Come riorganizzare le attività nell ambito dello screening mammografico: l esempio della ASL di Mantova

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Come riorganizzare le attività nell ambito dello screening mammografico: l esempio della ASL di Mantova"

Transcript

1 CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER DIRIGENTI DI STRUTTURA COMPLESSA AREA TERRITORIALE ANNO 2012 Come riorganizzare le attività nell ambito dello screening mammografico: l esempio della ASL di Mantova Autore: Anghinoni Emanuela ID 7351 Docente: Foglia Emanuela Elaborato nell ambito del corso per Dirigenti di Struttura Complessa Area Territoriale realizzato in collaborazione con l Università Carlo Cattaneo LIUC e l Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna

2 Non chi comincia ma quel che persevera (motto della nave scuola Amerigo Vespucci) 1

3 INDICE INTRODUZIONE PAG 3 CAPITOLO 1: LA PREVENZIONE DEI TUMORI PAG I programmi di screening e il contesto normativo PAG I programmi di screening mammografico di Regione Lombardia PAG I programmi di screening attivi nella ASL di Mantova PAG il programma di screening mammografico ASL di Mantova: l organizzazione PAG14 CAPITOLO 2: OBIETTIVI DI PROGETTO PAG L esistente: punti di forza e di criticità PAG Le ipotesi innovative: da dove nascono PAG le ipotesi innovative: cosa propongono PAG27 CAPITOLO 3: I RISULTATI PAG Analisi dei risultati attesi PAG Valutazione della sostenibilità PAG32 CONCLUSIONI PAG34 LEGENDA DELLE SIGLE E DEI TERMINI PAG36 ALLEGAT1 PAG40 BIBLIOGRAFIA&RINGRAZIAMENTI PAG43 2

4 INTRODUZIONE Questo lavoro rappresenta un reale percorso di innovazione tecnologica applicato alla gestione organizzativa del programma di screening mammografico in una delle 15 ASL di Regione Lombardia. In provincia di Mantova, dal febbraio 2001 viene offerta la possibilità di effettuare la mammografia di screening alla popolazione femminile in età compresa tra anni, inserita nel database dell anagrafe degli assistiti. Il modello organizzativo, studiato oltre una decina di anni fa, pur avendo consentito di raggiungere integrazione tra le varie strutture coinvolte e adeguati livelli di diffusione territoriale, si offre per poter essere ripensato e riorganizzato alla luce degli avanzamenti tecnologici di cui possiamo disporre. I programmi di screening rappresentano un esempio importante di possibile integrazione di attività territoriali (in capo alle ASL) e ospedaliere e, nell ambito di queste ultime, di integrazione tra strutture pubbliche e private accreditate per l erogazione di prestazioni in nome e per conto del SSN. In un modello così complesso ed articolato, risulta oltremodo difficile poter procedere a cambiamenti ed innovazioni che vanno in qualche modo a modificare equilibri stabilizzati nel tempo e a mettere in gioco allocazione di risorse a favore di un progetto che non appartiene a nessuno degli Enti coinvolti, ma che vede allo stesso tempo ogni Ente coinvolto attivamente. Nel lavoro che viene presentato sarà descritta anche la modalità con cui si è pensato di sostenere economicamente il progetto innovativo, valorizzando e investendo su ciò che oggi è già esistente. Un adeguato utilizzo delle tecnologie e una robusta struttura organizzativa, unita all esperienza degli operatori sanitari coinvolti nelle diverse fasi di questo processo, consentiranno, di portare a una serie di miglioramenti sul piano dell efficienza, della tracciabilità e della sicurezza di gestione dei flussi informatizzati a parità di performance sanitaria. 3

5 4

6 Capitolo 1 La Prevenzione dei tumori 1.1 I programmi di screening e il contesto normativo I programmi di screening per la prevenzione e/o diagnosi precoce dei tumori rappresentano, nel caso della cervice uterina, mammella e colon retto, lo strumento di dimostrata efficacia per ridurre la mortalità o l incidenza sede specifica delle neoplasie maligne che colpiscono questi organi. Negli ultimi dieci anni l evidente efficacia dei programmi di screening oncologici ha portato le istituzioni, nazionali e internazionali, a considerare questa pratica un elemento fondamentale per tutelare la salute dei cittadini e per alleggerire la spesa relativa alla sanità pubblica. Su questa consapevolezza si è sviluppata un ampia normativa che, con leggi, indicazioni, raccomandazioni, documenti strategici, descrive i programmi di screening e fornisce i criteri e gli indicatori che ne definiscono la qualità. Già nel 2001, nel Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 29 novembre dal titolo: Definizione dei livelli essenziali di assistenza si definiscono i programmi di screening tra le azioni rivolte alla prevenzione rivolta alle persone. Nel triennio , il Piano Nazionale della Prevenzione (PNP) ha rappresentato, con la sua concezione articolata e la sua portata innovativa, un opportunità concreta di attivare percorsi per attuare interventi efficaci nell area della prevenzione e raggiungere obiettivi di salute comuni. Da una parte le Regioni sono state chiamate a sperimentarsi nella loro capacità ideativa, progettuale e realizzativa, dall'altra Ministero della Salute e Ccm (si veda legenda) hanno ripensato il proprio ruolo per gestire il coordinamento del Piano, portarlo al successo e farne una risorsa e un investimento per il sistema sanitario. Il Piano identifica quattro ambiti di azione: 5

7 la prevenzione della patologia cardiovascolare (incluse la prevenzione delle complicanze del diabete e dell obesità) gli screening oncologici le vaccinazioni la prevenzione degli incidenti. Coerentemente, Regione Lombardia, produce atti e alloca risorse che daranno, nel decennio appena trascorso, grande propulsione ai programmi di prevenzione oncologica (http://www.regione.lombardia.it). Di seguito, una breve sintesi delle tappe principali. Piani Oncologici Regionali avvio e potenziamento dei programmi di screening Linee guida specifiche 2001 Linee d indirizzo per garantire approccio omogeneo Finanziamento Dal 2005 prevista contrattazione con Aziende Ospedaliere ed esplicitazione dei volumi di attività richiesti Dal 2009 remunerazione extrabudget sia per il test di screening che per alcune prestazioni di secondo livello, esplicitando i volumi le restanti prestazioni (=quota protetta di attività ambulatoriale specialistica) Obiettivi di sistema per i direttori generali estensione effettiva > 90%; adesione > 60% e rispetto degli intervalli di round Qualità Qualità dei programmi di screening in Regione Lombardia raccomandazioni (ddgsan 7248/2007) standardizzazione requisiti e cruscotto indicatori 6

8 1.2 I programmi di screening mammografico di Regione Lombardia La prevenzione/diagnosi precoce dei tumori con evidenza di efficacia, riguarda la patologia oncologica che colpisce la mammella e la cervice uterina nelle donne e il colon retto in entrambi i generi. In Regione Lombardia, trattando specificatamente dello screening mammografico, alcune ASL si sono attivate già negli anni 2000, e nel 2006 tutta la Regione offriva la possibilità di effettuare, gratuitamente e su invito, la mammografia bilaterale in doppia proiezione (latero-laterale e cranio-caudale) per la diagnosi precoce del carcinoma della mammella. Di seguito una sintesi di quanto accade in tutta la regione: Target Donne tra anni (circa ) Programmi 15 ( TUTTE LE ASL DELLA REGIONE ) Test di screening Invito / sollecito/ esito negativo Mammografia bilaterale in doppia proiezione con lettura in doppio Lettera spedita a casa Esito positivo comunicazione telefonica da parte del personale Centri di lettura 100 Radiologi lettori ( di cui certificati ) 200 (156) 1600 mammografie/anno Sistema informatico Software gestionali a record individuali Flusso informativo Prestazioni nell ambito della specialistica ambulatoriale reportistica annuale seconde regole Osservatorio Nazionale Screening 1 1 Si veda Legenda inserita a pagina 34 7

9 Di seguito, una mappatura della dislocazione delle radiologie coinvolte nei programmi di screening delle ASL lombarde: DISLOCAZIONE GEOGRAFICA DELLE RADIOLOGIE COINVOLTE NEI PROGRAMMI DI SCREENING 4 2 (VC) 8 8 MI1 10 MIC 9 6 MzBz MI In questo lavoro, ci si vuole occupare soprattutto dell assetto riorganizzativo che coinvolgerà le 7 radiologie che fanno capo a 5 diverse Aziende Ospedaliere. 8

10 1.3 I programmi di screening attivi nella ASL di Mantova In provincia di Mantova sono attivi i tre programmi di screening con evidenza di efficacia. Complessivamente la ASL di Mantova ha un bacino d utenza di oltre assistiti e il 43% dei cittadini utenti è coinvolto in almeno uno dei tre programmi, per età e/o per genere (dati aggiornati al giugno 2012). Nella tabella che segue, una sintesi dell offerta di diagnosi precoce e prevenzione per i mantovani: Programma di screening Popolazione obiettivo Tipo di test intervallo tra due test N assistiti (anno di avvio) (AGG.06/2012) negativi coinvolti per la mammella (2001) donne anni per la cervice uterina donne (1986) anni per il colon-retto (2005) donne e uomini anni mammografia 2 anni Pap-test 3 anni Ricerca del sangue 2 anni occulto fecale (SOF) L ASL coinvolge attivamente tutte le aziende erogatrici per consentire una capillare presenza di opportunità per i cittadini in tutti i quattro distretti sociosanitari in cui è organizzato il territorio. Nella cartina seguente, sono individuate le Aziende a contratto della ASL: Azienda Ospedaliera Carlo Poma, con i Presidi di Mantova, Asola, Bozzolo e Pieve; Ospedale San Pellegrino di Castiglione delle Stiviere; Ospedale Montecchi di Suzzara, Casa di Cura San Clemente; Ospedale Oglio Po. 9

11 Esula dalle finalità di questo lavoro entrare nel dettaglio di offerta di prevenzione per le tre linee di screening, per cui, da questo punto in poi, si farà riferimento esclusivamente al programma di screening per la diagnosi precoce dei tumori della mammella, di cui si espone, in questa tesi, un modello di riorganizzazione in corso di realizzazione. 1.4 Il programma di screening mammografico ASL di Mantova: generalità La diagnosi precoce dei tumori della mammella in provincia di Mantova nasce con uno studio di fattibilità che, dopo oltre un anno di lavoro, nel 1999 arriva ad individuare un modello organizzativo e a stimare i costi di realizzazione. Evidenza documentale del progetto è disponibile sul sito della ASL di Mantova (http://www.aslmn.it/docs_file/t_scom_mammografia_fattib.pdf). Frontespizio del progetto di fattibilità dello screening 10

12 L attività, di fatto, ha inizio nel febbraio 2001, partendo da uno dei distretti della ASL (Guidizzolo) per poi espandersi nel giro di un semestre (luglio 2001) a tutta la provincia. Il programma è rivolto alle donne iscritte nell anagrafe assistiti della ASL, in età compresa tra anni, che non risultano aver avuto interventi alla mammella per patologia oncologica. Di seguito una tabella ed un grafico che mostrano la distribuzione per età della popolazione target: fascia d'età N DONNE % SUL TOTALE % % % % totale % A partire dal 2001, ogni biennio l intera popolazione target viene invitata ad eseguire la mammografia di screening, con una lettera personalizzata, che contiene un appuntamento prefissato modificabile (vedi allegato 1). Le donne che aderiscono 11

13 all invito e che effettuano la mammografia, nel 93% dei casi ricevono a casa la risposta che certifica la negatività del test (allegato 2). Nella percentuale residuale dei casi (6%) la donna viene chiamata telefonicamente per effettuare una serie di accertamenti. Ogni anno vengono effettuate circa mammografie di screening e circa 900 donne effettuano qualche tipo di accertamento per dubbio mammografico. Tra queste, con la variabilità attesa di ogni anno, circa avranno confermata la diagnosi di tumore maligno e subiranno l intervento chirurgico che nell 85-90% dei casi è di tipo conservativo(*). In Provincia di Mantova, da una recente valutazione dell Osservatorio Epidemiologico della ASL, risulta che il tasso di incidenza standardizzato sia di 101,9X donne e che, in termini assoluti, ogni anno siano circa 400 le nuove diagnosi di tumore della mammella, in tutte le età della donna. Tra queste, dunque, circa un quarto sono nella fascia d età di screening e si individuano durante gli accertamenti a cui fa seguito l esame mammografico di sospetto. Nella cartina seguente, si riporta la distribuzione dei tassi di incidenza per distretto (vedasi le analisi sono a cura dell OE ASL di Mantova) Una ulteriore analisi ha portato a verificare un primo effetto sulla mortalità, separando i livelli di sopravvivenza prima e dopo l introduzione dello screening mammografico. 12

14 SOPRAVVIVENZA a 5 anni prima dello screening a 1 anno dalla diagnosi = 97% a 3 anni dalla diagnosi = 90% a 5 anni dalla diagnosi = 85% dopo lo screening a 1 anno dalla diagnosi = 97% a 3 anni dalla diagnosi = 91% a 5 anni dalla diagnosi = 87% Relative survival (%) Years since diagnosis Women Female Italy OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO Oltre ai risultati epidemiologici, utilizzando gli applicativi gestionali di screening è possibile elaborare alcuni indici avere un monitoraggio di performance dello screening : Screening mammografico MANTOVA INDICATORE GISMa 2 Tasso di adesione all invito 70,1% 59,6% (>75%RACC.) Tasso di identificazione dei tumori (X1.000 donne screenate) 3,7 3,98 (RILEVATO) % Tumori in situ 14% 10-20% Rapporto B/M 0,14 0,25:1 (1benigno per 4 maligni) % trattamenti chirurgici conservativi 89% Non disponibile % trattamenti chirurgici conservativi per tum<2cm 100% Non disponibile 1.5 Il programma di screening mammografico ASL di Mantova: l organizzazione 2 Si veda Legenda inserita a pagina 34 13

15 Il programma di screening mammografico della ASL di Mantova vede coinvolti i principali attori del sistema sanitario locale, quali sono l ASL e gli ospedali pubblici e privati acccreditati. Il modello organizzativo prevede che ASL ( Servizio Medicina Preventiva nelle Comunità ) svolga le funzioni di programmazione, acquisto e controllo delle attività, concordando ogni anno le prestazioni che ciascuna azienda ospedaliera deve erogare in regime di screening (ovvero senza partecipazione di spesa per i cittadini utenti). A titolo esemplificativo, di seguito viene riportato uno stralcio di contratto in essere con la principale azienda ospedaliera pubblica del mantovano: Contratto per l esercizio anno 2012 Ospedale XXXX- Mantova Volumi di attività : Tutte le prestazioni di seguito elencate dovranno essere rendicontate nel tracciato record della Circolare 28/SAN e successive integrazioni, con utilizzo del codice identificativo prestazione S, posizione ticket 90. Screening mammografico: Il budget complessivo per lo screening dei tumori al seno ammonta ad ,90 di cui ,00 sono extra-budget ambulatoriale (pertanto non soggette ad abbattimento) e ,90 in budget ambulatoriale. Screening mammografico Tipo prestazione Numerosità Tariffa ( ) Mammografie di screening 1 livello (87371), compresa la lettura in doppio Prestazioni di 2 livello In budget Ambulatoriale Extra-budget Ambulatoriale( ) , , eco bilaterale , , mammografia monol , , Agobiopsia , , citologico (apat) , , istologico (apat) 80 66, ,00 TOTALE , ,00 L Azienda XXXX si impegna, per la tariffa di 44,87 euro ad eseguire la prima e la seconda lettura dei mammogrammi. L ASL, dal canto suo, riconoscerà 4,5 a fronte dell esecuzione della seconda lettura delle mammografie conferite presso il Centro Screening e provenienti da altri Erogatori a contratto. 14

16 Alla ASL è anche demandato il compito di elaborare gli inviti, i solleciti e le risposte al test di screening e di monitorare l adesione agli accertamenti di secondo livello (= ulteriore mammografia/ecografia/prelievo cito/istologico). Alle Aziende Ospedaliere il compito di accogliere la donna, eseguire l anamnesi e la mammografia. Secondo quanto stabilito dai protocolli nazionali, è da prevedere una seconda lettura dei mammogrammi e questa viene effettuata presso l unico centro screening dell Azienda Poma a Mantova, dove i fattorini, provenienti dagli altri ospedali, consegnano giornalmente le stampe dei mammogrammi. La seconda lettura, qualora confermi la negatività, consente la generazione automatica della lettera di risposta negativa (vedi allegato 2). Se, diversamente, viene espresso un dubbio radiologico, si attivano le procedure del secondo livello diagnostico, utilizzando le strumentazioni disponibili al centro. Gli allestimenti anatomopatologici di vetrini contenenti materiale biologico da esaminare vengono inviati all Anatomia Patologica dell Azienda stessa. Il referto stilato dall anatomopatologo chiude le indagini e, in caso di positività per cancro, alla donna viene proposto il colloquio con il medico chirurgo per fissare la data dell eventuale intervento. Di seguito, uno schema sintetico delle attività descritte: 15

17 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE ASL DI MANTOVA SCREENING TUMORE DELLA MAMMELLA ORGANIZZAZIONE GENERALE - GESTIONE INVITI, SOLLECITI, RISPOSTE - SEGRETERIA - COORDINAMENTO ORGANIZZATIVO - VALUTAZIONE E CONTROLLO - ANALISI EPIDEMIOLOGICHE - PROMOZIONE SCREENING A.S.L. SERVIZIO MEDICINA PREVENTIVA COMUNITA ESECUZIONE ESAMI 1 LIVELLO -ESECUZIONE ESAMI 2 LIVELLO - AGOBIOPSIE ED ESITI --DIAGNOSI ANATOMOPATOLOGICA - COORDINAMENTO TECNICO SANITARIO - CONTROLLO APPARECCHIATURE - AZIENDA OSPEDALIERA POMA 16

18 Tutte le strutture/servizi/unità operative sono in stretto collegamento tra loro, per cui le radiologie ricevono settimanalmente i piani di lavoro (worklist) delle donne che risultano avere l invito a recarsi presso quella struttura. Sia gli inviti che i piani di lavoro, come pure la refertazione e il monitoraggio dell andamento degli indicatori di processo, sono effettuati utilizzando un applicativo dedicato (http://www.dedalus.eu/news.cfm?tipo=01&id=921). Le donne si presentano in radiologia, l invito (allegato1) funge da impegnativa e viene eseguita la mammografia, come sopra descritto. Tutti i referti, sia negativi che positivi, vengono prodotti in forma cartacea dalle singole aziende ospedaliere e spediti alla ASL Servizio Medicina Preventiva nelle Comunità che si occupa del data-entry per consentire di chiudere le cartelle aperte di screening e consentire di inviare via Postel le risposte preordinate, a seconda che l esito sia NEGATIVO (e quindi si preannuncia il prossimo controllo dopo 2 anni) oppure POSITIVO per tumore (in questo caso si accompagna al referto e copia va anche al MdF). Il workflow seguente mostra in sintesi quanto descritto: ASL Dipartimento di Prevenzione 17

19 Di seguito, poi, alcuni modelli esemplificativi delle cartelle elettroniche gestite dall applicativo, dalla cui compilazione dipende la generazione delle lettere di risposta. Cartella invito Cartella refertazione 18

20 Cartella conclusioni accertamenti Per quanto riguarda invece il management del programma di screening nel suo complesso, di norma, all inizio dell anno, utilizzando l applicativo dedicato alla gestione dello screening, viene fatta la valutazione di carico di lavoro per ogni azienda ospedaliera a contratto, rapportato alle necessità di volumi di inviti da effettuarsi in quell anno. La popolazione invitata si può classificare in tre categorie e per ciascuna di esse abbiamo un tasso di adesione atteso calcolato empiricamente. TIPO DI INVITO TASSO ATTESO DI ADESIONE INVITO A SCADENZA, PER DONNA RESPONDER 80-85% INVITO A DONNA NON RISPONDENTE 10-15% INVITO ALLA NUOVA COORTE (50 ANNI) 40-45% Con questi elementi di conoscenza, si è in grado di organizzare le attività di tutto l anno, prevedendo i periodi di chiusura fisiologica di Natale, Pasqua e Festività Nazionali. 19

21 CAP. 2 Obiettivi di progetto 2.1 L esistente: punti di forza e di criticità L attuale modello di screening dal 2001 ha consentito di effettuare la campagna di diagnosi precoce dei tumori della mammella fino ai nostri giorni. Allo start-up del programma, il modello organizzativo era molto semplificato, poiché coinvolgeva principalmente l azienda ospedaliera pubblica con i suoi 4 presidi sul territorio mantovano. L implementazione della rete di erogatori anche alle strutture private accreditate e all azienda ospedaliera pubblica che insiste sul territorio cremonese (Ospedale Oglio Po della provincia di Cremona, vedi cartina a pag.9) ha comportato, dal 2005 in poi, dei pro e dei contro. Da un lato, il completamento dei punti di offerta ha portato a un aumento della adesione complessiva, ma dall altro, ha significato l aumento del numero di radiologie (e quindi dei medici radiologi, con conseguente criticità sui volumi e standard di lettura) e l aumento dell attività di gestione dei trasporti via fattorino delle mammografie presso il Centro Screening dell Azienda Poma, dove avviene la seconda lettura e, se necessario, il secondo livello di tutto lo screening. Attualmente i volumi di attività, in termini di mammografie effettuate, in capo ai singoli presidi ospedalieri è il seguente: SEDE DI EROGAZIONE MAMMOGRAFIE MAMMOGRAFIE EFFETTUATE (ANNO 2011) MANTOVA POMA CASTIGLIONE SUZZARA PIEVE OGLIO PO ASOLA SAN CLEMENTE 988 BOZZOLO 804 TOTALE

22 La possibilità di effettuare la mammografia nel proprio distretto socio-sanitario, ha agevolato l adesione delle donne mantovane: ciò è dimostrato empiricamente dalla rilevazione dei tassi di adesione che vengono qui di seguito presentati, in forma di tabella e di grafico. E evidente come, stante la fisiologica variabilità del dato stratificato per sede, il tasso di adesione ASL sia stabile nel tempo. Aziende e/o Presidi % adesione 2009 % adesione 2010 % adesione 2011 AZ. Poma (mantova) 61,2 59,9 68,0 SAN CLEMENTE 25,2 31,2 21,8 AZ. Poma (asola) 67,7 50,7 63,9 AZ. Poma(pieve) 49,9 66,5 73,5 AZ. Poma (bozzolo) 61,5 44,9 45,8 OSP. CASTIGLIONE 48,5 50,8 48,8 OSP. SUZZARA 63,9 64,2 65,9 OSP. OGLIO PO 59,9 68,0 59,5 TOTALE ASL 54,0 55,1 55,4 21

23 Tale modello, tuttavia, negli anni, si è cristallizzato nella gestione della routine e i cambiamenti che la tecnologia può rendere possibili rappresentano un ostacolo per gli addetti ai lavori, in primis per i tecnici di radiologia e medici radiologi. La non condivisione di una piattaforma comune di gestione delle attività riduce in modo significativo la possibilità di interazione degli ospedali tra di loro, che tendono a vivere una realtà di screening stand alone. Da ultimo, ma non per importanza, c è il problema dello standard di numero di mammografie lette per radiologo di screening, che richiederebbe almeno mammografie/anno per ciascun medico radiologo. Di seguito viene riportata la situazione del numero di radiografie refertate in un anno di attività (2011). I singoli radiologi e le singole aziende sono individuati con un codice numerico, per questioni di riservatezza del dato. Il numero delle letture, assomma sia l attività di primo lettore che quella di secondo lettore, per lo stesso radiologo, per cui il numero totale delle letture NON rappresenta il numero di donne screenate nell anno, ma è nettamente superiore. STRUTTURA RADIOLOGI N LETTURE/ANNO Azienda 1 radiologo radiologo radiologo radiologo radiologo Azienda 2 radiologo Azienda 3 radiologo Azienda 4 radiologo Azienda 5 radiologo radiologo Dalla tabella si evince chiaramente quali e quanti radiologi siano allineati con lo standard. Questo ultimo dato dimostra che la visione di sistema delle attività a valenza 22

24 provinciale non può essere esercitata dalle singole aziende ospedaliere, ma è e deve essere in capo alla ASL che, per la sua mission programmatoria e valutativa, deve attivare l input per un processo di riorganizzazione complessiva, nel rispetto delle regole di sistema di Regione Lombardia. Inoltre, in considerazione della complessità dei modelli gestionali in gioco, è auspicabile una interazione fattiva e sinergica con personale qualificato esperto di fisica sanitaria, che possa garantire la validità tecnica e metodologica delle scelte organizzative che si dovranno attuare. Si è convinti che un processo di innovazione e modificazione organizzativa porti a velocizzare le procedure, ad aumentare la tracciabilità delle prestazioni erogate, a ridurre la possibilità di errori di data entry e, soprattutto, a responsabilizzare in prima persona il medico radiologo nelle fasi di archiviazione elettronica della refertazione, dismettendo la fase intermedia del referto cartaceo, gestito da personale sanitario non medico e/o amministrativo. 2.2 Le ipotesi innovative: da dove nascono Come è già stato anticipato nel capitolo precedente, il programma di screening mammografico della ASL di Mantova, a partire dalla sua istituzione nel febbraio 2001, ha subito diverse modifiche, sia di tipo organizzativo (sono aumentate le sedi di screening) che tecnologico (si è passati dal mammografo analogico al digitale) che di sistema regionale in materia di riorganizzazione delle funzioni delle ASL e delle Aziende Ospedaliere pubbliche e private accreditate. Ciò che è rimasto sostanziale e immutato è l impianto complessivo delle modalità di erogazione delle prestazioni, di primo e secondo livello di screening, unitamente al ruolo di programmazione, acquisto e controllo del Dipartimento di Prevenzione della ASL. Il processo mantiene un management del percorso di screening basato sui supporti cartacei, rappresentati da: 1) elenco delle donne chiamate in screening per singola seduta; 23

25 2) foglio firmato dai medici refertatori con riportata la periodicità del successivo controllo mammografico (ad 1 o 2 anni); 3) foglio anamnestico cartaceo compilato ad ogni accesso della donna. 4) Stampe delle mammografie depositate nei sistemi di archiviazione di immagini di ciascun erogatore, per recapitarle al cento screening per la seconda lettura; Per ogni mammografia che viene eseguita in regime di screening, quindi, vengono prodotti 2 modelli cartacei, 4 lastre (due per mammella destra, due per mammella sinistra), oltre a un foglio riassuntivo che raccoglie i nominativi delle donne invitate quel giorno. In un anno di attività, come nel caso dell anno 2011, si sono effettuate mammografie, per cui sono stati stampati, compilati e maneggiati dal personale sanitario ed amministrativo fogli di carta, solo per questa fase gestionale, corrispondenti ad oltre 60 risme di carta. Questa modalità di lavoro, inoltre, non consente di poter avere una lettura delle mammografie in doppio cieco come richiesto dalla ASL (sulla carta è scritto l esito) e come raccomandato dalle linee guida per i programmi di screening mammografico (Decreto direzione generale sanita' n del 02/07/ Approvazione documento: "Organizzazione dei Programmi di screening oncologici in Regione Lombardia). In queste condizioni, l errore umano e il ritardo nell espletamento di tutti i passaggi previsti riducono l efficienza del sistema complessivo e non consentono di sfruttare a pieno le potenzialità dell applicativo che, dal 2011 è disponibile in versione web. Utilizzando adeguate fonti di finanziamento è possibile quindi l informatizzazione dell intera rete dello screening, per cui gli ospedali coinvolti nel programma di screening (Poma, Ospedale di Suzzara, Casa di Cura San Clemente, Ospedale di Castiglione, Azienda Ospedaliera di Cremona Presidio Oglio Po) per collegare via web al programma gestionale di screening e trasmettere via internet la prima refertazione da parte del primo lettore medico radiologo. 24

26 Inoltre, integrando con opportuni accorgimenti tecnici e gestionali il sistema PACS e RIS 3, ovvero Sistema di Archiviazione e Comunicazione delle Immagini Radiologiche e Sistema Informativo Radiologico delle singole radiologie, è possibile pensare di trasmettere anche le immagini, che verrebbero archiviate sul server dedicato e fisicamente collocato al Centro Screening. Una modalità gestionale di screening di questo tipo, consente di offrire alle assistite la refertazione digitale delle immagini, secondo lo schema che segue. La progettualità appena descritta, trova le sue motivazioni nel fatto che è possibile stimare la quota oraria che comportano le attività di screening basate sui supporti cartacei. Infatti, calcolando sulla produzione di mammografie del 2011 i tempi tecnici necessari per la compilazione delle schede anamnestiche (3 minuti per mammografia ), la stampa delle mammografie (2 minuti per mammografia) e la stampa dei fogli/referto per la firma del medico radiologo (20 sec per mammografia) si ottiene la tabella seguente: 3 Si veda Legenda inserita a pagina 34 25

27 Presidi ospedalieri n mammografie ore per compilazione scheda anamnestica cartacea ore per stampa mammografie ore per predisporre foglio/ referto Azienda Poma MN ,5 no 29,8 stampa PO Poma di Bozzolo ,2 no 4,5 stampa PO Poma di Asola ,8 no 6,3 stampa PO Poma di Pieve ,2 no 9,7 stampa CC San Clemente ,4 32,9 5,5 Osp. Castiglione ,3 68,8 11,5 Osp. Suzzara ,2 64,1 10,7 Osp.Oglio Po ,3 totale mammografie ,4 517,6 86,3 Dalla tabella si evince che il tempo che i tecnici di radiologia del sistema screening complessivamente investono nella gestione cartacea delle attività ammonta a oltre ore all anno (776,4+517,6+86,3= 1.380,3) anche se l Azienda Poma si è da poco attrezzata ottimizzando l uso del suo sistema aziendale RIS-PACS (i radiologi vedono le mammografie direttamente collegandosi al server aziendale) e quindi, almeno, non ha più necessità di stampare e conferire via fattorino le mammografie dai Presidi periferici (Bozzolo, Asola, Pieve) al Centro Screening Azienda Poma MN (=no stampa) Questo monte/ore corrisponde ad un aggravio medio di oltre 5 minuti per ogni donna esaminata. Si tenga conto che ore corrispondono circa al monte ore di un tecnico di radiologia a tempo pieno e che il tempo di utilizzo elettivo del tecnico di radiologia per l esecuzione della mammografia di screening è mediamente calcolato intorno ai 10 26

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE Esito monitoraggioal 30/09/2013 (ai sensi dell'art. 14, comma 4, lettera a ), del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.150) 1 30.09.2013 PREMESSA

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

L Azienda non è mai stata cosi vicina.

L Azienda non è mai stata cosi vicina. L Azienda non è mai stata cosi vicina. AlfaGestMed è il risultato di un processo di analisi e di sviluppo di un sistema nato per diventare il punto di incontro tra l Azienda e il Medico Competente, in

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali S.C. Fisica Sanitaria S.C. Medicina Nucleare Pietra Ligure S.C. Neuroradiologia Diagnostica ed Interventistica S.C. Radiologia Diagnostica

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica Evento Formativo Residenziale PREVENZIONE ONCOLOGICA IN MEDICINA GENERALE Savona Aulla Magna,, Pallazziina Viigiiolla,,

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria -

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - ART. 1 - Oggetto: Il presente Regolamento disciplina i casi e

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

Business Process Reengineering

Business Process Reengineering Business Process Reengineering AMMISSIONE ALL'ESAME DI LAUREA Barbagallo Valerio Da Lozzo Giordano Mellini Giampiero Introduzione L'oggetto di questo lavoro riguarda la procedura di iscrizione all'esame

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK LA TUA POSTA IN UN CLICK Clicca&Posta è una soluzione software per la gestione della

Dettagli

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia 5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia Attualmente in Italia la genomica per malattie complesse ha trovato un applicazione pratica in un numero molto ristretto di situazioni. I test

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

DECRETO n. 375 del 11/07/2014

DECRETO n. 375 del 11/07/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale!

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET consente la piena digitalizzazione della scuola: completa

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o Gli Indicatori di Processo Come orientare un azienda al miglioramento continuo Formazione 18 Novembre 2008 UN CIRCOLO VIRTUOSO Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Clienti Gestione

Dettagli

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1 Tipo di documento: Progetto - Commissione Didattica 27 giugno 2011 Pag. 1 di 9 Premessa Il progetto nasce con l obiettivo di: a) informatizzare il processo di presentazione della domanda di laurea in analogia

Dettagli