LA GRANDE GUERRA IN ITALIA Rappresentazione e Interpretazione Oxford, Taylor Institution, Aprile, 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA GRANDE GUERRA IN ITALIA Rappresentazione e Interpretazione Oxford, Taylor Institution, 20-21 Aprile, 2012"

Transcript

1 LA GRANDE GUERRA IN ITALIA Rappresentazione e Interpretazione Oxford, Taylor Institution, Aprile, 2012 Elenco completo degli Interventi Boitani Giacomo (Ri)fare gli italiani»: Post-war Italian national identity, Gramsci, commedia all italiana and Mario Monicelli s La Grande Guerra (1959) Mario Monicelli s film La Grande Guerra is one of the most revered examples of the cinematic genre known as commedia all italiana; its production generated a heated cultural debate in Italy, until the completed project received a massive popular response in terms of film-theatre attendance as well as a positive critical response, as exemplified by the ex-aequo Leon d Or award it obtained at the 1959 edition of the Venice Film Festival. In his essay La Ricerca dell Identità nel Cinema Italiano del Dopoguerra, Italian film historian Gian Piero Brunetta theorised that the Italian represented on screen in post-wwii Italian neorealist films such as Rossellini s Paisà (1946) is characterised by being born out of the war and the Resistance, [...] not possessing any type of history or registered identity, being subjected to deep amnesiac states from which he will only recover at the beginning of the 1960s. In my paper I purpose to investigate how in its reference to Paisà, in its renewal of the practice of plurilinguism originally deployed in Rossellini s war trilogy and in its substitution of the Crocean cultural background that characterised Rossellini s depiction of the Resistance with a Gramscian conception of history, Monicelli s La Grande Guerra represents a crucial step in this process of regaining of identity through cinematic representation from the mid 1940s to the early 1960s identified by Brunetta and articulate how the notion of Italian national identity proposed in these films is defined by its fractured nature. In other words, this paper aims to suggest that very much in the same way that la Grande Guerra, the war, was instrumental in fare gli Italiani after the Risorgimento, La Grande Guerra, the film, represented a crucial contribution to the attempt of ri-fare gli Italiani after Fascism, WWII and the Resistance. Caffarena Fabio ARMATI DI CARTA E PENNA: Soldati e scrittura tra racconto, memoria e storia della Grande Guerra Spartiacque del Novecento, il Primo conflitto mondiale rappresentò per molti individui l evento-cardine dell esistenza. In Italia, tra il 1915 e il 1918, le trincee e i fronti di guerra furono percorsi da un flusso ininterrotto di lettere e cartoline spedite e ricevute dai combattenti (nel caso italiano si calcola una movimentazione di circa quattro miliardi di missive in oltre tre anni di guerra), ma durante il conflitto i soldati compilarono anche numerosi diari e, una volta tornati alla vita civile, lasciarono sulla carta le loro memorie di guerra. Soprattutto i testi epistolari evidenziano anche visivamente la fatica di scrivere da parte di tanti fanti-contadini scarsamente alfabetizzati, in molti casi rivelano la loro sostanziale estraneità alle ragioni del conflitto e solo raramente adesioni patriottiche, nonostante la strumentalizzazione retorica e propagandistica delle lettere dei caduti attuata dal regime fascista tra gli anni Venti e Trenta. Si tratta di scritture che nel complesso rappresentano una forma di resistenza dell individuo e della soggettività nei confronti dell alienante e spersonalizzante realtà bellica. A quasi cent anni di distanza dall inizio del conflitto quel che resta di tale patrimonio di scrittura rappresenta un vero e proprio racconto collettivo della guerra, una sorta di forma di letteratura popolare, ma anche un insostituibile strumento per sondare aspetti di vita sociale e della mentalità dei combattenti, esposti ad un conflitto moderno non solo dal punto di vista tecnologico, ma anche se non soprattutto per le trasformazioni del mondo mentale che determinò. In tale contesto l intervento intende evidenziare le peculiarità testuali e di linguaggio delle testimonianze scritte provenienti dai campi di battaglia, ma anche alcune questioni di metodo legate al loro utilizzo, per nulla semplice, all interno del cantiere dello storico contemporaneo. 1

2 Camuffo Pericle La guerra la fanno i fessi : Giuseppe Prezzolini e il popolo italiano al fronte L intervento intende prendere in esame la posizione di Giuseppe Prezzolini ( ) nei confronti del popolo italiano impegnato sul fronte della Grande Guerra, mostrando come in essa vi sia, da una parte, ancora attiva e produttiva la componente dominante del suo interventismo, l idea cioè, tutta vociana, di una rigenerazione nazionale attraverso la guerra intesa come esame morale di un popolo, e dall altra, come questa convinzione venga messa in crisi dalla realtà della guerra e dal comportamento non solo dei militari ma anche dei civili italiani. Dalla lettura e dall analisi dei testi che Prezzolini dedica specificatamente all argomento, Dopo Caporetto (1919), Vittorio Veneto (1920), Tutta la guerra (1918), emerge un ritratto, tristemente attuale, dell Italia e degli italiani di fronte al quale l intellettuale toscano constaterà e misurerà, negli anni successivi, la sua posizione di apòta e di italiano inutile. D Eath Jessica Imparare ad amare la guerra. Interventionist ideologies in Italian children s fiction, Pinocchietto, the child protagonist of Bruno Bruni s 1915 novel Pinocchietto contro l Austria, flees his home to join i nostri baldi soldati che così valentemente avevano iniziato la guerra per la completa indipendenza d Italia, per far libera la Patria dall Alpi al mare. He together with a host of fictional characters that emerged in children s novels over the course of the war contributes directly to Italy s war effort, driven by the conviction that the war represents an epilogue to the Risorgimento battles. Though the Great War features prominently as a theme in Italian children s books produced during the conflict, the complexities of the interventionist debate are not reflected in children s fiction of the period. Intervention, in texts produced between 1915 and 1918, is depicted almost exclusively as the result of a unanimous decision to rectify past national iniquities, and the people as spontaneously and uniformly patriotic. By the 1920s and 1930s, however, the portrait of the Great War as a patriotic campaign to liberate irredentist citizens and assert Italy s territorial rights had begun to fade. Authors such as Antonio Beltramelli and Ugo Scotti Berni chose to revisit the concept of the interventionist question to comment on the existence of an insidious enemy on the inside who must be eradicated. Thus war is depicted, retrospectively, as a vehicle of social cohesion, and the interventionist issue is recast in social-darwinian tones not dissimilar to that of Giovanni Papini s Amiamo la Guerra (1914). This paper will explore the evolution of the representation of interventionist ideologies in Italian children s literature. Drawing on a selection of novels for children published between 1915 and 1938, it will consider how the motivations underpinning the conflict were interpreted for children through their literature both during and after the war, and examine the ideological significance of these representations within their respective socio-historical contexts. Daly Selena Marinetti in the First World War: writer, soldier and officer Filippo Tommaso Marinetti s belligerence and celebration of war are two of the fundamental aspects of Futurist ideology as laid out in the movement s founding manifesto in February Leading up to Italy s entry into the war in May 1915, Marinetti was a fierce interventionist, and as soon as Italy declared war on Austria-Hungary, he signed up as a volunteer soldier in the Battaglione Lombardo Volontari Ciclisti Automobilisti (VCA). He, along with other Futurists including Umberto Boccioni and Luigi Russolo, was sent to fight at the frontline in Trentino, where in October 1915 the VCA took part in the attack on Dosso Casina. Following the unit s dissolution in November 1915, Marinetti dedicated most of 1916 to literary and theatrical pursuits, before returning at the beginning of 1917 to the front line near Gorizia and later at the River Piave, now as an officer. 2

3 This paper will engage in a comparative analysis of Marinetti s experiences as a soldato semplice and as an officer in order to understand in what ways his perception of the war was altered by his radically different circumstances in 1915, and in Of particular interest will be his attitudes towards irredentism, patriotism, his fellow soldiers, the representation of the Austrian enemy, and his process of meaning-making during the conflict. A wide range of primary source material will be consulted including Marinetti s war diaries, newspaper articles written by him while at the frontline, sketches and drawings he made, Futurist manifestoes, pieces for theatre, parole in libertà paintings, and his war memoir, L Alcòva d acciaio (1921), recounting his experiences in De Leva Giovanni Ufficiali narratori e soldati personaggi. Per una lettura della narrativa italiana della Grande Guerra Nel mio intervento, vorrei affrontare la narrativa italiana del primo conflitto mondiale alla luce del rapporto tra la figura dell ufficiale e quella del soldato, rispettivamente intesi come narratore e personaggio del racconto di guerra. L ufficiale, infatti, vi compare quasi sempre come voce narrante e protagonista, mentre al soldato semplice viene spesso riservato il ruolo di comprimario. Si tratta d una peculiarità del caso italiano, se si pensa a titoli come Three Soldiers (1921) di Dos Passos o Soldier s Home (1925) di Hemingway, oppure all importanza del poilu nella produzione francese. Ad un narratore di buona cultura, d estrazione borghese, di frequente interventista e volontario, il racconto italiano contrappone dunque un personaggio antitetico, descritto come analfabeta, d origine contadina ed ignaro delle ragioni del conflitto. Nella maggior parte dei casi, le narrazioni si esauriscono perciò entro il raggio d esperienza dell ufficiale, in cui il soldato appare di volta in volta come fratello minore, bambino o diretta espressione della natura, in ogni caso quale destinatario della pedagogia e della disciplina del suo superiore. La mia ipotesi è tuttavia che il rapporto tra ufficiali narratori e soldati personaggi muti sensibilmente nel corso della narrativa di guerra. A partire dall Introduzione alla vita mediocre (1920) di Arturo Stanghellini, passando per Trincee (1924) di Carlo Salsa, Cola (1927) di Mario Puccini e La meccanica (1932) di Carlo Emilio Gadda, fino ad arrivare ad Un anno sull Altipiano (1938) di Emilio Lussu, si assiste infatti ad un graduale mutamento di prospettiva, che dalla preminenza dell ufficiale si sposta verso l esperienza di guerra del soldato semplice. Un evoluzione che, qualora fosse verificata, offrirebbe fertili spunti di confronto con la letteratura degli anni Trenta, costituendo inoltre la base per la proposta di un canone della narrativa italiana della Grande Guerra. Duyck Mathijs Veni, vidi, narrui. Esperienza, trascrizione e narrazione della Grande Guerra di Carlo Emilio Gadda. «Il modo d essere del mio sistema cerebro-spinale durante e dentro la guerra fu cosa a un tal segno lontana dalle comuni, che credo possa giustificare il tentativo d un breve resoconto materiato di fatti, i quali appariranno essere verità strane ed orride: e cionondimeno verità» (RR I 134). L esperienza della Grande Guerra formò lo scrittore e la scrittura gaddiana ed è stata trascritta dall autore in una serie di taccuini che compongono uno tra i più dettagliati diari bellici del periodo , pubblicato solo 36 anni più tardi e senza revisione dell autore, con il titolo Giornale di guerra e di prigionia. La guerra, oltre a farsi impetuoso fiume carsico che scorre sotto l intera opera gaddiana, viene anche trattata in una serie di «articoli», pubblicati sul quotidiano L Ambrosiano e poi riuniti, insieme ad altri scritti, nella raccolta Il castello di Udine (1934). Nonostante Gadda avesse a disposizione il vasto serbatoio di materiale bellico che rappresenta il Giornale, i testi raccolti nel Castello recano ben poco dell esperienza trascritta nei diari; le rare incidenze non oltrepassano il livello dell aneddotica. È invece la narrabilità stessa della guerra ad occupare il centro del discorso letterario, mentre la retorica chiamata a facilitare il faticoso passaggio dalla vita vissuta alla narrazione pare cancellare dalla storia la presenza fisica del soldato, il suo corpo, di cui i diari registrano lo stato quasi continuo di malessere. La relazione vuole indagare il rapporto tra guerra, diario e racconto, ovvero tra esperienza, trasposizione in scrittura e deformazione letteraria. Districando i problemi legati alla possibilità di rendere «in alfabeti» l esperienza della guerra si va a scoprire una problematica più ampia che sottosta all intera prima stagione 3

4 della scrittura gaddiana, ossia il groviglio dell io, che vive, descrive e si rende conto che narrare significa anche narrarsi. Du Pont Koenraad The authenticity effect, a propaganda tool in trench newspapers As Isnenghi pointed out, three years after the intense debate between neutralists and interventionists the Italian intellectuals were again called upon after the defeat of Caporetto, when dozens of trench newspapers were launched with the aim of strengthening the consensus on the war effort. This time, however, the enrolment of artists, writers and intellectuals in the newly created Servizio P(ropaganda) had a levelling effect, excluding elitist ambitions, such as the futurists or D Annunzio s earlier interventionism. How voluntaristic this transformation of haughty artists into anonymous cultural employees could be, will be illustrated, among others, by Soffici s testimony on the creation of the Servizio P. Moreover, the contribution will portray some editorial choices that were intended to make the newspapers both captivating and authoritative. Rather than upon the newspapers themes, which where imposed by the High Command and have been thoroughly analysed by others, the contribution will focus upon formal aspects, such as the newspapers subdivision into sections, their rendering of the contributors identities, editorial interventions and other peritextual elements. Thus, the analysis brings to light a persistent search of communicative modes that would fit the experience of total war. It is by all means remarkable how the journalistic discourse builds its authoritativeness upon the contributors battlefield experience. Moreover, the newspapers profile themselves as inclusive. Not only do they depict ordinary Italian soldiers from various ranks and regional backgrounds, they also often lend them a (real or fictional) voice by emphasising their presence as contributors. Therefore, it is at least partly legitimate to consider this authenticity effect as an ultimate attempt to bring about Italy s cultural regeneration, which so many intellectuals had yearned for, even if this came at the cost of anonymity and if it burdened the country s future with a war culture that would long outlive the actual conflict. Faccioli Alessandro Gianikian, Ricci Lucchi e l'autopsia dell'archivio La Grande Guerra rappresenta per il cinema e la televisione italiani uno snodo a tutt oggi irrisolto. In meno di un secolo sono stati realizzati oltre cento film di fiction e moltissimi documentari di montaggio. L immagine del conflitto è stata però proposta quasi sempre relegando sullo sfondo importanti temi, argomenti e punti vista, schiacciati di volta in volta dall opportunità politica, dalla mancanza di coraggio produttivo, dalla censura. Si può parlare di evidente difficoltà del cinema italiano di trattare criticamente in chiave spettacolare una delle roccaforti identitarie nazionali. Specchio di questa difficoltà, la persistenza di scelte visive e moduli narrativi che rendono conto del primo vero sacrificio collettivo nazionale in maniera troppo spesso stereotipa. Così non è successo in altre cinematografie, dove il mito della vittoria o le pratiche di rielaborazione della sconfitta e del lutto hanno lasciato spazio a riflessioni tanto più efficaci narrativamente, quanto storicamente più aggiornate e ideologicamente più fluide. Si può a buon diritto sostenere che, anche in Italia, esempi importanti di gestione responsabile della memoria audiovisiva della Grande guerra sono venuti negli ultimi anni da artisti vicini alla pratica del found footage, del riutilizzo creativo di immagini già esistenti. Nel mio intervento, dopo alcune rapide considerazioni di carattere generale sul fenomeno e sul relativo stato dell arte, intendo prendere in considerazione il caso esemplare dell opera di Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi, occupandomi dei loro film di montaggio, strettamente legati al patrimonio di cinegiornali e documentari conservato negli archivi europei. A donare una seconda vita alle immagini dimenticate di cineoperatori non solo italiani, concorre la suggestiva declinazione poetica del lavoro di questi cineasti, sospesi tra la necessità di ribadire la forza storica del documento e il desiderio di favorire inattesi cortocircuiti estetici per valorizzare la dimensione umana del soldato in armi e del civile sofferente. 4

5 Fantani Giulia Sulla lingua di guerra e prigionia di Carlo Emilio Gadda Il 24 agosto 1915 Carlo Emilio Gadda scrive la prima pagina di un diario che terrà sino al dicembre 1919, annotandovi, a cadenza piuttosto regolare, fatti, situazioni, pensieri: «Le note che prendo a redigere sono stese addirittura in buona copia, come vien viene, con quei mezzi lessicografici e grammaticali e stilistici che mi avanzeranno dopo la sveglia antelucana, le istruzioni, le marce, i pasti copiosi, il vino e il caffè» (C.E. Gadda, Giornale di guerra e di prigionia, Milano, Garzanti, 2009, p. 11). Nella mia relazione vorrei soffermarmi non tanto sulle notizie riportate da Gadda nel suo diario, quanto sui mezzi lessicografici e grammaticali e stilistici di cui l autore si serve per descrivere la propria esperienza di guerra. L interesse per l aspetto formale del diario è doppio: da un lato il Giornale può rivelare il modus scribendi di un autore che cerca una strada prima delle sue prove d esordio, dall altro rivela un particolare modo di vivere e registrare gli eventi della Grande Guerra in cui traspare già il carattere dello scrittore. Vorrei analizzare in particolare alcuni aspetti del lessico (termini del gergo militare, forestierismi, dialettalismi, neologismi bellici) senza tralasciare qualche considerazione sulla grammatica (oscillante fra tradizione e spunti innovativi) e sullo stile (ora piano, memorialistico, quasi lirico nei passaggi descrittivi; ora telegrafico e sincopato sul modello dei bollettini di guerra). L attenzione di Gadda per la lingua e in particolare per il lessico è ben testimoniata dal suo amico e compagno nel Lager di Celle Bonaventura Tecchi: «Gadda era attento alle parole: a quelle che leggeva, a quelle che volavano nell aria della baracca [...] era tutt orecchi alle varietà delle locuzioni, alle particolarità idiomatiche non solo delle diverse lingue ma anche dei dialetti». (B. Tecchi, Baracca 15 C, Milano, Bompiani, 1962, pp ). Così, attraverso un analisi linguistica e stilistica del Giornale di guerra e di prigionia, vorrei tentare di mettere in evidenza gli aspetti peculiari che caratterizzano Gadda nel suo racconto di quell evento eccezionale e traumatico di cui egli fu attento testimone. Foot John Divided Memories. Italy and the First World War World War One divided Italians in radical ways. These divisions (over participation in the war, the meaning of the conflict, the events of the war itself and the military tactics involved) led to a series of memory wars after These conflicts were over how to remember the war, and what to remember, as well as over the facts of the war itself. A particularly intense battle was over forms of public memory, with a series of models emerging: a Catholic model of pity for the dead, a radical nationalist model which glorified the conflict and a socialist, internationalist model which saw the war as a tragedy and a crime perpetuated by capitalism. This paper will look at the memory wars which took place in Italy after 1918, with a focus on public memory and on the battles between fascists and socialists to impose their own versions of the conflict which had just ended, often through the use of violence. Ghioni Gloria Maria Non c era che la guerra»: l esperienza bellica nella scrittura di Corrado Alvaro La presente relazione si propone di indagare la scrittura di guerra nella produzione di Corrado Alvaro ( ), prolifico scrittore, drammaturgo e giornalista calabrese, inserito nei canoni della narrativa europea quale inesausto sperimentatore di generi e di tematiche. Alvaro, ufficiale nella Prima Guerra Mondiale fino al ferimento in territorio carsico, lascia in primis testimonianza della guerra nelle Poesie grigio-verdi (1917), prove immature ma interessanti, in cui prevalgono momenti nostalgici, ricordi della quiete familiare e dell infanzia, nonché del paese e dei primi turbamenti amorosi. 5

6 Più memorialista sentimentale che cronachista, anche nei racconti (in rivista negli anni 30) Alvaro attesta l esperienza di giovani sradicati dalla terra d origine, disorientati, inesperti e fragili, improvvisamente responsabilizzati e portati al fronte. In questa dimensione di confusione valoriale e di avvertimento dell effimero, trova grande spazio il tema dell ingresso difficile e accidentato nel mondo dei sentimenti e dell erotismo, tra paura, senso di estraneità, pulsioni antitetiche, diffidenza e difficoltà relazionali, sia con donne più adulte sia con le cosiddette donne di guerra. Anche il patriottismo è affrontato problematicamente: ne è testimonianza l unico romanzo interamente dedicato alla guerra, Vent anni. Uscito nel 1930, l opera ha per Alvaro innanzitutto valore documentario, per lasciare ai posteri memoria delle vicissitudini, dei rovelli, dei doveri nonché delle umanissime paure dei soldati. Insoddisfatto per l aspetto stilistico dell opera, Alvaro riprende il romanzo negli anni 50, asciugando porzioni didascaliche, riflessioni parentetiche, divagazioni che rispondevano allo scopo originario ma che minavano il risultato estetico. Nell affrontare l analisi critico-testuale, in questa sede s intende considerare le prove poetiche e prosastiche, i pochi frammenti diaristici e porzioni di testo tratte da entrambe le edizioni del romanzo (previa collazione e analisi variantistica). Si cercherà quindi di cogliere le relazioni delle suddette opere con il resto della produzione dello scrittore, con particolare attenzione al contesto letterario coevo, al fine di dimostrare la specificità dell esperienza di Alvaro. Giannanti Alessio Paura, fame e freddo: lo stile disertore nelle novelle di guerra di Federico De Roberto. (Appunti su stile e ideologia bellica) Nelle perlustrazioni critiche della letteratura della Grande Guerra si tende spesso a tralasciare in favore delle preponderanti memorie degli intellettuali soldati una categoria di scrittori che, senza essere stati testimoni diretti degli eventi (ad esempio, per ragioni anagrafiche) seppero comunque raccontare quello sconvolgimento epocale in modo non meno autentico. Tra gli scrittori, che operarono lontani dal fango delle trincee, spicca Federico De Roberto ( ), il quale ormai ridotto ad una condizione di marginalità tentò, in quegli anni, un rilancio della sua attività, dapprima pubblicando in due volumi una serie di interventi apparsi sui quotidiani (ad es. «Giornale d Italia»): Al rombo del cannone (1919) e All ombra dell ulivo (1920) e, soltanto alla fine del conflitto, pubblicò nove novelle di guerra che sono un interessantissima prova della complessità e ambivalenza della rappresentazione letteraria. Infatti, se con la pubblicistica De Roberto muoveva da posizioni interventiste, adesso con le opere letterarie viene smentito ogni intento propagandistico e assistiamo ad un ribaltamento di significato attraverso il ritorno della forza demitizzante del realismo critico dei Viceré. Tra queste prove ha conquistato una certa rinomanza il capolavoro della narrativa breve La paura che costituisce una fortissima denuncia per quanto forse involontaria (si può richiamare il «caso Balzac») della vacuità di ogni eroismo e retorica del sacrificio. Le altre novelle meritano attenzione, anche per l uso sperimentale del dialetto (La posta, La retata). E comunque tutte contengono una confutazione delle versioni ufficiali: la guerra in De Roberto è ricondotta alla sua tragica essenzialità, è vista come antieroica paura della morte e della fame (la povertà materiale è al centro dell umorismo amaro di All ora di mensa); come uno stato di calamità (Il rifugio) che investe l uomo e contro cui si ribellano non istanze politiche ma le pulsioni vitali, l istinto biologico di corpi che non vogliono sottostare alle leggi e alle imposizioni della retorica. Grossi Erica The Memory of the Great War in the Pictures from the Italian trenches. Perceptive handicap as testimony In the Italian archives it is present a big mass of Great War s pictures, which are visually eloquent but apparently meaningless as historical documents. However this material represents a chance for the Cultural Studies to sound out and study the main features of individual and collective experience of the soldiers in the trenches. In fact, the trench as visual device and physical space for the life of million of men between 1914 and 1918 acquires through pictures in the 6

7 frame of the ground, the role of encoder for the experience and also of tool for building a memory, a testimony, a story of that. Following the principle for which the testimony is a lack, a lacuna [Agamben] and considering the intrinsic temporality and historicity, hence the memory and therefore the holes of the image [Didi-Huberman], we intend to analyse the photographic material from the Italian trenches just as the corpus of private and collective memories, subjects to the visual device of trench and for this reason structurally full of voids. In fact, the memory of the Great War especially the one written and conserved in the archives of popular memoirs, already widely studied builds itself on the perceptive fragmentation, due to the trench both as the device and as an anomalous space-time dimension: an exception to the experience and a recoding of human cognitive skills. In fact, the subject s handicap pre-exists to the physical mutilations and wounds so as to determine not only the connection between the individual and the reality but also the possibility for him to be an eyewitness. Gualtieri Alessandro Title: Eye-witness reports from the Italian Front manslaughter A 90-page handwritten diary of an Italian trooper of the so-called Great War is going to be introduced as an eye-witness account of some 4 years of intense fighting in the Italian trenches and the rest of the war spent in many different Austrian prisoner camps. The most unique feature of this long series of vibrant, gruesome and often moving accounts is its real-time reporting style which dramatically stands out especially when compared to thousands of post-war memoirs. In spite of being barely able to write and read, Settimio Damiani, the author of the diary, struggled to keep his sanity by thoroughly reporting each single aspect of his military endeavour throughout his unbiased accounts. This soldier was one of only 6% of the Italian population who could actually read and write in the early 20th century. Even more rare, was owning a pen or pencil in the midst of combat. During the presentation of the diary Italian Great War scholar Alessandro Gualtieri will underscore the quite unusual role of the above mentioned soldier during the infamous rout of Caporetto, where more than 10,000 Italians died and hundreds of thousands were taken prisoner. Settimio was in fact amongst the few sent to the front lines to repel the German/Austrian attack. As if Settimio Damiani had been sent to report live from the manslaughter, this will be a most unique and real historical and human appraisal of such a great battle of the First World War which has been already depicted just by mere fictional and biased accounts in the past. For the benefit of the International audience, Gualtieri has recently published the war diary in book form, filling in the historical and geographical gaps left by Settimio Damiani s illiteracy and inevitable lack of a much bigger military and political picture. Melloni Giorgio La Grande Guerra tra pedagogia e allegoria: la lezione di Lussu in Monicelli e Rosi Il saggio si concentra su La grande guerra di Monicelli (1959) e Uomini contro (1970) di Rosi. La grande guerra è un film corale, che dà immagine, voce, a una massa di gente, prevalentemente contadini, che per quattro anni combatte una guerra assurda. L antimilitarismo storico e il pacifismo morale di Monicelli sono presenti in molti momenti del film, che rileggono in nuova chiave gli eventi della prima guerra mondiale. Fra i più interessanti son quelli originati dall'interpretazione allusiva che di Un anno sull altipiano ci propongono gli autori della sceneggiatura: insieme a Monicelli, Age e Scarpelli e Vincenzoni. Si pensa qui sia al personaggio di Bordin, esemplato sullo zio Francesco del libro, sia a un altro frangente, che sta allo spettatore riconoscere, tra lo scorrere delle immagini e le righe marginali del paratesto dello Genette. L eroismo casuale e sincero, assurdo e atroce degli antieroi del film, se da una parte affida allo spettatore una disincantata disamina della vita militare, dall altra insegna come ha scritto Goffredo Fofi la capacità di riscatto degli umili nel quadro di una grande tragedia storica e collettiva, preannunciando il risveglio delle coscienze di un Italia che si accosta alle forme di una democrazia reale [1]. Attraverso una sorta d inversione chiastica e metonimica della funzione paratestuale del libro del Lussu, Rosi, assieme ai coautori della sceneggiatura di Uomini contro, Tonino Guerra e Raffaele La Capria, sospinge ai margini l antigrafo lussuiano dell adattamento. I 7

8 personaggi del protagonista Lussu (il Sassu del film), del tenente Ottolenghi, del generale Leone e del tenente di Stoccaredo si trasformano nel film di Rosi in modelli estremi, decostruiti, di un interpretazione storicistico marxista di Un anno sull altipiano, cui si sovrappone vieppiù la lettura metastorica della Grande Guerra. Questa dimensione allegorica fa di Sassu un personaggio kafkiano, dacché l insubordinazione dello scrittore Lussu diviene condanna dei potenti della guerra, i giudici che processano e giustiziano senza appello la protesta di una vera pace di Sassu. Questi viene presentato emblematicamente in camicia bianca alla fine del film, in fondo a una cava baratro, sulla quale scende scura dopo una carrellata ottica la dissolvenza in chiusura. Payer Isabelle La fratellanza alla prova della guerra e della scrittura da Gadda a Stuparich La fratellanza oltre che includere il legame fraterno in senso stretto, e un suo sviluppo metaforico, si esprime pienamente nello spazio dove l'individuo e il collettivo si incrociano. È quello spazio dove più compitamente si scrive la storia dell'umanità. Nel corso della storia la fratellanza, mentre resta un riferimento potente per i cristiani, cambia, in un contesto di secolarizzazione delle società. In Francia, soprattutto nel Settecento, emerge una dimensione politica della fratellanza e va a occupare un posto centrale nel periodo rivoluzionario, iscrivendosi a pieno titolo nella triade repubblicana accanto alla libertà e all'uguaglianza. Dal 1848 ai primi del Novecento la questione della fratellanza à al centro delle preoccupazioni e di molti dibattiti del mondo politico europeo. Sia che essa sia associata alla costruzione nazionale, come nell Italia Risorgimentale, sia che prenda dimensioni più universali, come per esempio nella «grande fratellanza socialista» evocata da Jean Jaurès. Ma quando l'italia nel 1915 entra in guerra, cosa resta della fratellanza? Come giustificare le atrocità della guerra in nome della fratellanza nazionale? Cosa sono gli altri soldati, presentati come nemici, se non «fratelli umani»? Come ricostruire una comunità fraterna dopo l'esperienza della guerra? Queste domande sono state affrontate da tanti scrittori italiani che hanno scritto della guerra. Proponiamo nel nostro contributo di mettere in relazione vari testi italiani (di Stuparich, Gadda, Lussu, Salsa per esempio) per tentare di definire se in una tragedia come la Prima Guerra mondiale possa esistere uno spazio per la fratellanza e se, dopo la guerra, la scrittura della memoria possa permettere la ri-nascita o la ricreazione di una comunità fraterna. Petrossi Antonio Una lingua per il consenso. Studio sul linguaggio della propaganda interna La proposta di intervento riguarda i primi risultati di una ricognizione sull influenza della lingua di Propaganda nella Grande Guerra sui meccanismi linguistici dei parlanti, analizzati nei testi elaborati degli scriventi semicolti. Il grado d interferenza della propaganda sul modello linguistico di una popolazione si può misurare dalla presenza di tracce linguistiche negli epistolari, che sono l ideale fonte documentaria per lo studio della soggettività e della mentalità collettiva di un epoca, perché luogo di rielaborazione del vissuto quotidiano. Lo studio interesserà i volumi di una collana editoriale, Le pagine dell ora, pubblicata dalla casa editrice Fratelli Treves in accordo coll Ufficio Propaganda dell Esercito, e la corrispondenza di militari e di civili, raccolta nei fondi conservati nell Archivio Centrale di Stato e presso l Ufficio storico dell Esercito. La linea editoriale della collezione era articolata nella promozione di volumi che contenevano come recita la presentazione della collana le espressioni più significative d uomini di pensiero e d uomini d azione sulle vitali questioni del tempo. Le pubblicazioni iniziate nel 1916 e costituite da discorsi, memorie e saggi avevano una grande diffusione tra i lettori per la semplicità linguistica e l immediata comprensibilità 8

9 del messaggio, che forniva agli strati sociali meno acculturati un preciso indirizzo ideologico e un collante culturale. La collana, inaugurata da uno scritto del colonnello Angelo Gatti, L Italia in armi, pubblicò in rapida successione diversi titoli di autori d impatto sull opinione pubblica. La ricerca si ripartirà in due fasi: innanzitutto si analizzeranno le strutture semantiche e stilistiche del linguaggio usato negli opuscoli (quelli pubblicati nel 1916), per ricostruire la struttura retorica della lingua di propaganda. Seguirà un esame sul grado di incidenza e di condizionamento linguistico ottenuto dal modello retorico e stilistico della propaganda sulle scritture private, segnalando riprese, riformulazioni, fraintendimenti e rovesciamenti delle strutture linguistiche e semantiche. L impianto di indagine comparata su diversi piani permette di delineare dettagliatamente aspetti di storia linguistica e sociopolitica italiana poco indagati. Santi Mara L individuo e la folla nel d Annunzio notturno: il narratore-oratore di guerra come interprete del passaggio culturale, politico e ideologico tra XIX e XX secolo Il paper intende analizzare il ruolo che Gabriele d Annunzio svolse, nella sua duplice veste di narratore e di soldato della Grande Guerra. In particolare tale ruolo fu definito e assunto nel Notturno attraverso un processo esplicito che portò d Annunzio a proporsi, nel contesto del conflitto mondiale, come figura esemplare di raccordo tra le istanze del secolo XIX e del nuovo secolo. L analisi proposta poggia quindi sullo studio del Notturno, che, erroneamente definito un esplorazione d ombra, è, tutt altro che memoriale e intimistico, una consapevole rielaborazione mitopoietica dell intera esperienza bellica dannunziana, estesa dal 1914 al Il Notturno è, in altri termini, un libro fortemente ideologico, non autobiografico bensì autoreferenziale e, come detto, mitopietico, testimoniante la riflessione in atto alla fine del secolo lungo e che cerca una cesura, un sistema in cui tout se tient, tra la cultura di cui l Ottocento è stato espressione, e di cui d Annunzio si fa portavoce, e la nuova epoca, di cui d Annunzio propone una lettura interpretativa. Esemplare in tal senso è la tentata concliliazione tra la spersonalizzazione della guerra di massa e la tradizionale istanza individuale eroica; come esemplare è la figura del poeta oratore-interventista che, come un sacerdote, comunica alla folla il credo della Patria, esemplificando e modellizzando l orazione politica che fa leva sulla partecipazione irrazionale al credo collettivo; operazione che sarà poi replicata dal Fascismo mussoliniano come da altre (coeve e successive) forze politiche. Infatti, mentre si pone come mediatore, per la folla, di una superiore visione del reale (in chiave etica e politica), d Annunzio riprende l iconografia ottocentesca che intreccia concetti religiosi e istanze politiche, e intanto avvia quel procedimento di gestione intellettuale delle masse che sarà determinante per le grandi ideologie del XX secolo, ideologie che, analogamente, poggiano sulla sovrapposizione di una superiore istanza ideologica alle scelte collettive e individuali e pongono alla guida delle folle un leader o una oligarchia legittimate nei rispettivi ruoli proprio dalla presunta superiorità intellettuale rispetto alle masse. Serra Edda La prima guerra mondiale negli scritti di un irredento redento: Biagio Marin Cittadino asburgico, irredentista e vociano, Biagio Marin lascia un ricordo degli anni di preparazione al primo conflitto mondiale, che vive dalla parte italiana, con Scipio Slataper e Giani Stuparich (I delfini di Scipio Slataper), ma senza prendere parte diretta ai combattimenti sul fronte perchè malato. Significativi gli scritti degli anni successivi, Gorizia. La città mutilata, e Gabbiano reale, e quegli articoli di stampa, quasi introvabili oggi, in cui le ragioni del conflitto vengono riprese a distanza ora rispondendo alla necessità civile del ricordo pubblico collettivo, ora con dolente spirito critico, ora riprendendo la letteratura popolare scaturita nel conflitto (Camber Barni e La buffa). Altra fonte preziosa sono i suoi Diari, inediti, in cui la 1 Come dimostrano i più recenti studi filologici sull opera, si vedano al proposito i contributi di Carla Riccardi e Mara Santi. 9

10 riflessione ed il ricordo si rinnovano costanti, ed i carteggi, come quello con Giuseppe Prezzolini edito di recente. Snider-Giovannone Marie-Noëlle Soldati trentini e friulani irredenti? Quella che viene chiamata la Grande Guerra per la sua violenza e le condizioni disumane nelle quali sono vissuti soldati e popolazione civile rappresenta effettivamente una cesura della contemporaneità : ha cambiato il volto dell Europa geopolitica e la società. Questa Guerra però non finì nel 1918, proseguì almeno fino al 1920, quando, tra gli altri, i soldati del C.S.E.O. (Corpo italiano di Spedizione in Estremo-Oriente) rimpatriarono con i cosiddetti irredenti dei Battaglioni neri. Questi irredenti erano, tra le centinaie di migliaia di soldati austro-ungarici prigionieri in Russia, circa diecimila italofoni del Tirolo del Sud e del Friuli orientale. Furono mandati a Torino, e dopo la Rivoluzione d ottobre all estremo est, con il Transiberiano che li portò in Cina nella concessione italiana di Tien Tsin. Lì arrivò da Napoli il C.S.E.O. In cambio della loro adesione alla nazione italiana, gli irredenti furono aggiunti a questo Corpo di Spedizione. Il diario del soldato Peirone, trovato negli Archivi dello SME a Roma, le memorie dell infermiera svedese Elsa Brändström, attiva nei campi di concentramento in Russia, il racconto del rimpatrio dei prigionieri, rilasciato dal medico, Montandon, capo del Comitato Internazionale della Croce Rossa in Siberia, le lettere del padre, militare in Siberia, che ispirarono al Prof. Pasquale Villani il libro Rievocare il privato, le Scritture di guerra nei musei, i testi dei canti di guerra, sono tutti testimonianze di un episodio della Grande Guerra spesso taciuti o tralasciati dalla storiografia ufficiale. Queste testimonianze meritano di essere divulgate per capire meglio come è stata vissuta la guerra da chi veramente l ha fatta.. Troncini Federico «Italiano per elezione»? L irredentismo democratico di Robert Michels. Tra i fattori che contribuiscono a rendere peculiare la Prima Guerra Mondiale rientra senz altro la straordinaria mobilitazione ideologica che vide protagonisti molti degli intellettuali più prominenti di entrambi gli schieramenti. Anche in Italia il ruolo svolto dal mondo intellettuale nel processo di orientamento dell opinione pubblica fu decisivo. In questo quadro merita una particolare attenzione il caso per molti aspetti paradigmatico di Robert Michels ( ), figura straordinariamente suggestiva di intellettuale rinnegato. A distanza di un secolo dalla sua pubblicazione, la fortuna del suo capolavoro, la Zur Soziologie des Parteiwesens in der modernen Demokratie (1911), continua ad alimentare la sua fama internazionale, ma oscura quasi del tutto l interesse che tuttora meriterebbero, sia pure in misura diversa, alcuni dei numerosi altri scritti. E, tra questi, soprattutto quelli dedicati ai temi del patriottismo, del nazionalismo e dell irredentismo, che, per quantità e qualità, inducono legittimamente a parlare, accanto al più noto e celebrato Michels studioso del partito politico, anche di un Michels studioso della tematica nazionale. Obiettivo principale del progetto consiste attraverso l esame del suo fitto carteggio, conservato presso l Archivio Roberto Michels della Fondazione Luigi Einaudi di Torino e finora del tutto inedito nel ripercorrere le diverse fasi della riflessione michelsiana in relazione ai profondi dilemmi che l entrata in guerra dell Italia gli pose in quanto tedesco naturalizzato italiano, in quanto socialista e in quanto intellettuale cosmopolita. La rilettura dei suoi scritti e del suo carteggio permetterà: a) di fare luce su una porzione fondamentale della storia delle idee politiche in Italia; b) di approfondire il complesso insieme di contraddizioni cui si espose un intera generazione di intellettuali di fronte al fallimento dell internazionalismo socialista; c) di riesaminare la straordinaria capacità di penetrazione della retorica nazionalistica anche tra le file di quegli intellettuali che, come Michels, avrebbero dovuto essere per nascita, formazione, principi ideali e convinzioni politiche meno permeabili alle sue sirene; d) prendere in considerazione il travaglio esistenziale di coloro che, come Michels, tra 1914 e 1915, dovettero compiere una scelta lacerante tra la patria d origine (la Germania) e la patria d adozione (l Italia). 10

11 Vercesi Matteo La Grande Guerra in milanese. Caporetto 1917 di Delio Tessa Viene proposta un analisi del saggio lirico in milanese Caporetto 1917, del grande poeta dialettale Delio Tessa ( ), composto nel 1919 ed inserito nella raccolta L è el dì di Mort, alegher! (È il dì dei Morti, allegri!), edita nel Inserito nell alveo della grande tradizione lombarda narrativa e lirica di Manzoni e di Porta, sensibile ai temi e agli stilemi del simbolismo francese e della produzione poetica del suo tempo (Pascoli, Gozzano e Ungaretti) ma altresì alle suggestioni dell espressionismo mitteleuropeo, Tessa attua un processo di rottura degli schemi lirici tradizionali operando una divaricazione di metrica e sintassi, contrappuntando «per fratture e dissonanze» (Mengaldo) i suoi tessuti poetico-narrativi, ed offrendo in tal modo un suggestivo affresco della progressiva disgregazione degli statuti logico-razionali. La scelta del dialetto risponde all esigenza di spezzare il giogo della retorica che imperò nel dopoguerra, durante il regime mussoliniano: il milanese dell antifascista Tessa è la lingua di un popolo che ha perduto la fede in Dio e nel progresso («Riconosco ed onoro un solo Maestro: il popolo che parla», scriverà nella Dichiarazione posta a premessa de L è el dì di Mort, alegher!); lingua della disarmonia, della solitudine, del disincanto e della follia. Caporetto 1917 è uno dei vertici della poesia italiana del Novecento inerente alla tematica della guerra, il quale presenta un elemento di innovazione nella pluralità di piani narrativi che confliggono, ove l io lirico (il poeta che ha visitato il cimitero nel giorno dei Morti e che transita in mezzo ad una folla in esodo) appare decentrato rispetto agli eventi e alle scene che si susseguono (la fuga dei contadini, la periferia urbana con gli stabilimenti bellici, fino alla tragedia finale di una gioventù mandata al macello nelle trincee e all amara constatazione della disfatta del Paese); qui il soggetto sembra disperdersi in una collettività scomposta, schiacciata dal peso della grande Storia e dalla mancanza di un senso condiviso. Il manoscritto del poemetto offre poi elementi significativi sulla sua genesi, mettendo in evidenza una distinzione dei vari piani narrativi segnati dal poeta con inchiostri di diverso colore strutturati in una sorta di partitura. Vezzoni Alessia «Mia Carissima Mamma» Spigolature dal carteggio inedito Gadda - Adele Lehr dell Archivio Liberati Il contributo intende offrire una testimonianza diretta dell esperienza bellica di Carlo Emilio Gadda, ripercorsa attraverso una selezione per frammenti (tra i più eloquenti stilisticamente e semanticamente costitutivi) estratti dalle lettere che il tenente degli alpini inviò alla madre, Adele Lehr, tra il settembre 1916 e la prima metà del 1919: dal fronte; quindi dalla prigionia; infine nelle tappe che ne scandirono il «gramo» rientro in Italia, la patria ormai da ridescriversi. Le lettere appaiono quanto più degne di rilievo poiché integralmente inedite (affiorate solo di recente dalla poderosa messe di carte gaddiane custodite nell Archivio Liberati) e perché in grado di restituire quell intrico autentico di affetti familiari che aveva avvinto l essere Gadda - l uomo, l autore, il sopravvissuto - e che perdurerà, stringente, ad liminem. Delle lettere alla madre si vuole offrire una lettura critica (non soltanto microscopica), dialogante per comparazioni con quanto parallelamente registrato da Gadda, in date coeve, nei diari su campo (il fututo Giornale di guerra e di prigionia), senza trascurare le annotazioni dei carteggi altri, pubblicati ad oggi, per affinità diacronica. Scopo del raffronto è appurare ed estrinsecare eventuali oscillazioni nella resa di: topografia, paesaggio; cronaca di nudi fatti; biografia, condizioni psico-fisiche dello scrivente per vedere ancor più da vicino il volto di quella Guerra che fu anche di Gadda. Viti Alessandro Guerra e ripresa di fiducia nella parola poetica Il Novecento della poesia italiana si apre nel segno della negazione: in opposizione all apoteosi del panismo dannunziano in Alcyone, i poeti della nuova generazione lamentano la propria impotenza e arrivano a negarsi 11

12 in quanto tali: l «io non sono/non voglio essere più un poeta» di Corazzini e Gozzano. Nella prima metà degli anni Dieci operano poeti come Sbarbaro, Rebora, Boine, in parte Campana, che, anziché allinearsi alle posture affermative delle avanguardie, prendono le mosse dall operazione di abbassamento crepuscolare denunciando la propria emarginazione insieme esistenziale e sociale. La condizione di estraneità provata dall io-poetico rispetto al mondo che lo circonda diventa una tematica cruciale della poesia italiana dell epoca, che affronta così l esperienza già baudelairiana della perdita d aureola. Quale l effetto della guerra su questi poeti? A differenza di futuristi, lacerbiani e vociani fiorentini, essi non aderiscono, o lo fanno con poca convinzione, alla retorica nazionalista (Gozzano scrive alcune novelle di circostanza, Boine stesso definisce insinceri i propri Discorsi militari). Tuttavia, dalla nuova dimensione di tragedia collettiva discende l abbandono del tema dell estraneità: la vicenda individuale scompare all interno di un dramma più ampio. Partecipando alla guerra, Rebora riallaccia, pur nella comune sofferenza, il contatto con l umanità, mentre Sbarbaro ritrova la fiducia nella natura e in una parola poetica che, nelle sue prose liriche di guerra, ha un tasso di figuralità e cromatismo superiore a quello di Pianissimo. In questo contesto entra sulla scena poetica Ungaretti, che meglio di ogni altro saprà sublimare liricamente l esperienza vissuta al fronte: «Sono un poeta», rivendica da subito Ungaretti, che esordisce senza aver attraversato la fase crepuscolare di rifiuto della poesia. L intervento si propone quindi di analizzare l esperienza della guerra come uno spartiacque tra la poesia problematica ed estraniata di inizio secolo e la lirica italiana del pieno Novecento, nuovamente fondata sul canto, pur nato da una condizione di dolore. 12

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti nacque nel 1888 ad Alessandria d Egitto, dove i suoi genitori, che erano originari di Lucca, si erano trasferiti in quanto il padre lavorava alla realizzazione del

Dettagli

Raccontare la Grande Guerra per immagini

Raccontare la Grande Guerra per immagini Raccontare la Grande Guerra per immagini 19 ottobre 2011 Dr. Marco Mondini ISIG- FBK mondini@fbk.eu I testi e i dati contenuti nella presentazione sono da considerarsi proprietà intellettuale dell autore.

Dettagli

Twitter: @BUR_Rizzoli www.bur.eu Facebook: BUR Rizzoli

Twitter: @BUR_Rizzoli www.bur.eu Facebook: BUR Rizzoli Proprietà letteraria riservata 1998 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07132-1 Prima edizione Rizzoli 1998 Seconda edizione BUR Storia giugno 2014 Seguici su: Twitter: @BUR_Rizzoli www.bur.eu Facebook:

Dettagli

Dopo il Neorealismo anni 60 neorealismo esaurimento trasformazioni economiche sociali culturali boom economico mass media nuove problematiche

Dopo il Neorealismo anni 60 neorealismo esaurimento trasformazioni economiche sociali culturali boom economico mass media nuove problematiche Dopo il Neorealismo Intorno agli anni 60 del XX secolo il neorealismo in Italia conosce un naturale esaurimento viste le profonde trasformazioni economiche ma anche sociali e culturali: il boom economico,

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

LA GUERRA DEI NOSTRI NONNI

LA GUERRA DEI NOSTRI NONNI Il Centro Pastorale C. M. Martini nell Università degli Studi di Milano - Bicocca è lieto di invitare alla presentazione del libro La guerra dei nostri nonni di Aldo Cazzullo che si terrà venerdì 14 novembre

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Montale - poetica pag. 1

Montale - poetica pag. 1 pag. 1 Genova 1896 - Milano 1981 Premio nobel 1975 Percorso poetico lungo e complesso; vive in prima persona, da intellettuale, poeta, saggista, cittadino, tutti i movimenti letterari (ma anche avvenimenti

Dettagli

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34 This week I have been walking round San Marco and surrounding areas to find things that catch my eye to take pictures of. These pictures were of various things but majority included people. The reason

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

COLIN DARKE. Gli Dei partono. CARico MAssimo, Livorno 03 novembre 2012 Video Documentazione (Clicca qui)

COLIN DARKE. Gli Dei partono. CARico MAssimo, Livorno 03 novembre 2012 Video Documentazione (Clicca qui) COLIN DARKE Gli Dei partono CARico MAssimo, Livorno 03 novembre 2012 Video Documentazione (Clicca qui) Per CARico MAssimo Colin Darke ha realizzato un nuovo progetto basato sul carteggio Gramsci/Trotsky,

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

ANICA, TRA PASSATO E FUTURO

ANICA, TRA PASSATO E FUTURO ANICA, TRA PASSATO E FUTURO Documentario di Massimo De Pascale e Saverio di Biagio Regia di Saverio Di Biagio PREMESSA Il rischio di ogni anniversario è quello di risolversi in una celebrazione, magari

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI RELIGIONE hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw CATTOLICA ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj

Dettagli

Il Neorealismo italiano

Il Neorealismo italiano Il Neorealismo italiano La realtà è là perché manipolarla? (Roberto Rossellini) Le formule in cui si è cercato di racchiudere l esperienza del Neorealismo riassumibili nella frase di Rossellini che titola

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

Dal Settecento ad oggi: ecco come si è evoluto il giornalismo. Caldara, Bassini, Baracchi,Capelletti,Fava

Dal Settecento ad oggi: ecco come si è evoluto il giornalismo. Caldara, Bassini, Baracchi,Capelletti,Fava Dal Settecento ad oggi: ecco come si è evoluto il giornalismo Caldara, Bassini, Baracchi,Capelletti,Fava Affermazione nel Settecento Rischi & conseguenze Il primo giornale: The Spectator TRASFORMAZIONE

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

PROPOSTE DIDATTICHE. Hemingway L americano del Basso Piave

PROPOSTE DIDATTICHE. Hemingway L americano del Basso Piave PROPOSTE DIDATTICHE Hemingway L americano del Basso Piave A scuola con Ernest Hemingway E il titolo di una proposta didattica che intende richiamare l attenzione e l interesse del mondo della scuola non

Dettagli

Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana)

Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana) FICTION DI PROTOTIPI Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana) Le location ed i poli produttivi della serialità televisiva in Italia: un sistema romanocentrico

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO CLASSI PRIME Conoscenze Il sistema e le strutture fondamentali della lingua italiana ai diversi livelli: fonologia, ortografia, morfologia, sintassi del verbo. Le strutture della

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME Premessa In riferimento al Progetto Educativo e alle Indicazioni Nazionali, l'insegnamento della Religione

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

Easter 2008 Gallery Benucci Rome. October 2008 Taormina Chiesa del Carmine, group picture and Gallery Benucci. December 2008 Benucci Gallery, Rome.

Easter 2008 Gallery Benucci Rome. October 2008 Taormina Chiesa del Carmine, group picture and Gallery Benucci. December 2008 Benucci Gallery, Rome. Nino Ucchino nasce in Sicilia nel 1952. Dall età di otto anni lavora come allievo nello studio del pittore Silvio Timpanaro. Da 14 a 21 anni studia all Istituto Statale d arte di Messina e poi per alcuni

Dettagli

Santi medievali in guerra.

Santi medievali in guerra. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO Dipartimento di Scienze della Comunicazione e Discipline Umanistiche Corso di Laurea in Storia dell Arte Santi medievali in guerra. Giovanna, Giorgio e Francesco

Dettagli

ESPERIENZA ITALIA GUIDELINES

ESPERIENZA ITALIA GUIDELINES ESPERIENZA ITALIA GUIDELINES Il 150 dell unità d Italia rappresenta un evento di cruciale importanza per Torino e il Piemonte. La prima capitale d Italia, come già fece nel 1911 e nel 1961 per il Cinquantenario

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

La scrittura e la memoria (prima parte) Testimonianze letterarie sull esperienza concentrazionaria. Lezioni d'autore

La scrittura e la memoria (prima parte) Testimonianze letterarie sull esperienza concentrazionaria. Lezioni d'autore La scrittura e la memoria (prima parte) Testimonianze letterarie sull esperienza concentrazionaria Lezioni d'autore Il dibattito sulla scrittura dopo Auschwitz Differenza tra testimonianza e opera letteraria.

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO Profilo generale e competenze della disciplina Lo studio della lingua e della cultura straniera dovrà procedere lungo due assi fondamentali:

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

L universalità dei diritti umani: una conquista o un utopia? Milano, Casa dei diritti umani, via De Amicis 10 10 dicembre 2015, ore 14.

L universalità dei diritti umani: una conquista o un utopia? Milano, Casa dei diritti umani, via De Amicis 10 10 dicembre 2015, ore 14. L universalità dei diritti umani: una conquista o un utopia? Milano, Casa dei diritti umani, via De Amicis 10 10 dicembre 2015, ore 14.30 Quale approccio scegliere: a) storico b) tematico c) problematico

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

Studiò a Roma e a Bonn (in Germania) dove si laureò; tornò in Italia nel 1892 e si. La casa dove nacque Pirandello

Studiò a Roma e a Bonn (in Germania) dove si laureò; tornò in Italia nel 1892 e si. La casa dove nacque Pirandello Luigi Pirandello è stato uno dei più importanti scrittori e drammaturghi italiani, conosciuto, famoso e apprezzato in tutto il mondo, e fu anche premiato con il Nobel per la letteratura nel 1934. Nacque

Dettagli

PREMESSA. È sembrato opportuno partire, in questo elaborato, da. un analisi del mezzo usato per l emissione del messaggio e la

PREMESSA. È sembrato opportuno partire, in questo elaborato, da. un analisi del mezzo usato per l emissione del messaggio e la PREMESSA Lo studio dei mass media non può mai prescindere dal contesto storico-sociale in cui opera e di cui tratta influenzando, spesso, i soggetti che vi vivono. È sembrato opportuno partire, in questo

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

PICENTINI IN LUCE. Dall economia agricola all economia dell immaginario, dal Cinema Moderno a Giffoni Multimedia Valley

PICENTINI IN LUCE. Dall economia agricola all economia dell immaginario, dal Cinema Moderno a Giffoni Multimedia Valley PICENTINI IN LUCE Dall economia agricola all economia dell immaginario, dal Cinema Moderno a Giffoni Multimedia Valley Seminario di studio per insegnanti ed operatori culturali Laboratori didattici per

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

EDITORIA ILLUMINISTA. L alba del Giornalismo

EDITORIA ILLUMINISTA. L alba del Giornalismo EDITORIA ILLUMINISTA L alba del Giornalismo Breve saggio di carattere polemico o satirico Temi «caldi» dell attualità Prima diffusione clandestina in Francia Funzione conativa verso i lettori Obiettivo:

Dettagli

Redipuglia: il Sacrario e la memoria della Grande guerra

Redipuglia: il Sacrario e la memoria della Grande guerra ISTITUTO REGIONALE PER LA STORIA DEL MOVIMENTO DI LIBERAZIONE NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Gaetano Dato Redipuglia: il Sacrario e la memoria della Grande guerra 1938-1993 Quaderni 31 Con il contributo di

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΑΡΧΗ 1ΗΣ ΣΕΛΙΔΑΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΠΑΝΕΛΛΗΝΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΕΙΣΑΓΩΓΗΣ ΣΤΗΝ ΤΡΙΤΟΒΑΘΜΙΑ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΕΙΔΙΚΟΥ ΜΑΘΗΜΑΤΟΣ ΞΕΝΗΣ ΓΛΩΣΣΑΣ ΚΕΙΜΕΝΟ PERCHÉ LEGGERE I CLASSICI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

DALLA RAPPRESENTAZIONE DELLO SPETTACOLO ALLA SUA

DALLA RAPPRESENTAZIONE DELLO SPETTACOLO ALLA SUA DALLA RAPPRESENTAZIONE DELLO SPETTACOLO ALLA SUA VALORIZZAZIONE NEL TEMPO Realizzazione di un sistema digitale di catalogazione e fruizione on line dell Archivio storico e audiovisuale del Teatro dell

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO INSEGNANTI: CATERINA PIRROTTA ANTONELLA BORDONARO CLASSE I OBIETTIVI GENERALI Portare il bambino alla scoperta di se stesso in rapporto con gli altri. Far scoprire

Dettagli

INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015.

INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015. INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015. A tutti gli oggionesi, ai rappresentanti delle Istituzioni, alle autorità militari e di polizia,

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE Classe 4 a C A.S. 2015/2016 Disciplina: Italiano Docente: prof. ssa Anna Schiavo Ore settimanali: quattro Libro di

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E DI GEOGRAFIA 1- IDEA, SVILUPPO E RAPPRESENTAZIONE DELLO SPAZIO CLASSE 1^ CURRICOLO - Uso corretto dei principali indicatori topologici Riconoscere la propria posizione

Dettagli

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE PRIMO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE Profilo generale e competenze della disciplina Lo studio della lingua e della cultura straniera dovrà procedere lungo due

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Titolo: Confronto tra fiabe: Pinocchio e le fiabe di paesi lontani Possibili discipline coinvolte - Italiano, Lingua2 (inglese,

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Ricavare da fonti di tipo diverso informazioni e conoscenze su aspetti del passato. CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Individuazione delle parole del tempo (prima, dopo, poi, infine, mentre ). Individuazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. PERCORSO

Dettagli

PROGRAMMA DI LINGUA INGLESE

PROGRAMMA DI LINGUA INGLESE PROGRAMMA DI LINGUA INGLESE CLASSE IG ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Prof.ssa Rossella Mariani Testo in adozione: THINK ENGLISH 1 STUDENT S BOOK, corredato da un fascicoletto introduttivo al corso, LANGUAGE

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

Il Cineforum. Cineforum: 25/12/2011. 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce

Il Cineforum. Cineforum: 25/12/2011. 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce Il Cineforum prof. Fabio Sandroni - prof.ssa Nadia Ciambrignoni Cineforum: 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce Progetto: Sentieri di Cinema CGS ACEC Marche Circuito di cinema di qualità

Dettagli

TITOLO. memoria collettiva, tramite la stampa del volume Ulisse es toccheddande. intensi e caratterizzanti dell intera terra di Sardegna.

TITOLO. memoria collettiva, tramite la stampa del volume Ulisse es toccheddande. intensi e caratterizzanti dell intera terra di Sardegna. Roma, 13 dicembre 2011 TITOLO Ulisse es toccheddande Le porte del vento Pietro Sotgia poeta dorgalese ESIGENZE CHE SI INTENDE AFFRONTARE: Rendere omaggio e consegnare alla memoria collettiva, tramite la

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI Scuola dell infanzia Programmazione Religione Cattolica Anno scolastico 2013 2014 Insegnante:BINACO MARIA CRISTINA Motivazione dell itinerario annuale Il percorso per l I.R.C.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE LETTERE SULLA BASE DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICULO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H Lsa

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H Lsa MODULO n1 PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H Lsa TITOLO: STORIA, CIVILTÀE POETICHE DELL EPOCA BAROCCA **QUESTO MODULO È PARTE INTEGRANTE DELLA PROGRAMMAZIONE INTERDISCIPLINARE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1 La prima Guerra Mondiale IV F La prima guerra mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE - Rotary International LITERACY PROGRAM - Rotary International Commissione Alfabetizzazione - Distretto 2040

ALFABETIZZAZIONE - Rotary International LITERACY PROGRAM - Rotary International Commissione Alfabetizzazione - Distretto 2040 ALFABETIZZAZIONE - Rotary International LITERACY PROGRAM - Rotary International Commissione Alfabetizzazione - Distretto 2040 Governatore anno 2008-2009 Alessandro Clerici GLOSSARIO PER LA SARTORIA A TAILOR

Dettagli

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori FRATELLI D'ITALIA spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori Di seguito vi proponiamo una serie di tematiche, presenti nello spettacolo teatrale, che possono

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

Documentazione dell Unità di Lavoro su Rappresentazione cartografica 1

Documentazione dell Unità di Lavoro su Rappresentazione cartografica 1 Documentazione dell Unità di Lavoro su Rappresentazione cartografica 1 Ordine di scuola Scuola Primaria De Amicis Santa Maria Nuova di Jesi: classe IV B Insegnante Silvia Cherubini Tempi A discrezione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici La voce de "Gli Amici" Testo più grande Cerca domenica 2 maggio 2004 Home page News Newsletter Disabili mentali: amici senza limiti Handicap e Vangelo Pagina precedente Gli Amici La mostra di pittura Scarica

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO

Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO Finalità formative generali di tipo cognitivo I docenti di Italiano e Latino del triennio riconoscono

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

le mostre che arrivarono in Europa ci furono Twelve Contemporary American Painters and Sculptors (1953), Modern Art in the USA

le mostre che arrivarono in Europa ci furono Twelve Contemporary American Painters and Sculptors (1953), Modern Art in the USA 1 MoMA E GLI AMERICANI MoMA AND AMERICANS Sin dall inizio il MoMA (Museo d Arte Moderna) di New York era considerato, da tutti gli appassionati d arte specialmente in America, un museo quasi interamente

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO Via Giulia, 38-00186 ROMA! tel. 06 121125965 fax. 0668300813 www.liceostatalevirgilio.gov.it

Dettagli

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s.

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s. Classi 1^B-1^C- 2^A-2^B- 3^A-3^B- 4^A-4^B-4^C-5^A-5^B Insegnante Londino Irene Natura e finalità dell insegnamento della religione cattolica L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro

Dettagli

Per raggiungere il suo scopo, un testo deve innanzitutto essere comprensibile, completo e coerente.

Per raggiungere il suo scopo, un testo deve innanzitutto essere comprensibile, completo e coerente. Che cos è un testo? Il termine testo (dal latino textus "intreccio, tessuto") sta ad indicare un insieme di parole, scritte od orali, strutturato in base alle norme di una certa lingua per comunicare un

Dettagli

Corso di scrittura creativa. Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici. Prima Lezione

Corso di scrittura creativa. Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici. Prima Lezione Corso di scrittura creativa Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici Prima Lezione Come nasce una storia Il materiale necessario ad uno scrittore Il corso che viene presentato, di

Dettagli

Programmazione annuale IRC a.s. 2015-2016 Insegnante: Davide Russo

Programmazione annuale IRC a.s. 2015-2016 Insegnante: Davide Russo Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Croce Coperta e Dozza Programmazione annuale IRC a.s. 2015-2016 Insegnante: Davide Russo Classi 1A, 1B; 2A, 2B; 3A, 3B; 4A, 4B; 5A, 5B Croce Coperta

Dettagli

Banche dati e portali di medicina narrativa (licenza CC BY)

Banche dati e portali di medicina narrativa (licenza CC BY) Corso Medicina Umanistica e Narrativa Roma, 8/9 aprile 2015 Banche dati e portali di medicina narrativa (licenza CC BY) Fabio D Orsogna Francesca Servoli Biblioteca Digitale Centro di Conoscenza Riccardo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ARTE E IMMAGINE Competenze 1, 2, 3, 4, 5 al termine del primo biennio Riconoscere gli elementi fondamentali del linguaggio visuale e utilizzarli

Dettagli