(DAA telematico. Direzione Interregionale per la Toscana, Sardegna e Umbria. Appunti di Gianna Pratesi Ufficio delle Dogane di Firenze

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "(DAA telematico. Direzione Interregionale per la Toscana, Sardegna e Umbria. Appunti di Gianna Pratesi Ufficio delle Dogane di Firenze"

Transcript

1 Direzione Interregionale per la Toscana, Sardegna e Umbria e - AD (DAA telematico Appunti di Gianna Pratesi Ufficio delle Dogane di Firenze Incontro con gli operatori c/o CCIAA Siena, 19 maggio 2011

2 GLOSSARIO ARC: e AD: CPA: EMCS: NC: SEED: STD: ELO: COR : Administrativ Reference Code (codice univoco di riferimento- 21 caratteri) electronic Administrativ Document (DAA telematico) Codice Prodotti Accisa Excise Movement and Control System (sistema per la movimentazione ed il controllo dei prodotti soggetti ad accisa) Nomenclatura Combinata System for Exchange Excise Data (sistema per lo scambio dei dati delle accise) Servizio Telematico Doganale Excise Liason Office Customs Office Reference

3 Il DAA elettronico nasce da un progetto europeo denominato E.M.C.S. (Excise Movement and Control System) attraverso cui monitorare e controllare in tempo reale ed in modo efficace le transazioni di prodotti in sospensione di accisa. Con la Dec. CEE 1152/2003/CEE del Parlamento Europeo e del Consiglio prende vita il progetto attraverso cui operare la sostituzione del documento di accompagnamento cartaceo (D.A.A.) con un documento elettronico (e-ad) gestito dal citato sistema di controllo E.M.C.S La sua implementazione è diventata obbligatoria in tutta la U.E. dal 1 gennaio 2011, per gli operatori economici che inviano o ricevono questo tipo di prodotti, sostituendo il documento amministrativo di accompagnamento in formato cartaceo con un messaggio elettronico.

4

5 Il sistema EMCS prevede controlli, tra gli altri, su: o o o codice accisa mittente e destinatario (banca dati S.E.E.D.); codici dei prodotti movimentati (CPA - S.E.E.D.); uffici amministrativi competenti (CS/RD)

6 Quali sono i vantaggi dell EMCS? Riduzione dei tempi per assolvere agli adempimenti fiscali Riduzione dei rischi economici per gli operatori derivanti dagli errori Nessuna manipolazione dei documenti cartacei (creazione, gestione, archiviazione) Validazione immediata dell e-ad, assicurando che il destinatario è autorizzato a ricevere le merci con la riduzione al minimo del rischio di dati non corretti Rilascio più veloce della garanzia grazie allo scarico puntuale del movimento e quindi riduzione dei tempi di impegno Elimina la bollatura preventiva dei DAA cartacei Monitoraggio in tempo reale dei movimenti Lo scambio sicuro di dati tra tutte le parti

7 EMCS - ROADMAP 1 Aprile 2010: gli operatori economici degli Initial Member States" (IMS) possono adottare gli e-ad a scorta dei trasferimenti di prodotti sottoposti ad accisa in regime sospensivo inviati verso paesi aderenti al progetto EMCS. Tutti questi trasferimenti dovranno chiudersi con la trasmissione della nota di ricevimento da parte Del destinatario. Gli Stati Membri non ancora pronti a effettuare invii con ead ma solo a ricevere si definiscono non IMS. 1.4/ : gli operatori economici degli IMS possono adottare gli ead a scorta dei trasferimenti di prodotti sottoposti ad accisa in regime sospensivo inviati verso paesi aderenti al progetto EMCS. Tutti questi trasferimenti dovranno chiudersi con la trasmissione della nota di ricevimento da parte del destinatario. 1 gennaio 2011: tutti i trasferimenti di prodotti sottoposti ad accisa in regime sospensivo devono avvenire nell ambito del progetto EMCS

8

9

10 DIRETTIVA 2008/118/CE La Direttiva comunitaria abroga la precedente n.12 del 1992, oramai obsoleta, ridefinisce i soggetti operanti nel regime delle accise, nonché la corretta procedura da utilizzare per lo scambio dei prodotti in sospensione di imposta. Il Regolamento n. 684/CE del , detta le modalità di attuazione della direttiva per quanto riguarda le procedure informatizzate relative alla circolazione di prodotti sottoposti ad accisa in sospensione dall accisa Con il D.Lgs n. 48 del , l Italia recepisce la direttiva CE. Con la Determinazione Direttoriale 38869/UD del si stabiliscono i nuovi termini di presentazione del DAA telematico In ultimo con la Determinazione Direttoriale n del , si aggiornano, in parte, le disposizioni contenute nel DM 23 marzo 1996, n. 210, ovvero quelle relative alle spedizioni con DAA.

11 Modifiche al DM 210/96 (circolazione dei prodotti soggetti al regime delle accise) Con la Determinazione Direttoriale n /RU del , è stata regolamentata la circolazione dei prodotti soggetti ad accisa con la procedura dell e-ad, a modifica delle disposizioni contenute nel decreto ministeriale 23 marzo 1996, n. 210 Con la circolare 16/D del , sono state fornite le prime istruzioni operative per l utilizzo delle procedure relative all e-ad, con specifico riferimento alla DD /RU del In data , sono state emanate ulteriori istruzioni operative con la nota n / RU, rivolta agli Uffici ed alle Associazioni di categoria In ultimo la DD n /RU del , ha differito l adozione del documento amministrativo elettronico per la circolazione degli oli lubrificanti e i bitumi di petrolio in sospensione d imposta ad imposta al 1 GENNAIO 2012

12 Determinazione Direttoriale n del : tempi e modalità per la presentazione in forma esclusivamente telematica dei documenti di accompagnamento per i prodotti soggetti ad accisa (indicazione dei termini, periodicità di invio e specifica dei dati richiesti Determinazione Direttoriale n del (proroga dei termini di obbligatorietà Determinazione Direttoriale n del (ulteriore proroga dell obbligatoriet obbligatorietà c Determinazione Direttoriale n del (modalità ed adempimenti per la circolazione dei prodotti sottoposti ad accisa in regime sospensivo con la scorta del DAA elettronico

13 Per tutti i prodotti soggetti ad accisa Determinazione Direttoriale 38869/UD/2010 variazione dei termini per l invio telematico D.A.A. Obbligo di ricezione Obbligo di trasmissione E.D.I. E.D.I. 1 GIUGNO GENNAIO 2011

14 Per tutti i prodotti assoggettati ad accisa Determinazione Direttoriale 38869/UD/2010 variazione dei termini per l invio telematico D.A.S. Obbligo di trasmissione E.D.I. 1 GENNAIO 2012

15 Per oli lubrificanti e bitumi Determinazione Direttoriale /RU/2010 prodotti art. 61 T.U.A. Prodotti D.A.A. soggetti ad E.D.I. 1 GENNAIO 2012 imposta D.A.S. Prodotti assoggettati ad imposta E.D.I. 1 GENNAIO 2013

16 Modalità tecniche ed operative I messaggi relativi ai tracciati record del DAA devono essere trasmessi mediante E.D.I. (Electronic Data Interchange) ed i soggetti obbligati devono richiedere all Agenzia delle Dogane, qualora non ne siano già in possesso, l autorizzazione all utilizzo del Servizio Telematico Doganale (S.T.D.). Lo scambio di dati avviene mediante il trasferimento di file, il file deve essere obbligatoriamente firmato dall'utente mediante la funzione "Firma dell'applicazione "Firma e Verifica", se è in possesso di certificato rilasciato dall'agenzia delle Dogane o delle Entrate; l'utente può, inoltre, utilizzare certificati rilasciati da enti certificatori riconosciuti dal CNIPA, con i relativi prodotti rilasciati da questi per l'apposizione della firma Le istruzioni tecniche per la richiesta di autorizzazione all utilizzo del ServizioTelematico Doganale (S.T.D.) sono disponibili sul sito dell Agenzia delle Dogane all indirizzo L ambiente di prova è utilizzabile per tutti gli operatori dal

17 Tracciati record e AD Tracciato IE818 - Rapporto di Ricezione / Esportazione Tracciato IE810 - Annullamento DAA elettronico Tracciato IE813 - DAA cambio di destinazione Tracciato IE801 - DAA Elettronico Tracciato IE819 Rigetto o segnalazione di un DAA elettronico Tracciato IE837 Motivazione del ritardo nella movimentazione Tracciato IE807 Interruzione della movimentazione Tracciato IE871 Spiegazione sul motivo di un calo Tracciato IE815 - Draft DAA Elettronico

18 Cambio Destinazione Lo speditore che intende cambiare la destinazione presenta alle autorità doganali competenti una bozza di messaggio di Cambio di Destinazione. Il sistema informatico dell Agenzia effettua una verifica elettronica dei dati contenuti nella bozza di messaggio di Cambio Destinazione. Se l esito è positivo il sistema lo convalida e aggiorna il documento amministrativo elettronico originale sulla base delle informazioni contenute nel messaggio di cambio destinazione. Quindi: rende disponibile l e-ad aggiornato allo speditore inoltra l e-ad aggiornato al nuovo destinatario notifica il cambiamento di destinazione al destinatario precedente.

19 Cambio Destinazione

20 Annullamento e-ad Lo speditore che, prima della partenza delle merci, intende annullare il documento amministrativo elettronico presenta alle autorità doganali competenti una bozza di messaggio elettronico di annullamento Il sistema informatico dell Agenzia effettua una verifica elettronica dei dati contenuti nella bozza di messaggio di annullamento. Se i dati sono validi, comunica tali informazioni allo speditore e inoltra il messaggio di annullamento al destinatario

21 Annullamento e-ad

22 Esportazione La circolazione di prodotti sottoposti ad accisa in regime sospensivo si conclude, per i prodotti destinati ad essere esportati, nel momento in cui gli stessi hanno lasciato il territorio della Comunità. Tale circostanza è attestata dalla nota di esportazione che l Ufficio Doganale di esportazione, compila sulla base del visto dell Ufficio doganale di uscita. Il sistema dell Amministrazione Doganale, quindi, invia allo speditore un messaggio elettronico di notifica di esportazione accettata. Nel caso in cui l operazione di esportazione non viene autorizzata, il sistema dell Amministrazione Doganale invia allo speditore un messaggio elettronico di rigetto dell e-ad per l esportazione.

23 Esportazione Si richiama l attenzione su quanto riportato dalla circolare 18/D del , che ribadisce il dettato dell art. 161 p.5 del Reg. CE 2454/93 (CDC) ovvero: Al riguardo, si coglie l occasione per ricordare che, come espressamente indicato dalla Commissione Europea nel documento 1667/94 del , punto 4 della lista B (motivi non giustificati per la deroga all applicazione dell art. 161, p.5) che costituisce l allegato IV alle Linee Guida per l esportazione uscita della merce nel contesto del Reg. (CE) 648/2005 il fatto che un esportatore vende la propria merce ex-work e che l acquirente estero è il soggetto responsabile per il trasporto non da diritto a quest ultimo di decidere il luogo ove presentare la dichiarazione di esportazione il quale deve quindi attenersi alla regola secondo la quale la dichiarazione di esportazione deve essere presentata secondo le forme e regole stabilite dalla normativa doganale vigente e quindi presso l ufficio doganale preposto alla vigilanza nel luogo in cui l esportatore è stabilito o dove le merci sono imballate o caricate per essere esportate.

24 Esportazione il rispetto dell art. 161, p.5 del Codice doganale comunitario, appare oltre che doveroso anche necessario soprattutto in conseguenza dell informatizzazione della procedura di esportazione e del conseguente rapporto che si instaura tra l Autorità doganale e Autorità fiscale, rapporto che viene meno quando Autorità doganale e Autorità fiscale appartengono a due Stati membri diversi (cioè quando l ufficio di esportazione che è in possesso del dato di uscita della merce è diverso da quello ove è situata l Autorità fiscale interessata alla corretta conclusione dell operazione di esportazione posta in essere dal soggetto residente). A livello nazionale, invece, la gestione nel sistema doganale AIDA delle dichiarazioni di esportazione trasmesse telematicamente, permette di indicare un qualsiasi ufficio di esportazione nazionale consentendo, altresì, di acquisire l informazione relativa ai risultati di uscita della merce valevole sia ai fini doganali che fiscali. Tale gestione consente, quindi, una applicazione meno stringente del principio comunitario sopra richiamato. A seguito di quanto sopra, quindi, per le operazioni svolte in procedura ordinaria, la residenza dell esportatore a cui fa riferimento l art. 161, p.5 si intende riferito all intero territorio nazionale di appartenenza e non necessariamente alla singola località di residenza all interno del medesimo territorio nazionale. In pratica l esportatore nazionale che effettua operazioni in ordinaria è abilitato a presentare la dichiarazione di esportazione e le merci in uno degli uffici doganali situati nel territorio nazionale; non è, invece, abilitato a presentare la dichiarazione doganale in uno Stato Membro diverso da quello di residenza a meno che non ricorrano le prescritte condizioni di deroga.

25 Esportazione Nel caso in cui l operatore nazionale effettui l intera operazione di esportazione interamente presso altro Stato membro (dogana di esportazione e di uscita presso altro Stato): l operazione non è gestita con il sistema comune ECS che, essendo un sistema comunitario,presuppone lo scambio di dati tra due dogane di due differenti Stati membri (dogana di esportazione che si trova nel Paese A e dogana di uscita che si trova nel Paese B); l operazione è interamente gestita con la procedura nazionale utilizzata all interno dello Stato in cui l intera operazione è effettuata e, conseguentemente, l operazione stessa non è nota né all Amministrazione doganale italiana né a quella di altro diverso Stato membro; gli eventuali MRN rilasciati dal sistema nazionale dello Stato membro sono noti e sono gestiti esclusivamente dal sistema informatico interno di quel dato Paese e, pertanto, non sono consultabili né dal sistema informatico doganale nazionale AIDA né da quello comunitario; le prove dell uscita della merce che uno Stato decide di fornire ad operatori che effettuano interamente l operazione di esportazione all interno del proprio territorio non sono note alle altre Amministrazioni doganali trattandosi di operazioni nazionali di quel Paese e quindi soggette a discipline di carattere nazionale; deve essere, pertanto, cura dell operatore italiano che effettua l operazione presso altro Stato, acquisire l informazione relativa al dato prova di uscita della merce e tenere agli atti tale prova. La mancata acquisizione di una prova di avvenuta uscita della merce dal territorio doganale comunitario riconosciuta valida dall amministrazione finanziaria italiana espone l esportatore al mancato riconoscimento del requisito della non imponibilità dell esportatore con assoggettamento ad IVA dell operazione.

26 ISTRUZIONI PER LA CONSULTAZIONE WEB DELLE NOTIFICHE EMCS Dalla home page del sito dell Agenzia (www.agenziadogane.it) l utente deve selezionare il link Servizio Telematico Doganale E.D.I. ed accedere al servizio con il proprio codice identificativo Le funzionalità previste per l applicazione sono di consultazione degli e-ad di competenza e di consultazione delle notifiche inviate dal sistema. La funzionalità di Ricerca Generalizzata degli e-ad consente la selezione in base a determinati parametri di ricerca: il sistema visualizza un elenco degli e-ad che soddisfano i parametri di selezione..selezionando uno degli e-ad dalla lista tramite il link relativo al numero di ARC viene visualizzato il dettaglio delle informazioni relative all e-ad selezionato Nella pagina di dettaglio dell e-ad è possibile visualizzare le varie informazioni ad esso collegate, come ad esempio quelle relative alla merce oggetto della movimentazione, come pure il relativo Rapporto di Ricezione collegato ed inviato dal soggetto destinatario a seguito del ritiro della merce.

27 Modalità tecniche ed operative Notifiche EMCS

28

29

30 STATO DEL DAA SOGGETTO CONDIZIONE Messaggio Inviato Prima dell evento STATO (IE801) Dopo la convalida del messaggio inviato In attesa della partenza delle merci Speditore IE815 IE Accettato Speditore In attesa della partenza IE810 Accettato Annullato delle merci Speditore Cambio destinazione IE813 Accettato Accettato Prima dell arrivo delle merci Destinatario Arrivo merci IE818 Accettato Completato Ricezione accettata Destinatario Arrivo merci IE818 Accettato Rifiutato Ricezione rifiutata Cambio destinazione Speditore IE813 Rifiutato Accettato Arrivo merci - Ricezione rifiutata

31

32 PROCEDURE DI RISERVA (FALL-BACK) ISTRUZIONI OPERATIVE In allegato alla DD /RU/10 si trovano le comunicazioni da effettuare agli Uffici in caso di adozione di procedure di riserva a causa dell indisponibilità del sistema informatizzato, dell Agenzia delle Dogane o della ditta (allegato I) e di ripristino della circolazione di prodotti soggetti ad accisa con procedure elettroniche (allegato II) In data , sono state emanate ulteriori istruzioni operative con la nota /RU, PER L APERTURA DELL AMBIENTE REALE DALLE ORE 15 DEL In allegato alla predetta nota sono stati forniti i fac simile da utilizzare nelle procedure di riserva (fall-back) per l emissione di documenti cartacei nei seguenti casi: a) Emissione e-ad b) Cambiamento di destinazione c) Annullamento d) Rigetto e) Nota di ricevimento

33 Comunicazione di adozione procedura di riserva (fall-back) DD /RU del Allegato 1

34 Comunicazione di ripristino di procedura elettronica DD /RU del Allegato 2

35 ISTRUZIONI OPERATIVE Sono state fornite ulteriori istruzioni con le note /RU del e 6844 /RU del (consultabili in: ulteriori funzionalità) È consultabile sul sito anche la nota del MIPAF per il documento da utilizzare nel caso di procedura di riserva per il prodotto: VINO

36 ISTRUZIONI OPERATIVE Con la nota 6488/RU del sono state fornite indicazioni relative alle regole di compilazione R006 e R007 La regola R006 verifica la congruenza tra il valore del campo 1a Testata Tipo destinazione ed il valore del campo 5a Destinatario Codice identificativo del tracciato IE815. Quando il campo 1a è uguale ad 1, ovvero Deposito fiscale, il campo 5a Destinatario Codice identificativo, deve essere valorizzato con il codice accisa del depositario autorizzato destinatario che deve essere presente nella banca dati SEED comunitario, consultabile nella sezione Accise del sito dell Agenzia delle Dogane, con Ruolo di autorizzazione Authorized warehouse keeper. Il campo 7a Luogo di consegna Codice identificativo, deve essere invece valorizzato con il codice accisa del deposito fiscale destinatario, che deve risultare presente nella banca dati SEED comunitario come Tax warehouse.

37 N.B. è bene precisare che in Italia i codici del depositario autorizzato (Authorized Warehouse Keeper ) e del deposito fiscale (Tax Warehouse) coincidono, mentre nella maggior parte degli altri paesi comunitari sono attribuiti codici diversi. SEED comunitario

38 ISTRUZIONI OPERATIVE La regola R007 è stata aggiornata come segue: Indicare il codice identificativo dell'ufficio doganale, nel formato CS/RD, vale a dire come Numero COR (COR = Customs Office Reference). Al fine di evitare la violazione della regola R007 si precisa che, in caso di esportazione, quando il campo 1a dell IE815, ovvero, il campo 3a dell IE813, sono impostati al valore 6, il codice dell ufficio di esportazione, che deve essere indicato nel campo 8a può essere preventivamente verificato accedendo al link:

39

40

41 ISTRUZIONI OPERATIVE Trattazione della Nota di ricevimento (messaggio IE818) nella telematizzazione dei dati delle contabilità. La procedura inerente il recepimento del messaggio IE818 all interno della telematizzazione dei dati delle contabilità, finalizzata allo svincolo della garanzia, è attualmente in fase di adeguamento informatico. Pertanto, gli operatori che inviano un flusso relativo all appuramento di un e-ad, con tipo documento EAD e tipo richiesta A, riceveranno una segnalazione con codice errore 25. E quindi necessario, temporaneamente e solo fino all avvenuto adeguamento del software, inviare il suddetto flusso - relativo al messaggio IE818 -, con tipo documento DAA invece che EAD. Gli Uffici avranno comunque la possibilità di distinguere se il flusso è relativo ad un DAA cartaceo o ad un e-ad elettronico, verificando la presenza dell ARC nel numero documento, poiché esso è lungo 21 caratteri, di cui i primi due indicano l anno, il terzo ed il quarto la sigla della Nazione.

42 DESTINATARIO ESENTE In caso di trasferimenti di merce verso un destinatario esente di cui all art. 12, paragrafo 1 della direttiva 118/2008/UE (spedizioni nel quadro di relazioni diplomatiche o consolari, per organizzazioni internazionali riconosciute, a forze armate di qualsiasi Stato che sia parte contraente del trattato Nord Atlantico, ecc.), si compila l e-ad come segue: Campo 1 a : Tipo destinazione = 5 Campo 5 a : Destinatario = vuoto Campi 5b e seguenti : obbligatori (tranne n civico ) Campo 7a : Luogo di destinazione = opzionale Campi 7b e seguenti : obbligatori se è presente almeno uno degli altri campi della sezione "Luogo di destinazione Campo 8a : vuoto

43 Direttiva 2008/118 - Art. 17. CONSEGNA DIRETTA 2. In deroga al paragrafo 1, lettera a), punti i) e ii), e lettera b), del presente articolo e fatta eccezione per le situazioni di cui all'articolo 19, paragrafo 3, lo Stato membro di destinazione può, alle condizioni da esso stabilite, consentire che i prodotti sottoposti ad accisa circolino in regime di sospensione dall'accisa verso un luogo di consegna diretta situato nel suo territorio, se tale luogo è stato designato dal depositario autorizzato dello Stato membro di destinazione o dal destinatario registrato. Tale depositario autorizzato o tale destinatario registrato rimane obbligato alla presentazione della nota di ricevimento di cui all'articolo 24, paragrafo 1.

44 CONSEGNA DIRETTA Alcuni Paesi della UE non hanno riconosciuto la possibilità di effettuare la consegna diretta, ovvero indicare come luogo di destinazione un indirizzo diverso da quello del depositario autorizzato o destinatario registrato committente, pertanto nel campo 5a (destinatario) vale la regola R 054 : il codice identificativo del destinatario non può appartenere ad uno dei seguenti Stati Membri: - IT-Italia - DE-Germania - HU-Ungheria - PL-Polonia - SK-Repubblica Slovacca

45 Circolazione di prodotto sottoposto ad accisa dopo l immissione in consumo CIRCOLARE N. 16/D del punto 6.. Altro caso prospettato è quello di alcoli immessi in consumo in Italia, contrassegnati e destinati ad altro Stato membro con rinuncia al rimborso. Si pone in evidenza che la previsione dell art. 13, comma 6 (obbligo dell e-ad nella circolazione intracomunitaria dei prodotti contrassegnati), come già a suo tempo illustrato con circolare 335/92, si riferisce alla diversa fattispecie del trasferimento in Italia dei prodotti contrassegnati negli altri Stati membri, e non già alla spedizione di prodotti immessi in consumo in territorio nazionale verso altri Stati membri, la quale avviene nel rispetto degli obblighi di cui all articolo 12 del testo unico (DAS).

46 Assistenza problematiche: AGENZIA DOGANE Consultando il sito : F. A. Q.: Problematiche ricorrenti e soluzioni correlate E-learning learning: Corsi di formazione a distanza Assistenza on-line : Call-Center Center: Assistenza telefonica al Numero verde anche con Prenotazione di chiamata Contact Center: Assistenza in back-ground via WEB Assistenza on-line: Consultazione interattiva di Knowledge-Base

Tavolo Tecnico del 9 dicembre 2010

Tavolo Tecnico del 9 dicembre 2010 1 PROGETTO EMCS Tavolo Tecnico del 9 dicembre 2010 ROMA Agenzia delle Dogane Sala Europa 2 Istruzioni Operative e Processi Telematici Stato dell arte del progetto EMCS Sperimentazione WEB-Services Richieste

Dettagli

e, pc. Determinazione direttoriale prot. 158235/RU del 7/12/2010 - prime istruzioni operative

e, pc. Determinazione direttoriale prot. 158235/RU del 7/12/2010 - prime istruzioni operative CIRCOLARE N. 16/D Protocollo: 159505 Rif.: Allegati: Roma, 21 dicembre 2010 Alle Direzioni regionali, interregionali e provinciali Agli Uffici delle dogane e, pc. All Ufficio centrale audit interno All

Dettagli

Spazio Informatico snc. Spazio Informatico snc

Spazio Informatico snc. Spazio Informatico snc 1 TELEMATICO ACCISE TELEMATICO ACCISE è la soluzione appositamente sviluppata per affrontare con sicurezza e serenità la telematizzazione delle accise. Grazie alla nostra quindicinale esperienza maturata

Dettagli

Tavolo Tecnici Digitalizzazione Accise Roma, 16-17 settembre 2014

Tavolo Tecnici Digitalizzazione Accise Roma, 16-17 settembre 2014 Tavolo Tecnici Digitalizzazione Accise Roma, 16-17 settembre 2014 Teresa Alvaro Progetto RE.TE. Il progetto RE.TE. - Condivisione con operatori ed uffici 2 agosto 2012: l Agenzia si è impegnata ad avviare

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE TECNOLOGIE PER L INNOVAZIONE Ufficio integrazione tecnologica

DIREZIONE CENTRALE TECNOLOGIE PER L INNOVAZIONE Ufficio integrazione tecnologica Roma, 22 dicembre 2010 Protocollo: Rif.: Allegati: 156606/RU vari Al Dipartimento delle Finanze Direzione Legislazione Tributaria Via Pastrengo, 22 ROMA All Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato

Dettagli

CIRCOLARE N. 10 /D. Roma, 25 marzo 2009. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

CIRCOLARE N. 10 /D. Roma, 25 marzo 2009. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI Protocollo: Rif.: Allegati: 42030/RU CIRCOLARE N. 10 /D Roma, 25 marzo 2009 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI e, p. c.: Agli Uffici di diretta

Dettagli

Alla Sogei. in ambiente di addestramento e di validazione

Alla Sogei. in ambiente di addestramento e di validazione Roma, 20 novembre 2014 Protocollo: 123680 / RU Alle Direzioni Interregionali, Regionali e Interprovinciale Rif.: Allegati: Al Servizio Processi Automatizzati dei Distretti presso gli Uffici Acquisti e

Dettagli

La funzione delle dogane sul territorio

La funzione delle dogane sul territorio La funzione delle dogane sul territorio Teramo, 12/11/2014 dr. Luigi Di Giacomo 1 Normativa doganale: Esportazioni Definitive Reg. Cee 2913/92: Codice Doganale Comunitario; Reg. Cee 2454/93: Disposizioni

Dettagli

Settore d imposta del vino. Disciplina della circolazione. Documento di trasporto denominato modello MVV. Linee direttrici.

Settore d imposta del vino. Disciplina della circolazione. Documento di trasporto denominato modello MVV. Linee direttrici. CIRCOLARE N. 3 Roma, 07 aprile 2014 Protocollo: Rif.: Allegati: 36726/RU Alle Direzioni Interregionali e Regionali delle dogane Alla Direzione interprovinciale di Bolzano e Trento Agli Uffici delle Dogane

Dettagli

DEMATERIALIZZAZIONE E OPERAZIONI INTRA ED EXTRA UE

DEMATERIALIZZAZIONE E OPERAZIONI INTRA ED EXTRA UE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE Dematerializzazione documentale DEMATERIALIZZAZIONE E OPERAZIONI INTRA ED EXTRA UE Alberto Baj Macario Data - Luogo (es. Sala Convegni) S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

SOSPENSIVO DAA FASE 3.1 Precisazioni in merito all estensione in ambiente di esercizio.

SOSPENSIVO DAA FASE 3.1 Precisazioni in merito all estensione in ambiente di esercizio. oma, 3 febbraio 2014 Protocollo: 11752 / U Ai componenti del tavolo digitalizzazione accise if.: e, p.c. Allegati: Alla Direzione entrale Legislazione e Procedure Accise e altre imposte indirette Alla

Dettagli

Un solo click, e non ci pensi più!

Un solo click, e non ci pensi più! Un solo click, e non ci pensi più! Abbiamo sviluppato per voi EMCSolution, il software che rende semplice, rapido e sicuro amministrare la complessa procedura di gestione di tutti i processi telematici

Dettagli

EXCISE_DAA_NOTIfication

EXCISE_DAA_NOTIfication Come semplificare le Vs. attività in materia di ACCISE EXCISE_DAA_NOTIfication Cos è: Procedura automatizzata per l acquisizione ed elaborazione notifiche DAA Con questo nuovo modulo vengono abbattuti

Dettagli

DIRETTIVA 94/74/CE DEL CONSIGLIO del 22 dicembre 1994 che modifica la direttiva 92/12/CEE relativa al regime generale, alla detenzione, alla

DIRETTIVA 94/74/CE DEL CONSIGLIO del 22 dicembre 1994 che modifica la direttiva 92/12/CEE relativa al regime generale, alla detenzione, alla DIRETTIVA 94/74/CE DEL CONSIGLIO del 22 dicembre 1994 che modifica la direttiva 92/12/CEE relativa al regime generale, alla detenzione, alla circolazione ed ai controlli dei prodotti soggetti ad accisa,

Dettagli

Istruzioni per l attivazione dell interoperabilità con il Ministero della Salute.

Istruzioni per l attivazione dell interoperabilità con il Ministero della Salute. Roma, 6 dicembre 2013 Prot. 142192/RU Rif.: Allegati: 1 Alle Direzioni Regionali ed Interregionali delle Dogane Alle Direzioni Provinciali di Trento e Bolzano Al Servizio Processi Automatizzati - dei Distretti

Dettagli

IL COMMERCIO U.E. ED EXTRA U.E. DEL VINO NEL REGIME DELLE ACCISE

IL COMMERCIO U.E. ED EXTRA U.E. DEL VINO NEL REGIME DELLE ACCISE Direzione Interregionale per il Piemonte e la Valle d Aosta IL COMMERCIO U.E. ED EXTRA U.E. DEL VINO NEL REGIME DELLE ACCISE Ing. Angelo Alibrandi Ufficio delle Dogane di Cuneo Edizione 2013 LA PRODUZIONE

Dettagli

OGGETTO: 133/IE = Digitalizzazione dichiarazioni doganali. Novita dal 27 Novembre 2012.

OGGETTO: 133/IE = Digitalizzazione dichiarazioni doganali. Novita dal 27 Novembre 2012. OGGETTO: 133/IE = Digitalizzazione dichiarazioni doganali. Novita dal 27 Novembre 2012. Con la circolare 16/d del 12 novembre (in allegato) l'agenzia delle Dogane ha annunciato che dal 27 novembre 2012

Dettagli

ALLEGATO 3 - QUADRO SINOTTICO RIEPILOGATIVO DEI DOCUMENTI DI ACCOMPAGNAMENTO DEI TRASPORTI DI PRODOTTI VITIVINICOLI CON INIZIO SUL TERRITORIO NAZIONALE CHE POTRANNO ESSERE REDATTI ED UTILIZZATI DAL 1 AGOSTO

Dettagli

Roma, 4 novembre 2014. Alle Direzioni Interregionali, Regionali e Interprovinciale

Roma, 4 novembre 2014. Alle Direzioni Interregionali, Regionali e Interprovinciale Roma, 4 novembre 2014 Protocollo: 121555 / RU Rif.: D.D. 140839/RU del 04.12.2013 Circolare 5/D del 06.05.2014 Allegati: Alle Direzioni Interregionali, Regionali e Interprovinciale Al Servizio Processi

Dettagli

Movimentazioni giornaliere dei prodotti con inserimento automatico tramite causali di movimentazione.

Movimentazioni giornaliere dei prodotti con inserimento automatico tramite causali di movimentazione. Capitale Sociale. 50.000,00 Sede Amm. e Comm.le: Via Acqueviole, 50 98057 MILAZZO (ME) Reg. Soc. Trib. ME n. 32010 C.C.I.A.A. ME n. 126426 Partita IVAe Codice.Fiscale IT01603150838 tel. 0909284834 fax

Dettagli

Roma, 28 febbraio 2014

Roma, 28 febbraio 2014 Roma, 28 febbraio 2014 Protocollo: 22965/RU ALL AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE protocollo@pec.agid.gov.it Rif.: Allegati : 1 ALL A.I.C.I.G. ASSOCIAZIONE ITALIANA CONSORZI INDICAZIONI GEOGRAFICHE info@aicig.it

Dettagli

Servizi on-line per le Aziende e i Consulenti disponibili su web INTERNET

Servizi on-line per le Aziende e i Consulenti disponibili su web INTERNET Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione Servizi on-line per le Aziende e i Consulenti disponibili

Dettagli

Roma, 27 dicembre 2010. Indirizzi omessi

Roma, 27 dicembre 2010. Indirizzi omessi Protocollo: 166163 Rif.: Allegati: 1 Roma, 27 dicembre 2010 Indirizzi omessi OGGETTO: Emendamento sicurezza al Codice Doganale Comunitario. Nuove funzionalità disponibili in A.I.D.A. relative ai progetti

Dettagli

Processi digitali: le novità dalla Dogana

Processi digitali: le novità dalla Dogana Processi digitali: le novità dalla Dogana ICT & PMI: senza carta con le nuove norme Torino, 25 Novembre 2011 Teresa Alvaro Alessandro Di Sipio Agenda: Aida e la strategia dell Agenzia delle Dogane Il fascicolo

Dettagli

XEDI. www.multiconsult.com

XEDI. www.multiconsult.com 622222222222222222222222222222 XEDI Come semplificare i processi telematici di dichiarazione in ambito doganale www.multiconsult.com Sede Filiale Padova Filiale Roma Via Rombon 11 C.so del Popolo 16 Via

Dettagli

IL DEPOSITO DOGANALE. Prato 23 novembre 2006

IL DEPOSITO DOGANALE. Prato 23 novembre 2006 IL DEPOSITO DOGANALE Prato 23 novembre 2006 LA DISCIPLINA Articoli da 84 a 90 (disposizioni comuni ai regimi doganali economici) e da 98 a 113 del Reg.CEE 2913/92 Articoli da 496 a 523 (disposizioni di

Dettagli

Oggetto: ELENCHI RIEPILOGATIVI INTRASTAT - DAL 2010 OBBLIGO ESTESO ALLE PRESTAZIONI INTRACOMUNITARIE DI SERVIZI

Oggetto: ELENCHI RIEPILOGATIVI INTRASTAT - DAL 2010 OBBLIGO ESTESO ALLE PRESTAZIONI INTRACOMUNITARIE DI SERVIZI Oggetto: ELENCHI RIEPILOGATIVI INTRASTAT - DAL 2010 OBBLIGO ESTESO ALLE PRESTAZIONI INTRACOMUNITARIE DI SERVIZI L applicazione - a partire dal 1 gennaio 2010 - de lle nuove regole riguardanti la territorialità

Dettagli

DIRETTIVE. DIRETTIVA 2008/118/CE DEL CONSIGLIO del 16 dicembre 2008 relativa al regime generale delle accise e che abroga la direttiva 92/12/CEE

DIRETTIVE. DIRETTIVA 2008/118/CE DEL CONSIGLIO del 16 dicembre 2008 relativa al regime generale delle accise e che abroga la direttiva 92/12/CEE L 9/12 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 14.1.2009 DIRETTIVE DIRETTIVA 2008/118/CE DEL CONSIGLIO del 16 dicembre 2008 relativa al regime generale delle accise e che abroga la direttiva 92/12/CEE IL

Dettagli

ESPORTAZIONI. I beni ceduti all estero in virtù di contratti di appalto costituiscono esportazioni.

ESPORTAZIONI. I beni ceduti all estero in virtù di contratti di appalto costituiscono esportazioni. ESPORTAZIONI Frequentemente viene confusa l operazione triangolare con le cessioni a soggetti non residenti. Tenuto conto che la normativa IVA non è sempre allineata con la normativa doganale e i termini

Dettagli

Ufficio delle Dogane di Civitanova Marche Allegato n. 2 - Prospetto 1 all OdS. n. XX del XXX Competenze dell UFFICIO DI STAFF AUDIT INTERNO (ST)

Ufficio delle Dogane di Civitanova Marche Allegato n. 2 - Prospetto 1 all OdS. n. XX del XXX Competenze dell UFFICIO DI STAFF AUDIT INTERNO (ST) Allegato n. 2 - Prospetto 1 all OdS. n. XX del XXX Competenze dell UFFICIO DI STAFF AUDIT INTERNO (ST) Unità ST 1 PROGRAMMAZIONE CONTROLLO OPERATIVO 1. Supporto Direttore per assegnazione obiettivi. 2.

Dettagli

Elenchi riepilogativi delle operazioni intracomunitarie.

Elenchi riepilogativi delle operazioni intracomunitarie. Elenchi riepilogativi delle operazioni intracomunitarie. CNA Modifiche alla disciplina dell IVA, in vigore dal 1 gennaio 2010, a seguito del recepimento delle Direttive comunitarie 8/2008 9/2008 117/2008.

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE TECNOLOGIE PER L INNOVAZIONE Ufficio integrazione tecnologica

DIREZIONE CENTRALE TECNOLOGIE PER L INNOVAZIONE Ufficio integrazione tecnologica Roma, 6 giugno 2014 Protocollo: 45089 /RU A: Rif.: Allegati: 2 Alba De Biase & C. S.a.s. info@albapetroli.it Basile Petroli S.p.a. fiscale@basilepetroli.it Industria Rodigina Petroli S.r.l. angelo.tognolo@autogasnord.it

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE TECNOLOGIE PER L INNOVAZIONE Ufficio integrazione tecnologica

DIREZIONE CENTRALE TECNOLOGIE PER L INNOVAZIONE Ufficio integrazione tecnologica Roma, 15/09/2011 Protocollo:106123 /RU Rif.: Allegati: AGCI AGRITAL mauro.vagni@agciagrital.coop valerio.cappio@agcipesca.it AICAI info@aicaionline.it A.I.D.A. Associazione Italiana Distributori Autoveicoli

Dettagli

Dichiarazione di consumo ANNO 2014

Dichiarazione di consumo ANNO 2014 Dichiarazione di consumo ANNO 2014 Cuneo 25.02.2015 Adesione al servizio telematico doganale Compilazione della dichiarazione di consumo Trasmissione telematica del file (sintesi) 2 Prima di procedere

Dettagli

CONFCOMMERCIO. La novità della dichiarazione intrastat. Roma, 14 aprile 2010. Francesca Graziano Rosa Trinchese. Copyright 2008-2009

CONFCOMMERCIO. La novità della dichiarazione intrastat. Roma, 14 aprile 2010. Francesca Graziano Rosa Trinchese. Copyright 2008-2009 CONFCOMMERCIO La novità della dichiarazione intrastat Roma, 14 aprile 2010 Francesca Graziano Rosa Trinchese Direzione Centrale Tecnologie per l Innovazione Copyright 2008-2009 Direzione Centrale Tecnologie

Dettagli

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce 2014-01-02 19:54:35 Il presente lavoro è tratto dalle guide: Imprese ed e-commerce. Marketing, aspetti legali e fiscali. e Il commercio elettronico

Dettagli

Servizi on-line per le Aziende e i Consulenti disponibili su web INTERNET

Servizi on-line per le Aziende e i Consulenti disponibili su web INTERNET Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione Servizi on-line per le Aziende e i Consulenti disponibili

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

hive D-Com Manuale Versione 1.0

hive D-Com Manuale Versione 1.0 hive D-Com Manuale Versione 1.0 hive D-Com - Guida all utilizzo 1 Sommario Prefazione... 3 Terminologia... 3 Requisiti tecnici... 3 Accesso al sistema... 4 Interfaccia... 5 Sistema di navigazione... 5

Dettagli

- le accise.. in un click

- le accise.. in un click Introduzione - le accise.. in un click Ing. Donato Rosa Milioni di euro Incremento introiti accise 30.000 17.696 23.981 21.655 27.109 20.000 10.000 4.274 3.442 0-10.000 2011 2012 var. % benzine, gasoli

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/D. Roma, 18 giugno 2015. Alle Direzioni interregionali e regionali delle dogane

CIRCOLARE N. 6/D. Roma, 18 giugno 2015. Alle Direzioni interregionali e regionali delle dogane CIRCOLARE N. 6/D Roma, 18 giugno 2015 Protocollo: Rif.: Allegati: 50093/RU Alle Direzioni interregionali e regionali delle dogane Alla Direzione interprovinciale delle dogane di Bolzano e Trento Agli Uffici

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA

ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA Circolare N. 63 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 14 settembre 2010 ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA Con Circolare n. 43/E/2010, l Agenzia delle Entrate risponde ad alcuni

Dettagli

La declinazione dell Agenda Digitale in Dogana

La declinazione dell Agenda Digitale in Dogana La declinazione dell Agenda Digitale in Dogana L impresa sociale, nelle nuvole e senza carta: norme ed opportunità Torino, 23 Novembre 2012 Teresa Alvaro Direttore Centrale Tecnologie per l Innovazione

Dettagli

Il Dialogo Telematico tra Impresa e Ufficio delle Dogane E.D.I. (Electronic Data Interchange)

Il Dialogo Telematico tra Impresa e Ufficio delle Dogane E.D.I. (Electronic Data Interchange) Telematizzazione degli adempimenti relativi alle accise per le aziende vitivinicole Il Dialogo Telematico tra Impresa e Ufficio delle Dogane E.D.I. (Electronic Data Interchange) AGENZIA DELLE DOGANE Dir.

Dettagli

Gli acquisti intracomunitari * Benedetto Santacroce **, Alessandro Fruscione **, Roberto Moscati ***, Isidoro Volo ***

Gli acquisti intracomunitari * Benedetto Santacroce **, Alessandro Fruscione **, Roberto Moscati ***, Isidoro Volo *** Gli acquisti intracomunitari * Benedetto Santacroce **, Alessandro Fruscione **, Roberto Moscati ***, Isidoro Volo *** 1. Premessa Dal 1 gennaio 1993 il mercato unico europeo è divenuto una realtà e il

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DELMASTRO DELLE VEDOVE, MARTINAT, ZACCHERA, RASI, FOTI, MIGLIORI, LANDI, BUTTI, PASETTO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DELMASTRO DELLE VEDOVE, MARTINAT, ZACCHERA, RASI, FOTI, MIGLIORI, LANDI, BUTTI, PASETTO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2240 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI DELMASTRO DELLE VEDOVE, MARTINAT, ZACCHERA, RASI, FOTI, MIGLIORI, LANDI, BUTTI, PASETTO Norme

Dettagli

Semplice ed conomica per la Telematizzazione Accise e Progetto EMCS e-da

Semplice ed conomica per la Telematizzazione Accise e Progetto EMCS e-da La Soluzione Web-based Telematizzazione Accise e Progetto EMCS e-da L Idea Acc-Easy è il frutto della sinergia tra l esperienza dell operatività quotidiana inerente le accise e gli innovativi strumenti

Dettagli

Quale documentazione attesta la vendita on line

Quale documentazione attesta la vendita on line Conferenza organizzata dall Associazione ICT Dott.Com Quale documentazione attesta la vendita on line Direzione Regionale del Piemonte a cura di Sandra Migliaccio Ufficio Fiscalità Generale 1 22 novembre

Dettagli

PTA 2013 PPT 010D1U Contrassegni di stato Obiettivo 01

PTA 2013 PPT 010D1U Contrassegni di stato Obiettivo 01 Roma, 26 giugno 2014 Protocollo: Rif.: Allegati: 64137 / RU Ai partecipanti dei tavoli tecnici e-customs e digitalizzazione accise Agli Uffici delle Dogane Alle Direzioni Interregionali, Regionali e Interprovinciale

Dettagli

Depositi IVA: procedure di introduzione ed estrazione dei beni di Massimo Gabelli e Davide Rossetti (*)

Depositi IVA: procedure di introduzione ed estrazione dei beni di Massimo Gabelli e Davide Rossetti (*) Depositi IVA: procedure di introduzione ed estrazione dei beni di Massimo Gabelli e Davide Rossetti (*) Procedure Premessa La disciplina del deposito IVA (di cui all art. 50-bis del D.L. n. 331/1993) è

Dettagli

IVA MODIFICA DEI TERMINI DI FATTURAZIONE

IVA MODIFICA DEI TERMINI DI FATTURAZIONE OGGETTO: Circolare 3.2013 Seregno, 8 gennaio 2013 IVA MODIFICA DEI TERMINI DI FATTURAZIONE Alle operazioni (cessioni di beni e/o prestazione di servizi) effettuate a partire dal primo gennaio 2013 risulteranno

Dettagli

Servizi on-line per le Aziende e i Consulenti disponibili su web INTERNET

Servizi on-line per le Aziende e i Consulenti disponibili su web INTERNET Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale delle Entrate Contributive Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni Direzione Centrale Organizzazione Servizi on-line per le Aziende

Dettagli

2. Forma, contenuto, emissione, trasmissione, archiviazione e conservazione

2. Forma, contenuto, emissione, trasmissione, archiviazione e conservazione SOMMARIO Parte I La fattura elettronica 1. L emissione della fattura elettronica da parte del fornitore 1.1. Le disposizioni contenute nel decreto legislativo n. 52 del 20 aprile 2004... 5 1.2. Le disposizioni

Dettagli

Guida alla FATTURAZIONE ELETTRONICA

Guida alla FATTURAZIONE ELETTRONICA Guida alla FATTURAZIONE ELETTRONICA 1) Normativa Le disposizioni della Legge finanziaria 2008 prevedono che l emissione, la trasmissione, la conservazione e l archiviazione delle fatture emesse nei rapporti

Dettagli

Nuove modalità di trasmissione in Dogana dei documenti di transito T1/T2 allo sdoganamento.

Nuove modalità di trasmissione in Dogana dei documenti di transito T1/T2 allo sdoganamento. Trasmissine Protocollo: 52705/RU Rif.: Allegati: vari Milano, 05.08.2011 Ai Titolari di Procedura di Domiciliazione LORO SEDI Ai destinatari autorizzati nel regime del transito LORO SEDI per il tramite

Dettagli

Alle Direzioni Regionali ed Interregionali dell Agenzia delle Dogane. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI. Alle Direzioni Centrali

Alle Direzioni Regionali ed Interregionali dell Agenzia delle Dogane. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI. Alle Direzioni Centrali Protocollo: Rif.: Allegati: n. 169792/RU Roma, 23.12.2009 Alle Direzioni Regionali ed Interregionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici delle Dogane Alle Direzioni Centrali LORO SEDI Agli Uffici di

Dettagli

ASSOCIAZIONE ICT DOTT. COM I L R A P P R E S E N T A N T E F I S C A L E D E L S O G G E T T O N O N R E S I D E N T E.

ASSOCIAZIONE ICT DOTT. COM I L R A P P R E S E N T A N T E F I S C A L E D E L S O G G E T T O N O N R E S I D E N T E. ASSOCIAZIONE ICT DOTT. COM I L R A P P R E S E N T A N T E F I S C A L E D E L S O G G E T T O N O N R E S I D E N T E A c u r a d i : Giovanni Scagnelli Dottore Commercialista Associazione IC T Dott.C

Dettagli

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE Ravenna, 3 Gennaio 2013 Circolare n. 1/13 OGGETTO: NOVITA IVA DAL 1 GENNAIO 2013 Nella Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29/12/2012 è stata pubblicata la Finanziaria 2013 (Legge n. 228 del 24/12/2012), c.d.

Dettagli

Studio Tributario e Societario. Depositi IVA. Barbara Rossi, Caterina Besio

Studio Tributario e Societario. Depositi IVA. Barbara Rossi, Caterina Besio Studio Tributario e Societario Depositi IVA Barbara Rossi, Caterina Besio Genova, 15 dicembre 2011 Il quadro normativo = LA NORMA COMUNITARIA: l art. 16 della Direttiva 77/388/CEE (oggi trasfuso negli

Dettagli

CIRCOLARE N. 10/D. Roma, 14 luglio 2014. Alle Direzioni interregionali e regionali delle dogane

CIRCOLARE N. 10/D. Roma, 14 luglio 2014. Alle Direzioni interregionali e regionali delle dogane CIRCOLARE N. 10/D Roma, 14 luglio 2014 Protocollo: RU 67167 Rif.: Allegati: Alle Direzioni interregionali e regionali delle dogane Alla Direzione interprovinciale delle dogane di Bolzano e Trento Agli

Dettagli

MODALITÀ DI TRASMISSIONE DEI DATI REGOLE TECNICHE PER LA COMUNICAZIONE DEI DATI RIFERITI A FATTURE (O RICHIESTE EQUIVALENTI DI PAGAMENTO)

MODALITÀ DI TRASMISSIONE DEI DATI REGOLE TECNICHE PER LA COMUNICAZIONE DEI DATI RIFERITI A FATTURE (O RICHIESTE EQUIVALENTI DI PAGAMENTO) PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI MODALITÀ DI TRASMISSIONE DEI DATI REGOLE TECNICHE PER LA COMUNICAZIONE DEI DATI RIFERITI A FATTURE (O RICHIESTE EQUIVALENTI DI PAGAMENTO) ART. 7-BIS DECRETO

Dettagli

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c.

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c. CIRCOLARE N 2/2007 Tivoli, 29/01/2007 Oggetto: NOVITA MODELLI INTRASTAT. Spett.le Clientela, dal 1 gennaio 2007 la ROMANIA e la BULGARIA sono entrate a far parte dell Unione Europea, pertanto le merci

Dettagli

Roma, 19 APRILE 2006. All Area Centrale Personale, Organizzazione e Informatica SEDE

Roma, 19 APRILE 2006. All Area Centrale Personale, Organizzazione e Informatica SEDE Roma, 19 APRILE 2006 Protocollo: Rif.: Allegati: 2437 All Area Centrale Personale, Organizzazione e Informatica All Area Centrale Verifiche e Controlli tributi doganali e accise, laboratori chimici All

Dettagli

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 42 31 DICEMBRE 2012 IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione

Dettagli

Roma, 18 febbraio 2009. Alle Direzioni regionali LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI OGGETTO:

Roma, 18 febbraio 2009. Alle Direzioni regionali LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI OGGETTO: Roma, 18 febbraio 2009 Protocollo: 17619/RU Rif.: Allegati: Alle Direzioni regionali LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI OGGETTO: Chiarimenti in merito all applicazione della deroga di cui all

Dettagli

Roma, 4 agosto 2014. ALL ICE AGENZIA PER LA PROMOZIONE ALL ESTERO E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ITALIANE sviluppo.servizi@ice.

Roma, 4 agosto 2014. ALL ICE AGENZIA PER LA PROMOZIONE ALL ESTERO E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ITALIANE sviluppo.servizi@ice. Protocollo: 79094/RU Roma, 4 agosto 2014 Rif.: Allegati: 2 AL COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA comando.generale@pec.gdf.it ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO POLITICHE EUROPEE

Dettagli

Indice generale sistematico

Indice generale sistematico Indice generale sistematico Prefazione del Vice Ministro delle Attività Produttive con delega al Commercio estero, on. A. Urso Prefazione del prof. V. Uckmar Prefazione del Rettore dell Istituto Universitario

Dettagli

Disposizioni in materia di importazione di prodotti biologici.

Disposizioni in materia di importazione di prodotti biologici. CIRCOLARE N. 13/D Protocollo: 90565/RU Rif.: Allegati: 5 Roma, 2 agosto 2013 Alle Direzioni Interregionali, Regionali e Provinciali Agli Uffici delle Dogane Loro sedi e, p.c. Alla Direzione Centrale Gestione

Dettagli

Informativa per la clientela di studio

Informativa per la clientela di studio Informativa per la clientela di studio N. 01 del 08.01.2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Le nuove regole IVA dal 2013 Gentile Cliente, la presente per comunicarle che la Legge di stabilità 2013

Dettagli

AL FISCO 7ATTENZIONE

AL FISCO 7ATTENZIONE 7ATTENZIONE AL FISCO 7 Attenzione al fisco... 117 7.1 Consegna a domicilio... 118 7.2 Consegna in Rete... 120 7.3 L IVA nelle vendite all estero... 122 ATTENZIONE AL FISCO 7 7. Attenzione al fisco Dal

Dettagli

Ricordiamo tuttavia che le prestazioni accessorie vengono attratte dall operazione principale (es. addebito spese di trasporto su cessione di beni).

Ricordiamo tuttavia che le prestazioni accessorie vengono attratte dall operazione principale (es. addebito spese di trasporto su cessione di beni). 09 febbraio 2012 INTRASTAT: Periodicità degli elenchi e termini di presentazione Con la presente comunicazione si intende fornire un quadro completo dei principali adempimenti in materia di compilazione

Dettagli

L IVA nei rapporti internazionali Parma, 20 gennaio 2012. Prof. Avv. Benedetto Santacroce. Soggettività passiva

L IVA nei rapporti internazionali Parma, 20 gennaio 2012. Prof. Avv. Benedetto Santacroce. Soggettività passiva L IVA nei rapporti internazionali Parma, 20 gennaio 2012 Prof. Avv. Benedetto Santacroce Soggettività passiva Soggetto passivo Per soggetto passivo stabilito nel territorio dello Stato si intende: un soggetto

Dettagli

Circolare n. 1. del 4 gennaio 2013 INDICE. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione

Circolare n. 1. del 4 gennaio 2013 INDICE. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione Circolare n. 1 del 4 gennaio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione INDICE 1 Premessa... 2 2 Nuovi obblighi di fatturazione... 2 2.1 Operazioni nei confronti di soggetti passivi

Dettagli

Proposta formativa. I Moduli. Argomento. 1) L organizzazione dell ufficio estero 4 ore. 2) Incoterms 2010 4 ore. 3) Il trasporto internazionale 4 ore

Proposta formativa. I Moduli. Argomento. 1) L organizzazione dell ufficio estero 4 ore. 2) Incoterms 2010 4 ore. 3) Il trasporto internazionale 4 ore Proposta formativa I Moduli Argomento Ore 1) L organizzazione dell ufficio estero 4 ore 2) Incoterms 2010 4 ore 3) Il trasporto internazionale 4 ore 4) I pagamenti internazionali 4 ore 5) La bolletta doganale

Dettagli

BONELLI BERNARDI AGOSTINO E ASSOCIATI. Ai signori Clienti Loro indirizzi LEGGE DI STABILITÀ 2013 - NOVITÀ IN MATERIA DI FATTURAZIONE

BONELLI BERNARDI AGOSTINO E ASSOCIATI. Ai signori Clienti Loro indirizzi LEGGE DI STABILITÀ 2013 - NOVITÀ IN MATERIA DI FATTURAZIONE Fulvio Bonelli Lucia Bernardi Rosetta Agostino Rossana Cirigliano Anna Quai Torino, lì 9 gennaio 2013 Ai signori Clienti Loro indirizzi Circolare n. 1/2013 LEGGE DI STABILITÀ 2013 - NOVITÀ IN MATERIA DI

Dettagli

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE Circolare n. 14 - pagina 1 di 11 Circolare n. 14 del 20 dicembre 2012 A tutti i Clienti Loro sedi Nuove disposizioni in materia di fatturazione Riferimenti normativi: Decreto Legge n. 216 del 11 dicembre

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DI PRASSI. Varie

DOCUMENTAZIONE DI PRASSI. Varie Varie CIRCOLARE MINFINANZE N. 335 PROT. 1570/I DEL 30.12.1992 CIRCOLARE MINFINANZE N. 335, PROT. 1570/I DEL 30 DICEMBRE 1992 RECEPIMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE [...] 1. Disposizioni generali [...] Da sottolineare

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE TECNOLOGIE PER L INNOVAZIONE Ufficio integrazione applicativa

DIREZIONE CENTRALE TECNOLOGIE PER L INNOVAZIONE Ufficio integrazione applicativa Roma, 20 maggio 2015 Prot. 58510/RU Rif.: 17631/RU /2015 46452/RU/2015 Allegati: Alle Direzioni Regionali, Interregionali ed Interprovinciale Agli Uffici delle dogane All Agenzia delle entrate Direzione

Dettagli

Documentazione illustrativa

Documentazione illustrativa Documentazione illustrativa 1. INTRODUZIONE... 3 2. DESCRIZIONE SOMMARIA DEL SOFTWARE... 3 2.1 Tabelle per semplificare l inserimento dei dati... 3 2.2 Gestione delle bolle di importazione / esportazione...

Dettagli

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 3/2013 del 31 gennaio 2013 FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Normativa Iva nazionale Novità

Dettagli

Regime del deposito doganale, fiscale ai fini accise e ai fini I.V.A..

Regime del deposito doganale, fiscale ai fini accise e ai fini I.V.A.. Roma, 07/09/2011 Protocollo: Rif.: Allegati: 84920/RU Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Provinciali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI Alle Direzioni Centrali Agli Uffici

Dettagli

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi OGGETTO: Novità 2013 nei rapporti internazionali Gentile cliente, Il decreto salva-infrazioni che ha recepito la Direttiva 2010/45/

Dettagli

Il Presidente della Repubblica

Il Presidente della Repubblica Il Presidente della Repubblica Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; Vista la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28 novembre 2006, relativa al sistema comune d imposta sul valore aggiunto;

Dettagli

Energia Elettrica 8.0

Energia Elettrica 8.0 Energia Elettrica 8.0 Acquisizione su file della dichiarazione di consumo di energia elettrica per l anno d imposta 2014 Manuale utente Versione 8.0 Dicembre 2014 Manuale utente Pagina 2 di 31 INDICE 1.

Dettagli

Il Credito Iva in Italia e all estero. Confindustria Biella, 14 settembre 2010 Alberto Venturini

Il Credito Iva in Italia e all estero. Confindustria Biella, 14 settembre 2010 Alberto Venturini Il Credito Iva in Italia e all estero Confindustria Biella, 14 settembre 2010 Alberto Venturini 1 Agenda 1. Gestione del credito Iva 2. Rimborsi Iva esteri vecchia procedura 3. Rimborsi Iva esteri nuova

Dettagli

Gli elementi comunemente contenuti nella fattura, sia cartacea che elettronica, sono:

Gli elementi comunemente contenuti nella fattura, sia cartacea che elettronica, sono: Fattura elettronica: caratteristiche e vantaggi La legge per tutti.it Stefano Veltri Il recente decreto sviluppo ha modificato la disciplina sulla fattura elettronica, allo scopo di favorirne la diffusione.

Dettagli

Informativa Clienti. del 1 marzo 2010

Informativa Clienti. del 1 marzo 2010 S T U D I O C O M M E R C I A L I S T A dott. sa Ausilia RUBIANO Commercialista Revisore Contabile Consulente Tecnico del Giudice Informativa Clienti. del 1 marzo 2010 MODELLI INTRASTAT: NOVITA. Con il

Dettagli

Tempistica della fatturazione delle operazioni transfrontaliere

Tempistica della fatturazione delle operazioni transfrontaliere Gentile Lettore, La ringraziamo per aver utilizzato i nostri servizi per il Suo aggiornamento professionale. Quando abbiamo pensato a strutturare ed organizzare gli strumenti di cui Lei oggi è fruitore,

Dettagli

A.I.D.A. PROGETTO CARGO. Colloquio Gestori T.C. Automazione Integrata Dogane Accise. Direzione Centrale Tecnologie per l Innovazione.

A.I.D.A. PROGETTO CARGO. Colloquio Gestori T.C. Automazione Integrata Dogane Accise. Direzione Centrale Tecnologie per l Innovazione. A.I.D.A. Automazione Integrata Dogane Accise PROGETTO CARGO Colloquio Gestori T.C. 11 ottobre 2010 Direzione Centrale Tecnologie per l Innovazione COLLOQUIO GESTORI T.C. VERSIONE 1 (in esercizio dal 18

Dettagli

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA ASL 2 LIGURIA Savona, 23 Settembre 2008 CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA prof. avv. Benedetto Santacroce Santacroce-Procida-Fruscione 1 CM 45/E/2005 Delibera CNIPA 11/2004 MEMORIZZAZIONE ARCHIVIAZIONE ELETTRONICA

Dettagli

Emendamento sicurezza al Codice Doganale Comunitario.

Emendamento sicurezza al Codice Doganale Comunitario. Emendamento sicurezza al Codice Doganale Comunitario. Le novità dal 1 luglio 2011 e oltre Roma, 15 luglio 2011 Modifiche al Codice/DAC - Normativa di riferimento 1. Reg. CE 648/2005 Modifiche al codice

Dettagli

E.D.I. (Electronic Data Interchange)

E.D.I. (Electronic Data Interchange) SERVIZIO EDI Il Dialogo Telematico tra Impresa e Dogana E.D.I. (Electronic Data Interchange) Novembre 2008 1 OPERATORI EDI DOGANE CEND Operativo dal gennaio 1997 Stesse procedure adottate per elaborare

Dettagli

Manuale di Gestione Protocollo Informatico

Manuale di Gestione Protocollo Informatico Manuale di Gestione Protocollo Informatico Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale PRA di Padova Aprile 2012 Versione 3.0 SOMMARIO 1. AMBITO DI APPLICAZIONE...3 2. DEFINIZIONE E COMPITI...3 3.

Dettagli

La fatturazione elettronica nei confronti della Pubblica Amministrazione

La fatturazione elettronica nei confronti della Pubblica Amministrazione La fatturazione elettronica nei confronti della Pubblica Amministrazione GAETANO MESIANO DIRIGENTE SETTORE IMPOSTE INDIRETTE ASSONIME 1 Il nuovo obbligo dei soggetti IVA Dal 6 giugno scorso l emissione,

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2010: PERIODICITA, TEMPISTICA E MODALITA DI PRESENTAZIONE Dispensa chiusa il 21/02/2010

ELENCHI INTRASTAT 2010: PERIODICITA, TEMPISTICA E MODALITA DI PRESENTAZIONE Dispensa chiusa il 21/02/2010 Alla data di redazione di queste note, non erano ancora stati emanati il D.M. e il Decreto direttoriale dell Agenzia delle Dogane che hanno visto la luce lunedì 22/02/2010 con la loro pubblicazione sul

Dettagli

Al SAISA. Alla SOGEI. DIREZIONE CENTRALE TECNOLOGIE PER L INNOVAZIONE Ufficio integrazione applicativa

Al SAISA. Alla SOGEI. DIREZIONE CENTRALE TECNOLOGIE PER L INNOVAZIONE Ufficio integrazione applicativa Roma, 9 maggio 2014 Protocollo: 10186 / RU Rif.: Allegati: Ai Componenti del tavolo tecnico e-customs Ai Componenti del tavolo Digitalizzazione accise Alle Direzioni Interregionali, Regionali e Interprovinciale

Dettagli

CONSIGNMENT STOCK AGREEMENT

CONSIGNMENT STOCK AGREEMENT Periodico quindicinale FE n. 09 9 agosto 2012 ABSTRACT CONSIGNMENT STOCK AGREEMENT Il consignment stock agreement è una forma contrattuale di origine anglosassone che si è andata sempre più sviluppando

Dettagli

Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione

Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012 n. 228 (legge di stabilità 2013) introduce numerose novità in materia

Dettagli

PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI MODALITÀ DI TRASMISSIONE DEI DATI ISTRUZIONI OPERATIVE E REGOLE TECNICHE PER LA COMUNICAZIONE DEI DATI RIFERITI A FATTURE (O RICHIESTE EQUIVALENTI DI PAGAMENTO)

Dettagli

Il commento. Modello INTRASTAT - Il punto della situazione

Il commento. Modello INTRASTAT - Il punto della situazione Modello INTRASTAT - Il punto della situazione Il commento Negli scambi intracomunitari di beni riveste una particolare importanza la compilazione dei modelli Intrastat. Le regole di compilazione e di presentazione

Dettagli