ESAME DI STATO DOCUMENTO DEL CONSIGLIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESAME DI STATO DOCUMENTO DEL CONSIGLIO"

Transcript

1 ISTITUTO MAGISTRALE STATALE LEONARDO DA VINCI LICEO LINGUISTICO - LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO-SOCIALE ESAME DI STATO DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE V DS (INDIRIZZO LICEO DELLE SCIENZE UMANE)

2 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO MAGISTRALE STATALE LEONARDO DA VINCI LICEO LINGUISTICO - LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO-SOCIALE ESAME DI STATO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE V DS (INDIRIZZO LICEO DELLE SCIENZE UMANE) INSEGNANTI DISCIPLINE FIRME JASINSKA DOROTA RAIMONDO ELISA RAIMONDO ELISA SOBRERO CONSOLATA PERONA PIERO BARILE VANESSA BARILE VANESSA BORELLO DORIANA BORELLO DORIANA FERRERO GIUSEPPINA PASSONE MIRELLA LONGO FEDERICO BRANCATO CARMELINA LERDA ELIA Religione Italiano Latino Inglese Scienze Umane Storia Filosofia Matematica Fisica Storia dell Arte Scienze Sperimentali (biologia) Educazione Fisica Sostegno Sostegno Alba, 14 maggio 2015 IL COORDINATORE (Prof. Raimondo Elisa) IL DIRIGENTE SCOLASTICO (Prof. Zannella Alessandro)

3 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO MAGISTRALE STATALE LEONARDO DA VINCI LICEO LINGUISTICO - LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO-SOCIALE DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE VDS LICEO DELLE SCIENZE UMANE INDICE. 1. PROFILO DELL INDIRIZZO. 2. PROFILO DELLA CLASSE Presentazione della classe 2.2. Crediti classe terza e quarta 3. ATTIVITÀ DIDATTICHE Obiettivi generali trasversali definiti dal Consiglio di Classe Educativi Didattici Attività culturali, visite e viaggi d'istruzione svolti dalla Classe nell ultimo anno scolastico 3.3. Iniziative complementari ed integrative Attività programmate per il periodo successivo al 15 maggio. 3.5 Tirocini e stages Insegnamenti effettuati secondo la metodologia C.L.I.L. 4. PROGRAMMI SVOLTI DELLE SINGOLE DISCIPLINE. (a cura di ciascun docente) 5 VALUTAZIONE Criteri di valutazione Quadro per tipologia delle Verifiche scritte e orali svolte durante l ultimo anno scolastico Quadro delle verifiche dell ultimo anno scolastico secondo le tipologie della Terza Prova scritta Clichés delle Terze Prove scritte pluridisciplinari dell ultimo anno scolastico Griglie di valutazione delle prove dell Esame di Stato Prima Prova scritta Seconda Prova scritta (Scienze Umane) Terza Prova Scritta Colloquio pluridisciplinare. 6. ALLEGATI. Schede personali dei candidati. (in Segreteria).

4 1. Profilo dell Indirizzo delle Scienze Umane Il percorso del Liceo delle Scienze umane è indirizzato allo studio delle teorie esplicative dei fenomeni collegati alla costruzione dell identità personale e delle relazioni umane e sociali. Guida lo studente ad approfondire e a sviluppare le conoscenze e le abilità e a maturare le competenze necessarie per cogliere la complessità e la specificità dei processi formativi. Assicura la padronanza dei linguaggi, delle metodologie e delle tecniche di indagine nel campo delle scienze umane. Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno: aver acquisito le conoscenze dei principali campi d indagine delle scienze umane mediante gli apporti specifici e interdisciplinari della cultura pedagogica, psicologica e socio-antropologica; aver raggiunto, attraverso la lettura e lo studio diretto di opere e di autori significativi del passato e contemporanei, la conoscenza delle principali tipologie educative, relazionali e sociali proprie della cultura occidentale e il ruolo da esse svolto nella costruzione della civiltà europea; saper identificare i modelli teorici e politici di convivenza, le loro ragioni storiche, filosofiche e sociali, e i rapporti che ne scaturiscono sul piano etico-civile e pedagogico-educativo; saper confrontare teorie e strumenti necessari per comprendere la varietà della realtà sociale, con particolare attenzione ai fenomeni educativi e ai processi formativi, ai luoghi e alle pratiche dell educazione formale e non formale, ai servizi alla persona, al mondo del lavoro, ai fenomeni interculturali; possedere gli strumenti necessari per utilizzare, in maniera consapevole e critica, le principali metodologie relazionali e comunicative, comprese quelle relative alla media education.

5 2. PROFILO DELLA CLASSE 3. ATTIVITÀ DIDATTICHE 3.1. OBIETTIVI GENERALI TRASVERSALI DEFINITI DAL CONSIGLIO DI CLASSE Educativi. - Rispetto reciproco e dell'ambiente scolastico, nonché delle norme stabilite dal Regolamento d'istituto. - Partecipare con interesse ed impegno alle attività scolastiche, imparando ad essere precisi e puntuali nel lavoro (in classe e a casa) e sviluppando il proprio senso di responsabilità. - Potenziare un valido metodo di studio che si basi su: lettura ed osservazione attenta, descrizione chiara, analisi precisa di quanto proposto durante le lezioni, elaborazione di semplici schemi, modelli o procedure, atti a cogliere e ad organizzare le conoscenze Didattici. - Esposizione scritta ed orale chiara, corretta, coerente e precisa nell'uso del lessico specifico delle singole materie. - Comprensione di un testo orale e/o scritto o di un'immagine cogliendone i concetti o gli aspetti essenziali. - Conoscere e saper utilizzare in modo appropriato il linguaggio specifico della singola disciplina. - Comprendere ed elaborare in -modo autonomo, operando con logica e razionalità. - Collegare e sintetizzare i concetti appresi. - Rielaborare in modo critico e riflessivo. - Acquisire capacità critiche (intese come confronto di idee e metodi).

6 3.2. ATTIVITÀ CULTURALI, VISITE E VIAGGI D ISTRUZIONE SVOLTI DALLA CLASSE NELL ULTIMO ANNO SCOLASTICO Attività Luogo e Data Partecipazione CONFERENZA DEL CLIMATOLOGO L. MERCALLI INTERVENTO DI SENSIBILIZZAZIONE VERSO LA DONAZIONE DEL SANGUE- DOTT.SA GEUNA INCONTRO POMERIDIANO A CURA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA AULA POLIVALENTE, 7/11/2014 AULA POLIVALENTE, 12/11/ 2014 AULA POLIVALENTE, 12/11/2015 TUTTA LA CLASSE TUTTA LA CLASSE TUTTA LA CLASSE CONFERENZA L UOMO E IL PAESAGGIO ALBA, SALA ORDET, 13/11/2014 TUTTA LA CLASSE VISITA AL MUSEO DEL RISORGIMENTO TORINO, 18/11/2014 TUTTA LA CLASSE CONFERENZA FINCHÉ MORTE NON CI SEPARI - IL FEMMINICIDIO CONFERENZA GUIDA SICURA CON A. TAVECCHIO VISITA ALLA MOSTRA DI F. CASORATI VISITA ALLA MOSTRA DI G. SEGANTINI SPETTACOLO TEATRALE FINZIONI: TEATRO DEL 900 TRA RAPPRESENTAZIONE, MASCHERA E TRAVESTIMENTO, A CURA DELLA COMPAGNIA DI PROSA DI GENOVA INTERVENTO DI SENSIBILIZZAZIONE VERSO LA DONAZIONE DEGLI ORGANI VIDEOCONFERENZA PER IL GIORNO DEL RICORDO AULA POLIVALENTE, 26/11/2014 AULA POLIVALENTE, 10/12/2014 ALBA, FONDAZ. FERRERO, 11/12/2014 MILANO, 18/12/2014 ALBA, SALA ORDET, 22/1/2015 AULA POLIVALENTE, 28/1/2015 LOCALI DELL ISTITUTO 10/2/2015 TUTTA LA CLASSE TUTTA LA CLASSE TUTTA LA CLASSE TUTTA LA CLASSE TUTTA LA CLASSE TUTTA LA CLASSE TUTTA LA CLASSE VIAGGIO D ISTRUZIONE BARCELLONA, 23-27/3/ ALLIEVI INCONTRO CON L ANTROPOLOGO A. FAVOLE AULA POLIVALENTE, 28/5/2015 TUTTA LA CLASSE L'INTERA CLASSE O I SINGOLI ALLIEVI HANNO INOLTRE PARTECIPATO AI SEGUENTI INCONTRI DI ORIENTAMENTO POST- DIPLOMA ORGANIZZATI DAL NOSTRO ISTITUTO: - Salone dell Orientamento, organizzato dal Comune di Alba, presso il Palazzo delle Mostre e dei Congressi nei giorni dal 24 al 27 febbraio 2015, con la presentazione delle offerte formative di varie Università del territorio (Torino, Piemonte Orientale, Genova, Pavia, Milano), accademie militari ed esperienze di professionisti in vari settori. Gli allievi hanno partecipato, a seconda degli interessi specifici, nei giorni 26 e 27.

7 3.3. INIZIATIVE COMPLEMENTARI E INTEGRATIVE CERTIFICAZIONI DI LINGUE STRANIERE PARTECIPAZIONE A SCHOOL LINK, VIAGGI - STUDIO ALL ESTERO, SCAMBI CULTURALI 3.4. ATTIVITÀ PROGRAMMATE PER IL PERIODO SUCCESSIVO AL 15 MAGGIO. Disciplina Religione Approfondimenti ATTIVITÀ PROGRAMMATE Italiano Verifiche orali, ripasso Latino Verifiche scritte e orali, ripasso Inglese Verifiche orali, ripasso, approfondimenti Scienze Umane Verifiche, approfondimenti, ripasso Filosofia Conclusione programma, verifiche Storia Conclusione programma, verifiche Matematica Fisica Storia dell Arte Verifiche scritte, orali e test (anche di recupero assenza); approfondimenti su argomenti indispensabili per affrontare gli studi dopo il diploma Verifiche scritte, orali e test (anche di recupero assenza); approfondimenti su argomenti indispensabili per affrontare gli studi dopo il diploma Approfondimenti sull arte del Novecento Scienze Sperimentali Verifiche, ripasso Educazione fisica Ripasso e simulazione colloquio d Esame 3.5 Tirocini e stages 3.6. Insegnamenti effettuati secondo la metodologia C.L.I.L. Il Collegio dei Docenti, all unanimità, nella seduta del 25 settembre 2014, in riferimento agli insegnamenti previsti dall attuale Ordinamento da effettuarsi secondo la metodologia C.L.I.L.. ha deliberato quanto segue:

8 1. La continuazione dei corsi CLIL nel Liceo Linguistico e l avvio degli stessi nelle classi quinte dei Licei delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. 2. Per quanto riguarda la percentuale oraria prevista ogni anno, ferma restando quella indicata dal Ministero dell Istruzione come traguardo finale futuro, appare più praticabile la seguente: Nelle materie con due ore settimanali una media di 1 ora al mese, per un totale annuale di 8 ore (10%) Nelle materie con tre o più ore settimanali una media di 1 ora al mese più due: totale 10 ore (10%). 3. Ogni consiglio di classe procede alla costituzione di una equipe CLIL composta da insegnante DNL, insegnante/i LL, Lettore madrelingua, eventuali docenti di sostegno disponibili e aventi titolo linguistico ad02 onde coordinare e concordare un percorso didattico CLIL (da trattare eventualmente anche in una piccola quota delle ore di lingua come supporto lessicale e terminologico) 4. Sono possibili ore di compresenza (minimo 1 sul totale previsto) con i lettori madrelingua o dove possibile, con i docenti LL o di sostegno aventi titolo linguistico 5. La organizzazione del calendario orario è gestita dai docenti DNL e non esclude possibilità di accorpare le ore costituendo un modulo orario continuo di 3 settimane 1 mese circa 6. Il lavoro prevede la possibilità di utilizzare strumenti informatici e LIM, didattica attiva, attività di ricerca dei ragazzi, attività laboratoriale o lavori di gruppo nelle varie classi. A tal fine si potrà accedere a piattaforme on line con contenuti e percorsi già costituiti per le varie discipline come Khan.academy.org/library. 7. La valutazione effettuata nella materia DNL dal docente DNL (con la possibile collaborazione del docente LL) sarà una, che a giudizio del docente potrà rientrare fra quelle previste per le valutazioni quadrimestrali oppure potrà essere aggiuntiva ad esse. In ogni caso tale valutazione sarà computata per la seconda parte dell anno scolastico. Sul registro personale sarà espressa con un voto a sé stante distinto dagli altri e qualificato come Valutazione esperienza CLIL ) 8. La struttura della prova è decisa dal docente DNL e tiene comunque conto di tutte le misure dispensative e compensative necessarie nel caso di DSA o BES. 9. Testo della delibera sarà inserito nei documenti del 15 maggio previsti per l Esame di Stato delle classi quinte.

9 Per la presente classe, nel corrente anno scolastico, è stato previsto il seguente insegnamento: Educazione fisica Apparato muscolo-scheletrico, respiratorio e cardio-vascolare Materia Argomento Lingua straniera inglese Staff C.L.I.L. Prof. F. Longo, Prof.ssa C. Sobrero Numero di ore 8 Modalità di verifica Domande a risposta aperta; quesito nella seconda Simulazione della Terza Prova La relazione dettagliata dell attività si trova allegata alla relazione finale del docente della materia non linguistica oggetto di lezioni secondo la metodologia C.L.I.L.

10 4. RELAZIONI DI PRESENTAZIONE ALL ESAME E PROGRAMMI DELLE SINGOLE DISCIPLINE. DISCIPLINA: RELIGIONE Insegnante: prof. Jasinska Dorota Anno scolastico: 2014/ 2015 PROGRAMMA SVOLTO 1. Introduzione 1.1 L idea di religione. 1.2 Parlare di religione nel mondo plurale (le religioni, la religione) 1.3 La fine della cristianità. 1.4 La negazione di Dio (ateismo, deismo, illusione) 2. Fede e oltremodernità 2.1 Per una fondazione antropologica della fede. 2.2 Educazione del desiderio e del Sogno (film: L ultimo sogno) 2.3 Il desiderio umane 2.4.Il sogno della vita (film: L attimo fuggente) 3. Rappresentazione mediatica della realtà. 3.1 Stimoli e modelli nel mondo digitale --- Pubblicità, Internet, TV, Social Networks, Communities 3.2 Il capriccio dell uomo post-morale. 3.3 L ossessione sterile della ricerca individualista. --- Le dipendenze, stili di vita e consumo La ricerca dell uomo (le domande fondamentali dell uomo) cercare le riposte; un bisogno spirituale (film: Fu sera fu mattina) 4. La ricerca spirituale 4.1 La ricerca del Vero (film: La vita di PI). 4.2 La ricerca del Bello ( fondazione estetica). 4.3 Ricomposizione del legame (antropol. strutturale) tra fede e ragione nella teologia del Novecento. 5. Il senso dell esperienza religiosa Religione e società 5.2 Religione, ideologia e cultura. 5.2 Religione e fondamentalismi. 5.3 Per un antropologia teologica. 6. L articolazione etica di Verità e Libertà. 6.1 Il darsi della Verità e la decisione esistenziale. 6.2 L opzione fondamentale della libertà cristiana. 7. Etica della vita. 7.1 Bioetica: origini e fondazione. 7.2 Principali posizioni etiche. 7.3 La tutela della vita debole: vita nascente, vita nello stadio terminale. Cellule staminali, fecondazione assistita. Aborto, eutanasia, eugenetica, clonazione. 7.4 I diritti umani (La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani) 7.5. L impegno per il bene comune. 8. Pace e guerra 8.1 Dimensione individuale (film: Gran Torino) 8.2 Dimensione sociale. 9. La fede e la scienza 9.1 Il caso Sindone: la ricerca scientifica, storica e geografica. 9.2 Il caso Sindone: il fenomeno religioso. Alba, 14 maggio 2015 L'INSEGNANTE LE RAPPRESENTANTI DI CLASSE

11 DISCIPLINA: ITALIANO Insegnante: prof. Raimondo Elisa Anno scolastico: 2014/ 2015 PROGRAMMA D ESAME Testi in adozione: - G. BALDI, S. GIUSSO, M. RAZETTI, G. ZACCARIA, Il piacere dei testi, Paravia, vol. Giacomo Leopardi, vol. 5 ( Dall età postunitaria al primo Novecento ) e vol. 6 ( Dal periodo tra le due guerre ai giorni nostri ); - D. ALIGHIERI; S. JACOMUZZI, A. DUGHERA, G. IOLI, V. JACOMUZZI, (a cura di), La Divina Commedia. Nuova edizione integrale, ed. SEI. Giacomo Leopardi - La vita - Il pensiero: la teoria del piacere e l infelicità dell uomo; la natura benigna e il pessimismo storico, la natura malvagia e il pessimismo cosmico; dal pessimismo a una nuova concezione della vita sociale e del progresso - La poetica del vago e indefinito : l infinito nell immaginazione, il bello poetico, antichi e moderni - Le opere I Canti: le canzoni, gli idilli, i grandi idilli del 28-30; la Ginestra e l idea leopardiana di progresso Dai Canti: L infinito Alla luna A Silvia Canto notturno di un pastore errante dell Asia La ginestra o il fiore del deserto (vv. 1-7, e ) Le Operette morali e l arido vero : il titolo, i temi, i protagonisti, le forme Dalle Operette morali: Dialogo della Natura e di un Islandese Dialogo di Plotino e di Porfirio L età postunitaria - Le ideologie: gli intellettuali di fronte alla modernizzazione; il Positivismo; il mito del progresso; nostalgia romantica e rigore veristico - Gli intellettuali: il conflitto fra intellettuale e società; la posizione sociale degli intellettuali - La questione della lingua: la necessità dell unificazione linguistica, la diffusione dell italiano e la lingua letteraria La Scapigliatura - L origine del termine, i principali esponenti e il contesto storico-geografico - La contestazione ideologica e stilistica degli scapigliati: la perdita dell aureola e la crisi del letterato tradizionale - La Scapigliatura come avanguardia mancata: principi ideologici e artistici Emilio Praga, Preludio: una dichiarazione manifesto della poetica scapigliata Igino Ugo Tarchetti, Fosca: caratteri generali e valore simbolico della protagonista Da Fosca: dai capp. XV, XXXII e XXXIII, L attrazione della morte Il Naturalismo francese e il Verismo italiano - I fondamenti teorici del Naturalismo e la poetica di Zola, il concetto di romanzo sperimentale - La poetica del Verismo italiano

12 Giovanni Verga - La vita - Le opere pre-veriste (cenni) - La svolta verista e la tecnica narrativa verista: la poetica dell impersonalità, l eclisse dell autore, il procedimento dello straniamento, l artificio della regressione - L ideologia verghiana: il «diritto di giudicare» e il pessimismo; il valore conoscitivo e critico del pessimismo - Il Verismo di Verga e il Naturalismo zoliano: le diverse tecniche narrative, le diverse ideologie - Lettera a Salvatore Farina, Impersonalità e regressione (da L amante di Gramigna, Prefazione) - Le raccolte di novelle Vita dei campi e Novelle rusticane: temi e stile Da Vita dei campi: Rosso Malpelo Fantasticheria (l ideale dell ostrica ) Da Novelle rusticane: La roba - I romanzi: il ciclo dei «Vinti»: il progetto e i romanzi che lo compongono; la «fiumana del progresso» I Malavoglia: il titolo e la composizione, la struttura dell intreccio; l irruzione della storia, modernità e tradizione; il superamento dell idealizzazione romantica del mondo rurale; la costruzione bipolare del romanzo. Lettura integrale, con particolare attenzione per la Prefazione e per gli altri passi antologizzati Mastro-don Gesualdo: il significato del titolo, le caratteristiche del protagonista e l impianto narrativo; l interiorizzarsi del conflitto valori vs. economicità; la critica alla «religione della roba» Da Mastro-don Gesualdo: La morte di mastro-don Gesualdo [IV, cap. V] - L ultimo Verga e l interruzione del ciclo dei «Vinti» Il Decadentismo - L origine del termine Decadentismo - La visione del mondo decadente: il mistero e le «corrispondenze»; gli strumenti irrazionali del conoscere - La poetica del Decadentismo: l estetismo; il simbolismo, l oscurità del linguaggio e il valore suggestivomagico della parola; le tecniche espressive; il linguaggio analogico e la sinestesia - Temi e miti della letteratura decadente Giovanni Pascoli - La vita e il «nido» familiare - La visione simbolica del mondo - La poetica del «fanciullino» Da Il fanciullino: Una poetica decadente (passo antologizzato) - L ideologia politica: il discorso di Barga La grande Proletaria si è mossa (cenni) - I temi della poesia pascoliana: il «fanciullino», il «nido», i morti - Le soluzioni formali: la sintassi, il lessico, gli aspetti fonici, la metrica, le figure retoriche ricorrenti. - Le raccolte poetiche: Myricae: il significato del titolo; la poetica: il simbolismo impressionistico Da Myricae: Lavandare X Agosto L assiuolo Novembre Temporale Il lampo Il tuono Canti di Castelvecchio: continuità con Myricae e caratteri generali

13 Da Canti di Castelvecchio: Il gelsomino notturno Poemetti: caratteri generali e cenni a Italy (come esempio di sperimentalismo linguistico) Poemi conviviali: caratteri generali, clima estetizzante, rapporto tra mondo antico e sensibilità moderna; cenni a L ultimo viaggio e ad Alexandros Gabriele d Annunzio - La vita, l esteta e il superuomo - Ideologia e poetica (appunti) - Fasi del pensiero e della produzione di D Annunzio: fase del vitalismo e del panismo giovanile; fase dell estetismo e dell edonismo; fase della bontà e della conversione; fase del superomismo e del panismo; fase del Notturno (appunti) - I romanzi: Il piacere, il romanzo dell estetismo decadente e della crisi dell estetismo Da Il piacere: Un ritratto allo specchio: Andrea Sperelli ed Elena Muti [Libro III, cap. II] I romanzi del superuomo: solo caratteri generali. Il trionfo della morte, il superuomo e l inetto, la donna come Nemica ; Le vergini delle rocce, il manifesto politico del superuomo; Il fuoco, il manifesto letterario del superuomo; Forse che sì forse che no e la celebrazione della modernità - Le Laudi: il progetto dei sette libri e le caratteristiche generali della raccolta. Alcyone: struttura e temi Da Alcyone: La pioggia nel pineto I pastori - Il periodo notturno : riferimenti biografici e occasione di composizione del Notturno; l «esplorazione d ombra» e il frammentismo; stile della prosa del Notturno Il primo Novecento - Industrializzazione, emigrazione: conseguenze a livello linguistico e culturale - La questione della lingua: il ruolo della scuola, della stampa, della burocrazia e del servizio militare nella diffusione e nelle trasformazioni all interno dell italiano - Il concetto di avanguardia e le caratteristiche generali dei movimenti di avanguardia Il Futurismo: le origini e i caratteri del movimento; le innovazioni formali e i manifesti - Filippo Tommaso Marinetti: Manifesto del Futurismo (1909) e Manifesto tecnico della letteratura futurista (1912) Il Crepuscolarismo: origine del nome, geografia degli autori (Gozzano, cenni a Corazzini e Moretti), tematiche e modelli - Guido Gozzano e la vergogna della poesia Dai Colloqui: La signorina Felicita ovvero la felicità [strofe I, III, VI] Luigi Pirandello - La vita - La visione del mondo: vitalismo, disgregazione dell identità individuale, trappola della vita sociale, rifiuto della socialità, relativismo conoscitivo; i concetti di persona / personaggio, vita / forma - La poetica dell umorismo: avvertimento del contrario e sentimento del contrario Dal saggio L umorismo: Un arte che scompone il reale (passi antologizzati: differenza fra umorismo e comicità con l esempio della vecchia signora imbellettata ; vita e forme; arte epica vs. arte umoristica)

14 - Le novelle: caratteri generali, sistemazione del corpus novellistico e assenza di un ordine; novelle siciliane, piccolo borghesi, surreali Da Novelle per un anno: Ciàula scopre la luna Il treno ha fischiato C'è qualcuno che ride - I romanzi: Il fu Mattia Pascal: la vicenda, l impianto narrativo, le caratteristiche e gli errori del protagonista, il richiamo della trappola e l impossibilità di ritornare nella vecchia forma. Lettura integrale, con particolare attenzione per i passi antologizzati Lo «strappo nel cielo di carta» [dal cap. XII] e La «lanterninosofia» [dal cap. XIII] Quaderni di Serafino Gubbio operatore: caratteri generali, la repulsione nei confronti della macchina e la critica alla mercificazione Uno, nessuno e centomila: la vicenda, le caratteristiche del protagonista e l orrore per la prigione delle forme, il rifiuto definitivo dell identità personale. Lettura del passo antologizzato Nessun nome (conclusione del romanzo) - Il teatro: gli esordi e la fase del grottesco, il teatro nel teatro ; la fase dei miti teatrali (appunti forniti in fotocopia). Così è (se vi pare): la vicenda, in relazione con la novella La Signora Frola e il Signor Ponza suo genero; lettura della conclusione [atto III, scena 9 a, in fotocopia]. La classe ha inoltre assistito alla drammatizzazione della novella in occasione dello spettacolo teatrale Finzioni: il teatro del 900 tra rappresentazione, maschera e travestimento, a cura della Compagnia Italiana di Prosa di Genova. Il giuoco delle parti: l argomento; lettura della conclusione [atto III, scene 3 a e 4 a ] Sei personaggi in cerca d autore: la vicenda e i personaggi; l impossibilità di scrivere il dramma dei personaggi e l impossibilità di rappresentarlo; lettura della scena relativa all irruzione sul palco dei Sei Personaggi (in fotocopia) Enrico IV: la vicenda e il tema della follia come estraneità; lettura della scena finale del dramma [Atto III] I giganti della montagna (solo cenni) Italo Svevo - La vita e la triestinità - La fisionomia intellettuale e la cultura di Svevo - Caratteri generali dei romanzi sveviani, la figura dell inetto - Una vita: la vicenda e l impostazione narrativa; l inetto e il suo antagonista Da Una vita: Le ali del gabbiano [dal cap. VIII] - Senilità: la vicenda e l impostazione narrativa; le caratteristiche del protagonista; un quadrilatero perfetto di personaggi - La coscienza di Zeno: il nuovo impianto narrativo; il tempo misto ; le vicende; le caratteristiche e l inattendibilità del protagonista e dei narratori; la funzione critica di Zeno; l inettitudine e l apertura al mondo. Lettura dei passi antologizzati La morte del padre [dal cap. IV], La scelta della moglie e dell antagonista [dal cap. V], La salute malata di Augusta [dal cap. VI], La morte dell antagonista [dal cap. VII], Psico-analisi [dal cap. VIII], La profezia di un apocalisse cosmica [dal cap. VIII]. Tra le due guerre - Tra gli Anni 20 e gli Anni 30 del Novecento: le comunicazioni di massa, l organizzazione della cultura, il ruolo e le scelte degli intellettuali (appunti) - La poesia italiana tra Simbolismo e Antinovecentismo: Ungaretti, Saba e Montale - L Ermetismo: caratteri generali (appunti)

15 S. Quasimodo, Ed è subito sera, come esempio di lirica ermetica Giuseppe Ungaretti - La vita, la formazione, la poetica e il culto della parola - L allegria: composizione e vicende editoriali; la poesia come illuminazione, i temi, lo stile e la metrica Da L allegria: Il porto sepolto Veglia San Martino del Carso Natale Mattina Soldati - Sentimento del tempo: caratteri generali, recupero delle forme tradizionali - Il dolore: caratteri generali Da Il dolore: Non gridate più Umberto Saba - La vita, con particolare attenzione per le origini familiari e l infanzia - Il Canzoniere: il titolo e il richiamo alla tradizione; la struttura; la poetica dell onestà ; i temi principali; le caratteristiche formali e la linea antinovecentista Da Il Canzoniere: Mio padre è stato per me «l assassino» Amai Trieste Mia figlia (dalle Tre poesie alla mia balia, I) Ulisse La capra Eugenio Montale - La vita e le fasi della produzione poetica - Il primo Montale e Ossi di seppia: il titolo e il motivo dell aridità, la poetica, gli emblemi della natura, il «male di vivere» e la poesia come conoscenza in negativo. Da Ossi di seppia: Meriggiare pallido e assorto Non chiederci la parola Spesso il male di vivere ho incontrato - Il secondo Montale e Le Occasioni: il titolo; la poetica degli oggetti, la donna salvifica e il tema della memoria Da Occasioni: Non recidere, forbice, quel volto - Il terzo Montale e La bufera e altro: caratteri generali - Il quarto Montale e Satura: il titolo; la polemica con il presente; la figura femminile negli Xenia Da Satura Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale Dante, Divina Commedia: Il Paradiso e alcuni percorsi tematici trasversali alle tre cantiche: - la composizione, la struttura, i principali temi e lo stile del Paradiso;

16 - la figura di Piccarda Donati (Par. III, ), inserita nel percorso Tre figure femminili con Francesca da Rimini (Inf. V, ) e Pia de Tolomei (Purg. V, ); - la vicenda dell aquila imperiale (Par. VI, 1 33 e ), inserita nel percorso I canti politici con le divisioni a Firenze (Inf. VI, 7 75) e la decadenza dell Italia (Purg. VI, ); - la figura di San Francesco (Par. XI, ), inserita nel percorso Tre figure esemplari con Ulisse (Inf. XXVI, ) e Catone Uticense (Purg. I, 28 75); - Cacciaguida e la profezia dell esilio di Dante (Par. XVII, 55-69); - la preghiera di San Bernardo alla Vergine (Par. XXXIII, 1 39) e la conclusione dell opera. Alba, 14 maggio 2015 L'INSEGNANTE LE RAPPRESENTANTI DI CLASSE

17 DISCIPLINA: LATINO Insegnante: prof. Raimondo Elisa Anno scolastico: 2014/ 2015 PROGRAMMA D ESAME Testo in adozione: G. GARBARINO, L. PASQUARIELLO, Colores. Cultura e letteratura latina, testi, percorsi tematici, Paravia, vol. 3 ( Dalla prima età imperiale ai regni romano-barbarici ) L età giulio-claudia - La vita culturale nell età giulio-claudia: caratteri generali Seneca - La vita: le origini, l impegno politico, l esilio, l esercizio del potere accanto al giovane Nerone, il secessus, la morte per ordine di Nerone - I Dialŏgi: caratteristiche della raccolta e impostazione; dialoghi di genere consolatorio; dialoghi-trattati Il De brevitate vitae e la riflessione sul valore tempo Dal De brevitate vitae: La vita è davvero breve? [1, 1-4 in latino] Il valore del passato [10, 2 in latino; 3-5 in italiano] La galleria degli occupati [12, 1-7 in italiano] Il De ira e la condanna delle passioni Dal De ira: L ira [I, 1, 1-4 in italiano] - I trattati: impostazione dialogica e argomentativa; temi principali - Le Epistulae ad Lucilium: caratteri generali della raccolta, il rapporto tra Seneca e Lucilio, i contenuti: l otium, il secessus e la ricerca della virtù, il tempo e la morte Dalle Epistulae ad Lucilium: Riappropriarsi di sé e del proprio tempo [1, 1-2 in latino; 3-5 in italiano] Il dovere della solidarietà [95, in italiano] Gli schiavi [47, 1-4; in italiano] - Lo stile della prosa senecana: la ricerca della persuasione e del coinvolgimento emotivo, l organizzazione sintattica, le sententiae - Le tragedie: caratteristiche generali; razionalità e furor; intento pedagogico e morale - L Apokolokýntosis: interpretazione del titolo, caratteristiche e contenuto generale dell opera Lucano e l epica - La vita: le origini, l ammissione nell entourage di Nerone, la rottura con l imperatore, la partecipazione alla congiura anti-neroniana e la condanna a morte - Il Bellum civile: il titolo, le caratteristiche e lo stile dell epos di Lucano, l anti-virgilio ; i personaggi: Cesare, Pompeo, Catone e la loro caratterizzazione Dal Bellum civile: I ritratti di Pompeo e di Cesare [I, vv in italiano] Persio e la satira - Cenni biografici - La poetica: il verum come fine della poesia, la satira come medicina di una società malata; caratteri generali delle Satire - Forma e stile: la iunctura acris Petronio - La vita: dalla corte di Nerone alla condanna a morte per volere del principe

18 - Il Satyricon: struttura e contenuti generali dell opera; la questione del genere letterario, tra romanzo, satira menippea e novella milesia; il realismo comico; il plurilinguismo dei personaggi Dal Satyricon: Trimalchione entra in scena [32-33 in italiano] I commensali di Trimalchione [41, 9-12; 42, 1-7 in italiano] Il testamento di Trimalchione [71, 1-8; in italiano] Il lupo mannaro [61, 6-9; 62, 1-10 in italiano] La matrona di Efeso [110, in italiano] Dall età dei Flavi al principato di Adriano - La vita culturale sotto i Flavi, tra promozione e controllo delle lettere e delle arti; il principato adottivo e la cultura nel II secolo Quintiliano - La vita: le origini, l attività di insegnamento e la stesura dell Institutio oratoria - L Institutio oratoria: l importanza dell educazione; la decadenza dell oratoria e la mutata funzione dell oratore Dall Institutio oratoria: Vantaggi dell insegnamento collettivo [I, 2, in italiano] L importanza della ricreazione [I, 3, 8-12 in italiano] Un excursus di storia letteraria [X, 1, 85-88; 90; 93-94; ; ; 112 in italiano] Tacito - La vita: le origini, la carriera politica, l attività letteraria - Il pensiero e il metodo storiografico; lo stile - L Agricola: la struttura e i contenuti; la figura del protagonista, la polemica contro i martiri stoici Dall Agricola: Il discorso di Càlgaco: ubi solitudinem faciunt pacem appellant [30-31,3 in italiano] - La Germania: il genere etnografico e l argomento; l atteggiamento dello scrittore nel confronto Romani vs. Germani Dalla Germania: Purezza razziale e aspetto fisico dei Germani [4, 1 in latino] Le risorse naturali e il denaro [5, 1-3 in italiano] La famiglia [18-19 in italiano] - Le Historiae e gli Annales: i contenuti generali; la prassi storiografica e la visione del mondo dell autore: decadenza della classe dirigente romana e principato come male inevitabile Dalle Historiae: Il punto di vista dei Romani: il discorso di Petilio Ceriale [IV, in italiano] Dagli Annales: Il proemio [I, 1 in latino] Nerone e l incendio di Roma [XV, in italiano] La persecuzione dei cristiani [XV, 44, 2-5 in italiano] Dall età degli Antonini ai regni romano-barbarici - Il contesto storico-culturale: il II secolo d.c. come saeculum aureum, la crisi del III secolo, l impero cristiano, la fine dell impero romano d Occidente, le origini della letteratura cristiana in latino Apuleio - La vita: le origini, la personalità e gli interessi, il processo per magia - Il De magia o Apologĭa: la confutazione dell accusa di magia - Le Metamorfosi: il genere romanzo, il titolo e la trama, le caratteristiche del protagonista; la fabula di Amore e Psiche come reduplicazione della trama principale; lo stile Dalle Metamorfosi:

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO

PROGRAMMA DI ITALIANO LICEO SCIENTIFICO "A. EINSTEIN" ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE V C Prof. Paolo Albergati PROGRAMMA DI ITALIANO Testo in adozione: G. Baldi, S. Giusso, M. Razetti, G. Zaccaria, La letteratura, Paravia,

Dettagli

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Docente: Nicoletta Antolini MODULO N. 1 (ritratto d autore) - ALESSANDRO MANZONI 1. ALESSANDRO MANZONI La vita Le opere: caratteri generali

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, Il piacere dei testi, vol. 5 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volume

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5CSC Indirizzo:

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, La letteratura, vol. 4 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volumi 5 e 6

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE Via Domenico Rossetti, 74 XVII Distretto Tel.: 040390202 Fax: 0409383360 e-mail: scrivici@liceopetrarcats.it Anno Scolastico 2010-2011 RELAZIONE

Dettagli

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta Anno scolastico 2013-14 classe V sez..a Prof. A. Rogai Programma di Italiano Modulo I: Tra Positivismo e Naturalismo Il Positivismo: un nuovo indirizzo di pensiero Il Naturalismo:

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F LICEO SCIENTIFICO STATALE G. CASTELNUOVO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F Testi adottati: Corrado Bologna, Paola Rocchi, Rosa fresca aulentissima, ed.loescher (vol.4-5-6)

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B

PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B LICEO SCIENTIFICO STATALE PIETRO SETTE SANTERAMO IN COLLE A.S. 2011/12 PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B Libri di testo adottati: R. Luperini - P. Cataldi - L. Marchiani - F. Marchese, La

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI Disciplina: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Prof.ssa Giuseppina Gambin Anno Scolastico 2008/2009 PERCORSI FORMATIVI

Dettagli

PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO DAL DOCENTE

PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO DAL DOCENTE Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto d Istruzione Superiore Severi-Correnti IIS Severi-Correnti 02-318112/1 via Alcuino 4-20149 Milano 02-33100578 codice fiscale 97504620150

Dettagli

Secondo biennio: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2015/16

Secondo biennio: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2015/16 1 Secondo biennio: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2015/16 Premessa: di seguito vengono presentate le competenze e i contenuti di riferimento per Lingua e letteratura italiana. Le competenze e i contenuti

Dettagli

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA RELIGIONE CATTOLICA L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei percorsi scolastici il valore della cultura religiosa e il contributo che i principi del cattolicesimo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2013/2014 CLASSI 5 Liceo Scientifico-tecnologico

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2013/2014 CLASSI 5 Liceo Scientifico-tecnologico ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSI 5 -tecnologico pag. 1 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2013/2014 CLASSI 5 -tecnologico DISCIPLINA: LINGUA STRANIERA

Dettagli

Bündner Kantonsschule Scola chantunala grischuna Scuola cantonale grigione. 1. Dotazione ore

Bündner Kantonsschule Scola chantunala grischuna Scuola cantonale grigione. 1. Dotazione ore Italiano prima lingua 1. Dotazione ore 4 H 5H 6H Materia fondamentale 4 4 4 2. Considerazioni didattiche e obiettivi di formazione generali secondo il PQ MP 12 L insegnamento della prima lingua nazionale

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato PREMESSA Anche quest anno la programmazione risulterà aderente ai

Dettagli

LICEO STATALE ERASMO DA ROTTERDAM

LICEO STATALE ERASMO DA ROTTERDAM LICEO STATALE ERASMO DA ROTTERDAM sede mezzi di trasporto accessibilità studenti disabili presentazione scuola Sede Centrale: viale Italia, 409 tel. 02/2428129 Sesto San Giovanni Succursale Via Livorno

Dettagli

PROGRAMMA DI SCIENZE UMANE - OPZIONE ECONOMICO SOCIALE MONOENNIO CLASSE QUINTA

PROGRAMMA DI SCIENZE UMANE - OPZIONE ECONOMICO SOCIALE MONOENNIO CLASSE QUINTA PROGRAMMA DI SCIENZE UMANE - OPZIONE ECONOMICO SOCIALE MONOENNIO CLASSE QUINTA LINEE GENERALI E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente si orienta con i linguaggi propri della cultura nelle

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A LICEO SCIENTIFICO STATALE "Donato Bramante" Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) MPI: MIPS25000Q - Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97290566 Sito: www.liceobramante.gov.it - E-mail: mips25000qistruzione.it

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione: Liceo T.L.Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA CLASSE IV BSO Insegnante:Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO FINALITA GENERALI L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei

Dettagli

LICEO GIOLITTI-GANDINO BRA

LICEO GIOLITTI-GANDINO BRA INDIRIZZI SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE LINGUISTICO CLASSICO SCIENZE UMANE NUOVO INDIRIZZO Dirigente: SCARFÌ prof.ssa Francesca www.liceidibra.com segreteria@pec.liceidibra.com LE RADICI DEL TUO FUTURO

Dettagli

Via delle Rimembranze n 26, 40068 San Lazzaro(BO) Telefono: 051/464510 051/464545 051/464574 Fax: 051/452735 E-mail: iis@istitutomattei.bo.

Via delle Rimembranze n 26, 40068 San Lazzaro(BO) Telefono: 051/464510 051/464545 051/464574 Fax: 051/452735 E-mail: iis@istitutomattei.bo. Via delle Rimembranze n 26, 40068 San Lazzaro(BO) Telefono: 051/464510 051/464545 051/464574 Fax: 051/452735 E-mail: iis@istitutomattei.bo.it Sito: www.istitutomattei.it INDICE Chi siamo Profilo culturale,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INGLESE ANNO 2014-15

PROGRAMMAZIONE INGLESE ANNO 2014-15 LICEO CLASSICO/SCIENTIFICO G. SPINELLI PROGRAMMAZIONE INGLESE ANNO 2014-15 PROF.SSA AMENDOLAGINE ORIANA QUINTO ANNO Ac 1. COMPETENZE DISCIPLINARI LINGUA 1_ Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative

Dettagli

PROGRAMMA A.S. 2012/2013

PROGRAMMA A.S. 2012/2013 Istituto Tecnico Commerciale Statale Giuseppe Ginanni Via Carducci, 11, 48121 Ravenna Percorsi di studio: - Amministrazione Finanza e Marketing - Sistemi informativi aziendali - Turismo - Relazioni internazionali

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO 3-VICENZA DIPARTIMENTO DI RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazio ne nella madre lingua COMPETENZE SPECIFICHE Conoscere il

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO

LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO Finalità generali La consapevolezza della propria identità culturale attraverso il recupero di radici e archetipi che trovano nel mondo greco e romano le loro

Dettagli

Programma di italiano svolto nella classe II AE Anno scolastico 2014/2015

Programma di italiano svolto nella classe II AE Anno scolastico 2014/2015 Programma di italiano svolto nella classe II AE Anno scolastico 2014/2015 Revisione generale del sistema verbale. Individuazione e descrizione di strutture sintattiche ( analisi logica della proposizione).

Dettagli

-Virginia Evans,FCE Use of English,Express Publishing

-Virginia Evans,FCE Use of English,Express Publishing ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE 5 SEZ. B. INDIRIZZO ling. PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. Cristina Conti Lingua Inglese - Spiazzi-Tavella, ONLY CONNECT-New directions, Vol.2-3

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

LICEO ANTONIO ROSMINI TRENTO. Indirizzi: LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE (L.E.S.)

LICEO ANTONIO ROSMINI TRENTO. Indirizzi: LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE (L.E.S.) LICEO ANTONIO ROSMINI TRENTO Indirizzi: LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE (L.E.S.) Chi siamo? È questa la tua scuola? La nostra scuola c è dal 1870. Prima come Istituto Magistrale, poi

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. Progettazioni didattiche disciplinari per gli alunni della classe II Disciplina: STORIA

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. Progettazioni didattiche disciplinari per gli alunni della classe II Disciplina: STORIA UNITÀ DI APPRENDIMENTO n 1 UNA NUOVA VISIONE DEL MONDO Durata prevista: SETTEMBRE - OTTOBRE Individuare e definire i caratteri fondamentali del nuovo periodo storico che ha inizio con l Umanesimo Cogliere

Dettagli

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA PROGRAMMAZIONE a.s. 2014 2015 MATERIA : ITALIANO CLASSE IV E Prof.ssa Gigliotti Ginestra ARGOMENTO I: IL SECOLO DEL BAROCCO: G.B. MARINO P. Calderon de La BARCA TOMMASO CAMPANELLA

Dettagli

LICEO LINGUISTICO STATALE

LICEO LINGUISTICO STATALE LICEO STATALE SCIENTIFICO - LINGUISTICO - CLASSICO GALILEO GALILEI - LEGNANO PdQ - 7.06 Ediz.: 1 Rev.: 0 Data 02/09/05 Alleg.: D01 PROG. M2 PROCEDURA della QUALITA' Programma Didattico Annuale Anno Scolastico

Dettagli

Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13

Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13 Liceo Scientifico di Stato G. BATTAGLINI 74100 TARANTO C.so Umberto I,106 Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13 Testo in adozione: Abbagnano Fornero La ricerca del pensiero, 2B, Paravia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO Via Dei Donoratico 0911 CAGLIARI c.f.80010550921 Tel.070/41917-Fax 070/42482 e-mail: caps04000l@istruzione.it - sito web: www.liceomichelangelo.it PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Corso di Laurea Triennale in Lettere. Anno Accademico 2009/2010

Corso di Laurea Triennale in Lettere. Anno Accademico 2009/2010 SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di Laurea Triennale in Lettere Anno Accademico 2009/2010 Docente: Caterina Verbaro email: caterina.verbaro@unina2.it Titolo

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE CONTENUTI DISCIPLINARI

DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE CONTENUTI DISCIPLINARI DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE CONTENUTI DISCIPLINARI CLASSE 5A DIRITTO Mese Argomento Libro di testo Diritto Pubblico Lo Stato e la Costituzione Settembre Dicembre Introduzione allo Stato: gli elementi

Dettagli

CONTENUTI DISCIPLINARI E TEMPI DI REALIZZAZIONE ESPOSTI PER:

CONTENUTI DISCIPLINARI E TEMPI DI REALIZZAZIONE ESPOSTI PER: PROGRAMMA FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ALLEGATO 10 Docente: BERTI MARINA Materia: INGLESE Classe: 2^L In relazione alla programmazione curricolare è stato svolto il seguente programma:

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE VITRUVIO POLLIONE FORMIA. a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO ANNUALE STORIA E GEOGRAFIA. Docente : Giuliano Maria

LICEO CLASSICO STATALE VITRUVIO POLLIONE FORMIA. a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO ANNUALE STORIA E GEOGRAFIA. Docente : Giuliano Maria LICEO CLASSICO STATALE VITRUVIO POLLIONE FORMIA a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO ANNUALE STORIA E GEOGRAFIA Classe V sez. C Docente : Giuliano Maria Per gli OBIETTIVI GENERALI e la VALUTAZIONE, si fa riferimento

Dettagli

UU. D. A. Classe 3^ A.S.2014/15

UU. D. A. Classe 3^ A.S.2014/15 PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE ITALIANO - Anno Scolastico 2014 2015 CLASSE 3^ Conoscenze Lingua Radici storiche ed evoluzione della lingua italiana dal Medioevo al sec. XVII Lingua letteraria e linguaggi della

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.Galilei www.istitutocomprensivosgt.it CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE : 5 anni SCUOLA INFANZIA Consapevolezza ed espressione culturale / imparare a imparare.

Dettagli

FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA PIANO DEGLI STUDI CORSI DI LAUREA TRIENNALI CORSI DI LAUREA MAGISTRALI A.A. 2011/2012

FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA PIANO DEGLI STUDI CORSI DI LAUREA TRIENNALI CORSI DI LAUREA MAGISTRALI A.A. 2011/2012 FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA PIANO DEGLI STUDI CORSI DI LAUREA TRIENNALI E CORSI DI LAUREA MAGISTRALI A.A. 2011/20 LETTERE...3 BENI ARTISTICI E DELLO SPETTACOLO...5 CIVILTA E LINGUE STRANIERE MODERNE...5

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015 Prof.ssa Roberta Tadini Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano ASCOLTARE IN MODO ATTIVO E PARTECIPE. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

Liceo Russell. Investire in cultura conviene. Liceo Bertrand Russell Via IV Novembre 35 Cles (Tn)

Liceo Russell. Investire in cultura conviene. Liceo Bertrand Russell Via IV Novembre 35 Cles (Tn) Liceo Russell. Investire in cultura conviene Liceo Bertrand Russell Via IV Novembre 35 Cles (Tn) Il profilo e l identità culturale del liceo contemporaneo rispondono alle esigenze di un presente sempre

Dettagli

LICEO STATALE. Olgiate comasco

LICEO STATALE. Olgiate comasco LICEO STATALE Olgiate comasco LICEO STATALE G. TERRAGNI Il Liceo Terragni di Olgiate Comasco è autonomo dal 1987 ed è l unica scuola superiore autonoma dell intera area sud-occidentale della provincia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: Italiano PROFESSORE: SCUDERI MARIA CLASSE: III D - Turismo A.S.: 2015/2016 DATA: 28\10\2015 SOMMARIO 1.

Dettagli

Le proposte dal 2010-2011. Liceo Scientifico, Liceo Classico, Liceo Linguistico.

Le proposte dal 2010-2011. Liceo Scientifico, Liceo Classico, Liceo Linguistico. Le proposte dal 2010-2011 Il Liceo Galilei attua la Riforma Gelmini, varata il 4 febbraio 2010, avvalendosi di un esperienza didattica e formativa maturata negli anni e supportata da un attento piano di

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Ketti Demo Disciplina Storia Classe II Sezione A n. alunni 23 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

Istituto Albert di Lanzo

Istituto Albert di Lanzo Istituto Albert di Lanzo Profilo Quadro orario Prospettive di studio e occupazionali www.istituto-albert.it Profilo del Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, dovranno: aver acquisito le conoscenze

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

PROGRAMMAZIONE I.R.C. PREMESSA

PROGRAMMAZIONE I.R.C. PREMESSA PROGRAMMAZIONE I.R.C. PREMESSA L IRC fa sì che gli alunni riflettano e si interroghino sul senso della loro esperienza per elaborare ed esprimere un progetto di vita, che si integri nel mondo reale in

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI FONDAZIONE MALAVASI Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: STORIA DOCENTE: Luna Martelli CLASSE IV SEZ. ITTL A.S.2015 /2016 1. OBIETTIVI E COMPETENZE

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

ITALIANO / STORIA CITTADINANZA E COSTITUZIONE / GEOGRAFIA

ITALIANO / STORIA CITTADINANZA E COSTITUZIONE / GEOGRAFIA G. CAVADI / V. GUANCI / C. PELIGRA / A.TORRISI ITALIANO / STORIA CITTADINANZA E COSTITUZIONE / GEOGRAFIA PERCORSI DISCIPLINARI E DIDATTICI PER LA PREPARAZIONE ALLA PROVA SCRITTA E ORALE DELL AMBITO DISCIPLINARE

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI RELIGIONE hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw CATTOLICA ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj

Dettagli

Università degli Studi di Pavia C.so Strada Nuova, 65 - Pavia www.unipv.eu FULLPRINT

Università degli Studi di Pavia C.so Strada Nuova, 65 - Pavia www.unipv.eu FULLPRINT Università degli Studi di Pavia C.so Strada Nuova, 65 - Pavia www.unipv.eu FULLPRINT Comunicazione, Innovazione, Multimedialità (CIM) COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE CORSO DI LAUREA CIM - Comunicazione, innovazione,

Dettagli

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (1) ITALIANO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri; con ciò

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO Indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING LINGUA E LETTERATURA ITALIANA DOCENTE GIULIANA PESCA

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

PROFILO CULTURALE EDUCATIVO E PROFESSIONALE DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE, OPZIONE ECONOMICO- SOCIALE

PROFILO CULTURALE EDUCATIVO E PROFESSIONALE DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE, OPZIONE ECONOMICO- SOCIALE Via Bisceglie s.n.c. 76123 - Andria (BT) PROFILO CULTURALE EDUCATIVO E PROFESSIONALE DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE, OPZIONE ECONOMICO- SOCIALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 elaborato secondo le indicazioni

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO DISCIPLINARE CLASSE PRIMA

UNITÀ DI APPRENDIMENTO DISCIPLINARE CLASSE PRIMA UNITÀ DI APPRENDIMENTO DISCIPLINARE CLASSE PRIMA UA 1. VIAGGIANDO NEL FANTASTICO 1. Conosce le caratteristiche di un testo narrativo 2. Conosce alcune tipologie (favola, leggenda,fiaba, filastrocca) e

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il primo ciclo di istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado.

SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il primo ciclo di istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado. c) Compilazione del quadro sintetico riassuntivo d) Analisi dei dati a cura dei docenti e Funzione Strumentale e individuazione degli alunni a rischio e) Valutazione approfondita alunni a rischio entro

Dettagli

Liceo Artistico Statale Giulio Carlo Argan -III Istituto Statale D Arte. Piazza dei Decemviri, 12 00175 Roma. Via Ferrini, 61 00175 Roma

Liceo Artistico Statale Giulio Carlo Argan -III Istituto Statale D Arte. Piazza dei Decemviri, 12 00175 Roma. Via Ferrini, 61 00175 Roma Liceo Artistico Statale Giulio Carlo Argan -III Istituto Statale D Arte Piazza dei Decemviri, 12 00175 Roma Via Ferrini, 61 00175 Roma SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER SINGOLA DISCIPLINA Anno scolastico

Dettagli

Lingua e letteratura italiana

Lingua e letteratura italiana Lingua e letteratura italiana 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Lingua e letteratura italiana 119 119 119 119 119 Premessa generale La lingua italiana, nel percorso dell obbligo di istruzione riferito

Dettagli

Le attività lavorative tra passato e presente. Guida per l insegnante

Le attività lavorative tra passato e presente. Guida per l insegnante Obiettivi educativi generali Compito di esplorazione - Dare risposte originali. - Essere capace di produrre molte idee. Le attività lavorative tra passato e presente Guida per l insegnante L attività si

Dettagli

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. CLASSE: I SEZIONE: A e B MATERIA: Storia e Geografia

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. CLASSE: I SEZIONE: A e B MATERIA: Storia e Geografia Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014 CLASSE: I SEZIONE: A e B MATERIA: Storia e Geografia SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI: nr. 2 moduli di storia nr. 2 moduli di geografia

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Pio Paschini" LICEO SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO G. Marchi - Tolmezzo a.s 2014-2015 Agostinis Luigina

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Pio Paschini LICEO SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO G. Marchi - Tolmezzo a.s 2014-2015 Agostinis Luigina ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Pio Paschini" LICEO SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO G. Marchi - Tolmezzo a.s 2014-2015 Agostinis Luigina PROGRAMMI SVOLTI - CLASSE 5^ SU Nel corrente a.s sono stati sviluppati

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

LETTERATURA ITALIANA OTTOCENTO e NOVECENTO per le scuole secondarie superiori per l Esame di Stato

LETTERATURA ITALIANA OTTOCENTO e NOVECENTO per le scuole secondarie superiori per l Esame di Stato LETTERATURA ITALIANA OTTOCENTO e NOVECENTO Con test di verifica del grado di preparazione raggiunto STORIA del NOVECENTO Con test di verifica del grado di preparazione raggiunto LETTERATURA ITALIANA OTTOCENTO

Dettagli

Liceo Scientifico Galileo Galilei - Siena A.S. 2015-2016. Classi III B III E Docente Chiara Agostini Materia Filosofia. Piano di lavoro.

Liceo Scientifico Galileo Galilei - Siena A.S. 2015-2016. Classi III B III E Docente Chiara Agostini Materia Filosofia. Piano di lavoro. Liceo Scientifico Galileo Galilei - Siena A.S. 2015-2016 Classi III B III E Docente Chiara Agostini Materia Filosofia Piano di lavoro Settembre La nascita della filosofia : il contesto storico-culturale

Dettagli

un luogo per crescere! ISTITUTO TECNICO indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA e MARKETING Articolazioni dal terzo anno SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

un luogo per crescere! ISTITUTO TECNICO indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA e MARKETING Articolazioni dal terzo anno SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI 1 un luogo per crescere! ISTITUTO TECNICO indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA e MARKETING Articolazioni dal terzo anno AMMINISTRAZIONE FINANZA e MARKETING RELAZIONI INTERNAZIONALI per il MARKETING SISTEMI

Dettagli

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Schema di PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELL ASSE dei LINGUAGGI SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO 1 SECONDO BIENNIO E

Dettagli

A.S. 2015/2016. Documento del Consiglio di classe. Classe IVB cl. MATERIA DOCENTE FIRMA Perretta Marialuisa

A.S. 2015/2016. Documento del Consiglio di classe. Classe IVB cl. MATERIA DOCENTE FIRMA Perretta Marialuisa LICEO STATALE AUGUSTO MONTI SCIENTIFICO CLASSICO - LINGUISTICO Via Montessori n. 2-10023 CHIERI (To) Tel. 011.942.20.04 011.941.48.16 Fax 011.941.31.24 e- mail: TOPS18000P@istruzione.it - TOPS18000P@pec.istruzione.it

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

PROGRAMMA DI FILOSOFIA Classe III B Liceo Scientifico, opzione Scienze applicate Docente: Fabio Mulas Anno scolastico 2014/2015.

PROGRAMMA DI FILOSOFIA Classe III B Liceo Scientifico, opzione Scienze applicate Docente: Fabio Mulas Anno scolastico 2014/2015. PROGRAMMA DI FILOSOFIA Classe III B Liceo Scientifico, opzione Scienze applicate Docente: Fabio Mulas Anno scolastico 2014/2015 Programma svolto I contenuti culturali sono stati proposti dal manuale L

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE La scuola del primo ciclo, avviando il pieno sviluppo della persona, concorre

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni

Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni Programmazione Italiano, storia e geografia. Classe IV Costruzioni, ambiente e territorio Anno 2014/2015 Professoressa Pili Francesca Situazione di

Dettagli

Un anno di studio all estero

Un anno di studio all estero Un anno di studio all estero PERCORSO TEMATICO INTERDISCIPINARE (asse dei linguaggi e storico sociale) Ai fini della programmazione e della valutazione dell esperienza all estero dell alunno LINEE GUIDA*

Dettagli

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE SECONDO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE Premessa L indirizzo mira alla preparazione di individui capaci di interagire in situazioni ad alto grado di competenza

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

LICEO SOFONISBA ANGUISSOLA www.liceoanguissola.it

LICEO SOFONISBA ANGUISSOLA www.liceoanguissola.it LICEO SOFONISBA ANGUISSOLA www.liceoanguissola.it Liceo delle Scienze Umane ed Economico - Sociale Dati generali Numero totale studenti 80 Numero totale docenti 85 Numero totale non docenti Numero classi

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli