Il progetto è cofinanziato dal Sif fondo previsto dal Piano casa HOUSING SOCIALE A PARMA LA PRIMA INIZIATIVA A PARTIRE IN ITALIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il progetto è cofinanziato dal Sif fondo previsto dal Piano casa HOUSING SOCIALE A PARMA LA PRIMA INIZIATIVA A PARTIRE IN ITALIA"

Transcript

1 HOUSING SOCIALE A PARMA LA PRIMA INIZIATIVA A PARTIRE IN ITALIA Attualità Alloggi 852 Superficie lorda utile 63mila mq Aree della città coinvolte 7 Servizi locali e urbani mq Servizi integrativi all abitare 600 mq Investimento 140 milioni di euro Il progetto è cofinanziato dal Sif fondo previsto dal Piano casa 16 È Parma la prima città italiana a dare vita all esperienza del social housing. Il fondo immobiliare «Parma Social House», partecipato da Cassa Depositi e Prestiti, Cariparma, Comune e privati, realizzerà entro un anno 852 nuovi alloggi, destinati a quelle categorie che non rientrano nei parametri per l assegnazione delle case popolari. Attualmente sono in fase di lancio altre 40 iniziative di housing sociale in Italia, metà delle quali concentrate nelle regioni del nord. Tra questi, Cdp investirà fino a 88 milioni nel fondo «Abitare sociale 1» per l avvio di cantieri a Crema, Milano e Brescia, mentre saranno destinati 30 milioni di euro al fondo «Real Quercia housing sociale», gestito da Est Capital, per la costruzione di alloggi sociali e residenze temporanee in diverse città del Veneto, come Venezia e Vicenza. Allo studio altri progetti anche a Milano e Roma.

2 di Stefano Cianciotta I SOGGETTI COINVOLTI Promotore: Comune di Parma Promotori e attuatori: Parma Social House Scarl; consulenza di Finabita Spa e Fondazione Housing Sociale Parma Social House Scarl: Buia Nereo srl; Cooperativa di Produzione e Lavoro Bruno Buozzi scrl; Cme Consorzio Imprenditori Edili sc; Cooperativa Edile Artigiana sc; Cooperativa Edilizia Case Popolari scrl; La Nuova Speranza scrl; Parma 80 sc; Residence scrl Investitori: Parma Social House Scarl; Comune di Parma (tramite Stt Holding); Cdp Investimenti Sgr; Fondazione Cariparma; Coopfond-Legacoop; Contributo a fondo perduto di Regione Emilia Romagna; Gestione del Fondo e del processo di sviluppo immobiliare; Polaris Investment Italia Sgr spa Progetto architettonico: Archittetti Associati Giandebiaggi & Mora (area Via Chiavari); arch. Silvia Salvadego Molin Ugoni (area Sant Eurosia A18); arch. Gianni Di Gregorio e arch. Giorgio Cazzulani (area Sant Eurosia A19); arch. Stefano Malvenuti (area Sant Eurosia A20); arch. Dario Costi e arch. Simona Melli (area ex Rossi e Catelli); ing. G.L. Capra & Partners (area Crocetta A07-A08); Af Project srl (area Crocetta A06); arch. Haig Uluhogian (area Via La Spezia); arch. Daniele Pezzali (area Via Budellungo); arch. Isabella Tagliavini (area Panocchia) Imprese: Buia Nereo srl; Cooperativa di Produzione e Lavoro Bruno Buozzi scrl; Cme Consorzio Imprenditori Edili sc; Cooperativa Edile Artigiana sc Gestore sociale: Cooperativa Edilizia Case Popolari scrl; La Nuova Speranza scrl; Parma 80 sc; Residence scrl Controllo qualità e validazione dei progetti: Italsocotec spa Monitoraggio qualità, tempi e costi in fase di esecuzione: Mmf srl Responsabile dei Lavori: Ing. Adriano Aspoldi Hilson Moran Il ruolo di Cassa Depositi e Prestiti Nel 2009 Cassa Depositi e Prestiti, unitamente all Associazione delle Fondazioni Bancarie e all Associazione Bancaria Italiana, ha costituito «Cdp Investimenti Sgr spa», società di gestione del risparmio che promuove e gestisce il Fondo Investimenti per l Abitare. Il Fia è un fondo immobiliare riservato a investitori qualificati operante nel settore dell edilizia privata sociale, con la finalità di incrementare sul territorio italiano l offerta di alloggi sociali a supporto e integrazione delle politiche di settore dello stato e degli enti locali. Grazie alle sottoscrizioni di banche come Unicredit e Intesa-Sanpaolo e di assicurazioni come Generali e Allianz, il Fia oggi raccoglie risorse pari a 1,67 miliardi, a cui si aggiungeranno quelle provenienti dal ministero delle Infrastrutture e dalle casse di previdenza private. Il Fia opera su tutto il territorio nazionale investendo in iniziative locali per realizzare case Cos è il Social Housing Nato in Nord Europa agli inizi degli anni 90, il social housing fino a pochi anni fa era scarsamente diffuso in Italia, dove ha dominato la tendenza all acquisto delle abitazioni piuttosto che la locazione. A partire dal 2008, tuttavia, l aumento dei prezzi di mercato ha portato a un interruzione della domanda di alloggi sul libero mercato, e all aumento della domanda di social housing, cioè di un segmento di mercato a metà strada tra l edilizia residenziale pubblica e la proprietà privata delle abitazioni, vendute a prezzo di mercato. Il decreto ministeriale del 22 aprile 2008 ha definito l abitazione in regime di social housing come una «unità immobiliare adibita a uso residenziale in locazione permanente, destinata a individui e nuclei familiari svantaggiati che non sono in grado di accedere alla locazione di alloggi nel libero mercato». In pratica, case che vengono cedute in affitto a tutte quelle categorie sociali ritenute più deboli, come i lavoratori non assunti a tempo indeterminato, immigrati, studenti, genitori separati, anziani. Le case in social housing devono quindi essere disponibili a prezzi particolarmente interessanti, garantendo comunque degli standard di qualità sufficiente. Tecnologie e materiali di costruzione alternativi, a questo punto, diventano importanti fattori su cui puntare: gli obiettivi sono ridurre i tempi di realizzazione, mantenendo il più possibile bassi i costi di a costi accessibili, destinate alle famiglie non in grado di soddisfare sul mercato le proprie esigenze abitative, ma con redditi superiori a quelli che danno diritto alle assegnazioni dell edilizia residenziale pubblica. Il Fia è uno strumento innovativo volto a incrementare l offerta di edilizia privata sociale con modalità di attuazione proprie del mercato immobiliare privato, ossia mediante investimenti e non mediante contributi a fondo perduto. Il Fia investe principalmente il proprio patrimonio in quote di fondi comuni d investimento immobiliari gestiti da altre società di gestione del risparmio o in società di progetto operanti a livello locale, attraverso partecipazioni nel limite massimo del 40%. Questo limite è volto a sollecitare sul territorio l investimento di risorse che provengano da soggetti terzi rispetto al Fondo, permettendo nel contempo al Fondo di mantenere una presenza rilevante nelle singole iniziative. gestione e garantendo una maggiore sicurezza nei cantieri. Si tratta di abitazioni che garantiscono comunque parametri di qualità adeguati. Per il finanziamento del social housing è stato introdotto tra il 2008 e il 2009 il Piano nazionale di edilizia abitativa, che prevede l utilizzo di fondi immobiliari costituiti mediante la partecipazione sia di soggetti privati sia pubblici. Per esempio, a Milano il Piano di governo del territorio ha previsto che il 35% dei nuovi insediamenti residenziali sia destinato al social housing. Infatti, nel capoluogo lombardo è stata già prevista la realizzazione di due edifici residenziali per una superficie lorda complessiva di 5mila metri quadri. Inizia da Parma il cammino dell edilizia privata sociale in Italia, che vede concretizzarsi la cooperazione tra la Cassa Depositi e Prestiti e le Fondazioni bancarie per il piano nazionale di social housing. Fulcro della iniziativa è il fondo immobiliare «Parma Social House». Vi partecipano con 25 milioni di euro il Fia (Fondo investimenti per l abitare), gestito da Cdpi Sgr, la società di gestione del risparmio della Cassa Depositi e Prestiti, la Fondazione Cariparma con 10 milioni, il Comune di Parma, che mette a disposizione i terreni per un valore di circa 15 milioni, e alcuni imprenditori privati, per un totale di circa 80 milioni di euro. Il fondo è stato costituito per costruire 852 alloggi, destinati a giovani coppie, famiglie monogenitoriali, anziani, studenti e immigrati che non rientrano nei parametri per l assegnazione delle case popolari, ma che non sono nemmeno in grado di accedere a un abitazione a prezzi di mercato. Gli alloggi saranno così suddivisi: 252 in locazione a canone sostenibile, 420 in vendita diretta e 180 in locazione a canone convenzionato con previsione di riscatto all ottavo anno. Quella messa in moto a Parma è la prima parte di un progetto che prevede, nei prossimi anni, la realizzazione di circa alloggi «sociali» nell area comunale. L area edificata per il primo lotto ammonterà, complessivamente, a 61mila metri quadri, compresi mq di servizi e aree comuni destinate alla socializzazione e alla ricreazione. La conclusione dei lavori avverrà entro il Il progetto L obiettivo di «Parma Social House» è quello di sviluppare il tessuto urbano di quartiere, risorsa fondamentale per l housing sociale e per la convivenza di realtà sociali differenti. La proposta progettuale, infatti, ha individuato due livelli di intervento: uno di quartiere, relativa al comparto urbano, e uno locale, relativa al singolo lotto di intervento. La scala di quartiere ha come oggetto lo sviluppo di un sistema di spazi pubblici dotati di strutture, servizi e spazi d uso collettivo; la scala locale approfondisce invece la relazione tra il singolo intervento di housing sociale e gli spazi comuni pertinenziali alla residenza, gli spazi comuni e di coordinamento con lo spazio attiguo all intervento. Il programma di edilizia sociale è localizzato su sette aree della città (Crocetta, via Chiavari, via Sant Eurosia, area Rossi & Catelli, via La Spezia, via Budellungo, Pannocchia) e mira a promuovere stili di vita basati sulla sostenibilità sociale, economica e ambientale della comunità attraverso la riqualificazione urbana e architettonica, in coerenza con le indicazioni strategiche di sviluppo urbanistico della città. Dal punto di vista sociale l impatto del progetto è molto significativo perché, secondo 17

3 18 le intenzioni dei promotori, l obiettivo è quello di andare oltre il semplice concetto di abitare, per rafforzare, invece, l identità locale e il senso di appartenenza attraverso la creazione di comunità integrate e partecipative, dotate di adeguati servizi che corrispondono a una domanda abitativa particolarmente diversificata, rappresentativa delle nuove istanze sociali. L aspetto importante di questo intervento è la fondamentale sinergia che si è creata tra l amministrazione pubblica e chi opera nel settore delle costruzioni. Il Comune, tramite un bando pubblico, ha affidato a un Ati, composta da imprese e cooperative di costruzione insieme con cooperative di abitazione locali, la realizzazione di questo un progetto di edilizia residenziale sociale sulle aree che la pubblica amministrazione ha riservato all housing sociale. Attraverso la costituzione del Gestore sociale, alla cui formazione partecipano le cooperative di abitazione coinvolte nel progetto, viene promossa infatti la sperimentazione di un modello innovativo di gestione degli immobili, che prevede la partecipazione attiva dei residenti attraverso processi guidati di empowerment. La progettazione degli edifici è stata curata in ogni minimo dettaglio. I tagli degli alloggi, anche i più piccoli, sono stati pensati per garantire elevati standard di vivibilità e flessibilità. Tutti gli edifici raggiungono la classe energetica B. L intervento nel dettaglio La prima fase del progetto nasce in attuazione delle schede relative al Poc (Piano operativo comunale). Queste nuove costruzioni sfruttano la possibilità di aumentare la capacità edificatoria prevista dalla Finanziaria 2008, andando in deroga a quanto previsto dal Psc in aree destinate ad attività sociali e commerciali. Il 30% degli alloggi (265) sarà affittato a canone concordato ridotto del 30% (costo presunto tra 300 e 400 euro al mese più le spese); il 20% degli alloggi (182) sarà affittato a canone convenzionato pari al 4,5% del prezzo previsto per la cessione della piena proprietà, con previsione di riscatto dell alloggio all ottavo anno e avrà un costo indicativo di 600 al mese per alloggi di 80mq; il 50% circa degli alloggi (405) sarà venduto come edilizia convenzionata a 1850 euro al mq. La provvista finanziaria del Fondo raccoglie il significativo impegno dell amministrazione comunale di Parma, in aggiunta alla cessione del diritto di superficie delle aree oggetto di intervento, alla sottoscrizione, attraverso la controllata Servizi di trasformazione del territorio spa, di quote del Fondo per euro 15 milioni. La Fondazione Cariparma ha sottoscritto quote del Fondo per euro 10 milioni che si aggiungono ai 5 milio- Giulio Tremonti ministro dell Economia «Lo start up del progetto è avvenuto in soli 2 anni, un tempo assai breve. L iniziativa di Parma deve essere di esempio anche per il sud. Questo progetto ha funzionato perché è riuscito a coinvolgere un lungo ed eterogeneo catalogo di soggetti, in nome di una logica comune». Pietro Vignali sindaco di Parma «È un risultato importante per Parma, perché stiamo parlando del più grande piano casa mai realizzato in tempi così brevi. In questi due anni abbiamo fatto tutte le norme per procedere al bando emanato, aggiudicato poi a imprese e cooperative che hanno reso possibile la costruzione dei nuovi alloggi». ni sottoscritti dai soggetti promotori (Parma Social House scarl) e ai 1,5 milioni di euro deliberati da Coopfond (Fondo di promozione cooperativa di Legacoop) che rafforza l investimento già sottoscritto dalle cooperative. Giuseppe Guzzetti presidente Acri «Il progetto di edilizia privata sociale che si sta concretizzando a Parma è un tassello importante ed emblematico dell ampio piano nazionale di social housing, rispetto al quale le Fondazioni di origine bancaria stanno svolgendo un essenziale ruolo propulsivo, stimolando la nascita di fondi locali». Carlo Gabbi presidente Fondazione Cariparma «La Fondazione Cariparma si rivolge con grande attenzione al settore dell edilizia sociale: per questo motivo sono state positivamente valutate le caratteristiche del Fondo Parma Social House rivolto a giovani coppie, famiglie monogenitoriali, anziani, studenti e immigrati, aderendo a tale iniziativa». Le ricadute del progetto sul territorio Oltre a cedere le sette aree in diritto di superficie, il Comune si è impegnato anche a esentare dal pagamento del contributo di costruzione, reinvestire nel fondo i proventi derivanti dal riscatto della nuda proprietà, esentare dal pagamento dell Ici, concedere 3 milioni di euro a fondo perduto (conferiti dalla Regione), investire 15 milioni di euro in quote del fondo. Il progetto, che è servito anche per attirare le risorse del Piano casa, presenta ricadute positive per la città, in un periodo di crisi, di diversi tipi: 852 appartamenti a canoni e prezzi ridotti, con un impatto anche in termini di liberazione di alloggi Erp da ridestinare alle fasce più deboli; 7 nuovi interventi di edilizia residenziale concepiti per garantire sostenibilità ambientale e sociale; 140 milioni di euro di servizi e lavori di indotto per l economia locale; formule gestionali innovative nell edilizia sociale, con il coinvolgimento di operatori privati nella gestione degli alloggi; qualità nello

4 Stefano Marchettini Ad Cassa Depositi e Prestiti Sgr- Investimenti «Parma Social House dimostra l efficacia della collaborazione tra investitori pubblici e privati nell edilizia privata sociale. Un risultato proficuo non solo per l incremento dell offerta di alloggi sociali, ma anche per il contributo alla realizzazione di «pezzi di città» che contribuiscono al miglioramento del tessuto urbano di Parma». Gabriele Buia vicepresidente Ance «Cooperazione, costruzioni e finanza hanno dimostrato che insieme possono offrire soluzioni alle amministrazioni e risolvere problemi reali. L esperienza di Parma insegna che i Comuni devono pianificare il loro futuro da un punto di vista urbanistico. Abbiamo sbagliato in passato a sottovalutare questo mercato, ritenendolo prerogativa delle amministrazioni pubbliche». sviluppo della città, con modalità di progettazione e realizzazione che rappresentano best practice a livello nazionali; favorire la formazione di nuove famiglie e la natalità; dare una risposta concreta al bisogno di casa delle nuove famiglie di Parma. Nell indagine condotta dal Cresme nel 2009, relativamente a «La condizione abitativa a Parma. Analisi e linee strategiche», veniva ricordato che dal 2000 al 2008 il numero delle famiglie era cresciuto del 17,3%. Famiglie che in molti casi presentano forti difficoltà nell accesso al mercato della casa. Infatti, nell indagine si parlava di circa famiglie (fra Parma e i comuni Dario Costi progettista Parma social House dà una risposta efficace alla questione della casa attraverso una rinnovata idea di città incentrata sugli spazi pubblici e sui luoghi collettivi. In quest ottica il nostro progetto integra e rimette in valore le tre scale dell abitare: la dimensione domestica dell alloggio, quella condivisa delle sale comuni e dei giardini aperti, quella delle relazioni urbane e delle prospettive del paesaggio. Giuliano Poletti presidente di Legacoop «Legacoop e Legacoop Abitanti si sono sempre impegnate a promuovere ed elaborare progetti di social housing; oggi confermiamo questo impegno con le nostre cooperative locali che partecipano all intervento e con le strutture finanziarie espressione del mondo cooperativo». limitrofi) in condizioni di inadeguatezza economica per far fronte ai canoni richiesti e a questo va aggiunto che il patrimonio in locazione, in città si è assottigliato del 29% nel periodo compreso fra il 2001 e il Allo stesso tempo è quasi raddoppiata la popolazione universitaria, passata in quattro anni da a unità. Le altre iniziative in Italia Dopo il via libera all investimento del Fia nel fondo «Parma Social House», Cassa Depositi e Prestiti ha approvato analoghi impegni preliminari di sottoscrizione di quote nei fondi immobiliari fino a 118 milioni di euro in due programmi di social housing che prevedono una spesa complessiva di 295 milioni. Gli alloggi sociali beneficiari dell investimento saranno realizzati in particolare in Lombardia e Veneto. Cdp investirà fino a un massimo di 88 milioni nel fondo «Abitare sociale 1», promosso dalla fondazione Cariplo e gestito da Polaris Sgr, che prevede l avvio di cantieri a Crema, Milano e Brescia. Una somma di 30 milioni di euro sarà invece destinata al fondo «Real Quercia housing sociale», gestito da Est Capital, che ha in programma la costruzione di alloggi sociali e residenze temporanee in diverse città del Veneto, come Venezia e Vicenza, ma sono allo studio progetti anche a Milano e Roma. Per questi fondi locali Cdp Investimenti Sgr si è impegnata in via preliminare a sottoscriverli per un importo plafond; i gestori dei fondi locali dovranno inviare a Cdp i progetti definitivi e dettagliati. In particolare, Polaris ha tempo 3 anni per comunicare i progetti di investimento, mentre per quelli di Est Capital la scadenza è il 30 marzo Attualmente sono in fase di gestazione 40 progetti in Italia di social housing: 23 al Nord, 15 al Centro e 2 al Sud. E i costruttori cosa pensano? L accelerazione sull housing sociale, insieme con lo sblocco dei pagamenti alle imprese, le soluzioni per ridurre l invenduto, l avvio delle opere medio-piccole, lo sblocco dei fondi Fas e comunitari, gli investimenti sull edilizia scolastica e l attuazione del Piano Cipe delle opere prioritarie, è una delle misure che l Ance ha chiesto per fare ripartire il settore edilizio colpito dalla crisi. Proprio sul primo tema l Ance punta a migliorare il modello tradizionale di housing sociale verso una maggiore flessibilità, cioè «verso un modello di quarta generazione che contempli sia l affitto sia la vendita e non solo la locazione», per dirla con le parole del direttore generale dell associazione, Federico Merola. L iniziativa sostenuta dal Comune di Parma, infatti, rappresenta la seconda generazione progettuale dell housing sociale, che contempla affitto e vendita, con maggiore capacità quindi del progetto di autosostenersi, anche se con un intervento diretto del Comune, che ha concesso i terreni di sua proprietà. Il modello di terza generazione, accanto a una componente prevalente di social housing, consente anche la presenza di altre destinazioni d uso. L auspicio dell Ance è di passare a una quarta generazione, con una componente di social housing rilevante ma non prevalente, per coinvolgere direttamente i costruttori, mettendo in gioco terreni e capitali privati. RIPRODUZIONE RISERVATA 19

5 l area rossi & catelli L area Rossi & Catelli è situata a sud di Parma, in prossimità di via Traversetolo, lungo il tratto iniziale di via Budellungo. Il progetto, elaborato dagli architetti di Parma Dario Costi e Simona Melli, si articola in una serie di corpi collegati da un sistema di collegamenti a ballatoi, protetti per gran parte dello sviluppo dei corpi edilizi stessi.la disposizione planimetrica prevede due coppie di edifici paralleli disposti in relazione prospettica e visiva con il parco militare a nord lungo l asse nord/sud, e due edifici disposti in sequenza lungo il limite sud dell area.i ballatoi hanno larghezza di 1.50 metri e servono i 92 alloggi distribuiti su tre sistemi di risalita composti da scale (larghezza 1.50 metri) e ascensori. Questi tre punti sono collocati strategicamente in corrispondenza dei corpi accoppiati a est e a ovest e del corpo sud. La soluzione Il progetto tiene in considerazione diversi aspetti come il luogo, l articolazione spaziale e sociale delle aree collettive, il rapporto tra spazio pubblico esterno e le dotazioni collettive interne, la differenziazione dei corpi e dei fronti in ragione dell esposizione, il controllo dell irraggiamento, il riscontro d aria, l illuminazione naturale dei ballatoi come temi progettuali, i punti di vista sul paesaggio interno ed esterno, l articolazione tipomorfologica degli alloggi e la sua rappresentazione attraverso la selezione dei colori. I sette edifici si dispongono intorno a uno spazio centrale condiviso, con l apertura del complesso verso nord e la disposizione sequenziale di tre edifici monoaffaccio paralleli all asse di via Budellungo a sud, e di due coppie di edifici (anch essi monoaffaccio) sui lati est e ovest dell area. La scelta risponde a due motivazioni principali. La prima riguarda il rapporto che l architettura instaura con la luce naturale, per sfruttare i migliori affacci per gli alloggi. I tre edifici disposti a sud hanno il migliore rapporto di illuminazione diretta, pur mediato da balconi significativi e dalla presenza di un doppio filare di alberature previste lungo la pista ciclabile di via Budellungo. Le coppie di edifici sono disposte sull asse nord/sud e, di conseguenza, presentano affacci a est e a ovest. Ognuno di essi ha, quindi, garantita l esposizione al sole per mezza giornata. La seconda riguarda la messa in valore dell area con il suo contesto, come il parco militare caratterizzato da grandi filari paralleli proiettati verso sud. Gli spazi collettivi Le aree condivise sono state disegnate e trattate in maniera differenziata, a seconda del tipo di fruizione: due sono previste a prato, mentre gli spazi intermedi destinati alla sosta vengono trattati con il legno e quelli della piazza e delle aree di ingresso sono previste in pietra. Il prato sarà realizzato grazie a un rilevato in terra, collocato al di sopra della copertura dell interrato e le griglie di aerazione del livello interrato diventeranno percorsi pedonali distanti dalle aree di sosta. L area gioco per i bimbi avrà bolli colorati in superfici antitrauma a definire zone di attività, come quelle per i giochi classici (altalena, pincopanco, molle). L area per gli adolescenti e gli adulti sarà realizzata a sud con un grande tavolo di appoggio e un punto Wi Fi dotato di sedute in cemento di design, a sottolineare la funzione collettiva dell ambito. Tutti questi ambiti precisamente definiti verranno inseriti in pavimentazioni in legno per esterni. spazio pubblico esterno e interno Le dotazioni collettive interne sono di due tipologie: ambienti con servizi (destinabili a iniziative autorganizzate come micronido o sede di associazioni di quartiere) e lo spazio al piano terra del corpo sud 1 dove sarà possibile ospitare eventi allargati come conferenze, riunioni, gioco invernale al chiuso. Questi luoghi si proiettano verso l esterno e trovano, nei gradoni e nelle rampe di mediazione tra area pavimentata e prato, un controcampo di ambito per la socializzazione condominiale e pubblica. LE CARATTERISTICHE TECNICHE Prestazioni energetiche: Classe «B» Sistemi a cappotto, blocco cassero in legno mineralizzato Murature pluristrato o monostrato con facciata ventilata Serramenti a elevate prestazioni termiche Caldaia centralizzata a condensazione con pannelli fotovoltaici e termici o microcogenerazione/sistemi ad alta tecnologia, teleriscaldamento e pannelli fotovoltaici Contabilizzazione consumi individuali con contacalorie Pannelli radianti a pavimento Serramenti in legno, alluminio (a taglio termico) o pvc Pavimenti in gres porcellanato Rivestimenti in ceramica l illuminazione La varietà e articolazione dei fronti degli edifici sono state pensate in ragione dell esposizione. Così i sette corpi sono caratterizzati da diverse modalità di affaccio, motivi di variazione dell impaginato architettonico. I tre corpi sud hanno balconate profonde di mediazione dall irraggiamento estivo, con una forte vibrazione dei fronti arretrati degli alloggi. I doppi corpi disposti a definire lo spazio pubblico centrale vedono le due componenti differenziate tra quelli che affacciano a est e quelli che affacciano a ovest. I corpi a est hanno balconate continue allargate in corrispondenza dei soggiorni per dare maggiore spazio di sosta. I corpi a ovest vedono una rotazione verso l esterno delle pareti degli alloggi per ottimizzare l esposizione al sole nel periodo invernale. I punti di vista sul contesto Una particolare attenzione è stata data ai punti di vista sul paesaggio interno ed esterno. Il sistema dei percorsi e dei ballatoi nei doppi corpi est e ovest affaccia sul parco dell area militare a nord, in un rapporto studiato con i filari esistenti. I ballatoi affacciano sugli spazi pubblici interni e su una serie di punti di vista sul paesaggio rubano circostante. Ogni apertura finalizzata a segnare gli ingressi al complesso e a portare illuminazione naturale all interno è stata studiata anche come angolo visuale sulla città e come punto di vista privilegiato verso le direzioni principali del luogo e del quartiere. la caratterizzazione cromatica Le numerose tipologie di alloggi sono state «personalizzate» articolando i fronti e la forma degli edifici. Ad ognuna delle famiglie di tipologie è stato associato un colore primario: rosso per i bilocali, blue per i trilocali e giallo per i quadrilocali. Per ogni famiglie sono stati selezionati colori omogenei campionati dal quadro di Remo Gaibazzi (senza titolo del 1974) che riproduce la torre del Duomo di Parma. Così i colori scelti individuano i vari tagli e le varie configurazioni di alloggi anche negli alzati sui fronti esterni, nelle bucature e nelle nicchie interne di ingresso agli alloggi stessi. L insieme degli edifici presenta un trattamento a intonaco bianco per le pareti perimetrali e le solette dei balconi e delle logge mentre tutti gli ambienti sfondati o arretrati rispetto al filo esterno assumono il colore attribuito a ogni alloggio. L effetto finale introduce una serie di diversificazioni cromatiche coerenti con le variazioni dell assetto tipomorfologico degli alloggi. 20

6 LE ALTRE AREE La prima fase del progetto prevede l edificazione di 852 alloggi in totale entro il 2012 su una superficie lorda utile di mq. Altri 1100 alloggi saranno edificati su un area di mq prevista dal Piano Sociale Comunale, la cui attuazione avverrà nei prossimi anni. Il programma di edilizia sociale di Parma è localizzato su sette aree di trasformazione urbana della città: Crocetta, via Chiavari, via Sant Eurosia, area Rossi & Catelli, via La Spezia, via Budellungo, Pannocchia. Via Sant Eurosia. Crocetta. Via Chiavari. Via La Spezia. Via Budellungo. Pannocchia. 21

Premessa Disponibilità di aree fabbricabili da parte del Comune di Parma per la realizzazione di Edilizia Convenzionata

Premessa Disponibilità di aree fabbricabili da parte del Comune di Parma per la realizzazione di Edilizia Convenzionata Indice Origine dell iniziativa Connotati economici e finanziari del progetto Connotati qualitativi e prestazionali del progetto Connotati sociali del progetto Personaggi e interpreti Difficoltà e limiti

Dettagli

Cenni, una Comunità per Crescere

Cenni, una Comunità per Crescere IL FONDO IMMOBILIARE ETICO PER L EDILIZIA SOCIALE Cenni, una Comunità per Crescere rendering del progetto dello studio Rossi Prodi 1. Cenni, una Comunità per Crescere L intervento di via Cenni, a Milano,

Dettagli

NOTA TECNICA SUL PIANO CASA

NOTA TECNICA SUL PIANO CASA NOTA TECNICA SUL PIANO CASA L art. 11 della legge 133/08 ha inteso rilanciare un Piano Casa per realizzare un offerta di alloggi in proprietà e in locazione prima casa nelle aree di bisogno abitativo,

Dettagli

CDPI Sgr Cassa Depositi e Prestiti Sp ACRI

CDPI Sgr Cassa Depositi e Prestiti Sp ACRI Social Housing Il Social Housing nasce dall esigenza di risolvere il disagio abitativo delle famiglie a reddito medio e medio basso che, pur non rientrando nei piani di edilizia popolare, non riescono

Dettagli

30 gennaio 2013. Il Dg Marco Sangiorgio alla Conferenza stampa di presentazione del bando per l assegnazione di 98 appartamenti Parma Social House

30 gennaio 2013. Il Dg Marco Sangiorgio alla Conferenza stampa di presentazione del bando per l assegnazione di 98 appartamenti Parma Social House Dossier Stampa a cura dell Ufficio stampa 30 gennaio 2013 Il Dg Marco Sangiorgio alla Conferenza stampa di presentazione del bando per l assegnazione di 98 appartamenti Parma Social House Parma, Residenza

Dettagli

Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale

Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale IL FONDO INVESTIMENTI PER L ABITARE NEL SISTEMA INTEGRATO DI FONDI Stefano Brancaccio febbraio 2011 Il contesto di riferimento Con

Dettagli

Veneto Casa. Storia e prospettive future 19/11/2012. Fondo di Investimento Immobiliare Etico per l Housing Sociale.

Veneto Casa. Storia e prospettive future 19/11/2012. Fondo di Investimento Immobiliare Etico per l Housing Sociale. 19/11/2012 Veneto Casa Fondo di Investimento Immobiliare Etico per l Housing Sociale Storia e prospettive future 15 Novembre 2012 I.I. BENI Beni STABILI Stabili Gestioni GESTIONI S.P.A S.P.A. SGR - SGR

Dettagli

L HOUSING SOCIALE A MILANO E REALTA VIA AL BANDO PER 124 ABITAZIONI CENNI DI CAMBIAMENTO SULLA CITTA

L HOUSING SOCIALE A MILANO E REALTA VIA AL BANDO PER 124 ABITAZIONI CENNI DI CAMBIAMENTO SULLA CITTA COMUNICATO STAMPA L HOUSING SOCIALE A MILANO E REALTA VIA AL BANDO PER 124 ABITAZIONI CENNI DI CAMBIAMENTO SULLA CITTA Per la prima volta a Milano un bando per assegnare la abitazioni a canone calmierato.

Dettagli

Attività di CDP Investimenti Sgr nell edilizia sociale. Torino, 4 Febbraio 2010

Attività di CDP Investimenti Sgr nell edilizia sociale. Torino, 4 Febbraio 2010 Attività di CDP Investimenti Sgr nell edilizia sociale Torino, 4 Febbraio 2010 Premessa Nel febbraio 2009 Cassa Depositi e Presiti Spa (CDP), ACRI ed ABI hanno costituito CDP Investimenti Sgr S.p.A. (CDPI

Dettagli

Fondo Housing Toscano

Fondo Housing Toscano Fondo Housing Toscano HOUSING SOCIALE_ Definizione Nuova offerta di alloggi e servizi con forte connotazione sociale per coloro che non riescono a soddisfare il proprio bisogno abitativo sul mercato per

Dettagli

Housing Sociale in Friuli Venezia Giulia

Housing Sociale in Friuli Venezia Giulia Fare clic per Housing Sociale in Friuli Venezia Giulia Relatore: Prof. Ing. Edino Valcovich Correlatore: Laureando: Introduzione Premessa Social Housing Housing Sociale Edilizia Residenziale Pubblica (ERP)

Dettagli

Housing Sociale in Sicilia Promozione delle iniziative

Housing Sociale in Sicilia Promozione delle iniziative Housing Sociale in Sicilia Promozione delle iniziative Palermo, 8 marzo 2011 1 Indice 1. Fondazione Housing Sociale 2. Il Sistema Integrato dei Fondi 3. Target sociali e tipologie di interventi 4. Comunità

Dettagli

Avviso pubblico. Vice Direzione Generale Servizi Tecnici Divisione Edilizia Residenziale Pubblica

Avviso pubblico. Vice Direzione Generale Servizi Tecnici Divisione Edilizia Residenziale Pubblica Vice Direzione Generale Servizi Tecnici Divisione Edilizia Residenziale Pubblica Avviso pubblico per la selezione di Operatori privati partecipanti alle manifestazioni d interesse riguardanti le aree/immobili

Dettagli

Dall edilizia residenziale pubblica al social housing

Dall edilizia residenziale pubblica al social housing Dall edilizia residenziale pubblica al social housing **** Fondi Immobiliari e Housing Sociale FORUM PA 2010 Roma, 20 maggio 2010 1 Premessa Per Social Housing, si intende l insieme delle iniziative e

Dettagli

sette delle più belle zone di espansione Comune di Parma, appartamenti belli e vivibili

sette delle più belle zone di espansione Comune di Parma, appartamenti belli e vivibili Gli appartamenti del progetto Parma Social House sono realizzati in sette delle più belle zone di espansione del Comune di Parma, disposte nella fascia sud della città, la più ricercata. Il filo conduttore

Dettagli

Gli esiti del sondaggio sull Housing Sociale nel territorio bassanese Bassano del Grappa, 17 aprile 2015

Gli esiti del sondaggio sull Housing Sociale nel territorio bassanese Bassano del Grappa, 17 aprile 2015 Gli esiti del sondaggio sull Housing Sociale nel territorio bassanese Bassano del Grappa, 17 aprile 2015 Opportunità socioeconomica per rilanciare il settore edile, il mercato immobiliare e quello degli

Dettagli

Housing sociale come strumento di rigenerazione urbana Comune di Brescia 10 luglio 2014

Housing sociale come strumento di rigenerazione urbana Comune di Brescia 10 luglio 2014 Housing sociale come strumento di rigenerazione urbana Comune di Brescia 10 luglio 2014 FHS, dal Progetto alla Fondazione La Fondazione Housing Sociale è nata per sviluppare il Progetto Housing Sociale,

Dettagli

Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in Sardegna

Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in Sardegna Provincia di Olbia Tempio Politiche abitative e Housing Sociale. Olbia, 13-14 Febbraio 2013 Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in

Dettagli

NEL MEZZO DEL CAMMIN : IL SOCIAL HOUSING, A CHE PUNTO SIAMO? Angela Airoldi

NEL MEZZO DEL CAMMIN : IL SOCIAL HOUSING, A CHE PUNTO SIAMO? Angela Airoldi NEL MEZZO DEL CAMMIN : IL SOCIAL HOUSING, A CHE PUNTO SIAMO? Angela Airoldi Responsabile Area Economia Urbana e Immobiliare CERTeT Università L. Bocconi Ricercatore senior Gruppo CLAS 8 giugno 2011, fieramilano

Dettagli

ABITARE A MILANO LA CASA COME SERVIZIO VIA GALLARATE VIA APPENNINI

ABITARE A MILANO LA CASA COME SERVIZIO VIA GALLARATE VIA APPENNINI LA CASA COME SERVIZIO VIA GALLARATE VIA APPENNINI VIA GALLARATE VIA APPENNINNI L intervento di via Gallarate L area di 33.860 mq è compresa in una fascia lunga e stretta tra via Gallarate e via Appennini.

Dettagli

IMMOBILIARE & SOCIAL HOUSING

IMMOBILIARE & SOCIAL HOUSING IMMOBILIARE & SOCIAL HOUSING IMMOBILIARE & SOCIAL HOUSING IMMOBILIARE & SOCIAL HOUSING EDILIZIA PRIVATA SOCIALE, LA SFIDA DEI FONDI IMMOBILIARI (AGI) - Palermo, 8 mar. - Si e' svolto oggi presso la Fondazione

Dettagli

Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale IL FONDO INVESTIMENTI PER L ABITARE NEL SISTEMA INTEGRATO DI FONDI

Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale IL FONDO INVESTIMENTI PER L ABITARE NEL SISTEMA INTEGRATO DI FONDI Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale IL FONDO INVESTIMENTI PER L ABITARE NEL SISTEMA INTEGRATO DI FONDI Stefano Marchettini Marzo 2011 Contenuti del documento Il mercato

Dettagli

Fondo Investimenti per l Abitare

Fondo Investimenti per l Abitare Fondo Investimenti per l Abitare Stato di avanzamento Incontro DSC Roma, 18 gennaio 2014 Fondo Investimenti per l Abitare (FIA) Il FIA è stato istituto per realizzare interventi di Edilizia Privata Sociale

Dettagli

Lega delle cooperative

Lega delle cooperative Lega delle cooperative La Lega Nazionale Cooperative e Mutue (Legacoop) è nata nel 1886 allo scopo di valorizzare e diffondere il modello cooperativo, basato sui valori di solidarietà e mutualità. Le cooperative

Dettagli

Dal Saggio Il gestore sociale quale garante della sostenibilità negli interventi di Housing Sociale

Dal Saggio Il gestore sociale quale garante della sostenibilità negli interventi di Housing Sociale Dal Saggio Il gestore sociale quale garante della sostenibilità negli interventi di Housing Sociale Maria Luisa Del Gatto Dipartimento BEST, Politecnico di Milano Giordana Ferri Fondazione Housing Sociale

Dettagli

3. SOCIALE. 3.3 Politiche abitative

3. SOCIALE. 3.3 Politiche abitative 3. SOCIALE 3.3 Politiche abitative INDICE Inquadramento strategico..................... pag. 65 Risorse impiegate........................ pag. 66-67 I progetti innovativi....................... pag. 68-69

Dettagli

WWW.FHS.IT. Milano, 20 marzo 2015

WWW.FHS.IT. Milano, 20 marzo 2015 WWW.FHS.IT Milano, 20 marzo 2015 Fondazione Housing Sociale nasce per rispondere a un bisogno La Fondazione è un soggetto privato, no-profit, e opera per finalità di interesse pubblico e sociale. La Fondazione

Dettagli

CASA INTEGRA - BOCCALEONE UN OPPORTUNITÀ ABITATIVA TRA LA CITTÀ E IL QUARTIERE

CASA INTEGRA - BOCCALEONE UN OPPORTUNITÀ ABITATIVA TRA LA CITTÀ E IL QUARTIERE CASA INTEGRA - BOCCALEONE UN OPPORTUNITÀ ABITATIVA TRA LA CITTÀ E IL QUARTIERE AVVISO PUBBLICO PER LA RACCOLTA DI CANDIDATURE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE MODERATO E CON PATTO DI

Dettagli

Investimenti deliberati da CDP Investimenti Sgr per conto del Fondo Investimenti per l Abitare (dati aggiornati al 24 settembre 2014)

Investimenti deliberati da CDP Investimenti Sgr per conto del Fondo Investimenti per l Abitare (dati aggiornati al 24 settembre 2014) Investimenti deliberati da CDP Investimenti Sgr per conto del Fondo Investimenti per l Abitare (dati aggiornati al 24 settembre 2014) Il Fia ha finora assunto complessivamente delibere definitive d investimento

Dettagli

L Attività di CDP Investimenti Sgr e del Fondo Investimenti per l Abitare

L Attività di CDP Investimenti Sgr e del Fondo Investimenti per l Abitare CREDITO AL CREDITO: IL MERCATO DEL CREDITO TRA SVILUPPO ECONOMICO ED EQUITÀ SOCIALE L Attività di CDP Investimenti Sgr e del Fondo Investimenti per l Abitare ABI Palazzo Altieri Roma, 24 novembre 2010

Dettagli

VIA DIAZ 44, LA TRASFORMAZIONE DELLA EX COLOMBAIA MILITARE A BRESCIA

VIA DIAZ 44, LA TRASFORMAZIONE DELLA EX COLOMBAIA MILITARE A BRESCIA COMUNE DI BRESCIA VIA DIAZ 44, LA TRASFORMAZIONE DELLA EX COLOMBAIA MILITARE A BRESCIA Responsabile Unico del Procedimento: Arch. Massimo Azzini, Dirigente del Comune di Brescia Progetto architettonico:

Dettagli

Investimenti deliberati dal cda di CDP Investimenti Sgr per conto del Fondo Investimenti per l Abitare

Investimenti deliberati dal cda di CDP Investimenti Sgr per conto del Fondo Investimenti per l Abitare Investimenti deliberati dal cda di CDP Investimenti Sgr per conto del Fondo Investimenti per l Abitare aggiornamento al 31 luglio 2015 Fondo: Parma Social House Ammontare obiettivo: 145 mln Investimento

Dettagli

Fondo Emilia Romagna SH

Fondo Emilia Romagna SH STRETTAMENTE RISERVATO E CONFIDENZIALE Fondo Emilia Romagna SH Promozione delle iniziative Modena, 23 febbraio 2011 Indice 1. Il Sistema Integrato dei Fondi 2. Fondo Emilia Romagna Social Housing 3. Target

Dettagli

offrire un abitazione migliore a chi già abita nell immobile da decenni e che costituisce la memoria storica del luogo.

offrire un abitazione migliore a chi già abita nell immobile da decenni e che costituisce la memoria storica del luogo. IL PROGETTO Il progetto Maison du monde è realizzato grazie al Fondo Immobiliare di Lombardia e si propone di recuperare e valorizzare un edificio collocato in Via Padova 36, realizzando e offrendo alloggi

Dettagli

SOCIAL HOUSING E FONDI IMMOBILIARI

SOCIAL HOUSING E FONDI IMMOBILIARI SOCIAL HOUSING E FONDI IMMOBILIARI Milano, 26 Novembre 2010 L intervento pubblico: principi di intervento Nel contesto odierno l intervento pubblico deve essere finalizzato a : Individuare soluzioni per

Dettagli

SARONNO RIGENERAZIONE DELL AREA EX INDUSTRIALE EX POZZI GINORI. via padre luigi sampietro via fratelli cervi via balasso PGT

SARONNO RIGENERAZIONE DELL AREA EX INDUSTRIALE EX POZZI GINORI. via padre luigi sampietro via fratelli cervi via balasso PGT SARONNO RIGENERAZIONE DELL AREA EX INDUSTRIALE EX POZZI GINORI via padre luigi sampietro via fratelli cervi via balasso PGT ATU Ambito di Trasfromazione Urbana DESCRIZIONE DELL AMBITO IL PIANO DEL GOVERNO

Dettagli

Indici e parametri urbanistici

Indici e parametri urbanistici Collegamento con ciclopedonali esistenti Ambito 14.000 mq Collegamento con via Pertini e la rotonda Indici e parametri urbanistici sup. territoriale 14.158 mq sup. fondiaria totale 6240 mq sup. fondiaria

Dettagli

CONVEGNO CASA IMMIGRATI.

CONVEGNO CASA IMMIGRATI. CONVEGNO CASA IMMIGRATI. Percorsi possibili Il contesto attuale Nello studio sugli insediamenti degli immigrati nella nostra provincia, si deduce che è avvenuto in modo omogeneo nell intero territorio

Dettagli

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi F/01_FASCICOLO 1_DESCRIZIONE DELLA RICERCA Indice 1. La ricerca 2. Gli obiettivi

Dettagli

IL PROGETTO DI MILANO - VIA VOLTRI

IL PROGETTO DI MILANO - VIA VOLTRI Social Housing IL PROGETTO DI MILANO - VIA VOLTRI Il progetto di Milano Voltri è localizzato nel quadrante sud-est di Milano (zona Barona), a circa 500 m dalla linea 2 della metropolitana, fermata Famagosta.

Dettagli

Livio Cassoli Responsabile Investimenti CDP Investimenti SGR S.p.A. Bologna, 15 Novembre 2012

Livio Cassoli Responsabile Investimenti CDP Investimenti SGR S.p.A. Bologna, 15 Novembre 2012 Il Fondo Investimenti per l Abitare gestito da CDP Investimenti Sgr I criteri seguiti per verificare l ammissibilità delle proposte di investimento nei fondi immobiliari locali Livio Cassoli Responsabile

Dettagli

WELHOME! MOLINI RIUNITI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE MODERATO

WELHOME! MOLINI RIUNITI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE MODERATO WELHOME! MOLINI RIUNITI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE MODERATO AVVISO PUBBLICO PER LA RACCOLTA DI CANDIDATURE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE MODERATO A COLOGNOLA (BG) 0. PREMESSA Il

Dettagli

L esperienza di Fondazione Housing Sociale MIlano, 29 novembre 2013

L esperienza di Fondazione Housing Sociale MIlano, 29 novembre 2013 RISERVATO E CONFIDENZIALE L esperienza di Fondazione Housing Sociale MIlano, 29 novembre 2013 Fondazione Housing Sociale nasce per rispondere a un bisogno La Fondazione Housing Sociale ( FHS o la Fondazione

Dettagli

QUARENGHI 33 A DUE PASSI DAL CENTRO DI BERGAMO

QUARENGHI 33 A DUE PASSI DAL CENTRO DI BERGAMO QUARENGHI A DUE PASSI DAL CENTRO DI BERGAMO AVVISO PUBBLICO PER LA RACCOLTA DI CANDIDATURE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE MODERATO IN VIA QUARENGHI, A BERGAMO 0. PREMESSA Il presente

Dettagli

#VIAPADOVA36- Dettaglio

#VIAPADOVA36- Dettaglio #VIAPADOVA36- Dettaglio In ViaPadova36 oggi si trovano: 1) 41 alloggi (monolocali, bilocali, trilocali e quadrilocali) in locazione 4+4 a un canone massimo di 80 euro/mq/anno di cui: a) 35 alloggi per

Dettagli

Promosso SHR il primo Fondo di Social Housing a Roma

Promosso SHR il primo Fondo di Social Housing a Roma Dossier Stampa a cura dell Ufficio stampa 20 giugno 2013 Promosso SHR il primo Fondo di Social Housing a Roma art Ufficio Stampa 20-GIU-2013 da pag. 22 Ritaglio stampa ad uso esclusivo del destinatario,

Dettagli

La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale

La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale Le iniziative della Regione Emilia- Romagna per l housing sociale Bologna 15 novembre 2012 Caterina Brancaleoni Nucleo

Dettagli

Concorso di Progettazione per la realizzazione della nuova biblioteca del Comune di Maranello

Concorso di Progettazione per la realizzazione della nuova biblioteca del Comune di Maranello Concorso di Progettazione per la realizzazione della nuova biblioteca del Comune di Maranello DEEPER UNDERGROUND RELAZIONE GENERALE Criteri Progettuali L idea progettuale di base, per la realizzazione

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano 80 Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo 81 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della Progettazione

Dettagli

DL 112 del 25 giugno 2008 Convertito con modificazione dalla. L. 133 del 6 agosto 2008

DL 112 del 25 giugno 2008 Convertito con modificazione dalla. L. 133 del 6 agosto 2008 DL 112 del 25 giugno 2008 Convertito con modificazione dalla L. 133 del 6 agosto 2008 (G.U. n. 195 del 21/8/08) Capo IV Casa e infrastrutture Art. 11. Piano Casa 1. Al fine di garantire su tutto il territorio

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Piano Nazionale di edilizia abitativa Visto il decreto legge 25 giugno 2008, n 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n 133, recante

Dettagli

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA NOTA ANCAb SUL PIANO CASA Il Piano Casa del Governo, istituito dall art. 11 della legge n 133 del 2008, rivolto all incremento del patrimonio immobiliare ad uso abitativo attraverso l offerta di abitazioni

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIANNI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIANNI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4536 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GIANNI Disposizioni per ridurre il disagio abitativo mediante la partecipazione delle regioni

Dettagli

Il quartiere solare di Linz

Il quartiere solare di Linz Il quartiere solare di Linz di Giordana Castelli La città solare di Linz è un caso di eccellenza dal punto di vista della sostenibilità sociale ed ambientale ed è il risultato della volontà dell amministrazione

Dettagli

PROGETTO COMMERCIO ON DEMAND

PROGETTO COMMERCIO ON DEMAND PROGETTO COMMERCIO ON DEMAND PREMESSE E RAGIONI DELL INTERVENTO Il presente avviso è promosso dalla Fondazione Housing Sociale FHS, nella sua qualità di soggetto che, sin dalla sua costituzione nell anno

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Inaugurato Campus Monneret, una nuova residenza universitaria per la città

COMUNICATO STAMPA. Inaugurato Campus Monneret, una nuova residenza universitaria per la città COMUNICATO STAMPA Inaugurato Campus Monneret, una nuova residenza universitaria per la città Un iniziativa di Fondazione Cariplo e di Fondazione Housing Sociale, con il sostegno finanziario di Cassa Depositi

Dettagli

Creare una smart community Giordana FERRI

Creare una smart community Giordana FERRI Creare una smart community Giordana FERRI Milano, 21 marzo 2015 VERSO IL CONDOMINIO SMART Madeexpo 2015, Milano Brescia, 25 febbraio 2015 Edilizia Privata Sociale e Alloggio Sociale Che cosa si intende

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 400 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Promozione del progetto per la costituzione del Fondo di Housing Sociale Trentino

Dettagli

FONDAZIONE CARIPLO: VIA PADOVA 36, UNA CASA TANTE STORIE

FONDAZIONE CARIPLO: VIA PADOVA 36, UNA CASA TANTE STORIE FONDAZIONE CARIPLO: VIA PADOVA 36, UNA CASA TANTE STORIE In via Padova, quartiere multietnico, un edificio che vuole essere il simbolo della convivenza e della solidarietà tra famiglie italiane e straniere,

Dettagli

Piano nazionale di edilizia abitativa

Piano nazionale di edilizia abitativa ALLEGATO Piano nazionale di edilizia abitativa Art. 1 (Linee d intervento) 1. Il piano è articolato in sei linee di intervento, di seguito indicate: a) costituzione di un sistema integrato nazionale e

Dettagli

febbraio 2011 Il sistema dei Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale

febbraio 2011 Il sistema dei Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale Il Sistema Integrato dei Fondi immobiliari per l edilizia privata Sociale FONDI IMMOBILIARI E HOUSING SOCIALE Roberto Brustia CBA Studio Legale e Tributario febbraio 2011 Premessa Per Social Housing si

Dettagli

DAR nasce nel 1991 per dare risposta a una domanda crescente di casa da parte della popolazione immigrata.

DAR nasce nel 1991 per dare risposta a una domanda crescente di casa da parte della popolazione immigrata. DAR=CASA Master in housing sociale e collaborativo 6 giugno 2014 Maria Chiara Cela Chiara Soletta Sara Travaglini DAR=CASA Società Cooperativa www.darcasa.org La nostra mission Dare una risposta concreta

Dettagli

Flessibilità e Trasparenza per un Nuovo Mercato degli Affitti DANIELA PERCOCO. MILANO 30 Gennaio 2014

Flessibilità e Trasparenza per un Nuovo Mercato degli Affitti DANIELA PERCOCO. MILANO 30 Gennaio 2014 Flessibilità e Trasparenza per un Nuovo Mercato degli Affitti DANIELA PERCOCO MILANO 30 Gennaio 2014 Temi trattati Il mercato della locazione in Italia: trend recenti di contratti, domanda, offerta, quotazioni

Dettagli

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo 1. L area disciplinata dal presente Piano Particolareggiato è quella perimetrata nella cartografia del R.U. vigente nel Comune di Colle VE ed identificata

Dettagli

FORUM BANCHE PA 2013. «IL Patrimonio Immobiliare quale opportunità di sviluppo e di modernizzazione delle amministrazioni locali»

FORUM BANCHE PA 2013. «IL Patrimonio Immobiliare quale opportunità di sviluppo e di modernizzazione delle amministrazioni locali» FORUM BANCHE PA 2013 «IL Patrimonio Immobiliare quale opportunità di sviluppo e di modernizzazione delle amministrazioni locali» Luca Silla Cassa Depositi e Prestiti Spa Roma, 16 luglio 2013 Indice Il

Dettagli

Risparmio e benessere Nuovi appartamenti a Senago

Risparmio e benessere Nuovi appartamenti a Senago Risparmio e benessere Nuovi appartamenti a Senago COMUNE DI SENAGO BANDO PUBBLICO DEL 07/11/2007 ASSEGNAZIONE DI AREE IN DIRITTO DI SUPERFICIE PER UN INTERVENTO DI EDILIZIA CONVENZIONATA NELL AMBITO PEEP

Dettagli

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Comunicato Stampa FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Ieri sera l incontro con i cittadini cormanesi per parlare di territorio e residenza Cormano,

Dettagli

Progettare e costruire Housing Sociale ad alta efficienza energetica

Progettare e costruire Housing Sociale ad alta efficienza energetica Arch. Vincenzo Esposito - Direttore Generale Casa S.p.A. Progettare e costruire Housing Sociale ad alta efficienza energetica Roma 14 dicembre 2010 Consumi in generale 2 in dettaglio 3 4 5 6 E quindi necessario

Dettagli

www.lecasenelparco.it 800 00 60 61

www.lecasenelparco.it 800 00 60 61 www.lecasenelparco.it 800 00 60 61 La città di Torino ha scelto di valorizzare l area più verde della città: la zona di via Verolengo, resa unica dai 456.000 mq del Parco Dora, è oggi punto di forte interesse.

Dettagli

Una risposta alla questione abitativa a Roma: l abitare, non solo case. Conferenza stampa - 27 Aprile 2015

Una risposta alla questione abitativa a Roma: l abitare, non solo case. Conferenza stampa - 27 Aprile 2015 Una risposta alla questione abitativa a Roma: l abitare, non solo case Conferenza stampa - 27 Aprile 2015 Famiglie e abitazioni a Roma 1971 2001 2011 Popolazione 2.781.993 2.546.804 2.617.465 Anziani per

Dettagli

Finint ha incaricato quale soggetto che fungerà da Gestore Sociale la Società Consortile C.A.S.A. FVG (di seguito Gestore Sociale )

Finint ha incaricato quale soggetto che fungerà da Gestore Sociale la Società Consortile C.A.S.A. FVG (di seguito Gestore Sociale ) AVVISO PER LA RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE A SPORTELLO Alloggi in locazione nel sito AbitaPordenone Non solo una casa Viale Grigoletti 92-94/A - Pordenone PREMESSA Il Fondo Immobiliare Housing

Dettagli

Castelfranco Emilia. PRU ex Case Operaie. Area progetto. Descrizione area progetto. Parte 1. Parte 2. Parte 3. Parte 4. Parte 5

Castelfranco Emilia. PRU ex Case Operaie. Area progetto. Descrizione area progetto. Parte 1. Parte 2. Parte 3. Parte 4. Parte 5 Castelfranco Emilia Area progetto PRU ex Case Operaie Il Comune di Castelfranco Emilia, presenta in sede di bando per la legge 19/98, una serie di ipotesi di riqualificazione urbana (su suggerimento di

Dettagli

PROGETTO DI LEGGE N. 0392. di iniziativa del Presidente della Giunta regionale

PROGETTO DI LEGGE N. 0392. di iniziativa del Presidente della Giunta regionale REGIONE LOMBARDIA VIII LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 15996 PROGETTO DI LEGGE N. 0392 di iniziativa del Presidente della Giunta regionale Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione

Dettagli

Il FONDO Housing Sociale Italia Centrale e Palazzo Sgariglia di Ascoli Piceno

Il FONDO Housing Sociale Italia Centrale e Palazzo Sgariglia di Ascoli Piceno Il FONDO Housing Sociale Italia Centrale e Palazzo Sgariglia di Ascoli Piceno Nel 2011 ad iniziativa di Fondazione Tercas e Fondazione CARISAP è stato istituito il Fondo Housing Sociale (HS) Italia Centrale,

Dettagli

BENVENUTI NEL FUTURO DI ROMA

BENVENUTI NEL FUTURO DI ROMA BENVENUTI NEL FUTURO DI ROMA CITTÀ DEL SOLE È UN INNOVATIVO PROGETTO URBANO ED ARCHITETTONICO NATO CON L INTENTO DI CREARE UN LUOGO CAPACE DI CONCILIARE LA MISURA E LA VIVIBILITÀ DI QUARTIERE CON I CANONI

Dettagli

Residenziale VIA RICCIONE

Residenziale VIA RICCIONE Residenziale VIA RICCIONE MODENA SUD, in prossimità di via Forlì, parte privata del Comparto Salvo D Acquisto est, realizziamo palazzina signorile di sole 6 unità abitative Modena zona SALVO D ACQUISTO

Dettagli

CASA E LAVORO: LE PRIORITÀ CONDIVISE

CASA E LAVORO: LE PRIORITÀ CONDIVISE La trasparenza nelle Istituzioni: FACCIAMO IL PUNTO SULL ATTIVITÀ DI GOVERNO Aggiornato al 28 agosto 2013 IL GOVERNO LETTA E LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO: CASA E LAVORO: LE PRIORITÀ CONDIVISE Nelle pagine

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE MODIFICA DELL'ART. 14 DELLA CONVENZIONE RELATIVA ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA COSTRUTTIVO, CON CRITERI BIO ED ECOSOSTENIBILI, LOCALIZZATO AI SENSI DELL'ART. 51 DELLA LEGGE N. 865/71 IN LOCALITA' BELLOCCHI

Dettagli

Dipartimento Riqualificazione Urbana Settore Piani e Progetti Urbanistici U.I. Progettazione Urbanistica. POC rigenerazione di patrimoni pubblici

Dipartimento Riqualificazione Urbana Settore Piani e Progetti Urbanistici U.I. Progettazione Urbanistica. POC rigenerazione di patrimoni pubblici Dipartimento Riqualificazione Urbana Settore Piani e Progetti Urbanistici U.I. Progettazione Urbanistica POC rigenerazione di patrimoni pubblici 3 9 2015 NATURA, FORMAZIONE E OBIETTIVI DEL POC_RPP elaborati

Dettagli

Meno consumi più lavoro Riqualificazione energetica e architettonica degli immobili come volano per l occupazione locale

Meno consumi più lavoro Riqualificazione energetica e architettonica degli immobili come volano per l occupazione locale Meno consumi più lavoro Riqualificazione energetica e architettonica degli immobili come volano per l occupazione locale Un progetto di riqualificazione architettonica di un condominio: il risparmio fiscale.

Dettagli

PARTI COMUNI INTERNO UNITA IMMOBILIARE

PARTI COMUNI INTERNO UNITA IMMOBILIARE PARTI COMUNI INGRESSO VIA DONATELLO CORTE INTERNA INGRESSO /SCALA CONDOMINIALE SCALA CONDOMINIALE INTERNO UNITA IMMOBILIARE FOTO 1 -CORRIDOIO-INGRESSO FOTO 2 CUCINA FOTO 3 -BAGNO 1 FOTO 4 CAMERA 1 FOTO

Dettagli

Evoluzione del mercato immobiliare: fondi immobiliari per l'housing sociale

Evoluzione del mercato immobiliare: fondi immobiliari per l'housing sociale Evoluzione del mercato immobiliare: fondi immobiliari per l'housing sociale 17 Ottobre 2012 Giacomo Morri, Topic Leader Real Estate BAA, Docente SDA Bocconi Paola Delmonte, Dirigente CDP Investimenti SGR,

Dettagli

SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux

SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux QUADRO CONOSCITIVO Breve descrizione dell intervento Gli interventi

Dettagli

consolidata e di completamento con destinazione residenziale (art. 23 N. T. A. di P. R. G.);

consolidata e di completamento con destinazione residenziale (art. 23 N. T. A. di P. R. G.); RELAZIONE TECNICA Il Piano di Recupero interessa un ambito che comprende l edificio ad uso residenziale di Via Catania n. 126 (foglio 25, mappali 112 e 198) di proprietà ALER, noto come casa di plastica

Dettagli

Consegna dei primi alloggi Aler per gli studenti fuori sede dell Università di Milano-Bicocca

Consegna dei primi alloggi Aler per gli studenti fuori sede dell Università di Milano-Bicocca Consegna dei primi alloggi Aler per gli studenti fuori sede dell Università di Milano-Bicocca Firmata oggi la convenzione, alloggi per 30 studenti Firmata la convenzione tra Aler Milano e l Università

Dettagli

Giovedì 18 Giugno 2015 P. 24

Giovedì 18 Giugno 2015 P. 24 Giovedì 18 Giugno 2015 P. 24 1 Giovedì 18 Giugno 2015 P. 24 2 3 Giovedì 18 Giugno 2015 P. 23 4 Giovedì 18 Giugno 2015 P. 13 5 6 Giovedì 18 Giugno 2015 P. 19 7 8 Palermo Giovedì 18 Giugno 2015 P. II-III

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 31/21 DEL 5.8.2014

DELIBERAZIONE N. 31/21 DEL 5.8.2014 Oggetto: Piano straordinario di edilizia scolastica Iscol@: avvio dell asse di Interventi di messa in sicurezza e manutenzione programmata degli edifici scolastici. Il Presidente, nell illustrare la proposta

Dettagli

VENETO CASA 18-03-2011. Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale INDICE. Padova, 22 Febbraio 2011. 1.

VENETO CASA 18-03-2011. Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale INDICE. Padova, 22 Febbraio 2011. 1. Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale Padova, 22 Febbraio 2011 INDICE 1. Introduzione 2. Schema di governance 3. Obiettivi sociali e linee guida operative 4. Gli interventi

Dettagli

SOCIAL HOUSING: IL QUADRO NORMATIVO IL NUOVO ANNO INIZIA MALE

SOCIAL HOUSING: IL QUADRO NORMATIVO IL NUOVO ANNO INIZIA MALE SOCIAL HOUSING: IL QUADRO NORMATIVO IL NUOVO ANNO INIZIA MALE E il 3 gennaio 2012, quasi il primo giorno lavorativo del nuovo anno, quando arriva il comunicato della Corte dei Conti. Il Piano Casa non

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI STEFANO SCALERA

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI STEFANO SCALERA EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI STEFANO SCALERA Direzione per la valorizzazione dell attivo e del patrimonio dello Stato, Dipartimento del Tesoro, Ministero dell economia e delle finanze INDICE

Dettagli

L intervento a scala di quartiere: aspetti progettuali e di finanziabilità

L intervento a scala di quartiere: aspetti progettuali e di finanziabilità L intervento a scala di quartiere: aspetti progettuali e di finanziabilità Anna Maria Pozzo Direttore tecnico di Federcasa Premessa L efficienza energetica é una esigenza e una opportunità che va anche

Dettagli

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 PUC3 COMUNE DI PARRANO Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 Interventi per la rivitalizzazione e rifunzionalizzazione delle aree urbane e dei centri storici Riqualificazione dell insediato storico

Dettagli

PIANO DI LOTTIZZAZIONE A.T.R. N. 3-1 RELAZIONE

PIANO DI LOTTIZZAZIONE A.T.R. N. 3-1 RELAZIONE RELAZIONE PIANO DI LOTTIZZAZIONE A.T.R. N. 3-1 RELAZIONE CARATTERI TERRITORIALI DELL AMBITO CARATTERISTICHE AMBIENTALI L ambito di trasformazione residenziale in località San Gottardo, definito dal P.G.T.

Dettagli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli Piano d azione: Favorire l accesso ad abitazioni dignitose (housing sociale) SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di

Dettagli

Residenza. Duchessa Margherita

Residenza. Duchessa Margherita Residenza Duchessa Margherita Residenza Duchessa Margherita Viale Risorgimento 15 (angolo Via Campo della Fiera) La vista unica su Palazzo Farnese, la localizzazione a due passi dal centro storico, un

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA TRA COMUNE DI BERGAMO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO CDP INVESTIMENTI SGR S.P.A. PER LA RIQUALIFICAZIONE E RICONVERSIONE FUNZIONALE DELLA SEDE STORICA DEGLI OSPEDALI RIUNITI DI

Dettagli

abitcoop Intervento a Montale

abitcoop Intervento a Montale inserto abitcoop Intervento a Montale Castelfranco Emilia alloggi pronta consegna P.E.E.P. Gaggio Progettista: arch. Enrico Merli Programma di edilizia convenzionata in area P.E.E.P. in proprietà Disponibilità

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA SELEZIONE DEI PROGRAMMI DI RIQUALIFICAZIONE URBANA PER ALLOGGI A CANONE SOSTENIBILE

BANDO DI GARA PER LA SELEZIONE DEI PROGRAMMI DI RIQUALIFICAZIONE URBANA PER ALLOGGI A CANONE SOSTENIBILE BANDO DI GARA PER LA SELEZIONE DEI PROGRAMMI DI RIQUALIFICAZIONE URBANA PER ALLOGGI A CANONE SOSTENIBILE Art. 1 Finanziamento degli interventi di ERS nell ambito di programmi di riqualificazione urbana

Dettagli

Arch. Isabella Goldmann

Arch. Isabella Goldmann Social Housing 2.0: nuovi modelli di sostenibilità FONDAMENTI PER LA PROGETTAZIONE SOSTENIBILE DI EDIFICI NUOVI O DI RECUPERO DESTINATI AD HOUSING SOCIALE Arch. Isabella Goldmann 1 COME DEVE RAGIONARE

Dettagli

5. CALCOLO DELLA CUBATURA URBANISTICA Cubatura parziale Centro comunale/azienda Servizi Sociali di Bolzano 4.310 m³. Totale 4.

5. CALCOLO DELLA CUBATURA URBANISTICA Cubatura parziale Centro comunale/azienda Servizi Sociali di Bolzano 4.310 m³. Totale 4. 1. NOTA GENERALE AL PROGETTO PRELIMINARE Sulla base di quanto stabilito dall Amministrazione Comunale, il presente progetto verrà realizzato per lotti distinti e secondo tempistiche differenti. La prima

Dettagli