Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO"

Transcript

1 Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO CIRCOLARE ESPLICATIVA N 2 PER L ATTUAZIONE DELLE NORME DI PAI: Fascia di rispetto di cui all art. 21, comma 6 Attraversamenti/tombamenti: articolo 9, comma 5 Volumi interrati Adeguamenti igienico-sanitari e similari Interventi minori e pertinenze (in attuazione del Decreto S.G. n 4588 del 19/12/2013) Premessa. La presente circolare è esplicativa delle seguenti tematiche: I. FASCIA DI RISPETTO di cui all articolo 21, comma 6 II. ATTRAVERSAMENTI E PONTI di cui all articolo 9, comma 5 III. VOLUMI INTERRATI IV. ADEGUAMENTI IGIENICO-SANITARI E SIMILARI V. INTERVENTI MINORI E PERTINENZE Per le motivazioni e gli scopi che hanno portato alla definizione della presente circolare, si richiama quanto esposto nella premessa della Circolare esplicativa n 1. Le indicazioni della circolare non determinano modifiche alle norme di Piano, bensì specificano i principi ispiratori che le hanno originate e che, pertanto, ne garantiscono la corretta interpretazione e attuazione; l osservanza da parte dei progettisti di tali indicazioni può quindi essere considerato un presupposto per il rilascio del parere favorevole da parte dell Autorità di bacino, ove dovuto, e per una più certa e consapevole attestazione di conformità alle norme di PAI da parte dei professionisti (in caso di presentazione di SCIA). I. FASCIA DI RISPETTO DI CUI ALL ART. 21, COMMA 6 Per completezza espositiva, si riporta il testo integrale della norma oggetto di chiarimento: 6 - Nel territorio del bacino del fiume Serchio, per le aste prive di argini, ancorché tombate, del reticolo rappresentato nella Tav. 9, Carta di riferimento del reticolo idraulico e idrografico è individuata una fascia di rispetto minima per parte, misurata a partire dal ciglio di sponda, pari a ml. 10. L ampiezza di tale fascia di rispetto potrà essere modificata previo parere vincolante dell Autorità di bacino che verifica, sulla base del quadro conoscitivo disponibile ovvero sulla base di indagini di approfondimento, le condizioni di funzionalità idraulica del corso d acqua interessato. All interno di tale fascia di rispetto, qualora questa ricada in aree di tessuto edificato, sono inibiti interventi di nuova costruzione. All interno della sopraindicata fascia di rispetto, qualora invece questa non ricada in aree di tessuto edificato, si applicano le disposizioni di cui al presente articolo, relative alle aree P1. Tali disposizioni si sovrappongono agli eventuali altri vincoli previsti dal PAI. 1

2 Lo spirito dell art. 21 comma 6, che impone una fascia di rispetto di 10 ml ai corsi d acqua che non hanno arginature (corsi del reticolo minore, individuati nella Tavola 9), è essenzialmente quello di mantenere tali aree libere per consentire l allargamento e la manutenzione degli stessi corsi d acqua, nonché la possibilità di di ripristinare le condizioni originarie dei canali tombati qualora risulti indispensabile per ripristinarne la funzionalità idraulica. Le limitazioni contenute nella norma, inoltre, si differenziano a seconda se i corsi d acqua ricadano all interno del tessuto edificato (quindi in porzioni di territorio già ampiamente consumate dall edificazione) piuttosto che fuori. Più precisamente, mentre al reticolo idraulico minore esterno al tessuto edificato vengono applicate le stesse limitazioni già previste nello stesso articolo 21 per le aree di golena P1 (sia per il patrimonio edilizio esistente che per nuove costruzioni), all interno del tessuto edificato, invece, la norma intende solo inibire la possibilità di incrementare il consumo di suolo, senza però penalizzare gli interventi sul patrimonio edilizio esistente. In estrema sintesi, la norma vuole porre condizionamenti maggiori per il reticolo idraulico esterno al tessuto edificato (limitando anche gli interventi sul patrimonio edilizio esistente ricadente nella fascia dei 10 ml) e minori per quello interno a tale tessuto. Pertanto, nelle fasce di rispetto dei corsi d acqua (rappresentati nella Tavola 9 del Piano) ricadenti dentro il tessuto edificato sono ammessi tutti gli interventi sul patrimonio edilizio esistente (compresi cambi d uso, frazionamenti, sopraelevazioni), purché non prevedano ampliamenti di superficie coperta dei volumi esistenti all interno della medesima fascia, né la riduzione della distanza dei fabbricati esistenti dal corso d acqua. Inoltre, per non contraddire lo spirito e la logica della norma, il divieto di nuova costruzione, previsto per la fasce dei corsi d acqua interni al tessuto edificato, deve essere attuato con l eccezione di quelle fattispecie di interventi ammessi anche in golena. Si devono quindi intendere ammissibili (e subordinati al parere dell Autorità di bacino solo nei casi previsti dal medesimo art. 21): gli interventi idraulici (comma 2 lett. a), l adeguamento opere pubbliche e realizzazione di infrastrutture pubbliche a sviluppo lineare (comma 2, lett. b); le strutture mobili stagionali per il tempo libero (comma 4, lett. b); le tettoie aperte e volumi tecnici a corredo di patrimonio esistente (comma 4, lett. f), l impermeabilizzazione di terreno per pavimentazioni di resedi di fabbricati (comma 7), fermo restando che questi non potranno ridurre la distanza tra l eventuale fabbricato su cui si interviene e il corso d acqua. Però non possono considerarsi ammessi nuovi volumi accessori o pertinenziali, perché non consentiti nelle golene (cfr. comma 4, art. 21), né altri interventi edilizi che, determinando nuovo consumo di suolo o trasformazione permanente dei luoghi, possono impedire l allargamento e/o la manutenzione del corso d acqua (es: parcheggi). Si chiarisce inoltre quanto segue: - Oltre alle verifiche sopradescritte relative a quanto prescritto dall art. 21 comma 6, rimane comunque da verificare il rispetto delle limitazioni e dei condizionamenti derivanti dalle classi di pericolosità dell area eventualmente riconosciute dal PAI (ad esempio: per interventi ricadenti sia nella fascia di rispetto in esame che in area AP, devono essere verificati sia i condizionamenti dell art. 21, comma 6, che quelli dell art. 22). - Il tessuto edificato deve essere indicato e perimetrato dal Comune, in coerenza con la definizione dell articolo 7 delle Norme. - I pareri rilasciati dall Autorità di bacino per interventi ricadenti nella fasce di rispetto in esame, ove dovuto, non contemplano la verifica del rispetto di quanto previsto per le aree golenali dalla L.R. 21/2012, la cui applicazione è di competenza comunale. Per situazioni particolari, si ricorda la possibilità di: 1. modificare l ampiezza della fascia di 10 ml previo parere vincolante dell Autorità di bacino che verifica, sulla base del quadro conoscitivo disponibile ovvero sulla base di indagini di approfondimento, le condizioni di funzionalità idraulica del corso d acqua interessato (cfr. art. 21, comma 6). Per tali casi, i richiedenti possono avanzare apposita istanza all Autorità di bacino, fornendo approfondimenti tesi a dimostrare la funzionalità idraulica del corso d acqua. 2. modificare i contenuti della Tav. 9 (Carta di riferimento del reticolo idraulico e idrografico), in coerenza con i disposti dell art. 40 delle Norme di Piano. Per tali casi, qualora sia dimostrabile l inesattezza del tracciato dei corsi d acqua rappresentati o la presenza di altri errori, gli enti locali inoltrano all Autorità di Bacino specifiche istanze corredate da idonei studi idraulici e geologico- 2

3 tecnici che ne giustifichino la richiesta Il Segretario Generale è delegato agli adempimenti relativi alle suddette modifiche e vi provvederà con proprio atto (cfr. art. 40). Caso particolare: applicazione dell articolo 21, comma 6, nel caso di attraversamenti e ponti su corsi d acqua. In questi casi occorre riferirsi principalmente all art. 9, comma 6, delle Norme di PAI, che consente gli attraversamenti dei corsi d acqua in condizioni di sicurezza idraulica (cfr. punto III della presente circolare) ; se ne deduce che il comma 6 dell art. 21 non può impedire a priori la realizzazione di attraversamenti e ponti. In tali casi, nell esame del progetto del ponte (che dovrà essere accompagnata da relazione idraulica) l Autorità di bacino valuterà caso per caso se le eventuali opere di pertinenza (es: pile di sostegno) sono in contrasto con gli obiettivi di tutela di cui all art. 21, comma 6. II. ATTRAVERSAMENTI E PONTI : ARTICOLO 9, COMMA 5 Il comma 5 lettera a dell articolo 9 delle Norme di Piano indica che non sono ammesse nuove coperture e tombature in via definitiva dei corsi d acqua di ogni grandezza e portata ad esclusione di ponti e attraversamenti che devono essere comunque realizzati in condizioni di sicurezza idraulica. Per effetto di tale disposizione i nuovi ponti o attraversamenti dei corsi d acqua del bacino devono, di norma, essere realizzati in condizioni di sicurezza idraulica e cioè devono essere dimensionati, con adeguato franco, per lo smaltimento delle portate duecentennali stimate per il corso d acqua, sulla base di idonei studi idrologico-idraulici estesi ad un tratto significativo del corso d acqua nell intorno della sezione di intervento; in tali casi nell istruttoria si valuterà, caso per caso, se le eventuali opere di pertinenza (es: rampe di raccordo, pile) sono in contrasto con gli obiettivi di tutela di cui all art. 21, comma 6 (cfr. punto I della presente circolare). Resta inteso che per quanto riguarda le soluzioni progettuali, le tipologie costruttive, i materiali, il raccordo della nuova opera con le opere idrauliche e lo stato dei luoghi preesistente è comunque necessario da parte del soggetto che propone l intervento, acquisire il parere dell autorità idraulica competente sul corso d acqua. In caso di ampliamento (inteso in senso longitudinale, cioè lungo la direzione della corrente) di piccoli attraversamenti esistenti aventi sezione non adeguata, almeno la parte di opera di nuova realizzazione dovrà essere dimensionata e progettata per garantire a regime le condizioni di sicurezza. III. VOLUMI INTERRATI Per la migliore comprensione della problematica, occorre procedere alla disamina delle disposizioni normative che nel Piano disciplinano la materia. Occorre innanzi tutto ricordare che per una omogenea attuazione del Piano di bacino e ai fini del raccordo delle disposizioni normative con le tipologie di intervento edilizie di cui alla L.R. 1/2005, le Norme di Piano di bacino all articolo 7 (Definizioni) hanno introdotto alcune precisazioni in merito alle definizioni urbanistiche ed edilizie degli interventi dettate dalla citata L.R. Tali puntualizzazioni sono derivate dalla valutazione delle conseguenze che i diversi interventi inducono sul regime idraulico dei suoli e/o di stabilità dei versanti. In tale articolo 7, la definizione interventi comportanti aumento di volume chiarisce espressamente che i volumi interrati costituiscono aumento di volume. Inoltre poiché un volume interrato incide su risorse essenziali del territorio (sottosuolo, suolo e acqua), ai sensi dell art. 78, comma 1 della L.R. 1/2005, rientra nella definizione di nuovo fabbricato del medesimo art. 7. L ART. 50 individua invece gli Accorgimenti tecnico-costruttivi in aree inondabili ; tale articolo tratta anche dei volumi interrati: - al comma 4, nelle condizioni per l autosicurezza, i volumi accessori interrati sono ammessi con l accesso posto ad una quota maggiorata di 50 cm rispetto al battente atteso per Tr 200 (per effetto del comma 4bis, gli interrati sono ammessi solo in aree con battenti non superiori a cm: tale battente è infatti una condizione posta dalla norma per il raggiungimento dell autosicurezza). 3

4 - al comma 6d, nelle condizioni per la parziale mitigazione, gli interrati sono ammessi con l accesso posto ad una quota maggiorata di 50 cm rispetto al battente atteso (in tal caso non vale la limitazione del battente massimo di 130 cm + 20 cm). Proseguendo alla disamina delle Norme di Piano, si rileva che i volumi interrati sono espressamente disciplinati in: - ART. 23 (Aree P2 e PS): al comma 4, ove si individuano le condizione per la realizzazione di nuovi fabbricati dentro il tessuto edificato, sono ammessi espressamente quei volumi interrati pertinenziali ai nuovi edifici : garage, cantine e volumi tecnici, da assoggettare a parziale mitigazione (vd. art. 50 comma 6d). - ART. 24, comma 2d e 3 (aree APL e PL): nuovi volumi interrati di pertinenza a fabbricati esistenti sono espressamente vietati in APL e PL (nella categoria ristrutturazione edilizia: sono consentiti interventi fino alla ristrutturazione edilizia senza né nuovi volumi interrati ). - Matrice IV (Aree PU): - nella aree PU al punto 2 (ristrutturazione edilizia) sono espressamente vietati i volumi interrati pertinenti a edifici esistenti. - Interventi minori, punto 10 : su patrimonio edilizio esistente: sono espressamente vietate le pertinenze interrate. I volumi interrati, al contrario, non sono espressamente disciplinati in: - ART. 20: aree I (casse di laminazione). Però per effetto del comma 1, art. 20, secondo capoverso (contenente il riferimento all elenco di opere esclusivamente ammesse ) si devono intendere NON ammessi solo nelle casse di laminazione previste e non ancora realizzate. - ART. 21: aree a1, a2, P1 (alvei e golene). Però per effetto del comma 1, art. 21 (contenente il riferimento all elenco di opere esclusivamente ammesse ), si devono intendere NON ammessi. - ART. 22 e 22bis: aree AP e APg. - ART. 23 bis (aree P2g). In sintesi, i locali interrati sono espressamente: - VIETATI: in aree APL ; PL ; PU (art. 24) se di pertinenza a fabbricato esistente; in aree I (casse di laminazione) solo per le casse di laminazione prevista ma non ancora realizzate; in aree a1, a2, P1 (alvei e golene). - AMMESSI: in aree P2 e PS (art. 23), se di pertinenza di un nuovo fabbricato, nel tessuto edificato e con parziale mitigazione. mentre risultano non espressamente disciplinati in: - aree AP, APg, P2g - aree P2, fuori dal tessuto edificato. - casse di laminazione già realizzate. Poiché un interrato è nuovo volume ed è equiparato a nuovo fabbricato, si deduce che, in assenza di specifica disciplina, gli interrati devono seguire le disposizioni individuate per i nuovi volumi e per i nuovi fabbricati. Ad esempio, in area AP : - Nuovi volumi interrati (accessori ai nuovi fabbricati) sono ammessi nel lotto intercluso, con condizioni di auto sicurezza, quindi solo in aree con battenti inferiori a cm e con accessi a quota superiore di 50 cm rispetto al battente atteso. - Volumi interrati fuori dal lotto intercluso sono subordinati alla messa in sicurezza idraulica per Tr 200 anni (analogamente a nuovi edifici) o, per specifiche tipologie, alle altre condizioni a cui sono soggetti gli interventi ammessi (es: annessi agricoli, comma 5). - Sul patrimonio edilizio esistente non sono ammessi interrati (perché la matrice lo esclude nella ristrutturazione edilizia, né lo prevede espressamente tra gli interventi minori ). Caso particolare: nuovi accessi a locali interrati esistenti (scale o rampe, anche chiusi in volumi edilizi). La realizzazione di nuove scale o rampe per l accesso dall esterno ai locali interrati esistenti deve avvenire nel rispetto delle stesse condizioni dell art. 50 e 50 bis, ovvero l accesso deve essere posizionato a non meno di 50 cm sopra il battente duecentennale. 4

5 IV. ADEGUAMENTI IGIENICO-SANITARI E SIMILARI In molte aree del bacino, le Norme di Piano consentono interventi di adeguamento di fabbricati esistenti necessari alla messa a norma di strutture e impianti in ottemperanza ad obblighi derivanti da norme vigenti in materia igienico-sanitaria, di sicurezza sull ambiente di lavoro, di superamento delle barriere architettoniche, di adeguamento antisismico, di adeguamento alla normativa acustica e per il risparmio energetico. Ciò anche in aree a pericolosità idraulica elevata e molto elevata, dove i nuovi edifici sono subordinati a interventi di messa in sicurezza idraulica, ovvero sono ritenuti incompatibili con le condizioni di fragilità delle aree e per questo non ammessi. Qualora, sulla base di disposizioni normative specifiche, ovvero sulla base di apposite richieste/ordinanze di enti competenti (quali AUSL, VV.FF., ecc), detto adeguamento risulti indispensabile per il mantenimento in esercizio di una legittima attività e/o utilizzo esistente, esso può essere ottenuto mediante la realizzazione di un apposito manufatto edilizio (anche previa demolizione e ricostruzione di volumetrie esistenti) di carattere pertinenziale all attività in essere (es: vano caldaia; vasche per liquami; servizi igienici; vano ascensore), alle condizioni che: - il manufatto sia di dimensioni strettamente necessarie a ottenere l adeguamento ; - l uso del manufatto non sia allargato ad altre funzioni; - l intervento non aumenti il numero di utenti esposti al rischio; - l intervento non possa essere realizzato in aree alternative, aventi minori gradi di pericolosità. Nei casi in cui, per le condizioni suddette, si costituisca un nuovo manufatto edilizio il privato dovrà richiedere parere all Autorità di bacino che, sulla base del grado di effettiva pericolosità dell area, potrà individuare opere per la parziale mitigazione del rischio, ovvero richiedere un piano di sicurezza, ovvero la rinuncia alla richiesta di danni, ovvero altri condizionamenti finalizzati all esclusione del rischio per la pubblica e privata incolumità. V. INTERVENTI MINORI E PERTINENZE Come si evince dalle Matrici allegate alle Norme di Piano, tra gli interventi minori connessi al patrimonio edilizio esistente ricadono anche le pertinenze ; queste sono generalmente ammesse in tutte le aree del bacino, assoggettate a limitati condizionamenti (es: minimizzare l ostacolo del deflusso delle acque). In questa tipologia, però, può ricadere una vasta gamma di manufatti, differenti tra loro per dimensioni e tipologia d uso, che comportano gradi di esposizione al rischio molto variabili (per esempio il singolo garage di una unità abitativa produce un incremento di rischio molto inferiore a quello derivante dal garage di una attività di rivendita auto). Per evitare distorsioni ed errate applicazioni della norma è sufficiente richiamare l applicazione della L.R. 1/2005, art. 79, comma 2, lettera e: le pertinenze possono essere considerate interventi minori, cioè non incidenti sulle risorse essenziali del territorio (e per questo subordinate a SCIA), solo nel caso in cui abbiano una volumetria non superiore al 20% del volume del fabbricato principale. Nei casi in cui le pertinenze siano superiori al 20% del fabbricato principale, essendo le stesse assoggettate a permesso di costruire ai sensi dell art. 78, comma 1 della L.R. 1/2005, sono assimilabili ai nuovi fabbricati (secondo la stessa definizione dell art. 7 delle Norme di Piano), e come tale devono essere valutate. 5

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE CHIARIMENTI SUL REGIME NORMATIVO APPLICABILE NELLA FASCIA DI INEDIFICABILITÀ ASSOLUTA DAI LIMITI DELL ALVEO AI SENSI DELL ART. 8, C.3 DELLA NORMATIVA-TIPO DEI PIANI

Dettagli

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, in questo articolo analizziamo le definizioni di CIL,

Dettagli

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE NORMATIVA-TIPO RELATIVA AGLI AMBITI NORMATIVI DELLE FASCE DI INONDABILITÀ EX DGR 250/05

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE NORMATIVA-TIPO RELATIVA AGLI AMBITI NORMATIVI DELLE FASCE DI INONDABILITÀ EX DGR 250/05 AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE NORMATIVA-TIPO RELATIVA AGLI AMBITI NORMATIVI DELLE FASCE DI INONDABILITÀ EX DGR 250/05 Documento approvato con DGR 1532 del 2.12.2005 - Allegato 2 - ALLEGATO 2

Dettagli

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA (si veda anche la parte normativa, più sotto) Norme L. 11/11/2009 n. 19; L. 21/10/2010 n. 17 Aumenti massimi (salvo casi particolari) + 35% volume con

Dettagli

TABELLA A Modalità di accertamento di compatibilità idraulica ai sensi dell art.4 della Legge Regione Puglia 19 luglio 2013, n. 19

TABELLA A Modalità di accertamento di compatibilità idraulica ai sensi dell art.4 della Legge Regione Puglia 19 luglio 2013, n. 19 Comma 6 Articolo 6 Alveo fluviale in modellamento attivo ed aree golenali a) interventi di demolizione senza ricostruzione; b) interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, di restauro e di risanamento

Dettagli

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L.

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L. TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI ordinaria manutenzione D.P.R. 380/01 art. 6 e L.R. 12/05 art. 27 gli interventi edilizi che riguardano le opere

Dettagli

9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO

9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO 9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO ART. 1 Il Comune di Capergnanica è tenuto ad informare i Soggetti Attuatori delle previsioni dello strumento urbanistico, denominato Piano di Governo del Territorio (P.G.T.),

Dettagli

SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività

SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività CAMBIO DI DESTINAZIONE D USO - Art. 9.5 del R.E.C. - Art. 79 comma 1, lett c) L.R. 1/05 SCHEDA A6 CLASSIFICAZIONE DELL INTERVENTO R.E.C.

Dettagli

Vengono richiesti alcuni distinti pareri su questioni attinenti all edificazione nel territorio agricolo.

Vengono richiesti alcuni distinti pareri su questioni attinenti all edificazione nel territorio agricolo. Parere n. 50/2010 - Edificazione su territorio agricolo Vengono richiesti alcuni distinti pareri su questioni attinenti all edificazione nel territorio agricolo. Si precisa che le risposte ai quesiti posti

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO Nelle tavole seguenti si esaminano rispettivamente i valori storico-culturali e il patrimonio storico architettonico con la viabilità storica; in questo caso non si rilevano situazioni di particolare interesse.

Dettagli

MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE

MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE REGIONE TOSCANA Legge regionale 8 maggio 2009, n. 24 1 MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE (B.U.R.T. 13 maggio 2009,

Dettagli

Relazione Tecnica di Asseverazione (ai sensi degli artt. 22 e 23 del D.P.R. 380/2001 s.m.i.)

Relazione Tecnica di Asseverazione (ai sensi degli artt. 22 e 23 del D.P.R. 380/2001 s.m.i.) Timbro quadro del professionista o logo Relazione Tecnica di Asseverazione (ai sensi degli artt. 22 e 23 del D.P.R. 380/2001 s.m.i.) allegata a S.C.I.A. ex art. 19 L. 241/1990, come sostituito dall art.

Dettagli

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:.

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:. 3. Che la tipologia dell intervento, delle suddette opere è riconducibile a: 4. Che lo stato attuale dell immobile/unità immobiliare risulta legittimato dai seguenti atti: Fabbricato antecedente al 1938

Dettagli

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di MODELLO SCIA.b SCIA.b - 29/08/2011 ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ EDILIZIA ai sensi dell articolo 19, comma 1

Dettagli

PROGRAMMA AZIENDALE PLURIENNALE DI MIGLIORAMENTO AGRICOLO AMBIENTALE

PROGRAMMA AZIENDALE PLURIENNALE DI MIGLIORAMENTO AGRICOLO AMBIENTALE ALLEGATO A PROGRAMMA AZIENDALE PLURIENNALE DI MIGLIORAMENTO AGRICOLO AMBIENTALE Fattoria Le Mura Società Agricola Srl - legale rappresentante Rindi Corrado responsabile del procedimento geom. Adriano Zingoni

Dettagli

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE INDIRIZZI INTERPRETATIVI E CHIARIMENTI IN MERITO AI CRITERI PER LA REDAZIONE DELLA NORMATIVADEI PIANI DI BACINO PER LA TUTELA DAL RISCHIO IDROGEOLOGICO DI CUI ALLA

Dettagli

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA COMUNE DI PORDENONE TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA Nominativo del dichiarante (1) altri titolari oltre al presente dichiarante NO SI n (in caso di più dichiaranti, compilare una scheda anagrafica per ogni

Dettagli

Con la consulenza giuridica in oggetto, concernente l interpretazione dell art. 1 della legge n. 449 del 1997, è stato esposto il seguente QUESITO

Con la consulenza giuridica in oggetto, concernente l interpretazione dell art. 1 della legge n. 449 del 1997, è stato esposto il seguente QUESITO RISOLUZIONE N. 4/E Roma, 04 gennaio 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza Giuridica Art. 1 della legge n. 449 del 1997 Piano Casa Possibilità di fruire della detrazione del 36 per cento

Dettagli

La Legge Regionale 20 aprile 2015 n. 17 RIORDINO E SEMPLIFICAZIONE IN MATERIA EDILIZIA

La Legge Regionale 20 aprile 2015 n. 17 RIORDINO E SEMPLIFICAZIONE IN MATERIA EDILIZIA Comune di Jesi Sportello Unico Edilizia Incontro con i professionisti 26 maggio 2015 La Legge Regionale 20 aprile 2015 n. 17 RIORDINO E SEMPLIFICAZIONE IN MATERIA EDILIZIA LEGGE REGIONALE 20 APRILE 2015

Dettagli

1. RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER MOVIMENTI DI TERRENO DOCUMENTAZIONE MINIMA

1. RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER MOVIMENTI DI TERRENO DOCUMENTAZIONE MINIMA 1. RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER MOVIMENTI DI TERRENO Domanda in bollo a norma di legge (Euro 14,62) diretta alla Provincia di Savona - Settore Tutela del Territorio e dell'ambiente - Servizio Piani

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D Ai sensi art. 65 L.R. 1/2005 s.m.i. Corte Malgiacca COMUNE DI CAPANNORI Provincia di Lucca FRAZIONE DI GRAGNANO LOC. DETTA CORTE MALGIACCA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D INTERVENTO DI

Dettagli

Valsat Sintesi non tecnica

Valsat Sintesi non tecnica Valsat Sintesi non tecnica Pagina 1 di 7 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 3 2 CONTENUTI ED OGGETTO... 3 3 VERIFICA DI COERENZA... 4 4 ANALISI AMBIENTALI... 5 5 CONCLUSIONI... 7 Pagina 2 di 7 1 INTRODUZIONE La

Dettagli

Via Gobetti, 9-37138 VERONA - Telefono 045.572697 - Fax 045.572430 - www.poroton.it - info@poroton.it Detrazioni fiscali per le ristrutturazioni valide anche per la "demolizione e ricostruzione" Le "Semplificazioni

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO

REGOLAMENTO URBANISTICO Provincia di Arezzo COMUNE DI FOIANO DELLA CHIANA REGOLAMENTO URBANISTICO SCHEDE DI FATTIBILITA' (Zona industriale Farniole) Gennaio 2014 Sindaco - Ass. all'urbanistica: Franco Parigi Resp. del Procedimento:

Dettagli

SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO PER LE IMPRESE ABBATTIMENTO ALBERI

SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO PER LE IMPRESE ABBATTIMENTO ALBERI SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO PER LE IMPRESE ABBATTIMENTO ALBERI Deve essere presentata comunicazione relativa all abbattimento degli alberi. Solo nel caso in cui le piante interessate

Dettagli

5. Specifiche di carattere generale per gli interventi

5. Specifiche di carattere generale per gli interventi Nuovi indirizzi comunali per l applicazione della Legge Regionale n. 24/2009, modificata dalla Legge Regionale n. 40/2011 avente per oggetto Misure urgenti e straordinarie volte al rilancio dell economia

Dettagli

CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE In base al combinato disposto dagli artt. 15, 29 e 30 della L.R. 19/09 e dagli artt. 6 e 7 del relativo Regolamento di Attuazione nonché, con riferimento alla Circolare 1/2012

Dettagli

Collesalvetti PROVINCIA DI LIVORNO

Collesalvetti PROVINCIA DI LIVORNO Comune di Collesalvetti PROVINCIA DI LIVORNO Ufficio: URBANISTICA Settore: Servizi Urbanistica PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.36 DEL 04-06-2015 Oggetto: Piano di Miglioramento Aziendale ai

Dettagli

Comune di Cenate Sotto PGT Piano dei servizi 6 settembre 2012

Comune di Cenate Sotto PGT Piano dei servizi 6 settembre 2012 INDICE 1. Elementi costitutivi del... 2 2. Zona S1: aree per l'istruzione pubblica... 2 3. Zona S2: aree per servizi pubblici... 2 4. Zona S3: aree per attrezzature religiose... 2 5. Zona S4: aree pubbliche

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Comune di Trissino Provincia di Vicenza

Comune di Trissino Provincia di Vicenza Comune di Trissino Provincia di Vicenza MODULISTICA ONLINE 2014 www.comune.trissino.vi.it servizi tecnici pianificazione e sviluppo del territorio edilizia privata Definizione dei TIPI di INTERVENTO aggiornato

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI Il Comune di Cadoneghe, valutate le caratteristiche e le peculiarità del proprio territorio, considerate le esigenze di sostegno al settore edilizio, attentamente soppesati

Dettagli

Pagina 1 di 6. Allegato A

Pagina 1 di 6. Allegato A Allegato A LIMITI E MODALITÀ APPLICATIVE DEGLI INTERVENTI PREVISTI DAGLI ARTICOLI 2, 3 e 4 DELLA LEGGE REGIONALE N. 14 DEL 08.07.2009 e smi Pagina 1 di 6 Limiti e modalità applicative per gli interventi

Dettagli

COMUNE DI LIMENA. Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i.

COMUNE DI LIMENA. Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i. COMUNE DI LIMENA Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i. Approvate con la deliberazione di C.C. n. 33 del 28.09.2011

Dettagli

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO. Piano di Bacino, stralcio Assetto Idrogeologico (P.A.I.) Primo aggiornamento

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO. Piano di Bacino, stralcio Assetto Idrogeologico (P.A.I.) Primo aggiornamento Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Piano di Bacino, stralcio Assetto Idrogeologico (P.A.I.) Primo aggiornamento (Variante al PAI approvato nel 2005) NORME DI PIANO Adottato dal Comitato

Dettagli

( testo attuale e modificato)

( testo attuale e modificato) C O M U N E d i C R E S P I N A Servizi al Territorio Variante al Regolamento Urbanistico - Modifica alle Norme Tecniche di Attuazione relative agli impianti e aree cimiteriali ( articoli 61 e 66 ) ( testo

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI. Servizio Edilizia Privata

COMUNE DI CAGLIARI. Servizio Edilizia Privata COMUNE DI CAGLIARI Servizio Edilizia Privata Indirizzi Interpretativi 19 Dicembre 2013 1 La presente nota scaturisce dalla necessità di dare risposta ai quesiti più frequenti posti all ufficio da parte

Dettagli

Richiesta di Valutazione preventiva di ammissibilità edilizio-urbanistica (art. 16 Regolamento Edilizio)

Richiesta di Valutazione preventiva di ammissibilità edilizio-urbanistica (art. 16 Regolamento Edilizio) modello 5 Marca da Bollo Data di arrivo PG PR Allo Sportello Unico per l Edilizia Ufficio Ricezione Piazza Municipale, 21 Richiesta di Valutazione preventiva di ammissibilità edilizio-urbanistica (art.

Dettagli

Richiesta del parere preventivo della Commissione per la Qualità Architettonica e il Paesaggio (ai sensi dell art. 18 del Regolamento Edilizio)

Richiesta del parere preventivo della Commissione per la Qualità Architettonica e il Paesaggio (ai sensi dell art. 18 del Regolamento Edilizio) COMUNE DI FERRARA Città patrimonio dell Umanità Marca da Bollo PG Allo Sportello Unico per l Edilizia PR Ufficio Ricezione Data di arrivo Richiesta del parere preventivo della Commissione per la Qualità

Dettagli

NORMATIVA e PROCEDURE per INTERVENTI EDILIZI

NORMATIVA e PROCEDURE per INTERVENTI EDILIZI NORMATIVA e PROCEDURE per INTERVENTI EDILIZI Normativa di riferimento Attività libera e Comunicazione Inizio Attività Legge n. 73 del 22 maggio 2010 che riscrive l art. 6 del DPR 380/2001 Comunicazione

Dettagli

Costruire o ristrutturare casa

Costruire o ristrutturare casa Costruire o ristrutturare casa Che cos'è utile sapere quando si costruisce o si ristruttura una casa Interventi edilizi I servizi prestati: Regolamento Zone agricole Manutenzione ordinaria: Riparazione

Dettagli

Direzione Operativa Riqualificazione e Sviluppo del Territorio. Servizio Attività Produttive e supporto amministrativo - U.O.SUEAP

Direzione Operativa Riqualificazione e Sviluppo del Territorio. Servizio Attività Produttive e supporto amministrativo - U.O.SUEAP Piacenza, 10.06.2015 AL DIRIGENTE SERVIZIO ATTIVITA PRODUTTIVE e SUPPORTO AMMINISTRATIVO AL RESPONSABILE SUEAP AGLI ISTRUTTORI TECNICI SUEAP OGGETTO: Deliberazione Assemblea Legislativa Regione Emilia

Dettagli

LEGGE REGIONALE 15/2013

LEGGE REGIONALE 15/2013 LEGGE REGIONALE 15/2013 SEMPLIFICAZIONE DELLA DISCIPLINA EDILIZIA Pubblicata il 31 luglio 2013 In vigore dal 28 settembre 2013 -tranne art.55, in vigore dal 31 luglio 2013-13/10/09 - Esercitazione Pratica

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Quarta Variante Parziale al Piano degli Interventi (PRG) modifica dell articolo 34 Parcheggi e servizi pubblici delle N.T.A.. Ai sensi dell'art. 18 della L.R.V. 11/2004 e s.m.i..

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE CONCESSIONE DELLA DEROGA AI SENSI DELLA L. 106/2011, DELLA CIRCOLARE REGIONE PIEMONTE 7/UOL E DELL ART. 72 DELLE N.T.A. DEL P.R.G.C. A ESACASE S.R.L. PER AMPLIAMENTO DELLA VOLUMETRIA, NUMERO DEI PIANI,

Dettagli

COMMISSARIO DELEGATO PER L EMERGENZA CONCERNENTE GLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI DEL 26 SETTEMBRE 2007

COMMISSARIO DELEGATO PER L EMERGENZA CONCERNENTE GLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI DEL 26 SETTEMBRE 2007 ORDINANZA N. 3 DEL 22.01.08 Oggetto: O.P.C.M. n. 3621 del 18.10.2007. Interventi urgenti di protezione civile diretti a fronteggiare i danni conseguenti agli eccezionali eventi meteorologici che hanno

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI LAZZATE PROVINCIA DI MILANO DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (ex regime concessorio) ai sensi dell art. 41 della Legge Regionale 12/05 Il/ La sottoscritto/a Cod. fiscale/partita IVA residente /con sede in via n. CAP tel. in qualità proprietario

Dettagli

Il sottoscritto residente in Via.. n..c.a.p..codice Fiscale in qualità di per il % CHIED

Il sottoscritto residente in Via.. n..c.a.p..codice Fiscale in qualità di per il % CHIED marca da bollo AL COMUNE DI CANDELO SETTORE TECNICO DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE Ai sensi degli articoli dal 10 al 20 del DPR 06/06/2001 N 380 e ss. mm.e ii Il sottoscritto residente in Via.. n..c.a.p..codice

Dettagli

OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA S.C.I.A. ai sensi dell art. 19 Legge 07/08/1990, n. 241, come sostituito dall art.

OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA S.C.I.A. ai sensi dell art. 19 Legge 07/08/1990, n. 241, come sostituito dall art. S.C.I.A. n. / (riservato al Comune) Timbro del Protocollo Generale AL COMUNE DI ROSTA UFFICIO TECNICO Piazza Vittorio Veneto 1 10090 Rosta Torino OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA S.C.I.A.

Dettagli

COMUNE DI PERO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA TEMPORANEE NEL PERIODO DI EXPO 2015 INDICE

COMUNE DI PERO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA TEMPORANEE NEL PERIODO DI EXPO 2015 INDICE COMUNE DI PERO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA TEMPORANEE NEL PERIODO DI EXPO 2015 INDICE 1. Finalità del regolamento 2. Definizione di attività temporanee e tipologie consentite 3. Deroghe

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

RISOLUZIONE N. 118/E

RISOLUZIONE N. 118/E RISOLUZIONE N. 118/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Imposte sui redditi - Spese sostenute per la redazione di un atto di vincolo unilaterale - Art. 16-bis del TUIR - Istanza

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DI BASILICATA

CONSIGLIO REGIONALE DI BASILICATA CONSIGLIO REGIONALE DI BASILICATA Legge Regionale: Norme sulla sanatoria degli abusi edilizi di cui all art. 32 del Decreto Legge 30.09.2003, n. 269. * * * * * * * * * Articolo 1 Oggetto della legge 1.

Dettagli

5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3. ART.1 Limite di massima edificazione

5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3. ART.1 Limite di massima edificazione 5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3 ART.1 Limite di massima edificazione Per questa parte di zona appositamente delimitata, vale esattamente questo piano con le relative norme di attuazione.

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 PROPOSTA DI DELIBERAZIONE - OGGETTO - ESTENSIONE DELL AMBITO DI

Dettagli

CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE:

CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE: scheda N 1 loc. PIEDIMONTE / COMPARTO 46 R CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE: Realizzazione di manufatti con destinazione artigianale/industriale/direzionale per una S.U.L. complessiva di mq 4.000 e una volumetria

Dettagli

TITOLI EDILIZI, PROCEDIMENTI E ONEROSITÀ DOPO LO SBLOCCA ITALIA E LA LEGGE SUL CONSUMO DI SUOLO

TITOLI EDILIZI, PROCEDIMENTI E ONEROSITÀ DOPO LO SBLOCCA ITALIA E LA LEGGE SUL CONSUMO DI SUOLO TITOLI EDILIZI, PROCEDIMENTI E ONEROSITÀ DOPO LO SBLOCCA ITALIA E LA LEGGE SUL CONSUMO DI SUOLO Mauro Cavicchini Consulente di urbanistica e di edilizia marzo 2015 PRIMA DELLA CURA Attività edilizia libera

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 42 del 24.03.2014 OGGETTO:Variante al PRG ai sensi dell art. 6 della L.R. 4/2011 (piano casa) e riperimetrazione area boscata Località Belvedere pratiche

Dettagli

ATTIVITA EDILIZIA LIBERA DEL COMUNE DI BASSANO DEL GRAPPA

ATTIVITA EDILIZIA LIBERA DEL COMUNE DI BASSANO DEL GRAPPA Protocollo Municipale ATTIVITA EDILIZIA LIBERA Art. 6 del DPR. n. 380/2001 - per interventi edilizi relativi ai lavori di: OGGETTO ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA ALLO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE

Dettagli

- relazione istruttoria - Il Responsabile della III Area Arch. Nicla Paola Frezza. 04 febbraio 2011

- relazione istruttoria - Il Responsabile della III Area Arch. Nicla Paola Frezza. 04 febbraio 2011 LEGGE REGIONALE 21/12/2010 N.19 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 8 OTTOBRE 2009, N. 22 "INTERVENTI DELLA REGIONE PER IL RIAVVIO DELLE ATTIVITÀ EDILIZIE AL FINE DI FRONTEGGIARE LA CRISI ECONOMICA, DIFENDERE

Dettagli

C.U.P. COMITATO UNITARIO PERMANENTE

C.U.P. COMITATO UNITARIO PERMANENTE Prot. Modena, ALL ILL.MO SINDACO DEL COMUNE DI MARANELLO (MO) Oggetto: Osservazioni al PSC-RUE 2007, adottato con delibera di Consiglio Comunale n 51 del 31.07.2007. Il CUP (Comitato Unitario delle professioni

Dettagli

LA PRESENTAZIONE DELLA SCIA EDILIZIA NEL COMUNE DI MODENA DOPO IL DL 70 DEL 2011

LA PRESENTAZIONE DELLA SCIA EDILIZIA NEL COMUNE DI MODENA DOPO IL DL 70 DEL 2011 LA PRESENTAZIONE DELLA SCIA EDILIZIA NEL COMUNE DI MODENA DOPO IL DL 70 DEL 2011 Architetto Marcella Garulli Responsabile ufficio trasformazione edilizia 1 DL 78/2010 LEGGE 122/2010 DL 70/2011 LEGGE LA

Dettagli

L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli

L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli Dirigente del Settore Edilizia e Urbanistica / Comune di Scandicci (FI)

Dettagli

Art. 1 - Finalità... 2. Art. 2 - Interventi edilizi... 2. Art. 3 - Interventi per favorire il rinnovamento del patrimonio edilizio esistente...

Art. 1 - Finalità... 2. Art. 2 - Interventi edilizi... 2. Art. 3 - Interventi per favorire il rinnovamento del patrimonio edilizio esistente... REGIONE VENETO Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 1 INTERVENTO REGIONALE A SOSTEGNO DEL SETTORE EDILIZIO E PER FAVORIRE L UTILIZZO DELL EDILIZIA SOSTENIBILE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 12 LUGLIO

Dettagli

Comune di Montebello Jonico Provincia di Reggio Calabria Area Tecnica Sportello Unico edilizia

Comune di Montebello Jonico Provincia di Reggio Calabria Area Tecnica Sportello Unico edilizia Comune di Montebello Jonico Provincia di Reggio Calabria Area Tecnica Sportello Unico edilizia Segnalazione Certificata di Inizio Attività -S.C.I.A.- ai sensi degli artt. 22 e 23 del D.P.R. n. 380/01 e

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE

PIANO REGOLATORE GENERALE SETTORE PIANIFICAZIONE URBANA E TERRITORIALE LEGGE REGIONE PIEMONTE 5/12/1977, n. 56 art. 17 PIANO REGOLATORE GENERALE APPROVATO CON D.G.R. DEL 06/06/1989, N. 93-29164 VARIANTE N. 14 PROGETTO DEFINITIVO

Dettagli

Al Responsabile del Servizio Tecnico e Territoriale del Comune di SANTA MARIA DELLA VERSA (PV)

Al Responsabile del Servizio Tecnico e Territoriale del Comune di SANTA MARIA DELLA VERSA (PV) Comune di SANTA MARIA DELLA VERSA Provincia di Pavia Servizio Tecnico e Territoriale Sportello Unico per l Edilizia Spazio riservato per il protocollo SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (ex articolo

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ARTICOLO 2 DEFINIZIONI

ATTO DI INDIRIZZO ARTICOLO 2 DEFINIZIONI ATTO DI INDIRIZZO PER I PROCEDIMENTI DI COMPETENZA COMUNALE DEFINITI DAGLI ARTICOLI 4, 5, 6 bis, 7, 8, 9 E 11 bis DELLA LEGGE REGIONALE 28 DICEMBRE 2009 N. 19 Misure urgenti per il rilancio economico,

Dettagli

ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi dell art. 23 del D.P.R. 380/01 s.m.i.

ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi dell art. 23 del D.P.R. 380/01 s.m.i. Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi dell art. 23 del D.P.R. 380/01 s.m.i. MODELLO B cod. B- 27/1/2010 da compilarsi

Dettagli

LE PROCEDURE EDILIZIE E LA DISCIPLINA DEI TITOLI ABILITATIVI. Analisi di alcuni casi pratici

LE PROCEDURE EDILIZIE E LA DISCIPLINA DEI TITOLI ABILITATIVI. Analisi di alcuni casi pratici LE PROCEDURE EDILIZIE E LA DISCIPLINA DEI TITOLI ABILITATIVI. Analisi di alcuni casi pratici Relatori: Arch. Alberto Biraghi, responsabile del settore tecnico del Comune di Albiate Avv. Marco Locati, libero

Dettagli

Venezia 16 maggio 2012 Direzione per la Prevenzione Regione Veneto

Venezia 16 maggio 2012 Direzione per la Prevenzione Regione Veneto La normativa regionale finalizzata alla sicurezza delle manutenzioni in quota e alla definizione dei requisiti di salute e sicurezza degli insediamenti produttivi. Venezia 16 maggio 2012 Direzione per

Dettagli

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE Urbanistica Edilizia privata Comune di Fauglia Provincia di Pisa CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE DISCIPLINA IN MATERIA DI SANZIONI AMMINISTRATIVE DI CUI L ART. 140

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni; ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI FINANZE Direzione generale della pianificazione urbanistica territoriale e della Vigilanza edilizia del 08/10/2008 OGGETTO: Verifica di conformità ai sensi dell art. 52 delle

Dettagli

PROGETTISTA INCARICATO

PROGETTISTA INCARICATO 06032013 TIMBRO PROTOCOLLO C I T T A D I S A C I L E N. PRATICA Nominativo del dichiarante (1)...... SI n altri titolari oltre al presente dichiarante NO... (in caso di più dichiaranti, compilare una scheda

Dettagli

IL MUTAMENTO DELLA DESTINAZIONE D USO DEGLI IMMOBILI

IL MUTAMENTO DELLA DESTINAZIONE D USO DEGLI IMMOBILI 7 IL MUTAMENTO DELLA DESTINAZIONE D USO DEGLI IMMOBILI In questo capitolo, dopo aver ripercorso l evoluzione legislativa e giurisprudenziale della fattispecie oggetto di trattazione, si dirà del diverso

Dettagli

VARIANTE AI SENSI DELL ART. 143 L.R. 65/2014. SCIA n... del... (busta.../... )

VARIANTE AI SENSI DELL ART. 143 L.R. 65/2014. SCIA n... del... (busta.../... ) AL DIRIGENTE RESPONSABILE DEL SERVIZIO GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI IMPRUNETA VARIANTE AI SENSI DELL ART. 143 L.R. 65/2014 SCIA n..... del... (busta...../.... ) SCIA n..... del... (busta...../....

Dettagli

ll sottoscritto Tel. SEGNALA di dare inizio alla realizzazione del seguente intervento:

ll sottoscritto Tel. SEGNALA di dare inizio alla realizzazione del seguente intervento: Mittente: Via Al Sig. Sindaco del Comune di Colfelice Viale della Repubblica 03030 COLFELICE (FR) Segnalazione Certificata di Inizio Attività -S.C.I.A.- ai sensi degli artt. 22 e 23 del D.P.R. n. 380/01

Dettagli

ing. Fulvio Bartoli coordinatore del Settore Urbanistica, Edilizia privata e Ambiente del Comune di Imola

ing. Fulvio Bartoli coordinatore del Settore Urbanistica, Edilizia privata e Ambiente del Comune di Imola ing. Fulvio Bartoli ing. Fulvio Bartoli coordinatore del Settore Urbanistica, Edilizia privata e Ambiente del Comune di Imola L attività edilizia libera Il PdC I frazionamenti L Attività Edilizia Libera

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 13.5.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 17

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 13.5.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 17 SEZIONE I 13.5.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 17 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 8 maggio 2009, n. 24 nazionale comuni comunità enti montani (UNCEM) e l Unione delle

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 1 DEL 20.05.2015

AUTORITÀ DI BACINO REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 1 DEL 20.05.2015 COMITATO ISTITUZIONALE Oggetto: Direttiva 2007/60/CE D.Lgs.49/2010 Valutazione e gestione dei rischi di alluvioni Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni del distretto idrografico della Regione Autonoma

Dettagli

Provincia della Spezia - Piano di Bacino Ambito 18 - Ghiararo

Provincia della Spezia - Piano di Bacino Ambito 18 - Ghiararo FINALITÀ, CONTENUTI ED ELABORATI DI PIANO... 2 Art. 1 - Finalità generali del Piano.... 2 Art. 2 - Ambito di applicazione.... 3 Art. 3 - Oggetto del Piano... 3 Art. 4 - Elaborati di Piano... 3 DISCIPLINA

Dettagli

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:...

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:... INDICE 1) Premessa... 2 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela dal Rischio Idrogeologico:... 3 3) Lo studio di compatibilità idraulica... 8 4) Contenuti dello studio

Dettagli

INTERVENTI EDILIZI CONSEGUENTI AL SISMA IVA

INTERVENTI EDILIZI CONSEGUENTI AL SISMA IVA INTERVENTI EDILIZI CONSEGUENTI AL SISMA IVA QUALIFICAZIONE GIURIDICA DEGLI INTERVENTI Art.31 L.457/1978 Allegato L.R. 31/2002 IDENTIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI Titolo abilitativo Dichiarazione sostitutiva

Dettagli

COMUNE DI FERRARA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SERVIZIO QUALITÀ EDILIZIA SPORTELLO UNICO EDILIZIA. NP 3534/10 Ferrara 15.06.

COMUNE DI FERRARA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SERVIZIO QUALITÀ EDILIZIA SPORTELLO UNICO EDILIZIA. NP 3534/10 Ferrara 15.06. COMUNE DI FERRARA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SERVIZIO QUALITÀ EDILIZIA SPORTELLO UNICO EDILIZIA NP 3534/10 Ferrara 15.06.2010 Agli Uffici del Servizio Qualità e del SUE OGGETTO Conversione in

Dettagli

Orientamenti interpretativi in merito agli interventi di sopraelevazione di edifici esistenti

Orientamenti interpretativi in merito agli interventi di sopraelevazione di edifici esistenti COMITATO TECNICO SCIENTIFICO in materia di rischio sismico (istituito con Delibera Giunta Regionale n. 606 del 21/6/2010) Orientamenti interpretativi in merito agli interventi di sopraelevazione di edifici

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni; ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI FINANZE Direzione generale della pianificazione urbanistica territoriale e della Vigilanza edilizia del 21/04/2008 OGGETTO: Verifica di conformità ai sensi dell art. 52 delle

Dettagli

QUADRO DI SINTESI DELLE NOVITA INTRODOTTE DALLA L.R. N. 3/2013 DI MODIFICA DELLA L.R. N. 16/2008 E S.M.

QUADRO DI SINTESI DELLE NOVITA INTRODOTTE DALLA L.R. N. 3/2013 DI MODIFICA DELLA L.R. N. 16/2008 E S.M. QUADRO DI SINTESI DELLE NOVITA INTRODOTTE DALLA L.R. N. 3/2013 DI MODIFICA DELLA L.R. N. 16/2008 E S.M. Con l approvazione della legge regionale 4 febbraio 2013, n. 3 (pubblicata sul B.U.R. n. 1, Parte

Dettagli

RELAZIONE CON L ILLUSTRAZIONE DEI CRITERI UTILIZZATI PER LA DEFINIZIONE DEI REGIMI TECNICO-FINAZIARI DEGLI INTERVENTI ( AMBITO A)) Indice.

RELAZIONE CON L ILLUSTRAZIONE DEI CRITERI UTILIZZATI PER LA DEFINIZIONE DEI REGIMI TECNICO-FINAZIARI DEGLI INTERVENTI ( AMBITO A)) Indice. RELAZIONE CON L ILLUSTRAZIONE DEI CRITERI UTILIZZATI PER LA DEFINIZIONE DEI REGIMI TECNICO-FINAZIARI DEGLI INTERVENTI ( AMBITO A)) Indice Premessa Contenuti del QTE Modalità di stima dei costi Premessa

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA ALLEGATO "A" D.C.C. n. /. del.... COMUNE DI TREVISO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE URBANISTICA SERVIZIO. 49 - PIANI E PROGETTI PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE AL P.R.G. N 55 Variante alle N.T.A.

Dettagli

RUE 2015 FAENZA. Incentivi urbanistici ed economici. Incontro del 4/05/2016. (analisi normativa ed esemplificazioni)

RUE 2015 FAENZA. Incentivi urbanistici ed economici. Incontro del 4/05/2016. (analisi normativa ed esemplificazioni) Incentivi urbanistici ed economici (analisi normativa ed esemplificazioni) RUE 2015 FAENZA Incontro del 4/05/2016 RUE 2015 - Unione della Romagna Faentina - Settore Territorio - Via Zanelli n. 4 - Faenza

Dettagli

COMUNE DI CANTU. Regolamento finalizzato all incentivazione economica degli interventi di abbattimento delle barriere architettoniche

COMUNE DI CANTU. Regolamento finalizzato all incentivazione economica degli interventi di abbattimento delle barriere architettoniche COMUNE DI CANTU Regolamento finalizzato all incentivazione economica degli interventi di abbattimento delle barriere architettoniche dicembre 2015 REGOLAMENTO FINALIZZATO ALL INCENTIVAZIONE ECONOMICA DEGLI

Dettagli

BENEFICIARE CONTRIBUTO PRESENTARE DOMANDA

BENEFICIARE CONTRIBUTO PRESENTARE DOMANDA Fonte: Bando regionale 2015 Modulo predisposto: Settore Territorio, Servizio Urbanistica Pianificazione e Gestione del Territorio - Corrado Franzosi tel. 0381 299 309 CHI BENEFICIARE CONTRIBUTO CHI PRESENTARE

Dettagli

Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale per attività a carattere permanente

Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale per attività a carattere permanente mod. perm. 04/14 Dipartimento Tutela Ambientale - Protezione Civile U.O. Tutela dagli Inquinamenti Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale per attività

Dettagli

MANUTENZIONE STRAORDINARIA

MANUTENZIONE STRAORDINARIA MANUTENZIONE STRAORDINARIA Al Dirigente del Servizio Edilizia Privata COMUNE DI CAGLIARI Diritti di segreteria 28,70 Da effettuarsi sul conto corrente postale n. 22599096 intestato a Comune di Cagliari

Dettagli

P I A N O D E L L A R I C O S T R U Z I O N E

P I A N O D E L L A R I C O S T R U Z I O N E comune di CAMPOSANTO P I A N O D E L L A R I C O S T R U Z I O N E Norme di specificazione per gli interventi di ricostruzione e/o delocalizzazione di edifici posti in territorio rurale vincolati dalla

Dettagli

Piano esecutivo Concessione onerosa Concessione convenzionata Concessione gratuita in base all articolo Altro

Piano esecutivo Concessione onerosa Concessione convenzionata Concessione gratuita in base all articolo Altro Domanda di Permesso di costruire BOLLO Prot. n. Spett. Comune di RANCO Piazza PARROCCHIALE n. 4 21020 - RANCO Li gg mese anno Il/la sottoscritto/a quale rappresentante legale dell impresa (ove necessario)

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data ottobre 2009 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

Agenzia delle Entrate: risoluzione 22/E del 2 aprile 2013

Agenzia delle Entrate: risoluzione 22/E del 2 aprile 2013 Agenzia delle Entrate: risoluzione 22/E del 2 aprile 2013 La risoluzione 22/E del 2 aprile 2013 dell Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti interpretativi sull applicabilità della detrazione alle spese

Dettagli