1 Introduzione. 1 Il VoIP (Voice over IP) è la tecnologia che consente di utilizzare la rete Internet per effettuare telefonate a

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 Introduzione. 1 Il VoIP (Voice over IP) è la tecnologia che consente di utilizzare la rete Internet per effettuare telefonate a"

Transcript

1 LA CONSERVAZIONE DIGITALE: PROBLEMATICHE E STRATEGIE di Stefano Allegrezza (estratto dal libro Informatica di base. Conoscere e comprendere le risorse digitali nella società dell informazione, Edizioni SIMPLE, Macerata, 2009) 1 Introduzione Le problematiche della conservazione digitale L obsolescenza dell hardware e del software L obsolescenza dei supporti L obsolescenza dei formati Le strategie di conservazione digitale Trasferimento su supporti analogici Conservazione tecnologica Riversamento diretto e sostitutivo Emulazione Archeologia digitale Conclusioni Introduzione Oggi buona parte delle informazioni che vengono quotidianamente prodotte sono in formato digitale: se dobbiamo scrivere un documento di testo utilizziamo un word processor; utilizziamo una macchina fotografica digitale per immortalare i nostri ricordi più cari e una videocamera digitale per riprendere le scene che vogliamo rivedere nel tempo; ascoltiamo musica in formato digitale utilizzando i lettori per i CD Audio o i lettori MP3; effettuiamo le nostre ricerche navigando nel web, anch esso costituito da una mole incredibilmente vasta di informazioni digitali. Quasi più nessuno scrive lettere utilizzando carta e penna, perchè ormai le comunicazioni avvengono tramite posta elettronica, brevi messaggio di testo (SMS) o telefonate effettuate tramite VoIP 1. Anche il nostro conto corrente non è altro che una informazione digitale memorizzata in un database della banca. Tutti questi contenuti digitali danno origine ad un vero e proprio paradosso: pur trattandosi di materiale fondamentalmente semplice (dal momento che è costituito da sequenze di bit che possono assumere solamente i valori di 0 ed 1 ), esso risulta estremamente fragile ed a rischio di scomparsa se non vengono messe in atto le opportune strategie per assicurarne la conservazione nel lungo periodo. Ormai da quasi un ventennio questa è una delle domande che assilla in maniera sempre più preoccupante la comunità scientifica internazionale, la quale si chiede se è in grado di assicurare la sopravvivenza nel tempo di tutta l enorme quantità di contenuti digitali che la società attuale produce. Per rispondere a questa domanda occorre comprendere la motivazione per cui è così difficile conservare le informazioni digitali rispetto a quelle analogiche. Semplificando le cose in maniera molto drastica, si può osservare come per la fruizione di contenuti analogici (si pensi, ad esempio, ad una lettera tradizionale) sia necessaria (e sufficiente) solamente una buona vista 2, mentre per la fruizione di tutti i contenuti digitali è necessaria, oltre ad una buona vista, anche un'apposita infrastruttura 1 Il VoIP (Voice over IP) è la tecnologia che consente di utilizzare la rete Internet per effettuare telefonate a basso costo. Anche in questo caso le informazioni che viaggiano sono di tipo digitale. Uno dei più noti programmi che consentono di effettuare telefonate VoIP è Skype. 2 In realtà alcuni contenuti analogici necessitano anch essi di strumenti tecnologici per la loro fruizione: si pensi ai vecchi dischi in vinile o alle tradizionali cassette audio musicali (compact cassette), ma in generale si tratta di strumenti tecnologici che accompagnano l intera vita del supporto su cui tali contenuti sono memorizzati. 1

2 hardware e software (si veda la Figura 1.1). È proprio l evoluzione tecnologica continua e costante che questa infrastruttura subisce che rende difficile la conservazione degli oggetti digitali. Infatti, un oggetto digitale è prodotto utilizzando una particolare infrastruttura hardware e software ed è memorizzato in un file, ovvero una sequenza di bit ( 0 ed 1 ) che non sono in alcuna maniera intelligibili da un essere umano. Quando si vuole accedere al contenuto digitale racchiuso nel file, questa sequenza deve essere letta di nuovo mediante l infrastruttura hardware e software ed interpretata in una maniera che è spesso unica per quella data infrastruttura. Il risultato dell interpretazione è mostrato su schermo e ciò che si vede è una rappresentazione dell oggetto digitale. In parecchi casi il file non può essere correttamente interpretato se non con una particolare combinazione di hardware e software: se l oggetto digitale è riprodotto in un ambiente diverso rispetto a quello in cui era stato creato, potrebbe essere visualizzato ed avere un comportamento anche completamente diverso rispetto all'originale. Figura 1.1: La fruizione dei contenuti analogici e digitali a confronto: nel secondo caso è sempre necessario uno strato di intermediazione sia hardware che software 2 Le problematiche della conservazione digitale Esistono fondamentalmente tre grosse problematiche che rendono difficile la conservazione dei contenuti digitali: l obsolescenza delle tecnologie hardware e software, l obsolescenza dei supporti e l obsolescenza dei formati (si veda la Figura 2.1). Figura 2.1: Le principali problematiche della conservazione digitale 2

3 2.1 L obsolescenza dell hardware e del software La prima e più immediata questione riguarda l obsolescenza della piattaforma tecnologica (hardware e software) necessaria per la fruizione dei contenuti digitali. Da diversi decenni si assiste ad una continua evoluzione di tali infrastrutture: il computer appena acquistato dopo soli due anni è già obsoleto e va sostituito con uno più moderno e potente; il sistema operativo va anch esso aggiornato alla nuova versione e parallelamente i programmi con cui creiamo e gestiamo i contenuti digitali devono essere anch essi aggiornati o rimpiazzati da altri. Nel giro di pochi anni l evoluzione tecnologica rende del tutto obsoleta l infrastruttura hardware e software costringendoci a cambiarla: in questo continuo processo cambiano i drive per leggere i supporti di memorizzazione (si pensi al lettore di floppy disk da 3 pollici e ½ che è scomparso dai computer attuali), cambiano le porte di input/output (oggi si utilizzano le porte USB tramite le quali è possibile accedere, ad esempio, ai contenuti memorizzati su una pendrive, ma fra dieci anni ci saranno ancora?), cambiano i programmi (oggi per scrivere un documento di testo si utilizza Microsoft Word, ma chi può dire quale programma si utilizzerà fra dieci anni?). L obsolescenza dell hardware e del software costituisce una seria minaccia alla possibilità di conservare nel tempo i contenuti digitali. 2.2 L obsolescenza dei supporti Un secondo problema è costituito dall obsolescenza dei supporti. Esiste una grande varietà di supporti su cui il materiale digitale può essere memorizzato, dalle schede e ai nastri perforati di storica memoria, che rappresentavano i bit attraverso una serie di fori, alla vasta gamma di supporti di memorizzazione oggi disponibili basati sulle tecnologie magnetiche, ottiche ed elettroniche (floppy disk, dischi fissi, nastri magnetici, CD, DVD, HD-DVD, BB, memorie flash, etc.). Nel corso di questi anni abbiamo assistito ad un rapidissimo evolversi dei supporti di memorizzazione utilizzati (si veda la Figura 2.2): basti pensare che solamente una ventina di anni fa si utilizzava il floppy disk da 5 pollici e ¼, supporto che attualmente è solo un reperto storico e risulta praticamente impossibile da leggere. La produzione a livello mondiale del suo successore, il floppy disk da 3 pollici e ½, è terminata all inizio del 2007 ed anch esso è diventato ormai un supporto obsoleto. Figura 2.2: Alcune generazioni di supporti che si sono succeduti nel tempo Quando, agli inizi degli anni 80, vennero prodotti i primi Compact Disc (CD) si era convinti che si trattasse di supporti con una capacità di memorizzazione talmente elevata che sarebbe stata sufficiente per soddisfare le necessità di memorizzazione dei dati per diversi decenni. Invece, dopo solo una quindicina di anni i CD sono stati soppiantati dai DVD, i quali a loro volta sono stati soppiantati dai nuovi supporti con capacità ancora maggiore (quali gli HD- DVD e i Blu-ray Disc); anche questi non avranno una vita eccessivamente lunga perché saranno sostituiti dai nuovi supporti che attualmente sono in fase di sviluppo (ad esempio, i dischi olografici) e che consentiranno capacità di archiviazione finora impensabili, e così via. Il problema dell obsolescenza dei supporti viene alla luce quando una tecnologia comincia d'essere obsoleta, dal momento che i dati memorizzati sui supporti che si basano su quella 3

4 tecnologia diventano in breve inaccessibili. Riprendendo l esempio proposto poco fa, i dati memorizzati su un floppy disk da 5 pollici e ¼ sono ormai inaccessibili se non si è provveduto a suo tempo a riversare il contenuto da quel supporto ad un altro supporto più recente. 2.3 L obsolescenza dei formati Un problema spesso sottovalutato ma in realtà forse più complesso di quello rappresentato dai supporti è costituito dall obsolescenza dei formati. Molti ricorderanno che solamente una ventina di anni fa il software di elaborazione testi più utilizzato era Wordstar, un programma con interfaccia a carattere (nulla a che vedere con l interfaccia grafica dei moderni programmi di elaborazione testi) che produceva documenti di testo in un formato proprietario identificato dall estensione.ws. Se avessimo ancor oggi dei documenti di testo in quel formato, memorizzati magari sui floppy disk in uso all epoca (floppy disk da 5 pollici e ¼ o da 3 pollici e ½), saremmo in grado di visualizzarne il contenuto? Anche ipotizzando che i supporti siano ancora in buone condizioni di conservazione, sicuramente avremo difficoltà ad accedere a tali contenuti dal momento che il formato.ws utilizzato dal programma Wordstar non è più gestito dagli attuali programmi di elaborazione testi (ad esempio, Microsoft Word) ed è difficile trovare strumenti di conversione che consentano di trasformare quei file in formati oggi accessibili. La strada per risolvere questo genere di problema passa sicuramente attraverso l adozione, fin dal momento della formazione dei contenuti digitali, di formati che abbiano le caratteristiche per fornire le maggiori garanzie in termini di conservazione a lungo termine. Figura 2.3: Le principali strategie di conservazione digitale 3 Le strategie di conservazione digitale. Nel corso degli ultimi quindici - venti anni le problematiche connesse con la conservazione digitale sono state affrontate sotto molteplici punti di vista e sono state proposte diverse strategie di conservazione al fine di giungere ad una loro soluzione. Le principali sono (si veda la Figura 2.3): trasferimento su supporti analogici (output to analogue media); conservazione tecnologica (technology preservation); emulazione (emulation); riversamento diretto (refreshing) e sostitutivo (migration); archeologia digitale (digital archaelogy). Nel seguito sarà brevemente esaminata ciascuna di queste strategie. 3.1 Trasferimento su supporti analogici La prima e più banale strategia di conservazione si basa sulla seguente considerazione: se i supporti analogici (carta, pergamena, microfilm, etc.) sono stati finora in grado di conservare 4

5 nel tempo le informazioni, perché non continuare ad utilizzarli anche in quest epoca digitale? Si tratta della strategia denominata trasferimento su supporto analogico e che è stata proposta soprattutto nel caso dei documenti adatti ad essere trasferiti su supporto cartaceo (si veda la Figura 3.1); in tal caso prende il nome di stampa su carta (printing to paper). Essa parte dall assunto che stampare tutti i documenti su carta, un supporto che conosciamo bene e che siamo abituati a maneggiare ormai con una certa dimestichezza, sia il modo migliore per conservarli 3. Seppure a prima vista possa sembrare incredibile, si tratta di una strategia tuttora ampiamente implementata, anche presso organizzazioni di una certa complessità (ad esempio grosse aziende o Pubbliche Amministrazioni). Figura 3.1: La strategia printing to paper Questa strategia è stata ampiamente utilizzata nel passato durante il processo di conservazione di materiali analogici fragili, quando, durante la fase di riparazione o restaurazione del materiale stesso, ne veniva creata una copia di alta qualità. Ciò consentiva la creazione di surrogati (fotografie, microfilm, fotocopie di alta qualità, etc.) capaci di soddisfare le necessità di accesso della maggior parte degli utenti e che avrebbe in questo modo aiutato a conservare e preservare gli originali. Tuttavia, oggi che gli originali nascono direttamente in formato digitale, c'è ancora la necessità di produrre un loro surrogato analogico? Ancora: la produzione di una versione analogica dell oggetto digitale è una appropriata strategia di conservazione? Ovviamente questa è una strategia assolutamente non percorribile, e questo per almeno due ordini di motivi. Innanzitutto, nel caso della stampa su carta, questa elimina l intelligenza del documento: le capacità di ricerca e recupero delle informazioni, l utilizzo simultaneo da parte di più utenti, etc. Si pensi ad un foglio elettronico che, nel momento in cui viene stampato su carta, non è più utilizzabile, ad esempio, per ricalcolare i totali; oppure ad una che, nel momento in cui viene stampata, non consente più la possibilità di effettuare ricerche automatiche sul corpo del messaggio. In secondo luogo, i contenuti digitali di oggi non sono solo costituiti da documenti di testo o da immagini (per i quali sarebbe ipotizzabile come strategia la stampa su carta), ma anche da contenuti audio e video: come è possibile stampare tali contenuti su carta? Nel caso dei messaggi di posta elettronica, come è possibile trasferire su supporto cartaceo gli eventuali allegati, costituiti ad esempio da fogli elettronici, database, programmi? Infine, nel trasferimento su supporto analogico possono essere persi, in tutto o in parte, i metadati necessari per determinare il contesto del messaggio, eliminando in questo modo le informazioni che possono garantire l autenticità del documento. Non bisogna poi dimenticare che la tenuta di archivi per la conservazione dei documenti cartacei richiede spazi e costi notevoli. 3 I propugnatori di questa strategia forniscono anche alcuni preziosi consigli per risparmiare sul consumo di carta, come stampare fronte retro, utilizzare un carattere molto piccolo, etc. Una delle caratteristiche migliori della carta è che essa si conserva per un periodo di tempo estremamente lungo e non c'è bisogno di preoccuparsi del fatto che sia o meno compatibile con i cambiamenti dell'hardware e del software del proprio computer. 5

6 In definitiva, il trasferimento su supporti analogici non è una strategia di conservazione digitale percorribile: un contenuto che nasce digitale va conservato nel formato digitale. 3.2 Conservazione tecnologica Un altra strategia che a prima vista potrebbe sembrare applicabile è costituita dalla conservazione dell ambiente tecnologico necessario per riprodurre i contenuti digitali nella loro forma originaria. Questa strategia implica ovviamente la conservazione sia dell hardware (il computer e le periferiche ad esso collegate) che del software (il sistema operativo, i programmi con cui sono stati creati i contenuti digitali, i driver per i lettori dei supporti, etc.). Questo tipo di soluzione viene anche denominata archeologia informatica 4 e porta inesorabilmente alla costituzione di veri e propri musei del computer (si veda la Figura 3.2) nei quali conservare in buona efficienza tutti i computer con i relativi programmi e le relative periferiche necessari per la fruizione dei contenuti digitali che si intendono conservare. Figura 3.2: Un esempio di computer museum Questo tipo di strategia può estendere la finestra temporale di accesso ai supporti ed ai formati di file obsoleti ma non è ovviamente una soluzione definitiva dal momento che nessun tipo di infrastruttura hardware e software può essere mantenuta in funzione all infinito. Inoltre, essa offre la potenzialità di contrastare l obsolescenza dei supporti ma solo nell'ipotesi che essi non abbiano subito un decadimento per quanto riguarda la leggibilità, altrimenti deve essere necessariamente accompagnata da cicli regolari di aggiornamento dei supporti. Infine, occorre considerare che, qualora possibile, mantenere in funzione una tecnologia obsoleta richiede investimenti finanziari davvero notevoli. Si tratta, pertanto, di una strategia che potrebbe essere considerata valida solamente per garantire la conservazione di risorse estremamente importanti e rare. Occorre, tuttavia, essere coscienti del fatto che può essere mantenuta per un periodo di tempo limitato, in attesa di adottare una strategia di conservazione a lungo termine migliore. 4 Da non confondere con l'archeologia digitale, che consiste nell applicazione di metodi e procedure per recuperare il contenuto informativo da supporti danneggiati, da ambienti hardware e software obsoleti od anche da file codificati secondo formati obsoleti. Essa viene utilizzata per recuperare gli oggetti digitali che non sono stati sottoposti ad una appropriata strategia di conservazione digitale. Si veda il paragrafo

7 3.3 Riversamento diretto e sostitutivo I supporti per la memorizzazione digitale diventano rapidamente obsoleti sia perché i materiali su cui si basa la memorizzazione perdono progressivamente le loro caratteristiche di ritenzione dei dati, sia perché nel tempo vengono introdotte nuove tecnologie che rendono obsoleti i drive per i vecchi supporti di memorizzazione (per cui il supporto potrebbe continuare ad essere leggibile ma non esiste più il drive che ne consente la lettura). Di conseguenza, per assicurarne la sopravvivenza, i contenuti digitali devono essere periodicamente riversati su supporti nuovi e non obsoleti. Il riversamento diretto (refreshing) consiste nel trasferire un contenuto digitale da un supporto di memorizzazione obsoleto ad un nuovo supporto senza modificare la sequenza di bit di cui è costituito. Il nuovo supporto può essere dello stesso tipo (ad esempio da un CD-R verso un altro CD-R) o di tipo diverso (ad esempio, da un CD-R ad un DVD-R). Si tratta di un processo che è sempre necessario, indipendentemente da qualunque altra strategia di conservazione che venga adottata. Dal punto di vista tecnico è relativamente semplice, con un bassissimo rischio di perdita di dati se viene eseguito e documentato nella maniera corretta. Figura 3.3: Schema di funzionamento della strategia di conservazione digitale basata sul riversamento sostitutivo Accanto al riversamento diretto occorre sempre adottare la strategia di conservazione digitale denominata riversamento sostitutivo (migration), che consiste nella conversione di un contenuto digitale da un formato fruibile in un determinato ambiente hardware e software in un formato fruibile in un altro ambiente (di solito temporalmente successivo) mantenendone le caratteristiche importanti (si veda la Figura 3.3). Ciò significa che i contenuti codificati secondo vecchi formati sono convertiti in nuovi formati che potranno essere utilizzati su computer più moderni 5. Si tratta di una strategia che è necessario mettere in atto quando i cambiamenti nell hardware e nel software cominciano a minacciare la possibilità di fruizione di un contenuto digitale perché il formato secondo cui tale contenuto è codificato comincia a diventare obsoleto. Dal momento che il riversamento sostitutivo comporta una modifica nella sequenza di bit che costituisce il contenuto digitale, il formato di destinazione deve essere compatibile con il formato d origine in maniera tale che il contenuto informativo e tutte le più importanti proprietà del contenuto digitale siano mantenute salvaguardandone nel contempo l autenticità e l integrità 6. Il riversamento sostitutivo è un processo critico nei confronti del tempo: non ammette alcuna dilazione e necessita di essere eseguito non appena vengono definiti nuovi formati e prima che 5 Per fare un semplice esempio, un documento di testo realizzato nel formato di Microsoft Word 6.0 può essere convertito nel formato di Microsoft Word È evidente che più la struttura dei dati insita nel formato è semplice e più alte sono le probabilità che il contenuto informativo e le proprietà importanti vengano preservate. 7

8 il corrente formato divenga obsoleto. Se viene persa una generazione di nuovi formati, i dati potrebbero essere difficili da recuperare; se più generazioni vengono perse, i dati potrebbero essere completamente perduti. I cicli di migrazione necessitano di essere relativamente frequenti, dal momento che pochi contenuti digitali sono oggi in grado di sopravvivere più di 5-7 anni senza alcun riversamento sostitutivo. 3.4 Emulazione La considerazione del fatto che a seguito dei processi di riversamento sostitutivo possono verificarsi delle perdite nel contenuto informativo (tanto più probabili quanto più il contenuto informativo è complesso), ha condotto alcuni ricercatori a suggerire la strategia di conservazione denominata emulazione che consiste nel ricreare un ambiente hardware e software obsoleto su un nuovo e più moderno computer (si veda la Figura 3.4). Formato 1 software di emulazione software di emulazione software 1 hardware 1 software 2 hardware 2 software 3 hardware 3 generazione 1 generazione 2 generazione 3 Figura 3.4: Schema di funzionamento della strategia di conservazione digitale basata sull emulazione È una strategia che permette di mantenere inalterata la sequenza di bit che costituisce il contenuto digitale, ma è più complessa, dal punto di vista tecnico, rispetto al riversamento diretto e sostitutivo. La teoria che è alla base dell emulazione si basa sulla convinzione che l autenticità di un contenuto digitale può essere garantita solo mantenendo quell oggetto accessibile nella forma e nell ambiente originali (ovvero con il computer, il sistema operativo e il programma con cui è stato creato o gestito). In questo modo il contenuto digitale non viene modificato da successive conversioni di formato ed il comportamento e l aspetto originali (look and feel) dell oggetto rimangono invariati. Tuttavia per fare questo occorre realizzare un emulatore che emuli il vecchio ambiente hardware e software su un nuovo e moderno computer. A differenza della strategia basata sul riversamento sostitutivo, in questo caso non c'è nessuna conversione di formato e quindi nessun cambiamento nella sequenza di bit che costituisce il file. Questo significa che il contenuto potrà essere riprodotto, in linea di principio, sempre nello stesso modo indipendentemente dal tempo che è trascorso e dalla piattaforma sulla quale il software di emulazione sarà eseguito nel futuro. Nel corso degli anni sono state sviluppate diverse strategie di emulazione di diversa complessità, tra cui l emulazione hardware, l emulazione software e l emulazione basata sull UVC (Universal Virtual Computer). Nell emulazione hardware un ambiente hardware obsoleto viene ricreato in un computer moderno; a tale scopo viene scritto un programma che imita le strutture del vecchio computer su una nuova piattaforma. In questo modo è possibile operare nel nuovo ambiente come se ci si trovasse nel vecchio: i vecchi file sono riprodotti esattamente alla stessa maniera di quando sono stati creati nell'ambiente originale. Il vantaggio principale dell emulazione hardware è costituito dal fatto che il file originale non necessita di essere convertito. Come rovescio della medaglia l emulazione hardware non è assolutamente semplice da realizzare e richiede competenze informatiche di alto livello. Nell emulazione software il 8

9 problema è affrontato in un modo simile ma ad un più alto livello di astrazione: viene ricreato solamente l ambiente software che girava sul vecchio computer e non l ambiente hardware completo. Grazie a questo software che emula l ambiente software originale è possibile avere accesso ai contenuti digitali creati per quel determinato ambiente anche su un computer moderno 7. Come nell emulazione hardware, anche nell emulazione software il principale vantaggio è costituito dal fatto che l oggetto digitale originale non necessita di alcuna conversione e rimane nel tempo esattamente identico all originale, mantenendo di conseguenza l esatto look and feel. Lo svantaggio è, anche in questo caso, costituito dal fatto che l emulazione è una strategia di conservazione piuttosto laboriosa e quindi costosa. L emulazione basata sull UVC (Universal Virtual Computer) costituisce un ulteriore variante: anche in questo caso deve essere scritto un emulatore software, ma non per un computer reale bensì per un computer virtuale, non esistente, denominato appunto Universal Virtual Computer (UVC) Archeologia digitale A volte si rende necessario recuperare un contenuto digitale che non è stato sottoposto in tempo ad un processo di conservazione digitale e che contiene informazioni digitali di vitale importanza, oppure che, pur essendo stato sottoposto correttamente ad uno dei processi di conservazione, risulta improvvisamente inaccessibile a causa di un disastro imprevisto 9 o del deterioramento del supporto su sui è memorizzato. In altri casi si rinvengono dei vecchi supporti (ad esempio, floppy disk da 8 pollici o 5 pollici ed ¼ o vecchi nastri) che sono stati casualmente conservati e a cui si desidera accedere ma non si dispone più né dell hardware né del software necessari. In tutti questi casi viene in aiuto l archeologia digitale, una strategia di conservazione digitale che si pone l obiettivo di recuperare i contenuti da supporti obsoleti o difettosi o non più leggibili o codificati secondo formati obsoleti e di restituirli in una forma accessibile 10. L archeologia digitale rappresenta una sorta di ultima spiaggia, una strategia a cui ricorrere quando non si è adottata nessun altra valida strategia di conservazione digitale. Presuppone un approfondita conoscenza dei supporti di memorizzazione e dei formati di file per mettere in atto la tecnica di recupero dei dati di volta in volta più opportuna 11 e spesso 7 Per fare un esempio, in un computer con un sistema operativo come Linux può girare un programma progettato per emulare un altro sistema operativo, per esempio Windows. Le applicazioni che girano sotto Windows possono essere così utilizzate attraverso l emulatore Windows anche su un computer che ha come sistema operativo Linux. 8 L UVC è un computer con una architettura ed un insieme di istruzioni talmente semplici che ogni sviluppatore di software nel futuro sarà in grado di scrivere un emulatore per esso. Gli oggetti digitali debbono essere convertiti attraverso un programma scritto nel linguaggio di programmazione dell UVC, in un formato denominato Logical Data Description (LDD). Il Logical Data Desciption è un formato indipendente, auto-descrittivo e chiaramente strutturato, che contiene tutte le informazioni che permetteranno di riassemblare l oggetto digitale. Infatti tali informazioni sono realizzate in maniera tale che, nel futuro, sarà possibile realizzare un visualizzatore (viewer) che interpreterà il formato LDD e visualizzerà a schermo l oggetto digitale originale. Come si può notare, si tratta di una strategia di conservazione che si basa sull emulazione ma contiene anche aspetti che riconducono alla migrazione. 9 Si ricorda che un oggetto digitale è costituito da un insieme di bit, e, per alcuni formati, è sufficiente la perdita anche di un solo bit per rendere inaccessibile l intero oggetto. 10 Ciò implica generalmente sia l esecuzione del riversamento diretto che sostitutivo. Per fare un esempio assai semplice, si pensi ad un documento di testo realizzato diversi anni fa nel formato.ws di Wordstar e memorizzato su un floppy disk da 5 pollici ed ¼. Se oggi si volesse accedere a quel documento, occorrerebbe convertirlo in un formato attuale (ad esempio il formato.odt di Open Office) e salvarlo su un supporto di memorizzazione corrente (ad esempio un CD-R o una pendrive). 11 Si veda a questo proposito l interessantissimo lavoro di ROSS, S. e GOW, A. (1999) Digital Archaeology: rescuing neglected and damaged data resources, London: South Bank University, Library Information Technology Centre <www.ukoln.ac.uk/services/elib/papers/supporting/pdf/p2.pdf>. 9

10 richiede il ricorso a società altamente specializzate. Una delle argomentazioni che vengono portate a favore di questa strategia è che non è necessario garantire la conservazione di tutti i contenuti digitali che oggi si producono perché si presume che gli archeologi digitali del futuro avranno a disposizione delle tecniche così efficaci da riuscire a recuperare i contenuti che saranno considerati di sufficiente valore. Si tratta quindi di una strategia che demanda agli archeologi digitali del futuro, piuttosto che ai produttori attuali di contenuti, la decisione circa quali contenuti considerare importanti, in una maniera molto simile ai metodi attualmente utilizzati dagli storici e dagli archeologi per recuperare ed interpretare i dati del passato. 4 Conclusioni Le problematiche connesse alla conservazione digitale sono estremamente complesse e coinvolgono diversi ambiti scientifici e settori di ricerca. Quello che è ormai chiaro è che i contenuti digitali non si conservano da soli ed occorre trovare una soluzione ragionevole a questo problema. Allo stato attuale non è ancora chiara quali siano le migliori strategie di conservazione digitale; tuttavia è possibile affermare che quelle che sembrano fornire ad oggi le maggiori garanzie sono il riversamento (diretto e sostitutivo) e l emulazione. Comincia, inoltre, ad essere evidente che spesso una singola strategia non è in grado di fornire una soluzione a tutte le problematiche che possono presentarsi, ed è, quindi, importante adottare una strategia integrata che inizi con la corretta scelta del formato in fase di produzione dei contenuti digitali e prosegua mantenendo una cura ed una attenzione continua sui contenuti che si desiderano conservare. 10

Hardware, software e dati

Hardware, software e dati Hardware, software e dati. Hardware il corpo del computer. Software i programmi del computer. Dati la memoria del computer ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva

Dettagli

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Hardware, software e periferiche Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Riepilogo - Concetti di base dell informatica L'informatica è quel settore scientifico disciplinare

Dettagli

Concetti base del computer

Concetti base del computer Concetti base del computer Test VERO o FALSO (se FALSO giustifica la risposta) 1) La memoria centrale è costituita dal disco fisso VERO/FALSO 2) Allo spegnimento del PC la RAM perde il suo contenuto VERO/FALSO

Dettagli

INFORMATICA DI BASE CLASSE PRIMA Prof. Eandi Danilo www.da80ea.altervista.org INFORMATICA DI BASE

INFORMATICA DI BASE CLASSE PRIMA Prof. Eandi Danilo www.da80ea.altervista.org INFORMATICA DI BASE INFORMATICA DI BASE CHE COSA È UN COMPUTER Un computer è un elaboratore elettronico, cioè una macchina elettronica programmabile in grado di eseguire automaticamente operazioni logico-aritmetiche sui dati

Dettagli

Paradosso dell Informazione

Paradosso dell Informazione La Conservazione della Memoria Digitale Lecce 18 settembre 2008 Paradosso dell Informazione Quantità di Informazioni / Disponibilità Diffusione / Capacità di Trasmissione Capacità di Integrazione ed Elaborazione

Dettagli

ECDL MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione. Prof. Michele Barcellona

ECDL MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione. Prof. Michele Barcellona ECDL MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione Prof. Michele Barcellona Hardware Software e Information Technology Informatica INFOrmazione automatica La scienza che si propone di raccogliere,

Dettagli

Installare un nuovo programma

Installare un nuovo programma Installare un nuovo programma ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva Introduzione Installare un nuovo programma sul computer installazione Quando acquistiamo

Dettagli

Backup e ripristino dei dati in Windows XP

Backup e ripristino dei dati in Windows XP Backup e ripristino dei dati in Windows XP Usare l applicazione integrata di Windows XP per mettere al sicuro i dati importanti di Stefano Spelta Ad un personal computer, specie se utilizzato in ambito

Dettagli

E ora, col cuore leggero per lo scampato pericolo, andiamo ad approfondire, e a scoprire:

E ora, col cuore leggero per lo scampato pericolo, andiamo ad approfondire, e a scoprire: di Pier Francesco Piccolomini 1 Dopo aver spiegato come si accende il computer e come si usano mouse e tastiera, con questa terza puntata della nostra guida entriamo trionfalmente all interno del PC, dove

Dettagli

COMPUTER ESSENTIAL 1.1. Esperto Emilia Desiderio

COMPUTER ESSENTIAL 1.1. Esperto Emilia Desiderio COMPUTER ESSENTIAL 1.1 Esperto Emilia Desiderio INFORMATICA Definizione: disciplinain continua evoluzione che cerca di riprodurre le capacità del cervello umano. lostudio sistemico di algoritmi che descrivono

Dettagli

Sistemi Operativi. Modulo 2. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Sistemi Operativi. Modulo 2. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Sistemi Operativi Modulo 2 Schema di un Sistema di Calcolo Programmi Dati di Input Calcolatore Dati di output Modello di von Neumann Bus di sistema CPU Memoria Centrale Memoria di Massa Interfaccia Periferica

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER

PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER Architettura dei calcolatori (hardware e software base )

Dettagli

Quaderni di formazione Nuova Informatica

Quaderni di formazione Nuova Informatica Quaderni di formazione Nuova Informatica Airone versione 6 - Funzioni di Utilità e di Impostazione Copyright 1995,2001 Nuova Informatica S.r.l. - Corso del Popolo 411 - Rovigo Introduzione Airone Versione

Dettagli

La produzione di documenti informatici: requisiti dei formati elettronici. Università degli Studi di Macerata

La produzione di documenti informatici: requisiti dei formati elettronici. Università degli Studi di Macerata La produzione di documenti informatici: requisiti dei formati elettronici. Macerata, 8.5.2009 Stefano Allegrezza Università degli Studi di Macerata Agenda Alcuni concetti introduttivi I requisiti desiderabili

Dettagli

Alfabetizzazione Informatica. Prof. Giuseppe Patti

Alfabetizzazione Informatica. Prof. Giuseppe Patti Alfabetizzazione Informatica Prof. Giuseppe Patti Il computer è...una macchina che aiuta l uomo nelle sue molteplici attività. Non è in grado di pensare, né di creare. Può solo eseguire le istruzioni che

Dettagli

Le schede operative. La sicurezza dei dati: il salvataggio degli archivi

Le schede operative. La sicurezza dei dati: il salvataggio degli archivi Collegio dei Ragionieri di Brescia Commissione Informatica Le schede operative La sicurezza dei dati: il salvataggio degli archivi di Biagio Notario Indicazioni sulla sicurezza minimale dei dati: il salvataggio.

Dettagli

La conservazione dei documenti in ambiente digitale: opportunità e criticità

La conservazione dei documenti in ambiente digitale: opportunità e criticità La conservazione dei documenti in ambiente digitale: opportunità e criticità di Guglielmo Longobardi Premessa Dopo un lungo periodo di immobilismo legislativo, che vedeva ancora in vigore il regio decreto

Dettagli

11 Realizzazione del File System. 11.1.1 Struttura a livelli (fig. 11.1) 11.4 Allocazione dei file

11 Realizzazione del File System. 11.1.1 Struttura a livelli (fig. 11.1) 11.4 Allocazione dei file 11 Realizzazione del File System 1 Metodi di allocazione Allocazione contigua Allocazione concatenata e varianti Allocazione indicizzata e varianti Gestione dello spazio libero 11.1.1 Struttura a livelli

Dettagli

51) Linux è: A) un sistema operativo B) una periferica C) un applicazione

51) Linux è: A) un sistema operativo B) una periferica C) un applicazione Conoscenze Informatiche 51) Linux è: A) un sistema operativo B) una periferica C) un applicazione 52) Un provider è: A) un ente che fornisce a terzi l accesso a Internet B) un protocollo di connessione

Dettagli

Gestire il ciclo di vita dei documenti: realizzare una gestione documentale in accordo con le norme ISO 9001

Gestire il ciclo di vita dei documenti: realizzare una gestione documentale in accordo con le norme ISO 9001 Gestire il ciclo di vita dei documenti: realizzare una gestione documentale in accordo con le norme ISO 9001 INTRODUZIONE Gran parte del patrimonio informativo di una organizzazione risiede in insiemi

Dettagli

INFORMATICA, IT e ICT

INFORMATICA, IT e ICT INFORMATICA, IT e ICT Informatica Informazione automatica IT Information Technology ICT Information and Communication Technology Computer Mini Computer Mainframe Super Computer Palmare Laptop o Portatile

Dettagli

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Programma del corso Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Architettura di Von Neumann Memorie secondarie Dette anche Memoria

Dettagli

INDICE PROGRAMMA CORSO

INDICE PROGRAMMA CORSO INDICE PROGRAMMA CORSO PRIMA LEZIONE: Componenti di un computer: Hardware, Software e caratteristiche delle periferiche. SECONDA LEZIONE: Elementi principali dello schermo di Windows: Desktop, Icone, Mouse,

Dettagli

Classificazione del software

Classificazione del software Classificazione del software Classificazione dei software Sulla base del loro utilizzo, i programmi si distinguono in: SOFTWARE Sistema operativo Software applicativo Sistema operativo: una definizione

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI Il CASE o CABINET è il contenitore in cui vengono montati la scheda scheda madre, uno o più dischi rigidi, la scheda video, la scheda audio e tutti gli altri dispositivi hardware necessari per il funzionamento.

Dettagli

ISIS C.Facchinetti Sede: via Azimonti, 5 21053 Castellanza Modulo Gestione Qualità UNI EN ISO 9001 : 2008

ISIS C.Facchinetti Sede: via Azimonti, 5 21053 Castellanza Modulo Gestione Qualità UNI EN ISO 9001 : 2008 PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA - TECNOLOGIE INFORMATICHE CLASSI 1 e - PIANO DELLE UDA ANNO SCOLASTICO 2013-2014 UDA COMPETENZE della UDA ABILITA UDA UDA n. 1 Struttura hardware del computer e rappresentazione

Dettagli

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Abbiamo creato questo questionario per aiutarti a prepararti per il workshop e per farti pensare ai diversi aspetti delle collezioni digitali

Dettagli

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014 Corso: Informatica+ Andrea Cremonini Lezione del 20/10/2014 1 Cosa è un computer? Un elaboratore di dati e immagini Uno smartphone Il decoder di Sky Una console di gioco siamo circondati! andrea.cremon

Dettagli

COME E COMPOSTO IL PC - WWW.DADEPC.IT

COME E COMPOSTO IL PC - WWW.DADEPC.IT Il computer è composto essenzialmente da due componenti L' HARDWARE ed il SOFTWARE COME E COMPOSTO IL PC - WWW.DADEPC.IT FACCIAMO UN PARAGONE Se vogliamo fare una paragone, L' HARDWARE è una stanza o un

Dettagli

L importanza del salvataggio dei dati Febbraio 2001 I diritti di riproduzione, di memorizzazione elettronica e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo, compresi i microfilm e le copie fotostatiche

Dettagli

Gestione remota archivi cartelle sanitarie e di rischio informatizzate

Gestione remota archivi cartelle sanitarie e di rischio informatizzate Gestione remota archivi cartelle sanitarie e di rischio informatizzate L odierna realtà economica impone alle aziende di differenziarsi sempre più dai concorrenti, investendo in tecnologie che possano

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica L elaboratore elettronico (ovvero, il computer ) Monitor Unità centrale Casse acustiche Mouse Tastiera PREMESSA Insegnare con l'ausilio dei multimedia è una tecnica che giunge agli

Dettagli

Fisicamente presente per sempre preservato

Fisicamente presente per sempre preservato Fisicamente presente per sempre preservato introduzione Ridisegnare la preservazione digitale Le strategie di conservazione fondate sulla migrazione di dati sono costose, comportano rischi di perdita di

Dettagli

L e-book a scuola. 1 Al tema sono peraltro dedicati alcuni lavori specifici, fra i quali in italiano si segnala per

L e-book a scuola. 1 Al tema sono peraltro dedicati alcuni lavori specifici, fra i quali in italiano si segnala per L e-book a scuola Arriviamo così a un ultimo tema su cui vorrei spendere qualche parola. Un tema che richiederebbe peraltro, per essere trattato con l attenzione e il rigore che sarebbero necessari, ben

Dettagli

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale MODULO 1 1.1 Il personal computer ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale 1.1 Il personal computer Il PC Hardware e software Classificazioni del software Relazione tra

Dettagli

L informatica comprende:

L informatica comprende: Varie definizioni: INFORMATICA Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science) Scienza dell informazione Definizione proposta: Scienza della rappresentazione e dell elaborazione dell informazione

Dettagli

Come fare a leggere questi dati generati da un programma windows?

Come fare a leggere questi dati generati da un programma windows? Come fare a leggere questi dati generati da un programma windows? A questo punto siamo in possesso di tutti gli elementi per sfruttare appieno le potenzialità di Linux: sappiamo destreggiarci (mai abbastanza)

Dettagli

Il Personal Computer. Cos è Lo schema di massima Che cosa ci possiamo fare. www.vincenzocalabro.it 1

Il Personal Computer. Cos è Lo schema di massima Che cosa ci possiamo fare. www.vincenzocalabro.it 1 Il Personal Computer Cos è Lo schema di massima Che cosa ci possiamo fare www.vincenzocalabro.it 1 Cos è Il Personal Computer è un elaboratore di informazioni utilizzato da un singolo utente. Le informazioni

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI FISICA, INFORMATICA E STATISTICA MEDICA. Modulo di Informatica. test del 16/01/2012 - Polo A

CORSO INTEGRATO DI FISICA, INFORMATICA E STATISTICA MEDICA. Modulo di Informatica. test del 16/01/2012 - Polo A UNIVERSITA DEGLI STUDI di Catania Facoltà di Medicina anno accademico 2011-2012 Prof. Ing. Arena Paolo Prof. Ing. Caffarelli Giovanni CORSO INTEGRATO DI FISICA, INFORMATICA E STATISTICA MEDICA Modulo di

Dettagli

I dischi ottici. Fondamenti di Informatica -- Rossano Gaeta 43

I dischi ottici. Fondamenti di Informatica -- Rossano Gaeta 43 I dischi ottici Le tecnologie dei dischi ottici sono completamente differenti e sono basate sull'uso di raggi laser Il raggio laser è un particolare tipo di raggio luminoso estremamente focalizzato che

Dettagli

Software di base e software applicativo. Titolo: dic 3 8.14 (1 di 9)

Software di base e software applicativo. Titolo: dic 3 8.14 (1 di 9) Software di base e software applicativo Titolo: dic 3 8.14 (1 di 9) Software di base e software applicativo Il software si divide in due grosse categorie: 1. Software di base 2. Software applicativo Titolo:

Dettagli

Contenuti. Visione macroscopica Hardware Software. 1 Introduzione. 2 Rappresentazione dell informazione. 3 Architettura del calcolatore

Contenuti. Visione macroscopica Hardware Software. 1 Introduzione. 2 Rappresentazione dell informazione. 3 Architettura del calcolatore Contenuti Introduzione 1 Introduzione 2 3 4 5 71/104 Il Calcolatore Introduzione Un computer...... è una macchina in grado di 1 acquisire informazioni (input) dall esterno 2 manipolare tali informazioni

Dettagli

NOZIONI ELEMENTARI DI HARDWARE E SOFTWARE

NOZIONI ELEMENTARI DI HARDWARE E SOFTWARE CORSO INTRODUTTIVO DI INFORMATICA NOZIONI ELEMENTARI DI HARDWARE E SOFTWARE Dott. Paolo Righetto 1 CORSO INTRODUTTIVO DI INFORMATICA Percorso dell incontro: 1) Alcuni elementi della configurazione hardware

Dettagli

Conoscere il computer ed il software di base. Concetti base dell ICT TIPI DI COMPUTER. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it.

Conoscere il computer ed il software di base. Concetti base dell ICT TIPI DI COMPUTER. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it. Concetti base dell ICT Conoscere il computer ed il software di base Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it Fase 1 Information technology Computer Tecnologia utilizzata per la realizzazione

Dettagli

Software di sistema e software applicativo. I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche

Software di sistema e software applicativo. I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche Software di sistema e software applicativo I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche Software soft ware soffice componente è la parte logica

Dettagli

VICARIATO DI ROMA PAR.CO.

VICARIATO DI ROMA PAR.CO. VICARIATO DI ROMA PAR.CO. Software per la gestione della Contabilità Parrocchiale Manuale d uso e d installazione Versione 1.04 - Ottobre 2006 Software PAR.CO. Per la gestione della Contabilità Parrocchiale

Dettagli

Appunti di informatica. Lezione 6 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio

Appunti di informatica. Lezione 6 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio Appunti di informatica Lezione 6 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio RAM disco La RAM è basata su dispositivi elettronici, che funzionano con tempi molto rapidi, ma che necessitano di alimentazione

Dettagli

Informatica in pillole. conoscere l informatica

Informatica in pillole. conoscere l informatica Informatica in pillole conoscere l informatica Intro La macchina Interazione uomo-macchina brevi cenni: il computer Funzionamento e differenze delle memorie (DVD/USB/HardDisk) Masterizzazione, formattazione

Dettagli

Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione (TIC) IPSIA San Benedetto del Tronto (AP)

Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione (TIC) IPSIA San Benedetto del Tronto (AP) Le diverse componenti HARDWARE, pur opportunamente connesse ed alimentate dalla corrette elettrica, non sono in grado, di per sé, di elaborare, trasformare e trasmettere le informazioni. Per il funzionamento

Dettagli

Organizzazione della memoria

Organizzazione della memoria Memorizzazione dati La fase di codifica permette di esprimere qualsiasi informazione (numeri, testo, immagini, ecc) come stringhe di bit: Es: di immagine 00001001100110010010001100110010011001010010100010

Dettagli

SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI

SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: martedì, 12.00-13.00. Dip. Di Matematica Modalità esame: scritto + tesina facoltativa 1

Dettagli

Il passaggio dal cartaceo al digitale: come cambia il processo di documentazione giuridica

Il passaggio dal cartaceo al digitale: come cambia il processo di documentazione giuridica Il passaggio dal cartaceo al digitale: come cambia il processo di documentazione giuridica Sessione di studio AIEA 28 marzo 2007 Il significato di digitale digitale è fondamentalmente una rappresentazione

Dettagli

La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale)

La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale) Tipologie di memoria: Elettroniche Magnetiche Ottiche La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale) Tempo di accesso:

Dettagli

Corso per i docenti neo assunti due incontri di formazione sulle tecnologie

Corso per i docenti neo assunti due incontri di formazione sulle tecnologie Corso per i docenti neo assunti due incontri di formazione sulle tecnologie BREVI CENNI DI STORIA - 35 anni sono come 100.000 di evoluzione L HARDWARE: componenti input, output e di elaborazione IL SOFTWARE:

Dettagli

Termini che è necessario capire:

Termini che è necessario capire: Per iniziare 1........................................ Termini che è necessario capire: Hardware Software Information Technology (IT) Mainframe Laptop computer Unità centrale di elaborazione (CPU) Hard

Dettagli

L IMPORTANZA DEL BACKUP E LE NUOVE TECNOLOGIE DI MEMORIZZAZIONE

L IMPORTANZA DEL BACKUP E LE NUOVE TECNOLOGIE DI MEMORIZZAZIONE L IMPORTANZA DEL BACKUP E LE NUOVE TECNOLOGIE DI MEMORIZZAZIONE Il significato della parola inglese backup è : to copy file data from one mass memory to another for security reasons; in italiano, invece,

Dettagli

www.tape-online.net/questionnaire/ Indirizzo... ... Indirizzo Web. Città, codice postale... Nazione Referente.. Funzione E-mail... Tel:..

www.tape-online.net/questionnaire/ Indirizzo... ... Indirizzo Web. Città, codice postale... Nazione Referente.. Funzione E-mail... Tel:.. TAPE TAPE Training for Audiovisual Preservation in Europe 1 Training for Audiovisual Preservation in Europe www.tape-online.net/questionnaire/ A Istituzione A1 Informazioni generali Istituzione.... Indirizzo.........

Dettagli

Sistema Informatico per l Elaborazione dei Ruoli e la Gestione Integrata degli Avvisi

Sistema Informatico per l Elaborazione dei Ruoli e la Gestione Integrata degli Avvisi S.IN.E.R.G.I.A. Sistema Informatico per l Elaborazione dei Ruoli e la Gestione Integrata degli Avvisi Manuale di Installazione SINERGIA Manuale di Installazione S.IN.E.R.G.I.A. 2.2 Pagina 1 di 28 GENERALITÀ...3

Dettagli

ARCHIVIA PLUS CHIUSURA ARCHIVI

ARCHIVIA PLUS CHIUSURA ARCHIVI ARCHIVIA PLUS CHIUSURA ARCHIVI Istruzioni per la chiusura degli archivi Versione n. 2014.11.19 Del: 19/11/2014 Redatto da: Veronica Gimignani Luca Mattioli Approvato da: Claudio Caprara Categoria: File

Dettagli

Mussida Musica Editore Guida all installazione e autorizzazione del software

Mussida Musica Editore Guida all installazione e autorizzazione del software Mussida Musica Editore Guida all installazione e autorizzazione del software Risposte alle domande e ai problemi più comuni Enciclopedie Didattiche in DVD Guida all installazione e autorizzazione del software

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi Capitolo Terzo Primi passi con Microsoft Access Sommario: 1. Aprire e chiudere Microsoft Access. - 2. Aprire un database esistente. - 3. La barra multifunzione di Microsoft Access 2007. - 4. Creare e salvare

Dettagli

Il sistema di elaborazione Hardware e software

Il sistema di elaborazione Hardware e software Il sistema di elaborazione Hardware e software A. Lorenzi M. Govoni TECNOLOGIE INFORMATICHE. Release 2.0 Atlas Hardware e software Un sistema di elaborazione è formato da: parti hardware: componenti fisiche

Dettagli

Informatica - A.A. 2010/11

Informatica - A.A. 2010/11 Ripasso lezione precedente Facoltà di Medicina Veterinaria Corso di laurea in Tutela e benessere animale Corso Integrato: Matematica, Statistica e Informatica Modulo: Informatica Esercizio: Convertire

Dettagli

BARRA LATERALE AD APERTURA AUTOMATICA...

BARRA LATERALE AD APERTURA AUTOMATICA... INDICE 1) SOMMARIO... 1 2) PRIMO AVVIO... 1 3) BARRA LATERALE AD APERTURA AUTOMATICA... 2 4) DATI AZIENDALI... 3 5) CONFIGURAZIONE DEL PROGRAMMA... 4 6) ARCHIVIO CLIENTI E FORNITORI... 5 7) CREAZIONE PREVENTIVO...

Dettagli

Il computer. Il computer: un insieme di elementi. L'hardware

Il computer. Il computer: un insieme di elementi. L'hardware Il computer Il computer: un insieme di elementi Il computer è una macchina elettronica destinata all'elaborazione dei dati secondo una sequenza di istruzioni. Il computer è formato da due insiemi di elementi:

Dettagli

Laboratorio di Informatica di Base Archivi e Basi di Dati

Laboratorio di Informatica di Base Archivi e Basi di Dati Laboratorio di Informatica di Base Archivi e Basi di Dati Introduzione La memorizzazione dei dati è un aspetto molto importante dell informatica Oggi, mediante i computer, è possibile memorizzare e modificare

Dettagli

Utilizzo di FileMaker Pro con Microsoft Office

Utilizzo di FileMaker Pro con Microsoft Office Guida Pratica Utilizzo di FileMaker Pro con Microsoft Office Integrare FileMaker Pro con Office pagina 1 Sommario Introduzione... 3 Prima di iniziare... 4 Condivisione di dati tra FileMaker Pro e Microsoft

Dettagli

Software. Algoritmo. Algoritmo INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042)

Software. Algoritmo. Algoritmo INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Gli elaboratori utilizzano memoria per Dati da elaborare Istruzioni eseguite dall elaboratore software differenti risoluzione problemi differenti Algoritmo

Dettagli

INFORMATICA LE470 Editoria multimediale - Rivoluzione digitale

INFORMATICA LE470 Editoria multimediale - Rivoluzione digitale INFORMATICA LE470 Editoria multimediale - Rivoluzione digitale Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Editoria multimediale - Rivoluzione digitale Perchè lʼintroduzione

Dettagli

GESTIONE DEI COMPONENTI MULTIMEDIALI IN POWERPOINT 2007

GESTIONE DEI COMPONENTI MULTIMEDIALI IN POWERPOINT 2007 GESTIONE DEI COMPONENTI MULTIMEDIALI IN POWERPOINT 2007 Inserire un grafico di Excel in una diapositiva Per iniziare la gestione di componenti multimediali in una presentazione PowerPoint, cominciamo con

Dettagli

Il sistema operativo

Il sistema operativo Il sistema operativo Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Cos è un Sistema Operativo? Per capirlo, immaginiamo inizialmente

Dettagli

TARGET DOCUVISION DOCUVISION WORKFLOW DIGITALE

TARGET DOCUVISION DOCUVISION WORKFLOW DIGITALE 0 SOMMARIO TARGET DOCUVISION 2 REQUISITI HARDWARE E SOFTWARE 4 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI MODULI 5 LOGICA OPERATIVA MODULO DOCUVISION 6 LOGICA OPERATIVA DELLE FUNZIONALITA WORKFLOW 7 GESTIONE DOCUMENTI

Dettagli

MANUALE D USO Agosto 2013

MANUALE D USO Agosto 2013 MANUALE D USO Agosto 2013 Descrizione generale MATCHSHARE è un software per la condivisione dei video e dati (statistiche, roster, ) delle gare sportive. Ogni utente abilitato potrà caricare o scaricare

Dettagli

SOFTWARE far funzionare l hardware. Informatica Applicata Prof.Emanuela Zilio

SOFTWARE far funzionare l hardware. Informatica Applicata Prof.Emanuela Zilio SOFTWARE far funzionare l hardware 1 SOFTWARE cos è E l insieme dei dati e dei programmi che rendono possibile l inserimento dei dati e dei comandi da parte dell utente, volti all elaborazione da lui desiderata

Dettagli

Informatica. Classe Prima

Informatica. Classe Prima Informatica Classe Prima Obiettivo formativo Conoscenze Abilità Conoscere e utilizzare il computer per semplici attività didattiche Conoscere i componenti principali del computer. o Distinguere le parti

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2014-2015

PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2014-2015 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

Informatica 1 Lezione 1

Informatica 1 Lezione 1 Informatica 1 Lezione 1 Concetti base: Hardware È l insieme delle parti fisiche, elettroniche e meccaniche che compongono il computer, quali il chip, il mouse, il lettore CDROM, il monitor, le schede,

Dettagli

1. Avviare il computer

1. Avviare il computer Guida n 1 1. Avviare il computer 2. Spegnere correttamente il computer 3. Riavviare il computer 4. Verificare le caratteristiche di base del computer 5. Verificare le impostazioni del desktop 6. Formattare

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 1 Sistema software 1 Prerequisiti Utilizzo elementare di un computer Significato elementare di programma e dati Sistema operativo 2 1 Introduzione In questa Unità studiamo

Dettagli

Informatica pratica. Trattare le immagini digitali

Informatica pratica. Trattare le immagini digitali Informatica pratica Trattare le immagini digitali Riassunto della puntata precedente Abbiamo visto che: L'immagine digitale è costituita da tanti pixel (puntini) Il colore viene trattato secondo modalità

Dettagli

Le Memorie. Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16

Le Memorie. Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Le Memorie Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Memorie Memoria Principale (centrale) Si accede direttamente dalla CPU non permanente Memoria Secondaria (di massa) Si accede tramite il sottosistema di input/output

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO AGRICOLO REGIONALE PROGETTO OPERATIVO PER LA REALIZZAZIONE DELLA RETE DI COMUNICAZIONE

SISTEMA INFORMATIVO AGRICOLO REGIONALE PROGETTO OPERATIVO PER LA REALIZZAZIONE DELLA RETE DI COMUNICAZIONE S.I.A.R. SISTEMA INFORMATIVO AGRICOLO REGIONALE PROGETTO OPERATIVO PER LA REALIZZAZIONE DELLA RETE DI COMUNICAZIONE - Febbraio 2005 - --- Servizio Affari Generali e Amministrativi, Sistema Informativo

Dettagli

HARDWARE. Relazione di Informatica

HARDWARE. Relazione di Informatica Michele Venditti 2 D 05/12/11 Relazione di Informatica HARDWARE Con Hardware s intende l insieme delle parti solide o ( materiali ) del computer, per esempio : monitor, tastiera, mouse, scheda madre. -

Dettagli

Il sistema di elaborazione

Il sistema di elaborazione Il sistema di elaborazione Hardware e software Hardware e software Un sistema di elaborazione è formato da: parti hardware: componenti fisiche parti software: componenti logiche i dati da trattare le correlazioni

Dettagli

Book 1. Conoscere i computer. Cos'è un dispositivo: Hardware, Software, Sistemi operativi e Applicazioni.

Book 1. Conoscere i computer. Cos'è un dispositivo: Hardware, Software, Sistemi operativi e Applicazioni. Book 1 Conoscere i computer Cos'è un dispositivo: Hardware, Software, Sistemi operativi e Applicazioni. Centro Servizi Regionale Pane e Internet Redazione a cura di Roger Ottani, Grazia Guermandi, Sara

Dettagli

Calcolatori e interfacce grafiche

Calcolatori e interfacce grafiche Calcolatori e interfacce grafiche COMPONENTI DI UN COMPUTER Hardware Tutti gli elementi fisici che compongono un calcolatore Software Comandi, istruzioni, programmi che consentono al calcolatore di utilizzare

Dettagli

Mai sentito parlare di Conservazione Digitale dei documenti?

Mai sentito parlare di Conservazione Digitale dei documenti? Mai sentito parlare di Fatturazione Elettronica? Mai sentito parlare di Conservazione Digitale dei documenti? Mai sentito parlare di Archiviazione Documentale? Se la risposta è no ad una di questi quesiti

Dettagli

Modello OAIS. Modello di riferimento. Il Modello. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012. Un modello di riferimento dovrebbe descrivere:

Modello OAIS. Modello di riferimento. Il Modello. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012. Un modello di riferimento dovrebbe descrivere: Modello OAIS Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Prof.ssa E. Gentile Progettazione e Produzione di Contenuti Digitali 1 Modello di riferimento Un modello di riferimento dovrebbe descrivere: le componenti

Dettagli

Corso di Introduzione all Informatica (corso A) MS-WINDOWS. Esercitatore: Francesco Folino

Corso di Introduzione all Informatica (corso A) MS-WINDOWS. Esercitatore: Francesco Folino Corso di Introduzione all Informatica (corso A) MS-WINDOWS Esercitatore: Francesco Folino IL SISTEMA OPERATIVO Il Sistema Operativo è il software che permette l interazione tra uomo e macchina (hardware).

Dettagli

I parte Disegnare ed elaborare le informazioni con il CAD

I parte Disegnare ed elaborare le informazioni con il CAD I parte Disegnare ed elaborare le informazioni con il CAD Jacopo Russo - SISTEMI di ELABORAZIONE delle INFORMAZIONI Creare ed utilizzare un computer virtuale Per rendere più agevole il nostro lavoro insieme,

Dettagli

I SISTEMI OPERATIVI CONCETTI INTRODUTTIVI

I SISTEMI OPERATIVI CONCETTI INTRODUTTIVI I SISTEMI OPERATIVI CONCETTI INTRODUTTIVI Il Software Software di Base Sistema Operativo (Software di base essenziale) Software di base non essenziale Utility Driver Software applicativi (Applicazioni)

Dettagli

Concetti di base della Tecnologia dell Informazione Uso del computer e gestione dei file Elaborazione testi Fogli di Calcolo Reti informatiche

Concetti di base della Tecnologia dell Informazione Uso del computer e gestione dei file Elaborazione testi Fogli di Calcolo Reti informatiche Concetti di base della Tecnologia dell Informazione Uso del computer e gestione dei file Elaborazione testi Fogli di Calcolo Reti informatiche Laboratorio di Informatica - CLEF 7 Ci sono due modi per non

Dettagli

ARTICOLO IN PRIMO PIANO PREPARIAMO UNA FESTA DI COMPLEANNO

ARTICOLO IN PRIMO PIANO PREPARIAMO UNA FESTA DI COMPLEANNO DARE UNA FESTA SIGNIFICA DIVERTIMENTO MA PIANIFICARLA È UNA VERA E PROPRIA SFIDA. QUESTO ARTICOLO DELINEA COME MICROSOFT OFFICE ONENOTE 2003 AIUTA A PIANIFICARE UNA FESTA DI COMPLEANNO PIÙ DIVERTENTE E

Dettagli

Sistemi Web per il turismo - lezione 2 -

Sistemi Web per il turismo - lezione 2 - Sistemi Web per il turismo - lezione 2 - 8 Considerare il computer coma una calcolatrice sembra un po limitativo rispetto a quello che solitamente vediamo succedere sui computer intorno a noi come ad esempio

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado Anna Frank Nome Cognome classe anno sc. 2008/09 INFORMATICA

Scuola Secondaria di Primo Grado Anna Frank Nome Cognome classe anno sc. 2008/09 INFORMATICA Scuola Secondaria di Primo Grado Anna Frank Nome Cognome classe anno sc. 2008/09 INFORMATICA Il termine informatica riassume due parole, informazione automatica, e si occupa dei sistemi per l elaborazione

Dettagli

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer MONIA MONTANARI Appunti di Trattamento Testi Capitolo 1 Il Computer 1. Introduzione La parola informatica indica la scienza che rileva ed elabora l informazione, infatti : Informatica Informazione Automatica

Dettagli

Basi di Dati Multimediali. Fabio Strocco

Basi di Dati Multimediali. Fabio Strocco Basi di Dati Multimediali Fabio Strocco September 19, 2011 1 Contents 2 Introduzione Le basi di dati (o database) hanno applicazioni in molti campi, in cui è necessario memorizzare, analizzare e gestire

Dettagli