I Servizi dell'architettura Web Services. Tito Flagella Lorenzo Nardi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Servizi dell'architettura Web Services. Tito Flagella tito@link.it Lorenzo Nardi nardi80@gmail.com"

Transcript

1 I Servizi dell'architettura Web Services Tito Flagella Lorenzo Nardi

2 La struttura del messaggio SOAP Un messaggio SOAP consiste di: Envelope, identifica il contenuto del messaggio e include: Header, opzionali, contengono informazioni relative al messaggio (meta-dati) Body, contiene i documenti XML di richiesta o di risposta 2

3 Struttura di un messaggio SOAP <?xml version= 1.0?> <soap:envelope xmlns:soap= envelope/ > <soap:header> (opzionale) </soap:header> <soap:body> (payload, obbligatorio) </soap:body> </soap:envelope> 3

4 SOAP: Header e Body Supponiamo di inviare i dati di un'ordine. I dati relativi alla business logic dell'applicazione (dettagli degli articoli, indirizzo di spedizione,...) saranno inseriti nel body. I meta-dati, necessari per l'attivazione di funzionalita' aggiuntive (Quality of Service, come sicurezza o affidabilità) saranno inseriti modularmente nell'header. 4

5 Gli Header SOAP L'header è un generico contenitore di informazione di controllo Può contenere un numero arbitrario di elementi da qualunque namespace L'elemento header è opzionale 5

6 Gli Header SOAP (2) Un elemento dell'header ha due attributi speciali: mustunderstand, che puo assumere i valori: 1, indica che il ricevente deve sapere gestire l Header, altrimenti deve restituire un messaggio di Fault 0, o attributo non presente, indica che il ricevente può ignorare l Header e continuare nella gestione del messaggio. l actor che specifica l URI dell endpoint che deve gestirlo. 6

7 Progettare un servizio Infrastrutturale Cosa significa definire un nuovo servizio architetturale: Introdurre un nuovo header-name; Definire la sintassi xml dell'header (la specifica SOAP lascia piena liberta' di estensione) Specifica xsd Assegnare una semantica non ambigua ai possibili contenuti dell'header sintatticamente ammissibili Tipicamente quanto sopra corrisponde alla specifica di un servizio architetturale WS-Addressing WS-Security Alcuni servizi utilizzano anche pacchetti applicativi per lo scambio di informazioni tra le componenti Necessari per mettere a disposizione al programmatore funzionalita' a livello infrastrutturale 7

8 WS-Addressing SOAP non è completamente neutrale rispetto al trasporto Ad esempio il destinatario non è incluso nel pacchetto ma è l'indirizzo del canale di trasporto Questi problemi rendono difficile gestire profili asincroni in cui la risposta non arriva sulla stessa connessione http della richiesta. WS-Addressing risolve queste problematiche tramite l'introduzione di appositi header: wsa:to, wsa:action, wsa.messageid, wsa:from, wsa:replyto, wsa:faultto 8

9 WS-Addressing (2) To: (obbligatorio)indica l'endpoint a cui e' destinato il messaggio Action: (obbligatorio) indica l'operazione o l'azione che deve esser presa per questo messaggio. ReplyTo: (opzionale) specifica la locazione a cui inviare la risposta. Se non specificato o settato ad anonymous usa il canale previsto dal livello trasporto FaultTo: (opzionale) Simile al replyto, ma per i messaggi di errore. MessageId: (opzionale nei Oneway) indica un identificatore univoco del messaggio RelatesTo: (obbligatorio nelle risposte) nei messaggi di risposta indica il MessageId della richiesta. 9

10 WS-ReliableMessaging Alcuni livelli di trasporto non forniscono garanzie sull'effettiva consegna dei messaggi ai destinatari Sorry, HTTP non è un protocollo affidabile... WS-ReliableMessaging definisce un layer applicativo che fornisce garanzie di affidabilità anche per livelli di trasporto non affidabili 10

11 WS-Relaibale Messaging Endpoint A Endpoint B Establish Protocol Preconditions (Policy exchange, endpoint resolution, establishing trust) Create Sequence Create Sequence Response (Identifier=http://fabrikam.com) Message 1 Message 2 Message 3, LastMessage Sequence Acknowledgement (Acknowledgement Range=1,3) Message 2, AckRequested Sequence Acknowledgement (Acknowledgement Range=1..3) Terminate Sequence 11

12 Creazione della Sequenza <soap:envelope xmlns:soap="http://schemas.xmlsoap.org/soap/envelope/"> <soap:header xmlns="http://schemas.xmlsoap.org/ws/2004/08/addressing"> <MessageID>urn:uuid:4eb ee-4d50-9cb3-fe8b4e8e1538</MessageID> <To>http://localhost:8080/ese8/Ordine</To> <ReplyTo><Address>http://schemas.xmlsoap.org/ws/2004/08/addressing/role/anonymous </Address></ReplyTo> <FaultTo><Address>http://schemas.xmlsoap.org/ws/2004/08/addressing/role/anonymous< /Address></FaultTo> <Action>http://schemas.xmlsoap.org/ws/2005/02/rm/CreateSequence</Action> </soap:header> <soap:body> <ns2:createsequence xmlns="http://schemas.xmlsoap.org/ws/2004/08/addressing" xmlns:ns2="http://schemas.xmlsoap.org/ws/2005/02/rm"> <ns2:acksto><address>http://schemas.xmlsoap.org/ws/2004/08/addressing/role/anonymo us</address></ns2:acksto> <ns2:expires>pt0s</ns2:expires> <ns2:offer> <ns2:identifier>urn:uuid:6c80ba54-6ba6-4df1-ab0e-2897c773a319</ns2:identifier> <ns2:expires>pt0s</ns2:expires> </ns2:offer> </ns2:createsequence> </soap:body></soap:envelope> 12

13 Risposta alla creazione sequenza <soap:envelope xmlns:soap="http://schemas.xmlsoap.org/soap/envelope/"> <soap:header xmlns="http://schemas.xmlsoap.org/ws/2004/08/addressing"> <MessageID>urn:uuid:6bd5e6e7-246c-430f-b5fb-40f4ef49b5b6</MessageID> <To>http://schemas.xmlsoap.org/ws/2004/08/addressing/role/anonymous</To> <RelatesTo>urn:uuid:4eb ee-4d50-9cb3-fe8b4e8e1538</RelatesTo> <Action>http://schemas.xmlsoap.org/ws/2005/02/rm/CreateSequenceResponse </Action> </soap:header> <soap:body> <ns2:createsequenceresponse> <ns2:identifier>urn:uuid:b22e24bc-6e74-46cf-9c42-bf7faf1bbdbe</ns2:identifier> <ns2:expires>p0y0m0dt0h0m0.0s</ns2:expires> <ns2:accept> <ns2:acksto> <Address>http://localhost:8080/ese8/Ordine</Address> </ns2:acksto> </ns2:accept> </ns2:createsequenceresponse> </soap:body></soap:envelope> 13

14 Invio Messaggio <soap:envelope xmlns:soap="http://schemas.xmlsoap.org/soap/envelope/"> <soap:header> <MessageID >urn:uuid:2334fc6f-d89a-46ae-baba-a70d24300e88</messageid> <To>...</To> <ReplyTo>...</ReplyTo> <FaultTo>...</FaultTo> <Action>http://rivenditore.org/SubmitOrdine</Action> <wsrm:sequence xmlns:wsrm="http://schemas.xmlsoap.org/ws/2005/02/rm"> <wsrm:identifier>urn:uuid:b22e24bc-6e74-46cf-9c42-bf7faf1bbdbe</wsrm:identifier> <wsrm:messagenumber>1</wsrm:messagenumber> </wsrm:sequence> </soap:header> <soap:body> <ordine>...</ordine> </soap:body> </soap:envelope> 14

15 Messaggio di Ack <soap:envelope xmlns:soap="http://schemas.xmlsoap.org/soap/envelope/"> <soap:header> <MessageID>...</MessageID> <To>...</To> <ReplyTo>...</ReplyTo> <Action>http://schemas.xmlsoap.org/ws/2005/02/rm/SequenceAcknowledgement</A ction> <wsrm:sequenceacknowledgement xmlns:wsrm="http://schemas.xmlsoap.org/ws/2005/02/rm"> <wsrm:identifier>urn:uuid:b22e24bc-6e74-46cf-9c42-bf7faf1bbdbe</wsrm:identifier> <wsrm:acknowledgementrange Lower="1" Upper="1" /> <wsrm:acknowledgementrange Lower="3" Upper="3" /> </wsrm:sequenceacknowledgement> </soap:header> <soap:body/> </soap:envelope> Domanda: come procede la conversazione? 15

16 Transazioni nel mondo Web Service Abbiamo analizzato le problematiche relative all'accesso concorrente in un database Immaginiamo adesso di analizzare quelle stesse problematiche in un ambiente distribuito Una delle operazioni parte di una stessa transazione può non terminare con successo decretando il fallimento delle altre. Come coordinare tutti i servizi coinvolti? Aggiungere le note problematiche delle comunicazioni remote. Tempi estesi a causa del livello di trasporto. Le risorse non possono essere impegnate a tempo indefinito 16

17 WS-Coordination e WS-Transaction WS-Coordination definisce un framework generico per il coordinamento di un servizio all'interno di un'attivita che puo' coinvolgere piu' servizi. WS-Transaction estende questo framework con due modalita' aggiuntive Atomic Transaction: per transazioni di breve durata. Se una attivita' fallisce, vengono abortite tutte le attivita' della transazione. Business Activity: per transazioni di lunga durata. Modifiche subito permanenti (committate) gestendo le operazioni di compensazione in caso di rollback. 17

18 Configurazione in CXF Nel file beans.xml di CXF <cxf:bus> <cxf:features> <cxf:logging/> <wsa:addressing/> <wsrm-mgr:reliablemessaging> <wsrm-policy:rmassertion> <wsrm-policy:baseretransmissioninterval Milliseconds="4000"/> <wsrm-policy:acknowledgementinterval Milliseconds="2000"/> </wsrm-policy:rmassertion> </wsrm-mgr:reliablemessaging> </cxf:features> </cxf:bus> 18

19 Gestione a carico del programmatore Come utilizzare i servizi nelle applicazioni: Dipende dall'ambiente di programmazione In Java JAX-WS offre un supporto generico per operare sugli header Handler, MessageLevelService su messaggio SOAP completo Resta il problema di operare sulla semantica dello specifico servizio JAX-WS permette di accedere all'xml ma non ha nessun supporto per la gestione delle funzionalita' specifiche del servizio Per questo si usano API non standard (es, per la sicurezza WSS4J, XWSS,...) 19

20 Uso degli handler in JAX-WS public class SOAPLoggingHandler implements SOAPHandler<SOAPMessageContext> {... public boolean handlemessage(soapmessagecontext smc) { logtosystemout(smc); return true; } public boolean handlefault(soapmessagecontext smc) { logtosystemout(smc); return true; } public void close(messagecontext messagecontext) { }... 20

21 Uso degli Handler in JAX-WS private void logtosystemout(soapmessagecontext smc) { Boolean outboundproperty = (Boolean) smc.get (MessageContext.MESSAGE_OUTBOUND_PROPERTY); if (outboundproperty.booleanvalue()) { out.println("\noutbound message:"); } else { out.println("\ninbound message:"); } } SOAPMessage message = smc.getmessage(); try { message.writeto(out); out.println(""); } catch (Exception e) { out.println("exception in handler: " + e); } 21

22 Annotazione = "My_service_handler.xml") My_Service_Handler.xml: <handler-chains xmlns="http://java.sun.com/xml/ns/javaee"> <handler-chain> <handler> <handler-name>mysoaphandler</handler-name> <handler-class>my.implementing.class</handler-class> </handler> <handler>... </handler>... </handler-chain> </handler-chains> 22

23 Gestione a carico dell'infrastruttura Configurazione dell'application Server per operare sui servizi in maniera trasparente rispetto all'applicazione: Applicazione opera sul body ed ignora gli header L'infrastruttura opera sugli header, in funzione della configurazione impostata per quel servizio Le configurazioni dell'ambiente non sono standard ma dipendono dallo specifico ambiente 23

24 http/https https (Hypertext Transfer Protocol over Secure Socket Layer) è uno schema di URI usato per indicare una connessione HTTP sicura Il protocollo e' esattamente lo stesso protocollo HTTP, ma la richiesta e la risposta viaggiano su una connessione SSL Richiede quindi certificati x509 e supporta: cifratura del canale autenticazione server Autenticazione client Per default e' usata la porta 443, anzichè la porta 80 24

25 Sicurezza End2End SSL is only for point to point connections Only usable for a few protocols (mainly HTTP) Only transport of whole document is encrypted Header information no longer readable Routing information (proxy, ws Intermediaries) Calling a set of Web Services? Asynchronous call of Web Services not possible Data unprotected upon reaching the server Authentication of origin lost if more than one service is involved 25

26 Firma 26

27 Verifica della Firma 27

28 Firma Digitale 28

29 XML Signature RFC 3275: Digitally sign document and represent in XML Result is (still) an XML document XPath to locate and identify parts to be signed Multiple signatures can be added to one document Choose parts of documents to sign Calculate digest (or hash sum) of each part (after canonization) Build <SignedInfo> element (contains digest, used algorithms, XPath) Calculate digest of SignedInfo and sign it -> <SignatureValue> SignedInfo, SignatureValue, KeyInfo are added to document in <Signature> 29

30 XML Encryption Encrypting or decrypting whole or partial XML document or binary data References XML Signature specification <EncryptedData> element(s) in SOAP body (and header) Can encrypt leaf element or element tree 30

31 WS-Security (1) Comunicazioni con intermediari WS-Security fornisce gli strumenti necessari a garantire la sicurezza e la flessibilita' necessarie ad effettuare comunicazioni di dati sensibili in presenza di punti intermedi Authentication Signature Ecnryption Non repudiation 31

32 WS-Security (2) <S:Envelope xmlns:s="..."> <S:Header> <wsse:security xmlns:wsse="..."> <wsse:usernametoken> <wsse:username>alice</wsse:username> <wsse:password>pwd</wsse:password> </wsse:usernametoken> </wsse:security> <S:Header> <S:Body>...</S:Body> <S:Envelope xmlns:s="..."> 32

33 WS-Security (3) 33

34 Security Message <S: Envelope xmlns:s= xmlns:wsse= xmlns:xenc= <S:Header> <wsse:security> <wsse:binarysecuritytoken> ID= MyToken </wsse:binarysecuritytoken> <xenc:encryptedkey> <xenc:referencelist> <xenc:datareference URI= #enc /> </xenc:referencelist> </xenc:encryptedkey> <ds:signature> </ds:signature> </wsse:security> </S:Header> Key used to encrypt message Contains signature algorithm, key info, and signature value Key used for the signature

35 Configurazione WS-Security Usiamo lo strumento XWSS (XML and Web Service security), un framework java per WS-Security Predisponiamo un file di configurazione xml nel formato supportato da XWSS Predisponiamo un handler che invoca XWSS, passandogli come input la configurazione predisposta Agganciamo l'header al servizio usando l'annotazione JAX-WS 35

36 Configurazione XWSS per UsernameToken <xwss:securityconfiguration dumpmessages="true" xmlns:xwss=" <xwss:usernametoken name="ron" password="nor"/> <xwss:requireusernametoken/> </xwss:securityconfiguration> 36

37 Handler per Processare l'header XWSSProcessorFactory factory = XWSSProcessorFactory.newInstance(); XWSSProcessor cprocessor = factory.createprocessorforsecurityconfiguration(configfile, handler); ProcessingContext context = new ProcessingContext(); context.setsoapmessage(msg); // Gestione Lato Client // Gestisco il messaggio (decifro, controllo firma etc..) secondo la configurazione passata SOAPMessage securemsg = cprocessor.secureoutboundmessage(context); //Gestione Lato Server // Gestisco il messaggio (decifro, controllo firma etc..) secondo la configurazione passata SOAPMessage verifiedmsg= sprocessor.verifyinboundmessage(context); 37

38 Trasporto di uno UsernameToken <SOAP-ENV:Envelope xmlns:soap- ENV="http://schemas.xmlsoap.org/soap/envelope/"> <SOAP-ENV:Header> <wsse:security xmlns:wsse="http://docs.oasis-open.org/wss/2004/01/oasis wss-wssecurity-secext-1.0.xsd" SOAP-ENV:mustUnderstand="1"> <wsse:usernametoken xmlns:wsu="http://docs.oasisopen.org/wss/2004/01/oasis wss-wssecurity-utility-1.0.xsd" wsu:id="xwssgid "> <wsse:username>ron</wsse:username> <wsse:password Type="http://docs.oasis-open.org/wss/2004/01/oasis wssusername-token-profile-1.0#PasswordDigest"></wsse:Password> <wsse:nonce EncodingType="http://docs.oasisopen.org/wss/2004/01/oasis wss-soap-messagesecurity-1.0#Base64Binary">RPHDMIc+/Jn+E7Zf6aMziWJr</wsse:Nonce> <wsu:created> t21:35:19z</wsu:created> </wsse:usernametoken> </wsse:security> </SOAP-ENV:Header> <SOAP-ENV:Body>... </SOAP-ENV:Body> </SOAP-ENV:Envelope> 38

39 Configurazione Encryption <xwss:securityconfiguration dumpmessages="true" xmlns:xwss="http://java.sun.com/xml/ns/xwss/config"> <xwss:encrypt> <xwss:x509token certificatealias="s1as"/> </xwss:encrypt> </xwss:securityconfiguration> Possiamo aggiungere l'elemento <xwss:encryptiontarget> per indicare l'elemento da cifrare(nella forma namespace.localname). Se non viene specificato di default cripta il body. <xwss:encryptiontarget type="qname">{http://rivenditore.org/}ordine</xwss:target> 39

40 Busta cifrata WS-Sec (1) <SOAP-ENV:Envelope xmlns:soap-env="http://schemas.xmlsoap.org/soap/envelope/"> <SOAP-ENV:Header> <wsse:security xmlns:wsse="http://docs.oasis-open.org/wss/2004/01/oasis wsswssecurity-secext-1.0.xsd" SOAP-ENV:mustUnderstand="1"> <wsse:binarysecuritytoken xmlns:wsu="http://docs.oasisopen.org/wss/2004/01/oasis wss-wssecurity-utility-1.0.xsd" EncodingType="http://docs.oasis-open.org/wss/2004/01/oasis wss-soap-messagesecurity-1.0#Base64Binary" ValueType="http://docs.oasisopen.org/wss/2004/01/oasis wss-x509-token-profile-1.0#X509v3" wsu:id="xwssgid ">miic8z...y84oe</wsse:binaryse curitytoken> <xenc:encryptedkey xmlns:xenc="http://www.w3.org/2001/04/xmlenc#"> <xenc:encryptionmethod Algorithm="http://www.w3.org/2001/04/xmlenc#rsa-1_5"/> <ds:keyinfo xmlns:ds="http://www.w3.org/2000/09/xmldsig#"> <wsse:securitytokenreference> <wsse:reference URI="#XWSSGID " ValueType="http://docs.oasis-open.org/wss/2004/01/oasis wss-x509-tokenprofile-1.0#X509v3"/> </wsse:securitytokenreference></ds:keyinfo> <xenc:cipherdata><xenc:ciphervalue>p7hsj9mw...xkye4e=</xenc:ciphervalue> </xenc:cipherdata> <xenc:referencelist><xenc:datareference URI="#XWSSGID "/> </xenc:referencelist> 40

41 Busta Cifrata WS-Sec (2) </xenc:encryptedkey> </wsse:security> </SOAP-ENV:Header> <SOAP-ENV:Body> <xenc:encrypteddata xmlns:xenc="http://www.w3.org/2001/04/xmlenc#" Id="XWSSGID " Type="http://www.w3.org/2001/04/xmlenc#Content"> <xenc:encryptionmethod Algorithm="http://www.w3.org/2001/04/xmlenc#tripledescbc"/> <xenc:cipherdata> <xenc:ciphervalue>q33vnnqinm1najh2en...hd +YnIqQU=</xenc:CipherValue> </xenc:cipherdata> </xenc:encrypteddata> </SOAP-ENV:Body> </SOAP-ENV:Envelope> 41

42 Configurazione Firma <xwss:securityconfiguration dumpmessages="true" xmlns:xwss="http://java.sun.com/xml/ns/xwss/config" > <xwss:sign> <xwss:x509token certificatealias="xws-security-client"/> <xwss:signaturetarget type="qname" value="soap-body"/> </xwss:sign> <xwss:requiresignature/> </xwss:securityconfiguration> Indica il certificato e la parte da firmare. Viene in automatico aggiunto anche il timestamp, obbligatorio quando si firma. 42

43 Estratto Busta Firmata <SOAP-ENV:Envelope xmlns:soap-env="..."> <SOAP-ENV:Header> <wsse:security xmlns:wsse="..." SOAP-ENV:mustUnderstand="1"> <wsse:binarysecuritytoken...>...</wsse:binarysecuritytoken> <ds:signature xmlns:ds="..."> <ds:signedinfo> <ds:canonicalizationmethod Algorithm="http://www.w3.org/2001/10/xml-exc-c14n#">... </ds:canonicalizationmethod> <ds:signaturemethod Algorithm="...#rsa-sha1"/> <ds:reference URI="#XWSSGID ">... </ds:reference> <ds:reference URI="#XWSSGID ">...</ds:Reference> </ds:signedinfo> <ds:signaturevalue>2mp...em0=</ds:signaturevalue> <ds:keyinfo>... </ds:keyinfo></ds:signature> <wsu:timestamp xmlns:wsu="http://docs.oasis-open.org/wss/2004/01/oasis wss-wssecurityutility-1.0.xsd" wsu:id="xwssgid "> <wsu:created> t23:07:48z</wsu:created><wsu:expires> t23:07:53z</wsu:expires> </wsu:timestamp> </wsse:security> </SOAP-ENV:Header> <SOAP-ENV:Body...> <ordine>...</ordine> </SOAP-ENV:Body></SOAP-ENV:Envelope> 43

44 WS-Policy WS-Policy fornisce uno standard per descrivere requisiti e capacita' di un Web Service E' possibile integrarlo nel WSDL, di modo che i fruitori siano informati delle linee guida e dei QoS richiesti per usare il servizio Se cifrare il messaggio, con quale algoritmo, se implementare WS-RM o WS-A etc.. I tools possono creare stub gia' configurati per soddisfare i requisiti descritti (non tutto puo' essere automatizzato). WS-Policy definisce elementi estensibili utilizzati da altre specifiche per facilitarne la descrizione es. WS-SecurityPolicy 44

45 WS-Trust e WS-SecureConversation Estendono la specifica WS-Security WS-Trust consente di fornire il proprio token ad un'apposito servizio per ottenere un nuovo token utile quando ad esempio un client si identifica con un protocollo che il server non supporta o quando il server non riconosce le credenziali del client (Identity Management) WS-SecureConversation stabilisce il concetto di security context una sorta di sessione che consente di autenticarsi una sola volta alleviando l'overhead introdotto. 45

46 WS-SecureConversation Why introduce WS-SecureConversation? Consider the functions of WS-Security message integrity message confidentiality single message authentication 46

47 WS-SecureConversation What if senders and receivers need to exchange multiple messages? 47

48 WS-SecureConversation A Feasible Solution Encrypt all messages with a security token issued by a token issuing service. Drawback: the size of each message can become a performance bottleneck. 48

49 WS-SecureConversation A Better Solution WS-SecureConvsation Similar to SSL Introduce a security context A SecurityContextToken is applied. Once created, the messages are smaller and can be processed faster by both ends. 49

50 WS-SecureConversation Goals Define how security contexts are established Specify how derived keys are computed and passed Non-Goals Define how trust is established or determined that is done by WS-Trust 50

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL)

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Corso di Sistemi Distribuiti Stefano

Dettagli

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato Un protocollo è un insieme di regole che permettono di trovare uno standard di comunicazione tra diversi computer attraverso la rete. Quando due o più computer comunicano tra di loro si scambiano una serie

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013. Versione 1.1

SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013. Versione 1.1 SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013 Versione 1.1 INDICE 1. INTRODUZIONE 4 1.1 DEFINIZIONI 4 2. MODALITÀ DI EMISSIONE DELLE FATTURE ELETTRONICHE

Dettagli

Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata

Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata Pagina 1 di 48 INDICE 1 MODIFICHE DOCUMENTO...4 2 RIFERIMENTI...4 3 TERMINI E DEFINIZIONI...4

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

Ultimo aggiornamento sett13

Ultimo aggiornamento sett13 Ultimo aggiornamento sett13 INDICE 1. Invio singolo SMS tramite richiesta POST/GET HTTP...3 1.1 - Messaggi singoli concatenati...4 2. Invio multiplo SMS tramite richiesta POST/GET HTTP...4 2.1 - Messaggi

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java]

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java] Desideriamo realizzare una applicazione web che ci consenta di calcolare il fattoriale di un numero. L'esercizio in sé non particolarmente difficile, tuttavia esso ci consentirà di affrontare il problema

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL.

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL. Data: 8 Ottobre 2013 Release: 1.0-15 Feb 2013 - Release: 2.0 - Aggiunta procedura per inviare email da Windows con php Release: 2.1-20 Mar 2013 Release: 2.2-8 Ottobre 2013 - Aggiunta procedura per inviare

Dettagli

Programmazione di rete in Java

Programmazione di rete in Java Programmazione di rete in Java Reti di calcolatori Una rete di calcolatori è un sistema che permette la condivisione di dati informativi e risorse (sia hardware sia software) tra diversi calcolatori. Lo

Dettagli

Descrizioni VHDL Behavioral

Descrizioni VHDL Behavioral 1 Descrizioni VHDL Behavioral In questo capitolo vedremo come la struttura di un sistema digitale è descritto in VHDL utilizzando descrizioni di tipo comportamentale. Outline: process wait statements,

Dettagli

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Problemi nei sistemi concorrenti e distribuiti I sistemi concorrenti e distribuiti hanno in comune l ovvio problema di coordinare le varie attività dei differenti

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case Università degli Studi di Roma La Sapienza Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Sede di Latina Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Consorzio Nettuno La fase di realizzazione si occupa

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Ambienti di sviluppo integrato

Ambienti di sviluppo integrato Ambienti di sviluppo integrato Un ambiente di sviluppo integrato (IDE - Integrated Development Environment) è un ambiente software che assiste i programmatori nello sviluppo di programmi Esso è normalmente

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Copyright 2006-2015 by Claudio Salati. Lez. 9a 1 Rappresentazione

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS Page 1 of 6 GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS 1) Impossibile inviare il messaggio. Uno dei destinatari non è stato accettato dal server. L'indirizzo di posta elettronica non accettato è "user@dominio altro

Dettagli

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4)

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4) Guida al nuovo sistema di posta CloudMail UCSC (rev.doc. 1.4) L Università per poter migliorare l utilizzo del sistema di posta adeguandolo agli standard funzionali più diffusi ha previsto la migrazione

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP Reti di Calcolatori IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 6-1 Applicazioni di Rete Domain Name System (DNS) Simple Network Manag. Protocol (SNMP) Posta elettronica

Dettagli

Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java

Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java Fondamenti di Informatica Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Metodi e Sottoprogrammi Mentre in Java tramite le classi e gli oggetti è possibile

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Facoltà di scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in INFORMATICA Tesi di laurea in RETI DI CALCOLATORI Autenticazione Centralizzata con il sistema CAS, integrando

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org

1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org 1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org In questo tutorial studiamo come sfruttare la tecnologia EJB, Enterprise JavaBean, all interno del SAP Netweaver Portal. In breve, EJB è un

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key.

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key. 1 Indice 1 Indice... 2 2 Informazioni sul documento... 3 2.1 Scopo del documento... 3 3 Caratteristiche del dispositivo... 3 3.1 Prerequisiti... 3 4 Installazione della smart card... 4 5 Avvio di Aruba

Dettagli

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO Versione 1.1 INDICE 1. PREFAZIONE 3 1.1 Autori 3 1.2 Modifiche Documento 3 1.3 Riferimenti 4 1.4 Acronimi e Definizioni 4 2. OBIETTIVI E CONTESTO DI RIFERIMENTO

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

Profilo di certificato digitale per l autenticazione mediante. Carta Nazionale dei Servizi (CNS)

Profilo di certificato digitale per l autenticazione mediante. Carta Nazionale dei Servizi (CNS) Profilo di certificato digitale per l autenticazione mediante Carta Nazionale dei Servizi (CNS) Per ragioni di chiarezza nell interpretazione del profilo il testo è stato redatto secondo le indicazioni

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Business Process Modeling and Notation e WebML

Business Process Modeling and Notation e WebML Business Process Modeling and Notation e WebML 24 Introduzione I Web Service e BPMN sono standard de facto per l interoperabilità in rete a servizio delle imprese moderne I Web Service sono utilizzati

Dettagli

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute DNS: Domain Name System I name DNS Persone: identificatori: CF, nome, Numero di Passaporto Host e router Internet: Indirizzo IP ( bit) - usato per instradare i pacchetti nome, per es., massimotto.diiie.unisa.it

Dettagli

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1 Networking Java permette comunicazioni in rete basate sul concetto di socket, che permette di vedere la comunicazione in termini di flusso (stream), in modo analogo all input-output di file, usando Stream

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE Pag. 1 di 14 INDICE 1. Glossario... 3 2. il servizio SPCoop - Ricezione... 5 3. Il web-service RicezioneFatture... 8 3.1 Operazione RiceviFatture... 9 3.1.1

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); }

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); } import java.util.*; class coda * Questa classe contiene tutti i metodi per la gestione della coda * @author D'Ambrosio Giovanni Classe 4D I.T.I.S. Grottaminarda * @version 26/02/2010 * VETTORE DINAMICO

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice Pagina 1 di 14 Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice servizi del livello trasporto multiplexing/demultiplexing trasporto senza connesione: UDP principi del trasferimento dati affidabile trasporto

Dettagli

Standard di Sicurezza sui Dati previsti dai Circuiti Internazionali. Payment Card Industry Data Security Standard

Standard di Sicurezza sui Dati previsti dai Circuiti Internazionali. Payment Card Industry Data Security Standard Standard di Sicurezza sui Dati previsti dai Circuiti Internazionali Payment Card Industry Data Security Standard STANDARD DI SICUREZZA SUI DATI PREVISTI DAI CIRCUITI INTERNAZIONALI (Payment Card Industry

Dettagli

rischi del cloud computing

rischi del cloud computing rischi del cloud computing maurizio pizzonia dipartimento di informatica e automazione università degli studi roma tre 1 due tipologie di rischi rischi legati alla sicurezza informatica vulnerabilità affidabilità

Dettagli

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I Programmazione a Oggetti Lezione 3 Il linguaggio Java: aspetti generali e definizione di classi I Sommario Storia e Motivazioni Definizione di Classi Campi e Metodi Istanziazione di oggetti Introduzione

Dettagli

corso di Sistemi Distribuiti 4. IPC (Inter Process Communication) (parte 1): le forme ed i modelli della comunicazione tra processi

corso di Sistemi Distribuiti 4. IPC (Inter Process Communication) (parte 1): le forme ed i modelli della comunicazione tra processi CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015 corso di Sistemi Distribuiti 4. IPC (Inter Process Communication) (parte 1): le forme ed i modelli della comunicazione tra processi Prof. S.Pizzutilo Elementi

Dettagli

Portfolio Prodotti MarketingDept. Gennaio 2015

Portfolio Prodotti MarketingDept. Gennaio 2015 Portfolio Prodotti Gennaio 2015 L azienda Symbolic Fondata nel 1994, Symbolic è presente da vent'anni sul mercato italiano come Distributore a Valore Aggiunto (VAD) di soluzioni di Data & Network Security.

Dettagli

Voice Over IP NAT Traversal

Voice Over IP NAT Traversal Voice Over IP Traversal Giorgio Zoppi zoppi@cli.di.unipi.it Tecnologie di Convergenza su IP a.a.2005/2006 VoIP Traversal 1 57 Tecnologie di Convergenza su IP Che cosa è il (Network Address Translation?

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final

Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final romina.eramo@univaq.it http://www.di.univaq.it/romina.eramo/tlp Roadmap Definire una classe» Variabili membro» Metodi La parola chiave

Dettagli

Il modello client/server consente a due processi di condividere risorse e di cooperare per il raggiungimento di un obiettivo.

Il modello client/server consente a due processi di condividere risorse e di cooperare per il raggiungimento di un obiettivo. In una rete di ampie dimensioni, ciascuna sottorete (es. LAN, WAN) è connessa ad altre sottoreti tramite router. Internet è un insieme di reti connesse tra loro. Essenzialmente, in una rete alcune macchine

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

Protocollo SSH (Secure Shell)

Protocollo SSH (Secure Shell) Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Informatica ed Automazione Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Tesina per il corso di Elementi di Crittografia Protocollo SSH

Dettagli

Specifiche API. Gestione utenti multipli

Specifiche API. Gestione utenti multipli Specifiche API Gestione utenti multipli v1.3.73 Last update: Ludovico 28/12/2009 Sommario Descrizione del servizio... 3 Come diventare partner... 3 Modalità di accesso al servizio con gestione utenti multipli...

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

Semplici Algoritmi di Ordinamento

Semplici Algoritmi di Ordinamento Fondamenti di Informatica Semplici Algoritmi di Ordinamento Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ordinamento di una sequenza di elementi Esistono molti algoritmi di ordinamento. Tutti ricevono

Dettagli

Infrastrutture tecnologiche abilitanti della Regione Marche

Infrastrutture tecnologiche abilitanti della Regione Marche Infrastrutture tecnologiche abilitanti della Regione Marche II contenuto del presente documento costituisce materiale riservato e soggetto a copyright. 1 di 39 REDATTO DA < Amici Cinzia > Firma Data 18/01/2011

Dettagli

Corso di Programmazione ad Oggetti

Corso di Programmazione ad Oggetti Corso di Programmazione ad Oggetti Introduzione alla programmazione ad oggetti a.a. 2008/2009 Claudio De Stefano 1 La programmazione modulare Un programma può essere visto come un insieme di moduli che

Dettagli

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Paolo Torroni Dipartimento di Elettronica, Informatica e Sistemistica Università degli

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

Accordo su chiavi. (key agreement) Alfredo De Santis. Marzo 2015. Dipartimento di Informatica Università di Salerno

Accordo su chiavi. (key agreement) Alfredo De Santis. Marzo 2015. Dipartimento di Informatica Università di Salerno Accordo su chiavi (key agreement) Alfredo De Santis Dipartimento di Informatica Università di Salerno ads@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/ads Marzo 2015 Accordo su una chiave Alice Bob??

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

PAGAMENTO ELETTRONICO DELLA MARCA

PAGAMENTO ELETTRONICO DELLA MARCA PAGAMENTO ELETTRONICO DELLA MARCA DA BOLLO DIGITALE Allineato alla versione 1.7 delle Specifiche Attuative del Nodo dei Pagamenti-SPC Versione 1.0 - febbraio 2015 STATO DEL DOCUMENTO revisione data note

Dettagli

Sicurezza del DNS. DNSSEC & Anycast. Claudio Telmon ctelmon@clusit.it

Sicurezza del DNS. DNSSEC & Anycast. Claudio Telmon ctelmon@clusit.it Sicurezza del DNS DNSSEC & Anycast Claudio Telmon ctelmon@clusit.it Perché il DNS Fino a metà degli anni '80, la traduzione da nomi a indirizzi IP era fatta con un grande file hosts Fino ad allora non

Dettagli

Interfaccia HTTP enduser Specifiche tecniche 03.10.2013

Interfaccia HTTP enduser Specifiche tecniche 03.10.2013 i-contact srl via Simonetti 48 32100 Belluno info@i-contact.it tel. 0437 30419 fax 0437 1900 125 p.i./c.f. 0101939025 Interfaccia HTTP enduser Specifiche tecniche 03.10.2013 1. Introduzione Il seguente

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Funzioni nuove e modificate

Funzioni nuove e modificate Gigaset S675 IP, S685 IP, C470 IP, C475 IP: Funzioni nuove e modificate Questo documento integra il manuale di istruzioni dei telefoni VoIP Gigaset: Gigaset C470 IP, Gigaset C475 IP, Gigaset S675 IP e

Dettagli

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica PHP: form, cookies, sessioni e mysql Pasqualetti Veronica Form HTML: sintassi dei form 2 Un form HTML è una finestra contenente vari elementi di controllo che consentono al visitatore di inserire informazioni.

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone è pronto per le aziende. Supporta Microsoft Exchange ActiveSync, così come servizi basati su standard, invio e ricezione di e-mail, calendari

Dettagli

QUIPAGO - MODALITÀ PAYMENT

QUIPAGO - MODALITÀ PAYMENT E-Commerce Qui Pago è l offerta di Key Client per il Commercio Elettronico: un Pos virtuale altamente affidabile ed efficiente che prevede diverse modalità d utilizzo: Payment (integrazione col sito del

Dettagli

Web Conferencing and Collaboration tool

Web Conferencing and Collaboration tool Web Conferencing and Collaboration tool La piattaforma Meetecho Piattaforma di Web Conferencing e Collaborazione on line in tempo reale Caratteristiche generali Soluzione client-server progettata per essere

Dettagli

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO L articolo 35, comma 5, D.L. n. 223/2006 ha aggiunto il seguente comma all articolo 17, D.P.R. n. 633/72: Le disposizioni di cui al comma precedente si applicano anche alle

Dettagli

La piattaforma IBM Cognos

La piattaforma IBM Cognos La piattaforma IBM Cognos Fornire informazioni complete, coerenti e puntuali a tutti gli utenti, con una soluzione economicamente scalabile Caratteristiche principali Accedere a tutte le informazioni in

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli