Procedure di Controllo MIRCA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Procedure di Controllo MIRCA"

Transcript

1 - Manuale - Procedure di Controllo MIRCA Versione del software 1_6_2 1

2 Sommario 1.1 Le procedure di controllo Pre-requisiti: Completezza dei file di consegna A Correttezza del formato fisico A Correttezza della compilazione degli attributi A Correttezza delle geometrie (premessa) I controlli topologici Allegati Attivazione delle Macro

3 1.1 Le procedure di controllo Le procedure sono di tipo desktop, sono sviluppate con gli ArcObjects 1, integrate in un cruscotto funzionante in ArcGis Pre-requisiti: 1) il setup è utilizzabile con SO Windows XP, Vista e 7; 2) il setup è utilizzabile con Access 2007, 2010, 2003 (attivare delle macro per una corretta esecuzione); 3) il setup è utilizzabile con ArcGis Desktop service pack2 Altre indicazioni: 1) sul pc in uso verificare che sia installato VBA (accedere al menù Tools -> Macros di ArcMap. Se le voci Macros e Visual Basic Editor fossero disabilitate, eseguire una repair dell'installazione di ArcMap) 2) Durante l'installazione del software viene copiata la toolbox MircaProcedureControllo.tbx nel percorso delle toolbox standard di ArcMap (normalmente "C:\Program Files\ArcGIS\ArcToolBox\Toolboxes" oppure "C:\Programmi\ArcGIS\ArcToolBox\Toolboxes"). Qualora ArcMap sia stato installato in un percorso differente sarà necessario copiare manualmente il file MircaProcedureControllo.tbx (la cui copia è contenuta nella cartella di installazione dell'applicazione) nella cartella Toolboxes di ArcToolbox; 3) per risolvere alcuni problemi di permessi di scrittura che riguardano le impostazioni di Windows7, i file di configurazione e i db, nonché la cartella di output di default (out), saranno contenuti nei seguenti percorsi: - per XP: "C:\Documents and Settings\AllUsers\Application Data\ProcedureControllo\Mirca" (o "Dati Applicazioni\ProcedureControllo\Mirca"); - per Vista/7: "C:\ProgramData\ProcedureControllo\Mirca". Per il corretto funzionamento delle procedure l'utente deve avere i permessi di scrittura nelle cartelle in cui sono contenuti i file di configurazione, i db e la cartella di output. I percorsi sopra indicati devono essere accessibili a tutti gli utenti che accedono al pc. 2 Attivare le macro Dopo aver installato il setup MIRCA (setup.exe o MircaProcedureControllo_1.6.2.msi), aprire ArcMap, visualizzare (nel modulo Arctoolbox) la toolbar MircaProcedurecontrollo_2.4, fare click sul bottone apre il cruscotto3. Per poter far funzionare le procedure è necessario fare click sul bottone Opzioni e configurare: la workspace di input dove si trovano gli shape da indagare, che 1 Componenti software realizzate in C++, indipendenti dalla piattaforma, che forniscono le funzionalità GIS per applicazioni di tipo desktop, o centralizzate di tipo web o client/server. Le funzionalità implementabili tramite gli ArcObject possono essere molteplici quali ad esempio controlli per la navigazione sulle mappe, strumenti per la ricerca e la selezione dei dati, analisi spaziale e 3D, operazioni di editing, interazione con i geodatabase di tipo personal o enterprise. Gli sviluppatori hanno la possibilità di realizzare le applicazioni scegliendo tra diversi ambienti di sviluppo quali Visual Studio, JBuilder, Delphi, Eclipse ed altri. 2 Al momento dell'impostazione delle opzioni nella form dell'applicazione MircaProcedurecontrollo, nel caso in cui un utente abbia deciso di utilizzare altre cartelle per gli output o per il db e non abbia i permessi di scrittura,verrà avvisato con un apposito messaggio. 3 Se viene messaggio non è stata caricato il tool MircaProceduraControllo, caricare da ArcToolBox (Add New Toolbox) il tool MircaProcedureControllo. Caricato il tool, selezionarlo e settare default. 3

4 la workspace di ouput dove verranno messi eventuali shape di errore, il nome e path del db di configurazione DbConfigVerifica.mdb che viene installato con il setup e posizionato come indicato al punto 3) il nome e path del db DbConfig.mdb che viene installato con il setup e posizionato come indicato al punto 3), la risoluzione xy da settare a (si deve passare da 1/10*7 a 1/10*8), la tolleranza settata a , il sistema di coordinate richiesto da Regione Lombardia. Compilati i campi di opzione è possibile lanciare le procedure, si consiglia di lanciarne una alla volta. Selezionare una procedura alla volta e click sul bottone Esegui (attenzione lanciare gli step a crescere da step1 arrivare allo step5). Dopo aver lanciato le procedure, click sul bottone produci report, per ottenere le reportistiche di errore (vengono salvate nella workspace di output). Vengono anche forniti due documenti master 4 word che linkano tutti report esportati. Cruscotto aperto: Figura 1 - Cruscotto Settare le opzioni: Figura 2 - Settaggio opzioni Selezionare la procedura e click su esegui: 4 Si hanno due tipi di documenti master (report): il primo di sintesi e il secondo di dettaglio, dove vengono dettagliati gli errori riportati nel documento di sintesi 4

5 Figura 3 - Selezione procedura Le procedure si suddividono nelle seguenti macro-categorie e presentano sempre una reportistica di output: Completezza dei file di consegna A1.1 Il primo obiettivo delle procedure automatiche è quello di realizzare un quadro riassuntivo della consegna che viene descritto nella sezione quadro della consegna del report di sintesi dei controlli. Tale quadro riporta: - l elenco degli shape richiesti e consegnati (sottosezione shape forniti ). Per ogni shape si riportano nome dello shape, il numero dei record contenuti nello shape e la risoluzione delle coordinate della geometria espressa come numero di decimali utilizzati; - l elenco degli shape previsti e non consegnati (sottosezione shape omessi ), riportando il nome dello shape; (in realtà questo tipo di controllo potrebbe essere omesso perché se la fornitura riguarda per esempio i comuni della provincia di Bergamo, oltre ai comuni di Bergamo assenti vengono riportati anche tutti gli altri comuni della Lombardia); - l elenco dei nomi degli shape eccedenti rispetto a quelli delle specifiche di contenuto (sottosezione shape in eccesso"); si noti che questi shape non sono ovviamente considerati nei successivi controlli. Questi elenchi sono forniti come supporto alla verifica della completezza della consegna e quindi alla certificazione della corretta omissione di quelli mancanti. Si noti che il controllo è basato sul nome dei file e quindi l insieme dei tre elenchi aiuta anche a rintracciare errori di pura denominazione dei file Correttezza del formato fisico A Verificato il quadro di consegna si passa a verificare la correttezza dello schema o formato fisico degli shape consegnati, ossia che la struttura di ogni shape rispetti quella prevista nel documento Schema fisico MIRCA versione 1.0 marzo I controlli effettuati riportano l esito nella sezione STRUTTURA DEGLI SHAPE FORNITI del report di sintesi. Il primo controllo identifica le seguenti situazioni che sono descritte nella sottosezione Attributi obbligatori omessi e attributi in eccesso del report di sintesi: 5 Ad oggi per un problema nelle procedure che verrà risolto, i nomi degli shape devono essere scritti in maiuscolo 5

6 gli attributi previsti dal documento suddetto, ma non presenti nello shape, per i quali si riportano nel report il nome dell attributo, lo shape di appartenenza e l indicazione di stato omesso ; gli attributi presenti ma non previsti, per i quali si riportano nel report il nome dell attributo, lo shape di appartenenza e l indicazione di stato eccesso. Il secondo controllo verifica la struttura degli attributi previsti e presenti nella consegna per i quali si riportano nella sottosezione Attributi presenti nella consegna con struttura errata solo gli attributi che non rispettano la struttura definita; in particolare, il report segnala il nome dell attributo errato, il nome dello shape di appartenenza e il tipo di errore; si noti che le tipologie di errore riscontrabili sono le seguenti: - geometria errata per gli attributi geometrici per i quali lo shtype field dello shape non corrisponda al tipo geometrico previsto dalle specifiche; - formato errato per gli attributi descrittivi di tipo sbagliato (ad esempio, stringa di caratteri dove si richiede un numero); - lunghezza errata per gli attributi descrittivi di tipo corretto, ma di dimensione sbagliata (ad esempio, un errata lunghezza nel tipo stringa); - decimali errati per gli attributi descrittivi contenenti numeri reali e per i quali è sbagliato il numero di decimali definiti. Analogamente al quadro di consegna la verifica dello schema permette di rilevare anche eventuali errori nella denominazione degli attributi dato che la corrispondenza tra gli attributi previsti e quelli trovati è effettuata per nome Correttezza della compilazione degli attributi A2 L obiettivo di questi controlli è quello di verificare che il contenuto degli attributi descrittivi rispetti i vincoli definiti dal schema fisico del MIRCA I controlli riportano, nella sezione ANALISI DEI VALORI DEGLI ATTRIBUTI DESCRITTIVI di entrambi i report, gli errori riscontrati nei dati. Il gruppo di controlli è il seguente e i risultati sono riportati nella sottosezione Attributi non compilati, controllo domini e identificatori : 1. assenza di attributi descrittivi vuoti (campi GID, CLASSE_ACU, COD_ISTAT, NUM_ATTO e DATA_APP); 2. congruenza con le tabelle di dominio. Questo controllo verifica che i valori degli attributi dotati di dominio (CLASSE_ACU, COD_ISTAT) siano congruenti con il dominio specificato nel documento Schema fisico MIRCA versione 1.0 marzo Per ogni attributo errato si riportano nel report di sintesi il nome dell attributo, il nome dello shape, il tipo di errore valore non in dominio. 3. verifica identificatori; il campo GID deve avere valore univoco: pertanto questo controllo verifica che non esistano due o più record di uno stesso shape che abbiano gli stessi valori in questi attributi di identificazione. Nel caso di errore si riporta nel report di sintesi per ogni identificatore che viola il controllo il nome dello shape, il tipo di errore id non univoco. Si noti il conteggio dei record errati conta ogni record che viola la condizione e quindi se, ad esempio, tre record condividono lo stesso identificatore saranno considerati tutti e 3 nel conteggio Correttezza delle geometrie (premessa) Nel progetto MIRCA il formato di consegna prevede l utilizzo di shape file, i quali fanno riferimento al formato shape definito dalla ESRI, reso disponibile nelle sue specifiche ( ESRI Shapefile Technical Description, An ESRI White paper july 1998) e attualmente uno degli standard de facto nel trasferimento dati tra sistemi GIS, in attesa di verificare se possa essere sostituito dal formato gml. Come tutte le definizioni dei formati dati, lo standard shape si concentra sulla definizione sintattica del formato dei dati (ad esempio, come vanno memorizzate le coordinate di un poligono), mentre viceversa include solo alcune proprietà semantiche dei dati (ad esempio, la sequenza ordinata delle coordinate del confine di un poligono devono definire un senso di percorrenza orario del confine stesso). La generazione di uno shape file dovrebbe quindi rispettare sia la struttura fisica e sia i criteri semantici di caricamento dei dati, tuttavia mentre i vincoli sintattici sono forti, quelli semantici no; nessun sistema carica un file che non rispetta il formato fisico dello shape, mentre una volta letto il file dipende dal singolo sistema il come comportarsi in presenza di una violazione di una proprietà semantica e non tutti i sistemi garantiscono lo stesso comportamento. I dati del MIRCA sono prodotti su piattaforma ArcGis9.x e se diffusi potranno essere caricati in sistemi tecnologicamente eterogenei tra di loro (non necessariamente in ArcGis); diventa fondamentale garantire l interoperabilità dei dati tra piattaforme differenti. Per ottenere ciò è necessario definire un modello unico e non ambiguo delle proprietà semantiche che si richiedono ai dati contenuti nello shape file di interscambio e garantire che i file consegnati le rispettino (simple feature model). In questo modo il processo di interscambio è basato sul modello di riferimento della geometria ed è quindi indipendente dalle tecnologie utilizzate nel soggetto produttore dei dati rispetto ai soggetti consumatori dei dati stessi. I fornitori dei dati potranno utilizzare le tecnologie che vogliono purché siano in grado di generare lo shape che soddisfi il modello proposto e ciò evita ai fornitori di doversi preoccupare delle tecnologie dei singoli utenti. Viceversa chi riceve i dati è garantito sulle caratteristiche dei dati ricevuti e quindi può generarsi i driver per caricare i dati senza perderli all interno dei propri sistemi tecnologici. Per avere una definizione il più possibile rigorosa del modello geometrico adottato si è preso come riferimento il modello geometrico definito dagli standard della serie dell ISO TC211 che si occupa di informazioni geografiche e dagli standard del TC che si occupa dell estensione di SQL ai dati geografici che a loro volta sono un evoluzione delle proposte iniziali del consorzio OpenGeospatial (conosciuto come OpenGIS); in particolare il modello adottato si basa sul 6

7 simple feature model definito dal consorzio OpenGeoSpatial e diventato standard ISO del TC211 e standard ISO/IEC per SQL. Si noti che a questo modello si sono resi conformi i sistemi commerciali esistenti anche se la conformità sul modello dei dati non garantisce lo stesso comportamento dei sistemi che operano sui dati in particolare in presenza di errori. Il simple feature model è stato poi adattato tenendo conto dello standard del formato shape. Per la comprensione del simple feature model si rimanda al documento del Politecnico di Milano Servizio di controllo dei Data base topografici, da cui sono stati ripresi degli stralci al fine di comprendere il significato dei controlli. Nelle sezioni successive si presentano in modo progressivo i controlli geometrici definiti per i quali l esito è descritto nella sezione qualità geometria dei report; in particolare la sezione è divisa in due sottosezioni per distinguere i controlli sul singolo record descritti nella sottosezione analisi dei valori dei tipi geometrici da quelli che verificano la duplicazione tra più record descritti nella sottosezione duplicazione geometria. Nel report sintetico della prima sottosezione si riportano, ordinati per shape, il nome dello shape e l elenco dei tipi di errore incontrati (che saranno dettagliati nelle successive sezioni di questo documento) con il numero di record errati per tipo, mentre nella seconda sottosezione è ovviamente omesso il tipo di errore che è unico. Nel report analitico della prima sottosezione si riportano suddivisi per shape il nome dello shape e l elenco dei record errati raggruppati per tipo di errore; ogni record è identificato dal valore del suo identificatore logico (GID) e dal suo identificatore fisico dato dal record number del record nello shape. Nella seconda sottosezione invece si riporta per ogni shape l elenco dei record duplicati, riportando per ciascuno di essi il valore del suo identificatore logico (GID) e dal suo identificatore fisico dato dal record number del record nello shape I controlli geometrici Controllo G01: tutti i record degli shape file devono contenere sempre un valore, ossia non sono ammessi record contenenti geometrie vuote. I record errati sono elencati nella sottosezione analisi dei valori dei tipi geometrici dei report e classificati col tipo errore empty geometry Controllo G01: devono essere presenti in ogni vertice, usato per la descrizione di un tipo, tutte le coordinate richieste dalla dimensione del tipo. I record errati sono elencati nella sottosezione analisi dei valori dei tipi geometrici e sono classificati col tipo errore missing coordinate. Controllo P12: assenza degenerazione. Ogni anello 6 non ammette vertici adiacenti identici. I record errati sono elencati nella sottosezione analisi dei valori dei tipi geometrici e sono classificati col tipo errore duplicate adjacent vertex. Controllo P11: assenza di cuspidi. Ogni anello non deve avere cuspidi considerando tutte le coordinate con riferimento ad un angolo minimo di 3 gradi. I record errati sono elencati nella sottosezione analisi dei valori dei tipi geometrici e sono classificati col tipo errore cuspide. Controllo P01: chiusura anelli. Ogni anello deve essere chiuso, considerando tutte le coordinate (primo ultimo vertice uguale come richiesto dal formato shape file). I record errati sono elencati nella sottosezione analisi dei valori dei tipi geometrici e sono classificati col tipo errore not is closed. Controllo P02: assenza sovrapposizione. Non sono ammessi segmenti che si sovrappongono anche solo parzialmente. I record errati sono elencati nella sottosezione analisi dei valori dei tipi geometrici e sono classificati col tipo errore self overlap. Si noti che questo controllo intercetta l anomalia kickback. Come output vengono restituiti anche shape nella dir di output nominati nel seguente modo <nome_shp>_self_intov_line o <nome_shp>_self_intov_point 6 Una curva chiusa e semplice è chiamata anello (ring) ed è tipicamente utilizzata nella definizione dei poligoni. Una curva in generale può essere aperta o chiusa, tuttavia si ricorda che deve essere chiusa se la curva descrive il confine di un poligono. Una curva è poi semplice se il suo interno non passa dallo stesso punto più di una volta, altrimenti c è un autointersezione o un autotangenza e la curva si dice non semplice. 7

8 Controllo P02: assenza di autointersezione. Ogni anello deve essere semplice nello spazio 2D. I record errati sono elencati nella sottosezione analisi dei valori dei tipi geometrici e sono classificati col tipo errore self intersected. Come output vengono restituiti anche shape nella dir di output nominati nel seguente modo <nome_shp>_self_intov_line o <nome_shp>_self_intov_point I controlli precedenti garantiscono che le singole curve rappresentino anelli singolarmente corretti, tuttavia si tratta solo di una condizione preliminare in quanto è necessario verificare anche la qualità delle relazioni esistenti tra gli anelli al fine di verificare la corretta definizione di un poligono corretto. Per questo motivo si definiscono ulteriori proprietà inerenti il poligono. Lo standard degli shape file distingue dal punto di vista sintattico le parti che nella struttura di memorizzazione di un poligono nello shape poligonale devono rappresentare i diversi tipi di anelli; un record descrive un insieme non ordinato di parti che possono fare riferimento al confine esterno e ai buchi di un singolo poligono piuttosto che al confine esterno di un aggregato di poligoni e così via. Ed è proprio per compensare questa lacuna sintattica che lo standard definisce una regola di generazione delle parti al fine di distinguere i vari casi; regola che deve essere usata opportunamente da chi genera uno shape poligonale. In particolare, lo standard ESRI adotta l approccio degli standard ISO basati sull orientamento degli anelli nel seguente modo: una parte che descrive un anello che rappresenta il confine esterno di un poligono deve avere un orientamento orario (nel seguito identificato come anello shell ) e viceversa per gli anelli che rappresentano i confini interni dei buchi (nel seguito identificati come anelli hole ). Si noti che lo standard shape definisce dirty i poligoni che non rispettano questa regola. In questo modo 2 parti che descrivono due anelli shell rappresentano un aggregato di due poligoni semplici e 2 parti che descrivono un anello shell e un anello hole devono rappresentare un poligono con un buco. Si noti che la regola basata sull orientamento stabilisce una condizione necessaria per l interpretazione del ruolo degli anelli, ma non è sufficiente per stabilire le proprietà geometriche conseguenti: ad esempio che un buco non possa contenere nella sua estensione l anello che dovrebbe rappresentare il suo confine esterno. Per questo motivo si definiscono le ulteriori proprietà reciproche tra gli anelli: - un poligono è formato da un solo anello shell e da 0 o più anelli hole. La presenza di più anelli shell implica la definizione di un aggregato come mostrato in Figura 5 e non di un poligono semplice. Figura 4 - gli anelli hole devono essere contenuti nel poligono semplice descritto dall anello shell e quindi non sono ammesse le situazioni della Figura 6 (H rappresenta il buco); S H a) b) Figura 5 - Ogni anello hole può toccare l anello shell al massimo in un punto come mostrato in Figura 7a, ossia la relazione topologica tra l anello shell e un anello hole deve essere DJ (disjoint, l anello hole non tocca l anello shell) or TC (touch, l anello hole tocca l anello shell in un solo punto (definizione dello standard ISO 19125); si noti che se si toccano in più punti sicuramente il poligono non risulta connesso (come successivamente richiesto) come mostrato in Figura 7b. Si noti che questa regola e le precedenti garantiscono di evitare poligoni che degenerino a curve (ad esempio un poligono con una anello shell coincidente con l anello hole). Si noti che lo standard dello shape file definisce che si devono toccare in punti discreti coincidenti con i vertici dei due anelli, ma non dice nulla sul numero di punti di contatto. 8

9 a) b) Figura 6 - ogni coppia di anelli hole può toccarsi al massimo in un solo punto come mostrato nella Figura 8a, ossia la relazione topologica tra l anello shell e un anello hole deve essere DJ (disjoint, l anello hole non tocca l anello shell) or TC (touch, l anello hole tocca l anello shell in un solo punto). Inoltre un anello hole non può mai essere contenuto nel buco descritto da un altro anello hole come mostrato nella Figura 8.b. a) b) Figura 7 Alcune delle proprietà definite sottintendono il fatto che un poligono debba essere connesso in modo forte (definizione dello standard ISO 19125): un poligono è connesso se da qualsiasi punto dell interno è possibile raggiungere qualsiasi altro punto dell interno attraverso un percorso che non attraversi mai il confine del poligono. Si noti che alcune delle precedenti proprietà eliminano alcuni casi di non connessione, tuttavia la definizione data intercetta alcuni casi altrimenti accettati dalle proprietà precedenti come quelli mostrati in Figura 9 dove l insieme degli anelli hole provoca la generazione di due poligoni: Figura 8 Controllo P : Senso delle parti. Individua le parti che sono definite in senso orario (anello shell) e le parti definite in senso antiorario (anelli hole) necessarie ai successivi controlli. Il controllo verifica poi che esista solo un anello shell. I record errati sono elencati nella sottosezione analisi dei valori dei tipi geometrici e sono classificati col tipo errore shell not exist se tutti gli anelli sono anelli hole e col tipo errore shell not unique se esiste più di un anello shell.; si noti che quest ultimo caso potrebbe esser dovuto al fatto che si sia inserito in un record un aggregato di poligoni invece di un poligono semplice come richiesto dalle specifiche di contenuto, mentre per entrambe le situazioni può comunque trattarsi di un errore nella memorizzazione dell orientamento. Controllo P : Anelli hole interni all anello shell. Il controllo verifica che tutti gli anelli hole siano interni al poligono, ossia che gli anelli hole non intersechino l anello shell oppure che siano al suo esterno. I record errati sono elencati nella sottosezione analisi dei valori dei tipi geometrici e sono classificati col tipo errore hole not inside. Controllo P : Relazione tra anelli shell e gli anelli hole. Ogni anello hole può toccare l anello shell in un solo punto. I record errati sono elencati nella sottosezione analisi dei valori dei tipi geometrici e sono classificati col tipo errore hole/shell touch error. Controllo P : Relazione tra anelli hole. Ogni anello hole può toccare un altro anello hole in un solo punto. I record errati sono elencati nella sottosezione analisi dei valori dei tipi geometrici e sono classificati col tipo errore hole/hole touch error. Controllo P09: Sliver polygon. Vengono individuati i poligoni troppo piccoli (sliver polygon). Il concetto di piccolo introduce una valutazione metrica che quindi va calibrata in funzione del contesto e inoltre va calibrato in funzione del parametro che si decide di rilevare. I parametri possibili sono: - l area minima che non tiene conto della forma dell oggetto; - il thickness quotient T=4π area/perimeter2, con T=1 circle T=0 line (formula ISO ed ESRI) che viceversa tiene conto solo della forma. 9

10 E stato adottato il secondo criterio. Si noti che questa proprietà si applica solo al poligono complessivo non per verificare buchi di area troppo piccola. I record errati sono elencati nella sottosezione analisi dei valori dei tipi geometrici e sono classificati col tipo errore sliver polygon. Controllo P08: Poligoni duplicati. Non possono esistere due poligoni uguali in uno shape. Controllo P10: Controlla presenza dei poligoni multipart (potrebbe essere una ripetizione del controllo P shell not unique) I controlli topologici Verifica buchi e sovrapposizione A8.3 1) I poligoni dei Piani di zonizzazione acustica del singolo comune non devono sovrapporsi tra di loro, è ammissibile invece la condivisione del boundary (che dovrà essere unico e non digitalizzato due volte per i due poligoni). Il nome dello shapefile di errore è p<cod_istat>_overlaps_poly 2) Tra i poligoni dei piani di zonizzazione acustica del singolo comune non devono esistere aree non assegnate a nessuna classe di zonizzazione acustica (leggi buchi ). Il nome dello shapefile di errore è p<cod_istat>_gaps_poly 1.2 Allegati Attivazione delle Macro Per attivare le macro sarà sufficiente modificare le Impostazioni Macro dal menù Opzioni di Access. Più nel dettaglio, per Access 2003 i passi da seguire sono i seguenti: 1. Accedere alla voce Macro presente nel menù Strumenti e successivamente alle opzioni di protezione; 2. Impostare il livello di protezione delle macro su Basso in modo da attivare tutte le macro. 10

11 Per Access 2007, invece, i passi da seguire sono i seguenti: 1. Accedere al menù Opzioni di Access dal pulsante Microsoft Office; 2. Accedere al menù Centro di Protezione e successivamete cliccare su Impostazioni Centro protezione 11

12 3. Attivare tutte le macro. 12

13 1.2.2 Aggiunta percorsi attendibili 1) Entrare in Microsoft Access 2) Selezionare Centro di Protezione, quindi selezionare Percorsi Attendibili 3) Aggiungere il percorso (path) da rendere attendibile (ad esempio quello che contiene i db di configurazione) 13

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

Manuale installazione DiKe Util

Manuale installazione DiKe Util Manuale installazione DiKe Util Andare sul sito Internet: www.firma.infocert.it Cliccare su software nella sezione rossa INSTALLAZIONE: comparirà la seguente pagina 1 Selezionare, nel menu di sinistra,

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Nuovo metodo per l'installazione delle stampanti su Windows

Nuovo metodo per l'installazione delle stampanti su Windows Nuovo metodo per l'installazione delle stampanti su Windows Questo documento illustra come installare una stampante in ambiente Windows con un nuovo metodo. Il vecchio metodo, principalmente consigliato

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE

SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE ESEGUIRE: MENU STRUMENTI ---- OPZIONI INTERNET --- ELIMINA FILE TEMPORANEI --- SPUNTARE

Dettagli

Accesso all Area di Lavoro

Accesso all Area di Lavoro Accesso all Area di Lavoro Una volta che l Utente ha attivato le sue credenziali d accesso Username e Password può effettuare il login e quindi avere accesso alla propria Area di Lavoro. Gli apparirà la

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa di Ilaria Lorenzo e Alessandra Palma Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa Code::Blocks

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/ Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive https://nonconf.unife.it/ Registrazione della Non Conformità (NC) Accesso di tipo 1 Addetto Registrazione della Non Conformità

Dettagli

RELAZIONE DI FINE TIROCINIO

RELAZIONE DI FINE TIROCINIO Dipartimento di Ingegneria Civile Laura Magistrale in Ingegneria Civile per la Protezione dai Rischi Naturali A.A. 2014-2015 RELAZIONE DI FINE TIROCINIO INTRODUZIONE ALL'USO DEL SOFTWARE GIS UDIG Tirocinante:

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it PROCEDURA E-COMMERCE BUSINESS TO BUSINESS Guida alla Compilazione di un ordine INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it INDICE 1. Autenticazione del nome utente

Dettagli

Estrazione dati cartografici formato SHP (shape) ed e00

Estrazione dati cartografici formato SHP (shape) ed e00 Estrazione dati cartografici formato SHP (shape) ed e00 Istruzioni per visualizzazione codici di particella, simboli e linee tratteggiate in ArcGis 8.x 9.x 1- Da pannello di controllo in Windows installare

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli

MANUALE D USO G.ALI.LE.O GALILEO. Manuale d uso. Versione 1.1.0. [OFR] - Progetto GALILEO - Manuale d uso

MANUALE D USO G.ALI.LE.O GALILEO. Manuale d uso. Versione 1.1.0. [OFR] - Progetto GALILEO - Manuale d uso [OFR] - - G.ALI.LE.O Versione 1.1.0 MANUALE D USO pag. 1 di 85 [OFR] - - pag. 2 di 85 [OFR] - - Sommario 1 - Introduzione... 6 2 - Gestione ALbI digitale Ordini (G.ALI.LE.O.)... 7 2.1 - Schema di principio...

Dettagli

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE > MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE WorkNC V21 multicore 64 bits : Benefici di WorkNC Aumento generale della produttività, grazie alle nuove tecnologie multi-core, 64 bit e Windows 7 Calcolo di

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Microsoft Windows 30/10/2014 Questo manuale fornisce le istruzioni per l'utilizzo della Carta Provinciale dei Servizi e del lettore di smart card Smarty sui sistemi operativi

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

lavorare con dati tabellari in ArcGis

lavorare con dati tabellari in ArcGis lavorare con dati tabellari in ArcGis 1. gestione delle tabelle 2. aggregazione di dati tabellari 3. relazioni con tabelle esterne 4. modifica di dati tabellari (1) gestione delle tabelle Tipi di tabelle

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Manuale Utente IMPORT IATROS XP

Manuale Utente IMPORT IATROS XP Manuale Utente IMPORT IATROS XP Sommario Prerequisiti per l installazione... 2 Installazione del software IMPORT IATROS XP... 2 Utilizzo dell importatore... 3 Report della procedura di importazione da

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

Introduzione al software ArcGIS 8.3

Introduzione al software ArcGIS 8.3 Introduzione al software ArcGIS 8.3 Data: Febbraio 2007 CopyLeft 2007 Niccoli Tommaso Indice 1. Introduzione ad ARCGIS... 4 1.1. Struttura di ArcView...5 1.2. Terminologia di ArcGIS...6 2. ArcCatalog...

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC THOMSON SCIENTIFIC EndNote Web Quick Reference Card Web è un servizio online ideato per aiutare studenti e ricercatori nel processo di scrittura di un documento di ricerca. ISI Web of Knowledge, EndNote

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

HORIZON SQL PREVENTIVO

HORIZON SQL PREVENTIVO 1/7 HORIZON SQL PREVENTIVO Preventivo... 1 Modalità di composizione del testo... 4 Dettaglia ogni singola prestazione... 4 Dettaglia ogni singola prestazione raggruppando gli allegati... 4 Raggruppa per

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

News versione 6.0.0. Parte Generale:

News versione 6.0.0. Parte Generale: News versione 6.0.0 Parte Generale: 1. Coesistenza sul PC delle diverse release; 2. Aggiornamento delle modalità di duplicazione, esportazione ed importazione della specifica professionale prescelta; 3.

Dettagli

CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE

CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE 1 SOMMARIO 1 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO...3 2 OFFERTA DEL FORNITORE...4 2.1 LOG ON...4 2.2 PAGINA INIZIALE...4 2.3 CREAZIONE OFFERTA...6 2.4 ACCESSO AL DOCUMENTALE...8

Dettagli

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 Download Si può scaricare gratuitamente la versione per il proprio sistema operativo (Windows, MacOS, Linux) dal sito: http://www.codeblocks.org

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura Dev-Pascal 1.9.2 1 Dev-Pascal è un ambiente di sviluppo integrato per la programmazione in linguaggio Pascal sotto Windows prodotto dalla Bloodshed con licenza GNU e liberamente scaricabile al link http://www.bloodshed.net/dev/devpas192.exe

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer 1. Prima emissione certificato 1 2. Rilascio nuovo certificato 10 3. Rimozione certificato 13 1. Prima emissione certificato Dal sito

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale RUOLO DELLA MODELLAZIONE GEOMETRICA E LIVELLI DI MODELLAZIONE PARTE 2 Prof. Caterina Rizzi... IN QUESTA LEZIONE Modelli 2D/3D Modelli 3D/3D Dimensione delle primitive di modellazione Dimensione dell oggettoy

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

MANUALE OPERATIVO. Programma per la gestione associativa Versione 5.x

MANUALE OPERATIVO. Programma per la gestione associativa Versione 5.x Associazione Volontari Italiani del Sangue Viale E. Forlanini, 23 20134 Milano Tel. 02/70006786 Fax. 02/70006643 Sito Internet: www.avis.it - Email: avis.nazionale@avis.it Programma per la gestione associativa

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import dati Release 7.0 COPYRIGHT 2000-2012 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati. Questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

PCC - Pixia Centro Comunicazioni GUIDA PER L UTILIZZO

PCC - Pixia Centro Comunicazioni GUIDA PER L UTILIZZO PCC - Pixia Centro Comunicazioni GUIDA PER L UTILIZZO Informazioni generali Il programma permette l'invio di SMS, usufruendo di un servizio, a pagamento, disponibile via internet. Gli SMS possono essere

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet Lavoro Occasionale Accessorio Internet 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo del documento... 3 1.2 Normativa... 3 1.3 Attori del Processo... 4 1.4 Accesso Internet... 5 1.4.1 Accesso Internet da Informazioni...

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Invio della domanda on line ai sensi dell art. 12 dell avviso pubblico quadro 2013. Regole tecniche e modalità di svolgimento

Invio della domanda on line ai sensi dell art. 12 dell avviso pubblico quadro 2013. Regole tecniche e modalità di svolgimento INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO art. 11, comma 1 lett. a) e comma 5 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Invio della domanda on line ai sensi

Dettagli

La Valutazione Euristica

La Valutazione Euristica 1/38 E un metodo ispettivo di tipo discount effettuato da esperti di usabilità. Consiste nel valutare se una serie di principi di buona progettazione sono stati applicati correttamente. Si basa sull uso

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi.

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Guida all uso Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Legenda Singolo = Fax o SMS da inviare ad un singolo destinatario Multiplo = Fax o SMS da inviare a tanti destinatari

Dettagli

Suggerimenti forniti da MetaQuotes per l utilizzo di MetaTrader 4 con Mac OS

Suggerimenti forniti da MetaQuotes per l utilizzo di MetaTrader 4 con Mac OS Suggerimenti forniti da MetaQuotes per l utilizzo di MetaTrader 4 con Mac OS Nonostante esistano già in rete diversi metodi di vendita, MetaQuotes il programmatore di MetaTrader 4, ha deciso di affidare

Dettagli

GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE

GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE GUIDA UTENTE PROTOCOLLO FACILE (Vers. 4.4.0) Installazione... 3 Prima esecuzione... 6 Login... 7 Funzionalità... 8 Protocollo... 9 Inserimento nuovo protocollo... 11 Invio SMS... 14 Ricerca... 18 Anagrafica...

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

EndNote Web è un servizio online per la gestione di bibliografie personalizzate integrabili nella redazione di testi: paper, articoli, saggi

EndNote Web è un servizio online per la gestione di bibliografie personalizzate integrabili nella redazione di testi: paper, articoli, saggi ENDNOTE WEB EndNote Web è un servizio online per la gestione di bibliografie personalizzate integrabili nella redazione di testi: paper, articoli, saggi EndNote Web consente di: importare informazioni

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Industry Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Dispositivi utilizzati: - 2 LOGO! 0BA7 (6ED1 052-1MD00-0AB7) - Scalance X-208 LOGO! 0BA7 Client IP: 192.168.0.1 LOGO! 0BA7 Server IP:

Dettagli

GUIDA UTENTE PRATICA DIGITALE

GUIDA UTENTE PRATICA DIGITALE GUIDA UTENTE PRATICA DIGITALE (Vers. 4.4.0) Installazione... 3 Prima esecuzione... 6 Login... 7 Funzionalità... 8 Pratiche... 10 Anagrafica... 13 Documenti... 15 Inserimento nuovo protocollo... 17 Invio

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie [COB] Import massivo XML. ver. 1.0 del 14.05.2008 (ver. COB 3.13.01)

SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie [COB] Import massivo XML. ver. 1.0 del 14.05.2008 (ver. COB 3.13.01) SINTESI Comunicazioni Obbligatorie [COB] XML ver. 1.0 del 14.05.2008 (ver. COB 3.13.01) Questo documento è una guida alla importazione delle Comunicazioni Obbligatorie: funzionalità che consente di importare

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

Gestire dati geografici con software GIS: QGIS 2.2

Gestire dati geografici con software GIS: QGIS 2.2 Gestire dati geografici con software GIS: QGIS 2.2 ESERCIZI Maggio 2014 Il materiale contenuto nel presente manuale può essere utilizzato esclusivamente per scopi personali e non può pertanto essere impiegato

Dettagli