Contrastare i cambiamenti climatici in Europa: strumenti normativi e approcci volontari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Contrastare i cambiamenti climatici in Europa: strumenti normativi e approcci volontari"

Transcript

1 Contrastare i cambiamenti climatici in Europa: strumenti normativi e approcci volontari Roberto Raccanelli 10 giugno 2015 Corso di Ecologia e sostenibilità dei sistemi produttivi

2 Indice Tipologie di rendicontazione dei gas serra La rendicontazione obbligatoria dei gas serra: EU carbon cap and trade ETS La rendicontazione volontaria dei gas serra: Carbon labelling Inventari GHG aziendali La rendicontazione delle emissioni nella Pubblica Amministrazione: il PAES Page 2

3 Tipologie di rendicontazione dei gas serra Rendicontazione obbligatoria (Emissions Trading) Rendicontazione volontaria Driver: Direttiva 2003/87/CE e s.m.i. Chi: sono obbligate tutte le aziende europee appartenenti a particolari settori industriali ad elevate emissioni o con elevate potenze termiche installate Elementi principali: monitoraggio approfondito delle emissioni; integrazione della variabile carbon nella strategia aziendale (forte spinta all efficienza energetica) Tendenze future: aumento del numero di impianti inclusi nell ambito di applicazione della Direttiva e probabile aumento dei costi associati Driver: gestione del rischio carbon, richieste dei clienti, differenziazione del brand, riduzione consumi energetici Chi: in genere, aziende ad elevata esposizione del marchio Elementi principali: alta variabilità degli inventari a causa di diversi standard a disposizione (es. ISO14064); perimetro di rendicontazione variabile (a scelta dell azienda); forte diffusione nei settori low carbon (es. retailers, banche ecc.) Tendenze future: inclusione dei dati emissivi in iniziative volontarie ad alta visibilità (es. CDP, Bilancio di Sostenibilità, etichettatura prodotti) Page 3

4 La rendicontazione obbligatoria dei gas ad effetto serra

5 La rendicontazione obbligatoria dei gas serra: EU carbon cap and trade Un autorità centrale stabilisce un limite sulle emissioni che possono essere generate per una certa area. Le società devono comprare i permessi di emissione, che garantiscono un determinato numero di crediti di carbonio. Questi crediti rappresentano il permesso ad emettere un fissato livello di inquinamento. Per una data area, il numero totale di crediti non può essere superiore il limite di emissioni stabilito. È consentito alle imprese vendere o acquistare i permessi secondo la loro convenienza. Le aziende che hanno bisogno di un numero di quote di emissioni superiore, devono comprare dei crediti di carbonio dalle aziende che inquinano meno o dai broker dei crediti. Le imprese che devono sostenere costi di abbattimento delle emissioni più elevati hanno convenienza ad acquistare permessi (fino a che il loro costo marginale di abbattimento è maggiore del prezzo al quale sono offerti i permessi nel mercato), mentre le imprese che hanno costi di abbattimento più bassi hanno convenienza a vendere permessi in loro possesso (fino a che il costo marginale di abbattimento è inferiore al prezzo che possono realizzare nel mercato) o a risparmiarli per eventuali utilizzi futuri. Si ha così una domanda e una offerta di permessi di emissione e la nascita del relativo mercato. Page 5

6 EU carbon cap and trade: EU Emissions Trading Scheme (1/5) Lanciato all inizio del 2005, l EU Emissions Trading Scheme (EU ETS) è il primo sistema internazionale cap-and-trade utilizzato a livello aziendale per la riduzione delle emissioni di diossido di carbonio (CO 2 ) e altri gas serra. Introducendo un prezzo per ogni tonnellata di carbonio emesso, l EU ETS è un driver per gli investimenti in tecnologie low-carbon. Geograficamente, la diffusione dell EU ETS è aumentata con l allargamento della EU stessa, comprendendo i 27 Stati Membri; dall inizio del 2008, si sono aggiunte anche l Islanda, il Liechtenstein e la Norvegia. Copre circa il 45% delle emissioni dei gas serra dell Unione Europea. Considerando il settore industriale, l EU ETS attualmente è utilizzato in siti ad alto consumo di energia che si occupano ad esempio di generazione energetica, raffinazione, industria manifatturiera. Source: European Commission (2009) The EU Emissions Trading Scheme Page 6

