Fact - pack mercato Vita. marzo 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fact - pack mercato Vita. marzo 2013"

Transcript

1 Fact - pack mercato Vita marzo 2013

2 OBIETTIVI Fornire una visione sintetica dei numeri chiave del mercato vita in Italia attraverso analisi e rappresentazioni grafiche Dare un quadro riassuntivo e indicazioni, tratte da dati pubblici di mercato, sulle seguenti aree: - dimensione assoluta, riportando grandezze di stock (riserve matematiche/tecniche) e grandezze di flusso (premi); - redditività, attraverso analisi di dati contabili e di valore della produzione; - struttura dei costi, riportando alcuni indici contabili di costo; - dimensione relativa,, attraverso indicatori derivanti da dati macroeconomici e confronti internazionali; - performance delle gestioni separate e dei fondi unit-linked - livello di solvibilità delle imprese. Riportare le informazioni infrannuali di mercato su nuova produzione, flussi di raccolta netta, stock di riserve e andamento fondi unit-linked 1

3 CONTENUTI Dati annuali aggiornati all esercizio 2011: - Dati su riserve matematiche / tecniche e premi - Indicatori principali di redditività delle imprese - Indicatori principali della struttura dei costi delle imprese - Indicatori assicurativi e macroeconomici - Performance e composizione degli investimenti, livello di solvibilità Dati infrannuali relativi all esercizio 2012: - Rilevazioni mensili premi di nuova produzione ANIA - Flussi e riserve tecniche di portafoglio ANIA - Rilevazioni trimestrali fondi interni unit-linked ANIA - Rilevazioni trimestrali premi IVASS 2

4 Nell ultimo anno lo stock di riserve del mercato è rimasto stabile mentre la crescita media è stata del 9,4% RISERVE MATEMATICHE E TECNICHE LAVORO DIRETTO ITALIANO Miliardi di Euro, (%) Tasso medio annuo composto 9,4% Variazione anno su anno 19,0% 17,3% 16,0% 18,9% 14,8% 13,3% 5,2% -2,8% -6,2% 12,2% 8,5% 0,5% 3

5 La proporzione di riserve di ramo III (unit e index linked) è diminuita e i prodotti tradizionali continuano a mantenere la quota prevalente SPLIT RISERVE TRA POLIZZE TRADIZIONALI E LINKED DEL LAVORO DIRETTO ITALIANO Milioni di Euro, (%) Variazione media Annua 100% ,2% Rami I, V 6,5% e altri 63,3 62,8 66,3 70,4 74,1 77,7 Ramo III 36,7 37,2-7,5% 33,7 29,6 25,9 22,

6 Lo stock di riserve generato da polizze commercializzate dagli sportelli bancari e postali supera di poco il 50% del totale delle riserve del mercato vita DISTRIBUZIONE DELLE RISERVE PER CANALE DISTRIBUTIVO 2011, Milioni di Euro, (%) Rami III 100%= Promotori finanziari 10,6% Reti tradizionali Totale 26,5% 100%= Promotori finanziari 62,8% Sportelli bancari e postali 11,2% + Sportelli bancari e postali 55,1% 33,8% Reti tradizionali Rami I, V e altri 100%= Promotori finanziari 7,2% Reti tradizionali Sportelli bancari e postali 51,3% 41,6% 5

7 Nel 2011 i primi cinque gruppi assicurativi in Italia hanno una quota di mercato, relativamente alle riserve tecniche, pari a oltre il 50% CLASSIFICA PRIMI 10 GRUPPI PER RISERVE TECNICHE DEL LAVORO DIRETTO ITALIANO 2011(*), Milioni di Euro, (%) % di Quota di riserve RISERVE TECNICHE mercato ramo III GENERALI 20,1% 5,8% INTESA SANPAOLO VITA GR. ASSICURATIVO POSTE VITA GR. ASSICURATIVO ALLIANZ 13,7% 21,7% 11,5% 20,2% 9,3% 29,6% GR. ASS. FONDIARIA-SAI AVIVA GR. ASSICURATIVO UNIPOL AXA MPS MEDIOLANUM VITA GR. CATTOLICA ASSICURAZIONI 4,6% 19,5% 4,1% 39,4% 3,9% 7,9% 3,8% 4,4% 3,7% 64,2% 2,9% 17,8% Nota(*): Dati provvisori ANIA; Gruppi IVASS al 14 marzo

8 Nel 2011 le prime 10 compagnie hanno quote di mercato, in termini di riserve tecniche, che vanno da quasi il 14% a circa il 3% CLASSIFICA PRIME 10 COMPAGNIE PER RISERVE TECNICHE DEL LAVORO DIRETTO ITALIANO 2011(*), Milioni di Euro, (%) Compagnie prevalentemente % di di bancassurance Quota di riserve RISERVE TECNICHE mercato ramo III INTESA SANPAOLO VITA 13,7% 21,7% POSTE VITA 11,5% 20,2% ALLEANZA TORO ASSICURAZIONI GENERALI INA ASSITALIA ALLIANZ S.P.A. CREDITRAS VITA AXA MPS ASSICURAZIONI VITA MEDIOLANUM VITA UNIPOL ASSICURAZIONI 6,7% 1,9% 6,1% 2,2% 4,8% 14,9% 4,1% 11,9% 4,0% 52,9% 3,8% 4,4% 3,7% 64,2% 3,1% 6,1% Nota(*): Dati provvisori ANIA 7

9 La quota mercato dei primi 5 gruppi in termini di riserve tecniche è aumentata nell'ultimo anno ed è ora prossima al 60% EVOLUZIONE MARKET SHARE RISERVE TECNICHE DEL LAVORO DIRETTO ITALIANO Milioni di Euro, (%) 100%= Gruppi dall 11 in poi 18,8 19,5 26,0 22,4 Gruppi dal 6 al 10 19,8 23,4 20,9 18,4 Primi 5 gruppi 61,4 57,1 53,1 59,

10 I premi del lavoro diretto italiano sono diminuiti del 18,0% nell ultimo anno tornado sui livelli del 2005 PREMI DEL LAVORO DIRETTO ITALIANO Miliardi di Euro, (%) Tasso medio annuo composto 0,9% 81,1 90,1 73,9 5,5 6,5 7,8 9,6 12,0 13,5 19,1 26,5 35,6 39,8 46,3 55,3 62,8 65,6 73,5 69,4 61,4 54, Variazione anno su anno 17% 21% 23% 25% 13% 41% 39% 34% 12% 16% 19% 14% 5% 12% -6% -11% -11% 49% 11% -18% Fonte: IVASS 9

11 Il saldo fra premi e pagamenti agli assicurati (scadenze, sinistri, riscatti e rendite), che rappresenta un indicatore di flusso netto, nel 2011 è stato sostanzialmente nullo. SALDO FRA PREMI E PAGAMENTI AGLI ASSICURATI DEL LAVORO DIRETTO ITALIANO Milioni di Euro, (%) Variazione anno su anno -211,3% 14,7% 317,8% -2,5% -100,4% 10

12 La quota di premi unici si è mantenuta mediamente stabile negli ultimi sei anni. SPLIT PREMI FRA NUOVA PRODUZIONE E PORTAFOGLIO DEL LAVORO DIRETTO ITALIANO Milioni di Euro, (%) Nuova produzione Variazione media Annua 100% ,3% Premi di 1,8% ann. succ. 17,5 18,7 15,6 14,0 21,9 18,0 Premi di 1 4,5 4,6 6,4 6,5% 5,4 5,8 annualità 6,0 Premi unici 0,8% 78,0 75,9 79,8 79,6 72,1 76, Fonte:IVASS 11

13 La quota dei premi relativi a polizze linked è rimasta stabile nell ultimo anno SPLIT PREMI TRA POLIZZE TRADIZIONALI E LINKED DEL LAVORO DIRETTO ITALIANO Milioni di Euro, (%) Variazione media Annua 100% ,3% Rami I, V 7,9% e altri 52,7 60,5 66,0 88,0 82,9 83,1 Ramo III 39,5 47,3 34,0-14,5% 12,0 17,1 16, Fonte: elaborazione ANIA su dati IVASS 12

14 La quota di mercato degli sportelli bancari è diminuita nel corso del 2011 SPLIT PREMI PER CANALE DISTRIBUTIVO Milioni di Euro, (%) 100% Altro (*) 12,6 12,6 14,0 9,7 8,5 10,5 Agenti Promotori finanziari 19,9 21,1 8,5 8,5 23,6 9,9 15,9 15,3 16,2 15,9 16,4 18,4 Sportelli bancari e postali 59,0 57,8 52,6 58,1 60,3 54, Nota (*): La voce racchiude i premi raccolti tramite vendita diretta e broker Fonte: elaborazione ANIA su dati IVASS 13

15 Nel 2011 gli sportelli bancari e postali confermano la loro leadership nella raccolta premi SPLIT PREMI PER RAMO E PER CANALE DISTRIBUTIVO 2011, Milioni di Euro, (%) 100%= Ramo III Altro Ramo I, Promotori 12,4% V e altro Promotori Finanziari Agenti Finanziari 18,4% 16,4% 83,1% 52,8% Sportelli bancari e postali Altro Agenti 0,7% 6,7% 28,2% 64,4% Sportelli bancari e postali 16,9% 2011 Fonte: elaborazione ANIA su dati IVASS 14

16 La prevalenza dei premi commercializzati tramite polizze individuali rispetto a quelli tramite collettive si è confermata nel corso degli ultimi anni SPLIT PREMI PER TIPOLOGIA DI POLIZZA Milioni di Euro, (%) Variazione media annua 100% ,3% 8,3 8,4 Collettive 10,0 7,0 6,2 7,5 1,4% 91,7 91,6 90,0 93,0 93,8 92,5 Individuali -0,8% (*) Nota(*): includono ramo IV, ramo VI e complementari Fonte: elaborazione ANIA su dati IVASS 15

17 SPLIT PREMI PER TIPOLOGIA DI PRODOTTO E DI PREMIO 2011, Milioni di Euro Tipologia prodotto Annui Unici Ricorrenti Totale Prima Annualità Tradizionali Partecipazione agli utili e puro rischio(*) Capitalizzazioni Linked Unit Index Malattia Fondi pensione aperti Totale Nota (*): include assicurazioni complementari Fonte: IVASS I premi contabilizzati nel 2011 confermano la preponderanza dei premi unici e dei prodotti tradizionali, specialmente 16 quelli con partecipazione agli utili

18 Nel mercato si conferma la prevalenza di prodotti di risparmio (che comunque contengono anche coperture assicurative) e investimento. Le coperture di rischio, sebbene in crescita, hanno un peso contenuto sul totale SPLIT PREMI PER TIPOLOGIA DI COPERTURA Milioni di Euro, (%) Variazione media Annua 100% ,3% Puro 2,2 3,0 3,9 2,5 2,5 3,1 8,5% Rischio (*) Risparmio, 97,8 97,0 96,1 97,5 97,5 96,9 1,1% investimento e altre forme non di puro rischio * Nota(*): inclusi ramo IV e complementari Fonte: elaborazione ANIA su dati IVASS 17

19 Nel 2011 i primi due gruppi assicurativi in Italia hanno una quota di mercato, relativamente ai premi complessivi contabilizzati, pari a circa il 30% del mercato. CLASSIFICA PRIMI 10 GRUPPI PER PREMI CONTABILIZZATI DEL LAVORO DIRETTO ITALIANO 2011(*), Milioni di Euro, (%) % di Quota di premi PREMI CONTABILIZZATI mercato ramo III GENERALI 16,8% 3,5% INTESA SANPAOLO VITA GR. ASSICURATIVO POSTE VITA MEDIOLANUM VITA 13,3% 11,0% 12,9% 13,8% 12,4% 12,8% GR. ASSICURATIVO ALLIANZ 7,9% 39,5% AVIVA GR. ASSICURATIVO CARDIF GR. ASSICURATIVO UNIPOL GR. CATTOLICA ASSICURAZIONI CNP UNICREDIT VITA 4,4% 38,9% 4,0% 17,4% 3,2% 6,5% 2,9% 9,9% 2,7% 50,0% Nota(*): Dati provvisori ANIA 18

20 Nel 2011 le prime 10 compagnie hanno quote di mercato, in termini di premi contabilizzati, che vanno da circa il 13% a circa il 3% CLASSIFICA PRIME 10 COMPAGNIE PER PREMI CONTABILIZZATI DEL LAVORO DIRETTO ITALIANO 2011(*), Milioni di Euro, (%) Compagnie prevalentemente % di di bancassurance Quota di premi PREMI CONTABILIZZATI mercato ramo III INTESA SANPAOLO VITA POSTE VITA MEDIOLANUM VITA 13,3% 11,0% 12,9% 13,8% 12,4% 12,8% ALLEANZA TORO ASSICURAZIONI GENERALI CREDITRAS VITA INA ASSITALIA BNL VITA ALLIANZ CNP UNICREDIT VITA 5,6% 1,4% 4,9% 1,8% 4,3% 61,1% 4,0% 6,7% 3,8% 18,6% 3,0% 12,6% 2,7% 50,0% Nota(*): Dati provvisori ANIA 19

21 Anche in termini di premi la quota mercato dei primi 5 gruppi è aumentata negli ultimi 4 anni osservati EVOLUZIONE MARKET SHARE PREMI CONTABILIZZATI DEL LAVORO DIRETTO ITALIANO Milioni di Euro, (%) 100%= Gruppi dall 11 in poi 21,5 20,7 25,8 19,6 Gruppi dal 6 al 10 16,8 22,9 24,9 17,3 Primi 5 gruppi 61,7 56,4 49,3 63, Indice di concentrazione* 73,0% 73,0% 67,3% 77,1% Nota(*): Indice di concentrazione di Gini (equidistribuzione indice =0, massima concentrazione indice =1) 20

22 CONTENUTI Dati annuali aggiornati all esercizio 2011: - Dati su riserve matematiche / tecniche e premi - Indicatori principali di redditività delle imprese - Indicatori principali della struttura dei costi delle imprese - Indicatori assicurativi e macroeconomici - Performance e composizione degli investimenti, livello di solvibilità Dati infrannuali relativi all esercizio 2012: - Rilevazioni mensili premi di nuova produzione ANIA - Flussi e riserve tecniche di portafoglio ANIA - Rilevazioni trimestrali fondi interni unit-linked ANIA - Rilevazioni trimestrali premi IVASS 21

23 Dopo il risultato appena positivo del 2010, il settore vita registra a fine 2011 un risultato netto fortemente negativo RISULTATO NETTO(*) LAVORO COMPLESSIVO VITA Milioni di Euro, (%) Nota (*): Per risultato netto s intende l utile/ perdita di esercizio dei rami vita dopo le imposte 22

24 Nel 2011 il risultato netto delle imprese distinte per canali principali di cui si avvalgono è risultato in perdita per tutte le tipologie. RISULTATO NETTO PER CANALE DISTRIBUTIVO* 2011, Milioni di Euro, (%) Sportelli bancari e postali Canali tradizionali Promotori finanziari -107 Nota(*): Elaborazioni ANIA

25 Nel 2011, il rapporto tra risultato netto e stock delle riserve tecniche è negativo e pari a -0,63% RISULTATO NETTO SU RISERVE TECNICHE NETTE LAVORO COMPLESSIVO (%) 0,99% 0,64% 0,68% 0,21% 0,07% -0,52% -0,63% Variazione in punti anno su anno 0,04-1,20 1,51-0,92-0,70 24

26 Nel 2011 il rapporto tra risultato netto e riserve tecniche è stato negativo per tutti i canali di distribuzione; da notare che tale indice è di natura contabile e risente, fra l altro, della tipologia e quantità di prodotti venduti, delle politiche di investimento e delle scelte di rappresentazione delle imprese RISULTATO NETTO SU RISERVE TECNICHE NETTE PER CANALE DISTRIBUTIVO* 2011,(%) Sportelli bancari e postali Canali tradizionali Promotori finanziari -0,23% -0,54% -0,63% -0,82% Nota(*): Elaborazioni ANIA 25

27 Analizzando la distribuzione del risultato netto sulle riserve, circa il 75% delle imprese presenta nel 2011 un valore negativo DISTRIBUZIONE INDICATORE RISULTATO NETTO SU RISERVE TECNICHE NETTE 0,5% 0,0% -0,06% risultato dopo le tasse su riserve tecniche -0,5% -1,0% -0,60% 75-ile Mediana 25-ile Scarto interquartile 1,73% -1,5% -1,79% Fonte: Ania -2,0% Trasformata logaritmica delle riserve tecniche nette 26

28 Analizzando nel 2011 la regressione lineare dell'indicatore risultato netto su riserve, si evidenzia una correlazione debole positiva tra redditività e dimensione REGRESSIONE LINEARE RISULTATO NETTO SU RISERVE TECNICHE NETTE E DIMENSIONE 2,0% 1,0% risultato dopo le tasse su riserve tecniche 0,0% -1,0% -2,0% -3,0% Fonte: Ania Trasformata logaritmica delle riserve tecniche 27

29 Nel 2011 il rapporto tra risultato tecnico e stock delle riserve tecniche è negativo e pari a -0,79% RISULTATO TECNICO SU RISERVE TECNICHE NETTE LAVORO COMPLESSIVO (%) 0,90% 0,55% 0,46% 0,04% -0,07% -0,84% -0,79% Variazione in punti anno su anno -0,09-1,30 1,74-0,97-0,72 28

30 Nel 2011 il rapporto tra il risultato tecnico e le riserve tecniche è negativo per tutti i canali distributivi. RISULTATO TECNICO COMPLESSIVO SU RISERVE TECNICHE NETTE PER CANALE DISTRIBUTIVO* 2011,(%) Sportelli bancari e postali Canali tradizionali Promotori finanziari -0,74% -0,93% -0,38% -0,79% Nota(*): Elaborazioni ANIA 29

31 Dopo aver raggiunto il suo massimo nel 2009 (15,2%), il Roe del settore Vita risulta nel 2011 negativo e pari a -9,0% EVOLUZIONE STORICA RETURN ON EQUITY (ROE) RAMO VITA ,6-25,1 13,9-2,2 10,5-11,7 12,6 37,4 3,3 5,4 7,0-6,9 7,5 58,2 7,3 13,1 9,4 41,0 11,3 22,3 11,7 8,2 5,4 8,1 Roe Vita Var. % indice MIB (asse di destra) 9,6-25,1-23,7 14,9 11,9 17,5 12,6 11,2 10,6 13,9 19,0-8,0-48,7-7,8 15,2 1,1 20, ,7-9,0-24, Nota: Elaborazioni ANIA 30

32 CONTENUTI Dati annuali aggiornati all esercizio 2011: - Dati su riserve matematiche / tecniche e premi - Indicatori principali di redditività delle imprese - Indicatori principali della struttura dei costi delle imprese - Indicatori assicurativi e macroeconomici - Performance e composizione degli investimenti, livello di solvibilità Dati infrannuali relativi all esercizio 2012: - Rilevazioni mensili premi di nuova produzione ANIA - Flussi e riserve tecniche di portafoglio ANIA - Rilevazioni trimestrali fondi interni unit-linked ANIA - Rilevazioni trimestrali premi IVASS 31

33 Il rapporto tra le spese di acquisizione e i single premium equivalent (pari a Premi Unici + 10 * Premi di prima annualità ), misura standardizzata del volume dei premi versati che tiene conto della loro diversa natura, nel 2011 è aumentato invertendo il trend decrescente degli ultimi anni. PROVVIGIONI E ALTRE SPESE DI ACQUISIZIONE SU SPE (SINGLE PREMIUM EQUIVALENT) - LAVORO DIRETTO (%) 3,4% 3,8% 4,2% 3,9% 2,8% 2,4% 2,7% 3,3% Variazione anno su anno 0,4 0,4-0,3-1,1-0,4 0,3 32

34 Nel 2011 i canali tradizionali mostrano un indice di remunerazione superiore alla media del mercato. Il dato potrebbe anche essere influenzato dalle diverse decisioni organizzative e politiche di transfer pricing delle imprese PROVVIGIONI E ALTRE SPESE DI ACQUISIZIONE SU SPE PER CANALE DISTRIBUTIVO* - LAVORO DIRETTO 2011,(%) Sportelli bancari e postali Canali tradizionali Promotori finanziari 4,26% 2,25% 2,65% 1,08% Nota(*): Elaborazioni ANIA 33

35 Il rapporto tra le spese di amministrazione e i premi contabilizzati totali mostra un aumento nell ultimo anno osservato SPESE DI AMMINISTRAZIONE SU PREMI CONTABILIZZATI - LAVORO DIRETTO 2011,(%) 1,60% 1,70% 1,20% 1,30% 1,10% 1,03% 1,24% 1,31% Variazione anno su anno 0,10 0,30 0,10-0,60-0,07 0,21 34

36 Nel 2011 l indice delle spese amministrative mostra un incidenza maggiore riscontrata per le imprese che si avvalgono prevalentemente di canali tradizionali. Il dato potrebbe anche essere influenzato dalle diverse decisioni organizzative e politiche di transfer pricing delle imprese SPESE DI AMMINISTRAZIONE SU PREMI CONTABILIZZATI PER CANALE DISTRIBUTIVO* LAVORO DIRETTO 2011,(%) Sportelli bancari e postali Canali tradizionali Promotori finanziari 2,58% 0,78% 0,62% 1,24% Nota(*): Elaborazioni ANIA 35

37 Il rapporto tra le spese di amministrazione e le riserve tecniche nette mostra nel complesso una tendenza alla diminuzione SPESE DI AMMINISTRAZIONE SU RISERVE TECNICHE - LAVORO DIRETTO (%) 0,27% 0,25% 0,26% 0,26% 0,25% 0,24% 0,25% 0,22% Variazione in punti anno su anno -0,02 0,01 0,00-0,01-0,01-0,02 36

38 Nel 2011 il valore medio dell indice di spese amministrative si distribuisce in maniera diversificata tra le imprese suddivise per canale prevalente di distribuzione, presentando un incidenza maggiore per i canali tradizionali. Il dato può essere influenzato dalle diverse decisioni organizzative e politiche di transfer pricing delle imprese SPESE DI AMMINISTRAZIONE SU RISERVE TECNICHE PER CANALE DISTRIBUTIVO* LAVORO DIRETTO 2011,(%) Sportelli bancari e postali Canali tradizionali Promotori finanziari 0,37% 0,14% 0,18% 0,22% Nota(*): Elaborazioni ANIA 37

39 Il rapporto tra le provvigioni di incasso e i premi di annualità successive è diminuito negli ultimi anni PROVVIGIONI DI INCASSO SU PREMI DI ANNUALITA SUCCESSIVE - LAVORO DIRETTO (%) 3,9% 3,8% 3,2% 2,6% 2,2% 2,2% 1,9% 2,8% Variazione in punti anno su anno -0,10-0,60-0,60-0,40 0,00-0,30 38

40 L impresa mediana presenta un indice di spesa pari allo 0,31%; il 75% delle imprese hanno riscontrato un indice di spesa inferiore allo 0,54% DISTRIBUZIONE DEL RAPPORTO TRA SPESE DI AMMINISTRAZIONE E RISERVE TECNICHE LAVORO DIRETTO 2011,(%) 1,4% 1,2% spese di amministrazione su riserve tecniche 1,0% 0,8% 0,6% 0,4% 0,2% 0,0% Fonte: Ania 75-ile Mediana 0,54% 0,31% 0,19% Scarto interquartile 39

41 Analizzando la regressione lineare del rapporto tra spese amministrative e riserve, si evidenzia una correlazione negativa tra spese di amministrazione e dimensione. In altre parole, l incidenza delle spese tende a diminuire al crescere della dimensione, quindi le imprese maggiori tendono a realizzare economie di scala REGRESSIONE LINEARE DEL RAPPORTO SPESE DI AMMINISTRAZIONE SU RISERVE TECNICHE LAVORO DIRETTO 2011,(%) 2,0% 1,5% spese di amministrazione su riserve tecniche 1,0% 0,5% 0,0% -0,5% -1,0% Fonte: Ania y = -0,0083x + 0,058 R² = 0,3573 Trasformata logaritmica delle riserve tecniche 40

42 CONTENUTI Dati annuali aggiornati all esercizio 2011: - Dati su riserve matematiche / tecniche e premi - Indicatori principali di redditività delle imprese - Indicatori principali della struttura dei costi delle imprese - Indicatori assicurativi e macroeconomici - Performance e composizione degli investimenti, livello di solvibilità Dati infrannuali relativi all esercizio 2012: - Rilevazioni mensili premi di nuova produzione ANIA - Flussi e riserve tecniche di portafoglio ANIA - Rilevazioni trimestrali fondi interni unit-linked ANIA - Rilevazioni trimestrali premi IVASS 41

43 Il rapporto tra riserve e prodotto interno lordo in Italia, anche se complessivamente in aumento negli ultimi anni, si mantiene al di sotto della media europea, indicando come il nostro paese abbia ancora margini di crescita. CONFRONTO RAPPORTO RISERVE TECNICHE LAVORO DIRETTO SU PIL TRA ITALIA E UE (%) Mercato diretto Italia Mercato diretto U.E. 43,2 41,9 37,5 41,1 39,4 24,9 23,3 21,5 24,9 26,5 26, N.D. Fonte: Insurance Europe 42

44 Il rapporto tra le riserve delle assicurazioni vita e il totale delle attività finanziarie delle famiglie italiane, dopo un periodo di crescita, negli ultimi anni ha visto stabilizzarsi la propria quota sul totale del risparmio finanziario RAPPORTO RISERVE TECNICHE VITA DEL LAVORO DIRETTO SU TOTALE ATTIVITA FINANZIARIE DELLE FAMIGLIE ITALIANE (%) 9,4 10,0 10,1 9,7 8,9 10,6 11, Fonte: ANIA, BANCA D ITALIA 43

45 Il rapporto tra i premi e la popolazione dopo due anni di crescita è in flessione PREMI VITA PER ABITANTE* (%)

46 Nel complesso, i reclami inviati all IVASS sono aumentati di circa il 57% nell ultimo anno. RIPARTIZIONE PER TIPOLOGIA DEI RECLAMI VITA INVIATI ALL IVASS Unità, (%) Tipologia Numero % Numero % Var % 11/10 Conteggio Capitale a scadenza 143 6% 193 5% 35% Conteggio valore di riscatto % 293 8% 7% Ritardo liquidazione del capitale % % 38% Ritardo liquidazione riscatto % % 58% Dubbi regolarità del contratto % % 123% Mancata risposta richieste assicurato % % 37% Trasferimento polizza 104 4% 168 5% 62% Altri % % 100% TOTALE % % 57% Fonte: IVASS 45

47 I reclami vita inviati dalla clientela direttamente alle imprese sono aumentati per tutte le aree, in particolare in termini assoluti nelle aree sinistri e legale. RIPARTIZIONE PER TIPOLOGIA DEI RECLAMI VITA INVIATI ALLE IMPRESE Unità, (%) Tipologia Numero % Numero % Var % 11/10 Area amministrazione % % 12% Area commerciale e vendita diretta % % 5% Area industriale % % 2% Area informatica 289 1% 303 1% 5% Area legale 550 2% 819 3% 49% Area sinistri - direzione % % 47% Area sinistri - ispettorato 43 0% 72 0% 67% Area sinsitri - call center - 0% 18 0% - Altro - 0% 123 0% - TOTALE % % 25% Fonte: IVASS 46

48 CONTENUTI Dati annuali aggiornati all esercizio 2011: - Dati su riserve matematiche / tecniche e premi - Indicatori principali di redditività delle imprese - Indicatori principali della struttura dei costi delle imprese - Indicatori assicurativi e macroeconomici - Performance e composizione degli investimenti, livello di solvibilità Dati infrannuali relativi all esercizio 2012: - Rilevazioni mensili premi di nuova produzione ANIA - Flussi e riserve tecniche di portafoglio ANIA - Rilevazioni trimestrali fondi interni unit-linked ANIA - Rilevazioni trimestrali premi IVASS 47

49 Le gestioni separate hanno avuto mediamente dei rendimenti superiori rispetto a quelli medi dei titoli di stato, all inflazione e al rendimento del TFR per l'ultimo anno. CONFRONTO RENDIMENTO GESTIONI SEPARATE CON PRINCIPALI INDICATORI (%) Rendimento medio lordo gestioni separate Rendimento medio lordo titoli di stato Inflazione Rendimento lordo TFR 4,3 3,9 3,0 4,4 4,4 4,3 4,5 3,2 2,8 3,9 4,0 3,5 3,9 3,8 3,4 2,9 4,9 3,2 3,9 2,0 1,7 2,0 1,9 0, Fonte: IVASS 48

50 L asset-allocation delle gestioni separate si è mantenuta su livelli abbastanza prudenziali, con chiara prevalenza di titoli di stato e obbligazioni COMPOSIZIONE DEGLI INVESTIMENTI DELLE GESTIONI SEPARATE ESPRESSE IN EURO (%), Milioni di Euro Variazione Titoli a reddito fisso % Annua 100%= ,6% Altri attivi patrimoniali 5,9 6,7 9,2 9,1 7,7 8,9 5,0% Titoli azionari 4,2 6,3 6,3 4,4 3,8 3,3 9,2% Titoli obbligazionari 21,3 25,5 30,5 30,2 27,9 24,1 1,8% 68,6 Titoli di stato 61,5 15,8% 54,1 56,3 60,5 63, Fonte: IVASS 49

51 Il margine di solvibilità posseduto dalle compagnie si è mantenuto negli ultimi anni su valori pari a circa il doppio del margine minimo INDICE DI COPERTURA DEL MARGINE MINIMO DI SOLVIBILITA Margine posseduto (Milioni di ) Indice di copertura 1,91 1,98 1, ,70 1,75 / Margine minimo richiesto (Milioni di ) Fonte: IVASS 50

52 CONTENUTI Dati annuali aggiornati all esercizio 2011: - Dati su riserve matematiche / tecniche e premi - Indicatori principali di redditività delle imprese - Indicatori principali della struttura dei costi delle imprese - Indicatori assicurativi e macroeconomici - Performance e composizione degli investimenti, livello di solvibilità Dati infrannuali relativi all esercizio 2012: - Rilevazioni mensili premi di nuova produzione ANIA - Flussi e riserve tecniche di portafoglio ANIA - Rilevazioni trimestrali fondi interni unit-linked ANIA - Rilevazioni trimestrali premi IVASS 51

53 Nel mese di dicembre 2012 la raccolta premi delle nuove polizze individuali, da parte delle imprese italiane, registra un decremento rispetto allo stesso mese dell anno precedente pari a -2,9% PREMI NUOVA PRODUZIONE POLIZZE INDIVIDUALI IMPRESE ITALIANE (*) Milioni di Euro, (%) Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Sett Ott Nov Dic Variazione % Annua -38,1-31,3-10,4 3,2 3,2-13,5-4,8-18,4-14,7 15,4 11,3-2,9 Nota(*): ogni mese il valore del mese precedente può essere corretto per dati aggiornati ed eventuali aggiustamenti. 52

54 Nel mese di dicembre 2012 la raccolta premi delle nuove polizze individuali da parte delle imprese in LPS, registra un decremento rispetto allo stesso mese dell anno precedente pari a -19,1% PREMI NUOVA PRODUZIONE POLIZZE INDIVIDUALI IMPRESE ESTERE (*) Milioni di Euro, (%) Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Sett Ott Nov Dic Variazione % Annua -77,4-54,7 37,9-47,2-8,3 59,7-44,8 99,9 18,1 77,9 333,3-19,1 Nota(*): ogni mese il valore del mese precedente può essere corretto per dati aggiornati ed eventuali aggiustamenti. 53

55 A tutto il mese di dicembre 2012 la raccolta premi delle nuove polizze individuali, da parte delle imprese italiane, registra un decremento rispetto allo stesso mese dell anno precedente pari a -10,0% CUMULO PREMI NUOVA PRODUZIONE POLIZZE INDIVIDUALI IMPRESE ITALIANE (*) Milioni di Euro, (%) Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Sett Ott Nov Dic Variazione % Annua -38,1-34,6-26,5-20,6-16,3-15,9-14,5-14,9-14,9-12,4-10,5-10,0 Nota(*): ogni mese il valore del mese precedente può essere corretto per dati aggiornati ed eventuali aggiustamenti. 54

56 Nel 2012 al mese di dicembre, la suddivisione proporzionale dei premi di nuova produzione raccolti, è sostanzialmente analoga a quella dell'anno precedente. PREMI NUOVA PRODUZIONE POLIZZE INDIVIDUALI PER TIPO DI PREMIO Milioni di Euro, (%) Variazione % annua 100%= ,0% Premi Annui 1,5% 1,7% 0,9% Premi Ricorrenti 4,5% 5,1% 1,7% Premi Unici 94,0% 93,2% -10,7%

57 Nel 2012 al mese di dicembre, rispetto all'anno precedente, si registra un decremento del premio medio complessivo, dovuto in massima parte ai premi unici. NUMERO POLIZZE E PREMI MEDI NUOVA PRODUZIONE POLIZZE INDIVIDUALI 2011, Unità, Milioni di Euro, (%) Premio 2012, Unità, Milioni di Euro, (%) Premio Medio ('000 ) Medio ('000 ) 100%= ,3 100%= ,1 1,5% 1,7% 4,5% 5,1% Annui 22,5% 1,2 Annui 24,6% 1,1 Ricorrenti 3,6 Ricorrenti 3,6 21,7% 22,6% Unici 29,1 Unici 28,3 94,0% 55,8% 93,2% 52,8% N Polizze Premi N Polizze Premi 56

58 Nel 2012 al mese di dicembre, gli sportelli bancari e postali continuano a costituire il canale distributivo più utilizzato, anche se registrano una contrazione in termini di variazione annua. PREMI NUOVA PRODUZIONE POLIZZE INDIVIDUALI PER CANALE DISTRIBUTIVO Milioni di Euro, (%) Variazione % Annua 100%= ,0 Altro (incl. Broker) 0,3% 0,4% 2,2 Promotori finanziari 13,2% 18,5% 26,4 Agenti e agenzie in economia 16,1% 16,4% -8,7 Sportelli bancari e postali -17,1 70,4% 64,8%

59 Nel 2012 al mese di dicembre la nuova produzione degli sportelli bancari e postali si è concentrata sui premi unici e ricorrenti, quella degli agenti e delle agenzie in economia sui premi annui. PREMI NUOVA PRODUZIONE POLIZZE INDIVIDUALI PER CANALE DISTRIBUTIVO E TIPO DI PREMIO Milioni di Euro, (%) 100%= Altro (incl. Broker) Promotori finanziari Agenti e agenzie in economia 0,3% 0,9% 0,7% 4,1% 4,2% 19,5% 14,0% 41,1% 74,5% 66,2% 53,9% Sportelli bancari e postali 20,6% Unici Ricorrenti Annui 58

60 Nel 2012 al mese di dicembre si registra una contrazione, dovuta soprattutto al decremento dei prodotti tradizionali PREMI NUOVA PRODUZIONE POLIZZE INDIVIDUALI PER TIPO DI PRODOTTO Milioni di Euro, (%) Tipologia prodotto dicembre 2012 dicembre 2011 Importo % Importo % Var. Tradizionali ,9% ,8% -15,5% - Assicurazioni sulla vita ,4% ,8% -15,1% - Capitalizzazioni ,5% ,0% -26,3% Linked ,9% ,0% 13,3% - Unit ,1% ,6% 30,6% - Index ,8% ,4% -43,7% Malattia 22-6,45-242,1% Fondi pensione aperti* 83 0,2% 89 0,2% -5,8% Totale ,0% ,0% -10,0% - di cui PIP ,1% 811 1,5% 24,7% - di cui forme di puro rischio 271 0,6% 553 1,0% -51,0% Nota(*): la nuova produzione di forme pensionistiche individuali si riferisce esclusivamente alle nuove adesioni. 59

Il risparmio degli italiani e l evoluzione dell offerta dei prodotti vita

Il risparmio degli italiani e l evoluzione dell offerta dei prodotti vita Il risparmio degli italiani e l evoluzione dell offerta dei prodotti vita Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE ITALIANA 2011-2012 Roberto Manzato Vita e Danni non Auto Milano, 16 luglio 2012

Dettagli

I dati significativi del mercato assicurativo italiano nel contesto economico (dati aggiornati a febbraio 2016)

I dati significativi del mercato assicurativo italiano nel contesto economico (dati aggiornati a febbraio 2016) I dati significativi del mercato assicurativo italiano nel contesto economico (dati aggiornati a febbraio 2016) Servizio Attuariato, Statistiche e Analisi Banche Dati ANIA Agenda Il contesto economico

Dettagli

E. Marsiglia Vicedirettore generale Gruppo Unipol

E. Marsiglia Vicedirettore generale Gruppo Unipol E. Marsiglia Vicedirettore generale Gruppo Unipol Il pricing dei prodotti assicurativi Convegno ADEIMF, Ancona 18 gennaio 2008 assicurazioni danni: il premio L origine della parola premio è legata al trasporto

Dettagli

COME CAMBIA IL MERCATO ASSICURATIVO

COME CAMBIA IL MERCATO ASSICURATIVO SPECIALE CLASSIFICA COME CAMBIA IL MERCATO ASSICURATIVO Quanto ha inciso la crisi finanziaria sui conti delle compagnie e sull andamento del settore assicurativo nel nostro Paese? Le classifiche delle

Dettagli

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Premi lordi contabilizzati a tutto il quarto trimestre 2013 dalle Imprese di assicurazione nazionali e dalle Rappresentanze per l Italia delle

Dettagli

Le assicurazioni vita e danni

Le assicurazioni vita e danni Le assicurazioni vita e danni Luigi Di Falco Responsabile Servizio Vita e Welfare Le assicurazioni vita In un contesto di ricchezza delle famiglie italiane stabile, cresce la quota in assicurazioni vita

Dettagli

LA RISCOSSA DEL VITA SPECIALE CLASSIFICA

LA RISCOSSA DEL VITA SPECIALE CLASSIFICA SPECIALE CLASSIFICA LA RISCOSSA DEL VITA Positivi il risultato complessivo d esercizio e la raccolta premi, ma sussistono diversità di performance tra rami danni e vita con un necessario ribilanciamento

Dettagli

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei rischi: dall assicurazione auto

Dettagli

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei rischi: dall assicurazione auto

Dettagli

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2014

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2014 L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE Edizione 2014 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per

Dettagli

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Premi lordi contabilizzati al 1 trimestre 2013 dalle Imprese di assicurazione nazionali e dalle Rappresentanze per l Italia delle imprese

Dettagli

Nel primo trimestre balzo in avanti del mercato vita: falsa partenza o trend destinato a durare?

Nel primo trimestre balzo in avanti del mercato vita: falsa partenza o trend destinato a durare? www.iama.it - 2123 Milano Via Victor Hugo, 2 Telefono 2 72 25 31 r.a. Fax 2 86 46 38 9 Copyright di IAMA Consulting Srl, Milano (213) Tutti i diritti di traduzione, di riproduzione e di adattamento sono

Dettagli

- 1 - Premessa. Tavola 1 Rappresentatività del campione

- 1 - Premessa. Tavola 1 Rappresentatività del campione Novembre 2013 Premessa La statistica associativa Indici Aziendali (ventottesima edizione) fornisce una vasta serie di indici informativi e ratio di performance a livello totale di mercato in riferimento

Dettagli

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

L Assicurazione italiana in cifre

L Assicurazione italiana in cifre L Assicurazione italiana in cifre Luglio 2010 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei

Dettagli

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2016

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2016 L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE Edizione 2016 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per

Dettagli

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Premi lordi contabilizzati a tutto il terzo trimestre 2014 dalle Imprese di assicurazione nazionali e dalle Rappresentanze per l Italia delle

Dettagli

l Assicurazione italiana in cifre luglio 2009

l Assicurazione italiana in cifre luglio 2009 l Assicurazione italiana in cifre luglio 29 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei

Dettagli

I S V A P. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI

I S V A P. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI I S V A P Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo SERVIZIO STATISTICA 20 giugno 2003 317543 CIRCOLARE N. 508/S 4 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione

Dettagli

- 1 - Periodico ANIA Servizio Attuariato, Statistiche e Analisi Banche Dati. A cura di: Sergio Desantis Gianni Giuli Dario Focarelli

- 1 - Periodico ANIA Servizio Attuariato, Statistiche e Analisi Banche Dati. A cura di: Sergio Desantis Gianni Giuli Dario Focarelli Dicembre 2015 La statistica associativa Indici Aziendali fornisce una vasta serie di indici informativi e ratio di performance a livello totale di mercato in riferimento alle seguenti aree: forza lavoro

Dettagli

Compagnie TRA CONTRAZIONE DEI PREMI E RITORNO ALLA PROFITTABILITÀ

Compagnie TRA CONTRAZIONE DEI PREMI E RITORNO ALLA PROFITTABILITÀ SPECIALE CLASSIFICHE Compagnie TRA CONTRAZIONE DEI PREMI E RITORNO ALLA PROFITTABILITÀ L ANALISI DELLE PERFORMANCE E L EVOLUZIONE DEL SETTORE, SECONDO QUANTO EMERGE DALLE CLASSIFICHE DELLE PRIME 20 COMPAGNIE

Dettagli

Gruppi assicurativi quotati in borsa. Analisi delle cifre chiave Trimestrale 2014

Gruppi assicurativi quotati in borsa. Analisi delle cifre chiave Trimestrale 2014 Gruppi assicurativi quotati in borsa Analisi delle cifre chiave Trimestrale 2014 Elaborazioni dai comunicati stampa, dai bilanci consolidati, dalle presentazioni dei gruppi assicurativi quotati, da Borsa

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

36-11-000101 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI. e, p.c.

36-11-000101 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI. e, p.c. SERVIZIO STUDI SEZIONE STUDI UFFICIO STATISTICA Roma 7 dicembre 2011 Prot. n. All.ti n. 4 36-11-000101 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI Alle Rappresentanze per l Italia delle imprese

Dettagli

Montepaschi Vita Annual F orum. Rome, October 12th - Grand Hotel Plaza, via del Corso, 126

Montepaschi Vita Annual F orum. Rome, October 12th - Grand Hotel Plaza, via del Corso, 126 Montepaschi Vita Annual F orum Rome, October 12th - Grand Hotel Plaza, via del Corso, 126 2007 I Paradigmi del Valore Assicurazioni e banche: complementarietà e competizione Come creare il massimo valore

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 9 - Marzo PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze) PRINCIPALI GRANDEZZE BANCARIE: CONFRONTO 2013 VS 2007 2007 2013 Prestiti all'economia (mld di euro) 1.673 1.851 Raccolta da clientela (mld di euro)

Dettagli

L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI

L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI Nel primo trimestre del 2014, la raccolta netta in prodotti finanziari e servizi d investimento realizzata dalle Società aderenti ad Assoreti è stata pari

Dettagli

Gruppi assicurativi quotati in borsa. Analisi di alcune cifre chiave della novestrale 2013

Gruppi assicurativi quotati in borsa. Analisi di alcune cifre chiave della novestrale 2013 Gruppi assicurativi quotati in borsa Analisi di alcune cifre chiave della novestrale 2013 Elaborazioni dai resoconti intermedi dei gruppi assicurativi quotati, dai dati di Borsa Italiana e di quelli di

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze) 1. A febbraio 2014 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.855 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE PRINCIPALI DATI STATISTICI AGGIORNAMENTO AL 31 DICEMBRE 2006 (Dati Provvisori) MARZO 2007 Indice Tav. 1 La previdenza complementare

Dettagli

Settore Assicurativo

Settore Assicurativo 28 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2011 Relazione sulla gestione Settore Assicurativo Premi e prodotti di investimento La raccolta complessiva (premi diretti e indiretti e prodotti di investimento)

Dettagli

La semestrale 2012 dei gruppi assicurativi italiani quotati in borsa

La semestrale 2012 dei gruppi assicurativi italiani quotati in borsa La semestrale 2012 dei gruppi assicurativi italiani quotati in borsa Roma, 24 ottobre 2012 A cura di F. Ierardo Coordinamento di N. Maiolino L andamento di borsa 30/06/2011-30/06/2012 Problematico l andamento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO APPROVATI I RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2008

COMUNICATO STAMPA UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO APPROVATI I RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2008 COMUNICATO STAMPA UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO APPROVATI I RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2008 Confermata la solida posizione di solvibilità del Gruppo, pari a 1,5 volte il capitale regolamentare;

Dettagli

I S V A P. 3 ottobre 2003. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI

I S V A P. 3 ottobre 2003. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI I S V A P Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo SERVIZIO STATISTICA 317566 4 3 ottobre 2003 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI Alle Rappresentanze

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

Le assicurazioni vita e danni

Le assicurazioni vita e danni Le assicurazioni vita e danni Presentazione del Rapporto annuale L ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 Roberto Manzato Direttore Centrale Vita, Danni e Servizi Le assicurazioni vita Capacità di risparmio

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL MERCATO ITALIANO FLASH 2013/14 Research & Development Department

L EVOLUZIONE DEL MERCATO ITALIANO FLASH 2013/14 Research & Development Department Generali Group DOSSIER ASSICURAZIONI 2014 L EVOLUZIONE DEL MERCATO ITALIANO FLASH 2013/14 Research & Development Department generali.com A CURA DI: Raffaella Bagata Roberto Menegato Federica Tartara Paolo

Dettagli

FONDI PENSIONE APERTI - ELENCO DEI RENDIMENTI PER SINGOLO COMPARTO

FONDI PENSIONE APERTI - ELENCO DEI RENDIMENTI PER SINGOLO COMPARTO HELVETIA VITA - COMPAGNIA ITALO SVIZZERA D' SULLA VITA ALLIANZ ARCA SGR ALLIANZ SOCIETA' FONDO PENSIONE FONDI PENSIONE APERTI - ELENCO DEI RENDIMENTI PER SINGOLO HELVETIA DOMANI - FONDO PENSIONE DI HELVETIA

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze) 1. A giugno 2013 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.893 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è sempre

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 7 - Febbraio PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

FONDI PENSIONE APERTI - ELENCO DEI RENDIMENTI PER SINGOLO COMPARTO

FONDI PENSIONE APERTI - ELENCO DEI RENDIMENTI PER SINGOLO COMPARTO HELVETIA VITA - COMPAGNIA ITALO SVIZZERA D' SULLA VITA ALLIANZ ARCA SGR ALLIANZ BCC RIRMIO & SOCIETA' DI GESTIONE DEL RIRMIO DEL CREDITO COOPERATIVO (10) CREDITRAS VITA HDI ITAS VITA MEDIOLANUM GESTIONE

Dettagli

la nuova index Uninvest ENERGY

la nuova index Uninvest ENERGY Direzione Centrale Commerciale e Marketing Sviluppo Vita la nuova index Uninvest ENERGY la la nuova index Uninvest ENERGY durata 6 anni premio minimo: 5.000 periodo di collocamento: 27 febbraio 5 aprile

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 8 - Marzo PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

Executive Summary. I tassi di interesse e i mercati finanziari. La congiuntura economica. Le assicurazioni nel mondo

Executive Summary. I tassi di interesse e i mercati finanziari. La congiuntura economica. Le assicurazioni nel mondo Pubblicazioni Recenti Ania Trends Nuova Produzione Vita Novembre 2012 Focus Indici Aziendali Anni 2007-2011 Novembre 2012 Statistica semestrale del ramo cauzione Ottobre 2012 Flussi e riserve tecniche

Dettagli

PIANI INDIVIDUALI PENSIONISTICI DI TIPO ASSICURATIVO - ELENCO DEI RENDIMENTI PER SINGOLA LINEA

PIANI INDIVIDUALI PENSIONISTICI DI TIPO ASSICURATIVO - ELENCO DEI RENDIMENTI PER SINGOLA LINEA AVIVA 5027 AVIVA PIP AZIONARIO Ramo III 100 18.16 17.00 9.07 10.05 UNICREDIT FUTURO PIP AVIVA - PIANO AVIVA (3) 5087 AVIVA PREVIDENZA EQUITY Ramo III 100 ASSICURATIVO - AXA PROGETTO PENSIONE PIU' - PIANO

Dettagli

La crisi frena la crescita

La crisi frena la crescita LE PRIME 100 COMPAGNIE ASSICURATIVE ITALIANE La crisi frena la crescita a cura di Fabio Bertozzi, Project Leader SCS Consulting Alfredo De Massis, Professore Università degli Studi di Bergamo e Manager

Dettagli

SPECIALE FONDI INTERNI - RAIFFPLANET AGOSTO 14

SPECIALE FONDI INTERNI - RAIFFPLANET AGOSTO 14 ago-13 set-13 ott-13 dic-13 gen-14 mar-14 apr-14 giu-14 lug-14 ago-11 nov-11 feb-12 mag-12 ago-12 nov-12 feb-13 mag-13 ago-13 Categoria Fondo Prodotti assicurativi legati al Fondo Obiettivo Asset Allocation

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Alla fine del 211 la ricchezza netta delle famiglie, ossia la somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie,

Dettagli

Relazione consolidata terzo trimestre 2005

Relazione consolidata terzo trimestre 2005 Relazione consolidata terzo trimestre 2005 2 Riunione di consiglio del 14 novembre 2005 3 4 Indice Stato patrimoniale Consolidato 7 Conto economico Consolidato 11 Prospetto delle variazioni del Patrimonio

Dettagli

Primi nove mesi 2014 positivi per il Gruppo Cattolica L UTILE CONSOLIDATO CRESCE DEL 27,7% A 83 MILIONI

Primi nove mesi 2014 positivi per il Gruppo Cattolica L UTILE CONSOLIDATO CRESCE DEL 27,7% A 83 MILIONI Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

Statistica Indici Aziendali. Guida alla presentazione dei risultati e alla costruzione dei parametri

Statistica Indici Aziendali. Guida alla presentazione dei risultati e alla costruzione dei parametri Statistica Indici Aziendali Guida alla presentazione dei risultati e alla costruzione dei parametri Edizione Gennaio 2015 INDICE: QUESTIONARI COMPILATI DALLE IMPRESE... 5 QUESTIONARIO A RILEVAZIONE ORGANICI...

Dettagli

XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. XXVIII N. 1

XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. XXVIII N. 1 Cam era dei D eputati - 1 1 3 - S en a to della R epubblica XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. XXVIII N. 1 La dinamica degli impieghi bancari verso società non finanziarie mostra

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 giugno 2015 Credito in folle I dati di aprile 2015 del sistema bancario italiano 1 confermano la lentezza del settore creditizio nel reagire agli stimoli monetari. Dopo il

Dettagli

Come sviluppare attività di cross-selling in agenzia

Come sviluppare attività di cross-selling in agenzia Come sviluppare attività di cross-selling in agenzia convegno IL CLIENTE E RE Presentazione di VINCENZO CIRASOLA (presidente del Gruppo Agenti Generali) Milano, 2 aprile 2003 Palazzo delle Stelline Corso

Dettagli

ASSEMBLEA ORDINARIA 3 MAGGIO 2006

ASSEMBLEA ORDINARIA 3 MAGGIO 2006 ASSEMBLEA ORDINARIA 3 MAGGIO 2006 Agenda 1 Risultati 2005 2005 consolidati del del Gruppo Gruppo Unipol Unipol 2 Risultati 2005 di Unipol Assicurazioni 2 Gruppo Unipol: principali eventi del 2005 Progetto

Dettagli

Relazione sull'attività svolta nell'anno 2007

Relazione sull'attività svolta nell'anno 2007 Relazione sull'attività svolta nell'anno 2007 (Legge 12 agosto 1982, n. 576 e successive modificazioni ed integrazioni) (Legge 12 agosto 1982, n. 576 e successive modificazioni ed integrazioni) Relazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010 COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010 Combined Ratio a 103,5%, in miglioramento rispetto al 108% di fine 2009 ed al 105% del primo trimestre 2010 Raccolta Danni

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 9 - Settembre 9 PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Statistiche relative alla gestione dei rami: 1. Infortuni; 2. Malattia; 8. Incendio ed elementi naturali; 13. Responsabilità civile generale

Dettagli

FONDI PENSIONE APERTI - ELENCO DEI RENDIMENTI PER SINGOLO COMPARTO

FONDI PENSIONE APERTI - ELENCO DEI RENDIMENTI PER SINGOLO COMPARTO ARCA SGR SOCIETA' FONDO PENSIONE ALLIANZ AMUNDI SGR ANIMA SGR ASSIMOCO VITA - COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI SULLA VITA ALMEGLIO FONDO PENSIONE ALLEANZA A CONTRIBUZIONE DEFINITA TORO - FONDO PENSIONE A CONTRIBUZIONE

Dettagli

Risultati al 30 giugno 2015 Gruppo Cattolica Assicurazioni

Risultati al 30 giugno 2015 Gruppo Cattolica Assicurazioni Risultati al 30 giugno 205 Gruppo Cattolica Assicurazioni Verona, 7 agosto 205 Agenda Risultati al 30 giugno 205 Performance del business danni Performance del business vita Gestione finanziaria 2 Risultati

Dettagli

SPECIALE FONDI INTERNI - EUROQUOTA MARZO 15

SPECIALE FONDI INTERNI - EUROQUOTA MARZO 15 mar-14 apr-14 mag-14 lug-14 ago-14 ott-14 nov-14 gen-15 feb-15 mar-12 giu-12 set-12 dic-12 mar-13 giu-13 set-13 dic-13 mar-14 Categoria Fondo Prodotti assicurativi legati al Fondo Obiettivo Asset Allocation

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 14 gennaio 2015 In attesa della crescita I più recenti dati sul sistema bancario 1 confermano il lento miglioramento in atto nel settore creditizio. La variazione annua degli

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei COMUNICATO STAMPA PRESS OFFICE Tel. +39.040.671180 - Tel. +39.040.671085 press@generali.com INVESTOR RELATIONS Tel. +39.040.671202 - Tel. +39.040.671347 - generali_ir@generali.com www.generali.com RISULTATI

Dettagli

PIANI INDIVIDUALI PENSIONISTICI DI TIPO ASSICURATIVO - ELENCO DEI RENDIMENTI PER SINGOLA LINEA

PIANI INDIVIDUALI PENSIONISTICI DI TIPO ASSICURATIVO - ELENCO DEI RENDIMENTI PER SINGOLA LINEA PREVIDENZA - PIANO GARANTITA Ramo I (1) 3 3.53 3.62 3.52 3.61 BILANCIATA Ramo III 30 5.93 8.22 4.16 4.41 ASSICURATIVO - AZIONARIA Ramo III 65 13.85 12.70 5.82 6.81 FORMULA SICURA Ramo I (1) 1 2.52 2.38

Dettagli

PIANI INDIVIDUALI PENSIONISTICI DI TIPO ASSICURATIVO - ELENCO DEI RENDIMENTI PER SINGOLA LINEA

PIANI INDIVIDUALI PENSIONISTICI DI TIPO ASSICURATIVO - ELENCO DEI RENDIMENTI PER SINGOLA LINEA ARCA VITA AVIVA VITA PIANI INDIVIDUALI PENSIONISTICI DI TIPO ASSICURATIVO - ELENCO DEI RENDIMENTI PER SINGOLA LINEA PREVIDENZA - PIANO GARANTITA Ramo I (1) 3 3,53 3,62 3,52 3,61 BILANCIATA Ramo III 30

Dettagli

Relazione sulla Gestione per l Esercizio 2008

Relazione sulla Gestione per l Esercizio 2008 Relazione sulla Gestione per l Esercizio 2008 L anno 2008 si è concluso con un totale di 1.580 iscritti contro 1.614 dell esercizio precedente. I soci in fase attiva di contribuzione al 31 dicembre 2008

Dettagli

NUMERO 97 MAGGIO 2015

NUMERO 97 MAGGIO 2015 NUMERO 97 MAGGIO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Indicatore ciclico

Dettagli

INTERNAZIONALE FONDO PENSIONE APERTO AUREO 53 AZIONARIO 90 18.49 12.42 6.62 8.75 3.64 COOPERATIVO SPA INTERNAZIONALE

INTERNAZIONALE FONDO PENSIONE APERTO AUREO 53 AZIONARIO 90 18.49 12.42 6.62 8.75 3.64 COOPERATIVO SPA INTERNAZIONALE FONDI PENSIONE APERTI - ELENCO DEI RENDIMENTI PER SINGOLO SOCIETA' FONDO PENSIONE NOTE HELVETIA VITA SPA - COMPAGNIA ITALO SVIZZERA D' SULLA VITA HELVETIA DOMANI - FONDO PENSIONE DI HELVETIA VITA (1) 91

Dettagli

FONDI PENSIONE APERTI - INDICATORE SINTETICO DEI COSTI

FONDI PENSIONE APERTI - INDICATORE SINTETICO DEI COSTI ALLEANZA TORO ALMEGLIO FONDO PENSIONE APERTO ALLEANZA A CONTRIBUZIONE DEFINITA TORO PREVIDENZA - FONDO A CONTRIBUZIONE DEFINITA 6 71 3 OBBLIGAZIONARIO (3) 3,60,1 1,66 1,4 BILANCIATO (3) 3,93,3 1,98 1,6

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 marzo 2015 Timidi segnali di risveglio I dati di gennaio 2015 1 confermano, al netto di alcuni salti statistici, il lento miglioramento nella dinamica delle più importanti

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 31 - Novembre 9 PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Le assicurazioni dirette in Italia. Analisi di alcune cifre chiave 2001-2011

Le assicurazioni dirette in Italia. Analisi di alcune cifre chiave 2001-2011 Le assicurazioni dirette in Italia Analisi di alcune cifre chiave 2001-2011 2011 Trieste, 14 febbraio 2013 A cura di F. Ierardo Coordinamento di N. Maiolino Le assicurazioni dirette in Italia ConTe.it

Dettagli

Risultati al 31 dicembre 2014 Gruppo Cattolica Assicurazioni

Risultati al 31 dicembre 2014 Gruppo Cattolica Assicurazioni Risultati al 3 dicembre 204 Gruppo Cattolica Assicurazioni Verona, 8 marzo 205 Agenda Risultati al 3 dicembre 204 Performance del business danni Performance del business vita Gestione finanziaria 2 Risultati

Dettagli

I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo

I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP) I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP) sono forme pensionistiche complementari esclusivamente individuali rivolte a tutti

Dettagli

FONDI PENSIONE APERTI - ELENCO DEI RENDIMENTI PER SINGOLO COMPARTO

FONDI PENSIONE APERTI - ELENCO DEI RENDIMENTI PER SINGOLO COMPARTO SOCIETA' HELVETIA VITA - HELVETIA DOMANI - FONDO COMPAGNIA ITALO SVIZZERA DI HELVETIA D' SULLA VITA VITA (1) 91 LINEA AZIONARIO 100 11.81 14.11 12.24 8.07 4.28 ALLIANZ ARCA SGR AZIMUT CAPITAL MANAGEMENT

Dettagli

Primo semestre 2015 in crescita per il Gruppo Cattolica NEL PRIMO SEMESTRE RACCOLTA PREMI OLTRE I 3 MILIARDI E UTILE A 67 MILIONI (+19,6%)

Primo semestre 2015 in crescita per il Gruppo Cattolica NEL PRIMO SEMESTRE RACCOLTA PREMI OLTRE I 3 MILIARDI E UTILE A 67 MILIONI (+19,6%) Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

PRESENTAZIONE. Dati al 30 settembre 2002

PRESENTAZIONE. Dati al 30 settembre 2002 PRESENTAZIONE Dati al 30 settembre 2002 1 2 PRESENTAZIONE DEL GRUPPO LA STRATEGIA DISTRIBUTIVA I RISULTATI LE SOCIETA DEL GRUPPO GLI OBIETTIVI IL GRUPPO UNIPOL AL 30/09/2002 UNIPOL ASSICURAZIONI (Compagnia

Dettagli

18 settembre 2014. L industria del risparmio gestito in Italia

18 settembre 2014. L industria del risparmio gestito in Italia Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/ del 9/4/ Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. L

Dettagli

Overview del mercato assicurativo in Italia

Overview del mercato assicurativo in Italia Overview del mercato assicurativo in Italia Premi lordi contabilizzati ( mld) CAGR = +3,1% 118,8 99,1 33,7 33,7 33,7 37,7 37,7 37,7 85,1 61,4 61,4 85,1 85,1 61,4 2007 2007 2007 2013 2013 2013 Vita Vita

Dettagli

Statistica Indici Aziendali. Guida alla presentazione dei risultati e alla costruzione dei parametri

Statistica Indici Aziendali. Guida alla presentazione dei risultati e alla costruzione dei parametri Statistica Indici Aziendali Guida alla presentazione dei risultati e alla costruzione dei parametri Edizione Dicembre 2015 INDICE: QUESTIONARI COMPILATI DALLE IMPRESE... 5 QUESTIONARIO A RILEVAZIONE ORGANICI...

Dettagli

La bilancia dei pagamenti dell'italia a dicembre 2008

La bilancia dei pagamenti dell'italia a dicembre 2008 Roma, 17 febbraio 2009 La bilancia dei pagamenti dell'italia a dicembre BILANCIA DEI PAGAMENTI SINTETICA (milioni di euro) dicembre 2007 dicembre 12 mesi terminanti a 12 mesi terminanti a dicembre 2007

Dettagli

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013:

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: Nei primi sei mesi dell anno, la gestione economica del Gruppo ha generato un risultato della gestione operativa in

Dettagli

FONDI PENSIONE APERTI - INDICATORE SINTETICO DEI COSTI N. ALBO

FONDI PENSIONE APERTI - INDICATORE SINTETICO DEI COSTI N. ALBO Aggiornamento al 30/11/010 ALETTI GESTIELLE SGR SPA GESTIELLE PENSIONE E 8 PREVIDENZA ALICO ITALIA SPA ALLEANZA TORO SPA UNIONFONDO FONDO PENSIONE APERTO ALMEGLIO FONDO PENSIONE APERTO ALLEANZA A CONTRIBUZIONE

Dettagli

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Loris Nadotti Università degli Studi di Perugia Valeria Vannoni Università degli Studi di Perugia Perugia,

Dettagli

Le difficoltà economiche incidono sull evoluzione del settore, penalizzando i prodotti collettivi a favore degli individuali

Le difficoltà economiche incidono sull evoluzione del settore, penalizzando i prodotti collettivi a favore degli individuali Newsletter IV trimestre 2012 Milano, Marzo 2013 Le difficoltà economiche incidono sull evoluzione del settore, penalizzando i prodotti collettivi a favore degli individuali Sottoscrizioni Nel 2012 Da inizio

Dettagli

PIANI INDIVIDUALI PENSIONISTICI DI TIPO ASSICURATIVO - INDICATORE SINTETICO DEI COSTI

PIANI INDIVIDUALI PENSIONISTICI DI TIPO ASSICURATIVO - INDICATORE SINTETICO DEI COSTI ALLEANZA ASSICURAZIONI S.P.A. ALLEATA PREVIDENZA - PIANO INDIVIDUALE 006 ALLEATA GARANTITA () 4.31.77. 1. ALLEATA BILANCIATA 4.1.9.8 1.73 ALLEATA AZIONARIA 4.70 3.1.46 1.91 FORMULA SICURA ().1 1.0 1.38

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 13 maggio 2015 I primi effetti del QE! I dati di marzo 2015 del sistema bancario italiano 1 mostrano i primi effetti del Quantitative Easing della BCE. L effetto di questa misura

Dettagli

BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2003. Stato Patrimoniale Conto Economico Nota Integrativa

BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2003. Stato Patrimoniale Conto Economico Nota Integrativa BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2003 Stato Patrimoniale Conto Economico Nota Integrativa FONDO PENSIONE PREVIMODA BILANCIO AL 31/12/2003 STATO PATRIMONIALE ATTIVITA' Fase di accumulo 10 Investimenti diretti 1.467.177

Dettagli

Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide

Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide FORUM BANCASSICURAZIONE 2015 Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide Umberto Guidoni Servizio Auto Agenda Focus sulla raccolta premi in Italia Il mercato

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Nel 212 la ricchezza netta delle famiglie, pari alla somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie, si è attestata

Dettagli

RISULTATO DI COMPETENZA DEGLI AZIONISTI DEL GRUPPO RISULTATO TECNICO

RISULTATO DI COMPETENZA DEGLI AZIONISTI DEL GRUPPO RISULTATO TECNICO DI INVESTIMENTI =^ ASSICURAZIONI GENERALI....................................... 1 ) 2010 68.435.400 1 62.865.500 47.295.500 3.692.500 1.701.900 364.243.300 372.585.200 52.430.800 323.851.000 72.758.600

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 Nel 2014 la raccolta premi complessiva realizzata dalle imprese di assicurazione italiane e dalle rappresentanze in Italia di imprese extra europee continua il trend

Dettagli