Il progetto è cofinanziato dal Sif fondo previsto dal Piano casa HOUSING SOCIALE A PARMA LA PRIMA INIZIATIVA A PARTIRE IN ITALIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il progetto è cofinanziato dal Sif fondo previsto dal Piano casa HOUSING SOCIALE A PARMA LA PRIMA INIZIATIVA A PARTIRE IN ITALIA"

Transcript

1 HOUSING SOCIALE A PARMA LA PRIMA INIZIATIVA A PARTIRE IN ITALIA Attualità Alloggi 852 Superficie lorda utile 63mila mq Aree della città coinvolte 7 Servizi locali e urbani mq Servizi integrativi all abitare 600 mq Investimento 140 milioni di euro Il progetto è cofinanziato dal Sif fondo previsto dal Piano casa 16 È Parma la prima città italiana a dare vita all esperienza del social housing. Il fondo immobiliare «Parma Social House», partecipato da Cassa Depositi e Prestiti, Cariparma, Comune e privati, realizzerà entro un anno 852 nuovi alloggi, destinati a quelle categorie che non rientrano nei parametri per l assegnazione delle case popolari. Attualmente sono in fase di lancio altre 40 iniziative di housing sociale in Italia, metà delle quali concentrate nelle regioni del nord. Tra questi, Cdp investirà fino a 88 milioni nel fondo «Abitare sociale 1» per l avvio di cantieri a Crema, Milano e Brescia, mentre saranno destinati 30 milioni di euro al fondo «Real Quercia housing sociale», gestito da Est Capital, per la costruzione di alloggi sociali e residenze temporanee in diverse città del Veneto, come Venezia e Vicenza. Allo studio altri progetti anche a Milano e Roma.

