l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632)"

Transcript

1 (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L autore è il solo responsabile di questa pubblicazione (comunicazione) e la Commissione declina ogni responsabilità sull uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute.

2

3

4 I lettori che desiderano informazioni sul progetto SiQuCAE possono rivolgersi a Rita Festi (SCF): oppure visitate il sito web: o la nostra pagina Facebook:

5 l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale a cura di Giorgio Allulli, membro del Comitato dei Saggi del progetto SiQuCAE

6 L Assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale deve far riferimento alle principali indicazioni che sono contenute nella normativa europea e nazionale in materia, a partire da: 1 2 La Raccomandazione europea per la definizione di un Quadro europeo per l assicurazione di qualità dell Istruzione e Formazione Professionale (EQAVET) La Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 20 dicembre 2012 riguardo la convalida dell apprendimento non formale e informale pag. 5 pag. 7 4

7 1 La raccomandazione europea per la definizione di un Quadro europeo per l assicurazione di qualità EQAVET La Raccomandazione europea sull assicurazione di qualità dell Istruzione e Formazione Professionale propone un modello di riferimento per le attività di istruzione e formazione professionale che si articola in quattro fasi: PIANIFICAZIONE ATTUAZIONE VALUTAZIONE REVISIONE è necessario definire obiettivi chiari e misurabili riferiti alle politiche perseguite, alle procedure da attivare, ai compiti da svolgere ed alle risorse umane da utilizzare, al fine di consentire il controllo sul conseguimento dei risultati programmati. In questa fase è fondamentale il coinvolgimento dei principali stakeholders vanno condotte le azioni programmate per assicurare il conseguimento degli obiettivi. È necessario che le regole ed i passi procedurali siano chiari a tutti gli attori coinvolti vanno utilizzati in modo integrato meccanismi di valutazione interna ed esterna. L efficacia della valutazione dipende in larga parte dalla definizione di una metodologia chiara, nonché dalla coerenza tra gli obiettivi predeterminati e i dati e gli indicatori raccolti occorre utilizzare i dati raccolti attraverso la valutazione per assicurare il necessario feedback e la realizzazione dei cambiamenti opportuni Per ognuna delle quattro fasi del modello, la Raccomandazione propone un elenco di criteri e descrittori di qualità, che esemplificano le azioni da compiere per ciascuna delle fasi, a livello di sistema ed a livello di soggetto erogatore della formazione. Il ciclo della qualità non termina mai, perché il miglioramento è un processo continuo e sistematico. Inoltre la Raccomandazione propone un set di indicatori, relativi ai diversi aspetti dell azione formativa. L uso degli indicatori non è obbligatorio, ma rappresenta un utile punto di riferimento per confrontare alcuni aspetti strategici del processo formativo, quali i livelli di partecipazione, il successo formativo, il tasso di occupazione, l utilizzazione delle competenze acquisite, l inserimento dei soggetti svantaggiati, ecc. Questi indicatori possono essere utilizzati sia per il monitoraggio dell andamento di un attività, sia come criteri per valutare la qualità dei risultati. Pertanto la Raccomandazione richiede che in fase di pianificazione vengano definiti una serie di obiettivi quantitativi e di criteri qualitativi rispetto ai quali

8 sia successivamente possibile valutare il successo dell iniziativa e mettere in atto le opportune iniziative di correzione. In ultima analisi il modello europeo della qualità presta attenzione sia al come che al cosa, sia al processo che ai prodotti. Pertanto sono molto importanti gli aspetti della valutazione dei risultati e della successiva revisione. La Raccomandazione europea sull assicurazione di qualità dell Istruzione e Formazione Professionale è uno strumento di carattere generale, che si applica alla gestione delle diverse tipologie di attività di istruzione e formazione professionale. Le regole proposte dalla Raccomandazione vanno poi adattate e declinate in rapporto alle diverse tipologie di attività, e vanno integrate con le regole specifiche dell ambito al quale si riferiscono. 6

9 2 La Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 20 dicembre 2012 riguardo la convalida dell apprendimento non formale e informale 1 Raccomandazione del Consiglio del 20 dicembre 2012 sulla convalida dell apprendimento non formale e informale (2012/C 398/01) Al fine di applicare le regole dell assicurazione di qualità descritte nel paragrafo precedente alle attività di convalida dell apprendimento non formale ed informale, occorre integrarle con i criteri ed i principi della convalida dell apprendimento non formale e informale che sono stati introdotti dalla Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 20 dicembre Questa Raccomandazione, nel richiedere agli Stati membri di offrire ai cittadini l opportunità di dimostrare quanto hanno appreso al di fuori dell istruzione e della formazione formali, enuncia alcuni principi volti a qualificare l implementazione del processo di validazione e certificazione: + + collegare le modalità di convalida ai quadri nazionali ed europeo delle qualifiche; + + fornire agli individui ed alle organizzazioni informazioni e orientamenti accessibili sui benefici e sulle opportunità della convalida, e sulle relative procedure; + + privilegiare i gruppi svantaggiati, tra cui i disoccupati e le persone a rischio di disoccupazione; + + garantire ai disoccupati o alle persone a rischio di disoccupazione l opportunità di ottenere un bilancio di competenze entro un periodo di tempo ragionevole; + + rendere facilmente accessibile la procedura di convalida dell apprendimento non formale e informale; + + accompagnare la convalida dell apprendimento non formale e informale con appropriate attività di orientamento e consulenza; + + adottare misure trasparenti di garanzia della qualità in linea con il quadro di garanzia della qualità esistente, a sostegno di strumenti e metodologie di valutazione affidabili, validi e credibili; + + sviluppare le competenze professionali del personale coinvolto nel processo di convalida; + + assicurare la conformità delle qualifiche o dei segmenti di qualifica acquisite mediante la convalida delle esperienze di apprendimento non formale e informale agli standard delle qualifiche acquisite mediante programmi di istruzione formale; + + promuovere l uso degli strumenti di trasparenza dell Unione, quali Europass e Youthpass, per facilitare la documentazione dei risultati di apprendimento; + + promuovere sinergie tra i regimi di convalida e i sistemi di crediti applicabili nei sistemi formali di istruzione e formazione professionale, quali ECTS e ECVET. Per completare il quadro degli input internazionali allo sviluppo di sistemi di convalida dell apprendimento non formale e informale vanno ricordate anche le indicazioni provenienti dalle grandi agenzie internazionali di ricerca ed assistenza tecnica, come il CEDEFOP e l OCSE.

10 Il CEDEFOP ha pubblicato delle Linee guida 2 che costituiscono il risultato di un percorso di cooperazione ed apprendimento comune tra i Paesi europei sul riconoscimento dei risultati dell apprendimento. Le linee guida formulate dal CEDEFOP sono state largamente riprese dai principi enunciati dalla Raccomandazione europea; vanno però ricordate anche le seguenti indicazioni, che non sono comprese tra i principi esposti dalla Raccomandazione: + + volontarietà dell accesso alla convalida; + + rispetto della privacy personale; + + coinvolgimento delle parti interessate nella creazione di sistemi per la convalida; + + imparzialità e assenza di conflitti di interesse nel processo di convalida. Contestualmente alle Linee Guida redatte dal CEDEFOP, il rapporto Recognising non formal and informal learning: outcomes, policies and practices, pubblicato dall OCSE nel , fornisce ulteriori proposte strategiche e metodologiche al tema della validazione degli apprendimenti non formali e informali. In particolare, i temi chiave su cui secondo l OCSE si deve basare un processo di validazione sono la visibilità, ossia la possibilità di rendere visibili e trasparenti apprendimenti ovunque e comunque appresi e la documentazione, ossia la necessità di documentare tali apprendimenti con prove tangibili (titoli, qualifiche formali, attestazioni, testimonianze ecc.). Sulla base dei principi contenuti nella Raccomandazione europea e delle linee guida proposte dal CEDEFOP, è possibile predisporre una griglia per la valutazione e l autovalutazione del processo di validazione degli apprendimenti non formali ed informali. 2 Cedefop, European guidelines for validating non formal and informal learning, Thessaloniki Ocse, Recognising non formal and informal learning: outcomes, policies and practices, Parigi PROSPETTO CRITERI DI QUALITÀ DEL PROCESSO DI VALIDAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI NON FORMALI ED INFORMALI (A) Criteri Pienamente rispettato La validazione dell apprendimento non formale e informale costituisce una parte integrante del sistema di nazionale delle qualifiche Gli individui e le organizzazioni beneficiano di informazioni e orientamenti accessibili sui benefici e sulle opportunità della convalida, e sulle relative procedure I gruppi svantaggiati, tra cui i disoccupati e le persone a rischio di disoccupazione, sono privilegiati nell accesso al meccanismo di convalida I disoccupati o le persone a rischio di disoccupazione possono ottenere un bilancio di competenze entro un periodo di tempo ragionevole (6 mesi) La procedura di convalida dell apprendimento non formale e informale è facilmente accessibile Abbastanza rispettato Poco rispettato Per niente rispettato Motivazione 8

11 Criteri La convalida dell apprendimento non formale e informale è accompagnata con appropriate attività di orientamento e consulenza Vengono adottate misure trasparenti di garanzia della qualità in linea con il quadro di garanzia della qualità esistente, a sostegno di strumenti e metodologie di valutazione affidabili, validi e credibili È assicurata la conformità delle qualifiche o dei segmenti di qualifica acquisite mediante la convalida delle esperienze di apprendimento non formale e informale agli standard delle qualifiche acquisite mediante programmi di istruzione formale Viene promosso l uso degli strumenti di trasparenza dell Unione, quali Europass e Youthpass, per facilitare la documentazione dei risultati di apprendimento Vengono promosse sinergie tra i regimi di convalida e i sistemi di crediti applicabili nei sistemi formali di istruzione e formazione professionale, quali ECTS e ECVET L accesso alla convalida è volontario La privacy personale viene rispettata Vi è parità di accesso ed equo trattamento Le parti interessate sono coinvolte nella creazione di sistemi per la convalida Vengono sviluppate le competenze professionali di coloro che eseguono la validazione Pienamente rispettato Abbastanza rispettato Poco rispettato Per niente rispettato Motivazione A I criteri sono stati predisposti sulla base del la Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea sulla convalida dell apprendimento non formale e informale e del documento European guidelines for validating non formal and informal learning, Cedefop, Thessaloniki 2009 L uso della griglia permette di verificare la conformità delle attività di validazione ai principi enunciati dalla Raccomandazione europea. Lo sviluppo futuro della convalida dell apprendimento non formale e informale e le tendenze a livello europeo richiedono, in particolare, che venga prestata particolare attenzione all aspetto della garanzia della qualità della certificazione, e in particolare a come gli standard vengono sviluppati e rinnovati, a come viene applicato l approccio basato sui risultati di apprendimento, ed a come le diverse parti interessate (anche al di fuori dell istruzione e della formazione) sono coinvolte e contribuiscono alla certificazione. 9

12

13 3 Applicazione del modello europeo alla governance di sistema I criteri di qualità contenuti nel Prospetto 1 rappresentano un riferimento importante per organizzare e valutare l attività di validazione dell apprendimento non formale ed informale. Tuttavia, secondo quanto afferma la Raccomandazione EQAVET, la valutazione rappresenta solamente una componente, per quanto importante, dell assicurazione della qualità. Pertanto, se si vuole procedere dalla valutazione alla introduzione di un vero e proprio sistema di assicurazione di qualità è necessario integrare i principi volti a qualificare l implementazione del processo di validazione e certificazione in tutte le fasi del ciclo della qualità. In tal modo si compie un ulteriore passo in avanti, ovvero si costruisce un modello di assicurazione di qualità dei dispositivi di validazione dell apprendimento non formale ed informale, da applicare sia a livello di sistema (ovvero a livello di amministrazione nazionale o regionale) che a livello di struttura applicativa. Il prospetto seguente presenta questo modello a livello di sistema, che è stato costruito nel modo seguente: + + la prima colonna riporta i criteri generali di qualità della Raccomandazione europea EQAVET; + + la seconda colonna riporta i descrittori EQAVET, che traducono i criteri generali di qualità nelle azioni concrete da condurre a livello di sistema; questi descrittori rappresentano comportamenti di carattere generale, che riguardano tutte le diverse tipologie di attività; + + la terza colonna presenta l applicazione dei descrittori EQAVET all ambito della validazione dell apprendimento non formale ed informale; l ipotesi applicativa tiene conto dei principi volti a qualificare l implementazione del processo di validazione e certificazione stabiliti dalla Raccomandazione europea del 20 dicembre In questo modo la Raccomandazione EQAVET viene integrata con la Raccomandazione relativa alla validazione dell apprendimento non formale ed informale.

14 2 PROSPETTO MODELLO DI ASSICURAZIONE DI QUALITÀ DELLA VALIDAZIONE DELL APPRENDIMENTO NON FORMALE ED INFORMALE A LIVELLO DI SISTEMA Criteri di qualità La pianificazione riflette una visione strategica condivisa dai soggetti interessati e comprende scopi/obiettivi, azioni e indicatori espliciti. Descrittore europeo di assicurazione di qualità Gli scopi/obiettivi dell istruzione e formazione professionale sono definiti a medio e a lungo termine e sono collegati agli obiettivi europei I soggetti interessati partecipano alla definizione degli scopi/obiettivi dell istruzione e formazione professionale ai vari livelli Sono stati stabiliti meccanismi e procedure per definire i fabbisogni di formazione Gli obiettivi sono stabiliti e monitorati tramite indicatori specifici (criteri di successo) È stata prevista una politica d informazione per garantire una diffusione ottimale dei risultati nel rispetto delle prescrizioni nazionali/regionali in materia di protezione dei dati Sono state definite norme e linee guida per il riconoscimento, la convalida e la certificazione delle competenze delle persone Procedure per l assicurazione di qualità a livello di sistema per la convalida dell apprendimento non formale ed informale Definizione della finalità del dispositivo di convalida: rendere facilmente accessibile la convalida dell apprendimento informale e no formale garantire ai disoccupati o le persone a rischio l opportunità di ottenere un bilancio di competenze entro un periodo di tempo ragionevole privilegiare i gruppi svantaggiati altri obiettivi definiti a livello nazionale, regionale o locale Coinvolgimento degli stakeholder nazionali e locali nella definizione degli scopi/obiettivi nazionali, regionali e locali del dispositivo di convalida Analisi dei fabbisogni dei potenziali utenti del dispositivo di convalida Definizione degli obiettivi quantitativi e procedurali e dei relativi indicatori: numero di utenti previsto tipologia di utenti che si intende raggiungere numero di certificazioni che si intende rilasciare altro Definizione delle forme di comunicazione dell iniziativa collegamento delle modalità di convalida ai quadri nazionali ed europeo delle qualifiche conformità delle qualifiche rilasciate agli standard ufficiali sinergie tra i regimi di convalida e i sistemi di crediti uso degli strumenti di trasparenza dell Unione per facilitare la documentazione definizione del modello di attestato da rilasciare definizione delle modalità di valutazione dei candidati 12

15 Criteri di qualità I piani attuativi sono elaborati in consultazione con i soggetti interessati e includono regole esplicite Descrittore europeo di assicurazione di qualità I piani attuativi sono stabiliti in cooperazione con le parti sociali, gli erogatori di istruzione e formazione professionale e gli altri soggetti interessati ai vari livelli Procedure per l assicurazione di qualità a livello di sistema per la convalida dell apprendimento non formale ed informale Definizione, d intesa con gli stakeholder, delle modalità attuative e delle procedure del dispositivo di convalida: ruoli da svolgere nello sviluppo dell attività sviluppo delle competenze professionali del personale coinvolto responsabilità decisionali responsabilità gestionali Una valutazione dei risultati e dei processi è effettuata regolarmente con l aiuto di misurazioni I piani attuativi tengono conto delle risorse necessarie, delle capacità degli utilizzatori e degli strumenti e linee guida necessarie per il supporto Sono state elaborate linee guida e norme di attuazione ai vari livelli Le risorse interne sono opportunamente assegnate ai fini di conseguire gli obiettivi fissati nel piano di l attuazione Le responsabilità degli erogatori di istruzione e formazione professionale nel processo di attuazione sono chiaramente descritte e rese trasparenti È stata definita una metodologia per la valutazione, che comprende la valutazione interna ed esterna La partecipazione dei soggetti interessati al processo di monitoraggio e di valutazione è concordata e chiaramente descritta Avviene una raccolta dei dati significativa, regolare e coerente (per esempio attraverso questionari e indicatori), allo scopo di misurare il successo e individuare aree di miglioramento Analisi di fattibilità degli obiettivi operativi alla luce dei vincoli esistenti: budget complessivo da impegnare stima dei costi per ogni convalida Elaborazione di manuali operativi e di supporti informativi per lo svolgimento dell attività Erogazione delle risorse agli operatori Definizione e comunicazione dei ruoli operativi: responsabilità operative di operatori ed enti caratteristiche qualitative di operatori ed enti (richiesta di un accreditamento ad hoc?) modalità di formazione degli operatori Definizione, con il coinvolgimento dei soggetti attuatori, della metodologia per la valutazione interna ed esterna Coinvolgimento degli stakeholder nella valutazione delle attività svolte Raccolta di dati sull attività svolta. Verifica del rispetto degli obiettivi e delle procedure definite per la validazione dell apprendimento non formale ed informale (vedi anche Prospetto 1). Verifica dei seguenti indicatori quantitativi: numero di domande presentate numero di percorsi di validazione avviati numero di attestati rilasciati tempi medi dei percorsi di validazione costi medi dei percorsi di validazione numero di ri-occupati (in collegamento con l attestazione ricevuta) 13

16 Criteri di qualità 13 Una valutazione dei risultati e dei processi è effettuata regolarmente con l aiuto di misurazioni Revisione Descrittore europeo di assicurazione di qualità Sistemi di preallarme vengono implementati Procedure, meccanismi e strumenti per organizzare le revisioni sono definiti a tutti i livelli I processi sono riesaminati regolarmente e sono elaborati piani d azione. I sistemi sono adeguati di conseguenza Le informazioni sui risultati della valutazione sono rese pubblicamente disponibili Procedure per l assicurazione di qualità a livello di sistema per la convalida dell apprendimento non formale ed informale numero di ri-formati (in collegamento con l attestazione ricevuta) soddisfazione degli utenti soddisfazione degli operatori Monitoraggio continuo dell attività per evidenziare tempestivamente criticità eventuali Definizione di una procedura per la revisione dell attività Adeguamento e miglioramento dell attività sulla base dei risultati ottenuti e dell analisi dei punti di forza e di debolezza Comunicazione pubblica dei risultati La terza colonna del prospetto costituisce in pratica una checklist, che può essere utilizzata sia da chi governa il sistema come strumento per verificare quali sono i passi necessari da compiere nell organizzare il processo di validazione secondo le regole dell assicurazione di qualità, sia da chi valuta il sistema come strumento di controllo della qualità del processo di validazione. Ovviamente, lo schema può essere integrato ed ulteriormente dettagliato, avendo però l attenzione di rispettare il modello di qualità proposto dalla Raccomandazione europea. 14

17 4 Applicazione del modello europeo alla governance delle strutture formative e dei centri erogatori del processo di validazione Come si è detto nel paragrafo 1, la raccomandazione EQAVET riguarda sia il governo dei sistemi sia il governo delle singole strutture formative e dei centri erogatori del processo di validazione. Pertanto i descrittori presentati nella Raccomandazione, che hanno lo scopo di tradurre in azioni pratiche i criteri generali di qualità che caratterizzano ognuna delle 4 fasi del ciclo della qualità, sono stati divisi in due categorie: descrittori che riguardano il governo dei sistemi e descrittori che riguardano il governo delle strutture formative/centri erogatori. Sulla base di questi ultimi viene presentata nel Prospetto 3 una seconda checklist di assicurazione qualità, che riguarda in particolare le strutture che svolgono l attività di validazione dell apprendimento non formale ed informale. Le modalità di preparazione di questa checklist sono simili a quelle utilizzate per predisporre il prospetto precedente; in questo caso, però, i descrittori presi in considerazione riguardano l applicazione dei criteri di assicurazione di qualità a livello di centro erogatore. Pertanto: + + la prima colonna riporta i criteri generali di qualità della Raccomandazione europea EQAVET; + + la seconda colonna riporta i descrittori EQAVET, che traducono i criteri generali di qualità nelle azioni concrete da condurre a livello di struttura formativa/centro erogatore; + + nella terza colonna i descrittori EQAVET vengono applicati all ambito della validazione dell apprendimento non formale ed informale condotta dal centro erogatore. 3 PROSPETTO MODELLO DI ASSICURAZIONE DI QUALITÀ DELLA VALIDAZIONE DELL APPRENDIMENTO NON FORMALE ED INFORMALE A LIVELLO DI STRUTTURA FORMATIVA/CENTRO EROGATORE Criteri di qualità La pianificazione riflette una visione strategica condivisa dai soggetti interessati e comprende scopi/obiettivi, azioni e indicatori espliciti. Descrittore europeo di assicurazione di qualità Gli scopi/obiettivi europei, nazionali e regionali della politica in materia di istruzione e formazione professionale sono tenuti in considerazione negli obiettivi locali fissati dagli erogatori di istruzione e formazione professionale Procedure per l assicurazione di qualità della struttura formativa/ centro erogatore per la convalida dell apprendimento non formale ed informale Definizione degli obiettivi e delle attività della struttura formativa/ centro erogatore, per realizzare le finalità europee, nazionali e regionali del dispositivo di convalida: rendere facilmente accessibile la convalida dell apprendimento informale e no formale

18 Criteri di qualità 15 La pianificazione riflette una visione strategica condivisa dai soggetti interessati e comprende scopi/obiettivi, azioni e indicatori espliciti. La pianificazione riflette una visione strategica condivisa dai soggetti interessati e comprende scopi/obiettivi, azioni e indicatori espliciti. Descrittore europeo di assicurazione di qualità Ha luogo una consultazione continua con i soggetti interessati per individuare i bisogni specifici locali e individuali Il personale partecipa fin dall inizio alla pianificazione, anche per quanto riguarda lo sviluppo della qualità Sono definiti e monitorati scopi/ obiettivi e traguardi espliciti Gli erogatori di istruzione e formazione professionale dispongono di un sistema di qualità esplicito e trasparente Le responsabilità in materia di gestione e di sviluppo della qualità sono state assegnate in modo esplicito Gli erogatori prevedono iniziative di cooperazione con altri fornitori di istruzione e formazione professionale Partenariati pertinenti e inclusivi sono esplicitamente sostenuti per l attuazione delle misure previste Procedure per l assicurazione di qualità della struttura formativa/ centro erogatore per la convalida dell apprendimento non formale ed informale garantire ai disoccupati o le persone a rischio l opportunità di ottenere un bilancio di competenze entro un periodo di tempo ragionevole privilegiare i gruppi svantaggiati altre finalità, definite a livello nazionale e regionale Coinvolgimento degli stakeholder locali nell analisi dei fabbisogni dei potenziali utenti Coinvolgimento del personale della struttura formativa nella progettazione dell attività di validazione e delle modalità di assicurazione di qualità del processo di validazione Definizione degli obiettivi quantitativi e procedurali e dei relativi indicatori da monitorare: tipologia di utenti che si intende raggiungere numero di utenti previsto modalità di svolgimento dell attività altro... Definizione del sistema di assicurazione qualità della struttura formativa/centro erogatore Definizione delle responsabilità e degli incarichi interni in materia di gestione e di sviluppo della qualità della struttura formativa/centro erogatore Progettazione delle reti e delle partnership da costituire sul territorio per attuare il processo di validazione Definizione, d intesa con gli stakeholder e con i partner, delle modalità attuative e delle procedure del dispositivo di convalida: responsabilità decisionali responsabilità gestionali ruoli da svolgere nello sviluppo dell attività sviluppo delle competenze professionali del personale coinvolto uso degli strumenti di trasparenza dell Unione nella predisposizione della documentazione modalità di valutazione dei candidati conformità delle qualifiche e dei crediti rilasciati agli standard ufficiali 16

19 Criteri di qualità 16 La pianificazione riflette una visione strategica condivisa dai soggetti interessati e comprende scopi/obiettivi, azioni e indicatori espliciti. Una valutazione dei risultati e dei processi è effettuata regolarmente con l aiuto di misurazioni Descrittore europeo di assicurazione di qualità Le risorse interne sono opportunamente allineate/ attribuite ai fini del conseguimento degli obiettivi fissati nei piani attuativi Il piano strategico di sviluppo delle competenze del personale specifica i bisogni di formazione degli insegnanti e dei formatori Il personale si aggiorna regolarmente e coopera con soggetti esterni per rafforzare le capacità e il miglioramento della qualità e accrescere le prestazioni Un autovalutazione è effettuata periodicamente nell ambito di quadri/regolamenti nazionali e regionali o su iniziativa degli erogatori di istruzione e formazione professionale La valutazione e la revisione includono meccanismi adeguati ed efficaci per coinvolgere soggetti interessati interni ed esterni La valutazione e la revisione riguardano i processi e i risultati della formazione, compresa la valutazione della soddisfazione dei discenti nonché delle prestazioni e della soddisfazione del personale Procedure per l assicurazione di qualità della struttura formativa/ centro erogatore per la convalida dell apprendimento non formale ed informale Analisi di fattibilità degli obiettivi operativi alla luce dei vincoli esistenti: risorse finanziarie disponibili risorse umane disponibili competenze professionali del personale e conoscenza delle procedure di convalida stima dei costi per ogni convalida Definizione delle: responsabilità operative degli operatori caratteristiche qualitative degli operatori conoscenze necessarie da parte degli operatori modalità di formazione degli operatori Organizzazione dei piani di formazione degli operatori coinvolgendo anche competenze esterne alla struttura formativa/ centro erogatore Attivazione dell autovalutazione per verificare il rispetto dei criteri di qualità europei per la validazione dell apprendimento non formale ed informale (vedi anche Prospetto 1), e degli obiettivi nazionali e regionali Coinvolgimento degli stakeholder nella valutazione delle attività svolte Raccolta di dati sull attività svolta. Verifica del rispetto degli obiettivi e delle procedure definite. Verifica dei seguenti indicatori quantitativi: numero di domande presentate numero di percorsi di validazione avviati numero di attestati rilasciati tempi medi dei percorsi di validazione costi medi dei percorsi di validazione numero di ri-occupati (in collegamento con l attestazione ricevuta) numero di ri-formati (in collegamento con l attestazione ricevuta) soddisfazione degli utenti soddisfazione degli operatori Sono attuati sistemi di preallarme Monitoraggio continuo dell attività per evidenziare tempestivamente possibili punti di crisi 17

20 Criteri di qualità Revisione Descrittore europeo di assicurazione di qualità I risultati del processo di valutazione sono discussi con i soggetti interessati e sono realizzati piani d azione appropriati È raccolto il giudizio dei discenti sulla loro esperienza di apprendimento individuale e sull ambiente di apprendimento e di insegnamento. Esso è utilizzato come base per nuove azioni unitamente al giudizio degli insegnanti Le procedure di feedback e di revisione fanno parte di un processo strategico d apprendimento nell organizzazione Le informazioni sui risultati della revisione sono rese pubbliche Procedure per l assicurazione di qualità della struttura formativa/ centro erogatore per la convalida dell apprendimento non formale ed informale Definizione di una procedura per la revisione dell attività Effettuazione di interviste e/o somministrazione di questionari strutturati ed in profondità agli utenti per raccogliere le loro valutazioni sul percorso di validazione dell apprendimento. Adeguamento e miglioramento dell attività sulla base dei risultati ottenuti e dell analisi dei punti di forza e di debolezza Comunicazione pubblica dei risultati Anche in questo caso la terza colonna del prospetto può essere utilizzata in due modi: sia da chi governa il centro erogatore come strumento per verificare quali sono i passi necessari da compiere nell organizzare il processo di validazione secondo le regole dell assicurazione di qualità, sia da chi valuta il centro erogatore come strumento di controllo della qualità del processo di validazione. 18

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011 Monitoraggio dei processi formativi Genova, 2 dicembre 2011 Premessa: un patto!!! Nel Protocollo d Intesa le organizzazioni formative garantiscono un progressivo miglioramento e innalzamento della qualità

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 Questo capitolo descrive: A. Le scelte e i passaggi per sviluppare dispositivi per la validazione dei risultati dell

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

Standard e Linee Guida per l Assicurazione della Qualità nello Spazio Europeo dell Istruzione Superiore

Standard e Linee Guida per l Assicurazione della Qualità nello Spazio Europeo dell Istruzione Superiore 1 Standard e Linee Guida per l Assicurazione della Qualità nello Spazio Europeo dell Istruzione Superiore European Association for Quality Assurance in Higher Education La stampa della presente Guida è

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi Project Cycle Management 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico di Federico Bussi federicobussi1@gmail.com 1 La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico Nelle pagine precedenti abbiamo

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Riconoscimento e validazione delle ompetenze non-formali e informali nell ambito dei quadri Nazionali delle Qualifiche

Riconoscimento e validazione delle ompetenze non-formali e informali nell ambito dei quadri Nazionali delle Qualifiche Riconoscimento e validazione delle ompetenze non-formali e informali nell ambito dei quadri Nazionali delle Qualifiche Partner del progetto: Volkshochschule im Landkreis Cham e.v. (VHS Cham) Cham, Germany

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO 1 INDICE LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO ---------------------------------------------------------------------------------------------1

Dettagli

Analizzare le partnership: un ipotesi di lavoro

Analizzare le partnership: un ipotesi di lavoro Master in Politiche della cittadinanza e welfare locale Anno 2005-2006 Analizzare le partnership: un ipotesi di lavoro Dott.a Monica Ruffa Relatore: Chiar.mo Prof. Giovanni Moro Indice Introduzione 3 Cap.

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Fig. 1 Grafico Organigramma Datré Srl

Fig. 1 Grafico Organigramma Datré Srl Fig.1 GraficoOrganigrammaDatréSrl AREA PRODUZIONE AREA GESTIONALE AREA FORMAZIONE Rappresentantelegale Direttorestrutturaformativa StefaniaBracci ComitatoScientifico Coordinatore R.W.Stockbrugger SegreteriaEcm

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo)

Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo) Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo) Si intende per progetto l insieme di un numero, generalmente elevato, di attività che, pur connotate da diverse natura e da specifiche finalità, concorrono

Dettagli

DELL IPS G. RAVIZZA SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008

DELL IPS G. RAVIZZA SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 IL SISTEMA GESTIONE QUALITA DELL IPS G. RAVIZZA SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 Col termine know-how ( so come ) si definisce il patrimonio brevettuale e brevettabile di un azienda, per la quale rappresenta

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

APPRENDERE DAI MIGLIORI

APPRENDERE DAI MIGLIORI APPRENDERE DAI MIGLIORI QUADERNI MANAGERIALI 2008 - NO. 2 Apprendere dai migliori QUADERNI MANAGERIALI 2008 - NO. 2 Indice AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? BANDI 2007 Capitolo I pag. 6 Capitolo II pag.10

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO

AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO Documento approvato dal Consiglio Direttivo dell ANVUR il 09 gennaio 2013 FINALITA DEL DOCUMENTO Questo documento riassume

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Riconoscimento e validazione delle competenze non-formali e informali nell ambito dei quadri Nazionali delle Qualifiche

Riconoscimento e validazione delle competenze non-formali e informali nell ambito dei quadri Nazionali delle Qualifiche Riconoscimento e validazione delle competenze non-formali e informali nell ambito dei quadri Nazionali delle Qualifiche Manuale contenente gli Strumenti per il Riconoscimento e la Validazione delle Competenze

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO 1 INTRODUZIONE Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. Lo schema proposto di seguito è stato sviluppato nell ambito del progetto Miglioramento delle performance

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ANALISI DEGLI EFFETTI SULL OCCUPAZIONE DEGLI INTERVENTI (*)

LINEE GUIDA PER L ANALISI DEGLI EFFETTI SULL OCCUPAZIONE DEGLI INTERVENTI (*) LINEE GUIDA PER L ANALISI DEGLI EFFETTI SULL OCCUPAZIONE DEGLI INTERVENTI (*) settembre 2001 INDICE 1 Contenuti generali e finalità del criterio Qualità del sistema di valutazione degli effetti sull occupazione

Dettagli

Il Libretto Formativo nei contesti aziendali

Il Libretto Formativo nei contesti aziendali Il Libretto Formativo nei contesti aziendali Valorizzare le competenze in impresa di Elisabetta Perulli Riassunto: il tema della valorizzazione e riconoscimento delle competenze comunque e ovunque acquisite

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione esterna delle scuole

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Gentili colleghi, il presente questionario ha lo scopo di raccogliere le vostre percezioni relativamente

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee IL CONTESTO

Dettagli