RELAZIONE AL 1 PROVVEDIMENTO DI VARIAZIONI AL BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO 2012 E PLURIENNALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE AL 1 PROVVEDIMENTO DI VARIAZIONI AL BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO 2012 E PLURIENNALE 2012-2014"

Transcript

1 ORIGINALE / ORIGINÈL COPIA / COPIA COMUN GENERAL DE FASCIA PROVINCIA DI TRENTO Strada di Pré de Gejia, POZZA DI FASSA COMUN GENERAL DE FASCIA PROVINZIA DE TRENT Strada di Pré de gejia, POZA Servizio Finanziario Servije Finanzièl ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSEI GENERAL N DELL 8 MAGGIO 2012 RELAZIONE AL 1 PROVVEDIMENTO DI VARIAZIONI AL BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO 2012 E PLURIENNALE Le variazioni e l assestamento del corrente bilancio di previsione per l esercizio 2012 che vengono proposti all approvazione del Consei General sono necessari per la continuità di gestione e rispondono ad esigenze emerse nei primi mesi di quest anno ed evidenziate dai vari Servizi ed Uffici dell Ente che gestiscono le voci di entrata e di spesa di loro competenza. Si tratta, inoltre, di applicare al bilancio corrente l avanzo di amministrazione del precedente esercizio 2011, che il Consei General ha approvato in questa stessa seduta con la precedente deliberazione N e che è quindi ora del tutto disponibile, come prevede il 4 comma dell art. 36 del Regolamento di contabilità. Nella loro globalità, le variazioni proposte comportano un aumento di ,23 sia per le entrate che per le spese (importo che comprende anche la quota dell avanzo di amministrazione del 2011 da applicare in questo momento al bilancio preventivo per il 2012) ed interessano le voci di entrata e di spesa che vengono qui di seguito brevemente illustrate. L.P. n. 7/1977 art. 3 e s.m.: ONERI GENERALI DI GESTIONE. Con lettera prot. n. S110/12/36560/1.1.2/6-12 del 20 gennaio 2012, il Dirigente del Servizio Autonomie Locali della P.A.T. ha comunicato che per il 2012 restano confermati i trasferimenti correnti di finanza locale ai sensi della L.P. n. 7/77 in favore di questo Comun general de Fascia per il finanziamento degli oneri correnti di funzionamento, che ammontano a complessivi ,68, comprensivi dell importo di ,00 a copertura delle spese per l Ufficio dei Servizi Linguistici e culturali. Per adeguare il bilancio alle assegnazioni ufficiali, occorre perciò ridurre di euro (da ,00 ad ,00) la previsione del capitolo 2397/E e di 5,00 quella del capitolo 2401/E. Vanno previste, invece, maggiori risorse per complessivi ,39 derivanti da interessi attivi e dai rimborsi, da parte degli Enti previdenziali, delle quote a loro carico dei T.F.R. erogati al personale. Le previsioni di competenza di questo settore del bilancio vanno aumentate di ,89 in totale, comprensivi di una parte dell avanzo di amministrazione del 2011 che va applicato al bilancio per circa ,00 euro in più rispetto a quanto previsto inizialmente ( ,31 per fondi vincolati ed ,19 senza vincolo di destinazione). Si propone di impiegare tali maggiori entrate per aumentare gli stanziamenti di svariate voci di spesa, tra le quali assumono particolare rilievo quelle per emolumenti ed altri oneri per il personale ( ,64), per anticipazioni del T.F.R. al personale ( ,25), per spese d ufficio e di manutenzione, riscaldamento e illuminazione della sede ( 5.000,00), per consulenze e studi ( ,00) e per aumentare di ,00 il Fondo di riserva iscritto al capitolo 5750/S. L.P. n. 7/1977 art. 5: SPESE IN CONTO CAPITALE. Il C.G.F. ha già riscosso per intero il finanziamento di ,81 assegnato dalla Provincia per interventi in conto capitale per il triennio , oltre ad un assegnazione non preventivata e una tantum di ,08 che, aggiunta alle somme accantonate negli anni precedenti, porta ad una disponibilità totale da prevedere in bilancio di ,77; tale disponibilità consentirà di sostenere spese in conto capitale che si rendessero necessarie per manutenzioni ordinarie e straordinarie di immobili, acquisto di arredi e simili tanto per la sede dell Ente ( ,00), quanto per le mense scolastiche ( ,48). L.P. n. 5/2006 DIRITTO ALLO STUDIO. In questo settore, si profilano maggiori entrate per ,00, grazie ai quali si propone di aumentare la previsione del Capitolo 1134/E dagli attuali ,00 ad ,00. A ciò si aggiunge l importo di ,93 a destinazione vincolata nell avanzo di amministrazione 2011, così da poter aumentare di ,93 (da ,00 ad ,93) lo stanziamento del Cap. 2160/Art. 70 per gli assegni di studio da - 1 -

2 erogare a studenti meritevoli e di 3.000,00 quello sul Cap. 2160/Art. 78 destinato alla manutenzione delle mense scolastiche e delle loro attrezzature. INTERVENTI DI SALVAGUARDIA E VALORIZZAZIONE DELLA MINORANZA LADINA. Considerate le minori risorse assegnate dalla Provincia a questo scopo, si propone di ridurre di ,00 la previsione iniziale di ,00, che passa così ad ,00 (Cap. 2398/E). Applicando al bilancio l avanzo dell esercizio scorso per la parte di ,12 vincolata agli interventi in questo settore, è possibile aumentare di complessivi ,12 le voci di spesa relative alle prestazioni di servizi ( ,75 sul Cap. 2234/Art. 10) e quelle relative ai trasferimenti (contributi) finalizzati a promuovere iniziative realizzate da varie associazioni in questo settore importante per il C.G.F. ( ,37 sul Cap. 2234/Art. 20). INTERVENTI PER LA TUTELA ED IL MIGLIORAMENTO AMBIENTALE. In seguito all assegnazione al Comun general de Fascia, da parte dell A.P.E., di risorse per ,52 in base alla lettera e) dell art. 1 bis, comma 15 quater della L.P. 6 marzo 1998, n. 4, che prevede la ripartizione tra le Comunità di valle dei canoni aggiuntivi alle stesse dovuti per le concessioni di grandi derivazioni d acqua ricadenti nei Bacini Imbriferi Montani della Provincia, si propone di adeguare le previsioni del capitolo 2472/E Proventi dai canoni per concessioni idroelettriche - lett. e) e di destinare tali fondi a misure ed interventi di miglioramento ambientale, privilegiando le opere di bonifica lungo i percorsi d acqua. SERVIZIO R.S.U. L avanzo di amministrazione riferito ai servizi di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed assimilati accertato del 2011, e che si può dunque applicare al bilancio di previsione per il 2012, risulta essere di ,81 (inizialmente era stato calcolato in via presuntiva in ,00); va rivista, inoltre, in diminuzione di 8.852,12 (da ,00 ad ,88 iscritti al Cap. 2532/E) l entità delle quote di ammortamento discariche versate dai Comuni al Comun general de Fascia. Pertanto, a fronte di minori entrate previste per complessivi ,31, per ripristinare il necessario pareggio di bilancio occorre ridurre di pari importo lo stanziamento previsto al capitolo 5325/S per Acquisto di attrezzature per il servizio R.S.U., che va assestato così sulla cifra di ,19. EDILIZIA PUBBLICA E PRIVATA. L importo di ,00 da destinare a contributi per risanamento e acquisto e risanamento di abitazioni, previsto in apposito capitolo sia di entrata che di spesa, deve essere inserito a bilancio, anche se si riferisce a domande e pratiche la cui istruttoria viene curata dagli uffici del C.G.F., ma per le quali i fondi provinciali ed i contributi da erogare ai beneficiari non transitano nel bilancio corrente dell Ente, essendo effettuati direttamente da Cassa del Trentino S.p.A., senza movimentare perciò il conto di tesoreria del Comun general. In seguito a nuove e più precise disposizioni in materia, si manifesta la necessità di inserire in bilancio tali voci anche a fronte di incassi e pagamenti solo figurativi, ma che daranno comunque la tracciabilità dei finanziamenti erogati. Inoltre, con l art. 43 della legge finanziaria per il 2012 (L.P. 18/12//2011, n. 18), la Provincia di Trento ha previsto nuovi interventi in materia di edilizia agevolata che contemplano la concessione di contributi per ristrutturazioni degli immobili adibiti a prima casa che assicurino il miglioramento dell efficienza ed il risparmio energetico. Con la deliberazione n. 187 del , la Giunta provinciale ha approvato i criteri attuativi di detta norma, assegnando al Comun general de Fascia l importo di ,00, che si propone di iscrivere in bilancio istituendo il nuovo capitolo 1280 di entrata ed il corrispondente capitolo 5160 di spesa di pari importo, per prevedere la concessione dei contributi ai richiedenti che ne avranno diritto. Restituzione contributi alla P.A.T. L avanzo di gestione del 2011 comprende l importo di ,12 derivante da finanziamenti provinciali degli anni precedenti e non completamente utilizzati: tale importo è già stato impegnato per essere restituito alla Provincia con imputazione sul Capitolo 5190/S, il cui stanziamento va integrato con l ulteriore importo di 6.725,74 sulla gestione di competenza per poter restituire alla Provincia i contributi revocati anche nel corso di quest anno che, aggiunti a quelli risalenti agli anni scorsi, ammontano a complessivi ,86. L.P. n. 5 del : PIANO GIOVANI DI ZONA. Il Piano Giovani di Zona della Val di Fassa La Risola, giunto quest anno alla terza edizione, è stato approvato dal Consei di Ombolc con la deliberazione n. 23 del 13 marzo 2012 e comprende otto progetti elaborati dalle associazioni culturali e giovanili della Valle, col coordinamento della Referente tecnicoorganizzativa, dott.ssa Susanna Chiocchetti. Tra i vari progetti del Piano, ci sono in particolare - lo Sportello Giovani, ospitato nella sede del Comun general de Fascia, ed il progetto denominato Joegn talenc Job trainer, promosso ed organizzato direttamente dal Comun general con lo scopo di promuovere l incontro e la socializzazione fra i giovani della Valle, anche in vista della ricerca di futuri sbocchi lavorativi per loro. Come negli anni scorsi, le entrate e le spese per la realizzazione del P.G.Z. vengono inserite nel bilancio del C.G.F., essendo questo l Ente capofila ed il soggetto istituzionale di riferimento in base alla L.P. n. 5 del 2007 sulle politiche giovanili. Il P.G.Z. per il 2012 è stato poi approvato dalla Giunta provinciale di Trento che, a fronte di un disavanzo previsto di ,00, ha assegnato un finanziamento del 50%, pari - 2 -

3 ad ,00 (iscritto nel Capitolo 1191/E). Oltre al finanziamento provinciale, sono previsti il concorso finanziario di altri soggetti ed operatori privati (sostenitori), dei partecipanti alle iniziative progettate (capitoli 2511/E e 2512/E) ed anche dei 7 Comuni della valle, che si sono impegnati ad intervenire in ragione di 2,00 per abitante (Capitolo 2510/E). Il Comun general de Fascia sosterrà direttamente gli oneri relativi ai due progetti che fanno capo ad esso. Il costo del P.G.Z. della Val di Fassa per il 2012 è stato preventivato in totali ,00: tuttavia si propone di apportare al bilancio variazioni soltanto per 6.705,27 in entrata, derivanti dall avanzo di amministrazione del 2011, da destinare a finanziare varie spese necessarie all attuazione del Piano per il 2012 previste ai capitoli 3506/S e 3507S. ATTIVITÀ SOCIO ASSISTENZIALI LL.PP. 14/91 e 6/98. Si propone di apportare al bilancio di previsione 2012 le variazioni necessarie per l assestamento delle entrate e delle spese che progressivamente si vanno delineando con la corretta suddivisione nei tre grossi settori di appartenenza: attività socio-sanitarie, attività socio-assistenziali di livello provinciale ed attività socio-assistenziali di livello locale. L avanzo definitivamente riconosciuto dalla P.A.T. per il 2011 è di ,79, ma non viene per ora applicato al bilancio, non essendoci nell immediatezza necessità alle quali non si possa provvedere con le assegnazioni provinciali e le entrate dai Comuni e dai contribuenti privati finora comunicate e certe; l Unità Organizzativa dei Servizi socio-assistenziali si riserva, infatti, la possibilità di indicare in seguito e di proporre nel corso dell anno i provvedimenti occorrenti per utilizzare l avanzo di amministrazione del 2011 in maniera ottimale in base alle esigenze che verranno accertate in sede di assestamento finale. Vengono comunque proposte alcune variazioni da apportare al bilancio corrente per complessivi ,34 di maggiori entrate e di maggiori spese che consentiranno, oltre all acquisto di un applicativo informatico per la gestione del servizio di aiuto domiciliare il cui costo è di circa ,00, una corretta gestione dell attività fin qui programmata per contrastare gli effetti del disagio sociale nelle sue diverse forme, nella consapevolezza di poter potenziare e migliorare il servizio con nuovi interventi da stabilire nella misura consentita dalle garanzie di copertura che saranno prossimamente comunicate. ********************************************************** A seguito delle variazioni così proposte, il bilancio di previsione del Comun general de Fascia per il 2012 presenterà i seguenti risultati complessivi: RISORSE ENTRATE: PREVISIONI ATTUALI DI BILANCIO ,69.- VARIAZIONI TOTALI ORA PROPOSTE ,23.- PREVISIONI DI ENTRATA ASSESTATE ,92.- INTERVENTI SPESE: PREVISIONI ATTUALI DI BILANCIO ,69- VARIAZIONI TOTALI ORA PROPOSTE ,23.- PREVISIONI DI SPESA ASSESTATE ,92.- Le previsioni di entrata e di spesa per gli altri due anni 2013 e 2014 del bilancio pluriennale rimarranno invece invariate rispetto a quelle del bilancio inizialmente approvato dal Consei General con la deliberazione N del 9 febbraio POZZA DI FASSA, Sede del Comun General de Fascia, 27 aprile 2012 LA RESPONSABILE DEL SERVIZIO FINANZIARIO F.to rag. Giulia Rigoni - 3 -

4 ENJONTA TE LA DELIBERAZION DEL CONSEI GENERAL N DAI 8 DE MÉ DEL 2012 RELAZION AL 1 m PROVEDIMENT DE MUDAZIONS TEL BILANZ DE PREVIJION PER L EJERCIZIE 2012 E PER I TREI EGN La mudazions e l assestament del bilanz de previjion per l ejercizie 2012 che ge vegn portà dant al Consei General per l aproazion, i fèsc fèsc besegn per jir inant co la gestion, estra che per ge fèr front ai besegnes vegnui fora ti prumes meisc de chest an e palesé dai desvalives Servijes e Ofizie de l Ent che i gestesc la entrèdes e la speises de sia competenza. Se trata, amò apede, de meter ite tel bilanz en esser l arvanz de aministrazion de l ejercizie 2011, che l Consei General l à aproà te chesta scontrèda co la deliberazion N , e che ades l é donca a la leta, desche pervedù tel coma 4 de l art. 36 del Regolament de contabilità. La mudazions portèdes dant les comporta n smaorament de ,23 en dut, sibie per la entrèdes che per la speises (soma che tol ite ence la quota de l arvanz de aministrazion del 2011 da meter ite te chest moment tel bilanz de previjion per l 2012), e les revèrda i capìtoi de entrèda e de speisa che vegn despiegà en curt chiò sotite: L.P. n. 7/1977 art. 3 e m.f.d.: SPEISES GENERÈLES DE GESTION Co la letra prot. n. S110/12/36560/1.1.2/6-12 dai 20 de jené del 2012, l Sorastant del Servije Autonomìes Locales de la P.A.T. l à fat a saer che per l 2012 restà confermé i trasferimenc ordenères de finanza locala aldò de la L.P. n. 7/77 a favor de chest Comun general de Fascia per l finanziament de la speises ordenères de gestion, che les é de ,68 en dut, tout ite la soma de ,00 pervedudes per corir la speises per l Ofize di Servijes Linguistics e culturèi. Per passenèr l bilanz a la assegnazions ofizièles, ge vel donca smendrèr de ,00 euro (da ,00 a ,00) la previjion del capìtol 2397/E e de 5,00 chela del capìtol 2401/E. Ge vel perveder, enveze, ressorses maores per ,39 en dut, che vegn cà da enteresc atives e da remborsc, da pèrt di Enc de previdenza, de la quotes de T.F.R. a sia cèria che ge é stat dat fora al personal. La previjions de competenza de chest setor del bilanz les cogn vegnir smaorèdes de ,89 en dut, soma che tol ite na pèrt de l arvanz de aministrazion del 2011, che l vegn metù ite tel bilanz per presciapech ,00 euro en più respet a chel che l era stat pervedù al scomenz ( ,31 per fons vincolé e ,19 zenza vìncol de destinazion). Vegn portà dant de durèr chesta entrèdes en più per smaorèr i stanziamenc de desvaliva speises, anter cheles che à gran emportanza la speises per la paghes e etres agravies per l personal ( ,64), per antizipazions del T.F.R. al personal ( ,25), per speises de ofize e de manutenzion, sciudament e lum per la senta de l ent ( 5.000,00), per consulenzes e studies ( ,00) estra che per smaorèr de ,00 l Fon de resserva en esser tel capìtol 5750/S. L.P. n. 7/1977 art. 5: SPEISES EN CONT CAPITAL. L C.G.F. l à jà scodut deldut l finanziament de ,81 assegnà da la Provinzia per intervenc en cont capital per i trei egn , estra a na assegnazion no perveduda e una tantum de ,08 che, enjontèda a la somes metudes da na man ti egn dant, la porta a na desponibilità da perveder te bilanz de ,77 en dut. Chesta desponibilità la dajarà l met de tor sù speises en cont capital, che fossa de besegn per manutenzions ordenères e straordenères de frabicac, compra de fornimenta, e auter de chesta sort, sibie per la senta de l Ent ( ,00) che per la menses de scola ( ,48). L.P. n. 5/2006 DERIT AL STUDIE. Te chest setor l é pervedù entrèdes maores per ,00, de gra a cheles che vegn portà dant de smaorèr la previjion del Capìtol 1134/E da ,00 de ades a ,00. Amò apede se cogn jontèr la soma de ,93 a destinazion vincolèda te l arvanz de aministrazion 2011, che dèsc l met de smaorèr de ,93 (da ,00 a ,93) l stanziament del Cap. 2160/Art. 70 per i assegnes de studie da ge dèr fora a studenc che merita, e de chel del Cap. 2160/Art. 78 da durèr per la manutenzion de la fornimenta de la menses de scola. INTERVENC PER L STRAVARDAMENT E LA VALORISAZION DE LA MENDRANZA LADINA. Conscidrà la ressorses mendres assegnèdes da la Provinzia per chest setor, vegn portà dant de smendrèr de ,00 la previjion de scomenz de ,00, che la passa, donca, a ,00 (Cap. 2398/E). Metan tel bilanz l arvanz de l ejercizie da dant, per la pèrt de ,12 vincolèda ai intervenc te chest setor, se pel smaorèr de ,12 en dut la speises che revèrda la prestazions de servijes ( ,75 sul Cap. 2234/art. 10) e cheles che revèrda i trasferimenc (contribuc) pervedui per la promozion de la scomenzadives metudes a jir da desvaliva sociazions te chest setor emportant per l C.G.F. ( ,37 sul cap. 2234/Art. 20). INTERVENC PER L STRAVARDAMENT E L MIORAMENT DE L AMBIENT. Aldò de la assegnazion al Comun general de Fascia, da pèrt de l A.P.E., de ressorses per ,52 aldò de la letra e) de l art. 1 bis, coma 15 quater de la L.P. dai 6 de mèrz del 1998, n. 4, che l perveit la spartijon, - 4 -

5 anter la Comunitèdes de val, de la stéores enjontèdes, che ge pervegn a la comunitèdes medemes per la conzescions de doura de l èga de ruves en esser delaìte di Consorzies de la Èghes di Raions da mont de la Provinzia, vegn portà dant de passenèr la previjions del capìtol 2472/E Entrèdes che vegn cà da la stéores per la conzescions de doura de èga per fèr energìa (letra e), e de durèr chisc fons per provedimenc e intervenc de miorament de l ambient, mascimamenter per la operes de bonifica enlongia i ruves. SERVIJE DE REGOETA E DESGORTA DEL REFUDAM. L arvanz de aministrazion che revèrda i servijes de regoeta e desgorta del refudam urban e assimilà zertà del 2011, e che donca se pel meter ite tel bilanz de previjion per l 2012, l é enveze de ,81 (al scomenz l era stat stimà te ,00); ge vel enveze smendrèr de 8.852,12 (da ,00 a ,88 en esser tel Cap. 2532/E) la soma de la quotes de amortament de la desćèries che i Comuns ge à paà al Comun general de Fascia. Donca, conscidrà la entrèdes mendres pervedudes de ,31, a na vida da aer endò da nef l valivament de bilanz che fèsc besegn, ge vel smendrèr de la medema soma l stanziament pervedù tel capìtol 5325/S per Compra de èrc per l servije de regoeta e desgorta del refudam, che l se valivea, coscita, su la soma de ,19. FRABICA PUBLICA E PRIVATA. La soma de ,00, da durèr per contribuc per ressanament e compra e ressanament de cartieres, perveduda te n capìtol aposta sibie de entrèda che de speisa, la cogn vegnir metuda ite tel bilanz, enceben che la revèrde domanes e pratiches, de cheles che la istrutoria la vegn enjignèda dai ofizies del C.G.F., ma per cheles che i fons provinzièi, e i contribuc da ge dèr foa ai benefizières, no i passa tras l bilanz ordenèr de l Ent, ajache i vegn fac diretamenter da la Cassa del Trentino S.p.A., zenza comportèr donca neguna operazion tel cont de tesorerìa del Comun general. Aldò de despojizions neves e più prezises te chest setor, vegn fora l besegn de meter ite te bilanz chesta operazions, ence tel cajo de scodimenc e paamenc demò feguratives, ma che i dajarà aboncont l met de controlèr i finanziamenc dac fora. Amò apede, co l art. 43 de la lege finanzièla per l 2012 (L.P. dai 18/12//2011, n. 18), la Provinzia de Trent l à pervedù intervenc neves tel setor de la frabica slejierida, che i perveit la conzescion de contribuc per restruturazions de frabicac duré desche pruma cèsa che i garantesce l sparagn del consum energetich. Co la deliberazion n. 187 dai la Jonta provinzièla l à aproà i criteries de atuazion de chesta norma, e la ge à assegnà al Comun general de Fascia la soma de ,00, che vegn portà dant de meter ite tel bilanz metan sù l capìtol nef 1280 de entrèda e l capìtol 5160 de speisa de referiment, de la medema soma, per perveder la conzescion di contribuc ai domandanc che à derit. Retuda e contribuc a la P.A.T. L arvanz de gestion del 2011 l tol ite la soma de ,12, che vegn cà da finanziamenc provinzièi di egn passé e che no i é stac duré deldut: chesta soma la é jà stata empegnèda per ge la reter a la Provinzia sul Capìtol 5190/S, de chela che l stanziament l cogn vegnir integrà co la soma de 6.725,74 su la gestion de competenza, per poder ge reter a la Provinzia i contribuc revoché ence via per chest an, che, enjonté te chi che revèrda i egn passé, i rua a ,86 en dut. L.P. n. 5 dai : PIAN PER I JOEGN DE RAION. L Pian per i Joegn de Raion de Fascia La Risola, che l vegn metù a jir chest an per la terza outa, l é stat aproà dal Consei di Ombolc co la deliberazion n. 23 dai 13 de mèrz del 2012 e l tol ite ot projec luré fora da la sociazions culturèles e di joegn de la Val, col coordenament de la referenta tecnich-organisativa, la d.ra Susanna Chiocchetti. Anter i desvalives projec del pian, l é en particolèr - l Portel per i Joegn che l à l ofize te la senta del Comun general de Fascia, e l projet che à inom Joegn talenc Job trainer, portà dant e endrezà diretamenter dal Comun general, co l obietif che i joegn de la Val se troe e i stae ensema, ence per troèr fora soluzions possìboles de atività e lurier per i medemi. Desche via per i egn passé, la entrèdes e la speises per meter en esser l P.J.R. les vegn metudes ite tel bilanz del C.G.F., ajache chest Ent l é l capogrop e l soget istituzionèl de referiment aldò de la L.P. n. 5 del 2007 su la politiches per i joegn. L P.J.R. per l 2012 l é stat dò aproà da la Jonta provinzièla de Trent, che a front de n dejarvanz pervedù de ,00, l à assegnà n finanziament del 50%, più avisa de ,00 (registrà tel Capìtol 1191/E). Estra al finanziament provinzièl, l é pervedù l didament finanzièl de etres sogec e operatores privac (sostegnidores), de chi che tol pèrt a la desvaliva scomenzadives metudes a jir (capìtoi 2511/E e 2512/E), e di 7 Comuns de la val, che i se à metù dant de paèr 2,00 per ogne sentadin de sie Comun (Capìtol 2510/E). L Comun general de Fascia l paarà diretamenter la speises pervedudes per doi projec, che l endreza l Ent medemo. L cost del P.J.R. de Fascia per l 2012 l é stat pervedù te ,00 en dut: te bilanz, aboncont, vegn portà dant de meter te bilanz mudazions demò per 6.705,27 te la entrèdes, che vegn cà da l arvanz de aministrazion del 2011, da durèr per finanzièr la desvaliva speises che fèsc besegn per meter a jir l Pian per l 2012, pervedudes ti capìtoi 3506/S e 3507S. ATIVITÈDES SOZIO ASSISTENZIÈLES L.P. 14/91 e L.P. 6/98 Vegn portà dant de fèr tel bilanz de previjion 2012 la mudazions che l é de besegn per l assestament de la entrèdes e de la speises che vegn fora mìngol a la outa, co la spartijon ti trei gregn setores de referiment: ativitèdes sozio-sanitères, ativitèdes sozio-assistenzièles a livel provinzièl e ativitèdes sozio-assistenzièles a livel local. L arvanz recognosciù a na vida definitiva da la P.A.T. per l 2011 l é de ,79, ma per - 5 -

6 endèna no l vegn metù ite te bilanz, ajache te chest moment no l é en esser besegnes segures che no i pel vegnir corii tras la assegnazions provinzièles e la entrèdes di Comuns e di contribuenc privac. L Unità Organisativa di Servijes sozio-assistenzièi la se resserva, de fat, l met de fèr a saer più inant e de portèr dant via per l an, i provedimenc che se ge vel per durèr l arvanz de aministrazion del 2011 a la vida miora, aldò di besegnes che vegnarà zertà canche vegn fat l assestament finèl. Vegn portà dant, aboncont, dotrei mudazions da fèr tel bilanz en esser, per ,34 en dut de entrèdes maores e speises maores, che les dajarà l met, estra che de comprèr ite n program de computer per la gestion del servije de didament a cèsa, che l vegn presciapech ,00, ence de aer na gestion dreta de l atività programèda enscin ades, per prevegnir i desvalives efec de dejèje sozièl, con chela de smaorèr e miorèr l servije con intervenc neves, da stabilir aldò di finanziamenc segures che ne vegnarà assegnà più inant. Aldò de la mudazions coscita portèdes dant, l bilanz de previjion del Comun general de Fascia per l 2012 l mosciarà chisc èjic: RESSORSES ENTRÈDES: PREVIJIONS EN ESSER DE BILANZ ,69.- MUDAZIONS PORTÈDES DANT EN DUT ,23.- PREVIJIONS DE ENTRÈDA VALIVÈDES ,92.- INTERVENC SPEISES: PREVIJIONS EN ESSER DE BILANZ ,69- MUDAZIONS PORTÈDES DANT EN DUT ,23.- PREVIJIONS DE SPEISA VALIVÈDES ,92.- La previjions de entrèda e de speisa per i etres doi egn 2013 e 2014 del bilanz per più egn no les vegnarà enveze mudèdes respet a cheles del bilanz aproà al scomenz dal Consei general, co la deliberazion N dai 9 de firé del POZA, Senta del Comun general de Fascia, ai 27 de oril del 2012 LA RESPONSABOLA DEL SERVIJE FINANZIÈL F.to rag. Giulia Rigoni Letto, approvato e sottoscritto. Let, aproà e sotscrit IL PRESIDENTE / L PRESIDENT F.to prof. Cesare Bernard IL SEGRETARIO / L SECRETÈR F.to dr. Bruno Sommariva Copia conforme all originale, in carta libera per uso amministrativo. Copia conforme a l originèl, sun papier zenza bol per doura aministrativa. Pozza di Fassa, 18 maggio Poza, ai 18 de mé del VISTO / SOTSCRIT: IL SEGRETARIO / L SECRETÈR - dr. Bruno Sommariva

desponibilitèdes de cassa. 2.Ai fini del comma 1 i comuni, con le modalità 2. e nei termini previsti dalla Giunta provinciale

desponibilitèdes de cassa. 2.Ai fini del comma 1 i comuni, con le modalità 2. e nei termini previsti dalla Giunta provinciale OGGETTO: Prima variazione del bilancio di previsione del 2015 del bilancio pluriennale 2015-2017 e della Relazione previsionale e programmatica 2015-2017. SE TRATA: Pruma mudazion del bilanz de previjion

Dettagli

RILEVAZION SUL NUMER E SPARPAGNAMENT TERITORIÈL DE LA JENT CHE FÈSC PÈRT DE LA POPOLAZIONS DE LENGAZ LADIN, MOCHEN E CIMBRO ai 9 de otober 2011

RILEVAZION SUL NUMER E SPARPAGNAMENT TERITORIÈL DE LA JENT CHE FÈSC PÈRT DE LA POPOLAZIONS DE LENGAZ LADIN, MOCHEN E CIMBRO ai 9 de otober 2011 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Sistema Statistico Nazionale Istituto nazionale di Statistica RILEVAZION SUL NUMER E SPARPAGNAMENT TERITORIÈL DE LA JENT CHE FÈSC PÈRT DE LA POPOLAZIONS DE LENGAZ LADIN, MOCHEN

Dettagli

Deliberazion G.C. n. 14 dai 23 de jené 2014 Tachèda fora te l albo de Comun ai 31 de jené 2014

Deliberazion G.C. n. 14 dai 23 de jené 2014 Tachèda fora te l albo de Comun ai 31 de jené 2014 Deliberazine G.C. nr. 14 dd. 23.01.2014 Pubblicata all'alb cmunale il 31.01.2014 OGGETTO: Adzine pian triennale di prevenzine della crruzine (p.t.p.c.) ai sensi della legge n. 190 del 06.11.2012. Deliberazin

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 398 DEL 17/05/2011 PROPOSTA N. 93 Centro di Responsabilità: Servizio Economato,patrimonio,servizi Informatici, Ambiente Servizio: Patrimonio

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

Provincia di Venezia

Provincia di Venezia Provincia di Venezia POLITICHE ATTIVE PER IL LAVORO Determinazione N. 1145 / 2014 Responsabile del procedimento: GRANDESSO NICOLETTA Oggetto: DEFINIZIONE DEL CRONO PROGRAMMA PER IL 2014/2016 RELATIVO AI

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017.

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017. Comune di Folgaria Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Direzione Infrastrutture e Mobilità 2015 01608/033 Servizio Suolo e Parcheggi CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Infrastrutture e Mobilità 2015 01608/033 Servizio Suolo e Parcheggi CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Infrastrutture e Mobilità 2015 01608/033 Servizio Suolo e Parcheggi CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 252 approvata il 15 aprile 2015 DETERMINAZIONE: ACQUISTO DI N. 42

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Terza unità: LIVIA VA A SCOLA

Terza unità: LIVIA VA A SCOLA Terza unità: LIVIA VA A SCOLA Scola, scola, scola... da setemènes te cèsa de l Argiletum no se sentìa rejonèr de auter e duc ge dijea a Livia: Te vedarès cotant che te piajarà jir a scola! Te troarès n

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Allegato A) deliberazione nr.14 d.d. 28.04.2015 APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Il Presidente

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 71 approvata il 2 aprile 2015 DETERMINAZIONE:

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

COMUNE DI SUELLI. Settore Tecnico SETTORE : Cirina Sergio. Responsabile: 697 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 266 NUMERAZIONE GENERALE N. 29/10/2013.

COMUNE DI SUELLI. Settore Tecnico SETTORE : Cirina Sergio. Responsabile: 697 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 266 NUMERAZIONE GENERALE N. 29/10/2013. COMUNE DI SUELLI SETTORE : Responsabile: Settore Tecnico Cirina Sergio NUMERAZIONE GENERALE N. 697 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 266 in data 29/10/2013 OGGETTO: CIG: Z660B2D707 LIQUIDAZIONE ACCONTO FATTURA

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI Prot. Nr 11636 Vicenza, 25 settembre 2013 Cat.E8 Ai Sigg. Dirigenti Scolastici degli Istituti Superiori di II grado Statali e Paritari della Provincia di Vicenza e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

Burc n. 23 del 26 Maggio 2014

Burc n. 23 del 26 Maggio 2014 Burc n. 23 del 26 Maggio 2014 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 6 AGRICOLTURA - FORESTE FORESTAZIONE SETTORE 4 Servizi di sviluppo agricolo fitosanitario e valorizzazione patrimonio ittico

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Divisione Studenti Servizi agli Studenti Divisione Studenti ISU BOCCONI Università Commerciale Luigi Bocconi Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Questo documento riassume le caratteristiche principali

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

ATTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE IN CASO D USO AI SENSI DELL ART. 6 DEL D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131, E DELL ART. 2,

ATTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE IN CASO D USO AI SENSI DELL ART. 6 DEL D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131, E DELL ART. 2, COMUNE DI GAVARDO (Provincia di Brescia) ATTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE IN CASO D USO AI SENSI DELL ART. 6 DEL D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131, E DELL ART. 2, PARTE SECONDA, PUNTO 1, DELLA TARIFFA ALLEGATA.

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

l attuazione della YEI, devono impegnare le risorse per i giovani nel primo biennio di programmazione (2014-2015), in coerenza con le disposizioni di

l attuazione della YEI, devono impegnare le risorse per i giovani nel primo biennio di programmazione (2014-2015), in coerenza con le disposizioni di AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI SOGGETTI ATTUATORI DI TIROCINI EXTRACURRICULARI, ANCHE IN MOBILITÀ INTERREGIONALE ATTRAVERSO L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI NELLA REGIONE SICILIANA

Dettagli