l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632)"

Transcript

1 (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L autore è il solo responsabile di questa pubblicazione (comunicazione) e la Commissione declina ogni responsabilità sull uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute.

2

3

4 I lettori che desiderano informazioni sul progetto SiQuCAE possono rivolgersi a Rita Festi (SCF): oppure visitate il sito web: o la nostra pagina Facebook:

5 l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale a cura di Giorgio Allulli, membro del Comitato dei Saggi del progetto SiQuCAE

6 L Assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale deve far riferimento alle principali indicazioni che sono contenute nella normativa europea e nazionale in materia, a partire da: 1 2 La Raccomandazione europea per la definizione di un Quadro europeo per l assicurazione di qualità dell Istruzione e Formazione Professionale (EQAVET) La Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 20 dicembre 2012 riguardo la convalida dell apprendimento non formale e informale pag. 5 pag. 7 4

7 1 La raccomandazione europea per la definizione di un Quadro europeo per l assicurazione di qualità EQAVET La Raccomandazione europea sull assicurazione di qualità dell Istruzione e Formazione Professionale propone un modello di riferimento per le attività di istruzione e formazione professionale che si articola in quattro fasi: PIANIFICAZIONE ATTUAZIONE VALUTAZIONE REVISIONE è necessario definire obiettivi chiari e misurabili riferiti alle politiche perseguite, alle procedure da attivare, ai compiti da svolgere ed alle risorse umane da utilizzare, al fine di consentire il controllo sul conseguimento dei risultati programmati. In questa fase è fondamentale il coinvolgimento dei principali stakeholders vanno condotte le azioni programmate per assicurare il conseguimento degli obiettivi. È necessario che le regole ed i passi procedurali siano chiari a tutti gli attori coinvolti vanno utilizzati in modo integrato meccanismi di valutazione interna ed esterna. L efficacia della valutazione dipende in larga parte dalla definizione di una metodologia chiara, nonché dalla coerenza tra gli obiettivi predeterminati e i dati e gli indicatori raccolti occorre utilizzare i dati raccolti attraverso la valutazione per assicurare il necessario feedback e la realizzazione dei cambiamenti opportuni Per ognuna delle quattro fasi del modello, la Raccomandazione propone un elenco di criteri e descrittori di qualità, che esemplificano le azioni da compiere per ciascuna delle fasi, a livello di sistema ed a livello di soggetto erogatore della formazione. Il ciclo della qualità non termina mai, perché il miglioramento è un processo continuo e sistematico. Inoltre la Raccomandazione propone un set di indicatori, relativi ai diversi aspetti dell azione formativa. L uso degli indicatori non è obbligatorio, ma rappresenta un utile punto di riferimento per confrontare alcuni aspetti strategici del processo formativo, quali i livelli di partecipazione, il successo formativo, il tasso di occupazione, l utilizzazione delle competenze acquisite, l inserimento dei soggetti svantaggiati, ecc. Questi indicatori possono essere utilizzati sia per il monitoraggio dell andamento di un attività, sia come criteri per valutare la qualità dei risultati. Pertanto la Raccomandazione richiede che in fase di pianificazione vengano definiti una serie di obiettivi quantitativi e di criteri qualitativi rispetto ai quali

8 sia successivamente possibile valutare il successo dell iniziativa e mettere in atto le opportune iniziative di correzione. In ultima analisi il modello europeo della qualità presta attenzione sia al come che al cosa, sia al processo che ai prodotti. Pertanto sono molto importanti gli aspetti della valutazione dei risultati e della successiva revisione. La Raccomandazione europea sull assicurazione di qualità dell Istruzione e Formazione Professionale è uno strumento di carattere generale, che si applica alla gestione delle diverse tipologie di attività di istruzione e formazione professionale. Le regole proposte dalla Raccomandazione vanno poi adattate e declinate in rapporto alle diverse tipologie di attività, e vanno integrate con le regole specifiche dell ambito al quale si riferiscono. 6

9 2 La Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 20 dicembre 2012 riguardo la convalida dell apprendimento non formale e informale 1 Raccomandazione del Consiglio del 20 dicembre 2012 sulla convalida dell apprendimento non formale e informale (2012/C 398/01) Al fine di applicare le regole dell assicurazione di qualità descritte nel paragrafo precedente alle attività di convalida dell apprendimento non formale ed informale, occorre integrarle con i criteri ed i principi della convalida dell apprendimento non formale e informale che sono stati introdotti dalla Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 20 dicembre Questa Raccomandazione, nel richiedere agli Stati membri di offrire ai cittadini l opportunità di dimostrare quanto hanno appreso al di fuori dell istruzione e della formazione formali, enuncia alcuni principi volti a qualificare l implementazione del processo di validazione e certificazione: + + collegare le modalità di convalida ai quadri nazionali ed europeo delle qualifiche; + + fornire agli individui ed alle organizzazioni informazioni e orientamenti accessibili sui benefici e sulle opportunità della convalida, e sulle relative procedure; + + privilegiare i gruppi svantaggiati, tra cui i disoccupati e le persone a rischio di disoccupazione; + + garantire ai disoccupati o alle persone a rischio di disoccupazione l opportunità di ottenere un bilancio di competenze entro un periodo di tempo ragionevole; + + rendere facilmente accessibile la procedura di convalida dell apprendimento non formale e informale; + + accompagnare la convalida dell apprendimento non formale e informale con appropriate attività di orientamento e consulenza; + + adottare misure trasparenti di garanzia della qualità in linea con il quadro di garanzia della qualità esistente, a sostegno di strumenti e metodologie di valutazione affidabili, validi e credibili; + + sviluppare le competenze professionali del personale coinvolto nel processo di convalida; + + assicurare la conformità delle qualifiche o dei segmenti di qualifica acquisite mediante la convalida delle esperienze di apprendimento non formale e informale agli standard delle qualifiche acquisite mediante programmi di istruzione formale; + + promuovere l uso degli strumenti di trasparenza dell Unione, quali Europass e Youthpass, per facilitare la documentazione dei risultati di apprendimento; + + promuovere sinergie tra i regimi di convalida e i sistemi di crediti applicabili nei sistemi formali di istruzione e formazione professionale, quali ECTS e ECVET. Per completare il quadro degli input internazionali allo sviluppo di sistemi di convalida dell apprendimento non formale e informale vanno ricordate anche le indicazioni provenienti dalle grandi agenzie internazionali di ricerca ed assistenza tecnica, come il CEDEFOP e l OCSE.

10 Il CEDEFOP ha pubblicato delle Linee guida 2 che costituiscono il risultato di un percorso di cooperazione ed apprendimento comune tra i Paesi europei sul riconoscimento dei risultati dell apprendimento. Le linee guida formulate dal CEDEFOP sono state largamente riprese dai principi enunciati dalla Raccomandazione europea; vanno però ricordate anche le seguenti indicazioni, che non sono comprese tra i principi esposti dalla Raccomandazione: + + volontarietà dell accesso alla convalida; + + rispetto della privacy personale; + + coinvolgimento delle parti interessate nella creazione di sistemi per la convalida; + + imparzialità e assenza di conflitti di interesse nel processo di convalida. Contestualmente alle Linee Guida redatte dal CEDEFOP, il rapporto Recognising non formal and informal learning: outcomes, policies and practices, pubblicato dall OCSE nel , fornisce ulteriori proposte strategiche e metodologiche al tema della validazione degli apprendimenti non formali e informali. In particolare, i temi chiave su cui secondo l OCSE si deve basare un processo di validazione sono la visibilità, ossia la possibilità di rendere visibili e trasparenti apprendimenti ovunque e comunque appresi e la documentazione, ossia la necessità di documentare tali apprendimenti con prove tangibili (titoli, qualifiche formali, attestazioni, testimonianze ecc.). Sulla base dei principi contenuti nella Raccomandazione europea e delle linee guida proposte dal CEDEFOP, è possibile predisporre una griglia per la valutazione e l autovalutazione del processo di validazione degli apprendimenti non formali ed informali. 2 Cedefop, European guidelines for validating non formal and informal learning, Thessaloniki Ocse, Recognising non formal and informal learning: outcomes, policies and practices, Parigi PROSPETTO CRITERI DI QUALITÀ DEL PROCESSO DI VALIDAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI NON FORMALI ED INFORMALI (A) Criteri Pienamente rispettato La validazione dell apprendimento non formale e informale costituisce una parte integrante del sistema di nazionale delle qualifiche Gli individui e le organizzazioni beneficiano di informazioni e orientamenti accessibili sui benefici e sulle opportunità della convalida, e sulle relative procedure I gruppi svantaggiati, tra cui i disoccupati e le persone a rischio di disoccupazione, sono privilegiati nell accesso al meccanismo di convalida I disoccupati o le persone a rischio di disoccupazione possono ottenere un bilancio di competenze entro un periodo di tempo ragionevole (6 mesi) La procedura di convalida dell apprendimento non formale e informale è facilmente accessibile Abbastanza rispettato Poco rispettato Per niente rispettato Motivazione 8

11 Criteri La convalida dell apprendimento non formale e informale è accompagnata con appropriate attività di orientamento e consulenza Vengono adottate misure trasparenti di garanzia della qualità in linea con il quadro di garanzia della qualità esistente, a sostegno di strumenti e metodologie di valutazione affidabili, validi e credibili È assicurata la conformità delle qualifiche o dei segmenti di qualifica acquisite mediante la convalida delle esperienze di apprendimento non formale e informale agli standard delle qualifiche acquisite mediante programmi di istruzione formale Viene promosso l uso degli strumenti di trasparenza dell Unione, quali Europass e Youthpass, per facilitare la documentazione dei risultati di apprendimento Vengono promosse sinergie tra i regimi di convalida e i sistemi di crediti applicabili nei sistemi formali di istruzione e formazione professionale, quali ECTS e ECVET L accesso alla convalida è volontario La privacy personale viene rispettata Vi è parità di accesso ed equo trattamento Le parti interessate sono coinvolte nella creazione di sistemi per la convalida Vengono sviluppate le competenze professionali di coloro che eseguono la validazione Pienamente rispettato Abbastanza rispettato Poco rispettato Per niente rispettato Motivazione A I criteri sono stati predisposti sulla base del la Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea sulla convalida dell apprendimento non formale e informale e del documento European guidelines for validating non formal and informal learning, Cedefop, Thessaloniki 2009 L uso della griglia permette di verificare la conformità delle attività di validazione ai principi enunciati dalla Raccomandazione europea. Lo sviluppo futuro della convalida dell apprendimento non formale e informale e le tendenze a livello europeo richiedono, in particolare, che venga prestata particolare attenzione all aspetto della garanzia della qualità della certificazione, e in particolare a come gli standard vengono sviluppati e rinnovati, a come viene applicato l approccio basato sui risultati di apprendimento, ed a come le diverse parti interessate (anche al di fuori dell istruzione e della formazione) sono coinvolte e contribuiscono alla certificazione. 9

12

13 3 Applicazione del modello europeo alla governance di sistema I criteri di qualità contenuti nel Prospetto 1 rappresentano un riferimento importante per organizzare e valutare l attività di validazione dell apprendimento non formale ed informale. Tuttavia, secondo quanto afferma la Raccomandazione EQAVET, la valutazione rappresenta solamente una componente, per quanto importante, dell assicurazione della qualità. Pertanto, se si vuole procedere dalla valutazione alla introduzione di un vero e proprio sistema di assicurazione di qualità è necessario integrare i principi volti a qualificare l implementazione del processo di validazione e certificazione in tutte le fasi del ciclo della qualità. In tal modo si compie un ulteriore passo in avanti, ovvero si costruisce un modello di assicurazione di qualità dei dispositivi di validazione dell apprendimento non formale ed informale, da applicare sia a livello di sistema (ovvero a livello di amministrazione nazionale o regionale) che a livello di struttura applicativa. Il prospetto seguente presenta questo modello a livello di sistema, che è stato costruito nel modo seguente: + + la prima colonna riporta i criteri generali di qualità della Raccomandazione europea EQAVET; + + la seconda colonna riporta i descrittori EQAVET, che traducono i criteri generali di qualità nelle azioni concrete da condurre a livello di sistema; questi descrittori rappresentano comportamenti di carattere generale, che riguardano tutte le diverse tipologie di attività; + + la terza colonna presenta l applicazione dei descrittori EQAVET all ambito della validazione dell apprendimento non formale ed informale; l ipotesi applicativa tiene conto dei principi volti a qualificare l implementazione del processo di validazione e certificazione stabiliti dalla Raccomandazione europea del 20 dicembre In questo modo la Raccomandazione EQAVET viene integrata con la Raccomandazione relativa alla validazione dell apprendimento non formale ed informale.

14 2 PROSPETTO MODELLO DI ASSICURAZIONE DI QUALITÀ DELLA VALIDAZIONE DELL APPRENDIMENTO NON FORMALE ED INFORMALE A LIVELLO DI SISTEMA Criteri di qualità La pianificazione riflette una visione strategica condivisa dai soggetti interessati e comprende scopi/obiettivi, azioni e indicatori espliciti. Descrittore europeo di assicurazione di qualità Gli scopi/obiettivi dell istruzione e formazione professionale sono definiti a medio e a lungo termine e sono collegati agli obiettivi europei I soggetti interessati partecipano alla definizione degli scopi/obiettivi dell istruzione e formazione professionale ai vari livelli Sono stati stabiliti meccanismi e procedure per definire i fabbisogni di formazione Gli obiettivi sono stabiliti e monitorati tramite indicatori specifici (criteri di successo) È stata prevista una politica d informazione per garantire una diffusione ottimale dei risultati nel rispetto delle prescrizioni nazionali/regionali in materia di protezione dei dati Sono state definite norme e linee guida per il riconoscimento, la convalida e la certificazione delle competenze delle persone Procedure per l assicurazione di qualità a livello di sistema per la convalida dell apprendimento non formale ed informale Definizione della finalità del dispositivo di convalida: rendere facilmente accessibile la convalida dell apprendimento informale e no formale garantire ai disoccupati o le persone a rischio l opportunità di ottenere un bilancio di competenze entro un periodo di tempo ragionevole privilegiare i gruppi svantaggiati altri obiettivi definiti a livello nazionale, regionale o locale Coinvolgimento degli stakeholder nazionali e locali nella definizione degli scopi/obiettivi nazionali, regionali e locali del dispositivo di convalida Analisi dei fabbisogni dei potenziali utenti del dispositivo di convalida Definizione degli obiettivi quantitativi e procedurali e dei relativi indicatori: numero di utenti previsto tipologia di utenti che si intende raggiungere numero di certificazioni che si intende rilasciare altro Definizione delle forme di comunicazione dell iniziativa collegamento delle modalità di convalida ai quadri nazionali ed europeo delle qualifiche conformità delle qualifiche rilasciate agli standard ufficiali sinergie tra i regimi di convalida e i sistemi di crediti uso degli strumenti di trasparenza dell Unione per facilitare la documentazione definizione del modello di attestato da rilasciare definizione delle modalità di valutazione dei candidati 12

15 Criteri di qualità I piani attuativi sono elaborati in consultazione con i soggetti interessati e includono regole esplicite Descrittore europeo di assicurazione di qualità I piani attuativi sono stabiliti in cooperazione con le parti sociali, gli erogatori di istruzione e formazione professionale e gli altri soggetti interessati ai vari livelli Procedure per l assicurazione di qualità a livello di sistema per la convalida dell apprendimento non formale ed informale Definizione, d intesa con gli stakeholder, delle modalità attuative e delle procedure del dispositivo di convalida: ruoli da svolgere nello sviluppo dell attività sviluppo delle competenze professionali del personale coinvolto responsabilità decisionali responsabilità gestionali Una valutazione dei risultati e dei processi è effettuata regolarmente con l aiuto di misurazioni I piani attuativi tengono conto delle risorse necessarie, delle capacità degli utilizzatori e degli strumenti e linee guida necessarie per il supporto Sono state elaborate linee guida e norme di attuazione ai vari livelli Le risorse interne sono opportunamente assegnate ai fini di conseguire gli obiettivi fissati nel piano di l attuazione Le responsabilità degli erogatori di istruzione e formazione professionale nel processo di attuazione sono chiaramente descritte e rese trasparenti È stata definita una metodologia per la valutazione, che comprende la valutazione interna ed esterna La partecipazione dei soggetti interessati al processo di monitoraggio e di valutazione è concordata e chiaramente descritta Avviene una raccolta dei dati significativa, regolare e coerente (per esempio attraverso questionari e indicatori), allo scopo di misurare il successo e individuare aree di miglioramento Analisi di fattibilità degli obiettivi operativi alla luce dei vincoli esistenti: budget complessivo da impegnare stima dei costi per ogni convalida Elaborazione di manuali operativi e di supporti informativi per lo svolgimento dell attività Erogazione delle risorse agli operatori Definizione e comunicazione dei ruoli operativi: responsabilità operative di operatori ed enti caratteristiche qualitative di operatori ed enti (richiesta di un accreditamento ad hoc?) modalità di formazione degli operatori Definizione, con il coinvolgimento dei soggetti attuatori, della metodologia per la valutazione interna ed esterna Coinvolgimento degli stakeholder nella valutazione delle attività svolte Raccolta di dati sull attività svolta. Verifica del rispetto degli obiettivi e delle procedure definite per la validazione dell apprendimento non formale ed informale (vedi anche Prospetto 1). Verifica dei seguenti indicatori quantitativi: numero di domande presentate numero di percorsi di validazione avviati numero di attestati rilasciati tempi medi dei percorsi di validazione costi medi dei percorsi di validazione numero di ri-occupati (in collegamento con l attestazione ricevuta) 13

16 Criteri di qualità 13 Una valutazione dei risultati e dei processi è effettuata regolarmente con l aiuto di misurazioni Revisione Descrittore europeo di assicurazione di qualità Sistemi di preallarme vengono implementati Procedure, meccanismi e strumenti per organizzare le revisioni sono definiti a tutti i livelli I processi sono riesaminati regolarmente e sono elaborati piani d azione. I sistemi sono adeguati di conseguenza Le informazioni sui risultati della valutazione sono rese pubblicamente disponibili Procedure per l assicurazione di qualità a livello di sistema per la convalida dell apprendimento non formale ed informale numero di ri-formati (in collegamento con l attestazione ricevuta) soddisfazione degli utenti soddisfazione degli operatori Monitoraggio continuo dell attività per evidenziare tempestivamente criticità eventuali Definizione di una procedura per la revisione dell attività Adeguamento e miglioramento dell attività sulla base dei risultati ottenuti e dell analisi dei punti di forza e di debolezza Comunicazione pubblica dei risultati La terza colonna del prospetto costituisce in pratica una checklist, che può essere utilizzata sia da chi governa il sistema come strumento per verificare quali sono i passi necessari da compiere nell organizzare il processo di validazione secondo le regole dell assicurazione di qualità, sia da chi valuta il sistema come strumento di controllo della qualità del processo di validazione. Ovviamente, lo schema può essere integrato ed ulteriormente dettagliato, avendo però l attenzione di rispettare il modello di qualità proposto dalla Raccomandazione europea. 14

17 4 Applicazione del modello europeo alla governance delle strutture formative e dei centri erogatori del processo di validazione Come si è detto nel paragrafo 1, la raccomandazione EQAVET riguarda sia il governo dei sistemi sia il governo delle singole strutture formative e dei centri erogatori del processo di validazione. Pertanto i descrittori presentati nella Raccomandazione, che hanno lo scopo di tradurre in azioni pratiche i criteri generali di qualità che caratterizzano ognuna delle 4 fasi del ciclo della qualità, sono stati divisi in due categorie: descrittori che riguardano il governo dei sistemi e descrittori che riguardano il governo delle strutture formative/centri erogatori. Sulla base di questi ultimi viene presentata nel Prospetto 3 una seconda checklist di assicurazione qualità, che riguarda in particolare le strutture che svolgono l attività di validazione dell apprendimento non formale ed informale. Le modalità di preparazione di questa checklist sono simili a quelle utilizzate per predisporre il prospetto precedente; in questo caso, però, i descrittori presi in considerazione riguardano l applicazione dei criteri di assicurazione di qualità a livello di centro erogatore. Pertanto: + + la prima colonna riporta i criteri generali di qualità della Raccomandazione europea EQAVET; + + la seconda colonna riporta i descrittori EQAVET, che traducono i criteri generali di qualità nelle azioni concrete da condurre a livello di struttura formativa/centro erogatore; + + nella terza colonna i descrittori EQAVET vengono applicati all ambito della validazione dell apprendimento non formale ed informale condotta dal centro erogatore. 3 PROSPETTO MODELLO DI ASSICURAZIONE DI QUALITÀ DELLA VALIDAZIONE DELL APPRENDIMENTO NON FORMALE ED INFORMALE A LIVELLO DI STRUTTURA FORMATIVA/CENTRO EROGATORE Criteri di qualità La pianificazione riflette una visione strategica condivisa dai soggetti interessati e comprende scopi/obiettivi, azioni e indicatori espliciti. Descrittore europeo di assicurazione di qualità Gli scopi/obiettivi europei, nazionali e regionali della politica in materia di istruzione e formazione professionale sono tenuti in considerazione negli obiettivi locali fissati dagli erogatori di istruzione e formazione professionale Procedure per l assicurazione di qualità della struttura formativa/ centro erogatore per la convalida dell apprendimento non formale ed informale Definizione degli obiettivi e delle attività della struttura formativa/ centro erogatore, per realizzare le finalità europee, nazionali e regionali del dispositivo di convalida: rendere facilmente accessibile la convalida dell apprendimento informale e no formale

18 Criteri di qualità 15 La pianificazione riflette una visione strategica condivisa dai soggetti interessati e comprende scopi/obiettivi, azioni e indicatori espliciti. La pianificazione riflette una visione strategica condivisa dai soggetti interessati e comprende scopi/obiettivi, azioni e indicatori espliciti. Descrittore europeo di assicurazione di qualità Ha luogo una consultazione continua con i soggetti interessati per individuare i bisogni specifici locali e individuali Il personale partecipa fin dall inizio alla pianificazione, anche per quanto riguarda lo sviluppo della qualità Sono definiti e monitorati scopi/ obiettivi e traguardi espliciti Gli erogatori di istruzione e formazione professionale dispongono di un sistema di qualità esplicito e trasparente Le responsabilità in materia di gestione e di sviluppo della qualità sono state assegnate in modo esplicito Gli erogatori prevedono iniziative di cooperazione con altri fornitori di istruzione e formazione professionale Partenariati pertinenti e inclusivi sono esplicitamente sostenuti per l attuazione delle misure previste Procedure per l assicurazione di qualità della struttura formativa/ centro erogatore per la convalida dell apprendimento non formale ed informale garantire ai disoccupati o le persone a rischio l opportunità di ottenere un bilancio di competenze entro un periodo di tempo ragionevole privilegiare i gruppi svantaggiati altre finalità, definite a livello nazionale e regionale Coinvolgimento degli stakeholder locali nell analisi dei fabbisogni dei potenziali utenti Coinvolgimento del personale della struttura formativa nella progettazione dell attività di validazione e delle modalità di assicurazione di qualità del processo di validazione Definizione degli obiettivi quantitativi e procedurali e dei relativi indicatori da monitorare: tipologia di utenti che si intende raggiungere numero di utenti previsto modalità di svolgimento dell attività altro... Definizione del sistema di assicurazione qualità della struttura formativa/centro erogatore Definizione delle responsabilità e degli incarichi interni in materia di gestione e di sviluppo della qualità della struttura formativa/centro erogatore Progettazione delle reti e delle partnership da costituire sul territorio per attuare il processo di validazione Definizione, d intesa con gli stakeholder e con i partner, delle modalità attuative e delle procedure del dispositivo di convalida: responsabilità decisionali responsabilità gestionali ruoli da svolgere nello sviluppo dell attività sviluppo delle competenze professionali del personale coinvolto uso degli strumenti di trasparenza dell Unione nella predisposizione della documentazione modalità di valutazione dei candidati conformità delle qualifiche e dei crediti rilasciati agli standard ufficiali 16

19 Criteri di qualità 16 La pianificazione riflette una visione strategica condivisa dai soggetti interessati e comprende scopi/obiettivi, azioni e indicatori espliciti. Una valutazione dei risultati e dei processi è effettuata regolarmente con l aiuto di misurazioni Descrittore europeo di assicurazione di qualità Le risorse interne sono opportunamente allineate/ attribuite ai fini del conseguimento degli obiettivi fissati nei piani attuativi Il piano strategico di sviluppo delle competenze del personale specifica i bisogni di formazione degli insegnanti e dei formatori Il personale si aggiorna regolarmente e coopera con soggetti esterni per rafforzare le capacità e il miglioramento della qualità e accrescere le prestazioni Un autovalutazione è effettuata periodicamente nell ambito di quadri/regolamenti nazionali e regionali o su iniziativa degli erogatori di istruzione e formazione professionale La valutazione e la revisione includono meccanismi adeguati ed efficaci per coinvolgere soggetti interessati interni ed esterni La valutazione e la revisione riguardano i processi e i risultati della formazione, compresa la valutazione della soddisfazione dei discenti nonché delle prestazioni e della soddisfazione del personale Procedure per l assicurazione di qualità della struttura formativa/ centro erogatore per la convalida dell apprendimento non formale ed informale Analisi di fattibilità degli obiettivi operativi alla luce dei vincoli esistenti: risorse finanziarie disponibili risorse umane disponibili competenze professionali del personale e conoscenza delle procedure di convalida stima dei costi per ogni convalida Definizione delle: responsabilità operative degli operatori caratteristiche qualitative degli operatori conoscenze necessarie da parte degli operatori modalità di formazione degli operatori Organizzazione dei piani di formazione degli operatori coinvolgendo anche competenze esterne alla struttura formativa/ centro erogatore Attivazione dell autovalutazione per verificare il rispetto dei criteri di qualità europei per la validazione dell apprendimento non formale ed informale (vedi anche Prospetto 1), e degli obiettivi nazionali e regionali Coinvolgimento degli stakeholder nella valutazione delle attività svolte Raccolta di dati sull attività svolta. Verifica del rispetto degli obiettivi e delle procedure definite. Verifica dei seguenti indicatori quantitativi: numero di domande presentate numero di percorsi di validazione avviati numero di attestati rilasciati tempi medi dei percorsi di validazione costi medi dei percorsi di validazione numero di ri-occupati (in collegamento con l attestazione ricevuta) numero di ri-formati (in collegamento con l attestazione ricevuta) soddisfazione degli utenti soddisfazione degli operatori Sono attuati sistemi di preallarme Monitoraggio continuo dell attività per evidenziare tempestivamente possibili punti di crisi 17

20 Criteri di qualità Revisione Descrittore europeo di assicurazione di qualità I risultati del processo di valutazione sono discussi con i soggetti interessati e sono realizzati piani d azione appropriati È raccolto il giudizio dei discenti sulla loro esperienza di apprendimento individuale e sull ambiente di apprendimento e di insegnamento. Esso è utilizzato come base per nuove azioni unitamente al giudizio degli insegnanti Le procedure di feedback e di revisione fanno parte di un processo strategico d apprendimento nell organizzazione Le informazioni sui risultati della revisione sono rese pubbliche Procedure per l assicurazione di qualità della struttura formativa/ centro erogatore per la convalida dell apprendimento non formale ed informale Definizione di una procedura per la revisione dell attività Effettuazione di interviste e/o somministrazione di questionari strutturati ed in profondità agli utenti per raccogliere le loro valutazioni sul percorso di validazione dell apprendimento. Adeguamento e miglioramento dell attività sulla base dei risultati ottenuti e dell analisi dei punti di forza e di debolezza Comunicazione pubblica dei risultati Anche in questo caso la terza colonna del prospetto può essere utilizzata in due modi: sia da chi governa il centro erogatore come strumento per verificare quali sono i passi necessari da compiere nell organizzare il processo di validazione secondo le regole dell assicurazione di qualità, sia da chi valuta il centro erogatore come strumento di controllo della qualità del processo di validazione. 18

Premessa: VALIDATION OF NON FORMAL AND INFORMAL LEARNING: UN AGGIORNAMENTO DELLA CORNICE EUROPEA

Premessa: VALIDATION OF NON FORMAL AND INFORMAL LEARNING: UN AGGIORNAMENTO DELLA CORNICE EUROPEA Premessa: VALIDATION OF NON FORMAL AND INFORMAL LEARNING: UN AGGIORNAMENTO DELLA CORNICE EUROPEA Il tema della trasparenza e del riconoscimento delle competenze comunque e ovunque acquisite rappresenta

Dettagli

Report Conclusivo Azione WP4 CBA

Report Conclusivo Azione WP4 CBA Report Conclusivo Azione WP4 CBA Indice 1. Obiettivi della Work Package Costruzione e sperimentazione di un sistema di monitoraggio dei processi formativi a garanzia della qualità in accordo con le raccomandazioni

Dettagli

PERCORSO CAF EDUCATION

PERCORSO CAF EDUCATION PERCORSO CAF EDUCATION FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV-PDM CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* TPPPS11000A LICEO SCIENTIFICO STATALE M.CIPOLLA PIAZZALE PLACIDO RIZZOTTO - 91022 CASTELVETRANO

Dettagli

1.1. Orientare l istituzione attraverso lo sviluppo di una mission, una vision e dei valori

1.1. Orientare l istituzione attraverso lo sviluppo di una mission, una vision e dei valori 1.1. Orientare l istituzione attraverso lo sviluppo di una mission, una vision e dei valori La Mission e la Vision dell Istituto sono state definite chiaramente all interno dello staff di presidenza, condivise

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 (ai sensi dell art. 11 del decreto Legislativo 27 ottobre 2009, n. 150/2009) Premessa Il Liceo M. Gioia di Piacenza realizza le proprie finalità

Dettagli

Competenze del Dirigente scolastico

Competenze del Dirigente scolastico Competenze del Dirigente scolastico Repertorio elaborato in ambito SI.VA.DI.S Repertorio delle competenze del dirigente scolastico Il repertorio descrittivo delle azioni professionali e delle competenze

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Labour market intelligence in Europa

Labour market intelligence in Europa Labour market intelligence in Europa di Mara Brugia* e Antonio Ranieri** Dal nostro punto di osservazione che è quello di chi guarda all insieme del sistema europeo della formazione professionale e del

Dettagli

Il Sistema ECVET: gli elementi chiave

Il Sistema ECVET: gli elementi chiave Il Sistema ECVET: gli elementi chiave ECVET: key features Manuela Bonacci ISFOL Processi integrati Europass Qualità e Accreditamento ECTS ECVET EQF NQS Sistema dei crediti Validation Sistema Nazionale

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino

Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Anno 2014-2015 Un Sistema qualità per l eccellenza socio-sanitaria I piani ed i documenti di governo del sistema

Dettagli

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI comunicazionetrasparenteprogettoinf ormareinformarsivalorizzazioneco struireteamworkeleaderschipproporrecolla boraredeisostenereprofessionisti stimolareintegrazionerelazionialleanzesoluzi

Dettagli

ACCORDO in materia di. ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM. Indice

ACCORDO in materia di. ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM. Indice ACCORDO in materia di ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM Stipulato da: ALSTOM, rappresentata da Patrick Dubert, E: la FEM (Federazione Europea Metalmeccanici), rappresentata da Bart

Dettagli

ALL APPRENDIMENTO NELLA CURA DEGLI ANZIANI

ALL APPRENDIMENTO NELLA CURA DEGLI ANZIANI IQEA: UN PROGET TO PER DARE VALORE ALL APPRENDIMENTO NELLA CURA DEGLI ANZIANI GIANFRANCO MASSA - EXFOR Alcuni temi centrali per il welfare Assicurare qualità dell assistenza basata sulle competenze delle

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 Liceo Classico Statale M. Minghetti Via Nazario Sauro, 18 40121 Bologna Tel. 051.2757511 Fax 051.230145 www.liceominghetti.gov.it mail: bopc030001@istruzione.it PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E

Dettagli

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore Il progetto in breve Questo percorso formativo si propone di formare 25 persone in modo da aumentarne la capacità

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA

ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA I. Le principali sfide da affrontare con il CLLD Il Community-led local development (CLLD) è uno strumento normato dai regolamenti

Dettagli

LINEE GUIDA per L AUTOVALUTAZIONE Dalla Teoria alla Pratica

LINEE GUIDA per L AUTOVALUTAZIONE Dalla Teoria alla Pratica LINEE GUIDA per L AUTOVALUTAZIONE Dalla Teoria alla Pratica A sostegno delle istituzioni scolastiche che vogliano intraprendere un percorso di autovalutazione attraverso l utilizzo del CAF 1 PARTE III..ALLA

Dettagli

HUMAN MANAGEMENT SYSTEM PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (HMS-SSL)

HUMAN MANAGEMENT SYSTEM PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (HMS-SSL) HUMAN MANAGEMENT SYSTEM PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (HMS-SSL) P. CLERICI*, A. GUERCIO**, L. QUARANTA** RIASSUNTO L organizzazione è costituita dalle persone e dalle loro relazioni reciproche e

Dettagli

Analisi dei dati del programma svolto. Progetto formativo

Analisi dei dati del programma svolto. Progetto formativo Pag. 1 /15 7. Realizzazione del prodotto Le descrizioni ed i requisisti contenuti nella presente sezione fanno riferimento ai processi di pianificazione, progettazione ed erogazione degli interventi formativi.

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

L implementazione nel sistema Italia delle specifiche tecniche di ECVET

L implementazione nel sistema Italia delle specifiche tecniche di ECVET L implementazione nel sistema Italia delle specifiche tecniche di Luogo Presentazione: Vicenza Autore: Data: giovedì 12 giugno 2014 ESCO PROCESSI INTEGRATI Europass NQS ECTS Sistema dei crediti HE EQF

Dettagli

Dalla competenza alla certificazione

Dalla competenza alla certificazione Dalla competenza alla certificazione Creazione di modelli e strumenti per l'elaborazione di standard di competenze comuni e condivisi dal sistema istruzioneformazione-lavoro 1. TRASPERENZA E COMPETENZA

Dettagli

4. GESTIONE DELLE RISORSE

4. GESTIONE DELLE RISORSE Pagina 1 di 6 Manuale Qualità Gestione delle Risorse INDICE DELLE EDIZIONI.REVISIONI N DATA DESCRIZIONE Paragraf i variati Pagine variate 1.0 Prima emissione Tutti Tutte ELABORAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA Progetto Il Miglioramento delle Performance per la Giustizia MPG PON Governance e Azioni di Sistema - 2007/2013 Ob. 1 Asse E Capacità Istituzionale Obiettivo specifico

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

Audizione presso la Commissione 7 della Camera dei deputati del 12/06/2014

Audizione presso la Commissione 7 della Camera dei deputati del 12/06/2014 IL MODELLO ITALIANO DI ACCREDITAMENTO E VALUTAZIONE DEGLI ATENEI NEL QUADRO DEI SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ PROMOSSI DAL PROCESSO DI BOLOGNA Audizione presso la Commissione 7 della Camera dei

Dettagli

L apprendimento permanente per realizzare un economia della conoscenza basata su coesione sociale e competitività

L apprendimento permanente per realizzare un economia della conoscenza basata su coesione sociale e competitività L apprendimento permanente per realizzare un economia della conoscenza basata su coesione sociale e competitività Tommaso Grimaldi EVTA General Secretary www.evta.eu The largest VET European community

Dettagli

LA MISURA DELLA QUALITA I SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA E I MODELLI PER L ECCELLENZA

LA MISURA DELLA QUALITA I SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA E I MODELLI PER L ECCELLENZA Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi LA MISURA DELLA QUALITA I SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA E I MODELLI PER L ECCELLENZA 1 PROGRAMMA: La misura

Dettagli

Benchmarking tool (Questionario di valutazione comparativa)

Benchmarking tool (Questionario di valutazione comparativa) Benchmarking tool (Questionario di valutazione comparativa) Questo progetto è stato finanziato con il sostegno della Commissione Europea. Questo portale riflette il punto di vista degli sviluppatori e

Dettagli

I PRIVILEGI NEI PROCESSI DI VALUTAZIONE DEI PROFESSIONISTI

I PRIVILEGI NEI PROCESSI DI VALUTAZIONE DEI PROFESSIONISTI I PRIVILEGI NEI PROCESSI DI VALUTAZIONE DEI PROFESSIONISTI Luciano Flor Direttore Generale APSS Trento La Valutazione Professionale dei Medici Un contributo dalle aziende accreditate JCI Milano 19 novembre

Dettagli

Istituto Comprensivo di Positano e Praiano C.A.F. 2014

Istituto Comprensivo di Positano e Praiano C.A.F. 2014 ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO CAF E TEMPI Avvio attività processo AV Processo AV Predisposizione Piano di miglioramento Periodo di riferimento 8 mesi GLI STEP DEL VIAGGIO CAF FASI PROCESSO AUTOVALUTAZIONE

Dettagli

Preparazione Relazione Annuale

Preparazione Relazione Annuale UNIVERSITA TELEMATICA PEGASO SEMINARIO RIUNIONE CONGIUNTA COMMISSIONE PARITETICA DOCENTI-STUDENTI DIPARTIMENTO SCIENZE UMANE COMMISSIONE PARITETICA DOCENTI-STUDENTI DIPARTIMENTO SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICHE

Dettagli

Linee di sviluppo regionale: dai progetti alle sperimentazioni sul campo

Linee di sviluppo regionale: dai progetti alle sperimentazioni sul campo Workshop Gruppo Esperti Nazionali ECVET La sperimentazione di ECVET nei processi di apprendimento in contesti lavorativi Lamezia Terme, 5 luglio 2013 (Grand Hotel Lamezia, Piazza Lamezia) Linee di sviluppo

Dettagli

icq Miglioramento SETTIMANA EUROPEA DELLA QUALITÀ

icq Miglioramento SETTIMANA EUROPEA DELLA QUALITÀ ENTE DI FORMAZIONE ACCREDITATO M.I.U.R. Progetto A icq Mi Co Mi Co icq Miglioramento Continuo NUCLEO SCUOLA AICQ ER E MARCHE I EDIZIONE SETTIMANA EUROPEA DELLA QUALITÀ Il progetto AMICO è una sfi che gli

Dettagli

IL PORTAFOGLIO EUROPASS PER LA TRASPARENZA E LA MOBILITÀ. Luogo Presentazione: Verona Autore: Silvia Lotito Data: 27 novembre 2015

IL PORTAFOGLIO EUROPASS PER LA TRASPARENZA E LA MOBILITÀ. Luogo Presentazione: Verona Autore: Silvia Lotito Data: 27 novembre 2015 IL PORTAFOGLIO EUROPASS PER LA TRASPARENZA E LA MOBILITÀ Luogo Presentazione: Verona Autore: Silvia Lotito Data: 27 novembre 2015 Muoversi in Europa La mobilità transnazionale è considerata da oltre un

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

PARTE III LINEE GUIDA: IL MIGLIORAMENTO PARTE III..ALLA PRATICA: COME IMPOSTARE E ATTUARE IL PIANO DI MIGLIORAMENTO A SEGUITO DELL AUTOVALUTAZIONE

PARTE III LINEE GUIDA: IL MIGLIORAMENTO PARTE III..ALLA PRATICA: COME IMPOSTARE E ATTUARE IL PIANO DI MIGLIORAMENTO A SEGUITO DELL AUTOVALUTAZIONE PARTE III..ALLA PRATICA: COME IMPOSTARE E ATTUARE IL PIANO DI MIGLIORAMENTO A SEGUITO DELL AUTOVALUTAZIONE 1 Il processo di autovalutazione (step da 1 a 6) ha come output principale il rapporto di autovalutazione,

Dettagli

LA STRUTTURA DEL RAV

LA STRUTTURA DEL RAV GUIDA PRATICA ALLA ELABORAZIONE DEL RAV IN FUNZIONE DEL MIGLIORAMENTO Dino Cristanini Vico Equense 30 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive

Dettagli

CENTRO FORMAZIONE REGIONALE

CENTRO FORMAZIONE REGIONALE CENTRO FORMAZIONE REGIONALE ANPAS EMILIA ROMAGNA Istituito ai sensi della delibera Giunta Regionale 44 del 26.1.2009 ACCREDITAMENTO REQUISITI ACCREDITAMENTO RENDICONTAZIONE ACCREDITAMENTO FORMAZIONE Mission

Dettagli

Quadro europeo delle qualifiche per l apprendimento permanente (EQF)

Quadro europeo delle qualifiche per l apprendimento permanente (EQF) Quadro europeo delle qualifiche Quadro europeo delle qualifiche per l apprendimento permanente (EQF) Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi

Dettagli

INTERNATIONAL STANDARD ISO 29990 Prima Edizione 2010-09-01

INTERNATIONAL STANDARD ISO 29990 Prima Edizione 2010-09-01 Reference number ISO 29990:2010(E) ISO 2010 INTERNATIONAL STANDARD ISO 29990 Prima Edizione 2010-09-01 Servizi di formazione per l educazione e la formazione non formali Requisiti minimi per i fornitori

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017 1 Il Programma Triennale della Trasparenza e Integrità è strutturato in sezioni relative a: 1) Premessa; 2) Supporto normativo; 3)

Dettagli

Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA

Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA www.isemoa.eu Il progetto ISEMOA è iniziato nel Maggio 2010 e durerà fino al Maggio 2013. ISEMOA è cofinanziato dall Unione Europea con il

Dettagli

DOCUMENTI EUROPEI. Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 giugno 2009

DOCUMENTI EUROPEI. Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 giugno 2009 LA QUALITA DEI SISTEMI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALI DOCUMENTI EUROPEI Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 giugno 2009 OGGETTO: istituzione di un Quadro Europeo di

Dettagli

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Introduzione Questa nota informativa ha lo scopo di introdurre le fasi principali del processo di valutazione LRQA riferito al Sistema di Gestione

Dettagli

Glossario Project Cycle Management

Glossario Project Cycle Management Glossario Project Cycle Management Albero degli obiettivi Diagramma, utilizzato nell ambito dell Approccio del Quadro Logico, che permette di rappresentare, in un quadro unitario, ciò che si potrebbe osservare

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Pagina 1 di 9 Generalità. La Carta della Qualità dell offerta formativa ha la finalità di esplicitare e comunicare ai committenti e ai beneficiari gli impegni che il CONSORFORM assume nei loro confronti

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

METODOLOGIE E STRUMENTI DI RACCOLTA

METODOLOGIE E STRUMENTI DI RACCOLTA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per il Coordinamento e lo Sviluppo della Ricerca Ufficio VII Programmi Operativi Comunitari Unità Organizzativa della Comunicazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013/2015 (Art. 11, c.8, D.Lgs. n. 150 del 27.10.2009)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013/2015 (Art. 11, c.8, D.Lgs. n. 150 del 27.10.2009) ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI LECCE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013/2015 (Art. 11, c.8, D.Lgs. n. 150 del 27.10.2009) Approvato con D.C. n.110 del 2/12/2013

Dettagli

Milano, Giugno 2009 Claudia Strasserra CSR Market Developer

Milano, Giugno 2009 Claudia Strasserra CSR Market Developer Il valore aggiunto del sistema di gestione della responsabilità sociale Milano, Giugno 2009 Claudia Strasserra CSR Market Developer L azienda come luogo di incontro L azienda è il luogo in cui si confrontano

Dettagli

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF A cura del GAV Da MARZO Progetto FORMIUR CAF per il Miglioramento delle performance delle Istituzioni scolastiche. Migliora organizzazione COSA FA

Dettagli

Code of good practice (People In Aid) per una buona pratica nella gestione e nel supporto al personale umanitario

Code of good practice (People In Aid) per una buona pratica nella gestione e nel supporto al personale umanitario Code of good practice (People In Aid) per una buona pratica nella gestione e nel supporto al personale umanitario Principio guida...1 Le persone sono fondamentali per il raggiungimento della nostra missione...1

Dettagli

Direttive Esame professionale per Specialista del personale

Direttive Esame professionale per Specialista del personale Direttive Esame professionale per Specialista del personale Opzioni A Gestione del personale B Consulente del personale secondo il Regolamento 2000, versione 2.0 Organo svizzero responsabile degli esami

Dettagli

Indicazioni e orientamenti metodologici per gli Obiettivi ed Azioni del Fondo Sociale Europeo

Indicazioni e orientamenti metodologici per gli Obiettivi ed Azioni del Fondo Sociale Europeo UNIONE EUROPEA Direzione Generale Occupazione e Affari Sociali MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Dipartimento dell Istruzione Direzione Generale per gli Affari Internazionali Uff. V PROGRAMMA OPERATIVO

Dettagli

CARTA DI QUALITÁ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÁ DELL OFFERTA FORMATIVA Pagina 1 di 8 CARTA DI QUALITÁ DELL OFFERTA FORMATIVA REV. 00 INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO... 2 1.1 Politica della qualita... 2 1.2 Mission, obiettivi ed impegni... 2 1.3 Obiettivi ed impegni... 2 1.4

Dettagli

La Governance partenariale

La Governance partenariale La Governance partenariale Sommario Introduzione... 1 1. Modello di governance del partenariato per il Programma di cooperazione MED 2014-2020... 2 1.1. Introduzione... 2 1.2. Codice europeo di condotta

Dettagli

1. Leadership: La risposta in tal senso è stata positiva consolidando un opera di continuo presidio del territorio da parte dell UP ACI Lucca..

1. Leadership: La risposta in tal senso è stata positiva consolidando un opera di continuo presidio del territorio da parte dell UP ACI Lucca.. 1. Leadership: 1.1. Orientare l organizzazione, attraverso lo sviluppo di una missione, una visione e dei valori per: formulare e sviluppare la missione (quali sono i nostri obiettivi) e la visione (dove

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016

PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 COMUNE DI FERRERA DI VARESE PROVINCIA DI VARESE PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 Approvato con deliberazione di G.C. n. del INDICE 1. PREMESSA NORMATIVA 2. CONTENUTO DEL PROGRAMMA

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Allegato 4 ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Il presente Allegato tecnico, rivolto a tutti gli Enti di formazione già certificati secondo la norma internazionale

Dettagli

Valutazione Ambientale Strategica del Programma Operativo Regionale 2007-2013

Valutazione Ambientale Strategica del Programma Operativo Regionale 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA Valutazione Ambientale Strategica del Programma Operativo Regionale 2007-2013 (Fondo FESR) MISURE PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE DEL POR (ai sensi degli

Dettagli

Carta della Qualità dell Offerta Formativa Perform

Carta della Qualità dell Offerta Formativa Perform 1. LIVELLO STRATEGICO Carta della Qualità dell Offerta Formativa Perform 1.1 POLITICA DELLA QUALITÀ La dirigenza di Unindustria Perform Srl intende perseguire, quale mission dell Organizzazione, il miglioramento

Dettagli

I. Partenariato. II. Verifica

I. Partenariato. II. Verifica Lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Raggiungere gli obiettivi Comunicato della Conferenza dei Ministri dell Istruzione Superiore, Bergen, 19-20 Maggio 2005 Noi, Ministri dell Istruzione Superiore

Dettagli

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile ESSERE O APPARIRE Le assicurazioni nell immaginario giovanile Agenda_ INTRODUZIONE AL SETTORE ASSICURATIVO La Compagnia di Assicurazioni Il ciclo produttivo Chi gestisce tutto questo Le opportunità di

Dettagli

Politica per la Qualità della Formazione

Politica per la Qualità della Formazione Politica per la Qualità della Formazione Valutazione e accreditamento lasciano un segno se intercettano la didattica nel suo farsi, se inducono il docente a rendere il suo rapporto con i discenti aperto,

Dettagli

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 369 del 23 marzo 2010 LINEE GUIDA PER LA CARTA DEI SERVIZI SANITARI

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 369 del 23 marzo 2010 LINEE GUIDA PER LA CARTA DEI SERVIZI SANITARI A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 369 del 23 marzo 2010 LINEE GUIDA PER LA CARTA DEI SERVIZI SANITARI PREMESSO che il D Lgs 502/1992 all art. 14 stabilisce il principio del costante adeguamento

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Allegato A SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE PREMESSA...3 DEFINIZIONI E CONCETTI BASE...5 Performance...5 Performance organizzativa...5 Performance individuale...5 Obiettivo...6 Obiettivo

Dettagli

Autovalutazione e miglioramento continuo

Autovalutazione e miglioramento continuo Autovalutazione e miglioramento continuo Percorso formativo per i Dirigenti Scolastici della Regione Abruzzo 2^ giornata Relatore: Germano Cipolletta Questo documento è stato ideato per una fruizione a

Dettagli

Prot. n. 7110 B/2 San Giovanni in Persiceto, 12/11/2015

Prot. n. 7110 B/2 San Giovanni in Persiceto, 12/11/2015 1 MIUR Ufficio Scolastico Emilia-Romagna -USP Bologna DIREZIONE DIDATTICA STATALE di S. GIOVANNI in PERSICETO Circolo di San Giovanni in Persiceto (BO) Piazza Carducci, 6 BOE14700V C.F. 80073330377- Tel.

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LEONARDO DA VINCI LICEO SCIENTIFICO - LICEO LINGUISTICO LICEO CLASSICO SEZIONE ASSOCIATA: ISTITUTO

Dettagli

Area Disabilita. Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS

Area Disabilita. Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS Area Disabilita Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS OBIETTIVI Come recita l articolo 12 della legge 104/92, scopo generale dell

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006)

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) Nel quadro della innovazione organizzativa avviato dalla Provincia, il Nucleo

Dettagli

Che cos'è l'ecvet. L'operatore socio-sanitario in prospettiva europea. Bari, 23 Aprile 2012 Sala Convegni ACLI Provinciali - Via De Bellis, 37

Che cos'è l'ecvet. L'operatore socio-sanitario in prospettiva europea. Bari, 23 Aprile 2012 Sala Convegni ACLI Provinciali - Via De Bellis, 37 L'operatore socio-sanitario in prospettiva europea Bari, 23 Aprile 2012 Sala Convegni ACLI Provinciali - Via De Bellis, 37 Che cos'è l'ecvet Lorenzo Liguoro Kairos S.p.A. Consulenza e Formazione www.kairos-consulting.com

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA CITTA DI ORBASSANO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012 2014 Indice Premessa pag. 3 1. Riferimenti normativi pag. 3 2. Finalità del Programma pag. 3 3 Il sito istituzionale del

Dettagli

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 920/2013 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 920/2013 DELLA COMMISSIONE L 253/8 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 25.9.2013 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 920/2013 DELLA COMMISSIONE del 24 settembre 2013 relativo alla designazione e alla sorveglianza degli organismi

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

CODICE DI AUTODISCIPLINA DELL ENI S.p.A. (la Società) IN ADESIONE AL CODICE PROMOSSO DA BORSA ITALIANA S.p.A.

CODICE DI AUTODISCIPLINA DELL ENI S.p.A. (la Società) IN ADESIONE AL CODICE PROMOSSO DA BORSA ITALIANA S.p.A. CODICE DI AUTODISCIPLINA DELL ENI S.p.A. (la Società) IN ADESIONE AL CODICE PROMOSSO DA BORSA ITALIANA S.p.A. 1. Ruolo del consiglio di amministrazione 2. Composizione del consiglio di amministrazione

Dettagli

Certificazioni Sistemi di Gestione Aziendali gestiti dalla UNI EN ISO 9001:2008 - SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA

Certificazioni Sistemi di Gestione Aziendali gestiti dalla UNI EN ISO 9001:2008 - SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA Certificazioni Sistemi di Gestione Aziendali gestiti dalla SAAS Gestioni Aziendali Srl Unipersonale Sede Legale: 80127 Napoli - Via D. Cimarosa, 89 - P.IVA 06744501211 REA (NA) 837375 Uffici Amministrativi:

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2011-2012 Università di Macerata Facoltà di Economia 1 Obiettivo della lezione QUALITY ASSESSMENT REVIEW I KEY PERFORMANCE INDICATORS

Dettagli

Cambiare vita, aprire la mente ERASMUS+ 2014-2020: LA MOBILITÀ TRANSNAZIONALE PER L'APPRENDIMENTO AMBITO IFP. Agenzia Erasmus+ ISFOL

Cambiare vita, aprire la mente ERASMUS+ 2014-2020: LA MOBILITÀ TRANSNAZIONALE PER L'APPRENDIMENTO AMBITO IFP. Agenzia Erasmus+ ISFOL Cambiare vita, aprire la mente ERASMUS+ 2014-2020: LA MOBILITÀ TRANSNAZIONALE PER L'APPRENDIMENTO AMBITO IFP Livorno, 16 maggio 2014 Relatore: Laura Borlone Agenzia Erasmus+ ISFOL TOSCANA Progetti di mobilità

Dettagli

Carta dei Servizi. FDE srl. Via Sandro Pertini n. 6 46100 MANTOVA Tel. +039 0376.415683 e-mail: info@istitutofde.it Web: www.istitutofde.

Carta dei Servizi. FDE srl. Via Sandro Pertini n. 6 46100 MANTOVA Tel. +039 0376.415683 e-mail: info@istitutofde.it Web: www.istitutofde. 2010 Carta dei Servizi FDE srl Via Sandro Pertini n. 6 46100 MANTOVA Tel. +039 0376.415683 e-mail: info@istitutofde.it Web: www.istitutofde.it CARTA DEI SERVIZI Approvata dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Data di avvio Data di conclusione. Durata (in mesi) 31/1/2010

Data di avvio Data di conclusione. Durata (in mesi) 31/1/2010 WP n.1 Titolo: Analisi dei bisogni e fattibilità Obiettivi: - Collegare le diverse analisi dei bisogni del gruppo target per individuare, definire e condividere le principali criticità registrate nei diversi

Dettagli

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO 1 1. PREMESSA 3 2. MISSIONE E VISIONE ETICA 3 3. AMBITO DI APPLICAZIONE DEL CODICE 3 4. PRINCIPI E NORME DI RIFERIMENTO 5 4.1 Rispetto della Legge 5 4.2 Onestà e correttezza

Dettagli

P ROGETTO «MoVET: Get MoVing in Europe to gain new competences in Tourism management» N o. 2015-1-IT01-KA102-004208

P ROGETTO «MoVET: Get MoVing in Europe to gain new competences in Tourism management» N o. 2015-1-IT01-KA102-004208 P ROGETTO «MoVET: Get MoVing in Europe to gain new competences in Tourism management» N o. 2015-1-IT01-KA102-004208 Co-finanziato dalla Commissione Europea nell ambito del Programma Erasmus+ Ambito Istruzione

Dettagli

L azione a sostegno dell istruzione e della formazione professionale in Europa: IL COMUNICATO DI BRUGES

L azione a sostegno dell istruzione e della formazione professionale in Europa: IL COMUNICATO DI BRUGES L azione a sostegno dell istruzione e della formazione professionale in Europa: IL COMUNICATO DI BRUGES Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi

Dettagli

DESCRIZIONE DEL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE

DESCRIZIONE DEL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE DESCRIZIONE DEL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE Step 1 - Decidere come organizzare e pianificare l autovalutazione Ancor prima dell unificazione in entrambi i Plessi erano state avviate iniziative volte al

Dettagli

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE 1. STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE La Direzione aziendale elabora le linee strategiche per il governo del sistema dei servizi sanitari sulla base degli atti di indirizzo

Dettagli

QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE Step 1 - Decidere come organizzare e pianificare l autovalutazione (AV) 1.1. Assicurare l impegno e il governo del management per avviare il processo. 1.2. Assicurare

Dettagli

Monitoraggio Programmi Triennali della Trasparenza e Delibera n. 2/2012. Aprile 2012

Monitoraggio Programmi Triennali della Trasparenza e Delibera n. 2/2012. Aprile 2012 Monitoraggio Programmi Triennali della Trasparenza e Delibera n. 2/2012 1 Aprile 2012 Le amministrazioni, in sede di prima adozione del Programma per la trasparenza e l integrità, hanno prestato una maggiore

Dettagli

Metodologia di gestione delle performance

Metodologia di gestione delle performance Metodologia di gestione delle performance Il sistema di gestione delle performance deriva direttamente dalle priorità politiche di ciascuna Giunta ed è strettamente coordinato con tutti gli altri strumenti

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Premessa PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Le recenti e numerose modifiche previste nell ambito del vasto progetto di riforma della P.A. impongono agli Enti Locali il controllo e la

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale Via Pianciani, 32 00185 Roma

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale Via Pianciani, 32 00185 Roma Circ. n. 2 Prot. n. 2968 Roma, 10 febbraio 2015 Ai Dirigenti delle Istituzioni scolastiche statali di ogni ordine e grado della Regione Lazio Ai Coordinatori didattici delle Istituzioni scolastiche paritarie

Dettagli

Il Sistema di Ateneo per la qualità della Didattica e l Accreditamento SADA

Il Sistema di Ateneo per la qualità della Didattica e l Accreditamento SADA Senato Accademico del 14.01.2013 Documento allegato alla delibera Organismi per il sistema di accreditamento dei Corsi di Studio Il Sistema di Ateneo per la qualità della Didattica e l Accreditamento SADA

Dettagli