Oggi intervistiamo...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Oggi intervistiamo..."

Transcript

1 Oggi intervistiamo... Noi della Redazione del Giornalino, abbiamo voluto inaugurare l anno intervistando la Preside,(C.Cascio) che è venuta a trovarci nel plesso di Viale Castagnola insieme al Vice preside (S.Catalano) e al Direttore dei Servizi Amministrativi della scuola (A.Gibilisco). E orgogliosa dei professori? Cosa l ha portata a fare la Preside? Ha sempre pensato di scegliere questo mestiere? -E stato per caso, insegnavo alla scuola elementare, poi è uscito il concorso per Dirigenti Scolastici, ho partecipato ed eccomi qui. Quando ero piccola pensavo di fare la maestra, alle scuole medie volevo fare la professoressa di scuola media, alle superiori immaginavo di insegnare ai ragazzi più grandi, poi quando sono diventata maestra, osservando gli altri Presidi ho pensato che anch io avrei potuto fare la stessa cosa, credo di aver scelto la professione giusta che fa per me. Quanto tempo ha insegnato? -Due anni, ho insegnato inglese e successivamente educazione fisica ad un gruppo di alunni maschi con cui ho vinto il Trofeo Nicotra, Trofeo che spero vivamente vinciate anche voi. -Sì, in questo sono stata fortunata, ho trovato delle persone capaci che mi collaborano molto per portare avanti la scuola. Quanti alunni ha la Musco? -1042, sono presenti 12 sezioni della scuola materna, 23 classi di scuola elementare, 18 classi di scuola media. Cosa pensa di fare per il futuro della nostra scuola? -Renderla sempre più gradevole, per questo motivo ho fatto realizzare i campetti verdi che si trovano nel plesso di zia Lisa, come pure mi piace vederla colorata dai murales che arricchiscono le pareti. Sollecitati dalla Preside rivolgiamo alcune domande al Vice Preside: Che impressione ha avuto dalla Preside la prima volta che l ha vista? -Allora non ero ancora Vice preside, ma mi è sembrata una persona competente e capace. Che cosa ne pensa del sito della scuola? -È importante che un istituto scolastico, grande come il nostro, abbia un sito denso di informazioni e notizie a cui tutti, insegnanti e alunni, possano accedere. Mi piacerebbe che voi alunni contribuiate a renderlo più ricco, sia con i vostri disegni, che si alternano ogni settimana come sfondo, sia suggerendo link o notizie interessanti per le vostre ricerche. Rivolgiamo una domanda anche al Direttore dei Servizi Amministrativi: -E difficile gestire economicamente la scuola? Fa parte del mio lavoro, far quadrare i conti non è sempre facile. Sarebbe importante anche che gli alunni avessero molta cura dell edificio in cui studiano e degli arredi scolastici che utilizzano, anche l uso maldestro che spesso i ragazzi fanno delle cose provoca notevoli spese, denaro che poterebbe essere impiegato per la didattica, come ad esempio per l acquisto di un computer. Per concludere ci rivolgiamo nuovamente alla Preside: E contenta dei laboratori che si svolgono a scuola? -Sì, sono laboratori che formano i ragazzi e mi hanno dato tante soddisfazione. Per quale squadra tifa? -Per il. Catania, naturalmente Ci rivolgiamo a tutti e tre gli intervistati Cosa augurate a noi ragazzi? Direttore dei Servizi Amministrativi: -Di creare una società selettiva per il futuro. Vicepreside: -Di essere sempre preparati, di acquisire competenze per il proprio futuro. Preside: -Vi auguro che nella vita possiate fare quello che più vi piace, che realizziate i vostri sogni in modo onesto e consapevole, senza mai vergognarvi delle vostre azioni. REDAZIONE: MANUELA BELLADONNA, GHASSEN BENJAAFAR, MICHAEL CASTORINA, MANUELA MONTAGNA, DANIELE TOSTO, ORAZIO MAGRI, VERONICA RANNISI, CARPITA LEONARDO, VALENTINA BONCALDO, GIUSY ZAMMATARO, MICHAEL DI STEFANO, ALESSIO D AMICO, ROBERTO DI BELLA, SEBASTIANO CASTORINA, MARIKA MOSCHETTO, DAVIDE GRANDE, SALVATORE CA- STROGIOVANNI, MANUELA LA ROSA, FEDERICA COSTANZO, PROF. ALESSANDRA BRYANT-BARRETT, PROF. ANNA SCUDERI. 1

2 Nell'anno scolastico 2009/2010 le docenti di scuola dell'infanzia, come ormai da diversi anni, sono impegnate nel Progetto Retetna, in rete con altre istituzioni scolastiche di Catania e provincia. Nato come progetto curriculare, da qualche anno è stato arricchito da ulteriori 272 ore di attività laboratoriali extracurriculari. La tematica che il progetto ha affrontato quest'anno riguarda l'educazione scientifica nella scuola dell'infanzia e dei quattro percorsi previsti:"trasformazioni", "LUCE-COLORE-VISIONE", "LEGGERE L'AMBIEN- TE", "TERRA E UNIVERSO", quello che ha riguardato la nostra istituzione scolastica è, come lo scorso anno, "LUCE-COLORE-VISIONE". Abbiamo svolto il nostro laboratorio con attività di ricerca, osservazione, sperimentazione di tecniche operative e descrittive, sollecitando in tutti gli alunni interesse e partecipazione, nonché senso critico e desiderio di confrontare le proprie opinioni e le proprie ipotesi. La documentazione è costituita dalle produzioni dei bambini attraverso gli elaborati e le rappresentazioni grafiche degli esperimenti effettuati in sezione. LE MAESTRE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA 2

3 Il progetto è stato finalizzato alla formazione di buoni lettori, promuovendo l amore per il libro, suscitando la curiosità verso i vissuti in esso narrati, creando occasioni per vivere la lettura come momento essenziale del laboratorio, attraverso il coinvolgimento attivo nella storia, l avv i c i n a m e n t o affettivo verso i personaggi, il rapporto attivo, creativo e costruttivo con il libro. Il percorso è stato basato essenzialmente sulla didattica laboratoriale, organizzando una vera e propria aula-laboratorio dove ciascuno avesse la possibilità di esprimersi, di dare il proprio originale contributo, nel rispetto di regole prestabilite. Un momento fondamentale delle attività è stato rappresentato dalla lettura del libro scelto per il percorso Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare di L. Sepulveda, che ha particolarmente attratto i bambini, sia per gli eventi narrati, sia per le numerose implicazioni di carattere educativo e per la possibilità di riflessione critica su varie tematiche: la diversità, l amicizia, l inquinamento, il coraggio delle proprie scelte. I ragazzi hanno realizzato ciascuno il proprio libro, utilizzando e sperimentando le varie tecniche di illustrazione tridimensionale e rielaborando, sia in versi, sia in prosa, il romanzo letto. LE MAESTRE M.GRAZIA RIOLO E GIOVANNA MARLETTA In questo Pon mi sono divertita tantissimo. Abbiamo imparato molte cose e alla fine abbiamo realizzato un libro che hanno visto le nostre mamme. Jessica Fazzio IV A Il Pon per me è stata un esperienza bellissima perché ognuno di noi ha avuto la possibilità di scrivere le proprie idee. Il mio personaggio preferito è Zorba perché si è preso cura della gabbianella Fortunata. Alessia Orlando V B Questo Pon è stato eccezionale perché abbiamo fatto un libro speciale: tridimensionale. Salvatore Scuderi V B A me il Pon è piaciuto molto perché, grazie alle maestre Riolo e Marletta, abbiamo imparato molte cose, come le tecniche del disegno e le poesie. A me quest attività è piaciuta perché abbiamo disegnato, scritto e, infine, creato un libro. Per me è bello potermi esprimere con fantasia e creatività. Davide Grande V B Questo progetto mi è piaciuto tantissimo perché la maestra ha letto il libro e noi potevamo immaginare i personaggi con la nostra fantasia. Il mio personaggio preferito è Zorba, perché ha covato l uovo al posto di Kenga e ha insegnato a Fortunata, cioè alla gabbianella, a volare. Noemi Lo Verde V B 3

