Software AutoCAD Map 3D - Lezione 1 Caricare, visualizzare e consultare dati vettoriali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Software AutoCAD Map 3D - Lezione 1 Caricare, visualizzare e consultare dati vettoriali"

Transcript

1 Software AutoCAD Map 3D - Lezione 1 Caricare, visualizzare e consultare dati vettoriali 0) Premessa Come abbiamo accennato nella Lezione 0, AutoCAD Map 3D nasce sulla base del noto software AutoCAD, per permettere l utilizzo in ambiente CAD dei dati geografici e delle cartografie, sia vettoriali che raster. In un primo tempo tutte le funzionalità vennero sviluppate sulla base del formato proprietario DWG, lo stesso di AutoCAD, grazie ad un ottimo motore di importazione ed esportazione dei principali formati GIS. In un secondo tempo, a partire dalla versione 2007, la nuova tecnologia FDO (Feature Data Object) ha permesso di accedere direttamente alle fonti dati GIS raster e vettoriali, di modificarli con gli strumenti di AutoCAD, di eseguire analisi e pubblicarli sul Web. In questa lezione e nelle successive utilizzeremo principalmente la tecnologia FDO, per visualizzare, modificare, consultare i dati geografici di esempio. Il lettore tenga sempre presente che, oltre a questa tecnologia, è possibile importare i dati GIS nel formato DWG, ed utilizzare questi ultimi nello stesso progetto insieme ai dati GIS, come vedremo nella Lezione 3. 1) Costruire una vista sui dati geografici Il punto di partenza per la costruzione di un progetto GIS in AutoCAD Map 3D sta nell apertura di un disegno (DWG). Questo potrà già contenere già oggetti CAD, oppure essere completamente vuoto, e svolgerà la funzione di contenitore, per salvare tutte le connessioni ai dati GIS, gli stili, le query e così via. Cominciamo da zero, quindi: possiamo usare il disegno vuoto che AutoCAD Map 3D ci presenta all avvio, oppure premere l icona Nuovo nella barra degli strumenti di accesso rapido, in alto a sinistra. Figura 1 L icona per creare un disegno nuovo Salviamo il disegno con un nome: basta premere l icona M come Map, visibile nella figura 1 e scegliere dal menu Salva con nome. Lo chiameremo 01-DatiVettoriali. Una seconda operazione importante sta nella scelta dell Area di lavoro. Si può impostare facilmente, premendo l icona illustrata in figura, nella barra di stato, in basso a destra. Figura 2 Scelta dell area di lavoro 1

2 AutoCAD Map 3D 2011 prevede tre Aree di lavoro, per lavorare con interfacce differenti: Map Classic usa ancora i vecchi menu, ed è utile per chi conosce le versioni precedenti e non ha ancora preso confidenza con l interfaccia più recente. Barra multifunzione basata sugli strumenti è quella che useremo in questo corso, e permette di utilizzare la comoda barra multifunzione, sensibile al contesto. Barra multifunzione basata sulle attività, infine, mette a disposizione la barra multifunzione con una diversa organizzazione dei comandi. Per rendere permanenti le personalizzazioni, e ritrovarle al prossimo avvio di AutoCAD Map 3D, conviene scegliere, dallo stesso menu della Figura 2, la voce Impostazioni area di lavoro, ed attivare l opzione Salva automaticamente le modifiche all area di lavoro. E importante assegnare al progetto già in questa fase iniziale il sistema di coordinate desiderato. Questo permetterà ad AutoCAD Map 3D di conservare questa preziosa informazione, e soprattutto di effettuare la conversione nel sistema di coordinate impostato di cartografie e dati geografici disponibili in sistemi differenti. Nella Barra multifunzione scegliamo il titolo Impostazione Carta, e poi l icona Assegna. Figura 3 Assegnazione sistema di coordinate Nella finestra Assegna Sistema di Coordinate Globali, per ora introduciamo un codice, in questo caso LL84, che individua il sistema Lat-Long WGS84. Nella Lezione 4 osserveremo che AutoCAD Map 3D contiene tutti i principali sistemi di coordinate utilizzati in Italia, e vedremo nel dettaglio la loro gestione e la trasformazione dei dati geografici tra sistemi differenti. Figura 4 Codice del sistema di coordinate Infine battezziamo la carta che stiamo per creare scrivendone il nome, Abruzzo, nel Riquadro Attività di fianco a Carta corrente (vedi poi il paragrafo 3). Salviamo il disegno e siamo pronti per le fasi 2

3 successive. 2) Informazioni sui dati vettoriali AutoCAD Map 3D utilizza, naturalmente, il formato nativo DWG e quello di scambio DXF. Va notato che questo formato viene rivisto periodicamente, quindi è opportuno distinguere i DWG (ed i DXF) di formato 14, 2000, 2004, 2007 e AutoCAD Map 3D 2011, la versione corrente, permette di aprire e salvare tutti i formati indicati in figura: Figura 5 formati DWG e DXF utilizzati da Map 3D 2011 AutoCAD Map 3D, inoltre, carica i dati GIS attraverso Provider resi disponibili dalla nuova tecnologia FDO (Feature Data Object). I Provider sono componenti software che gestiscono l accesso ai dati, rendendo poi uniforme il loro trattamento. Ad esempio, possiamo caricare dati SHP, ArcSDE, SDF, Oracle Spatial, e poi modificarli e vestirli utilizzando gli stessi comandi e la stessa interfaccia, senza che sia più necessario ricordarsi la loro provenienza. I Provider disponibili sono numerosi: permettono di accedere a dati basati su file, su database, su geodatabase e perfino a connessioni a server via Web. E utile darne una breve descrizione: ArcSDE: dati alfanumerici e geografici da geodatabase enterprise ESRI ArcSDE Dati spaziali SQL Server: dati alfanumerici e geografici da Microsoft SQL Server Immagini raster: file che rappresentano cartografia, ortofoto, immagini da satellite, DEM. Le tratteremo nella Lezione 2. MySQL: dati alfanumerici e geografici da MySQL, database Open Source ODBC: dati alfanumerici da varie fonti, per esempio da tabelle Microsoft Access Oracle: dati alfanumerici e geografici da Oracle Spatial e Locator. PostgreSQL: dati alfanumerici e geografici da PostgreSQL/PostGIS, geodatabase Open Source SDF: dati alfanumerici e geografici da file Autodesk (Spatial Data File) SHP: dati alfanumerici e spaziali da shapefile ESRI, standard nel mondo GIS SQL Server: dati alfanumerici da Microsoft SQL Server SQLite: dati alfanumerici e geografici da database di dominio pubblico WMS: dati raster da connessione a server Web secondo gli standard OGC (Open Geospatial Consortium) WFS: dati vettoriali da connessione a server Web secondo gli standard OGC (Open Geospatial Consortium) E da notare che, oltre ai Provider che vengono forniti già integrati in AutoCAD Map 3D, altri ne possono essere aggiunti di terze parti, visto che la tecnologia FDO è stata rilasciata anche in versione 3

4 Open Source. Infine Autodesk ha appena annunciato il rilascio di un nuovo Provider per i dati alfanumerici e spaziali dei geodatabase di ESRI ArcGIS. 3) Caricare dati vettoriali Lo strumento principale per caricare e gestire i dati GIS è il Riquadro Attività. Se non è visibile all avvio del software, lo si può far comparire dalla Barra multifunzione - sezione Vista, oppure scrivendo alla riga di comando MAPWSPACE ON. Può essere lasciato flottante, reso semitrasparente, oppure ancorato ad uno dei lati dell area di lavoro. Se la riga di comando non è visibile all avvio, può essere fatta apparire temporaneamente con F2, oppure in modo permanente con la combinazione di tasti CTRL-9. Il Riquadro Attività contiene diverse schede, selezionabili grazie alla linguetta alla loro destra. Quella principale, che useremo in questa lezione, è chiamata Gestione visualizzazioni. Come accennato nel paragrafo 1, abbiamo battezzato la nostra carta scrivendo di fianco a Carta corrente il nome Abruzzo. Nella scheda Gestione visualizzazioni appaiono diversi bottoni, che illustreremo nel corso della lezione: il primo, punto di partenza per il caricamento dei dati GIS è quello relativo ai Dati. Premendo il bottone Dati e scegliendo dal menu la voce Connetti a dati, si accede alla finestra Connessione dati. Figura 6 Riquadro attività scheda Gestione visualizzazioni - Bottone Dati La finestra Connessione dati presenta sul lato sinistro i Provider FDO descritti nel paragrafo 2, che permettono di accedere ai dati GIS. Sul lato destro appaiono di volta in volta i parametri necessari, a seconda del Provider scelto. Per utilizzare i dati di esempio di questa lezione: Scegliamo il Provider dalla colonna di sinistra, Aggiungi connessione SHP Assegniamo un nome alla connessione, ad esempio Dati GIS Abruzzo Premiamo il bottone più a destra per scegliere la cartella dove conserviamo gli shapefile Premiamo infine il bottone Connetti 4

5 Figura 7 Finestra Connessione dati AutoCAD Map 3D legge il contenuto della cartella, ed elenca gli shapefile che vi ha trovato. Nel nostro caso centri abitati, comuni e strade. Se nella cartella fosse presente il metadato relativo al sistema di coordinate, questo verrebbe indicato di fianco al loro nome. Nel nostro caso, non è presente, quindi appare <sconosciuto>. Attivando la piccola casella alla sinistra del nome dei layer possiamo scegliere quali caricare. Infine resta da premere l ultimo bottone, Aggiungi a Carta. Attenzione alla piccola freccia alla sua destra: Premendola, notiamo che le opzioni sono due: la prima aggiunge tutti i layer selezionati. La seconda permette di aggiungerli specificando una query, interrogazione, basata su condizioni spaziali o sugli attributi. Approfondiremo le query nella Lezione 6 Figura 8 Aggiunta layer GIS alla Carta Premiamo Aggiungi a carta, AutoCAD Map 3D esegue automaticamente uno zoom sulle estensioni, assegna colori di default e mostra i nomi dei layer nella scheda Gestione Visualizzazioni. 5

6 4) Organizzare la vista Figura 9 I tre layer GIS dell Abruzzo caricati in Map 3D Dopo aver caricato i dati vettoriali, notiamo subito che i centri abitati non sono visibili, perché sono finiti sotto i comuni. Per cambiare l ordine di visualizzazione dei layer, premiamo il bottone Ordine di visualizzazione nella scheda Gestione Visualizzazioni. Ci basta spostare con il mouse il layer centri abitati verso l alto, in modo che vada a porsi sopra a comuni e sotto strade. Ora il layer centri abitati è visibile. Figura 10. Ordine di visualizzazione In qualsiasi momento è possibile spegnere uno dei layer disattivando la casella alla sua sinistra nella scheda Gestione Visualizzazioni. Il Layer resta connesso, ma non è più visibile. Il layer Base carta raccoglie tutti i dati CAD eventualmente presenti nel DWG prima delle connessioni FDO. Questi possono essere spenti in un colpo solo, disattivando Base carta, senza dover intervenire sui layer CAD. 5) Vestire i dati 6

7 Come abbiamo visto poco fa, AutoCAD Map 3D ha assegnato una sua vestizione di default (colore, riempimento e così via) ai layer che abbiamo appena caricato. Ma naturalmente possiamo definire una vestizione personalizzata, utilizzando il bottone Stile della scheda Gestione Visualizzazioni. Prima di tutto selezioniamo il layer di cui vogliamo modificare la vestizione, ad esempio strade, e premiamo il bottone Stile. La finestra Editor di stile appare come nella figura sottostante. Figura 11 Editor di stile La parte inferiore dell Editor di stile definisce lo stile del layer, la parte superiore gli intervalli di scala, per governare la visibilità del layer e degli stili, come vedremo alla fine di questo paragrafo. Per cominciare, premiamo il piccolo bottone che troviamo nel campo Stile nella parte inferiore dell Editor: si apre la finestra Stile linea. Qui possiamo scegliere facilmente il colore, lo spessore, il modello (tratteggio) delle linee che compongono le nostre strade. Figura 12 Finestra Stile linea E importante notare alcune cose: La casella in altro a sinistra, Applica stili a linea, che permette di disattivare in un colpo solo lo stile della linea, facendola scomparire. Le unità dello spessore fanno riferimento allo spazio dispositivo, cioè allo schermo. Quindi, quando modifichiamo lo zoom, lo spessore della linea resta uguale. Quando apriamo l elenco dei colori, in fondo troviamo l opzione Altri colori. Questa opzione ci permette di aprire una ulteriore finestra per la scelta da True color, oppure dall indice dei 256 colori tradizionali di AutoCAD, oppure dai cataloghi RAL e Pantone. 7

8 l opzione Crea linee composte modifica l aspetto della finestra Stile linea, per permettere di creare linee composte, l ideale per le nostre strade. Basta definire una prima linea sottile e tratteggiata, ed una seconda linea spessa e scura, per ottenere un effetto grafico molto interessante. Figura 13 Stile linea composta Bene, passiamo ora a modificare lo stile del layer comuni. Lo selezioniamo e premiamo il bottone Stile. Apparentemente l Editor di stile appare uguale a quello della Figura 11, ma se andiamo a premere lo stesso bottone cerchiato in rosso, ci verrà mostrata la finestra Applica stile a poligono. Figura 14 Finestra Applica stile a poligono Ovviamente, trattandosi di un poligoni, vi sono più opzioni a disposizione. Prima di tutto la casella in alto a destra ci permette di non applicare un riempimento, lasciando i poligoni vuoti e definiti solo dal bordo. Il modello di riempimento: di default è solido, ma è disponibile un grande numero di modelli. La trasparenza è molto importante, perché ci permette di vedere, sotto i poligoni, altri layer, come per esempio uno sfondo raster. Tornando all Editor di stile, possiamo approfittare di un altra opportunità: l etichettatura automatica, che è disponibile anche per layer di punti e linee. Vogliamo, per esempio, far comparire il nome di ogni 8

9 comune, che è presente negli attributi dello shapefile. Ci basta fare clic nella casella sotto Etichetta entità geografica per aprire la finestra Stile etichetta. Basta scegliere la Proprietà da visualizzare dall elenco. Figura 15 Finestra Stile etichetta ed etichette comuni Naturalmente sono disponibili molte opzioni per governare al meglio l aspetto grafico delle etichette. La gran parte sono intuitive, e conviene fare qualche prova per vedere gli ottimi risultati che si possono ottenere. La più importante, che vale la piena spiegare, è quella definita come Contesto dimensione. Le opzioni sono due: Spazio dispositivo significa che l altezza delle etichette viene calcolata sullo schermo, e quindi non cambia al variare della scala. Inoltre la gestione delle etichette è molto più flessibile rispetto ai testi CAD: quando lo zoom diminuisce, per evitare che le etichette diventino illeggibili sovrapponendosi, ne verranno rappresentate solo alcune, quello che lo spazio disponibile consente. Spazio della carta significa che l altezza delle etichette resta fissa rispetto al terreno, quindi varia in base allo zoom. E utile nel caso si debba stampare la cartografia, e si desidera che le etichette abbiano una altezza esatta. E non è finita. Un altra possibilità importante offerta dall Editor di stile, disponibile anche per layer di punti e linee, è la creazione di una mappa tematica. Si tratta della creazione automatica dello stile degli oggetti geografici in base ad un attributo oppure ad una espressione. Vediamo come fare. Selezioniamo il layer comuni e premiamo il bottone Stile. Nell Editor di Stile (Figura 11) premiamo il bottone Nuovo Tema. Nella finestra Tema poligoni possiamo impostare i parametri. 9

10 Figura 16 Le due finestre Tema poligoni Scegliamo prima di tutto la proprietà da utilizzare, ad esempio Provincia. Trattandosi di soli 4 valori, scegliamo per la distribuzione Valori individuali. Premendo il bottone evidenziato nella Figura 16 apriamo la finestra di dettaglio. Definiamo i colori della mappa tematica, poi premiamo il bottone OK. Tornati nella finestra precedente inseriamo infine il testo che vogliamo appaia nella legenda: Province e premiamo di nuovo OK. L Editor di Stile ci appare modificato: mostra, infatti, le quattro condizioni che sono state generate per la mappa tematica. Questo ci permette di intervenire manualmente: facendo clic sui bottoni a destra dei singoli colori possiamo ancora modificarli individualmente. Figura 17 Editor di stile mappa tematica 10

11 Possiamo modificare anche l etichetta della legenda per renderla più comprensibile, sostituendo il nome al numero della provincia. Ecco quindi in Figura 18 la Regione Abruzzo, dove i comuni sono colorati in base al codice della Provincia. Abbiamo spento i layer strade e centri abitati per vederla meglio. Figura 18 Mappa tematica delle province dell Abruzzo Proviamo ora i comandi di AutoCAD Map 3D per gestire gli intervalli di scala, che governano la visibilità dei layer e degli stili di vestizione. Come abbiamo accennato al inizio di questo paragrafo, possiamo decidere di far apparire un layer uno stile di vestizione differente a seconda della scala di rappresentazione. O, al limite, che sopra o sotto una certa scala non appaia del tutto. Si tratta di una possibilità molto importante, per alleggerire la visualizzazione del progetto, e per far comparire i dati più dettagliati solo quando sono significativi. Tornando alla nostra mappa tematica della figura 18, per vederla meglio abbiamo spento i due layer strade e centri abitati. Possiamo decidere, invece, che strade e centri abitati appaiano solo ad una certa scala, più di dettaglio. Quindi nella scheda Gestione visualizzazioni selezioniamo il layer strade e premiamo il bottone Stile. Gli intervalli di scala vengono definiti nella parte superiore dell Editor di stile. Inizialmente, troviamo un unico intervallo di scala che va da 0 ad infinito. NOTA: come già accennato, i dati di esempio della regione Abruzzo sono stati forniti rappresentati in Latitudine e Longitudine, quindi l unità di misura è in gradi. I valori delle scale che utilizzeremo, quindi, saranno molto diversi da quelli a cui siamo abituati quando utilizziamo i dati in metri. Vedremo poi, 11

12 nella Lezione 4, Come trasformare questi dati in uno dei sistemi metrici utilizzati in Italia, come UTM o Gauss Boaga. Il primo passo sta nel creare un nuovo intervallo, con il bottone Aggiungi intervallo di scala. Definiamo, quindi, due intervalli di scala, compilando i campi: Intervallo da 0 a 2, dove vogliamo che le strade compaiano, con lo stile composto appena visto Intervallo da 2 ad infinito, dove vogliamo che le strade non compaiano del tutto. Figura 19 Editor di Stile Gestione intervalli di scala Per disattivare lo stile delle strade, solo per l intervallo di scala da 2 ad infinito: Selezioniamo l intervallo da 2 ad infinito facendo clic sulla prima colonna, grigia del record. Poi facciamo clic sul piccolo bottone nel campo sotto Stile, per aprire la finestra Stile linea. Nella finestra Stile linea disattiviamo l opzione Applica stili a linea. Tornati alla mappa tematica possiamo accendere il layer strade. Non vedremo comparire nulla, finché non faremo uno zoom che ci posti ad una scala inferiore a 2. Naturalmente potremmo proseguire, definendo ulteriori intervalli di scala in cui, per esempio, far comparire le etichette con i nomi delle strade. Importante è mantenere sempre coerenti tra di loro gli intervalli, in modo che non vi siano sovrapposizioni. Ora vogliamo modificare lo stile dei comuni, in modo che alla stessa scala in cui compaiono le strade, vengano mostrate le etichette ed il riempimento sia uniforme. Quindi nella scheda Gestione visualizzazioni selezioniamo il layer comuni e premiamo il bottone Stile. Anche qui, inizialmente, troviamo un unico intervallo di scala che va da 0 ad infinito che mostra i colori che abbiamo definito per la mappa tematica. Nell Editor di stile premiamo il bottone Aggiungi intervallo di scala Compiliamo i campi dei due intervalli come nell esempio precedente, da 0 a 2 e da 2 a infinito. Selezioniamo l intervallo da 0 a 2 facendo clic sulla prima colonna, grigia, del record. Poi facciamo clic sul bottone Elimina tutto per eliminare tutte le classi della mappa tematica: viene ripristinato il riempimento di default. Se in precedenza avevamo definito le etichette, queste tornano visibili. 12

13 6) Gestire la legenda Figura 20 Editor di Stile Mappa con strade ed etichette a scala < 2 Come abbiamo visto, la legenda del nostro progetto è andata a poco a poco costruendosi nella scheda Gestione visualizzazioni del Riquadro attività. Possiamo in ogni momento correggere i nomi dei layer facendovi clic sopra una prima volta per selezionarli, ed una seconda per renderli modificabili. Per poter stampare la legenda, è necessario che questa compaia nello spazio modello. Per crearla: Torniamo a vedere tutta la mappa, con uno zoom alle estensioni (Z e poi E alla riga di comando). Nella scheda Gestione visualizzazioni Premiamo il bottone Strumenti e poi Crea legenda Figura 21 Crea legenda Spostando il mouse nello spazio modello vedremo comparire una anteprima della legenda, per poterla posizionare nel punto più opportuno facendo clic. Figura 22 Legenda La legenda che abbiamo appena creato è dinamica e mostra i layer che sono accesi nel momento in cui l abbiamo creata. Se accendiamo altri layer, dobbiamo premere di nuovo il bottone Strumenti: la voce del menu sarà cambiata, diventando Aggiorna legenda: basterà sceglierla perché la legenda si aggiorni automaticamente. 7) Navigare sui dati 13

14 AutoCAD Map 3D mette a disposizione numerosi comandi per navigare sui dati. Prima di tutto quelli di AutoCAD, tra cui i classici Pan, Zoom e così via, raccolti nella Barra multifunzione sotto la voce Vista. Figura 23 Vista nella Barra multifunzione Oppure, per chi utilizza ancora l area di lavoro Map Classic, è utile aprire la toolbar Zoom. Vi sono però altri comandi, dedicati all uso di dati GIS. Prima di tutto è possibile ottenere uno zoom alle estensioni di un singolo layer GIS, premendo il tasto destro su di esso nella scheda Gestione Visualizzazioni e scegliendo dal menu Zoom estensioni. Inoltre è possibile visualizzare i dati dello spazio modello ad una scala precisa: nella barra di stato del disegno, in basso a destra, basta premere la freccia a destra di Scala della vista e scegliere Personalizzato. Figura 24 Scelta della scala personalizzata per la vista nello spazio modello Infine la navigazione sui dati può utilizzare la tabella degli attributi alfanumerici, come stiamo per spiegare al paragrafo 8. 14

15 8) Interrogare i dati Il modo più veloce per interrogare i dati GIS con AutoCAD Map 3D, è uguale a quello di AutoCAD : selezioniamo un oggetto geografico, ad esempio un comune, toccandolo con il tasto sinistro del mouse, premiamo il tasto destro e scegliamo dal menu contestuale Proprietà. Nella finestra Proprietà possiamo vedere (e modificare) gli attributi del comune selezionato. Figura 25 Finestra Proprietà di un comune Naturalmente, per chi usa AutoCAD, bisogna chiarire: non stiamo vedendo attributi di blocchi, bensì gli attributi alfanumerici associati alla geometria GIS. Questo metodo, però, permette di vedere gli attributi di un solo oggetto geografico per volta. Per navigare in tutti gli attributi alfanumerici di un layer GIS, conviene invece selezionarlo nel Riquadro Attività e poi premere il terzo bottone, Tabella. Figura 26 Bottone Tabella 15

16 Grazie a questo bottone, apriamo la Tabella Dati, uno strumento molto comodo e potente per navigare tra i dati, anche se sono molto numerosi. Figura 27 Tabella Dati semitrasparente Le opzioni della Tabella Dati sono molto numerose, e per la gran parte intuitive. Prima di tutto la Tabella Dati può essere ancorata ad uno dei lati, può scomparire automaticamente quando non viene utilizzata e perfino, come è possibile notare nella figura, essere resa semitrasparente. Basta premere il tasto destro del mouse sulla barra di controllo per scegliere l opzione desiderata. In secondo luogo, toccando con il tasto sinistro del mouse il titolo di una colonna (campo), questa verrà ordinata numericamente o alfabeticamente in ordine crescente. Toccandolo una seconda volta l ordine viene invertito: in questo modo è facile ordinare, per esempio, i nomi dei comuni per effettuare delle ricerche. Basta toccare con il mouse una casella della prima colonna a sinistra, per selezionare un record ed effettuare uno zoom automatico sull oggetto geografico associato. Attenzione: il bottone Zoom automatico deve essere attivo. All opposto, è possibile selezionare un oggetto geografico per vedere subito selezionato il record di attributi associato. Attenzione: il bottone Scorrimento automatico deve essere attivo. Per applicare filtri veloci, nel campo in alto a sinistra della Tabella Dati, dove appare Filtra per, facendo clic con il mouse è possibile scegliere il campo da filtrare. Poi basta scrivere il valore che si desidera utilizzare come filtro. Ad esempio, se scegliamo il campo NOME_PROV e poi scriviamo POTENZA verranno mostrati solo i comuni della provincia di Potenza. E possibile costruire filtri e query complesse grazie all opzione Cerca per selezionare. Questa apre il potente Generatore di espressioni, che mette a disposizione molti strumenti per questo scopo: lo approfondiremo nella Lezione 6, dedicata alle selezioni alfanumeriche e geografiche. 16

17 Figura 28 Generatore di espressioni Infine il piccolo menu Opzioni in basso a destra della Tabella Dati permette di esportare in un file di testo tutti i record selezionati, di creare Unioni (Join) tra i dati, di creare nuovi campi calcolati grazie all opzione Crea calcolo. Bene, con questa lezione abbiamo cercato di dare una prima panoramica sulle potenzialità di AutoCAD Map 3D nel caricare, visualizzare e consultare dati vettoriali. Consultando la ricca documentazione in linea, che comprende filmati e tutorial, o provando direttamente, il lettore potrà scoprire molte ulteriori possibilità. 21 ottobre 2010 Redatto da: arch. Giovanni Perego autore del Blog: Revisionato da: Alessandro dal Maso - 17

Software AutoCAD Map 3D - lezione 0 Introduzione al software

Software AutoCAD Map 3D - lezione 0 Introduzione al software Software AutoCAD Map 3D - lezione 0 Introduzione al software 1) Nome del software AutoCAD Map 3D 2) Genealogia del software Software sviluppato da Autodesk e basato su AutoCAD, di cui contiene tutte le

Dettagli

Software AutoCAD Map 3D - Lezione 4 I sistemi di coordinate usati in Italia: conversioni

Software AutoCAD Map 3D - Lezione 4 I sistemi di coordinate usati in Italia: conversioni Software AutoCAD Map 3D - Lezione 4 I sistemi di coordinate usati in Italia: conversioni 0) Premessa Con questa Lezione cercheremo di illustrare un aspetto molto importante, ma purtroppo poco conosciuto

Dettagli

Software AutoCAD Map 3D - Lezione 2 Caricare, visualizzare e consultare dati raster

Software AutoCAD Map 3D - Lezione 2 Caricare, visualizzare e consultare dati raster Software AutoCAD Map 3D - Lezione 2 Caricare, visualizzare e consultare dati raster 0) Premessa Proseguiamo nella descrizione delle funzionalità di AutoCAD Map 3D, esaminando le potenzialità relative ai

Dettagli

GUIDA ALL USO DEL VISUALIZZATORE CARTOGRAFICO

GUIDA ALL USO DEL VISUALIZZATORE CARTOGRAFICO Ministero dell Ambiente e della tutela del territorio e del mare GUIDA ALL USO DEL VISUALIZZATORE CARTOGRAFICO Stato del documento Redatto Approvato Funzione Team di progetto Geoportale nazionale Responsabile

Dettagli

Utilizzo dei servizi WMS e WFS

Utilizzo dei servizi WMS e WFS Servizi_WMS-WFS_SIT_Puglia.pdf Emesso il : 31/01/2014 Documento per gli utenti internet Utilizzo dei servizi WMS e WFS ABSTRACT Il documento presenta le modalità di connessione a PUGLIA.CON in modalità

Dettagli

Esplora gli argomenti della guida. Requisiti di sistema. Menu laterale - Area Temi. Temi. Legenda. Requisiti di sistema

Esplora gli argomenti della guida. Requisiti di sistema. Menu laterale - Area Temi. Temi. Legenda. Requisiti di sistema Esplora gli argomenti della guida Requisiti di sistema Menu laterale Menu Strumenti principali Menu altri Strumenti Temi Legenda Aggiungere / rimuovere temi Temi per editing Temi per snap Esporta/Carica

Dettagli

Tutorial gvsig. Versione 1.1

Tutorial gvsig. Versione 1.1 Tutorial gvsig Versione 1.1 24/10/2007 Tutorial gvsig - Versione 1.1 www.gvsig.org Testo e screenshot a cura di R3 GIS Srl Via Johann Kravogl 2 39012 Merano (BZ) Italia Tel. +39 0473 494949 Fax +39 0473

Dettagli

MANUALE D USO DEL SOFTWARE APPLICATIVO ADB-TOOLBOX (VERSIONE 1.7 E SUPERIORI) UTILIZZO DEI SERVIZI WMS-WFS-WCS E DEL CATALOGO CSW

MANUALE D USO DEL SOFTWARE APPLICATIVO ADB-TOOLBOX (VERSIONE 1.7 E SUPERIORI) UTILIZZO DEI SERVIZI WMS-WFS-WCS E DEL CATALOGO CSW Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE D USO DEL SOFTWARE APPLICATIVO ADB-TOOLBOX (VERSIONE 1.7 E UTILIZZO DEI SERVIZI WMS-WFS-WCS E DEL CATALOGO CSW Titolo Autore Oggetto

Dettagli

Introduzione a Microsoft Word 2007

Introduzione a Microsoft Word 2007 Introduzione a Microsoft Word 2007 Autore: Alessandra Salvaggio Tratto dal libro: Lavorare con Word 2007 Non ostante che Microsoft Office 2007 sia uscito da un po di tempo, molte persone ancora non sono

Dettagli

Geoportale web gis. Provincia Regionale di Enna

Geoportale web gis. Provincia Regionale di Enna Geoportale web gis Provincia Regionale di Enna Guida alla consultazione del geoportale della Provincia Regionale di Enna Introduzione Cos è il Geoportale: Il Geoportale della Provincia di Enna ha la finalità

Dettagli

Prima Lezione: Costruire una mappa

Prima Lezione: Costruire una mappa Prima Lezione: Costruire una mappa I tipi di informazione geografica disponibili Navigazione nella mappa Coordinate e scala Vista panoramica Introduzione ai GIS GIS significa Sistema Informativo Geografico

Dettagli

WebGis Comune di Novara

WebGis Comune di Novara 1 / 12 Progetto GeoCivit@s 2 / 12 Premesse Con il presente documento si descrive sinteticamente la nuova applicazione personalizzata per la pubblicazione dei dati geografici. Tale documento contiene una

Dettagli

S.C.S. - survey CAD system Tel. 045 / 7971883. Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per:

S.C.S. - survey CAD system Tel. 045 / 7971883. Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per: 1 - File Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per: - l apertura e salvataggio di disegni nuovi e esistenti; - al collegamento con altri programmi, in particolare AutoCAD; - le opzioni di importazione

Dettagli

WEBGIS 1.0. Guida per l utente

WEBGIS 1.0. Guida per l utente WEBGIS 1.0 Guida per l utente SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...3 2 FUNZIONALITA...4 2.1 Strumenti WebGIS... 4 2.1.1 Mappa... 5 2.1.2 Inquadramento mappa... 6 2.1.3 Toolbar... 7 2.1.4 Scala... 9 2.1.5 Legenda...

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEI DATI GEOGRAFICI CON IL SOFTWARE QUANTUM GIS

MANUALE DI GESTIONE DEI DATI GEOGRAFICI CON IL SOFTWARE QUANTUM GIS MANUALE DI GESTIONE DEI DATI GEOGRAFICI CON IL SOFTWARE QUANTUM GIS Compilato: Andrea De Felici Rivisto: Approvato: Versione: 1.0 Distribuito: 01/08/2013 1 INDICE 1. INTRODUZIONE..3 2. PRIMI PASSI.....4

Dettagli

Quinta lezione: Stampare e salvare una mappa

Quinta lezione: Stampare e salvare una mappa Quinta lezione: Stampare e salvare una mappa Stampa e salvataggio in vari formati. Utilizzare il prodotto per inserirlo in relazioni, come base di disegni In questa lezione vedremo come creare una mappa

Dettagli

Teleview MANUALE D USO DEL SOFTWARE CARTOGRAFICO TELEVIEW IN AMBIENTE OPENGIADA. aggiornato alla versione del 16 aprile 2007

Teleview MANUALE D USO DEL SOFTWARE CARTOGRAFICO TELEVIEW IN AMBIENTE OPENGIADA. aggiornato alla versione del 16 aprile 2007 Teleview aggiornato alla versione del 16 aprile 2007 MANUALE D USO DEL SOFTWARE CARTOGRAFICO TELEVIEW IN AMBIENTE OPENGIADA Pagina 1 Sommario 1. Descrizione generale... 3 2. Installazione... 4 3. Tipi

Dettagli

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4. Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa. Anno 2011/2012 Syllabus 5.

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4. Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa. Anno 2011/2012 Syllabus 5. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4 Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa Anno 2011/2012 Syllabus 5.0 Una delle funzioni più importanti di un foglio elettronico

Dettagli

CORSO AUTOCAD CENNI PRELIMINARI

CORSO AUTOCAD CENNI PRELIMINARI CORSO AUTOCAD CENNI PRELIMINARI Benvenuti a tutti al corso sull utilizzo di Autocad, in questa prima lezione voglio quali sono i principi base del funzionamento di Autocad. Autocad non è nient altro che

Dettagli

Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli Guida utente

Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli Guida utente Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli Guida utente 1. Introduzione Il Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli (SGSS) rappresenta l evoluzione dell ambiente

Dettagli

Microsoft PowerPoint

Microsoft PowerPoint Microsoft introduzione a E' un programma che si utilizza per creare presentazioni grafiche con estrema semplicità e rapidità. Si possono realizzare presentazioni aziendali diapositive per riunioni di marketing

Dettagli

QGIS LEZIONE 5. Dott.ssa M. Costantini

QGIS LEZIONE 5. Dott.ssa M. Costantini QGIS LEZIONE 5 Dott.ssa M. Costantini QGIS LEZIONE 5 1 Esercizio :progetto ristoranti Palestrina 1. carica layer raster Roma_P 2. carica layer vettoriale Comuni_Lazio7 3. visualizza sulla mappa soltanto

Dettagli

NUOVO PORTALE ANCE. MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI

NUOVO PORTALE ANCE. MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI NUOVO PORTALE ANCE MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI DEI CONTENUTI ACCESSO AL MENU PRINCIPALE PAG. 3 CREAZIONE DI UNA NUOVA HOME PAGE 4 SELEZIONE TIPO HOME PAGE 5 DATA

Dettagli

Office 2007 Lezione 02. Le operazioni più

Office 2007 Lezione 02. Le operazioni più Le operazioni più comuni Le operazioni più comuni Personalizzare l interfaccia Creare un nuovo file Ieri ci siamo occupati di descrivere l interfaccia del nuovo Office, ma non abbiamo ancora spiegato come

Dettagli

Il foglio elettronico

Il foglio elettronico Il foglio elettronico Foglio di calcolo, Spreadsheet in inglese, Permette di elaborare DATI NUMERICI. E una TABELLA che contiene numeri che possono essere elaborati con FUNZIONI matematiche e statistiche.

Dettagli

La creazione e l apertura dei disegni

La creazione e l apertura dei disegni Capitolo 3 La creazione e l apertura dei disegni Per lavorare con efficienza è importante memorizzare i documenti in modo da poterli ritrovare facilmente. È indispensabile, inoltre, disporre di modelli

Dettagli

ISTAT bt.viewer: Basi Territoriali MANUALE UTENTE. Servizio INT Sistema Informativo Geografico

ISTAT bt.viewer: Basi Territoriali MANUALE UTENTE. Servizio INT Sistema Informativo Geografico ISTAT bt.viewer: Basi Territoriali MANUALE UTENTE Servizio INT Sistema Informativo Geografico INDICE Utilizzare il bt.viewer Navigare nella mappa Confrontare foto aeree Tematismi Tematismi: applicare la

Dettagli

Software ArcGIS - Lezione 1 Caricare, visualizzare e consultare dati vettoriali

Software ArcGIS - Lezione 1 Caricare, visualizzare e consultare dati vettoriali Software ArcGIS - Lezione 1 Caricare, visualizzare e consultare dati vettoriali 1) Costruire una vista sui dati geografici In questa prima lezione impareremo a costruire una mappa, sovrapponendo qualche

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Facoltà di Economia Università di Foggia. Prof. Crescenzio Gallo

Laboratorio di Informatica. Facoltà di Economia Università di Foggia. Prof. Crescenzio Gallo . Laboratorio di Informatica Facoltà di Economia Università di Foggia Prof. Crescenzio Gallo Word è un programma di elaborazione testi che consente di creare, modificare e formattare documenti in modo

Dettagli

ArcGIS - ArcView ArcCatalog

ArcGIS - ArcView ArcCatalog ArcGIS - ArcView ArcCatalog Marco Negretti Politecnico di Milano Polo Regionale di Como e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi.it 12/11/08 - v 3.0 ArcCatalog ArcCatalog: strumento

Dettagli

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1 MICROSOFT ACCESS Premessa ACCESS è un programma di gestione di banche dati, consente la creazione e modifica dei contenitori di informazioni di un database (tabelle), l inserimento di dati anche mediante

Dettagli

MArine Coastal Information SysTEm

MArine Coastal Information SysTEm GUIDA ALL UTILIZZO DELL INTERFACCIA CARTOGRAFICA Il MArine Coastal Information SysTEm è un sistema informativo integrato che permette di gestire dati ambientali interdisciplinari (fisici, chimici e biologici)

Dettagli

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php MODULO 3 Microsoft Excel TEST ED ESERCIZI SU: http:///ecdl/excel/index.php Foglio Elettronico - SpreadSheet Un foglio elettronico (in inglese spreadsheet) è un programma applicativo usato per memorizzare

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 3 Elaborazione testi Word Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 3 Elaborazione testi Word Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 3 Elaborazione testi Word Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 2 Modulo 3 Elaborazione testi Word G. Pettarin ECDL

Dettagli

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese.

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Presentazione: SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Il programma si distingue per la rapidità e l elasticità del processo di gestione

Dettagli

MODULO 5 Basi di dati (database)

MODULO 5 Basi di dati (database) MODULO 5 Basi di dati (database) I contenuti del modulo: questo modulo riguarda la conoscenza da parte del candidato dei concetti fondamentali sulle basi di dati e la sua capacità di utilizzarli. Il modulo

Dettagli

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie Facoltà di Scienze Motorie CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO Una tabella che contiene parole e numeri che possono essere elaborati applicando formule matematiche e funzioni statistiche. Esame di Informatica

Dettagli

Guida alla consultazione dei WMS

Guida alla consultazione dei WMS Provincia di Firenze SIT e reti informative Guida alla consultazione dei WMS con la collaborazione di Linea Comune S.p.a. INDICE 1. Che cosa è un WMS...2 2. Consultare i WMS con QuantumGIS...3 3. Consultare

Dettagli

1. Le macro in Access 2000/2003

1. Le macro in Access 2000/2003 LIBRERIA WEB 1. Le macro in Access 2000/2003 Per creare una macro, si deve aprire l elenco delle macro dalla finestra principale del database: facendo clic su Nuovo, si presenta la griglia che permette

Dettagli

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto Applicare bordi e sfondi ai paragrafi Word permette di creare un bordo attorno ad un intera pagina o solo attorno a paragrafi selezionati. Il testo risulta incorniciato in un rettangolo completo dei quattro

Dettagli

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail. Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.com Indice: La finestra di Word Barra del titolo Barra dei menu Barra degli

Dettagli

Basi di dati. Introduzione. Una breve introduzione sulla suite di OpenOffice.org e la gestione dei database

Basi di dati. Introduzione. Una breve introduzione sulla suite di OpenOffice.org e la gestione dei database Basi di dati Introduzione Una breve introduzione sulla suite di OpenOffice.org e la gestione dei database OpenOffice.org (www.openoffice.org) è un potente software opensource che ha, quale scopo primario,

Dettagli

Database Modulo 2. Le operazioni di base

Database Modulo 2. Le operazioni di base Database Modulo 2 Le operazioni di base L architettura concettuale dei dati ha lo scopo di astrarre dal mondo reale ciò che in questo è concettuale, cioè statico. 2 In altri termini gli oggetti del mondo

Dettagli

ArcGIS 10 strumenti di editing e ArcCatalog. Marco Negretti Politecnico di Milano e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi.

ArcGIS 10 strumenti di editing e ArcCatalog. Marco Negretti Politecnico di Milano e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi. ArcGIS 10 strumenti di editing e ArcCatalog Marco Negretti Politecnico di Milano e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi.it 14/11/2012 digitalizzare una immagine gestione dell'archivio

Dettagli

GEOPORTALE Arpa Piemonte Sistema Informativo Ambientale Geografico

GEOPORTALE Arpa Piemonte Sistema Informativo Ambientale Geografico GEOPORTALE Arpa Piemonte Sistema Informativo Ambientale Geografico Guida all'accesso ai Map Service WMS e WMTS con Q-GIS (v. 2.0) Versione 01 novembre 2013 Redazione Arpa Piemonte - Sistema Informativo

Dettagli

Per chi ha la Virtual Machine: avviare Grass da terminale, andando su Applicazioni Accessori Terminale e scrivere grass

Per chi ha la Virtual Machine: avviare Grass da terminale, andando su Applicazioni Accessori Terminale e scrivere grass 0_Iniziare con GRASS Avvio di Grass e creazione della cartella del Database di GRASS Per chi ha la Virtual Machine: avviare Grass da terminale, andando su Applicazioni Accessori Terminale e scrivere grass

Dettagli

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività Foglio Elettronico Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti Tasto dx 1 clic sul pulsante

Dettagli

Visualizzare livelli WMS e WFS

Visualizzare livelli WMS e WFS Visualizzare livelli WMS e WFS SITAR - Regione Liguria Settore Sistemi Informativi e Telematici Regionali via Fieschi, 15 16121 - GENOVA tel. sportello 010 548 4170 fax sportello 010 548 4184 infoter@regione.liguria.it

Dettagli

Concetti Fondamentali

Concetti Fondamentali EXCEL Modulo 1 Concetti Fondamentali Excel è un applicazione che si può utilizzare per: Creare un foglio elettronico; costruire database; Disegnare grafici; Cos è un Foglio Elettronico? Un enorme foglio

Dettagli

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1 Microsoft Access - Determinare l input appropriato per il database...2 Determinare l output appropriato per il database...2 Creare un database usando l autocomposizione...2 Creare la struttura di una tabella...4

Dettagli

1. I database. La schermata di avvio di Access

1. I database. La schermata di avvio di Access 7 Microsoft Access 1. I database Con il termine database (o base di dati) si intende una raccolta organizzata di dati, strutturati in maniera tale che, effettuandovi operazioni di vario tipo (inserimento

Dettagli

On-line Corsi d Informatica sul Web

On-line Corsi d Informatica sul Web On-line Corsi d Informatica sul Web Corso base di Excel Università degli Studi della Repubblica di San Marino Capitolo 1 ELEMENTI DELLO SCHERMO DI LAVORO Aprire Microsoft Excel facendo clic su Start/Avvio

Dettagli

GUIDA AL MODELLO GIS DEL CISA

GUIDA AL MODELLO GIS DEL CISA GUIDA AL MODELLO GIS DEL CISA Il presente rapporto è contenuto in formato elettronico nel Cd-rom allegato, insieme ai tematismi elaborati per la ricerca, che rappresentano la distribuzione spaziale dei

Dettagli

INIZIAMO A IMPARARE WORD

INIZIAMO A IMPARARE WORD Associazione Nazionale Seniores Enel Associazione di solidarietà tra dipendenti e pensionati delle Aziende del Gruppo Enel Sezione Territoriale Lombardia - Nucleo di Milano E-Mail del Nucleo di Milano:

Dettagli

SITI Cloud Manuale utente

SITI Cloud Manuale utente 1 SITI Cloud Manuale utente 2 Autenticazione Per accedere ai servizi forniti da SITICloud, dopo aver richiamato con il browser l'indirizzo che Vi è stato assegnato è necessario identificarsi. Si apre la

Dettagli

Quinta lezione: Stampare e salvare una mappa

Quinta lezione: Stampare e salvare una mappa Quinta lezione: Stampare e salvare una mappa Stampa e salvataggio in vari formati. Utilizzare il prodotto per inserirlo in relazioni Utilizzarlo come base di disegni Compositore di stampa Carichiamo il

Dettagli

Introduzione all'uso di

Introduzione all'uso di Introduzione all'uso di Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica.

Dettagli

Utilizzo dei servizi WFS della Regione Autonoma della Sardegna

Utilizzo dei servizi WFS della Regione Autonoma della Sardegna Utilizzo dei servizi WFS della Regione Autonoma della Sardegna Sistema Informativo Territoriale Regionale (SITR-IDT) Titolo Creatore Utilizzo del servizio WFS della Regione Sardegna SITR Data 02/09/09

Dettagli

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Tara

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Tara Corso introduttivo all utilizzo di TQ Tara Le pagine che seguono introducono l utente all uso delle principali funzionalità di TQ Tara mediante un corso organizzato in otto lezioni. Ogni lezione spiega

Dettagli

Introduzione. Alberto Fortunato alberto.fortunato@gmail.com. www.albertofortunato.com Pag. 1 di 137

Introduzione. Alberto Fortunato alberto.fortunato@gmail.com. www.albertofortunato.com Pag. 1 di 137 Introduzione Il software Gestione magazzino è stato realizzato con l intenzione di fornire uno strumento di apprendimento per chi intendesse cominciare ad utilizzare Access 2010 applicando le tecniche

Dettagli

8.9 CREARE UNA TABELLA PIVOT

8.9 CREARE UNA TABELLA PIVOT 8.9 CREARE UNA TABELLA PIVOT Utilizziamo la tabella del foglio di Excel Consumo di energia elettrica in Italia del progetto Aggiungere subtotali a una tabella di dati, per creare una Tabella pivot: essa

Dettagli

Excel Guida introduttiva

Excel Guida introduttiva Excel Guida introduttiva Informativa Questa guida nasce con l intento di spiegare in modo chiaro e preciso come usare il software Microsoft Excel. Questa è una guida completa creata dal sito http://pcalmeglio.altervista.org

Dettagli

Il menu File contiene tutti i comandi relativi alle seguenti operazioni:

Il menu File contiene tutti i comandi relativi alle seguenti operazioni: 1 - FILE FIGURA 1.1 Il menu File contiene tutti i comandi relativi alle seguenti operazioni: - apertura e salvataggio di disegni nuovi ed esistenti; - spedizione di disegni tramite email; - collegamento

Dettagli

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico 1 Finestra principale di Excel 2 Finestra principale di Excel Questi pulsanti servono per ridurre ad icona, ripristinare e chiudere la finestra dell applicazione.

Dettagli

Versione aggiornata al 11.11.2014

Versione aggiornata al 11.11.2014 Word Processing Versione aggiornata al 11.11.2014 A cura di Massimiliano Del Gaizo Massimiliano Del Gaizo Pagina 1 SCHEDA (RIBBON) HOME 1. I L G R U P P O C A R AT T E R E Word ci offre la possibilità,

Dettagli

Siti web e Dreamweaver. La schermata iniziale

Siti web e Dreamweaver. La schermata iniziale Siti web e Dreamweaver Dreamweaver è la soluzione ideale per progettare, sviluppare e gestire siti web professionali e applicazioni efficaci e conformi agli standard e offre tutti gli strumenti di progettazione

Dettagli

Pratica guidata 2. Usare mouse e tastiera

Pratica guidata 2. Usare mouse e tastiera Pratica guidata 2 Usare mouse e tastiera Mouse: Clic sinistro, doppio clic, clic destro, Drag and drop, Forme del puntatore Tastiera: tasti principali e combinazioni Centro Servizi Regionale Pane e Internet

Dettagli

Stampa unione in Word 2010 Stampe multiple personalizzate

Stampa unione in Word 2010 Stampe multiple personalizzate Stampa unione in Word 2010 Stampe multiple personalizzate Autore: Alessandra Salvaggio Tratto dal libro: Lavorare con Word 2010 Quando bisogna inviare documenti personalizzato a molte persone una funzione

Dettagli

COME CREARE IL DATABASE GESTIONE CLIENTI IN ACCESS 2010

COME CREARE IL DATABASE GESTIONE CLIENTI IN ACCESS 2010 ALBERTO FORTUNATO COME CREARE IL DATABASE GESTIONE CLIENTI IN ACCESS 2010 SPIEGAZIONE ED ILLUSTRAZIONE GUIDATA DI TUTTI I PASSAGGI PER LA CREAZIONE DELLE TABELLE, DELLE MASCHERE, DELLE QUERY, DEI REPORT

Dettagli

Maschere. Microsoft Access. Maschere. Maschere. Maschere. Aprire una maschere. In visualizzazione foglio dati: Maschere

Maschere. Microsoft Access. Maschere. Maschere. Maschere. Aprire una maschere. In visualizzazione foglio dati: Maschere Microsoft Access In visualizzazione foglio dati: È necessario spostarsi tra i campi come in un foglio di lavoro tipico di un foglio elettronico (Excel ecc.) Le maschere: una finestra progettata e realizzata

Dettagli

GUIDA UTENTE FATTURA IMPRESA

GUIDA UTENTE FATTURA IMPRESA GUIDA UTENTE FATTURA IMPRESA (Vers. 4.5.0) Installazione... 2 Prima esecuzione... 5 Login... 6 Funzionalità... 7 Documenti... 8 Creazione di un nuovo documento... 9 Ricerca di un documento... 17 Calcolare

Dettagli

06Ac-Cap03.qxd 24-01-2008 17:47 Pagina 43. 3Oltre le tabelle

06Ac-Cap03.qxd 24-01-2008 17:47 Pagina 43. 3Oltre le tabelle 06Ac-Cap03.qxd 24-01-2008 17:47 Pagina 43 3Oltre le tabelle Chiave primaria Progettare le tabelle di un database Relazioni Join Creare le relazioni Modificare una relazione Eliminare una o tutte le relazioni

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI IN GEO- LOGIA

SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI IN GEO- LOGIA MARIA TERESA MELIS SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI IN GEO- LOGIA titimelis@unica.it ANNO ACCADEMICO 2013/ 2014 LEZIONE 3 INTRODUZIONE AL SW ARCGIS Corso di Sistemi Informativi Geografici in Geologia a cura

Dettagli

Word è un elaboratore di testi in grado di combinare il testo con immagini, fogli di lavoro e

Word è un elaboratore di testi in grado di combinare il testo con immagini, fogli di lavoro e Word è un elaboratore di testi in grado di combinare il testo con immagini, fogli di lavoro e grafici, tutto nello stesso file di documento. Durante il lavoro testo e illustrazioni appaiono sullo schermo

Dettagli

SUITE BY11250. Editor Parametri e Configurazione

SUITE BY11250. Editor Parametri e Configurazione Via Como, 55 21050 Cairate (VA) Pagina 1 di 16 SUITE BY11250 (1.0.0.1) Editor Parametri e Configurazione (1.0.0.0) IMPORTANTE Pagina 2 di 16 Le immagini riportate nel presente manuale fanno riferimento

Dettagli

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Pagina 29 di 47 3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Come abbiamo già detto in precedenza, l informatica si divide in due grandi mondi : l hardware

Dettagli

Digitando nel browser https://db.issfacilityservices.it si accede al portale. (disponibile da 2/7/12)

Digitando nel browser https://db.issfacilityservices.it si accede al portale. (disponibile da 2/7/12) Manuale utente per l ordine online del materiale pubblicitario e modulistica, biglietti da visita e timbri Versione 1.0 del 18/6/12 Login Digitando nel browser https://db.issfacilityservices.it si accede

Dettagli

Gli SmartArt. Office 2007 Lezione 05

Gli SmartArt. Office 2007 Lezione 05 Gli SmartArt SmartArt Gli SmartArt rappresentano una delle principali novità di Microsoft Office 2007: si trattano di grafiche intelligenti che vi permettono di realizzare diagrammi, schemi, diagrammi

Dettagli

Cominciamo dalla barra multifunzione, ossia la struttura a schede che ha sostituito la barra dei menu e la barra delle icone (Figura 1).

Cominciamo dalla barra multifunzione, ossia la struttura a schede che ha sostituito la barra dei menu e la barra delle icone (Figura 1). La barra multifunzione La barra multifunzione e il pulsante Microsoft Office Se avete lavorato per tanti anni con la suite da ufficio Office, questa nuova versione 2007 può disorientarvi davvero molto.

Dettagli

FATTURE PROFESSIONISTI 1.5 MANUALE UTENTE. ultima revisione: 21/05/07

FATTURE PROFESSIONISTI 1.5 MANUALE UTENTE. ultima revisione: 21/05/07 FATTURE PROFESSIONISTI 1.5 MANUALE UTENTE ultima revisione: 21/05/07 Indice Panoramica... 1 Navigazione... 2 Selezionare una Vista Dati... 2 Individuare una registrazione esistente... 3 Inserire un nuova

Dettagli

FlukeView Forms Documenting Software

FlukeView Forms Documenting Software FlukeView Forms Documenting Software N. 5: Uso di FlukeView Forms con il tester per impianti elettrici Fluke 1653 Introduzione Questa procedura mostra come trasferire i dati dal tester 1653 a FlukeView

Dettagli

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Base offre la possibilità di creare database strutturati in termini di oggetti, quali tabelle, formulari, ricerche e rapporti, di visualizzarli e utilizzarli in diverse modalità.

Dettagli

Pratica 3 Creare e salvare un documento. Creare e salvare un file di testo

Pratica 3 Creare e salvare un documento. Creare e salvare un file di testo Pratica 3 Creare e salvare un documento Creare e salvare un file di testo Centro Servizi Regionale Pane e Internet Redazione a cura di Roger Ottani, Grazia Guermandi Luglio 2015 Realizzato da RTI Ismo

Dettagli

Guida SH.Shop. Inserimento di un nuovo articolo:

Guida SH.Shop. Inserimento di un nuovo articolo: Guida SH.Shop Inserimento di un nuovo articolo: Dalla schermata principale del programma, fare click sul menu file, quindi scegliere Articoli (File Articoli). In alternativa, premere la combinazione di

Dettagli

SITI Viewer GIS. Progetto SITI Catasto. Manuale Utente. SITI Viewer GIS. ABACO S.r.l.

SITI Viewer GIS. Progetto SITI Catasto. Manuale Utente. SITI Viewer GIS. ABACO S.r.l. Progetto SITI Catasto Manuale Utente SITI Viewer GIS ABACO S.r.l. ABACO S.r.l. C.so Umberto, 43 46100 Mantova (Italy) Tel +39 376 222181 Fax +39 376 222182 www.abacogroup.com e-mail : info@abacogroup.com

Dettagli

Il mago delle presentazioni: PowerPoint

Il mago delle presentazioni: PowerPoint Informatica 2 livello/2ªb 21-02-2006 10:46 Pagina 48 Il mago delle presentazioni: è un programma di Microsoft che ti permette di creare presentazioni multimediali per mostrare, a chi vuoi, un tuo lavoro,

Dettagli

Capitolo 6. 6.1 TOTALI PARZIALI E COMPLESSIVI Aprire la cartella di lavoro Lezione2 e inserire la tabella n 2 nel Foglio1 che chiameremo Totali.

Capitolo 6. 6.1 TOTALI PARZIALI E COMPLESSIVI Aprire la cartella di lavoro Lezione2 e inserire la tabella n 2 nel Foglio1 che chiameremo Totali. Capitolo 6 GESTIONE DEI DATI 6.1 TOTALI PARZIALI E COMPLESSIVI Aprire la cartella di lavoro Lezione2 e inserire la tabella n 2 nel Foglio1 che chiameremo Totali. Figura 86. Tabella Totali Si vuole sapere

Dettagli

www.filoweb.it STAMPA UNIONE DI WORD

www.filoweb.it STAMPA UNIONE DI WORD STAMPA UNIONE DI WORD Molte volte abbiamo bisogno di stampare più volte lo stesso documento cambiando solo alcuni dati. Potremmo farlo manualmente e perdere un sacco di tempo, oppure possiamo ricorrere

Dettagli

SardegnaMappe Manuale utente

SardegnaMappe Manuale utente SardegnaMappe Manuale utente [2] Indice 1. Introduzione 4 2. Requisiti dell utente 5 3. L applicazione SardegnaMappe 6 3.1. Panoramica dell applicazione 6 3.1.1. Accesso all applicazione 6 3.1.2. Icona

Dettagli

EASYVET 1.0 MANUALE UTENTE

EASYVET 1.0 MANUALE UTENTE MANUALE UTENTE MANUALE UTENTE Sommario Introduzione 1 Primi Passi 2 Opzioni di amministrazione 3 Gestione clienti 5 Gestione fatture e spese 7 Il Giornaliero 8 Le fatture 12 Le Statistiche 14 Bilancio

Dettagli

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4 Foglio Elettronico PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File

Dettagli

Demo. La palette allinea. La palette Anteprima conversione trasparenza. Adobe Illustrator CS2

Demo. La palette allinea. La palette Anteprima conversione trasparenza. Adobe Illustrator CS2 Le Palette (parte prima) Come abbiamo accennato le Palette permettono di controllare e modificare il vostro lavoro. Le potete spostare e nascondere come spiegato nella prima lezione. Cominciamo a vedere

Dettagli

EasyPrint v4.7. Impaginatore Album. Manuale Utente

EasyPrint v4.7. Impaginatore Album. Manuale Utente EasyPrint v4.7 Impaginatore Album Manuale Utente Lo strumento di impaginazione album consiste in una nuova funzione del software da banco EasyPrint 4 che permette di organizzare le immagini in maniera

Dettagli

Il Foglio Elettronico. Microsoft Excel

Il Foglio Elettronico. Microsoft Excel Il Foglio Elettronico 1 Parte I Concetti generali Celle e fogli di lavoro.xls Inserimento dati e tipi di dati Importazione di dati Modifica e formattazione di fogli di lavoro FOGLIO ELETTRONICO. I fogli

Dettagli

Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access. sergiopinna@tiscali.it

Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access. sergiopinna@tiscali.it Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access sergiopinna@tiscali.it Seconda Parte: Ms Access (lezione #2) CONTENUTI LEZIONE Query Ordinamento Avanzato Maschere Report Query (interrogazioni) Gli strumenti

Dettagli

FONDAMENTI DI INFORMATICA. 3 Elaborazione testi

FONDAMENTI DI INFORMATICA. 3 Elaborazione testi FONDAMENTI DI INFORMATICA 3 Elaborazione testi Microsoft office word Concetti generali Operazioni principali Formattazione Oggetti Stampa unione Preparazione della stampa Schermata iniziale di Word Come

Dettagli

MICROSOFT OFFICE WORD 2010 STAMPA UNIONE

MICROSOFT OFFICE WORD 2010 STAMPA UNIONE MICROSOFT OFFICE WORD 2010 STAMPA UNIONE STAMPA UNIONE CON MICROSOFT OFFICE WORD 2010 La Stampa Unione è un'importante funzione di Word che ci consente di creare delle lettere personalizzate da inviare

Dettagli

Il sofware è inoltre completato da una funzione di calendario che consente di impostare in modo semplice ed intuitivo i vari appuntamenti.

Il sofware è inoltre completato da una funzione di calendario che consente di impostare in modo semplice ed intuitivo i vari appuntamenti. SH.MedicalStudio Presentazione SH.MedicalStudio è un software per la gestione degli studi medici. Consente di gestire un archivio Pazienti, con tutti i documenti necessari ad avere un quadro clinico completo

Dettagli

www.type3.com SCOPRITE Discover TYPE EDIT V12 Italiano 04-2014 1

www.type3.com SCOPRITE Discover TYPE EDIT V12 Italiano 04-2014 1 www.type3.com SCOPRITE Discover TYPE EDIT V12 Italiano 04-2014 1 Scoprite TYPE EDIT V12, la nuova versione del nostro software CAD/CAM per applicazioni industriali e artistiche dedicate alle macchine CNC.

Dettagli

Corso di INFORMATICA GRAFICA. Modulo 2 (CAD) Stefano Cinti Luciani. Introduzione ad AutoCAD

Corso di INFORMATICA GRAFICA. Modulo 2 (CAD) Stefano Cinti Luciani. Introduzione ad AutoCAD Corso di INFORMATICA GRAFICA Modulo 2 (CAD) Stefano Cinti Luciani Introduzione ad AutoCAD Autodesk AutoCAD COS È AUTOCAD? Autodesk AutoCAD è un pacchetto software per la costruzione e modifica di disegni

Dettagli