Procedure di Controllo MIRCA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Procedure di Controllo MIRCA"

Transcript

1 - Manuale - Procedure di Controllo MIRCA Versione del software 1_6_2 1

2 Sommario 1.1 Le procedure di controllo Pre-requisiti: Completezza dei file di consegna A Correttezza del formato fisico A Correttezza della compilazione degli attributi A Correttezza delle geometrie (premessa) I controlli topologici Allegati Attivazione delle Macro

3 1.1 Le procedure di controllo Le procedure sono di tipo desktop, sono sviluppate con gli ArcObjects 1, integrate in un cruscotto funzionante in ArcGis Pre-requisiti: 1) il setup è utilizzabile con SO Windows XP, Vista e 7; 2) il setup è utilizzabile con Access 2007, 2010, 2003 (attivare delle macro per una corretta esecuzione); 3) il setup è utilizzabile con ArcGis Desktop service pack2 Altre indicazioni: 1) sul pc in uso verificare che sia installato VBA (accedere al menù Tools -> Macros di ArcMap. Se le voci Macros e Visual Basic Editor fossero disabilitate, eseguire una repair dell'installazione di ArcMap) 2) Durante l'installazione del software viene copiata la toolbox MircaProcedureControllo.tbx nel percorso delle toolbox standard di ArcMap (normalmente "C:\Program Files\ArcGIS\ArcToolBox\Toolboxes" oppure "C:\Programmi\ArcGIS\ArcToolBox\Toolboxes"). Qualora ArcMap sia stato installato in un percorso differente sarà necessario copiare manualmente il file MircaProcedureControllo.tbx (la cui copia è contenuta nella cartella di installazione dell'applicazione) nella cartella Toolboxes di ArcToolbox; 3) per risolvere alcuni problemi di permessi di scrittura che riguardano le impostazioni di Windows7, i file di configurazione e i db, nonché la cartella di output di default (out), saranno contenuti nei seguenti percorsi: - per XP: "C:\Documents and Settings\AllUsers\Application Data\ProcedureControllo\Mirca" (o "Dati Applicazioni\ProcedureControllo\Mirca"); - per Vista/7: "C:\ProgramData\ProcedureControllo\Mirca". Per il corretto funzionamento delle procedure l'utente deve avere i permessi di scrittura nelle cartelle in cui sono contenuti i file di configurazione, i db e la cartella di output. I percorsi sopra indicati devono essere accessibili a tutti gli utenti che accedono al pc. 2 Attivare le macro Dopo aver installato il setup MIRCA (setup.exe o MircaProcedureControllo_1.6.2.msi), aprire ArcMap, visualizzare (nel modulo Arctoolbox) la toolbar MircaProcedurecontrollo_2.4, fare click sul bottone apre il cruscotto3. Per poter far funzionare le procedure è necessario fare click sul bottone Opzioni e configurare: la workspace di input dove si trovano gli shape da indagare, che 1 Componenti software realizzate in C++, indipendenti dalla piattaforma, che forniscono le funzionalità GIS per applicazioni di tipo desktop, o centralizzate di tipo web o client/server. Le funzionalità implementabili tramite gli ArcObject possono essere molteplici quali ad esempio controlli per la navigazione sulle mappe, strumenti per la ricerca e la selezione dei dati, analisi spaziale e 3D, operazioni di editing, interazione con i geodatabase di tipo personal o enterprise. Gli sviluppatori hanno la possibilità di realizzare le applicazioni scegliendo tra diversi ambienti di sviluppo quali Visual Studio, JBuilder, Delphi, Eclipse ed altri. 2 Al momento dell'impostazione delle opzioni nella form dell'applicazione MircaProcedurecontrollo, nel caso in cui un utente abbia deciso di utilizzare altre cartelle per gli output o per il db e non abbia i permessi di scrittura,verrà avvisato con un apposito messaggio. 3 Se viene messaggio non è stata caricato il tool MircaProceduraControllo, caricare da ArcToolBox (Add New Toolbox) il tool MircaProcedureControllo. Caricato il tool, selezionarlo e settare default. 3

4 la workspace di ouput dove verranno messi eventuali shape di errore, il nome e path del db di configurazione DbConfigVerifica.mdb che viene installato con il setup e posizionato come indicato al punto 3) il nome e path del db DbConfig.mdb che viene installato con il setup e posizionato come indicato al punto 3), la risoluzione xy da settare a (si deve passare da 1/10*7 a 1/10*8), la tolleranza settata a , il sistema di coordinate richiesto da Regione Lombardia. Compilati i campi di opzione è possibile lanciare le procedure, si consiglia di lanciarne una alla volta. Selezionare una procedura alla volta e click sul bottone Esegui (attenzione lanciare gli step a crescere da step1 arrivare allo step5). Dopo aver lanciato le procedure, click sul bottone produci report, per ottenere le reportistiche di errore (vengono salvate nella workspace di output). Vengono anche forniti due documenti master 4 word che linkano tutti report esportati. Cruscotto aperto: Figura 1 - Cruscotto Settare le opzioni: Figura 2 - Settaggio opzioni Selezionare la procedura e click su esegui: 4 Si hanno due tipi di documenti master (report): il primo di sintesi e il secondo di dettaglio, dove vengono dettagliati gli errori riportati nel documento di sintesi 4

5 Figura 3 - Selezione procedura Le procedure si suddividono nelle seguenti macro-categorie e presentano sempre una reportistica di output: Completezza dei file di consegna A1.1 Il primo obiettivo delle procedure automatiche è quello di realizzare un quadro riassuntivo della consegna che viene descritto nella sezione quadro della consegna del report di sintesi dei controlli. Tale quadro riporta: - l elenco degli shape richiesti e consegnati (sottosezione shape forniti ). Per ogni shape si riportano nome dello shape, il numero dei record contenuti nello shape e la risoluzione delle coordinate della geometria espressa come numero di decimali utilizzati; - l elenco degli shape previsti e non consegnati (sottosezione shape omessi ), riportando il nome dello shape; (in realtà questo tipo di controllo potrebbe essere omesso perché se la fornitura riguarda per esempio i comuni della provincia di Bergamo, oltre ai comuni di Bergamo assenti vengono riportati anche tutti gli altri comuni della Lombardia); - l elenco dei nomi degli shape eccedenti rispetto a quelli delle specifiche di contenuto (sottosezione shape in eccesso"); si noti che questi shape non sono ovviamente considerati nei successivi controlli. Questi elenchi sono forniti come supporto alla verifica della completezza della consegna e quindi alla certificazione della corretta omissione di quelli mancanti. Si noti che il controllo è basato sul nome dei file e quindi l insieme dei tre elenchi aiuta anche a rintracciare errori di pura denominazione dei file Correttezza del formato fisico A Verificato il quadro di consegna si passa a verificare la correttezza dello schema o formato fisico degli shape consegnati, ossia che la struttura di ogni shape rispetti quella prevista nel documento Schema fisico MIRCA versione 1.0 marzo I controlli effettuati riportano l esito nella sezione STRUTTURA DEGLI SHAPE FORNITI del report di sintesi. Il primo controllo identifica le seguenti situazioni che sono descritte nella sottosezione Attributi obbligatori omessi e attributi in eccesso del report di sintesi: 5 Ad oggi per un problema nelle procedure che verrà risolto, i nomi degli shape devono essere scritti in maiuscolo 5

6 gli attributi previsti dal documento suddetto, ma non presenti nello shape, per i quali si riportano nel report il nome dell attributo, lo shape di appartenenza e l indicazione di stato omesso ; gli attributi presenti ma non previsti, per i quali si riportano nel report il nome dell attributo, lo shape di appartenenza e l indicazione di stato eccesso. Il secondo controllo verifica la struttura degli attributi previsti e presenti nella consegna per i quali si riportano nella sottosezione Attributi presenti nella consegna con struttura errata solo gli attributi che non rispettano la struttura definita; in particolare, il report segnala il nome dell attributo errato, il nome dello shape di appartenenza e il tipo di errore; si noti che le tipologie di errore riscontrabili sono le seguenti: - geometria errata per gli attributi geometrici per i quali lo shtype field dello shape non corrisponda al tipo geometrico previsto dalle specifiche; - formato errato per gli attributi descrittivi di tipo sbagliato (ad esempio, stringa di caratteri dove si richiede un numero); - lunghezza errata per gli attributi descrittivi di tipo corretto, ma di dimensione sbagliata (ad esempio, un errata lunghezza nel tipo stringa); - decimali errati per gli attributi descrittivi contenenti numeri reali e per i quali è sbagliato il numero di decimali definiti. Analogamente al quadro di consegna la verifica dello schema permette di rilevare anche eventuali errori nella denominazione degli attributi dato che la corrispondenza tra gli attributi previsti e quelli trovati è effettuata per nome Correttezza della compilazione degli attributi A2 L obiettivo di questi controlli è quello di verificare che il contenuto degli attributi descrittivi rispetti i vincoli definiti dal schema fisico del MIRCA I controlli riportano, nella sezione ANALISI DEI VALORI DEGLI ATTRIBUTI DESCRITTIVI di entrambi i report, gli errori riscontrati nei dati. Il gruppo di controlli è il seguente e i risultati sono riportati nella sottosezione Attributi non compilati, controllo domini e identificatori : 1. assenza di attributi descrittivi vuoti (campi GID, CLASSE_ACU, COD_ISTAT, NUM_ATTO e DATA_APP); 2. congruenza con le tabelle di dominio. Questo controllo verifica che i valori degli attributi dotati di dominio (CLASSE_ACU, COD_ISTAT) siano congruenti con il dominio specificato nel documento Schema fisico MIRCA versione 1.0 marzo Per ogni attributo errato si riportano nel report di sintesi il nome dell attributo, il nome dello shape, il tipo di errore valore non in dominio. 3. verifica identificatori; il campo GID deve avere valore univoco: pertanto questo controllo verifica che non esistano due o più record di uno stesso shape che abbiano gli stessi valori in questi attributi di identificazione. Nel caso di errore si riporta nel report di sintesi per ogni identificatore che viola il controllo il nome dello shape, il tipo di errore id non univoco. Si noti il conteggio dei record errati conta ogni record che viola la condizione e quindi se, ad esempio, tre record condividono lo stesso identificatore saranno considerati tutti e 3 nel conteggio Correttezza delle geometrie (premessa) Nel progetto MIRCA il formato di consegna prevede l utilizzo di shape file, i quali fanno riferimento al formato shape definito dalla ESRI, reso disponibile nelle sue specifiche ( ESRI Shapefile Technical Description, An ESRI White paper july 1998) e attualmente uno degli standard de facto nel trasferimento dati tra sistemi GIS, in attesa di verificare se possa essere sostituito dal formato gml. Come tutte le definizioni dei formati dati, lo standard shape si concentra sulla definizione sintattica del formato dei dati (ad esempio, come vanno memorizzate le coordinate di un poligono), mentre viceversa include solo alcune proprietà semantiche dei dati (ad esempio, la sequenza ordinata delle coordinate del confine di un poligono devono definire un senso di percorrenza orario del confine stesso). La generazione di uno shape file dovrebbe quindi rispettare sia la struttura fisica e sia i criteri semantici di caricamento dei dati, tuttavia mentre i vincoli sintattici sono forti, quelli semantici no; nessun sistema carica un file che non rispetta il formato fisico dello shape, mentre una volta letto il file dipende dal singolo sistema il come comportarsi in presenza di una violazione di una proprietà semantica e non tutti i sistemi garantiscono lo stesso comportamento. I dati del MIRCA sono prodotti su piattaforma ArcGis9.x e se diffusi potranno essere caricati in sistemi tecnologicamente eterogenei tra di loro (non necessariamente in ArcGis); diventa fondamentale garantire l interoperabilità dei dati tra piattaforme differenti. Per ottenere ciò è necessario definire un modello unico e non ambiguo delle proprietà semantiche che si richiedono ai dati contenuti nello shape file di interscambio e garantire che i file consegnati le rispettino (simple feature model). In questo modo il processo di interscambio è basato sul modello di riferimento della geometria ed è quindi indipendente dalle tecnologie utilizzate nel soggetto produttore dei dati rispetto ai soggetti consumatori dei dati stessi. I fornitori dei dati potranno utilizzare le tecnologie che vogliono purché siano in grado di generare lo shape che soddisfi il modello proposto e ciò evita ai fornitori di doversi preoccupare delle tecnologie dei singoli utenti. Viceversa chi riceve i dati è garantito sulle caratteristiche dei dati ricevuti e quindi può generarsi i driver per caricare i dati senza perderli all interno dei propri sistemi tecnologici. Per avere una definizione il più possibile rigorosa del modello geometrico adottato si è preso come riferimento il modello geometrico definito dagli standard della serie dell ISO TC211 che si occupa di informazioni geografiche e dagli standard del TC che si occupa dell estensione di SQL ai dati geografici che a loro volta sono un evoluzione delle proposte iniziali del consorzio OpenGeospatial (conosciuto come OpenGIS); in particolare il modello adottato si basa sul 6

7 simple feature model definito dal consorzio OpenGeoSpatial e diventato standard ISO del TC211 e standard ISO/IEC per SQL. Si noti che a questo modello si sono resi conformi i sistemi commerciali esistenti anche se la conformità sul modello dei dati non garantisce lo stesso comportamento dei sistemi che operano sui dati in particolare in presenza di errori. Il simple feature model è stato poi adattato tenendo conto dello standard del formato shape. Per la comprensione del simple feature model si rimanda al documento del Politecnico di Milano Servizio di controllo dei Data base topografici, da cui sono stati ripresi degli stralci al fine di comprendere il significato dei controlli. Nelle sezioni successive si presentano in modo progressivo i controlli geometrici definiti per i quali l esito è descritto nella sezione qualità geometria dei report; in particolare la sezione è divisa in due sottosezioni per distinguere i controlli sul singolo record descritti nella sottosezione analisi dei valori dei tipi geometrici da quelli che verificano la duplicazione tra più record descritti nella sottosezione duplicazione geometria. Nel report sintetico della prima sottosezione si riportano, ordinati per shape, il nome dello shape e l elenco dei tipi di errore incontrati (che saranno dettagliati nelle successive sezioni di questo documento) con il numero di record errati per tipo, mentre nella seconda sottosezione è ovviamente omesso il tipo di errore che è unico. Nel report analitico della prima sottosezione si riportano suddivisi per shape il nome dello shape e l elenco dei record errati raggruppati per tipo di errore; ogni record è identificato dal valore del suo identificatore logico (GID) e dal suo identificatore fisico dato dal record number del record nello shape. Nella seconda sottosezione invece si riporta per ogni shape l elenco dei record duplicati, riportando per ciascuno di essi il valore del suo identificatore logico (GID) e dal suo identificatore fisico dato dal record number del record nello shape I controlli geometrici Controllo G01: tutti i record degli shape file devono contenere sempre un valore, ossia non sono ammessi record contenenti geometrie vuote. I record errati sono elencati nella sottosezione analisi dei valori dei tipi geometrici dei report e classificati col tipo errore empty geometry Controllo G01: devono essere presenti in ogni vertice, usato per la descrizione di un tipo, tutte le coordinate richieste dalla dimensione del tipo. I record errati sono elencati nella sottosezione analisi dei valori dei tipi geometrici e sono classificati col tipo errore missing coordinate. Controllo P12: assenza degenerazione. Ogni anello 6 non ammette vertici adiacenti identici. I record errati sono elencati nella sottosezione analisi dei valori dei tipi geometrici e sono classificati col tipo errore duplicate adjacent vertex. Controllo P11: assenza di cuspidi. Ogni anello non deve avere cuspidi considerando tutte le coordinate con riferimento ad un angolo minimo di 3 gradi. I record errati sono elencati nella sottosezione analisi dei valori dei tipi geometrici e sono classificati col tipo errore cuspide. Controllo P01: chiusura anelli. Ogni anello deve essere chiuso, considerando tutte le coordinate (primo ultimo vertice uguale come richiesto dal formato shape file). I record errati sono elencati nella sottosezione analisi dei valori dei tipi geometrici e sono classificati col tipo errore not is closed. Controllo P02: assenza sovrapposizione. Non sono ammessi segmenti che si sovrappongono anche solo parzialmente. I record errati sono elencati nella sottosezione analisi dei valori dei tipi geometrici e sono classificati col tipo errore self overlap. Si noti che questo controllo intercetta l anomalia kickback. Come output vengono restituiti anche shape nella dir di output nominati nel seguente modo <nome_shp>_self_intov_line o <nome_shp>_self_intov_point 6 Una curva chiusa e semplice è chiamata anello (ring) ed è tipicamente utilizzata nella definizione dei poligoni. Una curva in generale può essere aperta o chiusa, tuttavia si ricorda che deve essere chiusa se la curva descrive il confine di un poligono. Una curva è poi semplice se il suo interno non passa dallo stesso punto più di una volta, altrimenti c è un autointersezione o un autotangenza e la curva si dice non semplice. 7

8 Controllo P02: assenza di autointersezione. Ogni anello deve essere semplice nello spazio 2D. I record errati sono elencati nella sottosezione analisi dei valori dei tipi geometrici e sono classificati col tipo errore self intersected. Come output vengono restituiti anche shape nella dir di output nominati nel seguente modo <nome_shp>_self_intov_line o <nome_shp>_self_intov_point I controlli precedenti garantiscono che le singole curve rappresentino anelli singolarmente corretti, tuttavia si tratta solo di una condizione preliminare in quanto è necessario verificare anche la qualità delle relazioni esistenti tra gli anelli al fine di verificare la corretta definizione di un poligono corretto. Per questo motivo si definiscono ulteriori proprietà inerenti il poligono. Lo standard degli shape file distingue dal punto di vista sintattico le parti che nella struttura di memorizzazione di un poligono nello shape poligonale devono rappresentare i diversi tipi di anelli; un record descrive un insieme non ordinato di parti che possono fare riferimento al confine esterno e ai buchi di un singolo poligono piuttosto che al confine esterno di un aggregato di poligoni e così via. Ed è proprio per compensare questa lacuna sintattica che lo standard definisce una regola di generazione delle parti al fine di distinguere i vari casi; regola che deve essere usata opportunamente da chi genera uno shape poligonale. In particolare, lo standard ESRI adotta l approccio degli standard ISO basati sull orientamento degli anelli nel seguente modo: una parte che descrive un anello che rappresenta il confine esterno di un poligono deve avere un orientamento orario (nel seguito identificato come anello shell ) e viceversa per gli anelli che rappresentano i confini interni dei buchi (nel seguito identificati come anelli hole ). Si noti che lo standard shape definisce dirty i poligoni che non rispettano questa regola. In questo modo 2 parti che descrivono due anelli shell rappresentano un aggregato di due poligoni semplici e 2 parti che descrivono un anello shell e un anello hole devono rappresentare un poligono con un buco. Si noti che la regola basata sull orientamento stabilisce una condizione necessaria per l interpretazione del ruolo degli anelli, ma non è sufficiente per stabilire le proprietà geometriche conseguenti: ad esempio che un buco non possa contenere nella sua estensione l anello che dovrebbe rappresentare il suo confine esterno. Per questo motivo si definiscono le ulteriori proprietà reciproche tra gli anelli: - un poligono è formato da un solo anello shell e da 0 o più anelli hole. La presenza di più anelli shell implica la definizione di un aggregato come mostrato in Figura 5 e non di un poligono semplice. Figura 4 - gli anelli hole devono essere contenuti nel poligono semplice descritto dall anello shell e quindi non sono ammesse le situazioni della Figura 6 (H rappresenta il buco); S H a) b) Figura 5 - Ogni anello hole può toccare l anello shell al massimo in un punto come mostrato in Figura 7a, ossia la relazione topologica tra l anello shell e un anello hole deve essere DJ (disjoint, l anello hole non tocca l anello shell) or TC (touch, l anello hole tocca l anello shell in un solo punto (definizione dello standard ISO 19125); si noti che se si toccano in più punti sicuramente il poligono non risulta connesso (come successivamente richiesto) come mostrato in Figura 7b. Si noti che questa regola e le precedenti garantiscono di evitare poligoni che degenerino a curve (ad esempio un poligono con una anello shell coincidente con l anello hole). Si noti che lo standard dello shape file definisce che si devono toccare in punti discreti coincidenti con i vertici dei due anelli, ma non dice nulla sul numero di punti di contatto. 8

9 a) b) Figura 6 - ogni coppia di anelli hole può toccarsi al massimo in un solo punto come mostrato nella Figura 8a, ossia la relazione topologica tra l anello shell e un anello hole deve essere DJ (disjoint, l anello hole non tocca l anello shell) or TC (touch, l anello hole tocca l anello shell in un solo punto). Inoltre un anello hole non può mai essere contenuto nel buco descritto da un altro anello hole come mostrato nella Figura 8.b. a) b) Figura 7 Alcune delle proprietà definite sottintendono il fatto che un poligono debba essere connesso in modo forte (definizione dello standard ISO 19125): un poligono è connesso se da qualsiasi punto dell interno è possibile raggiungere qualsiasi altro punto dell interno attraverso un percorso che non attraversi mai il confine del poligono. Si noti che alcune delle precedenti proprietà eliminano alcuni casi di non connessione, tuttavia la definizione data intercetta alcuni casi altrimenti accettati dalle proprietà precedenti come quelli mostrati in Figura 9 dove l insieme degli anelli hole provoca la generazione di due poligoni: Figura 8 Controllo P : Senso delle parti. Individua le parti che sono definite in senso orario (anello shell) e le parti definite in senso antiorario (anelli hole) necessarie ai successivi controlli. Il controllo verifica poi che esista solo un anello shell. I record errati sono elencati nella sottosezione analisi dei valori dei tipi geometrici e sono classificati col tipo errore shell not exist se tutti gli anelli sono anelli hole e col tipo errore shell not unique se esiste più di un anello shell.; si noti che quest ultimo caso potrebbe esser dovuto al fatto che si sia inserito in un record un aggregato di poligoni invece di un poligono semplice come richiesto dalle specifiche di contenuto, mentre per entrambe le situazioni può comunque trattarsi di un errore nella memorizzazione dell orientamento. Controllo P : Anelli hole interni all anello shell. Il controllo verifica che tutti gli anelli hole siano interni al poligono, ossia che gli anelli hole non intersechino l anello shell oppure che siano al suo esterno. I record errati sono elencati nella sottosezione analisi dei valori dei tipi geometrici e sono classificati col tipo errore hole not inside. Controllo P : Relazione tra anelli shell e gli anelli hole. Ogni anello hole può toccare l anello shell in un solo punto. I record errati sono elencati nella sottosezione analisi dei valori dei tipi geometrici e sono classificati col tipo errore hole/shell touch error. Controllo P : Relazione tra anelli hole. Ogni anello hole può toccare un altro anello hole in un solo punto. I record errati sono elencati nella sottosezione analisi dei valori dei tipi geometrici e sono classificati col tipo errore hole/hole touch error. Controllo P09: Sliver polygon. Vengono individuati i poligoni troppo piccoli (sliver polygon). Il concetto di piccolo introduce una valutazione metrica che quindi va calibrata in funzione del contesto e inoltre va calibrato in funzione del parametro che si decide di rilevare. I parametri possibili sono: - l area minima che non tiene conto della forma dell oggetto; - il thickness quotient T=4π area/perimeter2, con T=1 circle T=0 line (formula ISO ed ESRI) che viceversa tiene conto solo della forma. 9

10 E stato adottato il secondo criterio. Si noti che questa proprietà si applica solo al poligono complessivo non per verificare buchi di area troppo piccola. I record errati sono elencati nella sottosezione analisi dei valori dei tipi geometrici e sono classificati col tipo errore sliver polygon. Controllo P08: Poligoni duplicati. Non possono esistere due poligoni uguali in uno shape. Controllo P10: Controlla presenza dei poligoni multipart (potrebbe essere una ripetizione del controllo P shell not unique) I controlli topologici Verifica buchi e sovrapposizione A8.3 1) I poligoni dei Piani di zonizzazione acustica del singolo comune non devono sovrapporsi tra di loro, è ammissibile invece la condivisione del boundary (che dovrà essere unico e non digitalizzato due volte per i due poligoni). Il nome dello shapefile di errore è p<cod_istat>_overlaps_poly 2) Tra i poligoni dei piani di zonizzazione acustica del singolo comune non devono esistere aree non assegnate a nessuna classe di zonizzazione acustica (leggi buchi ). Il nome dello shapefile di errore è p<cod_istat>_gaps_poly 1.2 Allegati Attivazione delle Macro Per attivare le macro sarà sufficiente modificare le Impostazioni Macro dal menù Opzioni di Access. Più nel dettaglio, per Access 2003 i passi da seguire sono i seguenti: 1. Accedere alla voce Macro presente nel menù Strumenti e successivamente alle opzioni di protezione; 2. Impostare il livello di protezione delle macro su Basso in modo da attivare tutte le macro. 10

11 Per Access 2007, invece, i passi da seguire sono i seguenti: 1. Accedere al menù Opzioni di Access dal pulsante Microsoft Office; 2. Accedere al menù Centro di Protezione e successivamete cliccare su Impostazioni Centro protezione 11

12 3. Attivare tutte le macro. 12

13 1.2.2 Aggiunta percorsi attendibili 1) Entrare in Microsoft Access 2) Selezionare Centro di Protezione, quindi selezionare Percorsi Attendibili 3) Aggiungere il percorso (path) da rendere attendibile (ad esempio quello che contiene i db di configurazione) 13

Guida ai controlli delle forniture Piani di Governo del Territorio Versione 1.3 Giugno 2012

Guida ai controlli delle forniture Piani di Governo del Territorio Versione 1.3 Giugno 2012 Guida ai controlli delle forniture Piani di Governo del Territorio Versione 1.3 Giugno 2012 Pagina 1 di 18 CRONOLOGIA DELLE RELEASE: Numero Data di release emissione Sintesi delle variazioni 1.0.0 16/06/2009

Dettagli

Il GeoUML Validator a supporto delle operazioni di validazione dei dati

Il GeoUML Validator a supporto delle operazioni di validazione dei dati Gianfranco Amadio Il GeoUML Validator a supporto delle operazioni di validazione dei dati Riferimenti bibliografici: DM 10 novembre 2011: Catalogo dati territoriali: I-II parte SpatialDBgroup - GeoUML:

Dettagli

ArcGIS 10 strumenti di editing e ArcCatalog. Marco Negretti Politecnico di Milano e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi.

ArcGIS 10 strumenti di editing e ArcCatalog. Marco Negretti Politecnico di Milano e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi. ArcGIS 10 strumenti di editing e ArcCatalog Marco Negretti Politecnico di Milano e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi.it 14/11/2012 digitalizzare una immagine gestione dell'archivio

Dettagli

Compilazione rapporto di Audit in remoto

Compilazione rapporto di Audit in remoto Compilazione rapporto di Audit in remoto Installazione e manuale utente CSI S.p.A. V.le Lombardia 20-20021 Bollate (MI) Tel. 02.383301 Fax 02.3503940 E-mail: info@csi-spa.com Rev. 1.1 23/07/09 Indice Indice...

Dettagli

Direzione Centrale per le Politiche dell Immigrazione e dell Asilo

Direzione Centrale per le Politiche dell Immigrazione e dell Asilo Direzione Centrale per le Politiche dell Immigrazione e dell Asilo Sistema inoltro telematico domande di nulla osta, ricongiungimento e conversioni Manuale utente Versione 2 Data creazione 02/11/2007 12.14.00

Dettagli

WOPSpesometro Note sull utilizzo v. 5.0.0 marzo 2015 (comunicazione dati 2012, 2013 e 2014)

WOPSpesometro Note sull utilizzo v. 5.0.0 marzo 2015 (comunicazione dati 2012, 2013 e 2014) WOPSpesometro Note sull utilizzo v. 5.0.0 marzo 2015 (comunicazione dati 2012, 2013 e 2014) Sommario: 1) Attivazione del prodotto; 2) Configurazione; 3) Contribuente; 4) Gestione operazioni rilevanti ai

Dettagli

Accesso all Area di Lavoro

Accesso all Area di Lavoro Accesso all Area di Lavoro Una volta che l Utente ha attivato le sue credenziali d accesso Username e Password può effettuare il login e quindi avere accesso alla propria Area di Lavoro. Gli apparirà la

Dettagli

PREMESSA. Procedure di protezione che, ovviamente, dovranno essere riabilitate al termine dell'installazione.

PREMESSA. Procedure di protezione che, ovviamente, dovranno essere riabilitate al termine dell'installazione. PREMESSA E' buona e comune regola che, accingendosi a installare programmi che abbiano origine certa, si proceda preliminarmente alla disattivazione di Firewall e Antivirus. Procedure di protezione che,

Dettagli

Manuale Blumatica Itaca

Manuale Blumatica Itaca 0 MANUALE BLUMATICA ITACA Il Protocollo ITACA è uno strumento adottato dalle Regioni per la valutazione del grado di sostenibilità energetico ambientale delle costruzioni approvato il 15 gennaio 2004 dalla

Dettagli

ArcGIS - ArcView strumenti di editing

ArcGIS - ArcView strumenti di editing ArcGIS - ArcView strumenti di editing Marco Negretti Politecnico di Milano Polo Regionale di Como e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi.it 14/12/06 - v 2.1 digitalizzazione di una

Dettagli

Manuale d uso. Applicazione client Postecert Firma Digitale per Postemailbox

Manuale d uso. Applicazione client Postecert Firma Digitale per Postemailbox per Postemailbox Documento pubblico Pagina 1 di 22 Indice INTRODUZIONE... 3 REQUISITI... 3 SOFTWARE... 3 HARDWARE... 3 INSTALLAZIONE... 3 AGGIORNAMENTI... 4 AVVIO DELL APPLICAZIONE... 4 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE...

Dettagli

INDICE. - COPIA EBRIDGE uso interno 1. INTRODUZIONE... 3 2. PREREQUISITI... 3 3. MENÙ, DIRETTORI E FILES... 4

INDICE. - COPIA EBRIDGE uso interno 1. INTRODUZIONE... 3 2. PREREQUISITI... 3 3. MENÙ, DIRETTORI E FILES... 4 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. PREREQUISITI... 3 3. MENÙ, DIRETTORI E FILES... 4 4. FUNZIONALITÀ GENERALI... 5 4.1 CREAZIONE DI UNA COPIA... 5 4.2 ATTIVAZIONE DI UNA COPIA...7 4.3 RUN-TIME 429... 9 5.

Dettagli

SIRTEL. Sistema Informativo per la Rendicontazione Telematica degli Enti Locali. Schema di funzionamento del processo per l Ente Locale

SIRTEL. Sistema Informativo per la Rendicontazione Telematica degli Enti Locali. Schema di funzionamento del processo per l Ente Locale SIRTEL Sistema Informativo per la Rendicontazione Telematica degli Enti Locali Schema di funzionamento del processo per l Ente Locale Sommario del documento Acronimi...3 FASE 1: REGISTRAZIONE ED ABILITAZIONE

Dettagli

GUIDA OPERATIVA APPLICAZIONE PER LA VISUALIZZAZIONE DELLE FORNITURE DEI DATI DEI FABBRICATI MAI DICHIARATI CON ACCERTAMENTO CONCLUSO

GUIDA OPERATIVA APPLICAZIONE PER LA VISUALIZZAZIONE DELLE FORNITURE DEI DATI DEI FABBRICATI MAI DICHIARATI CON ACCERTAMENTO CONCLUSO GUIDA OPERATIVA APPLICAZIONE PER LA VISUALIZZAZIONE DELLE FORNITURE DEI DATI DEI FABBRICATI MAI DICHIARATI CON ACCERTAMENTO CONCLUSO 27 Giugno 2011 DOC. ES-31-IS-0B PAG. 2 DI 26 INDICE PREMESSA 3 1. INSTALLAZIONE

Dettagli

Gestione delle informazioni necessarie all attività di validazione degli studi di settore. Trasmissione degli esempi da valutare.

Gestione delle informazioni necessarie all attività di validazione degli studi di settore. Trasmissione degli esempi da valutare. Gestione delle informazioni necessarie all attività di validazione degli studi di settore. Trasmissione degli esempi da valutare. E stato previsto l utilizzo di uno specifico prodotto informatico (denominato

Dettagli

HOME. Servizio Download Dati Geografici. Interfaccia utente

HOME. Servizio Download Dati Geografici. Interfaccia utente HOME Servizio Download Dati Geografici Il servizio download offre all'utente la possibilità di scaricare il dato sia in formato raster sia in formato vettoriale. Per ogni livello informativo che si desidera

Dettagli

FPf per Windows 3.1. Guida all uso

FPf per Windows 3.1. Guida all uso FPf per Windows 3.1 Guida all uso 3 Configurazione di una rete locale Versione 1.0 del 18/05/2004 Guida 03 ver 02.doc Pagina 1 Scenario di riferimento In figura è mostrata una possibile soluzione di rete

Dettagli

Software per la diagnostica dei file batch

Software per la diagnostica dei file batch Software per la diagnostica dei file batch Premessa Il software per la diagnostica dei file batch è riservato alle società di ingegneria che effettuano comunicazione mediante file batch. L applicativo

Dettagli

nstallazione di METODO

nstallazione di METODO nstallazione di METODO In questo documento sono riportate, nell ordine, tutte le operazioni da seguire per una corretta installazione di Metodo. Per procedere con l installazione è necessario avere a disposizione

Dettagli

MANUALE INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE

MANUALE INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE ANUTEL Associazione Nazionale Uffici Tributi Enti Locali MANUALE INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE -Accerta TU -GEDAT -Leggi Dati ICI -Leggi RUOLO -Leggi Tarsu -Leggi Dati Tares -FacilityTares -Leggi Docfa

Dettagli

Guida al backup e aggiornamento del programma MIDAP

Guida al backup e aggiornamento del programma MIDAP 1 Guida al backup e aggiornamento del programma MIDAP Giugno 2013 2 Premessa Questo manuale descrive passo-passo le procedure necessarie per aggiornare l installazione di Midap Desktop già presente sul

Dettagli

GUIDA UTENTE PRIMA NOTA SEMPLICE

GUIDA UTENTE PRIMA NOTA SEMPLICE GUIDA UTENTE PRIMA NOTA SEMPLICE (Vers. 2.0.0) Installazione... 2 Prima esecuzione... 5 Login... 6 Funzionalità... 7 Prima Nota... 8 Registrazione nuovo movimento... 10 Associazione di file all operazione...

Dettagli

Collaudo DBT 2K Agg. RT

Collaudo DBT 2K Agg. RT Tre porzioni territoriali + estensione Circa 100000 ha di aggiornamento e 10000 ha di exnovo Per ogni porzione territoriale due consegne in corso d opera, al termine di fasi intermedie di lavoro, e una

Dettagli

SCARICO DATI ONETOUCH Verio per EuroTouch Home GUIDA ALL USO

SCARICO DATI ONETOUCH Verio per EuroTouch Home GUIDA ALL USO SCARICO DATI ONETOUCH Verio per EuroTouch Home GUIDA ALL USO Sommario Installazione dell applicazione... 3 L applicazione... 4 Requisiti... 4 Avvio dell applicazione... 4 Connessione al Database di EuroTouch

Dettagli

Web File System Manuale utente Ver. 1.0

Web File System Manuale utente Ver. 1.0 Web File System Manuale utente Ver. 1.0 Via Malavolti 31 41100 Modena Tel. 059-2551137 www.keposnet.com Fax 059-2558867 info@keposnet.com Il KDoc è un Web File System cioè un file system accessibile via

Dettagli

TS-CNS. Tessera Sanitaria Carta Nazionale dei Servizi. Manuale di installazione e configurazione. Versione 04.00 del 05.09.2014

TS-CNS. Tessera Sanitaria Carta Nazionale dei Servizi. Manuale di installazione e configurazione. Versione 04.00 del 05.09.2014 TS-CNS Tessera Sanitaria Carta Nazionale dei Servizi Versione 04.00 del 05.09.2014 - Sistema Operativo Microsoft Windows 32/64 bit - Carte Athena Per conoscere tutti i servizi della TS CNS visita il sito:

Dettagli

jsibac Statistiche ISTAT mensili Guida Area Servizi Demografici

jsibac Statistiche ISTAT mensili Guida Area Servizi Demografici jsibac Statistiche ISTAT mensili Guida Area Servizi Demografici M 1 Premessa Questo manuale si pone come guida operativa del software jsibac Area Demografici per l invio delle statistiche ISTAT mensili

Dettagli

Sistema Informatico per l Elaborazione dei Ruoli e la Gestione Integrata degli Avvisi

Sistema Informatico per l Elaborazione dei Ruoli e la Gestione Integrata degli Avvisi S.IN.E.R.G.I.A. Sistema Informatico per l Elaborazione dei Ruoli e la Gestione Integrata degli Avvisi Manuale di Installazione SINERGIA Manuale di Installazione S.IN.E.R.G.I.A. 2.2 Pagina 1 di 28 GENERALITÀ...3

Dettagli

GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO

GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO Informazioni preliminari Il primo avvio deve essere fatto sul Server (il pc sul quale dovrà risiedere il database). Verificare di aver installato MSDE sul Server prima

Dettagli

Installazione di Zelio Soft 2 su Microsoft Windows Vista

Installazione di Zelio Soft 2 su Microsoft Windows Vista Installazione di Zelio Soft 2 su Microsoft Windows Vista 1. Installazione di Zelio Soft 2 v4.1: Per prima cosa installare Zelio Soft 2 (versione 4.1) lanciandone il setup (doppio click sul file Setup.exe

Dettagli

Utilizzo dei servizi WMS e WFS

Utilizzo dei servizi WMS e WFS Servizi_WMS-WFS_SIT_Puglia.pdf Emesso il : 31/01/2014 Documento per gli utenti internet Utilizzo dei servizi WMS e WFS ABSTRACT Il documento presenta le modalità di connessione a PUGLIA.CON in modalità

Dettagli

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it PROCEDURA E-COMMERCE BUSINESS TO BUSINESS Guida alla Compilazione di un ordine INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it INDICE 1. Autenticazione del nome utente

Dettagli

GUIDA UTENTE WEB PROFILES

GUIDA UTENTE WEB PROFILES GUIDA UTENTE WEB PROFILES GUIDA UTENTE WEB PROFILES... 1 Installazione... 2 Primo avvio e registrazione... 5 Utilizzo di web profiles... 6 Gestione dei profili... 8 Fasce orarie... 13 Log siti... 14 Pag.

Dettagli

ACCESSO AL SISTEMA HELIOS...

ACCESSO AL SISTEMA HELIOS... Manuale Utente (Gestione Formazione) Versione 2.0.2 SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 2. ACCESSO AL SISTEMA HELIOS... 4 2.1. Pagina Iniziale... 6 3. CARICAMENTO ORE FORMAZIONE GENERALE... 9 3.1. RECUPERO MODELLO

Dettagli

ArcGIS - ArcView ArcCatalog

ArcGIS - ArcView ArcCatalog ArcGIS - ArcView ArcCatalog Marco Negretti Politecnico di Milano Polo Regionale di Como e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi.it 12/11/08 - v 3.0 ArcCatalog ArcCatalog: strumento

Dettagli

MANUALE UTENTE. Computer Palmare WORKABOUT PRO

MANUALE UTENTE. Computer Palmare WORKABOUT PRO MANUALE UTENTE Computer Palmare WORKABOUT PRO INDICE PROCEDURA DI INSTALLAZIONE:...3 GUIDA ALL UTILIZZO:...12 PROCEDURA DI AGGIORNAMENTO:...21 2 PROCEDURA DI INSTALLAZIONE: Per il corretto funzionamento

Dettagli

Supporto On Line Allegato FAQ

Supporto On Line Allegato FAQ Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-88NE8321850 Data ultima modifica 22/04/2011 Prodotto Tutti Modulo Tutti Oggetto Installazione di una nuova istanza di Sql Server Express 2008 R2 Prerequisiti

Dettagli

Gestione Risorse Umane Web. Gestione della foto in stampa unione. Versione V01

Gestione Risorse Umane Web. Gestione della foto in stampa unione. Versione V01 Gestione Risorse Umane Web Gestione della foto in stampa unione Versione V01 1 Sommario...2 Premessa...3 Gestione manuale del modello di stampa unione...4 Definizione dei campi che compongono l estrazione...4

Dettagli

Installazione MS SQL Express e utilizzo con progetti PHMI

Installazione MS SQL Express e utilizzo con progetti PHMI Installazione MS SQL Express e utilizzo con progetti PHMI Introduzione La nota descrive l utilizzo del database Microsoft SQL Express 2008 in combinazione con progetti Premium HMI per sistemi Win32/64

Dettagli

Guida alla gestione delle domande di Dote Scuola per l A.S. 2013-2014 Scuole Paritarie

Guida alla gestione delle domande di Dote Scuola per l A.S. 2013-2014 Scuole Paritarie Guida alla gestione delle domande di Dote Scuola per l A.S. 2013-2014 Scuole Paritarie Questo documento contiene informazioni utili al personale delle scuole paritarie per utilizzare l applicativo web

Dettagli

CIT.00.IST.M.MT.02.#7.4.0# CRS-FORM-MES#142

CIT.00.IST.M.MT.02.#7.4.0# CRS-FORM-MES#142 Carta Regionale dei Servizi Carta Nazionale dei Servizi Installazione e configurazione PDL cittadino CRS-FORM-MES#142 INDICE DEI CONTENUTI 1 INTRODUZIONE... 2 1.1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 1.2

Dettagli

ArcView 8.3 2- strumenti di editing

ArcView 8.3 2- strumenti di editing ArcView 8.3 2- strumenti di editing Marco Negretti Politecnico di Milano Polo Regionale di Como e-mail: marco@geomatica.como.polimi.it http://geomatica.como.polimi.it - tel +39.031.332.7524 22/10/04 -

Dettagli

Versione 2014. Installazione GSL. Copyright 2014 All Rights Reserved

Versione 2014. Installazione GSL. Copyright 2014 All Rights Reserved Versione 2014 Installazione GSL Copyright 2014 All Rights Reserved Indice Indice... 2 Installazione del programma... 3 Licenza d'uso del software... 3 Requisiti minimi postazione lavoro... 3 Requisiti

Dettagli

Introduzione Digitalizzazione Gestione tabella attributi Esercitazione. Dati vettoriali. Digitalizzazione - editing - gestione attributi

Introduzione Digitalizzazione Gestione tabella attributi Esercitazione. Dati vettoriali. Digitalizzazione - editing - gestione attributi Digitalizzazione - editing - gestione attributi Introduzione a QGIS, software free & Open Source per la gestione di dati territoriali Genova, 26 marzo 2013 Introduzione Si entra ora nello specifico dell

Dettagli

Introduzione. L applicazione è realizzata sulla piattaforma ArcGIS Server di Esri.

Introduzione. L applicazione è realizzata sulla piattaforma ArcGIS Server di Esri. Introduzione Il modulo software Metropolis Urbanistica è un applicazione Web su base cartografica che consente la fruizione dei dati inerenti la proprietà (cartografia catastale) e la normativa relativa

Dettagli

Capitolo 1 Installazione del programma

Capitolo 1 Installazione del programma Capitolo 1 Installazione del programma Requisiti Hardware e Software Per effettuare l installazione del software Linea Qualità ISO, il computer deve presentare una configurazione minima così composta:

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA EDITORI APPLICAZIONE WEB GESTIONE CATALOGO EDITORI MANUALE UTENTE

ASSOCIAZIONE ITALIANA EDITORI APPLICAZIONE WEB GESTIONE CATALOGO EDITORI MANUALE UTENTE ASSOCIAZIONE ITALIANA EDITORI APPLICAZIONE WEB GESTIONE CATALOGO EDITORI MANUALE UTENTE v. 1.0-31/01/2014 INDICE 1 INTRODUZIONE...3 2 ACCESSO ALL APPLICAZIONE...3 3 CONSULTAZIONE E AGGIORNAMENTO CATALOGO...4

Dettagli

11/02/2015 MANUALE DI INSTALLAZIONE DELL APPLICAZIONE DESKTOP TELEMATICO VERSIONE 1.0

11/02/2015 MANUALE DI INSTALLAZIONE DELL APPLICAZIONE DESKTOP TELEMATICO VERSIONE 1.0 11/02/2015 MANUALE DI INSTALLAZIONE DELL APPLICAZIONE DESKTOP TELEMATICO VERSIONE 1.0 PAG. 2 DI 38 INDICE 1. PREMESSA 3 2. SCARICO DEL SOFTWARE 4 2.1 AMBIENTE WINDOWS 5 2.2 AMBIENTE MACINTOSH 6 2.3 AMBIENTE

Dettagli

installazione www.sellrapido.com

installazione www.sellrapido.com installazione www.sellrapido.com Installazione Posizione Singola Guida all'installazione di SellRapido ATTENZIONE: Una volta scaricato il programma, alcuni Antivirus potrebbero segnalarlo come "sospetto"

Dettagli

Installazione SQL Server 2005 Express Edition

Installazione SQL Server 2005 Express Edition Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-6S4ALG7637 Data ultima modifica 25/08/2010 Prodotto Tutti Modulo Tutti Oggetto Installazione SQL Server 2005 Express Edition In giallo sono evidenziate le modifiche/integrazioni

Dettagli

TS-CNS. Tessera Sanitaria Carta Nazionale dei Servizi. Manuale di installazione e configurazione. Versione 02.00 del 21.01.2014

TS-CNS. Tessera Sanitaria Carta Nazionale dei Servizi. Manuale di installazione e configurazione. Versione 02.00 del 21.01.2014 TS-CNS Tessera Sanitaria Carta Nazionale dei Servizi Versione 02.00 del 21.01.2014 - Sistema Operativo Microsoft Windows 32/64 bit - Carte Athena Per conoscere tutti i servizi della TS CNS visita il sito:

Dettagli

Progetto NoiPA per la gestione giuridicoeconomica del personale delle Aziende e degli Enti del Servizio Sanitario della Regione Lazio

Progetto NoiPA per la gestione giuridicoeconomica del personale delle Aziende e degli Enti del Servizio Sanitario della Regione Lazio Progetto NoiPA per la gestione giuridicoeconomica del personale delle Aziende e degli Enti del Servizio Sanitario della Regione Lazio Pillola operativa Integrazione Generazione Dettagli Contabili INFORMAZIONI

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Guida all installazione di METODO

Guida all installazione di METODO Guida all installazione di METODO In questo documento sono riportate, nell ordine, tutte le operazioni da seguire per una corretta installazione di Metodo. Per procedere con l installazione è necessario

Dettagli

SISM Sistema Informativo Salute Mentale

SISM Sistema Informativo Salute Mentale SISM Sistema Informativo Salute Mentale Manuale per la registrazione al sistema Versione 1.0 12/01/2012 NSIS_SSW.MSW_PREVSAN_SISM_MTR_Registrazione.doc Pagina 1 di 25 Scheda informativa del documento Versione

Dettagli

GUIDA UTENTE MONEY TRANSFER MANAGER

GUIDA UTENTE MONEY TRANSFER MANAGER GUIDA UTENTE MONEY TRANSFER MANAGER (vers. 1.0.2) GUIDA UTENTE MONEY TRANSFER MANAGER (vers. 1.0.2)... 1 Installazione... 2 Prima esecuzione... 5 Login... 7 Funzionalità... 8 Anagrafica... 9 Registrazione

Dettagli

Guida associazione automatica apertura file Scarico Dati RI (.u3x)

Guida associazione automatica apertura file Scarico Dati RI (.u3x) Fedra Plus Prodotto per la gestione e compilazione della modulistica relativa al Registro delle Imprese Guida associazione automatica apertura file Scarico Dati RI (.u3x) Maggio 2007 versione software

Dettagli

Non sono supportate reti peer to peer, è necessario avere un server dedicato.

Non sono supportate reti peer to peer, è necessario avere un server dedicato. Il software gestionale per le Piccole e Medie Imprese Requisisti hardware e software Sistema operativo Server: NT Server Windows 2000/2003 Server e superiori Novell 3.12 o superiori con supporto nomi lunghi

Dettagli

Guida alla compilazione del questionario elettronico

Guida alla compilazione del questionario elettronico Sommario 1. Il questionario elettronico... 1 1.1 Prerequisiti... 1 1.2 Accesso al questionario elettronico... 2 1.2.1 Procedura di primo accesso per i rispondenti... 3 1.2.2 Procedura di cambio/recupero

Dettagli

PROCEDURE GENERALI ATTIVAZIONE MACRO

PROCEDURE GENERALI ATTIVAZIONE MACRO PROCEDURE GENERALI OBIETTIVO Attivazione macro GUIDA ALL UTILIZZO PREMESSA COS È UNA MACRO ATTIVAZIONE MACRO Che cos è una macro? Una macro è un automazione tramite software VBA (Visual Basic for Applications)

Dettagli

CONTROLLO INSTALLAZIONE

CONTROLLO INSTALLAZIONE CONTROLLO INSTALLAZIONE 1 di 11 INDICE 1 CONTROLLO INSTALLAZIONE CMP... 3 2 CONTROLLO INSTALLAZIONE XFINEST... 7 3 GUIDA ALL'INSTALLAZIONE DI XFINEST 2012 SU SISTEMA OPERATIVO WINDOWS 8... 9 2 di 11 1

Dettagli

MANUALE UTENTE. SITO WEB Applicazione Fotovoltaico GSE FTV. stato documento draft approvato consegnato. Riferimento Versione 1.

MANUALE UTENTE. SITO WEB Applicazione Fotovoltaico GSE FTV. stato documento draft approvato consegnato. Riferimento Versione 1. MANUALE UTENTE SITO WEB Applicazione Fotovoltaico GSE FTV stato documento draft approvato consegnato Riferimento Versione 1.0 Creato 14/07/06 REVISIONI VERSIONE DATA AUTORE MODIFICHE 1.0 14/07/2006 Prima

Dettagli

BMSO1001. Orchestrator. Istruzioni d uso 02/10-01 PC

BMSO1001. Orchestrator. Istruzioni d uso 02/10-01 PC BMSO1001 Orchestrator Istruzioni d uso 02/10-01 PC 2 Orchestrator Istruzioni d uso Indice 1. Requisiti Hardware e Software 4 1.1 Requisiti Hardware 4 1.2 Requisiti Software 4 2. Concetti fondamentali 4

Dettagli

Tutorial gvsig. Versione 1.1

Tutorial gvsig. Versione 1.1 Tutorial gvsig Versione 1.1 24/10/2007 Tutorial gvsig - Versione 1.1 www.gvsig.org Testo e screenshot a cura di R3 GIS Srl Via Johann Kravogl 2 39012 Merano (BZ) Italia Tel. +39 0473 494949 Fax +39 0473

Dettagli

Guide alla Guida http://www.rmastri.it/guide.html - Progetto WEBpatente 2011

Guide alla Guida http://www.rmastri.it/guide.html - Progetto WEBpatente 2011 Installazione di WEBpatente 4.0 in rete Le caratteristiche tecniche di WEBpatente 4.0 offline ne consentono l'uso all'interno di una rete locale. Una sola copia del programma, installata in un PC con particolari

Dettagli

Università Iuav di Venezia - CIRCE / dp Corso di addestramento all'uso di ESRI ArcView

Università Iuav di Venezia - CIRCE / dp Corso di addestramento all'uso di ESRI ArcView Università Iuav di Venezia - CIRCE / dp Corso di addestramento all'uso di ESRI ArcView Francesco Contò Unità 9 - Creare e modificare tabelle di dati. Collegare tabelle di dati esterne agli elementi geometrici.

Dettagli

ShellMemory. Sistema operativo Microsoft Windows 98 o superiore Libreria SAPI e voce sintetica Casse audio

ShellMemory. Sistema operativo Microsoft Windows 98 o superiore Libreria SAPI e voce sintetica Casse audio Progetto Software to Fit - ShellMemory Pagina 1 Manuale d'uso ShellMemory Memory è un gioco didattico realizzato con l'obiettivo di aiutare l'alunno ad esercitare la capacità di memorizzazione o le capacità

Dettagli

ArcGIS Desktop III: Processi ed analisi

ArcGIS Desktop III: Processi ed analisi ArcGIS Desktop III: Processi ed analisi Introduzione Introduzione... vi Obiettivi del corso... vi Utilizz del manuale... vi Ulteriori risorse... vii Installazione dei dati del corso... vii 1 Workflow del

Dettagli

Voti finali e Scrutini

Voti finali e Scrutini Voti finali e Scrutini Premessa La gestione Scrutini è ora completamente integrata dentro RE. Sono previste diverse funzioni applicative, dall inserimento dei voti proposti alla gestione dello scrutinio

Dettagli

Stress-Lav. Guida all uso

Stress-Lav. Guida all uso Stress-Lav Guida all uso 1 Indice Presentazione... 3 I requisiti del sistema... 4 L'installazione del programma... 4 La protezione del programma... 4 Per iniziare... 5 Struttura delle schermate... 6 Password...

Dettagli

La Costruzione del Database Topografico Regionale in Lombardia

La Costruzione del Database Topografico Regionale in Lombardia La Costruzione del Database Topografico Regionale in Lombardia Piergiorgio Cipriano, Sinergis srl, Casalecchio di Reno (Bo) Donata Dal Puppo, Regione Lombardia, D. G. Territorio e Urbanistica Jody Marca,

Dettagli

RID - SSP MPE- CO-FER - FTV

RID - SSP MPE- CO-FER - FTV MANUALE UTENTE Portale Web Distributori GSE RID - SSP MPE- CO-FER - FTV Stato documento Draft Approvato Consegnato Riferimento RID-MAN-UTE-001 Versione 3 Creato 07/03/2010 INDICE 1. SCOPO DEL DOCUMENTO...

Dettagli

CREAZIONE DI UN AZIENDA

CREAZIONE DI UN AZIENDA CREAZIONE DI UN AZIENDA La creazione di un azienda in Businesspass avviene tramite la funzione Aziende Apertura azienda ; dalla medesima sarà possibile richiamare le aziende precedentemente create per

Dettagli

Manuale Operativo. Istituto Nazionale Previdenza Sociale DIREZIONE CENTRALE SISTEMI INFORMATIVI E TELECOMUNICAZIONI

Manuale Operativo. Istituto Nazionale Previdenza Sociale DIREZIONE CENTRALE SISTEMI INFORMATIVI E TELECOMUNICAZIONI Manuale Operativo Istruzioni per l utilizzo del Software di controllo uniemens aggregato per l invio mensile unificato delle denunce retributive individuali (EMENS) e delle denunce contributive aziendali

Dettagli

Descrizione dettagliata dell ambiente Access 2007

Descrizione dettagliata dell ambiente Access 2007 01 Descrizione dettagliata dell ambiente Access 2007 Premessa Premettiamo da subito che Microsoft Access risulta essere uno degli applicativi della famiglia di Microsoft Office con una curva di apprendimento

Dettagli

CONFIGURAZIONE E GESTIONE DEI DATABASE (rev. 1.1)

CONFIGURAZIONE E GESTIONE DEI DATABASE (rev. 1.1) CONFIGURAZIONE E GESTIONE DEI DATABASE (rev. 1.1) Indice. Introduzione Configurazione iniziale del database Condivisione del database su rete locale (LAN) Cambio e gestione di database multipli Importazione

Dettagli

PROCEDURA PER L INVIO TELEMATICO DELLE RICHIESTE DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI Bando PIA 2008. 25 settembre 2008

PROCEDURA PER L INVIO TELEMATICO DELLE RICHIESTE DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI Bando PIA 2008. 25 settembre 2008 25 settembre 2008 PER L INVIO TELEMATICO DELLE RICHIESTE DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI Bando PIA 2008 LEGGE 27/10/1994 N.598 RICERCA REGIONE UMBRIA Interventi per la ricerca industriale e lo sviluppo

Dettagli

Guida all installazione di Easy

Guida all installazione di Easy Guida all installazione di Easy ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE DEL SOFTWARE EASY Requisiti di sistema Sistemi operativi supportati: Windows 2000 Service Pack 4; Windows Server 2003 SP2(consigliato per

Dettagli

Registro unico Antiriciclaggio

Registro unico Antiriciclaggio Registro unico Antiriciclaggio VERSIONE PROFESSIONISTI E CED VERSIONE 4.0.0 Sommario Introduzione... 4 Requisiti di sistema... 5 Installazione del software... 6 Verifica automatica dei requisiti di installazione...

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Utilizzo del Nuovo Formulario Standard Natura2000 e procedura di trasmissione della nuova banca dati Natura2000 23/01/2012 Sommario Passaggio

Dettagli

Portale ART. (Accesso Reti Trentino) MANUALE OPERATIVO

Portale ART. (Accesso Reti Trentino) MANUALE OPERATIVO Portale ART (Accesso Reti Trentino) 27/01/2015 Manuale Operativo Clienti Finali Pagina: 1 di 16 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. ACCESSO AI SERVIZI... 4 3. INTERROGAZIONI... 5 4. DOCUMENTI CLIENTE FINALE...14

Dettagli

Amico EVO Manuale dell Installazione

Amico EVO Manuale dell Installazione Amico EVO Manuale dell Installazione Versione 1.0 del 14.05.2013 Manuale dell installazione di AMICO EVO rev. 1 del 18.05.2013 Pag. 1 Amico EVO è un software sviluppato in tecnologia NET Framework 4.0

Dettagli

Pratiche edilizie on line PRATICHE EDILIZIE ON LINE MANUALE UTENTE VIRTUAL BACK-OFFICE FEBBRAIO 2005. PIM-MUT-RUPAR-2005-02-03.

Pratiche edilizie on line PRATICHE EDILIZIE ON LINE MANUALE UTENTE VIRTUAL BACK-OFFICE FEBBRAIO 2005. PIM-MUT-RUPAR-2005-02-03. PRATICHE EDILIZIE ON LINE MANUALE UTENTE VIRTUAL BACK-OFFICE FEBBRAIO 2005 PIM-MUT-RUPAR-2005-02-03.DOC Pagina 1 di 30 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 1.2 RIFERIMENTI NORMATIVI...

Dettagli

WebGis Comune di Novara

WebGis Comune di Novara 1 / 12 Progetto GeoCivit@s 2 / 12 Premesse Con il presente documento si descrive sinteticamente la nuova applicazione personalizzata per la pubblicazione dei dati geografici. Tale documento contiene una

Dettagli

COMUNICAZIONI ANOMALIE 2015 GUIDA OPERATIVA

COMUNICAZIONI ANOMALIE 2015 GUIDA OPERATIVA COMUNICAZIONI ANOMALIE 2015 GUIDA OPERATIVA Introduzione Profilo utente Acquisizione nuova comunicazione Variazione della comunicazione Cancellazione di una comunicazione esistente Stampa della comunicazione

Dettagli

Installazione del Software. per lo Sviluppo di Applicazioni Java

Installazione del Software. per lo Sviluppo di Applicazioni Java Installazione del Software per lo Sviluppo di Applicazioni Java Ing. Luca Ferrari ferrari.luca@unimore.it Tel. 0592056142 Installazione del Software per lo Sviluppo di Applicazioni Java 1 Il Compilatore

Dettagli

Manuale Progetto Placement

Manuale Progetto Placement Manuale Progetto Placement V. 5 del 20/06/2013 FUNZIONI PRINCIPALI: Fornire uno strumento per la gestione centralizzata di stage, alternanze e placement. Costruire un database contenente i curriculum degli

Dettagli

Procedura per l'invio telematico delle richieste di ammissione alle agevolazioni a valere sull art. 11 della legge 598/94-Ricerca Industriale e

Procedura per l'invio telematico delle richieste di ammissione alle agevolazioni a valere sull art. 11 della legge 598/94-Ricerca Industriale e Procedura per l'invio telematico delle richieste di ammissione alle agevolazioni a valere sull art. 11 della legge 598/94-Ricerca Industriale e Sviluppo Precompetitivo Regione Indice Premessa... 3 Requisiti

Dettagli

Vademecum al download, all installazione e all uso del software Easynota Acquisizione della NIR tramite codici a barre bidimensionali

Vademecum al download, all installazione e all uso del software Easynota Acquisizione della NIR tramite codici a barre bidimensionali Vademecum al download, all installazione e all uso del software Easynota Acquisizione della NIR tramite codici a barre bidimensionali Prerequisiti Configurazione consigliata : Windows 2000 / Windows XP

Dettagli

SMS-GPS MANAGER. Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps

SMS-GPS MANAGER. Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps SOFTWARE PER LA GESTIONE DEI TELECONTROLLI SMS-GPS MANAGER Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps Rev.0911 Pag.1 di 8 www.carrideo.it INDICE 1. DESCRIZIONE

Dettagli

NOTE OPERATIVE PER L AGGIORNAMENTO DA WINCODY 2.2 A WINCODY 2.3

NOTE OPERATIVE PER L AGGIORNAMENTO DA WINCODY 2.2 A WINCODY 2.3 NOTE OPERATIVE PER L AGGIORNAMENTO DA WINCODY 2.2 A WINCODY 2.3 Il passaggio dalla versione 2.2.xxx alla versione 2.3.3729 può essere effettuato solo su PC che utilizzano il Sistema Operativo Windows XP,

Dettagli

VISO - OPERE PARAMASSI (Versione Access)

VISO - OPERE PARAMASSI (Versione Access) VISO - OPERE PARAMASSI (Versione Access) Installazione e avvio del programma VISO Per ogni contratto stipulato per il censimento delle opere di protezione, viene esportato un DB Viso dalla banca dati centrale

Dettagli

Procedura per il ripristino del software del dispositivo USB associato al veicolo

Procedura per il ripristino del software del dispositivo USB associato al veicolo Procedura per il ripristino del software del dispositivo USB associato al veicolo Ver. 1.0 del 21/02/2014 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Presentazione...

Dettagli

Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS)

Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS) 2014 Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS) LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di

Dettagli

PARAMETRI 2014 P.I. 2013. Guida all uso ed all installazione

PARAMETRI 2014 P.I. 2013. Guida all uso ed all installazione PARAMETRI 2014 P.I. 2013 Guida all uso ed all installazione 1 INTRODUZIONE Il prodotto PARAMETRI 2014 consente di stimare i ricavi o i compensi dei contribuenti esercenti attività d impresa o arti e professioni

Dettagli

Web-TV Manuale per l Amministratore

Web-TV Manuale per l Amministratore Web-TV Manuale per l Amministratore Via Trebbo, 88 41053 Maranello (MO) Part. IVA 02707260366 Tel. 0536/944949 Fax. 0536/933156 E-mail: info@leonardomultimedia.com Web: http://www.leonardomultimedia.com

Dettagli

COMUNE DI PESCARA SETTORE TRIBUTI COMUNICAZIONE ICI PROCEDURA DI COMPILAZIONE

COMUNE DI PESCARA SETTORE TRIBUTI COMUNICAZIONE ICI PROCEDURA DI COMPILAZIONE COMUNE DI PESCARA SETTORE TRIBUTI COMUNICAZIONE ICI PROCEDURA DI COMPILAZIONE INSTALLAZIONE DEL PROGRAMMA Requisisti di sistema L applicazione COMUNICAZIONI ICI è stata installata e provata sui seguenti

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

Manuale Utente Albo Pretorio GA

Manuale Utente Albo Pretorio GA Manuale Utente Albo Pretorio GA IDENTIFICATIVO DOCUMENTO MU_ALBOPRETORIO-GA_1.4 Versione 1.4 Data edizione 04.04.2013 1 TABELLA DELLE VERSIONI Versione Data Paragrafo Descrizione delle modifiche apportate

Dettagli