4 4 La mia esperienza al Trofeo Ungaretti è stata bella perché ho avuto la possibilità di confrontarmi con altri ragazzi bravi. Per me, inoltre, è stata l occasione di rivedere tanti miei amici. Il nostro Istituto si è classificato al 2 posto, ma noi ragazzi potevamo fare meglio. Personalmente sono stato contento di aver fatto quest esperienza. Per me è stato molto bello il tifo dei miei compagni perché mi hanno fatto sentire un vero giocatore e ho provato una grande responsabilità, infatti, ho capito che non potevo deluderli. Spero di continuare a praticare questo sport e a provare sempre belle emozioni. Grazie ad una grande struttura all aperto, ai campi di calcetto sintetico, al campo di pallacanestro, al campo di pallavolo e ad un ampia palestra presenti nella nostra scuola, quest anno abbiamo partecipato a diversi campionati interni con diverse scuole di Catania. I risultati? Soddisfacenti! Ma a tutto questo dobbiamo aggiungere il Trofeo M. Nicotra e il Trofeo G. Ungaretti, due Trofei molto prestigiosi la cui partecipazione ci consente ogni anno di crescere e divertirci insieme a tanti ragazzi che condividono la nostra stessa passione: il calcio. Non è tutto!!! Abbiamo partecipato anche ai Giochi Sportivi Studenteschi di Nuoto, Atletica Leggera, Calcetto, Calcio A5, Pallavolo, Basket. La partecipazione a questi Giochi è stata più impegnativa del solito perché ci siamo confrontati con degli sport da noi poco praticati; i risultati OT- TIMI!!! Perché? Dulcis in fundo, ci siamo classificati alle finali nazionali dei Giochi Sportivi Studenteschi e siamo andati a Roma presso lo Stadio dei Marmi, dove l alunno Gaetano Marino ha vinto due importanti medaglie: una medaglia d oro nel salto in lungo e una d argento nella staffetta 4- x100. Un ringraziamento particolare è rivolto ai nostri Professori Antonio Melissa e Giuseppe Famoso che con dedizione e zelo ci guidano e sostengono nelle nostre avventure sportive. Santo Giannitto III E

5 Il Corso Let s Play è stato rivolto agli alunni del plesso Via Dell Agave. I giovani corsisti hanno immaginato un viaggio virtuale nella capitale britannica, pertanto, hanno sperimentato la creazione di dialoghi e delle relative scenografie e li hanno drammatizzati davanti alla telecamera. Sicuramente il corso è stato proficuo per gli alunni, poiché hanno migliorato alcune delle loro competenze linguistiche. La Prof.ssa Giuffrida, l Esperto, è riuscita a mantenere sempre vivo l interesse nei corsisti. L Esperto e la Tutor, Prof. ssa Maria Vinci, hanno favorito un clima gioioso che ha permesso agli alunni di esprimersi liberamente. Il PON d Inglese per me è stata un esperienza molto bella, perché ho conosciuto tante persone e ho fatto nuove cose: abbiamo visto un film, abbiamo recitato, abbiamo fatto dei cartelloni, ecc... Spero che l anno prossimo si farà di nuovo perché mi sono divertita molto, scherzavamo e perché c erano due professoresse molto brave. Per me è stato molto bello, anche se io, purtroppo, ho fatto molte assenze. Maria Balbo, IC 5

6 murales Grazie al Prof. Salvatore Bonura ho avuto la possibilità di fare murales. Wow!!! Per la prima volta nella mia vita mi son sentita un artista! L esperienza è stata bella perché ho avuto la possibilità di stare con i miei compagni e lasciare in questa scuola qualcosa di bello fatto solo da me! Elena Zappalà II F Fare Murales per me è stato molto bello, rilassante, divertente e impegnativo! Agata Zappalà II F 6

7 Il progetto ha coinvolto alunni delle classi prime, seconde e terze della scuola secondaria di I grado del nostro Istituto. Iniziato nel mese di marzo, si è concluso alla fine di maggio. L azione formativa è stata caratterizzata dallo svolgimento di diverse attività sia in spazi laboratoriali, sia sul campo, attraverso due escursioni. E stata anche utilizzata la strumentazione presente nel nostro Istituto per la visione di presentazioni multimediali (lavagna luminosa ). In particolare sono state svolte le seguenti attività: esperimenti scientifici su alcuni argomenti di Fisica : caduta dei corpi, pressione atmosferica, stati della materia, massa, peso, forze, lavoro, potenza, misura sperimentale della densità di diversi oggetti. Gli esperimenti, dopo essere stati illustrati, sono stati eseguiti e commentati dagli alunni e, alcuni di essi, sono stati filmati. Particolarmente importante è stata l escursione lungo il corso del fiume Manghisi - Cassibile, finalizzata alla conoscenza degli ambienti naturali del corso d acqua, al riconoscimento di specie vegetali ed animali, all effettuazione di un campionamento della fauna di macroinvertebrati per la valutazione della qualità biologica delle acque. Altra esperienza importante è stata l escursione ad Aci Castello, con visita del Museo naturalistico e della rupe del castello, ed osservazione delle peculiari formazioni geologiche legate alla storia del vulcano. ESPERTO: PROF. RENATO DE PETRO TUTOR: PROF. VINCENZA SCIUTO Ho partecipato a questo PON e non pensavo di diventare per qualche mese uno scienziato! Ho fatto tanti esperimenti e mi sono divertito. Salvatore Giuffrida II F Per me è stata una bellissima esperienza perché durante le escursioni ho scoperto la natura incontaminata e ho visto piccole forme di vita. Daniele Mazzeo III D 7

8 IL NOSTRO CARTELLONE Nel nostro cartellone abbiamo parlato della nostra regione: la Sicilia. Naturalmente abbiamo parlato di questo argomento perché amiamo parlare della nostra regione. Questo progetto ci è piaciuto molto perché ha dato sfogo alla nostra fantasia e ci ha unito in una accurata collaborazione tra amici di classi diverse. Nel nostro cartellone parliamo di tante cose, tra queste di un mito siciliano Cola Pesce, dei nostri monumenti e della storia dell Etna, il vulcano che domina la città di Catania. La Sicilia vanta anche di un gran patrimonio culturale invidiato da tutto il mondo. Essa è composta da diversi monumenti come il duomo di Catania ovvero la Cattedrale di sant Agata,la Santa,Martire e Vergine patrona di Catania,e poi la Cattedrale di Palermo dedicata alla Vergine Maria Assunta e altri monumenti che costituiscono la cultura siciliana. E naturalmente non potevamo non parlare del più alto vulcano attivo d Italia ed Europa: l Etna. Tra il 1991 e il 1993 si verificò una delle eruzioni più imponenti e la lava giunse fino al paesino di Zafferana Etnea. L altezza del vulcano è variata da 3345 mt nel 1978, 3321 mt nel 1994 e 3323 mt nel e 3^ C Marika Torrisi,Melania Fichera,Grazia Micale,Antonio Gullotta,Orazio Grasso,Gioele Erba e Christian Viglianisi di 3^ A 8

9 Abbiamo scelto di fare questo cartellone perché noi amiamo lo sport. In questo cartellone abbiamo descritto la pallanuoto, il cricket e il baseball. Lo abbiamo fatto in tre: Francesco Indovino, Biagio Famà e Ernesto Vaccaro della classe II A e abbiamo lavorato molto bene. A noi questo lavoro è piaciuto molto anche se non pratichiamo questi sport, ma vorremmo far capire alla gente che non esiste solo il Calcio. Il cricket è uno sport di squadra giocato fra due gruppi di undici giocatori ciascuno. Le origini del cricket sono sconosciute anche se sembra accertato che giochi simili all'attuale cricket fossero praticati nell' Inghilterra del sud-est nel 1300, importati in quella regione da pastori fiamminghi. Tuttavia è negli ultimi vent'anni, con l'avvento della televisione nello sport e l'interessamento di due magnati televisivi australiani, dapprima Kerry Packer proprietario della rete terrestre Channel 9 e successivamente Rupert Murdoch, padrone del colosso satellitare Sky, che il cricket ha trovato la sua dimensione internazionale. Le moderne esigenze televisive infatti hanno contribuito all'affermazione del Oneday International, gioco con le stesse regole del Test ma con un numero limitato di overs per squadra (attualmente il numero di overs è fissato a 50) e che, sorto ufficialmente negli anni sessanta, vide il suo primo incontro internazionale (ODI) disputarsi nel 1971 tra Australia e Inghilterra mentre nel 1975 si è giocata la prima Coppa del Mondo di cricket. Nel 2003 la lega professionale inglese adottò il una versione di gioco chiamata Twenty20, definita così poiché ogni squadra dispone di un solo innings e può battere al massimo 20 overs. Questo modo di giocare è attualmente il preferito dalle maggiori leghe professionistiche del mondo poiché la durata delle partite si riduce a circa 3 ore quindi le televisioni possono meglio programmare le riprese in diretta. Dal 2007 si disputa un campionato mondiale di Twenty20. La pallanuoto è uno sport di squadra acquatico in cui due squadre, di sette giocatori ciascuna, si affrontano in un una piscina rettangolare giocando con un pallone sferico con l'obbiettivo di far sorpassare a quest'ultimo la linea della porta avversaria, seguendo una serie di regole prefissate. Ogni volta che ciò accade si guadagna un punto; lo scopo finale del gioco è quello di segnare più punti dell'avversario nell'arco dei quattro tempi. La storia della pallanuoto trova le sue origini in Inghilterra e in Scozia, alla fine del XIX secolo. Originariamente le prime partite si giocarono fra i galeotti che venivano portati a lavarsi nel mare e nei fiumi, poi nelle mostre, nei festival e nelle fiere delle contee. William Wilson, sviluppatore delle prime regole della pallanuoto. Le prime regole della pallanuoto sono state sviluppate alla fine del XIX secolo in Gran Bretagna da William Wilson. La pallanuoto moderna è nata come una forma di rugby giocato in fiumi e laghi, in Inghilterra e in Scozia, con una palla prima fatta di stracci, poi di gomma. Questo "rugby nell'acqua" negli anni ha preso il nome di pallanuoto. La pallanuoto maschile è stato il primo tra gli sport di squadra introdotto ai Giochi olimpici moderni nel 1900 a Parigi. Ai nostri giorni la pallanuoto è uno sport popolare in molti paesi in tutto il mondo, in particolare in Europa (Ungheria, Grecia, Italia, Russia e repubbliche della ex Jugoslavia), Stati Uniti, Canada e Australi Il baseball è uno sport di squadra molto popolare nel Nord America (Stati Uniti con la Major League Baseball e Canada); nel centro America tra cui Cuba, Venezuela, Repubblica Dominicana; ed in Asia orientale tra cui Giappone (Nippo Professional Baseball) e Corea. Nel gioco si scontrano due squadre composte da 9 giocatori, che si scontrano per 9 inning, nove riprese dove le due squadre si alternano nella fase di attacco e di difesa. Si effettua con una mazza e una palla, in cui un lanciatore lancia la palla del diametro di circa 7 centimetri e del peso di circa 142 grammi, con l'anima di sughero e gomma, ricoperta di pelle, verso un battitore, che cerca di colpirla, tramite la battuta, con la mazza di legno di forma cilindrica, in modo da avanzare in senso antiorario su una serie di quattro basi, poste agli angoli di un quadrato chiamato Diamante (baseball)diamante, e tornare infine al punto di partenza (casa base), dove ha diritto a segnare un punto per la propria squadra. In Europa il baseball è generalmente poco diffuso, ma in Italia, dove il massimo campionato italiano è denominato Italian Baseball League, e nei Paesi Bassi lo sport viene praticato a buoni livelli, infatti, le due squadre sono state invitate dalla Major League Baseball statunitense a partecipare al World Baseball Classic, una manifestazione internazionale che coinvolge 16 nazioni, e sono le più competitive nazioni europee per numero di campionati europei vinti. La IBL 2008 è stata vinta nella serie di partite di finale, le Italian Baseball Series, dalla T&A San Marino Baseball Club contro il Nettuno Baseball. Nel 2009 il successo è andato alla formazione della UGF Bologna, che ha superato nella serie finale la T&A San Marino. 9 1

10 L attività teatrale quest anno è stata particolarmente intensa e ricca di soddisfazioni. Il percorso, avviato sin dall inizio dell anno scolastico, con un gruppo di alunni della scuola secondaria di primo grado, ha portato alla realizzazione dello spettacolo Il nostro viaggio liberamente ispirato a Moby Dick di Hermann Melville. Un opera complessa, un trattato sulle balene che lascia spazio a riflessioni sulla natura umana ed offre la possibilità di esplorare il linguaggio della metafora. Si è privilegiato l aspetto del viaggio: a bordo di una nave baleniera i marinai hanno espresso i loro sentimenti, le loro emozioni, e fatto dono dei pensieri più reconditi. Un lungo lavoro sull improvvisazione ha dato vita a pezzi interamente costruiti dai ragazzi, dando allo spettacolo leggerezza e a loro la possibilità di esprimersi liberamente, utilizzando il linguaggio poetico. Il minotauro è un lavoro tratto dall omonimo racconto di F. Durrenmatt e da La casa di Asterione dall Aleph di L. Borges che anche quest anno la scuola ha avuto il privilegio di presentare alla II Edizione del Festival Nazionale Teatro Scuola Premio Giovanni De Blasis di Potenza. Superata la selezione su 61 scuole del territorio nazionale, i ragazzi del laboratorio teatrale permanente dell istituto, sono andati in scena il 27 maggio 2010 e si sono aggiudicati il Premio della critica e della giuria dato a Salvo Di Simone come Miglior attore ed ex equo il Premio Miglior Spettacolo. Lo stesso spettacolo, lo scorso anno, alla XII edizione del Festival Teatro Scuola di Altomonte (CS) ha ottenuto il Premio Miglior allestimento scenico con la medaglia del Presidente Del Senato. Attraverso il teatro, si offrono agli alunni possibilità di apprendimento alternative, migliorandone non solo la consapevolezza ma anche la qualità della vita. I successi ottenuti in questi anni sia sul piano nazionale ( Biglietto del Buon Ritorno alla XXVI Rassegna del Teatro della Scuola di Serra San Quirico (AN) con Il gabbiano Jonathan Livingston ); che regionale (Premio Originalità del testo a Campofranco (CL)); che comunale ( Primo premio ex equo con lo spettacolo realizzato con gli alunni delle classi quinte nell anno scolastico 2008/09 L uomo che amava nuotare concorso indetto dall Assessorato alle Politiche Scolastiche in collaborazione con il Teatro Stabile); danno la prova che anche coloro i quali, forse destinati, per via del loro retaggio culturale, a vivere ai margini della società, riescono, al contrario, ad emergere e ad imporsi come personalità di grande valore umano e spirituale. L insegnante Enrica Mallo PER ME E STATA MOLTO EMOZIONANTE LA PRO- VA GENERALE PERCHE C ERANO INSEGNANTI, GENITORI E RAGAZZI. ALLA FINE MI HANNO FAT- TO TANTI COMPLIMENTI ED IO NON ME LI ASPET- TAVO. SONO CONTENTA! MANUELA MONTAGNA II F PRIMA DI ENTRARE IN SCENA NON SAPEVO CHE FARE, COSA DIRE, MA POI OGNI TIMORE E SCOMPARSO. NON MI ASPETTA- VO DI ESSERE PREMIATO; INIZIALMENTE SONO RIMASTO PIE- TRIFICATO, POI HO RIFLETTUTO E MI SONO ALZATO PER RICE- VERE IL PREMIO INASPETTATO. SALVATORE DI SIMONE III F 10

11 Il PON di lingua inglese Let s Play è stato svolto dall esperto esterno Prof.ssa Di Blasi Elena, coadiuvata dalla tutor Prof.ssa Martines Grazia, docente presso la stessa istituzione scolastica. Il corso si è svolto in 16 incontri ed ha coinvolto complessivamente 23 studenti provenienti delle I, II e III classi della scuola secondaria di primo grado. Gli obiettivi prefissati sono stati: - acquisire la conoscenza dei vari tipi di testi teatrali, - migliorare la lettura e la pronuncia in lingua inglese, - potenziare le competenze linguistiche attraverso le attività di drammatizzazione. La metodologia didattica adottata è stata quella laboratoriale, si è infatti lavorato per piccoli gruppi in relazione alle competenze linguistiche di ciascun corsista. L impegno dei corsisti è stato costante, infatti, hanno seguito con interesse ed in modo disciplinato tutto il progetto. A ciascun alunno è stato consegnato del materiale didattico ( dizionari, fogli, colori, carta e fotocopie di copioni) utilizzato per la preparazione di piccole scenografie necessarie per la messa in scena dei vari lavori prodotti durante il corso. Durante e a conclusione del corso si è proceduto ad u- na documentazione fotografica dei lavori preparati dai corsisti sia durante le lezioni ma anche per le prove della performance finale, materiale che ha consentito di realizzare un power- point che mostra le attività svolte dai ragazzi. QUESTO PON E STATO MOLTO DIVERTENTE E UTILE PERCHE HO IMPARATO MEGLIO L INGLESE. E STATO BELLO ANCHE PERCHE HO FATTO NUOVE AMICIZIE E HO CONOSCIUTO TANTE PERSONE SIMPATICHE. CHIARA BRUNO I F 11

12 Il potenziamento di lingua inglese è stato il proseguimento del corso di preparazione Trinity, tenuto durante le ore curriculari per tutto l anno scolastico. incoraggiano a sviluppare e progredire nelle loro competenze. Il corso è finalizzato alla preparazione degli studenti a sostenere gli esami Trinity, ente certificatore a livello europeo per le competenze della lingua inglese. Alla fine del corso gli studenti saranno esaminati da insegnanti di madre lingua provenienti dal Trinity College di Dublino. L esame consisterà in una conversazione di lingua inglese che varierà per durata e contenuti a seconda del grado di presentazione degli studenti. PROF.SSE G. MARTINES, M. VINCI IL TRINITY E UN CORSO MOLTO BELLO ED IMPOR- TANTE PERCHE IN FUTURO SERVIRA MOLTO. L ESAME E MOLTO IMPEGNATIVO E SPERO DI SUPERARLO ANCHE L ANNO PROSSIMO! MANUELA BELLADONNA II F E rivolto solo agli studenti frequentanti il laboratorio di preparazione agli esami Trinity; consisterà nel preparare gli studenti a sostenere il colloquio in lingua, attraverso vere e proprie prove d esame ai vari livelli. Tale opportunità è stata rivolta ai ragazzi che desiderano apprendere una lingua straniera all interno della struttura scolastica, allo scopo di fornire loro nuovi stimoli culturali, ed inoltre si QUEST ATTIVITA PER NOI E MOLTO CO- STRUTTIVA PERCHE POTRA SERVIRCI NON SOLO PER IL LAVORO MA ANCHE PER UNA CULTURA PERSONALE. NOI TUTTI PRIMA DELL - ESAME SIAMO MOLTO IN ANSIA, MA DOPO SIAMO CONTENTI E SPENSIERATI. SPERIA- MO DI CONTINUARE ED AVERE SEMPRE BUONI RISULTATI. IVANA PELLEGRINO GAIA INDELICATO CLASSE II D 12

13 Il corso si è proposto di fornire le competenze di base e gli elementi che caratterizzano il linguaggio cinematografico utili a scrivere una sceneggiatura. Un percorso articolato, capace di mettere insieme elementi di grammatica dell immagine con le necessarie indicazioni tecniche di base per quel che riguarda la scrittura di un soggetto, di una sceneggiatura, l impostazione della messa in scena e la realizzazione di un corto. della colonna sonora. Gli alunni sono stati accompagnati con mano ad attraversare l intero processo della realizzazione di un film: dall ideazione, al soggetto,alla scaletta, alla fabula, all intreccio, alla stesura della sceneggiatura. Sono state fornite note di ripresa, tipi di inquadrature e regia sino all edizione finale. Durante gli incontri partendo dalla visione di brani di film è stata analizzata la struttura della sceneggiatura, lo sviluppo del testo, i dialoghi, il ritmo del racconto, i movimenti della macchina da presa, la varietà dei campi e dei piani, la tipologia del montaggio, la scenografia, i costumi e l utilizzo La visione del film non è stata semplicisticamente un cineforum ma lo spunto per una esercitazione ed una analisi dalla quale trarre tecniche di base per scrivere un soggetto e una sceneggiatura. Gli esercizi hanno favorito la capacità d improvvisazione e creazione del singolo e del gruppo. L organizzazione delle lezioni è stata funzionale ai bisogni del gruppo e pertanto la programmazione delle attività è stata flessibile in relazione alle dinamiche che sono emerse all interno del gruppo. Il carattere informale delle attività ha favorito la libera espressione,cioè la messa in atto di comportamenti mentali non condizionati da valutazioni esterne o se si vuole da giudizi estetici. Con il linguaggio cinematografico ( il corso si colloca tra la formazione ai nuovi linguaggi) i ragazzi hanno imparato ad esprimersi in modo diverso dal solito dando volto a sentimenti ed esperienze vissute, alla creatività, alla fantasia e attraverso la pratica hanno acquisito la consapevolezza che Cinema è: Il percorso didattico è stato mirato alla realizzazione di un corto in cui ognuno avesse la possibilità di diventare ideatore e creatore narrando con immagini la realtà in cui vive. Il filmato dimostra nella sua linearità che gli alunni hanno saputo raccontare per immagini una storia ambientata a scuola e che tratta l argomento cinema proprio come il tema del ciclo di studi. Il risultato si può ritenere più che soddisfacente. L esperienza cinematografica ha potenziato la capacità di descrivere con immagini situazioni, sentimenti e stati d animo, ma ha anche favorito lo sviluppo dell autostima, della sicurezza, della consapevolezza, della socializzazione ed ha offerto opportunità alternative di crescita a coloro che al termine di questo ciclo di studi potranno,in futuro,analizzare in maniera più dettagliata la materia cinema grazie alle nozioni acquisite durante il corso delle lezioni. Tutor : Alessandra Bryant-Barrett Esperti : Sandra Raccuglia e Pierfrancesco Samperi 13

14 COMPETI E VINCI L'attività laboratoriale svolta per la matematica prevede una competizione per verificare le competenze acquisite. L'insegnamento della matematica, nella scuola secondaria di primo grado, appare spesso ridotto all'applicazione di formule in problemi elementari, piuttosto che volto alla scoperta delle costruzioni più o meno complesse con l'utilizzo degli oggetti propri della geometria e alla loro manipolazione. L'attività svolta in questo laboratorio è più gradita ai ragazzi che hanno mostrato un notevole interesse, acquisendo, mediante la manipolazione delle figure geometriche, grazie all utilizzo del computer, conoscenze e abilità matematiche con l'utilizzo di un laboratorio dove si stimola gli allievi, alla logica e al gioco della competizione. ESPERTO ING. DAVIDE MARANO TUTOR INS. ROSALBA CAVALLARO 14

15 Già da un paio di anni nella mia scuola si è formata un orchestra composta dagli alunni dei corsi di strumento musicale. Durante lo scorso anno la Giovane Orchestra, della quale faccio parte suonando il flauto traverso, è stata impegnata in moltissimi concerti. Essi non si sono svolti solo nell auditorium della scuola, ma anche in luoghi esterni che, solo per la loro bellezza e solennità, mi hanno fatto sentire una grande concertista: il Teatro Sangiorgi, l enorme teatro di Agrigento, il salone della Guardia di Finanza e quello di un centro diurno in via Etnea, la piazza Università. Questi concerti hanno richiesto un grande impegno ma studiare per suonare con l orchestra non è un sacrificio, è piuttosto un modo per imparare divertendosi nello stesso momento. Partecipare alle prove mi permette di stare per tante ore con i compagni e, dallo scorso anno, è stato ancora più piacevole perché c erano anche ragazzi di altre scuole. Infatti all orchestra della Musco si è aggiunta quella della Pestalozzi e della Brancati, scuole del mio stesso quartiere, e tutte insieme hanno formato l Orchestra in Rete, con un centinaio di giovani musicisti. Durante le prove ho sperimentano in prima persona cosa significa suonare insieme: si stava l uno accanto all altro e si suonava l uno per l altro, con grande senso di responsabilità e rispetto in vista di un obiettivo comune. Ogni concerto è stato un esperienza diversa che mi ha insegnato qualcosa, ma in modo particolare ricordo quello alla Guardia di Finanza, dove c era una grande attenzione da parte del pubblico, specialmente quando abbiamo suonato la Preghiera del Finanziere. L emozione e la paura ci sino sempre state, in particolare ai saggi di fine anno, ma sono state superate e io sono pronta ad affrontare tutte le nuove esperienze da concertista che si presenteranno. Ivana Pellegrino 15

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto Provincia di Ravenna Album fotografico UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto CONSIGLI/CONSULTE DEI COMUNI PARTECIPANTI SCUOLA Consulta ragazzi di Alfonsine Michelacci Andrea Scuola Primaria "Matteotti

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto BAMBINI E ROBOT Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto Docenti di Scuola dell Infanzia e di Scuola Primaria Circolo Didattico Beinasco - Gramsci www.beinascogramsci.it Introduzione La

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

www.noinoncilasceremomai.it

www.noinoncilasceremomai.it www.noinoncilasceremomai.it Chi siamo: la storia Il progetto trae ispirazione dalla vita di Vigor Bovolenta e sua moglie Federica Lisi che hanno, con il loro amore, sfidato il destino e la vita stessa.

Dettagli

www.maestramary.altervista.org

www.maestramary.altervista.org Premessa ed obiettivi Il progetto "dietro le quinte" La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine drammatizzazione si intendono

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Anche quest anno il tema di E state insieme si pone in continuità con gli anni precedenti! Vi ricordate come si chiamavano e qual era il tema? Velocemente li

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Pensieri per un genitore che non c è

Pensieri per un genitore che non c è Campus AIPD - Formia 16-22 giugno 2013 Pensieri per un genitore che non c è In questo Campus mi sembra di essere fuori dal mondo, perché qui la normalità è avere un figlio con la sdd... sono i fratelli

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli