1 50 JAHREANSANNIAÑOS

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 50 JAHREANSANNIAÑOS"

Transcript

1 1 50 JAHREANSANNIAÑOS

2

3

4 Colophon Editrice: Helvetia Assicurazioni, San Gallo Team di progetto: Fernando Ferrari, Klaus-Michael Kopp, Tobias Westarp Idea: Dr. rer. publ. Johannes Hensel, San Gallo Realizzazione: Commpartners Werbeagentur AG, San Gallo, Markus Epper/Marc Simonet Foto: Klaus Andorfer, Zurigo Stampa: Heer Druck AG, Sulgen Luogo di pubblicazione e anno di edizione: San Gallo, 2008 Helvetia Assicurazioni

5 I 150 ANNI DELLA HELVETIA ASSICURAZIONI

6

7 PREFAZIONE DI ERICH WALSER, PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL GRUPPO HELVETIA Cari lettori, nel corso degli ultimi 150 anni, la Helvetia, passando per varie compagnie di assicurazioni svizzere ed estere, è cresciuta sino a diventare un gruppo assicurativo europeo di successo. La continua trasformazione, talvolta imprevista e indesiderata, talvolta consapevolmente cercata, ne ha caratterizzato la storia. Eppure, alcune costanti le hanno consentito di mantenere la propria identità e di raggiungere il successo in tutte le epoche. Una di queste è certamente l equilibrata aspirazione alla sicurezza e alla libertà imprenditoriale, nell ambito della quale nel corso del tempo si sono spostati i pesi e affinati i metodi, sino a raggiungere l odierno Risk Management. In tutti i periodi della sua storia, la Helvetia ha conservato la sua buona reputazione, fondata soprattutto sui collaboratori, sempre impegnati al massimo per l azienda e per i suoi clienti e guidati dai valori centrali di Helvetia: fiducia, dinamismo ed entusiasmo. Ringrazio i nostri clienti che ci danno l opportunità di dimostrare le nostre capacità. Un ringraziamento è rivolto anche agli azionisti che credono nel positivo sviluppo futuro della Helvetia. Infine, desidero ringraziare i collaboratori che si sono fatti apprezzare in passato e anche quelli che si adoperano per garantirle un futuro. La pubblicazione per l anniversario dimostra che ne vale la pena. La seconda parte della pubblicazione per l anniversario si occupa della Helvetia di oggi, in particolare dei mercati assicurativi su cui operano i collaboratori della Helvetia. La precedente retrospettiva storica è volutamente succinta. Nella terza parte, esperti di fama propongono vari studi, nei quali rivolgono lo sguardo al panorama attuale e ai possibili sviluppi futuri che la Helvetia dovrà affrontare nei prossimi anni. A tale proposito, occorrerà salvaguardare i valori maturati nei lunghi anni di storia, ma anche trovare sempre la forza per raccogliere nuove sfide. La Helvetia ha ormai più volte dimostrato di essere in grado di far fronte ai cambiamenti e lo farà anche in futuro.

8 INDICE Parte 1: Helvetia Assicurazioni La storia 7 30 Parte 2: Helvetia oggi Il Gruppo Helvetia Svizzera Germania Austria Italia Spagna Francia Riassicurazione Investimenti Finanze Risorse umane e servizi Parte 3: Compagnie di assicurazioni oggi e domani rischi e opportunità Andamento demografico e assicurazioni Non esistono imprese innovative senza assicurazioni innovative Sostenibilità, rischio e assicurazioni Struttura interna del marchio ovvero: i collaboratori sono il marchio Strategia immobiliare complessiva quale espressione della cultura aziendale Possono sopravvivere le compagnie di assicurazioni medie? Parte 4: Cronaca

9 PARTE 1 HELVETIA ASSICURAZIONI LA STORIA

10

11 PREFAZIONE L introduzione storica al reportage fotografico sull odierno Gruppo Helvetia ne descrive l evoluzione da società monosettore a compagnia di assicurazioni generale, ponendone in risalto l espansione geografica e settoriale. Data quest ottica e considerate le fonti disponibili, la descrizione del periodo che va sino alla metà degli anni 80 del secolo scorso si occupa prevalentemente della Helvetia Incendio mentre le informazioni su Helvetia Generale e la Patria sono più rare. La storia della Helvetia Incendio è ben documentata. Nel XX secolo, la società ha pubblicato ogni 25 anni una retrospettiva storica, generalmente abbinata al rapporto annuale di bilancio. Citiamo il «Rückblick » di Oskar Rhiner e il libro «125 Jahre Helvetia Feuer» di Carl Widmer, apparso in occasione dell anniversario del Anche la Patria ha dato uno sguardo al suo passato nel 1953 con la pubblicazione «75 anni» e nel 1978 dopo 100 anni di attività. Sulla scorta di questi e altri lavori, descriveremo qui la storia dell Helvetia nei vari periodi sino all anno Chi desidera maggiori approfondimenti può consultare le pubblicazioni, custodite negli archivi di San Gallo e Basilea. Per quanto riguarda i particolari dei risultati e dell andamento dell attività, rimandiamo alle relazioni pubblicate dalle singole società. Johannes Hensel 8 9

12 1 LA SECONDA METÀ DEL XX SECOLO, PERIODO DI FONDAZIONI Opportunità e rischi: i primi anni delle società Helvetia di San Gallo Dopo il successo della rivoluzione liberale e la creazione dello Stato federale nel 1848, l economia svizzera attraversò un periodo di ripresa, durato decenni e sostenuto dall uniformazione di pesi, misure, posta e dazi e dal crescente controllo tecnico del territorio. La costruzione e l ampliamento di una rete ferroviaria e telegrafica così come la diffusione dell elettricità in tutto il paese, presupposti per la futura rete telefonica, erano esigenze che riguardavano tutta la Svizzera. Convinti che il progresso economico sarebbe stato inarrestabile, gli svizzeri ingrandivano le innumerevoli aziende già presenti e ne costituivano di nuove. Anche l economia della città di San Gallo cresceva rapidamente, il collegamento alla nascente rete ferroviaria internazionale le consentiva di superare parzialmente lo svantaggio dovuto all ubicazione topografica e, sino alla Prima Guerra Mondiale, la città fulcro dell industria tessile e del ricamo visse un periodo di grande fioritura. È in questo panorama caratterizzato dalla crescita economica, da un maggiore benessere e da un incremento delle esigenze assicurative che si colloca la nascita di nuove compagnie di assicurazioni. Il 6 dicembre 1858, alcuni intraprendenti uomini d affari e imprenditori della Svizzera orientale fondarono la «Società Generale d Assicurazioni Helvetia», nella quale avevano partecipazioni, oltre a una banca di San Gallo, persone fisiche provenienti da 14 Cantoni, ma principalmente da San Gallo. Si trattava della prima società svizzera a offrire assicurazioni contro i rischi dei trasporti via terra, fiume e mare, il cui statuto prevedeva inoltre l assicurazione di edifici, merci e beni mobili contro gli incendi, a fronte però di una speciale delibera. L assicurazione trasporto doveva evidentemente essere un esigenza diffusa visto che già alla fine del primo anno di eserci zio, all organizzazione svizzera si erano aggiunte numerose agenzie in vari porti europei. Tre anni dopo la Helvetia, successivamente denominata Helvetia Generale o Helvetia Trasporti, a San Gallo nasceva una compagnia di assicurazione privata contro gli incendi, costituita in seguito all incendio di Glarona che, nella notte tra il 10 e l 11 maggio 1861, distrusse gran parte del paese, costando la vita a numerose persone. I danni agli edifici e ai mobili erano assicurati solo parzialmente e, malgrado gli aiuti di tutta la Confederazione, risultarono quasi insostenibili. Dell emergenza economica seguita alla catastrofe si occupò anche il Consiglio di amministrazione della Helvetia Generale, il quale criticò tra l altro i monopoli cantonali delle assicurazioni degli edifici che avevano reso impossibile una compensazione dei rischi. Quindi, con lo stesso ottimismo che tre anni prima lo aveva mosso a costituire la compagnia di assicurazione trasporto, si dedicò alla fondazione di un assicurazione contro gli incendi. L assemblea straordinaria della Helvetia Generale del 7 novembre 1861 ne approvò la perizia e la mozione di costituzione a San Gallo della Helvetia Società Svizzera d Assicurazioni contro gli Incendi, successivamente denominata Helvetia Incendio. Poiché il rischio di un assicurazione antincendio era ritenuto molto più alto di quello di un assicurazione trasporto, la Helvetia Incendio doveva essere una società a sé stante. In sole sei settimane furono sottoscritte le azioni necessarie per la costituzione e nell aprile 1862 iniziò a operare in Svizzera. Sebbene, dal punto di vista odierno, la decisione appaia particolarmente rischiosa, anche alla luce della franchigia elevata, sino al 1870 le quote di riassicurazione aumentarono solo dal 20 al 33%. Negli anni seguenti, le due società Helvetia, che inizialmente condividevano il Consiglio di amministrazione e la direzione, ampliarono rapidamente l attività, come mostrano alcuni esempi. I territori principali della Helvetia Generale erano la Svizzera, la Germania e la Francia, ai quali si affiancò nel corso degli anni una rete mondiale di uffici di rappresentanza. La Helvetia Incendio aprì le prime succursali presso gli uffici di rappresentanza della Helvetia Generale ad Amburgo e Brema; inoltre acquisì i portafogli di diverse società tedesche che si ritirarono dalla Svizzera. A partire dal 1864, vennero avviate le operazioni dirette in alcuni Stati tedeschi, allora ancora indipendenti, e quattro anni dopo la riassicurazione attiva. Nel 1869, venne addirittura aperta una succursale a Istanbul, poi trasformata nella «Direzione di filiale per l Oriente». Nel 1871, l attività venne este sa all Alsazia e Lorena e nel 1872 al Belgio. Complessivamente, «si può sostenere che San Gallo aveva un ruolo rilevante non solo nell industria tessile, ma anche nel ramo assicurativo, in cui le due società Helvetia qui costituite eserci-

13 L INCENDIO DI GLARONA DEL 10 E 11 MAGGIO 1861 Il disastroso incendio accelera la costituzione di una compagnia privata di assicurazione contro gli incendi LA CASSA BASILESE DI ASSICURAZIONE IN CASO DI DECESSO E PER LA VECCHIAIA La Cassa basilese di assicurazione in caso di decesso e per la vecchiaia del 1878 è all origine della Patria Società mutua di assicurazioni sulla vita tano una funzione pionieristica per il settore assicurativo svizzero. Con il ricamo non sussisteva alcun collegamento diretto, ma queste due nuove aziende manifestavano lo stesso spirito imprenditoriale e la stessa iniziativa.» 1 Assicurazione sulla vita e pubblica utilità: dalla Cassa basilese di assicurazione in caso di decesso e per la vecchiaia alla Patria La fondazione delle compagnie di assicurazioni sulla vita in Svizzera risale agli inizi del XIX secolo. Già nel 1830, l economista basilese Christoph Bernoulli voleva fondare una società basata su principi tecnici, ma il suo tentativo e altri progetti simili in altre parti del paese non ebbero successo a causa del periodo di agitazione politica che precedette il Alla costituzione di istituti di assicurazione sulla vita stabili si assistette solo dopo l entrata in vigore della Costituzione federale del Dunque, nel 1852 la società che precedeva l odierna Basler Gesellschaft für das Gute und Gemeinnützige (società basilese di pubblica utilità) decise di costituire una cassa previdenziale per la vecchiaia e in caso di decesso. Un quarto di secolo dopo veniva costituita una fondazione e il 28 febbraio 1878 la «Cassa basilese di assicurazione in caso di decesso e per la vecchiaia» che iniziava la propria attività il 15 giugno Mentre i principali assicuratori vita della Svizzera si rivolgevano soprattutto a clienti abbienti, la Cassa basilese perseguiva l obiettivo di diventare una vera e propria «assicurazione popolare». Adottando principi rigorosamente tecnici, intendeva garantire un assicurazione a condizioni finanziariamente sostenibili anche ai ceti sociali meno favoriti. Sin dal 1879 la Cassa, oltre ai contratti con enti che prevedevano l erogazione di rendite, stipulava anche contratti collettivi attraverso la mediazione dei datori di lavoro che si assumevano interamente o in parte il pagamento dei premi. Anche il fisco riconobbe la pubblica utilità della società e, nei suoi primi anni di vita, la esentò spesso da tasse e tributi. Dopo le trattative tra la Cassa ormai denominata «Cassa svizzera di assicurazione in caso di decesso e per la vecchiaia» e altre società di pubblica utilità di Zurigo, San Gallo, Appenzello, Argovia e Ginevra, la Cassa poté ampliare il proprio raggio d azione a tutta la Svizzera. Nel 1910, volendo esprimere lo stretto legame tra il concetto di assicurazione e la pubblica utilità a favore della popolazione svizzera, si diede il nome di Patria Società mutua svizzera di assicurazioni sulla vita. 1 Ernst Ehrenzeller, Geschichte der Stadt St. Gallen, VGS Verlagsgemeinschaft San Gallo, 1988, pag. 410 V. fonti e citazioni a pag

14 IL TERREMOTO DI SAN FRANCISCO DEL 18 APRILE 1906 Le conseguenze di questa catastrofe naturale sono pesanti anche per la Helvetia Incendio. 2 INIZIO E FINE DELLE ATTIVITÀ DELLE SOCIETÀ HELVETIA DI SAN GALLO NEGLI USA Che l espansione geografica e il successo economico non e rano affatto costanti si sarebbe scoperto presto, come dimostra l esempio delle attività delle due società della Helvetia di San Gallo in America. Già nel 1876 la Helvetia Incendio aveva aperto una filiale in California che per quasi due decenni conseguì risultati soddisfacenti. Quando, nel 1885, i premi calarono in modo drammatico, la direzione decise di compensare le perdite attraverso un espansione dell attività ai territori a est delle Montagne Rocciose e, nel 1896, iniziò a operare a New York. Quando poi fu in possesso delle concessioni per altri 15 Stati, il successo negli USA appariva solo una questione di tempo. Il 18 aprile 1906 San Francisco fu colpita da un disastroso terremoto che distrusse gran parte della città, facendo centinaia di morti, e fu seguito da gravi incendi. Anche la Helvetia Incendio fu scossa nelle sue fondamenta. Benché avesse già trasferito la succursale californiana a una società tedesca, vi manteneva una partecipazione indiretta. Sebbene poi le condizioni di assicurazione escludessero esplicitamente i danni da incendio provocati direttamente o indirettamente da un terremoto, i tribunali americani sostennero l esistenza di una responsabilità, in quanto le polizze standard di altre compagnie coprivano questi danni. Per la Helvetia Incendio ne derivò un danno enorme pari a tre milioni di franchi svizzeri in conto proprio che solo grazie alla gestione prudente e alla razionale organizzazione della riassicurazione non risultò ancora maggiore. Dopo anni di controversie giuridiche, nel 1910 si chiudeva finalmente per la società il primo capitolo «USA». Nel 1953, la Helvetia Incendio, la Helvetia Generale, la Mobiliare Svizzera e la Neue Rück (dal 1938 una partecipazione della Helvetia Incendio) acquisirono una partecipazione nella piccola compagnia di assicurazioni generale American Liberty con sede a Birmingham (Alabama, USA) che tuttavia rivendettero alla fine del 1968 a causa dei cattivi risultati della società. Le perdite resero necessaria tra l altro una ristrutturazione della Neue Rück, con sacrifici finanziari anche da parte della Helvetia Incendio. Falliva dunque anche il secondo e sinora ultimo tentativo della Helvetia Incendio di prendere piede negli Stati Uniti. 2 Tuttavia, queste grandi speranze non divennero realtà. Dato che il rappresentante della Helvetia Incendio era nel contempo procuratore di altre sei società che gli versavano provvigioni più elevate e a New York era in atto una vera e propria guerra per i premi, già dopo un anno le entrate si erano assottigliate. Quando successivamente, oltre ai costi, aumentò sensibilmente anche l onere per i sinistri, la direzione decise di cedere la succursale di New York a una società americana, operazio ne per la quale si rese nuovamente necessario un consistente apporto di fondi dalla Svizzera. 2 Cfr. Widmer, 125 Jahre, pag. 50 e seg.

15 LA «SPAGNOLA» DELL INVERNO 1918/1919 L epidemia fece vittime nella sola Svizzera 3 LA PRIMA GUERRA MONDIALE E LE SUE CONSEGUENZE Helvetia Generale: danni dei trasporti di guerra e crollo della valuta Lo scoppio della Prima Guerra Mondiale nel 1914, nella quale per la prima volta nella Storia furono impiegati aerei e sottomarini da combattimento, pose le compagnie di assicurazioni trasporto e quindi anche la Helvetia Generale di fronte a un difficile compito, cioè garantire ai propri clienti nazionali ed esteri una copertura dei diversi rischi di guerra, i quali tuttavia si sottraevano a qualsiasi valutazione statistica o stima ragionevole. Le condizioni dei trasporti erano compromesse, le norme del diritto internazionale non venivano più osservate e le comuni responsabilità delle compagnie di navigazione e delle imprese di trasporti erano annullate, con un conseguente e sostanziale aumento dei rischi. Anche la Helvetia Generale registrava perdite totali di navi, ma, disponendo di mezzi sufficienti e di compagnie di riassicurazione di prim ordine, poteva sopportare anche questi danni. Durante la guerra e anche nel dopoguerra, la società era invece fortemente preoccupata per il crollo valutario che provocava considerevoli perdite in termini di patrimonio e di investimenti, oltre a rendere straordinariamente difficile e costosa l attività. Helvetia Incendio: crollo valutario e concorrenza selvaggia La Helvetia Incendio, che nel 1909 si era assunta la copertura anche del furto con scasso e nel 1911 quella della perdita di reddito d esercizio e di locazione, nei primi anni di guerra mantenne lo stesso andamento di prima del Tuttavia, il crollo delle valute aveva crescenti effetti negativi anche sulle sue attività, con un sorprendente aumento dal «Non erano che i primi segni di quell ondata infl azionistica che nel 1923 portò al crollo delle principali monete europee. Se si considera che gli introiti da premi provenienti dalla Germania già nel 1914 [...] rappresentavano oltre un terzo del totale, [...] appare chiaro quali fossero gli effetti che il crollo del marco esercitava sulle attività della Helvetia Incendio.» 3. Gli ammortamenti, resisi necessari dall inizio della guerra sino al 1923 a causa del crollo 3 Rhiner, Rückblick, pag Widmer, 125 Jahre, pag relazione annuale della Helvetia Allgemeine, San Gallo 1934, pag. 6 e segg. 6 Citazione secondo Rhiner, Rückblick, pag. 21 e seg. valutario, ammontavano a un totale di circa 12,5 milioni di franchi svizzeri che vennero prelevati dalle riserve sia aperte che occulte. Per gli assicurati, soprattutto quelli tedeschi, l infl azione poteva generare una copertura insufficiente che impediva loro di «adeguare le polizze alla nuova situazione e di pagare i premi in marchi, diventati esorbitanti.» 4 Come già la Helvetia Generale 5, anche la Helvetia Incendio sosteneva che nel dopoguerra erano nate troppe nuove società e si era abbandonata l affermata pratica della statistica assicurativa. Si sarebbe avuto un risanamento della situazione, solo se l attuario avesse ripreso il sopravvento e le società avessero nuovamente imparato ad assicurare solo i rischi per i quali ricevevano i premi necessari. 6 Patria: epidemia di influenza e svalutazione del franco svizzero La Patria che in quanto cooperativa, a differenza delle altre due società per azioni di San Gallo, non operava all estero, subì anch essa gli effetti della guerra, seppure indirettamente. Con l inizio del confl itto, la produzione si era praticamente fermata, per poi riprendersi lentamente sino addirittura ad aumentare leggermente il ritmo nel Quando, nell inverno 1918/1919, persone caddero vittime della catastrofica epidemia di «spagnola», tra gli assicurati la mortalità raddoppiò, ma dato che la malattia fece anche crescere nella popolazione la coscienza del rischio di decesso, raddoppiò anche la produzione assicurativa

16 4 DOPO IL 1945: IL PASSAGGIO ALLE ASSICURAZIONI GENERALI Vi è un altro evento che merita di essere citato in una storia dell assicurazione sulla vita: la svalutazione del 30% del franco svizzero, nel settembre Le compagnie di assicurazioni vita protestarono contro la decisione del Consiglio federale, che consideravano deleteria per il loro settore, in quanto distruggeva la fiducia degli assicurati nella stabilità della moneta. Successivamente, questa misura fu valutata in modo complessivamente positivo, anche se in ultima analisi i risparmiatori ne dovettero pagare il conto. I terribili anni della Seconda Guerra Mondiale furono un periodo straordinario anche per le assicurazioni svizzere. Mentre le società che operavano solo in Svizzera, come la Patria, furono meno colpite, per le compagnie internazionali furono un epoca di affermazione. Nelle condizioni più difficili, malgrado i danni di guerra, i problemi di personale, le restrizioni nel traffico dei pagamenti e nei trasferimenti, la Helvetia Incendio aveva continuato l attività anche all estero, superando questa dura prova. 7 Lo stesso dicasi per la Helvetia Generale. La società, dovendo assicurare i trasporti, non aveva più il controllo delle polizze, stipulate a proprio nome all estero, i conteggi ritardavano, i pagamenti venivano protratti o venivano completamente a mancare. Eppure, dopo la fine della guerra, la società poté constatare che tutte le rappresentanze, talvolta lasciate completamente a se stesse per mesi, avevano meritato la fiducia che era stata in loro riposta. 8 Dopo gli anni della guerra, la Svizzera registrò una forte ripresa economica che, sostenuta dalla rapida ricostruzione della Francia e soprattutto della Germania occidentale, continuò sino agli anni 60 inoltrati. Dal 1945 al 1965, il tasso di esportazione decuplicò, generando in altri rami dell economia un boom rafforzato «dal costante affl usso di capitali esteri, cui contribuivano la stabilità politica, il basso livello di imposizione e il segreto bancario, facendo fiorire la Svizzera anche come centro assicurativo internazionale.» 9 7 Cfr. Rhiner, Rückblick, pag. 23, Widmer, 125 Jahre, pag. 32 e seg. 8 Allgemeine Versicherungs-Gesellschaft Helvetia in San Gallo, Centesima relazione annuale , pag Sigmund Widmer, Illustrierte Geschichte der Schweiz, 2 edizione, Zurigo, 1968, pag. 451 e seg. Helvetia Incendio: ampliamento e ricostruzione Di questa ripresa voleva giovarsi anche la Helvetia Incendio che, per ampliare le prestazioni offerte agli assicurati e migliorare la compensazione dei rischi, assunse nuovi rami assicurativi. In Svizzera aveva gia i rami incendio, danni della natura, interruzione d esercizio, furto, danni d acqua e rottura vetri, ma le restavano preclusi i rami infortuni, responsabilità civile e auto, nei quali operava già dal 1894 la Helvetia Società Svizzera d Assicurazioni contro gli Infortuni, una cooperativa con sede a Zurigo. Nel 1953, la Helvetia Incendio richiese pertanto in Svizzera le concessioni dapprima per i settori assicurazioni tecniche, oggetti di valore, assicurazione cauzione e garanzia. Una «assicurazione contro i danni della pioggia», introdotta nel 1955, ebbe vita breve a causa dell insito effetto antiselezione.

17 La Helvetia Incendio, che dal 1945 aveva ottenuto la concessione per la riassicurazione in tutti i settori, nel dopoguerra si dedicò intensamente all ampliamento delle operazioni estere; in Germania e Canada assunse i rami infortuni, responsabilità civile e auto nel 1952 mentre in Francia, Belgio e nei Paesi Bassi ciò fu possibile solo tramite società affiliate. Società affiliate furono costituite o acquistate: 1946 Uranus S.A. ad Anversa 1951 Het Hollandsche Kruis all Aja 1960 Les Assurances Françaises a Lione, nella quale aveva già una partecipazione la Helvetia Generale. L attività venne estesa ad altri territori: nel 1946 al Lussemburgo nel 1948 all Italia e al Congo belga nel 1953 all Australia nel 1957 negli USA. Si aggiunsero poi altre rappresentanze di rilevanza locale in Africa, Asia e America centrale. Ancora più intensamente la Helvetia Incendio si dedicò all acquisto di partecipazioni nelle seguenti compagnie di assicurazioni di recente costituzione o già esistenti: 1946 Providentia Vita, Ginevra 1949 Dominion Insurance Company, Johannesburg 1953 Lloyd Tunisia, Tunisi (nonché la già citata American Liberty, Alabama) 1957 Aryeh Insurance Company, Tel Aviv 1959 La Previsión Española, Siviglia 1961 A Mundial, Companhia de Seguros, Lisbona 1962 Der Anker Allgemeine Versicherungs-Aktiengesellschaft, Vienna 10 Gli sviluppi politico-economici degli anni 60 e 70 portarono grandi difficoltà per gli assicuratori. Le statalizzazioni, la discriminazione delle imprese estere e il crollo delle valute in taluni paesi dell allora cosiddetto Terzo Mondo resero difficile o addirittura impossibile l attività. Anche la Helvetia Incendio in molti casi si vide costretta a chiudere attività iniziate pochi anni prima. Dovette rinunciare anche all importante partecipazione nella Assurances Françaises, ma non a causa della situazione sfavorevole, bensì del cattivo andamento del settore auto e dei costi troppo elevati. 11 A un analisi retrospettiva, l espansione settoriale fu giudicata opportuna mentre quella geografica e le partecipazioni in tutta una serie di imprese situate in diversi continenti lasciavano a desiderare in termini di pianificazione e dimensioni. I costi di costituzione e le risorse gestionali, occorrenti per sorvegliarne l operato, furono forse sottovalutati in molti casi, rendendo inevitabile un faticoso ritiro dalla maggior parte dei territori. 12 Malgrado il ridimensionamento, per la Helvetia Incendio sin dall inizio degli anni 60 si faceva sempre più urgente la ricerca di una nuova sede a San Gallo. Nell ormai quasi centenario palazzo Helvetia lo spazio era sempre più scarso, il che impediva le necessarie modifiche strutturali e pregiudicava il razionale svolgimento del lavoro aziendale. Al fine di ridare ai collaboratori della sede centrale posti di lavoro adeguati e un certo spazio di riserva per i decenni a venire, nel 1970 si iniziò a pianificare un nuovo edificio all esterno del nucleo della città vecchia e all inizio dell agosto 1976 si entrò nel nuovo «Girtannersberg» nei pressi dell Università. 13 Nel 1988, la Helvetia Incendio acquisì anche il palazzo «Washington», una delle più belle costruzioni dell industria del ricamo di San Gallo, precedentemente restaurata dalla società con amore e fedeltà allo stile originario. 10 Widmer, 125 Jahre, pag. 36 e seg. 11 Widmer, 125 Jahre, pag. 53 e seg. 12 Widmer, 125 Jahre, pag. 37 e 50 e segg. 13 Cfr. Widmer, 125 Jahre, pag. 56 e segg

18 LA NUOVA SEDE «GIRTANNERSBERG» La Helvetia Incendio crea più spazio per i posti di lavoro e nell agosto 1976 trasferisce la sede centrale sul Girtannersberg viduali che in quelle collettive offrì ai suoi clienti la copertura del rischio di malattia. Ancora più importante fu l assunzione del settore infortuni, responsabilità civile e dell assicurazione di cose, resa possibile il 19 gennaio 1972 con la fondazione della Patria Società d Assicurazione generale. Grazie a queste misure, alla fine degli anni 70, la Patria era la quinta compagnia svizzera di assicurazione sulla vita, sebbene la sua attività fosse rimasta limitata al mercato svizzero. Patria: ampliamento dell offerta e costituzione della Patria Generale Rispetto alla Helvetia Incendio lo sviluppo della Patria nei decenni successivi alla Seconda Guerra Mondiale, pur con un costante aumento dell offerta, fu più sereno. Allorché, con l introduzione dell assicurazione statale per la vecchiaia e i superstiti, si vennero a creare nuove esigenze assicurative e aumentò la domanda di soluzioni collettive, la Patria costituì, oltre alla divisione di «assicura zione popolare» già esistente, un reparto dedicato all «assicurazione di gruppo». Contemporaneamente, ampliò la propria gamma e offrì anche alla clientela più abbiente assicurazioni del capitale e della rendita, caratterizzate da prestazioni sempre maggiori, con le quali nel corso degli anni costituì un proprio portafoglio «lordo vita». Il continuo sviluppo della società fu confermato anche dal fatto che nel 1956 dovette ampliare la propria sede di Basilea e trasferirsi nella St. Alban-Anlage, dove ancora oggi, dopo varie opere di ristrutturazione e ampliamento si trova la sede principale della Helvetia per le attività in Svizzera. Un importante passo di allontanamento dall azienda mono-settore fu fatto dalla Patria nel 1965, quando sia nelle assicurazioni indi-

19 5 L INTEGRAZIONE DELLA HELVETIA GENERALE NELLA HELVETIA INCENDIO 14 6 HELVETIA INCENDIO E HELVETIA INFORTUNI, GEMELLE PER VENTI ANNI Più acuto che per la Helvetia Incendio e per la Patria il problema dell insufficiente compensazione dei rischi lo era per la Helvetia Generale. «Un unico ramo assicurativo rappresenta una base troppo esile e incerta per una crescita sana e profitti equilibrati. Ciò vale in particolare per l assicurazione trasporto che reagisce sensibilmente alle crisi economiche e alla recessione ed è soggetta a forti oscillazioni per quanto riguarda l andamento dei sinistri.» 15 Per questo motivo, sin dagli anni 30 la Helvetia Generale aveva assunto la riassicurazione attiva in tutti i settori. Poiché però praticamente non poteva offrire alcuna contropartita ai cedenti, questo tentativo di superare la problematica di un assicurazione monosettore rimase infruttuoso. Quindi, negli anni successivi alla Seconda Guerra Mondiale, la società acquisì numerose partecipazioni in primi assicuratori, per acquisirne le operazioni di riassicurazione, ma nemmeno questa misura servì a porre l attività su basi più sostenibili. Il nome comune di Helvetia impediva alla Helvetia Generale di diventare una compagnia di assicurazioni generali, poiché la consorella Helvetia Incendio aveva l assicurazione di cose e la Helvetia Infortuni insieme alla propria affiliata Helvetia Vita copriva già i restanti rami. L unica soluzione sensata era quindi la fusione delle due socie - tà Helvetia di San Gallo. In un primo momento, nel 1961 la Helvetia Generale divenne un affiliata della Helvetia Incendio e in un secondo tempo le operazioni dirette nel ramo trasporti furono trasferite dalla Helvetia Generale alla Helvetia Incendio, lasciando alla prima solo la riassicurazione attiva. Per ragioni fiscali, l ultimo passo, cioè lo scioglimento della Helvetia Generale e il rilevamento di tutte le attività e passività da parte della Helvetia Incendio, si compì solo a fine «In tal modo terminò un impresa finanziariamente solida, poiché il ristretto ambito delle sue attività non le offriva buone possibilità di sviluppo. La Helvetia Generale divenne una vittima del passaggio alla società di assicurazioni generali.» 16 Creazione delle azioni gemelle Helvetia nel 1968 Negli anni dopo il 1945, tutte le grandi compagnie di assicurazione svizzere avevano l obiettivo di diventare assicurazioni generali. Come accennato, per la Helvetia Incendio non fu possibile in Svizzera, poiché i rami infortuni, responsabilità civile e auto erano già gestiti dalla Helvetia Infortuni. Un servizio di venditori che offrissero, oltre al ramo trasporti, anche l assicurazione di cose alla lunga era troppo costoso. Lo stesso valeva viceversa per la Helvetia Infortuni con la sua affiliata Helvetia Vita. Una situazione simile a quella svizzera esisteva in parte anche all estero tra la Helvetia Incendio e la Helvetia Infortuni. «Le due società Helvetia con il loro nome in comune si intralciavano quindi a vicenda e vedevano limitata la loro libertà di azione, per quanto riguarda il passaggio ad assicurazione generale.» 17 Appariva quindi opportuno un accordo tra Helvetia Incendio e Helvetia Infortuni. Entrambi i Consigli di amministrazione erano concordi sin dall inizio nel perseguire una più stretta collaborazione, pur mantenendo la piena autonomia delle due società. La collaborazione ottenne carattere giuridicamente vincolante mediante l emissione di azioni gemelle, una soluzione originale ma impegnativa che presupponeva dapprima la trasformazione della Helvetia Infortuni in una società per azioni. All Assemblea generale del 31 maggio 1968, gli azionisti della Helvetia Incendio furono informati in merito alla prevista creazione delle azio ni gemelle e invitati ad approvare la conversione delle azioni in rapporto 1 : 1. L Assemblea straordinaria del 27 settembre 1968 constatò il superamento del quorum necessario per la creazione delle azioni gemelle ed eseguì le necessarie modifiche dello Statuto. Con le delibere identiche della Helvetia Infortuni si era compiuta la fusione, dalla quale scaturì in Svizzera un gruppo assicurativo di medie dimensioni a struttura federativa che tentava di coniugare un assicurazione generale con la specializzazione tradizionale. In Svizzera, le due imprese offrivano insieme ai clienti l intera gamma di prodotti vita e non vita, senza aver dovuto precedentemente creare nuove strutture direttive o armo- 14 Cfr. per l intero capitolo Widmer, 125 Jahre, pag. 46 e segg. 15 Widmer,125 Jahre, pag Widmer, 125 Jahre, pag. 49 e seg. 17 Widmer, 125 Jahre, pag

20 INSEGNA DI AGENZIA DEL PERIODO DELLE «GEMELLE HELVETIA» A metà degli anni 80 del secolo scorso le prescrizioni in materia di corporate design erano meno rigorose. Approfondimento della cooperazione Sino agli anni 80 le due direzioni avevano il costante intento di approfondire la collaborazione, in diversi campi e su vari pia ni. Citiamo ad esempio la reciproca formazione dei venditori svizzeri, svolta per anni nel comune centro di formazione di Unterägeri e la successiva assistenza nelle vendite, con cui si perseguiva l obiettivo di offrire al cliente un servizio complessivo in tutte le questioni assicurative. Ciò condusse a uno scambio che rappresentava una percentuale in costante crescita della produzione complessiva. nizzare le rispettive organizzazioni esterne. All estero, la situazione variava da un paese all altro ed era possibile lavorarvi in modo coordinato, ma anche autonomo. Oltre ai regolari contatti personali tra i Presidenti e le direzioni delle due società, furono istituiti un comitato comune dei Consigli di amministrazio ne e gruppi di lavoro paritetici a diversi livelli che garantivano la collaborazione delle società gemelle. Nel 1981, gli Statuti delle due società furono equiparati mediante una totale revisione. Fatta eccezione per le specifiche differenze necessarie riguardanti ragione sociale, sede, capitale e oggetto sociale, i due Statuti erano ormai identici. Si era dunque creato un importante presupposto per dare un immagine uniforme alle due società gemelle Helvetia Incendio e Helvetia Infortuni e alla loro affiliata Helvetia Vita. Per concludere, citiamo la pubblicità e l informatica, due ulterio ri campi in cui la collaborazione era ottima. La comune immagine pubblicitaria collegava il nome «Helvetia» al concetto di «assicurazioni», ma nel testo evidenziava la struttura federativa del gruppo e sottolineava la specializzazione delle tre società. In campo informatico la creazione di un diretto collegamento tra i centri meccanografici di San Gallo e Zurigo ebbe come conseguenza una maggiore disponibilità dei venditori dei partner a fornire informazioni, un miglioramento del servizio alla clientela e infine un ulteriore aumento della reciproca intermediazione. 1988: scioglimento della struttura gemella Nel corso della seconda metà degli anni 80 (nel 1986 la Helvetia Incendio aveva festeggiato i suoi 125 anni) l attività delle assicurazioni svizzere, per svariati motivi, divenne sempre più difficile. Il Dipartimento federale dell economia vietò gli accordi sui premi nei rami dell assicurazione di cose. Erano quindi prevedibili una certa saturazione del mercato e una maggiore pres sione sui margini. Anche all estero, l introduzione del mercato interno

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

1. Primo conto d esercizio della previdenza professionale. 2. Sintesi. 2.1 Volume delle attività nel settore della previdenza professionale

1. Primo conto d esercizio della previdenza professionale. 2. Sintesi. 2.1 Volume delle attività nel settore della previdenza professionale Rapporto dell UFAP sul rilevamento dei dati e sulla pubblicazione dei conti d esercizio 2005 della previdenza professionale delle imprese svizzere di assicurazione sulla vita 1. Primo conto d esercizio

Dettagli

Informazione per i media

Informazione per i media Mobiliare Svizzera Holding SA Bundesgasse 35 Casella postale 3001 Berna Telefono 031 389 61 11 Telefax 031 389 68 52 lamobiliare@mobi.ch www.mobi.ch Informazione per i media Risultato semestrale 2014 della

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Nuove Misure per il Credito alle PMI

Nuove Misure per il Credito alle PMI Seminario 10 maggio 2012 Nuove Misure per il Credito alle PMI In collaborazione con: Confapi Padova Viale dell Industria, 23 Padova Tel. 049 80 72 273 Powered by info@confapi.padova.it www.confapi.padova.it

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Orientare la previdenza del personale al rendimento: con LPP Invest.

Orientare la previdenza del personale al rendimento: con LPP Invest. Orientare la previdenza del personale al rendimento: con LPP Invest. Chiedete a noi. T 058 280 1000 (24 h), www.helvetia.ch Maggior influsso sulla strategia di investimento della vostra previdenza del

Dettagli

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag.

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1 Il Gruppo e le sue attività pag. 2 L organizzazione del network pag. 5 Le partnership commerciali pag.

Dettagli

2014/2015: Retrospettiva e prospettive future. Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio

2014/2015: Retrospettiva e prospettive future. Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio 2014/2015: Retrospettiva e prospettive future Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio Retrospettiva 2014 La comunicazione relativa a una riduzione solo graduale degli acquisti di

Dettagli

Perspectiva: previdenza professionale con lungimiranza. Fondazione collettiva per la previdenza professionale

Perspectiva: previdenza professionale con lungimiranza. Fondazione collettiva per la previdenza professionale Perspectiva: previdenza professionale con lungimiranza Fondazione collettiva per la previdenza professionale Un futuro sereno grazie a Perspectiva Sfruttare completamente le opportunità di rendimento e

Dettagli

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info La crisi del sistema Dicembre 2008 www.quattrogatti.info Credevo avessimo solo comprato una casa! Stiamo vivendo la più grande crisi finanziaria dopo quella degli anni 30 La crisi finanziaria si sta trasformando

Dettagli

Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali?

Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali? RESeT INTERNAZIONALE Vox STIJN CLAESSENS, NEELTJE VAN HOREN ED. IT. DI ALDO CARBONE 6 Dicembre 2014 Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali? La crisi finanziaria mondiale ha

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

Rapporto dei presidenti

Rapporto dei presidenti Rapporto dei presidenti Nonostante le difficili condizioni quadro economiche, nel 2015 il Gruppo Migros ha ottenuto un fatturato pari a CHF 27.4 miliardi, con una crescita dello 0.1 %. Inoltre è riuscita

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA E RIASSICURATIVA

REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA E RIASSICURATIVA REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA E RIASSICURATIVA OSSERVAZIONI E COMMENTI AL DOCUMENTO SOTTOPOSTO A PUBBLICA CONSULTAZIONE Iscrizione/cancellazione relative

Dettagli

La fusione per incorporazione del Credito Bergamasco

La fusione per incorporazione del Credito Bergamasco Il Banco Popolare semplifica e razionalizza ulteriormente la struttura societaria del Gruppo: approvato il progetto di fusione per incorporazione del Credito Bergamasco e di Banca Italease Verona, 26 novembre

Dettagli

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche INTERVENTI L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche di MAURIZIO CALELLO È arrivato a conclusione dopo un lungo e intenso lavoro il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali

Dettagli

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA ASSICURAZIONI: RADDOPPIA L UTILE NETTO (125 MILIONI +98%) FORTE CRESCITA DEI PREMI: +12,89% A 4.

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA ASSICURAZIONI: RADDOPPIA L UTILE NETTO (125 MILIONI +98%) FORTE CRESCITA DEI PREMI: +12,89% A 4. Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 COMUNICATO STAMPA GRUPPO

Dettagli

Come costruire il piano commerciale

Come costruire il piano commerciale Come costruire il piano commerciale Definire un piano commerciale per la propria impresa è importante: quando mancano idee chiare e obiettivi, infatti, spesso l azione di vendita viene sviluppata in modo

Dettagli

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini, con sede negli Stati Uniti, che si è concentrata sulla produzione di telefonini di nuova generazione a partire

Dettagli

Principio dei tre pilastri

Principio dei tre pilastri Dipartimento federale dell interno/ Ufficio federale delle assicurazioni sociali Incontro con i media del 26 maggio 2003 (Ile Saint-Pierre) - Documentazione Garanzia ed evoluzione della previdenza professionale

Dettagli

Entusiasmo? «Guardo al futuro con tranquillità.» Buone prospettive con la Previdenza privata. Qualsiasi sia il suo progetto, noi siamo al suo fianco.

Entusiasmo? «Guardo al futuro con tranquillità.» Buone prospettive con la Previdenza privata. Qualsiasi sia il suo progetto, noi siamo al suo fianco. Entusiasmo? «Guardo al futuro con tranquillità.» Buone prospettive con la Previdenza privata. Qualsiasi sia il suo progetto, noi siamo al suo fianco. La Sua Assicurazione svizzera. 1/7 Helvetia PV-Prospetto

Dettagli

Legge federale sulla Cassa pensioni della Confederazione

Legge federale sulla Cassa pensioni della Confederazione Legge federale sulla Cassa pensioni della Confederazione (Legge sulla CPC) Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 34 quater e 85 numeri 1 e 3 della Costituzione

Dettagli

2.09 Stato al 1 gennaio 2013

2.09 Stato al 1 gennaio 2013 2.09 Stato al 1 gennaio 2013 Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere In generale 1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Management Game 2011

Management Game 2011 Management Game 2011 La Mobilé Inc 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini che ha sede negli Stati Uniti che si è concentrata sulla produzione di telefonini

Dettagli

Capitale finanziario ed imperialismo

Capitale finanziario ed imperialismo Capitale finanziario ed imperialismo Lezione 14 1 aprile 2015 1 dalla (mia) scorsa lezione Dimensione internazionale «naturale» del modo di produzione del capitale; Tendenze fondamentali sono quelle alla

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei rischi: dall assicurazione auto

Dettagli

Overview del mercato assicurativo in Italia

Overview del mercato assicurativo in Italia Overview del mercato assicurativo in Italia Premi lordi contabilizzati ( mld) CAGR = +3,1% 118,8 99,1 33,7 33,7 33,7 37,7 37,7 37,7 85,1 61,4 61,4 85,1 85,1 61,4 2007 2007 2007 2013 2013 2013 Vita Vita

Dettagli

Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Perspectiva per la previdenza professionale. Edizione gennaio 2015

Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Perspectiva per la previdenza professionale. Edizione gennaio 2015 Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Perspectiva per la previdenza professionale Edizione gennaio 2015 2 Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Perspectiva per la previdenza

Dettagli

Statuto BSI SA BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873. Indice. I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1. II. Capitale azionario, azioni 1

Statuto BSI SA BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873. Indice. I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1. II. Capitale azionario, azioni 1 BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873 Statuto BSI SA 19 aprile 2012 Indice I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1 II. Capitale azionario, azioni 1 III. Organi della società 2 IV. Conti annuali, riserve

Dettagli

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia. di Massimo Lazzari (*)

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia. di Massimo Lazzari (*) Tecniche Turnaround Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia Italiana SpA di Massimo Lazzari (*) Prosegue la serie di 10 contributi dedicati al turnaround come

Dettagli

UNINVEST UNIT LINKED EXTRANET

UNINVEST UNIT LINKED EXTRANET UNINVEST UNIT LINKED EXTRANET CARATTERISTICHE DEL TARGET Un analisi effettuata sul portafoglio ha permesso di tracciare il profilo del cliente tipo: età compresa fra i 35 e i 45 anni con appartenenza ai

Dettagli

Legge federale sulla politica regionale

Legge federale sulla politica regionale Legge federale sulla politica regionale Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 103 della Costituzione federale 1 ; visto il messaggio del Consiglio federale del

Dettagli

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2014

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2014 L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE Edizione 2014 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per

Dettagli

Tabella 1 - Immatricolazioni Autocarri Pesanti (>16 t) EST Europeo - Fonte ACEA

Tabella 1 - Immatricolazioni Autocarri Pesanti (>16 t) EST Europeo - Fonte ACEA Crollo del Mercato Autocarri e del Trasporto Merci su strada in Italia, quali le cause? Rapporto 2015 Cabotaggio, concorrenza sleale, dimensioni delle Aziende di trasporto, scarsa produttività, costi del

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 80 MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti,

Dettagli

I fattori di successo nell industria dei fondi

I fattori di successo nell industria dei fondi Financial Services Banking I fattori di successo nell industria dei fondi Un marketing ed una commercializzazione strategici sono la chiave per l acquisizione ed il mantenimento dei clienti Jens Baumgarten,

Dettagli

rapporto aziendale, pv-promea 2014 versione sintetica

rapporto aziendale, pv-promea 2014 versione sintetica rapporto aziendale, pv-promea 2014 versione sintetica prefazione, del presidente del consiglio di fondazione Siamo lieti di potervi consegnare anche quest anno il rapporto aziendale della PV-PROMEA nella

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei rischi: dall assicurazione auto

Dettagli

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2016

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2016 L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE Edizione 2016 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

Audizione dell IVASS. Commissioni Riunite 10 a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo)

Audizione dell IVASS. Commissioni Riunite 10 a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo) Conversione in legge del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 91, recante disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale e l'efficientamento energetico dell'edilizia scolastica e universitaria,

Dettagli

L Assicurazione italiana in cifre

L Assicurazione italiana in cifre L Assicurazione italiana in cifre Luglio 2010 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1 Capitolo 13 La distribuzione al dettaglio e all ingrosso Capitolo 13- slide 1 e all ingrosso Obiettivi di di apprendimento La distribuzione al dettaglio. Le decisioni di marketing dell impresa al dettaglio.

Dettagli

Bellinzona, venerdì 27 gennaio 2012. Comunicato stampa. BancaStato sostiene l edizione 2012 del carnevale di Bellinzona

Bellinzona, venerdì 27 gennaio 2012. Comunicato stampa. BancaStato sostiene l edizione 2012 del carnevale di Bellinzona Bellinzona, venerdì 27 gennaio 2012 Comunicato stampa BancaStato sostiene l edizione 2012 del carnevale di Bellinzona Torna il Rabadan 2012 insieme a BancaStato Una grande manifestazione popolare all insegna

Dettagli

Competere nei mercati internazionali

Competere nei mercati internazionali Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani Competere nei mercati internazionali A cura di: Martina Fiordigigli Silvia Gardini Cap. 7, Thompson A., Strickland

Dettagli

LEZIONE 10 GENNAIO 2014

LEZIONE 10 GENNAIO 2014 LEZIONE 10 GENNAIO 2014 SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA> Come noto, è un ente dotato di personalità giuridica che rientra nel novero delle società di capitali. La riforma ha portato un integrale revisione

Dettagli

Ordinanza sull assicurazione diretta diversa dall assicurazione sulla vita

Ordinanza sull assicurazione diretta diversa dall assicurazione sulla vita Ordinanza sull assicurazione diretta diversa dall assicurazione sulla vita (Ordinanza sull assicurazione contro i danni, OADa) Modifica del 26 novembre 2003 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza

Dettagli

Bilancio 2014 Car Server S.p.A.

Bilancio 2014 Car Server S.p.A. Car Server S.p.A. Sede legale 42124 Reggio Emilia, Via G. B. Vico, 10/c Capitale sociale: Euro 11.249.859 P. IVA e numero di Iscrizione Registro Imprese RE N 01610670356 Il presente bilancio è stato approvato

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

Svolge un attività indipendente? Consigli per accertare lo stato di indipendente

Svolge un attività indipendente? Consigli per accertare lo stato di indipendente Svolge un attività indipendente? Consigli per accertare lo stato di indipendente Non è sempre facile riconoscere a prima vista un attività indipendente Ha intenzione di mettersi in proprio? Assegna dei

Dettagli

I DATI SIGNIFICATIVI IL CONTO TECNICO

I DATI SIGNIFICATIVI IL CONTO TECNICO L ASSICURAZIONE ITALIANA Continua a crescere ad un tasso elevato la raccolta premi complessiva, in particolare nelle assicurazioni vita. L esercizio si chiude in utile soprattutto grazie alla gestione

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato,

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato, DALLE TARIFFE ALLA CRESCITA UN ASSICURATORE GLOBALE CHE COPRE I BISOGNI DEL CLIENTE ANCHE IN AMBITI COME LA SALUTE, L ABITAZIONE, LA SICUREZZA PATRIMONIALE. TRA RIGORE TECNICO, RICHIESTA DI FLESSIBILITÀ

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

Informazione per i media

Informazione per i media Mobiliare Svizzera Holding SA Bundesgasse 35 Casella postale 3001 Berna Telefono 031 389 61 11 Telefax 031 389 68 52 lamobiliare@mobi.ch www.mobi.ch Informazione per i media Risultato semestrale 2013 della

Dettagli

Comunicato stampa. Inchiesta congiunturale 2013/2014

Comunicato stampa. Inchiesta congiunturale 2013/2014 Comunicato stampa Inchiesta congiunturale 2013/2014 Sensibile miglioramento nel 2013 per le aziende ticinesi dopo le difficoltà degli ultimi anni. Previsioni sostanzialmente positive anche per il 2014,

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

Il Consiglio federale prepara il terreno per il consolidamento del bilancio a contare dal 2011

Il Consiglio federale prepara il terreno per il consolidamento del bilancio a contare dal 2011 Dipartimento federale delle finanze DFF Comunicato stampa Data 3 settembre 29 Il Consiglio federale prepara il terreno per il consolidamento del bilancio a contare dal 211 Nel corso della sua seduta odierna

Dettagli

Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita

Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita (Ordinanza sull assicurazione vita, OAssV) Modifica del 26 novembre 2003 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 29 novembre 1993 1 sull

Dettagli

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Comunicato stampa EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Le imprese associate a Eurogroup sono quasi 37 mila (+8,6% rispetto al 2006) L avanzo di gestione ante imposte è di 6,3

Dettagli

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto 11 1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto Poiché ciascun progetto è un processo complesso ed esclusivo, una pianificazione organica ed accurata è indispensabile al fine di perseguire

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

Il Gruppo: valore per il territorio

Il Gruppo: valore per il territorio Il Gruppo AEB-Gelsia rappresenta una tra le prime multiutility in Lombardia per fatturato e clienti serviti e si colloca tra i primi 20 operatori a livello nazionale. Il Gruppo ha voluto ribadire il proprio

Dettagli

I S V A P. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI

I S V A P. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI I S V A P Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo SERVIZIO STATISTICA 20 giugno 2003 317543 CIRCOLARE N. 508/S 4 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione

Dettagli

Ordinanza sulla diffusione della formazione svizzera all estero

Ordinanza sulla diffusione della formazione svizzera all estero Ordinanza sulla diffusione della formazione svizzera all estero (Ordinanza sulle scuole svizzere all estero, OSSE) 418.01 del 28 novembre 2014 (Stato 1 gennaio 2015) Il Consiglio federale svizzero, visti

Dettagli

1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi

1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi 2.09 Stato al 1 gennaio 2010 Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere In generale 1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

l Assicurazione italiana in cifre luglio 2009

l Assicurazione italiana in cifre luglio 2009 l Assicurazione italiana in cifre luglio 29 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

LE NOVITÁ PER I FONDI IMMOBILIARI RISERVATI

LE NOVITÁ PER I FONDI IMMOBILIARI RISERVATI LE NOVITÁ PER I FONDI IMMOBILIARI RISERVATI M entre i fondi immobiliari aperti al pubblico originariamente dovevano offrire una partecipazione in un prodotto di investimento ad ampia diversificazione anche

Dettagli

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Premi lordi contabilizzati a tutto il quarto trimestre 2013 dalle Imprese di assicurazione nazionali e dalle Rappresentanze per l Italia delle

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

!"#$%&'(&%)% Consulenza & Ser vizi. & Partners

!#$%&'(&%)% Consulenza & Ser vizi. & Partners !"#$%&'(&%)% Consulenza & Ser vizi & Partners Progettualità e cultura d impresa Nato nel 2002 da un idea del Dr. Luca Troisi, a seguito di una significativa esperienza personale maturata nel mondo della

Dettagli

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing PartnerWorld IBM Global Financing Straordinarie possibilità di crescita con IBM Global Financing Servizi finanziari per i Business Partner IBM ibm.com/partnerworld Accesso diretto a un avanzato servizio

Dettagli

ANCE Sicilia Smobilizzo crediti con le PP.AA. Ristrutturazione del debito Sistema di Gestione Resp. Amministrativa Il Gruppo Atradius

ANCE Sicilia Smobilizzo crediti con le PP.AA. Ristrutturazione del debito Sistema di Gestione Resp. Amministrativa Il Gruppo Atradius ANCE Sicilia Smobilizzo crediti con le PP.AA. Ristrutturazione del debito Sistema di Gestione Resp. Amministrativa Il Gruppo Atradius Giulio Longobardi Direttore commerciale Atradius Italia Palermo 14

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Il vostro investimento è in buone mani

Il vostro investimento è in buone mani TwinStar Invest Il vostro investimento è in buone mani Investimento garantito con potenziale di rendimento in due varianti. TwinStar Invest apre prospettive d investimento ideali a tutti coloro che danno

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

IL CONSORZIO ANALISI DI BILANCIO ED ELEMENTI DI RIFLESSIONE PER LA DEFINIZIONE DELLE STRATEGIE 2008-2011

IL CONSORZIO ANALISI DI BILANCIO ED ELEMENTI DI RIFLESSIONE PER LA DEFINIZIONE DELLE STRATEGIE 2008-2011 IL CONSORZIO ANALISI DI BILANCIO ED ELEMENTI DI RIFLESSIONE PER LA DEFINIZIONE DELLE STRATEGIE 2008-2011 Nell ambito di un orientamento strategico fortemente indirizzato all innovazione e allo sviluppo

Dettagli

TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA. La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di

TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA. La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di carattere informatico, per poter rilevare i fatti aziendali e quindi

Dettagli

UN PROFESSIONISTA TIRA L ALTRO

UN PROFESSIONISTA TIRA L ALTRO FORMAZIONE E FORMAZIONE CONTINUA: UN PROFESSIONISTA TIRA L ALTRO Un iniziativa della Confederazione, dei Cantoni e delle organizzazioni del mondo del lavoro FORMAZIONE E FORMAZIONE CONTINUA: FORMAZIONE

Dettagli

Comunicato stampa. Bellinzona, venerdì 16 dicembre 2011

Comunicato stampa. Bellinzona, venerdì 16 dicembre 2011 Bellinzona, venerdì 16 dicembre 2011 Comunicato stampa Bernardino Bulla nominato Presidente della Direzione generale della Banca dello Stato del Cantone Ticino Bernardino Bulla nominato Presidente della

Dettagli

Quali prospettive per le collaborazioni fra intermediari assicurativi

Quali prospettive per le collaborazioni fra intermediari assicurativi Convegno Nazionale Intermediari Assicurativi Le giornate professionali Milano, 1 febbraio 2013 Quali prospettive per le collaborazioni fra intermediari assicurativi Risultati della ricerca IAMA Fabio Orsi

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

agosto 2005 Prodotti assicurativi distribuiti con il Multilevel Marketing: prime considerazioni, di Filippo Da Lan 1

agosto 2005 Prodotti assicurativi distribuiti con il Multilevel Marketing: prime considerazioni, di Filippo Da Lan 1 agosto 2005 Prodotti assicurativi distribuiti con il Multilevel Marketing: prime considerazioni, di Filippo Da Lan 1 Negli ultimi anni si è sempre più spesso sentito parlare di nuovi sistemi di distribuzione

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Private Banking e Fondi Immobiliari

Private Banking e Fondi Immobiliari 0 Private Banking e Fondi Immobiliari Il mercato dei fondi immobiliari Il mercato dei fondi immobiliari nel mondo e in Europa Nel 2005 il portafoglio dei gestori professionali ha superato gli 800 mld di

Dettagli