7 EU carbon cap and trade: EU Emissions Trading Scheme (2/5) A ciascun impianto viene rilasciato un numero iniziale di quote di emissione determinato sulla base degli obiettivi di emissione definiti a livello nazionale. Le quote possono essere acquistate o vendute liberamente sul mercato. Le aziende che emettono meno della quota assegnata possono vendere le quote in eccesso al prezzo di mercato. Le aziende che invece hanno difficoltà nel rispettare i limiti che le sono stati imposti, possono scegliere tra diverse opzioni: 1. Adozione di misure per ridurre le proprie emissioni 2. Acquisto di quote extra 3. Acquisto di crediti CDM/JI sul mercato Questa flessibilità dovrebbe assicurare che le emissioni siano ridotte nel modo economicamente più efficiente. Source: The EU Emissions Trading System (EU ETS), European Union, gennaio 2013 Page 7

8 EU carbon cap and trade: EU Emissions Trading Scheme (3/5) Inizio della prima fase ETS Verifica dei dati storici per la terza fase Inizio della terza fase ETS Inizio della seconda fase ETS Inizio dell ETS nell aviazione Adozione UNFCCC Accordo di Marrakesh (CDM, JI) Direttiva Linking 2004/101/EC (CDM, JI) Direttiva 2008/101/EC (sull aviazione) Protocollo di Kyoto Direttiva 2003/87/EC Direttiva 2007/589/EC (Monitoring Guidelines) Direttiva 2009/29/EC (terza fase) Direttiva 2009/73/EC (new GHGs monitoring) Direttiva 2009/339/EC (Aviation monitoring) Page 8

9 EU carbon cap and trade: EU Emissions Trading Scheme (4/5) PRIMA FASE: Fase warm-up SECONDA FASE: Fase Kyoto TERZA FASE: Fase post-kyoto QUARTA FASE Copertura EU ETS si concentra su emissioni che possono essere misurate, comunicate e verificate con un elevato livello di precisione Sono state stabilite delle soglie per i cinque principali settori di inquinamento (settore energetico e per la produzione di calore e vapore, raffinazione del greggio, metallurgico, cartiario, edilizio); dal 2012 è compreso anche il settore dell aviazione Dal 2013, oltre alla CO 2, sono compresi nella normativa anche altri gas serra Allocazione Prima del 2012 l allocazione delle quote era gratuita Dal 2013 l allocazione delle quote può avvenire attraverso un asta Ogni Stato membro della UE deve stabilire un piano di allocazione delle quote di emissione, che è poi validato dall UE Source: COM(2009)630 Page 9

10 EU carbon cap and trade: EU Emissions Trading Scheme (5/5) Principali cambiamenti dal 2013: Dal 2013 la portata dell EU ETS è stata estesa ulteriormente, fino ad abbracciare gli impianti che si occupano della cattura, del trasporto e dello stoccaggio geologico di gas a effetto serra, le emissioni di CO 2 dell industria petrolchimica, dell ammoniaca e dell alluminio, le emissioni di protossido di azoto derivanti dalla produzione di acido nitrico, adipico e gliossilico e i perfluorocarburi emessi dal settore dell alluminio. Riduzione lineare del 1,74% prima del 2020 (questo significa che entro il 2020 le emissioni devono diminuire del 21% rispetto ai livelli del 2005) I governi hanno la possibilità di escludere dal sistema i piccoli impianti, a condizione che siano adottate misure fiscali o altre in grado di consentire una riduzione delle emissioni equivalente Nuove linee guida sul monitoraggio, rendicontazione e verifica delle emissioni Progressivamente si andrà verso un sistema di vendita all asta delle quote allocate: dal 2013 almeno il 50% delle quote allocate è stato comprato all asta, con l obiettivo di raggiungere il 100% nel Delle eccezioni possono essere fatte per specifiche industrie ad alta intensità energetica, nei casi in cui l acquisto di quote determinerebbe un danno alla loro competitività a livello internazionale (carbon leakage). Sources: European Commission The EU ETS is delivering emission cuts; European Commission (2009) The EU Emissions Trading Scheme Page 10

