DIREZIONE DIDATTICA STATALE 3 CIRCOLO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIREZIONE DIDATTICA STATALE 3 CIRCOLO"

Transcript

1 DIREZIONE DIDATTICA STATALE 3 CIRCOLO Via D Azeglio 64/2, tel fax SESTO FIORENTINO Mail: - Pec: C.M. FIEE56000V - C.F REGOLAMENTO DEL 3 CIRCOLO DIDATTICO DI SESTO FIORENTINO A.S. 2015/2016

2 INDICE Art. 1 Organizzazione didattica PAG. 3 Art. 2 - Modalità ingresso e uscita PAG. 3 Art. 3 - Uscite degli alunni durante l orario scolastico PAG. 4 Art. 4 - Servizio pre-scuola e trasporto PAG. 4 Art. 5 - Ritardi PAG. 4 Art. 6 - Materiale didattico PAG. 5 Art. 7 - Assenze PAG. 5 Art. 8 - Accesso ai locali scolastici di estranei e genitori PAG. 5 Art. 9 - Divieto di presenza dei minori durante le riunioni PAG. 5 Art Divieto di accesso degli animali PAG. 6 Art Assemblee sindacali e scioperi del personale docente PAG. 6 Art Uscite e visite guidate, viaggi d istruzione PAG. 6 Art Norme di sicurezza e polizza assicurativa PAG. 6 Art Regole interne PAG. 7 Art Regolamento e sanzioni disciplinari PAG. 7 Art Distribuzione del materiale informativo PAG. 7 Art Norme igieniche e rispetto dei luoghi pubblici PAG. 7 Art Criteri per la formazione delle classi e delle sezioni PAG. 8 2

3 Art. 1 - Organizzazione didattica 1. Scuola dell infanzia a) L orario di funzionamento delle scuole dell Infanzia viene deciso annualmente dal Consiglio di Circolo. b) L attività giornaliera è prevista di regola in 8 ore. c) Orario di funzionamento: - dalle ore 8.30 alle ore 9.00 entrata generale - dalle ore alle ore uscita antimeridiana - dalle ore alle ore uscita intermedia - dalle ore alle ore uscita pomeridiana d) Turni mensa: Scuola dell Infanzia Gandhi : I turno: 11,45-12,15 II turno: Scuola dell Infanzia Balducci (plesso verde): I turno: II turno: Scuola dell Infanzia Balducci (plesso giallo): Tutte le sezioni pranzano in classe e rispettano il seguente orario: Scuola Primaria a) L orario di funzionamento della Scuola Primaria viene approvato annualmente dal Consiglio di Circolo. b) L ingresso e l uscita degli alunni sono previsti con le seguenti modalità: Scuola Balducci Entrata ore per il II ciclo ore per il I ciclo Uscita ore per il II ciclo Ore per il I ciclo Scuola Bortolotti Entrata ore per il I ciclo ore per il II ciclo Uscita ore per il I ciclo ore per il II ciclo c) Turni mensa: Scuola Balducci e Bortolotti: I turno: II turno: III turno: Art. 2 - Modalità ingresso e uscita 1. Scuola dell Infanzia a) I bambini saranno accompagnati e ripresi dai genitori nelle rispettive sezioni negli orari stabiliti per i tempi di entrata ( ) e di uscita ( ); i genitori non devono sostare oltre il tempo necessario nei locali scolastici, onde evitare spiacevoli episodi e intralciare le normali attività didattiche. b) Per le altre uscite ( e ) i bambini verranno ripresi dai genitori nell atrio delle rispettive scuole. c) L orario di uscita antimeridiano ed intermedio deve essere comunicato e firmato all ingresso del bambino in sezione. 2. Scuola Primaria a) I genitori accompagneranno gli alunni all ingresso principale. I docenti attenderanno gli alunni sulla porta delle proprie aule. 3

4 Ai collaboratori scolastici e al personale della ditta Dussmann in servizio nei vari plessi è affidato il compito di vigilanza sugli alunni nell ingresso e nei corridoi di accesso alle aule. Non è consentito l accesso dei genitori nei locali scolastici. Gli operatori del pre-scuola al suono della campanella di fine attività, accompagneranno gli alunni fino all ingresso, in modo da consentire ai collaboratori scolastici ed al personale della ditta Dussmann la necessaria vigilanza. I docenti, alla fine delle lezioni, accompagneranno gli alunni all uscita, dove verranno affidati ad un componente della famiglia o a persona delegata, oppure, per gli alunni che usufruiscono del pulmino comunale, al personale della ditta Dussmann che provvederà ad accompagnarli sul mezzo di trasporto. b) In caso di mancata presenza dei genitori all uscita, la scuola si attiverà con le seguenti modalità: - contatterà la famiglia ai numeri di telefono comunicati in segreteria; - in caso di irreperibilità dei familiari, informerà le autorità pubbliche. c) Nel caso siano persone diverse dai genitori a prelevare il bambino all uscita, dovrà essere stata consegnata, agli insegnanti di classe, la delega con fotocopia del documento del delegato. Nel caso di persona delegata che solo saltuariamente prenda il bambino all uscita, la famiglia comunicherà alle insegnanti, per scritto, che il minore sarà prelevato dal delegato. d) Nel caso di contrattempi che impediscano l arrivo nell orario previsto, i genitori avranno cura di avvertire telefonicamente la scuola e comunicare le modalità dell uscita. Art. 3 - Uscite degli alunni durante l orario scolastico 1. Non si autorizzano, se non per validi motivi, uscite anticipate degli alunni, sia al mattino che al pomeriggio. 2. In caso di gravi motivi gli alunni possono lasciare la scuola anticipatamente solo se ritirati personalmente dai genitori (o da persona appositamente delegata), dopo aver compilato e sottoscritto la richiesta di uscita anticipata nel registro apposito predisposto in portineria. 3. Gli alunni che non usufruiscono del servizio mensa, saltuariamente o sistematicamente, usciranno al termine delle lezioni antimeridiane e rientreranno per le lezioni pomeridiane, con regolare richiesta scritta dei genitori (vedi modulo in segreteria da rinnovare ogni anno) secondo i seguenti orari: Scuola dell Infanzia: uscita e rientro dalle alle Scuola Primaria Balducci: per le classi prime e seconde uscita ore e rientro ore 13.30, per le classi terze, quarte e quinte uscita ore e rientro ore Scuola Primaria Bortolotti: per le classi seconde uscita ore e rientro ore 13.30, per le classi prime, terze, quarte e quinte uscita ore e rientro ore Art. 4 - Servizio pre-scuola e trasporto 1. Il servizio pre-scuola nelle Scuole Primarie è gestito dalla Amministrazione Comunale. 2. Il trasporto scolastico viene attivato, nei limiti del possibile, nel rispetto delle esigenze didattiche: Scuola dell Infanzia a) uscita pomeridiana ore 15.25: gli alunni saranno affidati al personale della Ditta Dussmann, che passerà da ogni sezione per accompagnarli al pulmino. Scuola Primaria a) prima uscita pomeridiana ore scuola primaria Balducci: gli alunni saranno affidati al personale della Ditta Dussmann, che passerà da ogni classe, per accompagnarli al pulmino. b) seconda uscita pomeridiana ore scuola primaria Balducci: gli alunni saranno affidati al personale della Ditta Dussmann, che passerà da ogni classe, per accompagnarli al pulmino. c) uscita pomeridiana ore scuola primaria Bortolotti: gli alunni saranno affidati al personale della Ditta Dussmann, che passerà da ogni classe, per accompagnarli al pulmino. Art. 5 - Ritardi 1. Ogni ritardo deve essere considerato eccezionale, poiché costituisce interruzione dell attività didattica. 2. I ritardi devono essere ogni volta giustificati dal genitore su apposito registro, predisposto dalla Direzione, giacente in portineria. Tale registro viene trasmesso in segreteria. Si invitano i genitori ad 4

5 essere rigorosamente puntuali, anche nell'orario di uscita. In caso di ritiro del bambino in ritardo al momento dell'uscita, gli alunni delle scuole dell infanzia e primarie saranno affidati esclusivamente ai genitori, oppure a persone maggiorenni autorizzate dagli stessi, con delega scritta (per l identificazione sarà richiesto anche un documento). 3. Non sarà possibile, in ogni caso, affidare un bambino a minori. Art. 6 - Materiale didattico Gli alunni sono tenuti ad avere tutto il materiale didattico necessario al momento dell ingresso a scuola. Allo scopo di educare il bambino all autonomia e alla responsabilità ed evitare l interruzione delle lezioni, non è consentito far recapitare agli alunni materiale didattico o altro durante l orario scolastico. Art. 7 - Assenze 1. Le assenze, anche solo di un giorno, devono essere giustificate per scritto. 2. In caso di assenze per malattie superiori a 5 giorni, compresi sabato e domenica, è obbligatoria la presentazione del certificato medico, attestante l avvenuta guarigione (il rientro a scuola il 6 giorno non richiede certificato). I giorni festivi sono conteggiati solo se sono a cavallo del periodo di malattia. Nel calcolo dei giorni di assenza non vanno considerati i giorni delle vacanze. 3. Nel caso in cui il bambino venga mandato a casa per febbre si richiede al genitore di riguardarlo anche il giorno dopo. 4. Le assenze per motivi diversi da quelli di salute vanno comunicate in anticipo alle insegnanti e sempre giustificate. 5. I docenti segnaleranno in Direzione i casi di alunni con assenze prolungate (oltre 15 giorni per la scuola primaria, oltre i 30 giorni per la scuola dell infanzia) o ricorrenti o non giustificate. 6. Nella Scuola dell Infanzia, dopo 30 giorni di assenza ingiustificata, verranno avvertiti i genitori che la continuazione della situazione di assenza eliminerà il diritto di mantenimento del posto, con le conseguenze relative. 7. Se l assenza è dovuta a motivi di salute, il certificato medico dovrà essere presentato quanto prima. 8. In caso di infortunio la certificazione di prognosi sarà considerata documento utile per la conservazione del posto. 9. Alunni con referti medici con indicazione di una prognosi in seguito ad eventi esterni o interni alla scuola: per la riammissione anticipata, rispetto al periodo di prognosi di guarigione indicata, è necessario un certificato dove sia specificato che, da un punto di vista medico, non ci sono ostacoli a che l alunno possa frequentare le lezioni. Il certificato non è richiesto se tale indicazione è contenuta nel referto medico relativo all incidente. Art. 8 - Accesso ai locali scolastici di estranei e genitori 1. Durante l orario delle attività didattiche non è ammessa per alcun motivo la presenza di estranei e genitori nei locali scolastici, ad esclusione dei casi in cui un genitore debba ritirare anticipatamente il figlio o giustificarne un ritardo. 2. In ogni caso il genitore dovrà attendere in portineria eventuali comunicazioni dell insegnante. 3. Quando, per motivi urgenti, gli insegnanti e i genitori abbiano necessità di comunicare potranno farlo, in orario extrascolastico, previa richiesta formulata nel quaderno di comunicazione scuolafamiglia o sul diario. 4. Per motivi di sicurezza non è consentito ai genitori di trattenersi nei locali scolastici e nelle aree di loro pertinenza se non autorizzati dalla Direzione. 5. E tassativamente proibito l uso dei telefoni cellulari all interno dei locali scolastici. 6. Non è consentito ai genitori telefonare, se non per motivi gravi e urgenti, a scuola. In ogni caso la comunicazione verrà presa dal personale di portineria. 7. E consentito l accesso di operatori esterni in orario scolastico al fine di effettuare precisi interventi didattici inerenti le progettualità previste dal POF-POFT. 8. E' consentito l'accesso a figure di esperti per effettuare attività inerenti alla programmazione delle classi, previa compilazione di apposito modulo. Art. 9 - Divieto di presenza dei minori durante le riunioni Non è consentita la presenza degli alunni durante le riunioni ed i colloqui individuali con gli insegnanti, se presenti, solo per motivi eccezionali, gli alunni devono essere sempre sotto la stretta sorveglianza dei genitori. 5

6 Art Regole per l accesso degli animali L accesso ai cani nei plessi scolastici è possibile secondo le norme previste dalla Legge della Regione Toscana N 59 del 2009 (" norme a tutela degli animali ) art. 21 e art. 22 e in base alle regole della civile convivenza. I cani possono entrare all interno dei plessi scolastici muniti di museruola e al guinzaglio e limitatamente alla portineria. Per quanto riguarda l ingresso degli animali a scopo didattico, l accesso è consentito con le seguenti modalità: Gli animali devono essere in buone condizioni di salute e tenuti in gabbia, nei casi previsti; Per l accesso è necessario l accordo con tutti i genitori della classe/sezione e non devono essere presenti alunni affetti da allergie. Art Assemblee sindacali e scioperi del personale docente Per quanto riguarda assemblee sindacali e scioperi del comparto scuola, si attueranno la procedure previste dalla vigente normativa. Art Uscite e visite guidate, viaggi d istruzione Per tutto quanto riguarda le uscite, le visite guidate, i viaggi di istruzione, parte integrante della attività educativa didattica della scuola, si fa riferimento alla normativa vigente ( CM 291 del e C M 623 del ) e al Regolamento delle uscite del 3 Circolo, ricordando quanto segue: - partecipazione di almeno 2/3 degli alunni - un docente accompagnatore ogni 15 alunni In caso di uscita didattica, l orario resta invariato Art Norme di sicurezza e polizza assicurativa 1. I docenti, al fine di garantire la vigilanza sugli alunni, sono tenuti a rispettare le seguenti disposizioni: a) essere presenti nel plesso cinque minuti prima dell inizio delle lezioni; b) accompagnare la scolaresca in modo ordinato fino all uscita dell edificio scolastico, controllando la regolare consegna al personale di custodia preposto ad accompagnare sul mezzo di trasporto tutti gli alunni che utilizzano il servizio di pulmino comunale o assicurando l affidamento degli alunni ad un componente della famiglia o a persona da essa delegata comunque maggiorenne; c) sorvegliare con cura gli alunni durante gli spostamenti nei locali scolastici; d) assicurare, durante l intervallo, alle cui modalità si rimanda vedi voce regole interne - un attenta vigilanza, attivando strategie ed interventi con precisi intenti educativi; e) organizzare le attività didattiche in modo da evitare per gli alunni un carico eccessivo nella cartella; 2. Solo in casi eccezionali e per breve tempo può essere affidata la scolaresca al personale della ditta Dussmann o ai collaboratori scolastici in servizio nel plesso; 3. In caso di assenza del titolare di classe, in attesa dell arrivo del docente supplente, l insegnante collaboratore di plesso è tenuto a predisporre la vigilanza sugli alunni; 4. Il personale di custodia deve garantire la sorveglianza della porta al momento dell ingresso e dell uscita degli alunni e comunque durante lo svolgimento della giornata scolastica, al fine di poter controllare l accesso ai locali scolastici di persone esterne; 5. Il personale di custodia deve garantire la sorveglianza dei bagni, durante la ricreazione del mattino e del pomeriggio; 6. Nell anno scolastico 2014/2015 gli alunni del 3 Circolo sono coperti da polizza assicurativa per la responsabilità civile e gli infortuni della Compagnia di Assicurazione ZURICH; 7. Per qualsiasi infortunio, anche di lieve entità, occorre presentare denuncia consegnando in Direzione entro 24 ore, una relazione dettagliata e l apposito modulo giacente in segreteria; 8. Quando si verifica un infortunio tale da non poter essere risolto con semplici interventi degli operatori scolastici, si deve: - chiedere l eventuale intervento del contattare telefonicamente la famiglia (a tal proposito si ricorda che i genitori devono obbligatoriamente fornire, all inizio dell anno scolastico, tutti i numeri telefonici necessari ad effettuare una veloce comunicazione in casi di emergenza e i genitori devono essere sempre raggiungibili) - informare la Direzione Didattica; 9. Nei casi di estrema gravità ed in assenza dei familiari, l insegnante di classe accompagnerà l alunno, avendo cura di predisporre un adeguata vigilanza per classe; 6

7 10. Nessun tipo di medicinale può essere somministrato ai bambini, tranne i casi previsti e disciplinati dalla normativa vigente; 11. Si ricorda che in qualsiasi momento dello svolgimento dell attività didattica, la responsabilità didattica e di vigilanza rimane comunque affidata sempre ed esclusivamente ai docenti. Art. 14 Regole interne 1. Durante la giornata scolastica, all interno dei locali della scuola, è obbligo per le insegnanti e per gli alunni, rispettare le seguenti norme: a) usare i locali comuni rispettando gli orari concordati all inizio dell anno scolastico e lasciandoli in ordine e disponibili per l uso del gruppo successivo; b) usare il materiale comune con attenzione e riporlo dopo l utilizzo; c) evitare, durante lo svolgimento delle lezioni, comportamenti che impediscano od ostacolino le attività didattiche delle altre classi; d) sorvegliare e regolare i giochi durante la ricreazione; 2. E vietato fare ricreazione nei corridoi; 3. Durante la ricreazione è vietato il gioco del calcio e l uso di qualunque tipo di palla, sia all esterno che all interno dell edificio scolastico; 4. L intervallo si svolge possibilmente negli spazi esterni presenti in ogni plesso; in caso di maltempo viene effettuato in classe. Orario dell intervallo: - dalle ore 10,30 alle 10,50; - dalla fine del pranzo alle ore per le classi del I turno mensa e alle ore per le classi del II e del III turno mensa (BALDUCCI e BORTOLOTTI) 5. Nella scuola primaria è obbligatorio l uso del grembiule dal 1 ottobre al 30 aprile; dopo tale data l abbigliamento degli alunni dovrà essere idoneo all ambiente. E vietato l uso di scarpe aperte per motivi di sicurezza sia alla scuola primaria che alla scuola dell infanzia. 6. Non è consentito l uso del telefono cellulare (C.M. n del 25/08/98); 7. L utilizzo del telefono della scuola è normalmente riservato alle sole esigenze degli alunni e/o necessità inerenti all attività didattica; 8. Le insegnanti non possono allontanarsi dalla classe per rispondere a telefonate dei genitori; 9. Nei locali scolastici e nelle aree all aperto di pertinenza delle istituzioni scolastiche vige il divieto di fumo. E inoltre vietato l uso delle sigarette elettroniche nei locali chiusi (Legge n. 584 all art. 51 della Legge , come integrato dall art. 4 decreto legge 9 settembre 2013, n. 104). Art Regolamento e sanzioni disciplinari La scuola è luogo di formazione e di educazione mediante lo studio, l acquisizione delle conoscenze e lo sviluppo della coscienza critica. La vita della comunità scolastica si basa sulla libertà di espressione, di pensiero, di coscienza e di religione, sul rispetto reciproco di tutte le persone che la compongono, quale sia la loro età e condizione, nel ripudio di ogni barriera ideologica, sociale e culturale. In caso di comportamento in contrasto con quanto previsto, si procederà discrezionalmente con le seguenti sanzioni in ordine di gravità: 1. richiamo verbale da parte del docente; 2. ammonizione scritta sul quaderno delle comunicazioni da parte del docente; 3. richiamo verbale da parte del Preside; 4. comunicazione scritta del Preside alla famiglia. Art Distribuzione del materiale informativo 1. Nessun tipo di materiale informativo o pubblicitario potrà essere distribuito nella scuola senza la preventiva autorizzazione della Direzione e, negli spazi esterni adiacenti all edificio scolastico, non è consentito esercitare alcuna attività a carattere pubblicitario. 2. Durante lo svolgimento delle lezioni non è ammessa la presentazione di materiale didattico da parte di rappresentanti di Case Editrici. Art Norme igieniche e rispetto dei luoghi pubblici 1. Si raccomanda di esigere dagli alunni il rispetto delle più elementari norme igieniche e l uso conveniente dei servizi. 7

8 2. In riferimento alle problematiche connesse con la pediculosi, si fa riferimento alla circolare n del 13/12/2005 emanata dalla U.F. Igiene e Sanità Pubblica, Dipartimento della Prevenzione della Azienda Sanitaria di Firenze, distribuita nei vari plessi e contenente le indicazioni operative da attuare da parte della scuola e dei genitori. Art Criteri per la formazione delle classi e delle sezioni Nel rispetto dei criteri generali indicati dal Consiglio di Circolo e di seguito riportati: trasparenza delle operazioni gruppi-classe tra loro equivalenti pari opportunità a tutti le sezioni e le classi vengono formate secondo i criteri seguenti: Criteri per la formazione delle classi prime: 1. rispetto dei gruppi omogenei forniti dalle insegnanti dell infanzia 2. indicazioni di compatibilità riguardanti i bambini certificati o ritenuti gravi 3. equa distribuzione dei bambini per classe in base a: a. numero totale dei bambini b. bambini diversamente abili o in particolari situazioni di disagio segnalati per iscritto dai servizi sociali c. bambini anticipatari d. bambini con problemi di comportamento e/o apprendimento (punteggio da 1-maggiore difficoltà- a 3-minore difficoltà- assegnato dalle insegnanti dell infanzia) e. numero dei bambini stranieri f. numero maschi femmine 4. separazione dei fratelli gemelli 5. nel rispetto di quanto sopra-elencato, saranno prese in considerazioni eventuali richieste delle famiglie, motivate e se non in contrasto con i punti precedenti Criteri per la formazione delle sezioni scuola dell infanzia: 1. rispetto dei gruppi forniti dagli educatori dell asilo nido salvo situazioni particolari connesse al numero dei posti disponibili e al rispetto dei criteri successivi 2. privilegiare la formazione di sezioni omogenee per età nei plessi Balducci giallo e verde (qualora ciò non fosse possibile si cerca di tutelare la vicinanza di età: 3-4 anni, 4-5 anni); privilegiare le formazione si sezioni eterogenee per età nel plesso Gandhi con l equilibrio numerico tra le diverse età (3,4,5 anni) 3. equa distribuzione dei bambini per classe in base a: a. numero totale dei bambini per sezione b. bambini diversamente abili o in particolari situazioni di disagio segnalati per iscritto dai servizi sociali c. numero maschi- femmine d. numero dei bambini stranieri 4. separazione dei fratelli gemelli salvo particolari situazioni segnalate per iscritto da specialisti 5. nel rispetto di quanto sopra-elencato saranno prese in considerazione eventuali richieste delle famiglie, motivate e se non in contrasto con i punti precedenti Modalità organizzative Le classi prime della scuola primaria verranno formate dal Dirigente Scolastico che si avvale della collaborazione di una commissione appositamente costituita e formata da docenti delle classi I, II, III, IV, referenti di plesso, le FS per la continuità e per il PAI e dai docenti delle sezioni dei 5 anni. Le sezioni della scuola dell infanzia verranno formate dai docenti delle sezioni dei 5 anni in collaborazione con l insegnante referente del progetto inserimento soft, le FS per la continuità e per il PAI. L abbinamento dei gruppi-classe alle sezioni verrà fatto a cura del Dirigente Scolastico, tenendo conto della situazione in organico dei docenti. IL DIRIGENTE SCOLASTICO (Prof.ssa Rita Carraresi) 8

REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA Entrata 8.10 8.15 Chiusura cancelli: 8.20 Ingresso Gli alunni non possono accedere nei locali scolastici se non 5 minuti prima dell inizio delle lezioni. L ingresso

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO VIA F.SANTI, 65 ROMA. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DELIBERATO DAL CdI DEL 24 SETTEMBRE 2014

REGOLAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO VIA F.SANTI, 65 ROMA. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DELIBERATO DAL CdI DEL 24 SETTEMBRE 2014 ISTITUTO VIA F. SANTI 65 Allegato Principi generali 1. Nel rispetto della normativa vigente in materia, il presente regolamento intende disciplinare il funzionamento dei servizi scolastici erogati dalle

Dettagli

il seguente regolamento con il fine di indicare le regole per creare nell'istituto un sereno ed ordinato ambiente di vita scolastica.

il seguente regolamento con il fine di indicare le regole per creare nell'istituto un sereno ed ordinato ambiente di vita scolastica. ISTITUTO VIA F. SANTI 65 IL CONSIGLIO D ISTITUTO VISTO l art. 10, comma 3, lettera a) del T.U. 16/4/94, n. 297; VISTI gli artt. 8 e 9 del DPR 8/3/99, n. 275; VISTO il D.I. 01/02/2001, n. 44; VISTO IL POF

Dettagli

Oggetto: principali disposizioni regolamentari relative al funzionamento dell Istituto

Oggetto: principali disposizioni regolamentari relative al funzionamento dell Istituto Ai Sigg. Genitori della Scuola Primaria Oggetto: principali disposizioni regolamentari relative al funzionamento dell Istituto Si portano a conoscenza dei genitori degli alunni iscritti alla Scuola Primaria

Dettagli

SCUOLE DELL INFANZIA DI CORZANO E LONGHENA REGOLAMENTO DI PLESSO ANNO SCOLASTICO 2015/2016

SCUOLE DELL INFANZIA DI CORZANO E LONGHENA REGOLAMENTO DI PLESSO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLE DELL INFANZIA DI CORZANO E LONGHENA REGOLAMENTO DI PLESSO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 1.ORARIO SCOLASTICO L orario delle lezioni è il seguente: CORZANO LONGHENA Entrata dalle ore 8.05 alle 9.00 Entrata

Dettagli

VIGILANZA ALUNNI ORGANIZZAZIONE ENTRATA ED USCITA DEGLI ALUNNI, CAMBIO ORA, INTERVALLO.

VIGILANZA ALUNNI ORGANIZZAZIONE ENTRATA ED USCITA DEGLI ALUNNI, CAMBIO ORA, INTERVALLO. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale A.Moro di SERIATE Corso Roma, 37 24068 SERIATE (BG) Tel. 035.295297 Fax 035.4240539 @-mail: bgic876002@istruzione.it

Dettagli

Regolamento di Istituto

Regolamento di Istituto Regolamento di Istituto Art. 1 Criteri per la formazione delle classi Classi prime La commissione, designata dal Collegio dei Docenti, opererà secondo i seguenti criteri: Rispetto della scelta del genitore

Dettagli

-ingresso, per la scuola primaria, ore 8.30. -ingresso, per la scuola dell infanzia, è dalle 8.00 alle 9.00.

-ingresso, per la scuola primaria, ore 8.30. -ingresso, per la scuola dell infanzia, è dalle 8.00 alle 9.00. ISTITUTO VIA F. SANTI 65 IL CONSIGLIO D ISTITUTO VISTO l art. 10, comma 3, lettera a) del T.U. 16/4/94, n. 297; VISTI gli artt. 8 e 9 del DPR 8/3/99, n. 275; VISTO il D.I. 01/02/2001, n. 44; VISTO IL POF

Dettagli

Circ. n. 13 Prot. n 4485/A39 Montebello Vic.no, 23.09.2014 IAF/rc

Circ. n. 13 Prot. n 4485/A39 Montebello Vic.no, 23.09.2014 IAF/rc Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI MONTEBELLO VICENTINO (VI) 36054 - MONTEBELLO VIC.NO - Via G. Gentile, 7 Tel. 0444/649086 - Fax 0444/649016 - e-mail:

Dettagli

LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006

LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006 LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006 REGOLAMENTO D ISTITUTO La Costituzione repubblicana, lo Statuto delle studentesse e degli studenti e il Regolamento dell autonomia delle Istituzioni

Dettagli

PROCEDURA DEL SISTEMA QUALITA. NORME UNI EN ISO 9001:2008 Data 28/01/2015 Pag. 1 di 6 CONTROLLO E SICUREZZA DEGLI ALUNNI

PROCEDURA DEL SISTEMA QUALITA. NORME UNI EN ISO 9001:2008 Data 28/01/2015 Pag. 1 di 6 CONTROLLO E SICUREZZA DEGLI ALUNNI NORME UNI EN ISO 9001:2008 Data 28/01/2015 Pag. 1 di 6 CONTROLLO E DEGLI ALUNNI Indice 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA' 4. PROCEDURA 4.1 Rilascio del diario 4.2 Assenze 4.2.1 Assenze

Dettagli

Asilo infantile T. A. GALIMBERTI

Asilo infantile T. A. GALIMBERTI La scuola dell Infanzia T.A. Galimberti ha come fine l educazione integrale dei bambini. Per un miglior funzionamento dei diversi momenti dell attività scolastica, riteniamo opportuno esplicitare alcune

Dettagli

1. Modalità per la vigilanza degli alunni durante l ingresso, l uscita e la permanenza a scuola.

1. Modalità per la vigilanza degli alunni durante l ingresso, l uscita e la permanenza a scuola. REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA 1. Modalità per la vigilanza degli alunni durante l ingresso, l uscita e la permanenza a scuola. 1.1 La presenza degli alunni è obbligatoria, oltre che alle lezioni, a

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA , 20060 (MI) - Segreteria: 029566167 e Fax 029567005 -Fax Fax REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA Art.1. La scuola in collaborazione con le famiglie, svolge un azione educativa volta a dotare gli alunni

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER. Oggetto : Informazioni e disposizioni sulla vita della scuola.

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER. Oggetto : Informazioni e disposizioni sulla vita della scuola. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER ISTITUTO TECNICO : Elettrotecnica, Informatica, Meccanica e Meccatronica LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE Via Berchet 2-20900 Monza 039324607 - Fax 039322122

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE Via Potenza 85028 Rionero in Vulture (PZ)

DIREZIONE DIDATTICA STATALE Via Potenza 85028 Rionero in Vulture (PZ) DIREZIONE DIDATTICA STATALE Via Potenza 85028 Rionero in Vulture (PZ) P I C C O L O V A D E M E C U M P E R I G E N I T O R I D E G L I A L U N N I - S C U O L A P R I M A R I A Finalità della Scuola La

Dettagli

DISPOSIZIONI GENERALI IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DELLA VIGILANZA DEGLI ALUNNI a.s. 2015/16

DISPOSIZIONI GENERALI IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DELLA VIGILANZA DEGLI ALUNNI a.s. 2015/16 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Antonio Genovesi SAIC87700C Via Domenico Amato, 2 c.a.p. 84099 SAN CIPRIANO PICENTINO (SA) Tel.e Fax 089861753 e.mail : saic87700c@istruzione.it www.icsanciprianopicentino.gov.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO Anni scolastici 2010/2011-2011/2012 2012/2013 Approvato con delibera n. 17 del Consiglio di Istituto del 23/11/2010 ( Validità triennale ) In considerazione del

Dettagli

Regolamento di Istituto

Regolamento di Istituto Regolamento di Istituto 1. L iscrizione o la riconferma dell alunno è annuale ed è di competenza della Direzione della Scuola. Il termine per l iscrizione alla Scuola dell Infanzia e alla classe prima

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO REGOLAMENTO D ISTITUTO Parte istituzionale Art. 1 OFFERTA FORMATIVA A novembre - dicembre, ogni Scuola programma attraverso la Commissione POF dell istituto, il Piano dell offerta formativa per l a.s.

Dettagli

Per tutto quanto non contemplato dal presente Regolamento d Istituto, si farà riferimento alle Leggi e ai Regolamenti nazionali e regionali vigenti.

Per tutto quanto non contemplato dal presente Regolamento d Istituto, si farà riferimento alle Leggi e ai Regolamenti nazionali e regionali vigenti. b) Nel caso di messaggi scritti dei genitori trasmessi a scuola mediante figli per comunicare tra loro, secondo le norme vigenti, tali messaggi dovranno essere resi noti e autorizzati preventivamente dal

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado M.E.Lepido. Presenza dei genitori a scuola anno scolastico 2014-2015

Scuola Secondaria di Primo Grado M.E.Lepido. Presenza dei genitori a scuola anno scolastico 2014-2015 ISTITUTO COMPRENSIVO "MARCO EMILIO LEPIDO" Via Premuda 34 - REGGIO EMILIA Tel. e Fax. 0522/301282-0522/300221 E-mail: segretlep@tin.it (segreteria) - Sito internet: www.iclepido.gov.it Scuola Secondaria

Dettagli

REGOLAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015

REGOLAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 REGOLAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 - 1 - INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo 8 Articolo 9 Articolo 10 Articolo 11 Articolo 12 Articolo 13 Articolo

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO NELL AMBITO DEI SERVIZI COMUNALI PER LA PRIMA INFANZIA (Approvate con Determinazione n. 1719 del 27 agosto 2013)

NORME DI COMPORTAMENTO NELL AMBITO DEI SERVIZI COMUNALI PER LA PRIMA INFANZIA (Approvate con Determinazione n. 1719 del 27 agosto 2013) NORME DI COMPORTAMENTO NELL AMBITO DEI SERVIZI COMUNALI PER LA PRIMA INFANZIA (Approvate con Determinazione n. 1719 del 27 agosto 2013) I servizi comunali per la prima infanzia sono luoghi educativi dove

Dettagli

- La scuola è aperta dal mese di settembre al mese di giugno in piena sintonia con il calendario scolastico regionale;

- La scuola è aperta dal mese di settembre al mese di giugno in piena sintonia con il calendario scolastico regionale; REGOLAMENTO INTERNO DELLA SCUOLA PRIMARIA Art. 1 Funzionamento della scuola - La scuola è aperta dal mese di settembre al mese di giugno in piena sintonia con il calendario scolastico regionale; - L orario

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO EMANUELE ARTOM

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO EMANUELE ARTOM SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO EMANUELE ARTOM R E G O L A M E N T O anno scolastico 2009/2010 ORARIO SCOLASTICO inizio delle lezioni : lunedì, martedì e giovedì alle ore 8.20 mercoledì e venerdì alle

Dettagli

Istituto Comprensivo P.D. Pollidori Fossacesia

Istituto Comprensivo P.D. Pollidori Fossacesia Istituto Comprensivo P.D. Pollidori Fossacesia Delibera Collegio dei Docenti scuola dell infanzia D 90 del 10.12.2009 Delibera Consiglio d Istituto n. 22 del 3.2.2010 e Delibera n. 8 del 17.02.2012 INDICE

Dettagli

CAPO V ALUNNI. Norme di comportamento

CAPO V ALUNNI. Norme di comportamento CAPO V ALUNNI Art. 8 Norme di comportamento 1. Gli alunni sono tenuti ad avere, nei confronti del Dirigente Scolastico, dei docenti, di tutto il personale e dei compagni, un atteggiamento rispettoso della

Dettagli

R E G O L A M E N T O A S S E N Z E, R I T A R D I E U S C I T E A N T I C I P A T E D E G L I A L U N N I

R E G O L A M E N T O A S S E N Z E, R I T A R D I E U S C I T E A N T I C I P A T E D E G L I A L U N N I ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GONNESA Via Dettori, 10-09010 Gonnesa -CI Tel. e Fax 0781/45018 Codice Fiscale 90016590920- cod. meccanografico CAIC81400E e-mail caic81400e@istruzione.it CAIC81400E@Pec.istruzione.it

Dettagli

CIRCOLARE N. 13. Disposizioni sulla vigilanza. La vigilanza sugli alunni fa parte degli obblighi di servizio degli insegnanti.

CIRCOLARE N. 13. Disposizioni sulla vigilanza. La vigilanza sugli alunni fa parte degli obblighi di servizio degli insegnanti. CIRCOLARE N. 13 - Ai Sigg. Docenti (Copia individuale) e ai Collaboratori del D.S. - DSGA(Copia individuale) - Segreteria (Copia individuale) - Ai Collaboratori Scolastici (Copia individuale) - ALBO sede/succursale

Dettagli

Durante i periodi di sospensione delle attività didattiche i colloqui docenti-genitori non si svolgono.

Durante i periodi di sospensione delle attività didattiche i colloqui docenti-genitori non si svolgono. Carate Brianza, 13 settembre 2013 Comunicazione interna n. 15 agli studenti e ai loro genitori ai docenti al personale ATA Oggetto: Comunicazioni per l anno scolastico 2013-2014 1. COLLOQUI DOCENTI GENITORI

Dettagli

SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE

SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE ISTITUTO COLLEGIO DIMESSE PADOVA SCUOLE D INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA DI I GRADO SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE Premessa. Le scuole dell Istituto sono una comunità educante impegnata a collaborare con le

Dettagli

Ai docenti e ai collaboratori scolastici Loro sedi Sito web. Comunicazione n. 2 ISTRUZIONI OPERATIVE ACCOGLIENZA E VIGILANZA ALLIEVI

Ai docenti e ai collaboratori scolastici Loro sedi Sito web. Comunicazione n. 2 ISTRUZIONI OPERATIVE ACCOGLIENZA E VIGILANZA ALLIEVI M.I.U.R - Ufficio scolastico Regionale per il Lazio Via Luchino Dal Verme, 109 00176 Roma XIV Distretto - C.M. RMIC8EV004- C.F. 97713260582 tel/fax 06-21701558 RMIC8EV004@istruzione.it Sede Scuola secondaria

Dettagli

ai docenti al personale ATA

ai docenti al personale ATA Carate Brianza, 11 settembre 2015 Circolare interna n. 16 agli studenti e ai loro genitori ai docenti al personale ATA Oggetto: Comunicazioni per l anno scolastico 2015-2016 1. FORME DI COMUNICAZIONE Tutte

Dettagli

Circ. n.6 alunni San Zenone degli Ezzelini, 15 /09/2014

Circ. n.6 alunni San Zenone degli Ezzelini, 15 /09/2014 SAN ZENONE DEGLI EZZELINI Via A.Canova,2 Tel. 0423/567080 Fax0423/964574 e-mail tvic862003@istruzione.it TVIC862003@pec.istruzione.it - sito web www.comprensivosanzenone.gov.it CM.TVIC862003 CF.92026890266

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO

SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO REGOLAMENTO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ART. 1 NORME DI COMPORTAMENTO OGNI ALUNNO È TENUTO AL MASSIMO RISPETTO DELLE PERSONE E DELL AMBIENTE

Dettagli

REGOLAMENTO TRIENNIO 2014 2017 18/08/2014 SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SACRA FAMIGLIA VIA SALUGA 7 38121 TRENTO

REGOLAMENTO TRIENNIO 2014 2017 18/08/2014 SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SACRA FAMIGLIA VIA SALUGA 7 38121 TRENTO 18/08/2014 REGOLAMENTO TRIENNIO 2014 2017 SCUOLA PRIMARIA PARITARIA VIA SALUGA 7 38121 TRENTO PREMESSA Le norme scritte in questo documento mirano a regolare la vita interna della Scuola primaria paritaria

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA CATERINA CITTADINI SUORE ORSOLINE DI SOMASCA VIA GRAN PARADISO, 31 00139 ROMA. Regolamento interno

SCUOLA DELL INFANZIA CATERINA CITTADINI SUORE ORSOLINE DI SOMASCA VIA GRAN PARADISO, 31 00139 ROMA. Regolamento interno SCUOLADELL INFANZIA CATERINACITTADINI SUOREORSOLINEDISOMASCA VIAGRANPARADISO,31 00139ROMA Regolamento interno REGOLAMENTO INTERNO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA E PATTO SOCIALE DI CORRESPONSABILITA TRA SCUOLA

Dettagli

` Ç áàxüé wxääë\áàüâé ÉÇx? wxääëhç äxüá àõ x wxäät e vxüvt

` Ç áàxüé wxääë\áàüâé ÉÇx? wxääëhç äxüá àõ x wxäät e vxüvt ` Ç áàxüé wxääë\áàüâé ÉÇx? wxääëhç äxüá àõ x wxäät e vxüvt SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO D ALESSANDRO VOCINO VIA DEI SANNITI, 12 TEL./FAX 0882/473974 71015 SAN NICANDRO GARGANICO (FG) COD. MECC. FGMM141008;

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI REVELLO SCUOLA PRIMARIA REVELLO - ENVIE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI REVELLO SCUOLA PRIMARIA REVELLO - ENVIE ISTITUTO COMPRENSIVO DI REVELLO SCUOLA PRIMARIA REVELLO - ENVIE ISCRIZIONI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OFFERTA FORMATIVA Ogni alunno ha diritto ad un intervento educativo e didattico che rispetti la sua

Dettagli

Ai Docenti Ai Collaboratori scolastici Al DSGA Al sito web

Ai Docenti Ai Collaboratori scolastici Al DSGA Al sito web Scuola Secondaria di primo grado «A. Criscuolo» Via M. Ferrante n. 6-84016 - Pagani (Salerno) Tel. & Fax 081/916424 Autonomia Scolastica 57 www.scuolacriscuolopagani.gov.itt e-mail: samm13400c@istruzioni.it

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. Cena

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. Cena MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. Cena Via Lepanto 2 04100 Latina 0773 695393 fax 0773 471618 Sito: www.scuolacenalt.eu ltic847002@istruzione.it

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE S.G. BOSCO CAMPOBELLO DI LICATA REGOLAMENTO INTERNO A.S. 2012/2013

DIREZIONE DIDATTICA STATALE S.G. BOSCO CAMPOBELLO DI LICATA REGOLAMENTO INTERNO A.S. 2012/2013 DIREZIONE DIDATTICA STATALE S.G. BOSCO CAMPOBELLO DI LICATA REGOLAMENTO INTERNO A.S. 2012/2013 Il presente regolamento si ispira alla seguente visione della scuola: La scuola è una comunità di dialogo,

Dettagli

VADEMECUM DEL DOCENTE

VADEMECUM DEL DOCENTE Istituto di Istruzione Superiore S. Ceccato P.le Collodi, 1 36075 Montecchio Maggiore (VI) VADEMECUM DEL DOCENTE Assemblee di classe: Sono autorizzate dal Dirigente Scolastico compilando l apposita modulistica

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA VIGILANZA DEGLI STUDENTI

REGOLAMENTO SULLA VIGILANZA DEGLI STUDENTI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo via Cittadini n. 1-20157 Milano Tel. 02/3575716/8 fax 02/39001523 E mail: paolofrisimi@tin.it - Sito web:www.ipsfrisi.it REGOLAMENTO SULLA VIGILANZA DEGLI STUDENTI

Dettagli

Anno scolastico 2015-2016 REGOLAMENTO DI ISTITUTO

Anno scolastico 2015-2016 REGOLAMENTO DI ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO PIETRO MASCAGNI Presidenza e Segreteria Via Mascagni, 11-20066 Melzo MI tel & fax 029551673 C.M. MIIC8BM008 - Codice Fiscale 91539660158 - e-mail: segreteriamascagni@tiscali.it Anno

Dettagli

Regolamento docenti ANNO SCOLASTICO 2013/14

Regolamento docenti ANNO SCOLASTICO 2013/14 Regolamento docenti ANNO SCOLASTICO 2013/14 FONTI NORMATIVE Ogni docente è tenuto a rispettare quanto contenuto nel contratto di lavoro individuale, nel contratto collettivo AGIDAE, nel Progetto Educativo,

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO PER I CFP DI ABF corsi di qualifica e diploma professionale

REGOLAMENTO INTERNO PER I CFP DI ABF corsi di qualifica e diploma professionale REGOLAMENTO INTERNO PER I CFP DI ABF corsi di qualifica e diploma professionale Questo documento contiene le norme che regolano la vita interna dei Centri di Formazione Professionale di ABF; tutti devono

Dettagli

Padova, 22.09.2012. Agli alunni dell Istituto. Ai genitori degli alunni. Ai docenti dell Istituto. Al personale ATA dell Istituto

Padova, 22.09.2012. Agli alunni dell Istituto. Ai genitori degli alunni. Ai docenti dell Istituto. Al personale ATA dell Istituto ISTITUTO MAGISTRALE STATALE AMEDEO DI SAVOIA DUCA D AOSTA LICEO SCIENZE UMANE LICEO SCIENZE UMANE(Ec/S o c ) LICEO SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO LICEO DELLE SCIENZE SOCIALI Via del Santo, n. 57-35123 PADOVA tel.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Giuseppe Garibaldi VIA RIMEMBRANZA N. 72 81058 VAIRANO PATENORA (CE) 0823 985250 D.S. 0823 643210 /0823 643907 - Fax 0823/985250 C.F. 95003860616 < ceic885003@istruzione.it

Dettagli

1.2 L atto d iscrizione comporta piena accettazione dell impostazione educativa dell Istituto (Progetto educativo lasalliano).

1.2 L atto d iscrizione comporta piena accettazione dell impostazione educativa dell Istituto (Progetto educativo lasalliano). SCUOLA PRIMARIA L Istituto Villa Flaminia è una istituzione educativo - scolastica cattolica, fondata e diretta dai Fratelli delle Scuole Cristiane. Sorta nel 1956, come sede distaccata del Collegio S.

Dettagli

Oggetto: Disposizioni di inizio anno scolastico 2015/16

Oggetto: Disposizioni di inizio anno scolastico 2015/16 Circolare n. 6/15 Cesena, 12/09/2015 ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO Oggetto: Disposizioni di inizio anno scolastico 2015/16 - Agli studenti e per loro tramite ai genitori E p.c.: ai Docenti dell Istituto

Dettagli

Liceo STATALE - Pietro Siciliani Via Leuca, 2/L - 73100 LECCE 0832-246023 0832 246020 INFORMATIVA ALLE FAMIGLIE/STUDENTI

Liceo STATALE - Pietro Siciliani Via Leuca, 2/L - 73100 LECCE 0832-246023 0832 246020 INFORMATIVA ALLE FAMIGLIE/STUDENTI Liceo STATALE - Pietro Siciliani Via Leuca, 2/L - 73100 LECCE 0832-246023 0832 246020 INFORMATIVA ALLE FAMIGLIE/STUDENTI 1. Validità dell anno scolastico per la valutazione degli alunni 2. Ingressi posticipati

Dettagli

PATTO REGOLATIVO TRA INSEGNANTI

PATTO REGOLATIVO TRA INSEGNANTI PATTO REGOLATIVO TRA INSEGNANTI 1. Durante il momento dell accoglimento, per consentire una uniformità delle proposte didattiche le insegnanti delle due sezioni concordano sui contenuti e sulle modalità

Dettagli

GUIDA PER GLI UTENTI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

GUIDA PER GLI UTENTI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA A. Parazzi Viadana (MN) Sede centrale: Via E. Sanfelice, 4 46019 Viadana (Mn) Tel: 0375781079 Fax: 0375821362 Sito: www.icparazziviadana.gov.it e-mail: mnic83100g@ istruzione.it mnic83100g@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO. Il tempo dell intervallo va trascorso nelle rispettive aule. Non è consentito spostarsi da un piano all altro.

REGOLAMENTO INTERNO. Il tempo dell intervallo va trascorso nelle rispettive aule. Non è consentito spostarsi da un piano all altro. REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CALUSCO D ADDA 1 REGOLAMENTO INTERNO Entrata Gli alunni sono tenuti a presentarsi a scuola sia al mattino, sia al pomeriggio almeno cinque

Dettagli

REGOLAMENTO. della. Scuola Primaria Paritaria. Istituto Parrocchiale IMMACOLATA

REGOLAMENTO. della. Scuola Primaria Paritaria. Istituto Parrocchiale IMMACOLATA REGOLAMENTO della Scuola Primaria Paritaria Istituto Parrocchiale IMMACOLATA Anno scolastico 2015-2016 INDICE PREMESSA 1 PARTE PRIMA: I RUOLI A) Alunni 2 1. Diritti 2 2. Doveri 3 3. Disciplina 4 4. Norme

Dettagli

2-INGRESSO E USCITA ALUNNI

2-INGRESSO E USCITA ALUNNI 1-PREMESSA Il presente regolamento è redatto in conformità con il regolamento del I Circolo Didattico ed ha lo scopo di integrarlo e di renderne operative le norme, adeguandole alle concrete situazioni

Dettagli

INTEGRAZIONE ALL ART. 46 DEL REGOLAMENTO D ISTITUTO VIGENTE RIGUARDANTE I VIAGGI D ISTRUZIONE E LE VISITE GUIDATE

INTEGRAZIONE ALL ART. 46 DEL REGOLAMENTO D ISTITUTO VIGENTE RIGUARDANTE I VIAGGI D ISTRUZIONE E LE VISITE GUIDATE INTEGRAZIONE ALL ART. 46 DEL REGOLAMENTO D ISTITUTO VIGENTE RIGUARDANTE I VIAGGI D ISTRUZIONE E LE VISITE GUIDATE Art. 46 - Regolamentazione uscite brevi, visite guidate e viaggi di istruzione La presente

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE DUCA DEGLI ABRUZZI CATANIA Viale Artale Alagona, 99 Tel. 095.6136225 - Fax 095.6136224 REGOLAMENTO D ISTITUTO A.S. 2015/2016 1 Tutti gli studenti dovranno munirsi

Dettagli

Istituto Comprensivo di Cologno al Serio SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A. G. BRAVI

Istituto Comprensivo di Cologno al Serio SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A. G. BRAVI Istituto Comprensivo di Cologno al Serio Via Rosmini, 12 24055 Cologno al Serio (BG) Tel. e Fax 035896031-0354872415 e-mail ministeriale: bgic89900p@istruzione.it http://www.iccolognoalserio.gov.it SCUOLA

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO REGOLAMENTO D ISTITUTO VITA QUOTIDIANA A SCUOLA Lo Statuto degli Studenti definisce i diritti e i doveri degli studenti per garantire una serena convivenza scolastica. Il presente regolamento elaborato

Dettagli

REGOLAMENTO D'ISTITUTO

REGOLAMENTO D'ISTITUTO SCUOLA MEDIA STATALE CARLO PORTA AD ORIENTAMENTO MUSICALE Via Moisè Loria, 37 20144 MILANO - Tel. / fax 02 4224553 Cod. mecc. MIMM06900E - Codice fiscale 80171490156 e-mail: smcporta@tin.it - http://www.scuolacarloporta.it

Dettagli

REGOLAMENTO DEL LICEO

REGOLAMENTO DEL LICEO REGOLAMENTO DEL LICEO Indice generale: 0. RIFERIMENTI NORMATIVI 1. PERSONALE DOCENTE 2. PERSONALE A.T.A. 3. ALUNNE E ALUNNI 4. GENITORI DELLE ALUNNE E DEGLI ALUNNI 5. ENTI E ORGANIZZAZIONI ESTERNE 6. CONTRATTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO USCITE DIDATTICHE, VISITE GUIDATE, VIAGGI D ISTRUZIONE

REGOLAMENTO USCITE DIDATTICHE, VISITE GUIDATE, VIAGGI D ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO MARCO POLO Via Luigi Fabbri, 1-60044 FABRIANO (ANCONA) Tel. 0732 21971 Fax 0732 4797 C.F. 90016680424 sito web icmpolo.it

Dettagli

ORARIO SCUOLA DELL INFANZIA

ORARIO SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia e Primaria Paritaria Beata Rosa Venerini Via Beata Rosa Venerini, n 6 00040 ARICCIA (RM) Tel. 06-933.03.47 - Fax. 06-933.92.087 E-mail: venerini@venerini-ariccia.it www.venerini-ariccia.it

Dettagli

REGOLAMENTO SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO SCUOLA PRIMARIA Istituto Comprensivo di Poggio Mirteto La scuola non deve soltanto far acquisire competenze, ma deve anche trasmettere valori per formare cittadini che abbiano senso di identità,

Dettagli

LICEO STATALE GALILEO GALILEI VERONA

LICEO STATALE GALILEO GALILEI VERONA LICEO STATALE GALILEO GALILEI VERONA con indirizzi: SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - LINGUISTICO - SPORTIVO Sede: via San Giacomo, 11-37135 Verona tel. 045 504850-580689 Succursale: via Carlo

Dettagli

Articolo 3 - orario di funzionamento della scuola nel primo periodo dell anno scolastico

Articolo 3 - orario di funzionamento della scuola nel primo periodo dell anno scolastico 1 INDICE Premessa Articolo 1- orario Articolo 2 - sicurezza dei minori Articolo 3 - orario di funzionamento della scuola nel primo periodo dell anno scolastico Articolo 4 - assenza dei bambini Articolo

Dettagli

Liceo Classico Statale Marco Minghetti Via Nazario Sauro 18 40121 Bologna tel. 051-2757511 fax 051-230145 e-mail bopc030001@istruzione.

Liceo Classico Statale Marco Minghetti Via Nazario Sauro 18 40121 Bologna tel. 051-2757511 fax 051-230145 e-mail bopc030001@istruzione. Liceo Classico Statale Marco Minghetti Via Nazario Sauro 18 40121 Bologna tel. 051-2757511 fax 051-230145 e-mail bopc030001@istruzione.it Circolare n. 83 Bologna, 09.11.2015 - A tutti gli Studenti e i

Dettagli

INDICE REGOLAMENTO DELLE USCITE DIDATTICHE, DEI VIAGGI D'ISTRUZIONE E DELLE VISITE GUIDATE E OCCASIONALI. Delibera n. 4 del Consiglio di istituto

INDICE REGOLAMENTO DELLE USCITE DIDATTICHE, DEI VIAGGI D'ISTRUZIONE E DELLE VISITE GUIDATE E OCCASIONALI. Delibera n. 4 del Consiglio di istituto Istituto comprensivo Statale G. Carducci Porto Azzurro REGOLAMENTO DELLE USCITE DIDATTICHE, DEI VIAGGI D'ISTRUZIONE E DELLE VISITE GUIDATE E OCCASIONALI Delibera n. 4 del Consiglio di istituto Data: 16/12/09

Dettagli

VIGILANZA SUGLI ALUNNI

VIGILANZA SUGLI ALUNNI ISTITUTO COMPRENSIVO COMO PRESTINO-BRECCIA Via Picchi 6-22100 COMO Tel. 031507192 Fax 031 004738 C.F. 80020220135 coic81300n@istruzione.it VIGILANZA SUGLI ALUNNI REGOLAMENTO concernente la disciplina della

Dettagli

SEZIONE III - DISPOSIZIONI USCITE DIDATTICHE E VIAGGI D ISTRUZIONE

SEZIONE III - DISPOSIZIONI USCITE DIDATTICHE E VIAGGI D ISTRUZIONE SEZIONE III - DISPOSIZIONI USCITE DIDATTICHE E VIAGGI D ISTRUZIONE Art. 52 Normativa di riferimento La presente materia è disciplinata: C.M. n. 291 del 1992 (disciplina l intera materia); C.M. n. 623 del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 10 VICENZA

ISTITUTO COMPRENSIVO 10 VICENZA ISTITUTO COMPRENSIVO 10 VICENZA Scuola dell infanzia Carlo Collodi REGOLAMENTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI La scuola è un ambiente educativo sereno, governato dal rispetto dei diritti e dei doveri di ognuno.

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO MINISTERO DELL ISTRUZIONE,DELL UNIVERSITA, DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO SCIENTIFICO STATALE A. LABRIOLA Via Capo Sperone 50 00122 - Roma 065662275 fax 065662340 rmps010004@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO VISITE GUIDATE E VIAGGI D ISTRUZIONE

REGOLAMENTO VISITE GUIDATE E VIAGGI D ISTRUZIONE REGOLAMENTO VISITE GUIDATE E VIAGGI D ISTRUZIONE 1 Indice... 2 Art. 1 Regolamento uscite brevi, visite guidate e viaggi di istruzione... 3 Art. 2 - Destinatari... 4 Art. 3 Destinazione Durata Periodo di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 1. VADEMECUM PER IL DOCENTE - Scuola Primaria

ISTITUTO COMPRENSIVO 1. VADEMECUM PER IL DOCENTE - Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO 1 VADEMECUM PER IL DOCENTE - Scuola Primaria A.S. 2014/2015 PREMESSE Le seguenti disposizioni hanno lo scopo di richiamare le indicazioni normative per quanto attiene i doveri connessi

Dettagli

REGOLAMENTO PER VISITE GUIDATE, VIAGGI D ISTRUZIONE ED INIZIATIVE CULTURALI.

REGOLAMENTO PER VISITE GUIDATE, VIAGGI D ISTRUZIONE ED INIZIATIVE CULTURALI. REGOLAMENTO PER VISITE GUIDATE, VIAGGI D ISTRUZIONE ED INIZIATIVE CULTURALI. Principali riferimenti normativi in materia di viaggi d istruzione: C.M. n.29del199/d. L n.111/17/3 del 1995 D.I. n.44del2001/nota

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas con annesso Istituto Comprensivo Statale Giovanni Verga (D. A. n. 806 del 06-03-2012) R A M A C C A ( C T ) REGOLAMENTO USCITE DIDATTICHE, VISITE

Dettagli

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DI ISTITUTO

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DI ISTITUTO ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DI ISTITUTO Art.17 Visite e viaggi di istruzione Le visite d istruzione e le uscite didattiche costituiscono una parte integrante della programmazione didattico - educativa in

Dettagli

-MODALITA DI DIFFUSIONE -MODALITA DI COMUNICAZIONE SCUOLA FAMIGLIA

-MODALITA DI DIFFUSIONE -MODALITA DI COMUNICAZIONE SCUOLA FAMIGLIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. GIUSTI E C. D ASSISI Via Giusti, 15-20154 Milano. Tel. 02-88446864/ Fax. 02-33603252 Codice Fiscale 80115050157 Codice Mecc. MIIC82400X Distr. Scol. 79 E-Mail Ministeriale

Dettagli

R E G O L A M E N T O

R E G O L A M E N T O SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA RISTORAZIONE SCOLASTICA R E G O L A M E N T O REGOLAMENTO RISTORAZIONE SCOLASTICA - DALL ANNO SCOLASTICO 2013/2014 1 PREMESSA L ambiente scolastico, in quanto comunità

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO Anni scolastici 2010/2011-2011/2012 2012/2013 Approvato con delibera n. 17 del Consiglio di Istituto del 23/11/2010 ( Validità triennale ) In considerazione del

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL PERSONALE SERVIZIO DI VIGILANZA DEGLI ALLIEVI SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO PER IL PERSONALE SERVIZIO DI VIGILANZA DEGLI ALLIEVI SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO PER IL PERSONALE SERVIZIO DI VIGILANZA DEGLI ALLIEVI SCUOLA PRIMARIA ENTRATA ED ACCOGLIENZA DEGLI ALLIEVI Il personale docente deve trovarsi sul luogo di lavoro almeno 5 minuti prima dell'orario

Dettagli

PATTO DI CORRESPONSABILITA E REGOLAMENTO SCUOLA DELL INFANZIA

PATTO DI CORRESPONSABILITA E REGOLAMENTO SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola Infanzia- Scuola Primaria Scuola secondaria di 1 grado Tel/Fax 0832/361100 e-mail leic89900c@istruzione.it e-mail certificata: leic89900c@pec.istruzione.it c.f. 80019410754

Dettagli

REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE, USCITE DIDATTICHE, SOGGIORNI DI STUDIO (Aggiornamento approvato dal Consiglio d Istituto il 25/5/12)

REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE, USCITE DIDATTICHE, SOGGIORNI DI STUDIO (Aggiornamento approvato dal Consiglio d Istituto il 25/5/12) 1 «Jacopo Barozzi» REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE, USCITE DIDATTICHE, SOGGIORNI DI STUDIO (Aggiornamento approvato dal Consiglio d Istituto il 25/5/12) Art. 1 FINALITA I viaggi di istruzione devono scaturire

Dettagli

Regolamento del Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente. Anno Formativo 2010-2011

Regolamento del Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente. Anno Formativo 2010-2011 Regolamento del Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente Anno Formativo 2010-2011 La famiglia deve comunicare al C.F.P. il suo indirizzo e il suo numero telefonico, e un

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO 47 DISTRETTO SCOLASTICO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FOSCOLO - OBERDAN Cod. MPI NAIC8E900C - Piazza del Gesù Nuovo, 2-80134 - NAPOLI tel. e fax 081/5524731; www.scuolafoscoloberdan.gov.it ; naic8e900c@istruzione.it;

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOAVE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOAVE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOAVE R E G O L A M E N T O D I S T I T U T O Art. 1 Orario delle lezioni - calendario scolastico - entrata alunni a. L orario delle lezioni e il calendario scolastico, con eventuali

Dettagli

Oggetto: Disposizioni per la sicurezza e la vigilanza gli alunni

Oggetto: Disposizioni per la sicurezza e la vigilanza gli alunni Circolare n. 11 Muravera, 16/09/2015 Ai Docenti Agli ATA Loro Sedi E p.c. Al Dsga Agli Atti Oggetto: Disposizioni per la sicurezza e la vigilanza gli alunni La vigilanza è un obbligo che investe tutto

Dettagli

REGOLAMENTO PER VISITE GUIDATE, VIAGGI D ISTRUZIONE ED INIZIATIVE CULTURALI

REGOLAMENTO PER VISITE GUIDATE, VIAGGI D ISTRUZIONE ED INIZIATIVE CULTURALI Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO F. Cilea Via Cilea, 269-00124 ROMA (RM) Tel. 0650913962 - Fax 0650938556 C.M. RMIC8FR002

Dettagli

Regolamento Alunni della Scuola Secondaria di Primo Grado

Regolamento Alunni della Scuola Secondaria di Primo Grado Istituto Comprensivo Statale E. Fermi Via E. Fermi 400 21044 Cavaria con Premezzo (Va) Tel: 0331/212640-216284 Fax: 0331/217400 Sedi : scuole dell infanzia, primarie e secondarie 1 grado di Albizzate e

Dettagli

REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE E VISITE GUIDATE

REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE E VISITE GUIDATE ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE P. GOBETTI - A. DE GASPERI Largo Centro Studi 12/14, Morciano di Romagna (RN) Tel.: 0541-988397 - Fax: 0541-987770 - E-MAIL: segreteria@isissmorciano.it

Dettagli

I Circolo Didattico S. G. Bosco Sestu Via Repubblica, 6 09028 Sestu Tel.070/260146 - C.F. 80006380929 - C.M. CAEE033002

I Circolo Didattico S. G. Bosco Sestu Via Repubblica, 6 09028 Sestu Tel.070/260146 - C.F. 80006380929 - C.M. CAEE033002 I Circolo Didattico S. G. Bosco Sestu Via Repubblica, 6 09028 Sestu Tel.070/260146 - C.F. 80006380929 - C.M. CAEE033002 e-mail: caee033002@istruzione.it pec: caee033002@pec.istruzione.it www.primocircolosestu.gov.it

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA - REGIONE SICILIANA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO SANTO CALI Scuola dell

REPUBBLICA ITALIANA - REGIONE SICILIANA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO SANTO CALI Scuola dell REPUBBLICA ITALIANA - REGIONE SICILIANA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO SANTO CALI Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Indirizzo

Dettagli

Regolamento della Scuola Primaria e dell Infanzia

Regolamento della Scuola Primaria e dell Infanzia SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA MATER AMABILIS Viale Trieste, 7 Casagiove (CE) Tel. Istituto. 0823/46.63.90 Tel. e Fax Scuola: 0823/49.14.21 e-mail: direzione@materamabilis.it Regolamento della Scuola

Dettagli

Oggetto: pianificazione generale dell Organizzazione della vigilanza verso gli studenti.

Oggetto: pianificazione generale dell Organizzazione della vigilanza verso gli studenti. INISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO DON MILANI Via Cilea, 4, 04100 Latina - Tel. 0773/606160-628184 fax 0773/621917

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE Sandro Pertini

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE Sandro Pertini ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE Sandro Pertini Sede Legale: Via G. Puccini, 27-35012 CAMPOSAMPIERO (PD). 049/5791619-049/5793200- C.F. 80022450284 Cod. Min. PDIS00800C : pdis00800c@istruzione.it

Dettagli

PROT. n 2261/B19a Curno, 09.09.2011

PROT. n 2261/B19a Curno, 09.09.2011 Email : bgic84500a@istruzione.it Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CURNO Via De Amicis, 13 24035 CURNO (Bg) +39 035 614445 +39 035 613112 Sito web

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RINNOVATA PIZZIGONI REGOLAMENTO DELLE SCUOLE PRIMARIE

ISTITUTO COMPRENSIVO RINNOVATA PIZZIGONI REGOLAMENTO DELLE SCUOLE PRIMARIE ISTITUTO COMPRENSIVO RINNOVATA PIZZIGONI REGOLAMENTO DELLE SCUOLE PRIMARIE ORARIO DELLE LEZIONI 1. Le classi dei due plessi della Primaria sono organizzate a tempo pieno modularizzato atipico per 40 ore

Dettagli