Fact - pack mercato Vita. marzo 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fact - pack mercato Vita. marzo 2013"

Transcript

1 Fact - pack mercato Vita marzo 2013

2 OBIETTIVI Fornire una visione sintetica dei numeri chiave del mercato vita in Italia attraverso analisi e rappresentazioni grafiche Dare un quadro riassuntivo e indicazioni, tratte da dati pubblici di mercato, sulle seguenti aree: - dimensione assoluta, riportando grandezze di stock (riserve matematiche/tecniche) e grandezze di flusso (premi); - redditività, attraverso analisi di dati contabili e di valore della produzione; - struttura dei costi, riportando alcuni indici contabili di costo; - dimensione relativa,, attraverso indicatori derivanti da dati macroeconomici e confronti internazionali; - performance delle gestioni separate e dei fondi unit-linked - livello di solvibilità delle imprese. Riportare le informazioni infrannuali di mercato su nuova produzione, flussi di raccolta netta, stock di riserve e andamento fondi unit-linked 1

3 CONTENUTI Dati annuali aggiornati all esercizio 2011: - Dati su riserve matematiche / tecniche e premi - Indicatori principali di redditività delle imprese - Indicatori principali della struttura dei costi delle imprese - Indicatori assicurativi e macroeconomici - Performance e composizione degli investimenti, livello di solvibilità Dati infrannuali relativi all esercizio 2012: - Rilevazioni mensili premi di nuova produzione ANIA - Flussi e riserve tecniche di portafoglio ANIA - Rilevazioni trimestrali fondi interni unit-linked ANIA - Rilevazioni trimestrali premi IVASS 2

4 Nell ultimo anno lo stock di riserve del mercato è rimasto stabile mentre la crescita media è stata del 9,4% RISERVE MATEMATICHE E TECNICHE LAVORO DIRETTO ITALIANO Miliardi di Euro, (%) Tasso medio annuo composto 9,4% Variazione anno su anno 19,0% 17,3% 16,0% 18,9% 14,8% 13,3% 5,2% -2,8% -6,2% 12,2% 8,5% 0,5% 3

5 La proporzione di riserve di ramo III (unit e index linked) è diminuita e i prodotti tradizionali continuano a mantenere la quota prevalente SPLIT RISERVE TRA POLIZZE TRADIZIONALI E LINKED DEL LAVORO DIRETTO ITALIANO Milioni di Euro, (%) Variazione media Annua 100% ,2% Rami I, V 6,5% e altri 63,3 62,8 66,3 70,4 74,1 77,7 Ramo III 36,7 37,2-7,5% 33,7 29,6 25,9 22,

6 Lo stock di riserve generato da polizze commercializzate dagli sportelli bancari e postali supera di poco il 50% del totale delle riserve del mercato vita DISTRIBUZIONE DELLE RISERVE PER CANALE DISTRIBUTIVO 2011, Milioni di Euro, (%) Rami III 100%= Promotori finanziari 10,6% Reti tradizionali Totale 26,5% 100%= Promotori finanziari 62,8% Sportelli bancari e postali 11,2% + Sportelli bancari e postali 55,1% 33,8% Reti tradizionali Rami I, V e altri 100%= Promotori finanziari 7,2% Reti tradizionali Sportelli bancari e postali 51,3% 41,6% 5

7 Nel 2011 i primi cinque gruppi assicurativi in Italia hanno una quota di mercato, relativamente alle riserve tecniche, pari a oltre il 50% CLASSIFICA PRIMI 10 GRUPPI PER RISERVE TECNICHE DEL LAVORO DIRETTO ITALIANO 2011(*), Milioni di Euro, (%) % di Quota di riserve RISERVE TECNICHE mercato ramo III GENERALI 20,1% 5,8% INTESA SANPAOLO VITA GR. ASSICURATIVO POSTE VITA GR. ASSICURATIVO ALLIANZ 13,7% 21,7% 11,5% 20,2% 9,3% 29,6% GR. ASS. FONDIARIA-SAI AVIVA GR. ASSICURATIVO UNIPOL AXA MPS MEDIOLANUM VITA GR. CATTOLICA ASSICURAZIONI 4,6% 19,5% 4,1% 39,4% 3,9% 7,9% 3,8% 4,4% 3,7% 64,2% 2,9% 17,8% Nota(*): Dati provvisori ANIA; Gruppi IVASS al 14 marzo

8 Nel 2011 le prime 10 compagnie hanno quote di mercato, in termini di riserve tecniche, che vanno da quasi il 14% a circa il 3% CLASSIFICA PRIME 10 COMPAGNIE PER RISERVE TECNICHE DEL LAVORO DIRETTO ITALIANO 2011(*), Milioni di Euro, (%) Compagnie prevalentemente % di di bancassurance Quota di riserve RISERVE TECNICHE mercato ramo III INTESA SANPAOLO VITA 13,7% 21,7% POSTE VITA 11,5% 20,2% ALLEANZA TORO ASSICURAZIONI GENERALI INA ASSITALIA ALLIANZ S.P.A. CREDITRAS VITA AXA MPS ASSICURAZIONI VITA MEDIOLANUM VITA UNIPOL ASSICURAZIONI 6,7% 1,9% 6,1% 2,2% 4,8% 14,9% 4,1% 11,9% 4,0% 52,9% 3,8% 4,4% 3,7% 64,2% 3,1% 6,1% Nota(*): Dati provvisori ANIA 7

9 La quota mercato dei primi 5 gruppi in termini di riserve tecniche è aumentata nell'ultimo anno ed è ora prossima al 60% EVOLUZIONE MARKET SHARE RISERVE TECNICHE DEL LAVORO DIRETTO ITALIANO Milioni di Euro, (%) 100%= Gruppi dall 11 in poi 18,8 19,5 26,0 22,4 Gruppi dal 6 al 10 19,8 23,4 20,9 18,4 Primi 5 gruppi 61,4 57,1 53,1 59,

10 I premi del lavoro diretto italiano sono diminuiti del 18,0% nell ultimo anno tornado sui livelli del 2005 PREMI DEL LAVORO DIRETTO ITALIANO Miliardi di Euro, (%) Tasso medio annuo composto 0,9% 81,1 90,1 73,9 5,5 6,5 7,8 9,6 12,0 13,5 19,1 26,5 35,6 39,8 46,3 55,3 62,8 65,6 73,5 69,4 61,4 54, Variazione anno su anno 17% 21% 23% 25% 13% 41% 39% 34% 12% 16% 19% 14% 5% 12% -6% -11% -11% 49% 11% -18% Fonte: IVASS 9

11 Il saldo fra premi e pagamenti agli assicurati (scadenze, sinistri, riscatti e rendite), che rappresenta un indicatore di flusso netto, nel 2011 è stato sostanzialmente nullo. SALDO FRA PREMI E PAGAMENTI AGLI ASSICURATI DEL LAVORO DIRETTO ITALIANO Milioni di Euro, (%) Variazione anno su anno -211,3% 14,7% 317,8% -2,5% -100,4% 10

12 La quota di premi unici si è mantenuta mediamente stabile negli ultimi sei anni. SPLIT PREMI FRA NUOVA PRODUZIONE E PORTAFOGLIO DEL LAVORO DIRETTO ITALIANO Milioni di Euro, (%) Nuova produzione Variazione media Annua 100% ,3% Premi di 1,8% ann. succ. 17,5 18,7 15,6 14,0 21,9 18,0 Premi di 1 4,5 4,6 6,4 6,5% 5,4 5,8 annualità 6,0 Premi unici 0,8% 78,0 75,9 79,8 79,6 72,1 76, Fonte:IVASS 11

13 La quota dei premi relativi a polizze linked è rimasta stabile nell ultimo anno SPLIT PREMI TRA POLIZZE TRADIZIONALI E LINKED DEL LAVORO DIRETTO ITALIANO Milioni di Euro, (%) Variazione media Annua 100% ,3% Rami I, V 7,9% e altri 52,7 60,5 66,0 88,0 82,9 83,1 Ramo III 39,5 47,3 34,0-14,5% 12,0 17,1 16, Fonte: elaborazione ANIA su dati IVASS 12

14 La quota di mercato degli sportelli bancari è diminuita nel corso del 2011 SPLIT PREMI PER CANALE DISTRIBUTIVO Milioni di Euro, (%) 100% Altro (*) 12,6 12,6 14,0 9,7 8,5 10,5 Agenti Promotori finanziari 19,9 21,1 8,5 8,5 23,6 9,9 15,9 15,3 16,2 15,9 16,4 18,4 Sportelli bancari e postali 59,0 57,8 52,6 58,1 60,3 54, Nota (*): La voce racchiude i premi raccolti tramite vendita diretta e broker Fonte: elaborazione ANIA su dati IVASS 13

15 Nel 2011 gli sportelli bancari e postali confermano la loro leadership nella raccolta premi SPLIT PREMI PER RAMO E PER CANALE DISTRIBUTIVO 2011, Milioni di Euro, (%) 100%= Ramo III Altro Ramo I, Promotori 12,4% V e altro Promotori Finanziari Agenti Finanziari 18,4% 16,4% 83,1% 52,8% Sportelli bancari e postali Altro Agenti 0,7% 6,7% 28,2% 64,4% Sportelli bancari e postali 16,9% 2011 Fonte: elaborazione ANIA su dati IVASS 14

16 La prevalenza dei premi commercializzati tramite polizze individuali rispetto a quelli tramite collettive si è confermata nel corso degli ultimi anni SPLIT PREMI PER TIPOLOGIA DI POLIZZA Milioni di Euro, (%) Variazione media annua 100% ,3% 8,3 8,4 Collettive 10,0 7,0 6,2 7,5 1,4% 91,7 91,6 90,0 93,0 93,8 92,5 Individuali -0,8% (*) Nota(*): includono ramo IV, ramo VI e complementari Fonte: elaborazione ANIA su dati IVASS 15

17 SPLIT PREMI PER TIPOLOGIA DI PRODOTTO E DI PREMIO 2011, Milioni di Euro Tipologia prodotto Annui Unici Ricorrenti Totale Prima Annualità Tradizionali Partecipazione agli utili e puro rischio(*) Capitalizzazioni Linked Unit Index Malattia Fondi pensione aperti Totale Nota (*): include assicurazioni complementari Fonte: IVASS I premi contabilizzati nel 2011 confermano la preponderanza dei premi unici e dei prodotti tradizionali, specialmente 16 quelli con partecipazione agli utili

18 Nel mercato si conferma la prevalenza di prodotti di risparmio (che comunque contengono anche coperture assicurative) e investimento. Le coperture di rischio, sebbene in crescita, hanno un peso contenuto sul totale SPLIT PREMI PER TIPOLOGIA DI COPERTURA Milioni di Euro, (%) Variazione media Annua 100% ,3% Puro 2,2 3,0 3,9 2,5 2,5 3,1 8,5% Rischio (*) Risparmio, 97,8 97,0 96,1 97,5 97,5 96,9 1,1% investimento e altre forme non di puro rischio * Nota(*): inclusi ramo IV e complementari Fonte: elaborazione ANIA su dati IVASS 17

19 Nel 2011 i primi due gruppi assicurativi in Italia hanno una quota di mercato, relativamente ai premi complessivi contabilizzati, pari a circa il 30% del mercato. CLASSIFICA PRIMI 10 GRUPPI PER PREMI CONTABILIZZATI DEL LAVORO DIRETTO ITALIANO 2011(*), Milioni di Euro, (%) % di Quota di premi PREMI CONTABILIZZATI mercato ramo III GENERALI 16,8% 3,5% INTESA SANPAOLO VITA GR. ASSICURATIVO POSTE VITA MEDIOLANUM VITA 13,3% 11,0% 12,9% 13,8% 12,4% 12,8% GR. ASSICURATIVO ALLIANZ 7,9% 39,5% AVIVA GR. ASSICURATIVO CARDIF GR. ASSICURATIVO UNIPOL GR. CATTOLICA ASSICURAZIONI CNP UNICREDIT VITA 4,4% 38,9% 4,0% 17,4% 3,2% 6,5% 2,9% 9,9% 2,7% 50,0% Nota(*): Dati provvisori ANIA 18

20 Nel 2011 le prime 10 compagnie hanno quote di mercato, in termini di premi contabilizzati, che vanno da circa il 13% a circa il 3% CLASSIFICA PRIME 10 COMPAGNIE PER PREMI CONTABILIZZATI DEL LAVORO DIRETTO ITALIANO 2011(*), Milioni di Euro, (%) Compagnie prevalentemente % di di bancassurance Quota di premi PREMI CONTABILIZZATI mercato ramo III INTESA SANPAOLO VITA POSTE VITA MEDIOLANUM VITA 13,3% 11,0% 12,9% 13,8% 12,4% 12,8% ALLEANZA TORO ASSICURAZIONI GENERALI CREDITRAS VITA INA ASSITALIA BNL VITA ALLIANZ CNP UNICREDIT VITA 5,6% 1,4% 4,9% 1,8% 4,3% 61,1% 4,0% 6,7% 3,8% 18,6% 3,0% 12,6% 2,7% 50,0% Nota(*): Dati provvisori ANIA 19

21 Anche in termini di premi la quota mercato dei primi 5 gruppi è aumentata negli ultimi 4 anni osservati EVOLUZIONE MARKET SHARE PREMI CONTABILIZZATI DEL LAVORO DIRETTO ITALIANO Milioni di Euro, (%) 100%= Gruppi dall 11 in poi 21,5 20,7 25,8 19,6 Gruppi dal 6 al 10 16,8 22,9 24,9 17,3 Primi 5 gruppi 61,7 56,4 49,3 63, Indice di concentrazione* 73,0% 73,0% 67,3% 77,1% Nota(*): Indice di concentrazione di Gini (equidistribuzione indice =0, massima concentrazione indice =1) 20

22 CONTENUTI Dati annuali aggiornati all esercizio 2011: - Dati su riserve matematiche / tecniche e premi - Indicatori principali di redditività delle imprese - Indicatori principali della struttura dei costi delle imprese - Indicatori assicurativi e macroeconomici - Performance e composizione degli investimenti, livello di solvibilità Dati infrannuali relativi all esercizio 2012: - Rilevazioni mensili premi di nuova produzione ANIA - Flussi e riserve tecniche di portafoglio ANIA - Rilevazioni trimestrali fondi interni unit-linked ANIA - Rilevazioni trimestrali premi IVASS 21

23 Dopo il risultato appena positivo del 2010, il settore vita registra a fine 2011 un risultato netto fortemente negativo RISULTATO NETTO(*) LAVORO COMPLESSIVO VITA Milioni di Euro, (%) Nota (*): Per risultato netto s intende l utile/ perdita di esercizio dei rami vita dopo le imposte 22

24 Nel 2011 il risultato netto delle imprese distinte per canali principali di cui si avvalgono è risultato in perdita per tutte le tipologie. RISULTATO NETTO PER CANALE DISTRIBUTIVO* 2011, Milioni di Euro, (%) Sportelli bancari e postali Canali tradizionali Promotori finanziari -107 Nota(*): Elaborazioni ANIA

25 Nel 2011, il rapporto tra risultato netto e stock delle riserve tecniche è negativo e pari a -0,63% RISULTATO NETTO SU RISERVE TECNICHE NETTE LAVORO COMPLESSIVO (%) 0,99% 0,64% 0,68% 0,21% 0,07% -0,52% -0,63% Variazione in punti anno su anno 0,04-1,20 1,51-0,92-0,70 24

26 Nel 2011 il rapporto tra risultato netto e riserve tecniche è stato negativo per tutti i canali di distribuzione; da notare che tale indice è di natura contabile e risente, fra l altro, della tipologia e quantità di prodotti venduti, delle politiche di investimento e delle scelte di rappresentazione delle imprese RISULTATO NETTO SU RISERVE TECNICHE NETTE PER CANALE DISTRIBUTIVO* 2011,(%) Sportelli bancari e postali Canali tradizionali Promotori finanziari -0,23% -0,54% -0,63% -0,82% Nota(*): Elaborazioni ANIA 25

27 Analizzando la distribuzione del risultato netto sulle riserve, circa il 75% delle imprese presenta nel 2011 un valore negativo DISTRIBUZIONE INDICATORE RISULTATO NETTO SU RISERVE TECNICHE NETTE 0,5% 0,0% -0,06% risultato dopo le tasse su riserve tecniche -0,5% -1,0% -0,60% 75-ile Mediana 25-ile Scarto interquartile 1,73% -1,5% -1,79% Fonte: Ania -2,0% Trasformata logaritmica delle riserve tecniche nette 26

28 Analizzando nel 2011 la regressione lineare dell'indicatore risultato netto su riserve, si evidenzia una correlazione debole positiva tra redditività e dimensione REGRESSIONE LINEARE RISULTATO NETTO SU RISERVE TECNICHE NETTE E DIMENSIONE 2,0% 1,0% risultato dopo le tasse su riserve tecniche 0,0% -1,0% -2,0% -3,0% Fonte: Ania Trasformata logaritmica delle riserve tecniche 27

29 Nel 2011 il rapporto tra risultato tecnico e stock delle riserve tecniche è negativo e pari a -0,79% RISULTATO TECNICO SU RISERVE TECNICHE NETTE LAVORO COMPLESSIVO (%) 0,90% 0,55% 0,46% 0,04% -0,07% -0,84% -0,79% Variazione in punti anno su anno -0,09-1,30 1,74-0,97-0,72 28

30 Nel 2011 il rapporto tra il risultato tecnico e le riserve tecniche è negativo per tutti i canali distributivi. RISULTATO TECNICO COMPLESSIVO SU RISERVE TECNICHE NETTE PER CANALE DISTRIBUTIVO* 2011,(%) Sportelli bancari e postali Canali tradizionali Promotori finanziari -0,74% -0,93% -0,38% -0,79% Nota(*): Elaborazioni ANIA 29

31 Dopo aver raggiunto il suo massimo nel 2009 (15,2%), il Roe del settore Vita risulta nel 2011 negativo e pari a -9,0% EVOLUZIONE STORICA RETURN ON EQUITY (ROE) RAMO VITA ,6-25,1 13,9-2,2 10,5-11,7 12,6 37,4 3,3 5,4 7,0-6,9 7,5 58,2 7,3 13,1 9,4 41,0 11,3 22,3 11,7 8,2 5,4 8,1 Roe Vita Var. % indice MIB (asse di destra) 9,6-25,1-23,7 14,9 11,9 17,5 12,6 11,2 10,6 13,9 19,0-8,0-48,7-7,8 15,2 1,1 20, ,7-9,0-24, Nota: Elaborazioni ANIA 30

32 CONTENUTI Dati annuali aggiornati all esercizio 2011: - Dati su riserve matematiche / tecniche e premi - Indicatori principali di redditività delle imprese - Indicatori principali della struttura dei costi delle imprese - Indicatori assicurativi e macroeconomici - Performance e composizione degli investimenti, livello di solvibilità Dati infrannuali relativi all esercizio 2012: - Rilevazioni mensili premi di nuova produzione ANIA - Flussi e riserve tecniche di portafoglio ANIA - Rilevazioni trimestrali fondi interni unit-linked ANIA - Rilevazioni trimestrali premi IVASS 31

33 Il rapporto tra le spese di acquisizione e i single premium equivalent (pari a Premi Unici + 10 * Premi di prima annualità ), misura standardizzata del volume dei premi versati che tiene conto della loro diversa natura, nel 2011 è aumentato invertendo il trend decrescente degli ultimi anni. PROVVIGIONI E ALTRE SPESE DI ACQUISIZIONE SU SPE (SINGLE PREMIUM EQUIVALENT) - LAVORO DIRETTO (%) 3,4% 3,8% 4,2% 3,9% 2,8% 2,4% 2,7% 3,3% Variazione anno su anno 0,4 0,4-0,3-1,1-0,4 0,3 32

34 Nel 2011 i canali tradizionali mostrano un indice di remunerazione superiore alla media del mercato. Il dato potrebbe anche essere influenzato dalle diverse decisioni organizzative e politiche di transfer pricing delle imprese PROVVIGIONI E ALTRE SPESE DI ACQUISIZIONE SU SPE PER CANALE DISTRIBUTIVO* - LAVORO DIRETTO 2011,(%) Sportelli bancari e postali Canali tradizionali Promotori finanziari 4,26% 2,25% 2,65% 1,08% Nota(*): Elaborazioni ANIA 33

35 Il rapporto tra le spese di amministrazione e i premi contabilizzati totali mostra un aumento nell ultimo anno osservato SPESE DI AMMINISTRAZIONE SU PREMI CONTABILIZZATI - LAVORO DIRETTO 2011,(%) 1,60% 1,70% 1,20% 1,30% 1,10% 1,03% 1,24% 1,31% Variazione anno su anno 0,10 0,30 0,10-0,60-0,07 0,21 34

36 Nel 2011 l indice delle spese amministrative mostra un incidenza maggiore riscontrata per le imprese che si avvalgono prevalentemente di canali tradizionali. Il dato potrebbe anche essere influenzato dalle diverse decisioni organizzative e politiche di transfer pricing delle imprese SPESE DI AMMINISTRAZIONE SU PREMI CONTABILIZZATI PER CANALE DISTRIBUTIVO* LAVORO DIRETTO 2011,(%) Sportelli bancari e postali Canali tradizionali Promotori finanziari 2,58% 0,78% 0,62% 1,24% Nota(*): Elaborazioni ANIA 35

37 Il rapporto tra le spese di amministrazione e le riserve tecniche nette mostra nel complesso una tendenza alla diminuzione SPESE DI AMMINISTRAZIONE SU RISERVE TECNICHE - LAVORO DIRETTO (%) 0,27% 0,25% 0,26% 0,26% 0,25% 0,24% 0,25% 0,22% Variazione in punti anno su anno -0,02 0,01 0,00-0,01-0,01-0,02 36

38 Nel 2011 il valore medio dell indice di spese amministrative si distribuisce in maniera diversificata tra le imprese suddivise per canale prevalente di distribuzione, presentando un incidenza maggiore per i canali tradizionali. Il dato può essere influenzato dalle diverse decisioni organizzative e politiche di transfer pricing delle imprese SPESE DI AMMINISTRAZIONE SU RISERVE TECNICHE PER CANALE DISTRIBUTIVO* LAVORO DIRETTO 2011,(%) Sportelli bancari e postali Canali tradizionali Promotori finanziari 0,37% 0,14% 0,18% 0,22% Nota(*): Elaborazioni ANIA 37

39 Il rapporto tra le provvigioni di incasso e i premi di annualità successive è diminuito negli ultimi anni PROVVIGIONI DI INCASSO SU PREMI DI ANNUALITA SUCCESSIVE - LAVORO DIRETTO (%) 3,9% 3,8% 3,2% 2,6% 2,2% 2,2% 1,9% 2,8% Variazione in punti anno su anno -0,10-0,60-0,60-0,40 0,00-0,30 38

40 L impresa mediana presenta un indice di spesa pari allo 0,31%; il 75% delle imprese hanno riscontrato un indice di spesa inferiore allo 0,54% DISTRIBUZIONE DEL RAPPORTO TRA SPESE DI AMMINISTRAZIONE E RISERVE TECNICHE LAVORO DIRETTO 2011,(%) 1,4% 1,2% spese di amministrazione su riserve tecniche 1,0% 0,8% 0,6% 0,4% 0,2% 0,0% Fonte: Ania 75-ile Mediana 0,54% 0,31% 0,19% Scarto interquartile 39

41 Analizzando la regressione lineare del rapporto tra spese amministrative e riserve, si evidenzia una correlazione negativa tra spese di amministrazione e dimensione. In altre parole, l incidenza delle spese tende a diminuire al crescere della dimensione, quindi le imprese maggiori tendono a realizzare economie di scala REGRESSIONE LINEARE DEL RAPPORTO SPESE DI AMMINISTRAZIONE SU RISERVE TECNICHE LAVORO DIRETTO 2011,(%) 2,0% 1,5% spese di amministrazione su riserve tecniche 1,0% 0,5% 0,0% -0,5% -1,0% Fonte: Ania y = -0,0083x + 0,058 R² = 0,3573 Trasformata logaritmica delle riserve tecniche 40

42 CONTENUTI Dati annuali aggiornati all esercizio 2011: - Dati su riserve matematiche / tecniche e premi - Indicatori principali di redditività delle imprese - Indicatori principali della struttura dei costi delle imprese - Indicatori assicurativi e macroeconomici - Performance e composizione degli investimenti, livello di solvibilità Dati infrannuali relativi all esercizio 2012: - Rilevazioni mensili premi di nuova produzione ANIA - Flussi e riserve tecniche di portafoglio ANIA - Rilevazioni trimestrali fondi interni unit-linked ANIA - Rilevazioni trimestrali premi IVASS 41

43 Il rapporto tra riserve e prodotto interno lordo in Italia, anche se complessivamente in aumento negli ultimi anni, si mantiene al di sotto della media europea, indicando come il nostro paese abbia ancora margini di crescita. CONFRONTO RAPPORTO RISERVE TECNICHE LAVORO DIRETTO SU PIL TRA ITALIA E UE (%) Mercato diretto Italia Mercato diretto U.E. 43,2 41,9 37,5 41,1 39,4 24,9 23,3 21,5 24,9 26,5 26, N.D. Fonte: Insurance Europe 42

44 Il rapporto tra le riserve delle assicurazioni vita e il totale delle attività finanziarie delle famiglie italiane, dopo un periodo di crescita, negli ultimi anni ha visto stabilizzarsi la propria quota sul totale del risparmio finanziario RAPPORTO RISERVE TECNICHE VITA DEL LAVORO DIRETTO SU TOTALE ATTIVITA FINANZIARIE DELLE FAMIGLIE ITALIANE (%) 9,4 10,0 10,1 9,7 8,9 10,6 11, Fonte: ANIA, BANCA D ITALIA 43

45 Il rapporto tra i premi e la popolazione dopo due anni di crescita è in flessione PREMI VITA PER ABITANTE* (%)

46 Nel complesso, i reclami inviati all IVASS sono aumentati di circa il 57% nell ultimo anno. RIPARTIZIONE PER TIPOLOGIA DEI RECLAMI VITA INVIATI ALL IVASS Unità, (%) Tipologia Numero % Numero % Var % 11/10 Conteggio Capitale a scadenza 143 6% 193 5% 35% Conteggio valore di riscatto % 293 8% 7% Ritardo liquidazione del capitale % % 38% Ritardo liquidazione riscatto % % 58% Dubbi regolarità del contratto % % 123% Mancata risposta richieste assicurato % % 37% Trasferimento polizza 104 4% 168 5% 62% Altri % % 100% TOTALE % % 57% Fonte: IVASS 45

47 I reclami vita inviati dalla clientela direttamente alle imprese sono aumentati per tutte le aree, in particolare in termini assoluti nelle aree sinistri e legale. RIPARTIZIONE PER TIPOLOGIA DEI RECLAMI VITA INVIATI ALLE IMPRESE Unità, (%) Tipologia Numero % Numero % Var % 11/10 Area amministrazione % % 12% Area commerciale e vendita diretta % % 5% Area industriale % % 2% Area informatica 289 1% 303 1% 5% Area legale 550 2% 819 3% 49% Area sinistri - direzione % % 47% Area sinistri - ispettorato 43 0% 72 0% 67% Area sinsitri - call center - 0% 18 0% - Altro - 0% 123 0% - TOTALE % % 25% Fonte: IVASS 46

48 CONTENUTI Dati annuali aggiornati all esercizio 2011: - Dati su riserve matematiche / tecniche e premi - Indicatori principali di redditività delle imprese - Indicatori principali della struttura dei costi delle imprese - Indicatori assicurativi e macroeconomici - Performance e composizione degli investimenti, livello di solvibilità Dati infrannuali relativi all esercizio 2012: - Rilevazioni mensili premi di nuova produzione ANIA - Flussi e riserve tecniche di portafoglio ANIA - Rilevazioni trimestrali fondi interni unit-linked ANIA - Rilevazioni trimestrali premi IVASS 47

49 Le gestioni separate hanno avuto mediamente dei rendimenti superiori rispetto a quelli medi dei titoli di stato, all inflazione e al rendimento del TFR per l'ultimo anno. CONFRONTO RENDIMENTO GESTIONI SEPARATE CON PRINCIPALI INDICATORI (%) Rendimento medio lordo gestioni separate Rendimento medio lordo titoli di stato Inflazione Rendimento lordo TFR 4,3 3,9 3,0 4,4 4,4 4,3 4,5 3,2 2,8 3,9 4,0 3,5 3,9 3,8 3,4 2,9 4,9 3,2 3,9 2,0 1,7 2,0 1,9 0, Fonte: IVASS 48

50 L asset-allocation delle gestioni separate si è mantenuta su livelli abbastanza prudenziali, con chiara prevalenza di titoli di stato e obbligazioni COMPOSIZIONE DEGLI INVESTIMENTI DELLE GESTIONI SEPARATE ESPRESSE IN EURO (%), Milioni di Euro Variazione Titoli a reddito fisso % Annua 100%= ,6% Altri attivi patrimoniali 5,9 6,7 9,2 9,1 7,7 8,9 5,0% Titoli azionari 4,2 6,3 6,3 4,4 3,8 3,3 9,2% Titoli obbligazionari 21,3 25,5 30,5 30,2 27,9 24,1 1,8% 68,6 Titoli di stato 61,5 15,8% 54,1 56,3 60,5 63, Fonte: IVASS 49

51 Il margine di solvibilità posseduto dalle compagnie si è mantenuto negli ultimi anni su valori pari a circa il doppio del margine minimo INDICE DI COPERTURA DEL MARGINE MINIMO DI SOLVIBILITA Margine posseduto (Milioni di ) Indice di copertura 1,91 1,98 1, ,70 1,75 / Margine minimo richiesto (Milioni di ) Fonte: IVASS 50

52 CONTENUTI Dati annuali aggiornati all esercizio 2011: - Dati su riserve matematiche / tecniche e premi - Indicatori principali di redditività delle imprese - Indicatori principali della struttura dei costi delle imprese - Indicatori assicurativi e macroeconomici - Performance e composizione degli investimenti, livello di solvibilità Dati infrannuali relativi all esercizio 2012: - Rilevazioni mensili premi di nuova produzione ANIA - Flussi e riserve tecniche di portafoglio ANIA - Rilevazioni trimestrali fondi interni unit-linked ANIA - Rilevazioni trimestrali premi IVASS 51

53 Nel mese di dicembre 2012 la raccolta premi delle nuove polizze individuali, da parte delle imprese italiane, registra un decremento rispetto allo stesso mese dell anno precedente pari a -2,9% PREMI NUOVA PRODUZIONE POLIZZE INDIVIDUALI IMPRESE ITALIANE (*) Milioni di Euro, (%) Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Sett Ott Nov Dic Variazione % Annua -38,1-31,3-10,4 3,2 3,2-13,5-4,8-18,4-14,7 15,4 11,3-2,9 Nota(*): ogni mese il valore del mese precedente può essere corretto per dati aggiornati ed eventuali aggiustamenti. 52

54 Nel mese di dicembre 2012 la raccolta premi delle nuove polizze individuali da parte delle imprese in LPS, registra un decremento rispetto allo stesso mese dell anno precedente pari a -19,1% PREMI NUOVA PRODUZIONE POLIZZE INDIVIDUALI IMPRESE ESTERE (*) Milioni di Euro, (%) Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Sett Ott Nov Dic Variazione % Annua -77,4-54,7 37,9-47,2-8,3 59,7-44,8 99,9 18,1 77,9 333,3-19,1 Nota(*): ogni mese il valore del mese precedente può essere corretto per dati aggiornati ed eventuali aggiustamenti. 53

55 A tutto il mese di dicembre 2012 la raccolta premi delle nuove polizze individuali, da parte delle imprese italiane, registra un decremento rispetto allo stesso mese dell anno precedente pari a -10,0% CUMULO PREMI NUOVA PRODUZIONE POLIZZE INDIVIDUALI IMPRESE ITALIANE (*) Milioni di Euro, (%) Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Sett Ott Nov Dic Variazione % Annua -38,1-34,6-26,5-20,6-16,3-15,9-14,5-14,9-14,9-12,4-10,5-10,0 Nota(*): ogni mese il valore del mese precedente può essere corretto per dati aggiornati ed eventuali aggiustamenti. 54

56 Nel 2012 al mese di dicembre, la suddivisione proporzionale dei premi di nuova produzione raccolti, è sostanzialmente analoga a quella dell'anno precedente. PREMI NUOVA PRODUZIONE POLIZZE INDIVIDUALI PER TIPO DI PREMIO Milioni di Euro, (%) Variazione % annua 100%= ,0% Premi Annui 1,5% 1,7% 0,9% Premi Ricorrenti 4,5% 5,1% 1,7% Premi Unici 94,0% 93,2% -10,7%

57 Nel 2012 al mese di dicembre, rispetto all'anno precedente, si registra un decremento del premio medio complessivo, dovuto in massima parte ai premi unici. NUMERO POLIZZE E PREMI MEDI NUOVA PRODUZIONE POLIZZE INDIVIDUALI 2011, Unità, Milioni di Euro, (%) Premio 2012, Unità, Milioni di Euro, (%) Premio Medio ('000 ) Medio ('000 ) 100%= ,3 100%= ,1 1,5% 1,7% 4,5% 5,1% Annui 22,5% 1,2 Annui 24,6% 1,1 Ricorrenti 3,6 Ricorrenti 3,6 21,7% 22,6% Unici 29,1 Unici 28,3 94,0% 55,8% 93,2% 52,8% N Polizze Premi N Polizze Premi 56

58 Nel 2012 al mese di dicembre, gli sportelli bancari e postali continuano a costituire il canale distributivo più utilizzato, anche se registrano una contrazione in termini di variazione annua. PREMI NUOVA PRODUZIONE POLIZZE INDIVIDUALI PER CANALE DISTRIBUTIVO Milioni di Euro, (%) Variazione % Annua 100%= ,0 Altro (incl. Broker) 0,3% 0,4% 2,2 Promotori finanziari 13,2% 18,5% 26,4 Agenti e agenzie in economia 16,1% 16,4% -8,7 Sportelli bancari e postali -17,1 70,4% 64,8%

59 Nel 2012 al mese di dicembre la nuova produzione degli sportelli bancari e postali si è concentrata sui premi unici e ricorrenti, quella degli agenti e delle agenzie in economia sui premi annui. PREMI NUOVA PRODUZIONE POLIZZE INDIVIDUALI PER CANALE DISTRIBUTIVO E TIPO DI PREMIO Milioni di Euro, (%) 100%= Altro (incl. Broker) Promotori finanziari Agenti e agenzie in economia 0,3% 0,9% 0,7% 4,1% 4,2% 19,5% 14,0% 41,1% 74,5% 66,2% 53,9% Sportelli bancari e postali 20,6% Unici Ricorrenti Annui 58

60 Nel 2012 al mese di dicembre si registra una contrazione, dovuta soprattutto al decremento dei prodotti tradizionali PREMI NUOVA PRODUZIONE POLIZZE INDIVIDUALI PER TIPO DI PRODOTTO Milioni di Euro, (%) Tipologia prodotto dicembre 2012 dicembre 2011 Importo % Importo % Var. Tradizionali ,9% ,8% -15,5% - Assicurazioni sulla vita ,4% ,8% -15,1% - Capitalizzazioni ,5% ,0% -26,3% Linked ,9% ,0% 13,3% - Unit ,1% ,6% 30,6% - Index ,8% ,4% -43,7% Malattia 22-6,45-242,1% Fondi pensione aperti* 83 0,2% 89 0,2% -5,8% Totale ,0% ,0% -10,0% - di cui PIP ,1% 811 1,5% 24,7% - di cui forme di puro rischio 271 0,6% 553 1,0% -51,0% Nota(*): la nuova produzione di forme pensionistiche individuali si riferisce esclusivamente alle nuove adesioni. 59

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 Nel 2014 la raccolta premi complessiva realizzata dalle imprese di assicurazione italiane e dalle rappresentanze in Italia di imprese extra europee continua il trend

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 13 del 02.10.2014 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU 1 B. TASSI

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

Risultato operativo oltre i 4,2 mld (+10,5%) e premi complessivi a 70 mld (+3,2%)

Risultato operativo oltre i 4,2 mld (+10,5%) e premi complessivi a 70 mld (+3,2%) 14/03/2013 COMUNICATO STAMPA Risultati consolidati al 31 dicembre 2012 1 Risultato operativo oltre i 4,2 mld (+10,5%) e premi complessivi a 70 mld (+3,2%) Si rafforza il capitale con crescita patrimonio

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Relazioni e Bilancio di Esercizio 2013

Relazioni e Bilancio di Esercizio 2013 Relazionii e Bilancio di Esercizio 2013 Sede Legale: Via Calamandrei, 2555 52100 AREZZO Sede Amministrativa: Via Francesco De Sanctis, 11 00195 ROMA C.F. e P.IVA 01652770510 Capitale Sociale: euro 51.080.900

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto Roma, 26 giugno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto

Dettagli

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato)

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato) (Progetto Esemplificativo Standardizzato) Il presente progetto esemplificativo contiene una stima della pensione complementare predisposta per consentirti una valutazione sintetica e prospettica del programma

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Advisory Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 1 2 3 Il trend del risparmio gestito prima e dopo la crisi finanziaria

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5003 Nota Informativa per i potenziali Aderenti (depositata

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Il presente Fascicolo Informativo contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 RAPPORTI DI LAVORO ATTIVATI (1) NEI MESI GENNAIO-MARZO DEGLI ANNI 2013, 2014 E 2015 A. NUOVI RAPPORTI DI LAVORO A1. Assunzioni a tempo indeterminato gen-mar

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali

Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali ED. LUGLIO 2013 Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2013 Roma, 26 giugno 2014 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Indagine conoscitiva sulla gestione del risparmio da parte dei Fondi pensione e Casse professionali, con riferimento agli investimenti mobiliari e immobiliari,

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 5 giugno 2013; SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTO l articolo 101

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE Il presente documento costituisce parte integrante della nota informativa della forma pensionistica individuale denominata Piano Individuale Pensionistico di tipo

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008.

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008. Offerta pubblica di sottoscrizione di CAPITALE SICURO prodotto finanziario di capitalizzazione (Codice Prodotto CF900) Il presente Prospetto Informativo completo si compone delle seguenti parti: Parte

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Chiara Vita T Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni contrattuali

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Mod. T915 Ed. 07/2014 BNL Risparmio Prodotto EVPH Il presente

Dettagli

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Linea Investimento NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Contratto di Assicurazione caso morte a vita intera a premio unico Il presente Fascicolo Informativo contenente: Scheda Sintetica, Nota Informativa,

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

INA ASSITALIA S.p.A. CRESCIAMO INSIEME. deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione della proposta di assicurazione.

INA ASSITALIA S.p.A. CRESCIAMO INSIEME. deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione della proposta di assicurazione. INA ASSITALIA S.p.A. Impresa autorizzata all esercizio delle Assicurazioni e della Riassicurazione nei rami Vita, Capitalizzazione e Danni con decreto del Ministero dell Industria del Commercio e dell

Dettagli

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione A) Informazioni generali 1. L Impresa di assicurazione Parte I del Prospetto d Offerta - Informazioni sull investimento e sulle coperture assicurative Parte I del Prospetto d Offerta Informazioni sull

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU

Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU IL PRESENTE FASCICOLO

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI Milano, 17 Marzo 2010 AGENDA 1. Il Gruppo 2. Il mercato 3. Dati economico-finanziari 4. Il titolo Pag. 2 RELATORI LUIGI LUZZATI Presidente del CDA di Centrale del Latte di Torino

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM)

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Certezza Più Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

Fascicolo Informativo

Fascicolo Informativo Contratto di Assicurazione di Rendita Vitalizia in parte immediata e in parte differita Rend & Cap Tasso Tecnico 0% Fascicolo Informativo Il presente Fascicolo Informativo contenente: a) la Scheda Sintetica

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

VALORE 2.0. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato

VALORE 2.0. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato VALORE 2.0 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni di

Dettagli

DEPOSITO PIU - SEZIONE INTEGRATIVA DEL FOGLIO INFORMATIVO DEL SOTTOCONTO TECNICO Condizioni dei listini valide fino al 31 luglio 2015

DEPOSITO PIU - SEZIONE INTEGRATIVA DEL FOGLIO INFORMATIVO DEL SOTTOCONTO TECNICO Condizioni dei listini valide fino al 31 luglio 2015 DEPOSITO PIU - SEZIONE INTEGRATIVA DEL FOGLIO INFORMATIVO DEL SOTTOCONTO TECNICO Condizioni dei listini valide fino al 31 luglio 2015 LISTINO BASE 3 mesi Tasso nominale partita 0,25% lordo annuo 6 mesi

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Prima della sottoscrizione leggere attentamente la Scheda Sintetica e la Nota Informativa

Prima della sottoscrizione leggere attentamente la Scheda Sintetica e la Nota Informativa Certezza 10 Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CNA) Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23)

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Indicatori congiunturali di settore e previsioni Business Analysis Aprile 2015 Indicatori congiunturali Indice della

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011

Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011 1 2011 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011 2 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011(*) Banca Popolare di Mantova Società per azioni

Dettagli

PROVVEDIMENTO N. 30 DEL 24 MARZO 2015

PROVVEDIMENTO N. 30 DEL 24 MARZO 2015 PROVVEDIMENTO N. 30 DEL 24 MARZO 2015 PROVVEDIMENTO RECANTE MODIFICHE AL REGOLAMENTO ISVAP N. 24 DEL 19 MAGGIO 2008 CONCERNENTE LA PROCEDURA DI PRESENTAZIONE DEI RECLAMI ALL ISVAP E LA GESTIONE DEI RECLAMI

Dettagli

Resoconto Intermedio di Gestione. del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011

Resoconto Intermedio di Gestione. del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 2011 Resoconto Intermedio di Gestione del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 Resoconto Intermedio di Gestione del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 (*) Società Cooperativa a r.l. fondata nel 1865

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli