uso corretto e consapevole del mezzo televisivo mentre, dall altro per sensibilizzare i fornitori di contenuti alle esigenze stesse dei minori. Recepito dalla legge di sistema 112/04 a sua volta trasferita nel Decreto Legislativo 177/05 (il cosiddetto Testo Unico della Radiotelevisione) modificato dal Decreto Legislativo 15 marzo 2010, n. 44, il Codice ha assunto natura vincolante per tutte le emittenti, a prescindere che esse lo abbiano sottoscritto o meno. Per far sì che il Codice venga rispettato e che tutte le disposizioni in esso contenute siano applicate da tutte le emittenti, è stato istituito il Comitato per l applicazione del Codice di autoregolamentazione Media e Minori, uno dei pochi casi di controllo che ha avuto origine da un sistema autoregolamentato, successivamente affiancato da una co-regolamentazione legislativa statale. Si compone di quindici membri effettivi, in rappresentanza delle Emittenti che hanno sottoscritto il Codice, delle Istituzioni e degli utenti. Tra essi, viene nominato un Presidente, che è a sua volta coadiuvato da due vice-presidenti. Il Comitato è attualmente presieduto da Franco Mugerli Codice di autoregolamentazione Tv e minori, emanato il 29 novembre 2002 dal Ministero per le Telecomunicazioni. 40 Codice di Autoregolamentazione Tv e minori. 41 Aroldi P., op. cit., pag

27 L articolo 6.2 del Codice disciplina i poteri e le competenze del Comitato disponendo che, d ufficio o su denuncia dei soggetti interessati, verifica, con le modalità stabilite nel regolamento le violazioni del presente Codice. Qualora accerti la violazione del Codice adotta una risoluzione motivata e determinata, tenuto conto della gravità dell illecito, del comportamento pregresso dell emittente, dell ambito di diffusione del programma e della dimensione dell impresa, le modalità con le quali ne debba essere data notizia. 43 Il Comitato, nel caso in cui esistano le condizioni, può inoltre decidere di modificare o addirittura sospendere il programma o i programmi. Le sue delibere, accompagnate da una descrizione dettagliata in caso di violazione, sono successivamente trasferite per conoscenza all AGCOM la quale, se lo dovesse ritenere necessario, provvederà a irrogare eventuali sanzioni come il pagamento di una somma in denaro o, addirittura, la sospensione o la revoca della licenza o autorizzazione a trasmettere. Le volgarità, il mancato rispetto della dignità delle persone e le scene di violenza gratuita in film, fiction, talk e reality show, programmi d intrattenimento e informazione sono le infrazioni maggiormente rilevate. A livello locale, analoghe funzioni di controllo e vigilanza sul sistema delle comunicazioni in questo settore sono attribuite al CORECOM Emilia-Romagna istituito con Legge Regionale 1/ Il CORECOM effettua durante il corso dell anno cicli di monitoraggi a campione per verificare l eventuale presenza, all interno dei palinsesti delle reti regionali, di immagini che possano arrecare disturbo ai telespettatori più piccoli. Grande attenzione è riservata alla cosiddetta fascia protetta compresa tra le e le 19.00, in cui si presume che i bambini, seduti da soli davanti alla televisione, siano più vulnerabili. In linea con gli obiettivi dell AGCOM e del Comitato Media e Minori, che si propongono di mantenere alta l attenzione sulla qualità dell informazione rivolta a bambini e ragazzi, il CORECOM promuove la conoscenza del Codice stesso all interno delle scuole di 43 Codice di Autoregolamentazione Tv e minori. 44 Legge Regionale n. 1 del 30 gennaio 2001, Istituzione, organizzazione e funzionamento del Comitato regionale per le comunicazioni (CORECOM) e successive modifiche 27

28 ogni grado della Regione, svolgendo numerosi laboratori e attività di educazione ai media. 45 La Legge Regionale 14/2008 affida al Comitato Regionale per le Comunicazioni il compito di promuovere iniziative di formazione e di diffusione dei codici di autoregolamentazione per bambini e ragazzi. Così come previsto dall articolo 12, denominato Educazione ai media: 1. La Regione promuove l'educazione ai media quale fondamentale strumento per lo sviluppo del senso critico, della capacità di analisi dei messaggi e delle strategie comunicative, dell'uso creativo e consapevole delle potenzialità espressive proprie dei diversi soggetti della comunicazione e dei diversi media. A tal fine sostiene iniziative di ricerca e progetti di formazione rivolti alle giovani generazioni riguardanti l'educazione alla comprensione e all'uso dei linguaggi mediali, anche attraverso apposite convenzioni con centri studi, poli specialistici e università. 2. La Regione, attraverso il Comitato regionale per le comunicazioni (CORECOM) e il Garante per l'infanzia e l'adolescenza, promuove iniziative informative, formative, nonché protocolli volti alla diffusione di codici di autoregolamentazione in materia di comunicazione, stampa, trasmissioni radiotelevisive e internet in rapporto alla rappresentazione dei minori e ad iniziative di comunicazione e programmi radiotelevisivi loro rivolti. 3. La Regione e gli enti locali promuovono forme di confronto con il sistema dei mezzi d'informazione al fine di costruire stabili e continuative modalità di raccordo e dialogo per una corretta informazione dell'opinione pubblica sulla condizione e sui diritti dei bambini. 45 Tutti i progetti sono consultabili sul sito: 28

29 CAPITOLO III OTA METODOLOGICA 3.1. Oggetto di studio e obiettivi del monitoraggio Il rapporto tra i moderni mezzi di comunicazione di massa e i soggetti in età evolutiva ha assunto aspetti sempre più delicati e importanti nella società attuale, in considerazione soprattutto della presenza crescente della televisione nel processo di formazione e di educazione. Le abitudini, l organizzazione dei momenti della giornata, le stesse relazioni all interno dei nuclei familiari sono state cambiate in profondità dall esposizione ai media. Si consideri che citare solo le due ore e mezza al giorno passate mediamente davanti alla televisione da un bambino in età prescolare significa quasi ridurre la portata di tale cambiamento: è stato infatti calcolato che un ragazzo di undici anni ha già visto circa centomila spot pubblicitari 46, cifra d impatto che smaschera la conseguente influenza su gusti, consumi, scelte alimentari, eccetera, non solo dei minori interessati, bensì dell intera famiglia. Permane, naturalmente, una sostanziale differenza tra le agenzie educative propriamente dette (come la famiglia e la scuola) e i soggetti di produzione e di emissione di programmi televisivi i quali, pur non avendo il ruolo, i compiti e la responsabilità di un agenzia educativa strettamente intesa, tuttavia debbono e non possono non essere consapevoli di generare effetti educativi, di incidere sulla formazione e sull educazione del telespettatore in età evolutiva, specie per la trasmissione di valori e di modelli di comportamento. Il confronto con quella che è stata definita Teoria della Responsabilità sociale dei media 47 consente di avvalorale queste affermazioni, senza per questo voler intaccare le esigenze di libera espressione del pensiero o richiamare fantomatiche prassi di censura. Secondo tale approccio, proprietà e operatività dei media sono una forma di bene o responsabilità pubbliche, non solo orientate ai valori di una semplice impresa privata. Si consideri, inoltre, che la nuova valenza che ha assunto il diritto all informazione valorizza il ruolo del 46 Codeluppi V., Il potere del consumo, Bollati Boringhieri, Torino, McQuail D., Sociologia dei media, Il Mulino, Bologna,

30 destinatario dei messaggi, riconosciuto come portatore dell interesse a ricevere un prodotto informativo rispondente alle caratteristiche di trasparenza, pluralismo, imparzialità e completezza. Vi è quindi la consapevolezza dell incidenza dei media sull esercizio effettivo da parte dei cittadini delle libertà civili, economiche e sociali. Tale teoria si è espressa ed è stata applicata spesso sotto forma di codici di deontologia professionale giornalistica, declinati a seconda delle consuetudini e delle tradizioni culturali e giuridiche dei vari Paesi, nonché della sensibilità di chi li ha formulati (editori, giornalisti o organismi esterni). Nessuna deontologia professionale è stata possibile finché i determinismi mcluhaniani o adorniani annullavano la libertà del comunicatore in un determinismo mistico o politico. Se, invece, i mass-media sono considerati solo strumenti, utili o nocivi a seconda del loro uso, una fondata deontologia del comunicatore appare possibile. Nel caso italiano, la maggior parte dei codici si concentra su materie attinenti all offerta di informazioni attendibili e cerca di evitare travisamenti, occultamenti, preconcetti, sensazionalismi e violazioni della privacy. La tutela dei minori è un altro aspetto della responsabilità sociale che si cerca di tutelare attraverso l accordo di tutti i soggetti portatori di interessi su codici deontologici di autoregolamentazione ad hoc. La vigilanza passiva (su segnalazione) e attiva (con apposito monitoraggio) che i Comitati Regionali per le Comunicazioni esercitano a livello locale su delega della Autorità Nazionale costituisce esempio delle necessità di controllo sull effettivo funzionamento di tali codici. Come premesso, la Carta di Treviso e il Codice di autoregolamentazione Tv e Minori sono un esempio di strategia e azione condivisa tra più soggetti per garantire un controllo sulla attività dei mezzi di comunicazione di massa, in particolare sulla televisione. Il monitoraggio Il bambino che non c è: la rappresentazione dei minori nei tg locali consente di mostrare quanta attenzione possa circondare l attività dei media e come una mobilitazione sociale possa interferire con le politiche editoriali e di impresa per evocare il rispetto di esigenze culturali ed educative, accettate e fatte proprie poi dalle emittenti. Questo studio è in linea con l intensa attività di vigilanza che il CORECOM porta avanti dal

31 Gli obiettivi del monitoraggio possono così essere sintetizzati: analizzare la rappresentazione che i telegiornali locali del nostro territorio danno dei minori; verificare la presenza di eventuali elementi di spettacolarizzazione della notizia attraverso l utilizzo dell immagine dei minori; esaminare il linguaggio giornalistico e gli stili usati nelle notizie che coinvolgono bambini e/o adolescenti, per individuare possibili violazioni rispetto alla Carta di Treviso e del Codice di autoregolamentazione Tv e Minori Il campione L analisi è stata condotta sulle edizioni giorno e sera dei telegiornali trasmessi dal 9 al 18 dicembre 2009 e dal 10 al 19 maggio Nel primo periodo sono stati analizzati e visionati 100 edizioni di telegiornali, nel secondo periodo 88, per un totale di 188 telegiornali. Per la costruzione dell universo di riferimento si è optato per il campione probabilistico : una tipologia di campione che consente di estendere i risultati con un certo livello di fiducia (detto anche livello di confidenza ) alla popolazione. All interno del campione probabilistico si è scelto il criterio di campionamento casuale, ossia una selezione creata da un universo al cui interno ogni singola unità ha la stessa probabilità di un altra di essere estratta. Con l ausilio di una tavola casuale dei numeri, e avendo ex ante assegnato ad ogni emittente presente nella graduatoria stilata dal CORECOM ai sensi del decreto del Ministero delle Comunicazioni 5 novembre 2004 n. 292 un numero d ordine, si è proceduto all estrazione del campione. Sono rientrate 6 emittenti (pari al 25%) 48, di cui 4 presenti in entrambi i periodi: Nuova Rete, Tele 1, E TV Rete 7, Telesanterno. I problemi 48 Parametro minimo per la costruzione del campione individuato dall Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni nel Manuale di procedure operative. 31

32 tecnici riscontrati, legati alla cattiva ricezione del segnale audio-video, ci hanno obbligato a fare un ulteriore estrazione casuale. Fanno quindi parte del primo periodo di analisi Teleducato Parma e Teleromagna, del secondo Rai Tre regionale e Telestudio Modena Lo strumento di rilevazione Visti gli obiettivi dell indagine e la definizione dell universo di riferimento, sono state raccolte informazioni rispetto a quattro aree. Quella rappresentata dalle caratteristiche strutturali dell unità d analisi: emittente, orario di inizio e di fine, edizione giorno o sera; la copertura tematica della notizia cioè l ambito entro cui è inserito e l argomento trattato; in terzo luogo lo stile di trattazione della notizia, del fenomeno o dell argomento; infine, il tempo di parola, di notizia e di antenna 49 complessivamente dedicato ai minori. Per la rilevazione delle aree individuate è stata costruita un apposita scheda di monitoraggio, che viene allegata nella sua versione definitiva. La scheda si caratterizza per una parte generale, per la presenza di quattordici domande chiuse (argomento, soggetti della notizia, struttura della notizia, presenza della notizia nel sommario, notizie complessive del Tg, presenza di scene brutali o crude, gerarchia delle notizie 50, presenza di valori positivi, corrispondenza testo/immagini, discriminazione, episodi di violenza, se sì sono, minori in contesti di conflitti familiari, elementi che identificano i minori,) e una aperta, per una sintetica descrizione della notizia. E stata, infine, inserita la rilevazione dei tempi. Sono state complessivamente compilate ed analizzate 259 schede di cui 136 nel mese di dicembre 2009 e 123 nel mese di maggio così distribuite: 49 Il tempo di parola è il tempo che il soggetto della notizia parla direttamente in voce; il tempo di notizia è il tempo dedicato dai telegiornali a ciascun soggetto della notizia; il tempo di antenna è quello risultante dalla somma dei due precedenti. Tale distinzione è tratta dalle indicazioni date dal Manuale di procedure operative dell Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni. 50 Calabrese O. e Volli U., I telegiornali. Istruzioni per l uso, Editori Laterza, Roma-Bari,

33 Tabella Schede di rilevazione, I periodo di analisi (9-18 dicembre 2009) EMITTE TE. EDIZIO I MO ITORATE TOT. TEMPO TG MO ITORATI. SCHEDE COMPILATE. OTIZIE SUI MI ORI E'TV Rete Nuova Rete Tele Telesanterno Teleducato Parma Teleromagna Tabella Schede di rilevazione, II periodo di analisi (10-19 maggio 2010) EMITTE TE. EDIZIO I TG MO ITORATE TOT. TEMPO TG MO ITORATI. SCHEDE COMPILATE. OTIZIE SUI MI ORI E'TV Rete Nuova Rete Tele Telesanterno Telestudio Modena Rai Tre Regionale La scheda è stata preventivamente testata su un gruppo di telegiornali scelti casualmente; operazione questa che ci ha consentito di portare alcune piccole modifiche nell impostazione di alcuni items. I dati raccolti sono stati registrati in un foglio elettronico, elaborati con un software di calcolo e, infine, sintetizzati in tabelle e grafici. 33

34 34

Codice di autoregolamentazione Tv e minori

Codice di autoregolamentazione Tv e minori PREMESSA Le Imprese televisive pubbliche e private e le emittenti televisive aderenti alle associazioni firmatarie (d ora in poi indicate come imprese televisive) considerano: a) che l utenza televisiva

Dettagli

COMPOSIZIONE E REGOLAMENTO DEL COMITATO NAZIONALE DI GARANZIA

COMPOSIZIONE E REGOLAMENTO DEL COMITATO NAZIONALE DI GARANZIA Carte deontologiche - La Carta di Treviso La Carta di Treviso La Carta di Treviso è il documento che impegna i giornalisti italiani a norme di comportamenti deontologicamente corrette nei confronti dei

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Dichiarazione dei diritti dell uomo

Dichiarazione dei diritti dell uomo Dichiarazione dei diritti dell uomo Politica dei diritti sul posto di lavoro Per noi è importante il rapporto che abbiamo con i nostri dipendenti. Il successo della nostra azienda dipende da ogni singolo

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli