CAMI: Caratterizzazione dell Acquifero

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAMI: Caratterizzazione dell Acquifero"

Transcript

1 LIFE Environment CAMI: Caratterizzazione dell Acquifero con Metodologie Integrate Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale - OGS Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze Geologiche Ambientali e Marine Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Scienze della Terra EUREKOS S.r.l. ARPA - Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia Dipartimento Provinciale di Pordenone ABL - Acque del Basso Livenza S.p.A. TNO - Netherlands Organisation for Applied Scientific Research

2 Caratterizzazione dell Acquifero con Metodologie Integrate Acqua e ambiente L acqua è una risorsa naturale alla base della vita stessa sul nostro pianeta. In questi ultimi anni si sta sempre più sviluppando la consapevolezza che, anche nelle regioni in cui è abbondante, l acqua è comunque una risorsa limitata, il cui uso indiscriminato, accompagnato da una scarsa tutela delle falde acquifere, può rappresentare una seria minaccia al suo mantenimento ed al suo utilizzo da parte delle generazioni future. L Unione Europea ha sempre dimostrato grande sensibilità per le tematiche ambientali ed in particolare per quelle connesse al ciclo dell acqua. Queste trovano infatti ampio riscontro tra gli obiettivi del programma LIFE, tramite la promozione del concetto di gestione sostenibile delle acque di falda e di superficie. In questo quadro gli enti di ricerca, le imprese pubbliche e private e tutti gli operatori nel campo ambientale della Unione Europea e non, sono chiamati a sostenere un ruolo professionale rilevante. È sulla base di questa valutazione che si è proposto ed ottenuto la possibilità di attuare una delle direttive più importanti per la salvaguardia delle risorsa Acqua. FRIULI VENEZIA GIULIA Fiume Tagliamento: località Ragogna (UD). ITALIA Il progetto CAMI Il progetto CAMI (Caratterizzazione dell Acquifero con Metodologie Integrate), finanziato dall Unione Europea nell ambito del programma LIFE, contribuisce ad attuare la direttiva 2000/60/CE e successive modifiche, mettendo a punto e sperimentando un insieme integrato di metodi finalizzati alla definizione e caratterizzazione dei distretti idrografici, all analisi dell impatto ambientale delle attività umane sulla risorsa idrica ed alla valutazione della sostenibilità del loro sfruttamento. La direttiva sulle acque 2000/60/CE introduce un concetto innovativo nella legislazione europea, che è la gestione delle risorse idriche basata sui bacini idrografici piuttosto che sui limiti amministrativi. Il progetto CAMI ha consentito di sviluppare un pacchetto integrato basato su indagini geofisiche, geochimiche e di monitoraggio a livello di bacino idrico, sviluppato nell area test di Torrate di Chions (PN). Torre piezometrica dell acquedotto gestito dall ABL (Torrate di Chions).

3 Distretto idrografico e area test Una componente sostanziale del progetto CAMI è sperimentale, basata sulla realizzazione di campagne di indagine sul territorio nell area pedemontana a cavallo tra Friuli Venezia Giulia e Veneto e delimitata dai fiumi Tagliamento, Meduna-Cellina e Livenza. È un area caratterizzata da spesse conoidi alluvionali fortemente permeabili che ospitano uno dei più importanti acquiferi delle due regioni. L elevata permeabilità dei depositi, l intensa attività agricola ed il recente incremento dell'urbanizzazione rendono questo acquifero particolarmente vulnerabile all inquinamento. Bacino idrografico del fiume Tagliamento e inquadramento geografico dell area di studio. Azioni programmate nell area test Le indagini sul terreno e le analisi geochimiche hanno permesso tra l altro di: 1) individuare i serbatoi di alimentazione e la loro interazione tramite le analisi isotopiche dell ossigeno (d18o) e di attività del tritio (isotopo a vita breve dell idrogeno) su campioni provenienti dai corpi idrici sotterranei, dalle acque meteoriche e da alcune acque superficiali; 2) conoscere compiutamente il sottosuolo, sia con la ricostruzione tridimensionale del sistema degli acquiferi sotto sfruttamento sia con la caratterizzazione dei parametri petrofisici, idraulici e idrochimici; 3) determinare le caratteristiche idrodinamiche dell acquifero durante lo sfruttamento. Vista panoramica dell area test dalla torre dell acquedotto. Acquisizione con metodologie geofisiche (sismica) nell area test. Articolazione del progetto Il progetto si articola in una serie di compiti ed azioni che si svilupperanno secondo le fasi di seguito indicate: 1) raccolta ed elaborazione dati esistenti; 2) analisi delle stratigrafie, costruzione del modello geologico preliminare e pianificazione delle indagini geofisiche; 3) realizzazione della campagna geochimica ed isotopica; 4) esecuzione delle indagini geofisiche; 5) interpretazione dei dati geofisici ed integrazione del modello idrogeologico; 6) interpretazione idrogeologica, modellizzazione dell acquifero, 7) realizzazione di carte tematiche, carte delle aree di ricarica/dispersione, vulnerabilità, ecc.; 8) modello dell acquifero con il programma REGIS; 9) costruzione di un modello delle risorgive; protocollo per caratterizzare i bacini idrografici (D2000/60/CE); 10) diffusione tramite sito WEB (presentazione degli stadi di avanzamento, dei risultati intermedi e finali), newsletters, conferenze, seminari e materiale multimediale. Obiettivo finale del progetto A conclusione del progetto, basandosi sulla metodologia adottata, verrà creato un protocollo di indagine e di monitoraggio che garantisca un omogeneità di risultati in diversi contesti idrogeologici, come esplicitamente previsto dalle direttive Comunitarie.

4 Struttura organizzativa: compiti e obiettivi assegnati ai partecipanti del progetto CAMI PARTENER COMPITI OBIETTIVI OGS, in qualità di beneficiario del progetto, ha proposto ai sei partner operanti nel settore tecnico-scientifico (due Enti e tre Istituzioni pubbliche e una Struttura privata) un progetto pilota multidisciplinare indispensabile per l attuazione della normativa europea tramite i programmi comunitari LIFE. Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale - OGS Coordinamento e Divulgazione Integrazione geofisica per un modello di distretto idrografico Gestione delle attività e presentazione delle relazioni alla commissione L apporto della geofisica nel progetto ha contribuito a caratterizzare la geologia dell area test mediante l individuazione delle eterogeneità verticali e laterali delle proprietà fisiche nei mezzi nei quali gli acquiferi sono confinati. Le metodologie impiegate a diverso grado di penetrazione e risoluzione sono state le seguenti: Georadar - GPR, Gravimetria, Prospezione Geoelettrica e sismica a riflessione. Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze Geologiche Ambientali e Marine Applicazione della Geochimica isotopica nella caratterizzazione di un acquifero La caratterizzazione isotopica delle acque circolanti (piovane, di superficie e di falda) nelle aree di ricarica del sito campione ha consentito di definire il bacino di alimentazione fornendo informazioni sui rapporti reciproci tra le varie acque. Sono state determinate le composizioni isotopiche dell ossigeno 18, l attività del Tritio e la composizione del Radon nei campioni d acqua raccolti. Università degli Studi Di Ferrara Dipartimento di Scienze della Terra Caratterizzazione qualitativa e dinamica degli acquiferi attraverso l integrazione di metodologie geofisiche e geochimiche L UNIFE ha contribuito a fornire il modello idrogeologico concettuale del sistema acquifero e la messa a punto della metodologia integrata geofisico-chimica che ha permesso la conoscenza e la valutazione del comportamento delle falde presenti nell area in esame in base alle prove di pompaggio, all installazione di sonde multiparametriche e alla parametrizzazione geofisica del sottosuolo con metodologie non invasive (metodo magnetotellurico e con il metodo TDEM). Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale - OGS Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze Geologiche Ambientali e Marine Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Scienze della Terra

5 Acque del Basso Livenza S.p.A. ABL - Servizi Idrici Interregionali Validazione dell applicazione dei dati geofisici e geochimici, integrazione del database e miglioramento delle conoscenze idrogeologiche del bacino di approvvigionamento Oltre al supporto logistico per l esecuzione delle campagne geofisiche e idrogeologiche, il compito dell ABL è stato quello di fornire il database idrogeologico contenente i dati dei pozzi di emungimento nell area test per la costruzione del modello idrogeologico finale e per la valutazione critica dei risultati ottenuti e la diffusione degli stessi a livello internazionale. PARTENER COMPITI OBIETTIVI Eurekos S.r.l. Applicazione integrata di metodi geofisici rapidi e ad alta risoluzione: termografia aerea e GPR su un sistema di risorgive per la modellizzazione dei flussi e la valutazione della vulnerabilità L obiettivo principale del compito assegnato è l applicazione della metodologia rapida e precisa in grado di definire i meccanismi idrogeologici che concorrono alla formazione ed al mantenimento di un sistema di risorgive in pianura con la mappatura termografica delle aree di risorgiva e la ricostruzione termografica delle anomalie termiche. L azione è stata accompagnata da una mappatura stratigrafica della stratigrafia di superficie per la ricostruzione e la correlazione dei livelli di movimento delle acque con il metodo GPR. ARPA - Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia Dipartimento Provinciale di Pordenone Acquisizione ed elaborazione dei dati analitici Acquisizione ed elaborazione di dati meteorologici Prelievo campioni di acque piovane, di pozzo e di fiume Diffusione dei risultati L ARPA di Pordenone ha fornito la composizione chimica delle acque piovane, di superficie e di falda di circa 500 pozzi monitorati nella provincia di Pordenone. L analisi dei dati pregressi e quelli campionati per le analisi isotopiche hanno permesso di creare i modelli di correlazione delle acque circolanti nell area di indagine. Netherlands Organisation for Applied Scientific Research TNO-NITG Trattamento dei dati geoidrologici Modello di circolazione dell acqua nel sottosuolo Realizzazione di un Sistema Informativo geo-idrogeologico REGIS v4 della Pianura Friulana. EUREKOS S.r.l. ARPA - Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia Dipartimento Provinciale di Pordenone ABL - Acque del Basso Livenza S.p.A. TNO - Netherlands Organisation for Applied Scientific Research

6 Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale OGS COMPITO 1 Rilievo Georadar - GPR (Ground Penetrating Radar) Sono state eseguite diverse campagne di acquisizione dove sono state individuate le superfici di discontinuità presenti nel primo sottosuolo. I corpi, stratificazioni o strutture presenti nel terreno, aventi diversa permeabilità elettrica (costante dielettrica), hanno indotto rifrazioni e riflessioni del campo generando interferenza. Sono state individuate aree umide sulla base della risposta delle onde elettromagnetiche immesse nel sottosuolo con un antenna monostatica da 100 MHz. Panoramica dell area di acquisizione in prossimità dell acquedotto di Torrate, zona interessata dall acquisizione sismica Analisi dei profili acquisiti (radargrammi) Rilievo microgravimetrico La prospezione gravimetrica ha lo scopo di rilevare le anomalie del campo gravitazionale terrestre causato dalle variazioni di densità dei corpi prossimi alla superficie terrestre. Lungo i profili sismici 2D e in prossimità dei pozzi d acqua dell acquedotto, è stato eseguito un rilievo micrigravimetrico di dettaglio [è stato utilizzato il Gravimetro LaCoste-Romberg (L&R)]. Sono stati istituiti 15 circuiti gravimetrici, per un totale di 200 stazioni gravimetriche la cui ubicazione dei punti sperimentali, coincidevano con le 3 linee sismiche 2D. L equidistanza tra le singole stazioni è stata mediamente di circa 50 metri. Da un punto di vista qualitativo, si osservano: a) la presenza di una generalizzata diminuzione dell anomalia di gravità procedendo da Ovest verso Est, più marcata nell intervallo compreso fra le stazioni gravimetriche con un gradiente medio di circa mgal km-1; b)la presenza di un lieve accenno di alto gravimetrico, ampiezza di circa mgal, nell intervallo compreso fra le stazioni gravimetriche Da un punto di vista qualitativo, si osservano: a) la presenza di una generalizzata e marcata diminuzione dell anomalia di gravità procedendo da Sud verso Nord con un gradiente medio di circa mgal km-1; b) la presenza di due discontinuità in corrispondenza delle stazioni e Da un punto di vista qualitativo, si osserva: a) la presenza di una generalizzata e marcata diminuzione dell anomalia di gravità procedendo da Sud verso Nord con un gradiente medio di circa mgal km-1.

7 La tomografia elettrica per la conoscenza del sottosuolo La tomografia elettrica è un metodo geofisico per la conoscenza del sottosuolo: rapido, efficiente ed economico, con impatto ambientale praticamente nullo. La prospezione geoelettrica utilizza misure di resistività a corrente continua per ottenere informazioni sul parametro resistività apparente. Questa è legata alla resistività propria delle diverse situazioni litologiche presenti nel sottosuolo che è controllata principalmente dai seguenti fattori: tipo litologico grado di saturazione dei pori porosità salinità del fluido presente nei pori temperatura presenza di sostanze organiche (idrocarburi, solventi, ecc.) presenza di argilla fratturazione presenza di cavità I contrasti di resistività tra le diverse situazioni consentono quindi di fornire interessanti ed utili informazioni sulla situazione del sottosuolo del sito indagato. Il modello di resistività tridimensionale dell acquifero Il modello di resistività dell area di Torrate Il metodo consiste nell immissione di una corrente nel terreno per mezzo di due o più elettrodi definiti elettrodi di corrente e nel misurare in vari punti del terreno con almeno due elettrodi di potenziale la differenza di potenziale (ddp) indotta dalla circolazione della corrente immessa. La distribuzione del potenziale elettrico sul piano di campagna ottenuta dalle misure di ddp eseguite, permette lo studio della distribuzione geometrica della corrente nel sottosuolo e quindi della distribuzione geometrica delle varie strutture a differente resistività elettrica. Dai risultati ottenuti dalle acquisizioni e l interpretazione dei parametri geofisici ottenuti, è stato possibile identificare nell area d indagine alternanze dei depositi argillosi e dei depositi ghiaiosi, determinare la loro posizione e la loro forma nel sottosuolo, osservare come cambiano nel tempo i valori dei parametri elettrici del sottosuolo per verificare variazioni dell acquifero, quali forma e tipo di acqua. L interpretazione dei dati di campagna è passata dall interpretazione grafica per confronto con la risposta di modelli semplici, all inversione tomografica assistita dal computer con ricostruzione 3D del sottosuolo.

8 Il metodo sismico 2D applicato allo studio degli acquiferi Per conoscere ed indagare la struttura del sottosuolo esistono metodi diretti, che prevedono di scavare il terreno attraverso carotaggi o trivellazioni, e metodi indiretti, che non necessitano di perforazione e che sono impiegati comunemente per la ricerca di idrocarburi, minerali, acquiferi o per applicazioni ingegneristiche. Uno di questi metodi di prospezione indiretta è la sismica a riflessione, una metodologia che si basa sullo studio della propagazione di onde sismiche (onde acustiche a bassa frequenza) prodotte artificialmente tramite vibrazioni, masse battenti, ecc. L energia che si genera da questi piccoli terremoti si propaga nel terreno e viene riflessa in modo diverso a seconda delle caratteristiche fisiche dei differenti mezzi che attraversano. L energia, che torna in superficie, viene registrata da appositi ricevitori (geofoni) posti a una certa distanza dalla sorgente. L energia, che si propaga nel terreno, segue le leggi dell ottica. Un esempio di dato sismico registrato è mostrato nella figura a fianco. Esempio di tracce registrate dai geofoni dopo uno scoppio. Le linee colorate identificano le riflessioni dagli acquiferi. Utilizzando le distribuzioni di velocità e i dati, si può ottenere un accurata immagine degli acquiferi presenti nel sottosuolo. Nella figura sopra, una sezione sismica ottenuta dall elaborazione di dati acquisiti in un area tra S. Vito al Tagliamento e Villotta di Chions (PN).

9 Il metodo sismico 3D applicato allo studio degli acquiferi L acquisizione sismica 3D si avvale della stessa metodologia usata nella sismica a riflessione tradizionale (massa battente, geofoni e registrazione) ma ci permette di studiare in maniera più accurata le variazioni delle proprietà del sottosuolo (per es. le variazioni laterali degli acquiferi individuati) in un area estesa (vedi figura a sinistra). È un tipo di acquisizione che richiede molto tempo, molta strumentazione e quindi i suoi alti costi ne limitano l impiego. Campo di velocità 3D ottenuto dalla tomografia dei dati acquisiti. Nella figura sono evidenti le profondità e la morfologia degli acquiferi presenti nel sottosuolo. Dall analisi della morfologia si possono definire gli spessori degli acquiferi, la loro dimensione e quindi la loro sfruttabilità (convenienza economica). Nella figura a destra sono messi a confronto il risultato dell indagine sismica e le misure effettuate in un pozzo, eseguite nei pressi del rilievo, sulle indicazioni precedentemente fornite dalla sismica. Si può notare come il dato sismico riproduca in maniera accurata la stratigrafia e le velocità del materiale ottenute dalle misurazioni di pozzo. Ovviamente il metodo sismico ha dei limiti per quel che riguarda la risoluzione verticale (definizione degli spessori) che sono funzione dei parametri di acquisizione e della profondità. Nel nostro caso si riescono a determinare correttamente le profondità degli acquiferi (errore del metro) e risolvere spessori dell ordine dei 5-10 metri.

10 Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze Geologiche Ambientali e Marine COMPITO 2 Applicazione della Geochimica isotopica nella caratterizzazione di un acquifero La caratterizzazione isotopica delle acque circolanti (piovane, di superficie e di falda) nelle aree diricarica del sito campione ha consentito di definire il bacino di alimentazione fornendo informazioni sui rapporti reciproci tra le varie acque. Sono state determinate le composizioni isotopiche dell ossigeno 18, l attività del Tritio e la composizione del Radon nei campioni d acqua raccolti. Per raggiungere questi scopi sono stati installati alcuni pluviometri dedicati collocati a quote crescenti; sono stati prelevati, inoltre, campioni di acqua di pozzi e di fiumi con frequenza mensile. Utilizzando apposite strumentazioni sui campioni prelevati si è misurato: a) composizione isotopica dell ossigeno; b) attività tritio; c) contenuto in radon. Mappa dei campionamenti delle acque. Spettrometro di massa: serve per la misurazione della composizione isotopica dell ossigeno. Contatore a liquido scintillante: serve per la misurazione dell attività del tritio e il contenuto in radon. Pluviometro: serve a prelevare campioni di pioggia per effettuare le analisi isotopiche. I grafici riportano la variazione del contenuto di tritio ed ossigeno 18 da gennaio 2005 a dicembre 2006 nei siti scelti. Questi parametri hanno permesso di definire la quota media di alimentazione dell acquifero (ovvero l area dove si infiltra l acqua) ed i tempi di permanenza dell acqua nel sottosuolo.

11 Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Scienze della Terra COMPITO 3 Caratterizzazione qualitativa e dinamica degli acquiferi attraverso l integrazione di metodologie geofisiche e geochimiche L UNIFE ha contribuito a fornire il modello idrogeologico concettuale del sistema acquifero e la messa a punto della metodologia integrata geofisico-chimica che ha permesso la conoscenza e la valutazione del comportamento delle falde presenti nell area in esame in base alle prove di pompaggio, all installazione di sonde multiparametriche e alla parametrizzazione geofisica del sottosuolo con metodologie non invasive (metodo magnetotellurico e con il metodo TDEM). In particolare, per la definizione delle unità acquifere che si sviluppano nel sottosuolo, sono stati raccolti, omogeneizzati ed archiviati i dati stratigrafici esistenti nel territorio che si estende in destra idrografica del fiume Tagliamento tra Spilimbergo, a nord, e la zona di Torrate, a sud. Sulla base dei dati stratigrafici puntuali ed utilizzando criteri idrogeologici sono state realizzate diverse sezioni idrogeologiche interpretative e la definizione del modello idrogeologico concettuale. L analisi dei dati ha messo in evidenza che l area di studio è caratterizzata dalla presenza di due sistemi idrogeologici differenziati che si sviluppano a nord e a sud della fascia delle risorgive. Per la definizione del comportamento idrodinamico ed idrogeochimico degli acquiferi sono state realizzata campagne di misura in situ del livello piezometrico e dei parametri chimico-fisici (ph, conducibilità elettrica, temperatura) degli acquiferi. Inoltre, sono stati anche prelevati campioni d acqua sia per un ulteriore verifica delle misure sia per la realizzazione delle analisi chimiche in alcuni pozzi selezionati. Infine, nel campo pozzi di Torrate, l installazione di una sonda multiparametrica che misura in continuo il livello piezometrico e dei parametri chimico-fisici degli acquiferi ci permette la valutazione dell influenza dello sfruttamento sulle caratteristiche qualitative e quantitative degli acquiferi. Metodo elettromagnetico TDEM per la ricerca dell acqua in profondità Per caratterizzare la distribuzione in profondità della resistività elettrica dell area di studio, una tecnica rapida ed efficiente è il cosiddetto TDEM (Time-Domain Electromagnetic Method). Effettuando sul terreno un numero sufficiente di punti di misura, si ottiene un immagine 3D della distribuzione della resistività elettrica nel sottosuolo. Questa viene correlata con le caratteristiche petrografiche-idrochimiche degli acquiferi e con le eventuali anisotropie geotettoniche del territorio; la ripetizione nel tempo consente il monitoraggio dell evoluzione quali-quantitativa degli acquiferi. Metodo d indagine TDEM In alto lo schema del sondaggio : in una spira, generalmente quadrata, di filo conduttore isolato dal terreno, si fa scorrere una corrente pulsata. Con la bobina ricevente (foto in basso) si misura il campo magnetico indotto, che dipende dalla distribuzione della resistività al di sotto della spira.

12 Eurekos S.r.l. COMPITO 4 Applicazione integrata di metodi geofisici rapidi ed ad alta risoluzione: termografia aerea e GPR su un sistema di risorgive per la modellizzazione dei flussi e la valutazione della vulnerabilità. L obiettivo principale del compito assegnato è l applicazione della metodologia rapita e precisa in grado di definire i meccanismi idrogeologici che concorrono alla formazione ed al mantenimento di un sistema di risorgive in pianura con la mappatura termografica delle aree di risorgiva e la ricostruzione termografica delle anomalie termiche. L azione è stata accompagnata da una mappatura stratigrafica della stratigrafia di superficie per la ricostruzione e la correlazione dei livelli di movimento delle acque con il metodo GPR. Applicazioni Indagini termografiche sul territorio Il paesaggio dell area di risorgiva tra Torrate e Marignana (PN) Indagini Ground Penetrating Radar (GPR) Lo scopo di questa indagine è l applicazione di rapide e precise metodologie di indagine per il riconoscimento dei meccanismi idrogeologici responsabili della formazione e dell esistenza di polle di risorgiva. Questo è stato ottenuto applicando i metodi termografici e GPR. In particolare il metodo termografico è stato impiegato per lo studio delle anomalie termiche determinate dalla risalita delle acque fino alla superficie. La termografia è stata supportata da rilievi GPR per la mappatura della stratigrafia del suolo prossimo alla superficie e alla ricostruzione e correlazione dei livelli che permettono la risalita delle acque.

13 ARPA - Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia Dipartimento Provinciale di Pordenone COMPITO 5 Acquisizione ed elaborazione dei dati analitici Acquisizione ed elaborazione di dati meteorologici Prelievo campioni di acque piovane, di pozzo e di fiume Diffusione dei risultati L ARPA di Pordenone ha fornito la composizione chimica delle acque piovane, di superficie e di falda di circa 500 pozzi monitorati nella provincia di Pordenone. L analisi dei dati pregressi e quelli campionati (azione di supporto per il DiSGAM) per le analisi isotopiche hanno permesso di creare i modelli di correlazione delle acque circolanti nell area di indagine. Sono stati raccolti e rielaborati dati analitici e storici, derivanti da indagini pregresse per la determinazione di composizione ed inquinamento delle falde su oltre 500 pozzi della Provincia di Pordenone (anni ), e di 37 pozzi della rete di monitoraggio delle falde della provincia di Pordenone. La raccolta delle acque piovane, di pozzo e di fiume sono finalizzate alla caratterizzazione degli acquiferi e del loro stato di vulnerabilità.

14 Acque del Basso Livenza S.p.A. ABL Servizi Idrici Interregionali COMPITO 6 Validazione dell applicazione dei dati geofisici e geochimici, integrazione del database e miglioramento delle conoscenze idrogeologiche del bacino di approvvigionamento. Oltre al supporto loggistico per l esecuzione delle campagne geofisiche e idrogeologiche, il compito dell ABL è stato quello di fornire il database idrogeologico contenente i dati dei pozzi di emungimento nell area test per la costruzione del modello idrogeologico finale e per la valutazione critica dei risultati ottenuti e la diffusione degli stessi a livello internazionale. ABL affronta il problema della gestione delle risorse idriche già da molti anni mediante l utilizzo di tecnologie d avanguardia per la progettazione, costruzione ed esercizio dell acquedotto. Con la partecipazione a questo progetto si intende ottenere un pacchetto tecnico-scientifico di metodologie integrate, che permettano la pianificazione delle quantità di risorse idriche da destinare a vari usi (civile, agricolo, industriale), il monitoraggio dell impatto sulla risorsa idrica di nuovi insediamenti industriali e civili e la quantificazione delle acque sotterranee. L ABL ha deciso di realizzare un pozzo fino a una profondità di circa 500 m sotto il piano campagna visto la possibile presenza di ulteriori acquiferi individuati dall analisi integrata dei dati geofisici.

15 Netherlands Organisation for Applied Scientific Research TNO-NITG COMPITO 7 Trattamento dei dati geoidrologici Modello di circolazione dell acqua nel sottosuolo Realizzazione di un Sistema Informativo geoidrogeologico REGIS v4 della Pianura Friulana. Il REGIS v4 è un sistema geoidrologico regionale interattivo e aperto, con estensioni specifiche che gestisce e amministra una quantità di dati relazionali provenienti da potenti DBMS. REGIS ha una funzionalità specifica standard che permette l immagazzinamento anche diretto di informazioni geografici congiunte a dati geologici per la manipolazione e la valutazione a scala regionale e locale di problematiche ambientali necessarie per la gestione e pianificazione dei territori investigati (ex. studio del comportamento chimico-fisico degli acquiferi per la protezione delle acque etc.). Sviluppo di un Modello Numerico del Flusso Sotterraneo della pianura friulana Architettura di REGIS v4 (TNO). Le stratigrafie di 1800 pozzi disponibili nell area del modello, hanno permesso di definire spazialmente gli orizzonti argillosi e ghiaiosi e di localizzare gli acquiferi principali della pianura friulana nei depositi Plio-Quaternari. È stato così creato il modello solido con l ausilio del software GMS 6.0 (Groundwater Modelling System from EMS-i) con il quale è stato possibile realizzare i modelli di flusso delle acque freatiche sulla base dei parametri idrogeologici raccolti dai dati di campagna e da quelli storici. Area del Modello Area del modello idrogeologico e ubicazione dei pozzi con stratigrafia. Modello solido concettuale. Applicazione REGIS v4 per l analisi dei principali livelli freatimetrici nel tempo. L analisi del modello matematico di flusso è stato sviluppato con il software MOD- FLOW, validato in base ai dati idrogeologici presenti e aggiornati di continuo. Il modello implementato sarà così lo strumento di rappresentazione e di calcolo sufficientemente versatile per la rappresentazione dei scenari futuri e di gestione delle acque della pianura friulana. Analisi e modello di flusso della falda a nord delle risorgive con Modflow.

16 Caratterizzazione dell Acquifero con Metodologie Integrate Numeri di CAMI Project Number: LIFE04 ENV/IT/ LIFE Project Name: WATER BEARING CHARACTERIZATION WITH INTEGRATED METHODOLOGIES Project location: ITALIA IT FRIULI VENEZIA GIULIA AND VENETO Beneficiary: ISTITUTO NAZIONALE DI OCEANOGRAFIA E DI GEOFISICA SPERIMENTALE OGS Postal address: BORGO GROTTA GIGANTE N 42/c, 34010, SGONICO (TRIESTE) Telephone: +39(0) Fax:+39(0) Project start date: 01/12/2004 Project end date: 31/05/2007 Total budget: ,00 EC contribution: ,00 Project Website: L Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale è un ente pubblico di ricerca che svolge attività scientifiche volte alla conoscenza della Terra e delle sue risorse. Nell ambito delle discipline di propria competenza, l Ente è in grado di gestire sia la fase di acquisizione di dati geofisici in terra ed in mare, sia le successive fasi di valutazione e interpretazione dei risultati. Per raggiungere gli obiettivi previsti nel suo Piano Triennale, OGS si organizza in dipartimenti scientifici che attualmente sono: Dipartimento di Geofisica della Litosfera, Dipartimento di Oceanografia, Dipartimento di Oceanografia Biologica, Dipartimento per lo sviluppo delle Ricerche e delle tecnologie Marine, Centro di Ricerche Sismologiche. ISTITUTO NAZIONALE DI OCEANOGRAFIA E DI GEOFISICA SPERIMENTALE Borgo Grotta Gigante 42/C Sgonico (Trieste) Tel Fax Via Treviso, Udine Tel Fax N. verde / OGS, gruppo GEBA Realizzazione: Alessandro Affatato Designer: Nino Bon Stampa: Stella Trieste

Fig.1 Mappa freatimetrica a scala regionale dell acquifero non confinato dell alta pianura friulana.

Fig.1 Mappa freatimetrica a scala regionale dell acquifero non confinato dell alta pianura friulana. ACTION 2: Banca dati e implementazione del GIS, Definizione delle caratteristiche dei siti potenziali per l applicazione del metodo di RA degli acquiferi con particolare attenzione alla metodologia di

Dettagli

Metodologie geofisiche per la caratterizzazione degli acquiferi. F. Accaino

Metodologie geofisiche per la caratterizzazione degli acquiferi. F. Accaino Metodologie geofisiche per la caratterizzazione degli acquiferi F. Accaino Il metodo di indagine classico per la caratterizzazione idrogeologica di un sito è il campionamento diretto del terreno. Tuttavia,

Dettagli

Zone di Protezione delle acque sotterranee: aree di ricarica nel territorio di pedecollina- pianura della Provincia di Bologna.

Zone di Protezione delle acque sotterranee: aree di ricarica nel territorio di pedecollina- pianura della Provincia di Bologna. Bologna, 29 Maggio 2 0 0 8 Zone di Protezione delle acque sotterranee: aree di ricarica nel territorio di pedecollina- pianura della Provincia di Bologna. Paolo Severi, Luciana Bonzi Servizio Geologico,

Dettagli

Linee guida di progettazione geologica: un esempio in rapporto alla idrogeologia di bassa pianura IL PROGETTO IDRO DELLA PROVINCIA DI VENEZIA

Linee guida di progettazione geologica: un esempio in rapporto alla idrogeologia di bassa pianura IL PROGETTO IDRO DELLA PROVINCIA DI VENEZIA ORDINE DEI GEOLOGI DEL VENETO Venezi a Mestre, 01 febbraio 2014 Linee guida di progettazione geologica: un esempio in rapporto alla idrogeologia di bassa pianura IL PROGETTO IDRO DELLA Valentina Bassan

Dettagli

PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI UN POZZO E PROVE DI PORTATA

PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI UN POZZO E PROVE DI PORTATA E dott. geol. Gianluigi Giannella IL RUOLO DEL GEOLOGO PROGETTISTA Qual è il ruolo del geologo nell esecuzione dei pozzi? Spesso è solo il tramite tra il committente e la ditta di perforazione. Altre volte

Dettagli

ATTIVITÀ 2.02 : Opere necessarie e produzione nuovi dati

ATTIVITÀ 2.02 : Opere necessarie e produzione nuovi dati ATTIVITÀ 2.02 : Opere necessarie e produzione nuovi dati 2.02.4 - Svolgimento di campagne di misura sul campo I dati raccolti all interno del Progetto Eur-eau-pa sono stati organizzati in due differenti

Dettagli

TARH A Mereto: Principale conclusione:

TARH A Mereto: Principale conclusione: TARH Il progetto WARBO è estremamente multidisciplinare, con approcci di discipline diverse come la idrogeologia, geochimica e geofisica. Quindi ci sono applicate investigazione diverse in tutti tre test

Dettagli

Introduzione ai Programmi di intervento per l inquinamento diffuso

Introduzione ai Programmi di intervento per l inquinamento diffuso CONVEGNO Contaminazione delle acque sotterranee e tecnologie innovative di bonifica in Lombardia LUNEDÌ 28 SETTEMBRE 2015, ORE 8.45 17.00 REGIONE LOMBARDIA, PALAZZO PIRELLI AUDITORIUM "GIORGIO GABER«Introduzione

Dettagli

GEOLOGICAL ENGINEERING SRL SERVICE- GEOLOGICAL-ARHEOLOGY-ENGINEERING. BREVE LETTERA DI PRESENTAZIONE DELLA SOCIETA GEOLOGICAL ENGINEERING S.r.l.

GEOLOGICAL ENGINEERING SRL SERVICE- GEOLOGICAL-ARHEOLOGY-ENGINEERING. BREVE LETTERA DI PRESENTAZIONE DELLA SOCIETA GEOLOGICAL ENGINEERING S.r.l. BREVE LETTERA DI PRESENTAZIONE DELLA SOCIETA GEOLOGICAL ENGINEERING S.r.l. La (Servizi - Archeologia - Geologia - Ingegneria) è una società multidisciplinare capace di coniugare le competenze in ambito

Dettagli

il Piano di Tutela delle Acque

il Piano di Tutela delle Acque Direzione centrale ambiente, energia e politiche per la montagna servizio idraulica Gestione delle acque sotterrane e superficiali in Friuli Venezia Giulia il Piano di Tutela delle Acque ing. D. Iervolino

Dettagli

Utilizzo delle risorse idriche sotterranee nella provincia di Treviso

Utilizzo delle risorse idriche sotterranee nella provincia di Treviso Consiglio Nazionale dei Geologi Fino all ultima goccia Forum Nazionale sull Acqua 18 19 ottobre 2011 Utilizzo delle risorse idriche sotterranee nella provincia di Treviso Metodologie di protezione dei

Dettagli

Prof. Alessandro Sbrana Dipartimento di Scienze della Terra, Università di Pisa Energea

Prof. Alessandro Sbrana Dipartimento di Scienze della Terra, Università di Pisa Energea Geo4P Geotermia - Progetto Pilota Piana Pisa Progetto pilota per lo sviluppo di una metodologia innovativa finalizzato alla valutazione quantitativa delle risorse geotermiche a bassissima, bassa e media

Dettagli

MIAPI è l acronimo di: Monitoraggio ed Individuazione delle Aree Potenzialmente Inquinate;

MIAPI è l acronimo di: Monitoraggio ed Individuazione delle Aree Potenzialmente Inquinate; Progetto M.I.A.P.I. MIAPI è l acronimo di: Monitoraggio ed Individuazione delle Aree Potenzialmente Inquinate; Si configura come il nuovo step del progetto MIADRA (Monitoraggio dell impatto ambientale

Dettagli

LE AREE DI RICARICA DEGLI ACQUIFERI PROFONDI: CRITERI PER L IDENTIFICAZIONE E PRIMA INDIVIDUAZIONE

LE AREE DI RICARICA DEGLI ACQUIFERI PROFONDI: CRITERI PER L IDENTIFICAZIONE E PRIMA INDIVIDUAZIONE LE AREE DI RICARICA DEGLI ACQUIFERI PROFONDI: CRITERI PER L IDENTIFICAZIONE E PRIMA INDIVIDUAZIONE DEFINIZIONE DI RICARICA DEGLI ACQUIFERI...2 DEFINIZIONE DI AREE di RICARICA...3 DEFINIZIONE DI FALDE SUPERFICIALI

Dettagli

SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino)

SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino) SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino) Il flusso di calore geotermico Il flusso di calore nel terreno, nella parte più superficiale della crosta terrestre corrispondenti

Dettagli

Silvia Bertoldo sbertoldo@sinergeo.it Luca Vettorello lvettorello@sinergeo.it

Silvia Bertoldo sbertoldo@sinergeo.it Luca Vettorello lvettorello@sinergeo.it 27 marzo 2015 - Verona Open loop systems criteri per la realizzazione delle opere di presa e indagini geologiche ed idrogeologiche finalizzate alla progettazione e al monitoraggio degli impianti Silvia

Dettagli

IN CONDIZIONI OPPORTUNE PUÒ ESSERE DETERMINATO CONTEMPORANEAMENTE ALLE MISURE α/β TOTALE

IN CONDIZIONI OPPORTUNE PUÒ ESSERE DETERMINATO CONTEMPORANEAMENTE ALLE MISURE α/β TOTALE LA RADIOATTIVITÀ NELLE ACQUE POTABILI LOMBARDE: IMPOSTAZIONE DEI CONTROLLI E RISULTATI Rosella Rusconi ARPA Lombardia Dipartimento di Milano PARAMETRI OGGETTO DI CONTROLLO ai sensi del D.L.vo 31/01: TRIZIO

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE ALLEGATO N. 2 LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE Le seguenti linee di indirizzo per la redazione della relazione geologica e relazione

Dettagli

BOZZA DI LINEE GUIDA PER I CONTROLLI RADIOMETRICI SULLE ACQUE POTABILI

BOZZA DI LINEE GUIDA PER I CONTROLLI RADIOMETRICI SULLE ACQUE POTABILI BOZZA DI LINEE GUIDA PER I CONTROLLI RADIOMETRICI SULLE ACQUE POTABILI Maria Teresa Cazzaniga ARPA Lombardia Dipartimento Provinciale di Milano U.O. Agenti Fisici Il Decreto Legislativo 31/2001, recepimento

Dettagli

GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO. Ing. Alessandra Nocilla

GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO. Ing. Alessandra Nocilla GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO Ing. Alessandra Nocilla 1 INTRODUZIONE SCOPO DELLE INDAGINI GEOTECNICHE 1) Gli ingegneri geotecnici non possono scegliere i materiali sui quali sono chiamati a costruire.

Dettagli

GEOSER S.r.l. - Via Basilicata 11-27100 Pavia - PIVA 01779010188 - www.geoser.com

GEOSER S.r.l. - Via Basilicata 11-27100 Pavia - PIVA 01779010188 - www.geoser.com Geoser offre da anni un servizio completo nel settore delle indagini geotecniche e geoambientali. A sostegno di questo servizio propone tutte le indagini finalizzate all individuazione dei parametri geotecnici

Dettagli

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie medie e fini COMUNE INTERESSATO Ostellato INQUADRAMENTO DELL AREA

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie medie e fini COMUNE INTERESSATO Ostellato INQUADRAMENTO DELL AREA TIPOLOGIA DI POLO LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie medie e fini COMUNE INTERESSATO Ostellato INQUADRAMENTO DELL AREA L area è ubicata in località Cavallara presso l abitato di S.Giovanni nel Comune di Ostellato.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL BIENNIO DELL OBBLIGO DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S.

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL BIENNIO DELL OBBLIGO DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL BIENNIO DELL OBBLIGO DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA DOCENTE SCIENTIFICO TECNOLOGICO SCIENZE INTEGRATE

Dettagli

Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico

Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico corpo idrico sotterraneo: del Siracusano meridionale b) Caratteristiche geografiche, geologiche, idrogeologiche Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico Localizzazione geografica L acquifero

Dettagli

Finalità delle indagini e del progetto

Finalità delle indagini e del progetto Caffaro e Brescia I nuovi dati Finalità delle indagini e del progetto Maria Luisa Pastore Brescia, 20 Ottobre 2015 Stato delle conoscenze prima del progetto 2002 2005 2003 2006 Le indagini condotte da

Dettagli

ALIRHYS. Val Maira 17-18 ottobre 2014 San Damiano Macra Acceglio (CN)

ALIRHYS. Val Maira 17-18 ottobre 2014 San Damiano Macra Acceglio (CN) ALIRHYS Banzato C. 1, Bianco F. 1, Fiorucci A. 1, Governa M. 2, Marchionatti F. 1, Menegatti S. 1, Moitre B., Petricig M. 2, Vigna B. 1 1- DIATI Dipartimento di Ingegneria dell Ambiente, del Territorio

Dettagli

Profili professionali

Profili professionali FONDO EUROPEO DI SVILUPPO. Prot N. _143 Rep. n. 9 del 10 gennaio 2014 Procedura di selezione comparativa pubblica per titoli per l affidamento di n. 8 incarichi di collaborazione coordinata e continuativa

Dettagli

Area di crisi idrica della Piana di Lucca: dinamica della falda e simulazioni previsionali

Area di crisi idrica della Piana di Lucca: dinamica della falda e simulazioni previsionali ORDINE DEI GEOLOGI DELLA TOSCANA Convegno: La geologia: Università ed Enti Pubblici Firenze, 14 settembre 2009 Area di crisi idrica della Piana di Lucca: dinamica della falda e simulazioni previsionali

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COSTRUZIONE DI POZZI PER L ESTRAZIONE DI ACQUA SOTTERRANEA

LINEE GUIDA PER LA COSTRUZIONE DI POZZI PER L ESTRAZIONE DI ACQUA SOTTERRANEA LINEE GUIDA PER LA COSTRUZIONE DI POZZI PER L ESTRAZIONE DI ACQUA SOTTERRANEA Le domande di autorizzazione e di concessione per la costruzione di un pozzo devono essere corredate da un progetto preliminare

Dettagli

FIAT AVIO. federico.saporiti@comune.torino.it 1

FIAT AVIO. federico.saporiti@comune.torino.it 1 FIAT AVIO federico.saporiti@comune.torino.it 1 FIAT AVIO federico.saporiti@comune.torino.it 2 FIAT AVIO Settembre 2003 La Regione Piemonte avvia le trattative per l acquisizione dell Area ex Fiat Avio

Dettagli

ARCHEOGEOS S.n.c. di Sandro Cerilli e Piero Sebastiani Del Grande C.F. e P. IVA 10984211002 Sede Sociale Via dei Gerani, 47 00040 ROCCA DI PAPA (RM)

ARCHEOGEOS S.n.c. di Sandro Cerilli e Piero Sebastiani Del Grande C.F. e P. IVA 10984211002 Sede Sociale Via dei Gerani, 47 00040 ROCCA DI PAPA (RM) ARCHEOGEOS S.n.c. di Sandro Cerilli e Piero Sebastiani Del Grande C.F. e P. IVA 10984211002 Sede Sociale Via dei Gerani, 47 00040 ROCCA DI PAPA (RM) Relazione indagini elettromagnetiche con GPR (Ground

Dettagli

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi, non esaustiva, dell intero corso di Idrogeologia tenuto

Dettagli

RILIEVI GEOFISICI NEL CENTRO STORICO DELLA CITTA DI MESAGNE (BR)

RILIEVI GEOFISICI NEL CENTRO STORICO DELLA CITTA DI MESAGNE (BR) RILIEVI GEOFISICI NEL CENTRO STORICO DELLA CITTA DI MESAGNE (BR) LECCE, 13.03.2014 1 PREMESSA Con riferimento all incarico relativo alla campagna di rilievi geofisici effettuati nelle aree colpite da dissesto

Dettagli

La proge&azione dei pozzi per acqua e la tutela delle falde - Il proge&o di Norma UNI

La proge&azione dei pozzi per acqua e la tutela delle falde - Il proge&o di Norma UNI La proge&azione dei pozzi per acqua e la tutela delle falde - Il proge&o di Norma UNI Tavola rotonda sul tema Proge&azione e sostenibilità dei pozzi per lo scambio termico nelle falde padane Ing. Roberto

Dettagli

Parametri tecnici d'influenza nella progettazione e nella realizzazione di sonde geotermiche

Parametri tecnici d'influenza nella progettazione e nella realizzazione di sonde geotermiche Parametri tecnici d'influenza nella progettazione e nella realizzazione di sonde geotermiche Ing. Fabio Minchio, Ph.D. Dott. Geol. Rimsky Valvassori Dimensionamento campo sonde geotermiche verticali Il

Dettagli

Centro per le Biotecnologie e la Ricerca Biomedica, necessarie alla Fondazione Ri.MED. Carini - Palermo CAPITOLATO SPECIALE

Centro per le Biotecnologie e la Ricerca Biomedica, necessarie alla Fondazione Ri.MED. Carini - Palermo CAPITOLATO SPECIALE Affidamento del servizio di redazione degli studi geologici, geotecnici, sismici, idrologici ed idraulici e delle relative indagini in sito e in laboratorio, a supporto delle attività di progettazione

Dettagli

WATERFORLIFE LIFEFORWATER

WATERFORLIFE LIFEFORWATER IMPLEMENTAZIONE DI UNA STRATEGIA PARTECIPATA DI RISPARMIO IDRICO E RICARICA ARTIFICIALE PER IL RIEQUILIBRIO QUANTITATIVO DELLLA FALDA DELL ALTA PIANURA VICENTINA WORKSHOP NAZIONALE Martina Monego Autorità

Dettagli

Banca Dati delle Indagini Geognostiche

Banca Dati delle Indagini Geognostiche Banca Dati delle Indagini Geognostiche tipologia di dati informazioni relative alla localizzazione del punto di indagine metadati informazione sull origine del dato descrizione della stratigrafia tipologia

Dettagli

APPLICAZIONE DELLE TOMOGRAFIE ELETTRICHE IN FORO PER L INDIVIDUAZIONE DI CAVITÀ IN AREE URBANIZZATE

APPLICAZIONE DELLE TOMOGRAFIE ELETTRICHE IN FORO PER L INDIVIDUAZIONE DI CAVITÀ IN AREE URBANIZZATE Cavità antropiche: aspetti tecnici per il recupero e la valorizzazione APPLICAZIONE DELLE TOMOGRAFIE ELETTRICHE IN FORO PER L INDIVIDUAZIONE DI CAVITÀ IN AREE URBANIZZATE (Geol. Pietro Pepe Geol. Maria

Dettagli

9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO

9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO 9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO ART. 1 Il Comune di Capergnanica è tenuto ad informare i Soggetti Attuatori delle previsioni dello strumento urbanistico, denominato Piano di Governo del Territorio (P.G.T.),

Dettagli

Modello matematico di flusso nei sistemi acquiferi dei territori dell Autorità d Ambito Territoriale Ottimale ATO BRENTA :

Modello matematico di flusso nei sistemi acquiferi dei territori dell Autorità d Ambito Territoriale Ottimale ATO BRENTA : Modello matematico di flusso nei sistemi acquiferi dei territori dell Autorità d Ambito Territoriale Ottimale ATO BRENTA : La pianificazione del fabbisogno e dell utilizzo della risorsa idrica nel PROGETTO

Dettagli

Dipartimento di Fisica Programmazione classi seconde Anno scolastico2010-2011

Dipartimento di Fisica Programmazione classi seconde Anno scolastico2010-2011 Liceo Tecnico Chimica Industriale Meccanica Elettrotecnica e Automazione Elettronica e Telecomunicazioni Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Volta Via Assisana, 40/E - loc. Piscille - 06087

Dettagli

Procedura di Valutazione Interna

Procedura di Valutazione Interna LIFE Project Number Inception Report - ANNEX Covering the project activities from 01/01/2012 to 31/08/2012 Reporting Date LIFE+ PROJECT NAME or Acronym

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

Comune di Brusson RELAZIONE TECNICA SULLE ATTIVITA D INDAGINE GEOFISICA (GEOELETTRICA E GEOSISMICA)

Comune di Brusson RELAZIONE TECNICA SULLE ATTIVITA D INDAGINE GEOFISICA (GEOELETTRICA E GEOSISMICA) Comune di Brusson Regione Autonoma Valle d Aosta PROGETTO: RIQUALIFICAZIONE DEL CENTRO STORICO DEL CAPOLUOGO E COSTRUZIONE DELLA NUOVA SEDE DEL. CIG Z740611C RELAZIONE TECNICA SULLE ATTIVITA D INDAGINE

Dettagli

RELAZIONE DELLA I FASE DELLA RICERCA

RELAZIONE DELLA I FASE DELLA RICERCA CONVENZIONE DI RICERCA PER LA REDAZIONE DELLA MAPPA DEL RISCHIO SISMICO REGIONALE AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE RELAZIONE DELLA I FASE DELLA RICERCA Premessa Il presente rapporto viene redatto alla chiusura

Dettagli

M E T O D O L O G I A D I A N A L I S I

M E T O D O L O G I A D I A N A L I S I SEDE OPERATIVA STRADA CAVEDOLE 12/C 41126 PORTILE (MO) STUDIO GEOLOGICO E AMBIENTALE TEL E FAX +39 059 784335 CELL +39 339 8179913 DOTT.SSA CLAUDIA BORELLI e mail c.borelli@studio-borelli.191.it P. IVA

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI

PROTOCOLLO D INTESA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI PROTOCOLLO D INTESA TRA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI Per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti di stazioni radio base Vista la legge del 22 febbraio

Dettagli

PORTES OUVERTES AUX PÉPINIÈRES 13 dicembre - Sala Cogne delle Pépinières di Aosta

PORTES OUVERTES AUX PÉPINIÈRES 13 dicembre - Sala Cogne delle Pépinières di Aosta PORTES OUVERTES AUX PÉPINIÈRES 13 dicembre - Sala Cogne delle Pépinières di Aosta APPLICAZIONI GEOFISICHE PER L ESPLORAZIONE DEL SOTTOSUOLO E LA DIAGNOSTICA DELLE STRUTTURE Tripoli (Libia) new building

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER IL CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA DINAMICA DEI LITORALI PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL CRSDL

PROTOCOLLO DI INTESA PER IL CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA DINAMICA DEI LITORALI PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL CRSDL PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL CRSDL CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA TRA PROVINCIA DI GROSSETO PROVINCIA DI LIVORNO PROVINCIA DI LUCCA PROVINCIA DI MASSA - CARRARA PROVINCIA DI PISA COMUNE

Dettagli

GIANLUCA NASCIMBENE. geologo

GIANLUCA NASCIMBENE. geologo GIANLUCA NASCIMBENE geologo LA SOCIETA Grazie ad un organico di circa 10 dieci unità, fra operai, quadri ed impiegati ed una disponibilità di mezzi di perforazione,, fra cui: n. 4 sonde perforatrici n.

Dettagli

Pianificazione del monitoraggio di un sito in terraferma: l esperienza italiana a Cortemaggiore e Besenzone

Pianificazione del monitoraggio di un sito in terraferma: l esperienza italiana a Cortemaggiore e Besenzone Pianificazione del monitoraggio di un sito in terraferma: l esperienza italiana a Cortemaggiore e Besenzone B. Boiardi eni e&p Seminario "Il Monitoraggio della CCS" Osservatorio CCS Roma, 3 febbraio 2012

Dettagli

Indagine di Tomografia Elettrica

Indagine di Tomografia Elettrica Indagine di Tomografia Elettrica 1. DESCRIZIONE DEL METODO La tomografia elettrica è utilizzata a supporto di altri metodi geofisici nell investigazione delle strutture sepolte e nella ricerca di acque

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA Standard minimo per la Relazione Geologica ai sensi delle NTC08 Il Consiglio Nazionale dei Geologi, con la deliberazione n. 209/2010, ha approvato il documento che

Dettagli

PRIMI RISULTATI DEL PROGETTO RADON PRONE AREAS IN FRIULI VENEZIA GIULIA: DISTRIBUZIONE SPAZIALE, PARAMETRI EDILIZI E ASPETTI GEOLOGICI

PRIMI RISULTATI DEL PROGETTO RADON PRONE AREAS IN FRIULI VENEZIA GIULIA: DISTRIBUZIONE SPAZIALE, PARAMETRI EDILIZI E ASPETTI GEOLOGICI PRIMI RISULTATI DEL PROGETTO RADON PRONE AREAS IN FRIULI VENEZIA GIULIA: DISTRIBUZIONE SPAZIALE, PARAMETRI EDILIZI E ASPETTI GEOLOGICI 5160000 5140000 5120000 5100000 5080000 5060000 12 11.5 11 10.5 10

Dettagli

LA NOSTRA STORIA DI SINERGIA CON TERRA, ACQUA E AMBIENTE

LA NOSTRA STORIA DI SINERGIA CON TERRA, ACQUA E AMBIENTE TERRACQUAMBIENTE LA NOSTRA STORIA DI SINERGIA CON TERRA, ACQUA E AMBIENTE Fondata nel 1992, Sinergeo è una struttura indipendente con sede a Vicenza. Essa riunisce figure professionali altamente qualificate,

Dettagli

Rovereto, 18 giugno 2010. Workshop

Rovereto, 18 giugno 2010. Workshop Rovereto, 18 giugno 2010 Workshop UN MONDO A PUNTI L APPLICAZIONE GEOFISICA INTEGRATA AL RILIEVO TOPOGRAFICO DI PRECISIONE AL SERVIZIO DELL INDAGINE AMBIENTALE E ARCHITETTONICA Presentazioni in museo e

Dettagli

GPR - Metodologia e applicazioni

GPR - Metodologia e applicazioni GPR - Metodologia e applicazioni La metodologia geofisica G.P.R. (Ground Penetrating Radar) permette di investigare sulla struttura e sulla composizione del sottosuolo attraverso l analisi delle riflessioni

Dettagli

S.G.M. geologia e ambiente. ingegneria ambientale

S.G.M. geologia e ambiente. ingegneria ambientale S.G.M. geologia e ambiente ingegneria ambientale S.G.M. Geologia e Ambiente INGEGNERIA AMBIENTALE GESTIONE DEI RIFIUTI S.G.M. Geologia e Ambiente offre un ampia gamma di servizi specifici per le problematiche

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA per la bonifica DEL SITO DI INTERESSE NAZIONALE MASSA E CARRARA

ACCORDO DI PROGRAMMA per la bonifica DEL SITO DI INTERESSE NAZIONALE MASSA E CARRARA Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Regione Toscana Provincia di Massa Carrara Comune di Massa Comune di Carrara Arpa Toscana Associazion edegli industriali di Massa e Carrara

Dettagli

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO SECONDA SESSIONE 2012 PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1 Aspetti geologici, minero-petrografici e normativi relativi alle attività

Dettagli

MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO. Geol. Fabio Garbin

MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO. Geol. Fabio Garbin MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO Geol. Fabio Garbin Preparazione all Esame di Stato, Roma 8 aprile 2011 Riferimenti Normativi essenziali D.M. 14.01.2009: Approvazione delle nuove Norme Tecniche sulle

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010 DIRETTIVE PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE, GEOTECNICHE E SISMICHE AI SENSI DELLE NTC, D.M. 14.01.2008, E DELLA NORMATIVA NAZIONALE E PROVINCIALE COLLEGATA DOCUMENTO DI SINTESI Trento, Bolzano,

Dettagli

S.I.A. Società Italiana per l Ambiente STUDI, PROGETTAZIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE - GEOLOGIA APPLICATA AUDIT - SITI CONTAMINATI - WEB GIS

S.I.A. Società Italiana per l Ambiente STUDI, PROGETTAZIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE - GEOLOGIA APPLICATA AUDIT - SITI CONTAMINATI - WEB GIS S.I.A. Società Italiana per l Ambiente STUDI, PROGETTAZIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE - GEOLOGIA APPLICATA AUDIT - SITI CONTAMINATI - WEB GIS EXPERTISE STUDI, PROGETTAZIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE Progettazione

Dettagli

UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DI TUTELA DEL TERRITORIO DEL PIANO ASSETTO IDROGEOLOGICO BACINO OMBRONE- SCALA 1:10.000 TAVOLA 3

UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DI TUTELA DEL TERRITORIO DEL PIANO ASSETTO IDROGEOLOGICO BACINO OMBRONE- SCALA 1:10.000 TAVOLA 3 UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DI TUTELA DEL TERRITORIO DEL PIANO ASSETTO IDROGEOLOGICO BACINO OMBRONE- SCALA 1:10.000 TAVOLA 3 TAVOLA 4 UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DELLA PERICOLOSITA' GEOLOGICA DEL PIANO

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

m a r c i @ g e o. u n i b a. i t - d. g a l l o @ g e o. u n i b a. i t - m a r c i @

m a r c i @ g e o. u n i b a. i t - d. g a l l o @ g e o. u n i b a. i t - m a r c i @ Indagini non invasive ad alta risoluzione (Geofisica e Remote Sensing) finalizzate alla Ricerca Archeologica e alla Tutela del Territorio Marcello Ciminale, marci@geo.uniba.it Danilo Gallo, d.gallo@geo.uniba.it

Dettagli

Siti contaminati: rischi ambientali, tecniche e costi di risanamento

Siti contaminati: rischi ambientali, tecniche e costi di risanamento Consulta provinciale dei Geologi di Parma 22 Giugno 2011 Siti contaminati: rischi ambientali, tecniche e costi di risanamento Dott. Geol. Giovanni Dondi (ECOVIVA S.a.s.).) ECOVIVA S.a.s. Via Passo della

Dettagli

Settore Idrologia (monitoraggio acque)

Settore Idrologia (monitoraggio acque) Settore Idrologia (monitoraggio acque) Applicazione Potenziale cliente Prodotto Foto applicazione Monitoraggio livello idrometrico acque sotterranee, falde freatiche, pozzi, piezometri all interno di tombini,

Dettagli

6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano

6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano 6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano Art. 1 Finalità generali del Piano 1. Il presente Piano costituisce piano stralcio di bacino ai sensi del c.6 ter dell art.17

Dettagli

Componenti: Domenico De Luca, Manuela Lasagna, Paolo Clemente, Elisa Franchino, Giovanna Dino

Componenti: Domenico De Luca, Manuela Lasagna, Paolo Clemente, Elisa Franchino, Giovanna Dino Ambito della ricerca: Contaminazione delle acque sotterranee Tema della ricerca: Identificazione delle condizioni di stress delle risorse idriche sotterranee connesse a contaminazioni diffuse, in particolar

Dettagli

L'utilizzo della modellistica idrologica ed idrodinamica da parte del sistema delle Agenzie Ambientali RISULTATI DELL'ATTIVITÀ DI RICOGNIZIONE

L'utilizzo della modellistica idrologica ed idrodinamica da parte del sistema delle Agenzie Ambientali RISULTATI DELL'ATTIVITÀ DI RICOGNIZIONE SIMULARE CONVIENE! I modelli ambientali strumento di previsione e pianificazione L'utilizzo della modellistica idrologica ed idrodinamica da parte del sistema delle Agenzie Ambientali RISULTATI DELL'ATTIVITÀ

Dettagli

Gli acquiferi costieri della Regione Emilia-Romagna. Paolo Severi Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli - Regione Emilia-Romagna

Gli acquiferi costieri della Regione Emilia-Romagna. Paolo Severi Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli - Regione Emilia-Romagna Gli acquiferi costieri della Regione Emilia-Romagna Paolo Severi Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli - Regione Emilia-Romagna Acquiferi nella pianura costiera emiliano romagnola Acquiferi alluvionali

Dettagli

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ]

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ] Idrogeologia Oltre alle proprietà indici del terreno che servono a classificarlo e che costituiscono le basi per utilizzare con facilità l esperienza raccolta nei vari problemi geotecnici, è necessario

Dettagli

IL MODELLO MATEMATICO DEL FLUSSO IDRICO NEGLI ACQUIFERI

IL MODELLO MATEMATICO DEL FLUSSO IDRICO NEGLI ACQUIFERI Studio della conoide alluvionale del Fiume Taro per la realizzazione di un modello idrogeologico per la gestione sostenibile delle risorse idriche IL MODELLO MATEMATICO DEL FLUSSO IDRICO NEGLI ACQUIFERI

Dettagli

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA TIPOLOGIA DI POLO LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA L area è ubicata a nord degli abitati di Porotto e Cassana, nel Comune di Ferrara, confina a nord

Dettagli

SUMMER SCHOOL 2013 INNOVATIVE TECHNOLOGIES FOR THE SUSTAINABLE MANAGEMENT AND POLLUTION REDUCTION OF WATER RESOURCES

SUMMER SCHOOL 2013 INNOVATIVE TECHNOLOGIES FOR THE SUSTAINABLE MANAGEMENT AND POLLUTION REDUCTION OF WATER RESOURCES SUMMER SCHOOL 2013 INNOVATIVE TECHNOLOGIES FOR THE SUSTAINABLE MANAGEMENT AND POLLUTION REDUCTION OF WATER RESOURCES Ferrara, 2 6 settembre 2013 Via saragat, 1 (Ferrara) Metodologie di perforazione e misure

Dettagli

INDAGINI ED INTERVENTI PER LA BONIFICA DELLE VECCHIE DISCARICHE. Dipartimento IMAGE, Università di Padova

INDAGINI ED INTERVENTI PER LA BONIFICA DELLE VECCHIE DISCARICHE. Dipartimento IMAGE, Università di Padova INDAGINI ED INTERVENTI PER LA BONIFICA DELLE VECCHIE DISCARICHE Dipartimento IMAGE, Università di Padova Indagini conoscitive per la bonifica delle vecchie discariche analisi della situazione ambientale

Dettagli

Premessa 23/05/2014 2

Premessa 23/05/2014 2 Regione Toscana NORMATIVA sulla DIFESA DEL SUOLO Legge Reg. 27 dicembre 2012 n. 79 Nuova Disciplina in materia di Consorzi di bonifica. Modifiche (Ver. alla l.r. 69/2008 e alla l.r. 91/98. 1.0) Abrogazione

Dettagli

AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO

AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO Soluzioni per la tutela, la gestione e la valorizzazione del patrimonio naturale Pianificazione sostenibile significa individuare soluzioni per la gestione e la tutela delle

Dettagli

510.624. Ordinanza sulla geologia nazionale (OGN) Sezione 1: Disposizioni generali. del 21 maggio 2008 (Stato 1 luglio 2008)

510.624. Ordinanza sulla geologia nazionale (OGN) Sezione 1: Disposizioni generali. del 21 maggio 2008 (Stato 1 luglio 2008) Ordinanza sulla geologia nazionale (OGN) 510.624 del 21 maggio 2008 (Stato 1 luglio 2008) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 5, 6, 9 capoverso 2, 12 capoverso 2, 15 capoverso 3, 19 capoverso

Dettagli

Direzione Agricoltura LINEE GUIDA PER IL MONITORAGGIO DEL SUOLO SU SUPERFICI AGRICOLE DESTINATE AD IMPIANTI FOTOVOLTAICI A TERRA.

Direzione Agricoltura LINEE GUIDA PER IL MONITORAGGIO DEL SUOLO SU SUPERFICI AGRICOLE DESTINATE AD IMPIANTI FOTOVOLTAICI A TERRA. Direzione Agricoltura LINEE GUIDA PER IL MONITORAGGIO DEL SUOLO SU SUPERFICI AGRICOLE DESTINATE AD IMPIANTI FOTOVOLTAICI A TERRA. Introduzione La realizzazione di campi fotovoltaici sul suolo agrario sta

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

LE BANCHE DATI. del Servizio Geologico Provinciale. di VENEZIA

LE BANCHE DATI. del Servizio Geologico Provinciale. di VENEZIA LE BANCHE DATI del Servizio Geologico Provinciale di VENEZIA Servizio Geologico Provinciale DIPENDENTI Andrea Vitturi (dirigente del Settore) Valentina Bassan (funzionario tecnico geologo) responsabile

Dettagli

Circolare n. 1 del 6 ottobre 2009 O.G.B.

Circolare n. 1 del 6 ottobre 2009 O.G.B. Circolare n. 1 del 6 ottobre 2009 O.G.B. ISTRUZIONI TECNICHE PER L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI CONTROLLI - REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLA L.R. 6 AGOSTO 1997 N. 38 - NORME PER L ESERCIZIO

Dettagli

AUTUNNO 2011 Corpo idrico N. totale stazioni

AUTUNNO 2011 Corpo idrico N. totale stazioni AUTUNNO 2011 La qualità delle acque di transizione del Veneto è controllata, per conto della Regione, dal Settore Acque di ARPAV. Nella mappa riportata in Figura 1 sono indicati i corpi idrici di transizione

Dettagli

TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI.

TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI. TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI. PRECISAZIONI Il presente documento nasce dalla pressante richiesta di iscritti

Dettagli

Piano operativo del sub-progetto WALL

Piano operativo del sub-progetto WALL Piano operativo del sub-progetto WALL Titolo attività Regioni italiane responsabili Regioni italiane Titolo sotto-attività Descrizione Durata (mesi) Ubicazione attività Partner locali SOTTOATTIVITA 1.1

Dettagli

LA RETE DI MONITORAGGIO DELLE RISORSE IDRICHE SOTTERRANEE PUGLIESI

LA RETE DI MONITORAGGIO DELLE RISORSE IDRICHE SOTTERRANEE PUGLIESI GEOLOGI e TERRITORIO Periodico dell Ordine dei Geologi della Puglia - Supplemento al n. 1/2004 89 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLE RISORSE IDRICHE SOTTERRANEE PUGLIESI Contenuti di un ipotetico Progetto Tiziano

Dettagli

I MODELLI NUMERICI NEI PROGETTI DI BONIFICA. POTENZIALITA E LIMITI. INTERFACCIA CON LA SPERIMENTAZIONE A SCALA DI SITO PILOTA

I MODELLI NUMERICI NEI PROGETTI DI BONIFICA. POTENZIALITA E LIMITI. INTERFACCIA CON LA SPERIMENTAZIONE A SCALA DI SITO PILOTA I MODELLI NUMERICI NEI PROGETTI DI BONIFICA. POTENZIALITA E LIMITI. INTERFACCIA CON LA SPERIMENTAZIONE A SCALA DI SITO PILOTA Riflessioni sul tema Marco Bersano Begey DHI Italia - Modellista, responsabile

Dettagli

L idrogeologia di Milano in una slide (!!!)

L idrogeologia di Milano in una slide (!!!) La Rete Civica di Controllo delle Acque di Falda Dott.ssa Annalisa Gussoni Dott. Alessandro Ummarino http://projectfoks.eu L idrogeologia di Milano in una slide (!!!) L idrogeologia di Milano in una slide

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

Geotermia Progetto Pilota Piana Pisa Geo4P

Geotermia Progetto Pilota Piana Pisa Geo4P Geotermia Progetto Pilota Piana Pisa Geo4P Progetto pilota per lo sviluppo di una metodologia innovativa finalizzato alla valutazione quantitativa delle risorse geotermiche a bassissima, bassa e media

Dettagli

RICARICA DELLA FALDA: I POZZI BEVITORI

RICARICA DELLA FALDA: I POZZI BEVITORI RICARICA DELLA FALDA: I POZZI BEVITORI Ing. Battistello Gianfranco Direttore Consorzio di bonifica Alta Pianura Veneta CONFERENZA ORGANIZZATIVA A.N.B.I. 2013 ALGHERO, 8-10 MAGGIO 2013 Limiti amministrativi

Dettagli

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio VIA SOLFERINO N 55-25121 - BRESCIA www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it Tel. 030-3757406 Fax 030-2899490 1 2 3 INDICE 1 Generalità pag. 04 2 Il comparto

Dettagli

LA MODELLISTICA APPLICATA ALL AREA ZINGONIA

LA MODELLISTICA APPLICATA ALL AREA ZINGONIA LA MODELLISTICA APPLICATA ALL AREA ZINGONIA Marco Masetti Dipartimento di Scienze della Terra Università degli Studi di Milano E-mail: marco.masetti@unimi.it Ubicazione area di studio: Zingonia Sezioni

Dettagli

Innovazione, tecnologia e sviluppo sostenibile del territorio: Le pompe di calore geotermiche

Innovazione, tecnologia e sviluppo sostenibile del territorio: Le pompe di calore geotermiche Convegno ASSISTAL Innovazione, tecnologia e sviluppo sostenibile del territorio: Le pompe di calore geotermiche Ing. Domenico Savoca Regione Lombardia, Direzione Generale Qualità dell Ambiente Rho, 14

Dettagli

RELAZIONE DI RIFERIMENTO D.M. 272/14

RELAZIONE DI RIFERIMENTO D.M. 272/14 RELAZIONE DI RIFERIMENTO D.M. 272/14 UNA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA AMBIENTALE Con il D.M. n.272/2014 e il D.lgs n.46/2014 l Italia ha accolto le indicazioni normative provenienti dalla Direttiva Europea

Dettagli

PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE

PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE RILEVAZIONE DEI FATTORI METEO-CLIMATICI E IDROLOGICI PER IL CALCOLO DEL BILANCIO IDRICO DEGLI ACQUIFERI PREMESSA Con riferimento a quanto indicato

Dettagli

Presentazione della relazione finale progetto A.G.I.R.E. POR

Presentazione della relazione finale progetto A.G.I.R.E. POR Presentazione della relazione finale progetto A.G.I.R.E. POR Convenzione n. 1 del 19/10/2005 PROGETTO A.G.I.R.E. POR Gemellaggio tra: Offerenti: ARPA Emilia Romagna ed ARPA Piemonte Beneficiaria: ARPA

Dettagli