L arresto cardiaco pag. 4. di Elena Dusi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L arresto cardiaco pag. 4. di Elena Dusi"

Transcript

1 Distribuzione gratuita a domicilio e presso tutte le strutture sanitarie dell Azienda Ulss 18 di Rovigo. Periodico a carattere divulgativo e sociale esente da imposte. Sede Ulss 18 Rovigo - viale Tre Martiri 89 tel Direttore responsabile Annalisa Boschini - iscr. trib. di Rovigo n 23 del 1/12/ Edizione e distribuzione Azienda Ulss 18 Rovigo 2006 pianeta cuore 6 Numero Anno 3 Dicembre 2007 All interno Il trapianto di cuore pag. 3 L arresto cardiaco pag. 4 L infarto nella donna pag. 6 Prevenzione e agonismo pag. 7 EDITORIALE di Gaetano Thiene e Cristina Basso Le radici della medicina cardiovascolare Vi è unanime consenso fra gli storici che la Medicina Cardiovascolare Moderna poggi le sue fondamenta sugli studi di anatomia, funzione e storia naturale del corpo umano condotti all Università di Padova nei secoli XVI-XVII. L evoluzione del pensiero è ben delineabile fin dagli stessi titoli delle grandi opere che hanno segnato il cammino dello sviluppo di queste conoscenze. Alessandro Benedetti (Anatomicae, sive Historia Corporis Humani, 1493), Vesalio (De Humani Corporis Fabrica, 1543), Realdo Colombo (De Re Anatomica, 1559) e Gabriele Falloppio (Observationes Anatomicae, 1561) smontano il corpo umano attraverso la dissezione anatomica per scoprire i segreti della sua impalcatura e rompere le tradizioni che si richiamano a Galeno. Vi abbiamo a cuore di Annalisa Boschini Queste brevissime righe per salutare tutta la comunità di cui si occupano i servizi sociali e sanitari della nostra Ulss, i nostri lettori, i nostri operatori con un gioco di parole: ci state a cuore. E scusate se questa affermazione viene pubblicata proprio sul nostro giornale, che ha dedicato questa edizione a questo organo vitale, alle malattie che lo colpiscono, alle cure che lo guariscono, alle attenzione che lo fanno funzionare meglio. Come per il cuore, l esperienza editoriale che ha portato a casa vostra questo periodico monografico dal 2005 al 2007 ha voluto occuparsi di temi (l emergenze, le liste d attesa, l ospedale di Trecenta, la prevenzione, gli anziani) che vi stavano, e ci stavano a cuore. Allenare la salute di Marco Bottoni Segue a pagina 8 I risultati degli studi clinici accumulati negli anni dimostrano che un attività fisica da leggera a moderata in adulti sani riduce, sia negli uomini che nelle donne, il rischio di mortalità complessiva e l insorgenza di malattie cardiovascolari. L allenamento fisico, se correttamente eseguito, si è dimostrato efficace nel ridurre i sintomi anginosi nei pazienti con patologia coronarica e i sintomi di insufficienza cardiaca nei pazienti con disfunzione del ventricolo sinistro. Segue a pagina 7 Segue a pagina 2 Dalle cellule staminali nascerà un cuore umano. La prima tappa della scalata verso il traguardo si deve a sir Magdi Yacoub, il veterano dei cardiochirurghi inglesi nato al Cairo e insignito del titolo di baronetto nel Nel laboratorio dell ospedale britannico di Harefield, Yacoub e i colleghi hanno creato per la prima volta delle valvole cardiache partendo dalle staminali. Entro la fine dell anno i chirurghi tenteranno il trapianto in via sperimentale sugli animali. «Penso che arriveremo alle applicazioni sull uomo entro un decennio» prevede Yacoub. Il trapianto delle valvole è l intervento di cardiochirurgia più comune. In Italia se ne effettua circa uno al giorno e per supplire alla mancanza di donatori in alcuni casi si utilizzano valvole metalliche, di maiale o di mucca (rivestite con materiale sintetico). Diversi gruppi di scienziati nel mondo stanno cercando da anni valvole resistenti, adattabili al cuore umano e scevre da rischi di infezione o rigetto. L atout che permette di raggiungere il triplice obiettivo è proprio l uso delle staminali, cellule capaci di replicarsi su una superficie sterile assumendone la forma. Con un opportuna impalcatura e fattori di Elena Dusi Angiografia foto E. Bossan Nuove frontiere nuove speranze L utilizzo delle cellule staminali nelle patologie cardiovascolari di crescita adeguati, Yacoub e colleghi hanno realizzato delle valvole complete. Verso il traguardo di un cuore nuovo fatto di staminali stanno lavorando in realtà molte équipe nel mondo. L approccio più studiato consiste nell iniettare le cellule rigeneratrici nel muscolo colpito da infarto per fargli recuperare parte della capacità contrattile. In caso di danni alle arterie coronarie, invece, le staminali promettono di rigenerare le pareti dei vasi sanguigni. E pezzo dopo pezzo, gli scienziati sognano di assemblare in laboratorio un organo completamente nuovo sfruttando i segreti della biologia. Uno studio dell università del Michigan pubblicato su Regenerative Medicine sosteneva che l obiettivo non è irraggiungibile: «L ingegneria dei tessuti vede nella rigenerazione del cuore una delle sue punte di diamante». scriveva Ravi Birla, direttore del Laboratorio per il cuore artificiale dell ateneo, in cui nel dicembre scorso venne realizzato un frammento di tessuto muscolare capace di contrarsi e rilassarsi al ritmo di un battito umano. La dieta del cuore di Fiorella Costa Elena Dusi giornalista professionista di Repubblica L alimentazione ha una forte influenza sulla salute del tuo cuore. Mangiare troppo e in maniera non corretta può causare soprappeso, ipercolesterolemia, ipertensione arteriosa, diabete e quindi aumentare il rischio di malattie cardiovascolari. Curare le conseguenze di tali malattie una volta che esse si sono manifestate, può non essere facile. E importante quindi cercare di prevenirle, ma come? Segue a pagina 6

