Rassegna Stampa. Parametri di Ricerca impostati: Intervallo di tempo: dal 01/09/2014 al 16/09/2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna Stampa. Parametri di Ricerca impostati: Intervallo di tempo: dal 01/09/2014 al 16/09/2014"

Transcript

1 Rassegna Stampa Parametri di Ricerca impostati: Intervallo di tempo: dal 01/09/2014 al 16/09/2014 Rassegna Stampa realizzata da SIFA Servizi Integrati Finalizzati alle Aziende Milano Via Mameli, 11 Tel. 02/ Fax 02/

2 Rassegna del 15 settembre 2014 ALT ONLUS Clic Medicina MARIJUANA E SALUTE: UNA RELAZIONE PERICOLOSA 1 Tvspace.it MARIJUANA E SALUTE: UNA RELAZIONE PERICOLOSA 6 Humanitas Salute LEGALIZZARE LA MARIJUANA: QUALI RISCHI? Luciana Rota 11 Intopic MARIJUANA E SALUTE: UNA RELAZIONE PERICOLOSA 13 Libero.it ALT, MARIJUANA E SALUTE: UNA RELAZIONE PERICOLOSA 14 Globalmedianews MARIJUANA E SALUTE: UNA RELAZIONE PERICOLOSA 15 Okmedicina MARIJUANA E SALUTE: UNA RELAZIONE PERICOLOSA 20 Benessere.com CANNABIS E SALUTE, L'ACCORDO NON C'È 25 Humanitas Salute MARIJUANA, ECCO I SUOI EFFETTI Simona Camarda 26

3 Marijuana e salute: una relazione pericolosa L'uso abituale di marijuana aumenta la probabilità di infarto del miocardio, di ictus cerebrale, di attacchi cerebrali ischemici transitori: provoca infiammazione, aumenta la viscosità del sangue e stimola i recettori presenti sulle pareti delle arterie compromettendone la funzione e aumentando il rischio di formazione di Trombi. ALT - Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari - Onlus, che da più di 25 anni ha l'impegno di informare e aggiornare rispetto ai traguardi raggiunti dalla comunità scientifica internazionale, prende spunto dalla revisione di pubblicazioni scientifiche di The New England Journal of Medicine per affrontare la relazione pericolosa "marijuana e salute". Tale binomio, con un forte impatto anche sulle malattie cardiovascolari da Trombosi, è ancor più pressante in concomitanza della riapertura delle scuole, luoghi di particolare interesse da parte degli spacciatori. Con questa nota, ALT intende confermare il proprio impegno riassunto nella Dichiarazione di San Valentino "Ogni bambino nato nel nuovo millennio ha il diritto di vivere almeno fino a 65 anni senza soffrire di malattie cardiovascolari evitabili". Di seguito e in allegato quello che ognuno di noi deve sapere per la propria salute. Vediamo che cosa per certo il mondo scientifico ha accertato, almeno fino ad oggi. Marijuana: diciamoci la verità, per quel che oggi sappiamo. Come può una sostanza che si chiama innocuamente Maria Giovanna far male? Un problema sopravvalutato? O forse sottovalutato? Non sappiamo ancora, ma certamente è da non sottovalutare. Negli Stati Uniti 12 persone su 100,dai 12 anni in su, hanno usato marijuana negli ultimi dodici mesi i più sono molto giovani. La marijuana è una sostanza classificata come droga: si chiama Cannabis Sativa. Si usa fumando le foglie, a volte anche fiori e semi, sotto forma di sigaretta, nella pipa, nella pipa ad acqua, come "blunt" (avvolta in una foglia di tabacco da sigaro). Qualcuno la beve preparando un the (infuso): un estratto oleoso di marijuana può essere aggiunto ai cibi. L'hashish viene estratto dalla resina prodotta dai fiori di marijuana, si fuma con senza tabacco aggiunto, oppure può essere ingerito. L'uso abituale di marijuana negli adolescenti provoca conseguenze dimostrate: 1. riduzione della memoria a breve 2. difficoltà nell'apprendimento e nella memoria a lungo termine 3. disturbi del coordinamento motorio ALT ONLUS Pag. 1

4 4. riduzione della capacità di reazione durante la guida e aumento del rischio di incidenti 5. alterazione della capacità di giudizio 6. aumento del rischio di comportamenti sessuali che aumentano le probabilità di contagio da malattie veneree 7. ad alte dosi, provoca psicosi e paranoia. 8. dipendenza: 9 persone su 100 diventano dipendenti da questa droga, 1 su 5 fra coloro che cominciano ad usarla in adolescenza e 1 su 2 fra coloro che la usano quotidianamente 9. alterazione dello sviluppo cerebrale nell'embrione, nel feto e nell'adolescente 10. alta probabilità di interruzione degli studi 11. frustrazione nel raggiungimento degli obiettivi lavorativi e sentimentali 12. tosse e catarro e saltuariamente febbre 13. aumento del rischio di disordini psichici fino alla schizofrenia, in particolare in persone fragili e con predisposizione. Non è solo la marijuana a creare dipendenza: sempre negli USA due milioni e settecentomila persone soffrono di dipendenza dalla marijuana, dai 12 anni in su, cinque milioni e centomila sono dipendenti da un qualunque tipo di stupefacente, ottomilioni e seicentomila sono dipendenti dall'alcool. Un americano su 20 ha una forma di dipendenza, e sono inclusi i bambini dai 12 anni in avanti. La sospensione della droga provoca irritabilità disturbi del sonno, ansia, aggressività: questi sintomi provocano malessere e facilitano la ricaduta. Gli adolescenti sono particolarmente vulnerabili agli effetti a lungo termine di questa droga, probabilmente perché il cervello continua a svilupparsi dalla nascita fino ai 21 anni: molti passano a un livello superiore e usano altre droghe, rischio questo molto alto entro due anni dalla " prima volta". L'ingrediente " pericoloso" della marijuana si chiama tetraidrocannabinolo (THC): è stato dimostrato negli animali che questa sostanza altera lo sviluppo delle connessioni nervose fra i neuroni. Negli esseri umani che consumano abitualmente THC è stata dimostrata una riduzione del numero delle fibre di connessione fra i neuroni in alcune zone del cervello sede di funzioni particolarmente sofisticate, che governano l'autocoscienza di sé, la capacità di apprendere e di ricordare, il controllo dei freni inibitori e l'acquisizione di abitudini. Il THC funziona accendendo un recettore chiamato CB1 presente in diverse parti del cervello, sia nella corteccia che nella parte sottocorticale: dopo quattro settimane di astinenza i recettori localizzati nella corteccia si riprendono e ricominciano a funzionare ALT ONLUS Pag. 2

5 in modo normale, mentre quelli nella zona sottocorticale non si modificano più: questo spiegherebbe dal punto di vista biochimico la dipendenza. Tutti questi danni sono particolarmente evidenti quando l'uso della droga inizia in adolescenza : è stato confermato un calo del quoziente intellettivo in adulti che hanno incominciato a usare la droga dall'adolescenza rispetto a quelli che hanno iniziato più tardi. È dimostrato che il THC provoca un difetto nello sviluppo della capacità di connessione fra le cellule cerebrali e riduce le funzioni che da queste dipendono, condiziona il cervello e lo rende più suscettibile al piacere procurato da altre droghe, tanto che la marijuana è considerata un a droga "cancello di ingresso" al mondo di altre droghe, come d'altra parte è confermato per fumo e alcool. Oggi la marijuana è facilmente reperibile e costa poco, non fa paura, ed è considerata quasi con simpatia: è accessibile anche a persone fragili che più facilmente ne diventeranno dipendenti entrando nel giro di coloro che fanno uso di droghe. Ansia e depressione sono spesso presenti in chi fa o ha fatto uso di marijuana: diventano psicosi e addirittura schizofrenia soprattutto in persone che appartengono a famiglie predisposte a malattie mentali, anticipandone l'esordio. È dimostrato che la frequenza con cui si manifestano i sintomi e le malattie mentali sopra descritte è significativamente più elevata nei consumatori di marijuana in particolare fra coloro che hanno iniziato in adolescenza. La scuola Nel 2013 una indagine sugli studenti dell'ultimo anno della scuola superiore ha evidenziato che 6 studenti su 100 consumano marijuana tutti i giorni. Questi numeri potrebbero peccare per difetto, perché molti studenti consumatori abituali di droga abbandonano la scuola prima di arrivare a concludere le superiori. La droga ha un effetto immediato sulla capacità di apprendere che si manifesta non solo nel giorno in cui viene consumata ma persiste anche per molti giorni successivi: l'effetto si accumula con l'abitudine al consumo, e riduce le capacità cognitive in modo misurabile e durevole, soprattutto in chi ha cominciato ad usarla in adolescenza: gli insuccessi scolastici causati dall'uso anche occasionale possono incidere negativamente sui risultati necessari per accedere a un grado di istruzione superiore, aggravando il senso di frustrazione e aumentando la probabilità di rinuncia ad ottenere risultati migliori. Reversibilità del danno Gli studi (molti) disponibili non sono ancora riusciti a dare una risposta certa alla domanda " i danni sulle capacità cognitive, sulla memoria e sulla capacità di attenzione sono reversibili una volta che si sospende l'uso della droga o sono permanenti?" Società Molti dei giovani che iniziano precocemente a usare la droga abbandonano la scuola, ALT ONLUS Pag. 3

6 hanno risultati meno brillanti dell'atteso nella vita scolastica e lavorativa, perdono più facilmente il lavoro, compiono crimini e hanno un basso livello di soddisfazione per la propria vita. Incidenti auto/moto La marijuana altera la capacità di guidare sia immediatamente durante l'uso che a distanza di tempo: è la droga più frequentemente presente nel sangue di persone coinvolte in incidenti d'auto o di motocicletta. Raddoppia la probabilità di incidenti e moltiplica per 7 la probabilità di essere responsabili di incidenti gravi. Esiste una relazione lineare fra contenuto di THC nel sangue e capacità di guida su simulatori: una sigaretta di marijuana ( 2-5 nanogrammi di THC nel sangue) causa disturbi nel controllo della guida. Per esempio una persona che ha ingerito alcool moltiplica per cinque la probabilità di incidente d'auto, ma per 27 se ha meno di 21 anni! Alcool e marijuana insieme aumentano ulteriormente queste probabilità. Cancro Non è possibile per ora dimostrare che ci sia una correlazione causa effetto fra il fumare marijuana e il cancro del polmone o dello stomaco, anche se questa correlazione è possibile. È dimostrato che il fumo di marijuana provoca infiammazione delle vie aeree ( naso, trachea, bronchi) e aumenta le resistenze polmonari: non a caso i fumatori abituali di marijuana sono spesso affetti da bronchite cronica e soffrono più frequentemente di polmoniti. Malattie da trombosi L'uso abituale di marijuana aumenta la probabilità di infarto del miocardio, di ictus cerebrale, di attacchi cerebrali ischemici transitori: provoca infiammazione, aumenta la viscosità del sangue e stimola i recettori presenti sulle pareti delle arterie compromettendone la funzione e aumentando il rischio di formazione di Trombi. Gravidanza L'esposizione del feto alla THC contenuta nella marijuana usata dalla madre altera lo sviluppo cerebrale: non sappiamo ancora quali altri danni ad altri organi possa provocare a distanza di tempo. Potè nza Il contenuto di THC (molecola attiva) nella droga è aumentato negli anni dal 3% degli anni 80 al 12 % attuale: questo fa temere che le osservazioni riportate da studi eseguiti negli anni scorsi potranno purtroppo essere aggiornate con dati più drammatici per il più alto contenuto di sostanza stupefacente attiva nei prodotti attualmente in uso: recentemente è stato verificato un aumento del numero di persone che accedono al pronto soccorso perché coinvolte in incidenti d'auto e di moto e nelle quali è stato accertato l'uso di marijuana. ALT ONLUS Pag. 4

7 Utilità È possibile che la marijuana possa dare effetti benefici nel controllo del dolore e che quindi il suo uso in medicina possa allargarsi: ma non esistono ancora dimostrazioni valide, e soprattutto questo effetto positivo non dovrebbe accompagnarsi ad effetti negativi. " Marijuana e Medicina" è un istituto nato appositamente per occuparsi di questo tema: per ora sappiamo che la droga aumenta l'appetito soprattutto nei pazienti con AIDS, allevia la nausea nei pazienti in chemioterapia e il dolore e la spasticità in molte malattie neurologiche,e riduce la pressione endooculare nel glaucoma. La ricerca scientifica è attualmente orientata ad estrarre il principio attivo responsabile di questi effetti benefici, e a riprodurlo in laboratorio. Per ora i medici che la prescrivono lo fanno assumendosi la responsabilità di eventuali effetti negativi: per esempio nei pazienti con HIV la marijuana può accentuare i sintomi da deficit cognitivo determinati dal virus. Politica È in aumento il numero dei Paesi che si avvia sulla strada della legalizzazione della vendita di marijuana : vantaggioso per i governi che aumenterebbe i propri profitti derivanti dalla tassazione e dall'indotto per campagne pubblicitarie dirette al target dei giovani : ma attenzione alla relazione inversa fra diffusione del consumo di questa droga e la percezione dei rischi correlati: più la droga è diffusa, meno sembra pericolosa. È atteso quindi che una maggiore diffusione, se legalizzata, ne possa ulteriormente aumentare il consumo. Negli studenti di 17 anni si registra un aumento progressivo nel consumo abituale di marijuana quasi simile a quello registrato per il fumo di tabacco: non sappiamo se esista un danno da esposizione passiva al fumo di marijuana, anche se in USA molti studi sono in corso. In conclusione Non c'è dubbio che la marijuana si correli a effetti negativi sulla salute, che provochi dipendenza, che interferisca con le funzioni cognitive (memoria e percezione del tempo) e motorie (coordinazione dei movimenti) con le conseguenze relative; l'uso ripetuto di questa droga in adolescenza altera le funzioni cerebrali che condizionano l'evoluzione dell'individuo da un punto di vista biologico, educazionale, sociale e professionale. La droga ha impatto sulla salute della popolazione non solo per le sue proprietà farmacologi che ma anche per il livello di accettabilità sociale, e di questo impatto devono tenere attentamente conto i politici che propendano per legalizzarla. FONTE: NEJM 2014, giugno. Tradotto ed adattato da Lidia Rota Vender presidente di ALT - Associazione perla Lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari - Onlus. ALT ONLUS Pag. 5

8 MARIJUANA E SALUTE: UNA RELAZIONE PERICOLOSA L'uso abituale di marijuana aumenta la probabilità di infarto del miocardio, di ictus cerebrale, di attacchi cerebrali ischemici transitori: provoca infiammazione, aumenta la viscosità del sangue e stimola i recettori presenti sulle pareti delle arterie compromettendone la funzione e aumentando il rischio di formazione di Trombi. ALT- Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari - Onlus, che da più di 25 anni ha l'impegno di informare e aggiornare rispetto ai traguardi raggiunti dalla comunità scientifica internazionale, prende spunto dalla revisione di pubblicazioni scientifiche di The New England Journal of Medicine per affrontare la relazione pericolosa "marijuana e salute". Tale binomio, con un forte impatto anche sulle malattie cardiovascolari da Trombosi, è ancor più pressante in concomitanza della riapertura delle scuole, luoghi di particolare interesse da parte degli spacciatori. Con questa nota, ALT intende confermare il proprio impegno riassunto nella Dichiarazione di San Valentino "Ogni bambino nato nel nuovo millennio ha il diritto di vivere almeno fino a 65 anni senza soffrire di malattie cardiovascolari evitabili". Di seguito e in allegato quello che ognuno di noi deve sapere per la propria salute. Vediamo che cosa per certo il mondo scientifico ha accertato, almeno fino ad oggi. Milano, 2 Settembre Marijuana: diciamoci la verità, per quel che oggi sappiamo. Come può una sostanza che si chiama innocuamente Maria Giovanna far male? Un problema sopravvalutato? O forse sottovalutato? Non sappiamo ancora, ma certamente è da non sottovalutare. Negli Stati Uniti 12 persone su 100,dai 12 anni in su, hanno usato marijuana negli ultimi dodici mesi i più sono molto giovani. La marijuana è una sostanza classificata come droga: si chiama Cannabis Sativa. Si usa fumando le foglie, a volte anche fiori e semi, sotto forma di sigaretta, nella pipa, nella pipa ad acqua, come "blunt" (avvolta in una foglia di tabacco da sigaro). Qualcuno la beve preparando un the (infuso): un estratto oleoso di marijuana può essere aggiunto ai cibi. L'hashish viene estratto dalla resina prodotta dai fiori di marijuana, si fuma con senza tabacco aggiunto, oppure può essere ingerito. L'uso abituale di marijuana negli adolescenti provoca conseguenze dimostrate: 1. riduzione della memoria a breve 2. difficoltà nell'apprendimento e nella memoria a lungo termine 3. disturbi del coordinamento motorio ALT ONLUS Pag. 6

9 4. riduzione della capacità di reazione durante la guida e aumento del rischio di incidenti 5. alterazione della capacità di giudizio 6. aumento del rischio di comportamenti sessuali che aumentano le probabilità di contagio da malattie veneree 7. ad alte dosi, provoca psicosi e paranoia. 8. dipendenza: 9 persone su 100 diventano dipendenti da questa droga, 1 su 5 fra coloro che cominciano ad usarla in adolescenza e 1 su 2 fra coloro che la usano quotidianamente Negli esseri umani che consumano abitualmente THC è stata dimostrata una riduzione del numero delle fibre di connessione fra i neuroni in alcune zone del cervello sede di funzioni particolarmente sofisticate, che governano l'autocoscienza di sé, la capacità di apprendere e di ricordare, il controllo dei freni inibitori e l'acquisizione di abitudini. Il THC funziona accendendo un recettore chiamato CB1 presente in diverse parti del cervello, sia nella corteccia che nella parte sottocorticale: dopo quattro settimane di astinenza i recettori localizzati nella corteccia si riprendono e ricominciano a funzionare in modo normale, mentre quelli nella zona sottocorticale non si modificano più: questo spiegherebbe dal punto di vista biochimico la dipendenza. Tutti questi danni sono particolarmente evidenti quando l'uso della droga inizia in adolescenza : è stato confermato un calo del quoziente intellettivo in adulti che hanno incominciato a usare la droga dall'adolescenza rispetto a quelli che hanno iniziato più tardi. È dimostrato che il THC provoca un difetto nello sviluppo della capacità di connessione fra le cellule cerebrali e riduce le funzioni che da queste dipendono, condiziona il cervello e lo rende più suscettibile al piacere procurato da altre droghe, tanto che la marijuana è considerata un a droga "cancello di ingresso" al mondo di altre droghe, come d'altra parte è confermato per fumo e alcool. Oggi la marijuana è facilmente reperibile e costa poco, non fa paura, ed è considerata quasi con simpatia: è accessibile anche a persone fragili che più facilmente ne diventeranno dipendenti entrando nel giro di coloro che fanno uso di droghe. Ansia e depressione sono spesso presenti in chi fa o ha fatto uso di marijuana: diventano psicosi e addirittura schizofrenia soprattutto in persone che appartengono a famiglie predisposte a malattie mentali, anticipandone l'esordio. È dimostrato che la frequenza con cui si manifestano i sintomi e le malattie mentali sopra descritte è significativamente più elevata nei consumatori di marijuana in particolare fra coloro che hanno iniziato in adolescenza. LA SCUOLA Nel 2013 una indagine sugli studenti dell'ultimo anno della scuola superiore ha evidenziato che 6 studenti su 100 consumano marijuana tutti i giorni. Questi numeri potrebbero peccare per difetto, perché molti studenti consumatori abituali di droga abbandonano la scuola prima di arrivare a concludere le superiori. ALT ONLUS Pag. 7

10 La droga ha un effetto immediato sulla capacità di apprendere che si manifesta non solo nel giorno in cui viene consumata ma persiste anche per molti giorni successivi: l'effetto si accumula con l'abitudine al consumo, e riduce le capacità cognitive in modo misurabile e durevole, soprattutto in chi ha cominciato ad usarla in adolescenza: gli insuccessi scolastici causati dall'uso anche occasionale possono incidere negativamente sui risultati necessari per accedere a un grado di istruzione superiore, aggravando il senso di frustrazione e aumentando la probabilità di rinuncia ad ottenere risultati migliori. REVERSIBILITÀ DEL DANNO Gli studi (molti) disponibili non sono ancora riusciti a dare una risposta certa alla domanda " i danni sulle capacità cognitive, sulla memoria e sulla capacità di attenzione sono reversibili una volta che si sospende l'uso della droga o sono permanenti?" SOCIETÀ Molti dei giovani che iniziano precocemente a usare la droga abbandonano la scuola, hanno risultati meno brillanti dell'atteso nella vita scolastica e lavorativa, perdono più facilmente il lavoro, compiono crimini e hanno un basso livello di soddisfazione per la propria vita. INCIDENTI AUTO/MOTO La marijuana altera la capacità di guidare sia immediatamente durante l'uso che a distanza di tempo: è la droga più frequentemente presente nel sangue di persone coinvolte in incidenti d'auto o di motocicletta. Raddoppia la probabilità di incidenti e moltiplica per 7 la probabilità di essere responsabili di incidenti gravi. Esiste una relazione lineare fra contenuto di THC nel sangue e capacità di guida su simulatori: una sigaretta di marijuana ( 2-5 nanogrammi di THC nel sangue) causa disturbi nel controllo della guida. Per esempio una persona che ha ingerito alcool moltiplica per cinque la probabilità di incidente d'auto, ma per 27 se ha meno di 21 anni! Alcool e marijuana insieme aumentano ulteriormente queste probabilità. CANCRO Non è possibile per ora dimostrare che ci sia una correlazione causa effetto fra il fumare marijuana e il cancro del polmone o dello stomaco, anche se questa correlazione è possibile. È dimostrato che il fumo di marijuana provoca infiammazione delle vie aeree ( naso, trachea, bronchi) e aumenta le resistenze polmonari: non a caso i fumatori abituali di marijuana sono spesso affetti da bronchite cronica e soffrono più frequentemente di polmoniti. MALATTIE DA TROMBOSI L'uso abituale di marijuana aumenta la probabilità di infarto del miocardio, di ictus cerebrale, di attacchi cerebrali ischemici transitori: provoca infiammazione, aumenta la viscosità del sangue e stimola i recettori presenti sulle pareti delle arterie compromettendone la funzione e aumentando il rischio di formazione di Trombi. GRAVIDANZA ALT ONLUS Pag. 8

11 L'esposizione del feto alla THC contenuta nella marijuana usata dalla madre altera lo sviluppo cerebrale: non sappiamo ancora quali altri danni ad altri organi possa provocare a distanza di tempo. POTENZA Il contenuto di THC (molecola attiva) nella droga è aumentato negli anni dal 3%degli anni 80 al 12 %attuale: questo fa temere che le osservazioni riportate da studi eseguiti negli anni scorsi potranno purtroppo essere aggiornate con dati più drammatici per il più alto contenuto di sostanza stupefacente attiva nei prodotti attualmente in uso: recentemente è stato verificato un aumento del numero di persone che accedono al pronto soccorso perché coinvolte in incidenti d'auto e di moto e nelle quali è stato accertato l'uso di marijuana. UTILITÀ È possibile che la marijuana possa dare effetti benefici nel controllo del dolore e che quindi il suo uso in medicina possa allargarsi: ma non esistono ancora dimostrazioni valide, e soprattutto questo effetto positivo non dovrebbe accompagnarsi ad effetti negativi. " Marijuana e Medicina" è un istituto nato appositamente per occuparsi di questo tema: per ora sappiamo che la droga aumenta l'appetito soprattutto nei pazienti con AIDS, allevia la nausea nei pazienti in chemioterapia e il dolore e la spasticità in molte malattie neurologiche,e riduce la pressione endooculare nel glaucoma. La ricerca scientifica è attualmente orientata ad estrarre il principio attivo responsabile di questi effetti benefici, e a riprodurlo in laboratorio. Per ora i medici che la prescrivono lo fanno assumendosi la responsabilità di eventuali effetti negativi: per esempio nei pazienti con HIV la marijuana può accentuare i sintomi da deficit cognitivo determinati dal virus. POLITICA È in aumento il numero dei Paesi che si avvia sulla strada della legalizzazione della vendita di marijuana : vantaggioso per i governi che aumenterebbe i propri profitti derivanti dalla tassazione e dall'indotto per campagne pubblicitarie dirette al target dei giovani : ma attenzione alla relazione inversa fra diffusione del consumo di questa droga e la percezione dei rischi correlati: più la droga è diffusa, meno sembra pericolosa. È atteso quindi che una maggiore diffusione, se legalizzata, ne possa ulteriormente aumentare il consumo. Negli studenti di 17 anni si registra un aumento progressivo nel consumo abituale di marijuana quasi simile a quello registrato per il fumo di tabacco: non sappiamo se esista un danno da esposizione passiva al fumo di marijuana, anche se in USA molti studi sono in corso. IN CONCLUSIONE Non c'è dubbio che la marijuana si correli a effetti negativi sulla salute, che provochi dipendenza, che interferisca con le funzioni cognitive (memoria e percezione del tempo) e motorie (coordinazione dei movimenti) con le conseguenze relative; l'uso ripetuto ALT ONLUS Pag. 9

12 di questa droga in adolescenza altera le funzioni cerebrali che condizionano l'evoluzione dell'individuo da un punto di vista biologico, educazionale, sociale e professionale. La droga ha impatto sulla salute della popolazione non solo per le sue proprietà farmacologi che ma anche per il livello di accettabilità sociale, e di questo impatto devono tenere attentamente conto i politici che propendano per legalizzarla. fonte: NEJM 2014, giugno. Tradotto ed adattato da Lidia Rota Vender presidente di ALT - Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari - Onlus. ALT ONLUS Pag. 10

13 Legalizzare la marijuana: quali rischi? Se la legalizzazione della vendita della marijuana può avere riscontri economici positivi, può anche provocare una percezione sbagliata degli effetti di quella che resta sempre e comunque una droga leggera. È in aumento il numero dei Paesi che sta prendendo in considerazione l'opportunità di legalizzare la vendita della marijuana: questa scelta potrebbe causare una distorsione della percezione della pericolosità della droga, che, diventando accessibile e legale, verrebbe percepita come non pericolosa. In poche parole, una maggiore accessibilità al prodotto, per di più legale, ne potrebbe aumentare il consumo. Abbiamo chiesto un parere alla dottoressa Lidia Rota, responsabile del Centro di Prevenzione Cardiovascolare Globale di Humanitas, che da anni, in qualità di presidente di ALT-Associazione per la Lotta alla trombosi e alle malattie cardiovascolari ONLUS partecipa a tavoli europei che discutono temi legati alla salute pubblica. «La marijuana, così come l'alcool e il tabacco, è una sostanza che provoca dipendenza: pertanto viene classificata come droga. Come tutte le droghe, e come tutti i farmaci, può avere effetti dannosi ma potrebbe anche avere effetti benefici. La linea sottile che corre fra bene e male dipende dalla dimostrazione scientifica dei suoi effetti: alcuni sono dimostrati, altri sono solo ipotizzati. La diffusione attraverso i media di informazioni parziali o non corrette può portare a conclusioni inesatte: ipotesi che dovrebbero rimanere tali rischiano di venire comunicate come certezze, anche se la ricerca non le ha ancora confermate. Per esempio, si "dice" che la marijuana possa essere benefica nel controllo del dolore: questa ipotesi automaticamente e in modo subliminale trasforma questa droga in qualcosa di "buono"; e la legalizzazione della distribuzione, unita a questa percezione sommaria, potrebbe aumentarne il consumo per indicazioni diverse da quelle effettivamente dimostrate dal punto di vista scientifico. Diventa quindi estremamente importante definire in quali casi gli effetti benefici della sostanza sono accertati e a quali effetti negativi si accompagnano, senza mistificazione, in modo che chi sceglie di consumare questa sostanza sappia perché lo fa, che cosa si deve aspettare in termini positivi e quali rischi corre, senza basarsi su giudizi spesso sommari espressi a molti livelli, in modo che la scelta di consumare la marijuana sia consapevole e non frutto di equivoci, tenendo conto degli effetti negativi ed eventualmente positivi dimostrati e non solo dovuti a chiacchiere da bar. Il New England Journal of Medicine poche settimane fa ha affrontato questo tema non riportando l'opinione di un singolo ricercatore, ma riferendo con cura ciò che ad oggi la ricerca scientifica ha dimostrato. In modo ugualmente serio negli USA è attivo un Istituto "Marijuana e Medicina" nato appositamente per diffondere informazioni scientificamente dimostrate su questo tema. Ad oggi è dimostrato che la marijuana contribuisce ad aumentare l'appetito nei pazienti colpiti da AIDS, ad alleviare la nausea nei pazienti in chemioterapia e il dolore e la spasticità in molte malattie neurologiche, e a ridurre la pressione endo oculare nel glaucoma. ALT ONLUS Pag. 11

14 La ricerca scientifica è attualmente impegnata a identificare e riprodurre in laboratorio il principio attivo che provoca questi effetti benefici. I medici che la prescrivono oggi lo fanno assumendosi la responsabilità di eventuali effetti negativi: per esempio nei pazienti con HIV la marijuana può accentuare i sintomi da deficit cognitivo determinati dal virus. Non c'è dubbio che il consumo di marijuana si correli a effetti negativi sulla salute: è dimostrato che provoca dipendenza che interferisce con le funzioni cognitive (memoria) e sulla coordinazione pensiero/movimento, con conseguenze gravi, per esempio nella guida di autoveicoli. È anche dimostrato che il consumo abituale, soprattutto se iniziato in adolescenza, altera lo sviluppo delle funzioni cerebrali condizionando l'evoluzione dell'individuo da un punto di vista biologico, educazionale, sociale e professionale. Di tutti questi aspetti il legislatore dovrà tenere conto qualora prendesse in considerazione la possibilità di legalizzarne la distribuzione». Luciana Rota Commento della dottoressa Lidia Responsabile Centro di Prevenzione Cardiovascolare Globale di Humanitas ALT ONLUS Pag. 12

15 Marijuana e salute: una relazione pericolosa Martedì, 2 Settembre 2014: Liquidarea L'uso abituale di marijuana aumenta la probabilità di infarto del miocardio, di ictus cerebrale, di attacchi cerebrali ischemici transitori: provoca infiammazione, aumenta la viscosità del sangue e stimola i recettori presenti sulle pareti delle... Continua a leggere» ALT ONLUS Pag. 13

Rassegna Stampa. Parametri di Ricerca impostati: Intervallo di tempo: dal 01/09/2014 al 30/11/2014 Testo Cercato : marijuana

Rassegna Stampa. Parametri di Ricerca impostati: Intervallo di tempo: dal 01/09/2014 al 30/11/2014 Testo Cercato : marijuana Rassegna Stampa Parametri di Ricerca impostati: Intervallo di tempo: dal 01/09/2014 al 30/11/2014 Testo Cercato : marijuana Rassegna Stampa realizzata da SIFA Servizi Integrati Finalizzati alle Aziende

Dettagli

DIPARTIMENTO POLITICHE ANTIDROGA. Informazioni per i giovani. www.droganograzie.it

DIPARTIMENTO POLITICHE ANTIDROGA. Informazioni per i giovani. www.droganograzie.it DIPARTIMENTO POLITICHE ANTIDROGA? s i b a cann Informazioni per i giovani www.droganograzie.it CANNABIS Anno 2009 A cura di: Dipartimento Politiche Antidroga - Presidenza del Consiglio dei Ministri Tratto

Dettagli

CANNABIS. Generazione In- Dipendente

CANNABIS. Generazione In- Dipendente CANNABIS Generazione In- Dipendente CANNABIS Introduzione CANAPA (CANNABIS SATIVA) Principi attivi: tetraidrocannabinolo (Δ 9 -THC) Altri Principi non attivi: cannabinolo, cannabidiolo Con i termini hashis

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto IL SISTEMA NERVOSO Sistema nervoso centrale Sistema nervoso periferico encefalo midollo spinale sensoriale motorio -Cervello -Cervelletto somatico simpatico autonomo parasimpatico -Midollo allungato Il

Dettagli

Menopausa e ormoni: l'uso prolungato di questi accelera l'invecchiamento del cervello

Menopausa e ormoni: l'uso prolungato di questi accelera l'invecchiamento del cervello Menopausa e ormoni: l'uso prolungato di questi accelera l'invecchiamento del cervello L'uso prolungato di ormoni per ritardare la menopausa accelera l'invecchiamento del cervello. Le terapie ormonali che

Dettagli

(10) Legalizzazione delle droghe. La posizione di Garattini e di altri opinionisti scientifici

(10) Legalizzazione delle droghe. La posizione di Garattini e di altri opinionisti scientifici (10) Legalizzazione delle droghe. La posizione di Garattini e di altri opinionisti scientifici S ilvio Garattini, da oltre 40 anni dirige l Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, uno dei massimi

Dettagli

DIPARTIMENTO POLITICHE ANTIDROGA. Informazioni per i giovani. www.droganograzie.it

DIPARTIMENTO POLITICHE ANTIDROGA. Informazioni per i giovani. www.droganograzie.it DIPARTIMENTO POLITICHE ANTIDROGA? y s a t ecs Informazioni per i giovani www.droganograzie.it ECSTASY Anno 2009 A cura di: Dipartimento Politiche Antidroga - Presidenza del Consiglio dei Ministri Tratto

Dettagli

Marijuana e Hashish : i fatti

Marijuana e Hashish : i fatti Marijuana INFORMAZIONI SULLE DROGHE, IL LORO EFFETTO E LE LORO RIPERCUSSIONI SUL CORPO E SULLA PSICHE UMANI. Il THC non potrà mai essere usato come medicinale perché presenta gravi effetti collaterali.

Dettagli

Alcol, droghe e comportamenti a rischio

Alcol, droghe e comportamenti a rischio 26 marzo 2014 h. 09.10-11.00: LEZIONE DI LEGALITA Alcol, droghe e comportamenti a rischio prof.ssa Alessandra Busulini Mosaico - classi 1 e : prevenzione all uso di alcol Mosaico - classi 2 e : prevenzione

Dettagli

Cannabis. Il mito di una droga per nulla «leggera» Una presentazione di Alleanza Cattolica. Foto: graffiti, Cannabis Club, Venice, California

Cannabis. Il mito di una droga per nulla «leggera» Una presentazione di Alleanza Cattolica. Foto: graffiti, Cannabis Club, Venice, California Cannabis Il mito di una droga per nulla «leggera» Una presentazione di Alleanza Cattolica Foto: graffiti, Cannabis Club, Venice, California Marijuana: che cos è? La marijuana è ricavata dalle foglie e

Dettagli

La dipendenza psicologica. Dott.ssa Aurora Martina Meneo aurora.meneo@gmail.com 328 92 88 660 www.lifeofbrain.com

La dipendenza psicologica. Dott.ssa Aurora Martina Meneo aurora.meneo@gmail.com 328 92 88 660 www.lifeofbrain.com La dipendenza psicologica Dott.ssa Aurora Martina Meneo aurora.meneo@gmail.com 328 92 88 660 www.lifeofbrain.com E una condizione in cui il consumatore ha bisogno di assumere frequentemente una sostanza:

Dettagli

Interazione tra alcol e farmaci o "sostanze" varie Molti farmaci (in primo luogo tranquillanti ed ansiolitici, ma anche antidolorofici, alcuni antistaminici, perfino sciroppi per la tosse) interagiscono

Dettagli

TI STA A LA TUA SALUTE?

TI STA A LA TUA SALUTE? TI STA A LA TUA SALUTE? La scoperta del secolo! Doveva diventare un farmaco... ... per fortuna e un integratore per tutti! Nobel Ignarro, Ossido Nitrico promettente per Tumori e Alzheimer Roma, 18 luglio

Dettagli

IL FUMO DANNEGGIA LA SALUTE DELL APPARATO RESPIRATORIO:

IL FUMO DANNEGGIA LA SALUTE DELL APPARATO RESPIRATORIO: IL FUMO DANNEGGIA LA SALUTE DELL APPARATO RESPIRATORIO: note divulgative per aiutare a smettere di fumare 2 Devo veramente smettere di fumare? Il fumo è la causa principale della broncopneumopatia cronica

Dettagli

Dott.ssa Mariarosaria Sannino. Scuola Primaria Classe V

Dott.ssa Mariarosaria Sannino. Scuola Primaria Classe V Dott.ssa Mariarosaria Sannino Scuola Primaria Classe V DROGA è Con il termine droga si indica ogni sostanza capace di agire sui meccanismi e sui processi del cervello. Modifica le emozioni, i ricordi,

Dettagli

M OZIONE dei Consiglieri MIARDINI

M OZIONE dei Consiglieri MIARDINI Atti C onsiliari VII LEGISLATURA ATTO N. 1233 M OZIONE dei Consiglieri MIARDINI E ANTONINI Uiìlìz.zo medico della canapa indiana e dei suoi derivati. Depositato al Servizio Assistenza agli Organi, Iter

Dettagli

Da una parte. D altra parte. Tutto quello che occorre sapere su alcol e droghe nei luoghi di lavoro.

Da una parte. D altra parte. Tutto quello che occorre sapere su alcol e droghe nei luoghi di lavoro. Da una parte. D altra parte. Tutto quello che occorre sapere su alcol e droghe nei luoghi di lavoro. Alcol e droghe sul lavoro Perché dire NO Non vogliamo vietare nulla Mettiamo le cose in chiaro: non

Dettagli

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 Versione 2016 1.CHE COS È LA FEBBRE RICORRENTE ASSOCIATA A NLRP12 1.1 Che cos è? La febbre ricorrente associata a NLRP12

Dettagli

DIPENDENZA DA CANNABINOIDI

DIPENDENZA DA CANNABINOIDI DIPENDENZA DA CANNABINOIDI La cannabis è forse la prima pianta ad essere stata coltivata dall uomo a scopo non commestibile Da sempre è utilizzata per le sue proprietà psicoattive e per produrre fibre

Dettagli

Le malattie fumo correlate. Dott. Paolo Monte

Le malattie fumo correlate. Dott. Paolo Monte Le malattie fumo correlate Dott. Paolo Monte Fumo come fattore di rischio di malattia Il fumo costituisce il principale fattore di rischio evitabile per le principali malattie causa di mortalità ed invalidità

Dettagli

L ALCOLISMO. Un problema risolvibile

L ALCOLISMO. Un problema risolvibile L ALCOLISMO Un problema risolvibile MAPPA INTRODUZIONE DIPENDENZA PERCHÈ SI ABUSA? ASPETTI SOCIALI 1. GIOVANILE 2. VIOLENZA TERAPIE ASSOCIAZIONI UTILI L ALCOLISMO INTRODUZIONE È LA PIÙ ANTICA E DIFFUSA

Dettagli

Fumo e benessere riproduttivo

Fumo e benessere riproduttivo Fumo e benessere riproduttivo Cosa c è in una sigaretta? Più di 4000 sostanze tossiche sono contenute nel fumo di tabacco. - Nicotina: crea dipendenza - Monossido di carbonio: ostacola l'azione dei muscoli

Dettagli

Automedicarsi vuol dire curare da sé lievi disturbi o sintomi passeggeri,

Automedicarsi vuol dire curare da sé lievi disturbi o sintomi passeggeri, 1. RESPONSABILE 1. CHE COSA È L AUTOMEDICAZIONE RESPONSABILE Automedicarsi vuol dire curare da sé lievi disturbi o sintomi passeggeri, come tosse, raffreddore, stitichezza: disturbi che conosciamo bene,

Dettagli

IL TABACCO E IL FUMO, LA STORIA E' una pianta originaria del Sud America, importata in Europa in tempi antichi, probabilmente nel periodo delle prime

IL TABACCO E IL FUMO, LA STORIA E' una pianta originaria del Sud America, importata in Europa in tempi antichi, probabilmente nel periodo delle prime Il fum o IL TABACCO E IL FUMO, LA STORIA E' una pianta originaria del Sud America, importata in Europa in tempi antichi, probabilmente nel periodo delle prime spedizioni spagnole nel Nuovo Mondo. All'inizio

Dettagli

A cosa serve lo iodio?

A cosa serve lo iodio? Iodio e Salute Che cos è lo iodio? Lo iodio, dal greco iodes (violetto), è un elemento (come l ossigeno, l idrogeno, il calcio ecc) diffuso nell ambiente in diverse forme chimiche. Lo iodio presente nelle

Dettagli

ll consumo di bevande alcoliche durante la gravidanza e l allattamento può avere effetti dannosi sulla salute del bambino.

ll consumo di bevande alcoliche durante la gravidanza e l allattamento può avere effetti dannosi sulla salute del bambino. NON BERE BEVANDE ALCOLICHE IN GRAVIDANZA ED IN ALLATTAMENTO U.O. Consultorio Familiare Distretto n 1 e n 2 Ostetrica t CRISTINA FILIPPI Ostetrica BIANCA PIVA 1 Non bere bevande alcoliche in gravidanza

Dettagli

IL FUMO DELLA SIGARETTA. PERCHE FA MALE E COSA DICE LABIBBIA IMMAGINE - 21 agosto 2015

IL FUMO DELLA SIGARETTA. PERCHE FA MALE E COSA DICE LABIBBIA IMMAGINE - 21 agosto 2015 IL FUMO DELLA SIGARETTA PERCHE FA MALE E COSA DICE LABIBBIA IMMAGINE - 21 agosto 2015 1 Introduzione Il FUMO COSA SI FUMA? Le sostanze che si aspirano dalle sigarette sono parecchie e ognuna di queste

Dettagli

MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA. Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano

MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA. Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano MENOPAUSA E D INTORNI COSA SI PUO E COSA SI DEVE FARE? CHE COS E? La menopausa non

Dettagli

L azione delle droghe sul cervello

L azione delle droghe sul cervello Aspettando le Olimpiadi delle Neuroscienze Trento 16 gennaio 2012 in collaborazione con il Museo delle Scienze di Trento L azione delle droghe sul cervello Yuri Bozzi, PhD Laboratorio di Neuropatologia

Dettagli

LA DROGA DROGA: tutte le sostanze, naturali o artificiali che modificano il funzionamento del sistema nervoso

LA DROGA DROGA: tutte le sostanze, naturali o artificiali che modificano il funzionamento del sistema nervoso LA DROGA DROGA: tutte le sostanze, naturali o artificiali che modificano il funzionamento del sistema nervoso in genere agiscono sulle sinapsi, alterando la trasmissione dell impulso nervoso e provocando

Dettagli

Tabacco, alcool, droghe

Tabacco, alcool, droghe Tabacco e prestaziome Tabacco, alcool, droghe Essere in pieno possesso delle proprie capacità cardio respiratorie e muscolari è indispensabile per la pratica di uno sport, qualunque esso sia. Alcune sigarette

Dettagli

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE SOMMARIO 7 L IMPORTANZA DEL COLON 11 UN ORGANO CON FUNZIONI VITALI 12 La fisiologia 20 La visione psicosomatica 36 L alimentazione 40 I rimedi naturali 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE SUI CONTRACCETTIVI ORMONALI COMBINATI: INFORMAZIONI AGGIORNATE PER LE DONNE

DOMANDE E RISPOSTE SUI CONTRACCETTIVI ORMONALI COMBINATI: INFORMAZIONI AGGIORNATE PER LE DONNE DOMANDE E RISPOSTE SUI CONTRACCETTIVI ORMONALI COMBINATI: INFORMAZIONI AGGIORNATE PER LE DONNE Perché sono ora disponibili nuove informazioni? Un ampia recente revisione europea ha valutato i benefici

Dettagli

La canapa: domande e risposte

La canapa: domande e risposte La canapa: domande e risposte Quanto è nociva la canapa? È difficile dare una risposta semplice a questa domanda. I rischi, infatti, variano a seconda del consumatore, delle situazioni, della quantità,

Dettagli

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate COLESTEROLO l insidioso killer del cuore A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è il COLESTEROLO Il Colesterolo è una sostanza che appartiene

Dettagli

DEFINIZIONE DI DIPENDENZA

DEFINIZIONE DI DIPENDENZA DIPENDENZA DA FUMO Il tabagismo è l'abitudine o dipendenza dal fumo di tabacco a cui consegue un'intossicazione di tipo cronico DEFINIZIONE DI DIPENDENZA Per dipendenza si intende una alterazione del comportamento

Dettagli

Disturbi emotivi: la risposta dell'omeopatia

Disturbi emotivi: la risposta dell'omeopatia Disturbi emotivi: la risposta dell'omeopatia Disturbi emotivi: la risposta dell omeopatia. In Europa ne soffre una persona su cinque (dati emersi recentemente dal progetto Emotionalaction, coordinato dall

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68 1 OBIETTIVI RICONOSCERE LE PRINCIPALI PATOLOGIE CARDIOCEREBRO VASCOLARI, CHE RICHIEDONO L ATTIVAZIONE DEL SISTEMA D EMERGENZA CON UN FOCUS PARTICOLARE SU ICTUS ED IMA IDENTIFICARE IL RUOLO DEL SOCCORRITORE

Dettagli

11 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

11 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta 11 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Studi epidemiologici recenti hanno evidenziato che tra i ragazzi della fascia d'età compresa tra i 9 ed i 17 anni, una percentuale

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

GIORNATA MONDIALE SENZA TABACCO VIII CONVEGNO NAZIONALE TABAGISMO E SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

GIORNATA MONDIALE SENZA TABACCO VIII CONVEGNO NAZIONALE TABAGISMO E SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE GIORNATA MONDIALE SENZA TABACCO VIII CONVEGNO NAZIONALE TABAGISMO E SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE IMPEGNO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE DEL MINISTERO DELLA SALUTE Daniela Galeone ISS OSSFAD: ROMA 31 MAGGIO

Dettagli

RESPIRARE BENE PER VIVERE SANI PROGETTO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE PER COMBATTERE IL FUMO E LE MALATTIE RESPIRATORIE

RESPIRARE BENE PER VIVERE SANI PROGETTO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE PER COMBATTERE IL FUMO E LE MALATTIE RESPIRATORIE RESPIRARE BENE PER VIVERE SANI PROGETTO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE PER COMBATTERE IL FUMO E LE MALATTIE RESPIRATORIE VINCENZO SCOLA MMG CENTRO DI MEDICINA GENERALE DANIELE GIRALDI BOVOLONE (VR) DANNI

Dettagli

Come uscire. dalle droghe

Come uscire. dalle droghe Come uscire dalle droghe Uscire dalle droghe è possibile in ogni Ho perso il controllo Un giovane può cadere facilmente nella trappola della droga, sia per curiosità, sia per una particolare situazione

Dettagli

La canapa: domande e risposte

La canapa: domande e risposte La canapa: domande e risposte Quanto è nociva la canapa? È difficile dare una risposta semplice a questa domanda. I rischi, infatti, possono variare a seconda del consumatore, del luogo di consumo, della

Dettagli

Progetto pilota Prevenzione giovanile al tabagismo

Progetto pilota Prevenzione giovanile al tabagismo Progetto pilota Prevenzione giovanile al tabagismo Giorgio Merlani Ufficio del medico cantonale Servizio promozione e valutazione sanitaria & Fondazione idée:sport Principali sostanze contenute nel fumo

Dettagli

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni Come si misura la qualità della vita in relazione alla salute La definizione di salute dell Oms indica uno stato ideale, con un concetto

Dettagli

GIACOMO GRANATIERO. La mappa segreta per smettere di fumare

GIACOMO GRANATIERO. La mappa segreta per smettere di fumare GIACOMO GRANATIERO La mappa segreta per smettere di fumare www.miniebook.it Il portale degli e-book informativi più economici del web Scopri tutti gli indizi che ti permetteranno di arrivare al tesoro

Dettagli

Guida e Dipendenze. Corso universitario di Educazione Stradale Luiss 15 novembre 2010

Guida e Dipendenze. Corso universitario di Educazione Stradale Luiss 15 novembre 2010 Guida e Dipendenze Corso universitario di Educazione Stradale Luiss 15 novembre 2010 Grazie agli studi neurologici oggi è possibile osservare anche i meccanismi di funzionamento del cervello Maturazione

Dettagli

CERVELLO. Perdita progressiva della memoria e del senso dell orientamento.

CERVELLO. Perdita progressiva della memoria e del senso dell orientamento. Gruppo 2 M. f. g. CERVELLO Perdita progressiva della memoria e del senso dell orientamento. Nervo ottico Diminuzione della vista e della sensibilità ai colori GOLA Cancro della laringe e della faringe

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA concetti di RISCHIO, DANNO, PREVENZIONE E PROTEZIONE protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino -Direzione Territoriale del

Dettagli

Progettato da Nicoletta Fabrizi

Progettato da Nicoletta Fabrizi Progettato da Nicoletta Fabrizi SNC è formato dall encefalo e dal midollo spinale,che costituisce un importante collegamento tra l encefalo stesso e il resto del corpo. Il midollo spinale comunica con

Dettagli

CHE I GENITORI POTREBBERO NON SAPERE RIGUARDO ALLA

CHE I GENITORI POTREBBERO NON SAPERE RIGUARDO ALLA 10 COSE CHE I GENITORI POTREBBERO NON SAPERE RIGUARDO ALLA Marijuana PREVENZIONE E RIABILITAZIONE DALLE DROGHE CONOSCI LE RISPOSTE A QUESTE DOMANDE SULLA MARIJUANA? 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 L uso di marijuana

Dettagli

LA MALATTIA DI ALZHEIMER: ASPETTI MEDICI E SOCIALI

LA MALATTIA DI ALZHEIMER: ASPETTI MEDICI E SOCIALI SEDE DI VARESE LA MALATTIA DI ALZHEIMER: ASPETTI MEDICI E SOCIALI Dott.ssa Cristina Morelli La malattia di Alzheimer è la più comune forma di demenza: colpisce l 1% della popolazione occidentale, il 6%

Dettagli

L avversario invisibile

L avversario invisibile L avversario invisibile Riconoscere i segni della depressione www.zentiva.it www.teamsalute.it Cap.1 IL PERICOLO NELL OMBRA Quei passi alle mie spalle quelle ombre davanti a me il mio avversario la depressione

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE

GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE Gli acidi grassi omega 3 rappresentano una risorsa fondamentale per la nostra salute, in grado di svolgere numerose funzioni preventive e terapeutiche. Rappresentano un

Dettagli

Indice. n IntroduzIone...5. n LA.dIGeStIone...7. n IL.SeCondo.CerVeLLo...11

Indice. n IntroduzIone...5. n LA.dIGeStIone...7. n IL.SeCondo.CerVeLLo...11 3 Indice n IntroduzIone...5 n LA.dIGeStIone...7 n IL.SeCondo.CerVeLLo...11 n L APPArAto.dIGerente...15 Stomaco... 18 Intestino... 23 Ghiandole salivari... 29 Fegato... 30 Cistifellea... 32 n Le.CoMPLICAnze.deLLA.dIGeStIone...

Dettagli

dell organismo a richieste esterno Dott. Giuseppe Marmo Ordine degli Psicologi di Basilicata

dell organismo a richieste esterno Dott. Giuseppe Marmo Ordine degli Psicologi di Basilicata SINDROME GENERALE DI ADATTAMENTO Risposta generale aspecifica dell organismo a richieste provenienti dall ambiente esterno Ordine degli Psicologi di Basilicata Ad un stimolo stressogeno si risponde con:

Dettagli

Il fumo in Italia. Sintesi dei risultati

Il fumo in Italia. Sintesi dei risultati Indagine effettuata per conto de l Istituto Superiore di Sanità, in collaborazione con l Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri e la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Sintesi dei risultati

Dettagli

01 Il sistema nervoso centrale 2

01 Il sistema nervoso centrale 2 VI Sommario Parte prima La mente e le sue funzioni nel ciclo di vita Pensare, imparare, conoscere se stessi e gli altri, farsi un idea dell ambiente che ci circonda, reagire agli stimoli che continuamente

Dettagli

FUMI? DIVENTA UN EX! Luoghi di Prevenzione

FUMI? DIVENTA UN EX! Luoghi di Prevenzione FUMI? DIVENTA UN EX! esperienze sensazioni Luoghi di Prevenzione emozioni conoscenze Smettere di fumare e restare ex-fumatore è un percorso possibile. In Italia gli ex-fumatori rappresentano il 22% della

Dettagli

Radon e Tumori: cosa li accomuna?

Radon e Tumori: cosa li accomuna? Conferenza con la dottoressa Silvia Villa Radon e Tumori: cosa li accomuna? I.I.S.S. Greppi, Progetto Scuola e casa a misura di radon L oncologa Silvia Villa Tra le varie attività programmate nel progetto

Dettagli

Rassegna Stampa. Venerdì 06 marzo 2015

Rassegna Stampa. Venerdì 06 marzo 2015 Rassegna Stampa Venerdì 06 marzo 2015 Rassegna Stampa realizzata da SIFA Servizi Integrati Finalizzati alle Aziende 20129 Milano Via Mameli, 11 Tel. 02/43990431 Fax 02/45409587 help@sifasrl.com Rassegna

Dettagli

Guida al benessere IL FUMO

Guida al benessere IL FUMO Guida al benessere IL FUMO Introduzione "Abbi chiaro in mente che non stai rinunciando a nulla. Non vi è alcun vero piacere o sostegno nel fumare. È solo un'illusione, come se si picchiasse la testa contro

Dettagli

Raimondo Maria Pavarin ASL Bologna Dipartimento Salute mentale Osservatorio Epidemiologico dipendenze. www.ossdipbo.org

Raimondo Maria Pavarin ASL Bologna Dipartimento Salute mentale Osservatorio Epidemiologico dipendenze. www.ossdipbo.org Percezione del danno, comportamenti protettivi, significati: fenomenologia del consumo di sostanze psicoattive tra i soggetti con età inferiore a anni Raimondo Maria Pavarin ASL Bologna Dipartimento Salute

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

Italiano PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD 2012 BACHILLERATO FORMACIÓN PROFESIONAL CICLOS FORMATIVOS DE GRADO SUPERIOR. Examen

Italiano PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD 2012 BACHILLERATO FORMACIÓN PROFESIONAL CICLOS FORMATIVOS DE GRADO SUPERIOR. Examen PRUEBA DE ACCESO A LA 2012 Italiano BACHILLERATO FORMACIÓN PROFESIONAL CICLOS FORMATIVOS DE GRADO SUPERIOR Examen Criterios de Corrección y Calificación Quest'esame ha due opzioni. Deve rispondere solo

Dettagli

L ipertensione arteriosa. Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza

L ipertensione arteriosa. Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza L ipertensione arteriosa Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza Che cosa faremo 1. Brainstorming: che cosa sapete sull ipertensione arteriosa? 2. Presentazione: prove disponibili ( che cosa

Dettagli

SOSTANZE VIETATE IN COMPETIZIONE e FUORI COMPETIZIONE

SOSTANZE VIETATE IN COMPETIZIONE e FUORI COMPETIZIONE SOSTANZE VIETATE IN COMPETIZIONE e FUORI COMPETIZIONE S1 Agenti anabolizzanti 1. Steroidi androgeni anabolizzanti (SAA) 2. Altri agenti anabolizzanti (Clembuterolo,etc.) S2 Ormoni, sostanze correlate e

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

Università Degli Studi Di Sassari CLINICA PSICHIATRICA. Dir. Prof. GianCarlo Nivoli DISTURBO COMPULSIVO. Prof.ssa Lorettu

Università Degli Studi Di Sassari CLINICA PSICHIATRICA. Dir. Prof. GianCarlo Nivoli DISTURBO COMPULSIVO. Prof.ssa Lorettu Università Degli Studi Di Sassari CLINICA PSICHIATRICA Dir. Prof. GianCarlo Nivoli DISTURBO OSSESSIVO- COMPULSIVO Prof.ssa Lorettu DISTURBO OSSESSIVO-COMPULSIVO Caratteristica essenziale di questo disturbo

Dettagli

INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016)

INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016) INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016) L influenza è un infezione respiratoria provocata da un virus. È molto contagiosa, perché si trasmette facilmente attraverso

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Il progetto Mi sta a cuore del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva. Giulia Mannella

Il progetto Mi sta a cuore del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva. Giulia Mannella Il progetto Mi sta a cuore del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva Giulia Mannella CITTADINANZATTIVA Un Movimento di partecipazione civica per la promozione e la tutela dei diritti

Dettagli

il paradiso, mandale all inferno.

il paradiso, mandale all inferno. i c e b e r g Unità Mobile Territoriale umt@email.it Unità Operativa Dipendenze Patologiche tel 0733 257597 fax 0733 257596 Ausl9 Macerata Regione Marche www.stammibene.marche.it stammibene@email.it il

Dettagli

Giovanissimi e Alcol...

Giovanissimi e Alcol... Roberto Baiocco Comportamenti a Rischio in Preadolescenza e Adolescenza Facoltà di Medicina e Psicologia BINGE DRINKING Giovanissimi e Alcol... Primo contatto 10-11 anni (+ bassa d Europa di circa 1 anno).

Dettagli

Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione. Ricerca quantitativa settembre 2012

Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione. Ricerca quantitativa settembre 2012 Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione Ricerca quantitativa settembre 2012 Questa ricerca COMMISSIONATA AD ASTRARICERCHE DA LILT NEL SETTEMBRE 2012 REALIZZATA TRA L'11 E

Dettagli

Che cos è la fibrosi cistica

Che cos è la fibrosi cistica La scoperta del gene responsabile della fibrosi cistica ha permesso la messa a punto di un test genetico per identificare il portatore sano del gene della malattia. Si è aperto quindi un importante dibattito

Dettagli

S.C. Pediatria e Neonatologia ONLUS Associazione Amici della P.O. Levante Ligure, La Spezia Pediatria della Spezia Direttore: Prof.

S.C. Pediatria e Neonatologia ONLUS Associazione Amici della P.O. Levante Ligure, La Spezia Pediatria della Spezia Direttore: Prof. S.C. Pediatria e Neonatologia ONLUS Associazione Amici della P.O. Levante Ligure, La Spezia Pediatria della Spezia Direttore: Prof. Stefano Parmigiani Presidente: Sig. Attilio Noletta GIORNATA REGIONALE

Dettagli

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto La prevenzione delle droghe prof.ssa Carla Buonaiuto L adolescenza inizia con l ingresso alla scuola media inferiore e in questo periodo avvengono cambiamenti psicofisici e nelle relazioni con la famiglia,

Dettagli

INDIVIDUARE E VALUTARE TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL AZIENDA, OVVERO NELL UNITÁ PRODUTTIVA

INDIVIDUARE E VALUTARE TUTTI I RISCHI PRESENTI NELL AZIENDA, OVVERO NELL UNITÁ PRODUTTIVA CORSO DI FORMAZIONE Docente Ing. Livio Della Seta Titolo modulo LA VALUTAZIONE DEI RISCHI 1 I TEMI TRATTATI Riepilogo normativo I concetti di pericolo e di rischio La valutazione dei rischi 2 DIRIGENTI

Dettagli

Quello che c è da sapere sull alcol

Quello che c è da sapere sull alcol Schede di approfondimento Quello che c è da sapere sull alcol Vi siete mai chiesti cosa accade quando si consumano alcolici, se è proprio vero che le donne sopportano l alcol meno degli uomini, o se un

Dettagli

Dati e prospettive. Angelo d Errico Servizio Sovrazonale di Epidemiologia ASL TO3 Regione Piemonte

Dati e prospettive. Angelo d Errico Servizio Sovrazonale di Epidemiologia ASL TO3 Regione Piemonte Dati e prospettive Angelo d Errico Servizio Sovrazonale di Epidemiologia ASL TO3 Regione Piemonte INVECCHIAMENTO DELLA POPOLAZIONE LAVORATIVA Nei prossimi anni si prevede un invecchiamento della popolazione

Dettagli

Fumo, alcool e droga nella scuola, scelta consapevole

Fumo, alcool e droga nella scuola, scelta consapevole Fumo, alcool e droga nella scuola, scelta consapevole Relatore: M. Agostini parte I Lovere 24/04/2012 Convitto Nazionale Cesare Battisti - Premessa - So benissimo che se avete deciso di provare fumo, alcool

Dettagli

Unità 1 Introduzione alla Clinica Psichiatrica

Unità 1 Introduzione alla Clinica Psichiatrica Unità 1 Introduzione alla Clinica Psichiatrica Prevalenza e incidenza delle malattie psichiatriche, psichiatriche sistemi di classificazione lassificazione e principi per la valutazione Unità 1 Clinica

Dettagli

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Sofferenza, disagio, disturbi psichici e del comportamento di adolescenti e giovani: i servizi si confrontano Varese, 16 novembre 2011 USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE

Dettagli

3M Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro. Guida ai rischi. Protezione Vie Respiratorie. Prendi. a cuore. la tua sicurezza

3M Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro. Guida ai rischi. Protezione Vie Respiratorie. Prendi. a cuore. la tua sicurezza 3M Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro Protezione Vie Respiratorie Guida ai rischi Prendi a cuore la tua sicurezza A ogni respiro, possiamo inalare milioni di particelle. Le particelle nocive non sono

Dettagli

Vaccinazione per prevenire il cancro del collo dell'utero: risposte alle principali domande

Vaccinazione per prevenire il cancro del collo dell'utero: risposte alle principali domande Vaccinazione per prevenire il cancro del collo dell'utero: risposte alle principali domande Nel novembre 2006 è stato omologato in Svizzera un nuovo vaccino che può proteggere le donne dal cancro del collo

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente!

Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente! Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente!, in un ottica di prevenzione della salute, si è proposto di offrire ai ragazzi del secondo anno un occasione di discussione e di riflessione all interno

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO. RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO. RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s. 2012/2013 Nel corrente anno scolastico, la Scuola Media L. Pirandello ha organizzato,

Dettagli

sonoallergico.it CURA LE ALLERGIE RESPIRATORIE, SCOPRI L IMMUNOTERAPIA CON ALLERGENI

sonoallergico.it CURA LE ALLERGIE RESPIRATORIE, SCOPRI L IMMUNOTERAPIA CON ALLERGENI sonoallergico.it CURA LE ALLERGIE RESPIRATORIE, SCOPRI L IMMUNOTERAPIA CON ALLERGENI LE ALLERGIE RESPIRATORIE Cosa sono e come si manifestano LA REAZIONE ALLERGICA Le allergie sono una reazione eccessiva

Dettagli

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Materiale pratico della durata di un ora circa Il nuovo ambiente di apprendimento rappresenterà un cambiamento pedagogico radicale o sarà soltanto

Dettagli

La comunicazione medico-paziente

La comunicazione medico-paziente La comunicazione medico-paziente Prof.ssa Maria Grazia Strepparava Psicologia della comunicazione in ambito sanitario - aa 2004-2005 Competenze che si richiedono al medico Saper capire e spiegare al paziente

Dettagli

SALUTE CONDIZIONE DI ARMONICO EQUILIBRIO, FISICO E PSICHICO, DELL INDIVIDUO DINAMICAMENTE INTEGRATO NEL SUO AMBIENTE NATURALE E SOCIALE.

SALUTE CONDIZIONE DI ARMONICO EQUILIBRIO, FISICO E PSICHICO, DELL INDIVIDUO DINAMICAMENTE INTEGRATO NEL SUO AMBIENTE NATURALE E SOCIALE. SALUTE CONDIZIONE DI ARMONICO EQUILIBRIO, FISICO E PSICHICO, DELL INDIVIDUO DINAMICAMENTE INTEGRATO NEL SUO AMBIENTE NATURALE E SOCIALE. MEDICINA PREVENTIVA Branca della Medicina che, mediante il potenziamento

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Autismo. Potrebbe iniziare già in gravidanza. Ecco lo studio USA

Autismo. Potrebbe iniziare già in gravidanza. Ecco lo studio USA Autismo. Potrebbe iniziare già in gravidanza. Ecco lo studio USA http://www.quotidianosanita.it/stampa_articolo.php?articolo_id=20640 Pagina 1 di 2 28/03/2014 quotidianosanità.it Venerdì 28 MARZO 2014

Dettagli

Sete e scelte di partecipazione. 20 marzo 2013

Sete e scelte di partecipazione. 20 marzo 2013 Partecipo... il diritto di essere ascoltati Esperti: dott.ssa Silvana Cremaschi. Insieme abbiamo parlato: - di come a volte sia difficile farci ascoltare , -

Dettagli

PERCHE SMETTERE DI FUMARE E SALVACUORE

PERCHE SMETTERE DI FUMARE E SALVACUORE Lega Friulana per il Cuore PERCHE SMETTERE DI FUMARE E SALVACUORE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della

Dettagli

Sommario Rassegna Stampa

Sommario Rassegna Stampa Sommario Rassegna Stampa Testata Titolo Pag. Rubrica Neuromed 13 Primo Piano Molise 29/10/2014 NEUROMED, OGGI GIORNATA MONDIALE CONTRO L'ICTUS 2 Ecodelmolise.com 28/10/2014 GIORNATA MONDIALE L ICTUS CEREBRALE

Dettagli