L UTENZA DEI SERVIZI AMBULATORIALI PER LE DIPENDENZE. Dati per Ambito Territoriali

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L UTENZA DEI SERVIZI AMBULATORIALI PER LE DIPENDENZE. Dati per Ambito Territoriali"

Transcript

1 2 DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE L UTENZA DEI SERVIZI AMBULATORIALI PER LE DIPENDENZE Dati per Ambito Territoriali Anno 2014 N. 05/2015

2 1

3 Indice Premessa 4 PARTE 1 - ANALISI DELL UTENZA COMPLESSIVA 1 L utenza afferita ai Servizi Ambulatoriali della provincia di Bergamo (SerT e SMI) 2 La nuova utenza afferita ai Servizi Ambulatoriali della provincia di Bergamo (SerT e SMI) 5 11 PARTE 2 ANALISI DELL UTENZA PER SOSTANZA O COMPORTAMENTO PRIMARI 3 L utenza con sostanza primaria oppiacei 16 4 L utenza con sostanza primaria cocaina 24 5 L utenza con sostanza primaria cannabis 6 - L utenza con sostanza primaria alcol 7 - L utenza con problemi di Gioco d Azzardo Patologico A cura di Marco Riglietta Lara Marchesi Elvira Beato con il contributo di Anna Caleca (Dipartimento Dipendenze) e di Enrico Coppola e Roberto Santarpino (SMI AGA di Pontirolo) 2

4 3

5 PREMESSA Il presente report vuole offrire un quadro epidemiologico della popolazione afferita nel 2014 ai Servizi Ambulatoriali per le Dipendenza presenti in provincia di Bergamo, con un approfondimento per Ambiti Territoriali di residenza, al fine di quantificare la domanda e coglierne alcune caratteristiche. Si tratta di una lettura innovativa, in quanto: 1. considera, oltre ai dati dei Sert, anche quelli dello SMI (Servizio Multidisciplinare Integrato) 1 presente in provincia, offrendo un dato epidemiologico maggiormente completo; 2. analizza i dati a partire dalla sostanza di abuso primaria o dal comportamento di addiction (dipendenza) presentato dai soggetti. Si tratta di una tipologia di analisi, effettuata per la prima volta nel 2014, che cerca di superare la limitazione dettata dall uso di etichette predefinite (es. tossicodipendente o alcoldipendente etc.), funzionali a rispondere ai flussi informativi istituzionali, ma non più idonee a rappresentare una realtà sempre più complessa e variegata. Negli ultimi dieci anni si è osservata infatti una crescente diversificazione delle modalità di consumo, delle associazioni di sostanze utilizzate e, a volte, anche la sovrapposizione fra consumo di sostanze e altri disturbi di addiction comportamentale (es. gioco d azzardo patologico, ecc). Il report è diviso in due parti: La prima descrive le caratteristiche dell utenza complessivamente pervenuta e della nuova utenza, ossia dei soggetti che si sono rivolti per la prima volta ai Servizi nel corso del 2014; La seconda dettaglia le caratteristiche dell utenza suddivisa per sostanza o comportamento primari, relativamente ai soggetti con uso primario di oppiacei, cocaina, cannabis, alcol, problematiche di gioco d azzardo patologico. Trattandosi di un report di tipo epidemiologico non vengono invece descritte le diagnosi riportate nelle cartelle cliniche degli utenti afferiti e i trattamenti erogati. Tali informazioni sono disponibili, relativamente all utenza dei Sert dell ASL di Bergamo, nel report L utenza dei SerT della provincia di Bergamo, n. 04/2014, scaricabile al link ciadibergamo04_2015_784_21818.pdf. 1 La normativa regionale vigente prevede la possibilità che diagnosi e trattamento degli stati di abuso o di dipendenza patologica da uso di sostanze legali o illegali o comportamentali (es. gioco d azzardo patologico) possano essere effettuati, oltre che dai SerT (Servizi pubblici per le dipendenze), da Servizi Multidisciplinari Integrati (SMI) privati accreditati. In provincia di Bergamo è accreditato da dicembre 2010 lo SMI dell Associazione Genitori Antidroga (Aga) di Pontirolo. 4

6 PARTE PRIMA: ANALISI DELL UTENZA COMPLESSIVA 1 - L UTENZA AFFERITA AI SERVIZI AMBULATORIALI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO (SERT E SMI) Nell anno 2014 si sono rivolti ai Servizi Ambulatoriali per le dipendenze soggetti, di cui residenti in provincia. Si evidenzia inoltre la presenza di 637 soggetti residenti fuori provincia o all estero e di 93 privi di residenza anagrafica. La tabella seguente evidenzia l utenza afferita suddivisa per Ambiti. Tab. 1 Soggetti afferiti ai Servizi provinciali per le dipendenze, suddivisi per tipologia e Ambito Territoriale di residenza - Valori assoluti - Anno 2014 Ambito Nuovi Già in carico Totale 01_Bergamo _Dalmine _Seriate _Grumello _Valle Cavallina _Monte Bronzone - Basso Sebino _Alto Sebino _Valle Seriana _Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve _Valle Brembana _Valle Imagna e Villa d'almé _Isola Bergamasca _Treviglio _Romano di Lombardia Provincia di Bergamo Residenti fuori provincia Estero Privi di residenza anagrafica Totale Le tabelle e i grafici che seguono descrivono la suddivisione dell utenza residente in provincia, per sostanza di abuso o comportamento di addiction primari. Tenendo conto che 123 soggetti presentano contemporaneamente più problematiche, il 28,9% dell utenza è afferita ai Servizi specialistici per problemi legati all uso di alcol, il 23,6% per uso di oppiacei, il 13,4% di cocaina, l 11,7% di cannabinoidi, il 3,3% per disturbo da gioco d azzardo. Nel 13,2% dei soggetti la sostanza non è specificata per un difetto di registrazione e conseguentemente di estrazione del dato. Si tratta prevalentemente di persone inviate dalla Commissione Medica legale Patenti (per violazione dell art. 187 del Codice della Strada Guida sotto effetto di sostanze ), dalla Prefettura o dal Medico del Lavoro a seguito degli screening eseguiti sui lavoratori con mansioni a rischio: tendenzialmente si tratta di sostanze illegali, ma la tipologia non è nota; è peraltro possibile che in questo gruppo rientri una quota di soggetti con problemi legati all alcol. Il 4,3% non presenta invece alcuna sostanza o comportamento di dipendenza/abuso. Si tratta prevalentemente di soggetti afferiti per consulenze, richieste di certificazioni medico legali, ecc. 5

7 Tab. 2- Utenti afferiti, suddivisi per sostanza/comportamento primari di abuso o dipendenza e per residenza- Valori assoluti e percentuali- Anno 2014 Residenti Senza Residenti in provincia fuori Residenti residenza Sostanza/comportamento provincia estero anagrafica n. % Alcol ,9% Oppiacei ,6% Cocaina ,4% Cannabinoidi ,7% Altre sostanze ,6% Sostanza non specificata ,2% Farmaci ,3% Gioco d'azzardo patologico ,3% Altre dipendenze 15 0,2% Tabagisti ,5% Nessuna sostanza/comportamento ,3% Totale % n. soggetti La tabella ed il grafico seguenti dettagliano il numero di soggetti afferiti, suddivisi per sostanza/comportamento primari e per Ambito Territoriale di residenza. Tab. 3 - Utenti afferiti, RESIDENTI IN PROVINCIA DI BERGAMO, suddivisi per Ambito Territoriale e per sostanza/comportamento primari di abuso o dipendenza- Valori assoluti - Anno 2014 Nessuna Oppia Coc Can nabi Sostanza non Gioco d'azzardo sostanza /comportam n. Ambito Alcol cei aina noidi specificata patologico Altro ento soggetti 01_Bergamo _Dalmine _Seriate _Grumello _Valle Cavallina _Monte Bronzone - Basso Sebino _Alto Sebino _Valle Seriana _Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve _Valle Brembana _Valle Imagna e Villa d'almé _Isola Bergamasca _Treviglio _Romano di Lombardia

8 Graf. 1 - Utenti afferiti, RESIDENTI IN PROVINCIA DI BERGAMO, suddivisi per sostanza/comportamento primari di abuso o dipendenza e Ambito - Valori percentuali - Anno 2014 La tabella seguente mostra i soggetti afferiti ai Servizi Ambulatoriali per le dipendenze provinciali per Ambito Territoriale di residenza e il rapporto con la popolazione residente 2. Gli Ambiti con un Tasso di Prevalenza (numero di soggetti afferiti ogni persone residenti) più elevato sono Romano di Lombardia, Alto Sebino, Valle Imagna-Villa d Almé e Valle Brembana. Viceversa l Ambito Monte Bronzone è quello con il Tasso di Prevalenza inferiore. Tab. 4 - Utenti suddivisi per Ambito Territoriale di residenza e tasso di prevalenza- Anno 2014 Ambito Totale utenza afferita Popolazione residente 3 Prevalenza per residenti 1- Bergamo ,9 2 Dalmine ,3 3 Seriate ,5 4 Grumello ,8 5 - Val Cavallina ,2 6 - Monte Bronzone e Basso Sebino ,7 7 - Alto Sebino ,5 8 - Valle Seriana ,1 9 - Valle Seriana Sup , Val Brembana , Valle Imagna e Villa d'a , Isola B , Treviglio , Romano ,7 Provincia di Bergamo ,6 2 A differenze dei precedenti report, viene utilizzato in questa sede, quale parametro di riferimento, la popolazione generale al 01/01/2014, anziché la popolazione di anni, generalmente utilizzata. La finalità è in questo caso di agevolare il confronto con altri indici/parametri inerenti la popolazione dell Ambito. L utilizzo del confronto con la popolazione di età 15-64, caratteristica di altri report, era invece legato all esigenza di poter confrontare i dati provinciali con parametri regionali, nazionali e europei. 3 Popolazione residente al 1/1/ fonte dati ISTAT 7

9 Il grafico e la tabella seguenti mostrano come la modalità di accesso ai Servizi Ambulatoriali per le dipendenze sia costituito prevalentemente (39,6% dei casi) dalla richiesta spontanea di aiuto da parte del diretto interessato. Il 18,4% è rappresentato da soggetti che si sono rivolti ai Servizi a seguito di una segnalazione da parte della Commissione Patenti, il 13,9% della Prefettura, il 12,3% su invio di altri Servizi sociali o sanitari (tra cui 19% ospedali/cliniche, 18% Servizi psichiatrici, 10% medico di base, 11% Servizi sociali o consultoriali). L 8,9% si è invece presentato a seguito di un procedimento legale, l 1,5% su invio del Medico del Lavoro. Lo 0,5% ha avuto altre modalità di accesso. Si tratta prevalentemente di richieste di certificazioni di non tossicodipendenza per richieste di adozioni, di porto d armi, ecc. Modalità di accesso Segnalazione da Commissione Medica Patenti: La segnalazione avviene a seguito dell avvenuta rilevazione da parte delle Forze dell Ordine di violazione degli articoli 186 e 187 del Codice della Strada, rispettivamente Guida in stato di ebbrezza e Guida sotto effetto di sostanze stupefacenti. Tali violazioni comportano la sospensione della patente da parte del Prefetto e l ordine di sottoporsi a visita medica entro sessanta giorni. La Commissione Patenti dell ASL, competente in materia, dispone la tipologia di accertamenti da eseguire presso il SerT e la relativa tempistica. Segnalazione da parte del Medico Competente: La normativa vigente 4 prevede che il Medico Aziendale Competente esegua screening tossicologici annuali ai lavoratori che svolgono mansioni considerate a rischio. In caso di esito positivo di tali esami il Medico Competente invia il lavoratore al SerT per lo screening di secondo livello. Nel caso di diagnosi di tossicodipendenza o di abuso si sostanze il medico del SerT propone un programma terapeutico che viene anche comunicato all azienda. Segnalazione da parte della Prefettura: Il Prefetto a seguito di segnalazione da parte delle Forze dell'ordine di sequestro di sostanze illecite per uso personale (art. 75 ), che si configura come illecito di tipo amministrativo, può invitare la persona a rivolgersi a Servizi di cura per le dipendenze per un programma terapeutico. Il rifiuto a svolgere il programma o l esito negativo dello stesso comportano l adozione di sanzioni amministrative. Viceversa l art. 121 prevede che la Prefettura, se viene a conoscenza che una persona utilizza sostanze, debba segnalarla al Servizio per le dipendenze, che convoca la persona per proporre un percorso terapeutico. La persona viene pertanto invitata, ma non è obbligata a presentarsi o a eseguire il programma. Graf. 2 - Utenti residenti in provincia suddivisi per canale di accesso Valori percentuali Anno Conferenza Stato Regioni - Provvedimento del 30 Ottobre Intesa, ai sensi dell'articolo 8, comma 6, della legge 5 giugno 2003, n. 131, in materia di accertamento di assenza di tossicodipendenza (Gazzetta Ufficiale N. 266 del 15 Novembre 2007); Accordo della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano del 18 settembre 2008 (Repertorio Atti n. 178/CS - GU n del 8 ottobre 2008). 8

10 Il grafico seguente mostra come la modalità di accesso si differenzi a seconda della sostanza/comportamento primari. Se l accesso spontaneo è prevalente nei consumatori di oppiacei e cocaina e nei giocatori patologici, nei consumatori di cannabis prevale l invio da parte della Prefettura. Nei soggetti con problematiche di alcol è significativo l invio da parte della Commissione Patenti, ma anche quello dei Servizi e l accesso spontaneo. I soggetti con sostanza non specificata sono costituiti quasi esclusivamente da soggetti segnalati da Prefettura, Commissione Patenti, Medico Competente Aziendale. Graf. 3 - Utenti residenti in provincia suddivisi per canale di accesso e sostanza primaria Valori percentuali Anno 2014 La tabella seguente mostra il dettaglio inerente il canale di invio per ciascun Ambito. Tab. 5 - Utenti residenti suddivisi per canale di accesso e Ambito Valori percentuali Anno 2014 Accesso Servizi Familiari/ Sociali e Magistratu ra e vie Prefet Commi ssione Medico Certificazion Ambito spontaneo amici Sanitari legali tura Patenti del Lavoro i/altro 1- Bergamo 45,5% 5,1% 10,1% 14,0% 11,6% 12,3% 0,9% 0,5% 100% 2-Dalmine 42,0% 4,7% 13,2% 8,3% 12,7% 16,5% 2,2% 0,4% 100% 3-Seriate 39,5% 6,6% 11,8% 12,2% 9,1% 17,6% 2,9% 0,2% 100% 4- Grumello 38,8% 3,5% 13,2% 12,3% 13,2% 17,2% 0,9% 0,9% 100% 5-Valle Cavallina 32,6% 6,4% 11,8% 11,5% 12,8% 22,7% 1,6% 0,6% 100% 6-Monte Bronzone 24,6% 4,9% 16,4% 13,1% 18,0% 18,9% 1,6% 2,5% 100% 7-Alto Sebino 23,4% 4,0% 19,4% 8,5% 16,4% 24,4% 2,0% 2,0% 100% 8-Valle Seriana 37,1% 7,0% 14,2% 6,8% 11,4% 22,2% 1,2% 0,0% 100% 9-Valle Seriana Sup. 33,2% 7,1% 14,5% 5,0% 11,2% 27,4% 0,4% 1,2% 100% 10-Valle Brembana 26,1% 3,4% 8,3% 3,4% 27,7% 29,2% 0,4% 1,5% 100% 11-Valle Imagna 36,4% 3,3% 13,7% 5,1% 26,9% 14,0% 0,3% 0,3% 100% 12-Isola B. 36,9% 2,8% 14,9% 7,8% 19,1% 16,2% 2,1% 0,3% 100% 13-Treviglio 46,4% 2,6% 9,3% 8,2% 10,3% 21,1% 2,0% 0,2% 100% 14 - Romano di L. 50,2% 7,0% 9,4% 6,3% 8,7% 17,0% 0,9% 0,5% 100% 9 Tot.

11 Il 90,8% dell utenza residente in provincia è di cittadinanza italiana. Percentuali più elevate di cittadini stranieri si rilevano tra l utenza senza residenza anagrafica. Tab. 6 - Soggetti afferiti suddivisi per residenza e cittadinanza Valori percentuali Anno 2014 Residenza Italiani UE Extra UE Totale Residenti in provincia 90,8% 1,2% 8,0% 100% Fuori provincia 88,2% 1,2% 10,6% 100% Estero 27,8% 61,1% 11,1% 100% Privi di residenza anagrafica 6,5% 2,2% 91,4% 100% Totale 89,3% 1,3% 9,4% 100% La tabella seguente dettaglia il dato inerente la cittadinanza per Ambito Territoriale. Tab. 7 - Soggetti afferiti suddivisi per Ambito di residenza e cittadinanza Valori percentuali Anno 2014 Ambito Italiani UE Extra UE Totale 01_Bergamo 85,2% 1,5% 13,3% 100% 02_Dalmine 91,8% 0,8% 7,4% 100% 03_Seriate 90,3% 1,2% 8,5% 100% 04_Grumello 86,7% 1,8% 11,5% 100% 05_Valle Cavallina 87,5% 2,6% 9,9% 100% 06_Monte Bronzone - Basso Sebino 90,8% 0,0% 9,2% 100% 07_Alto Sebino 90,1% 2,5% 7,4% 100% 08_Valle Seriana 92,2% 0,9% 6,9% 100% 09_Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve 95,8% 1,3% 2,9% 100% 10_Valle Brembana 97,7% 0,4% 1,9% 100% 11_Valle Imagna e Villa d'almé 97,0% 0,0% 3,0% 100% 12_Isola Bergamasca 91,2% 1,2% 7,6% 100% 13_Treviglio 91,3% 1,2% 7,5% 100% 14_Romano di Lombardia 90,8% 1,1% 8,1% 100% Totale 90,8% 1,2% 8,0% 100% 10

12 2 LA NUOVA UTENZA AFFERITA AI SERVIZI AMBULATORIALI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO (SERT E SMI) I nuovi soggetti, giunti a un Servizio per le dipendenze per la prima volta nel corso del 2014, sono (il 31,3% dell utenza complessiva), di cui residenti in provincia, cui si aggiungono 276 soggetti residenti fuori provincia o all estero e 41 privi di residenza anagrafica. L analisi per sostanza/comportamento primari evidenzia dati che si discostano significativamente dall utenza complessiva. Considerando esclusivamente la nuova utenza residente in provincia, il 30,7% presenta problematiche legate all uso di alcol (28,9% nell utenza complessiva), il 2,3% all uso di oppiacei (vs il 23,6% nell utenza totale), il 10,1% all uso di cocaina (vs il 13,4%), il 20,9% (vs l 11,7%) quello di cannabinoidi, il 5,3% (vs il 3,3%) un disturbo da gioco d azzardo. La sostanza non è specificata nel 20,2% dei soggetti per difetto di registrazione, già spiegato nel precedente capitolo. Va tenuto presente che rientrano in questa quota anche i soggetti giunti ai Servizi nella parte finale dell anno e pertanto ancora in valutazione. L 8,3% non presenta invece alcuna sostanza o comportamento. Si tratta, come già spiegato, prevalentemente di soggetti afferiti per consulenze, richieste di certificazioni medico legali, ecc. Tab. 8 - NUOVI UTENTI afferiti, suddivisi per tipologia e per sostanza/comportamento primari di abuso o dipendenza e per residenza- Valori assoluti e percentuali - Anno 2014 Residenti in provincia Sostanza/comportamento Fuori provincia estero Privi di residenza anagrafica n. % Alcol ,7% Oppiacei ,3% Cocaina ,1% Cannabinoidi ,9% Altre sostanze 1 7 0,4% Sostanza non specificata ,2% Farmaci 1 6 0,3% Gioco d'azzardo patologico ,3% Altre dipendenze 5 0,3% Tabagisti ,1% Nessuna sostanza/comportamento ,3% Totale % n. soggetti Le tabelle e i grafici seguenti mostrano il dettaglio per Ambito Territoriale. 11

13 Tab. 9- NUOVI UTENTI afferiti, RESIDENTI IN PROVINCIA DI BERGAMO, suddivisi per sostanza/comportamento primari di abuso o dipendenza e per Ambito - Valori assoluti - Anno 2014 Nessuna Alc Oppia Cocain Cannabi Sostanza non Gioco d'azzardo sostanza/c omportame n. Ambito ol cei a noidi specificata patologico nto Altro soggetti 01_Bergamo _Dalmine _Seriate _Grumello _Valle Cavallina _Monte Bronzone - Basso Sebino _Alto Sebino _Valle Seriana _Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve _Valle Brembana _Valle Imagna e Villa d'almé _Isola Bergamasca _Treviglio _Romano di Lombardia Graf. 4 - NUOVI UTENTI afferiti, RESIDENTI IN PROVINCIA DI BERGAMO, suddivisi per sostanza/comportamento primari di abuso o dipendenza e per Ambito - Valori percentuali - Anno 2014 La tabella seguente mostra invece i NUOVI soggetti afferiti ai Servizi Ambulatoriali per le dipendenze provinciali per Ambito Territoriale in rapporto con la popolazione residente. 12

14 Gli Ambiti con un Tasso di Incidenza (rapporto numero di Nuovi soggetti afferiti ogni residenti) più elevato sono Valle Imagna-Villa d Almé, Alto Sebino, Isola Bergamasca. Viceversa l Ambito con il minor Tasso di Incidenza è Grumello. Tab. 10 Nuovi Utenti suddivisi per Ambito Territoriale di residenza e tasso di Incidenza - Anno 2014 Ambito Totale NUOVA utenza afferita Popolazione residente Incidenza per residenti 1- Bergamo ,9 2 Dalmine ,8 3 Seriate ,5 4 Grumello ,6 5 - Val Cavallina ,6 6 - Monte Bronzone e Basso Sebino ,2 7 - Alto Sebino ,0 8 - Valle Seriana ,2 9 - Valle Seriana Sup , Val Brembana , Valle Imagna e Villa d'almé , Isola B , Treviglio , Romano ,3 Soggetti residenti in provincia ,2 Il grafico e la Tab. seguenti mostrano come, a differenza dell utenza complessiva, la modalità prevalente di accesso ai Servizi Ambulatoriali per le dipendenze da parte della Nuova utenza sia costituito dalla segnalazione della Prefettura (29,3% vs il 13,9% dell utenza complessiva), seguito nel 21,2% da segnalazione della Commissione Patenti (18,4% nell utenza totale). L accesso spontaneo riguarda il 22,6% dei nuovi soggetti (39,6% degli utenti totali), l invio da altri Servizi sociali e sanitari il 10,3% (12,3% nel totale utenza), l accesso tramite vie legali il 7,7% (8,9% nell utenza complessiva). Lo 0,9% dei nuovi utenti ha avuto accesso per certificazioni di non tossicodipendenza per richieste di adozioni, di porto d armi, ecc. Graf. 5 - Nuovi Utenti residenti suddivisi per canale di accesso ai Servizi specialistici Valori percentuali Anno 2014 Il grafico seguente mostra come, anche per i nuovi utenti, la modalità di accesso si differenzi a seconda della sostanza/comportamento primari. Se l accesso spontaneo è prevalente nei consumatori di oppiacei e nei giocatori patologici, nei consumatori di cannabis prevale l invio da 13

15 parte della Prefettura e nei soggetti con problematiche di alcol la Commissione Patenti. I soggetti con sostanza non specificata sono costituiti quasi esclusivamente da soggetti segnalati da Prefettura, Commissione Patenti, Medico Competente Aziendale. Graf. 6 - Nuovi Utenti residenti suddivisi per canale di accesso ai Servizi specialistici e sostanza primaria Valori percentuali Anno 2014 Tab Nuovi Utenti residenti suddivisi per canale di accesso ai Servizi specialistici e Ambito Valori percentuali Anno 2014 Accesso spontane Servizi Familiari Sociali e Magistratura Commiss Medico del Certificaz Ambito o /amici Sanitari e vie legali Prefettura. Patenti Lavoro ioni/altro Tot. 1_Bergamo 23,8% 4,2% 6,7% 12,5% 30,0% 19,6% 2,1% 1,3% 100% 2_Dalmine 23,9% 5,8% 13,1% 8,1% 25,1% 18,9% 4,2% 0,8% 100% 3_Seriate 25,2% 9,1% 7,7% 9,8% 16,1% 23,1% 9,1% 0,0% 100% 4_Grumello 17,7% 4,8% 14,5% 11,3% 37,1% 12,9% 1,6% 0,0% 100% 5_Valle Cavallina 21,8% 6,9% 10,9% 6,9% 23,8% 24,8% 4,0% 1,0% 100% 6_Monte Bronzone - Basso Sebino 9,5% 7,1% 14,3% 9,5% 28,6% 21,4% 4,8% 4,8% 100% 7_Alto Sebino 4,3% 2,9% 13,0% 8,7% 34,8% 27,5% 4,3% 4,3% 100% 8_Valle Seriana 20,5% 2,5% 11,2% 6,8% 29,8% 25,5% 3,7% 0,0% 100% 9_Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve 22,4% 6,6% 17,1% 3,9% 23,7% 23,7% 1,3% 1,3% 100% 10_Valle Brembana 28,1% 7,0% 10,5% 3,5% 14,0% 33,3% 1,8% 1,8% 100% 11_Valle Imagna e Villa d'almé 22,3% 1,4% 9,4% 5,0% 46,8% 14,4% 0,7% 0,0% 100% 12_Isola Bergamasca 20,0% 1,1% 10,7% 4,8% 40,0% 19,3% 4,1% 0,0% 100% 13_Treviglio 26,1% 1,1% 8,5% 5,7% 26,7% 25,6% 5,7% 0,6% 100% 14_Romano di L. 34,8% 6,3% 6,3% 10,7% 19,6% 17,9% 1,8% 2,7% 100% Totale 22,6% 4,2% 10,3% 7,7% 29,3% 21,2% 3,7% 0,9% 100% L 86,7% della nuova utenza (vs 90,8% dell utenza complessivamente afferita) è di cittadinanza italiana. Percentuali più elevate di cittadini stranieri si rilevano tra l utenza senza residenza anagrafica. 14

16 Tab Nuovi Soggetti afferiti suddivisi per residenza e cittadinanza Valori percentuali Anno 2014 Residenza Italiani UE Extra UE Totale Residenti in provincia 86,7% 1,8% 11,5% 100% Fuori provincia 84,5% 1,1% 14,3% 100% Estero 18,2% 72,7% 9,1% 100% Privi di residenza anagrafica 4,9% 2,4% 92,7% 100% Totale 84,6% 2,1% 13,3% 100% Tab Nuovi Soggetti afferiti suddivisi per cittadinanza e Ambito Valori percentuali Anno 2014 Ambito Italiani UE Extra UE Totale 01_Bergamo 78,8% 2,1% 19,2% 100% 02_Dalmine 87,1% 2,0% 10,9% 100% 03_Seriate 86,0% 2,1% 11,9% 100% 04_Grumello 88,7% 0,0% 11,3% 100% 05_Valle Cavallina 88,0% 1,0% 11,0% 100% 06_Monte Bronzone - Basso Sebino 85,4% 0,0% 14,6% 100% 07_Alto Sebino 85,3% 4,4% 10,3% 100% 08_Valle Seriana 86,3% 1,9% 11,8% 100% 09_Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve 94,7% 2,6% 2,6% 100% 10_Valle Brembana 100% 0% 0% 100% 11_Valle Imagna e Villa d'almé 95,0% 0,0% 5,0% 100% 12_Isola Bergamasca 89,6% 1,9% 8,5% 100% 13_Treviglio 86,3% 1,7% 12,0% 100% 14_Romano di Lombardia 74,1% 4,5% 21,4% 100% Totale 86,7% 1,8% 11,5% 100% 15

17 PARTE 2 ANALISI DELL UTENZA PER SOSTANZA O COMPORTAMENTO PRIMARI 3 - L UTENZA CON SOSTANZA PRIMARIA OPPIACEI Nel 2014 sono stati trattati dai Servizi Specialistici della provincia di Bergamo soggetti con sostanza primaria oppiacei, di cui residenti in provincia. I Nuovi soggetti consumatori di oppiacei residenti in provincia, presi in carico per la prima volta nel 2014, sono 45. Le tabelle che seguono presentano alcune informazioni sulle principali caratteristiche degli utenti di ciascun Ambito. Tab Utenti con sostanza primaria OPPIACEI residenti in provincia suddivisi per Ambito territoriale e per tipologia Valori assoluti Anno 2014 Ambito Nuovi Già in carico Totale 01_Bergamo _Dalmine _Seriate _Grumello _Valle Cavallina _Monte Bronzone - Basso Sebino _Alto Sebino _Valle Seriana _Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve _Valle Brembana _Valle Imagna e Villa d'almé _Isola Bergamasca _Treviglio _Romano di Lombardia Provincia estero 4 4 fuori provincia fuori regione Privi di residenza anagrafica Totale L 82,3% dell utenza residente in provincia con sostanza primaria Oppiacei è di genere maschile, con un rapporto maschi/femmine pari a 4,7/1. Nella nuova utenza la percentuale di soggetti maschi è pari all 80% e il rapporto maschi/femmine a 4/1. 16

18 Graf. 7 - Utenti con sostanza primaria OPPIACEI residenti in provincia suddivisi per genere Valori percentuali Anno 2014 Tab Utenti con sostanza primaria OPPIACEI residenti in provincia suddivisi per genere e Ambito Valori assoluti Anno 2014 Ambito Femmine Maschi Totale 01_Bergamo _Dalmine _Seriate _Grumello _Valle Cavallina _Monte Bronzone - Basso Sebino _Alto Sebino _Valle Seriana _Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve _Valle Brembana _Valle Imagna e Villa d'almé _Isola Bergamasca _Treviglio _Romano di Lombardia Provincia estero fuori provincia fuori regione Privi di residenza anagrafica Totale L età media è pari a 42,4 anni. La quota più consistente di consumatori di oppiacei si colloca nella fascia d età anni, ma si evidenzia un 2,2% di utenza giovanissima (meno di 24 anni) e un 8,6% di utenti di età compresa tra i 25 e i 29 anni. Parallelamente il 21,3% è over 50enne. 17

19 Tra la nuova utenza residente in provincia sono 9 i soggetti di età inferiore ai 24 anni e 10 quelli di età compresa tra i 25 e i 29 anni. Graf. 8 - Utenti con sostanza primaria OPPIACEI residenti in provincia suddivisi per fascia di età Valori percentuali Anno 2014 Tab Utenti con sostanza primaria OPPIACEI residenti in provincia suddivisi per fascia di età e Ambito Valori assoluti Anno 2014 Ambito Fino a over 60 Tot. 01_Bergamo _Dalmine _Seriate _Grumello _Valle Cavallina _Monte Bronzone - Basso Sebino _Alto Sebino _Valle Seriana _Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve _Valle Brembana _Valle Imagna e Villa d'almé _Isola Bergamasca _Treviglio _Romano di Lombardia Provincia di Bergamo estero fuori provincia fuori regione Privi di residenza anagrafica Totale Il 96,2% è di cittadinanza italiana. 18

20 Graf. 9 - Utenti con sostanza primaria OPPIACEI residenti in provincia suddivisi per cittadinanza Valori percentuali Anno 2014 Tab Utenti con sostanza primaria OPPIACEI residenti in provincia suddivisi per Ambito territoriale e per cittadinanza Valori percentuali Anno 2014 Cittadini Ambito Italiani Cittadini UE extra UE Totale 01_Bergamo 93,9% 0,0% 6,1% 100% 02_Dalmine 96,5% 0,0% 3,5% 100% 03_Seriate 96,9% 0,8% 2,3% 100% 04_Grumello 96,0% 0,0% 4,0% 100% 05_Valle Cavallina 98,1% 0,0% 1,9% 100% 06_Monte Bronzone - Basso Sebino 77,8% 0,0% 22,2% 100% 07_Alto Sebino 100,0% 0,0% 0,0% 100% 08_Valle Seriana 98,8% 0,6% 0,6% 100% 09_Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve 98,5% 0,0% 1,5% 100% 10_Valle Brembana 100,0% 0,0% 0,0% 100% 11_Valle Imagna e Villa d'almé 100,0% 0,0% 0,0% 100% 12_Isola Bergamasca 97,4% 0,0% 2,6% 100% 13_Treviglio 97,3% 0,0% 2,7% 100% 14_Romano di Lombardia 92,9% 1,5% 5,6% 100% Provincia di Bergamo 96,2% 0,3% 3,5% 100% estero 25,0% 25,0% 50,0% 100% fuori provincia 93,0% 1,8% 5,3% 100% fuori regione 96,9% 0,0% 3,1% 100% Privi di residenza anagrafica 7,1% 7,1% 85,7% 100% Totale 95,8% 0,5% 3,7% 100% Per ii 65,3% dell utenza in carico per problematiche di uso di oppiacei la via di assunzione è quella endovenosa, mentre nel 19% la sostanza viene fumata e nel 13,9% dei casi inalata/sniffata. 19

21 Graf Utenti con sostanza primaria OPPIACEI residenti in provincia suddivisi per modalità d uso Valori percentuali Anno 2014 Il canale di accesso ai Servizi Specialistici è prevalentemente l accesso spontaneo (74,8%). L invio dai parte di Servizi sociali o sanitari riguarda il 7,9%, mentre l accesso tramite vie legali l 8,5%. Graf Utenti con sostanza primaria OPPIACEI residenti in provincia suddivisi per canale di invio Valori percentuali Anno

22 Tab Utenti con sostanza primaria OPPIACEI residenti in provincia suddivisi per canale di invio e Ambito Valori percentuali Anno 2014 Ambito Accesso spontaneo Familiari /amici Servizi Sociali e Sanitari Magistratur a e vie legali Prefettura Commission e Patenti Medico del Lavoro Totale 1_Bergamo 76,0% 4,3% 7,0% 12,0% 0,4% 0,4% 0,0% 100% 2_Dalmine 71,5% 6,4% 8,7% 10,5% 0,6% 2,3% 0,0% 100% 3_Seriate 72,0% 7,2% 4,0% 12,8% 0,8% 3,2% 0,0% 100% 4_Grumello 73,5% 6,1% 6,1% 10,2% 2,0% 2,0% 0,0% 100% 5_Valle Cavallina 62,3% 9,4% 15,1% 13,2% 0,0% 0,0% 0,0% 100% 6_Monte Bronzone - Basso Sebino 77,8% 0,0% 0,0% 11,1% 0,0% 11,1% 0,0% 100% 7_Alto Sebino 72,5% 2,5% 20,0% 2,5% 0,0% 2,5% 0,0% 100% 8_Valle Seriana 74,1% 8,2% 7,6% 6,3% 1,3% 2,5% 0,0% 100% 9_Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve 67,7% 7,7% 10,8% 9,2% 3,1% 1,5% 0,0% 100% 10_Valle Brembana 81,3% 3,1% 6,3% 6,3% 0,0% 3,1% 0,0% 100% 11_Valle Imagna e Villa d'almé 77,1% 10,4% 10,4% 2,1% 0,0% 0,0% 0,0% 100% 12_Isola Bergamasca 76,8% 2,0% 10,6% 7,9% 1,3% 0,7% 0,7% 100% 13_Treviglio 83,8% 2,7% 6,1% 4,7% 1,4% 1,4% 0,0% 100% 14_Romano di Lombardia 75,3% 10,0% 6,3% 4,7% 2,6% 1,1% 0,0% 100% Totale 74,9% 6,0% 8,0% 8,4% 1,1% 1,6% 0,1% 100% 21

23 Prevalenza per Ambito Territoriale Le mappe e le tabelle che seguono indicano i dati di prevalenza 5 per singolo Ambito, evidenziando un Tasso di Prevalenza significativamente più elevato nell Ambito di Romano di Lombardia. Viceversa i minori tassi di prevalenza si riscontrano negli Ambiti Monte Bronzone e Valle Brembana. E importante considerare che non necessariamente questo dato identifica un Ambito in cui il problema è maggiormente rappresentato; esso può essere spiegato da una maggior capacità di captazione/ritenzione dei Servizi o da una sua più favorevole collocazione (ad esempio l Ambito della Valle Brembana non ha Servizi sul territorio). Mappa 1 - Prevalenza utenza con sostanza primaria oppiacei Tassi su abitanti anni. Anno Si intende per PREVALENZA il rapporto tra il numero di utenti in carico e la popolazione residente. 22

24 Tab Prevalenza degli utenti con sostanza primaria oppiacei per Ambito Territoriale per abitanti. Tassi. Anno 2014 Ambito Utenza con sostanza primaria oppiacei Popolazione residente Prevalenza per residenti 1- Bergamo ,2 2 Dalmine ,9 3 Seriate ,7 4 Grumello ,2 5 - Val Cavallina ,8 6 - Monte Bronzone e Basso Sebino ,7 7 - Alto Sebino ,4 8 - Valle Seriana ,1 9 - Valle Seriana Sup , Val Brembana , Valle Imagna e Villa d'almé , Isola B , Treviglio , Romano ,1 Soggetti residenti in provincia ,8 Non si riportano i tassi di incidenza (rapporto tra la nuova utenza e la popolazione residente) perché il numero nuovi soggetti afferiti ai Servizi nell anno 2014 per problematiche legate al consumo primario di oppiacei è stato di soli 45 soggetti. 23

25 4 - L UTENZA CON SOSTANZA PRIMARIA COCAINA/CRACK Nel 2014 sono afferiti ai Servizi Ambulatoriali per le dipendenza della provincia di Bergamo soggetti con sostanza primaria cocaina o crack, di cui 869 residenti in provincia. I soggetti consumatori di cocaina residenti in provincia presi in carico per la prima volta nel 2014 sono 196. Le tabelle che seguono presentano alcune informazioni sulle principali caratteristiche degli utenti di ciascun Ambito. Tab Utenti con sostanza primaria COCAINA residenti in provincia suddivisi per Ambito territoriale e per tipologia Valori assoluti Anno 2014 Ambito Nuovi Già in carico Totale 01_Bergamo _Dalmine _Seriate _Grumello _Valle Cavallina _Monte Bronzone - Basso Sebino _Alto Sebino _Valle Seriana _Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve _Valle Brembana _Valle Imagna e Villa d'almé _Isola Bergamasca _Treviglio _Romano di Lombardia Provincia di Bergamo estero fuori provincia fuori regione Privi di residenza anagrafica Totale L 88,7% dell utenza residente in provincia con sostanza primaria Cocaina è di genere maschile, con un rapporto maschi/femmine pari a 7,9/1. Nella nuova utenza la percentuale di soggetti maschi sale al 91,2% e il rapporto maschi/femmine a 10,4/1. 24

26 Graf Utenti con sostanza primaria COCAINA residenti in provincia suddivisi per genere Valori percentuali Anno 2014 Tab Utenti con sostanza primaria COCAINA residenti in provincia suddivisi per genere e Ambito Valori assoluti Anno 2014 Ambito Femmine Maschi Totale 01_Bergamo _Dalmine _Seriate _Grumello _Valle Cavallina _Monte Bronzone - Basso Sebino _Alto Sebino _Valle Seriana _Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve _Valle Brembana _Valle Imagna e Villa d'almé _Isola Bergamasca _Treviglio _Romano di Lombardia Provincia di Bergamo estero fuori provincia fuori regione Privo di residenza anagrafica Totale L età media è pari a 36,8 (inferiore rispetto all utenza con uso prevalente di oppiacei). La quota più consistente si colloca nella fascia d età anni, ma si evidenzia un 8,2% di utenza giovanissima (meno di 24 anni) e un 14,8% di utenti di età compresa tra i 25 e i 29 anni. Tra la nuova utenza residente in provincia sono 31 i soggetti di età inferiore ai 24 anni e 30 quelli di età compresa tra i 25 e i 29 anni. 25

27 Graf Utenti con sostanza primaria COCAINA residenti in provincia suddivisi per fascia di età Valori percentuali Anno 2014 Tab Utenti con sostanza primaria COCAINA residenti in provincia suddivisi per fascia di età e Ambito Valori assoluti Anno 2014 Ambito Fino a over 60 Totale 01_Bergamo _Dalmine _Seriate _Grumello _Valle Cavallina _Monte Bronzone Basso Sebino 17 07_Alto Sebino _Valle Seriana _Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve _Valle Brembana _Valle Imagna e Villa d'almé 43 12_Isola Bergamasca _Treviglio _Romano di Lombardia 99 Provincia di Bergamo estero fuori provincia fuori regione Privo di residenza anagrafica 43 Totale L 89,1% è di cittadinanza italiana. 26

28 Graf Utenti con sostanza primaria COCAINA residenti in provincia suddivisi per cittadinanza Valori percentuali Anno 2014 Tab Utenti con sostanza primaria COCAINA residenti in provincia suddivisi per cittadinanza e Ambito Valori percentuali Anno 2014 Ambito Italiani Cittadini UE Cittadini extra UE Totale 01_Bergamo 85,0% 0,0% 15,0% 100% 02_Dalmine 90,0% 0,0% 10,0% 100% 03_Seriate 86,7% 0,0% 13,3% 100% 04_Grumello 83,7% 0,0% 16,3% 100% 05_Valle Cavallina 95,5% 0,0% 4,5% 100% 06_Monte Bronzone - Basso Sebino 94,1% 0,0% 5,9% 100% 07_Alto Sebino 91,7% 0,0% 8,3% 100% 08_Valle Seriana 90,2% 0,0% 9,8% 100% 09_Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve 89,5% 0,0% 10,5% 100% 10_Valle Brembana 95,2% 0,0% 4,8% 100% 11_Valle Imagna e Villa d'almé 100,0% 0,0% 0,0% 100% 12_Isola Bergamasca 85,4% 1,0% 13,5% 100% 13_Treviglio 93,5% 0,9% 5,6% 100% 14_Romano di Lombardia 84,8% 0,0% 15,2% 100% Provincia di Bergamo 89,1% 0,2% 10,7% 100% estero 20,0% 80,0% 0,0% 100% fuori provincia 82,1% 1,4% 16,4% 100% fuori regione 58,8% 0,0% 41,2% 100% Privo di residenza anagrafica 0,0% 0,0% 100,0% 100% Totale 87,3% 0,8% 11,9% 100% Il canale di accesso ai Servizi Specialistici è prevalentemente l accesso spontaneo (54,2%), con percentuali tuttavia inferiori rispetto a quelle riscontrate nei consumatori di oppiacei (74,8%). L invio dai parte di Servizi sociali o sanitari riguarda il 9,8% (7,9% nei consumatori di oppiacei), mentre l accesso tramite vie legali il 16,6% (vs l 8,5% nel caso degli oppiacei). L 8% dei soggetti è stato segnalato invece dalla Prefettura, il 4% dalla Commissione Patenti, l 1,9% dal Medico del Lavoro. 27

29 Graf Utenti con sostanza primaria COCAINA residenti in provincia suddivisi per canale di invio Valori percentuali Anno 2014 Tab Utenti con sostanza primaria COCAINA residenti in provincia suddivisi per canale di invio e Ambito Valori percentuali Anno 2014 Ambito Accesso spontaneo Familiari /amici Servizi Sociali e Sanitari Magistrat ura e vie legali Prefettura Commiss. Patenti Medico del Lavoro Certifica zioni, altro 01_Bergamo 50,8% 7,6% 5,1% 26,3% 6,8% 3,4% 0,0% 0,0% 100% 02_Dalmine 57,3% 5,5% 10,0% 12,7% 8,2% 3,6% 2,7% 0,0% 100% 03_Seriate 45,9% 5,4% 9,5% 18,9% 8,1% 2,7% 8,1% 1,4% 100% 04_Grumello 56,1% 4,9% 0,0% 29,3% 4,9% 2,4% 2,4% 0,0% 100% 05_Valle Cavallina 51,2% 7,0% 11,6% 16,3% 4,7% 2,3% 7,0% 0,0% 100% 06_Monte Bronzone - Basso Sebino 25,0% 12,5% 25,0% 12,5% 12,5% 12,5% 0,0% 0,0% 100% 07_Alto Sebino 33,3% 8,3% 33,3% 8,3% 8,3% 8,3% 0,0% 0,0% 100% 08_Valle Seriana 46,7% 8,3% 16,7% 13,3% 8,3% 5,0% 1,7% 0,0% 100% 09_Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve 63,2% 0,0% 21,1% 0,0% 10,5% 5,3% 0,0% 0,0% 100% 10_Valle Brembana 52,4% 9,5% 9,5% 14,3% 4,8% 9,5% 0,0% 0,0% 100% 11_Valle Imagna e Villa d'almé 65,1% 0,0% 9,3% 11,6% 14,0% 0,0% 0,0% 0,0% 100% 12_Isola Bergamasca 57,3% 1,0% 5,2% 17,7% 12,5% 4,2% 2,1% 0,0% 100% 13_Treviglio 62,0% 2,8% 9,3% 13,0% 6,5% 6,5% 0,0% 0,0% 100% 14_Romano di Lombardia 64,9% 7,2% 10,3% 13,4% 3,1% 1,0% 0,0% 0,0% 100% Tot. 28

30 Prevalenza ed incidenza per Ambito Territoriale Le mappe e le tabelle che seguono indicano i dati di prevalenza 6 per singolo Ambito, evidenziando come il Tasso di Prevalenza più elevato si rilevi, come per i consumatori di oppiacei, nell Ambito di Romano di Lombardia. Viceversa i minori tassi di prevalenza si riscontrano negli Ambiti Alto Sebino e Valle Seriana Superiore. Mappa 2 - Prevalenza utenza con sostanza primaria cocaina - Tassi su abitanti - Anno Si intende per PREVALENZA il rapporto tra il numero di utenti in carico e la popolazione residente. 29

31 Tab Prevalenza degli utenti con sostanza primaria COCAINA per Ambito Territoriale per abitanti. Tassi. Anno 2014 Ambito Utenza con sostanza primaria COCAINA Popolazione residente Prevalenza per residenti 1- Bergamo ,9 2 Dalmine ,6 3 Seriate ,7 4 Grumello ,7 5 - Val Cavallina ,1 6 - Monte Bronzone e Basso Sebino ,3 7 - Alto Sebino ,8 8 - Valle Seriana ,2 9 - Valle Seriana Sup , Val Brembana , Valle Imagna e Villa d'almé , Isola B , Treviglio , Romano ,7 Soggetti residenti in provincia ,8 Gli Ambiti con un Tasso di incidenza maggiore (Nuovi casi per residenti) sono Romano e Valle Imagna e Villa d Almé. Viceversa l Ambito con il minor tasso di incidenza è l Alto Sebino. Mappa 3 - Incidenza utenza con sostanza primaria cocaina Tassi su abitanti - Anno

32 Tab Incidenza degli utenti con sostanza primaria COCAINA per Ambito Territoriale per abitanti. Tassi. Anno 2014 Ambito Utenza con sostanza primaria COCAINA Popolazione anni Incidenza per residenti 1- Bergamo ,5 2 Dalmine ,1 3 Seriate ,2 4 Grumello ,0 5 - Val Cavallina ,2 6 - Monte Bronzone e Basso Sebino ,3 7 - Alto Sebino ,3 8 - Valle Seriana ,2 9 - Valle Seriana Superiore , Val Brembana , Valle Imagna e Villa d'almé , Isola B , Treviglio , Romano ,7 Soggetti residenti in provincia ,8 31

33 5 - L UTENZA CON SOSTANZA PRIMARIA CANNABIS Nel 2014 sono stati trattati dai Ser.T. della provincia di Bergamo 818 soggetti con sostanza primaria cannabis, di cui 759 residenti in provincia. I soggetti residenti in provincia presi in carico per la prima volta nel 2014 sono 403. Le tabelle che seguono presentano alcune informazioni sulle principali caratteristiche degli utenti di ciascun Ambito. Tab Utenti con sostanza primaria CANNABIS residenti in provincia suddivisi per Ambito territoriale e per tipologia Valori assoluti Anno 2014 Ambito Nuovi Già in carico Totale 01_Bergamo _Dalmine _Seriate _Grumello _Valle Cavallina _Monte Bronzone - Basso Sebino _Alto Sebino _Valle Seriana _Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve _Valle Brembana _Valle Imagna e Villa d'almé _Isola Bergamasca _Treviglio _Romano di Lombardia Provincia di Bergamo estero fuori provincia fuori regione 3 3 Privi di residenza anagrafica Totale Il 91,7% dell utenza residente in provincia con sostanza primaria Cannabis è di genere maschile, con un rapporto maschi/femmine pari a 11/1. Nella nuova utenza la percentuale di soggetti maschi è pari a 92,1% e il rapporto maschi/femmine a 11,6/1. Graf Utenti con sostanza primaria CANNABIS residenti in provincia suddivisi per genere Valori percentuali Anno

34 Tab Utenti con sostanza primaria CANNABIS residenti in provincia suddivisi per genere e Ambito Valori assoluti Anno 2014 Ambito Femmine Maschi Totale 01_Bergamo _Dalmine _Seriate _Grumello _Valle Cavallina _Monte Bronzone - Basso Sebino _Alto Sebino _Valle Seriana _Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve _Valle Brembana _Valle Imagna e Villa d'almé _Isola Bergamasca _Treviglio _Romano di Lombardia Provincia di Bergamo estero 1 1 fuori provincia fuori regione 3 3 Privo di residenza anagrafica 8 8 Totale L età media è pari a 27,3 anni. Il 54,5% ha un età inferiore ai 24 anni e si evidenzia una quota di utenza minorenne. Tra la nuova utenza residente in provincia sono 64 i soggetti minorenni e 189 quelli di età compresa tra i 18 e i 24 anni. Graf Utenti con sostanza primaria CANNABIS residenti in provincia suddivisi per fascia di età Valori percentuali Anno

35 Tab. 29- Utenti con sostanza primaria CANNABIS residenti in provincia suddivisi fascia di età e Ambito Valori assoluti Anno 2014 Ambito Minori di Over 50 Tot. 01_Bergamo _Dalmine _Seriate _Grumello _Valle Cavallina _Monte Bronzone - Basso Sebino _Alto Sebino _Valle Seriana _Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve _Valle Brembana _Valle Imagna e Villa d'almé _Isola Bergamasca _Treviglio _Romano di Lombardia Provincia di Bergamo estero fuori provincia fuori regione 3 3 Privo di residenza anagrafica Totale L 86,5 % è di cittadinanza italiana. Graf Utenti con sostanza primaria CANNABIS residenti in provincia suddivisi per cittadinanza Valori percentuali Anno

36 Tab Utenti con sostanza primaria CANNABIS residenti in provincia suddivisi per cittadinanza e Ambito Valori percentuali Anno 2014 Ambito Italiani Cittadini UE Cittadini extra UE Totale 01_Bergamo 78,7% 3,7% 17,6% 100% 02_Dalmine 86,4% 0,0% 13,6% 100% 03_Seriate 87,5% 2,1% 10,4% 100% 04_Grumello 81,0% 0,0% 19,0% 100% 05_Valle Cavallina 90,7% 0,0% 9,3% 100% 06_Monte Bronzone - Basso Sebino 93,3% 0,0% 6,7% 100% 07_Alto Sebino 88,9% 0,0% 11,1% 100% 08_Valle Seriana 94,0% 0,0% 6,0% 100% 09_Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve 91,9% 0,0% 8,1% 100% 10_Valle Brembana 100,0% 0,0% 0,0% 100% 11_Valle Imagna e Villa d'almé 92,7% 0,0% 7,3% 100% 12_Isola Bergamasca 90,4% 0,0% 9,6% 100% 13_Treviglio 77,1% 2,4% 20,5% 100% 14_Romano di Lombardia 81,8% 4,5% 13,6% 100% Provincia di Bergamo 86,5% 1,2% 12,3% 100% estero 33,3% 66,7% 0,0% 100% fuori provincia 82,5% 0,0% 17,5% 100% fuori regione 33,3% 33,3% 33,3% 100% senza residenza anagrafica 0,0% 0,0% 100,0% 100% Totale 85,9% 1,5% 14,2% 100% A differenza di quanto si è evidenziato per i consumatori di oppiacei e di cocaina, il canale di accesso ai Servizi Specialistici è prevalentemente la segnalazione da parte della Prefettura. Il 15,3% dell utenza ha avuto un accesso spontaneo, mentre il 12% è pervenuto tramite vie legali, il 9,1% su segnalazione della Commissione Patenti, il 6,3% del Medico del Lavoro. 35

37 Graf Utenti con sostanza primaria CANNABIS residenti in provincia suddivisi per canale di accesso Valori percentuali - Anno 2014 Tab Utenti con sostanza primaria CANNABIS residenti in provincia suddivisi per canale di accesso e Ambito Valori percentuali Anno 2014 Accesso Familia spontane ri/amic Servizi Sociali e Magistratur a e vie Prefett Commis s. Medico del Certificaz Ambito o i Sanitari legali ura Patenti Lavoro ioni, altro 01_Bergamo 18,7% 1,9% 4,7% 19,6% 45,8% 1,9% 7,5% 0,0% 02_Dalmine 19,6% 2,7% 7,1% 9,8% 47,3% 6,3% 7,1% 0,0% 03_Seriate 6,3% 2,1% 6,3% 18,8% 47,9% 6,3% 12,5% 0,0% 04_Grumello 4,8% 0,0% 9,5% 19,0% 57,1% 9,5% 0,0% 0,0% 05_Valle Cavallina 9,3% 7,0% 4,7% 18,6% 41,9% 14,0% 4,7% 0,0% 06_Monte Bronzone - Basso Sebino 0,0% 6,3% 12,5% 18,8% 50,0% 6,3% 6,3% 0,0% 07_Alto Sebino 0,0% 0,0% 11,1% 11,1% 66,7% 3,7% 7,4% 0,0% 08_Valle Seriana 16,4% 9,0% 6,0% 10,4% 35,8% 17,9% 4,5% 0,0% 09_Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve 16,7% 8,3% 5,6% 2,8% 36,1% 27,8% 2,8% 0,0% 10_Valle Brembana 35,3% 0,0% 0,0% 0,0% 35,3% 17,6% 5,9% 5,9% 11_Valle Imagna e Villa d'almé 22,0% 0,0% 7,3% 9,8% 48,8% 9,8% 2,4% 0,0% 12_Isola Bergamasca 12,8% 1,1% 11,7% 8,5% 51,1% 3,2% 11,7% 0,0% 13_Treviglio 19,0% 2,4% 6,0% 11,9% 48,8% 11,9% 0,0% 0,0% 14_Romano di Lombardia 15,9% 6,8% 2,3% 9,1% 47,7% 11,4% 6,8% 0,0% 36

38 Prevalenza ed incidenza per Ambito Territoriale Le mappe e le tabelle che seguono indicano i dati di prevalenza 7 per singolo Ambito, evidenziando come il Tasso di Prevalenza più elevato si rilevi nell Ambito Alto Sebino. Viceversa il minor tasso di prevalenza si riscontra in Valle Brembana. Mappa 4 - Prevalenza utenza con sostanza primaria cannabis Tassi su abitanti - Anno 2014 Tab Prevalenza degli utenti con sostanza primaria CANNABIS per Ambito Territoriale per abitanti - Tassi - Anno 2014 Ambito Utenza con sostanza primaria cannabis Popolazione residente Prevalenza per residenti 1- Bergamo ,1 2 Dalmine ,7 3 Seriate ,2 4 Grumello ,3 5 - Val Cavallina ,9 6 - Monte Bronzone e Basso Sebino ,0 7 - Alto Sebino ,6 8 - Valle Seriana ,7 9 - Valle Seriana Sup , Val Brembana , Valle Imagna e Villa d'almé , Isola B , Treviglio , Romano ,2 Soggetti residenti in provincia ,9 Gli Ambiti con un numero più elevato di nuovi utenti in rapporto alla popolazione residente (Incidenza) sono Alto Sebino e Valle Cavallina. 7 Si intende per PREVALENZA il rapporto tra il numero di utenti in carico e la popolazione residente. 37

Alcuni dati sul fenomeno del Gioco d Azzardo in Italia e in provincia di Bergamo

Alcuni dati sul fenomeno del Gioco d Azzardo in Italia e in provincia di Bergamo DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Direttore dott. Marco Riglietta via Borgo Palazzo, 130-24125 Bergamo Italy Tel +390352270382 - Fax +390352270393 www.asl.bergamo.it/dipartimentodipendenze (PEC): protocollo@pec.asl.bergamo.it

Dettagli

Alcuni dati sul fenomeno del Gioco d Azzardo in Italia e in provincia di Bergamo

Alcuni dati sul fenomeno del Gioco d Azzardo in Italia e in provincia di Bergamo DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Direttore dott. Marco Riglietta via Borgo Palazzo, 130-24125 Bergamo Italy Tel +390352270382 - Fax +390352270393 www.asl.bergamo.it/dipartimentodipendenze (PEC): protocollo@pec.asl.bergamo.it

Dettagli

Alcuni dati sull attività svolta dal. Dipartimento delle Dipendenze. nell Ambito Territoriale dell Alto Sebino. Anno 2013

Alcuni dati sull attività svolta dal. Dipartimento delle Dipendenze. nell Ambito Territoriale dell Alto Sebino. Anno 2013 DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Alcuni dati sull attività svolta dal Dipartimento delle Dipendenze nell Ambito Territoriale dell Alto Sebino Anno 2013 Anno 2014 Alcuni dati sull attività svolta dal Dipartimento

Dettagli

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3.1 Stime di prevalenza e incidenza 3.2 Profilo dei clienti in trattamento 3.2.1 Profilo dei clienti in trattamento in relazione alla sostanza 3.2.2 Altre caratteristiche

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE L UTENZA DEI SERT DELLA PROVINCIA DI BERGAMO. Anno 2014

DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE L UTENZA DEI SERT DELLA PROVINCIA DI BERGAMO. Anno 2014 DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE L UTENZA DEI SERT DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Anno 2014 N. 04/2015 2 Indice Premessa 1 L utenza afferita ai SerT della provincia di Bergamo: Analisi per sostanza primaria o

Dettagli

Sintesi relazione conclusiva del progetto

Sintesi relazione conclusiva del progetto Sintesi relazione conclusiva del progetto Valutazione della performance dei Servizi del Dipartimento delle Dipendenze della ASL della Provincia di Milano 1 Lo svolgimento del progetto di ricerca Valutazione

Dettagli

PREVALENZA INFEZIONE da HIV/AIDS

PREVALENZA INFEZIONE da HIV/AIDS SORVEGLIANZA INFEZIONE HIV _AIDS in Provincia di Bergamo anno 2014 Dr.ssa Livia Trezzi Dr.ssa Valentina Ciociola Ass.San. Giorgio Gennati Prevenzione Epidemiologia Malattie Infettive ( SPEMI ) Dipartimento

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili

PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili OSSERVATORIO SUL DISAGIO GIOVANILE Ser.T. e Associazioni Aggiornamento dei dati - Anno 2007 Si ringraziano per i dati forniti e la cortese collaborazione:

Dettagli

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL. - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 -

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL. - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 - OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 - A cura dell Osservatorio Epidemiologico Territoriale delle Dipendenze, ASL di Brescia OSSERVATORIO

Dettagli

per tra ANFFAS BERGAMO

per tra ANFFAS BERGAMO PROTOCOLLO D INTESA per L ATTIVAZIONE DELLO SPORTELLO UNICO WELFARE tra AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI BERGAMO CONSIGLIO DI RAPPRESENTANZA DEI SINDACI E ASSEMBLEE DISTRETTUALI DEI SINDACI

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALL ABUSO DI ALCOOL

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALL ABUSO DI ALCOOL PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALL ABUSO DI ALCOOL Tra Risorsa Sociale Gera d Adda in rappresentanza dei 18 Comuni dell Ambito di Treviglio ASL della provincia di

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE. Dai dati alla prevenzione, realtà e prospettive

DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE. Dai dati alla prevenzione, realtà e prospettive DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Dai dati alla prevenzione, realtà e prospettive I consumi di sostanze psicoattive e altri comportamenti a rischio di dipendenza: alcune informazioni inerenti l Ambito Territoriale

Dettagli

Dipartimento Dipendenze

Dipartimento Dipendenze Dipartimento Dipendenze Sostanze psicoattive e comportamenti di addiction in Provincia di Lecco I dati dei Servizi per le Dipendenze e degli Enti accreditati - Anno 2014 A cura dell Osservatorio Dipendenze

Dettagli

Epidemiologia dei disturbi dello spettro autistico in provincia di Bergamo -analisi di prevalenza

Epidemiologia dei disturbi dello spettro autistico in provincia di Bergamo -analisi di prevalenza Epidemiologia dei disturbi dello spettro autistico in provincia di Bergamo -analisi di prevalenza Alberto Zucchi, Gennaro Esposito, *Francesco Locati* Resp. Servizio Epidemiologico Aziendale; Resp. Ufficio

Dettagli

Rapporto Annuale Ser.T. - 2007

Rapporto Annuale Ser.T. - 2007 U.O. Ser.T. - Servizio Tossicodipendenze U.O.S. Osservatorio Socio- Epidemiologico Dipendenze Sistema Informativo Vico Gramsci n.1-75100 MATERA Tel. 0835 / 253704 253718 Fax 0835 / 253704 e-mail: asl4.sert@rete.basilicata.it

Dettagli

I servizi sociosanitari nelle zone montane

I servizi sociosanitari nelle zone montane I servizi sociosanitari nelle zone montane San Giovanni Bianco (Bg Bg), 11 ottobre 2014 Dr.ssa Mara Azzi Direttore Generale Asl Bergamo PRINCIPALI EVIDENZE DEMOGRAFICHE ED EPIDEMIOLOGICHE L ambito della

Dettagli

Premessa. Dott. Giovanni Serpelloni Capo Dipartimento Politiche Antidroga Presidenza del Consiglio dei Ministri

Premessa. Dott. Giovanni Serpelloni Capo Dipartimento Politiche Antidroga Presidenza del Consiglio dei Ministri Premessa Dott. Giovanni Serpelloni Capo Dipartimento Politiche Antidroga Presidenza del Consiglio dei Ministri Il presente opuscolo riporta i dati emersi dal primo anno di sperimentazione del Progetto

Dettagli

COCAINA 10.1 WEB CO CARE : UN SERVIZIO IN LINEA. Premessa

COCAINA 10.1 WEB CO CARE : UN SERVIZIO IN LINEA. Premessa 10.1 WEB CO CARE : UN SERVIZIO IN LINEA Agusto Consoli, Teresio Minetti Dipartimento Patologia delle Dipendenze Asl 4, Torino Premessa Il rendersi conto che il consumo di cocaina possa diventare problematico

Dettagli

INFEZIONE DA HIV e AIDS

INFEZIONE DA HIV e AIDS Dipartimento di Prevenzione Medica Notifica, sorveglianza e controllo delle malattie infettive INFEZIONE DA HIV e AIDS (elaborazione dati dal programma informatizzato Regione Lombardia Mainf e portale

Dettagli

Linee di indirizzo per la presa in carico di soggetti con problemi di dipendenza che afferiscono ai SERT

Linee di indirizzo per la presa in carico di soggetti con problemi di dipendenza che afferiscono ai SERT All A. Linee di indirizzo per la presa in carico di soggetti con problemi di dipendenza che afferiscono ai SERT Le presenti Linee di indirizzo intendono semplificare la presa in carico delle persone con

Dettagli

Tavolo Tecnico del Sistema Informativo Regionale sulle Dipendenze RAPPORTO REGIONALE GLI UTENTI DEI SER.T. IN BASILICATA NEL 2013

Tavolo Tecnico del Sistema Informativo Regionale sulle Dipendenze RAPPORTO REGIONALE GLI UTENTI DEI SER.T. IN BASILICATA NEL 2013 RAPPORTO REGIONALE GLI UTENTI DEI SER.T. IN BASILICATA NEL 2013 1 Tavolo Tecnico Sistema Informativo Regionale sulle Dipendenze Gruppo di lavoro per la stesura del Rapporto Regione Basilicata Rocco Libutti

Dettagli

valutazione comparativa dei costi dei sistemi regionali italiani riferiti all area delle dipendenze (Progetto Ancos.ben2 del Ministero Della Salute)

valutazione comparativa dei costi dei sistemi regionali italiani riferiti all area delle dipendenze (Progetto Ancos.ben2 del Ministero Della Salute) valutazione comparativa dei costi dei sistemi regionali italiani riferiti all area delle dipendenze (Progetto Ancos.ben2 del Ministero Della Salute) 2 Giovanni Serpelloni Introduzione L analisi qui presentata

Dettagli

RISPOSTE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI

RISPOSTE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI PARTE 9 RISPOSTE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI 9.1 Reinserimento sociale 9.1.1 Casa 9.1.2 Istruzione e formazione 9.1.3 Occupazione 9.1.4 Assistenza sociale di base 9.2 Modalità di esecuzione

Dettagli

Drug Test nei Lavoratori a Rischio Procedure Diagnostiche di 2 livello

Drug Test nei Lavoratori a Rischio Procedure Diagnostiche di 2 livello Drug Test nei Lavoratori a Rischio Procedure Diagnostiche di 2 livello Maurizio Gomma, Dipartimento delle Dipendenze ULSS 20 Verona Torino, ottobre - novembre 2012 Procedure per gli accertamenti 1. Procedure

Dettagli

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato Dipendenze Le relazioni periodiche dell Osservatorio Provinciale sulle Dipendenze consentono di seguire l evoluzione del fenomeno droga 1 nel contesto pratese, relativamente all andamento delle rilevazioni,

Dettagli

Relazione 2013 sul fenomeno della tossicodipendenza nel Lazio

Relazione 2013 sul fenomeno della tossicodipendenza nel Lazio D EP Lazio Dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitario Regionale - Regione Lazio Relazione 2013 sul fenomeno della tossicodipendenza nel Lazio SISTEMA SANITARIO REGIONALE ASL ROMA E Relazione

Dettagli

NOTA INFORMATIVA SUGLI ACCERTAMENTI DI ASSENZA DI TOSSICODIPENDENZA PER I LAVORATORI

NOTA INFORMATIVA SUGLI ACCERTAMENTI DI ASSENZA DI TOSSICODIPENDENZA PER I LAVORATORI NOTA INFORMATIVA SUGLI ACCERTAMENTI DI ASSENZA DI TOSSICODIPENDENZA PER I LAVORATORI Premessa La presente informarla che, sulla base delle recenti normative (Schema di intesa 1 in materia di accertamenti

Dettagli

PROGETTO PATCHWORK LA PREVENZIONE PER GLI ADOLESCENTI NEI CONFRONTI DI ABUSI DA ALCOOL E SOSTANZE STUPEFACENTI

PROGETTO PATCHWORK LA PREVENZIONE PER GLI ADOLESCENTI NEI CONFRONTI DI ABUSI DA ALCOOL E SOSTANZE STUPEFACENTI PROGETTO PATCHWORK LA PREVENZIONE PER GLI ADOLESCENTI NEI CONFRONTI DI ABUSI DA ALCOOL E SOSTANZE STUPEFACENTI FINANZIATO DALLA REGIONE LIGURIA CON CONTRIBUTO PER AZIONI INNOVATIVE O A RILEVANZA REGIONALE

Dettagli

Valeria Crespi. Laboratorio di Tossicologia, Medicina del Lavoro, Ospedale di Circolo, Varese

Valeria Crespi. Laboratorio di Tossicologia, Medicina del Lavoro, Ospedale di Circolo, Varese Provvedimento 18/09/2008 - accertamenti per assenza di tossicodipendenza in ambito di lavoro: quali evidenze e quali prospettive a due anni dall entrata in vigore del disposto legislativo? Valeria Crespi

Dettagli

A.S.L. della provincia di Bergamo. L attività di prevenzione del Dipartimento delle Dipendenze anno 2009 analisi della domanda e dell offerta

A.S.L. della provincia di Bergamo. L attività di prevenzione del Dipartimento delle Dipendenze anno 2009 analisi della domanda e dell offerta A.S.L. della provincia di Bergamo L attività di prevenzione del Dipartimento delle Dipendenze anno 2009 analisi della domanda e dell offerta n. 05/2010 PREMESSA Pag. 5 INTRODUZIONE Alcune note metodologiche

Dettagli

Servizio Regionale di Accoglienza Telefonica LINEAVERDEDROGA

Servizio Regionale di Accoglienza Telefonica LINEAVERDEDROGA Servizio Regionale di Accoglienza Telefonica LINEAVERDEDROGA Grande B. S., Bevacqua T., Sorrentino C. LineaVerdeDroga (Ser.T. di Catanzaro) Introduzione LineaVerdeDroga (LVD) è il Servizio di Accoglienza

Dettagli

Valeria Crespi. Laboratorio di Tossicologia, Medicina del Lavoro, Ospedale di Circolo, Varese

Valeria Crespi. Laboratorio di Tossicologia, Medicina del Lavoro, Ospedale di Circolo, Varese Provvedimento 18/09/2008 - accertamenti per assenza di tossicodipendenza d in ambito di lavoro: quali evidenze e quali prospettive a due anni dall entrata in vigore del disposto legislativo? Valeria Crespi

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE. Dai dati alla prevenzione, realtà e prospettive

DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE. Dai dati alla prevenzione, realtà e prospettive DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Dai dati alla prevenzione, realtà e prospettive I consumi di sostanze psicoattive e altri comportamenti a rischio di dipendenza: alcune informazioni inerenti l Ambito Territoriale

Dettagli

CAPITOLO III.3. INTERVENTI DI PREVENZIONE E CONTRASTO

CAPITOLO III.3. INTERVENTI DI PREVENZIONE E CONTRASTO CAPITOLO III.3. INTERVENTI DI PREVENZIONE E CONTRASTO III.3.1. Interventi delle Forze dell Ordine III.3.1.1 Detenzione per uso personale di sostanze illecite III.3.1.2 Deferiti alle Autorità Giudiziarie

Dettagli

IL GIOCO D AZZARDO IN LOMBARDIA

IL GIOCO D AZZARDO IN LOMBARDIA IL GIOCO D AZZARDO IN LOMBARDIA ATTIVITÀ DELL OSSERVATORIO REGIONALE SULLE DIPENDENZE (ORED) - 15 Guido Gay Milano, 15 ottobre 15 Struttura della presentazione Opinioni sul gioco d azzardo nei social media

Dettagli

SORVEGLIANZA INFEZIONE HIV _AIDS in Provincia di Bergamo anno 2010

SORVEGLIANZA INFEZIONE HIV _AIDS in Provincia di Bergamo anno 2010 SORVEGLIANZA INFEZIONE HIV _AIDS in Provincia di Bergamo anno 2010 Livia Trezzi Servizio Prevenzione Epidemiologia Malattie Infettive Giuseppe Imbalzano Direttore Sanitario SPESA SANITARIA in prov. di

Dettagli

ALCOL E GUIDA L ESPERIENZA DELLA C.M.L. DELLA ASL DI FIRENZE

ALCOL E GUIDA L ESPERIENZA DELLA C.M.L. DELLA ASL DI FIRENZE ALCOL E GUIDA L ESPERIENZA DELLA C.M.L. DELLA ASL DI FIRENZE Lucia Malavolti commissione.patenti@asf.toscana.it Villa Fiorita Villa Fiorita Via di S.Salvi 12 Firenze Simulatore di guida Pista RIFERIMENTI

Dettagli

erogati per conto dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze nel corso dell anno 2010. È stata

erogati per conto dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze nel corso dell anno 2010. È stata L obiettivo della presente analisi è quello di offrire un panorama sullo stato dell arte dei servizi erogati per conto dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze nel corso dell anno 2010. È stata

Dettagli

I SERVIZI PER LE DIPENDENZE. Angiolina Dodi 17.01.2015

I SERVIZI PER LE DIPENDENZE. Angiolina Dodi 17.01.2015 I SERVIZI PER LE I DIPENDENZE Angiolina Dodi 17.01.2015 I servizi per le dipendenze Svolgono attività di prevenzione, cura e riabilitazione dei disturbi da uso/abuso, dipendenza da sostanze psicoattive,

Dettagli

Rapporto 2014 sulle dipendenze nell area metropolitana di Bologna

Rapporto 2014 sulle dipendenze nell area metropolitana di Bologna Rapporto 2014 sulle dipendenze nell area metropolitana di Bologna Quadro epidemiologico Caratteristiche tossicodipendenti, alcolisti e giocatori d azzardo patologici Attività dei servizi A cura di Raimondo

Dettagli

DI SOSTANZE STUPEFACENTI E PSICOTROPE

DI SOSTANZE STUPEFACENTI E PSICOTROPE ATTIVITA LAVORATIVA ABUSO DI BEVANDE ALCOLICHE USO DI SOSTANZE STUPEFACENTI E PSICOTROPE PUNTO DI PARTENZA Decreto legislativo 81 del 2008: Articolo 41: Nei casi ed alle condizioni previste dall ordinamento

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE L UTENZA DEI SERT DELLA PROVINCIA DI BERGAMO. Anno 2012

DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE L UTENZA DEI SERT DELLA PROVINCIA DI BERGAMO. Anno 2012 DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE L UTENZA DEI SERT DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Anno 2012 N. 01/2013 1 Indice 1 L utenza afferita ai Ser.T. della provincia di Bergamo 4 2 L utenza tossicodipendente 14 3 L utenza

Dettagli

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle Trento, 23 gennaio 2012 La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle La popolazione residente in provincia di Trento

Dettagli

DISAGIO SOCIALE E POVERTA' NELLA CITTA' DI BOLOGNA I

DISAGIO SOCIALE E POVERTA' NELLA CITTA' DI BOLOGNA I DISAGIO SOCIALE E POVERTA' NELLA CITTA' DI BOLOGNA I soggetti contatti dai servizi di prima necessità del comune di Bologna dal 2000 al 2004: Caratteristiche, contatti e percorsi attraverso i servizi A

Dettagli

Dipendenza da Sostanze d abuso e Mondo del lavoro. Dott. Emilio De Pasquale Direttore Struttura Complessa Interdistrettuale Ser.T A.S. P.

Dipendenza da Sostanze d abuso e Mondo del lavoro. Dott. Emilio De Pasquale Direttore Struttura Complessa Interdistrettuale Ser.T A.S. P. Dipendenza da Sostanze d abuso e Mondo del lavoro Dott. Emilio De Pasquale Direttore Struttura Complessa Interdistrettuale Ser.T A.S. P. VV La promozione della salute nei luoghi di lavoro si attua attraverso

Dettagli

RIFLESSI SULLA GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

RIFLESSI SULLA GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO RIFLESSI SULLA GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO Fonti normative Accertamento assenza tossicodipendenza in lavoratori addetti a mansioni comportanti rischi per la sicurezza, la incolumità e la salute dei

Dettagli

Una panoramica del fenomeno delle dipendenze in Liguria

Una panoramica del fenomeno delle dipendenze in Liguria Una panoramica del fenomeno delle dipendenze in Liguria UNA PANORAMICA DEL FENOMENO DELLE DIPENDENZE IN LIGURIA Quali sono le ragioni dell esistenza di un Osservatorio Epidemiologico Regionale delle Tossicodipendenze

Dettagli

UOC PSICOLOGIA. Attività psicologica per il Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze (DSMD)

UOC PSICOLOGIA. Attività psicologica per il Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze (DSMD) UOC PSICOLOGIA Attività psicologica per il Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze (DSMD) Dr.ssa Annalisa Antichi (Conferenza Dipartimento DSMD, 25/6/15) L intervento psicologico mira al potenziamento

Dettagli

INCONTRO SPISAL MEDICI COMPETENTI Vicenza 20 dicembre 2011. dott. Pierantonio Zanon SPISAL ULSS n. 6 VICENZA

INCONTRO SPISAL MEDICI COMPETENTI Vicenza 20 dicembre 2011. dott. Pierantonio Zanon SPISAL ULSS n. 6 VICENZA Consumo di alcool e attività lavorativa: azioni del MC per le categorie individuate dal Provvedimento 16 marzo 2006 e giudizio di idoneità per i lavoratori sottoposti a sorveglianza sanitaria. INCONTRO

Dettagli

Rapporto Regionale sullo stato delle dipendenze patologiche in Sardegna

Rapporto Regionale sullo stato delle dipendenze patologiche in Sardegna Rapporto Regionale sullo stato delle dipendenze patologiche in Sardegna 2008 Regione Autonoma della Sardegna Realizzazione a cura dell Assessorato dell Igiene, Sanità e dell Assistenza Sociale via Roma

Dettagli

Corrispondenza tra campi di INPUT gestiti da mfp e reports di OUTPUT

Corrispondenza tra campi di INPUT gestiti da mfp e reports di OUTPUT Corrispondenza tra campi di INPUT gestiti da mfp e reports di OUTPUT SCHEDE MINISTERIALI 1) SER.01 Dati anagrafici dei servizi pubblici per le tossicodipendenze Sezione C. Numero strutture carcerarie e

Dettagli

Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Unità Operativa Ser.T. Osservatorio Epidemiologico

Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Unità Operativa Ser.T. Osservatorio Epidemiologico Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Unità Operativa Ser.T. Osservatorio Epidemiologico Verifica coerenza ICD 10 vs Dipendenza Patologica 12011 a cura di Guya Barducci Alessandro Mariani

Dettagli

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 L art. 40 ha introdotto per il medico competente, al fine di favorire un utile rapporto di questi con il SSN, l obbligo

Dettagli

OSSERVATORIO TERRITORIALE DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE RELAZIONE SULL USO/ABUSO DI SOSTANZE PSICOTROPE ANNO 2013 - 1 -

OSSERVATORIO TERRITORIALE DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE RELAZIONE SULL USO/ABUSO DI SOSTANZE PSICOTROPE ANNO 2013 - 1 - OSSERVATORIO TERRITORIALE DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE RELAZIONE SULL USO/ABUSO DI SOSTANZE PSICOTROPE ANNO 213-1 - Dipendenza da sostanze illegali: monitoraggio epidemiologico 23-213 pag. 3 Dipendenza

Dettagli

8 Obiettivi specifici di particolare rilevanza istituzionale: dipendenze patologiche in provincia di Piacenza, dati, tendenze, riflessioni

8 Obiettivi specifici di particolare rilevanza istituzionale: dipendenze patologiche in provincia di Piacenza, dati, tendenze, riflessioni 8 Obiettivi specifici di particolare rilevanza istituzionale: dipendenze patologiche in provincia di Piacenza, dati, tendenze, riflessioni 8.1 Premessa Si è appena concluso il quadriennio che ha visto

Dettagli

Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio. 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1.

Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio. 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1. SEZIONE 1: DATI ANAGRAFICI E INFORMAZIONI PRELIMINARI Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1.2 Tipologia utente Utente

Dettagli

SITUAZIONE TERRITORIALE E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE DELLA PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA

SITUAZIONE TERRITORIALE E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE DELLA PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA SITUAZIONE TERRITORIALE E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE DELLA PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA In vista dell avvio della nuova ASL provinciale di Monza e Brianza, con l auspicio che possa essere

Dettagli

Sorveglianza sanitaria: alcol e tossicodipendenza. Dott. Andrea Verga Servizio Medicina Occupazionale H San Raffaele Resnati

Sorveglianza sanitaria: alcol e tossicodipendenza. Dott. Andrea Verga Servizio Medicina Occupazionale H San Raffaele Resnati Sorveglianza sanitaria: alcol e tossicodipendenza Dott. Andrea Verga Servizio Medicina Occupazionale H San Raffaele Resnati Bevande alcoliche: a) lecite b) vietate solo in alcuni casi in determinate situazioni

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. VISTO il Codice della Strada; VISTO il D.Lgs. 267/00;

LA GIUNTA COMUNALE. VISTO il Codice della Strada; VISTO il D.Lgs. 267/00; 021-13 dell 08.04.2013 OGGETTO: Approvazione Regolamento sul divieto di assunzione e somministrazione di bevande alcoliche durante attività lavorative riguardante tutte le categorie di lavoratori.- LA

Dettagli

2.1.3. DIPENDENZE. La rete dei Servizi per le tossicodipendenze

2.1.3. DIPENDENZE. La rete dei Servizi per le tossicodipendenze 2.1.3. DIPENDENZE La rete dei Servizi per le tossicodipendenze L assistenza ai tossicodipendenti nella inizia a strutturarsi nel 1985 per effetto dalla L.R. 70/84, a seguito dei Decreti Ministeriali del

Dettagli

USO/ABUSO/DIPENDENZA DA SOSTANZE

USO/ABUSO/DIPENDENZA DA SOSTANZE DIREZIONE SOCIALE Dipartimento Dipendenze USO/ABUSO/DIPENDENZA DA SOSTANZE Per poter effettuare un analisi delle caratteristiche che assume, nel tempo, il fenomeno dell uso di sostanze, non ci si può limitare

Dettagli

determinazione del Direttore Generale n. 81/14 del 18.04.2014

determinazione del Direttore Generale n. 81/14 del 18.04.2014 Misure relative alla prevenzione dei rischi derivanti in ambito lavorativo dall assunzione di bevande alcoliche e sostanze psicotrope e stupefacenti (Art. 41 c. 4 bis D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81 e s.m.i.)

Dettagli

Immigrazione e salute in Italia e. Serena Piovesan CINFORMI Centro informativo per l immigrazione (PAT)

Immigrazione e salute in Italia e. Serena Piovesan CINFORMI Centro informativo per l immigrazione (PAT) Immigrazione e salute in Italia e Trentino Serena Piovesan CINFORMI Centro informativo per l immigrazione (PAT) Migranti, salute e accesso ai servizi sanitari: alcune considerazioni di partenza (I) Parliamo

Dettagli

Alcol e droghe INDICE. Anno 2010 Alcol e droga, cosa sono e come prevenire il rischio v.01 POLISTUDIO

Alcol e droghe INDICE. Anno 2010 Alcol e droga, cosa sono e come prevenire il rischio v.01 POLISTUDIO Alcol e droghe INDICE Definizioni Normativa Effetti Patologie, rischi e danni Alcol e luoghi di lavoro Sostanze psicotrope Obblighi del datore di lavoro Obblighi del lavoratore Obblighi del medico competente

Dettagli

dott.ssa Valeria Pozzato Venerdì 17 dicembre 2010

dott.ssa Valeria Pozzato Venerdì 17 dicembre 2010 dott.ssa Valeria Pozzato Venerdì 17 dicembre 2010 Giudizio di idoneità MC - OBBIETTIVI Lo scopo dell'accertamento di assenza di tossicodipendenza o di assunzione di sostanze stupefacenti o psicotrope nei

Dettagli

Le organizzazioni di volontariato

Le organizzazioni di volontariato ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO Le organizzazioni di volontariato Requisiti per diventare organizzazione di volontariato...17 Il registro regionale delle organizzazioni di volontariato:...18 Procedura per

Dettagli

Prevo.Lab RICERCA - STUDIO PREVISIONE DELL EVOLUZIONE DEI FENOMENI DI ABUSO

Prevo.Lab RICERCA - STUDIO PREVISIONE DELL EVOLUZIONE DEI FENOMENI DI ABUSO DIPARTIMENTO DIPENDENZE Prevo.Lab RICERCA - STUDIO PREVISIONE DELL EVOLUZIONE DEI FENOMENI DI ABUSO Report Area Interviste Testimoni Privilegiati PREVO.METER Maggio 2009 Responsabile Ricerca-Studio: Gruppo

Dettagli

8. IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI

8. IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI 8. IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI 8.1 Reati droga-correlati produzione, traffico e vendita di sostanze illegali e di associazione finalizzata alla produzione e al traffico (art. 73 e art. 74) 8.2 Reati

Dettagli

VADEMECUM SANZIONI AMMINISTRATIVE. Le sanzioni amministrative per l uso personale: cosa sono e come si combattono

VADEMECUM SANZIONI AMMINISTRATIVE. Le sanzioni amministrative per l uso personale: cosa sono e come si combattono VADEMECUM SANZIONI AMMINISTRATIVE Le sanzioni amministrative per l uso personale: cosa sono e come si combattono INDICE PREFAZIONE 1- Perché esiste la sanzione amministrativa? 2- Quali sono le sanzioni

Dettagli

ANALISI DEL QUADRO DEMOGRAFICO DELL ASL DI BERGAMO. A cura dell Osservatorio Socio-Sanitario Direzione Sociale ASL di Bergamo

ANALISI DEL QUADRO DEMOGRAFICO DELL ASL DI BERGAMO. A cura dell Osservatorio Socio-Sanitario Direzione Sociale ASL di Bergamo ANALISI DEL QUADRO DEMOGRAFICO DELL ASL DI BERGAMO A cura dell Osservatorio Socio-Sanitario Direzione Sociale ASL di Bergamo Indice delle tavole Note sintetiche a commento dei principali fenomeni osservati...

Dettagli

ALCOL E PATENTI. Dr. Sergio Dini Resp. Unità Funzionale Attività Certificative Medico Legali Az. Usl 8 Arezzo

ALCOL E PATENTI. Dr. Sergio Dini Resp. Unità Funzionale Attività Certificative Medico Legali Az. Usl 8 Arezzo ALCOL E PATENTI Dr. Sergio Dini Resp. Unità Funzionale Attività Certificative Medico Legali Az. Usl 8 Arezzo Cosa dice la legge? Art. 119 CdS: Requisiti fisici e psichici per il conseguimento della patente

Dettagli

1. POPOLAZIONE La popolazione nella provincia di Bergamo, risultante dal censimento 2001, quindi al 21 ottobre 2001, è pari a 973.129.

1. POPOLAZIONE La popolazione nella provincia di Bergamo, risultante dal censimento 2001, quindi al 21 ottobre 2001, è pari a 973.129. 1. POPOLAZIONE La nella provincia di Bergamo, risultante dal censimento 2001, quindi al 21 ottobre 2001, è pari a 973.129. Fig. 1- Variazione della in provincia di Bergamo Serie storica 1991 2001 (valori

Dettagli

Comitato Alcol e Territorio Saronno

Comitato Alcol e Territorio Saronno Dipartimento delle Dipendenze (Direttore Dr. Vincenzo Marino) U.O. Territoriale Dipendenze Provincia Sud Sede Ser.T. di Saronno Comitato Alcol e Territorio Saronno N 15 INFORMAZIONE E PREVENZIONE ALCOLOGICA

Dettagli

Allegati. Tabella dei dati relativi alle Figure

Allegati. Tabella dei dati relativi alle Figure Allegati Tabella dei dati relativi alle Figure Indice delle Tabelle PARTE PRIMA: DIMENSIONE DEL FENOMENO I.1. CONSUMO DI DROGA Tabella I.1.1:Consumo di eroina nella popolazione generale 15-64 anni. Anni

Dettagli

Mortalità e prevalenza delle patologie cardiovascolari e respiratorie nei comuni di Botticino, Nuvolera, Nuvolento, Paitone, Serle, Rezzato e Mazzano

Mortalità e prevalenza delle patologie cardiovascolari e respiratorie nei comuni di Botticino, Nuvolera, Nuvolento, Paitone, Serle, Rezzato e Mazzano Mortalità e prevalenza delle patologie cardiovascolari e respiratorie nei comuni di Botticino, Nuvolera, Nuvolento, Paitone, Serle, Rezzato e Mazzano Ottobre 2012 A cura dell U.O. Tecniche Epidemiologiche

Dettagli

RESIDENZA SANITARIA PSICHIATRICA E CENTRO DIURNO PSICHIATRICO STELLA CARPI

RESIDENZA SANITARIA PSICHIATRICA E CENTRO DIURNO PSICHIATRICO STELLA CARPI RESIDENZA SANITARIA PSICHIATRICA E CENTRO DIURNO PSICHIATRICO STELLA CARPI CARPI (MO) Via 3 Febbraio 1831, N 9 Tel. 059/682774 e Fax. 059/684575 e-mail: residenza.stella@stellacarpi.it CARTA DEI SERVIZI

Dettagli

Settore 7 Istruzione, Formazione, Lavoro, Sicurezza Lavoro e Pari Opportunità Servizio alla Persona PIANO PROVINCIALE DISABILI 2013.

Settore 7 Istruzione, Formazione, Lavoro, Sicurezza Lavoro e Pari Opportunità Servizio alla Persona PIANO PROVINCIALE DISABILI 2013. Settore 7 Istruzione, Formazione, Lavoro, Sicurezza Lavoro e Pari Opportunità Servizio alla Persona PIANO PROVINCIALE DISABILI 2013 Luglio 2013 QUADRO NORMATIVO 2 2 4 luglio 2013 RISORSE REGIONALI ANNUALITÀ

Dettagli

Test di conoscenza della lingua italiana

Test di conoscenza della lingua italiana Prefettura di Torino Ufficio Territoriale di Governo Test di conoscenza della lingua italiana a cura di Donatella Giunti 51 La legge n. 94/2009 ha previsto che, per ottenere il rilascio del permesso di

Dettagli

DIPARTI T ME M NT N O

DIPARTI T ME M NT N O Direzione Sociale DIPARTIMENTO DIPENDENZE Report dell Osservatorio DIPARTIMENTO DIPENDENZE Sintesi. Anno 2013 INDICE 1. ANALISI DEI TREND 2011-2013 2. ANALISI SUDDIVISA PER TIPOLOGIA DI UTENZA (Tossicodipendenti;

Dettagli

Accertamenti sanitari di assenza di tossicodipendenza. dott.ssa Edi Casagrande Servizio aziendale medicina del lavoro - Sezione ispettorato medico

Accertamenti sanitari di assenza di tossicodipendenza. dott.ssa Edi Casagrande Servizio aziendale medicina del lavoro - Sezione ispettorato medico Accertamenti sanitari di assenza di tossicodipendenza dott.ssa Edi Casagrande Servizio aziendale medicina del lavoro - Sezione ispettorato medico 1 Normativa DPR 309/1990 Art 125 obbligo di sottoporre

Dettagli

Progetto OUTCOME 2010 Risultati. Giovanni Serpelloni, Monica Zermiani, Nadia Balestra, Bruno Genetti

Progetto OUTCOME 2010 Risultati. Giovanni Serpelloni, Monica Zermiani, Nadia Balestra, Bruno Genetti Progetto OUTCOME 2010 Risultati Giovanni Serpelloni, Monica Zermiani, Nadia Balestra, Bruno Genetti Roma 27 Marzo 2012 Unità operative coinvolte Numero unità operative coinvolte: 65 Regioni coinvolte:

Dettagli

www.gruppoabele.org/cosa-facciamo/dipendenze Missione

www.gruppoabele.org/cosa-facciamo/dipendenze Missione 22 www.gruppoabele.org/cosa-facciamo/dipendenze L area dipendenze raggruppa attività e servizi rivolti alle persone con problemi di dipendenza da sostanze legali e illegali, di dipendenza senza sostanza,

Dettagli

SOMMARIO OBIETTIVI DELL ATTIVITÀ DI RICERCA PRINCIPALE... 3 INTRODUZIONE... 4 RISULTATI... 11

SOMMARIO OBIETTIVI DELL ATTIVITÀ DI RICERCA PRINCIPALE... 3 INTRODUZIONE... 4 RISULTATI... 11 Anche quest anno abbiamo il piacere di presentarvi il rapporto Annuale 204 sul fenomeno delle dipendenze patologiche nella provincia di Lodi e sulla sua evoluzione. Noi crediamo che le attività di reporting

Dettagli

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza Provincia di Piacenza Osservatorio del sistema sociosanitario Le socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza I dati riassuntivi di seguito esposti sono elaborati dal Settore Sistema

Dettagli

Alcol e sostanze: i dati raccolti dal laboratorio di Area Vasta Romagna

Alcol e sostanze: i dati raccolti dal laboratorio di Area Vasta Romagna Alcol e sostanze: i dati raccolti dal laboratorio di Area Vasta Romagna Pievesestina 14 giugno 2013 Laboratorio unico di Area Vasta Romagna Unità Operativa CORELAB Settore di Farmaco Tossicologia Afferiscono

Dettagli

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative:

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative: L Immigrato La complessità dei problemi sociali degli immigrati, le caratteristiche, organizzative dei servizi sanitari e la mancanza di strumenti di rilevazione sistematici ad hoc hanno reso difficoltoso

Dettagli

NEWSLETTER. GIUGNO 2006 Foglio di informazione dell Osservatorio Politiche Sociali

NEWSLETTER. GIUGNO 2006 Foglio di informazione dell Osservatorio Politiche Sociali Provincia di Bergamo Settore Politiche Sociali NEWSLETTER GIUGNO 2006 Foglio di informazione dell Osservatorio Politiche Sociali conoscenza ed azione per favorire l integrazione a cura dell Assessore alle

Dettagli

S C H E M A D I C O N V E N Z I O N E T R A

S C H E M A D I C O N V E N Z I O N E T R A S C H E M A D I C O N V E N Z I O N E T R A L Azienda Sanitaria Locale Napoli 1 Centro, partita I.V.A. n. 06328131211, legalmente rappresentata dal Direttore Generale, domiciliato per la carica in Via

Dettagli

Il collegamento con i dati sanitari degli incidenti stradali: l esperienza di Arezzo. A cura di Alessandra Pedone AUsl 8 Arezzo e Centro F.

Il collegamento con i dati sanitari degli incidenti stradali: l esperienza di Arezzo. A cura di Alessandra Pedone AUsl 8 Arezzo e Centro F. Il collegamento con i dati sanitari degli incidenti stradali: l esperienza di Arezzo A cura di Alessandra Pedone AUsl 8 Arezzo e Centro F. Redi 2001: Costituzione dell Osservatorio Provinciale degli Incidenti

Dettagli

Uso di droga nella popolazione

Uso di droga nella popolazione USO DI DROGA NELLA POPOLAZIONE Uso di droga nella popolazione generale L obiettivo dell indagine campionaria IPSAD Italia2003 (Italian Population Survey on Alcool and Drugs), è quello di rilevare l utilizzo

Dettagli

Alcol e giovani I rischi e le tendenze

Alcol e giovani I rischi e le tendenze Alcol e giovani I rischi e le tendenze Emanuele Scafato, ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA Direttore Centro OMS Ricerca e promozione salute alcol e problemi alcol correlati Direttore Osservatorio Nazionale

Dettagli

Studio sulla presenza di Aedes albopictus (Zanzara Tigre) nella provincia di Bergamo Anno 2012

Studio sulla presenza di Aedes albopictus (Zanzara Tigre) nella provincia di Bergamo Anno 2012 Studio sulla presenza di Aedes albopictus (Zanzara Tigre) nella provincia di Bergamo Anno 2012 Raffaello Maffi* - Marco Valle** - Giancarlo Malchiodi* - Melania Massaro** Omar Lodovici** * Dipartimento

Dettagli

Il valore della cura

Il valore della cura Il valore della cura ovverosia Il sistema delle dipendenze: tanti pregi e qualche difetto dott. Marco Riglietta segretario FEDERSERD Lombardia 1 La domanda Tipologia di domanda n. % 1_Soggetti con violazione

Dettagli

LA ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL TUMORE DEL COLON RETTO AGGIORNAMENTO AL 30 APRILE 2008

LA ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL TUMORE DEL COLON RETTO AGGIORNAMENTO AL 30 APRILE 2008 LA ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL TUMORE DEL COLON RETTO AGGIORNAMENTO AL 30 APRILE 2008 Dal luglio 2006 è iniziato il programma di screening del cancro del colon retto organizzato

Dettagli

L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO

L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO BUONGIORNO CReG: UN PROGETTO INNOVATIVO PER MIGLIORARE LA GESTIONE TERRITORIALE DELLA CRONICITÀ L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO Mara Azzi, Direttore Generale ASL BERGAMO ASL BERGAMO POPOLAZIONE RESIDENTE SUDDIVISA

Dettagli

CERTE NOTTI Indagine sugli automobilisti fermati dalla Polizia Stradale per uso di alcol e sostanze stupefacenti nella provincia di Rimini

CERTE NOTTI Indagine sugli automobilisti fermati dalla Polizia Stradale per uso di alcol e sostanze stupefacenti nella provincia di Rimini Partecipa alla ricerca on line sull'alcolismo, potrai usare i dati immediatamente.seleziona l'immagine per entrare. CERTE NOTTI Indagine sugli automobilisti fermati dalla Polizia Stradale per uso di alcol

Dettagli

Le famiglie di Udine raccontate dai numeri. 1. Premessa. 2. Cambiamenti

Le famiglie di Udine raccontate dai numeri. 1. Premessa. 2. Cambiamenti Le famiglie di Udine raccontate dai numeri 1. Premessa Nel linguaggio comune il concetto di Famiglia è da sempre legato all esistenza di un nucleo di persone unite da legami di natura specifica, quali

Dettagli

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni.

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni. La situazione occupazionale dei giovani in provincia di Piacenza Premessa Una categoria di soggetti particolarmente debole nel mercato del lavoro è rappresentata, di norma, dai lavoratori di età più giovane

Dettagli

Gambling. Brevi riflessioni. D.ssa Albina Prestipino Responsabile Area Altre Dipendenze Dipartimento delle Dipendenze ASL di Bergamo

Gambling. Brevi riflessioni. D.ssa Albina Prestipino Responsabile Area Altre Dipendenze Dipartimento delle Dipendenze ASL di Bergamo Brevi riflessioni D.ssa Albina Prestipino Responsabile Area Altre Dipendenze Dipartimento delle Dipendenze ASL di Bergamo Il gioco è un attività piacevole un modo divertente per trascorrere il tempo libero

Dettagli

ASL RM/A SER.T. IV DISTRETTO PROCEDURA ACCOGLIENZA E PRESA IN CARICO

ASL RM/A SER.T. IV DISTRETTO PROCEDURA ACCOGLIENZA E PRESA IN CARICO ASL RM/A SER.T. IV DISTRETTO PROCEDURA ACCOGLIENZA E PRESA IN CARICO FINALITA' La finalità della presa in carico è di offrire alla persona con problemi di dipendenza una risposta adeguata ai suoi bisogni.

Dettagli