Contrastare i cambiamenti climatici in Europa: strumenti normativi e approcci volontari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Contrastare i cambiamenti climatici in Europa: strumenti normativi e approcci volontari"

Transcript

1 Contrastare i cambiamenti climatici in Europa: strumenti normativi e approcci volontari Roberto Raccanelli 10 giugno 2015 Corso di Ecologia e sostenibilità dei sistemi produttivi

2 Indice Tipologie di rendicontazione dei gas serra La rendicontazione obbligatoria dei gas serra: EU carbon cap and trade ETS La rendicontazione volontaria dei gas serra: Carbon labelling Inventari GHG aziendali La rendicontazione delle emissioni nella Pubblica Amministrazione: il PAES Page 2

3 Tipologie di rendicontazione dei gas serra Rendicontazione obbligatoria (Emissions Trading) Rendicontazione volontaria Driver: Direttiva 2003/87/CE e s.m.i. Chi: sono obbligate tutte le aziende europee appartenenti a particolari settori industriali ad elevate emissioni o con elevate potenze termiche installate Elementi principali: monitoraggio approfondito delle emissioni; integrazione della variabile carbon nella strategia aziendale (forte spinta all efficienza energetica) Tendenze future: aumento del numero di impianti inclusi nell ambito di applicazione della Direttiva e probabile aumento dei costi associati Driver: gestione del rischio carbon, richieste dei clienti, differenziazione del brand, riduzione consumi energetici Chi: in genere, aziende ad elevata esposizione del marchio Elementi principali: alta variabilità degli inventari a causa di diversi standard a disposizione (es. ISO14064); perimetro di rendicontazione variabile (a scelta dell azienda); forte diffusione nei settori low carbon (es. retailers, banche ecc.) Tendenze future: inclusione dei dati emissivi in iniziative volontarie ad alta visibilità (es. CDP, Bilancio di Sostenibilità, etichettatura prodotti) Page 3

4 La rendicontazione obbligatoria dei gas ad effetto serra

5 La rendicontazione obbligatoria dei gas serra: EU carbon cap and trade Un autorità centrale stabilisce un limite sulle emissioni che possono essere generate per una certa area. Le società devono comprare i permessi di emissione, che garantiscono un determinato numero di crediti di carbonio. Questi crediti rappresentano il permesso ad emettere un fissato livello di inquinamento. Per una data area, il numero totale di crediti non può essere superiore il limite di emissioni stabilito. È consentito alle imprese vendere o acquistare i permessi secondo la loro convenienza. Le aziende che hanno bisogno di un numero di quote di emissioni superiore, devono comprare dei crediti di carbonio dalle aziende che inquinano meno o dai broker dei crediti. Le imprese che devono sostenere costi di abbattimento delle emissioni più elevati hanno convenienza ad acquistare permessi (fino a che il loro costo marginale di abbattimento è maggiore del prezzo al quale sono offerti i permessi nel mercato), mentre le imprese che hanno costi di abbattimento più bassi hanno convenienza a vendere permessi in loro possesso (fino a che il costo marginale di abbattimento è inferiore al prezzo che possono realizzare nel mercato) o a risparmiarli per eventuali utilizzi futuri. Si ha così una domanda e una offerta di permessi di emissione e la nascita del relativo mercato. Page 5

6 EU carbon cap and trade: EU Emissions Trading Scheme (1/5) Lanciato all inizio del 2005, l EU Emissions Trading Scheme (EU ETS) è il primo sistema internazionale cap-and-trade utilizzato a livello aziendale per la riduzione delle emissioni di diossido di carbonio (CO 2 ) e altri gas serra. Introducendo un prezzo per ogni tonnellata di carbonio emesso, l EU ETS è un driver per gli investimenti in tecnologie low-carbon. Geograficamente, la diffusione dell EU ETS è aumentata con l allargamento della EU stessa, comprendendo i 27 Stati Membri; dall inizio del 2008, si sono aggiunte anche l Islanda, il Liechtenstein e la Norvegia. Copre circa il 45% delle emissioni dei gas serra dell Unione Europea. Considerando il settore industriale, l EU ETS attualmente è utilizzato in siti ad alto consumo di energia che si occupano ad esempio di generazione energetica, raffinazione, industria manifatturiera. Source: European Commission (2009) The EU Emissions Trading Scheme Page 6

7 EU carbon cap and trade: EU Emissions Trading Scheme (2/5) A ciascun impianto viene rilasciato un numero iniziale di quote di emissione determinato sulla base degli obiettivi di emissione definiti a livello nazionale. Le quote possono essere acquistate o vendute liberamente sul mercato. Le aziende che emettono meno della quota assegnata possono vendere le quote in eccesso al prezzo di mercato. Le aziende che invece hanno difficoltà nel rispettare i limiti che le sono stati imposti, possono scegliere tra diverse opzioni: 1. Adozione di misure per ridurre le proprie emissioni 2. Acquisto di quote extra 3. Acquisto di crediti CDM/JI sul mercato Questa flessibilità dovrebbe assicurare che le emissioni siano ridotte nel modo economicamente più efficiente. Source: The EU Emissions Trading System (EU ETS), European Union, gennaio 2013 Page 7

8 EU carbon cap and trade: EU Emissions Trading Scheme (3/5) Inizio della prima fase ETS Verifica dei dati storici per la terza fase Inizio della terza fase ETS Inizio della seconda fase ETS Inizio dell ETS nell aviazione Adozione UNFCCC Accordo di Marrakesh (CDM, JI) Direttiva Linking 2004/101/EC (CDM, JI) Direttiva 2008/101/EC (sull aviazione) Protocollo di Kyoto Direttiva 2003/87/EC Direttiva 2007/589/EC (Monitoring Guidelines) Direttiva 2009/29/EC (terza fase) Direttiva 2009/73/EC (new GHGs monitoring) Direttiva 2009/339/EC (Aviation monitoring) Page 8

9 EU carbon cap and trade: EU Emissions Trading Scheme (4/5) PRIMA FASE: Fase warm-up SECONDA FASE: Fase Kyoto TERZA FASE: Fase post-kyoto QUARTA FASE Copertura EU ETS si concentra su emissioni che possono essere misurate, comunicate e verificate con un elevato livello di precisione Sono state stabilite delle soglie per i cinque principali settori di inquinamento (settore energetico e per la produzione di calore e vapore, raffinazione del greggio, metallurgico, cartiario, edilizio); dal 2012 è compreso anche il settore dell aviazione Dal 2013, oltre alla CO 2, sono compresi nella normativa anche altri gas serra Allocazione Prima del 2012 l allocazione delle quote era gratuita Dal 2013 l allocazione delle quote può avvenire attraverso un asta Ogni Stato membro della UE deve stabilire un piano di allocazione delle quote di emissione, che è poi validato dall UE Source: COM(2009)630 Page 9

10 EU carbon cap and trade: EU Emissions Trading Scheme (5/5) Principali cambiamenti dal 2013: Dal 2013 la portata dell EU ETS è stata estesa ulteriormente, fino ad abbracciare gli impianti che si occupano della cattura, del trasporto e dello stoccaggio geologico di gas a effetto serra, le emissioni di CO 2 dell industria petrolchimica, dell ammoniaca e dell alluminio, le emissioni di protossido di azoto derivanti dalla produzione di acido nitrico, adipico e gliossilico e i perfluorocarburi emessi dal settore dell alluminio. Riduzione lineare del 1,74% prima del 2020 (questo significa che entro il 2020 le emissioni devono diminuire del 21% rispetto ai livelli del 2005) I governi hanno la possibilità di escludere dal sistema i piccoli impianti, a condizione che siano adottate misure fiscali o altre in grado di consentire una riduzione delle emissioni equivalente Nuove linee guida sul monitoraggio, rendicontazione e verifica delle emissioni Progressivamente si andrà verso un sistema di vendita all asta delle quote allocate: dal 2013 almeno il 50% delle quote allocate è stato comprato all asta, con l obiettivo di raggiungere il 100% nel Delle eccezioni possono essere fatte per specifiche industrie ad alta intensità energetica, nei casi in cui l acquisto di quote determinerebbe un danno alla loro competitività a livello internazionale (carbon leakage). Sources: European Commission The EU ETS is delivering emission cuts; European Commission (2009) The EU Emissions Trading Scheme Page 10