2 di Stefano Cianciotta I SOGGETTI COINVOLTI Promotore: Comune di Parma Promotori e attuatori: Parma Social House Scarl; consulenza di Finabita Spa e Fondazione Housing Sociale Parma Social House Scarl: Buia Nereo srl; Cooperativa di Produzione e Lavoro Bruno Buozzi scrl; Cme Consorzio Imprenditori Edili sc; Cooperativa Edile Artigiana sc; Cooperativa Edilizia Case Popolari scrl; La Nuova Speranza scrl; Parma 80 sc; Residence scrl Investitori: Parma Social House Scarl; Comune di Parma (tramite Stt Holding); Cdp Investimenti Sgr; Fondazione Cariparma; Coopfond-Legacoop; Contributo a fondo perduto di Regione Emilia Romagna; Gestione del Fondo e del processo di sviluppo immobiliare; Polaris Investment Italia Sgr spa Progetto architettonico: Archittetti Associati Giandebiaggi & Mora (area Via Chiavari); arch. Silvia Salvadego Molin Ugoni (area Sant Eurosia A18); arch. Gianni Di Gregorio e arch. Giorgio Cazzulani (area Sant Eurosia A19); arch. Stefano Malvenuti (area Sant Eurosia A20); arch. Dario Costi e arch. Simona Melli (area ex Rossi e Catelli); ing. G.L. Capra & Partners (area Crocetta A07-A08); Af Project srl (area Crocetta A06); arch. Haig Uluhogian (area Via La Spezia); arch. Daniele Pezzali (area Via Budellungo); arch. Isabella Tagliavini (area Panocchia) Imprese: Buia Nereo srl; Cooperativa di Produzione e Lavoro Bruno Buozzi scrl; Cme Consorzio Imprenditori Edili sc; Cooperativa Edile Artigiana sc Gestore sociale: Cooperativa Edilizia Case Popolari scrl; La Nuova Speranza scrl; Parma 80 sc; Residence scrl Controllo qualità e validazione dei progetti: Italsocotec spa Monitoraggio qualità, tempi e costi in fase di esecuzione: Mmf srl Responsabile dei Lavori: Ing. Adriano Aspoldi Hilson Moran Il ruolo di Cassa Depositi e Prestiti Nel 2009 Cassa Depositi e Prestiti, unitamente all Associazione delle Fondazioni Bancarie e all Associazione Bancaria Italiana, ha costituito «Cdp Investimenti Sgr spa», società di gestione del risparmio che promuove e gestisce il Fondo Investimenti per l Abitare. Il Fia è un fondo immobiliare riservato a investitori qualificati operante nel settore dell edilizia privata sociale, con la finalità di incrementare sul territorio italiano l offerta di alloggi sociali a supporto e integrazione delle politiche di settore dello stato e degli enti locali. Grazie alle sottoscrizioni di banche come Unicredit e Intesa-Sanpaolo e di assicurazioni come Generali e Allianz, il Fia oggi raccoglie risorse pari a 1,67 miliardi, a cui si aggiungeranno quelle provenienti dal ministero delle Infrastrutture e dalle casse di previdenza private. Il Fia opera su tutto il territorio nazionale investendo in iniziative locali per realizzare case Cos è il Social Housing Nato in Nord Europa agli inizi degli anni 90, il social housing fino a pochi anni fa era scarsamente diffuso in Italia, dove ha dominato la tendenza all acquisto delle abitazioni piuttosto che la locazione. A partire dal 2008, tuttavia, l aumento dei prezzi di mercato ha portato a un interruzione della domanda di alloggi sul libero mercato, e all aumento della domanda di social housing, cioè di un segmento di mercato a metà strada tra l edilizia residenziale pubblica e la proprietà privata delle abitazioni, vendute a prezzo di mercato. Il decreto ministeriale del 22 aprile 2008 ha definito l abitazione in regime di social housing come una «unità immobiliare adibita a uso residenziale in locazione permanente, destinata a individui e nuclei familiari svantaggiati che non sono in grado di accedere alla locazione di alloggi nel libero mercato». In pratica, case che vengono cedute in affitto a tutte quelle categorie sociali ritenute più deboli, come i lavoratori non assunti a tempo indeterminato, immigrati, studenti, genitori separati, anziani. Le case in social housing devono quindi essere disponibili a prezzi particolarmente interessanti, garantendo comunque degli standard di qualità sufficiente. Tecnologie e materiali di costruzione alternativi, a questo punto, diventano importanti fattori su cui puntare: gli obiettivi sono ridurre i tempi di realizzazione, mantenendo il più possibile bassi i costi di a costi accessibili, destinate alle famiglie non in grado di soddisfare sul mercato le proprie esigenze abitative, ma con redditi superiori a quelli che danno diritto alle assegnazioni dell edilizia residenziale pubblica. Il Fia è uno strumento innovativo volto a incrementare l offerta di edilizia privata sociale con modalità di attuazione proprie del mercato immobiliare privato, ossia mediante investimenti e non mediante contributi a fondo perduto. Il Fia investe principalmente il proprio patrimonio in quote di fondi comuni d investimento immobiliari gestiti da altre società di gestione del risparmio o in società di progetto operanti a livello locale, attraverso partecipazioni nel limite massimo del 40%. Questo limite è volto a sollecitare sul territorio l investimento di risorse che provengano da soggetti terzi rispetto al Fondo, permettendo nel contempo al Fondo di mantenere una presenza rilevante nelle singole iniziative. gestione e garantendo una maggiore sicurezza nei cantieri. Si tratta di abitazioni che garantiscono comunque parametri di qualità adeguati. Per il finanziamento del social housing è stato introdotto tra il 2008 e il 2009 il Piano nazionale di edilizia abitativa, che prevede l utilizzo di fondi immobiliari costituiti mediante la partecipazione sia di soggetti privati sia pubblici. Per esempio, a Milano il Piano di governo del territorio ha previsto che il 35% dei nuovi insediamenti residenziali sia destinato al social housing. Infatti, nel capoluogo lombardo è stata già prevista la realizzazione di due edifici residenziali per una superficie lorda complessiva di 5mila metri quadri. Inizia da Parma il cammino dell edilizia privata sociale in Italia, che vede concretizzarsi la cooperazione tra la Cassa Depositi e Prestiti e le Fondazioni bancarie per il piano nazionale di social housing. Fulcro della iniziativa è il fondo immobiliare «Parma Social House». Vi partecipano con 25 milioni di euro il Fia (Fondo investimenti per l abitare), gestito da Cdpi Sgr, la società di gestione del risparmio della Cassa Depositi e Prestiti, la Fondazione Cariparma con 10 milioni, il Comune di Parma, che mette a disposizione i terreni per un valore di circa 15 milioni, e alcuni imprenditori privati, per un totale di circa 80 milioni di euro. Il fondo è stato costituito per costruire 852 alloggi, destinati a giovani coppie, famiglie monogenitoriali, anziani, studenti e immigrati che non rientrano nei parametri per l assegnazione delle case popolari, ma che non sono nemmeno in grado di accedere a un abitazione a prezzi di mercato. Gli alloggi saranno così suddivisi: 252 in locazione a canone sostenibile, 420 in vendita diretta e 180 in locazione a canone convenzionato con previsione di riscatto all ottavo anno. Quella messa in moto a Parma è la prima parte di un progetto che prevede, nei prossimi anni, la realizzazione di circa alloggi «sociali» nell area comunale. L area edificata per il primo lotto ammonterà, complessivamente, a 61mila metri quadri, compresi mq di servizi e aree comuni destinate alla socializzazione e alla ricreazione. La conclusione dei lavori avverrà entro il Il progetto L obiettivo di «Parma Social House» è quello di sviluppare il tessuto urbano di quartiere, risorsa fondamentale per l housing sociale e per la convivenza di realtà sociali differenti. La proposta progettuale, infatti, ha individuato due livelli di intervento: uno di quartiere, relativa al comparto urbano, e uno locale, relativa al singolo lotto di intervento. La scala di quartiere ha come oggetto lo sviluppo di un sistema di spazi pubblici dotati di strutture, servizi e spazi d uso collettivo; la scala locale approfondisce invece la relazione tra il singolo intervento di housing sociale e gli spazi comuni pertinenziali alla residenza, gli spazi comuni e di coordinamento con lo spazio attiguo all intervento. Il programma di edilizia sociale è localizzato su sette aree della città (Crocetta, via Chiavari, via Sant Eurosia, area Rossi & Catelli, via La Spezia, via Budellungo, Pannocchia) e mira a promuovere stili di vita basati sulla sostenibilità sociale, economica e ambientale della comunità attraverso la riqualificazione urbana e architettonica, in coerenza con le indicazioni strategiche di sviluppo urbanistico della città. Dal punto di vista sociale l impatto del progetto è molto significativo perché, secondo 17

3 18 le intenzioni dei promotori, l obiettivo è quello di andare oltre il semplice concetto di abitare, per rafforzare, invece, l identità locale e il senso di appartenenza attraverso la creazione di comunità integrate e partecipative, dotate di adeguati servizi che corrispondono a una domanda abitativa particolarmente diversificata, rappresentativa delle nuove istanze sociali. L aspetto importante di questo intervento è la fondamentale sinergia che si è creata tra l amministrazione pubblica e chi opera nel settore delle costruzioni. Il Comune, tramite un bando pubblico, ha affidato a un Ati, composta da imprese e cooperative di costruzione insieme con cooperative di abitazione locali, la realizzazione di questo un progetto di edilizia residenziale sociale sulle aree che la pubblica amministrazione ha riservato all housing sociale. Attraverso la costituzione del Gestore sociale, alla cui formazione partecipano le cooperative di abitazione coinvolte nel progetto, viene promossa infatti la sperimentazione di un modello innovativo di gestione degli immobili, che prevede la partecipazione attiva dei residenti attraverso processi guidati di empowerment. La progettazione degli edifici è stata curata in ogni minimo dettaglio. I tagli degli alloggi, anche i più piccoli, sono stati pensati per garantire elevati standard di vivibilità e flessibilità. Tutti gli edifici raggiungono la classe energetica B. L intervento nel dettaglio La prima fase del progetto nasce in attuazione delle schede relative al Poc (Piano operativo comunale). Queste nuove costruzioni sfruttano la possibilità di aumentare la capacità edificatoria prevista dalla Finanziaria 2008, andando in deroga a quanto previsto dal Psc in aree destinate ad attività sociali e commerciali. Il 30% degli alloggi (265) sarà affittato a canone concordato ridotto del 30% (costo presunto tra 300 e 400 euro al mese più le spese); il 20% degli alloggi (182) sarà affittato a canone convenzionato pari al 4,5% del prezzo previsto per la cessione della piena proprietà, con previsione di riscatto dell alloggio all ottavo anno e avrà un costo indicativo di 600 al mese per alloggi di 80mq; il 50% circa degli alloggi (405) sarà venduto come edilizia convenzionata a 1850 euro al mq. La provvista finanziaria del Fondo raccoglie il significativo impegno dell amministrazione comunale di Parma, in aggiunta alla cessione del diritto di superficie delle aree oggetto di intervento, alla sottoscrizione, attraverso la controllata Servizi di trasformazione del territorio spa, di quote del Fondo per euro 15 milioni. La Fondazione Cariparma ha sottoscritto quote del Fondo per euro 10 milioni che si aggiungono ai 5 milio- Giulio Tremonti ministro dell Economia «Lo start up del progetto è avvenuto in soli 2 anni, un tempo assai breve. L iniziativa di Parma deve essere di esempio anche per il sud. Questo progetto ha funzionato perché è riuscito a coinvolgere un lungo ed eterogeneo catalogo di soggetti, in nome di una logica comune». Pietro Vignali sindaco di Parma «È un risultato importante per Parma, perché stiamo parlando del più grande piano casa mai realizzato in tempi così brevi. In questi due anni abbiamo fatto tutte le norme per procedere al bando emanato, aggiudicato poi a imprese e cooperative che hanno reso possibile la costruzione dei nuovi alloggi». ni sottoscritti dai soggetti promotori (Parma Social House scarl) e ai 1,5 milioni di euro deliberati da Coopfond (Fondo di promozione cooperativa di Legacoop) che rafforza l investimento già sottoscritto dalle cooperative. Giuseppe Guzzetti presidente Acri «Il progetto di edilizia privata sociale che si sta concretizzando a Parma è un tassello importante ed emblematico dell ampio piano nazionale di social housing, rispetto al quale le Fondazioni di origine bancaria stanno svolgendo un essenziale ruolo propulsivo, stimolando la nascita di fondi locali». Carlo Gabbi presidente Fondazione Cariparma «La Fondazione Cariparma si rivolge con grande attenzione al settore dell edilizia sociale: per questo motivo sono state positivamente valutate le caratteristiche del Fondo Parma Social House rivolto a giovani coppie, famiglie monogenitoriali, anziani, studenti e immigrati, aderendo a tale iniziativa». Le ricadute del progetto sul territorio Oltre a cedere le sette aree in diritto di superficie, il Comune si è impegnato anche a esentare dal pagamento del contributo di costruzione, reinvestire nel fondo i proventi derivanti dal riscatto della nuda proprietà, esentare dal pagamento dell Ici, concedere 3 milioni di euro a fondo perduto (conferiti dalla Regione), investire 15 milioni di euro in quote del fondo. Il progetto, che è servito anche per attirare le risorse del Piano casa, presenta ricadute positive per la città, in un periodo di crisi, di diversi tipi: 852 appartamenti a canoni e prezzi ridotti, con un impatto anche in termini di liberazione di alloggi Erp da ridestinare alle fasce più deboli; 7 nuovi interventi di edilizia residenziale concepiti per garantire sostenibilità ambientale e sociale; 140 milioni di euro di servizi e lavori di indotto per l economia locale; formule gestionali innovative nell edilizia sociale, con il coinvolgimento di operatori privati nella gestione degli alloggi; qualità nello

4 Stefano Marchettini Ad Cassa Depositi e Prestiti Sgr- Investimenti «Parma Social House dimostra l efficacia della collaborazione tra investitori pubblici e privati nell edilizia privata sociale. Un risultato proficuo non solo per l incremento dell offerta di alloggi sociali, ma anche per il contributo alla realizzazione di «pezzi di città» che contribuiscono al miglioramento del tessuto urbano di Parma». Gabriele Buia vicepresidente Ance «Cooperazione, costruzioni e finanza hanno dimostrato che insieme possono offrire soluzioni alle amministrazioni e risolvere problemi reali. L esperienza di Parma insegna che i Comuni devono pianificare il loro futuro da un punto di vista urbanistico. Abbiamo sbagliato in passato a sottovalutare questo mercato, ritenendolo prerogativa delle amministrazioni pubbliche». sviluppo della città, con modalità di progettazione e realizzazione che rappresentano best practice a livello nazionali; favorire la formazione di nuove famiglie e la natalità; dare una risposta concreta al bisogno di casa delle nuove famiglie di Parma. Nell indagine condotta dal Cresme nel 2009, relativamente a «La condizione abitativa a Parma. Analisi e linee strategiche», veniva ricordato che dal 2000 al 2008 il numero delle famiglie era cresciuto del 17,3%. Famiglie che in molti casi presentano forti difficoltà nell accesso al mercato della casa. Infatti, nell indagine si parlava di circa famiglie (fra Parma e i comuni Dario Costi progettista Parma social House dà una risposta efficace alla questione della casa attraverso una rinnovata idea di città incentrata sugli spazi pubblici e sui luoghi collettivi. In quest ottica il nostro progetto integra e rimette in valore le tre scale dell abitare: la dimensione domestica dell alloggio, quella condivisa delle sale comuni e dei giardini aperti, quella delle relazioni urbane e delle prospettive del paesaggio. Giuliano Poletti presidente di Legacoop «Legacoop e Legacoop Abitanti si sono sempre impegnate a promuovere ed elaborare progetti di social housing; oggi confermiamo questo impegno con le nostre cooperative locali che partecipano all intervento e con le strutture finanziarie espressione del mondo cooperativo». limitrofi) in condizioni di inadeguatezza economica per far fronte ai canoni richiesti e a questo va aggiunto che il patrimonio in locazione, in città si è assottigliato del 29% nel periodo compreso fra il 2001 e il Allo stesso tempo è quasi raddoppiata la popolazione universitaria, passata in quattro anni da a unità. Le altre iniziative in Italia Dopo il via libera all investimento del Fia nel fondo «Parma Social House», Cassa Depositi e Prestiti ha approvato analoghi impegni preliminari di sottoscrizione di quote nei fondi immobiliari fino a 118 milioni di euro in due programmi di social housing che prevedono una spesa complessiva di 295 milioni. Gli alloggi sociali beneficiari dell investimento saranno realizzati in particolare in Lombardia e Veneto. Cdp investirà fino a un massimo di 88 milioni nel fondo «Abitare sociale 1», promosso dalla fondazione Cariplo e gestito da Polaris Sgr, che prevede l avvio di cantieri a Crema, Milano e Brescia. Una somma di 30 milioni di euro sarà invece destinata al fondo «Real Quercia housing sociale», gestito da Est Capital, che ha in programma la costruzione di alloggi sociali e residenze temporanee in diverse città del Veneto, come Venezia e Vicenza, ma sono allo studio progetti anche a Milano e Roma. Per questi fondi locali Cdp Investimenti Sgr si è impegnata in via preliminare a sottoscriverli per un importo plafond; i gestori dei fondi locali dovranno inviare a Cdp i progetti definitivi e dettagliati. In particolare, Polaris ha tempo 3 anni per comunicare i progetti di investimento, mentre per quelli di Est Capital la scadenza è il 30 marzo Attualmente sono in fase di gestazione 40 progetti in Italia di social housing: 23 al Nord, 15 al Centro e 2 al Sud. E i costruttori cosa pensano? L accelerazione sull housing sociale, insieme con lo sblocco dei pagamenti alle imprese, le soluzioni per ridurre l invenduto, l avvio delle opere medio-piccole, lo sblocco dei fondi Fas e comunitari, gli investimenti sull edilizia scolastica e l attuazione del Piano Cipe delle opere prioritarie, è una delle misure che l Ance ha chiesto per fare ripartire il settore edilizio colpito dalla crisi. Proprio sul primo tema l Ance punta a migliorare il modello tradizionale di housing sociale verso una maggiore flessibilità, cioè «verso un modello di quarta generazione che contempli sia l affitto sia la vendita e non solo la locazione», per dirla con le parole del direttore generale dell associazione, Federico Merola. L iniziativa sostenuta dal Comune di Parma, infatti, rappresenta la seconda generazione progettuale dell housing sociale, che contempla affitto e vendita, con maggiore capacità quindi del progetto di autosostenersi, anche se con un intervento diretto del Comune, che ha concesso i terreni di sua proprietà. Il modello di terza generazione, accanto a una componente prevalente di social housing, consente anche la presenza di altre destinazioni d uso. L auspicio dell Ance è di passare a una quarta generazione, con una componente di social housing rilevante ma non prevalente, per coinvolgere direttamente i costruttori, mettendo in gioco terreni e capitali privati. RIPRODUZIONE RISERVATA 19

5 l area rossi & catelli L area Rossi & Catelli è situata a sud di Parma, in prossimità di via Traversetolo, lungo il tratto iniziale di via Budellungo. Il progetto, elaborato dagli architetti di Parma Dario Costi e Simona Melli, si articola in una serie di corpi collegati da un sistema di collegamenti a ballatoi, protetti per gran parte dello sviluppo dei corpi edilizi stessi.la disposizione planimetrica prevede due coppie di edifici paralleli disposti in relazione prospettica e visiva con il parco militare a nord lungo l asse nord/sud, e due edifici disposti in sequenza lungo il limite sud dell area.i ballatoi hanno larghezza di 1.50 metri e servono i 92 alloggi distribuiti su tre sistemi di risalita composti da scale (larghezza 1.50 metri) e ascensori. Questi tre punti sono collocati strategicamente in corrispondenza dei corpi accoppiati a est e a ovest e del corpo sud. La soluzione Il progetto tiene in considerazione diversi aspetti come il luogo, l articolazione spaziale e sociale delle aree collettive, il rapporto tra spazio pubblico esterno e le dotazioni collettive interne, la differenziazione dei corpi e dei fronti in ragione dell esposizione, il controllo dell irraggiamento, il riscontro d aria, l illuminazione naturale dei ballatoi come temi progettuali, i punti di vista sul paesaggio interno ed esterno, l articolazione tipomorfologica degli alloggi e la sua rappresentazione attraverso la selezione dei colori. I sette edifici si dispongono intorno a uno spazio centrale condiviso, con l apertura del complesso verso nord e la disposizione sequenziale di tre edifici monoaffaccio paralleli all asse di via Budellungo a sud, e di due coppie di edifici (anch essi monoaffaccio) sui lati est e ovest dell area. La scelta risponde a due motivazioni principali. La prima riguarda il rapporto che l architettura instaura con la luce naturale, per sfruttare i migliori affacci per gli alloggi. I tre edifici disposti a sud hanno il migliore rapporto di illuminazione diretta, pur mediato da balconi significativi e dalla presenza di un doppio filare di alberature previste lungo la pista ciclabile di via Budellungo. Le coppie di edifici sono disposte sull asse nord/sud e, di conseguenza, presentano affacci a est e a ovest. Ognuno di essi ha, quindi, garantita l esposizione al sole per mezza giornata. La seconda riguarda la messa in valore dell area con il suo contesto, come il parco militare caratterizzato da grandi filari paralleli proiettati verso sud. Gli spazi collettivi Le aree condivise sono state disegnate e trattate in maniera differenziata, a seconda del tipo di fruizione: due sono previste a prato, mentre gli spazi intermedi destinati alla sosta vengono trattati con il legno e quelli della piazza e delle aree di ingresso sono previste in pietra. Il prato sarà realizzato grazie a un rilevato in terra, collocato al di sopra della copertura dell interrato e le griglie di aerazione del livello interrato diventeranno percorsi pedonali distanti dalle aree di sosta. L area gioco per i bimbi avrà bolli colorati in superfici antitrauma a definire zone di attività, come quelle per i giochi classici (altalena, pincopanco, molle). L area per gli adolescenti e gli adulti sarà realizzata a sud con un grande tavolo di appoggio e un punto Wi Fi dotato di sedute in cemento di design, a sottolineare la funzione collettiva dell ambito. Tutti questi ambiti precisamente definiti verranno inseriti in pavimentazioni in legno per esterni. spazio pubblico esterno e interno Le dotazioni collettive interne sono di due tipologie: ambienti con servizi (destinabili a iniziative autorganizzate come micronido o sede di associazioni di quartiere) e lo spazio al piano terra del corpo sud 1 dove sarà possibile ospitare eventi allargati come conferenze, riunioni, gioco invernale al chiuso. Questi luoghi si proiettano verso l esterno e trovano, nei gradoni e nelle rampe di mediazione tra area pavimentata e prato, un controcampo di ambito per la socializzazione condominiale e pubblica. LE CARATTERISTICHE TECNICHE Prestazioni energetiche: Classe «B» Sistemi a cappotto, blocco cassero in legno mineralizzato Murature pluristrato o monostrato con facciata ventilata Serramenti a elevate prestazioni termiche Caldaia centralizzata a condensazione con pannelli fotovoltaici e termici o microcogenerazione/sistemi ad alta tecnologia, teleriscaldamento e pannelli fotovoltaici Contabilizzazione consumi individuali con contacalorie Pannelli radianti a pavimento Serramenti in legno, alluminio (a taglio termico) o pvc Pavimenti in gres porcellanato Rivestimenti in ceramica l illuminazione La varietà e articolazione dei fronti degli edifici sono state pensate in ragione dell esposizione. Così i sette corpi sono caratterizzati da diverse modalità di affaccio, motivi di variazione dell impaginato architettonico. I tre corpi sud hanno balconate profonde di mediazione dall irraggiamento estivo, con una forte vibrazione dei fronti arretrati degli alloggi. I doppi corpi disposti a definire lo spazio pubblico centrale vedono le due componenti differenziate tra quelli che affacciano a est e quelli che affacciano a ovest. I corpi a est hanno balconate continue allargate in corrispondenza dei soggiorni per dare maggiore spazio di sosta. I corpi a ovest vedono una rotazione verso l esterno delle pareti degli alloggi per ottimizzare l esposizione al sole nel periodo invernale. I punti di vista sul contesto Una particolare attenzione è stata data ai punti di vista sul paesaggio interno ed esterno. Il sistema dei percorsi e dei ballatoi nei doppi corpi est e ovest affaccia sul parco dell area militare a nord, in un rapporto studiato con i filari esistenti. I ballatoi affacciano sugli spazi pubblici interni e su una serie di punti di vista sul paesaggio rubano circostante. Ogni apertura finalizzata a segnare gli ingressi al complesso e a portare illuminazione naturale all interno è stata studiata anche come angolo visuale sulla città e come punto di vista privilegiato verso le direzioni principali del luogo e del quartiere. la caratterizzazione cromatica Le numerose tipologie di alloggi sono state «personalizzate» articolando i fronti e la forma degli edifici. Ad ognuna delle famiglie di tipologie è stato associato un colore primario: rosso per i bilocali, blue per i trilocali e giallo per i quadrilocali. Per ogni famiglie sono stati selezionati colori omogenei campionati dal quadro di Remo Gaibazzi (senza titolo del 1974) che riproduce la torre del Duomo di Parma. Così i colori scelti individuano i vari tagli e le varie configurazioni di alloggi anche negli alzati sui fronti esterni, nelle bucature e nelle nicchie interne di ingresso agli alloggi stessi. L insieme degli edifici presenta un trattamento a intonaco bianco per le pareti perimetrali e le solette dei balconi e delle logge mentre tutti gli ambienti sfondati o arretrati rispetto al filo esterno assumono il colore attribuito a ogni alloggio. L effetto finale introduce una serie di diversificazioni cromatiche coerenti con le variazioni dell assetto tipomorfologico degli alloggi. 20

6 LE ALTRE AREE La prima fase del progetto prevede l edificazione di 852 alloggi in totale entro il 2012 su una superficie lorda utile di mq. Altri 1100 alloggi saranno edificati su un area di mq prevista dal Piano Sociale Comunale, la cui attuazione avverrà nei prossimi anni. Il programma di edilizia sociale di Parma è localizzato su sette aree di trasformazione urbana della città: Crocetta, via Chiavari, via Sant Eurosia, area Rossi & Catelli, via La Spezia, via Budellungo, Pannocchia. Via Sant Eurosia. Crocetta. Via Chiavari. Via La Spezia. Via Budellungo. Pannocchia. 21

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 presentazione FPA PROGETTI SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 1 1. DATI SOCIETÀ FPA PROGETTI SRL SEDE IN MILANO VIA PALMANOVA 24 20132 TEL.02/2360126 02/26681716

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI SERVIZIO EDILIZIA RESIDENZIALE

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI SERVIZIO EDILIZIA RESIDENZIALE ALLEGATO A AVVISO PUBBLICO Manifestazione di interesse alla presentazione di progetti, iniziative e misure da inserire nella proposta di Accordo di Programma della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO dopo il TERREMOTO IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO Assicurare la ricostruzione di case e imprese secondo tempi certi e procedure snelle, garantendo

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL P.R.G., NEL CAPOLUOGO E NELLE FRAZIONI. Approvato con

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere.

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere. La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere Obiettivi

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

MUNICIPIO di MASSAGNO. Messaggio Municipale N. 2201

MUNICIPIO di MASSAGNO. Messaggio Municipale N. 2201 MUNICIPIO di MASSAGNO Messaggio Municipale N. 2201 concernente l alienazione della particella n. N.N. ex 207 RFD Massagno per la realizzazione di un edificio parzialmente offerto ad anziani Onorando Consiglio

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE ATTIVITÀ 42.99.01 LOTTIZZAZIONE DEI TERRENI CONNESSA CON L URBANIZZAZIONE ATTIVITÀ 68.10.00 COMPRAVENDITA DI

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE -

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - 1 2 Art. 1 - OGGETTO E DEFINIZIONI 1. Il presente regolamento disciplina la collocazione su suolo pubblico e privato delle strutture temporanee a servizio di locali ad

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE

ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE ANALISI DELLE NOVITÀ IN EDILIZIA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE Il decreto legge 69/2013 ha introdotto significativi cambiamenti nel settore dell edilizia: nel presente dossier analizziamo le più importanti

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale N. 87 DEL 14 MAGGIO 2015 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO CEMENTO E SOLO CEMENTO Il futuro di Salò non può essere ancora di mattoni, di seconde case, di case vuote e di case invendute. La volumetria approvata (oltre 250 appartamenti) corrisponde a circa il 10%

Dettagli

Valore di costo procedimen+ sinte+ci

Valore di costo procedimen+ sinte+ci Corso di valutazione es+ma+va del proge5o Clasa a.a. 2012/13 Valore di costo procedimen+ sinte+ci Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini arch. Pietro Bonifaci Il mercato delle costruzioni LE

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)...

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... INDICE 0. Profilo Sintetico... 2 I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... 3 II. Titoli scientifici o di progettazione (ultimi 5 anni)... 4 III. Titoli di formazione post- laurea... 6 IV.

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli