Anno VIII numero uno maggio 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno VIII numero uno maggio 2013"

Transcript

1 Sommario: Pagina 1: Editoriale Lo Sport alla Fermi Ci risiamo Pagina 2: Continua Sport dalla prima pagina Pagine 3 e 9: Abbiamo vinto Poesia Pagine 4 e 5: Viaggi e viaggiatori... Pagine 6, 7 e 8: Sui banchi e in cattedra... Pagine 10 e 11: Insieme agli altri Poesie RIECCOCI! La Redazione Ci risiamo! Dopo anni, siamo riusciti a costituire una nuova Redazione ed a tornare in stampa con Il giornale di Livia. Le risorse per acquistare la carta e le cartucce di inchiostro per la stampa le abbiamo reperite dai fondi comunali del progetto Legami ; la stampante laser a colori ci è stata donata da uno sponsor Ex Geonav, Viareggio ; la voglia di stare insieme, di scrivere e di raccogliere le cose scritte e disegnate dai vari plessi è tutta dei componenti adulti ed adolescenti della Redazione. Buona lettura e buona visione. Anno VIII numero uno maggio 2013 Giornale dell Istituto Comprensivo Livia Gerescvhi, Pontasserchio EDITORIALE della Redazione La Dirigente Lida Sacconi ringrazia tutti per aver contribuito al conseguimento degli obiettivi formativi con grande successo. L anno scolastico è alle ultime battute e ormai è tempo di bilanci che risultano decisamente positivi. L attività didattica si è contraddistinta, anche quest anno, per la vivacità delle azioni educative e per la vitalità di docenti e alunni, impegnati a dare prova che non sempre scuola è sinonimo di noia e che, quando il lavoro scolastico viene effettuato con motivazione, gli apprendimenti sono assicurati. I risultati sono tangibili: a livello nazionale per i Giochi Delle Scienze Sperimentali 2013 si sono classificati, primo pari merito e secondo pari merito, rispettivamente Bioli Ivan e Bandini Gianluca della classe IIIA della scuola secondaria, i quali a Castellammare di Stabia hanno partecipato ad un ulteriore prova pratica e Bandini Gianluca si è classificato terzo, acquisendo il diploma di Piccolo scienziato sperimentatore. Per le Olimpiadi Nazionali della Matematica 2013, a Milano, sono risultati finalisti: Tommaso Napoli (IE), Andrea Caporale (IIC), Valentine Beux (IID), Luca Cappabianca (IIE), Ivan Bioli (IIIA) della scuola secondaria. A Siena, primi classificati al Rally Transalpino Matematico, gli alunni della classe VA della scuola primaria a tempo pieno, M.D. Verdigi di Pappiana. Nell ambito delle attività sportive, la squadra della Federpesistica, composta dalle alunne della scuola secondaria, Valentine Beux e Elisa Fratini (IID), Camilla Enwereuzor e Asia Della Bartola (IIID), Noemi Filippi (IIIC) si è classificata seconda. La classe IVB di Pappiana tempo pieno è risultata vincitrice al Concorso della Giunti Scuola, Pet care, per la realizzazione di un cartone animato. I bambini della sezione 5 anni della scuola dell infanzia di Pugnano sono risultati finalisti al Concorso Copertine, bandito dalla Giunti Scuola, per la realizzazione di copertine destinate alle riviste dell infanzia del prossimo anno scolastico. I bambini della classe IB della Primaria di Metato hanno vinto il III Premio ex aequo: Uguaglianza è Essere LO SPORT ALLA FERMI Indagine svolta tra i ragazzi della secondaria di I gr. E. Fermi 2c 2e 3b 2b 2a 3d tot. moda media percentuale niente ,17 16,24 pallavolo ,83 9,40 danza ,50 7,69 calcio ,50 28,21 nuoto ,67 13,68 tennis ,50 2,56 karate ,67 3,42 scherma ,50 2,56 rugby ,33 1,71 ginnastica ,17 5,98 basket ,67 3,42 equitazione ,50 2,56 pallanuoto ,17 0,85 pattinaggio ,33 1, tutti Re e Regine del concorso Il cammino dei principi fondamentali bandito dall Associazione Nicola Ciardelli ONLUS nell ambito della Giornata della Solidarietà aprile Molteplici sono state anche le risposte che l Istituto ha dato alle varie sollecitazioni educative proposte dall Amministrazione Comunale e dalle associazioni culturali del territorio. Primi classificati al Concorso bandito da La voce del Serchio per la poesia, la classe IB della scuola secondaria; per la categoria video, gli alunni del Laboratorio video della scuola secondaria; per la categoria arti grafiche, gli alunni delle classi IIIA e IIIB della scuola primaria di Metato; per la sezione narrativa, menzione speciale a Giulia Maccioni (IB scuola secondaria). Camilla Enwereuzor si è classificata prima al Concorso Il LAV-ORO delle donne, patrocinato da Inail, Comune di S. Giuliano e Assessorato alle Pari Opportunità, sul tema della sicurezza sul lavoro in ottica di genere femminile. Per il Premio Internazionale di Poesia Narrativa Saggistica Arti Visive Santa Maria in Castello Città di Vecchiano, Elena Olobardi e Chiara Barsotti (classe IID scuola secondaria) si sono classificate, rispettivamente, prima e seconda; segnalazione d onore a Vittorio Cibeca e Valentine Beux (IID scuola secondaria). Merita particolare attenzione il progetto Una scuola in Burkina Faso volto alla costruzione della scuola nella savana; alla realizzazione di questo edificio gli alunni della sezione D della scuola secondaria, coordinati dalla loro docente di Manola Cartacci, hanno contribuito fattivamente con la realizzazione di più raccolte di fiabe, da loro trascritte e illustrate, che poi si sono impegnati a vendere, concretizzando un cospicuo gruzzolo. Siamo poi orgogliosi di comunicare che il gruppo di ricerca-azione dell Istituto parteciperà al Convegno Nazionale N. 27: Incontri con la Matematica a Castel San Pietro T. (Bo), nel novembre 2013, con il seminario Appassionata Mente: percorsi di formazione enattiva. Un esempio: caos e ordine, lo scarabocchio. Continua in seconda pagina

2 Dalla prima pagina Dalla prima pagina Dalla prima pagina Dalla prima pagina Dalla prima pagina Dalla prima pagina Dalla prima LO SPORT ALLA FERMI: Indagine svolta tra i ragazzi della scuola secondaria. Margherita DC, Chiara B, II D, E. Fermi Chi pratica uno sport? Quali sport sono i preferiti? A queste domande risponde l inchiesta fatta nelle classi: 2A,2B, 2C, 2E, 3B, 3D. Dai dati è emerso che lo sport più praticato all interno della scuola è il calcio che è praticato da 33 alunni su 117, le classi in cui si pratica di più sono la 3B e la 2A, mentre uno degli sport meno effettuati è la pallanuoto che viene svolta da un alunno su 117. Il secondo in graduatoria è il nuoto che viene svolto da 16 alunni su 117; il terzo sport più praticato è la pallavolo che è effettuata da 11 alunni su 117; il quarto sport è la danza: 9 alunni su 117; il quinto sport in graduatoria è la ginnastica che è professata da 7 alunni su 117; gli sport al sesto posto sono due, il basket e il karate, praticati da 4 alunni su 117; al settimo posto troviamo il tennis, la scherma e l equitazione che vengono praticati da 3 alunni su 117; l ottavo posto se lo aggiudica il pattinaggio, svolto da 2 alunni su 117. Le classi in cui abbiamo svolto l inchiesta sono molto attive e, come abbiamo visto prima, lo sport più desiderato è il calcio; ma perché il calcio risulta più praticato rispetto agli altri sport? Indubbiamente è un bellissimo sport molto coinvolgente e competitivo che impegna molto e offre carriere molto promettenti. Il calcio insegna anche ad accettare la sconfitta e a comportarsi sportivamente, inoltre è uno sport di squadra e quindi offre l opportunità di fare nuove conoscenze, molto importanti nella nostra fase evolutiva. Mentre, all ultimo posto in graduatoria troviamo la pallanuoto, uno sport che coinvolge molto il fisico e,quindi, fa in modo che nel nostro corpo non vi siamo accumuli di grasso in eccesso, il quale colpisce la maggior parte dei ragazzi al giorno d oggi. Dai racconti ascoltati dai nostri compagni questo sport è molto travolgente e divertente sia dal punto di vista sportivo che dal punto di vista sociale; questa è una affermazione soggettiva, ma fino ad ora non abbiamo incontrato casi che contrastino essa. Anche se è uno sport poco praticato, è comunque definito positivamente. Io penso che non è molto praticato perché i così detti leader della società non praticano lo sport in questione e a sua volta gli altri ragazzi, che si lasciano contagiare dalle loro idee, non svolgono questo sport. Al secondo posto in graduatoria troviamo il nuoto, praticato da una abbondante quantità di ragazzi, il nuoto è uno sport molto impegnativo e faticoso, che coinvolge quasi tutto il nostro complesso muscolare. Nel comune di San Giuliano T. abbiamo a disposizione una piscina pubblica dove si svolgono molti corsi con istruttori esperti, che hanno gareggiato anche nella nazionale italiana. Al terzo posto della nostra scala abbiamo la pallavolo, praticata da un parte rilevante di ragazzi. Questo sport interessa soprattutto la parte femminile della scuola; la pallavolo è uno sport molto competitivo, certamente offre l opportunità di socializzare, ma, dalle interviste effettuate abbiamo appreso l idea che la pallavolo trasmette un emozione unica, che lega fortemente il praticante al soggetto. Nella stessa palestra della scuola vi è una società Passione Volley, che prepara ragazzi di qualsiasi età a svolgere partite, tornei e campionati; da poco c è stato il torneo della coppa Toscana. Al quarto posto in graduatoria troviamo la danza, effettuata da una lieve quantità di alunni/e. La danza è uno sport praticato principalmente praticato da ragazze. Nel comune di San Giuliano Terme c è una scuola di danza che insegna questo sport a ragazzi e ragazze di qualsiasi età. Al quinto posto in graduatoria troviamo la ginnastica, anch esso uno sport praticato per la maggior parte da ragazze, lo sport in questione ha a disposizione due strutture all interno del comune di San Giuliano Terme, che sono la polisportiva di Metato e la polisportiva pontasserchiese; a giugno si svolgerà il saggio finale, dove sarà esposto ciò che è stato appreso nel corso dell anno. Al sesto posto troviamo a pari merito il basket e il karate. Il basket si svolge alla polisportiva di Ghezzano e il karate a San Giuliano. Il basket è uno sport che richiede una certa altezza. Il karate è uno sport molto impegnativo che richiede molta concentrazione. Al settimo posto in graduatoria troviamo la scherma, l equitazione e il tennis, questi sport sono perlopiù individuali, ma oltre a questo non hanno altre caratteristiche in comune; la scherma fa uso di fioretti, il tennis di racchette e l equitazione avviene mediante l uso del cavallo. All ottavo posto in graduatoria troviamo il pattinaggio che si svolge alla polisportiva di Molina e si svolge su pattini a quattro ruote e si distingue in due tipi in linea e artistico. E questi sono gli sport svolti nella nostra scuola dagli alunni delle classi già elencate in precedenza.

3 Abbiamo vinto.. Abbiamo vinto.. Abbiamo vinto.. Abbiamo vinto.. Abbiamo vinto.. Abbiamo vinto.. Abbiamo vinto.. PENSIERO DI NATALE Classe III A, Metato TG NOI Comunicato stampa CONCORSO GIUNTI Classe IV B, Pappiana tempo pieno Nuovo e importante riconoscimento nazionale all Istituto scolastico Livia Gereschi di Pontasserchio. Questa volta le giovani sentinelle della legalità, appartenenti alle classi quinta A e B della scuola primaria di Metato, hanno visto premiato il loro impegno dal concorso nazionale Noi ci stiamo! promosso dall Istituto Crescita della Persona grazie ad un finanziamento nazionale pubblico del Dipartimento della Gioventù della Presidenza del Consiglio dei Ministri, e finalizzato alla tutela del bene comune e al consumo responsabile. Il giorno 14 dicembre 201-2, presso il Teatro Verde, nella splendida Roma, si è tenuta la premiazione dei migliori elaborati realizzati dalle scuole secondarie di primo grado e primarie provenienti da tutta Italia. Durante tutto l anno hanno preso parte al progetto più di 184 scuole provenienti da diciassette regioni e il numero di consensi ottenuti è stato grande: persone votanti sul web, pagine visitate con utenti unici per una durata media di 04 e 18 e ben contatti Facebook nella sola settimana dal 6 al 12 ottobre scorso. I lavori ammessi al concorso sono stati ben 110 di cui nove finalisti tra questi la scuola Cesare Battisti e l età degli sviluppatori è compresa tra 8 e 12 anni, rispettando tutti i requisiti della tecnologia e dell ambiente. Il lavoro dei giovani studenti di Metato ha documentato con il video Raccontami il mondo TG NOI, le disuguaglianze reali presenti nel nostro pianeta, con riferimento anche alla realtà locale. «Nel corso dei cinque anni alla primaria affermano con orgoglio le insegnanti Maria Luisa Matteucci e Anna Rita Senatore, coordinatrici dell iniziativa gli alunni hanno maturato la consapevolezza sulla loro identità che si è andata definendo sempre più dal confronto con altre identità, cioè quelle dei più vicini compagni di banco ed anche degli amici stranieri, fisicamente più lontani. Dallo scambio dei saperi di culture diverse (albanese, rumena, macedone, congolese ) si è fatta pratica di cittadinanza attiva e si è mostrato come si fa a stare bene insieme. Come membri di una comunità scolastica, interculturale allargata, gli alunni sono diventati protagonisti responsabili del ruolo da assumere oggi, nel loro presente». Sito Internet su cui è visibile il TG-NOI: Salve siamo i bambini dell'attuale classe 4 B a tempo pieno della scuola primaria "D. M. Verdigi " di Pappiana e vi vogliamo raccontare che una nostra storia è stata trasformata in un bellissimo cortometraggio a cartoni animati!!! Lo scorso anno, infatti, abbiamo partecipato come molte altre classi del nostro istituto e di Italia al concorso " Pet Care" organizzato dalla famosa casa editrice Giunti e abbiamo vinto il primo premio con la storia " Teo il gatto" che racconta le peripezie di un piccolo gatto randagio abbandonato in un cassonetto e del suo ritrovamento e salvataggio da parte di uno spazzino dal cuore d'oro. Abbiamo inventato la storia tutti insieme e le maestre l'hanno suddivisa in 20 piccole parti, proprio come il numero di noi alunni, abbiamo così costruito la storia illustrandola e creando un libro con i disegni di tutti noi e le maestre l'hanno spedita al concorso. Dopo qualche mese abbiamo ricevuto un telegramma che ci annunciava la nostra vittoria!!! Eravamo emozionatissimi e felici, abbiamo anche fatto gli attori e abbiamo registrato le voci per doppiare il cartone animato. Quando lo abbiamo visto per la prima volta ci siamo super emozionati e abbiamo applaudito tantissimo, perché è veramente bello! Appena sarà possibile lo vorremmo far vedere a tutti i bambini del nostro istituto, comunque già adesso si può ascoltare come audiostoria gratuita al sito Buon ascolto a tutti!!!

4 Viaggi e viaggiatori..viaggi e viaggiatori..viaggi e viaggiatori..viaggi e viaggiatori..viaggi e viaggiatori..viaggi e viaggiatori MIRTETO.. IL GIORNO DOPO Genitore classe V, Pontasserchio Le classi quinte della Scuola Elementare Mazzini di Pontasserchio in gita a Mirteto Sono state le maestre che all inizio dell anno scolastico si sono ricordate di una promessa che ci eravamo fatti, bimbi, genitori ed insegnanti, il giugno scorso e cioè di trascorrere una giornata tutti insieme in natura, magari facendo una bella passeggiata in bicicletta o un piccolo trekking. Parlando tra genitori e bimbi si è pensato che il trekking sui Monti Pisani fosse la scelta migliore: l ambiente e la storia di questo luogo così bello che ogni giorno ci troviamo di fronte ma che conosciamo pochissimo, ci ha spinto a organizzare questa gita domenicale. Tra tutte le mete abbiamo scelto Mirteto, un luogo fantastico, ricco di storia e di natura. E così che domenica 21 ottobre, in una giornata caldissima, che faceva venir voglia di stendersi sulla spiaggia, ci siamo trovati incredibilmente numerosi (60 tra alunni, genitori, fratellini e maestre) con lo zaino sulle spalle pronti a partire per l escursione. Dopo una prima descrizione di come avremmo trascorso la giornata siamo partiti..i bimbi in cima alla fila entusiasti dell avventura. La strada è in salita da subito e questo un po ci ha sconfortato, soprattutto quando alzavamo gli occhi e vedevamo i ruderi di Mirteto, così lontani, arrampicati sul monte ma le soste sono state tante e ogni volta qualcuno del gruppo sapeva una particolarità sulla storia, sulle risorse, sulla natura e questo scambio ci ha fatto scoprire cose nuove ed apprezzare sempre più il luogo dove ci trovavamo. Il percorso 16 del CAI, che attraversa l ANPIL Valle delle Fonti, corre per il primo tratto sulla volta in mattoni dell Acquedotto Mediceo. Ci siamo fermati al Cisternone, un edificio che fu costruito dai Medici, Signori del Granducato di Toscana, nella seconda metà del Cinquecento, per raccogliere le acque della Valle delle Fonti e convogliarle verso Pisa attraverso un acquedotto sopraelevato ancora oggi ben conservato. Questo è anche un luogo della memoria: ci ha emozionato sapere che proprio lì, durante la seconda guerra mondiale, sono stati uccisi due civili, che vendevano carne alla gente del posto, commemorati da un lapide con i loro nomi. Dopo il Cisternone il sentiero è più stretto e ripido, ma l ombra del bosco e la frescura intorno al torrente che abbiamo attraversato, ci hanno dato sollievo. Sul sentiero, frammisti a lembi di macchia mediterranea ci sono i pini marittimi, che lasciano cadere al suolo le pigne rosicchiate. Nel sottobosco ci sono bellissimi arbusti come i cisti e la meravigliosa dafne con i fiorellini bianchi e i frutti rossi. Lungo il cammino abbiamo trovato le sughere e incredibilmente i bimbi hanno scoperto che è proprio con la loro corteccia che si fanno i tappi. La salita è stata dura: Quanto manca? è stata la frase più ricorrente il sentiero si trasforma in una mulattiera lastricata ed è circondato da muri a secco. E incredibile pensare che dal 1150, anno a cui si attribuisce il primo nucleo di Mirteto, quella strada è presente e che allora e per alcuni secoli successivi è stata un importante via di comunicazione tra Lucca e Pisa, percorsa a piedi o a cavallo. Era una strada che attraversava un posto ricco di risorse: l acqua, gli oliveti, i castagneti, i frutteti, i prodotti della macchia come il mirto, da cui il nome del paesino. Alla fine del tragitto si sono raggiunte le terrazze dove i monaci coltivavano insieme ai contadini, a- vendo scelto di vivere in quel posto ricco a mezza costa, assolato, lontano dalle inondazioni e dalle malattie delle paludi circostanti, adatto alla preghiera. Procedendo ancora ci sono apparse le rovine delle abitazioni e degli opifici avvolti da rovi, nascosti dalla natura e il luogo è diventato più mistico. Arrivare alla meta, dopo tanta fatica e trovarsi di fronte quel borgo monastico diroccato con la piccola meravigliosa abbazia, intitolata a S. Maria, è stata una vera emozione. I volontari che si occupano di tenere vivo questo paesino avevano tagliato l erba in previsione della nostra gita e quindi Mirteto ci ha accolto veramente a braccia aperte. Ci siamo sparpagliati sul prato per riposarci e rifocillarci assaporando poco a poco quel posto incantato. I bimbi sono partiti all avventura, liberi di giocare in mezzo alla storia e alla natura, un gioco vero che ormai poche volte hanno il tempo di fare. Le ore sono trascorse veloci tra chiacchiere, racconti, relax e hanno permesso di conoscerci meglio, di parlare con calma, senza la frenesia e i ritmi a cui siamo abituati tutti i giorni quando ci incontriamo di sfuggita all uscita dalla scuola. Il rientro è stato tranquillo e la frase più ricorrente questa volta è stata: quando lo rifacciamo? e credo che questa sia una grande soddisfazione per le insegnanti e soprattutto per i bimbi che addirittura chiedevano di tornarci il giorno dopo. Il lunedì a scuola, anche se i muscoli erano un po indolenziti, i visi di tutti quanti, genitori, bimbi e insegnanti, erano più rilassati del solito, sorridenti e coloriti dal sole, forse tutti più uniti, soddisfatti dell impresa riuscita e consapevoli che questi sono i veri valori della scuola.

5 Viaggi e viaggiatori..viaggi e viaggiatori..viaggi e viaggiatori..viaggi e viaggiatori..viaggi e viaggiatori..viaggi e viaggiatori RITORNO AL RINASCIMENTO: LE VILLE DI CASTELLO E PETRAIA (II C E. Fermi) testo di A. Caporale, E. Ciampi, R. Fabbrini, D. Montanelli, S. Said, G. Tognocchi Rappresentazione della villa di Castello A Firenze, nella zona collinare di Castello, facilmente raggiungibili in autobus dalla stazione di Rifredi, si possono ammirare due bellissime ville medicee: Castello e Petraia dove si riscoprono i tipici giardini all italiana dell epoca del Rinascimento. La prima villa, quella di Castello, si apre su un viale alberato, oggi luogo pubblico. Appartenne alla famiglia dei Della Stufa e fu acquistata dalla famiglia dei Medici nel Un cancello alla destra della facciata VIAGGIO NELL ANTICO IMPERO ROMANO Gli alunni della classe VA, Pappiana tempo pieno Noi bambini della classe VA della scuola primaria M.D. Verdigi di Pappiana, accompagnati dalle nostre maestre, siamo andati tre giorni a Roma l 8, 9 e 10 Aprile per visitare i monumenti e i resti archeologici dell antico Impero Romano ma anche molte basiliche e fontane. Siamo partiti da Pisa con il treno Freccia Bianca e, per girare la città, abbiamo utilizzato il pullman di linea e quello scoperto. Il primo giorno abbiamo visitato la grandiosa Basilica di Santa Maria Maggiore con una delle 4 porte Sante e tanto oro, l enorme e bianchissimo Vittoriano o Altare della Patria con la tomba del Milite Ignoto, la Basilica di San Pietro in Vincoli con il Mosè che sembrava fosse vivo, gli antichissimi Fori Imperiali con l arco di Costantino, di Tito, la Basilica di Massenzio, la via Sacra, l Anfiteatro Flavio o Colosseo dove siamo entrati per ammirare più nei dettagli questa mastodontica creatura dei Romani. Il secondo giorno abbiamo avuto la fortuna di poter ammirare il Quirinale, la casa del Presidente della Repubblica, con le sue sale, gli arazzi, gli specchi, i marmi, i cristalli, le pendole e i vetri; nella Fontana di Trevi abbiamo gettato una monetina nella speranza di poter tornare a Roma, il Pantheon con il suo oculo, il Campidoglio con la scalinata e le statue e infine l isola Tiberina fatta a forma di barca. Il terzo giorno abbiamo preso il pullman scoperto che ci ha fatto fare il giro della città mentre una guida auricolare dava delle spiegazioni; della villa, dà l accesso ai bellissimi giardini all italiana con forme geometriche, aiuole fiorite e siepi di bosso. Una fontana si trova al centro : rappresenta Ercole che sollevandolo stritola Anteo perché non riprenda forza toccando terra. Al livello superiore si trova una grotta degli animali decorata con mosaici di conchiglie colorate dove i signori trovavano refrigerio d estate. I Medici avevano una grande passione per gli agrumi tanto che ritroviamo ancora delle limonaie, cioè un edificio dove venivano messe le piante d'inverno per proteggerle dal freddo. Nella villa c'è anche un giardino segreto dove venivano coltivate erbe aromatiche e medicinali. Nel parco all inglese troviamo un altra statua che rappresenta l inverno raffigurato da un uomo nudo e infreddolito. La seconda villa, quella di Petraia, si presenta su tre livelli e si apre, anch essa con un giardino all italiana comprendente una vasca rettangolare, la pescaia, e una serra-tepidario. Ci sono due fontane,una di queste rappresenta Fiorenza: una bella donna che si pettina i capelli. La villa nel 1364 appartenne ai Brunelleschi, passò agli Strozzi nel 1422, nel XVI secolo l acquistarono i Salutati che la vendettero ai Medici nel Fontana al centro del giardino di Petraia Abbiamo visitato le ville per scoprire come esse e i loro giardini, tipici del Rinascimento, siano un esempio di come il paesaggio si è formato nel tempo ad opera dell uomo. quando siamo passati davanti a San Pietro c era l udienza del Papa così siamo riusciti a vederlo anche se da lontano. Quando siamo scesi abbiamo ammirato la Piazza San Pietro, il colonnato del Bernini e, dentro la Chiesa delle Chiese, la Pietà di Michelangelo e il Baldacchino del Bernini. Nel tardo pomeriggio abbiamo preso il treno per tornare a Pisa. Questa gita è piaciuta molto a tutta la classe e siamo molto contenti soprattutto perché abbiamo dormito, poco, insieme per due notti, abbiamo riso, chiacchierato tanto e abbiamo visitato una delle più belle città al mondo. Grazie alle nostre maestre per la loro pazienza, disponibilità e abilità nell organizzare.

6 Sui banchi e in cattedra..sui banchi e in cattedra...sui banchi e in cattedra..sui banchi e in cattedra Sui banchi e in catte- INSEGNANTI DI MATE PER DUE ORE Alunni delle classi IIIA, III B, IVA, Pappiana tempo pieno Premessa degli insegnanti. Nell ottica del ben essere dello studente a scuola, questa esperienza di educazione tra pari è nata dalla consapevolezza che il livello più elevato del sapere è quello del saper spiegare agli altri. Con questi presupposti ho organizzato, insieme alle colleghe delle due classi terze, due mattinate (il 22/01 ed il 5/02/2013) di Insegnante di mate per due ore, durante le quali gli alunni della classe quarta A della scuola a tempo pieno Domenico Marco Verdigi di Pappiana, hanno avuto il compito di gestire una lezione di due ore di mate nelle classi terze del plesso, precedentemente progettate ed organizzate da loro stessi. Con questo articolo intendiamo fare una carrellata delle emozioni provate dagli alunni. (R. Amadei) Ecco cosa pensano dell esperienza i bambini/docenti della IV A Sono stati tutti molto bravi e attenti e noi ci siamo divertiti moltissimo a fare i maestri. (Tommaso F.)..alcuni bimbi tiravano a caso le tabelline, ma vorrei tornarci e mi è piaciuto tanto. (Elena G.) Io mi vergognavo un po non so se gli altri si vergognavano, comunque nella prima ora siamo andati in palestra ma abbiamo avuto poco tempo quindi gli abbiamo fatto fare un solo gioco. (Federico V.) Subito dopo aver disfatto lo zaino, siamo andati in palestra con i bimbi della IIIB; il gruppo era formato da 12 bambini e bambine; abbiamo insegnato loro un gioco sull'addizione: i bambini erano divisi in 2 squadre, uno di noi teneva il fazzoletto e diceva un'addizione, se un bambino prendeva il fazzoletto e diceva l'addizione corretta, prendeva un punto la sua squadra. (Viola S.).. Dopo siamo andati in classe, io avevo inventato un esercizio con i regoli, ancor più tardi abbiamo dato delle schede, che si chiamavano: tabelline canterine e mistero tra i numeri. Più tardi ci siamo spostati nell'aula d'informatica e gli abbiamo proposto dei giochi su Baby Flash. E' stato strabello, infatti ho preso 10. (Giulio L.) In classe abbiamo insegnato la prova del 9 e la proprietà commutativa dell'addizione. Io, Viola ed Elisa dalla lavagna spiegavamo come si eseguono le addizioni con la prova del 9 e la proprietà commutativa, mentre gli alunni della III ci seguivano con molta attenzione.... Purtroppo l'orario della lezione era terminato... gli alunni della III B ci hanno ringraziato e noi piccoli insegnanti ci siamo divertiti veramente tanto. (Lorenzo P.) Ci siamo trasferiti nella LIM dove, con l'aiuto della lavagna interattiva multimediale, ho spiegato la prova del nove rispetto alla sottrazione. Ci siamo spostati nell'aula d'informatica dove ho spiegato l'accesso a internet e abbiamo navigato sul sito Baby Flash dove si trovano delle attività didattiche. Questa esperienza è stata emozionante ma difficile e ho capito che fare il maestro è molto complicato perché devi sapere spiegare con pazienza e mantenere la calma. (Davide F.) All inizio siamo andati in palestra, ci siamo presentati e dopo gli abbiamo fatto eseguire il gioco del fazzoletto dove Giulia spiegava. (Giosuè B.) Il giorno 5\02\2013 ero emozionatissimo: sarei andato in IIIA a spiegare l'argomento tabelline insieme a Filippo, Chiara, Benedetta e Giulio; non vedevo l'ora!!! (Leonardo B.) Poi quando il tempo era scaduto, siamo andati alla LIM e i bambini hanno eseguito delle sottrazioni con la prova del 9 e una canzone chiamata Il mago Gedeone. (Lorenzo M.) Martedì 22 gennaio, ho fatto la maestra per 2 ore ai bambini della IIIB. (Elisa I.) Per prima cosa si è fatto un gioco di presentazione e dopo un gioco con i dadi. (Benedetta F.) Siamo andati in palestra con la IIIA e io, Moni, Giulia, Giosuè e Davide abbiamo spiegato il gioco dei nomi per conoscerci e poi fatto quello del fazzoletto. Peccato che non abbiamo avuto tempo per il gioco delle rane! (Lorenzo R.) poi siamo andati in classe, abbiamo completato delle schede e abbiamo dato i voti tipo 10 e lode, 9, 8, 7 e anche bravo e bravissimo. (Filippo A.) Per cominciare siamo partiti con il gioco del semaforo con le tabelline e quando chiedevo le tabelline mi sentivo emozionata perché era la prima volta che le chiedevo io e non la maestra a me I bimbi di terza non le sapevano tanto ma si sono sforzati di capirle meglio e questo mi ha colpito molto. (Nicole S.) Ecco cosa pensano dell esperienza gli alunni/discenti della III A Mi è piaciuto tanto lavorare e fare i giochi matematici con i bimbi di IV. Secondo me per fare questo lavoro ci hanno messo tanto impegno e molto coraggio per spiegare a noi di terza. Io penso che non ce l avrei fatta a spiegare così bene. (C. Bioli) Mi sono divertita molto perché i maestri erano bravi, mi stavano simpatici e abbiamo fatto dei giochi divertenti. Ero felicissima perché non era mai successo che dei bambini ci facessero da maestri. (Sabrina V.) Mi è piaciuto tutto molto: ascoltare la canzone Il mago Gedeone, Baby

7 Sui banchi e in cattedra..sui banchi e in cattedra...sui banchi e in cattedra..sui banchi e in cattedra Sui banchi e in catte- INSEGNANTI DI MATE PER DUE ORE Alunni delle classi IIIA, III B, IVA, Pappiana tempo pieno Flash, fare le sottrazioni con i bimbi di quarta che sono stati bravi bravi. (Anna A.) E stata una giornata bellissima! Un esperienza fantastica perché abbiamo imparato cose nuove con i più grandi. (Alessia P.) Oggi ci siamo divertiti tanto, io ho imparato una cosa nuova e sono andata alla LIM con i miei compagni e dei maestri speciali. (G. Catorcioni ) Mi è piaciuta tanto la canzoncina Il mago Gedeone e l ho imparata. (J. De Santis ) Per me lavorare così è stato molto emozionante: ho fatto tante cose nuove e divertenti. E stata una bella giornata di scuola e vorrei, un giorno, insegnare anch io ai bambini più piccoli. (C.Sterpin) Che bella giornata! E stato divertente incontrare dei nuovi maestri i nostri compagni di scuola (A. Dell - Antico) Subito ho pensato che ci saremmo divertiti e infatti ci siamo divertiti veramente. La cosa che mi è piaciuta di più è stato quando i bambini di quarta ci hanno spiegato le sottrazioni con la prova. Sarebbe bello farlo un altra volta. Io avrei un po paura a fare la maestra ad altri bambini, ma forse mi piacerebbe. Secondo me si sono divertiti anche i bimbi di IV perché mi sembravano felici come me. (F. Dreucci) Io ho trovato tutto bellissimo! I bimbi grandi ci spiegavano molto bene e i giochi matematici che ci hanno proposto erano proprio divertenti. (N. Manfredi) E stata un esperienza che non avevo mai fatto e mi è piaciuta tanto perché a me garba provare e imparare cose nuove. I bambini che ci hanno fatto da maestri si sono impegnati tanto e sono stati bravi. (G. D Aurizio) Mi è piaciuto tutto. E stata la migliore giornata di quest anno di scuola! (F. Pierini) E stato molto divertente e anche eccitante lavorare con i bimbi di quarta. Vorrei poterlo fare ancora e provare anch io ad essere maestro. (G. Giaconi) Mi sono divertita quando siamo andati a lavorare al computer e abbiamo fatto il gioco dei pesciolini: troppo divertente! E stata una bella mattinata. (Midria Rossi) Com è stato bello lavorare al computer, fare il gioco delle tabelline tutti insieme! Io ero molto eccitato a fare queste cose nuove. (F. Mencucci) Siamo stati bravi a lavorare, cantare e fare giochi matematici. Mi sono divertito tanto. (L. Palla) A me è piaciuto tanto quando abbiamo giocato a fare matematica al computer, vorrei farlo ancora e forse si può, basta mettersi d accordo con la IV. E stato fantastico! (A. Fatticcioni) Grazie ai bambini e alla maestra Rosanna per questo lavoro speciale! Ecco cosa pensano dell esperienza gli alunni/discenti della III B Dopo averlo elaborato insieme in classe, due bambini della IIIB scrivono l articolo direttamente in redazione de Il Giornale di Livia per rendersi conto come funziona una redazione di giornale scolastico. Un giorno la classe quarta è venuta in classe nostra a insegnarci matematica (Mirko). I bambini di quarta ci hanno diviso in due gruppi, quello del + e quello del x, io ero in quello del x (Chiara C). Ci hanno distribuito dei cartellini bianchi su cui abbiamo scritto i nostri nomi per conoscerci (Giulia). I bambini di quarta all inizio si vergognavano un po perché dovevano spiegarci i giochi mentre noi eravamo molto molto curiosi per questa novità (Neva). In palestra il gruppo del + ha giocato a ruba bandiera e quello del X al gioco del semaforo (Federico). A ruba bandiera chi dava il risultato corretto, doveva poi correre a prendere il fazzoletto (Tommaso). Poi siamo andati in classe e ci hanno insegnato la prova del nove (Arianna). Mentre giocavamo le maestre erano soddisfatte perché non erano mai intervenute per richiamarci (Marco). Nell aula del computer il mio gruppo ha giocato a Baby Flash, abbiamo risolto un cruciverba con un omino che, guidato da noi, doveva trovare il risultato (Davide). Il mio gruppo, quello delle moltiplicazioni, in palestra ha giocato a Semaforo Rossosemaforo verde, al rosso dovevamo fermarci e restare immobili, se qualcuno si muoveva doveva rispondere a una tabellina, se sbagliava, veniva eliminato (Micol). Lo stesso gruppo si è poi spostato nell aula di informatica, ci hanno divisi in coppie, due bimbi per ogni computer (Roberto). Io e Gaia abbiamo lavorato insieme al computer, c erano da fare delle addizioni e delle sottrazioni, ne facevo una io e una Gaia (Elena). Mi è piaciuto insegnare a Elena ad usare il mouse (Gaia). Ci siamo divertiti ad imparare la canzoncina matematica Lisetta Golosetta (Rachele). A me piaceva molto il ritornello Conta, conta (Martina). Alla fine in classe abbiamo ringraziato gli amici di quarta che sono stati veramente bravi e ci hanno aiutato durante le attività (Andrea M.). Mi sono sentita bene, la lezione è stata interessante, l atmosfera era calma e mi sono divertita (Michela). Mi sono sentito felice perché ho conosciuto altri bimbi e ho giocato con loro (Damiano). Mi sono divertito molto perché i bimbi di quarta erano scherzosi e sicuri al cento per 100 (Giulio). E stata una bella esperienza e non la dimenticherò mai (Chiara R.).

8 Sui banchi e in cattedra..sui banchi e in cattedra...sui banchi e in cattedra..sui banchi e in cattedra Sui banchi e in catte- PROGETTO APPASSIONATA MENTE : IN GIOCO I GENITORI I. Sabatini e A. Senatore, insegnanti Sono già alcuni anni che il nostro Istituto porta avanti il progetto Appassionata Mente. Dalla lezione al laboratorio, condotto dalla formatrice Ortensia Mele. Si tratta di un percorso di ricerca/ azione volto a superare l approccio trasmissivo ai saperi, ideando e sperimentando metodologie di formazione enattiva, esperienziale e laboratoriale, ispirate alle teorie della conoscenza incarnata. Anche il corrente anno scolastico si è aperto a settembre con la realizzazione di laboratori formativi rivolti agli insegnanti, cui hanno fatto seguito quelli con i bambini in alcune classi. Nel mese di dicembre, come consueto, si sono realizzati quelli rivolti ai genitori, nei plessi di Pappiana e Metato, cui hanno partecipato complessivamente 70 persone. A Pappiana il tema del laboratorio è stato l ascolto, mentre quello di Metato l identità. Ai fini di una valutazione dell esperienza fatta, è stato proposto ai partecipanti un questionario strutturato su quattro domande. Dalla tabulazione delle risposte sono emerse le seguenti importanti considerazioni. L esperienza fatta per la maggior parte dei genitori ha avuto delle ricadute sulla propria azione educativa, principalmente per quanto riguarda l ascolto come momento imprescindibile nella conoscenza di se stessi e degli altri, delle proprie emozioni e come aiuto al superamento dei conflitti e delle tensioni. I laboratori sono stati una preziosa opportunità per rallentare il ritmo quotidiano, fermarsi e prendere tempo per se stessi, in condivisione con gli altri genitori, in un modo diverso rispetto a quello convenzionale. Mettersi in gioco con il corpo, tornando un po bambini, raccontarsi scoprendosi, hanno favorito appieno uno stato di benessere e leggerezza. Pertanto i genitori hanno proposto di ripetere quest esperienza in altri momenti dell anno scolastico. Il gradimento del percorso è stato anche aver condiviso un esperienza scolastica che appartiene al vissuto quotidiano dei propri figli. I laboratori con i genitori hanno offerto una risposta all urgenza di oggi di recuperare il valore della scuola, il gusto dell innovazione/ricerca, nel confronto reciproco, per costruire tutti insieme (alunni, insegnanti, genitori) una comunità educante sul territorio. LABORATORI PER I GENITORI Simona, mamma di Lucrezia, Pappiana, tempo pieno Commento su I laboratori. E stata la mia prima esperienza e le sensazioni che sono emerse sono tante e varie. All inizio la curiosità era unita all emozione. Poi sono seguite le tranquillità interiore ed il rilassamento del corpo e di ogni muscolo, di seguito il timore del buio e dell ignoto. Il momento più suggestivo è stato quello di quando ho visto ciò che ho creato con la creta che rappresentava mia figlia, che pur non essendo lì con me, era dentro di me! Una piacevole commozione ha preso il sopravvento. Tutto si è confuso con il piacere dei lasciarsi andare esternando le proprie emozioni senza alcun timore di trovarsi davanti persone che vedi per la prima volta, ma che senti vicine come se le conoscessi da sempre. Tutto è durato poche ore ma la sensazione di qualcosa di bello si è prolungata anche dopo l uscita dalla scuola e che sicuramente porterò dentro di me per molto tempo. Grazie.

9 Abbiamo vinto.. Abbiamo vinto.. Abbiamo vinto.. Abbiamo vinto.. Abbiamo vinto.. Abbiamo vinto.. Abbiamo vinto.. CONCORSO GRETA GNERI E. Fermi Vincitori concorso Greta Gneri : Sezione narrativa III A Vittorio Bernardi III B Camilla Cecchetti III C Gabriele Braccini III D Camilla Enwereuzor Sezione grafica III A Agata Costanzo III B Stefano Coli III C Caterina Sbrana III D Flavia Dargenio Il Giornale di Livia Registrazione del tribunale di Pisa Editore:Istituto Comprensivo Livia Gereschi. Hanno contribuito alla realizzazione di questo numero: i ragazzi, le ragazze e gli insegnanti delle scuole. Hanno lavorato in redazione: Margherita e Chiara della IID della Fermi, Cinzia, Lucia, Rosa,Tania e Rosanna. 27 gennaio, giornata della memoria; una poesia La morte I campi di concentramento, sono un posto di morte certa, Ringraziamenti Gli insegnanti della scuola primaria a tempo pieno di Pappiana ringraziano l impresa Pacini per le piantine gentilmente offerte che i bambini hanno interrato negli orti delle varie classi. Grazie!! un posto da dove non tornerai mai indietro, un posto dove piangerai e ti dispererai. La morte, è una porta che si apre e si chiude alle tue spalle, è una fiamma che ti brucia senza mai spengersi, è un vento che ti porta via l anima. (Guglielmo C., VA, Pappiana tempo pieno)

10 Insieme agli altri. Insieme agli altri. Insieme agli altri. Insieme agli altri. Insieme agli altri. Insieme agli altri. FINALMENTE A SCUOLA! Manola Cartacci, insegnante Come molti sanno, dall 1 all 8 gennaio sono stata in Burkina per conoscere gli alunni della scuola di Pikieko-Ladi, tappa obbligata di un percorso di solidarietà e amicizia iniziato nel 2008 grazie al gemellaggio con la scuola Wend Poui di Ouagadougou. Furono proprio i miei alunni di seconda a ideare e realizzare il primo progetto: un libro di racconti burkinabè e toscani per costruire una nuova scuola agli amici della Wend Poui, poiché la loro doveva essere demolita. Sull onda dell entusiasmo per il successo del primo è nato il secondo analogo progetto, che ha visto coinvolte più classi della media e ha reso possibile la costruzione di una seconda scuola, questa volta in un villaggio di allevatori peuhl della savana, una scuola con un unica aula, che accoglie 110 bambini di età compresa tra 6 e 9 anni, la cantina per conservare il cibo per la mensa e la camera per il maestro. In quei pochi giorni a disposizione ho potuto incontrare il sindaco e l ispettrice scolastica di Koubri per organizzare un gemellaggio tra i nostri due comuni ed esaudire alcune richieste urgenti del maestro: pannello solare per le lezioni serali agli adulti, armadio, riso e olio di palma per integrare la mensa scolastica, bidoni per attingere acqua da pozzi distanti. Il 5, durante la festa di benvenuto degli abitanti del villaggio, ho consegnato alla classe palloni, magliette per le squadre di calcio, zainetti e astucci, confezionati con i miei alunni e un computer per mantenere vivi i contatti. Infine il 7 il sogno più grande: un intera giornata con i bambini e alcuni genitori per partecipare alle normali attività scolastiche e realizzare un disegno collettivo progettato in classe prima della partenza, una danza di 110 manine con i loro nomi. E stato bello, al mio ritorno, rivivere e condividere con le classi tutte le emozioni provate con quei bimbi dagli sguardi intensi come quelli delle loro mamme. Impossibile reprimere il desiderio di rivederli e continuare ad aiutarli. LA CULTURA DEL DARE PER UN MONDO UNITO Gloria Corsi, insegnante Il progetto La cultura del dare per un mondo unito: vivere la pace e la solidarietà nel terzo millennio, rientra nel Piano dell Offerta formativa del nostro istituto e si colloca nell ambito dell educazione interculturale. Vuole proporre un percorso formativo, che, partendo da approfondimenti teorici, culturali, dia anche la possibilità di sperimentare in modo davvero significativo ed efficace, la forza di valori, quali il dialogo, il rispetto della diversità, la solidarietà, la giustizia. A prima vista potrebbe sembrare che oggetto del dono possano essere solo beni materiali, ma non è così. I beni materiali sono solo una parte di ciò che si può donare. La cultura del dare si esplicita nel donare agli altri dei beni immateriali: tempo, e- sperienza, ascolto, pazienza, amore, gioia. Si giunge poi anche al dono dei beni materiali, naturale sbocco della cultura del dare. Come gesti di solidarietà concreta abbiamo realizzato il mercatino di Natale, dove sono stati venduti oggetti donati o fatti artigianalmente dai ragazzi o dai membri delle loro famiglie, cui va il nostro ringraziamento. Il ricavato è stato di 1953 euro, tolti 509 per spese ne sono rimasti 1444, di cui 1000 sono stati donati per il progetto school-mates (sostenere borse di studio in favore dei ragazzi dei paesi più svantaggiati) e il resto è a disposizione per acquistare nuovo materiale per le prossime due iniziative: Fiera di Pontasserchio a fine aprile e Fiera primavera Domenica 12 maggio a Pisa.Questa manifestazione consiste in un originale mercatino al quale parteciperanno varie scuole di Pisa e dintorni, i soldi raccolti serviranno per contribuire alla realizzazione di micro progetti in vari paesi poveri del mondo che vanno dall adozione a distanza, all acquisto di generi di prima necessità e di materiale scolastico. La giornata sarà caratterizzata anche da giochi, canzoni, esperienze ed esibizioni durante le quali i ragazzi saranno i protagonisti. Vi aspettiamo!

11 Insieme agli altri. Insieme agli altri. Insieme agli altri. Insieme agli altri. Insieme agli altri. Insieme agli altri. IL PIACERE DELLA SOLIDARIETA Anna Rita Senatore, insegnante COSTRUIRE LEGAMI Lo scorso Gennaio ha preso avvio la realizzazione di un nuovo progetto, Il piacere della Solidarietà, nell intento di costruire legami tra Classi dei diversi ordini di scuola dell Istituto. La metafora de Il viaggio è lo sfondo integratore su cui alunni di età diverse condividono attività e- ducative volte a dilatare le conoscenze personali e modificare il proprio punto di vista rispetto all altro ed anche a se stessi. Bambini dai cinque agli undici anni viaggiano insieme per il piacere di compiere un tragitto condiviso non solo nell Istituto scolastico di appartenenza, ma anche nella comunità di riferimento, grazie alla collaborazione stabilita con le locali associazioni di volontariato: Pubblica Assistenza S.R. Pisa - Sez. Metato, la Caritas di Val di Serchio e Antitesi- Circo. Passare dalla solidarietà verbale a quella concreta fatta di azioni sul campo diviene fondamentale per la realizzazione di una comunità educante integrata in cui ogni studente è cittadino attivo e consapevole, oggi. Siamo convinti che praticare la convivenza civile diviene possibile alla condizione che ci siano adesione consapevole a valori condivisi e assunzione di atteggiamenti cooperativi e collaborativi tanto da parte di alunni quanto di docenti ed altri o- peratori, nonché tra tutti i soggetti della società civile. Questo orientamento è del resto suggerito dalle recenti Indicazioni nazionali per il curricolo (2012) che mettono a fuoco un idea di cittadinanza unitaria e plurale ad un tempo per la quale è importante la promozione integrale della persona, ma lo è altresì lo sviluppo di un identità aperta e capace di saper stare al mondo attraverso la pratica dell uguaglianza nel riconoscimento delle differenze come risorsa umana. Fare della diversità un occasione di arricchimento reciproco significa anche operare contro ogni discriminazione, de-costruire stereotipi e pregiudizi, imparare a valorizzare il punto di vista, le esperienze, gli stili cognitivi, le abilità e perfino le disabilità di ciascuno. In questa ottica vanno i primi elaborati grafici delle scolaresche impegnate nella produzione di ritratti personali, caratterizzazioni autobiografiche, bozzetti per il logo del progetto e quanto altro, in vista della mobilità interna all istituto che favorirà il contatto diretto per una più ampia condivisione delle buone pratiche ai fini di una crescita reciproca. Le riflessioni degli alunni della Classe IC della scuola secondaria lasciano già intendere la loro disponibilità e la capacità di abbattere le disuguaglianze, di voler affermare i diritti, svolgendo i propri doveri, di riconoscere che la giustizia sociale è una ricchezza per il Mondo, che «La solidarietà è un aiuto, un assistenza, un calore umano; infatti, una persona solidale è una persona concorde con altri nel modo di pensare, sviluppa una tendenza a sentirsi solidale verso chi ha bisogno di appoggio e di aiuto è un piccolo passo per migliorare il mondo... pensiamo a un esempio: se una persona aiuta un'altra, a quella persona viene voglia di aiutarne un'altra e via via si crea una catena che non si romperà, perché nessuno è meglio di un altro o ha diritti diversi, anche se qualche persona lo pensa. Iniziamo da piccole azioni quotidiane e miglioreremo il mondo, magari poco, ma comunque lo faremo. Aiuta il mondo, sii solidale». I comportamenti stanno cambiando, in meglio? Noi lavoriamo per questo! I vari momenti di Roma Roma di mattina è un giglio che sboccia Roma di giorno è un girasole ben sbocciato Roma al tramonto è un mix di tulipani,violette e girasoli che con i loro colori fanno vivere il mare di emozioni. Roma di notte è come un insieme di canne che racchiudono miliardi di lucciole che illuminano le mille passioni di Roma. (FABIO M., Pappiana tempo pieno) Il vento Io guardo il cielo. È grigio, pieno di nuvoloni. Il vento soffia forte e sposta i nuvoloni, li fa viaggiare. Chissà dove vanno. Vorrei essere il vento. (KRISTEL, Metato) Gli alberi ballano con i rami. Il vento fa muovere l acqua nelle pozzanghere. È forte come il mio papà. (EMMA, Metato)

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Scuola Primaria Pisani Dossi. Istituto Comprensivo Erasmo da Rotterdam ALBAIRATE

Scuola Primaria Pisani Dossi. Istituto Comprensivo Erasmo da Rotterdam ALBAIRATE Scuola Primaria Pisani Dossi Istituto Comprensivo Erasmo da Rotterdam ALBAIRATE Autori: alunni 3^B Anno scolastico 2012-2013 Il 10 maggio abbiamo incominciato questa esperienza. Ci sono 4 materie: italiano,

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Saluti alle autorità Presidente dott. Silvagni Segretario di stato alla cultura Segretario

Dettagli

Diario di bordo Viterbo 21 30 ottobre 2014

Diario di bordo Viterbo 21 30 ottobre 2014 «ONCE UPON A TIME» PROGETTO EUROPEO COMENIUS ITC. L.Fantappiè» Viterbo,Italia «V. Van Gogh Institute. Assen, Olanda Diario di bordo Viterbo 21 30 ottobre 2014 Gli student olandesi aviterbo Il 21 ottobre

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA Edizione Nr. 5 uscita del 13 febbraio 2015 All interno trovi Curiosità Racconti personali Tante fotografie Le nostre attività Informazioni ed eventi E tanto altro Via

Dettagli

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Mi presento Mi chiamo Lisa Cappellazzo, ho 35 anni e son un insegnante

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO"G. CAVALCANTI " LIBRIAMOCI Venerdì 31 ottobre 2014!

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADOG. CAVALCANTI  LIBRIAMOCI Venerdì 31 ottobre 2014! SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO"G. CAVALCANTI " LIBRIAMOCI Venerdì 31 ottobre 2014! Giornata della lettura nella scuola Cavalcanti RESPONSABILE DEL PROGETTO: Docente bibliotecaria Donatella Di Nardo ORARIO

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION

VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION Il presente report sintetizza i risultati dell indagine di customer satisfaction, condotta dall Ufficio II della Direzione Centrale

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini. Numero 01, Gennaio 2009. In questo numero:

Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini. Numero 01, Gennaio 2009. In questo numero: in Kosovo Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini Numero 01, Gennaio 2009 In questo numero: Benvenuto caro sostenitore! Un regalo per me! I bambini dimostrano quello che sanno sull

Dettagli

Alcuni studenti raccontano.

Alcuni studenti raccontano. Alcuni studenti raccontano. Soggiorno a Londra di Valentina Tornesi III B Il giorno 19 settembre 2010 noi, alcuni alunni della mia Scuola Media di San Francesco, e quattro nostri professori siamo partiti

Dettagli

La Scuola dell Infanzia

La Scuola dell Infanzia La Scuola dell Infanzia Un ambiente educativo accogliente e stimolante; nel quale sia naturale sviluppare, attraverso esperienze, attività e giochi, alcune competenze di base che strutturino la crescita

Dettagli

Ass. di volontariato per portatori di handicap L.go Martiri 2 Agosto- Galliate ( NO) CF 94016410030

Ass. di volontariato per portatori di handicap L.go Martiri 2 Agosto- Galliate ( NO) CF 94016410030 Ass. di volontariato per portatori di handicap L.go Martiri 2 Agosto- Galliate ( NO) CF 94016410030 COPIA OMAGGIO 1 Noi come Voi è un associazione che accoglie tutti i giorni mol ti giovani con disabilità

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

Mauro. Simone. Mamy Jara

Mauro. Simone. Mamy Jara Trebisonda è un programma per ragazzi su RAI 3, dove si fanno dei giochi educativi a cui partecipano ragazzi di una scuola. Stavolta è toccato alla mia classe, la 2^A, e a una di Coldirodi. Noleggiato

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

Il mondo intorno a noi

Il mondo intorno a noi Il mondo intorno a noi SCUOLA INFANZIA CASOLA - BERZANTINA ANNO SCOLASTICO 2014/15 Le insegnanti, Germana Liani Giovanna d Isanti 1 Loredana Camiscia Angela Tomasi SCUOLA DELL INFANZIA DI CASOLABERZANTINA

Dettagli

Circolo Didattico Agrate Brianza Anno scolastico 2008-2009

Circolo Didattico Agrate Brianza Anno scolastico 2008-2009 Circolo Didattico Agrate Brianza Anno scolastico 2008-2009 Progetto realizzato in collaborazione tra: Sezione Azzurri scuola dell Infanzia Via Garibaldi Classe 1B scuola Primaria Omate Classe 1C scuola

Dettagli

A me è piaciuto molto il lavoro in aula computer perché era a coppie e poi ho potuto imparare ad usare il computer. Anche il

A me è piaciuto molto il lavoro in aula computer perché era a coppie e poi ho potuto imparare ad usare il computer. Anche il Noi abbiamo fatto un progetto con il computer che è durato tanto ma è stato bellissimo, perché abbiamo fatto i disegni di una favola. Abbiamo usato un nuovo programma e Luisanna ha creato un nuovo programma

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità RELAZIONE WORKSHOP APPRENDERE A STARE IN GRUPPO DAI 3 AI 5 ANNI Esperienza nella scuola dell infanzia con il Cooperative Learning Ins. Mancinelli Cesarina I.C. Falconara Centro Due anni di formazione mi

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

Progetto AZIONI PER UNA CITTADINANZA ATTIVA di Marilena Zanella

Progetto AZIONI PER UNA CITTADINANZA ATTIVA di Marilena Zanella Progetto AZIONI PER UNA CITTADINANZA ATTIVA di Marilena Zanella Da vari anni nel territorio della città di Roma e provincia stiamo cercando di realizzare un progetto, cominciato quasi 10 anni fa da alcuni

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia.

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Questo - in ordine cronologico - l ultimo appuntamento organizzato dall Istituto Comprensivo

Dettagli

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana Via Aurelia, 796-00165 Roma - Italia www.caritasitaliana.it Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana PRIMA SETTIMANA di Avvento

Dettagli

PAOLO COLOSSO LE MIE ESPERIENZE CON IL PERSONAL COMPUTER COME RAGAZZO DIVERSAMENTE ABILE - 1 -

PAOLO COLOSSO LE MIE ESPERIENZE CON IL PERSONAL COMPUTER COME RAGAZZO DIVERSAMENTE ABILE - 1 - PAOLO COLOSSO LE MIE ESPERIENZE CON IL PERSONAL COMPUTER COME RAGAZZO DIVERSAMENTE ABILE - 1 - Indice: 1. Presentazione di me stesso. 2. Come ho imparato ad usare il p. c. 3. Che programmi ci sono nel

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA G. MAZZINI

SCUOLA PRIMARIA G. MAZZINI SCUOLA PRIMARIA G. MAZZINI Dove ci troviamo La scuola G. Mazzini si trova a Legnano in piazza Trento e Trieste. Si colloca in una zona strategica poiché comodamente raggiungibile dal centro di Legnano,

Dettagli

RELAZIONE FINALE. http://tileggotiscrivo.jimdo.com. Gallo Alessandra. Classe G3

RELAZIONE FINALE. http://tileggotiscrivo.jimdo.com. Gallo Alessandra. Classe G3 RELAZIONE FINALE http://tileggotiscrivo.jimdo.com Gallo Alessandra Classe G3 1 Politecnico di Milano, Diploma on line di didattica assistita dalle nuove tecnologie Anno Accademico 2011-2012 UN SITO PER

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Livello CILS A1 Modulo bambini

Livello CILS A1 Modulo bambini Livello CILS A1 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

UN REGALO INASPETTATO

UN REGALO INASPETTATO PIANO DI LETTURA dai 5 anni UN REGALO INASPETTATO FERDINANDO ALBERTAZZI Illustrazioni di Barbara Bongini Serie Bianca n 64 Pagine: 48 Codice: 566-0469-6 Anno di pubblicazione: 2012 L AUTORE Scrittore e

Dettagli

SEDUTA DEL 15.02.2011: ti racconto la mia esperienza al CCR.

SEDUTA DEL 15.02.2011: ti racconto la mia esperienza al CCR. Se ascolto dimentico, se vedo ricordo, se faccio capisco. (Confucio) Numero 3 SEDUTA DEL 15.02.2011: ti racconto la mia esperienza al CCR. Nell ultima seduta del Consiglio sono state graditissime ospiti

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: Ciao, Flavia. Mi sono divertito moltissimo sabato

Dettagli

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Apro gli occhi e mi accorgo si essere sdraiata su un letto. [ ] La prima cosa che mi viene in mente di chiedere è come mi chiamo e quanti anni ho. È

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà La Scuola Primaria Un percorso di crescita fondamentale nello sviluppo delle competenze e delle conoscenze. Un ambiente educativo sereno e inclusivo nel quale è possibile promuovere, sostenere ed accompagnare

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008 nno 2008 dolescenti Prova di Comprensione della Lettura CELI 1 dolescenti 2008 PRTE PROV DI COMPRENSIONE DELL LETTUR.1 Leggere i messaggi da 1 a 4. Guardare le illustrazioni sotto i messaggi. Solo una

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015 PROGETTO CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA. FUNZIONE STRUMENTALE CONTINUITA : Ins. Drago Maria Rosaria

Anno scolastico 2014-2015 PROGETTO CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA. FUNZIONE STRUMENTALE CONTINUITA : Ins. Drago Maria Rosaria Anno scolastico 2014-2015 PROGETTO CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA FUNZIONE STRUMENTALE CONTINUITA : Ins. Drago Maria Rosaria PREMESSA Quello del passaggio dalla scuola dell Infanzia alla scuola

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe Nei giorni 11 e 12 aprile sono andata in gita scolastica a Venezia. Prima di questo viaggio, nel mio immaginario, Venezia era una città triste,

Dettagli

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA MANUALE PER IL docente II EDIZIONE A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA 1 INDICE Il progetto 03 Scambio di generazioni 04 Crescendo si scambia in 4 mosse 05 Certi giochi sono sempre

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO

PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO COSA E L insieme di attività avviate dall allenatore per formare il ragazzo, attraverso lo sport, ai valori umani e cristiani PARTI COINVOLTE - ALLENATORE RESP. ANNATA

Dettagli

BIBLIOTECA CIVICA DEI RAGAZZI

BIBLIOTECA CIVICA DEI RAGAZZI BIBLIOTECA CIVICA DEI RAGAZZI PROGRAMMA DI ATTIVITÀ PER LE SCUOLE 2010/2011 Bì, il centro per i bambini e i giovani che ospita al suo interno la Biblioteca Civica per i ragazzi, un importante spazio museale

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA CON ELMER E GLI ALTRI ANIMALI A.S. 2009/2010

PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA CON ELMER E GLI ALTRI ANIMALI A.S. 2009/2010 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO G.B. PUERARI Via IV Novembre,34-26048 SOSPIRO (CR) - c.f. 93037640195 Tel. 0372 623476 telefax 0372 623372 E-mail: cree025005@istruzione.it

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

Istituto Paritario S. Giuseppe Via Bazzini 10 20131 Milano Anno 17

Istituto Paritario S. Giuseppe Via Bazzini 10 20131 Milano Anno 17 Istituto Paritario S. Giuseppe Via Bazzini 10 20131 Milano Anno 17 Stampato in proprio dicembre 2008 Una lettera catechesi del cardinale Tettamanzi per gustare la gioia del Natale e raccontare la straordinaria

Dettagli

Edizioni il Molo www.edizioniilmolo.it info@edizioniilmolo.it. A tutti i bambini che diverranno amici di Natalino

Edizioni il Molo www.edizioniilmolo.it info@edizioniilmolo.it. A tutti i bambini che diverranno amici di Natalino Edizioni il Molo www.edizioniilmolo.it info@edizioniilmolo.it A tutti i bambini che diverranno amici di Natalino Prima Edizione Edizioni il Molo, 2014 Via Bertacca, 207-55054 Massarosa (LU) Tel e Fax 0584.93107

Dettagli

apre lavora parti parla chiude prende torno vive

apre lavora parti parla chiude prende torno vive 1. Completa con la desinenza della 1 a (io) e della 2 a (tu) persona singolare dei verbi. 1. - Cosa guard...? - Guardo un film di Fellini. 2. - Dove abiti? - Abit... a Milano. 3. - Cosa ascolt...? - Ascolto

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO "ALBERTO MANZI" - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO - CALITRI

ISTITUTO COMPRENSIVO ALBERTO MANZI - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO - CALITRI ISTITUTO COMPRENSIVO "ALBERTO MANZI" - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO - CALITRI 1 PER QUEST ANNO DESIDEREREI Per questo nuovo inizio di anno scolastico desidererei una scuola senza atti di bullismo,

Dettagli

Abbiamo cercato di costruire una rete significativa di riferimenti con il mondo al quale la nostra scuola appartiene.

Abbiamo cercato di costruire una rete significativa di riferimenti con il mondo al quale la nostra scuola appartiene. Tracce d opera Esserci insieme Scuola d Infanzia comunale Marc Chagall di Via Cecchi, 2 in collaborazione con la Redazione del Centro Multimediale di Documentazione Pedagogica della Città di Torino Introduzione

Dettagli

Progetto accoglienza

Progetto accoglienza ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Direzione e uffici: Via Mazenta, 51 20013 Magenta (Mi) codice fiscale n. 93035720155 e-mail: miis09100v@istruzione.it Posta Elettronica Certificata miis09100v@pec.istruzione.it

Dettagli

GIROTONDO DI PAROLE Edizioni

GIROTONDO DI PAROLE Edizioni GIROTONDO DI PAROLE Edizioni Associazione Culturale Lecce,. Preg.ma/o Dirigente dell Istituto Scolastico e p.c. alla/al Responsabile dei Progetti Buongiorno, mi chiamo Alessandra Toma e con la mia Associazione

Dettagli

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: Ciao Renata.

Dettagli

La maestra Stefania G.

La maestra Stefania G. A 90 anni dalla fine della 1 guerra mondiale, mi è sembrato particolarmente importante ricordare con i miei alunni di classe 3 della Scuola Primaria di Liedolo i fatti senza retorica, ma in modo chiaro

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

SCUOLE BILINGUE LUCCA. bilingue si cresce... Seguici su #bilinguesicresce NIDO MATERNA

SCUOLE BILINGUE LUCCA. bilingue si cresce... Seguici su #bilinguesicresce NIDO MATERNA SCUOLE NIDO Seguici su #bilinguesicresce bilingue si cresce... SCUOLE La nostra idea di scuola nasce dalla convinzione dell importanza di creare una struttura unica che permetta alle famiglie di usufruire

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

"Le storie: raccontarle, leggerle, ascoltarle, scriverle"

Le storie: raccontarle, leggerle, ascoltarle, scriverle Venerdì 24 novembre - ore 20.30 a San Pellegrino presso Sala della Croce Rossa Viale Belotti, 3 (sopra l ufficio delle Poste) Nell ambito dell iniziativa E L ORA DELLE STORIE Evento 2006, di NATI PER LEGGERE

Dettagli

una distribuzione presenta una produzione

una distribuzione presenta una produzione una distribuzione presenta una produzione Un documentario in dieci capitoli che racconta attraverso un viaggio in auto i sogni e le visioni della Rockstar italiana. Sarà presentato alla 72a Mostra Internazionale

Dettagli

Un Parco per la scuola Proposte di educazione ambientale e attività all aria aperta

Un Parco per la scuola Proposte di educazione ambientale e attività all aria aperta PARCO MATILDICO DI MONTALTO via Lolli, 45 43030 Vezzano sul Crostolo (RE) tel./fax. 0522-858432 info@parcomatildico.com www.parcomatildico.com Un Parco per la scuola Proposte di educazione ambientale e

Dettagli

Delibera N. del Settembre 2012 del Collegio dei Docenti Pagg. N.13

Delibera N. del Settembre 2012 del Collegio dei Docenti Pagg. N.13 Scuola paritaria dell Infanzia e Primaria Parificata Caterina Troiani Via Sbarre Centrali, 71 89133 Reggio Calabria Tel/Fax: 0965 57496 e-mail: istsuore_caterinatroiani@tin.it Anno scolastico 2012/2013

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Scopri Le Fate Turchine Asilo Nido & Scuola dell Infanzia per bambini di età compresa tra i 3 mesi e i 6 anni

Scopri Le Fate Turchine Asilo Nido & Scuola dell Infanzia per bambini di età compresa tra i 3 mesi e i 6 anni Scopri Le Fate Turchine Asilo Nido & Scuola dell Infanzia per bambini di età compresa tra i 3 mesi e i 6 anni La nuovissima sede sorge in una splendida struttura immersa nel verde, lontana dal traffico

Dettagli

Il significato dell educazione ambientale nella pratica dell ecoliteracy

Il significato dell educazione ambientale nella pratica dell ecoliteracy Idee, strumenti e ricette del Parco Regionale di Montevecchia e della Valle del Curone Il significato dell educazione ambientale nella pratica dell ecoliteracy Lezione a cura di Teresa Fresu 8 novembre

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

Elisa Massoni. SPAZIO numero 5 Sommario

Elisa Massoni. SPAZIO numero 5 Sommario È ARRIVATO IL NUOVO SITO! Qui trovi approfondimenti sugli articoli, segnalazioni, storie, disegni, nuovi contenuti... E puoi anche scaricare tutti i numeri di SPAZIO in formato pdf. Ti aspettiamo. www.spaziomag.it

Dettagli

PROGETTO YOGA IN CLASSE. Scuola Primaria Di Massino Visconti. classe seconda. Anno scolastico 2011-2012

PROGETTO YOGA IN CLASSE. Scuola Primaria Di Massino Visconti. classe seconda. Anno scolastico 2011-2012 PROGETTO YOGA IN CLASSE Scuola Primaria Di Massino Visconti classe seconda Anno scolastico 2011-2012 Responsabili: Maria Pillitteri insegnante di Scuola Primaria Paola Faini insegnante Yoga PRESENTAZIONE

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli