ED ERGONOMIA GIMLE. Medicina del Lavoro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ED ERGONOMIA GIMLE. Medicina del Lavoro"

Transcript

1 F S M Centro Studi Fondazione Maugeri GIORNALE ITALIANO DI MEDICINA DEL LAVORO VOLUME XXXVI - N. 1 GENNAIO-MARZO 2014 ED ERGONOMIA Medicina del Lavoro P. APOSTOLI, S. CATALANI, R. BERGONZI, C. GALLONI, M. MINGUZZI Cancerogenicità dei farmaci antiblastici, classificazioni, protezione e prevenzione, utilizzo ed evidenze B. BALBI, S. CARLI, M. CREVACORE, M. GODIO, A. DANIONI, C. SACCO, A. BRAGHIROLI Sindrome delle apnee del sonno, terapia con CPAP ed attività lavorativa G. NICOLETTI, T. PELLEGATTA Le ustioni delle mani da acido fluoridrico in ambiente domestico: corretto approccio terapeutico A. GALAZZI, S. RANCATI, R. MILOS Un indagine sugli infortuni durante il tirocinio degli studenti del corso di laurea in infermieristica G. ANSALONI, P. CICHELLA, C. MORELLI, V. ALBERGHINI, E. FINARDI, A.M. GUGLIELMIN, D. NINI, E. SACENTI, C. STAGNI Valutazione dello stress lavoro correlato in lavoratori di call-center: applicazione di una metodologia operativa Ergonomia Occupazionale e Riabilitativa M. TOMIETTO, E. PAPASTAVROU, G. EFSTATHIOU, A. PALESE Misurare la percezione di caring in pazienti e infermieri: validazione italiana del Caring Behaviors Inventory (CBIta) L. GOLZIO L economia della prevenzione dei rischi psico-sociali GIMLE Periodico trimestrale Poste Italiane s.p.a. Spedizione in Abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) articolo 1, comma 1, LO/PV R. BENTIVENGA, P. DEITINGER, M. GHELLI Rassegna di interventi realizzati per il miglioramento del benessere organizzativo in Italia TIPOGRAFIA pime PAVIA EDITRICE Srl

2 Francesco Frigerio, Elio Giroletti INTRODUZIONE AI RISCHI FISICI Formato 17x24 Pagine ,00 Edizioni Medea ISBN Prefazione di Marcello Imbriani PREFAZIONE Nella pratica consolidata della prevenzione dei rischi occupazionali dopo il D.Lgs 626/94, gli agenti fisici erano tradizionalmente identificati con rumore, vibrazioni, illuminamento, microclima e videoterminali. Le radiazioni ionizzanti, di pertinenza dell Esperto Qualificato, da quasi mezzo secolo sembrano un argomento da considerarsi a parte. Il D.Lgs 81/08 e successive modifiche, ormai noto come Testo Unico sulla sicurezza, ha richiamato l obbligo di valutare tutti i rischi, e ha fornito un quadro normativo stringente per le radiazioni non ionizzanti, richiamando aspetti quali gli infrasuoni e gli ultrasuoni dei quali si sa poco e che richiedono un approfondimento della preparazione a tutti gli attori della prevenzione. A tale esigenza può rispondere questo testo, scritto da due fisici con consolidata competenza nel campo delle radiazioni ionizzanti, che hanno maturato sul campo importanti esperienze nella valutazione, misura e calcolo di tutti gli agenti fisici richiamati nel Testo Unico. Il volume è utile ai Datori di Lavoro, agli Addetti e ai Responsabili dei Servizi di Prevenzione e Protezione, ai Medici Competenti, al personale degli enti di controllo e in genere a chi si occupa di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro ed è interessato a conoscere i metodi di misura e valutazione applicabili a ciascuno degli agenti fisici. Il testo vuole altresì essere un utile strumento per coloro che si avvicinano alla complessa materia e agli studenti. In questo manuale ci sono anche ampi riferimenti alla tutela della popolazione generale dai rischi derivanti dagli agenti fisici. In questo campo spesso giungono al pubblico notizie fuorvianti, il testo può essere un aiuto per distinguere i problemi che realisticamente meritano un approfondimento dagli allarmismi inutili. Prof. Marcello Imbriani Università degli Studi di Pavia Direttore Dipartimento di Sanità Pubblica, Medicina Sperimentale e Forense

3 Volume XXXVI, N. 1 Gennaio-Marzo Issn GIORNALE ITALIANO DI MEDICINA DEL LAVORO ED ERGONOMIA Rivista di Medicina del Lavoro (Medicina Occupazionale e Ambientale, Igiene del Lavoro, Tossicologia Occupazionale) ed Ergonomia (Rapporto Uomo/Lavoro, Riabilitazione Occupazionale, Terapia Occupazionale, Psicologia del Lavoro, Ergonomia) Rivista indicizzata da: Index Medicus, Excerpta Medica, Scopus Editor in Chief MARCELLO IMBRIANI - COMITATO SCIENTIFICO COMITATO DI REDAZIONE Giuseppe Abbritti, Università di Perugia Pietro Apostoli, Università di Brescia Mario Barbaro, Università di Messina Antonio Bergamaschi, Università Cattolica, Roma Massimo Bovenzi, Università di Trieste Stefano M. Candura, Luca Chiovato, Vincenzo Cupelli, Università di Firenze Elena Grignani, e AIDII Sergio Iavicoli, INAIL Piero Maestrelli Università di Padova Cristina Montomoli Antonio Mutti Università di Parma Giacomo Muzi Università di Perugia Enrico Paggi Gabriele Pelissero Enrico Pira Università di Torino Alfredo Raglio Pietro Sartorelli Università di Siena Leonardo Soleo Università di Bari Chiara Simonelli Università di Roma 1 La Sapienza Francesco Tomei Università di Roma 1 La Sapienza Francesco Violante, Università di Bologna Livia Visai Giacomo Bazzini Edda Capodaglio Roberto Colombo Fondazione S. Maugeri, Pavia Paolo Crosignani Ines Giorgi Danilo Cottica Giuseppina Majani Marco Monticone Gianna Moscato Enrico Oddone Giandomenico Pinna Giuseppe Taino Segreteria: Alessandra Bianchi - - Fax Redazione: Giornale Italiano di Medicina del Lavoro ed Ergonomia - Fondazione Salvatore Maugeri, IRCCS Istituto Scientifico di Pavia - Sezione di Medicina del Lavoro Salvatore Maugeri - Via Severino Boezio, PAVIA Editore: PI-ME Editrice - Via Vigentina 136 A - Tel Fax PAVIA Pubblicazione trimestrale - Direttore Responsabile: Prof. Marcello Imbriani - Autorizzazione del Tribunale di Pavia n. 229 del 16 Maggio ROC 5756 Associato all USPI, Unione Stampa Periodica Italiana

4

5 GIORNALE ITALIANO DI MEDICINA DEL LAVORO ED ERGONOMIA Volume XXXVI - N. 1 Gennaio-Marzo 2014 INDICE Medicina del Lavoro P. Apostoli, S. Catalani, R. Bergonzi, 5 Cancerogenicità dei farmaci antiblastici, C. Galloni, M. Minguzzi classificazioni, protezione e prevenzione, utilizzo ed evidenze B. Balbi, S. Carli, M. Crevacore, M. Godio, 17 Sindrome delle apnee del sonno, terapia A. Danioni, C. Sacco, A. Braghiroli con CPAP ed attività lavorativa G. Nicoletti, T. Pellegatta 22 Le ustioni delle mani da acido fluoridrico in ambiente domestico: corretto approccio terapeutico A. Galazzi, S. Rancati, R. Milos 25 Un indagine sugli infortuni durante il tirocinio degli studenti del corso di laurea in infermieristica G. Ansaloni, P. Cichella, C. Morelli, V. Alberghini, 32 Valutazione dello stress lavoro correlato E. Finardi, A.M. Guglielmin, D. Nini, in lavoratori di call-center: applicazione E. Sacenti, C. Stagni di una metodologia operativa Ergonomia Occupazionale e Riabilitativa M. Tomietto, E. Papastavrou, G. Efstathiou, A. Palese 38 Misurare la percezione di caring in pazienti e infermieri: validazione italiana del Caring Behaviors Inventory (CBIta) L. Golzio 45 L economia della prevenzione dei rischi psico-sociali R. Bentivenga, P. Deitinger, M. Ghelli 54 Rassegna di interventi realizzati per il miglioramento del benessere organizzativo in Italia ERRATA CORRIGE Si segnala che sul Giornale Italiano di Medicina del Lavoro ed Ergonomia (Volume XXXV, Supplemento al N. 4, ottobre-dicembre 2013, pag ), nell articolo Studio delle vibrazioni trasmesse durante l uso di macchine portatili: soffiatore e atomizzatore il nome dell autore Antonio Licciardello va sostituito con Antonino Andrea Licciardello. La versione corretta del titolo con gli Autori è pertanto la seguente: Nunzio Luca, Roberto Deboli, Angela Calvo, Alfio Catalano, Valentina Costanzo, Andrea Marconi, Lucrezia Fago, Lidia Proietti, Antonino Andrea Licciardello, Lucia Rapisarda, Concettina Fenga, Maria Santa Barbagallo, Venerando Rapisarda STUDIO DELLE VIBRAZIONI TRASMESSE DURANTE L USO DI MACCHINE PORTATILI: SOFFIATORE E ATOMIZZATORE

6

7 G Ital Med Lav Erg 2014; 36:1, 5-16 PI-ME, Pavia ISSN MEDICINA DEL LAVORO Pietro Apostoli 1, Simona Catalani 1, Roberto Bergonzi 1, Carla Galloni 2, Martina Minguzzi 3 Cancerogenicità dei farmaci antiblastici, classificazioni, protezione e prevenzione, utilizzo ed evidenze 1 Dipartimento di Specialità Medico Chirurgiche, Scienze Radiologiche e Sanità Pubblica, Sezione di Sanità Pubblica, Medicina del Lavoro e Igiene Industriale, Università degli Studi di Brescia 2 UMaCA U.O. Farmacia, Spedali Civili Brescia 3 Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori IRST, Farmacia, Meldola (FC) RIASSUNTO. È noto che alcuni farmaci antiblastici hanno proprietà cancerogene, mutagene o teratogene, insite nel loro meccanismo d azione antitumorale, come dimostrato da studi sperimentali e dall evidenza di insorgenza di seconde neoplasie in seguito a specifici trattamenti terapeutici. Tuttavia, l esposizione professionale degli operatori sanitari a farmaci antiblastici è differente per via di esposizione, durata e dose all esposizione dei pazienti sottoposti a protocolli terapeutici. In questa revisione si vuole aggiornare la classificazione Nazionale e Internazionale di questa categoria di sostanze approfondendo l esposizione professionale e analizzando le attuali condizioni operative, le evoluzioni tecniche e operative volte alla riduzione dell esposizione, le evidenze epidemiologiche e le misure delle esposizioni. Viene inoltre affrontato la questione della dispersione nell ambiente generale di vita. Parole chiave: farmaci antiblastici, classificazioni cancerogeni, monitoraggio biologico e ambientale, dispositivi di protezione. ABSTRACT. CARCINOGENICITY OF ANTINEOPLASTIC DRUG: USE, TOXICITY, CLASSIFICATION, PREVENTION AND PROTECTION MEASURES. Many antineoplastic agents have been shown to be mutagenic, teratogenic and carcinogenic in experimental studies and secondary malignant neoplasms are known to be associated with several specific therapeutic treatments. However, the occupational exposure to antineoplastic drugs in health care workers has different routes of exposure, dose and duration compared to patients undergoing treatment protocols. The aims of this review are to analyze and to update the National and International Classification, and deepening the topics of occupational exposure, current operating conditions, the technical and operational progress to reducing the exposure, the epidemiological evidence and exposure measurement data available. Finally, we illustrate the dispersion in the environment as a real risk for the general population. Key words: antineoplastic drug, carcinogenic classification, environmental and biologiocal monitoring, personal protective devices. 1. Introduzione Questa revisione vuole affrontare il tema della cancerogenicità e classificazione dei farmaci chemioterapici antiblastici (CA) prendendo spunto dalla pubblicazione della parte A della revisione IARC dei cancerogeni umani (1, 2) riguardante anche tali farmaci. A differenza di altri farmaci rivelatasi cancerogeni per i pazienti in seguito al palesarsi di evidenze epidemiologiche e sperimentali, i protocolli di trattamento con CA prevedono l utilizzo (giustificato dalla loro efficacia terapeutica) anche di composti chimici dalla comprovata cancerogenicità. Tuttavia, se per i pazienti l aumentato rischio è condizione necessaria, è opportuno focalizzare l attenzione sull esposizione dei lavoratori addetti a: sintesi industriale, preparazione e/o somministrazione, pulizia e smaltimento. In tal senso, l interpretazione degli studi che hanno portato alla classificazione di queste sostanze deve valutare due differenti situazioni espositive: quella del paziente trattato ad alte dosi, per via sistemica e per un periodo relativamente breve e quella degli operatori sanitari esposti a basse dosi, per via inalatoria o cutanea e per periodi che possono coprire l intera carriera lavorativa. D altra parte poiché per gli eventi cancerogeni, mutageni e teratogeni non è agevole determinare una dose soglia e quindi non è possibile determinare un esposizione sicura, l azione è rivolta a conoscere e rendere minimo/nulla l esposizione. In questa sede non vogliamo entrare nel dettaglio degli studi epidemiologici e sperimentali che hanno portato all evidenza della cancerogenicità delle sostanze prese in esame ma approfondire l aspetto che più interessa in questa rubrica, ossia la Valutazione del Rischio e le evidenze degli effetti fra gli operatori esposti a CA e prendere in rassegna le classificazioni previste dalle principali agenzie Nazionali e Internazionali. Il nostro gruppo di lavoro ha preso parte all elaborazione di diversi documenti (3-6) che hanno portato alla stesura di Linee Guida Ministeriali e Regionali sulla prevenzione dei rischi occupazionali nella manipolazione dei Chemioterapici Antiblastici che rimangono ad oggi uno trai documenti principali in tema di prevenzione per gli operatori professionalmente esposti a CA (7).

8 6 G Ital Med Lav Erg 2014; 36:1 2. Meccanismi di azione dei CA I CA sono medicinali che inibiscono e combattono lo sviluppo dei tumori. Si tratta di un gruppo eterogeneo di sostanze che, con meccanismi diversi, inibiscono la proliferazione delle cellule tumorali. Sono usualmente classificati in gruppi che fanno riferimento al meccanismo d azione (agenti alchilanti come ciclofosfamide, cisplatino o clorambucil, antimetaboliti, come mercaptopurina, 5-fluorouracile e metrotressato, agenti antimicrotubuli, tra cui vincristina e vinblastina), all azione fisiologica (enzimi come la L-asparaginasi ed ormoni o anti-ormoni come tamoxifene e raloxifene) o in rapporto alla loro derivazione (antibiotici antitumorali, quali dactinomicina, bleomicina, doxorubicina). O ancora interferoni, anticorpi monoclonali e modificatori della risposta biologica. In generale, queste classificazioni hanno un loro livello di arbitrarietà in quanto vari farmaci potrebbero trovare collocazione in più classi (8). Sono generalmente suddivisi in due grandi gruppi: i composti citostatici, che impediscono la replicazione delle cellule ma non distruggono quelle maligne già presenti, ed i citotossici, che invece inducono morte cellulare. Generalmente, i protocolli non prevedono l utilizzo di un solo farmaco, ma associano più sostanze nell intento di aggredire le cellule cancerogene su più fronti contemporaneamente, con l obiettivo di evitare che il tumore diventi resistente all effetto della cura. L inibizione della crescita delle cellule tumorali si esplica attraverso l induzione di alterazioni nel DNA delle stesse o interferendo durante la fase di divisione cellulare. I farmaci antiblastici però non agiscono soltanto e selettivamente sulle cellule tumorali ma su tutte le cellule divisibili e con un elevato indice mitotico quali midollo osseo, epiteli dei bulbi piliferi, mucose, apparato riproduttivo, determinando così un certo grado di mutagenicità, cancerogenicità e teratogenicità (caratteristiche negative, intrinseche ed ineliminabili di questa categoria di farmaci) (9). Per le loro proprietà citotossiche e immunosoppressive, gli antiblastici possono pertanto causare l insorgenza di tumori secondari, innescando la trasformazione di cellule normali in cancerogene e riducendo le difese endogene contro l insorgenza di neoplasie. 3. Classificazioni 3.1 IARC L Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) ha classificato la cancerogenicità dei farmaci antiblastici prevalentemente attraverso la valutazione, nei pazienti trattati per neoplasia, del rischio di sviluppare tumori secondari non correlati con la patologia primitiva (es. aumentata incidenza di leucemie mieloidi acute in soggetti con tumori solidi). La monografia IARC 100A (2) si è occupata di aggiornare e riesaminare i dati inerenti i farmaci che erano stati classificati cancerogeni per l uomo (Gruppo 1) nei volumi precedenti (10-16). In Tabella I sono riportati i CA estrapolati dalla lista dei farmaci con indicazione della sede o della tipologia di tumore indotto e del relativo meccanismo d azione. Alcuni agenti inclusi in questo volume sono stati superati e sostituiti da altri farmaci o da terapie combinate, che dovranno in futuro essere valutati. Si evidenzia che tutti i composti erano già classificati cancerogeni certi nelle precedenti monografie. L unica eccezione è rappresentata dall etoposide, farmaco inibitore della topoisomerasi II. Il precedente Gruppo di Lavoro (10) aveva concluso infatti che la combinazione di etoposide, bleomicina e cisplatino era cancerogena certa (aumentata incidenza di leucemia mieloide acuta) mentre l etoposide da sola era stata inserita, analogamente a cisplatino, nel gruppo 2A, (cancerogeno probabile), e la bleomicina nel gruppo 2B (possibile cancerogeno), a causa dell assenza di evidenze sufficienti (Tabella II). Il Gruppo di Lavoro ammette che nella precedente monografia un interpretazione chiara fosse stata ostacolata dalla concomitante esposizione dei pazienti ad altri agenti potenzialmente leucemogeni; la rielaborazione dei dati di varie coorti oggetto di studio negli anni 90, pur presentando ancora il problema della co-esposizione, sembra invece chiarire il ruolo della etoposide. Comunque, il Gruppo conclude che per quanto riguarda l etoposide da sola vi sia evidenza di cancerogenicità limitata nell uomo ed evidenza inadeguata negli animali da esperimento. Ciò nonostante, nella valutazione finale l etoposide viene inclusa nel gruppo 1 (cancerogeno certo), sià perché le forme leucemiche che può indurre sono, per caratteristiche morfologiche, latenza e cariotipo ben distinguibili da quella indotte da agenti alchilanti, sia perché bleomicina e cisplatino esplicano effetti genotossici con meccanismi differenti. Per tutti i farmaci studiati vengono trattati lo scopo terapeutico e le modalità di utilizzo, gli studi epidemiologici di sviluppo di tumori secondari in pazienti dopo trattamenti con antiblastici e le evidenze di cancerogenicità negli animali da esperimento (esposti per endovena, per via orale o intraperitoneale), informazioni riguardanti assorbimento, distribuzione, metabolismo ed escrezione, effetti genotossici e meccanismo di cancerogenesi. Prendendo in esame le monografie IARC concernenti i CA (10-16), l esposizione professionale è trattata solo nel volume Vol 100 A (2) e limitatamente alla ciclofosfamide: si citano studi che evidenziano un elevata frequenza di aberrazioni cromosomiche e di micronuclei nel personale sanitario esposto a ciclofosfamide (17-23). Come noto, la IARC non classifica solo le sostanze ma anche le attività produttive e lavorative in cui le condizioni ed esposizioni a diverse sostanze possono comportare un aumentato rischio di sviluppo di tumore. Tuttavia la manipolazione, allestimento e somministrazione di CA non sono stati considerati in tal senso. 3.2 DFG (Deutsche Forschungsgemeinschaft) La DFG non include i CA nella lista di sostanze che possono determinare un rischio per la salute in seguito ad esposizione professionale e non pone i relativi limiti di esposizione. Tuttavia, è presente una sezione intitolata gruppo di sostanze che richiedono considerazioni particolari, nella quale si osserva che studi epidemiologici e sperimentali

9 G Ital Med Lav Erg 2014; 36:1 7 Tabella I. Farmaci antiblastici considerati cancerogeni certi per l uomo (Gruppo 1) dalla IARC, relativo meccanismo di azione ipotizzato e sede principale del tumore (2) Agente CAS Vol. IARC Tipo di tumore Meccanismo di azione METIL-CCNU Vol. 26 (1981) Leucemia mieloide acuta Genotossico TREOSULFANO Vol. 26 (1981) Leucemia mieloide acuta Genotossico BUSULFANO Vol. 4 (1974) Leucemia mieloide acuta Genotossico CICLOFOSFAMIDE Vol. 26 (1981) Leucemia mieloide acuta, Genotossico vescica Metabolismo di agenti (alchilanti) CLORAMBUCILE Vol. 26 (1981) Leucemia mieloide acuta Genotossico CLORNAFAZINA Vol. 4 (1974) Vescica Genotossico (agente alchilante, metabolismo derivati 2-naftil ammina) ETOPOSIDE Vol. 76 (2000) (2A) Genotossico, traslocazione che coinvolge i geni MLL ETOPOSIDE in combinazione Vol. 76 (2000) Leucemia mieloide acuta Genotossico, traslocazione con cisplatino e bleomicina che coinvolge i geni MLL MELPHALAN Vol. 9 (1975) Leucemia mieloide acuta Genotossico MOPP (Mustargen Oncovin Leucemia mieloide acuta, Genotossico Procarbazine Prednisone) polmone ed altre miscele contenenti agenti alchilanti TIOTEPA Vol. 50 (1990) Leucemia Genotossico (agente alchilante Tabella II. Farmaci antiblastici considerati cancerogeni probabili (2A) o possibili (2B) dalla IARC Principi attivi Gruppo CAS Vol. IARC ADRIAMICINA 2A Vol. 10, AZACITIDINA 2A Vol. 50 (1990) BLEOMICINA 2B Vol. 26, DAUNOMICINA 2A Vol. 10, CCNU 2A Vol. 26, METILTIOURACILE 2B Vol. 79; 2001 MOSTARDE 2A Vol. 9, AZOTATE CIS-PLATINO 2A Vol. 26, PROCARBAZINA 2A Vol. 26, TENIPOSIDE 2A Vol. 76; 2000 hanno riportato evidenze di cancerogenicità di alcuni CA e poiché l esposizione professionale di queste sostanze può avvenire durante le fasi di preparazione, somministrazione o ricerca, tutte le sostanze con un meccanismo terapeutico genotossico sono da considerarsi cancerogene per gli operatori. Anche in questo caso, l ipotesi è supportata dall evidenza dello sviluppo di tumori differenti dai primitivi in pazienti sottoposti a trattamenti con agenti citotossici (24). 3.3 ACGIH L Associazione Americana degli Igienisti Industriali (ACGIH) (25) non include i CA nella lista di sostanze presentata annualmente; pertanto, non viene proposto alcun valore limite soglia (TLV), così come non sono fornite informazioni in merito ad indicatori biologici di esposizione (IBE). 3.4 NIOSH Negli USA, the National Institute for Occupational Safety and Health (NIOSH), a differenza delle Agenzie viste fino ad ora, considera i CA in relazione alla pericolosità degli operatori sanitari che li manipolano e non solamente in pazienti che li assumono.

GIMLE GIORNALE ITALIANO DI MEDICINA DEL LAVORO ED ERGONOMIA F S M. Medicina del Lavoro

GIMLE GIORNALE ITALIANO DI MEDICINA DEL LAVORO ED ERGONOMIA F S M. Medicina del Lavoro F S M Centro Studi Fondazione Maugeri GIORNALE ITALIANO DI MEDICINA DEL LAVORO VOLUME XXXVI - N. 2 APRILE-GIUGNO 2014 ED ERGONOMIA http://gimle.fsm.it Medicina del Lavoro G. MOSCONI, G.B. BARTOLUCCI, P.

Dettagli

Prof. Luigi Perbellini

Prof. Luigi Perbellini CANCEROGENESI PROFESSIONALE: CLASSIFICAZIONE DEI CANCEROGENI E VALUTAZIONE DEL RISCHIO Prof. Luigi Perbellini Medicina del Lavoro - Università di Verona Modello a stadi multipli per la cancerogenesi Fase

Dettagli

Farmaci Antineoplastici Generalità

Farmaci Antineoplastici Generalità Farmaci Antineoplastici Generalità Con il termine chemioterapia, si intende in una terapia medica capace di distruggere una popolazione cellulare. Le probabilità di successo di una chemioterapia, saranno

Dettagli

FARMACI CITOTOSSICI TRADIZIONALI Meccanismi di tossicità

FARMACI CITOTOSSICI TRADIZIONALI Meccanismi di tossicità FARMACI CITOTOSSICI TRADIZIONALI Meccanismi di tossicità Ivrea, 25 gennaio 2012 Paolo Abrate S.C. Farmacia Ospedaliera Ivrea/Ciriè Sommario Replicazione cellulare Meccanismi di danno I C.T.A. classici

Dettagli

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57 LA TERAPIA METRONOMICA Per oltre mezzo secolo, la terapia sistemica per i tumori è stata caratterizzata dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici. La maggior parte di questi farmaci ha lo scopo

Dettagli

GIMLE GIORNALE ITALIANO DI MEDICINA DEL LAVORO ED ERGONOMIA F S M. Medicina del Lavoro

GIMLE GIORNALE ITALIANO DI MEDICINA DEL LAVORO ED ERGONOMIA F S M. Medicina del Lavoro F S M Centro Studi Fondazione Maugeri GIORNALE ITALIANO DI MEDICINA DEL LAVORO ED ERGONOMIA VOLUME XXXVII - N. 2 APRILE-GIUGNO 2015 Medicina del Lavoro I. IAVICOLI, C. SBORDONE, G.B. BARTOLUCCI, G. ABBRITTI,

Dettagli

Campi elettromagnetici e tumori: la risposta della IARC

Campi elettromagnetici e tumori: la risposta della IARC Page 1 of 5 Campi elettromagnetici e tumori: la risposta della IARC Nel maggio 2011 l Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) ha classificato i campi elettromagnetici a radiofrequenza tra

Dettagli

La sorveglianza sanitaria il ruolo del medico competente

La sorveglianza sanitaria il ruolo del medico competente La manipolazione dei farmaci ad alto rischio : i chemioterapici La sorveglianza sanitaria il ruolo del medico competente la manipolazione dei farmaci ad alto rischio: i chemioterapici cancerogeno Irritante

Dettagli

Date delle lezioni del corso:! Sede del corso:! Segreteria organizzativa:! Programma del corso:!

Date delle lezioni del corso:! Sede del corso:! Segreteria organizzativa:! Programma del corso:! Date delle lezioni del corso: Data Ora Martedì 23 Settembre 2014 Ore 9:00-13:00 / 14:00-18:00 Martedì 30 Settembre 2014 Ore 9:00-13:00 / 14:00-18:00 Martedì 7 Ottobre 2014 Ore 9:00-13:00 / 14:00-18:00

Dettagli

Igiene e Sicurezza del Lavoro

Igiene e Sicurezza del Lavoro Quadro normativo Igiene e Sicurezza del Lavoro La verifica della compliance normativa ai sensi del Testo Unico della Sicurezza Il D.Lgs. 81/08, noto come Testo Unico della Sicurezza sul lavoro, ha sostituito

Dettagli

I tumori professionali La prevenzione possibile. Dr.ssa Sabrina Filiberto Dirigente Medico SPSAL-Jesi Area Vasta 2 ASUR Marche

I tumori professionali La prevenzione possibile. Dr.ssa Sabrina Filiberto Dirigente Medico SPSAL-Jesi Area Vasta 2 ASUR Marche I tumori professionali La prevenzione possibile Dr.ssa Sabrina Filiberto Dirigente Medico SPSAL-Jesi Area Vasta 2 ASUR Marche Cosa sono le neoplasie professionali? Sono neoplasie nella cui patogenesi abbiano

Dettagli

Newsletter medico-legale

Newsletter medico-legale Newsletter medico-legale Via G. Paisiello, 43 00198 Roma Tel. 06/855631 a cura di Marco Bottazzi e Gabriele Norcia della Consulenza medico-legale Inca Cgil Numero 1 /2010 IARC: valutazione di cancerogenicità

Dettagli

Tossicità dei farmaci chemioterapici antitumorali. Prof. Giorgio La Nasa 24 Maggio 2010

Tossicità dei farmaci chemioterapici antitumorali. Prof. Giorgio La Nasa 24 Maggio 2010 Tossicità dei farmaci chemioterapici antitumorali Prof. Giorgio La Nasa 24 Maggio 2010 TOSSICITA DEGLI ANTIBLASTICI 1 - NELLA TERAPIA DELLE NEOPLASIE BISOGNA OTTENERE LA TOTALE ELIMINAZIONE DELE CELLULE

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

Date delle lezioni del corso: Sede del corso: Segreteria organizzativa: Programma del corso: Giovedì 5 Novembre 2015 Ore 9:00-13:00 / 14:00-18:00

Date delle lezioni del corso: Sede del corso: Segreteria organizzativa: Programma del corso: Giovedì 5 Novembre 2015 Ore 9:00-13:00 / 14:00-18:00 Date delle lezioni del corso: Data Ora Giovedì 5 Novembre 2015 Ore 9:00-13:00 / 14:00-18:00 Martedì 10 Novembre 2015 Ore 9:00-13:00 / 14:00-18:00 Giovedì 12 Novembre 2015 Ore 9:00-13:00 / 14:00-18:00 Martedì

Dettagli

Studi su animali: i risultati

Studi su animali: i risultati Studi su animali: i risultati Gli studi su animali rappresentano un'opportunità per ottenere informazioni dettagliate sull'interazione tra campi elettromagnetici e sistemi viventi, nonchè l'intero insieme

Dettagli

Il rischio cancerogeno e mutageno

Il rischio cancerogeno e mutageno Il rischio cancerogeno e mutageno Le sostanze cancerogene Un cancerogeno è un agente capace di provocare l insorgenza del cancro o di aumentarne la frequenza in una popolazione esposta. Il cancro è caratterizzato

Dettagli

Aggiornamento in tema di rischio professionale da gas anestetici per inalazione

Aggiornamento in tema di rischio professionale da gas anestetici per inalazione Aggiornamento in tema di rischio professionale da gas anestetici per inalazione Scuola di specializzazione in Medicina del lavoro Università di Modena e Reggio Emilia Rischi degli Operatori Sanitari Pubblicazioni

Dettagli

LEUCEMIE ACUTE LINFOIDI DELL'ADULTO

LEUCEMIE ACUTE LINFOIDI DELL'ADULTO LEUCEMIE ACUTE LINFOIDI DELL'ADULTO La leucemia acuta linfoide è una malattia non frequente (15% delle forme leucemiche) in cui vi è una proliferazione maligna di cellule linfoidi nel midollo, nel sangue

Dettagli

La relazione infermiere-pazientemedico nella gestione della chemioterapia. 12 novembre 2002

La relazione infermiere-pazientemedico nella gestione della chemioterapia. 12 novembre 2002 La relazione infermiere-pazientemedico nella gestione della chemioterapia 12 novembre 2002 I farmaci antiblastici La chemioterapia antitumorale si può considerare relativamente recente. All inizio degli

Dettagli

Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza

Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza In collaborazione con: Con il coordinamento scientifico di: Tabella 1. Prospetto delle Classi di Laurea Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Normativa Con l'introduzione

Dettagli

La valutazione dei rischi e la prevenzione

La valutazione dei rischi e la prevenzione Università di Ferrara Insegnamento di Sicurezza nei luoghi di lavoro CdL Area Sanitaria A.A. 2011-2012 La valutazione dei rischi e la prevenzione Dr. Salvatore Mìnisci 1 RAPPORTO LAVORO / SALUTE CONDIZIONI

Dettagli

Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore. Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore

Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore. Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore Titolo Destinatari Obiettivi e Finalità Normativa di riferimento Requisiti di ammissione Durata e modalità Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore Il modulo B5 è il corso

Dettagli

La centralizzazione degli allestimenti antiblastici

La centralizzazione degli allestimenti antiblastici La centralizzazione degli allestimenti antiblastici Azienda Ospedaliera Universitaria Ospedali Riuniti di Ancona Dr. Andrea Marinozzi a.marinozzi@ospedaliriuniti.marche.it SOCIETÀ ITALIANA DI FARMACIA

Dettagli

Infezione da HPV: dalla diagnosi precoce alla prevenzione primaria.

Infezione da HPV: dalla diagnosi precoce alla prevenzione primaria. WORKSHOP Infezione da HPV: dalla diagnosi precoce alla prevenzione primaria. 9 10 Novembre 2005 REPV BBLICA ITA LIANA Istituto Superiore di Sanità Viale Regina Elena,299 - Roma Infezione da HPV: dalla

Dettagli

curriculum vitae Dott. Renato Luciano Rizzi

curriculum vitae Dott. Renato Luciano Rizzi Formato Europeo Curriculum Vitae di Renato Luciano Rizzi Informazioni personali Rizzi Renato Luciano 20149 Via Cuneo, 5 02460970 3386073966 0248002810 fax rizzimd@hotmail.com Nazionalità Italiana Luogo

Dettagli

Azienda sanitaria Provinciale Enna PROCESSO DI GESTIONE DELLA TERAPIA ANTITUMORALE IN UFA ONCOLOGIA - EMATOLOGIA SMALTIMENTO. Nome/Funzione Data Firma

Azienda sanitaria Provinciale Enna PROCESSO DI GESTIONE DELLA TERAPIA ANTITUMORALE IN UFA ONCOLOGIA - EMATOLOGIA SMALTIMENTO. Nome/Funzione Data Firma Pagina 1 di 6 SMALTIMENTO Nome/Funzione Data Firma Redazione Verifica Approvazione Adozione Dott.ssa Giuseppa Cinzia Di Martino Responsabile UFA Dott.ssa Maria Teresa Perricone Direttore U.O.C. Farmacia

Dettagli

CORSO RSPP RISCHIO ALTO

CORSO RSPP RISCHIO ALTO CORSO RSPP RISCHIO ALTO Obiettivi Destinatari Formazione per lo svolgimento da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dei rischi ai sensi dell art.34, comma 2 e 3, del decreto

Dettagli

Il paziente oncologico

Il paziente oncologico Il paziente oncologico Le neoplasie sono tra le cause più frequenti di morte nel cane e nel gatto in molti paesi industrializzati. La chemioterapia antineoplastica, anche in medicina veterinaria, negli

Dettagli

La manipolazione dei farmaci citostatici

La manipolazione dei farmaci citostatici 1 La manipolazione dei farmaci citostatici L'aumento dei tumori nella popolazione implica per il personale sanitario un aumento delle operazioni di preparazione e somministrazione dei farmaci antiblastici,

Dettagli

L IPERTERMIA (HT) NEL TRATTAMENTO DEI TUMORI MALIGNI S. Maluta Unità Operativa di Radioterapia Oncologica, Ospedale-Università di Verona, Italia

L IPERTERMIA (HT) NEL TRATTAMENTO DEI TUMORI MALIGNI S. Maluta Unità Operativa di Radioterapia Oncologica, Ospedale-Università di Verona, Italia L IPERTERMIA (HT) NEL TRATTAMENTO DEI TUMORI MALIGNI S. Maluta Unità Operativa di Radioterapia Oncologica, Ospedale-Università di Verona, Italia INTRODUZIONE Che cos è l ipertermia? Ipertermia significa

Dettagli

Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto?

Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto? Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto? Florence è il nome con cui abbiamo battezzato questo studio clinico internazionale

Dettagli

S. Sanna A. Messineo, G.Borzacchi, L.Dimitri, A.Quercia, L.Taddei

S. Sanna A. Messineo, G.Borzacchi, L.Dimitri, A.Quercia, L.Taddei Efficacia delle azioni di promozione e controllo sull appropriatezza delle misure di prevenzione adottate nelle aziende agricole. La sorveglianza sanitaria, le indagini sui danni associati al rischio S.

Dettagli

F O R M A T O INFORMAZIONI PERSONALI. Cognome e Nome. PIGNATARI VINCENZO Luogo e data di nascita Crotone (Kr) 14.11.1965 Residenza

F O R M A T O INFORMAZIONI PERSONALI. Cognome e Nome. PIGNATARI VINCENZO Luogo e data di nascita Crotone (Kr) 14.11.1965 Residenza F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome PIGNATARI VINCENZO Luogo e data di nascita Crotone (Kr) 14.11.1965

Dettagli

Schede Tecniche e RiSchi per la SaluTe Industria alimentare Biotecnologie Industria ceramica Industria chimica Il cantiere edilizio

Schede Tecniche e RiSchi per la SaluTe Industria alimentare Biotecnologie Industria ceramica Industria chimica Il cantiere edilizio Schede Tecniche e RISCHI per la salute * Industria alimentare Biotecnologie Industria ceramica Industria chimica Il cantiere edilizio Industria elettronica Agricoltura e zootecnia Industria metallurgica

Dettagli

LA RETE NAZIONALE SOLIDALE E COLLABORAZIONI INTERNAZIONALI DEL PROGRAMMA STRAORDINARIO ONCOLOGIA 2006 (ISS PER ACC)

LA RETE NAZIONALE SOLIDALE E COLLABORAZIONI INTERNAZIONALI DEL PROGRAMMA STRAORDINARIO ONCOLOGIA 2006 (ISS PER ACC) LA RETE NAZIONALE SOLIDALE E COLLABORAZIONI INTERNAZIONALI DEL PROGRAMMA STRAORDINARIO ONCOLOGIA 2006 (ISS PER ACC) CONVEGNO DI PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITA INIZIATE NELL AMBITO DEI PROGRAMMI 1, 2, 3,

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

Lo sviluppo del cancro è un processo complesso che coinvolge parecchi cambiamenti nella stessa cellula staminale. Poiché tutte le cellule staminali

Lo sviluppo del cancro è un processo complesso che coinvolge parecchi cambiamenti nella stessa cellula staminale. Poiché tutte le cellule staminali Tumore Cos è il tumore? Il tumore o neoplasia (dal greco neo,, nuovo, e plasìa,, formazione), o cancro se è maligno, è una classe di malattie caratterizzate da una incontrollata riproduzione di alcune

Dettagli

Corso di Medicina del Lavoro

Corso di Medicina del Lavoro Corso di Medicina del Lavoro Malattie da cancerogeni, mutageni e genotossici Valutazione del rischio per la riproduzione in ambiente di lavoro 1 of 28 A quali agenti è esposto il lavoratore o la lavoratrice?

Dettagli

FARMACOLOGIA Oncologica. www.baveno.net by G.B.

FARMACOLOGIA Oncologica. www.baveno.net by G.B. Oncologica www.baveno.net by G.B. Agg: settembre 2015 AVVERTENZE 2 I contenuti della presentazione sono estrapolati da materiale esistente, redatti e verificati da personale sanitario Le informazioni fornite

Dettagli

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Milano - Nonostante la sua aggressività è definito il tumore silenzioso. Data la sua scarsa pubblicizzazione, infatti,

Dettagli

Protezione da agenti cancerogeni

Protezione da agenti cancerogeni Protezione da agenti cancerogeni Testo unico in materia di Sicurezza D.Lgs 81/08 del 09.04.2008 (Titolo IX capo II) Le prescrizioni da applicare ai fini della protezione dei lavoratori da agenti cancerogeni

Dettagli

FARMACOLOGIA E TOSSICITA DEI FARMACI ANTITUMORALI

FARMACOLOGIA E TOSSICITA DEI FARMACI ANTITUMORALI CORSO DI ACCREDITAMENTO E AGGIORNAMENTO PER OPERATORI SANITARI DEDICATI ALLA PREPARAZIONE DI FARMACI ANTIBLASTICI PRESSO LE VARIE UFA PIEMONTE E VALLE D AOSTA 15-22 SETTEMBRE 2015 FARMACOLOGIA E TOSSICITA

Dettagli

CATALOGO CORSI FAD 2014

CATALOGO CORSI FAD 2014 CATALOGO CORSI FAD 2014 FORMULE IN FORMAZIONE PARTECIPAZIONE SERVIZI PROFESSIONALI Sanitanova, a fianco alle classiche proposte dei semplici corsi FAD, ha introdotto innovative formule di abbonamento che

Dettagli

Convegno Nazionale ------ L'amianto e le patologie amianto correlate: diagnosi, terapia e sorveglianza sanitaria degli ex-esposti

Convegno Nazionale ------ L'amianto e le patologie amianto correlate: diagnosi, terapia e sorveglianza sanitaria degli ex-esposti Convegno Nazionale ------ L'amianto e le patologie amianto correlate: diagnosi, terapia e sorveglianza sanitaria degli ex-esposti Con il Patrocinio di PROGRAMMA del 21 settembre 2015 - dalle 14,00 alle

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA SCELTA DELLE CAPPE CHIMICHE e dei SISTEMI DI ASPIRAZIONE

LINEE GUIDA PER LA SCELTA DELLE CAPPE CHIMICHE e dei SISTEMI DI ASPIRAZIONE REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO U. O. C. SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Via E. Fermi, 15 01100 VITERBO 0761-236750 FAX 0761-236748 e.mail: alessandro.selbmann@asl.vt.it http://www.asl.vt.it/staff/spp/base.php

Dettagli

56, via Alessandro Manzoni, 62100 Macerata, Italia lucia.isolani@sanita.marche.it; lucia.isolani@gmail.com

56, via Alessandro Manzoni, 62100 Macerata, Italia lucia.isolani@sanita.marche.it; lucia.isolani@gmail.com Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome e Nome Indirizzo E-mail Nazionalità ISOLANI Lucia 56, via Alessandro Manzoni, 62100 Macerata, Italia lucia.isolani@sanita.marche.it; lucia.isolani@gmail.com

Dettagli

Programma di Medicina Del Lavoro V Anno - I Semestre

Programma di Medicina Del Lavoro V Anno - I Semestre SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI A.A. 2013-2014 CORSO INTEGRATO DI IGIENE E MEDICINA DEL LAVORO Programma di Medicina Del Lavoro V Anno - I Semestre Offerta formativa: L offerta formativa del Corso

Dettagli

Azienda Ospedaliero- Universitaria Pisana

Azienda Ospedaliero- Universitaria Pisana Azienda Ospedaliero- Universitaria Medicina Preventiva e del Lavoro Ambulatorio Medicina del Lavoro con Patrocini richiesti alla Regione Toscana, all'università di Pisa, alla Società Italiana di Medicina

Dettagli

AMIANTO: quali effetti sulla salute ieri e oggi

AMIANTO: quali effetti sulla salute ieri e oggi Aggiornamenti in Medicina del Lavoro AMIANTO: quali effetti sulla salute ieri e oggi Aldo Todaro U.O.C. Promozione e protezione salute lavoratori. Fondazione IRCCS CA Granda Ospedale Maggiore Policlinico

Dettagli

CREDITI ECM PER TUTTE LE PROFESSIONI SANITARIE

CREDITI ECM PER TUTTE LE PROFESSIONI SANITARIE Corso di Abilitazione per ASPP/RSPP (Ambito Sanitario) MODULI A-B7-C (corso residenziale) in collaborazione con OMCEO - dei medici-chirurghi e degli odontoiatri CREDITI ECM PER TUTTE LE PROFESSIONI SANITARIE

Dettagli

Epidemiologia dei tumori professionali

Epidemiologia dei tumori professionali Epidemiologia dei tumori professionali L. Miligi U.O. di Epidemiologia Ambientale Occupazionale, ISPO, Istituto per lo studio e la Prevenzione Oncologica, Firenze La sorveglianza sanitaria in esposti ad

Dettagli

Newsletter medico-legale

Newsletter medico-legale Newsletter medico-legale Via G. Paisiello, 43 00198 Roma Tel. 06/855631 a cura di Marco Bottazzi e Gabriele Norcia della Consulenza medico-legale Inca Cgil Numero 46 /2009 IARC: Valutazione di cancerogenicità

Dettagli

AGENTI FISICI TITOLO VIII - AGENTI FISICI CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI. 14.42.17 Ing. P. Pierannunzi - Medicina del lavoro 1/16

AGENTI FISICI TITOLO VIII - AGENTI FISICI CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI. 14.42.17 Ing. P. Pierannunzi - Medicina del lavoro 1/16 TITOLO VIII - AGENTI FISICI CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI 14.42.17 Ing. P. Pierannunzi - Medicina del lavoro 1/16 Articolo 180 - Definizioni e campo di applicazione 1. Ai fini del presente decreto legislativo

Dettagli

Dott. Castellari Sigerio

Dott. Castellari Sigerio Dott. Castellari Sigerio Congresso Terapia Biologica delle patologie neoplastiche e degenerative a cura della Fondazione Di Bella Repubblica di San Marino 16 Gennaio 2010 1 Specialista in Oncologia Generale,

Dettagli

LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE DEL POLMONE

LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE DEL POLMONE LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE DEL POLMONE Gianna Regis qualche informazione Il tumore del polmone rappresenta la prima tra le cause di morte tumorale in termini di frequenza tra i maschi e la seconda tra

Dettagli

LA FORMAZIONE NELL AZIENDA IN MATERIA DI SICUREZZA

LA FORMAZIONE NELL AZIENDA IN MATERIA DI SICUREZZA Pag. 1 di 16 L azienda ha provveduto ad avviare i processi di formazione erogando corsi specifici al personale dipendente secondo il programma pluriennale sotto indicato. Elenchi dei partecipanti ai corsi

Dettagli

CAPITOLO 1. 1. Cenni storici... 1 2. La medicina del lavoro attuale... 2 3. L igiene del lavoro... 4 CAPITOLO 2

CAPITOLO 1. 1. Cenni storici... 1 2. La medicina del lavoro attuale... 2 3. L igiene del lavoro... 4 CAPITOLO 2 CAPITOLO 1 LA MEDICINA E L IGIENE DEL LAVORO Sommario 1. Cenni storici... 1 2. La medicina del lavoro attuale... 2 3. L igiene del lavoro... 4 CAPITOLO 2 FIGURE E COMPITI DELLA MEDICINA DEL LAVORO Il medico

Dettagli

Scuole attivate. 0382/592255/592216 Prof. Gino Roberto Corazza -Pavia

Scuole attivate. 0382/592255/592216 Prof. Gino Roberto Corazza -Pavia Scuole attivate Scuola Indirizzo Telefono Direttore 1 Allergologia ed immunologia clinica Fondazione Maugeri -I^ Sez. di Medicina del Lavoro Via Maugeri, 10 0382/592255/592216 Prof. Gino Roberto Corazza

Dettagli

INVECCHIAMENTO come PROCESSO FISIOLOGICO INVECCHIAMENTO DOVUTO ALL INSORGENZA DI PATOLOGIE. - malattie cardiovascolari - cancro

INVECCHIAMENTO come PROCESSO FISIOLOGICO INVECCHIAMENTO DOVUTO ALL INSORGENZA DI PATOLOGIE. - malattie cardiovascolari - cancro INVECCHIAMENTO come PROCESSO FISIOLOGICO INVECCHIAMENTO DOVUTO ALL INSORGENZA DI PATOLOGIE - malattie cardiovascolari - cancro Il processo di BIOSENESCENZA implica le caratteristiche seguenti: 1. è deleterio

Dettagli

Le cellule cancerose

Le cellule cancerose Le cellule cancerose Cosa è il cancro? Malattia che insorge in conseguenza di anomalie della funzionalità cellulare E la Seconda causa di morte si possono sviluppare in quasi tutti gli organi Le diverse

Dettagli

ID55/2005 PROGETTO R&S Lo sviluppo di nuovi inibitori delle istone deacetilasi per un approccio epigenetico alla terapia dei tumori.

ID55/2005 PROGETTO R&S Lo sviluppo di nuovi inibitori delle istone deacetilasi per un approccio epigenetico alla terapia dei tumori. SCHEDE TECNICHE INTERVENTI CONCLUSI ATI CONGENIA - CONGENIA Srl Milano - DAC Srl Milano - NIKEM RESEARCH Srl Bollate MI - ISTITUTO EUROPEO DI ONCOLOGIA Milano - ISTITUTO FIRC DI ONCOLOGIA MOLECOLARE Milano

Dettagli

Definizione di Limite di esposizione professionale (Threshold Limit Value o TLV): Concentrazione della sostanza alla quale

Definizione di Limite di esposizione professionale (Threshold Limit Value o TLV): Concentrazione della sostanza alla quale Definizione di Limite di esposizione professionale (Threshold Limit Value o TLV): Concentrazione della sostanza alla quale si ritiene che la maggior parte dei lavoratori possa rimanere esposta ripetutamente

Dettagli

ESPERTA ed ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE (SECONDO GRADO)

ESPERTA ed ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE (SECONDO GRADO) ESPERTA ed ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE (SECONDO GRADO) Aggiornato il 7 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE...

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax DARIA BETTONI - CASA: VIA FAMIGLIA BOCCACCI N 25, 25123 BRESCIA - UFFICIO: Azienda

Dettagli

Eni Corporate University

Eni Corporate University I fondamenti delle professionalità Health, Safety, Environment & Quality Eni Corporate University E n i ' s k n owledge company SALUTE Il nostro impegno per la persona Internet www.enicorporateuniversity.it

Dettagli

Indice. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione

Indice. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione Autori Prefazione alla prima edizione Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla terza edizione XV XIX XXI XXIII 1. Epidemiologia e prevenzione oncologica (M. De Laurentiis, R. Bianco, S. De Placido)

Dettagli

Il sistema legislativo: esame delle MOD 2 4 FORMAZIONE IN AULA normative di riferimento.

Il sistema legislativo: esame delle MOD 2 4 FORMAZIONE IN AULA normative di riferimento. N MODULO TITOLO MODULO CONTENUTI DURATA TIPOLOGIA DI FORMAZIONE L approccio ala prevenzione attraverso il D. Lgs. 81/08 per un La filosofia del D. lgs. 81/08 in riferimento alla organizzazione di un sistema

Dettagli

La Prevenzione dei Tumori Occupazionali. il Registro di Esposizione ad Agenti Cancerogeni e Mutageni

La Prevenzione dei Tumori Occupazionali. il Registro di Esposizione ad Agenti Cancerogeni e Mutageni La Prevenzione dei Tumori Occupazionali il Registro di Esposizione ad Agenti Cancerogeni e Mutageni La prevenzione dei tumori occupazionali Premessa L Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC)

Dettagli

Le autopsie rivelano che i tumori

Le autopsie rivelano che i tumori Le autopsie rivelano che i tumori Marcello Pamio - tratto da "Cancro Spa" Luigi De Marchi, psicologo clinico e sociale, autore di numerosi saggi conosciuti a livello internazionale, parlando con un amico

Dettagli

LA FORMAZIONE NELL AZIENDA IN MATERIA DI SICUREZZA

LA FORMAZIONE NELL AZIENDA IN MATERIA DI SICUREZZA Pag. 1 di 15 L azienda ha provveduto ad avviare i processi di formazione erogando corsi specifici al personale dipendente secondo il programma pluriennale sotto indicato. Elenchi dei partecipanti ai corsi

Dettagli

Il lavoro, per un lavoro. PALERMO 17-20 Novembre 2008 Hotel San Paolo Via Messina Marine, 91

Il lavoro, per un lavoro. PALERMO 17-20 Novembre 2008 Hotel San Paolo Via Messina Marine, 91 Congresso Nazionale SIMLII Società Italiana di Medicina del Lavoro ed Igiene Industriale, con la partecipazione di ISPESL e INAIL Il lavoro, l uomo, la salute: le prospettive della medicina del lavoro

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA USO E MANIPOLAZIONE DI SOSTANZE CANCEROGENE E MUTAGENE

PROCEDURA OPERATIVA USO E MANIPOLAZIONE DI SOSTANZE CANCEROGENE E MUTAGENE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA PROCEDURA OPERATIVA USO E MANIPOLAZIONE DI SOSTANZE CANCEROGENE E MUTAGENE A cura di: Servizio Prevenzione e Protezione Servizio di Prevenzione e Protezione Data: 03/03/2015

Dettagli

Danni somatici si manifestano direttamente a carico dell individuo irradiato. Si dividono in A) Effetti Stocastici B) Effetti Deterministici

Danni somatici si manifestano direttamente a carico dell individuo irradiato. Si dividono in A) Effetti Stocastici B) Effetti Deterministici LEZIONE 7 EFFETTI BIOLOGICI DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI Danni somatici si manifestano direttamente a carico dell individuo irradiato. Si dividono in A) Effetti Stocastici B) Effetti Deterministici Effetti

Dettagli

Giornate Romane di Medicina del Lavoro Antonello Spinazzola

Giornate Romane di Medicina del Lavoro Antonello Spinazzola Freely available online ISSN: 2240-2594 Supplemento I Vol 3 N 3 Giornate Romane di Medicina del Lavoro Antonello Spinazzola ATTI DEI CONVEGNI 2013 DISABILITA E LAVORO Roma 28 Settembre 2013 1 INDICE TERAPIA

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome CARLO MONTI Telefono 06/47596418 Fax 06/47596548 E-mail carlo.monti@cri.it Nazionalità italiana Data di nascita

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Pisa, 25 Giugno 2014

CONVEGNO NAZIONALE. Pisa, 25 Giugno 2014 CONVEGNO NAZIONALE LA SALUTE E LA SICUREZZA NEI TRASPORTI TERRESTRI: RUOLO DEGLI OPERATORI DELLA SALUTE, DELLE PARTI SOCIALI E DELLE ISTITUZIONI Pisa, 25 Giugno 2014 Auditorium CNR Via Moruzzi 1, Pisa

Dettagli

Adriana Olivares Allegato 2: Elenco di Partecipazioni a Corsi e Congressi

Adriana Olivares Allegato 2: Elenco di Partecipazioni a Corsi e Congressi Pagina 1 di 5 Anni 1989-2000 1. AITELAB - Convegno di Studio per Tecnici di Laboratorio Biomedico: "Il ruolo del Laboratorio nella Prevenzione e nel Monitoraggio". Brescia, 17-19 Maggio 1989. 2. Corso

Dettagli

INPS COORDINAMENTO GENERALE MEDICO-LEGALE CONVEGNO LA MEDICINA LEGALE OGGI:

INPS COORDINAMENTO GENERALE MEDICO-LEGALE CONVEGNO LA MEDICINA LEGALE OGGI: INPS COORDINAMENTO GENERALE MEDICO-LEGALE CONVEGNO LA MEDICINA LEGALE OGGI: ASPETTI GIURIDICI E METODOLOGICI NEL DIVENIRE DELLE ISTANZE ECONOMICHE E SOCIALI COORDINATORE: PROF. Massimo PICCIONI ROMA, 23-24-25

Dettagli

Aifm Associazione Italiana di Fisica Medica

Aifm Associazione Italiana di Fisica Medica RADIAZIONI PERICOLOSE PER LA SALUTE: VERO O FALSO? 1. Le radiazioni ionizzanti possono danneggiare l organismo dell uomo. Vero. Il danno provocato dalle radiazioni ionizzanti dipende da molti fattori,

Dettagli

Ricerca farmacologica priclinica e clinica

Ricerca farmacologica priclinica e clinica Ricerca farmacologica priclinica e clinica SPERIMENTAZIONE PRECLINICA DURATA MEDIA?? ANNI Consente di isolare, dalle migliaia di sostanze sottoposte al primo screening di base farmacologico e biochimico,

Dettagli

GLI ASPETTI SANITARI DEL RISCHIO CHIMICO E BIOLOGICO BENEVENTO 30 NOVEMBRE 2010 DOTT. FRANCO PALLOTTA

GLI ASPETTI SANITARI DEL RISCHIO CHIMICO E BIOLOGICO BENEVENTO 30 NOVEMBRE 2010 DOTT. FRANCO PALLOTTA GLI ASPETTI SANITARI DEL RISCHIO CHIMICO E BIOLOGICO BENEVENTO 30 NOVEMBRE 2010 DOTT. FRANCO PALLOTTA Titolo IX Sostanze Pericolose Capo I Protezione da Agenti Chimici Il rischio infortuni è da ricondurre

Dettagli

Schema per la presentazione di un progetto di ricerca ai sensi dell art.31. 1. Utilizzatore UNIVERSITA degli STUDI di PERUGIA

Schema per la presentazione di un progetto di ricerca ai sensi dell art.31. 1. Utilizzatore UNIVERSITA degli STUDI di PERUGIA Schema per la presentazione di un progetto di ricerca ai sensi dell art.31 1. Utilizzatore UNIVERSITA degli STUDI di PERUGIA 2. Titolo del progetto di ricerca 3. Parole chiave (massimo 5 parole) 4. Responsabile

Dettagli

Scillia Rodolfo 5, via Duprè 20155 MILANO Telefono 338 6893275 Fax 0292878380 E mail

Scillia Rodolfo 5, via Duprè 20155 MILANO Telefono 338 6893275 Fax 0292878380 E mail CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Scillia Rodolfo Indirizzo 5, via Duprè 20155 MILANO Telefono 338 6893275 Fax 0292878380 E mail scillia.rodolfo@sancarlo.mi.it Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

IL TRATTAMENTO INTEGRATO DEL CANCRO DEL POLMONE

IL TRATTAMENTO INTEGRATO DEL CANCRO DEL POLMONE IL TRATTAMENTO INTEGRATO DEL CANCRO DEL POLMONE Roma - 21 ottobre 2011 Centro Congressi Palazzo Rospigliosi Via XXIV Maggio, 43 PROGRAMMA DEL MATTINO 09:00 09:20 Saluto dei Presidenti OMCeO Roma 09:20

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA SANT ANNA E SAN SEBASTIANO DI CASERTA Dirigente - U.O.S.D. Gestione della Sicurezza e della Salute dei Lavoratori

AZIENDA OSPEDALIERA SANT ANNA E SAN SEBASTIANO DI CASERTA Dirigente - U.O.S.D. Gestione della Sicurezza e della Salute dei Lavoratori INFORMAZIONI PERSONALI Nome Melone Gerardo Data di nascita 09/05/1962 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico AZIENDA OSPEDALIERA SANT ANNA E SAN SEBASTIANO

Dettagli

Viale Italia n.10 07100 Sassari. www.missionelavoro.org. Tel. 079.9102080 345.4287341 RSPP MODULO B7

Viale Italia n.10 07100 Sassari. www.missionelavoro.org. Tel. 079.9102080 345.4287341 RSPP MODULO B7 Viale Italia, 10 07100 Sassari www.missionelavoro.org Associazione Missione Lavoro Ente di Promozione Sociale Tel. 079.9102080 345.4287341 Centro Studi Formazione Professionale Missione Lavoro Ente accreditato

Dettagli

13/11/2013. Corsodi Formazioneper ASPP/RSPP ModuloB5 per Agenziadelle Dogane. 13/11/2013 A cura di GabrieleCampurra

13/11/2013. Corsodi Formazioneper ASPP/RSPP ModuloB5 per Agenziadelle Dogane. 13/11/2013 A cura di GabrieleCampurra 1 Gabriele Campurra 2 1 Gabriele Campurra 3 Effetti sull uomo Somatici (sull individuo irradiato) Stocastici (probabilistici, casuali, statistici, differiti) Deterministici (stretta correlazione doseeffetto,

Dettagli

LabOratOriO brescia GEstiONE

LabOratOriO brescia GEstiONE CONVEGNO LabOratOriO brescia GEstiONE integrata del rischio in un sito di interesse NaziONaLE Lunedì 22 settembre 2014 Sala Cavaliere del Lavoro Pier Giuseppe Beretta Associazione Industriale Bresciana

Dettagli

La Scuola di Specializzazione in Fisica Medica dell Università degli Studi di Napoli Federico II. G. Roberti

La Scuola di Specializzazione in Fisica Medica dell Università degli Studi di Napoli Federico II. G. Roberti La Scuola di Specializzazione in Fisica Medica dell Università degli Studi di Napoli Federico II G. Roberti La Scuola di Specializzazione in Fisica Sanitaria/Medica a Napoli nell evoluzione legislativa

Dettagli

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie La formazione dei Responsabili Fondamentale Presentazione Il percorso formativo è abilitante e rivolto ai responsabili e agli addetti del servizio Prevenzione e protezione delle aziende bancarie e finanziarie

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome GREGIS FRANCESCO CODICE FISCALE Attuale Datore di Lavoro GRGFNC72C21A794F Azienda Ospedaliera Papa Giovanni

Dettagli

I fattori di rischio di nefrotossicità post-trapianto possono sommariamente distinguersi in non modificabili e modificabili.

I fattori di rischio di nefrotossicità post-trapianto possono sommariamente distinguersi in non modificabili e modificabili. 1 I fattori di rischio di nefrotossicità post-trapianto possono sommariamente distinguersi in non modificabili e modificabili. I primi sono rappresentati dalle caratteristiche demografiche dei pazienti

Dettagli

Volume 80 Radiazioni Non-Ionizzanti, Parte 1: Campi Elettrici e Magnetici Statici e a Frequenze Estremamente Basse (ELF)

Volume 80 Radiazioni Non-Ionizzanti, Parte 1: Campi Elettrici e Magnetici Statici e a Frequenze Estremamente Basse (ELF) Organizzazione Mondiale della Sanità Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro Monografie IARC sulla Valutazione dei Rischi Cancerogeni per l Uomo Volume 80 Radiazioni Non-Ionizzanti, Parte 1: Campi

Dettagli

Azienda sanitaria Provinciale Enna PROCESSO DI GESTIONE DELLA TERAPIA ANTITUMORALE IN UFA ONCOLOGIA - EMATOLOGIA PRESCRIZIONE

Azienda sanitaria Provinciale Enna PROCESSO DI GESTIONE DELLA TERAPIA ANTITUMORALE IN UFA ONCOLOGIA - EMATOLOGIA PRESCRIZIONE Pagina 1 di 8 PRESCRIZIONE Nome/Funzione Data Firma Dott.ssa Giuseppa Cinzia Di Redazione Martino Responsabile UFA Dott. Carlo Santangelo Dirigente Medico U.O.C. Oncologia Dott. Giuseppe Scollo Farmacista

Dettagli

[Digitare il nome della società] STEFANO [ MANAGER IN AMBIENTE E TURISMO INTERGENERAZIONALE ] Presentazione Master Multidisciplinare di primo livello

[Digitare il nome della società] STEFANO [ MANAGER IN AMBIENTE E TURISMO INTERGENERAZIONALE ] Presentazione Master Multidisciplinare di primo livello 2015 [Digitare il nome della società] STEFANO [ MANAGER IN AMBIENTE E TURISMO INTERGENERAZIONALE ] Presentazione Master Multidisciplinare di primo livello Organizzatore A.R.I.P.T. Fo.R.P. (Associazione

Dettagli

Systema Consulting Srl

Systema Consulting Srl Corso di Formazione RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) valido ai sensi del com. 11, art. 37 del D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 ed all art. 2 del D.M. 16/01/97 SEDE DEL CORSO: Via C.A.

Dettagli