11 Prima Fase Periodo Direttiva Settori compresi Fase pilota secondo la direttiva 2003/87/CE Impianti ad alto tasso di emissioni nell industria della produzione di energia e calore e in taluni settori industriali ad alta intensità energetica: gli impianti di combustione, le raffinerie di petrolio, i forni da coke, gli impianti per la lavorazione del ferro e dell acciaio e l industria del cemento, del vetro, della calce, dei mattoni, della ceramica, della polpa per carta, della carta e del cartone Scopo specifico Preparare le aziende alla seconda fase Determinare il prezzo delle quote di emissioni Source: COM(2009)630 Page 11

12 Seconda Fase Periodo Direttiva Decisione europea del 18/07/2007 (secondo cui le quote di emissione sono allocate in base allo storico, calcolato sui dati della Prima Fase) Direttiva 2008/101/EC (sull aviazione) Settori compresi Dal 2012 l EU ETS comprende, oltre ai settori già compresi nella Prima Fase, anche le emissioni di CO 2 derivanti dal settore aereo Scopo specifico Applicazione del Protocollo di Kyoto Le allocazioni delle quote sono gratuite Sono incluse anche le emissioni di protossido di azoto derivanti dalla produzione di acido nitrico Dal 1 gennaio 2008 la copertura geografica dell EU ETS è stata ampliata oltre gli allora 27 Stati membri per comprendere anche l Islanda, il Liechtenstein e la Norvegia Dal 1 gennaio 2012 le compagnie aeree di ogni nazionalità devono coprire le emissioni prodotte dai voli da e verso l Unione europea e al suo interno Page 12

13 Terza Fase Periodo Direttiva Direttiva 2009/29/EC Settori compresi Scopo specifico Impianti per la cattura, del trasporto e dello stoccaggio geologico di gas a effetto serra, le emissioni di CO 2 dell industria petrolchimica, dell ammoniaca e dell alluminio, le emissioni di protossido di azoto derivanti dalla produzione di acido nitrico, adipico e gliossilico e i perfluorocarburi emessi dal settore dell alluminio I governi hanno la possibilità di escludere dal sistema i piccoli impianti, a condizione che siano adottate misure fiscali o altre in grado di consentire una riduzione delle emissioni equivalente Rinforzo del EU ETS per arrivare a una riduzione del 20% delle emissioni dei gas serra entro il 2020 (rispetto ai livelli del 1990) Dal 1 gennaio 2013 la copertura geografica dell EU ETS è stata ampliata anche alla Croazia Le quote allocate sono determinate in base a un benchmark europeo (basato sui settori) Page 13

14 EU ETS Risultati delle prime due fasi The cap on emissions in phase II of the EU ETS ( ) was some 6.5% lower than for phase one ( ) and was considered ambitious when it was set. However the economic crisis has radically altered the picture and since 2009 the EU ETS has experienced a growing surplus of allowances and international credits compared to emissions which has significantly weakened the carbon price signal. At the start of phase 3 the surplus stood at almost two billion allowances, double its level in early Without action, structural surplus will persist for most of phase III. Source: Page 14

15 EU ETS Gli sviluppi più recenti (2014) According to the European Union Registry, greenhouse gas emissions under the EU Emissions Trading System (EU ETS) decreased by around 4.5% in 2014, to 1,812 MtCO 2 eq, despite the growth signals in the EU economy following the crisis. Verified emissions from aviation activities in the European Economic Area (EEA) amounted to 54.9 MtCO 2 in 2014 (+2.8% compared to 2013). Taking action against structural surplus in the short-term in the long-term BACKLOADING MEASURE The Commission is postponing the auctioning of 900 million allowances until to allow demand to pick up. As a result, in 2014 the cumulative surplus in emission allowances dipped slightly, from around 2.1 billion to 2.07 billion. MARKET STABILITY RESERVE In May 2015, the European Parliament and the Council reached a political agreement to establish a Market Stability Reserve in 2018 to address the surplus of emission allowances and improve the EU ETS's resilience to shocks by adjusting the supply of allowances to be auctioned. Source: Page 15

16 EU ETS Riepilogo Page 16

17 EU ETS Riepilogo Introduce un meccanismo di contenimento delle emissioni regolato secondo le logiche di mercato Introduce un meccanismo di contenimento delle emissioni regolato secondo le logiche di mercato Obbliga le aziende emettitrici ad un monitoraggio estremamente preciso delle emissioni Ridotta efficacia a causa della sovrapposizione con gli effetti della crisi economica (surplus di quote) Costringe le società coinvolte a investire sul risparmio energetico o a pagare per delle quote di emissione extra Necessità di intervento a livello centrale per stabilire un cap più basso e obiettivi di riduzione più ambiziosi Pone le basi per istituire un mercato internazionale del carbonio esteso anche ai Paesi extra-europei Difficoltà nell accordare più Paesi per stabilire un assegnazione delle quote equilibrata e criteri di assegnazione omogenei Page 17

18 La rendicontazione volontaria dei gas ad effetto serra

19 La rendicontazione volontaria dei gas serra Page 19

20 La comunicazione volontaria delle emissioni Carbon Labelling Iniziative di disclosure COMUNICAZIONE VOLONTARIA Bilanci di Sostenibilità Altri statements Fonte: Ernst & Young 2013 Six Growing Trends in Corporate Sustainability Page 20

21 Comunicare le emissioni: il carbon labelling Attraverso il carbon labelling è possibile dare un messaggio immediato e facilmente comprensibile di un carbon footprint, cioè delle emissioni di GHG associate alla produzione, elaborazione, distribuzione e uso di un prodotto o servizio. Un esempio di carbon labelling: Pinta di latte scremato = 716 g CO 2 Pinta di latte intero = 916 g CO 2 La grande differenza è dovuta alla crema aggiunta al latte intero nel processo di produzione. Page 21

22 Perché redigere un inventario GHG? La redazione dell inventario è il primo passo per raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra, perché permette di: definire la baseline individuare le opportunità di riduzione definire un obiettivo di riduzione quantificare gli sforzi richiesti Miglioramento continuo pianificare le azioni necessarie per raggiungere l obiettivo Il punto iniziale per raggiungere gli obiettivi prefissati consiste in una definizione chiara ed accurata della baseline delle emissioni, definita attraverso un robusto inventario dei GHG. NON POSSIAMO RIDURRE QUELLO CHE NON POSSIAMO MISURARE Page 22

23 Gli standard di rendicontazione GHG Protocol Il GHG Protocol, sviluppato dal World Resources Institute (WRI) e dal World Business Council on Sustainable Development (WBCSD), definisce degli standard a livello internazionale per la misurazione, la gestione e la comunicazione delle emissioni di gas a effetto serra. Il GHG Protocol è stato, per anni, lo strumento più utilizzato da governi e imprese per comprendere, quantificare e gestire le proprie emissioni di gas a effetto serra. Lo standard ISO , il DEFRA (Department for Environment, Food and Rural Affairs), il Climate Change Registry e il Global Reporting Initiative (GRI) presentano approcci in molti aspetti simili a quelli del GHG Protocol. Esistono diversi standard redatti dal GHG Protocol: Corporate standard Project Accounting Protocol and Guidelines Corporate value chain accounting and reporting standard Product Life Cycle accounting and reporting standard Page 23

24 Gli standard di rendicontazione ISO Lo standard ISO14064 è riconosciuto a livello globale da organizzazioni, governi, implementatori di progetti di rendicontazione ed offsetting, in quanto fornisce un quadro metodologico chiaro per: quantificare monitorare riportare validare o verificare gli inventari di GHG. Fonte immagine: standard ISO Page 24

25 Gli standard di rendicontazione Altri standard: GRI Il GRI ha creato uno standard di reporting per le tematiche economiche, ambientali e sociali; su 79 indicatori, alcuni sono specifici per i GHG. Il primo standard è stato pubblicato nel Edizione attuale: GRI G4 (2013). È consigliabile verificare gli indicatori EN relativi ai GHG sulla base di principi e metodi riportati nel GHG Protocol e/o nello standard ISO Page 25

26 La costruzione di un inventario GHG Aspetti metodologici La progettazione e costruzione di un inventario delle emissioni GHG comprende le fasi evidenziate a lato, che vengono dettagliate nelle slide successive. ASPETTI METODOLOGICI: Scelta dello standard Definizione dei confini organizzativi Definizione dei confini operativi Classificazione delle emissioni Raccolta dati primitivi Scelta dei fattori di emissione Calcolo delle emissioni GHG Page 26

27 La costruzione di un inventario GHG Confini organizzativi e operativi Source: GHG Protocol Page 27

28 Sorgenti terze Sorgenti di proprietà La costruzione di un inventario GHG Classificazione delle emissioni (1/2) Secondo lo standard ISO , le emissioni devono essere classificate nelle seguenti categorie: Emissioni dirette di gas serra (Scopo 1) Emissioni indirette di gas serra da consumo energetico (Scopo 2) Altre emissioni indirette di gas serra (Scopo 3) TIPO DI EMISSIONE Scopo 1: Emissioni Dirette Sorgenti di combustione stazionarie e mobili Emissioni di processo e emissioni fuggitive Cambio d uso del suolo Scopo 2: Emissioni Indirette Elettricità, calore e vapore Scopo 3: Altre Emissioni Indirette Viaggi di lavoro Distribuzione a terzi Supply chain Uso del prodotto TIPICHE FONTI PER REPERIMENTO DATI Costi del combustibile Contatori e sistemi di monitoraggio in continuo Contatori Costi energetici Spese e agenzie di viaggio Questionari ai fornitori Report sui rifiuti Sondaggi ai clienti Page 28

29 La costruzione di un inventario GHG Classificazione delle emissioni (2/2) Page 29

30 La costruzione di un inventario GHG Dati primitivi, EFs e calcolo delle emissioni MISURA DATI PRIMARI SCELTA DEL FATTORE DI EMISSIONE SINGOLI DATI EMISSIVI CO 2 complessiva Esempio: Dato di attività x Fattore di emissione = Emissioni di CO 2 Diesel (litri) kg CO 2 /l CO 2 da diesel Gas (m3) kg CO 2 /m3 CO 2 da gas Elettricità (kwh) kg CO 2 /kwh CO 2 da elettricità CO 2 TOTALE AZIENDA Per calcolare le emissioni, si raccolgono i dati sulle attività che producono emissioni di gas serra. Questi dati sono quindi convertiti in emissioni di gas serra applicando un apposito fattore di emissione (calcolato o ricavato da letteratura). Page 30

31 La comunicazione volontaria delle emissioni Riepilogo Page 31

32 La comunicazione volontaria delle emissioni Riepilogo Fornisce una buona visibilità esterna alle aziende che integrano le tematiche di sostenibilità nel proprio business Crea un circolo virtuoso fra aziende concorrenti per avere un guadagno di immagine di fronte agli stakeholder (ad es. clienti, investitori) Permette all azienda di avere maggiore consapevolezza dei processi interni, monitorarne i relativi impatti ed efficientarne il funzionamento Rischio di ricadere in una comunicazione auto-promozionale e non rappresentativa dei reali impatti dell azienda sull ambiente (greenwashing) Difficoltà di reperimento dei dati di attività completi per costruire l inventario delle emissioni Confini spesso definiti in modo aleatorio e con differenze significative a parità di aziende confrontate Page 32

33 La rendicontazione delle emissioni nella Pubblica Amministrazione: i PAES

34 Il Patto dei Sindaci Che cos è? Il 29 Gennaio 2008, la Commissione Europea ha lanciato il Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors), un iniziativa volta a coinvolgere attivamente le città europee nel percorso verso la sostenibilità energetica ed ambientale Questa nuova iniziativa, su base volontaria, impegna le città europee a predisporre un Piano di azione per l energia sostenibile (PAES) con l obiettivo di ridurre di oltre il 20% le proprie emissioni di gas serra attraverso politiche e misure locali che aumentino il ricorso alle fonti di energia rinnovabile, che migliorino l efficienza energetica e attuino programmi ad hoc sul risparmio energetico e l uso razionale dell energia Il Patto dei Sindaci è considerato come un eccezionale modello di governance multilivello, in quanto unico movimento di questo genere che mobilizza gli attori locali e regionali ai fini del perseguimento degli obiettivi europei. Page 34

35 Il Patto dei Sindaci I firmatari le città in Europa che hanno aderito al Patto dei Sindaci 204 milioni gli abitanti coinvolti nell iniziativa i comuni firmatari in Italia (dati aggiornati a maggio 2015) Page 35

36 Il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Cos è un PAES Il Piano di azione per l energia sostenibile (PAES) è lo strumento con cui i Comuni definiscono azioni ed iniziative per ridurre l impatto energetico delle proprie strutture e di tutto il territorio comunale. Attraverso il PAES vengono determinate politiche e misure locali che aumentano il ricorso alle fonti di energia rinnovabile, che migliorano l efficienza energetica e attuano programmi ad hoc sul risparmio energetico e l uso razionale dell energia. Struttura di un PAES 1. Sintesi del PAES 2. Strategia generale (finalità, quadro attuale e visione per il futuro, aspetti organizzativi e finanziari) 3. Inventario di Base delle Emissioni e informazioni correlate 4. Azioni e misure pianificate per l intera durata del piano (2020): strategia a lungo termine, obiettivi e impegni sino al 2020 interventi a medio/breve termine Page 36

37 PAES Il processo 1 2 ATTIVAZIONE Commitment e firma del Patto Adattamento delle strutture amministrative della città Sviluppo del supporto degli stakeholders PIANIFICAZIONE Valutazione della situazione attuale Inventario delle emissioni Definizione della visione di lungo periodo Redazione del Piano Approvazione del Piano 4 MONITORAGGIO E REPORTING Monitoraggio Invio del report sull implementazione del Piano Review IMPLEMENTAZIONE Implementazione delle azioni inserite nel Piano 3 Page 37

38 PAES Inventario delle emissioni SETTORI DI CONSUMO ENERGETICO EDIFICI, ATTREZZATURE, IMPIANTI E INDUSTRIE Edifici, attrezzature/impianti comunali Edifici, attrezzature/impianti terziari (non comunali) Edifici residenziali Illuminazione pubblica comunale Industrie (escluse ETS) TRASPORTI Parco auto comunale Trasporti pubblici VETTORI ENERGETICI COMBUSTIBILI FOSSILI Gas naturale Gas liquido Diesel Benzina Gasolio agricolo ELETTRICITÁ EMISSIONI CO 2 (eq) Trasporti privati e commerciali Page 38

39 PAES Azioni di riduzione Inventario emissioni di CO 2 AZIONI DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI CO 2 >20% \ 3% 3,5% 3,5% 4% 6% Azione 1 Azione 2 Azione 3 Azione 4 Azione 5... Il ruolo delle amministrazioni comunali Esempi: Efficientamento energetico degli edifici di proprietà comunale Ammodernamento della rete di illuminazione pubblica Miglioramento della mobilità... Esempi: Il ruolo dei cittadini e delle imprese Riduzione dei consumi energetici degli edifici Utilizzo di fonti energetiche rinnovabili (fotovoltaico, eolico) su edifici privati Efficientamento degli impianti industriali Rinnovo del parco auto... Page 39

40 PAES Riepilogo Page 40

41 PAES Riepilogo Impegna l Amministrazione Pubblica a fissare un obiettivo territoriale di riduzione delle emissioni pubbliche e private Permette di coordinare i vari settori dell autorità locale (ambiente, urbanistica, trasporti, ecc.) per delineare una chiara struttura organizzativa per l implementazione del PAES stesso Implica lo sviluppo urbano della città in chiave energetica, con un miglioramento delle condizioni di vita della popolazione Necessità di un forte supporto politico in termini di risorse umane e finanziarie Complessità nella gestione del rapporto interno fra i gruppi di lavoro tecnici e i decisori politici Complessità nella gestione del rapporto esterno fra l autorità locale e i vari stakeholder (imprese locali, associazioni di categoria, enti territoriali, ) Page 41

42 Strumenti di rendicontazione delle emissioni Confronto Schema di riferimento Tipologia Soggetti coinvolti Maggiori vantaggi Svantaggi da colmare EU ETS Obbligatoria Industrie responsabili di elevate emissioni di gas serra Carbon labelling Volontaria Tutte le aziende private, specialmente in regime di mercato concorrenziale Impone un tetto di emissioni alle industrie più energivore Aumenta la sensibilità sul tema dell impatto ambientale nel ciclo di vita di un prodotto/servizio - Definizione del cap molto complessa - Surplus delle quote Rischio di greenwashing Inventario GHG Volontaria Tutte le aziende private interessate a monitorare i propri consumi energetici PAES Volontaria Amministrazione Pubblica locale (Comuni) Aiuta l azienda a monitorare e migliorare i propri processi Sfrutta l inventario delle emissioni come punto di partenza per definire un piano energetico territoriale Rischio di scarsa rappresentatività in mancanza di dati primari Disponibilità di risorse per l attuazione del piano Page 42

43 Domande?

GREEN TOOLS Armando Romaniello Direttore Marketing Industry Management e Certificazione di prodotto

GREEN TOOLS Armando Romaniello Direttore Marketing Industry Management e Certificazione di prodotto GREEN TOOLS Armando Romaniello Direttore Marketing Industry Management e Certificazione di prodotto Mantova, 25 novembre 2015 Consumatore e mercato globale: ogni giorno più esigenti - Sicurezza (conditio

Dettagli

Aziende e Ambiente: la crisi economica riduce le emissioni di gas serra

Aziende e Ambiente: la crisi economica riduce le emissioni di gas serra Comunicato Stampa Aziende e Ambiente: la crisi economica riduce le emissioni di gas serra Il report di EcoWay primo operatore italiano attivo nella gestione e nel trading della commodity CO 2 - sui dati

Dettagli

Carbon Footprint. A. Contin - Gestione Ambientale VII - 0

Carbon Footprint. A. Contin - Gestione Ambientale VII - 0 Carbon Footprint VII - 0 Gestione delle emissioni di gas serra Settore cogente Settore volontario VII - 1 L impronta climatica Carbon Footprint Carbon Footprint di di azienda azienda Carbon Footprint di

Dettagli

COVENANT CAPACITY. Michele Sansoni - Arpa Emilia-Romagna

COVENANT CAPACITY. Michele Sansoni - Arpa Emilia-Romagna COVENANT CAPACITY Capacity building of local governments to advance Local Climate and Energy Action from planning to action to monitoring COSTRUZIONE DI UN INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI Con il patrocinio

Dettagli

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) http://unfccc.int protocollo di Kyoto

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) http://unfccc.int protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Nel 1988 Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) gruppo intergovernativo indipendente, informa l opinione pubblica e i politici sui progressi della ricerca sul cambiamento

Dettagli

Conferenza finale Bologna, 15/12/2015

Conferenza finale Bologna, 15/12/2015 Conferenza finale Bologna, 15/12/2015 BoCaM Il contesto dal quale nasce il progetto Le iniziative pregresse Il percorso Kyoto meccanismi di mercato: il sistema ETS International Emissions Trading I paesi

Dettagli

Direttiva 2003/87/CE EMISSION TRADING. che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunità

Direttiva 2003/87/CE EMISSION TRADING. che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunità Direttiva 2003/87/CE EMISSION TRADING che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunità Il Protocollo di Kyoto: obiettivi per l Europa e per l Italia

Dettagli

Avv. CUOMO Nicola. Arch. QUINTAVALLE Lea. Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo

Avv. CUOMO Nicola. Arch. QUINTAVALLE Lea. Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo Sindaco Assessore all Urbanistica R.U.P. Energy Manager Coordinamento Avv. CUOMO Nicola Arch. D AURIA Alessio Arch. QUINTAVALLE Lea Arch. SCOGNAMIGLIO Antonella Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo Gruppo di

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Adesione al Patto dei Sindaci, Delibera di C.C. n. 8 del 2013 Allegato E Provincia di Livorno Struttura di Coordinamento del Patto dei Sindaci

Dettagli

CARBON FOOTPRINT ANALYSIS

CARBON FOOTPRINT ANALYSIS CARBON FOOTPRINT ANALYSIS PROFILO AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto Club e Ambiente Italia. Accreditata come ESCo (Energy Service Company), analizza

Dettagli

Metodologie e vantaggi. Ing. Matteo Locati Responsabile Servizi Sostenibilità Certiquality

Metodologie e vantaggi. Ing. Matteo Locati Responsabile Servizi Sostenibilità Certiquality GLI STRUMENTI VOLONTARI DI RENDICONTAZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS A EFFETTO SERRA (GHG) Lo standard ISO 14064 Metodologie e vantaggi Ing. Matteo Locati Responsabile Servizi Sostenibilità Certiquality VERSO

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria ALLEGATO A PAES Isola d Elba 1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria Il bilancio di energia è suddiviso per categoria di impiego e per tipo di fonte energetica. COMBUSTIBILI SOLIDI Sul

Dettagli

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change http://unfccc.int protocollo di Kyoto

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change http://unfccc.int protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Nel 1988 Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) gruppo intergovernativo indipendente, informa l opinione pubblica e i politici sui progressi della ricerca sul cambiamento

Dettagli

Emissions trading: funzionamento, aspetti normativi e contrattuali 22/04/2010

Emissions trading: funzionamento, aspetti normativi e contrattuali 22/04/2010 Emissions trading: funzionamento, aspetti normativi e contrattuali 22/04/2010 1 Quadro normativo di riferimento (i) Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici adottata a New York

Dettagli

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto Deliberazione n. 22/2011 DISCIPLINA DELL AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Aziende italiane: emissioni di CO 2 in forte calo nel 2013

Aziende italiane: emissioni di CO 2 in forte calo nel 2013 AZIENDE ED EMISSIONI DI C0 2 EcoWay - primo operatore italiano attivo nella gestione e nel trading dei certificati di CO 2 - presenta il Report emissioni 2013 1 di gas serra delle aziende italiane sottoposte

Dettagli

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Relazione illustrativa sul SEAP (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Il Parlamento Europeo nel dicembre 2008 ha approvato il pacchetto clima-energia volto a conseguire

Dettagli

Rischi e opportunità per il settore finanziario correlati all Emission Trading nell ambito del protocollo di Kyoto

Rischi e opportunità per il settore finanziario correlati all Emission Trading nell ambito del protocollo di Kyoto SUSTAINABILITY SERVICES Rischi e opportunità per il settore finanziario correlati all Emission Trading nell ambito del protocollo di Kyoto Massimiliano Rigo 24 ottobre 2006 ADVISORY 2006 KPMG Advisory

Dettagli

Progetto CARBOMARK. Ruolo delle imprese nel mercato volontario del carbonio

Progetto CARBOMARK. Ruolo delle imprese nel mercato volontario del carbonio Progetto Dr. Federico Balzan Divisione Ricerca & Sviluppo Asiago, 29 settembre 2010 COGENTE: La direttiva europea 2003/87/CE istituisce il sistema europeo di scambio delle quote di emissione dei gas-serra

Dettagli

Carbon Footprint di un organizzazione

Carbon Footprint di un organizzazione CHE COSA E LA CARBON FOOTPRINT? La Carbon Footprint misura il contributo che le attività umane producono sull effetto serra, espresso in tonnellate di biossido di carbonio equivalente (CO 2 eq). Il tema

Dettagli

SMART EXPO 2015: SMART PLANNING, SMART BUILDING, SMART CONNECTING. Fiera Milano 8 maggio 2014. L inventario delle emissioni di gas serra di Expo 2015

SMART EXPO 2015: SMART PLANNING, SMART BUILDING, SMART CONNECTING. Fiera Milano 8 maggio 2014. L inventario delle emissioni di gas serra di Expo 2015 SMART EXPO 2015: SMART PLANNING, SMART BUILDING, SMART CONNECTING Fiera Milano 8 maggio 2014 L inventario delle emissioni di gas serra di Expo 2015 Roberto Giacomelli, Climate Change and Sustainability

Dettagli

Il convenant of Mayors e le azioni locali per il clima: dalla pianificazione all attuazione Il mercato dei crediti volontari di CO2

Il convenant of Mayors e le azioni locali per il clima: dalla pianificazione all attuazione Il mercato dei crediti volontari di CO2 Il convenant of Mayors e le azioni locali per il clima: dalla pianificazione all attuazione Il mercato dei crediti volontari di CO2 25 settembre 2013 Kyoto meccanismi flessibili Il protocollo di Kyoto

Dettagli

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI 5.1 Aspetti organizzativi Il Comune di Bitonto ha aderito formalmente al Patto dei Sindaci, con apposita Deliberazione Consiliare il 20 marzo 2013, ed ha avviato le procedure

Dettagli

Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale

Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale Percorso di eccellenza in Energy Management Emission Trading: dal Protocollo di Kyoto verso Copenhagen Fabio Di Benedetto Castellanza,

Dettagli

BEI Baseline Emission Inventory Bilancio di energia e CO2

BEI Baseline Emission Inventory Bilancio di energia e CO2 Comune di Narni BEI Baseline Emission Inventory Bilancio di energia e CO2 Allegato I - Fattori di Emissione in ECORegion Elaborazione Fattori di Emissione in ECORegion confronto con le linee guida per

Dettagli

PARTNERSHIP LOCALE PER LA PROTEZIONE DEL CLIMA Guida all utilizzo del Greenhouse Gas Protocol Tool www.ghgprotocol.org

PARTNERSHIP LOCALE PER LA PROTEZIONE DEL CLIMA Guida all utilizzo del Greenhouse Gas Protocol Tool www.ghgprotocol.org PARTNERSHIP LOCALE PER LA PROTEZIONE DEL CLIMA Guida all utilizzo del Greenhouse Gas Protocol Tool www.ghgprotocol.org 1 Questo documento è stato realizzato nell ambito del progetto LIFE07ENV/IT/000357

Dettagli

IL PATTO DEI SINDACI: PERCORSO E STRUMENTI Impegni ed opportunità per una Comunità Locale Portoferraio 21 Marzo 2012. Giovanna Rossi, Roberto Bianco

IL PATTO DEI SINDACI: PERCORSO E STRUMENTI Impegni ed opportunità per una Comunità Locale Portoferraio 21 Marzo 2012. Giovanna Rossi, Roberto Bianco IL PATTO DEI SINDACI: PERCORSO E STRUMENTI Impegni ed opportunità per una Comunità Locale Portoferraio 21 Marzo 2012 Giovanna Rossi, Roberto Bianco 1 INDICE: 1. Il Piano clima: il contesto europeo 1. Il

Dettagli

Il protocollo di Kyoto

Il protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Il protocollo di Kyoto E' il primo tentativo globale di coordinamento delle politiche economiche di singoli stati sovrani. Il protocollo di Kyoto è lo storico accordo internazionale

Dettagli

Tematica Argomento Docente. Elementi di diritto ambientale: quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale legislativi inquadramento generale

Tematica Argomento Docente. Elementi di diritto ambientale: quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale legislativi inquadramento generale Tematica Argomento Docente Parte prima: Elementi di diritto ambientale: quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale Avv. Alessandra inquadramento generale Emissioni in atmosfera: quadro normativo

Dettagli

Comune di Conegliano WP 5.1.1. WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory - COMUNE DI CONEGLIANO. Programma Central Europe - Progetto MANERGY

Comune di Conegliano WP 5.1.1. WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory - COMUNE DI CONEGLIANO. Programma Central Europe - Progetto MANERGY Territorio Energia Ambiente Comune di Conegliano WP 5.1.1 BEI - Baseline Emission Inventory Programma Central Europe - Progetto MANERGY renewable energy sources WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory -

Dettagli

VERSO UNA SOCIETÀ A BASSA INTENSITÀ DI CARBONIO. I sistemi di inventario secondo lo standard ISO 14064. Bergamo, 06/03/2010 Dicembre 2012

VERSO UNA SOCIETÀ A BASSA INTENSITÀ DI CARBONIO. I sistemi di inventario secondo lo standard ISO 14064. Bergamo, 06/03/2010 Dicembre 2012 VERSO UNA SOCIETÀ A BASSA INTENSITÀ DI CARBONIO I sistemi di inventario secondo lo standard ISO 4064 Bergamo, 06/03/200 Dicembre 202 Italcementi è un produttore globale (5 al mondo) e la sostenibilità

Dettagli

Comune di Carbonera WP 5.1.1. WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory - COMUNE DI CARBONERA. Programma Central Europe - Progetto MANERGY

Comune di Carbonera WP 5.1.1. WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory - COMUNE DI CARBONERA. Programma Central Europe - Progetto MANERGY Territorio Energia Ambiente Comune di Carbonera WP 5.1.1 BEI - Baseline Emission Inventory Programma Central Europe - Progetto MANERGY renewable energy sources WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory -

Dettagli

Il Protocollo di Kyoto: la situazione italiana e le attività dell APAT

Il Protocollo di Kyoto: la situazione italiana e le attività dell APAT Seminario regionale informale su Kyoto e dintorni Bologna, 11 luglio 2005 Il Protocollo di Kyoto: la situazione italiana e le attività dell APAT Domenico Gaudioso Agenzia per la Protezione dell Ambiente

Dettagli

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE 1. PREMESSA Le trasformazioni economiche, politiche, sociali e ambientali che in questi ultimi decenni hanno investito, in modo

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE)

Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE) Febbraio 2014 n.b. il documento del PAES è in fase di valutazione da parte del CCR della Commissione Europea. 1 Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE) Comune di Latina -

Dettagli

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading I cambiamenti climatici. Alcuni dati Negli ultimi 100 anni le temperature media sono aumentate di

Dettagli

Allegato I Annex I METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA

Allegato I Annex I METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA COMUNE DI GIULIANOVA METHODOLOGY FOR THE DEFINITION OF THE BASELINE EMISSION INVENTORY OF THE MUNICIPALITY

Dettagli

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto La Commissione ha pubblicato a metà ottobre un documento dove, con un occhio al passato e uno al futuro, passando per il momento

Dettagli

Nel 2050, secondo l Ipcc (1999), il

Nel 2050, secondo l Ipcc (1999), il Effetto serra ad alta quota di Leonardo Massai* altri inquinanti dei trasporti aerei nazionali e internazionali. Inoltre, secondo quanto deciso dal comitato esecutivo per il Clean Development Mechanism

Dettagli

CARBON FOOTPRINT. Rapporto 2012

CARBON FOOTPRINT. Rapporto 2012 CARBON FOOTPRINT Rapporto 2012 2012 Energia elettrica 143 143 Metano 15.195 1.515 16.709 Gasolio 1.901 361 2.263 Climatizzazione - - Totale 17.096 143 1.876 19.115 Auto aziendali - NLT (Noleggio Lungo

Dettagli

L IMPRESA SOSTENIBILE Il valore della sostenibilità per il Made In

L IMPRESA SOSTENIBILE Il valore della sostenibilità per il Made In L IMPRESA SOSTENIBILE Il valore della sostenibilità per il Made In Francesca Rulli 25 marzo 2015 - Dossobuono di Villafranca (Vr) DALLA DECISIONE STRATEGICA ALLA PIANIFICAZIONE OPERATIVA L impresa SOSTENIBILE

Dettagli

I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair

I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair Edoardo Croci IEFE - Università Bocconi FUTURO SOSTENIBILE: AZIONI E STRUMENTI Conferenza programmatica DG Qualità dell ambiente

Dettagli

CONVEGNO/WORKSHOP. l PATTO dei SINDACI per le SMART CITIES

CONVEGNO/WORKSHOP. l PATTO dei SINDACI per le SMART CITIES CONVEGNO/WORKSHOP l PATTO dei SINDACI per le SMART CITIES 1 Il territorio Il Comune di Scandicci si estende su un territorio di 59,75 km 2. Il 29% del territorio è caratterizzato dalla presenza di aree

Dettagli

CONTATTI: LEZIONE 2 LEZIONE 2 costanti@uniroma3.it

CONTATTI: LEZIONE 2 LEZIONE 2 costanti@uniroma3.it CRESCITA ECONOMICA, COMMERCIO INTERNAZIONALE E AMBIENTE NATURALE: DINAMICHE E INTERAZIONI Valeria Costantini CONTATTI: LEZIONE 2 LEZIONE 2 costanti@uniroma3.it 1 CAMBIAMENTO CLIMATICO E PROTOCOLLO DI KYOTO

Dettagli

Carbon Footprint e riduzione delle Emissioni di CO2

Carbon Footprint e riduzione delle Emissioni di CO2 Carbon Footprint e riduzione delle Emissioni di CO2 Luca Leonardi, Climate Change Services Bureau Veritas Italia Spa ore 12.15 13.00 Sommario: Il carbon footprint Contabilizzazione delle emissioni di CO

Dettagli

STIMA DEI COSTI AGGREGATI PER L ITALIA DELL IMPEGNO 20-20-20

STIMA DEI COSTI AGGREGATI PER L ITALIA DELL IMPEGNO 20-20-20 STIMA DEI COSTI AGGREGATI PER L ITALIA DELL IMPEGNO 20-20-20 L analisi dei costi in relazione agli impegni previsti dalla decisione del Consiglio Europeo dell 8-9 marzo 2007 è stata effettuata sulla base

Dettagli

La Gestione del Carbon Footprint in ottica di Filiera L esperienza di PALM

La Gestione del Carbon Footprint in ottica di Filiera L esperienza di PALM Centro Studi Qualità Ambiente Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Università di Padova 049 8275536-9 www.cesqa.it Responsabile: Prof. Antonio Scipioni Relatore: Ing. Filippo Zuliani filippo.zuliani@unipd.it

Dettagli

INDICE DEI CONTENUTI

INDICE DEI CONTENUTI CARBON FOOTPRINT Rapporto 2013 15/04/2014 INDICE DEI CONTENUTI IN SINTESI... 3 RILEVANZA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO PER IL GRUPPO MONTEPASCHI... 5 GESTIONE IMMOBILIARE... 8 MOBILITA BUSINESS... 9 ACQUISTO

Dettagli

Regolamento Edilizio Comunale

Regolamento Edilizio Comunale COMUNE DI CALUSCO D ADDA Provincia di Bergamo Allegato Energetico al Regolamento Edilizio Comunale adottato con deliberazione consiliare n. approvato con deliberazione consiliare n. PREMESSA L Unione Europea,

Dettagli

La gestione del Carbon Footprint a livello di organizzazione: competitività di impresa nella low-carbon economy

La gestione del Carbon Footprint a livello di organizzazione: competitività di impresa nella low-carbon economy Centro Studi Qualità Ambiente Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Università degli Studi di Padova 049 8275536-9 www.cesqa.it cesqa@unipd.it Prof. Antonio Scipioni Ing. Alessandro Manzardo

Dettagli

Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente

Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente 05 Aprile 2013 Contenuti Carbon Footprint delle organizzazioni e di prodotto (ISO 14064 e PAS 2050/ISO 14067) Misurare l importa idrica

Dettagli

Roma 25.06.2013. L importanza dei Carbon Markets

Roma 25.06.2013. L importanza dei Carbon Markets Roma 25.06.2013 L importanza dei Carbon Markets Fine della prima fase di lancio delle energie rinnovabili Crescita selvaggia di impianti di produzione (overcapacity produttiva in Italia 30%; 40%) in gran

Dettagli

Gli standard ISO 14064 (Gas Serra) e ISO 50001 (Gestione energetica)

Gli standard ISO 14064 (Gas Serra) e ISO 50001 (Gestione energetica) Seminario Internazionale - EnSURE project Buone pratiche per l uso sostenibile dell energia 6-7 Marzo 2012 Padova Gli standard ISO 14064 (Gas Serra) e ISO 50001 (Gestione energetica) Ing. Alessandro Manzardo

Dettagli

ACQUA MINERALE SAN BENEDETTO S.P.A. Viale Kennedy, 65 30037 Scorzè (VE)

ACQUA MINERALE SAN BENEDETTO S.P.A. Viale Kennedy, 65 30037 Scorzè (VE) ACQUA MINERALE SAN BENEDETTO S.P.A. Viale Kennedy, 65 30037 Scorzè (VE) Progetto Pilota sulla Carbon Footprint nel settore dell imbottiagliamento dell acqua in Italia in collaborazione con il Ministero

Dettagli

Emission Trading Scheme (ETS) a livello locale

Emission Trading Scheme (ETS) a livello locale Emission Trading Scheme (ETS) a livello locale Tokyo Cap and Trade Program (TCTP) Progetto LAIKA Mid-term Conference Bologna, 3 Maggio 2012 Andrea Accorigi Dottorato IAPR andrea.accorigi@gmail.com 1 Indice

Dettagli

Cosa è il protocollo di Kyoto?

Cosa è il protocollo di Kyoto? Cosa è il protocollo di Kyoto? (in vigore dal 16 febbraio 2005) Paolo Baggio OBIETTIVO del protocollo Lottare contro i cambiamenti climatici con un'azione internazionale mirante a ridurre le emissioni

Dettagli

LA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

LA DESCRIZIONE DEL PROGETTO Estrapolato dal bilancio di sostenibilità 2013 IL PROGETTO CARBON FOOTPRINT LA DESCRIZIONE DEL PROGETTO La partecipazione al bando per l accesso al finanziamento (ai sensi del D.M. 468 del 19.05.2011)

Dettagli

Elena Cervasio LRQA Italy. La certificazione dell impronta di carbonio secondo la ISO 14067:2013 - il chiusino KIO

Elena Cervasio LRQA Italy. La certificazione dell impronta di carbonio secondo la ISO 14067:2013 - il chiusino KIO Elena Cervasio LRQA Italy La certificazione dell impronta di carbonio secondo la ISO 14067:2013 - il chiusino KIO Motivazioni e Milestone INNOVAZIONE E SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE 2 Scenario INNOVAZIONE E

Dettagli

La terra è un sistema a risorse finite

La terra è un sistema a risorse finite Energia: istruzioni per l uso Trento 13 dicembre 2005 Romano GIGLIOLI Professore ordinario di Sistemi Elettrici per l Energia UNIVERSITA DI PISA La terra è un sistema a risorse finite Per raggiungere l

Dettagli

Carbon Neutrality Federchimica Workshop 2015

Carbon Neutrality Federchimica Workshop 2015 Carbon Neutrality Federchimica Workshop 2015 Andrea Ronchi Business Development Manager Milano, 6 Maggio 2015 www.ecoway.it Member of: EcoWay S.p.a. L Azienda Anno di costituzione: 2003 Prima società italiana

Dettagli

CARBON FOOTPRINT. Rapporto 2014

CARBON FOOTPRINT. Rapporto 2014 CARBON FOOTPRINT Rapporto 2014 24/03/2015 INDICE DEI CONTENUTI IN SINTESI... 3 RILEVANZA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO PER IL GRUPPO MONTEPASCHI... 5 GESTIONE IMMOBILIARE... 8 MOBILITÀ BUSINESS... 9 ACQUISTO

Dettagli

il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare il Comune di Bastia Umbra

il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare il Comune di Bastia Umbra ACCORDO VOLONTARIO tra il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e il Comune di Bastia Umbra (di seguito denominate Parti Firmatarie ) in materia di Promozione di progetti comuni

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

L Azienda. Corporate Climate Responsibilty Obiettivi, Costi e Benefici. Fatturato: 2010: 120 Mio 2011: 135 Mio 2012: 27 Mio 2013: 300 Mio.

L Azienda. Corporate Climate Responsibilty Obiettivi, Costi e Benefici. Fatturato: 2010: 120 Mio 2011: 135 Mio 2012: 27 Mio 2013: 300 Mio. Corporate Climate Responsibilty Obiettivi, Costi e Benefici Andrea Ronchi Business Development Manager Torino, 4 Dicembre 2013 www.ecoway.it Member of: EcoWay L Azienda Anno di costituzione: 2003 Prima

Dettagli

Sfida del clima e crisi energetica Il ruolo degli Enti Locali. Giuseppe Gamba - Presidente AzzeroCO2

Sfida del clima e crisi energetica Il ruolo degli Enti Locali. Giuseppe Gamba - Presidente AzzeroCO2 Sfida del clima e crisi energetica Il ruolo degli Enti Locali Giuseppe Gamba - Presidente AzzeroCO2 Il livello locale Dimensione su cui incide l azione del Governo Locale e dei cittadini La dimensione

Dettagli

Il Patto dei Sindaci

Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci è la principale iniziativa europea che unisce le autorità locali e regionali in un impegno comune per contribuire (raggiungendoli e superandoli)

Dettagli

STIMA DELLE EMISSIONI DI CO 2 DELLE UNIVERSITA : IL CASO DEL POLITECNICO DI MILANO CAMPUS CITTÀ STUDI

STIMA DELLE EMISSIONI DI CO 2 DELLE UNIVERSITA : IL CASO DEL POLITECNICO DI MILANO CAMPUS CITTÀ STUDI POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria Civile, Ambientale e Territoriale Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio STIMA DELLE EMISSIONI DI CO 2 DELLE UNIVERSITA :

Dettagli

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Introduzione Nome dell ente Comune di Padova, Italia Logo del

Dettagli

L applicazione della direttiva sull emission trading

L applicazione della direttiva sull emission trading L applicazione della direttiva sull emission trading FIRE Il mercato dell efficienza energetica: opportunità legate all incontro fra gli attori 19-20 ottobre 2006 Isola di S. Servolo Venezia Mario Contaldi

Dettagli

Piani Clima Il progetto della Regione Emilia-Romagna. Piani Clima - Il progetto della Regione Emilia- Romagna

Piani Clima Il progetto della Regione Emilia-Romagna. Piani Clima - Il progetto della Regione Emilia- Romagna Piani Clima Il progetto della Regione Emilia-Romagna 21 marzo 2013 Dott. Le emissioni di CO 2 in aree urbane Le città utilizzano circa il 75% dell energia consumata in Europa, generando l 80% di emissioni

Dettagli

ALLEGATO ENERGETICO. Regolamento Edilizio Comunale

ALLEGATO ENERGETICO. Regolamento Edilizio Comunale COMUNE DI CASTEL ROZZONE Provincia di Bergamo ALLEGATO ENERGETICO AL Regolamento Edilizio Comunale adottato con deliberazione consiliare n. 3 in data 12.04.2012 PREMESSA L Unione Europea, individuando

Dettagli

Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED

Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED EQUITA SOCIALE Introduzione La Carbon Footprint misura

Dettagli

Progetto CARBOMARK Il ruolo delle aziende interessate all acquisto delle quote di CO2

Progetto CARBOMARK Il ruolo delle aziende interessate all acquisto delle quote di CO2 Progetto Il ruolo delle aziende interessate all acquisto delle quote di CO2 Dr. Federico Balzan Divisione Ricerca & Sviluppo Castellavazzo, 6 luglio 2010 La certificazione volontaria dei sistemi di gestione

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore

Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore Martedi, 9 Giugno - 2015 Emanuele Cosenza SOGESCA Srl e.cosenza@sogesca.it ARGOMENTI Progetto 50000and1SEAPs

Dettagli

Leonardo Setti Docente Università di Bologna Facoltà di chimica industriale

Leonardo Setti Docente Università di Bologna Facoltà di chimica industriale Leonardo Setti Docente Università di Bologna Facoltà di chimica industriale Gli Enti Locali e la transizione energetica verso l Europa del 2050 Fonti Energetiche e sviluppo sostenibile Imola, 10 novembre

Dettagli

Presentazione del software

Presentazione del software Presentazione del software Giuseppe Maffeis, Daniele Roncolato, Roberta Gianfreda, Giorgio Fedeli via M. Gioia 132, 20125 Milano tel: 02.8708.5650, fax: 02.9737.6569 Sito: www.co20.it, E-mail: co20@terraria.com

Dettagli

Il Protocollo di Kyoto: origini, stato dell arte e prospettive

Il Protocollo di Kyoto: origini, stato dell arte e prospettive Il Protocollo di Kyoto: origini, stato dell arte e prospettive Castellavazzo 06/07/2010 Elena Dalla Valle Tommaso Anfodillo INQUADRAMENTO GENERALE I Conferenza mondiale sul Clima Ginevra Protocollo di

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali ALLEGATO C PAES Rosignano M.mo 1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali PRODOTTI PETROLIFERI Settore Civile: I consumi dei prodotti petroliferi in ambito civile vengono calcolati sommando

Dettagli

Obiettivi e Strumenti

Obiettivi e Strumenti Libro verde sul quadro al 2030 per le politiche energetiche e climatiche Consultazione pubblica del Ministero dello Sviluppo Economico Risposte Confindustria Confindustria considera il tema affrontato

Dettagli

Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia

Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia Lo strumento conoscitivo a misura di Patto dei Sindaci Diamo valore al Clima: Efficienza, Sostenibilità, Competitività Stefania

Dettagli

La gestione del Carbon Footprint di Prodotto: il processo di normazione ISO 14067

La gestione del Carbon Footprint di Prodotto: il processo di normazione ISO 14067 Centro Studi Qualità Ambiente c/o Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Università di Padova tel +39 049 8275539 www.cesqa.it cesqa@unipd.it Ing. Alessandro Manzardo alessandro.manzardo@unipd.it

Dettagli

Il protocollo di Kyoto: azioni di mitigazione e scenari futuri globali

Il protocollo di Kyoto: azioni di mitigazione e scenari futuri globali Area Previsione e Monitoraggio Ambientale Torino 21-9-2006 2006 Il protocollo di Kyoto: azioni di mitigazione e scenari futuri globali Corso-Laboratorio Educazione Ambientale Modulo Il Cambiamento Climatico

Dettagli

L UNIONE EUROPEA ED IL CAMBIAMENTO CLIMATICO

L UNIONE EUROPEA ED IL CAMBIAMENTO CLIMATICO L UNIONE EUROPEA ED IL CAMBIAMENTO CLIMATICO Siena, 10 maggio 2011 Le fasi della lotta al global warming 2 La definizione degli strumenti per l applicazione del protocollo di Kyoto Il varo del sistema

Dettagli

Emissions Trading Manager, Buzzi Unicem. Casale, 11 marzo 2008

Emissions Trading Manager, Buzzi Unicem. Casale, 11 marzo 2008 Effetto serra e cambiamenti climatici Il ruolo dell industria d i italiana Paolo Zelano, Emissions Trading Manager, Buzzi Unicem Casale, 11 marzo 2008 Effetto serra il meccanismo I gas responsabili dell'effetto

Dettagli

Ing. Francesco Bazzoffi

Ing. Francesco Bazzoffi IL MERCATO DELLE EMISSIONI DI CO 2 IN ITALIA E LE POSSIBILITÀ OFFERTE DAI MECCANISMI FLESSIBILI DEL PROTOCOLLO DI KYOTO Ing. Francesco Bazzoffi Firenze, 27 ottobre 2009 1 Il Progetto SETatWork (Sustainable

Dettagli

Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia

Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia Piano Lombardia Sostenibile Lombardia : una Regione ad alta efficienza energetica e a bassa intensità di Dino De Simone Diamo valore

Dettagli

I SEMINARIO ANALISI DELLO STATO ATTUALE: LA BASELINE REVIEW

I SEMINARIO ANALISI DELLO STATO ATTUALE: LA BASELINE REVIEW Sviluppo di capacità di gestione integrata per un azione locale efficace nella lotta ai cambiamenti climatici I SEMINARIO ANALISI DELLO STATO ATTUALE: LA BASELINE REVIEW Ambiente Italia Milano - 4 Febbraio

Dettagli

La sostenibilità negli atenei: il contesto internazionale e un caso italiano. Sottotitolo: imparare facendo, educare dando il buon esempio.

La sostenibilità negli atenei: il contesto internazionale e un caso italiano. Sottotitolo: imparare facendo, educare dando il buon esempio. La sostenibilità negli atenei: il contesto internazionale e un caso italiano Sottotitolo: imparare facendo, educare dando il buon esempio. Educare alla sostenibilità - San Michele All'Adige, 27 ottobre

Dettagli

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico

La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico La contabilità delle emissioni gas serra comunali: Approccio metodologico 4 febbraio 2009 Contabilità delle emissioni comunali Il progetto è nato dalla collaborazione di CISA con ENEA. Enea ha messo a

Dettagli

L esperienza del Comune di Reggio Emilia

L esperienza del Comune di Reggio Emilia Convegno di presentazione IL PATTO DEI SINDACI PER I COMUNI DELL UNIONE VAL D ENZA L esperienza del Comune di Reggio Emilia Montecchio, 16 febbraio 2013 I firmatari del Patto si impegnano a ridurre di

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO COMUNALE

BILANCIO ENERGETICO COMUNALE BILANCIO ENERGETICO COMUNALE Comune di: CAVAZZO CARNICO Anno di riferimento del bilancio energetico: 2013 Popolazione: 1.091 ab. (al 31/12/2013) 1 Superficie comunale: 39,44 kmq Densità abitativa: 27,7

Dettagli

L'attuazione di politiche ambientali ed il monitoraggio dei processi in un grande gruppo industriale

L'attuazione di politiche ambientali ed il monitoraggio dei processi in un grande gruppo industriale L'attuazione di politiche ambientali ed il monitoraggio dei processi in un grande gruppo industriale Simone Cencetti Environment, Health and Safety Fiat Group Automobiles 20 Novembre, 2010 Il Gruppo Fiat

Dettagli

Il PAES di Castellana Sicula (Pa) Giuseppe Riotto

Il PAES di Castellana Sicula (Pa) Giuseppe Riotto Moduli di sviluppo delle competenze CAMBIAMENTI CLIMATICI E SVILUPPO SOSTENIBILE IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI 14 15 16 17 ottobre 2013 Messina Il PAES di Castellana Sicula (Pa) Giuseppe Riotto Castellana

Dettagli

Progetti per l efficienza energetica e meccanismi di incentivazione

Progetti per l efficienza energetica e meccanismi di incentivazione Progetti per l efficienza energetica e meccanismi di incentivazione A. D Orazio 15 maggio 2008 IEFE - UNIVERSITÀ COMMERCIALE LUIGI BOCCONI Struttura intervento Consumi energetici e cambiamento climatico

Dettagli

2 a Conferenza Nazionale su Chimica e Energia

2 a Conferenza Nazionale su Chimica e Energia 2 a Conferenza Nazionale su Chimica e Energia EU-ETS: Le esperienze nelle transazioni come incentivo finanziario per l industria chimica 11 Ottobre 2011, Federchimica Guido Busato, Managing Director P.

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

LA PARROCCHIA SOGGETTO DI RESPONSABILITÀ PER IL CREATO

LA PARROCCHIA SOGGETTO DI RESPONSABILITÀ PER IL CREATO Claudio G. Ferrari - Presidente Esco Italia SpA - ferrari@escoitalia.eu ESCO ITALIA SPA Seminario di studio LA PARROCCHIA SOGGETTO DI RESPONSABILITÀ PER IL CREATO Roma, 3 marzo 2007 I PROBLEMI NON POSSONO

Dettagli

La sostenibilità è un valore prioritario.

La sostenibilità è un valore prioritario. La sostenibilità è un valore prioritario. EMISSIONI DI GAS SERRA E PREVENZIONE DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI - Il cambiamento climatico - Il contesto globale e gli accordi internazionali - Lo schema europeo

Dettagli