PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110"

Transcript

1 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione ionizzante si trova all interno dell organo da esaminare. OBIETTIVI L indagine tomografica di tipo PET ha per scopo la determinazione della concentrazione in un determinato organo di un radionuclide emettente positroni (β + emitter), il quale, quando non interviene autonomamente nei naturali processi fisiologici, viene veicolato da una sostanza biologicamente attiva. Il radiofarmaco viene somministrato al paziente per via i.v. ed è designato a monitorare i processi fisiologici o patofisiologici di qualche organo. Si tratta di indagini di carattere funzionale, le quali vengono spesso designate con il nome di imaging molecolare. Requisiti di un buon tracciante per la PET In linea di principio le caratteristiche richieste sono le stesse delle sorgenti SPECT, ma va aggiunto il non banale requisito che deve trattarsi di un emettitore di positroni. Un emettitore di radiazione particolata sarebbe inadatto ad indagini tomografiche, se non fosse che i positroni sono antimateria. I positroni entro un range dell ordine del mm incontrano un elettrone e con esso si annichilano, dando origine ad una coppia di fotoni γ (radiazione penetrante). È questa radiazione penetrante a fornire il segnale richiesto dalla tecnica tomografica in questione. Infatti l indagine PET rivela i fotoni γ prodotti dall annichilazione dei positroni prodotti da nuclei radioattivi che decadono emettendo radiazione β+ (positroni). Il positrone emesso nel decadimento si lega ad un elettrone creando una particella neutra: il positronio. Tuttavia, in tempi molto brevi ( 10-9 s) l elettrone e il positrone del positronio si annichilano vicendevolmente generando due fotoni γ simultanei di energia esattamente eguale a 510 kev (corrispondente alla massa annichilata). I due fotoni hanno direzioni opposte, esattamente a 180 uno rispetto all altro. La tecnica tomografica PET si presta ad effettuare determinazioni di distribuzione di attività, molto precise, con ottima risoluzione spaziale e assolute. Radionuclidi più utilizzati nella PET Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi 11 C6 11 B N7 15 O8 18 F 9 13 C N O

2 Il decadimento β + Ha luogo in un nucleo ricco di protoni, cioè avente un numero di neutroni in difetto rispetto al valore stabile. In questi nuclei un protone può trasformarsi in neutrone tramite il processo p n + e + + ν e (Z,A) (Z-1,A) + e + + ν e A seguito di un decadimento β + un elemento si trasforma in un nuovo elemento avente Z inferiore di un unità, collocato nella tabella del sistema periodico a sinistra rispetto all elemento di partenza. La rivelazione dei γ in coincidenza nella PET La ricostruzione della distribuzione dell attività radioattiva avviene ancora a partire dall acquisizione di un elevato numero di proiezioni. Come nella SPECT gli elementi di proiezione sono costituiti dal numero dei conteggi dei decadimenti che provenienti da diverse strisce rettilinee di tessuto costituite da successioni di voxels. A differenza della SPECT l individuazione della direzione della linea su cui è avvenuto il decadimento non avviene tramite un collimatore, ma utilizzando la simultaneità dell emissione di due γ. Se i due detectors della figura rivelano ciascuno un fotone γ simultaneamente uno all altro significa che il decadimento è avvenuto sulla linea che li congiunge (LOR da Line Of Response). La simultaneità dell evento (coincidenza) pertanto permette di identificare la direzione lungo la quale il decadimento ha avuto luogo. Acquisizione dei dati Il soggetto sottoposto ad indagine è circondato da un rivelatore di fotoni γ costituito da una corona circolare di detectors disposti su un intera circonferenza (vedi figura b). Consideriamo due detectors opposti (figura a) e chiamiamo LOR la striscia di tessuto compresa tra di essi. Non esistendo collimazione entrambi i contatori sono colpiti da i 2

3 γ provenienti da varie direzioni, ma quelli provenienti dalla loro LOR sono chiaramente distinguibili in quanto simultanei. Ad ogni evento rivelato in coincidenza andrà ad incrementarsi il conteggio relativo alla LOR e verrà di conseguenza aggiornato il valore del corrispondente elemento del sinogramma. Figura a Figura b Caratteristiche della rivelazione in coincidenza Efficienza di rivelazione Non essendo presente il collimatore nessuno dei fotoni emergenti dal tessuto verrà assorbito, per cui (quasi) tutti contribuiranno alla formazione delle proiezioni. Discriminazione del fotoni Compton Se uno dei due γ ha subito effetto Compton, la direzione dei due γ all impatto sul detector non sarà più a 180. Questo comporterebbe un errore. Tuttavia in una certa misura è possibile individuare i fotoni che hanno subito tale effetto in quanto la loro energia è inferiore a 510keV. Poiché il rivelatore è in grado di effettuare la misura dell energia, può provvedere a scartare l evento indesiderato (vedere evento 3 della figura a). False coincidenze Può accadere che casualmente possano aversi due decadimenti quasi contemporanei. In questo caso è possibile avere la coincidenza di un fotone proveniente da un decadimento con un fotone proveniente dall altro (falsa coincidenza). Due eventi si considerano coincidenti se avvengono in una certa finestra temporale. Un valore tipico è 10 ns.quanto più piccola è questa finestra temporale, tanto minore sarà la probabilità di queste coincidenze false (o spurie). Effetto dell attenuazione Anche il numero dei conteggi dei decadimenti effettuati nella PET è affetto da errore a causa dell attenuazione dei tessuti attraversati dai γ. Anche in questo caso però la PET è superiore alla SPECT in quanto consente di tenere conto dell effetto e quindi di pervenire alla determinazione di valori assoluti di attività. Si considerino i detector a e b ed un voxel V appartenente alla LOR congiungente a con b. In V viene emessa una coppia di γ diretti lungo la LOR in questione. La probabilità che il γ emesso in V e diretto verso a raggiunga il detector a è 3

4 p a = e -µx mentre p b = e -µ(l x) è la probabilità che l altro γ raggiunga il detector b (x = spessore del materiale interposto tra V e il detector a, L = spessore complessivo del materiale presente nella LOR tra a e b, µ = il valor medio del coefficiente di assorbimento del γ). Pertanto, indicato con Nab il numero di conteggi in coincidenza rivelati, si avrà Nab = Nab o p a p b = Nab o e -µx e -µ(l x) = Nab o e -µl dove Nab o è il numero di coincidenze che si sarebbero ottenute in assenza di attenuazione. Pertanto nel sinogramma va inserito il dato corretto Nab o. Tale valore è facilmente ottenibile usando la relazione precedente Nab o = Nab e µl se si conosce l attenuazione e -µl di tutta la lunghezza del materiale compreso nella LOR. Tale termine è indipendente dalla posizione del voxel V e può essere misurato con tecniche di tomografia trasmissiva mediante sorgenti esterne quali la sorgente di annichilazione 68 Ge/ 68 Ga che emette fotoni di energia vicina a quella dei γ di annichilazione (510 kev). Alternativamente, esiste lo scanner doppio CT-PET dove la mappa 3D di attenuazione viene misurata con la TAC. Con la correzione dell attenuazione uno scanner PET può produrre immagini quantitative dell attività voxel per voxel (Bq/voxel). I rivelatori Il sistema di rivelazione è costituito da un certo numero di moduli disposti su una circonferenza all interno della quale si mette il paziente sotto indagine. Ogni modulo ha una struttura simile a quello di una gamma camera senza collimatore, cioè è costituito da una lastra di scintillatore su cui si affaccia una matrice di PMT. Caratteristiche dello scintillatore A differenza di quanto accade nella SPECT, la qualità del risultato dell analisi dipende dalle caratteristiche fisiche dello scintillatore. Efficienza di rivelazione I fotoni non assorbiti dallo scintillatore sfuggono al conteggio. Per minimizzare il loro numero e, quindi migliorare l efficienza di rivelazione, occorre che la lunghezza di attenuazione λ del materiale dello scintillatore sia maggiore dello spessore della lastra di scintillatore. Per questo occorre che lo Z (e quindi il peso atomico A) e la densità dello scintillatore siano il più alti possibile. 4

5 Efficienza di conversione Uno scintillatore converte l energia dei fotoni γ in fotoni visibili. L efficienza di conversione è il rapporto tra l energia del γ assorbito e l energia complessiva dei fotoni visibili. Quanto maggiore è la efficienza di conversione tanto maggiore risulta il numero di fotoni visibili ottenuti e tanto migliore la risoluzione. Per questo occorre che la resa di conversione da energia γ a energia nel visibile sia quanto più prossima al 100%. Tempo di decadimento della luce La produzione di fotoni visibile a seguito dell assorbimento di un γ ha una certa durata. Questa durata si chiama tempo di decadimento. La finestra temporale per l eliminazione delle coincidenze false non può essere più breve del tempo di decadimento della luce. Per questo occorre che il tempo di decadimento della luce nello scintillatore sia minimo. Risoluzione in energia Si tratta della capacità di distinguere fotoni aventi energia diversa. Per discriminare ed escludere dal conteggio i fotoni che hanno subito effetto Compton è conveniente che la risoluzione in energia sia la migliore possibile. Qui sotto sono elencati i materiali più comumente impiegati come scintillatori nella PET. Nella tabella successiva sono riportate le proprietà di alcuni di essi. NaI ioduro di sodio BaF2 fluoruro di bario BGO Bismutogermanato GSO ortosilicato di gadolinio LSO ortosilicato di lutezio Comparazione SPECT-PET Le due tipologie presentate hanno un efficienza ed una risoluzione molto differenti: nella SPECT si riescono a rivelare da 1 a 10 fotoni su emessi, nella PET si ha un efficienza circa 100 volte superiore. 5

6 La risoluzione è peggiore rispetto a quella della TAC: nella PET è di circa 2 mm mentre nella SPECT è intorno ai 10 mm. L unico svantaggio della PET è che i radioisotopi utilizzati hanno un tempo di dimezzamento estremamente breve e quindi devono essere preparati ogni volta subito prima dell indagine. Per la preparazione non è sufficiente un laboratorio di radiochimica, ma occorre un acceleratore di particelle (il ciclotrone) molto più complesso, costoso ed esigente dal punto di vista dei locali. Inoltre la PET, per poter raggiungere buoni risultati richiede un detector più complesso e costoso della SPECT. In conclusione una macchina PET costa circa 10 volte più di una SPECT ( M ) ed è per questo che sono gli scanner SPECT sono molto più diffusi sul territorio. 6

Paleontologia. Archeologia. Radioisotopi. Industria. Biologia. Medicina

Paleontologia. Archeologia. Radioisotopi. Industria. Biologia. Medicina Paleontologia Industria Radioisotopi Archeologia Medicina Biologia I radioisotopi I radioisotopi (o radionuclidi), sono dei nuclidi instabili che decadono emettendo energia sottoforma di radiazioni, da

Dettagli

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank.

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank. LE RADIAZIONI Nel campo specifico di nostro interesse la radiazione è un flusso di energia elettromagnetica o di particelle, generato da processi fisici che si producono nell atomo o nel nucleo atomico.

Dettagli

TOMOGRAFIA TIPI DI TOMOGRAFIA

TOMOGRAFIA TIPI DI TOMOGRAFIA TOMOGRAFIA Il termine tomografia deriva dal Greco antico e significa rappresentazione di un corpo tridimensionale (3D) mediante una serie di sue sezioni trasverse bidimensionali (2D). Nell imaging medico

Dettagli

LA CHIMICA IN MEDICINA NUCLEARE

LA CHIMICA IN MEDICINA NUCLEARE Parma 22 Maggio 2003 LA CHIMICA IN MEDICINA NUCLEARE Dr. Asti Mattia Servizio di Medicina Nucleare Arcispedale Santa Maria Nuova RE LA MEDICINA NUCLEARE CHE COS E : branca specialistica che si avvale dell

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE, SISTEMA DI RICOSTRUZIONE, SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE

SISTEMA DI MISURAZIONE, SISTEMA DI RICOSTRUZIONE, SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: MODALITA DI FORMAZIONE DELL IMMAGINE SISTEMA DI MISURAZIONE, SISTEMA DI RICOSTRUZIONE, SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE: ACQUISIZIONE DELL IMMAGINE TC Un

Dettagli

Imaging e Neurologia

Imaging e Neurologia Imaging e Neurologia Giuseppe Scielzo 1. Introduzione. Le neuroimmagini acquisite nella pratica clinica possono suddividersi in due categorie: le immagini anatomiche e quelle di tipo funzionale. Le prime

Dettagli

Medicina nucleare 1.1 Introduzione

Medicina nucleare 1.1 Introduzione Medicina nucleare 1.1 Introduzione La medicina nucleare è una disciplina, la cui attuazione è completamente diversa dalla radiologia, che si basa sull utilizzo di sostanze radioattive che vengono tipicamente

Dettagli

La radioattività e la datazione al radio-carbonio

La radioattività e la datazione al radio-carbonio 1 Espansione 2.2 La radioattività e la datazione al radio-carbonio Henry Becquerel. I coniugi Pierre e Marie Curie. La radioattività La radioattività è un fenomeno naturale provocato dai nuclei atomici

Dettagli

RADIAZIONI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI Le radiazioni ionizzanti sono quelle onde elettromagnetiche in grado di produrre coppie di ioni al loro passaggio nella materia (raggi X, raggi gamma, raggi corpuscolari). Le radiazioni non

Dettagli

Fisica e Medicina. www.fisiokinesiterapia.biz

Fisica e Medicina. www.fisiokinesiterapia.biz Fisica e Medicina www.fisiokinesiterapia.biz Fisica e Medicina - Introduzione I progressi tecnologici in Fisica trovano un diretto spin-off in molti campi di applicazioni, tra questo il più importante

Dettagli

LEZIONE 2 ( Interazione delle particelle con la materia)

LEZIONE 2 ( Interazione delle particelle con la materia) LEZIONE 2 ( Interazione delle particelle con la materia) INTERAZIONE DELLE RADIAZIONI FOTONICHE La materia viene ionizzata prevalentemente ad opera degli elettroni secondari prodotti a seguito di una interazione

Dettagli

Il nucleo degli atomi

Il nucleo degli atomi Il nucleo atomico 1. Energia di legame nucleare 2. La radioattività naturale 3. Banda di stabilità degli isotopi degli elementi naturali 4. Decadimenti radioattivi 5. Reazioni nucleari Il nucleo degli

Dettagli

Corso acceleratori per la produzione di radioisotopi: Progetto impianto produzione radioisotopi

Corso acceleratori per la produzione di radioisotopi: Progetto impianto produzione radioisotopi Corso acceleratori per la produzione di radioisotopi: Progetto impianto produzione radioisotopi Gabriele Chiodini Istituto Nazionale di Fisica Nucleare di Lecce! Progetto di ricerca e formazione Rif. PON01_03054

Dettagli

Stabilita' dei nuclei

Stabilita' dei nuclei Il Nucleo Nucleo e' costituito da nucleoni (protoni e neutroni). Mentre i neutroni liberi sono abbastanza instabili tendono a decadere in un protone ed un elettrone (t1/2 circa 900 s), i protoni sono stabili.

Dettagli

Principi di funzionamento di SPECT e PET e recenti evoluzioni tecnologiche

Principi di funzionamento di SPECT e PET e recenti evoluzioni tecnologiche ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA CAMPUS DI CESENA SCUOLA DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA BIOMEDICA Principi di funzionamento di SPECT e PET e recenti evoluzioni tecnologiche

Dettagli

Confronto tra le probabilita di interazione tra neutroni termici e raggi X

Confronto tra le probabilita di interazione tra neutroni termici e raggi X Neutron Imaging Tecniche nucleari per analizzare strutture superficiali o interne di materiali hanno un impiego esteso. Tra le moderne tecniche una delle piu diffuse e quella basata sulla radiografia/radioscopia

Dettagli

Radioattività e dosimetria

Radioattività e dosimetria Radioattività e dosimetria Un nucleo atomico è caratterizzato da: IL IL NUCLEO ATOMICO numero atomico (Z) che indica il numero di protoni numero di massa (A) che rappresenta il numero totale di nucleoni

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI IONIZZANTI PRINCIPALI RIF.TI LEGISLATIVI RADIAZIONI IONIZZANTI DPR 547/55 D.Lgs. 230/95 D.L.gs 241/00 e D.L.gs 257/01 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro Attuazione delle direttive 89/618/Euratom,

Dettagli

INDAGINE SUI CONSUMI ENERGETICI DELLE GRANDI APPARECCHIATURE OSPEDALIERE

INDAGINE SUI CONSUMI ENERGETICI DELLE GRANDI APPARECCHIATURE OSPEDALIERE INDAGINE SUI CONSUMI ENERGETICI DELLE GRANDI APPARECCHIATURE OSPEDALIERE CONVEGNO NAZIONALE Maria Margherita Obertino Università del Piemonte Orientale 1 Obiettivi dello studio Analizzare il consumo energetico

Dettagli

LE RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE IN MEDICINA

LE RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE IN MEDICINA LE RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE IN MEDICINA Spettro elettromagnetico Radiazioni termiche: microonde infrarossi Radiazioni ionizzanti: ultravioletti raggi X raggi gamma pag.1 Spettro elettromagnetico (fermi)

Dettagli

Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni ionizzanti

Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni ionizzanti Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni ionizzanti Per questo corso non si consiglia nessun libro di testo t pertanto t il file contiene sia pagine didattiche sia pagine di approfondimento messe a punto

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi. RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi. RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi RADIAZIONI IONIZZANTI e rischi connessi 2 La struttura dell atomo nucleo elettrone protone neutrone 3 Numero di protoni (e di elettroni)

Dettagli

RIVELATORI A SCINTILLAZIONE Step del processo di rivelazione di radiazione ionizzante mediante uno scintillarore:

RIVELATORI A SCINTILLAZIONE Step del processo di rivelazione di radiazione ionizzante mediante uno scintillarore: Step del processo di rivelazione di radiazione ionizzante mediante uno scintillarore: Interazione della radiazione (ionizzazione e eccitazione) Processi di diseccitazione (emissione di luce) Raccolta della

Dettagli

Una rivoluzione nella diagnosi e nel trattamento del cancro: la PET

Una rivoluzione nella diagnosi e nel trattamento del cancro: la PET Una rivoluzione nella diagnosi e nel trattamento del cancro: la PET Introdotta circa tre decadi fa da Phelps e Hoffman la Tomografia ad Emissione di Positroni (PET) solo recentemente è divenuta lo strumento

Dettagli

IMAGING MOLECOLARE CON TOMOGRAFIA A EMISSIONE DI POSITRONI: PRINCIPI E PRESTAZIONI

IMAGING MOLECOLARE CON TOMOGRAFIA A EMISSIONE DI POSITRONI: PRINCIPI E PRESTAZIONI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali - Como Anno Accademico 2010-2011 Laurea Triennale in Fisica IMAGING MOLECOLARE CON TOMOGRAFIA A EMISSIONE DI POSITRONI:

Dettagli

Rivelatori di radiazione

Rivelatori di radiazione Rivelatori di radiazione Catia Petta Dipartimento di Fisica e Astronomia Università di Catania & INFN Summary Un compito da acchiappafantasmi Caratteristiche della preda Le strategie di cattura Gli attrezzi

Dettagli

RT CONTROLLO RADIOGRAFICO CORSO PER OPERATORI DI II LIVELLO TOTALE ORE : 120 (Pluri-Settoriale) - 80 (Settore Lettura Lastre) PARTE 1 - PRINCIPI DEL CONTROLLO RADIOGRAFICO 1.1) Scopo e limitazioni del

Dettagli

Lavorare in sicurezza con le sorgenti radioattive

Lavorare in sicurezza con le sorgenti radioattive Lavorare in sicurezza con le sorgenti radioattive Prevenire Proteggere Misurare gli effetti Università degli Studi di Cagliari Servizio di Fisica Sanitaria e Radioprotezione Prevenzione Anche se è banale,

Dettagli

RIVELAZIONE DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI. Nelle tecniche di rivelazione delle radiazioni ionizzanti le grandezze da rivelare possono essere diverse:

RIVELAZIONE DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI. Nelle tecniche di rivelazione delle radiazioni ionizzanti le grandezze da rivelare possono essere diverse: RIVELAZIONE DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI Nelle tecniche di rivelazione delle radiazioni ionizzanti le grandezze da rivelare possono essere diverse: -Fluenza di particelle -Fluenza di energia -Informazioni

Dettagli

ELETTRONICA PER GAMMA CAMERE AD ELEVATE PRESTAZIONI PER APPLICAZIONI MEDICHE

ELETTRONICA PER GAMMA CAMERE AD ELEVATE PRESTAZIONI PER APPLICAZIONI MEDICHE Università degli studi Roma Tre FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRONICA Dottorato di Ricerca in Ingegneria Elettronica - XXII Ciclo ELETTRONICA PER GAMMA CAMERE AD ELEVATE PRESTAZIONI

Dettagli

elettrone positrone e viceversa una coppia elettrone positrone si annichila tipicamente in due (o più) fotoni. Partendola un fotone di alta energia

elettrone positrone e viceversa una coppia elettrone positrone si annichila tipicamente in due (o più) fotoni. Partendola un fotone di alta energia ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI 9 febbraio 2007-02-09 Italo Mannelli Scuola Normale Superiore di Pisa MATERIA E ANTIMATERIA Ricerca e applicazioni (Riassunto) GENERALITA L esistenza di coppie di oggetti,

Dettagli

Fisica e salute Un esperienza di lavoro: la fisica medica. Servizio di Fisica Sanitaria Azienda Ospedaliera di Parma

Fisica e salute Un esperienza di lavoro: la fisica medica. Servizio di Fisica Sanitaria Azienda Ospedaliera di Parma Fisica e salute Un esperienza di lavoro: la fisica medica Servizio di Fisica Sanitaria Azienda Ospedaliera di Parma Che cos e Al di la della ovvia considerazione che la FISICA MEDICA comprende tutti i

Dettagli

UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1. Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging.

UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1. Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging. UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1 Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging Lezione 1: INTRODUZIONE ED APPARECCHIATURE D. Cecchin, F. Bui INTRODUZIONE Circa il

Dettagli

Manuale sensore di radioattività

Manuale sensore di radioattività Manuale sensore di radioattività Introduzione allo strumento Questo strumento ha la funzione di monitorare la radioattività ambientale in particolare di registrare eventuali anomalie dovute a fallout di

Dettagli

XRF SEM Micro-Raman. Fluorescenza a raggi X (XRF) S4 Pioneer - Bruker. Analisi elementale qualitativa e quantitativa

XRF SEM Micro-Raman. Fluorescenza a raggi X (XRF) S4 Pioneer - Bruker. Analisi elementale qualitativa e quantitativa XRF SEM Micro-Raman Fluorescenza a raggi X (XRF) S4 Pioneer - Bruker Analisi elementale qualitativa e quantitativa Non distruttiva Campioni solidi, liquidi o in polvere Multielementale Veloce Limite di

Dettagli

DOSIMETRIA e primi cenni di radioprotezione

DOSIMETRIA e primi cenni di radioprotezione DOSIMETRIA e primi cenni di radioprotezione Effetti biologici delle radiazioni Range, esposizione Dose assorbita, equivalente, efficace Danno biologico Dosi limite e radioprotezione pag.1 Le radiazioni

Dettagli

ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER:

ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER: ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER: CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE E TECNOLOGIE PER LO STUDIO E LA CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEI SUPPORTI DELLA

Dettagli

PARTE SESTA. Le modificazioni fisiche all interno della materia irradiata

PARTE SESTA. Le modificazioni fisiche all interno della materia irradiata PARTE SESTA Le modificazioni fisiche all interno della materia irradiata 135 INTRODUZIONE ALLA BIOFISICA DELLE RADIAZIONI Tavola VI Cinetica di dissociazione radioindotta delle basi A e T nella doppia

Dettagli

SISTEMA DIAGNOSTICO GAMMA CAMERA 1

SISTEMA DIAGNOSTICO GAMMA CAMERA 1 ALLEGATO A Azienda USL n. 8 Cagliari SISTEMA DIAGNOSTICO GAMMA CAMERA 1 Descrizione della fornitura ed esigenze cliniche: 1 Apparecchiature da fornire ed esigenze cliniche: 1 Esigenze cliniche 1 Caratteristiche

Dettagli

Strumentazione Biomedica 2. Tomografia computerizzata a raggi X - 1

Strumentazione Biomedica 2. Tomografia computerizzata a raggi X - 1 Strumentazione Biomedica 2 Tomografia computerizzata a raggi X - 1 Radiologia convenzionale Radiologia convenzionale Radiografia Convenzionale: Limitazioni La radiografia è una proiezione 2D di una struttura

Dettagli

1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone

1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone Unità n 7 Le particelle dell atomo 1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone 5. L esperimento

Dettagli

LASER è l acronimo di

LASER è l acronimo di LASER è l acronimo di ovvero: amplificazione luminosa per mezzo di emissione stimolata di radiazioni. LASER Il fenomeno fisico sul quale si base il suo funzionamento è quello dell'emissione stimolata,

Dettagli

April 11, 2011. Fisica Nucleare. Monica Sambo. Sommario. Introduzione. Radioattivitá. Fisica del nucleo. Bibliografia. Esempio. Raggi emessi Esempio

April 11, 2011. Fisica Nucleare. Monica Sambo. Sommario. Introduzione. Radioattivitá. Fisica del nucleo. Bibliografia. Esempio. Raggi emessi Esempio April 11, 2011 1 2 3 4 Indicando con Z il numero dei protoni (numero atomico dell atomo) e con N il numero dei neutroni si definisce A il numero di massa del : A = Z + N (1) Nei nuclei leggeri si ha la

Dettagli

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Fisica delle Particelle: esperimenti Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Il processo scientifico di conoscenza Esperimento Osservazione quantitativa di fenomeni riguardanti alcune particelle

Dettagli

Piacenza Liceo Respighi 17 e 24 marzo 2015

Piacenza Liceo Respighi 17 e 24 marzo 2015 Piacenza Liceo Respighi 17 e 24 marzo 2015 Paolo Montagna, Paolo Vitulo Dipartimento di Fisica Università di Pavia INFN Sezione di Pavia paolo.montagna@unipv.it, it paolo.vitulo@unipv.it http://fisica.unipv.it/fisnucl/

Dettagli

ESPERTA ed ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE (SECONDO GRADO)

ESPERTA ed ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE (SECONDO GRADO) ESPERTA ed ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE (SECONDO GRADO) Aggiornato il 7 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE...

Dettagli

XRF - Fluorescenza a raggi X

XRF - Fluorescenza a raggi X XRF - Fluorescenza a raggi X La Fluorescenza a raggi X (X-Ray-Fluorescence) è una metodologia che consente di determinare la composizione qualitativa e quantitativa di solidi, liquidi e polveri, usando

Dettagli

ma: serve a qualcosa?

ma: serve a qualcosa? ma: serve a qualcosa? ma: serve a qualcosa? Michael Faraday (1791-67): a proposito dei suoi studi sull induzione elettromagnetica, rispose al Primo Ministro Sir Robert Peel: I know not, but I wager that

Dettagli

Gruppo di Fisica Medica

Gruppo di Fisica Medica Gruppo di Fisica Medica Prof. Mauro Gambaccini (stanza 307, gambaccini@fe.infn.it) Dott. Giovanni Di Domenico Dott. Michele Marziani Dott. Angelo Taibi Dott. Francesco Sisini Dott. Paolo Cardarelli Gaia

Dettagli

Monitoring distribution of 90Y-DOTATATE with PET-CT following Peptide Receptor Radionuclide Therapy

Monitoring distribution of 90Y-DOTATATE with PET-CT following Peptide Receptor Radionuclide Therapy Monitoring distribution of 90Y-DOTATATE with PET-CT following Peptide Receptor Radionuclide Therapy L.D'Ambrosio1,2, M.Aurilio1, A.Morisco3, M.Malinconico3, P.Chiaramida4, L.Aloj1, S.Lastoria1 1SC Medicina

Dettagli

Capitolo 7 Le particelle dell atomo

Capitolo 7 Le particelle dell atomo Capitolo 7 Le particelle dell atomo 1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone 5. L esperimento

Dettagli

LA CHIMICA NUCLEARE. Figura 1 - La lastra fotografica trovata impressionata da Becquerel

LA CHIMICA NUCLEARE. Figura 1 - La lastra fotografica trovata impressionata da Becquerel LA CHIMICA NUCLEARE Lo studio delle trasformazione che avvengono nel nucleo atomico permette applicazioni che spaziano in numerosi campi della scienza, dallo studio della formazione degli elementi nell

Dettagli

LEZIONE 4 INTERAZIONE DEI RAGGI X E GAMMA CON LA MATERIA

LEZIONE 4 INTERAZIONE DEI RAGGI X E GAMMA CON LA MATERIA LZION 4 INTRZION DI RGGI X GMM CON L MTRI I raggi X hanno generalmente energie comprese fra i 5KeV e i 500 kev. Interagendo con la materia i raggi X (interazione primaria) producono elettroni secondari

Dettagli

Controlli di qualità dei radiofarmaci: verifica della purezza radionuclidica

Controlli di qualità dei radiofarmaci: verifica della purezza radionuclidica Controlli di qualità dei radiofarmaci: verifica della purezza radionuclidica Lara Gallo P.O. Castelfranco Veneto- ULSS8 Asolo (GU n.168 21/7/2005) RADIOFARMACI NORMATIVA RADIOPROTEZIONISTICA Decreto legislativo

Dettagli

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Esercizio 1 Il 24 10 Ne (T 1/2 =3.38 min) decade β - in 24 11 Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Mg. Dire quali livelli sono raggiungibili dal decadimento beta e indicare lo schema di

Dettagli

S.Nardi 1 ; P.B. Finazzi 2. 1. DIMART SRL. 2. Atlas Services

S.Nardi 1 ; P.B. Finazzi 2. 1. DIMART SRL. 2. Atlas Services MISURE DI QUALITA DEI FASCI E DELLA DIMENSIONE DELLA MACCHIA FOCALE IN FASCI DI FOTONI AD ALTA ENERGIA PRODOTTI DA ACCELERATORI LINEARI PER RADIOGRAFIE INDUSTRIALI S.Nardi 1 ; P.B. Finazzi 2. 1. DIMART

Dettagli

[PET/CT HYBRID SYSTEM SCANNER] PET/CT SERIES Vol. 1. SISTEMI IBRIDI PET / CT Davide Ulivi

[PET/CT HYBRID SYSTEM SCANNER] PET/CT SERIES Vol. 1. SISTEMI IBRIDI PET / CT Davide Ulivi 2011 PET/CT SERIES Vol. 1 SISTEMI IBRIDI PET / CT Davide Ulivi [PET/CT HYBRID SYSTEM SCANNER] Un sistema PET/CT riunisce la funzionalità di un Tomografo ad Emissione di Positroni (PET) con quella di un

Dettagli

Le tecnologie: schede tecniche

Le tecnologie: schede tecniche Le tecnologie: schede tecniche Il nuovo reparto di Radioterapia del Polo Oncologico Businco e Microcitemico di Cagliari si configura come un sistema altamente integrato per l implementazione di tecniche

Dettagli

Strumenti e dispositivi di radioprotezione

Strumenti e dispositivi di radioprotezione Strumenti e dispositivi di radioprotezione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Materiale didattico a cura della Dott.ssa Michela Lecchi La radioprotezione La radioprotezione ha come oggetto principale la

Dettagli

TECNICHE SPETTROSCOPICHE PER I BENI CULTURALI: SPETTROMETRIA DI FLUORESCENZA X

TECNICHE SPETTROSCOPICHE PER I BENI CULTURALI: SPETTROMETRIA DI FLUORESCENZA X Dipartimento di Scienze Chimiche TECNICHE SPETTROSCOPICHE PER I BENI CULTURALI: SPETTROMETRIA DI FLUORESCENZA X Analisi superficiali via XRF: Le misure sono effettuate in tempi dell ordine di qualche centinaio

Dettagli

Introduzione STEFANO MARRONE

Introduzione STEFANO MARRONE 59 STEFANO MARRONE Introduzione Con i termini diagnostica per immagini [1] si intende un insieme di esami clinici (Ecografia, Radiografia RX, TC, Risonanza Magnetica Nucleare e PET) che fotografano in

Dettagli

Imaging con raggi X e rivelatori a microstrip

Imaging con raggi X e rivelatori a microstrip Laboratorio di Fisica Biomedica Imaging con raggi X e rivelatori a microstrip L. Ramello Universita del Piemonte Orientale Argomenti trattati Fasci di raggi X Tecniche di rivelazione dei raggi X Qualita

Dettagli

LA RADIOPROTEZIONE NELL AMBIENTE SANITARIO

LA RADIOPROTEZIONE NELL AMBIENTE SANITARIO LA RADIOPROTEZIONE NELL AMBIENTE SANITARIO FONTI DI ESPOSIZIONE PER L UOMO S. Aimonetto MASTER DI PRIMO LIVELLO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Radioattività La radioattività

Dettagli

Organizzazione del corso

Organizzazione del corso Bioimmagini Organizzazione del corso Orari delle lezioni Lezione il martedì ore 14.30 16.30, aula 1B ed il venerdì 8.30-10.30, aula 1D Esercitazioni al posto delle lezioni al LADISPE di via Boggio quando

Dettagli

I giganti a caccia Due enormi esperimenti sono pronti nel sottosuolo di Ginevra.

I giganti a caccia Due enormi esperimenti sono pronti nel sottosuolo di Ginevra. I giganti a caccia Due enormi esperimenti sono pronti nel sottosuolo di Ginevra. di Maria Curatolo 24 > 25 Scoprire il bosone di Higgs è uno degli scopi principali del Large Hadron Collider (Lhc) e, in

Dettagli

Le regioni di interesse (ROI) e le curve

Le regioni di interesse (ROI) e le curve Le regioni di interesse (ROI) e le curve UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Materiale didattico a cura della Dott.ssa Michela Lecchi Immagine digitale Immagine analogica: la variabile rappresentata è continua

Dettagli

APPARECCHIATURE IN RADIOTERAPIA

APPARECCHIATURE IN RADIOTERAPIA APPARECCHIATURE IN RADIOTERAPIA TERMINOLOGIA Definizione di Radioterapia: branca medico-terapeutica che utilizza le radiazioni ionizzanti a fini terapeutici: tumori maligni, tumori benigni (angiomi e adenomi

Dettagli

ESAME RADIOGRAFICO (RT)

ESAME RADIOGRAFICO (RT) Welding Inspection ESAME RADIOGRAFICO (RT) Introduzione Il metodo radiografico impiega un fascio di radiazioni ionizzanti dirette contro il pezzo in esame Il pezzo assorbe parte della radiazione incidente

Dettagli

ACQUISIZIONE DI SEGNALI BIOLOGICI PER MEZZO DI TAC E RISONANZA MAGNETICA ED ELBORAZIONE TRAMITE WORKSTATION

ACQUISIZIONE DI SEGNALI BIOLOGICI PER MEZZO DI TAC E RISONANZA MAGNETICA ED ELBORAZIONE TRAMITE WORKSTATION ACQUISIZIONE DI SEGNALI BIOLOGICI PER MEZZO DI TAC E RISONANZA MAGNETICA ED ELBORAZIONE TRAMITE WORKSTATION Laureanda: CASSANDRA PULICE 583034 IBM Relatore: Prof. Enrico Grisan Corso di Laurea Triennale

Dettagli

Metodi di datazione di interesse archeologico

Metodi di datazione di interesse archeologico Metodi di datazione di interesse archeologico Radioattività La radioattività, o decadimento radioattivo, è un insieme di processi fisico-nucleari attraverso i quali alcuni nuclei atomici instabili o radioattivi

Dettagli

LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia

LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia Particelle alfa Le particelle alfa interagiscono intensamente con la materia attraverso collisioni/interazioni che producono lungo la traccia una elevata

Dettagli

Elementi di Radioprotezione

Elementi di Radioprotezione AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE N. 2 Via Cusmano 1, 93100 - CALTANISSETTA SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Corso di formazione finalizzato alla radioprotezione (Art. 61 comma 3 lettera e) del D.Lgv. 230/95)

Dettagli

EMISSIONE E ASSORBIMENTO DI LUCE DA PARTE DELLA MATERIA

EMISSIONE E ASSORBIMENTO DI LUCE DA PARTE DELLA MATERIA EMISSIONE E ASSORBIMENTO DI LUCE DA PARTE DELLA MATERIA Poiché la luce è energia trasportata da oscillazioni del campo elettrico (fotoni) e la materia è fatta di particelle elettricamente cariche (atomi

Dettagli

Diagnostica per Immagini

Diagnostica per Immagini UNIVERSITA! DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Biomedica Anno accademico 2008-2009 Diagnostica per Immagini Argomento 5A Medicina Nucleare Arturo Brunetti Tel

Dettagli

CONTROLLO di QUALITA

CONTROLLO di QUALITA CONTROLLO di QUALITA 1. Controllo di qualità: Generatore di 99m Tc Controllo visivo dell eluato: l eluato deve presentarsi limpido e incolore, senza tracce in sospensione Determinazione del ph dell eluato:

Dettagli

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Termologia Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Trasmissione del calore Legge di Wien Legge di Stefan-Boltzmann Gas

Dettagli

Stato dell arte dei tomografi SPECT

Stato dell arte dei tomografi SPECT Stato dell arte dei tomografi SPECT Annalisa Pepe IRCCS Ospedale San Raffaele Milano Tre Punti di Vista SPECT/CT Dati Quantitativi SPECT con CT Morfologia Funzione CT a Angio CT SPECT? 1 Sistema Quantificazione

Dettagli

IL CERVELLO, VISUALIZZAZIONE DEL SUO FUNZIONAMENTO 1

IL CERVELLO, VISUALIZZAZIONE DEL SUO FUNZIONAMENTO 1 Riccardo Guerra (Guerra) IL CERVELLO, VISUALIZZAZIONE DEL SUO FUNZIONAMENTO 18 May 2012 Evoluzione il cervello Nelle prime ore di una mattina di 3,5 milioni di anni fa, tre figure attraversavano un'ampia

Dettagli

Codice Monte Carlo applicato alla simulazione di una tomografia computerizzata effettuata con protoni.

Codice Monte Carlo applicato alla simulazione di una tomografia computerizzata effettuata con protoni. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali, Corso di Laurea in Fisica Santi Enrico Mazzaglia Codice Monte Carlo applicato alla simulazione di una tomografia computerizzata

Dettagli

Indice. Bibliografia... 23

Indice. Bibliografia... 23 Indice 1 Legge del decadimento radioattivo......................... 1 1.1 I fenomeni radioattivi.................................... 1 1.2 La legge esponenziale del decadimento radioattivo........... 4

Dettagli

Elettroerosione Macchina per elettroerosione

Elettroerosione Macchina per elettroerosione Elettroerosione 1 Macchina per elettroerosione 2 Politecnico di Torino 1 Il processo di elettroerosione Viene generato un campo elettrico tra elettrodo e pezzo Si forma un canale ionizzato tra elettrodo

Dettagli

tutela. Il richiedente deve altresì dimostrare di conoscere gli elementi essenziali della sorveglianza fisica della protezione.

tutela. Il richiedente deve altresì dimostrare di conoscere gli elementi essenziali della sorveglianza fisica della protezione. ALLEGATO V ISTITUZIONE DEGLI ELENCHI DEGLI ESPERTI QUALIFICATI E DEI MEDICI AUTORIZZATI E DETERMINAZIONE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 78 E 88 DELLE MODALITÀ, TITOLI DI STUDIO, ACCERTAMENTO DELLA CAPACITÀ TECNICO-PROFESSIONALE

Dettagli

Tomografia ad Emissione di Positroni Functional Imaging

Tomografia ad Emissione di Positroni Functional Imaging Tomografia ad Emissione di Positroni Functional Imaging..1895.. The germinating idea of PET, stated in 1966 by the Nobel Prize Medicine Laureat, Dr. Otto Warburg, is that: The origin of the disease is

Dettagli

USO DIAGNOSTICO E DI COMPLESSI METALLICI

USO DIAGNOSTICO E DI COMPLESSI METALLICI USO DIAGNOSTICO E DI COMPLESSI METALLICI Uso diagnostico di complessi di gadolinio La Risonanza Magnetica e un fenomeno che accade quando i nuclei di alcuni atomi immersi in un campo magnetico statico

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz www.fisiokinesiterapia.biz LABORATORIO DI FISICA MEDICA : LA TELETERMOGRAFIA DIGITALE Sommario La Termografia L Imaging Termico Misure di Temperatura Propagazione del Calore Radiazione da Corpo Nero Sensori

Dettagli

IL RADON. Decadimento del Radon. protone Radon 222 neutrone. elettrone. radiazione alfa

IL RADON. Decadimento del Radon. protone Radon 222 neutrone. elettrone. radiazione alfa IL RADON Il Radon è un gas radioattivo presente nel suolo e nei materiali da costruzione. La presenza di Radon è legata all abbondanza di minerali radioattivi naturali nella crosta terrestre: le due forme

Dettagli

03/11/15. Metodi vigorosi

03/11/15. Metodi vigorosi Metodi blandi Lisi cellulare con detergenti Metodi vigorosi 1 1. Centrifugazione preparativa Centrifugazione preparativa permette di separare i vari elementi di un omogenato cellulare 2. Ultracentrifugazione

Dettagli

Spettroscopia atomica

Spettroscopia atomica Spettroscopia atomica La spettroscopia atomica è una tecnica di indagine qualitativa e quantitativa, in cui una sostanza viene decomposta negli atomi che la costituiscono tramite una fiamma, un fornetto

Dettagli

Il Modello Standard. Giuseppe Salamanna Università Roma Tre Master Classes 27 marzo 2015

Il Modello Standard. Giuseppe Salamanna Università Roma Tre Master Classes 27 marzo 2015 Il Modello Standard Giuseppe Salamanna Università Roma Tre Master Classes 27 marzo 2015 1 Sommario I costituenti elementari della materia Tre famiglie di mattoni elementari Quattro forze fondamentali:

Dettagli

Sicurezza. 125 I è un emettitore debole di particelle radioattive γ. Le emissioni γ sono una forma di radiazione elettromagnetica

Sicurezza. 125 I è un emettitore debole di particelle radioattive γ. Le emissioni γ sono una forma di radiazione elettromagnetica Sicurezza Protezione contro le radiazioni I composti radioattivi sono stati usati nei laboratori di ricerca per molti anni e i risultati di queste ricerche hanno giovato considerevolmente al genere umano.

Dettagli

Improvements in quality and quantification of 3D PET images

Improvements in quality and quantification of 3D PET images Università degli Studi di Milano Bicocca Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Dottorato di Ricerca in Fisica e Astronomia Coordinatore: Prof. Giberto Chirico Tesi di Dottorato di Ricerca

Dettagli

Tecniche di riduzione del fondo strumentale per il telescopio gamma AGILE e applicazione a sorgenti astrofisiche

Tecniche di riduzione del fondo strumentale per il telescopio gamma AGILE e applicazione a sorgenti astrofisiche Tecniche di riduzione del fondo strumentale per il telescopio gamma AGILE e applicazione a sorgenti astrofisiche Tesi svolta presso IASF/INAF di Milano Fabio Fornari Indice l astrofisica gamma e il satellite

Dettagli

IL LASER. Principio di funzionamento.

IL LASER. Principio di funzionamento. IL LASER Acronimo di Light Amplification by Stimulated Emission of Radiation (amplificazione di luce per mezzo di emissione stimolata di radiazione), è un amplificatore coerente di fotoni, cioè un dispositivo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA DOTTORATO DI RICERCA IN TECNOLOGIE BIOMEDICHE (XXV CICLO) Radionuclidi convenzionali e metallici di interesse nella diagnostica PET: produzione, sviluppo e problematiche

Dettagli

Introduzione alla Tomografia Assiale Computerizzata (T.A.C.)

Introduzione alla Tomografia Assiale Computerizzata (T.A.C.) Introduzione alla Tomografia Assiale Computerizzata (T.A.C.) di Ilaria Cacciotti, Federica Caselli, Santina Iudicello Lavoro coordinato dal prof. Gaspare Galati nell ambito dell insegnamento Rappresentazione

Dettagli

LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: LA TECNOLOGIA SLIP RING LA TECNOLOGIA SPIRALE E LA TC MULTISTRATO. www.slidetube.it

LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: LA TECNOLOGIA SLIP RING LA TECNOLOGIA SPIRALE E LA TC MULTISTRATO. www.slidetube.it LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: LA TECNOLOGIA SLIP RING LA TECNOLOGIA SPIRALE E LA TC MULTISTRATO www.slidetube.it INTRODUZIONE Le prestazioni della TC precedentemente illustrate non sono ben rispondenti

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

A ifm. Linea Guida per il Controllo di Qualità dei Tomografi ad Emissione di Positroni (PET) e dei Tomografi integrati PET/CT

A ifm. Linea Guida per il Controllo di Qualità dei Tomografi ad Emissione di Positroni (PET) e dei Tomografi integrati PET/CT Associazione Italiana di Fisica Medica A ifm Associazione Italiana di Fisica Medica Linea Guida per il Controllo di Qualità dei Tomografi ad Emissione di Positroni (PET) e dei Tomografi integrati PET/CT

Dettagli

Formazione obbligatoria in materia di Radioprotezione: XRD, XRF e ECD

Formazione obbligatoria in materia di Radioprotezione: XRD, XRF e ECD Formazione obbligatoria in materia di Radioprotezione: XRD, XRF e ECD Dott. Pier Luca Rossi U.O. Fisica Sanitaria Alma Mater Studiorum - Università di Bologna Viale Berti Pichat 6/2 QUADRO NORMATIVO PRATICHE

Dettagli

IL SOLE. LauraCondorelli2014 Pagina 1

IL SOLE. LauraCondorelli2014 Pagina 1 IL SOLE Il Sole è nato circa 4,6 miliardi di anni fa e resisterà per altri 5 miliardi di anni circa. E una stella relativamente fredda, piccola rispetto alle altre ed è interamente gassoso. La temperatura

Dettagli