Neo-malthusianesimo e anarchia in Italia: un capitolo della storia dell ecologismo dei poveri?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Neo-malthusianesimo e anarchia in Italia: un capitolo della storia dell ecologismo dei poveri?"

Transcript

1 LE FRONTIERE DEL SOCIALE Neo-malthusianesimo e anarchia in Italia: un capitolo della storia dell ecologismo dei poveri? di Eduard Masjuan 1. Premessa. «Meridiana», n. 44, 2002 Scopo di questo contributo è di documentare la traiettoria della divulgazione e della diffusione della procreazione consapevole in Italia agli inizi del XX secolo, cioè nel momento in cui prende avvio il dibattito sul fatto se sia o no auspicabile l applicazione dei principi del neo-malthusianesimo all interno della classe operaia. La domanda che in quegli anni sorge in vari settori intellettuali ed operai della società italiana è se le classi popolari abbiano il diritto di ridurre volontariamente la natalità. Nel quadro delle considerazioni e delle prese di posizione favorevoli o contrarie su tale questione, si segnalano per la loro diversità le riflessioni legate alla rivendicazione operaia del neo-malthusianesimo promossa in Italia dagli anarchici. Qui, a differenza di altri Paesi quali, per esempio, la Spagna, al neomalthusianesimo si avvicinarono apertamente i settori accademici dell economia, della demografia, della sociologia, della pedagogia nonché il movimento operaio nel suo complesso. Questa prima fase della diffusione del neo-malthusianesimo in Italia che, come vedremo più avanti, è poco conosciuta, si spinge fino al 1922, ultimo anno della libera possibilità di circolazione delle sue idee. Infatti, con l avvento del fascismo, e con la conseguente disarticolazione del movimento operaio, inizia una lunga parentesi storica di venticinque anni e si dovrà attendere il secondo dopoguerra e gli anni sessanta perché in Italia si possa aprire una seconda fase del dibattito sul diritto alla procreazione consapevole. Pertanto, si tratta di analizzare i due momenti in cui il neo-malthusianesimo è fatto oggetto di dibattito in Italia, mettendo in luce in entrambi le differenti ragioni della sua rivendicazione. Il primo periodo è caratterizzato dalla necessità non solo di evitare l emigrazione forzata o il militarismo, come in altri Paesi dell Europa, 195

2 Le frontiere del sociale ma sia in Italia sia in Spagna, vi è anche la necessità di fronteggiare le nuove condizioni di vita del proletariato instaurate dal processo d industrializzazione capitalistica. Nel secondo periodo si pone l esigenza della rinascita del neomalthusianesimo a partire dal processo d industrializzazione accelerato della fine degli anni quaranta e del decennio , che produce il fenomeno della migrazione dal sud del Paese verso il nord industrializzato. Lo studio di questa seconda fase deve fare i conti con la necessità dell educazione demografica degli operai; ciò permette di sottolineare i cambiamenti nella strategia operaia e in quella istituzionale rispetto al neo-malthusianesimo che di nuovo gli anarchici diffondono nel Paese. Il bilancio di questo periodo risulta, dal punto di vista spagnolo, sorprendente ed istruttivo per quanto riguarda la libertà sessuale, ma ciò che più importa sono i contenuti dei dibattiti che costituiscono questa eredità storica rispetto ad un tema molto attuale. È quindi possibile formulare le questioni che si prenderanno in esame. Anzitutto vi è il quesito se, tra gli elementi che configurano la transizione demografica in Italia, bisogna considerare anche l impatto del neo-malthusianesimo di questo periodo. In base alla constatazione che in Italia il neo-malthusianesimo è stato un movimento di resistenza che ha fatto leva sulla procreazione consapevole dei poveri di fronte alle condizioni sociali e politiche del periodo, è ovvio che si è trattato di un movimento protoecologista che ha le sue radici nella povertà. Non esiste nessun documento in grado di testimoniare che il neomalthusianesimo degli operai dei primi decenni del XX secolo in Italia pretendesse di imitare i modelli borghesi nel comportamento riproduttivo. Al contrario, i neo-malthusiani difesero il diritto alla procreazione operaia limitata a partire dalla situazione di conflitto tra l «economia» e l «ecologia» e dalla necessità di stabilire le relazioni degli esseri umani con la natura in termini d uguaglianza sulla base di una nuova scala di valori morali. A ciò si deve la nostra scelta di analizzare il neo-malthusianesimo anarchico come un movimento ecologista dei poveri, preoccupato per la demografia umana e la conservazione della biodiversità e delle risorse naturali per le generazioni future. La lotta sociale per il diritto alla procreazione consapevole può essere studiata insieme alla storia sociale e da un punto di vista ecologico 1. I neo-malthusiani erano disposti a discutere il rapporto tra la popolazione e le risorse naturali disponibili, a partire da una prospettiva 1 J. Martinez Alier, De la economía ecológica al ecologismo popular, Icaria Ed., Barcelona

3 Masjuan, Neo-malthusianesimo generale che superava i confini nazionali, quando la popolazione mondiale era di 1,5 miliardi di persone e l imperialismo economico era pienamente in auge nelle teorie e nelle pratiche politiche. Così i neo-malthusiani non solo protestavano per l ingiusta distribuzione della produzione, ma ponevano il problema del degrado delle risorse naturali a causa dell espansione commerciale e tecnologica. Il neomalthusianesimo cent anni fa precorse il dibattito attuale tra capitale naturale ed espansione demografica, anche se in modo del tutto empirico, dato che non si conosceva il calcolo contemporaneo della impronta ecologica. La domanda fondamentale alla base di questo saggio è se la discussione di un secolo fa, tra detrattori e teorici del neo-malthusianesimo in Italia riguardo all equilibrio tra la popolazione nazionale o mondiale e le risorse naturali, costituisca un capitolo dell ecologismo popolare attuale. 2. Transizione demografica e controllo della natalità. Alla fine del XIX secolo i livelli più bassi di fecondità in Italia si riscontrano nelle aree del Piemonte, della Lombardia, dell Emilia, in alcune regioni del Mezzogiorno, nel Lazio e soprattutto in Toscana. In queste zone il controllo della natalità viene praticato sin dalla metà del secolo da minoranze ebraiche e da segmenti dei patriziati milanese, veneziano, genovese e fiorentino. Occorre anche aggiungere che, prima che abbiano inizio il processo di transizione demografica e la riduzione volontaria della natalità, si riscontra nelle città con più di abitanti un tasso minore di fecondità rispetto ad agglomerati con meno di abitanti, con l eccezione di alcuni centri del Mezzogiorno. Come ricorda Livi Bacci 1, all inizio del XX secolo, la diffusione del controllo della natalità in Italia interessa alcune regioni del centro e del nordest (il Piemonte, la Liguria e la Toscana) e il calo delle nascite procede da ovest ad est e da nord a sud. Come vedremo, esiste una chiara coincidenza geografica in corrispondenza della diffusione del neo-malthusianesimo fino al Quindi possiamo ritenere che la 1 M. Livi Bacci, La Península Ibérica e Italia en vísperas de la transición demográfica, in V. Perez Moreda-D. Sven Reher (a cura di), La demografía histórica en España, Ed. el Arquero, Madrid

4 Le frontiere del sociale circolazione delle teorie sul controllo della fecondità conosciute con il termine neo-malthusianesimo diede luogo ad un processo irreversibile, tenendo conto del fatto che in queste zone il tasso di matrimoni rimase stabile. La causa di questi cambiamenti che favorirono la trasformazione del processo procreativo, secondo Livi Bacci, può essere rintracciata nelle condizioni ambientali, economiche, sociali, ecc. Infatti, se cerchiamo di analizzare tali fattori, scopriamo che essi coincidono con gli argomenti difesi dal movimento neo-malthusiano in Italia per stimolare la riduzione della natalità all interno della classe operaia. D altro canto, l analisi della diffusione della riduzione della natalità operaia italiana favorita dal neo-malthusianesimo, in certi casi, mette in secondo piano gli schemi tradizionali dello studio della transizione demografica che si limitano ad indicare meccanicamente l industrializzazione e l urbanizzazione quali fattori decisivi. Al contrario, il neo-malthusianesimo esercitò la sua influenza sui fattori economici, ecologici e sociali; per questa ragione lo studio della diffusione del controllo della natalità di tipo neo-malthusiano ci offre un elemento prezioso per poter spiegare il processo della riduzione delle nascite a tutt oggi poco conosciuto. La riduzione volontaria della fecondità sia in Italia sia in Spagna, secondo quanto riscontrato dallo studio del neo-malthusianesimo 2, è dovuta al tipo di risposta che quest ultimo propone di fronte all alto tasso di mortalità infantile, all emigrazione, all aumento della produttività in condizioni lavorative deplorevoli, oltre al livello di analfabetismo, ecc. Nel momento in cui il neo-malthusianesimo inizia a diffondersi, in Italia vi sono di abitanti (dato relativo al 1910), ed il tasso di crescita annuo è dello 0,72%. Nel cinquantennio a partire dal 1860, il Paese aveva registrato un tasso di crescita annua dello 0,14%. Tutto ciò è dovuto in gran parte all aumento della produttività: stando ai dati statistici disponibili per il 1901 (riguardanti una popolazione complessiva censita di 32 milioni di persone), la popolazione attiva del Paese è di 15 milioni di persone con un età compresa tra 18 e 55 anni, rispetto ai 17 milioni di persone che costituiscono la popolazione passiva. Di conseguenza, in questo periodo, inizia il grande flusso migratorio verso le Americhe, data la rigidità della distribuzione del 2 E. Masjuan, El neomaltusianesimo ibérico e italiano: un precedente de la ecología humana contemporánea, in «Revista Historia Actual», A partire dal mese di marzo 1907 il giornale «Avanti!» pubblicizza regolarmente i tre 198

5 Masjuan, Neo-malthusianesimo reddito nazionale, nonostante l arresto della diminuzione della natalità ed la riduzione della mortalità (Tab. 1, p. 221). L altro fattore decisivo che favorisce la diffusione delle teorie neomalthusiane è l incremento della mortalità infantile nei primi cinque anni del Novecento, quando, come si può osservare nella tabella seguente, si registra un aumento dei nati morti (Tab. 2, p. 221). Per quanto riguarda il tasso di nuzialità, nel 1900, esso è del 144% e nel 1905 è aumentato al 154%. Questi dati mostrano di per sé che la diminuzione della natalità in Italia era già cominciata all inizio del XX secolo. In Italia gli indici generali di mortalità presentano, dal canto loro, le caratteristiche tipiche dei Paesi come la Spagna o, in generale, del resto dell Europa, passando dal 238% nel 1901 al 207% nel È in tali condizioni demografiche che l emigrazione degli italiani verso l America raggiunge cifre spettacolari, dato che essa viene considerata come il rimedio agli squilibri presenti nella popolazione e nell economia del Paese da parte dei settori nazionalisti che vedono nella tradizionale crescita demografica un elemento funzionale all espansione coloniale dell Italia. Fra il 1900 e il 1911, quando entra in vigore la proibizione d imbarcarsi per l Argentina, l emigrazione verso l America interessa soprattutto le regioni agricole come la Sicilia, l Abruzzo, il Molise, la Calabria, la Sardegna e le Marche (in ordine decrescente per numero di emigranti). Nel 1905 l Italia si trova al primo posto della lista dei Paesi europei per quantità dei flussi migratori: solo in questo anno il fenomeno interessa, in cifre relative, il 13,0% della sua popolazione complessiva. 3. I primi passi del neo-malthusianesimo anarchico. Gli anarchici iniziarono a divulgare le pratiche e le teorie neomalthusiane all interno della classe operaia in Italia alcuni anni più tardi rispetto all Inghilterra (dove la Lega neo-malthusiana nasce nel 1877), alla Francia (1896) e alla Spagna (1904). A partire dal 1904, il giornale anarchico «Il Pensiero» di Roma, diretto da Pietro Gori e Luigi Fabbri, pubblica l opera di Sebastian Faure Il problema della popolazione e, nello stesso tempo, viene divulgato presso il pubblico italiano il pensiero neo-malthusiano femminista di Nelly Roussell. «Il Pensiero» promuove la riflessione sulla questione dell equilibrio tra la popolazione e le risorse prendendo le mosse dallo 199

6 Le frontiere del sociale studio di Gabriel Giroud che era appena stato pubblicato in Francia su questa tematica. Vennero inoltre pubblicati alcuni articoli del pedagogo anarchico francese Paul Robin in cui viene operata la distinzione tra il malthusianesimo borghese ed il neo-malthusianesimo rivoluzionario, quest ultimo basato sulla restrizione consapevole della natalità operaia che reclama il diritto alla buona educazione, alla buona organizzazione sociale ed alla buona nascita, in quanto condizioni vincolanti per il concepimento. Contemporaneamente, e con assoluta imparzialità, «Il Pensiero» divulgò gli articoli di Jean Grave che considerava il neomalthusianesimo una viltà e un cedimento morale del proletariato nei confronti della borghesia. In questa maniera all interno delle classi operaie italiane veniva inaugurato il dibattito sulla limitazione delle nascite: il giornale socialista di maggior tiratura, l «Avanti!», dal 1907 comincia a rendere regolarmente noti i mezzi di contraccezione per le famiglie operaie che desiderino limitare la loro fecondità, indicando il modo di usarli e i recapiti postali italiani cui si possono rivolgere per procurarseli. I punti fissi di spedizione si trovano a Milano, Napoli e Roma 1. La riflessione sul neo-malthusianesimo e la sua utilità tra gli operai italiani costituiscono un tentativo di adattamento alla realtà socioeconomica e politica del Paese in tutti gli aspetti che interessano il modo di vivere della classe lavoratrice. Una delle prime analisi serie di questa indole, che è possibile prendere ad esempio in questi primi anni, è quella compiuta dall anarchico belga residente in Italia Jacques Mesnil nel saggio dal titolo Il problema della sovrappopolazione 2. L autore, dopo aver indicato con precisione lo squilibrio demografico in cui versano alcune nazioni europee in seguito alla riduzione della mortalità e il fatto che la natalità, a sua volta, non sia diminuita, punti di distribuzione in cui è possibile acquistare contraccettivi in Italia. I venditori di Milano e Roma sono anonimi e ci si può mettere in contatto con loro solo mediante casella postale. Il punto vendita di Napoli è gestito da R. Ollibersi, in via Medina 54. Il venditore di Milano annuncia sul giornale di avere «in gamma delle prime fabbriche mondiali per uomini a garanzia da malattie veneree. Articoli utili, ed apparecchi antifecondativi per donne a cui il procreare potrebbe essere di danno. Il catalogo in busta chiusa non si invia che contro rimessa di francobollo [...] Casella postale, 635 Milano». La doppia funzione sanitaria e antifecondativa dei contraccettivi non viene occultata, anche se, per prudenza, ne viene pubblicamente raccomandato l uso solo a quelle donne per le quali una gravidanza può rappresentare un pericolo per la salute. Questo tipo di pubblicità è presente in tutte le pubblicazioni dell epoca al fine di eludere le sanzioni penali. 2 Si veda il lungo articolo di Mesnil (in «Il Pensiero», 16, 1907) in quanto si tratta di uno dei primi a porre la problematica demografica dell Italia del 1907 in termini neo-malthusiani. 3 G. Mesnil, Il problema della sovrappopolazione, in «Il Pensiero», 16, R. Bettazzi, Neo-malthusianismo, in «Battaglie d oggi», 7,

7 Masjuan, Neo-malthusianesimo prevede che la popolazione di questi Paesi tenderà a raddoppiare nei prossimi 50 anni. Questo calcolo viene realizzato da Mesnil sulla base di un tasso di mortalità del 20% e di un tasso di natalità che si mantenga costante al 30%. Nel caso di una nazione povera come l Italia, in assenza di una limitazione della natalità nella classe operaia, la popolazione dovrebbe raddoppiare nell arco di 76 anni. Malgrado tali livelli di natalità tendano ad essere più bassi nel 1907, Mesnil avverte come ciò sia imputabile al fatto che la borghesia ha cessato di formare famiglie numerose e un analogo fenomeno comincia a interessare le famiglie contadine dato che sono volontariamente sterili. Per questa ragione, quale forma di resistenza complementare alla lotta operaia egli propone: Le classi popolari, che non dispongono di mezzi di sussistenza sufficienti non possono crescere in numero senza rendere la propria situazione più difficile, spesso anzi intollerabile. I salari sono generalmente troppo bassi anche per mantenere decentemente delle famiglie poco numerose. Gli individui incapaci di fornire costantemente un lavoro massimo sono considerati come onerosi e vivono in mezzo all ostilità più o meno palese del loro ambiente: chi non guadagna le spese è un parassita presso i poveri 3. Sicuramente la popolazione non attiva in Italia era considerata un peso e un elemento parassitario da certi settori dell economia influenzati dalle teorie di Vilfredo Pareto. Mesnil indica il fenomeno migratorio come l effetto delle ingiustizie economiche e dello squilibrio demografico, senza però mettere sul tappeto, come verrà fatto in seguito, la questione dell equilibrio tra le risorse disponibili e i loro limiti. Seguendo l impostazione neo-malthusiana di Mesnil già si possono trovare gli argomenti per articolare un ragionamento sulla limitazione della procreazione operaia tanto nel presente quanto nel futuro, sulla scorta delle seguenti premesse: - per stimolare la consapevolezza della necessità di ridurre la natalità tra le classi operaie si preferisce fare appello all iniziativa individuale, senza direttive da parte del partito o del gruppo; - si considera necessario favorire lo sviluppo dell educazione operaia, dato che il numero di miserabili di per sé non basta a trasformare la società e occorre aggiungervi l intelligenza; - per insegnare la contraccezione alla popolazione, Mesnil propone di affidarsi alla volontà delle persone, compito che considera assai difficile, viste le influenze negative che la miseria esercita sul proletariato. 2 A. De Pietri-Tonelli, La teoria malthusiana della popolazione, Tip. G. Rossi, Carpi 201

8 Le frontiere del sociale - per vincere l inerzia, i pregiudizi e la routine delle abitudini, e quindi dare alla popolazione i mezzi per evitare la fecondazione, viene ritenuta indispensabile una propaganda costante mediante la parola e gli scritti. Il neo-malthusianesimo, come fece ovunque, si occupò dell emancipazione della donna riguardo al peso di essere fecondata contro la sua volontà e cercò di rimuoverne i pregiudizi che la mantengono legata all uomo irresponsabile. La tutela della salute fisica e morale della donna, insieme alla comprensione della sua vera sensibilità naturale, veniva considerata dai neo-malthusiani come il compito più importante da realizzare per ottenere la libertà e l uguaglianza delle generazioni future. I mezzi antifecondativi che si raccomandano rispetto ai sistemi tradizionali sono quelli artificiali come il profilattico, lo spermicida, il diaframma e le irrigazioni vaginali. L aborto non viene mai proposto come metodo contraccettivo. In quei primi anni il neo-malthusianesimo cominciava a diffondersi in maniera libera e aperta in Italia, nonostante si accompagnasse al rifiuto dei pregiudizi religiosi e dei settori medici di area cattolica che, da parte loro, chiedevano la proibizione della divulgazione neomalthusiana o cercavano di dimostrare «scientificamente» il pericolo dell uso di contraccettivi. L atmosfera generata dall intensificarsi della propaganda neomalthusiana tra le classi operaie provocò l avvio di una dura campagna contro la sua diffusione da parte di settori medici, cattolici o sindacalisti «rivoluzionari». 4. Le opposizioni al neo-malthusianesimo. La propaganda neo-malthusiana, sin dai suoi esordi, fu attiva tra la classe operaia e i militanti rivoluzionari nei luoghi di lavoro e si diffuse massicciamente persino davanti alle caserme di alcune città italiane 1. Le teorie neo-malthusiane in Italia produssero subito un aspro dibattito, sia nella destra, sia in una parte della sinistra sindacalista. A prova di ciò basta considerare gli infiammati e scandalizzati scritti del cattolico sociale torinese Rodolfo Bettazzi che accusa il neo-malthusianesimo di avere aperto nella morale degli italiani una cloaca immonda che

9 Masjuan, Neo-malthusianesimo conduce all omicidio. Egli considera la procreazione umana come un atto sacrosanto soggetto ad una legge naturale inviolabile, in base alla quale verrà castigato ogni tipo di sterilità volontaria, prodotto di un vergognoso commercio a cui si vedono esposti molti schiavi abbruttiti delle passioni e disposti a non rinunciare alle delizie dell amore. Per Bettazzi le famiglie numerose dei poveri sono una grazia di Dio, che permette ai genitori di superare la miseria mediante l amore per i loro figli, il che è positivo poiché produce lo stimolo sufficiente per aumentare la loro forza di lavoro ed il loro ingegno di fronte al pericolo della disoccupazione ed ai periodi di privazioni. La forza del lavoro affidata alla Provvidenza ed all iniziativa privata è il rimedio più sicuro che Bettazzi propone per evitare la volgarità del neomalthusianesimo e quando ciò non sia possibile, ricorda che esiste anche la carità pubblica collettiva come lenitivo della povertà. Bettazzi intravede che se le pratiche neo-malhtusiane si diffondono in Italia come succede in Francia, la popolazione del Paese finirà per essere scarsa e insufficiente. Per i cattolici come Bettazzi, la natalità deve sempre essere superiore alla mortalità come era avvenuto fino ad allora. Il rafforzamento dei principi cristiani nelle scuole, la repressione severa, da parte dello Stato nei riguardi di coloro che fanno propaganda del neo-malthusianesimo e stanno diffondendo rapidamente in Italia le idee sulla riduzione della natalità, sono le misure che Bettazzi chiede di adottare immediatamente. Alcuni settori significativi della sinistra, rappresentati da figure come Alfonso De Pietri-Tonelli o Roberto Foà, sebbene non esprimano un opposizione aperta al neo-malthusianesimo come quella di Bettazzi, ritengono tuttavia che gli insegnamenti in tema di limitazione della natalità non possano ottenere nessun risultato tra il proletariato, a causa della sua inferiorità intellettuale prodotta dalle miserabili condizioni economiche in cui esso vive. Già nel 1906, De Pietri-Tonelli segnala che i consigli neo-malthusiani che vengono dati alle coppie non hanno molto senso in quanto vanno contro natura. L autore definisce infelici le opere neo-malthusiane che si preoccupano degli effetti delle famiglie numerose e le pratiche che vi si raccomandano, considerando vergognoso che una società, con la scusa di ricostruirsi, finisca per suicidarsi a causa della penuria di figli. Il neo-malthusianesimo viene analizzato da De Pietri come una derivazione della teoria di Malthus che lui stesso aveva ripudiato. Per questo sindacalista fino ad allora «rivoluzionario», il neomalthusianesimo non è altro che una manifestazione purulenta e spasmodica della fase che la società italiana sta attraversando in quel mo- 203

10 Le frontiere del sociale mento. Egli considera il neo-malthusianesimo una dottrina semplicista che in nulla può contribuire all auspicata uguaglianza sociale, dal momento che bisogna cercarne le cause nei fattori che la creano. La sua tesi si riduce ai parametri marxisti secondo cui più sono i poveri maggiore sarà la forza che alimenterà l ascesa lenta, ma inesorabile del proletariato 2. Queste opposizioni e critiche al neo-malthusianesimo trovano invariabilmente una giustificazione nelle pubblicazioni «scientifiche» del prestigioso ginecologo dell Università di Genova Luigi Maria Bossi, il quale aveva pubblicato nel 1902 un parere contro la legge sul divorzio, in quanto elemento che favorisce la sterilità volontaria dei coniugi divorziati ed in quanto espone questi ultimi a una notevole promiscuità alla quale viene attribuito un aumento delle malattie veneree che agiscono contro la salute della razza. In un altro trattato pubblicato nel 1905 con l indicativo titolo di Malattie utero-ovariche e malthusianismo, Bossi dichiara che i mezzi contraccettivi chimici e meccanici producono malattie nell apparato genitale della donna, al fine di convincere il pubblico femminile a non farne uso. I neo-malthusiani avevano quindi avviato la divulgazione della limitazione della natalità operaia e, al medesimo tempo, il dibattito sulla questione: in poco tempo alle fila neo-malthusiane si aggregarono medici disposti a controbattere le teorie contrarie e ad insegnare l uso dei contraccettivi. Alcuni esponenti della classe medica come Luigi Berta di Torino, Giulio Casalini o Giuseppe Battelli di Roma scrissero con assiduità sulle pagine della stampa anarchica, rivolgendosi agli operai affinché prendessero coscienza delle condizioni in cui è raccomandabile limitare la procreazione; diedero nozioni d igiene sessuale cercando di liberare la sessualità dall oscurantismo dominante e fondarono le loro teorie alle condizioni sociologiche ed economiche del proletariato. Con frequenza questi medici ringraziano la stampa anarchica che permette loro di affrontare la questione della sessualità in assoluta libertà 3. Il ritardo dell Italia rispetto ad altri Paesi europei che fanno parte della lega neo-malthusiana universale della Rigenerazione Umana viene compensato da un intensa attività di propaganda che, a partire dal 1910, mobilita definitivamente tutti i settori della società italiana, dando origine a riflessioni sociali e politiche di grande rilievo. 3 L. Berta, Il Neo-malthusianismo, in «Il Pensiero», 16, 1907 e 23-24, Secondo le fonti consultate da R. Michels (nella sua opera Amor y Castidad, ed. spagnola) e da altri, di questo congresso non si conservano i verbali. L unica rassegna esistente, 204

11 Masjuan, Neo-malthusianesimo 5. Il dibattito neo-malthusiano su scala nazionale. Se le classi umili hanno o no il diritto di limitare volontariamente la procreazione, è la domanda che si formula in quasi tutto il territorio italiano a partire dal novembre Infatti il direttore del settimanale «La Voce», Giuseppe Prezzolini, promuove un congresso nella città di Firenze sulla questione sessuale nel Paese. A esso presero parte oltre cento uomini e donne provenienti da ogni parte d Italia e appartenenti alle ideologie più diverse: conservatori, rivoluzionari, monarchici, anarchici, repubblicani, socialisti e sindacalisti, insieme a professori di medicina, pedagoghi, studiosi della questione sessuale, professori di scuole medie ed elementari, pastori protestanti e sacerdoti cattolici. Diedero la loro adesione al congresso anche numerose associazioni, tra le quali la Association suisse pour la protection de l enfant et de la femme, il Gruppo giovani socialisti cristiani di Genova, il Consiglio nazionale donne italiane, la Chiesa Valdese di Venezia o il giornale «La Cataluña», solo per citarne alcune. Inoltre al congresso giunse un gran numero di lettere provenienti da sacerdoti di Torino che si dichiarano favorevoli all abolizione del voto di castità del clero cattolico. Tale questione costituisce uno dei tre punti di discussione del congresso, insieme a quello della limitazione volontaria della natalità e dell educazione sessuale. Il dibattito sulla diffusione della propaganda neo-malthusiana tra gli operai fu quello che ebbe maggior rilevanza. I congressisti a favore della diffusione della limitazione volontaria della natalità tra le classi lavoratrici, come lo stesso Prezzolini, il dottor Luigi Berta, l anarchico Secondo Giorni, il sociologo Roberto Michelis ed il senatore Pio Foà, marcarono la distinzione tra il consiglio malthusiano della castità e del freno morale da essa rappresentato e il diritto all uso di mezzi profilattici artificiali come quelli divulgati dal neo-malthusianesimo, i quali non sono immorali, non vanno contro natura e non hanno niente a che fare con il presunto egoismo di cui parlano alcuni ginecologi, sacerdoti cattolici e sindacalisti. Questo settore sostiene che è lecito e necessario che la natalità venga pianificata in sintonia con le possibilità economiche e che il neo-malthusianesimo non accetta l aborto come mezzo anticoncezionale, ma in larga misura lo evita. Viene unanimemente riconosciuto che il neo-malthusianesimo ha iniziato a diffondersi in Italia, così come in altri Paesi, soprattutto tra le classi facoltose e colte e che non esiste ragione alcuna per cui non possa diffondersi tra le classi umili d Italia. Roberto Michelis sostiene 205

12 Le frontiere del sociale che il neo-malthusianesimo è indicativo di una profonda morale sessuale, in quanto separa il concetto di amore da quello di procreazione e che l unica cosa che produce la castità o l astinenza sessuale sono le malattie nervose. Una posizione intermedia tra i sostenitori del neo-malthusianesimo e i contrari che presero parte al congresso, come Bettazzi, Bossi, ecc., è sostenuta dallo storico Gaetano Salvemini che respinge la tesi del ginecologo Bossi, secondo la quale tutte le pratiche neo-malthusiane sono nocive per la salute. D altro canto, Salvemini considera pericolosa l estensione della propaganda sistematica del neo-malthusianesimo tra i poveri, dato il loro basso livello intellettuale e morale in Italia. Il congresso approvò a maggioranza la legittimità delle pratiche neo-malthusiane e di quanto ne conseguiva, lasciandole alla responsabilità dei futuri genitori e della società. Venne approvata anche la posizione di Salvemini, malgrado Berta esprimesse il suo disaccordo dichiarandola contraddittoria. Berta chiese a Salvemini quando si sarebbe potuto estendere il neo-malthusianesimo tra gli operai e chi avrebbe dovuto decidere quando fosse giunto il momento opportuno. Le domande di Berta rimasero senza risposta, ma egli stesso e gli anarchici si dedicarono subito a divulgare il neo-malthusianesimo in Italia, in stretta connessione alla questione sociale ed alla possibilità per la donna di decidere da sola il momento in cui procreare. Nel congresso risulta infine rilevante l adesione del movimento femminista italiano alle pratiche neo-malthusiane, espressa da donne come Ersilia Majno Bronzini, di Milano, o Flavia Steno 1. Il congresso serve a gettare le basi per la fondazione della lega neo-malthusiana italiana con sede a Torino e per la creazione di un Istituto neo-malthusiano a Firenze. A causa della risonanza del congresso, i settori del sindacalismo ufficiale promuovono un inchiesta dalle pagine del giornale eclettico di Lugano «Pagine Libere» 2 sulle teorie neo-malthusiane. Alfonso De Pietri-Tonelli è il promotore di questa iniziativa rivolta a economisti, demografi, giuristi, sociologi, medici, socialisti, sindacalisti e anarchici, oltre che a membri di varie organizzazioni operaie; si raccolse anche il punto di vista cattolico e quello femminista espresso da alcune delle anche se riassunta, è quella pubblicata da G. Prezzolini in «La Voce», La maggior parte delle risposte all inchiesta furono pubblicate sulla rivista quindicinale di politica, scienza e arte «Pagine Libere», rispettivamente n. 1 di gennaio, n. 3 di febbraio, n. 4 di febbraio, n. 6 di Marzo e n. 8 di Aprile del A. David ( ) è autrice nel 1909 dell opera Femminismo Razionale pubblicata prima in Belgio e poi anche in Spagna dalla lega neo-malthusiana. David ha ricevuto ricono- 206

13 Masjuan, Neo-malthusianesimo donne più conosciute in Italia in quel momento, compresa la neomalthusiana anarchica francese, allora residente a Tunisi, Alexandra David 3. L inchiesta era centrata su due domande: la prima era se si riteneva opportuno sostituire la riproduzione istintiva con una prudente regolazione individuale e, in caso affermativo, per quali ragioni; la seconda domanda era se si riteneva raccomandabile l estensione della procreazione consapevole, delle sue modalità e dei suoi mezzi tra i giovani e tra gli operai. Delle risposte dell inchiesta si occupò la gran maggioranza dei giornali italiani; alcune di esse le abbiamo già riportate in precedenza mediante le testimonianze citate. L inchiesta permise l inizio di un dibattito pubblico tra diffusori e detrattori del neo-malthusianesimo, in grado di coinvolgere la popolazione italiana senza escludere alcun ceto sociale. Il lavoro del sindacalista De Pietri-Tonelli nel trattamento dei dati dell inchiesta fu obiettivo, nonostante la sua manifesta ostilità al neomalthusianesimo. De Pietri in una lunga introduzione sottolineò la rilevanza della tesi della procreazione consapevole dal punto di vista economico, riferendosi fondamentalmente alle teorie sulla distribuzione del reddito nell insieme della popolazione di Vilfredo Pareto, del quale era un fervente seguace, e accettò come regola che l optimum per la collettività risiede laddove nessuno può migliorare la propria situazione economica senza danneggiare l altro. Oltre a condividere l idea secondo la quale tali obiettivi si possono raggiungere meglio in uno Stato collettivista basato sul laissez faire. De Pietri, partendo dall ipotesi paretiana della composizione della curva positiva del reddito che, nel 1901, in Italia è inferiore di 2 milioni di persone a quella della popolazione passiva, afferma che il neomalthusianesimo non è necessario, anche se può ridurre la parte passiva della popolazione. In alternativa è convinto che l aumento della produttività genera automaticamente l incremento del reddito e, conseguentemente, quel segmento della popolazione che si trova sulla soglia della povertà o nella fossa della fame della curva negativa del reddito potrà uscirne quando quest ultimo verrà incrementato mediante l espansione coloniale e il mercato. De Pietri sostiene che l amore sterile è un egoismo e che non serve affatto a diminuire l emigrazione dei poveri, in quanto sarà il trionfo scimenti a livello mondiale per il suo impegno a favore dei bambini e delle bambine dell India e del Tibet, dopo lunghi anni di permanenza in quei Paesi. 4 Il tema della popolazione, delle riserve e della problematica riguardante il fatto che l aumento della ricchezza non deve produrre obbligatoriamente la proletarizzazione, venne 207

14 Le frontiere del sociale meraviglioso dell industrializzazione accelerata e dell innovazione tecnologica a rendere possibile in un prossimo futuro l esistenza di una grande popolazione, fino ad ora ignorata, che sarà sostenibile da un punto di vista sia economico sia ecologico in quanto sarà più libera dall ambiente e dalla coercizione della natura. Perciò, agli occhi di questo sindacalista, il neo-malthusianesimo è una costruzione sociale basata su principi erronei. Di qui la sua previsione che il neo-malthusianesimo non troverà le condizioni favorevoli per propagarsi a livello individuale o collettivo. Alcuni sindacalisti coinvolti nell inchiesta come A. Lanzillo, G. Devincenti, P. Orano e lo stesso G. Sorel condividono l opinione di De Pietri, mentre A. Polledro, A.O. Olivetti e F. Virgili si dichiarano chiaramente a favore della possibilità che il proletariato limiti a proprio piacimento la procreazione. Nel caso degli economisti marginalisti, l opinione non fu unanime; per esempio, per Maffeo Pantaleoni, il direttore del «Giornale degli Economisti» di Roma, il neo-malthusianesimo è sinonimo di un maggior livello di civiltà, poiché le donne dei Paesi in cui i suoi dettami sono messi in pratica hanno un maggiore accesso alla cultura e per questa ragione si diffonde il neo-malthusianesimo. L economista ricorda inoltre che nei Paesi protestanti il neo-malthusianesimo ha trovato meno ostacoli a radicarsi che in quelli cattolici come l Italia, dove pure l estensione della propaganda neo-malthusiana può comportare apprezzabili miglioramenti culturali. Secondo l opinione di Pantaleoni, il neo-malthusianesimo, alterando la struttura della popolazione, produce l aumento della popolazione in età produttiva a scapito di quella passiva e pertanto bisogna eliminare gli ostacoli alla sua diffusione tra le classi popolari. Egli sostiene che la superiorità delle nazioni civilizzate non va cercata nella loro elevata popolazione. Tuttavia, a differenza di Pareto, di De Pietri e di Guido Sensini, per Pantaleoni l innovazione tecnologica ed il progresso scientifico attuali (nel 1911) sono eccezionali, in quanto «non deve illuderci la circostanza che da un po più di un secolo ci troviamo in un periodo di tal genere; non dobbiamo ritenerlo necessariamente duraturo e, in particolare, duraturo con passo ugualmente veloce». Questa è la sua argomentazione principale a favore della propagazione del neo-malthusianesimo in tutti i settori della società 4. esposto varie volte da Pantaleoni, senza che per questo possa essere considerato un diffusore del neo-malthusianesimo come lo fu il suo collega svedese K. Wicksell. 5 De Pietri-Tonelli, Il problema della procreazione (inchiesta sul neo-malthusianesimo), Casa editrice Avanguardia, Milano 1911, p

15 Masjuan, Neo-malthusianesimo Anche l economista A.J. De Johannis, direttore dell Economista di Firenze, è favorevole a educare il popolo nel sentimento della sua responsabilità rispetto alla procreazione e sottolinea questa necessità in ragione della crescita demografica dell Italia del 1911 e del notevole flusso di emigranti verso l Argentina, che, qualora continuasse: la magnifica espansione in Argentina; ma se tutti i popoli di tutte razze prolificassero come gli italiani hanno prolificato, vi sarebbero tante Argentine per tutti? E in ogni caso che avverrebbe dopo? 5 Tra gli economisti, un opinione non in sintonia con quelle finora esposte si può trovare in Achille Loria che aveva pubblicato, proprio in quegli anni, uno studio approfondito sull opera di Malthus in cui dimostrava come il surplus di popolazione rispetto alle risorse non fosse più un problema, mentre invece lo era diventato il surplus di popolazione rispetto al capitale. Quindi il problema attuale della popolazione non era né agronomico né fisiologico, ma esclusivamente economico, a causa di un sistema di organizzazione sociale difettoso ed ingiusto 6. In risposta al diritto di limitazione volontaria della natalità operaia, Loria non considera opportune la diffusione e la messa in pratica dei mezzi anticoncezionali artificiali, dato il suo ottimismo rispetto alla tecnologia ed alla riforma pendente della politica economica. Al massimo, Loria ammette che si ritardi l età di contrarre matrimonio e la graduale astinenza sessuale, una volta che la coppia abbia avuto il numero desiderato di figli. Il semplice aumento del reddito implica automaticamente la diminuzione delle dimensioni della famiglia operaia 7. Due opinioni molto interessanti per la loro importanza nell attività dei governi contro le due fasi italiane di diffusione del neo-malthusianesimo, sono quelle di Francesco Saverio Nitti e Luigi Einaudi. Per il primo il neo-malthusianesimo è una pratica deplorevole e incivile che trasforma il matrimonio in una vera e propria prostituzione monogamica, e che, se dovesse estendersi, impedirebbe di contenere l espansione delle razze di colore e favorirebbe la decadenza dell Italia. Dal canto suo, l economista Luigi Einaudi ritiene che le pratiche neo- 6 A. Loria, Malthus, A.F. Formiginni, Roma Siamo riusciti a verificare che il trattato di Loria su Malthus, servì ai teorici del neo-malthusianesimo in Italia per stabilire la distinzione tra maltusianesimo e neo-malthusianesimo e per portare a termine l aggiornamento di quest ultimo. 7 Loria non è quindi neo-malthusiano ma, a partire dal 1912, diventa eugenista convinto e assume l incarico di presidente della Società Italiana di Eugenica. 1 L operaio toscano S. Giorni fu un importante militante anarchico, arrestato più volte per la sua militanza. Collaborò con E. Malatesta, A. Borghi e A. Sassi. Dopo aver disertato 209

16 Le frontiere del sociale malthusiane e la debolezza nella natalità operaia producono effetti deplorevoli per l economia italiana. Tra i demografi troviamo il socialista Napoleone Colajanni che si dichiara neo-malthusiano convinto, così come Aldo Contento, mentre si dimostrano chiaramente contrari Carlo F. Ferraris e Lino Ferrigni; da parte sua, Corrado Gini minimizza l efficacia di qualsiasi propaganda che pretenda di influire in ambito demografico; come si vedrà alcuni anni dopo Gini muterà radicalmente tale posizione. Anche tra i sociologi si riscontrano diverse opinioni a favore e contrarie che lo spazio di questo articolo non ci permette di approfondire, oltre a quella già esposta da Roberto Michelis negli anni in cui condivideva l ideologia anarchica. Lo stesso discorso va fatto per i medici o per i rappresentanti del cattolicesimo come Bettazzi, che abbiamo parzialmente già analizzato prima, o per gli anarchici coinvolti nell inchiesta come Luigi Fabbri o Secondo Giorni, i quali furono in pratica i diffusori del neo-malthusianesimo. La posizione più scettica tra questi ultimi è quella di Luigi Bertoni, allora direttore a Ginevra del giornale «Il Risveglio», il quale, dalla realtà demografica elvetica in cui il neo-malthusianesimo è ampiamente diffuso e applicato, pensa che si tratti di un innegabile questione d igiene a cui hanno diritto tutte le classi sociali, ma considera tale pratica come semplicemente riformista nel quadro complessivo del movimento operaio che pretende l emancipazione totale e, per questa ragione, a suo avviso, il neo-malthusianesimo non necessita di una propaganda speciale. L inchiesta fu pubblicata insieme ad un esauriente e meritevole saggio storico sulla teoria e sulle pratiche del neo-malthusianesimo a cura dell anarchico Renato Savelli. 6. L apogeo del neo-malthusianesimo. Nel 1911, il neo-malthusianesimo vive in Italia il suo apogeo tra le classi lavoratrici. Nel mese di settembre di quell anno, il V Congresso nazionale della Gioventù Socialista si fa cassa di risonanza delle teorie neo-malthusiane e si prepara a realizzare la loro diffusione. La stessa cosa accade nel primo congresso provinciale contro la disoccupazione che si tiene a Ravenna, nel quale Nino Mazzoni ed il dottor Bussi sostengono la necessità dell adozione della pratica della procreazione consapevole da parte del proletariato. Nel clima effervescente del movimento neo-malthusiano nell Italia del 1911 si colloca l opera più completa e didattica sulla questione, 210

17 Masjuan, Neo-malthusianesimo realizzata dall anarchico Secondo Giorni 1, nella quale viene mostrato, con numerose riproduzioni, opera del medico Jules Barian, il diaframma tubolare di lattice inventato dallo stesso Barian, che divenne il mezzo anticoncezionale meccanico più usato nel Paese. Oltre al diaframma di provata efficacia, viene presentata una vasta gamma di contraccettivi ed il modo di usarli, il tutto accompagnato da riflessioni sulla procreazione operaia consapevole 2. Anarchico appartenente alla federazione operaia di S. Giovanni Valdarno (Arezzo), Gorni intitolò la sua opera L arte di non fare figli, della quale vennero realizzate sette edizioni fino al 1920, per una tiratura complessiva di copie. La prima edizione, stampata a S. Giovanni, andò subito esaurita; il libro venne quindi ripubblicato dalla Società Editoriale Neo-Malthusiana di Firenze per mezzo delle tipografia La Scuola Moderna di Bologna 3. Questa edizione è preceduta da un introduzione sulle teorie neo-malthusiane a cura dell anarchico Achille Belloni e da una prefazione del Dott. Luigi Berta. Dietro istanza del Comitato della Morale Pubblica di Torino e di una sottoscrizione popolare, questa nuova edizione venne denunciata e i suoi autori finirono sotto processo. Nella sua opera, Giorni sostiene che il neo-malthusianesimo non è un fine in se stesso, ma un altro mezzo per la lotta operaia, dato che è anche necessario limitare le nascite in maniera razionale e in rapporto alla quantità di risorse necessarie alla sopravvivenza. L autore sottolinea che non basta che il proletariato proceda all espropriazione dei beni della borghesia, perché in futuro dovrà affrontare il pericolo della sovrappopolazione che renderà impossibile l uguaglianza sociale. 7. Il neo-malthusianesimo e le questioni del colonialismo e dell emigrazione. Il processo al neo-malthusianesimo avviene nel bel mezzo del dibattito sulle condizioni degli emigranti in America Latina e nel quadro dall esercito nel 1916, Giorni si rifugiò in Svizzera e in Germania da dove fu espulso per essere considerato un agente bolscevico. Nel 1919 ritornò in Italia grazie ad un amnistia e gestì una libreria neo-malthusiana a Firenze. Nel 1925 ottenne l asilo politico in Francia e ricominciò la sua opera di diffusore del neo-malthusianesimo nel 1948; Giorni, L Arte di non far figli, Società Ed. Neo-malthusiana, Firenze. 2 G. Sacchetti, Secondo Giorni, in «Notiziario Turistico», 108, Non conosciamo la località delle altre edizioni che si effettuarono in diverse città d Italia. 1 L. Fabbri, Generazione cosciente (appunti sul neo-malthusianesimo), Istituto Ed. Il Pensiero, Firenze

18 Le frontiere del sociale del clima di esaltazione nazionalista dopo la spedizione militare in Tripolitania, per cui il tribunale si vede obbligato in varie occasioni a sospendere le sedute per frenare la diffusione del neo-malthusianesimo. Proprio nel 1911 Enrico Corradini, importante teorico del nuovo imperialismo nazionalistico, esalta la donna italiana in quanto estremamente prolifica e sostiene che l emigrazione costituisce un fattore demografico necessario ed utile, così come la mortalità nelle regioni del Paese con maggiore densità di popolazione. Nel suo saggio Il volere dell Italia, Corradini propone di rafforzare la coscienza nazionale degli emigrati italiani in Brasile e in Argentina, mediante un adeguata politica rappresentativa, educativa e militare tesa a far crescere lo spirito colonialista e imperialista degli emigrati. Corradini ammette che ciò che può arrestare l emigrazione è lo sviluppo industriale dell Italia, ma per lui questo fenomeno appartiene ad un imperialismo antico ormai decaduto che deve essere sostituito dalla supremazia dei numeri e dalla superiorità tecnica e militare capace di trasformare l emigrazione in colonizzazione così da ampliare il dominio nazionale. Per Corradini l Italia deve continuare a essere una nazione proletaria guidata da una politica nazionale che porterà a compimento il moderno nazionalismo, il quale avrà il compito di preparare e realizzare la necessaria guerra che l Italia attende come strumento di redenzione per raggiungere il suo ruolo storico di protagonista della potenza imperiale mondiale. I propositi imperialistici di Corradini sono rifiutati dai neomalthusiani e rappresentano lo stimolo che li conduce a ribadire il valore della limitazione della natalità operaia 1. Dal canto suo, Corrado Gini 2 sottolinea l esigenza di una seria riflessione di fronte al calo di natalità in Italia che è diminuita da 378 per ogni abitanti, nel quinquennio , a 325 nel quinquennio , il che lascia intravedere che la popolazione italiana, in un futuro più o meno prossimo, rimarrà stabile come quella della Francia, implicando un pericolo serio per la nazione. Gini non imputa ancora questo calo delle nascite direttamente alla propaganda neomalthusiana, ma alla restrizione volontaria della natalità e all emigrazione. Egli identifica la diminuzione della natalità con la decadenza della nazione a livello economico, militare, ecc., e ritiene che nel caso italiano è necessario ritardarla o, se possibile, addirittura impedirla. 2 C. Gini, Fattori demografici, Frat. Bocca Ed., Torino Questa pubblicazione milanese comincia a uscire nel marzo Vi si annuncia una «Casa speciale per articoli d Igiene personale e intima» e vi si offrono cannule vaginali, irri- 212

19 Masjuan, Neo-malthusianesimo Perciò Gini ritiene che occorrerebbe cercare di porre un freno all emigrazione, poiché essa toglie al Paese una maggior forza riproduttiva, la qual cosa entra in contraddizione con le proposte nazionalistiche come quelle di Corradini che accarezzano il sogno imperialistico. La teoria e la propaganda neo-malthusiane si trovano ad affrontare tale clima socio-politico avverso al proletariato; il che spiega la loro repressione. Questa interpretazione è suggerita tra l altro dal fatto che il processo a Giorni, Belloni e Berta si protrae, dopo diversi aggiornamenti, per oltre due anni. A ogni modo, nonostante la reazione, in quel momento gli anarchici assistevano allo spettacolo del sindacalismo «rivoluzionario» che, dopo aver giudicato il neo-malthusianesimo una teoria inutile, era giunto ad appoggiare la guerra in Libia e il nazionalismo, così come i criteri economici del massimo edonismo che li avrebbero portati più in là ad appoggiare il corporativismo fascista e la società «organica» teorizzata da Alfredo Rocco. Questo è il caso degli stessi sindacalisti rivoluzionari sorelliani come Alfonso De Pietri-Tonelli, Lanzillo o Arturo Labriola. Nell aprile del 1913 ha luogo il processo a porte chiuse contro gli accusati prima ricordati, nel quale intervennero in qualità di periti della difesa Pio Foà e Roberto Michelis. Il processo ebbe grande risonanza nazionale ed internazionale nelle pubblicazioni di economia e di scienze sociali. In tale circostanza Foà sostenne che non esistono ragioni perché le pratiche neo-malthusiane non si possano estendere al proletariato italiano e che il motivo per cui i socialisti le appoggiano è che favoriscono la diminuzione della mortalità infantile, apportano una maggiore equità nella distribuzione della ricchezza, arrestano l intensificazione della natalità e scongiurano o frenano, in certa maniera, il pericolo di guerre frequenti. Foà afferma davanti al tribunale che queste questioni non devono essere accusate di immoralità e che la limitazione della natalità è già praticata dalla stessa borghesia. Inoltre, secondo Foà, la diffusione degli anticoncezionali è necessaria perché in Italia l igiene e la protezione sessuale sono del tutto sconosciute. L intervento di Michels si centrò sul fatto che il neo-malthusianesimo era una pratica legittima, propria di uno stadio civile superiore e significava una vittoria della ragione umana sull irrazionalità del bruto. Michels fu, sin dall inizio, un importante sostenitore del neo-malthusianesimo in Italia; la sua opera in cui in quegli anni maggiormente rivendica il diritto alla procreazione consapevole e volontaria, I limiti della morale sessuale, fu tradotta in varie lingue come il tedesco e lo spagnolo. Vennero esibite al tribunale anche alcune lettere che esprimevano l adesione al neo-malthusianesimo di diversi accademici del Paese. La 213

20 Le frontiere del sociale sentenza dichiarò l assoluzione di Berta e Belloni e condannò a tre mesi di carcere e ad una multa di 500 lire l autore ed il tipografo dell opera L arte di non far figli. Una volta finito questo lungo processo, si costituisce in Italia, nel corso del 1913, una Lega neo-malthusiana a Torino il cui segretario è il medico Luigi Berta che pubblica una rivista esclusivamente neo-malthusiana intitolata L Educazione Sessuale e invia contraccettivi in tutte le parti d Italia. Un anno dopo, viene fondata a Milano un altra rivista neo-malthusiana 3. A Torino e a Milano vengono pubblicati il libro di Luigi Berta Per limitare la prole (I mezzi migliori per prevenire la gravidanza) e quello del Dottor Felice Marta, Sterilità volontaria. La propaganda neo-malthusiana s intensifica anche nell Istituto neo-malthusiano di Firenze dove si realizza quella che Luigi Fabbri considera la parte meno simpatica del neo-malthusianesimo, consistente nel procurare e diffondere i mezzi contraccettivi tra i lavoratori al prezzo di costo, di fronte alla difficoltà che esiste per trovarli, dato che non tutti gli oggetti raccomandati si trovano nelle farmacie del Paese e quelli che vi si trovano vengono accaparrati e rivenduti a prezzi abusivi. 8. Dal rafforzamento alla proibizione. In Italia, la divulgazione del neo-malthusianesimo continuò in maniera autonoma fino agli inizi degli anni venti, proseguendo perfino durante il periodo bellico del Nell Università Popolare di Milano o nella Scuola Moderna di Clivio 1 presso Como, i programmi educativi comprendono l educazione sessuale e le teorie neo-malthusiane. Dai settori cattolici e nazionalisti, allarmati per i successi della limitazione della natalità operaia nel nord del Paese, continuano le condanne del neo-malthusianesimo. Il ginecologo Luigi Maria Bossi nel 1917 pubblica un libro dal titolo In difesa della Donna e della Razza che risulta essere un trattato intimidatorio e capzioso rivolto gazioni post-coitali e contraccettivi di facile uso. Il direttore della Educazione Sessuale di Milano è il medico F. Marta che gestisce un ambulatorio per l applicazione di diaframmi. Dal 1916, la rivista neo-malthusiana prende il nome di «Questioni Sessuali» in modo da differenziarsi dall omonimo periodico di Torino. La rivista si occupava anche di tradurre in italiano le principali opere neo-malthusiane francesi. 1 Vi si trova l insegnamento del neo-malthusianesimo nel capitolo del programma educativo dedicato all iniziazione sessuale. 2 Giorni, Il Neo-Malthusianismo e la guerra mondiale, Società Ed. Neo-Malthusiana, Firenze

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Il reclutamento e la formazione dei militanti per le nuove lotte del federalismo La necessità di

Dettagli

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 La famiglia

Dettagli

Luca Limonta 1 L EVOLUZIONE DELLE CLASSI SOCIALI NEL TEMPO

Luca Limonta 1 L EVOLUZIONE DELLE CLASSI SOCIALI NEL TEMPO Luca Limonta Nella lezione del 30 aprile abbiamo analizzato 4 punti: 1- L evoluzione delle classi sociali nel tempo 2- Le prime rilevazioni statistiche 3- I poveri, una classe particolare 4- L indice di

Dettagli

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica Luigi Biggeri Roma, 15-16 dicembre 2005 Circondati dai paesi poveri con vasti eserciti di giovani che reclamano lavori modesti nei paesi sviluppati

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

I L G I O R N A L E B I B L I O T E C A S T O R I C A

I L G I O R N A L E B I B L I O T E C A S T O R I C A I L G I O R N A L E B I B L I O T E C A S T O R I C A Renzo De Felice MUSSOLINI L ALLEATO 1. L Italia in guerra 1940-1943 Tomo secondo. Crisi e agonia del regime 1990 e 1996 Giulio Einaudi editore S.p.A.,

Dettagli

L abolizione della pena di morte in Italia

L abolizione della pena di morte in Italia L abolizione della pena di morte in Italia 1. Dal Medioevo all Ottocento: il primato della Toscana. La pena capitale cominciò ad essere applicata in Italia dall Imperatore Enrico II, all inizio dell XI

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE L Europa secondo De Gasperi: proposte istituzionali e prospettive teoriche negli anni della ricostruzione

Dettagli

La condizione della famiglia nella provincia di Verona

La condizione della famiglia nella provincia di Verona La condizione della famiglia nella provincia di Verona E uno studio sulle famiglie della provincia di Verona, condotto a livello territoriale, che entra nel dettaglio della loro composizione, della loro

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

Cambiare mentalità. Il lavoro come vocazione

Cambiare mentalità. Il lavoro come vocazione Cambiare mentalità. di Jaime Ortega Professore ordinario di Organizzazione aziendale, Dipartimento di Economia aziendale, Università Carlos III di Madrid Negli ultimi vent anni (1991-2011) in Europa e

Dettagli

Sociologia della famiglia

Sociologia della famiglia Sociologia della famiglia Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2006-2007 2007 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 5 1 Il matrimonio e la coppia Definizione: Una unione fra

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame di Stato ha

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione: Liceo T.L.Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA CLASSE IV BSO Insegnante:Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

Dettagli

La Riforma protestante

La Riforma protestante La Riforma protestante Alla fine del XV secolo la Chiesa attraversava una nuova crisi a causa delle corruzione e della decadenza dei costumi ecclesiastici. Gli studiosi umanisti avviarono uno studio critico

Dettagli

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato Data l indecisione sul metodo della votazione ( per stato o per testa) il terzo stato si riunì

Dettagli

Sociologia della famiglia

Sociologia della famiglia Sociologia della famiglia Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 5 1 Il matrimonio e la coppia Definizione: Una unione fra un

Dettagli

Corrispondenti della Banca Cattolica del Veneto all estero, 1959

Corrispondenti della Banca Cattolica del Veneto all estero, 1959 Corrispondenti della Banca Cattolica del Veneto all estero, 1959 : L UFFICIO CAMBIO E IL SERVIZIO ESTERO Il Veneto è tra le regioni italiane che più contribuirono ad alimentare un rilevante flusso migratorio

Dettagli

Famiglia, infanzia e povertà.

Famiglia, infanzia e povertà. Università Politecnica delle Marche Facoltà di Economia G. Fuà Convegno Povertà, Infanzia, Immigrazione in occasione del 70 Anniversario della Mensa del Povero Ancona, 5 aprile 2008 Famiglia, infanzia

Dettagli

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento?

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento? Il Risorgimento Risorgimento (una definizione semplice): Si chiama Risorgimento la serie di avvenimenti che portano l Italia, nel corso dell Ottocento, all unità e all indipendenza. L Italia diventa un

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco Dirittosuweb.it La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, proclamata dall Assemblea Generale

Dettagli

COSA SONO GLI O.G.M.?

COSA SONO GLI O.G.M.? COSA SONO GLI O.G.M.? Da secoli l uomo cerca di migliorare le specie animali e vegetali presenti nell ecosistema, per poterle utilizzare in maniera economicamente più vantaggiosa. Come allevatore ed agricoltore,

Dettagli

Nuovi poteri e/o nuove responsabilità?

Nuovi poteri e/o nuove responsabilità? Nuovi poteri e/o nuove responsabilità? Antinomie degli effetti del movimentismo femminile sulla bioetica Liana M. Daher Dipartimento di Scienze della Formazione Università degli Studi di Catania daher@unict.it

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

FONDO GIANCARLO SALMINI CENSIMENTO

FONDO GIANCARLO SALMINI CENSIMENTO FONDO GIANCARLO SALMINI CENSIMENTO a cura di Marco Giovanella Il fondo Giancarlo Salmini è stato tra i primi a essere conferito al Centro di documentazione «Mauro Rostagno», alla fine degli anni ottanta.

Dettagli

All the invisible children. Appunti sulla Convenzione Internazionale sui diritti dell Infanzia e dell Adolescenza. Comitato Provinciale UNICEF di Roma

All the invisible children. Appunti sulla Convenzione Internazionale sui diritti dell Infanzia e dell Adolescenza. Comitato Provinciale UNICEF di Roma XIX Corso Universitario Multidisciplinare di Educazione allo Sviluppo Università La Sapienza di Roma All the invisible children Appunti sulla Convenzione Internazionale sui diritti dell Infanzia e dell

Dettagli

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo L Italia fascista Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo La nascita e l affermazione del Fascismo La prima riunione del movimento dei fasci di combattimento si tenne a Milano nel 1919.

Dettagli

LA STORIA DELL ANPAS

LA STORIA DELL ANPAS LA STORIA DELL ANPAS Le Pubbliche Assistenze nascono alla metà dell 800 sulla spinta degli ideali risorgimentali SCHEDA 2 Le radici storiche SOCIETÀ OPERAIE DI MUTUO SOCCORSO Sodalizi attivi negli stati

Dettagli

Il processo di unificazione (1849-1861)

Il processo di unificazione (1849-1861) Il processo di unificazione (1849-1861) Il Piemonte dopo il 48 Il Regno di Sardegna è l unico stato italiano che mantiene lo Statuto. Crisi tra il re Vittorio Emanuele II e il suo ministro D Azeglio e

Dettagli

Il Medico di Fabbrica : storia di un evoluzione professionale

Il Medico di Fabbrica : storia di un evoluzione professionale Il Medico di Fabbrica : storia di un evoluzione professionale Pistoia, 15 dicembre 2014 Mauro Baldeschi Medico del Lavoro U.O. Direzione Sanitaria ASL 3 Ospedale S. Jacopo V hanno momenti nella vita la

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO

LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO A partire dall XI secolo si introducono rilevanti novità nella SOCIETA MEDIEVALE Tali trasformazionie novità provocheranno, in un lungo periodo

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

Indagine conoscitiva sulla immigrazione e l'integrazione. Audizione dell Istituto Nazionale di Statistica

Indagine conoscitiva sulla immigrazione e l'integrazione. Audizione dell Istituto Nazionale di Statistica Indagine conoscitiva sulla immigrazione e l'integrazione Audizione dell Istituto Nazionale di Statistica Roma, 21 febbraio 2007 Camera dei Deputati Senato della Repubblica Comitato Parlamentare di Controllo

Dettagli

Abbandono scolastico ed il fenomeno della dispersione. Ricerca condotta da Adiconsum nell ambito del progetto

Abbandono scolastico ed il fenomeno della dispersione. Ricerca condotta da Adiconsum nell ambito del progetto Abbandonoscolasticoedilfenomenodelladispersione RicercacondottadaAdiconsumnell ambitodelprogetto Laquestioneeconomicadell abbandonodeigiovanineipercorsi formativi conilfinanziamentodi ForumANIA Consumatori

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d italia

Il Risorgimento e l Unità d italia Il Risorgimento e l Unità d italia Prima parte: L Italia dopo il «Congresso di Vienna» : un espressione geografica L Italia, dopo il congresso di Vienna (1814-1815), è divisa in più stati, la maggior parte

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI

DIVENTARE GENITORI OGGI In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia Sintesi della ricerca Roma, 1 ottobre 2014 La genitorialità come dimensione individuale L esperienza della genitorialità

Dettagli

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI 1 MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI Quest iniziativa è lanciata, in occasione di Expo 2015, dalle reti internazionali degli attori pubblici, associativi e

Dettagli

"IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO"

IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO Intervento al Convegno organizzato dall associazione assistenti sociali il 3 dicembre 2011 sul tema "IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO" Titolo dell intervento:

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Abbiamo detto che le risorse che costituiscono il reddito nazionale possono essere

Dettagli

- Il contesto delle politiche - IL CONTESTO DELLE POLITICHE

- Il contesto delle politiche - IL CONTESTO DELLE POLITICHE IL CONTESTO DELLE POLITICHE Quadro demografico La distribuzione della popolazione sul territorio regionale non é omogenea: il 28,7% della popolazione si concentra nel capoluogo di Aosta, unico comune ad

Dettagli

storia del mutuo soccorso

storia del mutuo soccorso Gli interventi in ambito sanitario nella Stefano Maggi storia del mutuo soccorso Docente di Storia contemporanea Università di Siena Presidente Fondazione Cesare Pozzo per la mutualità Le mani intrecciate,

Dettagli

Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi

Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi ISIS I. Calvino -Città della Pieve Liceo scientifico Programma di STORIA LIBRO DI TESTO: GIARDINA-SABBATUCCI-VIDOTTO, Storia, Nuovi programmi, vol.

Dettagli

In ricordo del professor Veniero Del Punta

In ricordo del professor Veniero Del Punta I In ricordo del professor Veniero Del Punta Il professor Veniero Del Punta, da vari decenni autorevole e prestigioso membro del nostro Comitato Scientifico, è improvvisamente mancato il 3 aprile scorso.

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

Benvenuti a Sezze Rumeno

Benvenuti a Sezze Rumeno Facoltà di Scienze Politiche Sociologia Comunicazione Corso di Laurea Magistrale Scienze Sociali Applicate Sociologia e management della sicurezza Tesi di Laurea Anno accademico 2011/2012 Benvenuti a Sezze

Dettagli

CONCLUSIONI SU SOLIDARIETÀ INTERGENERAZIONALE, WELFARE ED ECOLOGIA UMANA *

CONCLUSIONI SU SOLIDARIETÀ INTERGENERAZIONALE, WELFARE ED ECOLOGIA UMANA * Intergenerational Solidarity, Welfare and Human Ecology Pontifical Academy of Social Sciences, Acta 10, Vatican City 2004 www.pass.va/content/dam/scienzesociali/pdf/acta10/acta10-conclusioni.pdf CONCLUSIONI

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

LA NOSTRA POLITICA MILITARE

LA NOSTRA POLITICA MILITARE LA NOSTRA POLITICA MILITARE (24-25 gennaio 1934) Il testo che segue è un rapporto presentato da Mao Tse-tung a nome del governo centrale della Repubblica sovietica cinese al secondo Congresso nazionale

Dettagli

Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne,

Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne, Francoise Héritier, Maschile e femminile. Il pensiero della differenza, Laterza, Bari 2000 Ilenya Burrini Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne, cioè

Dettagli

SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA

SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA 7 luglio 2011 Anno 2009 SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA Nel 2009 le separazioni sono state 85.945 e i divorzi 54.456, con un incremento rispettivamente del 2,1 e dello 0,2% rispetto all anno precedente.

Dettagli

L INSEMINAZIONE E LA FECONDAZIONE ARTIFICIALI: SONO ACCETTABILI MORALMENTE?

L INSEMINAZIONE E LA FECONDAZIONE ARTIFICIALI: SONO ACCETTABILI MORALMENTE? L INSEMINAZIONE E LA FECONDAZIONE ARTIFICIALI: SONO ACCETTABILI MORALMENTE? Quando si ha l inseminazione e la fecondazione artificiali omologhe? Quando lo spermatozoo e l ovulo provengono dalla stessa

Dettagli

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Docente: Prof.ssa Mariotti Maria Adele Libri di testo adottati

Dettagli

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo.

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo. PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA CLASSE IV B geo A.S. 2010-2011 DOCENTE: CRISTINA FORNARO L antica aspirazione alla riforma della Chiesa. La riforma di Lutero. La diffusione della riforma in Germania e in Europa.

Dettagli

La povertà in Italia

La povertà in Italia La povertà in Italia Nell Italia di oggi non mancano i motivi per occuparsi della povertà. L 8% delle persone residenti nel nostro paese, infatti, vive in povertà assoluta (dato 2012) mentre nel 2005 erano

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL (LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, MICHELE ORINI) LA PRINCIPALE E PIÙ OCCULTATA CAUSA DELL AUMENTO DELLE DISEGUAGLIANZE

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 Cari, amici, cari abitanti della Tasmania. 1. La mia

Dettagli

La società francese. Nobiltà

La società francese. Nobiltà 1. Nuovi ideali e crisi economica demoliscono l antico regime La Rivoluzione francese, insieme a quella americana, è giustamente considerata uno dei momenti essenziali della nostra storia e della nostra

Dettagli

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079)

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) AUDIZIONE DELLA SVIMEZ c/o Camera dei Deputati Commissione VIª: Finanze INDICE DELL

Dettagli

PERCENTUALE DI OCCUPATI NELL INDUSTRIA

PERCENTUALE DI OCCUPATI NELL INDUSTRIA PERCENTUALE DI OCCUPATI NELL INDUSTRIA La percentuale di occupati nell industria in Italia, in base al 14 Censimento della popolazione e delle abitazioni (2001), è pari al 33,48%. Quote particolarmente

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante: Guastella Egizia

Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante: Guastella Egizia Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA Classe IV F Insegnante: Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti proposti dall insegnante e del manuale

Dettagli

Commissione Tributaria Regionale della Lombardia

Commissione Tributaria Regionale della Lombardia Direzione Regionale della Lombardia Commissione Tributaria Regionale della Lombardia Apertura dell Anno giudiziario tributario Milano, 25 febbraio 2011 Intervento di Carlo Palumbo Direttore Regionale dell

Dettagli

Protocollo dei saperi imprescindibili

Protocollo dei saperi imprescindibili CLASSE:PRIMA Le antiche civiltà (Civiltà idrauliche) La comune identità delle comunità greche (i miti, la religione...) L Atene del V secolo. Alessandro Magno La civiltà etrusca Roma: la fondazione, il

Dettagli

CONFERENZA DI LUIGI BELLAVITA E PIERLUIGI NOVELLO MILANO 7 MARZO 2013 ISTITUTO SAN CARLO

CONFERENZA DI LUIGI BELLAVITA E PIERLUIGI NOVELLO MILANO 7 MARZO 2013 ISTITUTO SAN CARLO CONFERENZA DI LUIGI BELLAVITA E PIERLUIGI NOVELLO MILANO 7 MARZO 2013 ISTITUTO SAN CARLO Il 19 luglio 1943 il generale Alexander sbarcò in Sicilia. Al Suo seguito un esercito militare, dotato dei più moderni

Dettagli

DONNE E SCIENZA. Breve excursus storico A cura di Marisa Salabelle

DONNE E SCIENZA. Breve excursus storico A cura di Marisa Salabelle DONNE E SCIENZA Breve excursus storico A cura di Marisa Salabelle NEL CORSO DELLA STORIA il cammino delle donne ha avuto difficoltà a incontrarsi con quello della scienza specialmente per quanto riguarda

Dettagli

Communication Strategies Lab via Laura 48 50121 Firenze tel +39 055 2756196 email info@csl.unifi.it website www.csl.unifi.it 1

Communication Strategies Lab via Laura 48 50121 Firenze tel +39 055 2756196 email info@csl.unifi.it website www.csl.unifi.it 1 Luca Toschi intervista Jose Antonio Cordón García sul futuro delle biblioteche, della lettura e della scrittura digitale Il patrimonio storico, artistico, ambientale come risorsa. Dalle prediche alle pratiche

Dettagli

Emigrare per sopravvivere

Emigrare per sopravvivere VOLUME 3 PER LA PROVA INVALSI Unità 16 La mondialità Emigrare per sopravvivere Cognome Nome Classe Data CHI L HA SCRITTO? Nedo Rossi, docente universitario, ed Enzo Tiezzi (1938), insegnante di Chimica

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

L EREDITÀ DELL EPOCA NAPOLEONICA IL CODICE

L EREDITÀ DELL EPOCA NAPOLEONICA IL CODICE L EREDITÀ DELL EPOCA NAPOLEONICA IL CODICE Il Codice napoleonico (il Code) esercitò un influenza diretta sulla legislazione di molti Stati preunitari, ponendo le premesse della loro successiva integrazione

Dettagli

Vivere serenamente e responsabilmente la propria sessualità

Vivere serenamente e responsabilmente la propria sessualità Vivere serenamente e responsabilmente la propria sessualità La mini guida di Onda sulla contraccezione Testi a cura della Dott.ssa Nicoletta Orthmann Coordinatore Scientifico di Onda Qual è il ruolo della

Dettagli

6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE. Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro

6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE. Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi

Dettagli

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Biblioteca Nazionale Braidense presenta: DOMANI AVVENNE 2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Sala Microfilm 30 maggio - 30 giugno 2009 1 Rassegna DOMANI AVVENNE : ciclo di mostre documentarie di

Dettagli

Ufficio di Statistica n 4 - ottobre/dicembre 2009

Ufficio di Statistica n 4 - ottobre/dicembre 2009 n 4 - ottobre/dicembre 2009 Sposarsi a Roma Sempre più tardi e sempre di meno. Introduzione Il matrimonio è sempre stato considerato fin dall antichità il pilastro per la creazione di una famiglia e per

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE E OBIETTIVI DEL MILLENNIO

ALFABETIZZAZIONE E OBIETTIVI DEL MILLENNIO ORIENTAMENTI INTERNAZIONALI NELL EDUCAZIONE DEGLI ADULTI IL CONTESTO DELLE INIZIATIVE PROF. BARBARA DE CANALE Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

AL B U M DALL EMIGRAZIONE ALLA FAI. sei

AL B U M DALL EMIGRAZIONE ALLA FAI. sei e ACI, fin dai primi anni dalla l o ro nascita, sono emigrate con i lavoratori italiani nei paesi nei quali questi emigravano. Gli stessi italiani, alcuni dei quali avevano già conosciuto le ACI, chiedevano

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE ALDO SMOLIZZA* Qualche anno fa svolgevo un attività internazionale e a seguito di quell attività conoscevo molto bene le indicazioni del Fondo Monetario Internazionale.

Dettagli

Il benessere educativo che i figli ci chiedono

Il benessere educativo che i figli ci chiedono Il benessere educativo che i figli ci chiedono Maristella Meli IL BENESSERE EDUCATIVO CHE I FIGLI CI CHIEDONO affetto e disciplina nella genitorialità www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maristella

Dettagli

OBIETTIVI. L ICEA nasce con l obiettivo di essere un entità dove sviluppare aspetti culturali e tecnici al servizio della trasformazione

OBIETTIVI. L ICEA nasce con l obiettivo di essere un entità dove sviluppare aspetti culturali e tecnici al servizio della trasformazione L'Istituto di Scienze Economiche e dell' Autogestione (ICEA, d'ora in avanti) è un'entità culturale di ambito spagnolo, dove sviluppiamo attività di insegnamento e ricerca in economia politica, scienze

Dettagli

Efficienza ed equità

Efficienza ed equità Efficienza ed equità Efficienza ed equità Abbiamo visto nelle lezioni precedenti che, nella situazione ideale di assenza di fallimenti del mercato, il mercato condurrebbe a un risultato Pareto-efficiente.

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

MICHAIL KALECKI ASPETTI POLITICI DEL PIENO IMPIEGO

MICHAIL KALECKI ASPETTI POLITICI DEL PIENO IMPIEGO MICHAIL KALECKI ASPETTI POLITICI DEL PIENO IMPIEGO 1943, versione riveduta nel 1970 Il problema di garantire il pieno impiego tramite l espansione della spesa pubblica, finanziata col debito pubblico,

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO

DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO 1. QUANDO INIZIA A PORSI IL PROBLEMA DELLA RELAZIONE GIURIDICA DEI RAPPORTI FAMILIARI? Nell ambito della nascita dello stato moderno nel secolo XIX.

Dettagli

Il Fascismo in Italia (1922-1936)

Il Fascismo in Italia (1922-1936) Il Fascismo in Italia (1922-1936) Le fasi del fascismo 1. Fase legalitaria (1922-1924) I Fascisti fanno parte di un governo di coalizione. Termina con le elezioni del 1924 e l uccisione di Matteotti. 2.

Dettagli

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione cattolica nel Mondo del Lavoro MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune I Promotori del Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione

Dettagli

SPC s.r.l. Scuola di Psicoterapia Comparata Fondata da Patrizia Adami Rook

SPC s.r.l. Scuola di Psicoterapia Comparata Fondata da Patrizia Adami Rook LA MEDIAZIONE FAMILIARE IN ITALIA PASSATO, PRESENTE E FUTURO I versione: 30 marzo 2006 Ultima revisione: 15 maggio 2008 A partire dal 1970, anno di introduzione della legge sul divorzio, assistiamo nel

Dettagli

Pedagogia e Didattica lettura e comprensione di brani

Pedagogia e Didattica lettura e comprensione di brani e didattica Pedagogia e Didattica lettura e comprensione di brani A) L avvento del Cristianesimo operò una profonda rivoluzione culturale nel mondo antico, forse la più profonda che il mondo occidentale

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

a cura di Irene Testa (Associazione Radicale Detenuto Ignoto )

a cura di Irene Testa (Associazione Radicale Detenuto Ignoto ) I Numeri della Giustizia a cura di Irene Testa (Associazione Radicale Detenuto Ignoto ) Fonti: Le analisi di Confindustria, Confartigianato, Banca d Italia e Banca Mondiale Vediamolo nei numeri, questo

Dettagli

La vita di coppia. 21 agosto 2006. Si allunga il periodo di fidanzamento, cambiano i luoghi in cui si conoscono i fidanzati

La vita di coppia. 21 agosto 2006. Si allunga il periodo di fidanzamento, cambiano i luoghi in cui si conoscono i fidanzati 21 agosto 2006 La vita di coppia Il volume La vita di coppia presenta alcuni risultati dell indagine Famiglia e soggetti sociali svolta dall Istat nel Novembre 2003 su un campione di oltre 19 mila famiglie

Dettagli

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI PREMESSA La presente premessa costituisce parte integrante del regolamento. Alcuni anni fa, in un momento in cui la realtà giovanile ha cominciato a prendere maggiormente

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013 A7. FECONDITÀ, NUZIALITÀ E DIVORZIALITÀ Diminuisce il tasso di fertilità dopo la crescita degli ultimi anni A livello nazionale il tasso di fecondità totale (numero medio di figli per donna in età feconda)

Dettagli

3.4. Scritti e Progetti - di Alexander Klein. Autore. figura 00

3.4. Scritti e Progetti - di Alexander Klein. Autore. figura 00 Nico Bolla Libri: 3.4.Klein pag 1 3.4. Scritti e Progetti - di Alexander Klein Autore figura 00 Una vita da fuggiasco: così si potrebbe sintetizzare la vicenda di Alexander Klein, nato ad Odessa nel 1879

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli