Consumo critico (cosa vogliamo comprare?)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Consumo critico (cosa vogliamo comprare?)"

Transcript

1 Consumo critico (cosa vogliamo comprare?) SELEZIONE DEI PRODOTTI Si privilegiano prodotti biologici con certificazione; i prodotti non-certificati sono ammessi solo per conoscenza diretta del produttore o dopo accurate visite per conoscerlo, e comunque all interno di un percorso concordato di supporto finanziario (tramite gli acquisti) che porti alla certificazione (entro tempi certi). Si analizza comunque caso per caso. Si vuole conoscere la provenienza dei prodotti o delle materie prime dei prodotti trasformati (ossia costituiti da più ingredienti messi insieme) chiedendola ai produttori. Si privilegiano prodotti equo-solidali, per quei prodotti non disponibili in Italia o per i trasformati contenenti materie prime importate (es. zucchero nelle marmellate). Molti prodotti equo-solidali sono bio! Si privilegiano prodotti coltivati o trasformati vicino a Roma (attenzione che un prodotto può essere stato trasformato vicino ma gli ingredienti provenire da lontano) Si privilegia l auto-produzione e poi la produzione artigianale rispetto a quella industriale. Si privilegiano prodotti senza imballaggi o con imballaggi completamente riciclabili, limitando l uso della plastica. Si privilegia la vendita diretta e non la rivendita attraverso intermediari. Si privilegia la massima trasparenza dei produttori relativamente ai metodi di coltivazione, di trasformazione, di struttura dell azienda, di lavoro. Siamo coscienti che potremmo distribuire dei prodotti che non soddisfano questi criteri, o ne soddisfano solo alcuni, ma è importante la conoscenza del prodotto e la consapevolezza di ciò che compriamo: così chi vorrà comprare potrà fare una scelta e sapere i pregi e i limiti di ciò che compra, magari trovando anche il modo di migliorarlo rivolgendosi direttamente ai produttori. Uno strumento per diffondere la conoscenza dei prodotti comprati saranno delle schede pubbliche dei produttori e dei singoli prodotti, a cura dei referenti o di chi voglia farne ricerca. PERIODICITA DEGLI ORDINI I prodotti deperibili (frutta, verdura, pane) vengono ordinati ogni settimana. I prodotti a più lunga conservazione vengono ordinati mensilmente o con cadenza anche più lunga. I tempi di periodicità devono comunque tener conto della disponibilità economica dei gasisti e della possibilità di immagazzinare i prodotti presso le proprie abitazioni. Si possono pensare a soluzioni comuni per ovviare a questi problemi (es. credito comunitario o immagazzinamento comunitario). I ritiri dei prodotti saranno su base mensile e non settimanale (es. secondo venerdì del mese, non ogni 4 settimane). Per questi prodotti si ordinerà la settimana prima del ritiro, a parte esigenze particolari.

2 Esempio: 1 venerdì: frutta e verdura, pane, olio e trasformati 2 venerdì: frutta e verdura, pane, farine 3 venerdì: frutta e verdura, pane, equo-solidali 4 venerdì: frutta e verdura, pane, pasta fresca COSA POSSIAMO COMPRARE E FORNITORI PROPOSTI Frutta e verdura: si propone Di Silvio, azienda a conduzione familiare biologica di Cisterna di Latina, che già lavora con i gas. E possibile ordinare a kg e il produttore prepara le cassette divise per gasista con l importo totale. Distribuisce anche alcuni prodotti non coltivati direttamente che non abbiamo intenzione di comprare. Fa pagare la consegna (10 euro) che effettua personalmente. Lo potete incontrare ogni sabato e domenica al mercato Coldiretti all ex-mercato del pesce vicino al Circo Massimo. Olio e trasformati: olio possibilmente locale da piccoli produttori anche non certificati ma conosciuti personalmente (si conosce un produttore-casalingo a Fonte Nuova-Mentana a 7 euro al litro); olio dalla Puglia (costo 6-7 euro al litro) dell azienda Bortone (Foggia) che produce anche prodotti bio in barattolo a prezzi interessanti (molte creme di verdure, pomodori secchi, capperi, origano, olive in salamoia); Bortone ha anche prodotti non certificati da distribuire solo dopo un chiarimento sul motivo della mancata certificazione. Equo solidale: si conosce la cooperativa Pangea-Niente Troppo vicino piazza Bologna che ha un servizio dedicato ai gas (ma non ha consegna, quindi bisogna andarli a prendere). Possibile alternativa servirsi presso la bottega di Monterotondo in cui io, Alfredo, faccio il volontario (così li porterei io i prodotti). Esiste una bottega a Testaccio? Pane: da provare a contattare qualche produttore dei mercati di terra-terra. Stefania conosce una persona che fa del pane molto buono con forno elettrico, forse verrà alla prossima riunione: sarebbe da privilegiare come auto-produzione o conoscendo bene la persona, e magari fornendogli le farine. Prodotti vegetariani (tofu, seitan, piatti pronti vegetariani): possibilità di rifornirsi, se c è interesse, da un gas che si occupa principalmente di questi prodotti marca Biolab (LasVeGas) Vino: vini locali biologici (ci sono vari produttori in zona dei Castelli, soprattutto per il bianco). Possibilità di comprare, se vi è interesse, vini piemontesi (barbera) senza solfiti (produttore Ferraro). Pasta: le paste locali bio tengono poco la cottura, si pensa alla cooperativa IrisBio che però essendo lontana (Cremona) presuppone ordini grandi e poco frequenti. La pasta IrisBio, oltre ad avere la filiera garantita (ossia si sa da dove viene il grano, dove lo macinano e dove viene trasformata) è di ottima qualità e prezzi modici. Farine: si può provare con Molino Conti, da indagare la provenienza dei cereali. Cereali, legumi: da confermare la possibilità di comprarli da un produttore locale non certificato (suggerisce Alessia), dopo accurata conoscenza del produttore stesso. Pomodori in scatola: IrisBio produce anche pomodori in scatola. Esistono fornitori locali?

3 Riviste: ad esempio Terre di Mezzo comprata da un venditore di strada, o altre che siano di interesse comune. Scarpe: Astorflex è un azienda di Treviso che produce scarpe a filiera locale, con metodi artigianali e rispettosi per l ambiente, e costi contenuti. Possibile acquisti di scarpe prodotte senza l uso di prodotti animali. Arance: con la Rete Gas Lazio in inverno vengono fatti degli ordini collettivi di arance bio dalla Calabria, potremmo partecipare. D Aloisio, un produttore bio dalla Basilicata (quindi ancora più vicino), ha prezzi buoni (circa 0,70 euro al chilo) e già consegna a diversi gas. Parmigiano: da trovarne uno bio, esempio Caseificio Santa Rita, o Persegona? Pasta fresca: c è un azienda (Wholefood?)che produce pasta fresca bio, da informarsi sulle modalità. Prodotti per pulizie: il gas Gasperix del centro sociale Spartaco ha un autoproduzione di detersivi, potremmo rifornirci da loro. In alternativa ci sono produttori che utilizzano prodotti meno inquinanti (es. Tea Natura) o anche detersivi-prodotti per la cura del corpo equo-solidali (es.talybe) Se qualcuno conosce altri fornitori o fornitori alternativi rispetto a quelli proposti, li proponga! Se qualcuno ha altre idee su che cosa distribuire attraverso il gas lo dica! Se volete proporvi come referenti di uno di questi produttori/tipologie di prodotto, fatelo!

4 Partecipazione (che risorse per far andare avanti il gas?) Il presupposto è che tutti devono fare qualcosa, per un gas in cui la giustizia e l uguaglianza siano in primo luogo presenti all interno. Aspettarsi una partecipazione spontanea non funziona in pratica, in quanto la partecipazione è il problema principale di tutti i gas esistenti (pochi fanno tutti, e gli altri non fanno niente senza alcun disagio secondo il modello della società delegativa a cui siamo stati abituati). ADESIONE AL GAS ORDINARIA Per poter ordinare con il gas bisogna partecipare ed aiutare, quindi bisogna assumere un compito o ruolo. I ruoli possono essere predefiniti o proposti dalla persona. Ci saranno un certo numero di ruoli richiesti tra cui la persona può scegliere, oppure può proporre all assemblea di fare qualcosa di originale per il gas. Se i ruoli sono tutti coperti, la persona viene messa in lista di attesa. Se dopo 6 mesi ancora non ha un ruolo, l assemblea decide chi deve sostituire per prendere necessariamente un ruolo, e il sostituito va in lista di attesa (anche è veramente molto poco probabile che non ci siano ruoli liberi!) I ruoli sono prestazioni di volontariato, quindi non saranno pagati, e non ci sarà rimborso spese per il tempo impiegato. E possibile un rimborso spese per carburante che verrà considerata come spesa di trasporto. ADESIONE AL GAS A PAGAMENTO Se una persona non può in alcun modo dedicare il proprio tempo al gas ma vuole comunque acquistare, può farlo entrando come membro pagante e pagare 5 euro per ogni ritiro al quale partecipa. Tale adesione è comunque da scoraggiare rispetto a quella normale. ASSOCIAZIONE AL GAS La richiesta di associazione deve pervenire al coordinatore che dirà di partecipare alla prossima assemblea. Durante l assemblea si conosce il nuovo socio e gli si propone un ruolo, o lo propone lui stesso. Dopo l assemblea, il gestore informatico abilita agli ordini il nuovo socio. In caso di indisponibilità a partecipare alla prossima assemblea, il socio può venire accettato temporaneamente come membro e sarà messo in lista di attesa per i ruoli. Deve però partecipare alla prossima assemblea dove sarà conosciuto e gli sarà assegnato un ruolo, altrimenti sarà disabilitato dagli ordini fino alla partecipazione alla prima assemblea utile. GRADUALITA Se il gas non ha abbastanza risorse per espandersi, non si espande. Se non ci sono abbastanza disponibilità per un attività, non la si fa. Se non c è un referente per un fornitore, non si adotta quel fornitore. All inizio è accettabile che una singola persona si occupi di più compiti, ma per un periodo limitato. Il Gas cresce secondo le sue forze, non basandosi solo sulle iniziative e lo sforzo personali. In questo modo l organizzazione è gestibile e nessuno è indispensabile (se qualcuno se ne va il gas non si ferma).

5 Organizzazione ritiri (come lo facciamo in pratica?) ADDETTO AL RITIRO Un gasista viene pagato per aprire la sede di Senzaconfine venerdì dalle 10 alle 20, riceverei prodotti, controllare e annotare che i prodotti arrivati coincidano con quanto ordinato e con le fatture, dividere i prodotti per gasista, accogliere i gasisti e raccogliere i soldi durante il ritiro (che potrebbe essere dalle 18 alle 20 di venerdì); sabato per aprire il posto dalle 10 alle 13, accogliere i gasisti e raccogliere i soldi durante il ritiro. Per l orario di ritiro, invece che venerdì e sabato viene proposto venerdì e domenica In questo caso i prodotti freschi sarebbero più a rischio di andare a male tra il venerdì quando arrivano e la domenica mattina, perché a Senzaconfine non c è refrigerazione. Nell assemblea allargata si svolgerà un breve sondaggio sugli orari di ritiro desiderati, sempre tenendo come punto fermo il fine settimana quando la sede è libera da altre attività. Questo gasista viene pagata 5 euro all ora (50 euro venerdì, 15 sabato, totale 65 euro a ritiro). Chiunque può svolgere questo servizio e venire pagato; si procede ad una lista delle persone disponibili e in ordine alfabetico si avvicendano i disponibili settimana dopo settimana. Se una persona non può fare un turno lo perde e il turno passa alla persona successiva. Le persone in questo turno si gestiscono autonomamente tramite apposta mailing-list (se serve nominando un responsabile). La persona che svolge questo servizio deve svolgerlo bene e nelle modalità che sono state decise dall assemblea: ha la responsabilità di quanto succede. Se accadono dei problemi non giustificati, l assemblea può decidere di non pagarlo e di espellerlo dalla lista dei disponibili. Si propone di poter avere due persone che fanno questo servizio nella stessa settimana, ossia che una persona lo faccia il venerdì e un altra il sabato. Questa soluzione sarebbe positiva per avere più disponibilità a svolgere il servizio, nel senso che sarebbe forse più facile trovare due persone per due giorni diversi piuttosto che una persona per due giorni consecutivi. Dall altro però introduce alcune complicazioni: la gestione dei turni sarebbe più complicata (per ogni persona disponibile il venerdì bisognerebbe trovare una disponibile il sabato, quindi ci vuole qualcuno che gestisca i turni); inoltre i dati da trattare in una settimana dovrebbero essere passati da una persona all altra tra il venerdì e il sabato e dovrebbero mantenere la coerenza, con possibili problemi che potrebbero scaturire da fraintendimenti rispetto alla soluzione che una sola persona si occupi dei dati di una settimana. Una decisione in tal senso sarebbe da valutare dopo aver capito quante persone potrebbero dare la propria disponibilità per venerdì e sabato e invece quante solo per venerdì o sabato. Gasisti futuri, quanti di voi sarebbero disponibili a fare dei turni (pagati) il venerdì (10-20) e il sabato (10-13)? Oppure quanti di voi solo il venerdì e solo il sabato? SPESE Le spese di un ordine vengono prima sommate insieme e poi divise tra i gasisti partecipanti all ordine stesso, proporzionalmente all importo dei prodotti arrivati. Le spese possono essere: spese di trasporto (compresi rimborsi spese per trasporti effettuati da gasisti), spese bancarie, spese per l addetto al ritiro. Dalla somma di tali spese viene detratta la quota addebitata ai gasisti a pagamento. Esempio: 5 gasisti a pagamento pagano 25 euro. Le spese ammontano a 65+2(bancarie)+20(trasporto)-25=62 euro, che vengono divise nella modalità descritta tra tutti i gasisti, ordinari e a pagamento.

6 A Senzaconfine (onlus che si occupa di diritti dei migranti e rifugiati, completamente gestita da volontari, che ci offre lo spazio) va un contributo di minimo 1 euro per gasista (ordinari e a pagamento) che può aumentare di volta in volta secondo la volontà del gasista. Speriamo che con tali soldi potremmo contribuire alla realizzazione ad esempio di un bagno nella sede, che è necessario sia per i volontari che per gli utenti che per noi del gas! Quindi i gasisti ordinari pagheranno: PRODOTTI + CONTRIBUTO SENZACONFINE + ALTRE SPESE PROPORZIONALI I gasisti a pagamento pagheranno: PRODOTTI + 5 EURO + CONTRIBUTO SENZACONFINE + ALTRE SPESE PROPORZIONALI In alternativa si può pensare ad una diversa divisione delle spese, ad esempio dividendola in maniera uguale rispetto a tutti quelli che partecipano a quel ritiro. E da evitare la divisione delle spese tra tutti quelli che sono associati al gas, in quanto ciò costituirebbe una sorta di quota di appartenenza al gas, come se fosse un club, e scoraggerebbe l adesione di persone volenterose ad aiutare ma che non acquisterebbero regolarmente. Le due alternative hanno pro e contro: - Metodo proporzionale: simile alle tasse, si basa sul principio che chi acquista di più ha maggiori possibilità economiche di contribuire alle spese, e i suoi prodotti impegnano più spazio e peso e quindi producono più spese. Inconveniente: chi acquisterà di più con il gas, quindi lo sosterrà di più, pagherà più spese. - Metodo a quote uguali: si basa sul principio che tutti pagano la stessa quota delle spese, per un discorso di uguaglianza. Inconveniente: chi compra poco (es. perché è una sola persona con un solo reddito) pagherà la stessa quota di una famiglia con più redditi, e percentualmente le spese incideranno molto di più sui suoi acquisti. Una buona soluzione è provare a vedere come va con il metodo proporzionale, e decidere in seguito se cambiarlo con il metodo a quote uguali. PAGAMENTI Al primo ritiro a cui il gasista partecipa si versa la caparra di 50 euro. Al ritiro successivo il gasista pagherà il totale del ritiro precedente. Se il gasista non partecipa al ritiro successivo, tale importo sarà messo a debito che il gasista parteciperà al prossimo ritiro a cui parteciperà. Non è consentito partecipare ad un ritiro e posticipare il pagamento dovuto, pagare di meno o di più rispetto a quanto dovuto. COME FUNZIONA PER I SOLDI I soldi vengono raccolti dall addetto al ritiro durante il ritiro. Potranno essere caparre (se è il primo ritiro), importo del ritiro precedente o debiti. Alla fine del ritiro i soldi vengono portati/ritirati dal cassiere che li deposita in banca. Per la banca da usare, siamo d accordo che la migliore sarebbe Banca Etica, ma sicuramente non sarebbe la più economica, soprattutto rispetto alle banche online. Per avere un idea di quanto spenderemmo con

7 Banca Etica, e per partire in tempi brevi, si consiglia di partire con un conto on-line a costi quasi-zero e di analizzare in un periodo determinato le operazioni effettuate, di modo da poter prospettare dei costi di passaggio a Banca Etica. Il cassiere deciderà in tal senso, anche secondo le proprie comodità. Senzaconfine offre anche, per un periodo iniziale, l uso del conto dell associazione previo accertamento della possibilità di queste operazione da parte dell associazione; il conto è comunque non-online. MANCATO RITIRO DEI PRODOTTI E possibile non ritirare i propri prodotti senza alcuna sanzione, ma i prodotti non ritirati (che diventano proprietà dell addetto al ritiro) dovranno essere comunque pagati. Conoscendoci si spera comunque che ci si dimentichi il meno possibile di ritirare i prodotti (es. essendo avvertiti della dimenticanza, o qualcuno potrebbe prenderli per conto del dimenticatario, ecc) CONTABILITA Il cassiere redige la contabilità con i dati forniti dall addetto al ritiro. Cioè controlla che i soldi contanti coincidano con la lista dei soldi ritirati; mette a debito gli eventuali soldi non entrati (questo è relativo agli importi del ritiro precedente). Calcola gli importi dovuti dai gasisti per l ordine corrente e li comunica al prossimo addetto al ritiro, compresi eventuali debiti. Paga i fornitori secondo quanto risulta in fattura, a meno di errori. SE C E QUALCHE ERRORE IN FATTURA Se viene fatturato qualche prodotto non richiesto o viene inviato qualche prodotto errato, la fattura non viene pagata fino alla correzione dell errore. L addetto al ritiro segnala l inconveniente al fornitore che è tenuto ad emettere una nuova fattura corretta e a venirsi a riprendere i prodotti errati, comunque non addebitandoli. I prodotti errati non vengono quindi distribuiti o consumati ma vengono conservati a disposizione del fornitore che li può venire a riprendere. Questo comportamento rigido è necessario per evitare che i fornitori se ne approfittano: noi vogliamo quello che ordiniamo e quello vogliamo pagare, errori dei fornitori sono a carico dei fornitori e non devono costituire un peso per il gas. SITO INTERNET Meglio un sito dedicato (il dominio costa circa 40 euro l anno). Le spese posso anticiparle io Alfredo e poi le dividiamo (es. tra 6 mesi tra tutti gli iscritti al gas, una tantum) Il sito offrirà tutta una serie di servizi (es. calendario dei ritiri, sistema di ordini online, schede dei produttori e dei prodotti, mailing-list, forum, istruzioni, domande più frequenti, presentazione del gas, pubblicità ad iniziative, eventuale blog, ecc. ecc.) Proposta di utilizzare un servizio gratuito: io Alfredo penso che un servizio gratuito ti mette dei paletti mentre uno a pagamento dà molta più liberta di gestione. Mi informerò sulla disponibilità di servizi gratuiti e sulla loro tipologia. Inoltre un dominio con il nome del gas offre molta più visibilità e facilità per i gasisti di ricordarsi il sito.

8 Organizzazione interna (come ce la vediamo tra di noi?) RUOLI Addetti al ritiro (a turno tra lista di disponibili, eventualmente un responsabile per l organizzazione interna alla lista) Cassiere, eventualmente un aiuto-cassiere Coordinatore/i Gestore informatico Temporizzatore degli ordini Referenti dei produttori (uno per produttore) Referente per la Rete Gas Lazio Responsabile della promozione esterna Responsabile eventi e cultura Se avete già un idea di cosa vorreste fare, proponetevi scegliendo un ruolo che vi interessi e che vi divertirà fare! Se avete un idea per un altro ruolo non segnato qui ma che ritenete utile ditelo! Io (Alfredo) mi propongo come gestore informatico e come coordinatore a scadenza (cioè quest ultimo solo per un tempo limitato, per far partire il gas, ma spero in collaborazione con un altro/altri coordinatore/i che prenderanno presto il mio posto) ADDETTI AL RITIRO Sono disponibili venerdì dalle 10 alle 20 e/o sabato dalle 10 alle 13. Non tutte le settimane ma a turno (quanto spesso dipende da quanti si renderanno disponibili). Vengono pagati (poco) per il loro servizio ma lo devono fare bene! CASSIERE Ogni settimana prende/si fa consegnare (??? è da decidere a seconda della disponibilità di chi lo fa) i soldi e li versa in banca. Fa tutte le attività descritte nel paragrafo CONTABILITA (leggi sopra), eventualmente con l aiuto di un altra persona (aiuto-cassiere). COORDINATORE/I Ha una visione d insieme di tutte le attività del gas, indirizza le persone e le attività, risolve i problemi smistandoli verso le persone responsabili, facilita l incontro e la comunicazione tra i gasisti. Indice l assemblea mensile, redige e diffonde il verbale. Informa chi vuole iscriversi ed è l interfaccia del gas per l esterno. GESTORE INFORMATICO Cura il funzionamento degli ordini (gestigas), il funzionamento e il contenuto del sito, facilita lo scambio di informazioni tra i componenti del gas, sovraintende e aiuta nell uso degli strumenti informatici. TEMPORIZZATORE DEGLI ORDINI Gestisce i tempi di ritiro e di consegna, aprendo gli ordini sul sistema di ordini on-line. Mantiene un calendario sul sito in cui ognuno può avere un idea delle tempistiche. REFERENTI DEI PRODUTTORI Sono l interfaccia tra il gas e i produttori. Estraggono l ordine dal sistema di ordini on-line e lo mandano al produttore. Curano eventuali problemi con la consegna (es. prodotti arrivati diversi da quelli ordinati,

9 fatture errate). Svolgono un attività critica di ricerca e selezione sul listino dei prodotti del proprio fornitore (non inseriscono tutto il listino senza ragioanre, ma solo quello che è coerente ai criteri di scelta dei prodotti, confrontando anche con altri prodotti disponibili da altri fornitori). Fanno ricerca per la creazione di schede dei prodotti e dei produttori, per la consapevolezza di ciò che acquistiamo. REFERENTE PER LA RETE GAS LAZIO La Rete Gas Lazio è un organizzazione informale di gas di Roma e provincia che si riunisce ogni terzo giovedì del mese alle 18,30 alla Città dell Altra Economia. Il referente assiste alle riunioni, si iscrive alla mailing-list e al sito e informa il gas di ciò che accade in quell ambito, occupandosi anche eventualmente di portare avanti alcune iniziative comuni. RESPONSABILE DELLA PROMOZIONE ESTERNA Fa conoscere il gas al di fuori del gas! Nel quartiere, su internet, dove vuole cerca di informare la gente sulla possibilità di aderire e su quello che facciamo. RESPONSABILE EVENTI E CULTURA Non distribuiamo solo prodotti, ma anche cultura. Questo gasista organizzerà eventi per coinvolgere i gasisti e tutta la popolazione, tra cui seminari, incontri, gite ai produttori, e qualsiasi altra iniziativa compresa la partecipazione ad eventi organizzati da altri. FUNZIONAMENTO ASSEMBLEE Le assemblee vengono indette dal coordinatore e sono mensili, con regolarità (es. terzo venerdì del mese alle 18). L assemblea ha un ordine del giorno che viene redatto e reso pubblico (prima dell assemblea) dal coordinatore. Ogni socio può proporre un punto da discutere al coordinatore, che verrà discusso con la priorità con cui è stato proposto. Eventuali altri punti non all ordine del giorno vengono discussi alla fine di tutti gli altri. All inizio dell assemblea (che inizia con la massima puntualità possibile) i soci si presentano. Durante l assemblea il coordinatore esamina i punti all ordine del giorno e regola i tempi e i modi della discussione (moderazione). Il coordinatore (oppure facciamo a turno?) redige un verbale dettagliato. Le decisioni vengono prese a maggioranza (ogni nucleo familiare conta un voto). L assemblea è aperta a tutti, anche a non-gasisti, ma solo i gasisti votano per le decisioni. L assemblea ha un orario di termine che il moderatore fa rispettare: eventuali punti non discussi vengono inseriti nell ordine del giorno della successiva assemblea in ordine di posizione. Dopo l assemblea sarebbe bello fare attività conviviali come cene o incontri! Bisogna decidere il momento migliore per le assemblee in modo da massimizzare la partecipazione. Es. durante il fine settimana (mattina o pomeriggio) oppure durante i giorni feriali in orario serale (es. alle 18). Si prevede un breve sondaggio nella prossima riunione allargata per decidere un giorno e orario che resti il più fisso possibile. NOME Bisogna dare un nome al gas, che ci dia un senso di appartenenza. Se avete qualche nome da proporre fatelo e ne discuteremo alla prossima assemblea allargata.

10 Io, Alfredo, propongo il nome Gas Antirazzista di Testaccio. Spesso i gas hanno nomi giocosi con la parola gas che possono essere molto simpatici, ma propongo un nome serio e sociale perché penso che oggi il razzismo sia veramente un emergenza: essere razzisti diventa sempre più normale e anche se nessuno si dichiara apertamente razzista i comportamenti tali vengono sempre più tollerati in maniera ipocrita. Io non sono razzista ma è una frase che si sente ripetere in giro. L associazione Senzaconfine si batte da tempo contro ogni forma di razzismo ed la loro disponibilità mi ha fatto pensare a questo nome. Inoltre ogni volta che qualcuno citerà il gas, o ne parlerà, o ne farà parte penserà all antirazzismo, e si ricorderà che bisogna lottare contro il razzismo ogni giorno.

11 Ciclo di vita di un ordine Consultando il calendario degli ordini il temporizzatore imposta il periodo d ordine su Gestigas. All apertura dell ordine i gasisti ordinano fino al giorno di chiusura. Alla fine del periodo d ordine, il referente estrae l ordine e lo invia al produttore. Il giovedì precedente al ritiro il gestore informatico consultando il calendario degli ordini unisce gli ordini dei diversi fornitori, crea l ordine globale (ordinato per produttore e gasista) e lo manda ai gasisti in mailing-list. Il venerdì del ritiro i prodotti arrivano a Senzaconfine dalle 10. L addetto al ritiro controlla che i prodotti arrivati coincidano con i prodotti nelle fatture e con quanto richiesto, segnando eventuali difformità nell ordine globale. Se il prodotto è stato richiesto ma non è arrivato segnerà 0 come quantità. Se il prodotto è a taglio/peso segnerà l effettiva quantità o importo arrivato. Se il prodotto è arrivato ma non è stato richiesto, oppure è arrivato di tipologia o quantità differente da quanto richiesto, lo segnerà nel foglio errori prodotti perché dovrà essere restituito; se tale prodotto è anche presente in fattura lo segnerà anche nel foglio errori fatture perché dovrà essere contestato l addebito. Se il prodotto richiesto è presente in fattura ma non è arrivato, lo segnerà nel foglio errori fatture perché dovrà essere contestato l addebito. Una volta fatti questi controlli ordinerà nel foglio i prodotti per gasista e dividerà materialmente i prodotti per gasista, facendo dei pacchi-mucchietti e mettendoci il nome del gasista vicino. Dalle 18 alle 20 di venerdì e dalle 10 alle 13 di sabato i gasisti ritirano i prodotti a loro nome e pagano all addetto al ritiro l importo segnato sull ordine globale precedente (con aggiornamento della donazione volontaria di senza confine) più eventuale debito o la caparra se è il loro primo ritiro. L addetto al ritiro segna gli importi riscossi sull ordine globale precedente, o le caparre sull ordine globale corrente. Alla fine del ritiro l addetto al ritiro consegna al cassiere i soldi raccolti e le fatture. Spedisce in mailing-list l ordine globale attuale e quello precedente. Il cassiere versa il denaro raccolto sul conto del gas. Aggiorna l ordine globale con l importo dei prodotti arrivati, le spese di spedizione, l eventuale quota, la donazione per senza confine, eventuali debiti e calcola il totale da pagare. Annota le caparre e debiti sullo stesso ordine globale. Spedisce i dati in mailing-list. I referenti contattano i fornitori per i problemi segnalati: segnalano prodotti non desiderati e quindi da far riprendere, e eventuali addebiti non dovuti in fattura richiedendone una nuova corretta. Il cassiera paga le fatture che non presentano problemi, aspettando notizie dai referenti per quelli che invece ne hanno. Durante il periodo di chiusura dell ordine, i referenti aggiornano eventualmente il listino.

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

donare&ricevere Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi!

donare&ricevere Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi! Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi! DONARE AL VOLONTARIATO Vantaggi e opportunità per imprese e persone!l attuale normativa, dopo l approvazione anche della legge Le Organizzazioni di

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

Lucca. Project contest 2015. Premio Giovanni Martinelli. XI concorso nazionale per nuovi autori di fumetto

Lucca. Project contest 2015. Premio Giovanni Martinelli. XI concorso nazionale per nuovi autori di fumetto art.1 Per favorire l inserimento di nuovi talenti nel panorama editoriale italiano, comics & Games, in collaborazione con edizioni BD, organizza il contest Premio Giovanni Martinelli, concorso per progetti

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade 15 it Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa Valida dal: 16/01/2015 Distribuzione: pubblica Indice 1 Scopo... 4 2 Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Semplice e Redditizio Per guadagnare denaro online

Semplice e Redditizio Per guadagnare denaro online Semplice e Redditizio Per guadagnare denaro online Aperto nel Mondo Intero! Supporto in Francese, Inglese, Italiano e Spagnolo. Ovunque tu sia, approfitta di questa eccezionale opportunità! copyright Support

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Regolamento delle fatture di acquisto. Esempio 1 pagamento con denaro contante:

Regolamento delle fatture di acquisto. Esempio 1 pagamento con denaro contante: Regolamento delle fatture di acquisto. Quando paghiamo una fattura di acquisto il nostro patrimonio netto non subisce variazione dal punto di vista quantitativo, ma solo qualitativo. Se paghiamo in contante

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee IL CONTESTO

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Sistema di certificazione del processo di Kimberley

Sistema di certificazione del processo di Kimberley Traduzione 1 Sistema di certificazione del processo di Kimberley Preambolo I partecipanti, riconoscendo che il commercio dei diamanti insanguinati è un grave problema internazionale, che può contribuire

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI MODELLO N. 15 (PARL. EUR.) Verbale delle operazioni dell ufficio elettorale di sezione per l elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all Italia ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI

Dettagli

PROTOCOLLO ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA MCP 2015

PROTOCOLLO ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA MCP 2015 Poschiavo, 14 febbraio 2014 PROTOCOLLO ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA MCP 2015 L assemblea generale ordinaria del 2015 si è svolta presso il ristorante La Tana del Grillo a Pedemonte, in data 31 gennaio

Dettagli

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale 1. Introduzione al backup Guida al backup Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi Con l aumentare dei rischi associati a virus, attacchi informatici e rotture hardware, implementare

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... Come accade per tutte quelle aziende che servono in ogni momento

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

NORME E CONDIZIONI PER L UTILIZZO DEL TELEPASS PER IL PAGAMENTO DEI PARCHEGGI

NORME E CONDIZIONI PER L UTILIZZO DEL TELEPASS PER IL PAGAMENTO DEI PARCHEGGI Norme e Condizioni per il Pagamento dei Parcheggi con il Telepass NORME E CONDIZIONI PER L UTILIZZO DEL TELEPASS PER IL PAGAMENTO DEI PARCHEGGI Art. 1 1.1 Le presenti norme e condizioni disciplinano l

Dettagli

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Divisione Studenti Servizi agli Studenti Divisione Studenti ISU BOCCONI Università Commerciale Luigi Bocconi Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Questo documento riassume le caratteristiche principali

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

FARE IN MODO EHE SI REALIZZI. Guida Allo Sviluppo Dei Progetti Di Club

FARE IN MODO EHE SI REALIZZI. Guida Allo Sviluppo Dei Progetti Di Club FARE IN MODO EHE SI REALIZZI Guida Allo Sviluppo Dei Progetti Di Club FARLO ACCADERE! I Lions clubs che organizzano progetti di servizio utili alla comunità hanno un impatto considerevole sulle persone

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. Termini d uso aggiuntivi di Business Catalyst Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. L uso dei Servizi Business Catalyst è soggetto

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Energia: come rateizzare una bolletta di conguaglio Mediaset: continua la battaglia per il recupero del credito residuo

Energia: come rateizzare una bolletta di conguaglio Mediaset: continua la battaglia per il recupero del credito residuo Coordinato da Valeria Lai Agenzia Adiconsum - anno XX - n. 23-2 maggio 2008 Stampato in proprio in maggio 2008 In questo numero: Energia: come rateizzare una bolletta di conguaglio Mediaset: continua la

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi:

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: 8. RIMBORSI E INDENNITA 1. Rimborso 1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: Per mancata effettuazione del viaggio

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

Codice IBAN: IT 52 H 07601 03200 001013078355

Codice IBAN: IT 52 H 07601 03200 001013078355 Pagamenti Per iscriversi a uno dei corsi di lingua italiana della Scuola Romit è necessario il pagamento della tassa di iscrizione di 50 euro più l importo equivalente al 20% del totale costo del corso,

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

Erogazione di altri benefici

Erogazione di altri benefici N. Operazione Esecutore Note/moduli/ attrezzature connessi alla borsa di studio borsa servizi 1 Mobilità Internazionale: Il bando di concorso per la borsa di studio prevede che l Azienda conceda integrazioni

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli