Il procedimento di autorizzazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il procedimento di autorizzazione"

Transcript

1 Dipartimento Vigilanza Bancaria e Finanziaria Il procedimento di autorizzazione Roma, 1 luglio 2015 Agostino Di Febo Servizio Costituzioni e gestione delle crisi Divisione Costituzioni banche e intermediari finanziari

2 Agenda Il procedimento di autorizzazione termini fasi provvedimento definitivo L istruttoria Criteri e profili di valutazione Il procedimento di autorizzazione Roma, 1 luglio 2015

3 Il periodo transitorio Il procedimento di autorizzazione Roma, 1 luglio 2015

4 Termini per la presentazione delle istanze 12 maggio 2015 Stop iscrizione elenchi 11 luglio ottobre maggio 2016 Oltre.. Presentazione dell istanza di autorizzazione Stop istanze Stop periodo transitorio Potranno continuare ad operare solo i soggetti per i quali è pendente il procedimento di autorizzazione Istruttoria Il procedimento di autorizzazione Roma, 1 luglio 2015

5 Fasi del procedimento Il procedimento di autorizzazione Roma, 1 luglio 2015

6 Il provvedimento definitivo /1 Autorizzazione Iscrizione avvio vigilanza decadenza revoca Rinuncia espressa Mancato avvio dell operatività -12 mesi - Mancato esercizio dell operatività -18 mesi - Mancato raggiungimento della soglia dimensionale < > -5 anni - CANCELLAZIONE Il procedimento di autorizzazione Roma, 1 luglio 2015

7 Il provvedimento definitivo /2 Diniego Liquidazione/ modifica dello statuto Cancellati dall elenco speciale Confidi < > Restano iscritti nell apposita sezione dell elenco generale ex art. 155 comma 4 quater del «vecchio» TUB Eliminano ogni riferimento all iscrizione nell elenco ex art. 107 In attesa della costituzione dell elenco ex art. 112 del «nuovo» TUB Il procedimento di autorizzazione Roma, 1 luglio 2015

8 Agenda Il procedimento di autorizzazione termini fasi provvedimento definitivo L istruttoria Criteri e profili di valutazione La procedura di iscrizione al nuovo albo Roma, 1 luglio 2015

9 Criteri e profili di valutazione Il procedimento di autorizzazione Roma, 1 luglio 2015

10 La sana e prudente gestione Nelle proprie valutazioni la Banca d Italia riserva attenzione a che l iniziativa sia tale da configurare un operatore adeguatamente strutturato sotto il profilo organizzativo e commerciale, dotato di risorse tecniche e umane qualitativamente e quantitativamente adeguate a presidiare i rischi tipici dell attività svolta Qualità e adeguatezza degli assetti organizzativi di governo Coerenza complessiva del progetto rispetto alle caratteristiche dell intermediario e del mercato di riferimento Sostenibilità dell iniziativa sotto i profili patrimoniale, reddituale e finanziario Trasparenza verso l OdV Il procedimento di autorizzazione Roma, 1 luglio 2015

11 Il programma di attività /1 Il procedimento di autorizzazione Roma, 1 luglio 2015

12 Il programma di attività /2 Illustra le linee di sviluppo dell operatività del confidi e i relativi riflessi sulle grandezze patrimoniali, economiche e finanziarienella fase di avvio dell operatività Rende conto della concreta sostenibilità dell iniziativa nel mediolungo periodo 3 anni Orizzonte temporale Confidi < > 5 anni Il procedimento di autorizzazione Roma, 1 luglio 2015

13 Il programma di attività /3 Linee di sviluppo dell operatività Obiettivi di sviluppo Attività programmate Strategie funzionali alla loro realizzazione Relazione previsionale sui profili tecnici e sull adeguatezza patrimoniale Investimenti Coperture finanziarie Risultati economici attesi Rispetto dei requisiti prudenziali Il procedimento di autorizzazione Roma, 1 luglio 2015

14 Il programma di attività /2 Deve consentire a BI di verificare che la società richiedente l autorizzazione: abbia piena cognizione di rischi e opportunità dell iniziativa intrapresa abbia effettuato una pianificazione attenta e dettagliata di tutte le variabili che incidono sugli equilibri tecnici del confidi sia capace di stimare correttamente i rischie i connessi fabbisogni patrimoniali e organizzativi, attuali e prospettici Deve dare conto della concreta sostenibilità dell iniziativa nel medio lungo periodo I bilanci previsionali devono fondarsi su ipotesi coerenti con il mercatodi riferimento, con l organizzazione interna e con l andamento registrato dalla società negli anni precedenti Il procedimento di autorizzazione Roma, 1 luglio 2015

15 L attendibilità delle stime ATTENDIBILITÀ coerenza Mercato di riferimento Organizzazione interna Andamenti precedenti Proiezioni di sviluppo fondate su ipotesi prudenti e in linea con l andamento del mercato di riferimento e le risorse disponibili; La profittabilità assicurata dall attività core Politiche di pricingcoerenti con l andamento del mercato e con il profilo di rischio prescelto nonché con la necessità di mantenere corretti rapporti con la clientela; Valutazione del portafoglio crediti attenta, prudente e coerente con la rischiosità del settore di attività; Evoluzione dei costi operativi coerente con l assetto organizzativo prescelto e con le ipotesi di sviluppo operativo Simulazioni di impatto di scenari avversi (e conseguenti interventi correttivi) Il procedimento di autorizzazione Roma, 1 luglio 2015

16 L attendibilità delle stime CAPITALE MINIMO FONDI PROPRI Capitale iniziale necessario ai fini del rilascio dell autorizzazione Importo minimo, diverso in ragione della tipologia di intermediario Confidi: 2 milioni di euro Primo presidio a fronte dei rischi connessi con l attività e principale parametro di riferimento per gli istituti prudenziali e per le valutazioni dell Autorità di vigilanza dipende dalla complessiva esposizione ai rischi aziendali Nell ambito del procedimento di autorizzazione, la Banca d Italia può disporre una verifica in ordine all esistenza e all ammontare del patrimonio

17 Fondi pubblici Non sono computabili nei fondi propri i fondi pubblici che: Presentano vincoli di destinazione Sono assegnati al confidi in gestione Sono disciplinati da regolamenti dell Unione Europea e gestiti dalle Regioni sulla base di apposite convenzioni L inclusione dei fondi pubblici tra gli elementi dei fondi propri è valutata dalla Banca d Italia: Caso per caso Non affidati in gestione Effettiva assenza di vincoli di destinazione

18 Il tutoring Nella fase iniziale, gli intermediari finanziari possono stabilire forme di collaborazione e supporto con soggetti «più esperti» Ricorrendone le condizioni, il tutoraggio può anche essere accompagnato da rapporti partecipativi del tutor o da altri rapporti idonei a rafforzare il legame tra i due soggetti (es. quote strumenti computabili nei fondi propri) Finalità diversa da outsourcing: sviluppo di competenze specialistiche, formazione personale Standing del tutor: può essere solo una banca o un intermediario finanziario autorizzato Il contratto: deve definire chiaramente i contenuti dell attività (supporto operativo/commerciale; disegno e implementazione controlli interni; formazione del personale) e stabilire i presidi a fronte di eventuali conflitti di interesse (no condivisione del patrimonio informativo) Il procedimento di autorizzazione Roma, 1 luglio 2015

19 Agenda Il procedimento di autorizzazione Roma, 1 luglio 2015

20 I partecipanti Piccole e medie imprese industriali, commerciali, turistiche e di servizi Imprese artigiane e agricole Liberi professionisti imprese di maggiori dimensioni rientranti nei limiti dimensionali UE a fini interventi BEI Non più di un sesto della compagine Imprese non finanziarie di grandi dimensioni ed enti pubblici e privati le piccole e medie imprese dispongano almeno della metà più uno dei voti esercitabili nell'assemblea la nomina dei componenti degli organi che esercitano funzioni di gestione e di supervisione strategica sia riservata all'assemblea Enti pubblici e privati e imprese di maggiori dimensioni possono sostenere l'attività attraverso contributi e garanzie non finalizzati a singole operazioni; possono partecipare agli organi elettivi dei confidi con le modalità purché la nomina della maggioranza resti riservata all assemblea

21 Requisiti dei partecipanti QUALITÀ SOLIDITÀ FINANZIARIA Onorabilità Correttezza Competenza Capacità di: Finanziare l acquisizione Assicurare risorse per il regolare esercizio dell attività Mantenere una struttura finanziaria equilibrata Capacità di assicurare il rispetto dei requisiti e delle disposizioni prudenziali L autorizzazione non essere rilasciata in caso di fondato sospetto che la partecipazione sia connessa ad operazioni di riciclaggio o di finanziamento del terrorismo

22 Requisiti degli esponenti ONORABILITÀ PROFESSIONALITÀ INDIPENDENZA Di coloro che svolgeranno funzioni di amministrazione, direzione e controllo Il procedimento di autorizzazione Roma, 1 luglio 2015

23 Agenda Il procedimento di autorizzazione Roma, 1 luglio 2015

24 Esternalizzazione Non può: funzioni operative o di controllo determinare una delega di responsabilità mettere a repentaglio la qualità del controllo interno dell IF impedire alla Banca d Italia di controllare che gli intermediari si conformino alle disposizioni loro applicabili Condizioni: Non è possibile esternalizzare attività degli organi aziendali o aspetti nevralgici del processo creditizio Non si deve pregiudicare la capacità del confidi di reinternalizzare, in caso di necessità, la funzione in outsourcing Il fornitore di servizi deve disporre delle competenze e delle autorizzazioni richieste dalla legge, prestare il servizio in maniera efficace, garantire la protezione delle informazioni riservate e collaborare con l autorità di vigilanza L intermediario finanziario deve controllare efficacemente le funzioni esternalizzate e gestire i rischi connessi attraverso adeguati presidi contrattuali (SLA, way out, reportistica, accesso) e organizzativi (flussi informativi, ruolo del referente interno)

25 Governance Un adeguato assetto di governance dovrà assicurare un appropriato bilanciamento di poteri, una equilibrata composizione degli organi sociali ed evitare situazioni di stallo decisionale Evitare la composizione pletorica dell organo amministrativo Istituire organi collegiali in luogo dell organo monocratico; Evitare l adozione di modelli di amministrazione congiuntiva o disgiuntiva, in quanto il primo modello porta ad un concreto rischio di stallo decisionale, mentre il secondo non assicura la necessaria dialettica interna; Evitare la coincidenza nello stesso soggetto di cariche gestionali e di controllo (es. AD che ricopre anche la carica di referente della funzione di internal audit o compliance). Il procedimento di autorizzazione Roma, 1 luglio 2015

26 Agenda Il procedimento di autorizzazione Roma, 1 luglio 2015

27 Il sistema dei controlli interni Strategie, politiche e processi per la gestione dei rischi cui l intermediario è o potrebbe essere esposto 1 livello Controlli di linea (corretto svolgimento delle operazioni; sono effettuati dalle stesse strutture operative, anche mediante procedure automatizzate) 2 livello Controlli sulla gestione dei rischi (definizione delle metodologie di misurazione dei rischi aziendali; sono svolti da strutture diverse da quelle produttive) Controlli di conformità (valutazione dell adeguatezza delle procedure interne rispetto all obiettivo di prevenire la violazione di leggi, regolamenti e norme di autoregolamentazione) 3 livello Revisione interna/internal audit (valutazione periodica della completezza, della funzionalità delle funzioni aziendali) Il procedimento di autorizzazione Roma, 1 luglio 2015

28 Il sistema dei controlli interni /2 I confidi istituiscono funzioni aziendali di controllo permanenti e indipendenti, organizzate secondo il principio di proporzionalità In ogni caso: Non è possibile accentrare anche i controlli di primo livello Le funzioni di controllo sono caratterizzate dall autorità, dall adeguatezza e dalle competenze delle risorse Si deve garantire l indipendenza gerarchica dalle funzioni sottoposte al controllo La remunerazione di coloro che partecipano alle funzioni aziendali di controllo non deve compromettere l obiettività della funzione I responsabili delle funzioni di controllo devono essere collocati in posizione gerarchico funzionale adeguata e riferiscono direttamente agli organi aziendali Il procedimento di autorizzazione Roma, 1 luglio 2015

29 Dipartimento Vigilanza Bancaria e Finanziaria Grazie per l attenzione Roma, 1 luglio 2015 Agostino Di Febo Servizio Costituzioni e gestione delle crisi Divisione Costituzioni banche e intermediari finanziari

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013 Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi Firenze, 28 Febbraio 2013 Indice ß Introduzione ß Assetti Organizzativi ß Sistema dei Controlli Interni ß Risk Governance ß Conclusioni

Dettagli

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 66 Allegato A Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI Gli organi aziendali assumono un ruolo fondamentale per la definizione di

Dettagli

a cura di www.imel-emd.eu -

a cura di www.imel-emd.eu - 1. Assetto proprietario completo e trasparente con comprovati requisiti di onorabilità, di reputazione e di solidità finanziaria dei partecipanti diretti e indiretti al capitale. 2. Assetto di governance

Dettagli

Il Regolamento si compone di 41 articoli, suddivisi in nove capi.

Il Regolamento si compone di 41 articoli, suddivisi in nove capi. RELAZIONE REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE, AI

Dettagli

Organismo per la gestione degli Elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi

Organismo per la gestione degli Elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Organismo per la gestione degli Elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi LINEE GUIDA CONCERNENTI IL CONTENUTO DEI REQUISITI ORGANIZZATIVI PER L ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

Le funzione di conformità alle norme nell ambito del Sistema dei Controlli Interni delle Banche

Le funzione di conformità alle norme nell ambito del Sistema dei Controlli Interni delle Banche Le funzione di conformità alle norme nell ambito del Sistema dei Controlli Interni delle Banche a cura di Francesco Manganaro 11 Gennaio 2014 1 Obiettivo del seminario Il Sistema dei Controlli Interni,

Dettagli

Vigilanza bancaria e finanziaria

Vigilanza bancaria e finanziaria Vigilanza bancaria e finanziaria DISPOSIZIONI DI VIGILANZA IN MATERIA DI POTERI DI DIREZIONE E COORDINAMENTO DELLA CAPOGRUPPO DI UN GRUPPO BANCARIO NEI CONFRONTI DELLE SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO

Dettagli

Nuovo Albo Unico di cui all art. 106 del TUB. Marco Trincia

Nuovo Albo Unico di cui all art. 106 del TUB. Marco Trincia Nuovo Albo Unico di cui all art. 106 del TUB Marco Trincia Indice e Interni e 2 DM 53 del 2 aprile : art. 2 Per attività di concessione di finanziamenti sotto qualsiasi forma si intende la concessione

Dettagli

Regolamento degli Organi Aziendali, delle Funzioni di Controllo e Dei Flussi Informativi. Data approvazione CDA 23 gennaio 2015

Regolamento degli Organi Aziendali, delle Funzioni di Controllo e Dei Flussi Informativi. Data approvazione CDA 23 gennaio 2015 degli Organi Aziendali, delle Funzioni di Controllo e Dei Flussi Informativi Data approvazione CDA 23 gennaio 2015 SOMMARIO ART. 1 - DISPOSIZIONI PRELIMINARI... 4 ART. 2 - DEFINIZIONI... 5 ART. 3 PREMESSA...

Dettagli

REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 41 DEL 15 MAGGIO 2012 REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, PROCEDURE E CONTROLLI INTERNI VOLTI A PREVENIRE L UTILIZZO DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE

Dettagli

consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi

consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi Un partner unico e innovativo: esperienze, competenze e soluzioni a supporto di ogni processo Dedagroup partner dei Confidi Oggi il mondo dei

Dettagli

Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche: principali novità

Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche: principali novità FLASH REPORT Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche: principali novità Luglio 2013 Il 2 luglio 2013 la Banca d Italia, all esito dell attività di consultazione avviata nel mese di settembre

Dettagli

ANCORA SULLA RIFORMA DEL TITOLO V TUB ED I RELATIVI ADEMPIMENTI PER GLI OPERATORI

ANCORA SULLA RIFORMA DEL TITOLO V TUB ED I RELATIVI ADEMPIMENTI PER GLI OPERATORI Focus on ANCORA SULLA RIFORMA DEL TITOLO V TUB ED I RELATIVI ADEMPIMENTI PER GLI OPERATORI Luglio 2015 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona Vicenza Padova redazione@lascalaw.com

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

Università degli studi di Foggia Dipartimento di Economia

Università degli studi di Foggia Dipartimento di Economia Università degli studi di Foggia Dipartimento di Economia Il sistema dei controlli interni delle banche: il ruolo degli organi aziendali e delle funzioni aziendali di controllo Foggia, 20 Novembre 2012

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE. Università degli Studi di Teramo - Prof.

Le Operazioni di Impiego: ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE. Università degli Studi di Teramo - Prof. ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE 1 Ogni operazione di prestito concessa dalle banche a favore del soggetto che ne ha fatto richiesta prevede due FASI PRELIMINARI alla stipula del contratto

Dettagli

Circolare n. 288 del 3 aprile 2015 Fascicolo «Disposizioni di vigilanza per gli intermediari finanziari»( 1 )

Circolare n. 288 del 3 aprile 2015 Fascicolo «Disposizioni di vigilanza per gli intermediari finanziari»( 1 ) Circolare n. 288 del 3 aprile 2015 Fascicolo «Disposizioni di vigilanza per gli intermediari finanziari»( 1 ) 1. Premessa Le presenti disposizioni recano la disciplina di vigilanza dei soggetti operanti

Dettagli

Il nuovo provvedimento di Banca d Italia in tema di antiriciclaggio. www.iusletter.com

Il nuovo provvedimento di Banca d Italia in tema di antiriciclaggio. www.iusletter.com LaScala studio legale e tributario in association with Field Fisher Waterhouse Focus on Il nuovo provvedimento di Banca d Italia in tema di antiriciclaggio Giugno 2011 www.iusletter.com Milano Roma Torino

Dettagli

POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI PARTECIPAZIONI IN IMPRESE NON FINANZIARIE E DI CLASSIFICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI INDIRETTI IN EQUITY

POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI PARTECIPAZIONI IN IMPRESE NON FINANZIARIE E DI CLASSIFICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI INDIRETTI IN EQUITY POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI PARTECIPAZIONI IN IMPRESE NON FINANZIARIE E DI CLASSIFICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI INDIRETTI IN EQUITY Delibera C.d.A. n. 26 del 28 giugno 2012 1 Sommario 1. Premessa...

Dettagli

Linee Guida per la gestione delle operazioni con Parti Correlate e Soggetti Collegati

Linee Guida per la gestione delle operazioni con Parti Correlate e Soggetti Collegati Linee Guida per la gestione delle operazioni con Parti Correlate e Soggetti Collegati Poste Italiane S.p.A. ai sensi del Regolamento CONSOB adottato con delibera 17221/2010 (Operazioni con Parti Correlate)

Dettagli

NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013

NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013 NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013 E stato introdotto nell ordinamento di vigilanza italiano il concetto di risk appetite framework (RAF). E contenuto nella

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31.12.2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31.12.2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31.12.2014 Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 28.05.2015 1 INDICE Sommario PREMESSA... 3 TAVOLA 1 - OBIETTIVI E POLITICHE

Dettagli

Credito, garanzia e impresa

Credito, garanzia e impresa FEDERCONFIDI Credito, garanzia e impresa Stefano Mieli Direttore Centrale dell Area Vigilanza Bancaria e Finanziaria Torino 26 novembre 2011 Indice 1. Il ruolo dei confidi: elementi di forza e criticità

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Processo ICAAP

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Processo ICAAP INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/214 Processo ICAAP BANCA DI CREDITO COOPERATIVO CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI ERCHIE Delibera del Consiglio di Amministrazione del 9/6/215 INDICE Sommario

Dettagli

Informativa al Pubblico Terzo Pilastro di Basilea 3 sulla situazione al 31/12/2014

Informativa al Pubblico Terzo Pilastro di Basilea 3 sulla situazione al 31/12/2014 Informativa al Pubblico Terzo Pilastro di Basilea 3 sulla situazione al 31/12/2014 La nostra banca è differente INDICE PREMESSA - NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO... 2 TAVOLA 1 - OBIETTIVI

Dettagli

La Funzione di Compliancein Banca. Nino Balistreri Consulente ABI Formazione

La Funzione di Compliancein Banca. Nino Balistreri Consulente ABI Formazione La Funzione di Compliancein Banca Nino Balistreri Consulente ABI Formazione Sommario L inquadramento normativo della funzione di compliance L ambito normativo di competenza Il processo di operativo 2 Banca

Dettagli

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia sfef7_volait@0091-0096#3b_layout 1 13/03/12 09.04 Pagina 91 91 Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia di FABRIZIO VEDANA Il provvedimento con il quale la Banca d Italia,

Dettagli

Forum. Nono S.A.F. gli amministratori indipendenti nelle banche. Rosalba Casiraghi S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Forum. Nono S.A.F. gli amministratori indipendenti nelle banche. Rosalba Casiraghi S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE Nono Forum S.A.F. gli amministratori indipendenti nelle banche Rosalba Casiraghi 3 dicembre 2010 - Milano, Auditorium La Banca d'italia autorizza l'attività bancaria quando

Dettagli

Allegato 1 Confronto delle disposizioni attuative della normativa primaria

Allegato 1 Confronto delle disposizioni attuative della normativa primaria Allegato 1 Confronto delle disposizioni attuative della normativa primaria Istruzioni di vigilanza per gli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale (Circ. Banca d Italia 216 del 5 agosto 1996

Dettagli

Esercizio della vigilanza nell MVU Le procedure comuni

Esercizio della vigilanza nell MVU Le procedure comuni Le procedure comuni! Nel regolamento sull MVU si parla della creazione di un meccanismo di vigilanza realmente integrato. Nella pratica ciò implica " che i processi chiave siano generalmente gli stessi

Dettagli

IL QUADRO NORMATIVO DEL MEDIATORE CREDITIZIO

IL QUADRO NORMATIVO DEL MEDIATORE CREDITIZIO IL QUADRO NORMATIVO DEL MEDIATORE CREDITIZIO Parte I: L identità e l operatività del Mediatore creditizio Parte II: La struttura organizzativa del Mediatore Creditizio INDICE PARTE I Pag. 1 CHI E IL NUOVO

Dettagli

Informativa al Pubblico ex III Pilastro Situazione al 31 dicembre 2014 CREDITO COOPERATIVO REGGIANO SOCIETA COOPERATIVA

Informativa al Pubblico ex III Pilastro Situazione al 31 dicembre 2014 CREDITO COOPERATIVO REGGIANO SOCIETA COOPERATIVA Informativa al Pubblico ex III Pilastro Situazione al 31 dicembre 2014 CREDITO COOPERATIVO REGGIANO SOCIETA COOPERATIVA INDICE PREMESSA - NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)...

Dettagli

Informativa al Pubblico Pillar 3 Situazione al 31 dicembre 2014

Informativa al Pubblico Pillar 3 Situazione al 31 dicembre 2014 Informativa al Pubblico Pillar 3 Situazione al 31 dicembre 214 INDICE PREMESSA - NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)... 3 TAVOLA 1 - OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli

DEUTSCHE BANK MUTUI S.p.A.

DEUTSCHE BANK MUTUI S.p.A. DEUTSCHE BANK MUTUI S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO ai sensi della Circolare di Banca d Italia n. 285 del 17 dicembre 2013 DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE (Parte prima Titolo IV Capitolo I Sezione

Dettagli

Regolamento in materia di organizzazione e procedure degli intermediari che prestano servizi di investimento o di gestione collettiva del risparmio

Regolamento in materia di organizzazione e procedure degli intermediari che prestano servizi di investimento o di gestione collettiva del risparmio Regolamento in materia di organizzazione e procedure degli intermediari che prestano servizi di investimento o di gestione collettiva del risparmio Provvedimento del 29 ottobre 2007 Aggiornato con atto

Dettagli

POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI

POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 25 giugno 2015 INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

III Pilastro INFORMATIVA AL PUBBLICO

III Pilastro INFORMATIVA AL PUBBLICO III Pilastro INFORMATIVA AL PUBBLICO Sommario PREMESSA... 2 TAVOLA 1 - OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO... 4 TAVOLA 1bis - SISTEMI DI GOVERNANCE... 24 TAVOLA 2 - AMBITO DI APPLICAZIONE (ART.

Dettagli

La vigilanza sull attività di gestione collettiva del risparmio

La vigilanza sull attività di gestione collettiva del risparmio La vigilanza sull attività di gestione collettiva del risparmio Roma 24 maggio 2013 Avv. Agostino Papa 1 Gestione collettiva del risparmio: cenni La gestione collettiva del risparmio è il servizio che

Dettagli

Progetto Basilea 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO INTERNO DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE ATTUALE E PROSPETTICA (ICAAP)

Progetto Basilea 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO INTERNO DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE ATTUALE E PROSPETTICA (ICAAP) Progetto Basilea 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO INTERNO DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA PATRIMONIALE ATTUALE E PROSPETTICA (ICAAP) Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 06/12/2013 INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

sette componenti almeno tre composizione qualitativa BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A.

sette componenti almeno tre composizione qualitativa BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. PUNTO 2. ALL ORDINE DEL GIORNO (parte ordinaria): Elezione dei Consiglieri di Amministrazione, previa determinazione del loro numero, tra cui il Presidente e il Vice Presidente, che resteranno in carica

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 13 AGOSTO 2011, N. 141

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 13 AGOSTO 2011, N. 141 DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 13 AGOSTO 2011, N. 141 Il presente documento contiene lo schema delle Disposizioni di vigilanza per gli intermediari finanziari,

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Carate Brianza. Informativa al Pubblico (Basilea III) Situazione al 31 dicembre 2014

Banca di Credito Cooperativo di Carate Brianza. Informativa al Pubblico (Basilea III) Situazione al 31 dicembre 2014 Banca di Credito Cooperativo di Carate Brianza Informativa al Pubblico (Basilea III) Situazione al 31 dicembre 2014 Sommario Tavola 1 - Obiettivi e politiche di gestione del rischio...6 Informativa qualitativa...6

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Ai sensi della Circolare Banca d Italia n 285 del 17 dicembre 2013, 1 aggiornamento del 6 maggio 2014: Titolo IV, Capitolo 1 Governo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Il presente regolamento, adottato ai sensi dell art. 4, punto 10, dello statuto della Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni, di seguito indicata come

Dettagli

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale : il processo di controllo prudenziale! Il processo di controllo prudenziale (Supervisory Review Process SRP) si articola in due fasi integrate! La prima è rappresentata dal processo interno di determinazione

Dettagli

AIFMD NOVITÀ INTRODOTTE CON I DECRETI ATTUATIVI: AMBITI DI APPLICAZIONE E PROFILI DI GOVERNANCE

AIFMD NOVITÀ INTRODOTTE CON I DECRETI ATTUATIVI: AMBITI DI APPLICAZIONE E PROFILI DI GOVERNANCE AIFMD NOVITÀ INTRODOTTE CON I DECRETI ATTUATIVI: AMBITI DI APPLICAZIONE E PROFILI DI GOVERNANCE Partner di: Private Equity LAB Associato a: Shadow Banking e AIFMD G20 Pittsburgh 2009 Rivedere l intero

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2014 Approvato con delibera del CdA del 15 giugno 2015 e aggiornato alla pagina 128 con delibera del CdA del 31 luglio 2015 e alla pagina 48 con

Dettagli

PROCEDURE DELIBERATIVE IN MATERIA DI OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI

PROCEDURE DELIBERATIVE IN MATERIA DI OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI PROCEDURE DELIBERATIVE IN MATERIA DI OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI (Ai sensi delle Disposizioni di vigilanza Banca d Italia in materia di attività di rischio e conflitti di interesse nei confronti

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Processo ICAAP Informativa al Pubblico Pillar III 31.12.2014 Sommario PREMESSA - NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)...3 TAVOLA 1 - OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO

Dettagli

Le società di servizi e l azione di contrasto del riciclaggio in Italia. Dr. Michele Carofiglio

Le società di servizi e l azione di contrasto del riciclaggio in Italia. Dr. Michele Carofiglio Le società di servizi e l azione di contrasto del riciclaggio in Italia Dr. Michele Carofiglio BANCA D ITALIA - ROMA 27 NOVEMBRE 2014 L attività di controllo della Banca d Italia in materia di contrasto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Approvato dal Collegio di Indirizzo In data 21 dicembre 2015 AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Informativa al Pubblico ex III Pilastro

Informativa al Pubblico ex III Pilastro Informativa al Pubblico ex III Pilastro Delibera CdA del 21/05/2015 INDICE PREMESSA - NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)... 4 TAVOLA 1 - OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL

Dettagli

Provvedimenti di carattere generale delle autorità creditizie Sezione II - Banca d'italia

Provvedimenti di carattere generale delle autorità creditizie Sezione II - Banca d'italia Comunicazione del 25 marzo 2015. Recepimento della direttiva 2011/61/UE (AIFMD). Modifiche alla disciplina in materia di risparmio gestito. Adempimenti per le SGR che intendono essere iscritte all'albo

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

AIM Italia/Mercato Alternativo del Capitale. Requisiti generali di organizzazione - funzioni aziendali di controllo (Nominated Adviser)

AIM Italia/Mercato Alternativo del Capitale. Requisiti generali di organizzazione - funzioni aziendali di controllo (Nominated Adviser) AIM Italia/Mercato Alternativo del Capitale - funzioni aziendali di controllo (Nominated Adviser) Introduzione Le presenti linee guida dettano principi di carattere generale in tema di organizzazione delle

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Ronciglione

Banca di Credito Cooperativo di Ronciglione Banca di Credito Cooperativo di Ronciglione Regolamento del processo delle partecipazioni INDICE INDICE... 2 REGOLAMENTO DEL PROCESSO DELLE PARTECIPAZIONI... 3 1. INVESTIMENTI IN PARTECIPAZIONI... 3 1.1

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI ISTITUTI DI PAGAMENTO E GLI ISTITUTI DI MONETA ELETTRONICA INDICE

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI ISTITUTI DI PAGAMENTO E GLI ISTITUTI DI MONETA ELETTRONICA INDICE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI ISTITUTI DI PAGAMENTO E GLI ISTITUTI DI MONETA ELETTRONICA INDICE CAPITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI...5 SEZIONE I FONTI NORMATIVE...5 SEZIONE II DEFINIZIONI...7 CAPITOLO

Dettagli

Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione

Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione A: Dipartimento del Tesoro dt.direzione4.ufficio2@tesoro.it Da: PROMETEIA Data: 31 gennaio 2008 Oggetto: Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d

Dettagli

delle caratteristiche qualitative processo di pianificazione rischi e della conseguente determinazione del capitale interno complessivo.

delle caratteristiche qualitative processo di pianificazione rischi e della conseguente determinazione del capitale interno complessivo. FOOD FOR THOUGHT REGULATORY HIGHLIGHTS L approssimarsi delle attività di reporting, solitamente coincidente con i Consigli di Amministrazione che banche e intermediari riuniranno tra la fine di febbraio

Dettagli

Regolamento del Patrimonio BancoPosta * * * * * *

Regolamento del Patrimonio BancoPosta * * * * * * Regolamento del Patrimonio BancoPosta * * * * * * Indice 1. PREMESSE 2. BENI E RAPPORTI DESTINATI 3. EFFETTI DELLA SEGREGAZIONE 4. REGOLE DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE 5. REGOLE DI CONTROLLO 6. COLLEGIO

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO EX III PILASTRO 31/12/2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO EX III PILASTRO 31/12/2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO EX III PILASTRO 31/12/2014 INDICE PREMESSA - NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)... 4 TAVOLA 1 - OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO - ART. 435

Dettagli

La funzione di compliance nelle compagnie di assicurazione: il regolamento ISVAP n. 20

La funzione di compliance nelle compagnie di assicurazione: il regolamento ISVAP n. 20 La funzione di compliance nelle compagnie di assicurazione: il regolamento ISVAP n. 20 Milano, 3 ottobre 2008 AIDA Sezione Lombardia La compliance nelle assicurazioni: l adeguamento alla nuova normativa

Dettagli

Informativa al Pubblico PILLAR 3 al 31/12/2014 delibera C.d.A. del 28/05/2015

Informativa al Pubblico PILLAR 3 al 31/12/2014 delibera C.d.A. del 28/05/2015 Informativa al Pubblico PILLAR 3 al 31/12/2014 delibera C.d.A. del 28/05/2015 INDICE PREMESSA... 4 TAVOLA 1 - OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO - ART. 435 (1) CRR... 6 Risk Appetite Framework...6

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Introduzione... 1

INDICE SOMMARIO. Introduzione... 1 SOMMARIO Introduzione... 1 CAPITOLO 1 I SERVIZI E LE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO 1. L elenco dei servizi (e delle attività) di investimento... 9 2. Gli strumenti finanziari... 10 3. La nozione di prodotto

Dettagli

BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. Composizione quali-quantitativa ottimale dell Organo amministrativo di Banca Carim Spa

BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. Composizione quali-quantitativa ottimale dell Organo amministrativo di Banca Carim Spa BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. Composizione quali-quantitativa ottimale dell Organo amministrativo di Banca Carim Spa INDICE 1. Premessa 2. La Composizione ottimale del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Informativa al pubblico 31 dicembre 2014. INFORMATIVA AL PUBBLICO III Pilastro ai sensi del Regolamento (UE) n. 575/2013

Informativa al pubblico 31 dicembre 2014. INFORMATIVA AL PUBBLICO III Pilastro ai sensi del Regolamento (UE) n. 575/2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO III Pilastro ai sensi del Regolamento (UE) n. 575/2013 31 dicembre 2014 1 Qualsiasi precisazione in merito a questo documento può essere richiesta ai seguenti recapiti: e-mail:

Dettagli

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa Enel.factor Spa Basilea 2 Terzo pilastro al pubblico Esercizio 2009 Premessa La normativa prudenziale Basilea 2 ha lo scopo di sviluppare all interno di banche e intermediari finanziari un sistema di controlli

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI Approvato dall Organo di indirizzo in data 17 dicembre 2015 2 SOMMARIO TITOLO I - PREMESSE Art. 1 (Ambito di applicazione)

Dettagli

COMUNICATO STAMPA * * *

COMUNICATO STAMPA * * * COMUNICATO STAMPA UBI Banca supera il Comprehensive Assessment con livelli di patrimonializzazione ben al di sopra delle soglie minime richieste in tutti gli scenari, confermando la solidità e la qualità

Dettagli

Il futuro dei Confidi 106 e 107 alla luce del D.lgs. del 13/08/2010 n. 141

Il futuro dei Confidi 106 e 107 alla luce del D.lgs. del 13/08/2010 n. 141 Il futuro dei Confidi 106 e 107 alla luce del D.lgs. del 13/08/2010 n. 141 Prof.ssa Rosa Adamo Corso di Istituzioni di Economia degli Intermediari Finanziari Sommario 1. L istituzione di un unico albo

Dettagli

PREMESSA Note esplicative sull informativa al pubblico (III Pilastro)

PREMESSA Note esplicative sull informativa al pubblico (III Pilastro) INFORMATIVA AL PUBBLICO - III PILASTRO - SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2014 i Sommario PREMESSA Note esplicative sull informativa al pubblico (III Pilastro)... i TAVOLA 1 Obiettivi e politiche di gestione

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO IL REGOLAMENTO definisce gli obiettivi e i criteri, individua gli ambiti di azione e le responsabilità, e disciplina le procedure e le modalità della gestione patrimoniale e finanziaria della Fondazione,

Dettagli

IL QUADRO NORMATIVO DEL NUOVO INTERMEDIARIO FINANZIARIO VIGILATO 106 TUB

IL QUADRO NORMATIVO DEL NUOVO INTERMEDIARIO FINANZIARIO VIGILATO 106 TUB Prefazione Il quadro normativo del nuovo intermediario finanziario rappresenta un contributo che focalizza lo spartiacque tra il vecchio ed il nuovo intermediario finanziario e, quindi, l adeguamento agli

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Decreto Legislativo 16 aprile 2012, n. 45 Attuazione della direttiva 2009/110/CE, concernente l avvio, l esercizio e la vigilanza prudenziale dell attività degli istituti di moneta elettronica, che modifica

Dettagli

Informativa al Pubblico ex III Pilastro

Informativa al Pubblico ex III Pilastro Informativa al Pubblico ex III Pilastro Situazione al 31 dicembre 2014 Banca di credito cooperativo Giuseppe Toniolo Società Cooperativa Sede legale: Via S. Silvestri, 113 00045 Genzano di Roma Iscritta

Dettagli

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APRILE 2012

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APRILE 2012 ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APRILE 2012 Punto 5) Politiche di remunerazione e di incentivazione. All art. 18 4 comma, lo Statuto prevede che l Assemblea Ordinaria approvi, secondo i criteri previsti dalle

Dettagli

11 ottobre 2010. Le osservazioni al presente documento di consultazione dovranno pervenire entro il 15 novembre 2010 al seguente indirizzo:

11 ottobre 2010. Le osservazioni al presente documento di consultazione dovranno pervenire entro il 15 novembre 2010 al seguente indirizzo: Provvedimento recante disposizioni attuative in materia di organizzazione, procedure e controlli interni volti a prevenire l utilizzo a fini di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo delle società

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 1 Premessa Le disposizioni contenute nella Circolare della Banca d Italia n.216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, Capitolo V - Vigilanza

Dettagli

Istruzioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari iscritti nell «Elenco Speciale»

Istruzioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari iscritti nell «Elenco Speciale» Istruzioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari iscritti nell «Elenco Speciale» Circolare n. 216 del 5 agosto 1996-6 aggiornamento del 15 ottobre 2002 PARTE RISERVATA AGLI INTERMEDIARI VIGILANZA

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo del Friuli Centrale s.c. INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basilea 2

Banca di Credito Cooperativo del Friuli Centrale s.c. INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basilea 2 Banca di Credito Cooperativo del Friuli Centrale s.c. INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basilea 2 SITUAZIONE AL 31.12.2014 Sommario PREMESSA Note esplicative sull informativa al pubblico (III Pilastro)...

Dettagli

Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive

Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive Il modello di sistema dei controlli interni per il Credito Cooperativo Giuseppe Zaghini, Rischi e Controlli - Ufficio

Dettagli

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni. Iris Pennisi Federcasse

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni. Iris Pennisi Federcasse Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni Roma, 9 aprile 205 Iris Pennisi Federcasse Una premessa di metodo: «trasformare un vincolo

Dettagli

Procedura Operativa. Operazioni con Parti Correlate e Soggetti Collegati

Procedura Operativa. Operazioni con Parti Correlate e Soggetti Collegati Procedura Operativa Operazioni con Parti Correlate e Soggetti Collegati Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione del 28 giugno 2012 1 INDICE 1. PREMESSA 3 2. DEFINIZIONI 4 3. ASPETTI PROCEDURALI

Dettagli

ASSEPRIM DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 13 AGOSTO 2011, N.

ASSEPRIM DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 13 AGOSTO 2011, N. ASSEPRIM DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 13 AGOSTO 2011, N. 141 Parte I SOGGETTI OPERANTI NEL SETTORE FINANZIARIO Presentazione di Ernesto Ghidinelli Milano,

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Informativa al Pubblico Ai sensi di quanto disposto dalle Istruzioni di Vigilanza per gli Intermediari Finanziari iscritti nell Elenco Speciale Capitolo V Vigilanza Prudenziale - Sezione XII 31 dicembre

Dettagli

RESOCONTO DELLA CONSULTAZIONE. Luglio 2012

RESOCONTO DELLA CONSULTAZIONE. Luglio 2012 Modifiche al regolamento congiunto Banca d Italia Consob (di seguito regolamento ) per il recepimento della direttiva 2010/76 (CRD 3) in materia di politiche e prassi di remunerazione e incentivazione

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31.12.2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31.12.2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31.12.2014 INDICE PREMESSA - NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO... 3 TAVOLA 1 - OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO (ART. 435 PAR.1 CRR)...

Dettagli

COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE

COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE Roma, 1 febbraio 2008 COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE Con riferimento al Documento in oggetto, posto in

Dettagli

Informativa al Pubblico III Pilastro al 31/12/2014. Romagna Est Banca di Credito Cooperativo

Informativa al Pubblico III Pilastro al 31/12/2014. Romagna Est Banca di Credito Cooperativo Informativa al Pubblico III Pilastro al 31/12/2014 Romagna Est Banca di Credito Cooperativo Sommario PREMESSA... 3 TAVOLA 1 - OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO - ART. 435 (1) CRR... 5 TAVOLA

Dettagli

www.consulting.it CONSULTING SPA - Società per le banche Via Pergole, 2-23100 Sondrio Tel. 0342.219670 - Fax. 0342.219534 info@consulting.

www.consulting.it CONSULTING SPA - Società per le banche Via Pergole, 2-23100 Sondrio Tel. 0342.219670 - Fax. 0342.219534 info@consulting. www.consulting.it SOCIETA CERTIFICATA UNI ENI ISO 9001:2008 certificato n. 12849 - settore EA 37 Accr.minlavoro 5877 del 26/02/2007 Cod.Min.Borsa Lavoro 074DI829C00 CONSULTING SPA - Società per le banche

Dettagli