2 Salute Ulss18 EDITORIALE (segue dalla prima pagina) Nel 1594 Fabrici d Acquapendente edifica il Teatro Anatomico, primo laboratorio nella storia della Medicina, e abbozza successivamente le prime intuizioni anatomo-funzionali nel De Venarum Ostiolis (1603) e nel De Formatu Foetu (1613). Nello stesso periodo Galileo, professore di Matematica all Università di Padova, introduce il metodo sperimentale secondo il quale scienza è misura. Grazie a questo metodo e alle lezioni di Anatomia del Maestro Fabrici, William Harvey, alunno del Ginnasio Patavino, è in grado di concepire la corretta teoria della circolazione (Exercitatio Anatomica De Motu Cordis et Sanguinis in Animalibus, 1628), così fondando la Fisiologia e aprendo la via all interpretazione del funzionamento dell intero corpo umano. Un secolo dopo, Giovanni Battista Morgagni, professore prima di Medicina e poi di Anatomia, sposta l attenzione alle malattie e alle alterazioni morbose del cuore, per l interpretazione dei sintomi e delle cause di morte cardiovascolari, attraverso il metodo della correlazione anatomo-clinica (De Sedibus et Causis Morborum per Anatomen Indagatis, 1761). Questo primato storico dell Università di Padova nell Anatomia, Fisiologia e Patologia Cardiovascolare è continuato nei secoli e mantiene tutta la sua attualità. La Scuola medica patavina è attualmente leader in Italia con una visibilità scientifica internazionale di altissimo livello nel campo della Medicina cardiovascolare. I suoi successi sono culminati il 14 Novembre 1985 con il primo trapianto cardiaco in Italia effettuato da Vincenzo Gallucci che ha aperto la via anche nel nostro paese alla cura delle malattie cardiache terminali con la sostituzione dell organo. Attualmente Padova è l unica sede italiana dove vengono effettuati di routine tutti i tipi di trapianto d organo (cuore, fegato, rene, polmone) mediante il coordinamento di un gruppo interdisciplinare comprendente chirurghi, clinici, patologi, immunologi, neurologi, anestesisti, medici legali, microbiologi. Il progetto di un Academic Medical Center, dove Medicina clinica e scienze di base opereranno finalmente insieme in maniera sinergica, fa sognare i giovani dottori di ricerca ed è foriero di interessanti, ancorché imprevedibili sviluppi per le Scienze cardiovascolari. Gaetano Thiene Professore Ordinario, Università degli studi di Padova Cristina Basso Professore Associato Patologia Cardiovascolare, Università degli Studi di Padova Un pianeta chiamato cuore L uomo non ha mai considerato il cuore come un organo qualunque insignendolo, fin dall antichità, di valori che andavano ben al di là della sua funzione. Circa 3000 anni fa un ignoto artista tracciò in una grotta del nord della Spagna la sagoma di un mammut con un ampia immagine a forma di cuore posizionata nel punto dove doveva effettivamente collocarsi il cuore dell animale. Il cacciatore preistorico sapeva di dover puntare a questo particolare organo per aver ragione dell animale e tale affresco rappresenta la più antica illustrazione del cuore di cui si abbia notizia e, al tempo stesso, la prima dimostrazione della consapevolezza da parte dell uomo della funzione vitale che esso svolge. Parallelamente, al cuore fu presto attribuita una funzione sovrannaturale con implicazioni di tipo magico. Tra gli antichissimi trattati medici egizi che ci sono pervenuti ve ne sono alcuni che riguardano specificamente il cuore. Da essi si desume che il cuore era considerato organo essenziale per la vita, nonché sede dello spirito, dell anima e della ragione. Dopo le operazioni d imbalsamazione del corpo solo il cuore rimaneva al suo posto; gli Egizi, infatti, credevano che dopo la morte l anima giungesse dinanzi ad Osiride, il quale ne pesava il cuore su una bilancia: se durante la vita l individuo non aveva commesso colpe, il cuore era leggero come una piuma e l anima entrava nel regno degli dei; altrimenti, se il cuore era pesante, l anima veniva divorata da un mostro. Nel libro Nei Tsing, opera dall imperatore Hunag Ti ( a.c.), vi sono passi da cui si desume che nell antica Cina il concetto di circolazione del sangue era già presente e che nella medicina antica La circolazione sanguigna Storia e simbologia fra scienza ed esoterismo di Lorenzo Belletti Risale solo al 1616, un epoca relativamente recente, la scoperta della circolazione sanguigna. Autore ne fu un medico inglese, William Harvey, che condusse parte dei suoi studi presso l Università di Padova, in collaborazione con Girolamo Fabrici d Acquapendente. Fino ad allora era prevalsa la teoria galenica secondo cui il cuore non rivestiva un ruolo centrale nella circolazione. Galeno, filosofo e scienziato greco del II sec. d.c., aveva sostenuto infatti che fosse il fegato a produrre il sangue a partire dal cibo e che il sangue servisse a portare così il nutrimento ai vari organi del corpo. Harvey, invece, capì che il cuore è un muscolo e che il suo funzionamento è simile a quello di una pompa. Capì anche che le valvole cardiache lasciano fluire il sangue dagli atri ai ventricoli e non al contrario e che anche le valvole delle vene lasciano passare il sangue in un unica direzione, cioè dai distretti periferici al cuore. Harvey intuì che c era una comunicazione tra arterie e vene e che questa comunicazione, alla lunga, portava il sangue continuamente in circolo, facendolo passare per il muscolo cardiaco. cinese l esame del polso era già considerato tra gli aspetti più utili alla diagnosi. I Cinesi credevano che il cuore fosse l organo principale del corpo: l organismo umano veniva considerato come una copia in miniatura dell universo di cui il cuore era l imperatore, racchiuso all interno del suo palazzo fortificato, rappresentato dalla gabbia toracica. Per secoli le conoscenze sul sistema cardiocircolatorio, sul cuore, sulle vie arteriose e venose, sul sangue e sulle loro funzioni furono vaghe e fortemente condizionate da implicazioni di tipo magico-religiose. Fu solo con la medicina del periodo greco classico, e in particolare con Ippocrate ( a.c.) e la sua scuola, che l approccio nei confronti del funzionamento del cuore e dell organismo in generale si avvalse di visioni maggiormente empirico-razionali. Con il passare dei secoli le varie branche della scienza cominciarono a strutturarsi servendosi di una metodologia scientifica riconosciuta e condivisa. Lo sviluppo della neurologia e della psicologia consentirono finalmente di trasferire la ragione, le emozioni e i sentimenti dal cuore alla mente. Ma, sebbene la medicina del XIX e del XX sec. abbia descritto nei dettagli la fisiologia dell apparato cardiovascolare, nella coscienza comune dell uomo contemporaneo il cuore continua a rivestire una funzione che va al di là di quella di semplice pompa del sangue rimanendo luogo più intimo e misterioso dell uomo dove sentimenti ed emozioni trovano la loro sede di formazione e di sviluppo. SALUTE Ulss 18 dell Azienda Ulss 18 di Rovigo viale Tre Martiri Rovigo tel fax Progetto e cura Enrico Bossan Direttore responsabile Annalisa Boschini Redazione Elena Azzalin Lorenzo Belletti Marta Boscardin Progetto grafico Giovanna Durì Impaginazione Carlo Rossolini Vignette Daniel Cuello Stampa Mediagraf S.p.A. Noventa Padovana Hanno collaborato: Enrico Albertini, Cristina Basso, Cristiano Bendin, Annalisa Boschini, Marco Bottoni, Federica Broglio, Carlo Cavriani, Fiorella Costa, Elena Dusi, Alberto Garbellini, Francesca Rosati, Gaetano Thiene. Si ringrazia la collaborazione di Republica per la concessione del testo di Elena Dusi. Finito di stampare nel mese di Dicembre 2007 Registrazione Tribunale di Rovigo n 23 del 1/12/2004 Mappatura del cuore foto L. Belletti

3 Salute Ulss18 3 Il trapianto di cuore Intervista al professor Pietro Zonzin Quali sono i primi sintomi di una patologia cardiaca? Quando si deve ricorrere a un trapianto di cuore? Quali i benefici e i rischi di un intervento tanto delicato quanto efficace nel trattamento delle cardiopatie terminali? Ne parliamo con il dottor Pietro Zonzin, 66 anni, fino a poche settimane fa primario della divisione di Cardiologia dell ospedale Santa Maria della Misericordia di Rovigo. Quali sono i campanelli d allarme che inducono un paziente a rivolgersi al cardiologo? I sintomi più diffusi sono una ridotta tolleranza allo sforzo con disapnea, cioè difficoltà a respirare, e presenza di dolori a livello del torace. Spesso a questi sintomi si associano cardiopalmo, vertigini, svenimento oppure il riscontro occasionale di valori pressori superiori alla norma. Quando si ricorre al trapianto del cuore? Al trapianto si ricorre solamente quando la terapia medica ottimizzata non è più in grado di mettere il paziente nelle condizioni di far fronte alle proprie semplici e normali attività quotidiane, come vestirsi, spogliarsi, muoversi. Quali sono le difficoltà che si riscontrano quando si decide di optare per un trapianto? Il primo problema è la sproporzione tra il numero di persone bisognose di trapianto e la scarsa disponibilità di cuori. Per questo vengono messi in atto degli interventi farmacologici e terapeutici, rivelatisi molto efficaci, per guadagnare tempo in attesa dell organo disponibile: pacemaker biventricolari, pacemaker con funzioni di defibrillatore e vari strumenti cosiddetti bridge, che fanno cioè da ponte tra la fine della terapia e l arrivo del nuovo cuore. di Cristiano Bendin Quali i benefici e quali i rischi di un trapianto? I benefici immediati sono la sopravvivenza e una migliore qualità di vita: il 35 per cento dei trapiantati, infatti, viene reinserito nella vita produttiva. I rischi sono quello operatorio, anche se col tempo si è ridotto, quello infettivo e l immuno-depressione determinata dai farmaci anti-rigetto. A quali centri si affida l Ulss 18 per trapiantare i suoi pazienti? Generalmente ci affidiamo a Verona, Padova e Udine. Trapianti di cuore in Italia Regione Cristiano Bendin giornalista professionista Il resto del Carlino Abruzzo/Molise Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Lombardia Piemonte/Valle d Aosta Puglia Sardegna Sicilia Toscana Veneto Angioplastica coronarica Una rivoluzione nella cura delle patologie cardiovascolari Preparazione alla mappatura del cuore foto L. Belletti L importanza di non sentirsi soli, gli Amici del cuore un sostegno psicologico e umano di Cristiano Bendin Costituita nel giugno del 1988, l associazione Amici del cuore di Rovigo si occupa di promuovere e organizzare attività finalizzate all informazione e alla sensibilizzazione sulle malattie che colpiscono il sistema cardiocircolatorio. Lo scorso anno è stata insignita del premio San Francesco città di Rovigo per meriti sociali, conta ben 450 soci e, da circa un anno, è presieduta da Carlo Piombo, un passato da amministratore pubblico (è stato sindaco del capoluogo dal 1987 al 1990) e una vita dedicata all impegno sociale. Al centro della propria attività, l associazione ha posto il sostegno psicologico al paziente trapiantato e alle famiglie. «Il dialogo con questo tipo di pazienti non è facile spiega il presidente Piombo, spesso inizia dopo che si sono iscritti, per riconoscenza verso i medici o per averne parlato con familiari e amici. Abbiamo notato che, una volta superato lo shock iniziale, il paziente trapiantato inizia a parlare serenamente dell operazione e assume uno stile di vita più sano ed equilibrato, evitando il più possibile le fonti di stress». A convincere il paziente a iscriversi all associazione Amici del cuore sono spesso i familiari che subiscono un trauma non inferiore a quello che subisce il loro caro. «Sì conferma Piombo l impatto della malattia e dell operazione sulle famiglie è spesso forte, traumatico, ma viene superato non appena il paziente inizia a stare meglio. Da parte nostra, cerchiamo di alleviare questa sofferenza e questo disagio psicologico con il dialogo, la compagnia, l amicizia, una grande sensibilità. «Spesso basta poco aggiunge il presidente - una passeggiata, un appuntamento in piazza per un caffè, due chiacchiere. In certi casi, usando molta discrezione, fissiamo anche appuntamenti a domicilio e operiamo in stretto contatto con la divisione di Cardiologia, che cerchiamo di far conoscere attraverso incontri pubblici». Tra gli obiettivi dell associazione Amici del cuore, che nel 2008 compirà vent anni, c è il coinvolgimento sempre maggiore dei giovani affinché si facciano interpreti di uno stile di vita che, in prospettiva, può prevenire alcune delle più diffuse cardiopatie. di Alberto Garbellini Un intervento per ripristinare il corretto flusso sanguigno in una determinata regione del cuore, evitando così infarto miocardico, sindromi preinfartuali e coronariche acute. È l angioplastica coronarica, un trattamento che permette maggiore efficacia e minore invasività rispetto all intervento di by-pass aortocoronarico, evitando quegli eventi clinici che caratterizzano l ischemia miocardica (angina pectoris, angina instabile, infarto miocardico). Tecnicamente l angioplastica coronarica è il trattamento delle occlusioni e dei restringimenti delle arterie coronarie ottenuto attraverso il dilatamento al loro interno di speciali palloncini o con l applicazione degli stent, che sono delle apposite protesi metalliche. La procedura dell intervento consiste nell inserimento di una canula all interno di un arteria periferica (femorale, radiale), attraverso la quale sono introdotti dei dispositivi (i palloncini) sino alla coronaria da trattare. La dilatazione crea una sorta di danno controllato alla parete della coronaria allargando di fatto il lume del vaso sanguigno. Gli stent, invece, permettono la formazione di una sorta di impalcatura alla parete dell arteria con lo scopo di ottimizzare la dilatazione della stessa e ridurre così il rischio di occlusione. Le complicanze di questo intervento presentano una bassa frequenza e sono legate alla gravità della malattia coronarica di base, dipendono inoltre anche dalla capacità del ventricolo sinistro del cuore di svolgere correttamente le sue funzioni, dall età, dalle condizioni generali di salute del paziente e dalle caratteristiche della placca arteriosclerotica che restringe il vaso sanguigno. Un ulteriore fattore di fondamentale importanza è che nel caso si presentasse una recidiva del restringimento entro sei mesi dall intervento l angioplastica può essere ripetuta. Alberto Garbellini giornalista professionista Il gazzettino Cos è l angioplastica coronarica La possibilità di intervenire in anestesia locale evitando ampie esposizioni chirurgiche, senza supporto anestesiologico, con tempi di intervento in genere di breve durata, senza la necessità di lunghe riabilitazioni e spesso con risultati più favorevoli, e soprattutto la possibilità, in caso di recidiva, di ripetere tali interventi senza un aumento delle complicanze e dei rischi procedurali, ha progressivamente ristretto le indicazioni alla chirurgia tradizionale a favore dell angioplastica.

4 4 Salute Ulss18 Come riconoscere un attacco cardiaco di Francesca Rosati Un intenso dolore al centro del torace e al braccio sinistro: è il classico campanello d allarme che fa sospettare l insorgenza di un attacco cardiaco. «è importante specifica il dott. Loris Roncon che il paziente sia in grado di valutare in quale categoria di rischio si trova. Se una persona è obesa o diabetica o ipertesa e il dolore al petto insorge in concomitanza con sforzi fisici o stress particolari, allora sicuramente è un sintomo da non sottovalutare. In questi casi il tempo trascorso tra l inizio dell attacco cardiaco e il primo intervento medico svolge un ruolo determinante, tanto che si usa dire che il tempo è muscolo». Se si interviene entro 3 ore dall insorgenza del dolore, infatti, si riesce a salvare gran parte del muscolo cardiaco; dopo 12 ore, invece, si è già verificato un danno grave. Per questo si consiglia di chiamare immediatamente il 118 nel caso si sospetti un attacco cardiaco, perché l operatore che risponde alla chiamata è già in grado di valutare la gravità della situazione ed eventualmente di mandare un medico insieme all ambulanza per iniziare la terapia già a domicilio. «Spesso prosegue Roncon a giocare a sfavore del paziente è l incertezza decisionale, che fa perdere tempo prezioso, oppure la scelta di recarsi da soli al Pronto soccorso piuttosto che chiamare il 118». L intervento dell ambulanza, infatti, permette una diagnosi più tempestiva e il trasferimento protetto e diretto del paziente nel reparto di emodinamica, dove con l angioplastica coronarica si può riaprire la coronaria chiusa con uno speciale palloncino. Particolare attenzione devono avere le donne, che presentano spesso una sintomatologia atipica: il dolore toracico può non avere le classiche caratteristiche di dolore al petto irradiato al braccio sinistro. L arresto cardiaco Le cause di una frequente patologia cardiovascolare L arresto cardiaco, una delle cause di decesso più importanti. Ogni giorno ne rimane vittima, in media, una persona ogni nove minuti. Cifre importanti ma non sconvolgenti: in Italia sono quasi 250 mila le persone a rischio di morte improvvisa per problemi cardiaci. Il controllo di questa problematica non è facile: nella maggior parte dei casi l arresto si manifesta senza sintomi preventivi e in soggetti che non soffrivano, almeno apparentemente, di nessuna patologia di quel tipo. Non basta, quindi, tenersi sotto costante controllo. Analizzando le cause si scopre che circa l 85% degli arresti è dovuto esclusivamente al cattivo funzionamento del cuore, senza intervento di fattori esterni. Ma l infarto, che nell immaginario collettivo è una delle prime ragioni di morte, incide solo in piccola parte. In particolar modo a scatenare l arresto del cuore sono aritmie - come la fibrillazione ventricolare - cioè alterazioni della sequenza normale dei battiti cardiaci. Più precisamente tachicardia o bradicardia, a seconda che i battiti di Enrico Albertini aumentino o diminuiscano in modo anomalo. La fibrillazione ventricolare, molto diffusa, è dovuta ad una contrazione non coordinata dei ventricoli con il cuore che, quindi, non riesce a pompare sangue in maniera adeguata alle esigenze del nostro organismo. Tutte queste aritmie sono a loro volta provocate, nella maggior parte dei casi, da disfunzioni del muscolo cardiaco. Altre cause di aritmia e scompenso, non dovute direttamente a malfunzionamenti del cuore, possono essere condizioni fisiologiche funzionali: sforzi fisici eccessivi, abuso di sostanze eccitanti, difficoltà dei processi digestivi. Per il restante 15% gli arresti cardiaci sono provocati da avvelenamenti o intossicazioni, folgorazioni e disfunzioni metaboliche. L arresto cardiaco colpisce in grande prevalenza persone adulte, ma anche i giovani sono a volte coinvolti: si tratta di una patologia molto rara e di difficile previsione, dovuta spesso ad affezioni congenite ed ereditarie. Urgenza emergenza Gli strumenti a servizio dell emergenza. Defibrillatore, uno strumento indispensabile A volte ci sono pochi minuti a separare la vita dalla morte. In caso di emergenza, incidente, malore a risultare risolutivo è il primo intervento e dalla tempestività con cui si adottano i primi soccorsi può dipendere la salvezza di una persona. Ecco perché è fondamentale sapere intervenire ed avere gli strumenti per farlo. Fra questi il defibrillatore, il dispositivo in grado di riattivare il battito cardiaco attraverso la somministrazione di scariche elettriche direttamente sul petto della vittima. In base al progetto Pad (che regola l accesso alla defibrillazione per il personale non sanitario) anche le forze dell ordine devono avere a disposizione un defibrillatore per gli interventi di soccorso alle persone. Spesso i primi soggetti ad intervenire sul luogo di un incidente sono i vigili del fuoco e può capitare che siano proprio loro a dover prestare le prime cure alle vittime in attesta dell arrivo di medici e infermieri. I defibrillatori in dotazione ai vigili del 5-10% Senza una terapia d urgenza solo il 5-10% dei colpiti sopravvive all arresto cardiaco improvviso. di Alberto Garbellini 50% Tuttavia sono state raggiunte percentuali di sopravvivenza superiori al 50% laddove sono stati implementati con successo programmi sull uso del defibrillatore esterno automatico. fuoco di Rovigo sono a disposizione delle squadre di prima partenza, chiamate a intervenire in situazioni a rischio. Il personale è addestrato alle tecniche di primo soccorso con appositi corsi di formazione (in collaborazione con l Ulss 18). I defibrillatori in dotazione ai vigili del fuoco sono del tipo semiautomatico: applicati sul corpo della vittima sono in grado di leggere un tracciato cardiografico e individuare eventuali aritmie. Sarà poi l operatore a decidere se erogare la scarica elettrica per far ripartire il cuore. L operatore deve valutare le condizioni generali della vittima per fornire una fotografia della situazione ai medici che dovranno prendersi cura della stessa. In caso di estrema necessità è lo stesso vigile che dovrà utilizzare il defibrillatore, proprio per abbattere il fattore tempo e agire tempestivamente. In questo caso per prima cosa si accerterà delle condizioni del paziente (polso, respiro, movimento), in assenza di questi elementi il defibrillatore sarà attivato per leggere in profondità la situazione cardiaca. In presenza di un blocco potrà erogare scariche elettriche per riattivare il cuore e salvare così la vittima. 3 minuti Le percentuali possono aumentare ulteriormente se si interviene sul paziente entro tre minuti dall arresto cardiaco. Primo intervento per aiutare un infartato di Enrico Albertini Defibrillatore foto L. Belletti Il tempo è salute. Soprattutto nel caso ci si trovi di fronte a un arresto cardiaco. «Ogni minuto che passa il paziente ha il 10% di possibilità in meno di recupero» spiega il dott. Federico Politi, responsabile della Centrale operativa 118 dell Ulss 18 di Rovigo. L allarme precoce è quindi fondamentale. Ma come si riconosce una persona colpita da un arresto cardiaco? «Gli indicatori sono due continua Politi la perdita di conoscenza e l arresto respiratorio». Chiunque si trovi di fronte a una persona con questi sintomi deve subito chiamare il 118 e poi intervenire. «Bisogna stendere il paziente a terra, o comunque su una superficie rigida, in posizione supina. Poi, dopo averne scoperto il torace, si deve cominciare con il massaggio cardiaco» spiega Politi. Un corretto massaggio cardiaco prevede di mettersi lateralmente al soggetto colpito da arresto e appoggiare il palmo della mano sulla parte centrale del torace. Poi, con il palmo dell altra mano appoggiato sul dorso della prima, a dita incrociate, si deve premere decisamente, facendo forza con le spalle, verso il basso in direzione della colonna vertebrale in modo da far scendere il torace di almeno 4-5 centimetri. Il tutto ripetuto più volte, nel tentativo di far ripartire il cuore in questione. Politi ricorda come il massaggio vada sempre fatto: «al contrario di quanto si credeva una volta, è meglio fare un massaggio cardiaco in maniera scorretta che non fare niente afferma - gli eventuali danni risulteranno sempre minori ai benefici apportati». Diversa la situazione per la respirazione artificiale, da evitare se non si è in grado di farla bene: «al contrario in questo caso i danni apportati al paziente possono essere elevati conclude Politi ma soprattutto la respirazione sottrae tempo al massaggio cardiaco, che nelle situazioni di emergenza è da ritenere più importante».

5 Salute Ulss18 5 Prevenzione primaria Fattori associati ad aumento del rischio coronario Stili di Vita Dieta Ipercalorica o ricca in Acidi grassi Saturi e Colesterolo Fumo Consumo eccessivo di Alcol Sedentarietà Fattori di rischio modificabili Ipertensione Arteriosa Elevato LDL-Colesterolo Ridotto HDL-Colesterolo Elevati Trigliceridi Iperglicemia/Diabete Obesità Fattori Trombogenici Fattori di rischio non modificabili Età Sesso Storia familiare di malattia coronarica o altra malattia aterosclerotica precoce (maschi<55 a, femmine<65 a) Anamnesi positiva per malattia coronarica o altra malattia aterosclerotica Giovani e anziani a confronto Intervista al dott. Loris Roncon Nonostante gli straordinari progressi degli ultimi trent anni le malattie cardiovascolari rimangono la prima causa di morte in Italia. Come interpretare questo dato? «Con le nuove terapie, sia chirurgiche che farmacologiche spiega il dott. Loris Roncon, responsabile della SOC di Cardiologia molte persone oggi possono condurre una vita normale pur avendo subito un grave evento cardiovascolare. Secondo i dati più recenti, la mortalità complessiva nella popolazione italiana è in diminuzione, soprattutto per chi riesce a raggiungere una struttura ospedaliera entro poche ore dall insorgenza di un attacco cardiaco. Quello che sta cambiando, è la diffusione e tipologia del paziente con malattie cardiovascolari. Un analisi più approfondita dei dati epidemiologici ha messo in evidenza che la tendenza è differente a seconda delle fasce di popolazione che si considerano. Mentre nella popolazione anziana c è una marcata diminuzione delle morti per infarto, nei giovani e nelle donne tra i 35 e i 44 anni la mortalità è invece in aumento. Se negli anziani si evidenziano gli effetti positivi dei progressi della medicina e delle cure mediche, nei giovani e nelle donne emergono i danni causati dagli stili di vita che aumentano il rischio coronarico. La dieta ipercalorica o ricca di acidi grassi saturi e di colesterolo, unita ad una vita sedentaria, può causare obesità e diabete, due condizioni che aumentano il rischio di un evento cardiovascolare. Anche il fumo di sigaretta, il consumo eccessivo di alcol e la pressione alta sono fattori di rischio». di Francesca Rosati Cosa significa fattori di rischio? «Significa che il verificarsi di una o più di queste condizioni in un paziente, pur non causando direttamente la malattia cardiovascolare, aumenta la probabilità che nel corso della vita si vada soggetti a uno o più eventi cardiovascolari e può aggravare la malattia nel momento in cui essa si verifica. È stato dimostrato inequivocabilmente che la correzione dei fattori di rischio riduce la mortalità e la morbilità, specialmente dei soggetti con malattia cardiovascolare già conclamata. Per le donne è inoltre da porre in evidenza il rischio, spesso misconosciuto, della possibilità di una grave trombosi venosa, che può portare a rischio della vita per embolia polmonare, quando si associa il fumo di sigaretta alla pillola anticoncezionale. Con l aiuto del medico di famiglia ogni persona può fare un analisi del proprio stile di vita e periodicamente valutare il colesterolo e la pressione sanguigna. Questa prima analisi può già indirizzare le persone potenzialmente a rischio verso una visita specialistica per fare ulteriori accertamenti e modificare, ove possibile, i comportamenti dannosi. Un consiglio classico, ma spesso sottovalutato, è quello di cercare di vincere lo stile di vita sedentario, impegnandosi a compiere un percorso di almeno passi ogni giorno. Questo comportamento virtuoso è in grado, da solo, di diminuire la pressione sanguigna e il peso corporeo, due importanti fattori di rischio cardiovascolare». Francesca Rosati giornalista scientifica Le malattie principali angina pectoris è un dolore al torace di breve durata, provocato dall insufficiente ossigenazione del muscolo cardiaco attacco cardiaco (infarto miocardico) viene causato da un coagulo (trombo) che si forma in una arteria del cuore, bloccando il flusso sanguigno nell area sottostante: il muscolo cardiaco coinvolto comincia a morire. Più tempo passa senza cure, maggiore sarà il danno riportato dal cuore ictus è un deficit neurologico dovuto all interruzione del flusso sanguigno in un area del cervello. Può essere causato da un ischemia, cioè dalla chiusura improvvisa di un arteria che porta il sangue al cervello, oppure da una emorragia dovuta alla rottura di un arteria cerebrale cardiomiopatie sono una famiglia di malattie del cuore associate a un malfunzionamento del muscolo cardiaco scompenso cardiaco noto anche come insufficienza cardiaca, è la condizione in cui il cuore non riesce a pompare una quantità sufficiente di sangue a tutti gli organi del corpo. Nella maggior parte dei casi è una condizione cronica conseguente all infarto o ad altra malattia cardiaca, che si manifesta con stanchezza, mancanza di respiro dopo sforzo o a riposo, gonfiori alle gambe e sensazione di palpitazioni aritmie sono alterazioni della frequenza del battito cardiaco. Quelle a rischio per la vita oggi possono essere trattate con speciali dispositivi impiantabili, detti ICD, che fanno ripartire il cuore nel caso si verifichi un episodio aritmico fibrillazione atriale è la più comune forma di aritmia cardiaca nelle persone anziane Gli esami diagnostici Esami di I livello per inquadrare il livello di rischio colesterolemia, pressione, glicemia, analisi dei fattori familiari e legati all età, al sesso e agli stili di vita Esami di II livello di approfondimento per i pazienti a rischio Elettrocardiogramma (ECG): è la registrazione dell attività elettrica del cuore, cioè di come si contrae e si rilascia. Dal tracciato elettrocardiografico emergono battiti cardiaci anomali (aritmie), aree danneggiate, ingrossamento del cuore o flusso sanguigno inadeguato Elettrocardiogramma sotto sforzo (test al cicloergometro): serve a registrare il ritmo cardiaco durante l esercizio fisico, perché alcune disfunzioni emergono solo quando il cuore è sotto stress. L ECG viene effettuato prima, durante e dopo, un esercizio su una cyclette; contemporaneamente si misurano anche pressione arteriosa e ritmo respiratorio Holter: è una piccola scatola che contiene un registratore e una batteria e va portato in vita o su una spalla per 24 ore. Alla scatola sono collegati 5-7 elettrodi, che si applicano sul torace con l aiuto di un cerotto, e trasmettono ininterrottamente al monitor gli impulsi elettrici generati dal cuore. In pratica, si ottiene un ECG di un giorno intero, con il vantaggio che l attività cardiaca viene registrata durante le normali attività quotidiane (lavorare, mangiare, dormire) svolte dal paziente, e magari anche nei momenti in cui si verifica un aritmia o si avverte un dolore al petto Ecocardiogramma: è una ecografia del cuore che permette di studiare l anatomia del cuore, valutando lo spessore e la funzionalità delle pareti muscolari e il funzionamento delle valvole Applicazione holter foto L. Belletti Esami di III livello necessari nel caso gli esami precedenti abbiano individuato o facciano sospettare delle patologie più gravi Coronarografia: attraverso l introduzione di un catetere (un tubicino in gomma) in un arteria del braccio o della gamba e utilizzando un mezzo di contrasto, permette di visualizzare le coronarie, i vasi che nutrono il cuore, e le eventuali loro ostruzioni o restringimenti Scintigrafia miocardica: consente di valutare se il sangue irrora tutte le parti del muscolo cardiaco, attraverso l impiego di un tracciante radioattivo. Può essere eseguita a riposo e dopo uno sforzo Risonanza magnetica cardiaca: permette di vedere il cuore tridimensionalmente e di studiarne la morfologia Tac Multistrato: è un esame innovativo che permette di valutare la morfologia del cuore, le coronarie e lo stato dei bypass di un paziente operato senza interventi invasivi

6 6 Salute Ulss18 segue dalla prima pagina La dieta del cuore Ecco alcuni semplici accorgimenti che, se protratti nel tempo, aiuteranno il tuo cuore a mantenersi sano. Fai regolarmente colazione e a metà mattina e pomeriggio spezza la fame con una porzione di frutta o verdura Consuma almeno 3 porzioni al giorno di verdura/ortaggi (di cui almeno 1 cruda) e due di frutta Limita il consumo di carne a due-tre volte alla settimana. Preferisci le carni magre (pollo, coniglio, vitello, maiale magro) Limita il consumo di formaggi a due volte alla settimana privilegiando quelli freschi meno grassi. Ricorda che i formaggi sono sostitutivi della carne o del pesce Aumenta il consumo del pesce, almeno 2 volte a settimana Aumenta il consumo di legumi. I legumi sono un ottima fonte di proteine alternativa alla carne. Consumali con i carboidrati Privilegia gli alimenti ricchi di amido come pane, pasta, riso, patate assumendone 3 porzioni al giorno Preferisci modalità di cottura semplici (in acqua, al vapore,in teglie antiaderenti) con aggiunta di olio extravergine di oliva crudo a fine cottura Limita il consumo di sale, riducilo gradualmente sostituendolo con spezie ed erbe aromatiche Riduci a una volta la settimana il consumo di dolci. Preferisci i dolci fatti in casa purché preparati con quantità moderate di grassi. Fai attenzione ai dolci di produzione industriale, spesso contengono oli tropicali come ad esempio l olio di cocco o di palma ricchi di acidi grassi saturi che fanno aumentare il livello di colesterolo cattivo nel sangue Scegli l acqua quando hai sete, limita il consumo di bevande zuccherate e bevi il vino in modo moderato a pasto Infine se condirai la tua dieta ogni giorno con un pizzico (30 minuti) di attività fisica moderata come camminare velocemente o andare in bicicletta, il tuo cuore ti ringrazierà. dott. ssa Fiorella Costa Direttrice SOC Igiene Alimenti e Nutrizione dell Azienda Ulss 18 L infarto nella donna Una patologia spesso trascurata Nei paesi industrializzati le malattie cardiovascolari sono la principale causa di morte e, quando compaiono, sono più gravi nella donna che nell uomo. Assodato che una mirata attività di prevenzione possa drasticamente diminuire l incidenza di queste patologie, non è difficile comprendere come il requisito fondamentale per la prevenzione sia anzitutto la consapevolezza del rischio. La percezione che le donne hanno nei confronti dei pericoli causati dalle malattie cardiovascolari è purtroppo molto bassa in quanto si ritiene, a torto, che infarto e coronaropatie colpiscano principalmente la popolazione maschile. Le donne in età fertile sono poco soggette alle malattie cardiovascolari perché gli estrogeni, gli ormoni sessuali femminili, proteggono le arterie dal rischio di aterosclerosi. Durante la menopausa tuttavia la produzione di questi ormoni cessa. Il calo estrogenico produce un aumento di colesterolo, in particolare quello cattivo LDL, con la conseguente formazione di placche aterosclerotiche, oltre a causare una ridotta sensibilità all insulina a cui consegue un di Elena Azzalin maggior rischio di sviluppare il diabete. Considerando che la placca impiega dai 15 ai 25 anni per creare nell arteria un restringimento significativo, si spiega facilmente perché nel sesso maschile le sindromi coronariche insorgano a partire dai 50 anni, mentre nelle donne questo avvenga circa 20 anni dopo, cioè attorno ai 70 anni. Il presentarsi di un dolore al petto è uno dei segnali tipici dell angina e dell infarto. Nelle donne tuttavia il dolore può manifestarsi in modo particolare e meno intenso, con la conseguente tendenza a trascurarne i sintomi. Il dolore può essere inoltre di tipo puntuorio: una fitta improvvisa che non si diffonde alle braccia e che può manifestarsi anche a riposo. La prevenzione è quindi fondamentale per proteggere le donne dalle malattie cardiovascolari: smettere di fumare, tenere sotto controllo il peso corporeo e adottare una dieta che non favorisca la formazione della placca di colesterolo sulla parete delle arterie sono un modo efficace per salvaguardare la salute del cuore. Degenza reparto Cardiologia foto L. Belletti Gli abusi fanno male al cuore Alcol, quando lo svago si trasforma in patologia di Federica Broglio In Italia si stima che gli alcolisti siano circa un milione, con approssimativamente 4000 morti causate direttamente o indirettamente dall abuso di alcol. Uno studio recente mostra che negli ultimi vent anni si è riscontrato un aumento del 22% di alcolismo fra le donne. Un dato particolare dimostra che quelle che bevono tutti i giorni hanno un rischio sette volte maggiore di malattie coronariche rispetto a coloro che bevono solo occasionalmente inoltre, a parità di condizioni, si tratta di un rischio molto più alto dei loro colleghi uomini. Diminuisce il consumo di alcol medio pro capite ma cresce l uso e talvolta l abuso nei giovani. Gli adolescenti prediligono un alcol che crei una sorta di effetto sballo. Sta diventando questo il nuovo fenomeno sociale a cui esperti e medici devono far riferimento per prevenire eventuali dipendenze future. Mentre oggi sembra limitato ai weekend e alla serata in compagnia, l ebbrezza provocata dall alcol può lentamente ed in modo subdolo trasformarsi in un bisogno quotidiano. «Rispetto a una decina di anni fa è cambiata radicalmente la modalità di assunzione di alcol» - conferma il dottor Marcello Mazzo -, responsabile del Sert settore alcolismo. «Mentre prima corrispondeva a una mentalità legata alla vita in campagna in cui si beveva un bicchiere a pranzo e a cena, oggi si beve lontano dai pasti. Se da un lato può avere un ruolo socializzante perché assunto in occasioni di ritrovo, dall altro se ne abusa nella quantità. Assistiamo a dei cambiamenti culturali che, se trascurati, rischiano di sfuggire al controllo». Le conseguenze si ripercuotono anche sul corretto funzionamento di molti apparati del nostro corpo, tra cui quello circolatorio. L abuso di alcolici provoca ipertensione, un indebolimento del cuore e cambiamenti della velocità e del ritmo cardiaco. Queste modificazioni portano a vari disturbi cardiaci come la cardiomiopatia alcolica, in cui il cuore é affaticato e le sue funzioni sono gravemente compromesse. Per le fasce d età tra i 14 e i 18 anni l Ulss 18 ha attivato una serie di progetti, in collaborazione con altri enti e istituzioni, che si pongono l obiettivo di avvicinare le compagnie attraverso gli operatori di strada e consapevolizzare i ragazzi sulle conseguenze del consumo di alcol e droga, tentando di modificare alcune abitudini e di allontanarli dalle situazioni di rischio. Un percorso che necessariamente deve coinvolgere anche i genitori informandoli e rendendoli partecipi degli aspetti psicologici e sociali del problema. Consumo di alcol in Italia Consumo medio annuo pro-capite di alcol puro nell ambito di tutta la popolazione italiana (dati O.M.S.) litri litri litri litri Livello di consumo raccomandato dall O.M.S. ai Paesi della Regione europea per l anno litri l anno per popolazione > 15 anni 0 litri l anno per popolazione di età inferiore Persone di 14 anni e piu per consumo di vino, birra, alcolici fuori pasto qualche volta l anno anni (per 100 persone di 14 anni e più) Anni Vino Birra Alcolici Fonte Istat: Indagine multiscopo sulla famiglia. Nel 1996 le informazioni non sono state rilevate. Prevalenza dei consumatori di alcolici fuori pasto Classe di età anni Anni Anni Maschi Femmine Fonte Istat: Indagine multiscopo sulla famiglia. Nel 1996 le informazioni non sono state rilevate. Federica Broglio giornalista professionista Il gazzettino

7 Salute Ulss18 7 segue dalla prima pagina Regole da seguire Le regole da seguire per i giovani sportivi sono poche e semplici ma, se osservate, garantiranno una maggior salute ai nostri bambini. > Non si può uscire di casa, al mattino senza aver consumato una buona prima colazione. La prima colazione è importante per chiunque, tanto più lo diventa per chi vuole fare dello sport poichè un digiuno prolungato farà perdere attenzione e rendimento a scuola e nell attività fisica > Non si fa sport a pancia piena ma tre ore dopo avere consumato il pasto > I 5 gruppi di alimenti (frutta e verdura cereali - carne, pesce e uova - latte e latticini - zuccheri e grassi) ti forniscono la magica miscela di energie e di di Carlo Cavriani Piccoli sportivi a tavola nutrienti di cui hai bisogno per crescere sano e fare dello sport > Non è buona regola introdurre molte proteine pensando che migliorino la potenza dei muscoli > Il miglior rendimento è dato dall introduzione nell organismo di tutti i nutrienti, quindi nessuno di essi può essere sostituito. Ricorda la miscela magica > Non avrai bisogno di integratori alimentari per migliorare le tue prestazioni se consumerai le 5 famose porzioni di frutta e verdura al giorno > Durante l attività sportiva è buona regola introdurre zuccheri semplici e di rapido assorbimento (zucchero, miele, frutta) > Essendo l acqua l elemento essenziale della vita, gli Le sue squadre fanno venire il batticuore ai tifosi. Niente è mai scritto. Emozioni a non finire, in campo e sugli spalti. Attilio Bardi fa dello spettacolo e del bel gioco il suo credo calcistico. Quest anno siede sulla panchina del Rovigo. Lui il calcio lo conosce bene, prima di fare l allenatore è stato anche un discreto calciatore. E afferma: «Il calcio giocato richiede rapidità, implica scatti, dribbling, arresti e ripartenze brucianti. Uno sport che necessita quindi di una seria preparazione per resistere a lungo in ampi spazi di campo». L imperativo di questo sport è comunque avere un cuore sano. «Ricordo dice Bardi un episodio che mi è capitato quando giocavo a Terni. Stavamo facendo allenamento con i ragazzi della Juniores. Ad un certo punto, durante la partitella, in un normale contrasto di gioco un ragazzino è caduto a terra. Non dava segni di vita. Per fortuna un mio compagno ha avuto la prontezza di liberargli la lingua e di fare il massaggio cardiaco. Non c era un medico e del defibrillatore nemmeno l ombra. sportivi devono bere ancora prima di avere sete e nel corso di un attività fisica prolungata. Sono da evitare invece, le bevande con integratori vitaminici, calibrate sull organismo degli adulti e sproporzionate per le esigenze dei più piccoli. > Ricorda che per vincere non servono cibi speciali bastano l allenamento, l impegno e una corretta alimentazione > Mangia un po di tutto e varia l alimentazione, in modo che a turno anche le minime quantità necessarie di un minerale o di una vitamina possano rientrare comunque nella tua dieta Cioccolato e cuore Una buona notizia per i golosi: il cacao aiuta il cuore a mantenersi in buona salute. Che facesse bene e giovasse all umore era già noto, ma sembra anche avere un ruolo importante nel migliorare la circolazione del sangue nelle arterie riducendo le problematiche associate alle malattie cardiovascolari. Tutto questo però è valido solo se il cioccolato è fondente, perché ricco di flavonoidi, gli antiossidanti responsabili di questi benefici. Inoltre il cacao non deve essere alterato con sostanze aromatiche o sofisticato con altri ingredienti. Da peccato di gola a elisir di lunga vita: ma per addolcire il cuore evitate le abbuffate, l aumento di peso è uno dei principali fattori di rischio cardiovascolari. Correndo dietro a un pallone Per fortuna tutto si è risolto nel migliore dei modi. Ma è stato un episodio che mi ha davvero scosso». Ora però tutti i calciatori vengono sottoposti ogni anno a visite mediche, proprio per scongiurare eventuali problemi. Pensiamo ai giovani atleti che si allenano per giocare 90 minuti in undici sul campo regolamentare, ma anche ai meno giovani che, magari una volta alla settimana, si sfidano cinque contro cinque sui campi di calcetto per staccare dagli impegni lavorativi. È chiaro che se una persona che gioca a calcio non è del tutto a posto dal punto di vista cardiaco, può correre qualche rischio. Bardi oltre al calcio ha anche un altra passione: il tennis. E quando può lo pratica nei campi di viale Tre Martiri. Quale differenza con il calcio a livello di stress fisico? «In linea di massima no, perché entrambi gli sport necessitano di espletare il gesto atletico con coordinazione e rapidità, e quindi ci sono sempre dei momenti in cui lo stress sui meccanismi di adattamento del cuore risulta eccessivo. Certamente il tennis richiede tra tutti uno sforzo ancora più anaerobico, perché si gioca in spazi molto stretti e in tempi rapidissimi, si salta molto anche da fermi, compiendo sforzi intensi». Allenare la salute Fare esercizio riduce il rischio di sviluppare ipertensione arteriosa e diabete e aiuta il controllo del peso corporeo, modificando in senso positivo fattori di rischio importanti per la patologia cardiovascolare. Da non trascurare sono gli effetti che l allenamento determina in quanto a benessere psicologico, riducendo l ansia e la depressione e facilitando l integrazione sociale dei soggetti che lo praticano. Un attività fisica completa dovrebbe includere sia esercizi per aumentare la forza muscolare che esercizi per migliorare la flessibilità delle articolazioni e, per avere effetti favorevoli sulla salute, non deve essere stremante o eccessiva. Tutte le recenti raccomandazioni prevedono l esecuzione di un esercizio regolare, preferibilmente quotidiano, ad esempio minuti di marcia rapida, bicicletta, lavoro in casa o in giardino. Ovviamente i pazienti con problemi di salute cronici, come l insufficienza cardiaca o il diabete, prima di iniziare un nuovo programma di attività fisica dovrebbero avere il via libera dal medico, così come è consigliabile che gli uomini sopra i 40 anni e le donne sopra i 50, prima di iniziare una intensa attività fisica si assicurassero, per mezzo di opportuni accertamenti, di non avere già in atto una patologia cardiaca non diagnosticata o altri problemi di salute che possano richiedere un particolare monitoraggio delle risposte ottenute dall esercizio. Se adeguatamente somministrata e correttamente eseguita, l attività fisica fa bene al cuore, dà più giorni alla vita e più vita ai giorni. Dott. Marco Bottoni specialista in Medicina dello sport Prevenzione e agonismo Un programma di screening contro le patologie cardiovascolari di Marco Bottoni L attività sportiva è generalmente praticata, a livello agonistico, da individui giovani che godono di buona salute e che non presentano segni o sintomi di patologie rilevanti. Tuttavia l esercizio dello sport, specie nelle discipline che prevedono una più intensa richiesta di attività atletica, è gravato dal verificarsi di casi di morte improvvisa, la maggior parte dei quali è dovuta a cause cardiovascolari. Alla base di questi tragici eventi, fortunatamente rari, stanno spesso anomalie cardiovascolari che sono del tutto asintomatiche, il cui riconoscimento negli atleti agonisti assume carattere prioritario e indispensabile. La legge italiana obbliga gli atleti che intendono praticare attività agonistica a sottoporsi a una valutazione clinica e strumentale approfondita, dalla quale è condizionato il rilascio dell idoneità alla pratica sportiva. Dal 1982 è stato organizzato, in accordo con tale normativa, un programma nazionale di ricerca delle patologie cardiovascolari silenti negli atleti agonisti. I partecipanti a tale screening vengono sottoposti a controlli che prevedono: ricerca nella storia patologica familiare di morte improvvisa o patologie cardiache in età giovanile e in quella personale di episodi di sincope, dolore toracico o turbe del ritmo cardiaco; esame clinico per il rilievo di segni quali anomalie muscoloscheletriche, rumori o soffi cardiaci, alterazioni del ritmo cardiaco o della pressione arteriosa; esecuzione di tracciato elettrocardiografico a dodici derivazioni. La presenza di una o più anomalie considerate come criterio positivo dal programma di valutazione comporta l esclusione dell atleta dall esercizio della attività agonistica, in quanto indizio di una possibile cardiomiopatia. Un recente studio condotto da medici dell Università di Padova ha evidenziato come la partecipazione di giovani atleti a questo tipo di screening ha permesso di portare alla luce un grande numero di casi di patologia cardiaca silente portando, nella sola Regione Veneto, a una diminuzione dei casi di morte improvvisa dell 89% nel periodo dal 1982 al Dott. Marco Bottoni specialista in Medicina dello sport Camminare fa bene Per incrementare il numero di passi giornalieri è utile: dedicare uno spazio di tempo della giornata al camminare parcheggiare la macchina più lontano e percorrere un tratto di strada a piedi quando è possibile camminare invece di prendere la macchina 1,9 milioni Le malattie cardiovascolari sono la prima causa di morte nella popolazione maschile e femminile europea. Si stima che la mortalità per malattie cardiovascolari sia circa la metà della mortalità totale e che causi ogni anno nell Unione Europea più di 1,9 milioni di decessi. 50% scendere dai mezzi publici una fermata prima e proseguire a piedi fare le scale invece di prendere l ascensore alzarsi e camminare durante il lavoro ridurre le ore davanti alla TV, computer e videogiochi I principali fattori di rischio per le malattie cardiovascolari dipendono significativamente dallo stile di vita e l Organizzazione Mondiale della Sanità stima che una riduzione anche modesta di tali fattori potrebbe ridurre di più del 50% l incidenza di queste patologie.

8 8 Salute Ulss18 segue dalla prima pagina Vi abbiamo a cuore Speriamo di avervi offerto senza presunzione e con la massima semplicità progetti, dati, numeri, segnalazioni di luoghi e servizi a cui fare riferimento in caso di bisogno: per prevenire, per curare, per esservi vicino nel momento della malattia o della necessità di appoggio e sostegno. Ma non sono mancati i racconti, le storie, gli aneddoti, che hanno alleggerito le nostre, le vostre pagine per tratteggiare un profilo più caldo ed empatico delle politiche e delle strategie per la salute. Il cuore pulsante della salute, per conservarla, mantenerla, migliorarla siete voi: con le vostre segnalazioni, con l attenzione che ci avete regalato e che è stata per noi fonte di autentica, travolgente motivazione. Dott.ssa Annalisa Boschini, giornalista e capo ufficio stampa dell Azienda Ulss 18 Heart Care Foundation Che cos è HCF? Heart Care Foundation è la Fondazione italiana per la lotta alle malattie cardiovascolari. Nasce nel 1998 su iniziativa dell Associazione Nazionale Medici Cardiologi (ANMCO), l associazione scientifica nata nel 1963, che attualmente riunisce oltre 5000 cardiologi italiani. Nel 2000 HCF è stata riconosciuta con Decreto Ministero della Salute del 25 settembre ed è iscritta al registro ONLUS. Urgenza - emergenza Tel 118 Sedi ospedali Azienda Ulss 18 Rovigo Ospedale Santa Maria della Misericordia Viale Tre Martiri 140 (strada statale 443) Tel Fax Trecenta Ospedale San Luca Viale Prof. U. Grisetti 265 Tel Fax CUP - Centro Unico di Prenotazione Tel Numero Verde per disdire le prenotazioni Numeri utili URP - Ufficio relazioni con il pubblico Tel Cardiologia SOC di Rovigo > Segreteria Tel > Ambulatorio Tel Fax Dipartimento di Prevenzione: Tel Distretto socio sanitario Tel Associazione Amici del cuore Via G. Marchi Rovigo Tel SER.T. Servizio Tossicodipendenze > Rovigo V.le Gramsci 27 Tel Fax > Lendinara Via Perolari 42 Tel Fax AIDO Associazione Italiana per la Donazione di Organi, Tessuti e Cellule num.verde dal lunedi al sabato ore Heart Care Foundation Sito internet: found.org Polstrada > Rovigo Corso del Popolo 192 Tel Fax Vigili del fuoco > Rovigo Via dell Ippodromo 6 Tel Tecnologia a servizio del cuore Il pacemaker come rimedio alla bradicardia di Marta Boscardin & A chi si rivolge? a tutti dai più piccoli che vanno a scuola, agli adulti dai soggetti che non hanno mai avuto problemi cardiovascolari al paziente che ha già subito, ad esempio, un infarto miocardico al 98% degli italiani che hanno almeno un fattore di rischio cardiovascolare (dato Eurisko su campione di persone) Perchè è stata fondata? Il nostro battito cardiaco è regolato dal nodo senoatriale, localizzato nell atrio destro. In condizioni normali la frequenza cardiaca è di battiti al minuto e il cuore pompa circa 5 litri di sangue al minuto. Alcune malattie causano un eccessivo rallentamento del battito cardiaco, condizione definita bradicardia, rendendo inadeguata la quantità di sangue e di ossigeno pompata dal cuore per il nostro organismo. Una persona affetta da bradicardia può sentirsi facilmente affaticata, debole, avere le vertigini o svenire; anche le normali attività quotidiane possono risultare faticose. La bradicardia può interessare sia persone molto giovani sia anziane, tuttavia viene solitamente diagnosticata in soggetti di età avanzata. Nella maggior parte dei casi è trattata con l impianto di un pacemaker, termine inglese che vuol dire segnapassi : è un piccolo apparecchio elettronico costituito da un astuccio di metallo liscio e leggero che contiene un minuscolo computer e una batteria. Viene inserito, sotto pelle, nel corpo del paziente mediante un incisione di pochi centimetri. È collegato al cuore tramite uno o due conduttori elettrici particolari (cateteri), introdotti in una vena, che permettono al pacemaker di ascoltare l attività del cuore. Quando questo batte troppo lentamente, l apparecchio interviene in suo aiuto trasmettendo degli impulsi elettrici di bassissima intensità, che sono molto simili a quelli naturali e dunque non vengono assolutamente avvertiti dal paziente. In questo modo viene modificata la frequenza cardiaca in base alle esigenze del corpo. Tuttavia il pacemaker non impedisce al cuore di funzionare autonomamente quando batte in modo regolare. Ci sono varie tipologie di pacemaker, il medico sceglierà quella più idonea a risolvere il problema clinico di ciascun paziente. Dopo l impianto sono necessari periodici controlli, che non si limitano ad una semplice valutazione elettrica ma sono un momento di controllo approfondito delle condizioni cliniche e dell integrazione pacemaker-paziente. per affiancare l opera del medico e del cardiologo contro le malattie cardiache per dare al cittadino tutti gli strumenti per evitare o almeno ritardare le malattie cardiovascolari per realizzare gli obiettivi di una reale prevenzione cardiovascolare Principali iniziative HCF vuole ridurre l impatto sociale delle malattie cardiovascolari, attraverso la diffusione della cultura della prevenzione e della promozione della salute. Questo significa programmi integrati e coordinati per dare maggiore incisività alle azioni educazionali e di sensibilizzazione, attraverso: Le iniziative dell Ulss 18 Cardiologie aperte Sono più di 250 le Strutture cardiologiche che ogni anno sono coinvolte in tutta Italia per spiegare l importanza di uno stile di vita salutare. Ogni centro propone un programma di iniziative, concentrandosi su alcuni dei temi protagonisti della Giornata Mondiale del Cuore: dalla prevenzione degli attacchi cardiaci al mangiar sano, dal vantaggio di una sana attività fisica ai rischi del fumo. La Heart Care Foundation, la Fondazione italiana per la lotta alle malattie cardiovascolari, promuove ad esempio la Giornata nazionale delle Cardiologie aperte, iniziativa a cui partecipa anche la Struttura di Cardiologia di Rovigo, diretta dal dott. Roncon. La Giornata si tiene normalmente l ultima settimana del mese di settembre e in questa occasione i cittadini possono visitare il reparto di Cardiologia, i vari laboratori diagnostici e avere informazioni e materiale informativo sugli stili di vita e le misure di prevenzione cardiovascolare. Inoltre possono confrontarsi con i medici dell AMNCO (Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri), coadiuvati dagli infermieri di Cardiologia, a disposizione per fornire informazioni sulle malattie cardiache o sul rischio cardiovascolare. campagne di sensibilizzazione rivolte ai cittadini corsi di formazione nelle scuole promozione di uno stile di vita sano salvacuore servizi interattivi di informazione e consulenza via internet ricerca scientifica clinica e sperimentale eventi speciali a livello locale, regionale, nazionale CONSERVANDO QUESTO GIORNALE POTRAI AVERE l informazione sempre a portata di mano Sono usciti i primi 6 numeri del giornale dell Ulss 18: urgenzaemergenza trecentaospedale listediattesa giovanianziani agireprevenire saluteterritorio Le copie gratuite sono disponibili in tutte le strutture sanitarie dell Azienda Ulss 18 di Rovigo

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire alle persone che hanno avuto un

Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire alle persone che hanno avuto un ??? Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire alle persone che hanno avuto un infarto alcune informazioni utili a condurre la vita di ogni giorno con serenità e consapevolezza. Viene consegnata al momento

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa

50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa 50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa Gruppi di N Domanda Risposta argomenti Sintomi 1. Ho 52 anni e sono iperteso. Ultimamente vedo meno bene e l ottico mi ha prescritto degli occhiali.

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta PROGRAMMA MINISAL Sottoprogetto ISS www.menosalepiusalute.it MINISAL-GIRCSI BUONE PRATICHE SULL'ALIMENTAZIONE: VALUTAZIONE DEL CONTENUTO DI SODIO, POTASSIO E IODIO NELLA DIETA DEGLI ITALIANI Consumo medio

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Gentili Pazienti, desideriamo fornirvi alcune informazioni utili per affrontare in modo

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16 Diabete di tipo 2 ed Obesità Serie N.16 Guida per il paziente Livello: facile Diabete di tipo 2 ed Obesità - Serie 16 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera,

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce La defibrillazione precoce L'American Heart Association ha stimato che più di una persona ogni mille, in particolare tra i 45 e i 65 anni muore di morte improvvisa. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari

Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari 2 marzo 2007 Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat rileva presso i cittadini

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C.

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C. Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI T.A.C o meglio T.C. Gentili Pazienti in modo molto semplice vogliamo fornirvi alcune informazioni utili per

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

www.areu.lombardia.it

www.areu.lombardia.it www.areu.lombardia.it OPERATORE LAICO INDICE PREMESSA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE -BASIC LIFE SUPPORT and DEFIBRILLATION - CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA SEQUENZA DEL DEFIBRILLAZIONE PRECOCE ALGORITMO

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli