ESAME DI STATO DOCUMENTO DEL CONSIGLIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESAME DI STATO DOCUMENTO DEL CONSIGLIO"

Transcript

1 ISTITUTO MAGISTRALE STATALE LEONARDO DA VINCI LICEO LINGUISTICO - LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO-SOCIALE ESAME DI STATO DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE V DS (INDIRIZZO LICEO DELLE SCIENZE UMANE)

2 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO MAGISTRALE STATALE LEONARDO DA VINCI LICEO LINGUISTICO - LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO-SOCIALE ESAME DI STATO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE V DS (INDIRIZZO LICEO DELLE SCIENZE UMANE) INSEGNANTI DISCIPLINE FIRME JASINSKA DOROTA RAIMONDO ELISA RAIMONDO ELISA SOBRERO CONSOLATA PERONA PIERO BARILE VANESSA BARILE VANESSA BORELLO DORIANA BORELLO DORIANA FERRERO GIUSEPPINA PASSONE MIRELLA LONGO FEDERICO BRANCATO CARMELINA LERDA ELIA Religione Italiano Latino Inglese Scienze Umane Storia Filosofia Matematica Fisica Storia dell Arte Scienze Sperimentali (biologia) Educazione Fisica Sostegno Sostegno Alba, 14 maggio 2015 IL COORDINATORE (Prof. Raimondo Elisa) IL DIRIGENTE SCOLASTICO (Prof. Zannella Alessandro)

3 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO MAGISTRALE STATALE LEONARDO DA VINCI LICEO LINGUISTICO - LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO-SOCIALE DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE VDS LICEO DELLE SCIENZE UMANE INDICE. 1. PROFILO DELL INDIRIZZO. 2. PROFILO DELLA CLASSE Presentazione della classe 2.2. Crediti classe terza e quarta 3. ATTIVITÀ DIDATTICHE Obiettivi generali trasversali definiti dal Consiglio di Classe Educativi Didattici Attività culturali, visite e viaggi d'istruzione svolti dalla Classe nell ultimo anno scolastico 3.3. Iniziative complementari ed integrative Attività programmate per il periodo successivo al 15 maggio. 3.5 Tirocini e stages Insegnamenti effettuati secondo la metodologia C.L.I.L. 4. PROGRAMMI SVOLTI DELLE SINGOLE DISCIPLINE. (a cura di ciascun docente) 5 VALUTAZIONE Criteri di valutazione Quadro per tipologia delle Verifiche scritte e orali svolte durante l ultimo anno scolastico Quadro delle verifiche dell ultimo anno scolastico secondo le tipologie della Terza Prova scritta Clichés delle Terze Prove scritte pluridisciplinari dell ultimo anno scolastico Griglie di valutazione delle prove dell Esame di Stato Prima Prova scritta Seconda Prova scritta (Scienze Umane) Terza Prova Scritta Colloquio pluridisciplinare. 6. ALLEGATI. Schede personali dei candidati. (in Segreteria).

4 1. Profilo dell Indirizzo delle Scienze Umane Il percorso del Liceo delle Scienze umane è indirizzato allo studio delle teorie esplicative dei fenomeni collegati alla costruzione dell identità personale e delle relazioni umane e sociali. Guida lo studente ad approfondire e a sviluppare le conoscenze e le abilità e a maturare le competenze necessarie per cogliere la complessità e la specificità dei processi formativi. Assicura la padronanza dei linguaggi, delle metodologie e delle tecniche di indagine nel campo delle scienze umane. Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno: aver acquisito le conoscenze dei principali campi d indagine delle scienze umane mediante gli apporti specifici e interdisciplinari della cultura pedagogica, psicologica e socio-antropologica; aver raggiunto, attraverso la lettura e lo studio diretto di opere e di autori significativi del passato e contemporanei, la conoscenza delle principali tipologie educative, relazionali e sociali proprie della cultura occidentale e il ruolo da esse svolto nella costruzione della civiltà europea; saper identificare i modelli teorici e politici di convivenza, le loro ragioni storiche, filosofiche e sociali, e i rapporti che ne scaturiscono sul piano etico-civile e pedagogico-educativo; saper confrontare teorie e strumenti necessari per comprendere la varietà della realtà sociale, con particolare attenzione ai fenomeni educativi e ai processi formativi, ai luoghi e alle pratiche dell educazione formale e non formale, ai servizi alla persona, al mondo del lavoro, ai fenomeni interculturali; possedere gli strumenti necessari per utilizzare, in maniera consapevole e critica, le principali metodologie relazionali e comunicative, comprese quelle relative alla media education.

5 2. PROFILO DELLA CLASSE 3. ATTIVITÀ DIDATTICHE 3.1. OBIETTIVI GENERALI TRASVERSALI DEFINITI DAL CONSIGLIO DI CLASSE Educativi. - Rispetto reciproco e dell'ambiente scolastico, nonché delle norme stabilite dal Regolamento d'istituto. - Partecipare con interesse ed impegno alle attività scolastiche, imparando ad essere precisi e puntuali nel lavoro (in classe e a casa) e sviluppando il proprio senso di responsabilità. - Potenziare un valido metodo di studio che si basi su: lettura ed osservazione attenta, descrizione chiara, analisi precisa di quanto proposto durante le lezioni, elaborazione di semplici schemi, modelli o procedure, atti a cogliere e ad organizzare le conoscenze Didattici. - Esposizione scritta ed orale chiara, corretta, coerente e precisa nell'uso del lessico specifico delle singole materie. - Comprensione di un testo orale e/o scritto o di un'immagine cogliendone i concetti o gli aspetti essenziali. - Conoscere e saper utilizzare in modo appropriato il linguaggio specifico della singola disciplina. - Comprendere ed elaborare in -modo autonomo, operando con logica e razionalità. - Collegare e sintetizzare i concetti appresi. - Rielaborare in modo critico e riflessivo. - Acquisire capacità critiche (intese come confronto di idee e metodi).

6 3.2. ATTIVITÀ CULTURALI, VISITE E VIAGGI D ISTRUZIONE SVOLTI DALLA CLASSE NELL ULTIMO ANNO SCOLASTICO Attività Luogo e Data Partecipazione CONFERENZA DEL CLIMATOLOGO L. MERCALLI INTERVENTO DI SENSIBILIZZAZIONE VERSO LA DONAZIONE DEL SANGUE- DOTT.SA GEUNA INCONTRO POMERIDIANO A CURA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA AULA POLIVALENTE, 7/11/2014 AULA POLIVALENTE, 12/11/ 2014 AULA POLIVALENTE, 12/11/2015 TUTTA LA CLASSE TUTTA LA CLASSE TUTTA LA CLASSE CONFERENZA L UOMO E IL PAESAGGIO ALBA, SALA ORDET, 13/11/2014 TUTTA LA CLASSE VISITA AL MUSEO DEL RISORGIMENTO TORINO, 18/11/2014 TUTTA LA CLASSE CONFERENZA FINCHÉ MORTE NON CI SEPARI - IL FEMMINICIDIO CONFERENZA GUIDA SICURA CON A. TAVECCHIO VISITA ALLA MOSTRA DI F. CASORATI VISITA ALLA MOSTRA DI G. SEGANTINI SPETTACOLO TEATRALE FINZIONI: TEATRO DEL 900 TRA RAPPRESENTAZIONE, MASCHERA E TRAVESTIMENTO, A CURA DELLA COMPAGNIA DI PROSA DI GENOVA INTERVENTO DI SENSIBILIZZAZIONE VERSO LA DONAZIONE DEGLI ORGANI VIDEOCONFERENZA PER IL GIORNO DEL RICORDO AULA POLIVALENTE, 26/11/2014 AULA POLIVALENTE, 10/12/2014 ALBA, FONDAZ. FERRERO, 11/12/2014 MILANO, 18/12/2014 ALBA, SALA ORDET, 22/1/2015 AULA POLIVALENTE, 28/1/2015 LOCALI DELL ISTITUTO 10/2/2015 TUTTA LA CLASSE TUTTA LA CLASSE TUTTA LA CLASSE TUTTA LA CLASSE TUTTA LA CLASSE TUTTA LA CLASSE TUTTA LA CLASSE VIAGGIO D ISTRUZIONE BARCELLONA, 23-27/3/ ALLIEVI INCONTRO CON L ANTROPOLOGO A. FAVOLE AULA POLIVALENTE, 28/5/2015 TUTTA LA CLASSE L'INTERA CLASSE O I SINGOLI ALLIEVI HANNO INOLTRE PARTECIPATO AI SEGUENTI INCONTRI DI ORIENTAMENTO POST- DIPLOMA ORGANIZZATI DAL NOSTRO ISTITUTO: - Salone dell Orientamento, organizzato dal Comune di Alba, presso il Palazzo delle Mostre e dei Congressi nei giorni dal 24 al 27 febbraio 2015, con la presentazione delle offerte formative di varie Università del territorio (Torino, Piemonte Orientale, Genova, Pavia, Milano), accademie militari ed esperienze di professionisti in vari settori. Gli allievi hanno partecipato, a seconda degli interessi specifici, nei giorni 26 e 27.

7 3.3. INIZIATIVE COMPLEMENTARI E INTEGRATIVE CERTIFICAZIONI DI LINGUE STRANIERE PARTECIPAZIONE A SCHOOL LINK, VIAGGI - STUDIO ALL ESTERO, SCAMBI CULTURALI 3.4. ATTIVITÀ PROGRAMMATE PER IL PERIODO SUCCESSIVO AL 15 MAGGIO. Disciplina Religione Approfondimenti ATTIVITÀ PROGRAMMATE Italiano Verifiche orali, ripasso Latino Verifiche scritte e orali, ripasso Inglese Verifiche orali, ripasso, approfondimenti Scienze Umane Verifiche, approfondimenti, ripasso Filosofia Conclusione programma, verifiche Storia Conclusione programma, verifiche Matematica Fisica Storia dell Arte Verifiche scritte, orali e test (anche di recupero assenza); approfondimenti su argomenti indispensabili per affrontare gli studi dopo il diploma Verifiche scritte, orali e test (anche di recupero assenza); approfondimenti su argomenti indispensabili per affrontare gli studi dopo il diploma Approfondimenti sull arte del Novecento Scienze Sperimentali Verifiche, ripasso Educazione fisica Ripasso e simulazione colloquio d Esame 3.5 Tirocini e stages 3.6. Insegnamenti effettuati secondo la metodologia C.L.I.L. Il Collegio dei Docenti, all unanimità, nella seduta del 25 settembre 2014, in riferimento agli insegnamenti previsti dall attuale Ordinamento da effettuarsi secondo la metodologia C.L.I.L.. ha deliberato quanto segue:

8 1. La continuazione dei corsi CLIL nel Liceo Linguistico e l avvio degli stessi nelle classi quinte dei Licei delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. 2. Per quanto riguarda la percentuale oraria prevista ogni anno, ferma restando quella indicata dal Ministero dell Istruzione come traguardo finale futuro, appare più praticabile la seguente: Nelle materie con due ore settimanali una media di 1 ora al mese, per un totale annuale di 8 ore (10%) Nelle materie con tre o più ore settimanali una media di 1 ora al mese più due: totale 10 ore (10%). 3. Ogni consiglio di classe procede alla costituzione di una equipe CLIL composta da insegnante DNL, insegnante/i LL, Lettore madrelingua, eventuali docenti di sostegno disponibili e aventi titolo linguistico ad02 onde coordinare e concordare un percorso didattico CLIL (da trattare eventualmente anche in una piccola quota delle ore di lingua come supporto lessicale e terminologico) 4. Sono possibili ore di compresenza (minimo 1 sul totale previsto) con i lettori madrelingua o dove possibile, con i docenti LL o di sostegno aventi titolo linguistico 5. La organizzazione del calendario orario è gestita dai docenti DNL e non esclude possibilità di accorpare le ore costituendo un modulo orario continuo di 3 settimane 1 mese circa 6. Il lavoro prevede la possibilità di utilizzare strumenti informatici e LIM, didattica attiva, attività di ricerca dei ragazzi, attività laboratoriale o lavori di gruppo nelle varie classi. A tal fine si potrà accedere a piattaforme on line con contenuti e percorsi già costituiti per le varie discipline come Khan.academy.org/library. 7. La valutazione effettuata nella materia DNL dal docente DNL (con la possibile collaborazione del docente LL) sarà una, che a giudizio del docente potrà rientrare fra quelle previste per le valutazioni quadrimestrali oppure potrà essere aggiuntiva ad esse. In ogni caso tale valutazione sarà computata per la seconda parte dell anno scolastico. Sul registro personale sarà espressa con un voto a sé stante distinto dagli altri e qualificato come Valutazione esperienza CLIL ) 8. La struttura della prova è decisa dal docente DNL e tiene comunque conto di tutte le misure dispensative e compensative necessarie nel caso di DSA o BES. 9. Testo della delibera sarà inserito nei documenti del 15 maggio previsti per l Esame di Stato delle classi quinte.

9 Per la presente classe, nel corrente anno scolastico, è stato previsto il seguente insegnamento: Educazione fisica Apparato muscolo-scheletrico, respiratorio e cardio-vascolare Materia Argomento Lingua straniera inglese Staff C.L.I.L. Prof. F. Longo, Prof.ssa C. Sobrero Numero di ore 8 Modalità di verifica Domande a risposta aperta; quesito nella seconda Simulazione della Terza Prova La relazione dettagliata dell attività si trova allegata alla relazione finale del docente della materia non linguistica oggetto di lezioni secondo la metodologia C.L.I.L.

10 4. RELAZIONI DI PRESENTAZIONE ALL ESAME E PROGRAMMI DELLE SINGOLE DISCIPLINE. DISCIPLINA: RELIGIONE Insegnante: prof. Jasinska Dorota Anno scolastico: 2014/ 2015 PROGRAMMA SVOLTO 1. Introduzione 1.1 L idea di religione. 1.2 Parlare di religione nel mondo plurale (le religioni, la religione) 1.3 La fine della cristianità. 1.4 La negazione di Dio (ateismo, deismo, illusione) 2. Fede e oltremodernità 2.1 Per una fondazione antropologica della fede. 2.2 Educazione del desiderio e del Sogno (film: L ultimo sogno) 2.3 Il desiderio umane 2.4.Il sogno della vita (film: L attimo fuggente) 3. Rappresentazione mediatica della realtà. 3.1 Stimoli e modelli nel mondo digitale --- Pubblicità, Internet, TV, Social Networks, Communities 3.2 Il capriccio dell uomo post-morale. 3.3 L ossessione sterile della ricerca individualista. --- Le dipendenze, stili di vita e consumo La ricerca dell uomo (le domande fondamentali dell uomo) cercare le riposte; un bisogno spirituale (film: Fu sera fu mattina) 4. La ricerca spirituale 4.1 La ricerca del Vero (film: La vita di PI). 4.2 La ricerca del Bello ( fondazione estetica). 4.3 Ricomposizione del legame (antropol. strutturale) tra fede e ragione nella teologia del Novecento. 5. Il senso dell esperienza religiosa Religione e società 5.2 Religione, ideologia e cultura. 5.2 Religione e fondamentalismi. 5.3 Per un antropologia teologica. 6. L articolazione etica di Verità e Libertà. 6.1 Il darsi della Verità e la decisione esistenziale. 6.2 L opzione fondamentale della libertà cristiana. 7. Etica della vita. 7.1 Bioetica: origini e fondazione. 7.2 Principali posizioni etiche. 7.3 La tutela della vita debole: vita nascente, vita nello stadio terminale. Cellule staminali, fecondazione assistita. Aborto, eutanasia, eugenetica, clonazione. 7.4 I diritti umani (La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani) 7.5. L impegno per il bene comune. 8. Pace e guerra 8.1 Dimensione individuale (film: Gran Torino) 8.2 Dimensione sociale. 9. La fede e la scienza 9.1 Il caso Sindone: la ricerca scientifica, storica e geografica. 9.2 Il caso Sindone: il fenomeno religioso. Alba, 14 maggio 2015 L'INSEGNANTE LE RAPPRESENTANTI DI CLASSE

11 DISCIPLINA: ITALIANO Insegnante: prof. Raimondo Elisa Anno scolastico: 2014/ 2015 PROGRAMMA D ESAME Testi in adozione: - G. BALDI, S. GIUSSO, M. RAZETTI, G. ZACCARIA, Il piacere dei testi, Paravia, vol. Giacomo Leopardi, vol. 5 ( Dall età postunitaria al primo Novecento ) e vol. 6 ( Dal periodo tra le due guerre ai giorni nostri ); - D. ALIGHIERI; S. JACOMUZZI, A. DUGHERA, G. IOLI, V. JACOMUZZI, (a cura di), La Divina Commedia. Nuova edizione integrale, ed. SEI. Giacomo Leopardi - La vita - Il pensiero: la teoria del piacere e l infelicità dell uomo; la natura benigna e il pessimismo storico, la natura malvagia e il pessimismo cosmico; dal pessimismo a una nuova concezione della vita sociale e del progresso - La poetica del vago e indefinito : l infinito nell immaginazione, il bello poetico, antichi e moderni - Le opere I Canti: le canzoni, gli idilli, i grandi idilli del 28-30; la Ginestra e l idea leopardiana di progresso Dai Canti: L infinito Alla luna A Silvia Canto notturno di un pastore errante dell Asia La ginestra o il fiore del deserto (vv. 1-7, e ) Le Operette morali e l arido vero : il titolo, i temi, i protagonisti, le forme Dalle Operette morali: Dialogo della Natura e di un Islandese Dialogo di Plotino e di Porfirio L età postunitaria - Le ideologie: gli intellettuali di fronte alla modernizzazione; il Positivismo; il mito del progresso; nostalgia romantica e rigore veristico - Gli intellettuali: il conflitto fra intellettuale e società; la posizione sociale degli intellettuali - La questione della lingua: la necessità dell unificazione linguistica, la diffusione dell italiano e la lingua letteraria La Scapigliatura - L origine del termine, i principali esponenti e il contesto storico-geografico - La contestazione ideologica e stilistica degli scapigliati: la perdita dell aureola e la crisi del letterato tradizionale - La Scapigliatura come avanguardia mancata: principi ideologici e artistici Emilio Praga, Preludio: una dichiarazione manifesto della poetica scapigliata Igino Ugo Tarchetti, Fosca: caratteri generali e valore simbolico della protagonista Da Fosca: dai capp. XV, XXXII e XXXIII, L attrazione della morte Il Naturalismo francese e il Verismo italiano - I fondamenti teorici del Naturalismo e la poetica di Zola, il concetto di romanzo sperimentale - La poetica del Verismo italiano

12 Giovanni Verga - La vita - Le opere pre-veriste (cenni) - La svolta verista e la tecnica narrativa verista: la poetica dell impersonalità, l eclisse dell autore, il procedimento dello straniamento, l artificio della regressione - L ideologia verghiana: il «diritto di giudicare» e il pessimismo; il valore conoscitivo e critico del pessimismo - Il Verismo di Verga e il Naturalismo zoliano: le diverse tecniche narrative, le diverse ideologie - Lettera a Salvatore Farina, Impersonalità e regressione (da L amante di Gramigna, Prefazione) - Le raccolte di novelle Vita dei campi e Novelle rusticane: temi e stile Da Vita dei campi: Rosso Malpelo Fantasticheria (l ideale dell ostrica ) Da Novelle rusticane: La roba - I romanzi: il ciclo dei «Vinti»: il progetto e i romanzi che lo compongono; la «fiumana del progresso» I Malavoglia: il titolo e la composizione, la struttura dell intreccio; l irruzione della storia, modernità e tradizione; il superamento dell idealizzazione romantica del mondo rurale; la costruzione bipolare del romanzo. Lettura integrale, con particolare attenzione per la Prefazione e per gli altri passi antologizzati Mastro-don Gesualdo: il significato del titolo, le caratteristiche del protagonista e l impianto narrativo; l interiorizzarsi del conflitto valori vs. economicità; la critica alla «religione della roba» Da Mastro-don Gesualdo: La morte di mastro-don Gesualdo [IV, cap. V] - L ultimo Verga e l interruzione del ciclo dei «Vinti» Il Decadentismo - L origine del termine Decadentismo - La visione del mondo decadente: il mistero e le «corrispondenze»; gli strumenti irrazionali del conoscere - La poetica del Decadentismo: l estetismo; il simbolismo, l oscurità del linguaggio e il valore suggestivomagico della parola; le tecniche espressive; il linguaggio analogico e la sinestesia - Temi e miti della letteratura decadente Giovanni Pascoli - La vita e il «nido» familiare - La visione simbolica del mondo - La poetica del «fanciullino» Da Il fanciullino: Una poetica decadente (passo antologizzato) - L ideologia politica: il discorso di Barga La grande Proletaria si è mossa (cenni) - I temi della poesia pascoliana: il «fanciullino», il «nido», i morti - Le soluzioni formali: la sintassi, il lessico, gli aspetti fonici, la metrica, le figure retoriche ricorrenti. - Le raccolte poetiche: Myricae: il significato del titolo; la poetica: il simbolismo impressionistico Da Myricae: Lavandare X Agosto L assiuolo Novembre Temporale Il lampo Il tuono Canti di Castelvecchio: continuità con Myricae e caratteri generali

13 Da Canti di Castelvecchio: Il gelsomino notturno Poemetti: caratteri generali e cenni a Italy (come esempio di sperimentalismo linguistico) Poemi conviviali: caratteri generali, clima estetizzante, rapporto tra mondo antico e sensibilità moderna; cenni a L ultimo viaggio e ad Alexandros Gabriele d Annunzio - La vita, l esteta e il superuomo - Ideologia e poetica (appunti) - Fasi del pensiero e della produzione di D Annunzio: fase del vitalismo e del panismo giovanile; fase dell estetismo e dell edonismo; fase della bontà e della conversione; fase del superomismo e del panismo; fase del Notturno (appunti) - I romanzi: Il piacere, il romanzo dell estetismo decadente e della crisi dell estetismo Da Il piacere: Un ritratto allo specchio: Andrea Sperelli ed Elena Muti [Libro III, cap. II] I romanzi del superuomo: solo caratteri generali. Il trionfo della morte, il superuomo e l inetto, la donna come Nemica ; Le vergini delle rocce, il manifesto politico del superuomo; Il fuoco, il manifesto letterario del superuomo; Forse che sì forse che no e la celebrazione della modernità - Le Laudi: il progetto dei sette libri e le caratteristiche generali della raccolta. Alcyone: struttura e temi Da Alcyone: La pioggia nel pineto I pastori - Il periodo notturno : riferimenti biografici e occasione di composizione del Notturno; l «esplorazione d ombra» e il frammentismo; stile della prosa del Notturno Il primo Novecento - Industrializzazione, emigrazione: conseguenze a livello linguistico e culturale - La questione della lingua: il ruolo della scuola, della stampa, della burocrazia e del servizio militare nella diffusione e nelle trasformazioni all interno dell italiano - Il concetto di avanguardia e le caratteristiche generali dei movimenti di avanguardia Il Futurismo: le origini e i caratteri del movimento; le innovazioni formali e i manifesti - Filippo Tommaso Marinetti: Manifesto del Futurismo (1909) e Manifesto tecnico della letteratura futurista (1912) Il Crepuscolarismo: origine del nome, geografia degli autori (Gozzano, cenni a Corazzini e Moretti), tematiche e modelli - Guido Gozzano e la vergogna della poesia Dai Colloqui: La signorina Felicita ovvero la felicità [strofe I, III, VI] Luigi Pirandello - La vita - La visione del mondo: vitalismo, disgregazione dell identità individuale, trappola della vita sociale, rifiuto della socialità, relativismo conoscitivo; i concetti di persona / personaggio, vita / forma - La poetica dell umorismo: avvertimento del contrario e sentimento del contrario Dal saggio L umorismo: Un arte che scompone il reale (passi antologizzati: differenza fra umorismo e comicità con l esempio della vecchia signora imbellettata ; vita e forme; arte epica vs. arte umoristica)

14 - Le novelle: caratteri generali, sistemazione del corpus novellistico e assenza di un ordine; novelle siciliane, piccolo borghesi, surreali Da Novelle per un anno: Ciàula scopre la luna Il treno ha fischiato C'è qualcuno che ride - I romanzi: Il fu Mattia Pascal: la vicenda, l impianto narrativo, le caratteristiche e gli errori del protagonista, il richiamo della trappola e l impossibilità di ritornare nella vecchia forma. Lettura integrale, con particolare attenzione per i passi antologizzati Lo «strappo nel cielo di carta» [dal cap. XII] e La «lanterninosofia» [dal cap. XIII] Quaderni di Serafino Gubbio operatore: caratteri generali, la repulsione nei confronti della macchina e la critica alla mercificazione Uno, nessuno e centomila: la vicenda, le caratteristiche del protagonista e l orrore per la prigione delle forme, il rifiuto definitivo dell identità personale. Lettura del passo antologizzato Nessun nome (conclusione del romanzo) - Il teatro: gli esordi e la fase del grottesco, il teatro nel teatro ; la fase dei miti teatrali (appunti forniti in fotocopia). Così è (se vi pare): la vicenda, in relazione con la novella La Signora Frola e il Signor Ponza suo genero; lettura della conclusione [atto III, scena 9 a, in fotocopia]. La classe ha inoltre assistito alla drammatizzazione della novella in occasione dello spettacolo teatrale Finzioni: il teatro del 900 tra rappresentazione, maschera e travestimento, a cura della Compagnia Italiana di Prosa di Genova. Il giuoco delle parti: l argomento; lettura della conclusione [atto III, scene 3 a e 4 a ] Sei personaggi in cerca d autore: la vicenda e i personaggi; l impossibilità di scrivere il dramma dei personaggi e l impossibilità di rappresentarlo; lettura della scena relativa all irruzione sul palco dei Sei Personaggi (in fotocopia) Enrico IV: la vicenda e il tema della follia come estraneità; lettura della scena finale del dramma [Atto III] I giganti della montagna (solo cenni) Italo Svevo - La vita e la triestinità - La fisionomia intellettuale e la cultura di Svevo - Caratteri generali dei romanzi sveviani, la figura dell inetto - Una vita: la vicenda e l impostazione narrativa; l inetto e il suo antagonista Da Una vita: Le ali del gabbiano [dal cap. VIII] - Senilità: la vicenda e l impostazione narrativa; le caratteristiche del protagonista; un quadrilatero perfetto di personaggi - La coscienza di Zeno: il nuovo impianto narrativo; il tempo misto ; le vicende; le caratteristiche e l inattendibilità del protagonista e dei narratori; la funzione critica di Zeno; l inettitudine e l apertura al mondo. Lettura dei passi antologizzati La morte del padre [dal cap. IV], La scelta della moglie e dell antagonista [dal cap. V], La salute malata di Augusta [dal cap. VI], La morte dell antagonista [dal cap. VII], Psico-analisi [dal cap. VIII], La profezia di un apocalisse cosmica [dal cap. VIII]. Tra le due guerre - Tra gli Anni 20 e gli Anni 30 del Novecento: le comunicazioni di massa, l organizzazione della cultura, il ruolo e le scelte degli intellettuali (appunti) - La poesia italiana tra Simbolismo e Antinovecentismo: Ungaretti, Saba e Montale - L Ermetismo: caratteri generali (appunti)

15 S. Quasimodo, Ed è subito sera, come esempio di lirica ermetica Giuseppe Ungaretti - La vita, la formazione, la poetica e il culto della parola - L allegria: composizione e vicende editoriali; la poesia come illuminazione, i temi, lo stile e la metrica Da L allegria: Il porto sepolto Veglia San Martino del Carso Natale Mattina Soldati - Sentimento del tempo: caratteri generali, recupero delle forme tradizionali - Il dolore: caratteri generali Da Il dolore: Non gridate più Umberto Saba - La vita, con particolare attenzione per le origini familiari e l infanzia - Il Canzoniere: il titolo e il richiamo alla tradizione; la struttura; la poetica dell onestà ; i temi principali; le caratteristiche formali e la linea antinovecentista Da Il Canzoniere: Mio padre è stato per me «l assassino» Amai Trieste Mia figlia (dalle Tre poesie alla mia balia, I) Ulisse La capra Eugenio Montale - La vita e le fasi della produzione poetica - Il primo Montale e Ossi di seppia: il titolo e il motivo dell aridità, la poetica, gli emblemi della natura, il «male di vivere» e la poesia come conoscenza in negativo. Da Ossi di seppia: Meriggiare pallido e assorto Non chiederci la parola Spesso il male di vivere ho incontrato - Il secondo Montale e Le Occasioni: il titolo; la poetica degli oggetti, la donna salvifica e il tema della memoria Da Occasioni: Non recidere, forbice, quel volto - Il terzo Montale e La bufera e altro: caratteri generali - Il quarto Montale e Satura: il titolo; la polemica con il presente; la figura femminile negli Xenia Da Satura Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale Dante, Divina Commedia: Il Paradiso e alcuni percorsi tematici trasversali alle tre cantiche: - la composizione, la struttura, i principali temi e lo stile del Paradiso;

16 - la figura di Piccarda Donati (Par. III, ), inserita nel percorso Tre figure femminili con Francesca da Rimini (Inf. V, ) e Pia de Tolomei (Purg. V, ); - la vicenda dell aquila imperiale (Par. VI, 1 33 e ), inserita nel percorso I canti politici con le divisioni a Firenze (Inf. VI, 7 75) e la decadenza dell Italia (Purg. VI, ); - la figura di San Francesco (Par. XI, ), inserita nel percorso Tre figure esemplari con Ulisse (Inf. XXVI, ) e Catone Uticense (Purg. I, 28 75); - Cacciaguida e la profezia dell esilio di Dante (Par. XVII, 55-69); - la preghiera di San Bernardo alla Vergine (Par. XXXIII, 1 39) e la conclusione dell opera. Alba, 14 maggio 2015 L'INSEGNANTE LE RAPPRESENTANTI DI CLASSE

17 DISCIPLINA: LATINO Insegnante: prof. Raimondo Elisa Anno scolastico: 2014/ 2015 PROGRAMMA D ESAME Testo in adozione: G. GARBARINO, L. PASQUARIELLO, Colores. Cultura e letteratura latina, testi, percorsi tematici, Paravia, vol. 3 ( Dalla prima età imperiale ai regni romano-barbarici ) L età giulio-claudia - La vita culturale nell età giulio-claudia: caratteri generali Seneca - La vita: le origini, l impegno politico, l esilio, l esercizio del potere accanto al giovane Nerone, il secessus, la morte per ordine di Nerone - I Dialŏgi: caratteristiche della raccolta e impostazione; dialoghi di genere consolatorio; dialoghi-trattati Il De brevitate vitae e la riflessione sul valore tempo Dal De brevitate vitae: La vita è davvero breve? [1, 1-4 in latino] Il valore del passato [10, 2 in latino; 3-5 in italiano] La galleria degli occupati [12, 1-7 in italiano] Il De ira e la condanna delle passioni Dal De ira: L ira [I, 1, 1-4 in italiano] - I trattati: impostazione dialogica e argomentativa; temi principali - Le Epistulae ad Lucilium: caratteri generali della raccolta, il rapporto tra Seneca e Lucilio, i contenuti: l otium, il secessus e la ricerca della virtù, il tempo e la morte Dalle Epistulae ad Lucilium: Riappropriarsi di sé e del proprio tempo [1, 1-2 in latino; 3-5 in italiano] Il dovere della solidarietà [95, in italiano] Gli schiavi [47, 1-4; in italiano] - Lo stile della prosa senecana: la ricerca della persuasione e del coinvolgimento emotivo, l organizzazione sintattica, le sententiae - Le tragedie: caratteristiche generali; razionalità e furor; intento pedagogico e morale - L Apokolokýntosis: interpretazione del titolo, caratteristiche e contenuto generale dell opera Lucano e l epica - La vita: le origini, l ammissione nell entourage di Nerone, la rottura con l imperatore, la partecipazione alla congiura anti-neroniana e la condanna a morte - Il Bellum civile: il titolo, le caratteristiche e lo stile dell epos di Lucano, l anti-virgilio ; i personaggi: Cesare, Pompeo, Catone e la loro caratterizzazione Dal Bellum civile: I ritratti di Pompeo e di Cesare [I, vv in italiano] Persio e la satira - Cenni biografici - La poetica: il verum come fine della poesia, la satira come medicina di una società malata; caratteri generali delle Satire - Forma e stile: la iunctura acris Petronio - La vita: dalla corte di Nerone alla condanna a morte per volere del principe

18 - Il Satyricon: struttura e contenuti generali dell opera; la questione del genere letterario, tra romanzo, satira menippea e novella milesia; il realismo comico; il plurilinguismo dei personaggi Dal Satyricon: Trimalchione entra in scena [32-33 in italiano] I commensali di Trimalchione [41, 9-12; 42, 1-7 in italiano] Il testamento di Trimalchione [71, 1-8; in italiano] Il lupo mannaro [61, 6-9; 62, 1-10 in italiano] La matrona di Efeso [110, in italiano] Dall età dei Flavi al principato di Adriano - La vita culturale sotto i Flavi, tra promozione e controllo delle lettere e delle arti; il principato adottivo e la cultura nel II secolo Quintiliano - La vita: le origini, l attività di insegnamento e la stesura dell Institutio oratoria - L Institutio oratoria: l importanza dell educazione; la decadenza dell oratoria e la mutata funzione dell oratore Dall Institutio oratoria: Vantaggi dell insegnamento collettivo [I, 2, in italiano] L importanza della ricreazione [I, 3, 8-12 in italiano] Un excursus di storia letteraria [X, 1, 85-88; 90; 93-94; ; ; 112 in italiano] Tacito - La vita: le origini, la carriera politica, l attività letteraria - Il pensiero e il metodo storiografico; lo stile - L Agricola: la struttura e i contenuti; la figura del protagonista, la polemica contro i martiri stoici Dall Agricola: Il discorso di Càlgaco: ubi solitudinem faciunt pacem appellant [30-31,3 in italiano] - La Germania: il genere etnografico e l argomento; l atteggiamento dello scrittore nel confronto Romani vs. Germani Dalla Germania: Purezza razziale e aspetto fisico dei Germani [4, 1 in latino] Le risorse naturali e il denaro [5, 1-3 in italiano] La famiglia [18-19 in italiano] - Le Historiae e gli Annales: i contenuti generali; la prassi storiografica e la visione del mondo dell autore: decadenza della classe dirigente romana e principato come male inevitabile Dalle Historiae: Il punto di vista dei Romani: il discorso di Petilio Ceriale [IV, in italiano] Dagli Annales: Il proemio [I, 1 in latino] Nerone e l incendio di Roma [XV, in italiano] La persecuzione dei cristiani [XV, 44, 2-5 in italiano] Dall età degli Antonini ai regni romano-barbarici - Il contesto storico-culturale: il II secolo d.c. come saeculum aureum, la crisi del III secolo, l impero cristiano, la fine dell impero romano d Occidente, le origini della letteratura cristiana in latino Apuleio - La vita: le origini, la personalità e gli interessi, il processo per magia - Il De magia o Apologĭa: la confutazione dell accusa di magia - Le Metamorfosi: il genere romanzo, il titolo e la trama, le caratteristiche del protagonista; la fabula di Amore e Psiche come reduplicazione della trama principale; lo stile Dalle Metamorfosi:

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Rispetto alle altre scienze sociali Soluzione gerarchica Soluzione residuale Soluzione formale Soluzione gerarchica A. Comte

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni )

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni ) ORARIO LEZIONI 2 semestre - Anno accademico 2014/2015 2 semestre 1 ANNO GIORNI ORE LUNEDÌ Teologia morale fondamentale Teologia morale fondamentale Psicologia dello sviluppo I Psicologia dello sviluppo

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Prova di ammissione dell Indirizzo Linguistico-Letterario Classe A043 1 ottobre 2007

Prova di ammissione dell Indirizzo Linguistico-Letterario Classe A043 1 ottobre 2007 Prova di ammissione dell Indirizzo Linguistico-Letterario Classe A043 1 ottobre 2007 1. La Commedia è un testo poligenere perché: 1) utilizza termini provenienti da lingue diverse 2) ha aspetti del poema,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI Ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi: nei bandi che fanno riferimento all ordinamento previgente

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10)

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) RELIGIONE 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO GIORDA, DIRITTI DI CARTA U SEI 16,35

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA ILTESTO NARRATIVO Testi narrativi sono definiti tutti quelli che hanno per oggetto la narrazione di una storia: racconti, romanzi, fiabe ecc. Gli elementi fondamentali del testo narrativo sono: storia,

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente LA SFIDA EDUCATIVA Kenneth J. Gergen La mia proposta è che la principale sfida del sistema educativo del nostro secolo sia quella di sostituire la tradizionale

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA RELIGIONE 9788839302229 MARINONI GIANMARIO / CASSINOTTI DOMANDA DELL'UOMO (LA) - VOLUME UNICO - EDIZIONE AZZURRA / CORSO DI RELIGIONE

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli