Orientamenti metodologici per i percorsi di preparazione al sacramento del matrimonio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Orientamenti metodologici per i percorsi di preparazione al sacramento del matrimonio"

Transcript

1

2

3 ARCIDIOCESI DI PESCARA - PENNE Ufficio di Pastorale Familiare Orientamenti metodologici per i percorsi di preparazione al sacramento del matrimonio «È tempo di grazia. Il fidanzamento, infatti, trae forza dal battesimo e dalla stessa vocazione coniugale che attende di essere concretizzata; è tempo di formazione caratterizzato da una propria spiritualità; è tempo di testimonianza e azione ecclesiale, con le caratteristiche di una specifica solidarietà. Come tale, il fidanzamento è grazia: è un dono di Dio comunicato ai giovani interessati. Con questo dono essi sono resi capaci di maturare in un amore che è partecipazione a quello di Cristo e che va sempre più acquisendo la sua misura, come pure sono sorretti e guidati verso questo stesso ideale di amore. Nello stesso tempo, il fidanzamento è occasione per vivere e crescere nella grazia: si presenta come momento privilegiato di crescita nella fede, di preghiera e di partecipazione alla vita liturgica della Chiesa, di esperienza vissuta della carità cristiana, da parte di ogni coppia di fidanzati e di tutti i fidanzati insieme». (Cei, Direttorio di pastorale familiare, n. 43) Per questo l uomo abbandonerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e i due saranno una sola carne (Gen 2,24)

4 Indice Prefazione (S.E. Mons. Arcivescovo Tommaso Valentinetti) pag. 3 A. ORIENTAMENTI GENERALI Introduzione Finalità pastorali Esortazioni pastorali pag. pag. pag. pag B. INDICAZIONI METODOLOGICHE pag. 8 C. TRACCE PROGRAMMATICHE DEL PERCORSO DI PREPARAZIONE pag. 12 D. AUSILIO DIOCESANO pag. 16

5 Prefazione Ritengo che la preparazione al matrimonio sia un momento privilegiato e particolarmente fecondo nella vita della Chiesa a servizio dei fratelli e delle sorelle. Oggi più che mai c è l urgenza di accogliere, ascoltare e accompagnare i fidanzati. La scelta di offrire un sussidio è per dare degli orientamenti su come preparare gli sposi, in riferimento alle tematiche, ma soprattutto in riferimento alla metodologia, cercando cioè di coinvolgere le coppie di sposi, facendole essere sempre più protagoniste e non semplici fruitori di un percorso di formazione. Auspico che in base a questa modalità di preparazione siano coinvolte il maggior numero possibile di coppie di coniugi per seguire i fidanzati e soprattutto per testimoniare l amore di Cristo attraverso il loro amore coniugale. Questo sussidio vuol essere un orizzonte ed una pista verso cui siamo chiamati ad andare, cercando di camminare sempre più in comunione. Il Dio di Abramo e Sara, Giacobbe e Rachele, Isacco e Rebecca ci guidi e ci sostenga. Maria, Regina della Chiesa e della Famiglia, vegli sul nostro cammino. + Tommaso Valentinetti Arcivescovo Pescara - Penne 3

6 A) ORIENTAMENTI GENERALI Introduzione La famiglia é il primo ambito in cui l annuncio del Vangelo della carità può essere da tutti vissuto e verificato in modo semplice e spontaneo: marito e moglie, genitori e figli, giovani ed anziani. Il rapporto di reciproca carità fra l uomo e la donna, prima ed originaria immagine dell amore trinitario di Dio, la fedeltà coniugale, la paternità e maternità responsabile e generosa, l educazione delle nuove generazioni all autentica libertà dei figli di Dio, l accoglienza degli anziani e l impegno di aiuto verso le altre famiglie in difficoltà fanno della famiglia la prima e vivificante cellula da cui ripartire per tessere rapporti di autentica umanità nella vita sociale (Evangelizzazione e testimonianza della carità, n. 30). Il matrimonio dovrebbe essere considerato prima di tutto una grazia e una vocazione, una risposta quindi ad una chiamata, poi una scelta. Appartiene dunque ai doni gratuiti soprannaturali, frutto del progetto eterno di Dio, che ci ha pensato uomini e donne in Cristo salvatore del suo corpo (Ef 5,23). Il percorso di preparazione al matrimonio costituisce un momento provvidenziale e privilegiato per quanti si orientano verso questo sacramento cristiano. Un periodo di tempo in cui Dio interpella i fidanzati e suscita in loro il discernimento per la vocazione matrimoniale e la vita alla quale introduce. Accompagnare i fidanzati nel loro percorso di preparazione umana e spirituale che culminerà nella celebrazione del sacramento del matrimonio è un compito pastorale di notevole importanza. Esso è affidato prevalentemente ai presbiteri ma non solo ad essi. Si deve riconoscere e valorizzare 4

7 anche la preziosità del ministero coniugale. Alcune coppie di coniugi, spiritualmente ben preparate e con un minimo di formazione, possono e devono accompagnare i fidanzati lungo questo percorso di preparazione. Esse aiuteranno infatti i futuri sposi, anche con testimonianze ed esperienze concrete, ad elaborare un progetto di vita cristiana conforme ai dettami del Vangelo di Cristo e della sua Chiesa. Finalità pastorali Gli scopi principali del percorso di preparazione al matrimonio sono: aiutare i fidanzati a riscoprire i fondamenti della propria fede. Si proporrà loro di compiere un cammino di fede i cui contenuti permettano loro di comprendere meglio l importanza fondamentale della grazia nel matrimonio cristiano. Si potrà così completare o, se necessario, rifondare l iniziazione cristiana a livello catechistico e sacramentale; aiutare i fidanzati nella loro crescita umana e spirituale durante l ultimo periodo del fidanzamento in prossimità della celebrazione del matrimonio cristiano. Li si condurrà a partecipare in modo attivo e consapevole al rito del matrimonio in modo da sentirsi parte viva della comunità ecclesiale; rendere edotti i fidanzati sulla realtà del matrimonio cristiano al quale si avvicinano, così che lo possano celebrare non solo in modo valido e lecito, ma anche con maggiori frutti spirituali; sollecitare i fidanzati a far sì che la celebrazione del loro matrimonio divenga una tappa significativa e basilare del loro 5

8 cammino di fede, ispirando loro la necessità di continuare questo cammino anche nella nuova vita coniugale e familiare. Ogni parrocchia dovrebbe formulare un progetto di pastorale giovanile che comprenda anche l educazione all affettività dei giovani, in modo da accompagnare i fidanzati durante tutto il tempo del fidanzamento. L Ufficio Diocesano di Pastorale Familiare in collaborazione con l Ufficio di Pastorale Giovanile propone due progetti di aiuto per la formazione e l accompagnamento dei giovani: percorso annuale di formazione all amore con incontri a cadenza mensile; percorso biennale di discernimento vocazionale al matrimonio con incontri a cadenza mensile (Lui e Lei, camminarti accanto), presente in Diocesi da circa dieci anni. In tal modo la preparazione non sarà concentrata solo in pochi incontri prima della celebrazione del sacramento che risulterebbe così svilito e privato del suo profondo significato anche spirituale. Un progetto del genere porterà ad una comprensione maggiore della propria fede e ad una testimonianza sempre più convinta e consapevole nella vita cristiana. La finalità del percorso di preparazione al sacramento del matrimonio è quella di rendere consapevoli i fidanzati: della naturalezza e della bellezza del rapporto matrimoniale nel piano di Dio; che la loro piena consapevolezza e la loro libertà di consenso 6

9 saranno il vero fondamento della loro unione; delle motivazioni profonde che ispirano la Chiesa a sancire l unità e l indissolubilità matrimoniale; dell importanza della fecondità nella coppia, di arrivare ad una paternità e ad una maternità responsabili; della gioia di arrivare a vivere in pienezza una sana sessualità e di comprenderne appieno anche gli aspetti spirituali; della fondamentale importanza, anche per l intera comunità cristiana, di educare i propri figli cristianamente secondo la grazia ricevuta. Esortazioni pastorali Durante il percorso di preparazione al matrimonio si potranno anche curare altri aspetti più prettamente attinenti al contesto socio-culturale ma sempre nell ottica della piena realizzazione di un sacramento cristiano. A titolo di esempio si potranno invitare degli esperti (possibilmente coppie) che potranno esporre ai fidanzati la visione della Chiesa in tema di bioetica, procreazione assistita, ecc. Così come si potranno invitare esperti in diritto matrimoniale, in sessuologia, in pedagogia o psicologia o in qualunque altro tema di carattere pratico riguardante la vita di coppia. Durante questo percorso di preparazione al matrimonio si raccomanda di condurre gli incontri sempre in un clima di dialogo, amicizia e preghiera con la partecipazione di pastori e catechisti. 7

10 Si raccomanda una particolare sollecitudine nello stimolare i fidanzati a comprendere l importanza di un assidua frequentazione dei sacramenti, specie quelli della Riconciliazione e dell Eucaristia. Si raccomanda altresì di rafforzarli nei valori che riguardano la difesa della vita. La preparazione sia inoltre accompagnata da sincera e profonda devozione a Maria, Madre della Chiesa e Regina della famiglia. Si aiutino i fidanzati a riconoscere e a rendere viva la presenza di Maria non solo nella grande Chiesa, ma anche nella famiglia, piccola chiesa domestica. E auspicabile infine che le giovani coppie siano invitate, specie nei primi anni di vita coniugale, ad incontri post-matrimoniali o a veri e propri percorsi di spiritualità coniugale da svolgersi nelle parrocchie, nelle foranie o in diocesi, come previsto dal Direttorio per la Pastorale della Famiglia. B) INDICAZIONI METODOLOGICHE I veri cardini dell accompagnamento che si offre ai fidanzati sono lo stile e i criteri pedagogici che la Chiesa ha acquisito nella sua complessa e ricca vicenda di annunciatrice del Vangelo di Cristo: La pedagogia della fede terrà nel debito conto tutte quelle attenzioni e gli atteggiamenti conseguenti, ispirati al comportamento di Cristo: l accoglienza dell altro come persona amata e cercata da Dio; l annuncio schietto e lieto del Vangelo; uno stile di benevolenza sincera, rispettosa e cordiale; l impiego intelligente di tutte le risorse della comunicazione interpersonale. 1 8

11 Il percorso di preparazione al matrimonio deve essere inteso come un vero e proprio cammino di fede e dovrebbe essere articolato in un numero minimo di 15 incontri (anche di più se le condizioni strutturali e temporali lo permettono). Gli argomenti trattati nei vari incontri potranno essere affrontati sia dal parroco che da altri sacerdoti, da persone competenti e di comprovata serietà (sessuologi, avvocati, psicologi, ecc.), ma soprattutto da coppie di sposi, cosiddette animatrici (adeguatamente formate e preparate a livello umano e spirituale), in una dimensione metodologica basata essenzialmente sull animazione. L articolazione degli incontri si svilupperà secondo una metodologia innovativa, originale, coinvolgente e significativa. Alcuni incontri saranno a carattere plenario e si svolgeranno in parrocchia, altri che coinvolgeranno gruppi composti da cinque o sei, massimo sette coppie, si svolgeranno nelle case delle coppie-animatrici. Dove questo non è possibile si possono utilizzare i locali parrocchiali, dividendo i fidanzati in sottogruppi e assegnando loro una coppia animatrice di riferimento. Gli incontri a carattere plenario, svolti nella sala parrocchiale, saranno tenuti dal parroco al quale è affidata, in particolare, la spiegazione della dimensione sacramentale del matrimonio e da altre figure specialiste nel campo giuridico, psicologico e medicosessuale. In base alla loro preparazione è auspicabile che anche alcuni temi vengano trattati dalle stesse coppie-animatrici. Durante gli incontri, la Parola di Dio, la cui scelta sarà sempre attinente all argomento della serata, verrà proposta in maniera significativa, aprendone la trattazione; a conclusione una preghiera, sempre coerente al contesto, verrà recitata dai fidanzati. Sarà molto importante la presenza a tutti gli incontri delle coppie animatrici. 9

12 Nelle riunioni che, in gruppi ristretti, si svolgeranno nelle case delle coppie animatrici si cercherà di creare un clima molto familiare. Tale esigenza scaturisce dalla necessità di considerare i fidanzati come soggetti attivi di questo cammino, offrendo loro le condizioni più adatte a facilitare una condivisione vera e profonda. La giusta preparazione dell accoglienza permetterà di creare un clima familiare, facendo respirare loro quell aria domestica alla quale fin da principio si mostreranno curiosamente interessati. Infatti l ingresso nelle case di questo iniziale gruppo di sconosciuti sarà accompagnato dallo stupore dimostrato per l accoglienza ricevuta che sempre ben predispone, aiutando notevolmente a superare iniziali diffidenze e chiusure. L intento di tali incontri casalinghi (nelle case delle coppieanimatrici) è quello di mostrare il volto umano della Chiesa, offrendo nella massima sincerità la propria esperienza di matrimonio, mettendo a servizio dei fidanzati il proprio vissuto, con le sue gioie e le sue difficoltà, dimostrando loro che non esistono coppie modello ma persone che insieme percorrono un cammino con la volontà di vivere il loro futuro matrimonio puntando in alto, non scoraggiati dalle difficoltà che questa scelta comporta, ma consapevoli di poter contare sempre su quel supplemento di amore divino che trasforma e trascende l amore umano. Dall ingresso nella loro casa la coppia animatrice diverrà una di loro, per fare con loro un cammino di crescita umana e spirituale. Diverrà anche testimone della famiglia cristiana che apre la propria casa ai fratelli e sorelle che incontra sul proprio cammino. È consigliabile preparare la casa in modo adeguato: un tavolino al centro o in un lato della sala, con sopra una icona o una croce, una Bibbia aperta, dei fiori semplici e una candela. Sono piccoli ma 10

13 importanti segni: ci si riunisce in nome di Cristo e si crede nella sua presenza. Gli incontri si apriranno con una preghiera semplice e con una Parola contestualizzata. Successivamente, la coppia animatrice introdurrà il tema dell incontro, che sarà quello dell incontro precedente parrocchiale o un nuovo tema. È opportuno utilizzare delle schede di lavoro per la condivisione del tema, 2 in modo che i fidanzati abbiano una traccia chiara di riferimento su cui partire per la condivisione. Inizia così il giro (se opportuno anche due giri) di condivisione sull argomento. Ognuno dei fidanzati dovrà sentirsi preso sul serio dalla coppia animatrice, che dovrà sempre rispettare l altrui punto di vista, cercando di non censurare ma di rendere fruttuosi i vari interventi. Accogliendo tutti gli interventi, anche quelli volutamente provocatori che il più delle volte, se ben gestiti, fungono proprio da stimolo a conversazioni profonde e molto animate. Alla fine della condivisone, se lo riterrà opportuno, la coppia animatrice darà la propria testimonianza sul tema e aiuterà, se necessario, i fidanzati a comprendere meglio il tema dell incontro, cercando di riportare il tutto alla visione della Chiesa sulla vita, sulla coppia, sulla famiglia e sulla sessualità, superando eventuali preconcetti e pregiudizi. Nello svolgimento di tale compito, come detto, dovranno basarsi essenzialmente sul proprio vissuto, ma senza trascurare l approfondimento e lo studio delle tematiche oggetto di discussione. Questo potrà anche essere il momento per porre delle domande 11

14 o chiarire eventuali dubbi, ovvero il momento dello scambio e della verifica. Seguirà un breve momento di preghiera finale. L incontro potrà concludersi con un momento di convivialità, allietato da eventuali vivande e bevande, in cui le coppie potranno sentirsi libere di relazionarsi tra loro in un clima di sincera familiarità. C) TRACCE PROGRAMMATICHE DEL PERCORSO Gli incontri di preparazione al sacramento del matrimonio potrebbero svolgersi a cadenza settimanale o quindicinale, seguendo un programma affisso in Parrocchia. Sarebbe opportuno che ogni parrocchia nella scelta del periodo in cui fare abitualmente il percorso di preparazione tenga presente anche le altre parrocchie, in modo tale che in ogni momento dell anno pastorale ci sia sempre, nella forania o nella diocesi, una parrocchia che svolga il suddetto percorso. Qui di seguito delineiamo le tracce programmatiche e le sedi proposte dei vari incontri: 1. INAUGURAZIONE DEL PERCORSO (parrocchia): durante questo primo incontro, dopo un breve momento di preghiera, si procede all iscrizione nominativa delle varie coppie e alla successiva divisione nei vari sottogruppi, assegnati a ciascuna coppia-animatrice; segue la presentazione, da parte del parroco o sacerdote, dell equipe-guida con l esposizione sommaria del programma, ma soprattutto della metodologia adottata; poi si consegna il sussidio cartaceo con la 12

15 presentazione delle varie tematiche trattate e si conclude con un Padre Nostro. 2. INCONTRO DI PRESENTAZIONE (gruppi): durante il primo incontro per sottogruppi nelle case delle coppie-animatrici si approfondisce la conoscenza in un clima familiare, ripercorrendo le principali tappe della propria storia di coppia. Si può dare una traccia di domande per aiutare i fidanzati nella presentazione. 3. ANNUNCIO DELLA FEDE (parrocchia): il sacerdote o una coppia annunciano il kerygma, l amore di Dio che si è manifestato in Gesù Cristo, ripercorrendo le tappe della storia della salvezza. Risulta utile e feconda la prospettiva nuziale: sia l Antico Testamento che il Nuovo esprimono l amore di Dio mediante una simbologia in chiave nuziale (Deus Caritas est, 9ss.). Questa prospettiva, radicata nella Scrittura, permette il primo annuncio del Vangelo in modo adeguato alla condizione esistenziale dei fidanzati. 4. NOI DUE E DIO (gruppi): attraverso una scheda di lavoro le coppie si interrogheranno sulla presenza di Dio nella loro vita personale e di coppia. 5. LA FAMIGLIA NEL PROGETTO DI DIO (parrocchia): il sacerdote o una coppia-animatrice spiega i passi principali della Bibbia inerenti alla realtà coniugale: Gen 1-3; Osea; Gv 2. In modo da mostrare come la Parola di Dio mette in risalto le caratteristiche principali dell amore coniugale: responsabilità, fecondità, fedeltà, totalità e unicità. 6. LA COMUNICAZIONE NELLA COPPIA (gruppi): la base di ogni relazione, a maggior ragione quella coniugale, è la capacità di comunicazione efficace. La coppia-animatrice introduce il tema sulla comunicazione di sentimenti e sulla possibilità di rendere 13

16 proficua ogni discussione. Il dialogo profondo è la chiave di volta di ogni relazione d amore. 7. LA DIMENSIONE SESSUALE NELLA VITA DI COPPIA (parrocchia): il sacerdote o un professionista del campo insieme ad una coppia di sposi illustrerà gli aspetti della dimensione sessuale nella vita di coppia. Si aiuteranno i fidanzati a comprendere il fine vero della sessualità come dono sincero di sé all altro e non come pura e semplice ricerca di un piacere fine a sé stesso. Si potrà così anche dare un giusto risalto alla dimensione prettamente unitiva e procreativa del rapporto sessuale. 8. NOI DUE E LA CHIESA (gruppi): attraverso una scheda di lavoro le coppie si interrogheranno sulla funzione della Chiesa, sacramento di Cristo, mettendo in risalto che anche loro costituiscono la Chiesa, corpo di Cristo. È importante che la coppia-animatrice lasci massima libertà ai fidanzati di esprimere le loro perplessità e opinioni sull istituzione Chiesa. 9. I SACRAMENTI NELLA VITA DELLA CHIESA E IL SACRAMENTO DELLE NOZZE (parrocchia): il sacerdote illustra la Chiesa come sacramento universale di salvezza ; i sette Sacramenti, quali interventi di Dio nella nostra vita; si soffermerà poi in particolare sulla specificità del sacramento del matrimonio (Ef 5) e sull amore coniugale quale specchio dell amore di Dio verso gli uomini. 10. PATERNITA E MATERNITA RESPONSABILI aspetti morali del matrimonio (parrocchia): una coppia ben preparata o un esperto del consultorio precisa l importanza e la responsabilità della scelta di essere genitori, la morale cattolica in merito all apertura alla vita, illustrando i vari metodi contraccettivi e spiegando i metodi naturali di fecondità. 14

17 11. APERTURA ALLA VITA (gruppi): è opportuno un incontro nelle case delle coppie-animatrici che dia la possibilità agli sposi di tornare a riflettere, attraverso una scheda di lavoro, sul tema dell apertura alla vita e dare loro la possibilità di condividere le loro esperienze e risonanze sul tema, nonché le perplessità e le paure. 12. INCONTRO CON I GENITORI DEI FIDANZATI (parrocchia): sempre più risulta evidente il ruolo decisivo che le famiglie d origine hanno nelle dinamiche della nuova famiglia che si va costruendo. Pertanto, se possibile, è importante incontrare i genitori dei fidanzati, eventualmente con l aiuto di un esperto nel campo, spiegando loro i giusti atteggiamenti che devono assumere dopo il matrimonio dei loro figli. 13. LITURGIA PENITENZIALE (parrocchia): a questo punto del corso, si può offrire l opportunità alle coppie di accostarsi (per alcune ri-accostarsi dopo molto tempo) al sacramento della Riconciliazione, in una liturgia penitenziale ben curata. 14. CELEBRAZIONE EUCARISTICA (parrocchia): sempre nell ottica di una riscoperta consapevole dei sacramenti e della vita cattolica, è opportuno proporre un Eucaristia serale, nella quale il sacerdote illustra man mano i momenti fondamentali della celebrazione, anche in relazione a quanto già detto sui sacramenti. È importante che sin dall inizio del corso i fidanzati vengano invitati a partecipare alla Messa domenicale parrocchiale. 15. ASPETTI LEGALI DEL MATRIMONIO (parrocchia): un esperto illustra gli aspetti giuridici del matrimonio civile e del regime patrimoniale della famiglia; eventualmente può farsi supportare dal parroco o sacerdote che ne sottolinea le peculiarità dal punto di vista del diritto canonico. 15

18 16. RITO DEL MATRIMONIO (parrocchia): il parroco, insieme ad una coppia-animatrice, spiega il rito del matrimonio, mettendo in risalto la ricchezza eucologica, liturgica e biblica del rito. Spiega altresì gli adempimenti burocratici canonici e le varie forme di celebrazione del nuovo rito matrimoniale. 17. PREPARAZIONE LITURGICA DEL PROPRIO MATRIMONIO (parrocchia o casa): sarebbe auspicabile che una coppia-animatrice aiuti i fidanzati a scegliere le letture, i canti, la preghiera dei fedeli, una eventuale preghiera degli sposi ed eventualmente anche a preparare un libricino per gli invitati. 18. FESTA DIOCESANA DEI FIDANZATI: le coppie sono invitate, durante il percorso formativo, a partecipare alla Festa dei Fidanzati Diocesana, appuntamento ormai consolidato da più di dieci anni nella nostra Diocesi, come momento di approfondimento spirituale e di comunione con tutta la comunità diocesana. 19. S. MESSA CONCLUSIVA DEL PERCORSO (parrocchia): sarebbe opportuno concludere il percorso con una S. Messa, in modo da presentare le coppie di fidanzati a tutta la comunità parrocchiale, inserendo durante la celebrazione eucaristica la Benedizione dei fidanzati. D) AUSILIO DIOCESANO Per tutte le necessità inerenti un corretto svolgimento del percorso di preparazione al sacramento del matrimonio i parroci della Diocesi potranno far riferimento all Ufficio di Pastorale Familiare, che è appunto l organismo referente della Chiesa locale per le attività di promozione cristiana del matrimonio e della famiglia. 16

19 Infatti tra gli scopi dell Ufficio Famiglia c è quello di essere al servizio della Chiesa locale verso la coppia e la famiglia per aiutarle a scoprire e a vivere la loro vocazione e missione secondo il disegno di Dio, in ogni fase della loro esistenza. (cf. FC 77-86) I parroci della Diocesi sono invitati a far partecipare le proprie coppie-animatrici alle attività promosse annualmente dall Ufficio sia di carattere formativo-teologico (corsi specifici di formazione, seminari, convegni) sia di carattere più prettamente spirituale (ritiri, giornate di spiritualità, veglie di preghiera). L Ufficio Famiglia Diocesano mette a disposizione materiale, schede di lavoro e sussidi per la programmazione e la strutturazione degli incontri. Pescara, 25 Novembre 2007 Solennità di Gesù Cristo Re dell universo. Memoria liturgica dei coniugi beati Maria e Luigi Beltrame Quattrocchi. 17

20 1 CEI - Commissione episcopale per la dottrina della fede l annuncio e la catechesi, Questa è la nostra fede. Nota Pastorale sul primo annuncio, n L Ufficio Famiglia Diocesano mette a disposizione materiale e schede di lavoro per la condivisione dei sottogruppi nelle case. Scaricabile anche dal sito diocesano: it/uffici/famiglia/fidanzati. 18

21 Ulteriori informazioni e materiale: Rossella e Francesco Pinesich Lucia e Corrado Troiano don Cristiano Marcucci

22

23

24

principale del gruppo è

principale del gruppo è Ufficio Diocesano di Pastorale Familiare e Vita I GRUPPI FAMIGLIA PARROCCHIALI luogo di crescita nella fede e nella spiritualità propria dello stato coniugale; momento di apertura alla vita parrocchiale

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

Percorsi per fidanzati in cammino verso il matrimonio

Percorsi per fidanzati in cammino verso il matrimonio Vicariato di Verona centro Percorsi per fidanzati in cammino verso il matrimonio Parrocchia della Cattedrale Ogni incontro vorrà essere sempre un esperienza di ecclesialità e tenendo presente i seguenti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27)

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Un messaggio sul sacramento del matrimonio Lettera pastorale per la Quaresima 2011 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Cari fratelli e sorelle nel Signore La

Dettagli

Il Vescovo di Crema. 2. Risorse

Il Vescovo di Crema. 2. Risorse Il Vescovo di Crema Alla Comunità parrocchiale di Ripalta Guerina, al parroco don Elio Costi, ai membri del consiglio pastorale, ai catechisti e ai diversi collaboratori Sono state veramente giornate intense

Dettagli

Indice. Introduzione... 5

Indice. Introduzione... 5 ECCOCI signore_eccoci signore 26/10/10 12.56 Pagina 199 Indice Introduzione.......................................... 5 Alcuni interrogativi.................................... 7 La lettura della tradizione................................

Dettagli

S I N O D O D E I V E S C O V I III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE

S I N O D O D E I V E S C O V I III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE S I N O D O D E I V E S C O V I III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE III - Questionario Le seguenti domande permettono alle Chiese particolari

Dettagli

Arcidiocesi Brindisi-Ostuni Convegno ecclesiale diocesano La Parrocchia: Comunità educata ed educante

Arcidiocesi Brindisi-Ostuni Convegno ecclesiale diocesano La Parrocchia: Comunità educata ed educante Arcidiocesi Brindisi-Ostuni Convegno ecclesiale diocesano La Parrocchia: Comunità educata ed educante La Chiesa di fronte alla sfida educativa Laboratorio Pastorale Giovanile «C è urgenza di nuovi educatori

Dettagli

IL FUOCO E LE FONDAMENTA, LA VIA PER VEDERE GESÙ

IL FUOCO E LE FONDAMENTA, LA VIA PER VEDERE GESÙ IL FUOCO E LE FONDAMENTA, LA VIA PER VEDERE GESÙ Il fuoco che scalda 57. Celebrare insieme l Eucaristia come festa di tutta la comunità e nutrimento per il cammino, imparare a vivere la comunione e la

Dettagli

Accogliere le giovani coppie nella comunità cristiana

Accogliere le giovani coppie nella comunità cristiana Arcidiocesi di Ferrara-Comacchio Accogliere le giovani coppie nella comunità cristiana Commissione diocesana della Famiglia PREMESSA Una prospettiva di riflessione e qualche proposta operativa L accoglienza

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE E PROPRIO NECESSARIO UN SITO PARROCCHIALE? DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLV GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

Un nuovo anno pastorale è iniziato

Un nuovo anno pastorale è iniziato Un nuovo anno pastorale è iniziato Nella lettera pastorale consegnata alla Diocesi all inizio dell anno pastorale il nostro Vescovo Enrico ci ha indicato alcune priorità che concretizzano il tema proposto

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

XIV Assemblea Diocesana Ordinaria

XIV Assemblea Diocesana Ordinaria AZIONE CATTOLICA ITALIANA Arcidiocesi di Bari-Bitonto XIV Assemblea Diocesana Ordinaria VIVERE LA FEDE, AMARE LA VITA 1 INTRODUZIONE 1.1 Le persone fanno sempre più fatica a dare un senso profondo all

Dettagli

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE AI PRESBITERI E AI DIACONI AI FRATELLI E ALLE SORELLE DI VITA CONSACRATA AI FEDELI LAICI E A TUTTI GLI UOMINI E LE DONNE DI BUONA VOLONTÀ DI QUESTA NOSTRA

Dettagli

Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca. Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013

Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca. Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013 Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013 Per voi sono Vescovo con Voi sono cristiano (S. Agostino) Parti della Lettera Prima Parte: CHIESA di LUCCA

Dettagli

UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI

UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI Roma, 13-14 settembre 2008 Nei giorni 13-14 settembre 2008 si è svolta, presso l Hotel CASCINA PALACE, in Via Attilio Benigni, 7 - Roma, la

Dettagli

Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015. Coraggio, sono io. Rimanere, andare, gioire

Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015. Coraggio, sono io. Rimanere, andare, gioire Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015 Coraggio, sono io Rimanere, andare, gioire La salvezza che Dio ci offre è opera della sua misericordia. Non esiste azione umana, per

Dettagli

IL SINODO : UNA RISORSA PER LA FAMIGLIA

IL SINODO : UNA RISORSA PER LA FAMIGLIA IL SINODO : UNA RISORSA PER LA FAMIGLIA Prima di iniziare la nostra relazione, vogliamo ringraziare S.E. e tutti gli amici della Pastorale Familiare per l invito che oggi ci offre l opportunità di condividere

Dettagli

La scommessa della pastorale missionaria oggi

La scommessa della pastorale missionaria oggi Commissione Missionaria Regionale Lombardia La scommessa della pastorale missionaria oggi Orientamenti per una pastorale missionaria delle Chiese di Lombardia Desideriamo che l attività missionaria della

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

Celebrare la festa in famiglia: riti e gesti nell esperienza famigliare

Celebrare la festa in famiglia: riti e gesti nell esperienza famigliare Statement-Incontro Mondiale delle Famiglie 1/5 Elisabeth & Bernhard Neiser / Nr. 20 Celebrare la festa in famiglia: riti e gesti nell esperienza famigliare 1. Riflessioni introduttive: Domenica e giorno

Dettagli

QUESTIONARIO SULLA FAMIGLIA

QUESTIONARIO SULLA FAMIGLIA ARCIDIOCESI DI FERMO QUESTIONARIO SULLA FAMIGLIA 1. Sulla diffusione della Sacra Scrittura e del Magistero della Chiesa riguardante la famiglia. a) Qual è la reale conoscenza degli insegnamenti della Bibbia,

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento PROGETTO EDUCATIVO 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento Nella Scuola dell Infanzia Stella Mattutina l azione educativa mira al raggiungimento delle

Dettagli

STATUTO DELLA FRATERNITÀ DEL TERZ ORDINE CARMELITANO parrocchia Santa Maria delle Vittorie in Bari della Provincia Napoletana dei Padri Carmelitani

STATUTO DELLA FRATERNITÀ DEL TERZ ORDINE CARMELITANO parrocchia Santa Maria delle Vittorie in Bari della Provincia Napoletana dei Padri Carmelitani STATUTO DELLA FRATERNITÀ DEL TERZ ORDINE CARMELITANO parrocchia Santa Maria delle Vittorie in Bari della Provincia Napoletana dei Padri Carmelitani COSTITUZIONE ART. 1 La fraternità del Terz ordine Carmelitano

Dettagli

Diocesi di San Marino-Montefeltro Piazza Giovanni Paolo II, 1 47864 Pennabilli (RN)

Diocesi di San Marino-Montefeltro Piazza Giovanni Paolo II, 1 47864 Pennabilli (RN) 2 Diocesi di San Marino-Montefeltro Piazza Giovanni Paolo II, 1 47864 Pennabilli (RN) PRESENTAZIONE Offriamo ai lettori il contributo di pensieri e di auspici formulati dalla diocesi in vista del Sinodo

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Preghiera per la famiglia

Preghiera per la famiglia Domenica 4 ottobre 2009 a San Fidenzio: Chiesa e famiglia: verso una maggior corresponsabilità Preghiera per la famiglia Fa o Signore che nella nostra casa quando si parla, sempre ci si guardi negli occhi.

Dettagli

La domenica rivela il senso del tempo: giorno dei giorni

La domenica rivela il senso del tempo: giorno dei giorni La domenica rivela il senso del tempo: giorno dei giorni 74. «Il tempo nel cristianesimo ha un importanza fondamentale. Nel tempo viene creato il mondo, al suo interno si svolge la storia della salvezza,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

Progetto Educativo per la Scuola dell'infanzia Istituto Spirito Santo

Progetto Educativo per la Scuola dell'infanzia Istituto Spirito Santo Progetto Educativo per la Scuola dell'infanzia Istituto Spirito Santo P R E M E S S A Il progetto educativo esprime "l identità della scuola", ne precisa gli obiettivi e li traduce in termini operativi

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

I Redentoristi in Spagna Oggi sono 155 e presenti con un attività pastorale multiforme.

I Redentoristi in Spagna Oggi sono 155 e presenti con un attività pastorale multiforme. I Redentoristi in Spagna Oggi sono 155 e presenti con un attività pastorale multiforme. I numeri della Provincia di Madrid, cioè della Spagna. I Redentoristi in Spagna (che storicamente formano la Provincia

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

are a un webinar su p animatori dei percorsi di preparazion ne al matrimonio? eminario web per formare gli onio e alla famiglia della CEI.

are a un webinar su p animatori dei percorsi di preparazion ne al matrimonio? eminario web per formare gli onio e alla famiglia della CEI. Vuoi partecipa are a un webinar su Formazione Online per p animatori dei percorsi di preparazion ne al matrimonio? CHE COS E? Un sem eminario web per formare gli animatori in base aglili Orientamenti pastorali

Dettagli

DIOCESI DI CUNEO E DI FOSSANO. L ALBERO DOVE I PICCOLI TROVANO IL NIDO Pastorale pre e post battesimale SUSSIDIO PER LA SPERIMENTAZIONE

DIOCESI DI CUNEO E DI FOSSANO. L ALBERO DOVE I PICCOLI TROVANO IL NIDO Pastorale pre e post battesimale SUSSIDIO PER LA SPERIMENTAZIONE DIOCESI DI CUNEO E DI FOSSANO L ALBERO DOVE I PICCOLI TROVANO IL NIDO Pastorale pre e post battesimale SUSSIDIO PER LA SPERIMENTAZIONE Presentazione UN NIDO TRA I RAMI La cima di quell albero, alto e robusto,

Dettagli

Il matrimonio cristiano. chi si sposa in chiesa sa quello che fa?

Il matrimonio cristiano. chi si sposa in chiesa sa quello che fa? Il matrimonio cristiano chi si sposa in chiesa sa quello che fa? Antonio Tavilla IL MATRIMONIO CRISTIANO chi si sposa in chiesa sa quello che fa? religione e spiritualità www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^ CLASSE 1^ Dio e l uomo Classe 1^ Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore. Gesù di Nazareth. La Bibbia e le, leggere e saper riferire circa alcune pagine bibliche fondamentali i segni cristiani

Dettagli

SINODO DEI VESCOVI III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE. Documento preparatorio

SINODO DEI VESCOVI III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE. Documento preparatorio SINODO DEI VESCOVI III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE Documento preparatorio Città del Vaticano 2013 I Il Sinodo: famiglia ed evangelizzazione

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

PERSONE NUOVE IN CRISTO GESÙ Corresponsabili della gioia di vivere

PERSONE NUOVE IN CRISTO GESÙ Corresponsabili della gioia di vivere PERSONE NUOVE IN CRISTO GESÙ Corresponsabili della gioia di vivere BOZZA DOCUMENTO ASSEMBLEARE XV ASSEMBLEA DIOCESANA DI AZIONE CATTOLICA SAN SEVERO, 15-16 FEBBRAIO 2014 Il Documento, frutto dell'impegno

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

PIETRE VIVE DELLA CHIESA L appartenenza alla Chiesa come proposta di vita buona

PIETRE VIVE DELLA CHIESA L appartenenza alla Chiesa come proposta di vita buona PIETRE VIVE DELLA CHIESA L appartenenza alla Chiesa come proposta di vita buona Introduzione alla nuova edizione - Non ha Dio come padre chi non ha la Chiesa come madre. La celebre intuizione di san Cipriano

Dettagli

Il Giubileo della Misericordia

Il Giubileo della Misericordia Il Giubileo della Misericordia Il cammino che da qualche anno impegna la nostra diocesi nel formare adulti in una Chiesa adulta, e dunque uomini e donne che sempre più rispondono al dono della vita nuova

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

Percorso di preparazione al matrimonio cristiano

Percorso di preparazione al matrimonio cristiano Percorso di preparazione al matrimonio cristiano Da qualche anno si tiene un unico percorso per entrambe le parrocchie. Si svolge unna volta l'anno (indicativamente da ottobre a febbraio). Il percorso

Dettagli

«I CASI DIFFICILI DEL MATRIMONIO:

«I CASI DIFFICILI DEL MATRIMONIO: VICARIATO DI ROMA MONS. VIRGILIO LA ROSA, DIRETTORE DELL UFFICIO MATRIMONI «I CASI DIFFICILI DEL MATRIMONIO: INDICAZIONI GIURIDICO-PASTORALI» MONS. VIRGILIO LA ROSA, DIRETTORE DELL UFFICIO MATRIMONI «I

Dettagli

Incontrare il Signore in famiglia.

Incontrare il Signore in famiglia. temi pastorali Incontrare il Signore in famiglia. GIAMPAOLO DIANIN* Padova Se la fede è la storia di un grande amore, è nella famiglia - in cui oggi si vive una sorta di indifferenza - che essa deve essere

Dettagli

TEMATICHE PER L ESAME DI BACCALAUREATO IN TEOLOGIA PER L ANNO ACCADEMICO 2010-2011

TEMATICHE PER L ESAME DI BACCALAUREATO IN TEOLOGIA PER L ANNO ACCADEMICO 2010-2011 TEMATICHE PER L ESAME DI BACCALAUREATO IN TEOLOGIA PER L ANNO ACCADEMICO 2010-2011 TEMATICA FONDAMENTALE La Rivelazione cristiana di Dio: - L idea di rivelazione nel Concilio Vaticano I e nel Concilio

Dettagli

BREVE CATECHESI SUL MATRIMONIO CRISTIANO

BREVE CATECHESI SUL MATRIMONIO CRISTIANO BREVE CATECHESI SUL MATRIMONIO CRISTIANO Il patto matrimoniale con cui l uomo e la donna stabiliscono di vivere insieme per tutta la vita, per sua natura ordinato al bene dei coniugi ed alla procreazione

Dettagli

Parrocchia Santuario Mater Domini Mesagne - Linee programmatiche per l anno pastorale 2013-2014

Parrocchia Santuario Mater Domini Mesagne - Linee programmatiche per l anno pastorale 2013-2014 Erano assidui nell'ascoltare l'insegnamento degli apostoli e nell'unione fraterna, nella frazione del pane e nelle preghiere. (At 2,42) Nell incontro del Consiglio Pastorale Parrocchiale del 10 settembre

Dettagli

CONSEGNA DELLE LINEE PASTORALI 2010 2011 Chiesa Cattedrale 5 settembre 2010 ITALO CASTELLANI arcivescovo. Lectio Divina (1 Pt.

CONSEGNA DELLE LINEE PASTORALI 2010 2011 Chiesa Cattedrale 5 settembre 2010 ITALO CASTELLANI arcivescovo. Lectio Divina (1 Pt. CONSEGNA DELLE LINEE PASTORALI 2010 2011 Chiesa Cattedrale 5 settembre 2010 ITALO CASTELLANI arcivescovo Lectio Divina (1 Pt.2,1-5; 3,15) Vocazione e missione della comunità cristiana: il cammino degli

Dettagli

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA RELIGIONE CATTOLICA L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei percorsi scolastici il valore della cultura religiosa e il contributo che i principi del cattolicesimo

Dettagli

Diocesi di Locri-Gerace

Diocesi di Locri-Gerace Diocesi di Locri-Gerace SCUOLA DI FORMAZIONE TEOLOGICO-PASTORALE BARLAAM CALABRO SERVIZIO PER LA FORMAZIONE ALL IMPEGNO SOCIALE E POLITICO don Giorgio Pratesi UFFICIO DI PASTORALE SOCIALE E DEL LAVORO

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia diocesi di Termoli Larino Centro per la Famiglia nella Cittadella della Carità Di cosa si occupa un centro per la famiglia? Informazione sui servizi, le risorse e le opportunità, istituzionali e informali,

Dettagli

DIOCESI DI ROMA XVI^ PREFETTURA ARTICOLO - 4 - FINALITÀ * ORGANISMO PASTORALE PER LA CARITA' * - * -

DIOCESI DI ROMA XVI^ PREFETTURA ARTICOLO - 4 - FINALITÀ * ORGANISMO PASTORALE PER LA CARITA' * - * - DIOCESI DI ROMA XVI^ PREFETTURA * ORGANISMO PASTORALE PER LA CARITA' * - * - CARITAS PARROCCHIALE S. MARIA REGINA MUNDI ARTICOLO - 1 - ISTITUZIONE 1. E istituita nella Parrocchia di S. Maria Regina Mundi,

Dettagli

EDIZIONE SPECIALE. Attività parrocchiali 2014-2015 SANTI ANGELI CUSTODI

EDIZIONE SPECIALE. Attività parrocchiali 2014-2015 SANTI ANGELI CUSTODI Parrocchia Santi Angeli Custodi Via Brunelleschi, 6 37138 Verona Tel. 045 569304 www.santiangelicustodi.it Periodico della comunità parrocchiale - Ottobre 2014 prograf.it 2013/3 2014 SANTI ANGELI CUSTODI

Dettagli

LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE

LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE S I N O D O D E I V E S C O V I III A S S E M B L E A G E N E R A L E S T R A O R D I N A R I A LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE DOCUMENTO PREPARATORIO CITTA DEL VATICANO

Dettagli

Presentazione PERCHE I GRUPPI FAMIGLIA. Premessa

Presentazione PERCHE I GRUPPI FAMIGLIA. Premessa Presentazione PERCHE I GRUPPI FAMIGLIA Premessa Volentieri presento questa carta di identità dei Gruppi Famiglia. Finalmente si autopresentano, verrebbe da dire, perché se ne sentiva parlare da alcuni

Dettagli

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Anzitutto voglio dare il mio saluto cordiale ed affettuoso a questa cara comunità di Gorle che già mi accoglie da diversi anni, quindi esprimo la mia riconoscenza

Dettagli

Diocesi di Pistoia SCUOLA DI FORMAZIONE TEOLOGICA

Diocesi di Pistoia SCUOLA DI FORMAZIONE TEOLOGICA Diocesi di Pistoia SCUOLA DI FORMAZIONE TEOLOGICA 2012/2013 Sede dei corsi: Seminario Vescovile Via Puccini, 36 - Pistoia 2 Presentazione La Scuola di Formazione Teologica è particolarmente diretta a coloro

Dettagli

Identità e vocazione dei catechisti (IG, 73-75) - La ministerialità dei catechisti (IG, 76-78)

Identità e vocazione dei catechisti (IG, 73-75) - La ministerialità dei catechisti (IG, 76-78) Lezioni per il PUF diocesano - Corso per CATECHISTA (IV tappa) - p.9 Identità e vocazione dei catechisti (IG, 73-75) - La ministerialità dei catechisti (IG, 76-78) IL CATECHISTA DELL INIZIAZIONE CRISTIANA:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO PLESSI : Molinelli, Pantano e Orsomarso INSEGNANTI :Biondi Beatrice - D Aprile Carmelina - Di Santo Tiziana

Dettagli

UFFICIO CATECHISTICO SERVIZIO DIOCESANO PER IL CATECUMENATO l ufficio catechistico si trasferisce nei locali di Casa Toniolo Gli itinerari diocesani

UFFICIO CATECHISTICO SERVIZIO DIOCESANO PER IL CATECUMENATO l ufficio catechistico si trasferisce nei locali di Casa Toniolo Gli itinerari diocesani Il Giubileo della Misericordia, regalo inatteso di papa Francesco, ispira l immagine di copertina e il titolo sotto il quale sono state raccolte le proposte formative dell ufficio catechistico e gli appuntamenti

Dettagli

Si X X Cipielle 1994 26 min Giovani

Si X X Cipielle 1994 26 min Giovani Segni e simboli nei sacramenti "In quanto essere corporale e spirituale insieme, l'uomo esprime e percepisce le realtà spirituali attraverso segni e simboli materiali" (CCC, n. 1146). Gesù, con i segni

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Associazione OASI CANA Onlus e Missionari della Famiglia a cura di P. Antonio Santoro omi

Associazione OASI CANA Onlus e Missionari della Famiglia a cura di P. Antonio Santoro omi Pastorale familiare: Perchè un impegno prioritario (DPF 93; 97) - Per la situazione contemporanea: la concezione della persona, della famiglia e della vita sono particolarmente insidiate fino a lacerare

Dettagli

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta.

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta. DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO MARSCIANO Piazza della Vittoria,1 06055- MARSCIANO (PG)- C.F.800005660545 Centralino/Fax 0758742353 Dirigente Scolastico 0758742251 E.mail:pgee41007@istruzione.it Sito Web:

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI RELIGIONE hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw CATTOLICA ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj

Dettagli

LA CELEBRAZIONE DEL SACRAMENTO DELLA CONFERMAZIONE. Aspetto liturgico

LA CELEBRAZIONE DEL SACRAMENTO DELLA CONFERMAZIONE. Aspetto liturgico LA CELEBRAZIONE DEL SACRAMENTO DELLA CONFERMAZIONE Premessa Le presenti indicazioni nascono dall esigenza, emersa in questi anni, di assicurare alla celebrazione del sacramento della Confermazione il rispetto

Dettagli

M.C. Bartolomei Venezia, 27.09.2014 Convegno La riflessione di don Germano Pattaro sul matrimonio 1

M.C. Bartolomei Venezia, 27.09.2014 Convegno La riflessione di don Germano Pattaro sul matrimonio 1 1 Molto opportuna è questa iniziativa intesa a riprendere il pensiero di Germano Pattaro sul Matrimonio insieme all ecumenismo, uno dei nuclei caratterizzanti la sua eredità teologica, anche se non il

Dettagli

POSIZIONE MATRIMONIALE

POSIZIONE MATRIMONIALE Mod. I Prot. n. DIOCESI DI PARROCCHIA Via Comune Cap Provincia POSIZIONE MATRIMONIALE GENERALITÀ Fidanzato Fidanzata Cognome e nome 1 Luogo e data di nascita Luogo e data di battesimo Religione Stato civile

Dettagli

... uscendo per le strade!

... uscendo per le strade! And a r e...... uscendo per le strade! percorsi giovani _ 2015/2016 Azione Cattolica diocesi di Bergamo Carissimo/a giovane, n e l l An n o Sa n t o della Misericordia, t i p r o p o n ia m o a l c u n

Dettagli

DECRETO circa le Esequie Religiose

DECRETO circa le Esequie Religiose Diocesi Oppido-Palmi DECRETO circa le Esequie Religiose Prot.n 417/08/DE Vista l opportunità emersa nel Consiglio Presbiterale dell 11 aprile 2008 di dare una nuova Regolamentazione diocesana alle Esequie

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

NON DI SOLO PANE. Tema generale: TENTAZIONE E MISERICORDIA. Brano biblico: LUCA 4,1-13 PRESENTAZIONE

NON DI SOLO PANE. Tema generale: TENTAZIONE E MISERICORDIA. Brano biblico: LUCA 4,1-13 PRESENTAZIONE NON DI SOLO PANE Tema generale: TENTAZIONE E MISERICORDIA Brano biblico: LUCA 4,1-13 PRESENTAZIONE Questo secondo anno pastorale vuole continuare il cammino iniziato in quello precedente e portato avanti

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

La famiglia cristiana: scuola di umanità e di fede

La famiglia cristiana: scuola di umanità e di fede DECANATO DI GALLARATE (MI) ZONA PASTORALE 2 Centro della Gioventù, Via Don Minzoni 10 febbraio 2013 Convegno per famiglie, parrocchie, movimenti di spiritualità familiare La famiglia cristiana: scuola

Dettagli

Una sola carne : Matrimonio, preparazione matrimoniale, trauma postaborto e guarigione

Una sola carne : Matrimonio, preparazione matrimoniale, trauma postaborto e guarigione Una sola carne : Matrimonio, preparazione matrimoniale, trauma postaborto e guarigione Sommario: In questo articolo affrontiamo non solo l impatto dell esperienza dell aborto volontario vissuta nel contesto

Dettagli

Leggete le Beatitudini, vi farà bene.

Leggete le Beatitudini, vi farà bene. Il tema della XXXI Giornata Mondiale della gioventù Cracovia 2016 - è racchiuso nelle parole Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia (Mt 5:7). Il Santo Padre Francesco ha scelto la quinta

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

Intervento di Mons. Moretti

Intervento di Mons. Moretti 1 Intervento di Mons. Moretti Le parole di don Renzo Se tu conoscessi il dono di Dio, mi fanno pensare ad una frase, di un sacerdote di grande esperienza e di cui ho fatto tesoro, una frase che ricordo

Dettagli

PARROCCHIA di SAN SIMEON PROFETA - VENEZIA ATTIVITA SETTIMANALI QUINDICINALI MENSILI. LUNEDI 19.00 Lectio divina sul Vangelo della Domenica (Canonica)

PARROCCHIA di SAN SIMEON PROFETA - VENEZIA ATTIVITA SETTIMANALI QUINDICINALI MENSILI. LUNEDI 19.00 Lectio divina sul Vangelo della Domenica (Canonica) PARROCCHIA di SAN SIMEON PROFETA - VENEZIA ATTIVITA SETTIMANALI QUINDICINALI MENSILI LUNEDI 19.00 Lectio divina sul Vangelo della Domenica (Canonica) MARTEDI 9.30 Ritiro adulti (ultimo martedì del mese

Dettagli

a cura di mons. Giancarlo Grandis e Emanuele Scotti Area tematica ACCOGLIERE (prof. Domenico Simeone) Laboratori 1 2-3

a cura di mons. Giancarlo Grandis e Emanuele Scotti Area tematica ACCOGLIERE (prof. Domenico Simeone) Laboratori 1 2-3 SINTESI DEI LABORATORI (versione estesa) a cura di mons. Giancarlo Grandis e Emanuele Scotti Area tematica ACCOGLIERE (prof. Domenico Simeone) Laboratori 1 2-3 Caratteristiche principali Il gruppo rileva

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO 3-VICENZA DIPARTIMENTO DI RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazio ne nella madre lingua COMPETENZE SPECIFICHE Conoscere il

Dettagli

Facoltà di Teologia I CICLO. TESARIO ANNO III 1 semestre 2013 2014. Anno III: L uomo in Cristo. Roma, dicembre 2013

Facoltà di Teologia I CICLO. TESARIO ANNO III 1 semestre 2013 2014. Anno III: L uomo in Cristo. Roma, dicembre 2013 Anno III: L uomo in Cristo TP1024 Esegesi Biblica: Salmi e Scritti Sapienzali 3 TP1025 Fondamenti di Antropologia Teologica 5 TP1026 Escatologia Cristiana 7 Facoltà di Teologia I CICLO TESARIO ANNO III

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

Relazione Commissione Famiglia

Relazione Commissione Famiglia Commissione Famiglia Decanale Relazione Commissione Famiglia a cura di Antonella e Damiano con don Mauro Febbraio 2014 Chi siamo Secondo le indicazioni delle Diocesi, ogni zona, ogni decanato, ogni parrocchia

Dettagli