11 Prima Fase Periodo Direttiva Settori compresi Fase pilota secondo la direttiva 2003/87/CE Impianti ad alto tasso di emissioni nell industria della produzione di energia e calore e in taluni settori industriali ad alta intensità energetica: gli impianti di combustione, le raffinerie di petrolio, i forni da coke, gli impianti per la lavorazione del ferro e dell acciaio e l industria del cemento, del vetro, della calce, dei mattoni, della ceramica, della polpa per carta, della carta e del cartone Scopo specifico Preparare le aziende alla seconda fase Determinare il prezzo delle quote di emissioni Source: COM(2009)630 Page 11

12 Seconda Fase Periodo Direttiva Decisione europea del 18/07/2007 (secondo cui le quote di emissione sono allocate in base allo storico, calcolato sui dati della Prima Fase) Direttiva 2008/101/EC (sull aviazione) Settori compresi Dal 2012 l EU ETS comprende, oltre ai settori già compresi nella Prima Fase, anche le emissioni di CO 2 derivanti dal settore aereo Scopo specifico Applicazione del Protocollo di Kyoto Le allocazioni delle quote sono gratuite Sono incluse anche le emissioni di protossido di azoto derivanti dalla produzione di acido nitrico Dal 1 gennaio 2008 la copertura geografica dell EU ETS è stata ampliata oltre gli allora 27 Stati membri per comprendere anche l Islanda, il Liechtenstein e la Norvegia Dal 1 gennaio 2012 le compagnie aeree di ogni nazionalità devono coprire le emissioni prodotte dai voli da e verso l Unione europea e al suo interno Page 12

13 Terza Fase Periodo Direttiva Direttiva 2009/29/EC Settori compresi Scopo specifico Impianti per la cattura, del trasporto e dello stoccaggio geologico di gas a effetto serra, le emissioni di CO 2 dell industria petrolchimica, dell ammoniaca e dell alluminio, le emissioni di protossido di azoto derivanti dalla produzione di acido nitrico, adipico e gliossilico e i perfluorocarburi emessi dal settore dell alluminio I governi hanno la possibilità di escludere dal sistema i piccoli impianti, a condizione che siano adottate misure fiscali o altre in grado di consentire una riduzione delle emissioni equivalente Rinforzo del EU ETS per arrivare a una riduzione del 20% delle emissioni dei gas serra entro il 2020 (rispetto ai livelli del 1990) Dal 1 gennaio 2013 la copertura geografica dell EU ETS è stata ampliata anche alla Croazia Le quote allocate sono determinate in base a un benchmark europeo (basato sui settori) Page 13

14 EU ETS Risultati delle prime due fasi The cap on emissions in phase II of the EU ETS ( ) was some 6.5% lower than for phase one ( ) and was considered ambitious when it was set. However the economic crisis has radically altered the picture and since 2009 the EU ETS has experienced a growing surplus of allowances and international credits compared to emissions which has significantly weakened the carbon price signal. At the start of phase 3 the surplus stood at almost two billion allowances, double its level in early Without action, structural surplus will persist for most of phase III. Source: Page 14

15 EU ETS Gli sviluppi più recenti (2014) According to the European Union Registry, greenhouse gas emissions under the EU Emissions Trading System (EU ETS) decreased by around 4.5% in 2014, to 1,812 MtCO 2 eq, despite the growth signals in the EU economy following the crisis. Verified emissions from aviation activities in the European Economic Area (EEA) amounted to 54.9 MtCO 2 in 2014 (+2.8% compared to 2013). Taking action against structural surplus in the short-term in the long-term BACKLOADING MEASURE The Commission is postponing the auctioning of 900 million allowances until to allow demand to pick up. As a result, in 2014 the cumulative surplus in emission allowances dipped slightly, from around 2.1 billion to 2.07 billion. MARKET STABILITY RESERVE In May 2015, the European Parliament and the Council reached a political agreement to establish a Market Stability Reserve in 2018 to address the surplus of emission allowances and improve the EU ETS's resilience to shocks by adjusting the supply of allowances to be auctioned. Source: Page 15

16 EU ETS Riepilogo Page 16

17 EU ETS Riepilogo Introduce un meccanismo di contenimento delle emissioni regolato secondo le logiche di mercato Introduce un meccanismo di contenimento delle emissioni regolato secondo le logiche di mercato Obbliga le aziende emettitrici ad un monitoraggio estremamente preciso delle emissioni Ridotta efficacia a causa della sovrapposizione con gli effetti della crisi economica (surplus di quote) Costringe le società coinvolte a investire sul risparmio energetico o a pagare per delle quote di emissione extra Necessità di intervento a livello centrale per stabilire un cap più basso e obiettivi di riduzione più ambiziosi Pone le basi per istituire un mercato internazionale del carbonio esteso anche ai Paesi extra-europei Difficoltà nell accordare più Paesi per stabilire un assegnazione delle quote equilibrata e criteri di assegnazione omogenei Page 17

18 La rendicontazione volontaria dei gas ad effetto serra

19 La rendicontazione volontaria dei gas serra Page 19

20 La comunicazione volontaria delle emissioni Carbon Labelling Iniziative di disclosure COMUNICAZIONE VOLONTARIA Bilanci di Sostenibilità Altri statements Fonte: Ernst & Young 2013 Six Growing Trends in Corporate Sustainability Page 20

21 Comunicare le emissioni: il carbon labelling Attraverso il carbon labelling è possibile dare un messaggio immediato e facilmente comprensibile di un carbon footprint, cioè delle emissioni di GHG associate alla produzione, elaborazione, distribuzione e uso di un prodotto o servizio. Un esempio di carbon labelling: Pinta di latte scremato = 716 g CO 2 Pinta di latte intero = 916 g CO 2 La grande differenza è dovuta alla crema aggiunta al latte intero nel processo di produzione. Page 21

22 Perché redigere un inventario GHG? La redazione dell inventario è il primo passo per raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra, perché permette di: definire la baseline individuare le opportunità di riduzione definire un obiettivo di riduzione quantificare gli sforzi richiesti Miglioramento continuo pianificare le azioni necessarie per raggiungere l obiettivo Il punto iniziale per raggiungere gli obiettivi prefissati consiste in una definizione chiara ed accurata della baseline delle emissioni, definita attraverso un robusto inventario dei GHG. NON POSSIAMO RIDURRE QUELLO CHE NON POSSIAMO MISURARE Page 22

23 Gli standard di rendicontazione GHG Protocol Il GHG Protocol, sviluppato dal World Resources Institute (WRI) e dal World Business Council on Sustainable Development (WBCSD), definisce degli standard a livello internazionale per la misurazione, la gestione e la comunicazione delle emissioni di gas a effetto serra. Il GHG Protocol è stato, per anni, lo strumento più utilizzato da governi e imprese per comprendere, quantificare e gestire le proprie emissioni di gas a effetto serra. Lo standard ISO , il DEFRA (Department for Environment, Food and Rural Affairs), il Climate Change Registry e il Global Reporting Initiative (GRI) presentano approcci in molti aspetti simili a quelli del GHG Protocol. Esistono diversi standard redatti dal GHG Protocol: Corporate standard Project Accounting Protocol and Guidelines Corporate value chain accounting and reporting standard Product Life Cycle accounting and reporting standard Page 23

24 Gli standard di rendicontazione ISO Lo standard ISO14064 è riconosciuto a livello globale da organizzazioni, governi, implementatori di progetti di rendicontazione ed offsetting, in quanto fornisce un quadro metodologico chiaro per: quantificare monitorare riportare validare o verificare gli inventari di GHG. Fonte immagine: standard ISO Page 24

25 Gli standard di rendicontazione Altri standard: GRI Il GRI ha creato uno standard di reporting per le tematiche economiche, ambientali e sociali; su 79 indicatori, alcuni sono specifici per i GHG. Il primo standard è stato pubblicato nel Edizione attuale: GRI G4 (2013). È consigliabile verificare gli indicatori EN relativi ai GHG sulla base di principi e metodi riportati nel GHG Protocol e/o nello standard ISO Page 25

26 La costruzione di un inventario GHG Aspetti metodologici La progettazione e costruzione di un inventario delle emissioni GHG comprende le fasi evidenziate a lato, che vengono dettagliate nelle slide successive. ASPETTI METODOLOGICI: Scelta dello standard Definizione dei confini organizzativi Definizione dei confini operativi Classificazione delle emissioni Raccolta dati primitivi Scelta dei fattori di emissione Calcolo delle emissioni GHG Page 26

27 La costruzione di un inventario GHG Confini organizzativi e operativi Source: GHG Protocol Page 27

28 Sorgenti terze Sorgenti di proprietà La costruzione di un inventario GHG Classificazione delle emissioni (1/2) Secondo lo standard ISO , le emissioni devono essere classificate nelle seguenti categorie: Emissioni dirette di gas serra (Scopo 1) Emissioni indirette di gas serra da consumo energetico (Scopo 2) Altre emissioni indirette di gas serra (Scopo 3) TIPO DI EMISSIONE Scopo 1: Emissioni Dirette Sorgenti di combustione stazionarie e mobili Emissioni di processo e emissioni fuggitive Cambio d uso del suolo Scopo 2: Emissioni Indirette Elettricità, calore e vapore Scopo 3: Altre Emissioni Indirette Viaggi di lavoro Distribuzione a terzi Supply chain Uso del prodotto TIPICHE FONTI PER REPERIMENTO DATI Costi del combustibile Contatori e sistemi di monitoraggio in continuo Contatori Costi energetici Spese e agenzie di viaggio Questionari ai fornitori Report sui rifiuti Sondaggi ai clienti Page 28

29 La costruzione di un inventario GHG Classificazione delle emissioni (2/2) Page 29

30 La costruzione di un inventario GHG Dati primitivi, EFs e calcolo delle emissioni MISURA DATI PRIMARI SCELTA DEL FATTORE DI EMISSIONE SINGOLI DATI EMISSIVI CO 2 complessiva Esempio: Dato di attività x Fattore di emissione = Emissioni di CO 2 Diesel (litri) kg CO 2 /l CO 2 da diesel Gas (m3) kg CO 2 /m3 CO 2 da gas Elettricità (kwh) kg CO 2 /kwh CO 2 da elettricità CO 2 TOTALE AZIENDA Per calcolare le emissioni, si raccolgono i dati sulle attività che producono emissioni di gas serra. Questi dati sono quindi convertiti in emissioni di gas serra applicando un apposito fattore di emissione (calcolato o ricavato da letteratura). Page 30

31 La comunicazione volontaria delle emissioni Riepilogo Page 31

32 La comunicazione volontaria delle emissioni Riepilogo Fornisce una buona visibilità esterna alle aziende che integrano le tematiche di sostenibilità nel proprio business Crea un circolo virtuoso fra aziende concorrenti per avere un guadagno di immagine di fronte agli stakeholder (ad es. clienti, investitori) Permette all azienda di avere maggiore consapevolezza dei processi interni, monitorarne i relativi impatti ed efficientarne il funzionamento Rischio di ricadere in una comunicazione auto-promozionale e non rappresentativa dei reali impatti dell azienda sull ambiente (greenwashing) Difficoltà di reperimento dei dati di attività completi per costruire l inventario delle emissioni Confini spesso definiti in modo aleatorio e con differenze significative a parità di aziende confrontate Page 32

33 La rendicontazione delle emissioni nella Pubblica Amministrazione: i PAES

34 Il Patto dei Sindaci Che cos è? Il 29 Gennaio 2008, la Commissione Europea ha lanciato il Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors), un iniziativa volta a coinvolgere attivamente le città europee nel percorso verso la sostenibilità energetica ed ambientale Questa nuova iniziativa, su base volontaria, impegna le città europee a predisporre un Piano di azione per l energia sostenibile (PAES) con l obiettivo di ridurre di oltre il 20% le proprie emissioni di gas serra attraverso politiche e misure locali che aumentino il ricorso alle fonti di energia rinnovabile, che migliorino l efficienza energetica e attuino programmi ad hoc sul risparmio energetico e l uso razionale dell energia Il Patto dei Sindaci è considerato come un eccezionale modello di governance multilivello, in quanto unico movimento di questo genere che mobilizza gli attori locali e regionali ai fini del perseguimento degli obiettivi europei. Page 34

35 Il Patto dei Sindaci I firmatari le città in Europa che hanno aderito al Patto dei Sindaci 204 milioni gli abitanti coinvolti nell iniziativa i comuni firmatari in Italia (dati aggiornati a maggio 2015) Page 35

36 Il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Cos è un PAES Il Piano di azione per l energia sostenibile (PAES) è lo strumento con cui i Comuni definiscono azioni ed iniziative per ridurre l impatto energetico delle proprie strutture e di tutto il territorio comunale. Attraverso il PAES vengono determinate politiche e misure locali che aumentano il ricorso alle fonti di energia rinnovabile, che migliorano l efficienza energetica e attuano programmi ad hoc sul risparmio energetico e l uso razionale dell energia. Struttura di un PAES 1. Sintesi del PAES 2. Strategia generale (finalità, quadro attuale e visione per il futuro, aspetti organizzativi e finanziari) 3. Inventario di Base delle Emissioni e informazioni correlate 4. Azioni e misure pianificate per l intera durata del piano (2020): strategia a lungo termine, obiettivi e impegni sino al 2020 interventi a medio/breve termine Page 36

37 PAES Il processo 1 2 ATTIVAZIONE Commitment e firma del Patto Adattamento delle strutture amministrative della città Sviluppo del supporto degli stakeholders PIANIFICAZIONE Valutazione della situazione attuale Inventario delle emissioni Definizione della visione di lungo periodo Redazione del Piano Approvazione del Piano 4 MONITORAGGIO E REPORTING Monitoraggio Invio del report sull implementazione del Piano Review IMPLEMENTAZIONE Implementazione delle azioni inserite nel Piano 3 Page 37

38 PAES Inventario delle emissioni SETTORI DI CONSUMO ENERGETICO EDIFICI, ATTREZZATURE, IMPIANTI E INDUSTRIE Edifici, attrezzature/impianti comunali Edifici, attrezzature/impianti terziari (non comunali) Edifici residenziali Illuminazione pubblica comunale Industrie (escluse ETS) TRASPORTI Parco auto comunale Trasporti pubblici VETTORI ENERGETICI COMBUSTIBILI FOSSILI Gas naturale Gas liquido Diesel Benzina Gasolio agricolo ELETTRICITÁ EMISSIONI CO 2 (eq) Trasporti privati e commerciali Page 38

39 PAES Azioni di riduzione Inventario emissioni di CO 2 AZIONI DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI CO 2 >20% \ 3% 3,5% 3,5% 4% 6% Azione 1 Azione 2 Azione 3 Azione 4 Azione 5... Il ruolo delle amministrazioni comunali Esempi: Efficientamento energetico degli edifici di proprietà comunale Ammodernamento della rete di illuminazione pubblica Miglioramento della mobilità... Esempi: Il ruolo dei cittadini e delle imprese Riduzione dei consumi energetici degli edifici Utilizzo di fonti energetiche rinnovabili (fotovoltaico, eolico) su edifici privati Efficientamento degli impianti industriali Rinnovo del parco auto... Page 39

40 PAES Riepilogo Page 40

41 PAES Riepilogo Impegna l Amministrazione Pubblica a fissare un obiettivo territoriale di riduzione delle emissioni pubbliche e private Permette di coordinare i vari settori dell autorità locale (ambiente, urbanistica, trasporti, ecc.) per delineare una chiara struttura organizzativa per l implementazione del PAES stesso Implica lo sviluppo urbano della città in chiave energetica, con un miglioramento delle condizioni di vita della popolazione Necessità di un forte supporto politico in termini di risorse umane e finanziarie Complessità nella gestione del rapporto interno fra i gruppi di lavoro tecnici e i decisori politici Complessità nella gestione del rapporto esterno fra l autorità locale e i vari stakeholder (imprese locali, associazioni di categoria, enti territoriali, ) Page 41

42 Strumenti di rendicontazione delle emissioni Confronto Schema di riferimento Tipologia Soggetti coinvolti Maggiori vantaggi Svantaggi da colmare EU ETS Obbligatoria Industrie responsabili di elevate emissioni di gas serra Carbon labelling Volontaria Tutte le aziende private, specialmente in regime di mercato concorrenziale Impone un tetto di emissioni alle industrie più energivore Aumenta la sensibilità sul tema dell impatto ambientale nel ciclo di vita di un prodotto/servizio - Definizione del cap molto complessa - Surplus delle quote Rischio di greenwashing Inventario GHG Volontaria Tutte le aziende private interessate a monitorare i propri consumi energetici PAES Volontaria Amministrazione Pubblica locale (Comuni) Aiuta l azienda a monitorare e migliorare i propri processi Sfrutta l inventario delle emissioni come punto di partenza per definire un piano energetico territoriale Rischio di scarsa rappresentatività in mancanza di dati primari Disponibilità di risorse per l attuazione del piano Page 42

43 Domande?

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE D OLIVA D.O.P. UMBRIA prodotto da Monini S.P.A. CFP EXTERNAL COMMUNICATION REPORT in conformità alla ISO/TS 14067:13

OLIO EXTRA VERGINE D OLIVA D.O.P. UMBRIA prodotto da Monini S.P.A. CFP EXTERNAL COMMUNICATION REPORT in conformità alla ISO/TS 14067:13 MONINI S.p.A. S.S 3 Flaminia Km. 129-06049 Spoleto (PG) Tel. 0743.2326.1 (r.a.) Partita IVA 02625300542- Cap.Soc. EURO 6.000.000,00 I.V. www.monini.com e-mail: info@monini.com Posta Certificata: monini@legalmail.it

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

Le quote di emissione di gas ad effetto serra

Le quote di emissione di gas ad effetto serra OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Le quote di emissione di gas ad effetto serra Febbraio 2013 Copyright OIC Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC)

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile di Bolzano (PAES)

Piano d Azione per l Energia Sostenibile di Bolzano (PAES) Piano d Azione per l Energia Sostenibile di Bolzano (PAES) Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC Documento elaborato da: Roberto Vaccaro Adriano Bisello Daniele Vettorato Wolfram Sparber Collaboratori:

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Nearly Zero Energy Building e Cost-Optimality : Norme Europee e loro recepimento

Nearly Zero Energy Building e Cost-Optimality : Norme Europee e loro recepimento Nearly Zero Energy Building e Cost-Optimality : Norme Europee e loro recepimento G.Grazzini, L.LEONCINI DIEF, Università di Firenze INTRODUZIONE Un edificio è un sistema il cui uso induce impatti a livello

Dettagli

GUIDA PRATICA alla STESURA del PIANO di AZIONE per l ENERGIA SOSTENIBILE (PAES)

GUIDA PRATICA alla STESURA del PIANO di AZIONE per l ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) GUIDA PRATICA alla STESURA del PIANO di AZIONE per l ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) indicazioni operative per la pianificazione energetica delle realtà comunali medio-piccole Maggio 2011 Con il patrocinio

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Scenari ENEA per la Strategia Energetica Nazionale: metodologie e problemi

Scenari ENEA per la Strategia Energetica Nazionale: metodologie e problemi Scenari ENEA per la Strategia Energetica Nazionale: metodologie e problemi Maria Rosa Virdis ENEA - Unità Centrale Studi e Strategie Università Bocconi - Milano, 5 Dicembre 2012 1 SOMMARIO Le attività

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra

Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra (Strategie di mitigazione delle emissioni) Antonio Caputo, APAT APAT Presentazione Gli accordi di Kyoto prevedono, per le nazioni firmatarie, la

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE Ing. Leonardo Maffia Maffia@studiolce.it Formato del Certificato (aggiornabile) Certificato Energetico-Ambientale Prestazione energetica dell edificio EPi come

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Guida alla partecipazione a Carbomark

Guida alla partecipazione a Carbomark Guida alla partecipazione a Carbomark Guida alla partecipazione a Carbomark Regione del Veneto Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Università degli Studi di Padova Università degli Studi di Udine Unità

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

POLITICHE ED AZIONI INTERNAZIONALI SULL AMBIENTE

POLITICHE ED AZIONI INTERNAZIONALI SULL AMBIENTE Corso di PRODUZIONE DI MERCI E INNOVAZIONE a.a. 2012-2013 POLITICHE ED AZIONI INTERNAZIONALI SULL AMBIENTE Valeria Spada Università degli Studi di Foggia v.spada@unifg.it ! " #$ %%&'! Se nei tempi % passati

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

Mod. Il rivoluzionario ammodernamento per il tuo Ascensore

Mod. Il rivoluzionario ammodernamento per il tuo Ascensore Mod Il rivoluzionario ammodernamento per il tuo Ascensore DIAMO VALORE AL VOSTRO EDIFICIO u v x OTIS presenta l ammodernamento con una tecnologia innovativa ad alta efficienza energetica u w v Azionamento

Dettagli

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno.

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno. FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno (Giuseppe Tomassetti) Settembre 2009 Sintesi Esistono rilevanti differenze

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

.4Modulo 4 di 4 Affrontare il Cambiamento climatico Le soluzioni

.4Modulo 4 di 4 Affrontare il Cambiamento climatico Le soluzioni .4Modulo 4 di 4 Affrontare il Cambiamento climatico Le soluzioni Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 4Affrontare il Cambiamento climatico Spesso sentiamo

Dettagli

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE VALLI S.O.L.

PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE VALLI S.O.L. PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE VALLI S.O.L. 1 Comune di Campo Ligure Comune di Masone Comune di Mele Comune di Rossiglione Comune di Tiglieto Unione dei Comuni Stura Orba Leira PIANO D AZIONE

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE PIANO STRATEGICO INTERCOMUNALE DELL ENERGIA comuni di: Beura Cardezza Pallanzeno Piedimulera Pieve Vergonte Villadossola Vogogna ANALISI DEI CONSUMI E DELLE EMISSIONI CAIRE

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause .3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 3Le cause e le origini del cambiamento climatico Il cambiamento climatico

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Il Patto dei Sindaci. In particolare il PAES definisce:

Il Patto dei Sindaci. In particolare il PAES definisce: COMUNE DI AGNONE 2 Indice Il Patto dei Sindaci... 5 Adesione e obiettivi... 7 Contesto normativo internazionale e nazionale... 8 Programmazione energetica regionale e provinciale... 10 I soggetti partner

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale La Settimana dell Educazione all Energia Sostenibile Dal 6 al 12 novembre si è celebrata la Settimana Nazionale dell Educazione all Energia Sostenibile,

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Life-cycle cost analysis

Life-cycle cost analysis Valutazione economica del progetto Clamarch a.a. 2013/14 Life-cycle cost analysis con esempi applicativi Docenti Collaboratori Lezione di prof. Stefano Stanghellini prof. Sergio Copiello arch. Valeria

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

Piano di Azione per l'energia Sostenibile del Comune di Padova

Piano di Azione per l'energia Sostenibile del Comune di Padova Piano di Azione per l'energia Sostenibile del Comune di Padova Comune di Padova Settore Ambiente Capo Settore Patrizio Mazzetto Daniela Luise Simone Costantini Cinzia Rinzafri Ilaria Seresin Michele Zuin

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

LINEE GUIDA "COME SVILUPPARE UN PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE - PAES"

LINEE GUIDA COME SVILUPPARE UN PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE - PAES LINEE GUIDA "COME SVILUPPARE UN PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE - PAES" Paolo Bertoldi, Damian Bornás Cayuela, Suvi Monni, Ronald Piers de Raveschoot EUR 2436 IT - 21 L'IE ha l'obiettivo di fornire

Dettagli

Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile

Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile Aprile 2015 Indice 1. Un nuovo approccio al tema della sostenibilità 1.1. Il Ruolo della manifattura per la crescita sostenibile 1.2. Politiche industriali

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

EVOLUZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: DALLA CASA A BASSO CONSUMO AL TARGET PASSIVHAUS

EVOLUZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: DALLA CASA A BASSO CONSUMO AL TARGET PASSIVHAUS EVOLUZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: DALLA CASA A BASSO CONSUMO AL TARGET PASSIVHAUS arch. Fabio Sciurpi, Dipartimento TAeD, Università di Firenze Via San Niccolò 93, tel. 055 2491538, e-mail: fabio.sciurpi@taed.unifi.it

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Società Italiana di Fisica Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Uno studio a cura della Società Italiana di Fisica - SIF aprile 2008 Indice PREMESSA p. 6 1. L ITALIA E LE SFIDE ENERGETICHE

Dettagli

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05. QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.2013 Il progetto QUEST Gli obiettivi Offrire supporto alle città

Dettagli

L azione dell UE contro il cambiamento climatico

L azione dell UE contro il cambiamento climatico L azione dell UE contro il cambiamento climatico Alla guida dell azione globale in vista del 2020 e oltre Edizione 2008 Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

INTERVENTI A SUPPORTO DELLE POLITICHE EUROPEE

INTERVENTI A SUPPORTO DELLE POLITICHE EUROPEE Programma Operativo Nazionale Governance e Assistenza Tecnica (FESR 2007 2013) - Asse II Obiettivo Operativo II.4 INTERVENTI A SUPPORTO DELLE POLITICHE EUROPEE Ricognizione preliminare delle principali

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli