Lavorare nei call-center in Calabria (Nella e Francesca autori)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lavorare nei call-center in Calabria (Nella e Francesca autori)"

Transcript

1 Lavorare nei call-center in Calabria (Nella e Francesca autori) INDICE - Premessa - Breve evoluzione storica dei call-center - Normativa di riferimento - La logica distorta nell apertura dei call-center al sud - I dottori della comunicazione!!! - I discount della parola - I rischi del mestiere. - Conclusioni

2 PREMESSA Un argomento di grande attualità e portata sociale è quello a cui si rivolge la nostra attenzione. L incremento oltremodo del numero di lavoratori dei call-center è un fenomeno che coinvolge direttamente diverse problematiche sociali e culturali del nostro Paese, con particolare attenzione per il Sud Italia. Attorno al magico mondo della comunicazione ruotano termini come flessibilità, precarietà, alienazione, insoddisfazione dei singoli lavoratori che si combinano con temi politici di portata nazionale (quali agevolazioni finanziarie, sindacati e circolari ministeriali). Un fenomeno più che mai in espansione che, se inizialmente interessava le fasce di età più giovani, oggi, riguarda la generalità di lavoratori che vive la realtà della flessibilità-precarietà. Infatti, l immagine del precario è una figura prismatica, cioè con tanti volti, tanti aspetti e stili di vita differenti, un immagine difficilmente riconducibile ad un tipo del quale poter delineare gli aspetti salienti. Il meridione è una delle zone maggiormente interessate dalla diffusione del fenomeno anche perché forte è stata la spinta delle politiche locali e nazionali per l insediamento di strutture che avrebbero dovuto migliorare la difficile situazione occupazionale del Sud. La politica dei contratti di localizzazione ha, infatti, favorito l espansione di organismi produttivi nuovi, promuovendo gli investimenti di capitali al Sud da parte di imprenditori del Nord ed esteri, il che oltre a permettere di sfruttare i fondi messi a disposizione a livello regionale, ha favorito l approvvigionamento di risorse umane qualificate a basso costo. Il call-center rappresenta uno dei più potenti strumenti di marketing nelle mani degli imprenditori, che, oltre a sfruttare le potenzialità di un attività che mette le imprese in relazione diretta con i consumatori, hanno il vantaggio di poter attingere ad un ampio bacino di giovani menti che, viste le difficoltà nel trovare un impiego adatto alle reali capacità tecnico-culturali acquisite, accettano di svolgere attività sottoqualificanti e mal retribuite come l operatore call-center.

3 Tali lavoratori vivono lo spettro del lavoro routinario, del lavoro che deve allenare la mente a ragionare nell ottica dei clienti, che deve istruire ad adoperare certi termini piuttosto che altri e che deve temprare al facile e falso sorriso. La situazione occupazionale odierna non consente di scegliere perché tutto è accettabile purché contribuisca ad incrementare il reddito, anche se si tratta di un salario minimo, di un contratto poco tutelato a livello sindacale, se non sono rispettate le norme igienico - sanitarie all interno delle strutture lavorative. Queste condizioni contribuiscono ad aumentare l instabilità, il malcontento e lo stress di tutti quelli che vivono tale realtà. Proprio per questi svariati motivi il call-center rappresenta la sintesi perfetta per descrivere i disagi socio-lavorativi che l odierno operaio è costretto ad affrontare per far capo alle proprie esigenze di vita. Se durante l evoluzione fordista l immagine che meglio poteva rappresentare il disagio del lavoratore era quella della fabbrica, nella fase post-fordista, in cui sempre maggiore importanza ha assunto la fidelizzazione del cliente con una pronta risposta alle sue eterogenee esigenze, è il call-center la fabbrica del nuovo millennio in cui sorrisi, gentilezze e cortesie sono solo i tasselli di una singolare catena di montaggio. BREVE EVOLUZIONE STORICA DEI CALL-CENTER Era il 1968 quando negli USA si andava affermando l idea del call-center che da lì a qualche decennio sarebbe diventato una delle più importanti variabili delle politiche di marketing e la punta dell icerberg di un cambiamento vorticoso. L idea non si deve ad un geniale esperto di marketing, ma al pragmatismo di un giudice federale che obbligò la Ford ad istituire un numero telefonico gratuito per rispondere ai reclami relativi ad un particolare modello di automobile immesso sul mercato.

4 La società fu allora costretta a ricercare una soluzione che le permettesse di dare una risposta a tutti i clienti senza caricarsi di un onere, per i costi telefonici, eccessivamente alto. Grazie ad un accordo con la compagnia telefonica AT&T, la casa automobilistica qualche mese dopo attivò il primo numero verde della storia contrassegnato dal prefisso 800 che poi è diventato il prefisso mondiale di tutti i numeri verdi. Il successo dell iniziativa fu immediato e da li a qualche anno sarebbe sfuggito di mano al suo inventore. Negli settanta i clienti cominciarono a rivolgersi ai call-center non soltanto per i reclami ma per i più svariati motivi e con l aumento dei prodotti, dei servizi gestiti e il maggiore flusso di chiamate, i clienti dovevano attendere a lungo in linea e la qualità delle risposte diventava sempre più bassa con un servizio sempre meno efficiente. Fu così che negli anni ottanta venne introdotta l automatic call distribution (ACD) che permise di ridurre le code delle chiamate in entrata aumentando al tempo stesso la qualità delle informazioni fornite. Negli anni novanta, la Computer Telephony ha permesso uno scambio interattivo tra cliente ed operatore facendo assumere un peso sempre maggiore a questa attività. Oggi con il termine call-center si intende un organizzazione che svolge, all interno di aziende o enti o all esterno degli stessi, servizi specializzati di interazione utilizzando sofisticati apparati informatici, dedicati al settore delle telecomunicazioni, tramite i quali è in grado di gestire i contatti tra aziende o un Ente con i suoi clienti. La potenzialità di un call-center è decisamente ampia, infatti, l azienda che decide di avvalersene può prefiggersi diverse categorie di obiettivi: 1. di marketing/vendita: per migliorare la propria immagine, per stimolare i rapporti commerciali e per supportare nuove campagne di vendita; 2 strategici: per diminuire i costi di distribuzione, per aumentare la redditività aziendale per accedere a nuovi mercati, etc.

5 3 organizzativi: per offrire una migliore customer care, per migliorare l efficienza organizzativa e per portare flessibilità all organizzazione. 4 tecnologici: per rispondere e conformarsi agli standard di mercato, per integrarsi con i sistemi esistenti, etc. I benefici che le aziende traggono da questo tipo di attività sono molteplici tra i quali spiccano sicuramente per importanza l aumento del fatturato e degli utili, lo sviluppo dei servizi offerti ai clienti, la fidelizzazione del cliente, un vantaggio sulla concorrenza e l ampliamento del mercato. Sulla base dei differenti modelli organizzativi del lavoro è inoltre possibile distinguere tra call-center in house, quando questo è interno all azienda, e outsourcing, quando il servizio di call-center è svolto all esterno. Quest ultima forma risulta essere particolarmente in espansione tra le aziende di grandi dimensioni che delocalizzano nei paesi a bassi salari tale attività con riduzione dei costi di impianto e gestionali, ottimizzazione delle risorse umane e tecnologiche, maggiore qualificazione del personale assunto. Si pensi che gli USA stanno spostando in massa i call-center in India, Cina ed est Europa con uno sfruttamento sempre maggiore delle risorse umane di questi paesi. Ma va sottolineato come questo sfruttamento non riguarda soltanto paesi in via di sviluppo ma spesso riguarda anche realtà ampiamente sviluppate come ad esempio la nostra. Si pensi che in Italia sono circa 400mila i lavoratori impiegati nei call-center, in larga parte donne, sui 4 milioni di precari. Un fenomeno che ha trovato una progressiva legalizzazione ultimato con la legge Biagi, ma iniziato con il Pacchetto Treu. NORMATIVA DI RIFERIMENTO (CIRCOLARE 1/2004) Con la circolare n. 1/2004, il Ministero del lavoro e della previdenza sociale ha cercato di fornire un valido strumento di supporto agli organi di vigilanza con

6 specifico riferimento ai contratti a progetto e a quelli di collaborazione coordinate e continuative. Infatti lo stesso Ministero ha inteso fornire specifiche istruzione per l utilizzo di questi contratti ponendo particolare attenzione al settore call-center. Occorre innanzitutto evidenziare che con la presente circolare si forniscono indicazioni di carattere operativo rivolto al solo personale ispettivo del Ministero del lavoro e della previdenza sociale e degli Istituti Previdenziali, al fine di uniformare il più possibile il criterio di valutazione del fenomeno in esame. In un tale contesto va innanzitutto precisato che, in base al d. lgs. n.276 del 2003, i presupposti per la stipulazione di un contratto di lavoro a progetto devono in generale essere individuati con riferimento: ai criteri di individuazione e specificazione del progetto programma di lavoro; ai requisiti essenziali che devono connotare l autonomia del collaboratore nella gestione dei tempi di lavoro; alle modalità di coordinamento consentite tra il committente ed il lavoratore. Pertanto, sulla base dei presenti criteri, le collaborazioni coordinate e continuative devono essere riconducibili a uno o più progetti specifici o programmi di lavoro o fasi di esso determinate dal committente che, pur potendo essere connessi all attività principale od accessoria dell impresa, non possono coincidere totalmente con la stessa o ad essa sovrapporsi. La finalità di tale disposizione è quella di delimitare l utilizzo del lavoro coordinato e continuativo a quelle sole prestazioni che siano genuinamente autonome perchè riconducibili alla realizzazione di un progetto, un programma o una fase di esso, gestite dal lavoratore in funzione del risultato. Il progetto o programma di lavoro deve essere individuato con riferimento ad una specifica campagna la cui durata costituisce il termine necessario di riferimento per la durata stessa del contratto di lavoro a progetto.

7 Riconducibili a queste caratteristiche sono proprio le campagne out-bound nell ambito dei call-center, in cui il compito assegnato al collaboratore e quello di rendersi attivo nel contattare, per un arco di tempo determinato, l utenza di un prodotto o di un servizio riconducibile ad un singolo committente. L operatore può in questo caso prefigurare il contenuto della sua prestazione sulla base del risultato individuato dalle parti nel contratto. Caso contrario si verifica nella fase in-bound della stessa attività, in cui l operatore non gestisce la propria attività e non ha alcuna possibilità di pianificarla giacché la stessa consiste nel rispondere alle chiamate dell utenza limitandosi a mettere a disposizione del datore di lavoro le proprie energie psicofisiche per un dato periodo di tempo. Nell ambito d questo progetto o programma di lavoro così definito al collaboratore non può essere richiesta un attività diversa da quella specificata nel contratto. Va inoltre specificato che l art. 61 del d. lgs. 276/03 dispone che il progetto programma venga gestito autonomamente dal collaboratore in funzione del risultato e indipendentemente dal tempo impiegato per l esecuzione dell attività lavorativa. Ciò implica che il collaboratore non può essere soggetto ad alcun vincolo di orario anche se, all interno di fasce orarie prestabilite. Di conseguenza deve poter decidere nel rispetto delle forme definite di coordinamento, anche temporale, della prestazione: se eseguire la prestazione ed in quali giorni; a che ore iniziare a che ora terminare la prestazione giornaliera; se e per quanto termine sospendere la prestazione giornaliera. Con ciò ne consegue che l assenza non deve mai essere giustificata e la presenza non può mai essere imposta. Dunque caratteri di legittimità che a cui ben si dovrebbero adeguare i caratteri del lavoro di tipo out-bound.

8 Proprio a questo aspetto a fatto riferimento la circolare n. 17 del16/6/2006 che definisce i tipi di impiego consentiti con la collaborazioni a progetto quelle di outbound, tipicamente svolte da operatori impegnati in campagne promozionali limitate nel tempo per le quali essi hanno la possibilità di predeterminare il contenuto, l intensità e le modalità della loro prestazione lavorativa. Diversamente la circolare riscontra nell attività di inbound l impossibilità della predeterminazione delle modalità di lavoro, potendo l operatore soltanto rispondere alle chiamate fornendo assistenza ai clienti. La circolare chiarisce a questo proposito che tali modalità devono essere associate al lavoro subordinato riconducibili a determinati tipi contrattuali. Nello specifico è stato chiarito che il rapporto di lavoro degli operatori che svolgono attività in modalità inbound non può essere configurata come collaborazione a progetto. Non è stata però chiarita la posizione degli operatori che operano in attività di outbound, che pur svolgendo attività di vero e proprio lavoro a progetto si troveranno in presenza di picchi di chiamate da parte dei clienti in una sorta di inbound mascherato. A questo punto, vista la situazione, sarebbe auspicabile, oltre che una maggiore tutela legislativa che vada a coinvolgere le varie figure di operatore, una azione sindacale coordinata a livello internazionale per valutare le modalità in cui la diffusione globale dei call-center possa avvenire senza una corsa al ribasso per quello che riguarda gli stipendi e le condizioni lavorative. Bisognerebbe arrivare alla stesura di standard di accettabilità riguardo a sicurezza e tutela sociale dettati da organismi internazionali come l ILO (International Labor Office). Ciò contribuirebbe a migliorare la situazione, non tanto dal punto di vista della soddisfazione personale, ma almeno porterebbe il nuovo lavoratore ad affrontare l era della flessibilità con qualche sicurezza in più di quella che ha ora. LA LOGICA DISTORTA NELL APERTURA DEI CALL-CENTER AL SUD.

9 La realtà dei call-center è un fenomeno in forte espansione particolarmente nelle aree meridionali dove maggior impiego trovano i capitali di imprenditori settentrionali o esteri che finiscono con il controllare ampie quote del mercato. Questa tendenza, che apparentemente non ha una logica, trova una spiegazione più che plausibile nella diffusione dei cosiddetti Contratti di localizzazione. Il contratto di localizzazione è lo strumento, istituito con delibera CIPE n 16/0315, che offre agli investitori esteri una serie di facilitazioni di natura finanziaria, amministrativa e procedurale, volte ad agevolare l insediamento ed il radicamento di investimenti produttivi nel Mezzogiorno. Esso è gestito da Sviluppo Italia in collaborazione con il Ministero dello Sviluppo Economico (MISE), il quale provvede alla gestione dei fondi, stanziati con delibere CIPE.Sviluppo Italia dovrebbe valutare le iniziative ed assistere le aziende in tutte le fasi della procedura. Il contratto di localizzazione combina due strumenti previsti dalla normativa italiana in materia di sostegno pubblico all economia: - Il Contratto di programma, attraverso il quale vengono erogate le agevolazioni finanziarie sull investimento industriale; i massimali di agevolazione variano in base all'area geografica ed alle dimensioni dell'impresa, in linea con le normative europee. - L'Accordo di programma quadro, che rende esecutivo il contratto di programma in esso inserito; inoltre nell accordo la Regione interessata può assumere l impegno a realizzare infrastrutture materiali eventualmente necessarie e/o cofinanziare programmi di ricerca o formazione. Le agevolazioni finanziarie che è possibile ottenere consistono in contributi all investimento, il cui ammontare massimo è stabilito secondo quanto previsto dalla mappa provvisoria degli aiuti comunitari. Le spese ammissibili vanno dallo studio e progettazione, ai terreni e fabbricati, fino ai software e ai brevetti relativi a nuove tecnologie e processi di produzione; per le grandi imprese.

10 Dei vari settori merceologici che hanno la possibilità di usufruire di detti finanziamenti sono proprio i call-center che più facilmente ne fanno ricorso. Si può portare come esempio un articolo del 4 aprile 2005, riferito all apertura di un nuovo call-center al Sud, precisamente a Taranto, della società SR Teleperformance. Questa società, già presente a Roma, secondo quanto dichiarato alla stampa dalla stessa, avrebbe comunicato la sua candidatura per l ammissione al Contratto di Localizzazione, con un progetto di investimento ammontante a circa 3 milioni di Euro e con l'assunzione di operatori. La sede di Taranto doveva lavorare con grandi aziende italiane ed estere fornendo servizi di assistenza clienti e tele-marketing nonché servizi innovativi ad alto contenuto tecnologico che avrebbero permesso alle aziende clienti di usufruire delle piattaforme informatiche e dell'assistenza specialistica necessaria per la gestione della relazione con i loro clienti. In sole 24 ore dall annuncio dell investimento la SR Teleperformance aveva già ricevuto circa 800 curricola, a conferma del fatto che la location suggerita ed individuata da Sviluppo Italia, risultava assolutamente competitiva, per la grande disponibilità di risorse umane presenti sul territorio. Numerose altre aziende del tipo in questione hanno adottato questa politica di localizzazione, al fine di usufruire oltre che dei finanziamenti messi a disposizione per uno sviluppo apparente del territorio, di numerosa manodopera altamente qualificata e disposta a ricoprire ruoli minoritari, pur di avere un posto di lavoro. Quindi questo tipo di sviluppo, che sembra possa in qualche modo ridurre i forti tassi di disoccupazione sui territori svantaggiati, in realtà non migliora questa condizione di disagio. Infatti il giovane che si trova ad operare in questi particolari ambiti lavorativi lo fa con lo spirito di chi, non avendo altro da fare, preferisce guadagnare qualcosa piuttosto che stare in giro senza far niente ed è forse anche questo che contribuisce ad aumentare il disagio in quei soggetti che dopo tanti sacrifici si vedono costretti tra una cuffia e un monitor di computer. Numerose altre aziende del tipo in questione hanno adottato questa politica di localizzazione, al fine di usufruire oltre che dei finanziamenti messi a disposizione per uno sviluppo apparente del territorio, di numerosa

11 manodopera altamente qualificata e disposta a ricoprire ruoli minoritari, pur di avere un posto di lavoro.nella tabella sottostante sono stati riportati i call-center presenti in Calabria, suddivisi per provincia di appartenenza e numero di dipendenti impiegati per i diversi tipi di contratti. N DIP TEMPO RAGIONE SOCIALE INDETERM INTERINALI 1 CALL CENTER NET 1 INFOCONTACT SPA 30 1 NATURMED 2 1 PHON MEDIA/MULTI VOICE SRL LAP SUBORD COMUNE TD 20 ISCA SULLO IONIO CZ 75 LAMEZIA TERME CZ 11 LAMEZIA TERME CZ CATANZARO CZ CATANZARO CZ LAMEZIA TERME CZ TELECONTACT CENTER SPA TELESELL SRL 26 PROV TELESERVICE CATANZARO LIDO CZ 1 TELIC-DATEL-VOICE-SRL 730 SETTINGIANO CZ 1 TELIC-DATEL-VOICE-SRL 1481 CROTONE CZ 1 VARANO COMUNICATION 37 TOT BORGIA CZ CALL&CALL ESPERIA SRL ROSE SAN GIOVANNI IN CS 2 E.T.TELECOMUNICAZIONI SRL FIORE CS INTOUCH-GRUPPO EUROP 2 ASSISTANCE 70 RENDE 2 ITALIA PUBLINET 30 MARANO M CS 2 LOGICALL ITALIA-SRL 2 RENDE CS 5 RENDE MONTALTO CS 2 T.I.&S.A.S. (DI TIESI MARCO) TELIC DATEL VOICE (GRUPPO 1 2 ABRAMO) 139 TOT CALL&CALL LOKROI 3 COLLOQUIA MULTIMEDIA SPA 5 3 DIGITAL WORLD SRL 11 UFFUGO CS LOCRI RC 100 REGGIO CALABRIA RC REGGIO CALABRIA RC 3 EASY CONTACT CENTER SRL 7 36 REGGIO CALABRIA RC 3 GIARY GROUP SUD SRL SIDERNO RC 30 CONDOFURI RC 25 CONDOFURI RC 3 IASMOS SRL MAGICALL SRL % MAGICALL 3 G.M.B.H. 6 TOT TOTALE CALABRIA

12 Come si può notare in totale i call-center calabresi impiegano lavoratori, di cui la prevalenza, ossia unità, impiegati con contratto a progetto, con una forte concentrazione nell ambito del catanzarese. I lavoratori a tempo determinato sono circa il 10% dei lavoratori totali, mentre il rimanente sono assunti con altri tipi di contratti atipici (tempo determinato, interinali). Quindi questo tipo di sviluppo, che sembra possa in qualche modo ridurre i forti tassi di disoccupazione sui territori svantaggiati, in realtà non migliora questa condizione di disagio. Infatti il giovane che si trova ad operare in questi particolari ambiti lavorativi lo fa con lo spirito di chi, non avendo altro da fare, preferisce guadagnare qualcosa piuttosto che stare in giro senza far niente ed è forse anche questo che contribuisce ad aumentare il disagio in quei soggetti che dopo tanti sacrifici si vedono costretti tra una cuffia e un monitor di computer. Di seguito si riporta la distribuzione geografica dei call-center, suddivisi tra le province di Catanzaro, Cosenza e Reggio Calabria. Si può notare che la maggiore concentrazione si ha nella provincia di Catanzaro, in cui sono presenti 10 strutture che impiegano ben persone. Nella provincia di Cosenza i call-center presenti sono 7, con una maggiore concentrazione nella zona di Rende, in cui giustamente c è la maggiore presenza di forza lavoro qualificata, costituita da studenti e neo-laureati. Anche nella provincia di Reggio Calabria le strutture presenti sono 7 ed impiegano più di 700 persone.

13

14 I DOTTORI DELLA COMUNICAZIONE!!! Dalla ricerca effettuata personalmente nel mese di dicembre 2007, sulle condizioni di lavoro nei call-center in Calabria, è emerso un quadro complesso, che rispecchia molte delle attuali contraddizioni del mondo del lavoro, in cui flessibilità e precarietà sono diventati elementi strutturali, così come la varietà dei contratti adoperati. Innanzitutto, si è notata una crescita notevole dei call-center in fase di start-up e conseguentemente, del personale da essi impiegato presso la propria struttura. Considerando i dati tratti dai questionari utilizzati nella fase di rilevazione, dalle interviste effettuate e dall esperienza diretta di chi ha lavorato in queste nuove fabbriche post-fordista della comunicazione, possono essere delineati i caratteri prevalenti del lavoratore tipo di un call-center: Donne (il 94% del campione analizzato); Nubili; Con un elevato titolo di studio, la laurea (52,78%). Ulteriori tratti distintivi sono: Il possesso di una solida preparazione di base in informatica e in inglese, che viene testata con delle prove sul campo; Adeguata preparazione nell ambito della cultura generale, dato che si devono superare test di logica e psico-attitudinali; Se è possibile, avere delle raccomandazioni, anche in questo settore che non sembra di particolare interesse, ma che comunque è un occupazione a cui si ambisce vista la carenza di altri tipi di lavoro.

15 Centinaia di giovani gestione di telefonate competenza, non menti che, richiedono eccellenti, per tutta vengono quanto le impiegate meritino conoscenze così, nella professionalità che tali e individui possiedono. Laureati, in possesso di master e specializzazioni, con sogni e progetti di vita, competenze artistiche e letterarie, confluiscono nella grande voragine del lavoro standardizzato, in cui non c è spazio per la creatività ma si vive una sorta di modello prefissato, con schemi precisi da rispettare ed alienazione totale della propria individualità. Resta inespressa ogni capacità che va oltre la routine, provocando in chi vive la situazione un enorme conflitto interiore. I dottori della comunicazione devono imparare il nuovo linguaggio verbale, pensando prima al fine che si vuole raggiungere e poi a quel che si deve dire. Generalmente inizia tutto con un corso sulla comunicazione durante il quale insegnano come mettersi in relazione con gli altri ed entrare subito in empatia. Empatia, termine che indica l esistenza di un rapporto confidenziale con l altro, in modo che l interlocutore si senta a suo agio, si crei un clima familiare e risponda alle domande che gli si pongono. Dopodichè si passa a studiare l aspetto tecnico del lavoro che può essere una intervista, la vendita di un prodotto o la gestione del servizio clienti di cui l azienda si occupa. Tra chiamate chiuse in faccia di gente stufa di ricevere telefonate e lunghe chiacchierate con clienti che amano dare spiegazioni su ogni domanda, si trascorrono le giornate di lavoro. I lavoratori sono costantemente monitorati, i team leader ascoltano le telefonate e valutano le performance di ognuno, dispensando consigli per migliorare. Nella maggior parte dei casi si vive in un clima familiare, i responsabili cercano sempre di motivare a lavorare meglio, ponendo obiettivi giornalieri.

16 Bisogna imparare ad ascoltare il cliente e a parlare nel modo in cui parla l altra persona per facilitare la comunicazione e renderla più efficiente ed efficace. La gestione delle telefonate, risulta sempre diversa perché la clientela è molto eterogenea. Si passa dal professionista, sempre impegnato, ma preciso e diretto, a chi, come ad esempio le persone anziane, tende a raccontare tutto ciò che gli è successo nel corso della vita e, spesso, non comprende le domande che gli si pongono. Una particolarità di questo lavoro è data dalla condizione psicologica che si vive sul posto di lavoro, perché, se si riesce a lavorare bene, si gode di una motivazione maggiore, il morale si mantiene elevato e si lavora meglio. Al contrario, se le telefonate vanno male, i clienti chiudono il telefono in faccia in modo poco ortodosso, la condizione psicologica generale diventa negativa e non si riesce a creare la tanto sospirata empatia. Dunque anche se per il lavoro in sé c è un forte disinteresse, riuscire negli obiettivi assegnati porta un senso di benessere generale e di estrema positività. Procedendo con la ricerca si è andati ad indagare sui pro e i contro dei contratti utilizzati, rigorosamente appartenenti alla categoria degli atipici (co.co.pro., contratti a termine). Tali contratti sono stati regolamentati al fine di migliorare sia la condizione dei lavoratori, per l estrema flessibilità che li contraddistingue, sia quella delle imprese, che dovrebbero utilizzarli per favorire l inserimento in azienda. Tali condizioni non si verificano in quanto i contratti atipici vengono mal adoperati dagli imprenditori che li utilizzano a proprio vantaggio, impiegando una maggiore quantità di risorse umane solo quando se ne ha la necessità, riducendo in questo modo i tempi di impiego e la conseguente remunerazione dei lavoratori. Gli intervistati hanno espresso parere negativo anche per quel che riguarda la tutela sindacale, ritenuta scarsa o addirittura assente. Complessivamente si è delineato un quadro abbastanza negativo della situazione oggetto di ricerca ponendoci di fronte ad un interrogativo: perché scegliere questo tipo di lavoro se i disagi si fanno sentire in

17 maniera esponenziale, le condizioni lavorative non sono delle migliori, il grado di soddisfazione è minimo e non esiste una prospettiva futura? Come già detto i lavoratori dei call-center sono per lo più insoddisfatti perchè non realizzano le loro aspirazioni e i loro sogni, tuttavia si vedono costretti a compiere una scelta forzata dovuta a fattori economici ed esistenziali. Il lavoro nei call-center è divenuto ormai molto diffuso e l operatore call-center è una delle figure più ricercate a livello nazionale, dunque sembra essere per molti il lavoro alternativa, il lavoro di cui accontentarsi in assenza di altro anche se non rispondente alla proprie aspirazioni. Il lavoro è molto importante per un individuo, è caratterizzante per la sua vita, non solo per il reddito, bensì per una questione di soddisfazione e realizzazione personale. Questi elementi non potrebbero trovare attuazione attraverso un lavoro che ti costringe, giornalmente, a vivere dietro una maschera di estrema cortesia, numerosi sorrisi e costante pazienza, necessari a gestire le innumerevoli telefonate che si ricevono nel contesto lavorativo di forte precarietà ed alienazione. I DISCOUNT DELLA PAROLA Come già evidenziato le tipologie contrattuali utilizzate all interno di queste strutture sono per lo più atipiche, a progetto, a termine, di collaborazione, mentre solo per una minoranza si riscontra un contratto a tempo indeterminato. La tipologia di retribuzione prevalentemente usata è quella fissa ed ammonta intorno alle 600 mensili. Il reddito percepito può essere considerato una nota dolente di tutto il sistema in questione, infatti, indagando più in profondità, tramite le interviste dirette, si è potuti giungere al calcolo della retribuzione finale tramite 3 modalità. Nel primo caso, la paga è una vera e propria combinazione di fattori, infatti, dipende da una media quantitativa e qualitativa delle

18 telefonate. Bisogna tenere sempre presente un tempo ottimale di gestione della telefonata, prendere un totale di telefonate al giorno e tenere in considerazione che la variabilità del guadagno dipende anche dalle ore di lavoro effettuate, per le quali è stabilito un minimo ed un massimo. Nel secondo caso, si parla di retribuzione fissa, comoda per certi aspetti, ma vincolata comunque ad un numero di ore che non può subire modifiche. Si tratta di una retribuzione non molto elevata, ma che alla fine permette di sostenersi economicamente. Nel terzo è ultimo caso la retribuzione può anche venire a mancare in un determinato mese, perché dipende dal numero di pratiche svolte, per cui è sancito un minimo per poter accedere ad una paga. Questo fattore di ampia variabilità provoca un accentuata tensione nei lavoratori e naturalmente è fonte di gravi problemi economici. È comunque impensabile dover lavorare un mese con la prospettiva che il reddito possa variare da 0 a 600. Soprannominati discount della parola, i call-center non assicurano un buon tenore di vita se le condizioni economiche applicate sono le su citate, in quanto manca la certezza del reddito mensile. Ad eccezione dei pochi call-center seri, che hanno proceduto a fare delle regolari assunzioni, gli altri costringono le persone che vi lavorano a non poter fare progetti nemmeno di breve termine, perché fino al termine del mese non si sa la reale disponibilità economica di cui si può godere. Queste sono le ristrette condizioni in cui viviamo noi giovani del III millennio. Noi, figli della società del benessere, siamo in realtà i padri della crisi che grava sul mondo intero. Lasciando un attimo da parte il caso call-center, ogni lavoro ormai presenta delle gravi problematiche, legate alle tipologie contrattuali utilizzate, alla retribuzione, alla routinarietà, alla mancanza di corrispondenza col titolo di studio posseduto e con le reali competenze dei soggetti che lavorano. Tutto ciò aggravato dall estrema precarietà che caratterizza i nostri tempi. E si, perché nemmeno quel lavoro

19 tanto criticato rappresenta un posto fisso per noi, da un momento all altro ci potremmo ritrovare senza nemmeno quello e l attuale disagio sarebbe aggravato dalla frustrazione del non far nulla. I RISCHI DEL MESTIERE Il lavoro nei call-center che apparentemente sembra essere un attività alquanto tranquilla e priva di particolari rischi per la persona, in realtà nasconde numerose insidie non facilmente ricollegabili al tipo di attività svolta se non si è adeguatamente informati. Essi sono legati al tipo di attrezzatura utilizzata, alla postura assunta durante la lavorazione, alla condivisione della postazione di lavoro, ai turni di lavoro, al continuo uso della voce e soprattutto a problemi di stress. Innanzitutto, l utilizzo intensivo delle attrezzature tipiche del mestiere, ossia videoterminale, cuffie, tastiera ecc possono portare problemi di astenopia, accompagnati da un insieme di problemi a carico dell apparato muscoloscheletrico rappresentati da dolore, rigidità, tremori, crampi e fatica muscolare. La ripetitività della posizione delle mani e delle braccia e la frequenza dei movimenti nell utilizzo di mouse e tastiera, sono considerati importanti fenomeni di rischio per quanto riguarda possibili patologie come il tunnel carpale o tendiniti. Problematiche si riscontrano agli arti inferiori, dovuti alla prolungata immobilità, che si presentano sotto forma di facile affaticabilità e crampi muscolari localizzati particolarmente ai polpacci. Tutto ciò è ricollegabile ai tipi di postazione lavorativa dei call-center caratterizzati da una maggiore costrittività fisica e fissità posturale legate alla presenza di cuffie o telefoni che limitano la mobilità dell operatore. Elemento caratterizzante l attività dei call-center è costituito dall uso delle cuffie con microfono che permettono all operatore di parlare con l utente e contemporaneamente usare il terminale. Se l introduzione delle cuffie ha ridotto il rischio di disturbi alle spalle e al collo, legate all utilizzo della cornetta e all uso di schiacciare la stessa tra testa e spalla, ha tuttavia accentuato i problemi relativi

20 ad una distorta percezione dei segnali acustici provenienti dall esterno accentuato particolarmente in quei soggetti con deficit uditivi di diversa natura. L organizzazione del lavoro a turni può comportare che la stessa postazione sia occupata da lavoratori diversi. Una carenza di adattabilità, soprattutto del sedile alle caratteristiche antropometriche dei singoli può comportare problemi posturali anche rilevanti. Ulteriore problematica è quella relativa alla condivisione della cuffia con l eventuale rischio di trasmissione di patologie infettive tra gli addetti che usufruiscono delle stesse attrezzature. Per ovviare a tale inconveniente sarebbe consigliabile che ogni operatore avesse una cuffia personale, piuttosto che la sanificazione della stessa, causa spesso di allergie e deterioramento dell attrezzatura. Il lavoro a turni può determinare a lungo termine una maggiore prevalenza di malattie a genesi psicosomatica, che si manifestano a carico dell apparato gastroenterico, del sistema neuropsichico e di quello cardiocircolatorio. E rilevante sottolineare come le turniste donne abbiano più frequentemente irregolarità dei cicli e disturbi mestruali. Il turno notturno in particolare può costituire una condizione di stress in quanto, attraverso la perturbazione del ciclo sonno-veglia induce una modificazione delle condizioni psico-fisiche della persona, che può avere effetti negativi sull efficienza lavorativa, sullo stato di salute e sulle condizioni di vita familiare e sociale. La mansione del customer service richiede, inoltre, un prolungato uso della voce, per il continuo colloquio con il cliente. Le fasi di lavoro prevedono un alternanza di colloquio con il cliente con attività di consultazione o di inserimento dati. Alcune particolari situazioni ambientali possono rendere particolarmente critico l impegno vocale. L uso prolungato della voce può portare a disfonia funzionale, fonastenia, situazioni in cui lo sforzo sembra essere elemento determinante. L ultimo problema in cui si incorre, ma il più frequente, è dato dallo stress. La sua peculiarità è quella di essere una reazione soggettiva aspecifica, ossia uguale di fronte a stimoli diversi tra loro per la variabilità delle procedure e delle mansioni. Lo stress nei luoghi di lavoro è il risultato di una serie di fattori tra cui quelli frequentemente riscontrabili nelle attività di call-center sono:

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione generale per l'attività Ispettiva Direzione generale della Tutela delle Condizioni di Lavoro Roma, 14 Giugno 2006 Circolare n. 17/2006 Prot. N.

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

LE POLITICHE DEL LAVORO

LE POLITICHE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Sono l insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. Tali politiche sono strettamente connesse con altri settori: fiscale, sociale

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM La Guida di & La banca multicanale ADICONSUM In collaborazione con: 33% Diffusione internet 84% Paesi Bassi Grecia Italia 38% Spagna Svezia Francia 80% Germania Gran Bretagna 52% 72% 72% 63% 77% Diffusione

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi A tutti i Colleghi Assistenti Amministrativi delle Segreterie Scolastiche Italiane RIVENDICHIAMO LA QUALIFICA DI VIDEOTERMINALISTA CON UNA PETIZIONE ON LINE AL MINISTERO. Lavoriamo con il computer ma non

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 A seguito delle riunioni con le strutture regionali, sono state approfondite le tematiche relative al rinnovo

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Affidati al monitoraggio di ADAPT e Repubblica degli Stagisti ben 3mila racconti: il problema principale sono i lunghi

Dettagli

163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA

163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA 163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA Sig. Prefetto, Sig. Sindaco, Sig. Presidente della Provincia, Eccellenza Reverendissima,

Dettagli

Il mercato del lavoro danese

Il mercato del lavoro danese 1 AMBASCIATA D ITALIA COPENAGHEN Il mercato del lavoro danese Il modello della Flexicurity Composto dalle parole inglesi flexibility e security, il termine coniuga il concetto della facilità con cui le

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli