. Centro RISORSE Handicap. I modulo - Disabilita visive: non vedenti e ipovedenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ". Centro RISORSE Handicap. I modulo - Disabilita visive: non vedenti e ipovedenti"

Transcript

1 . Centro RISORSE Handicap I modulo - Disabilita visive: non vedenti e ipovedenti

2 LE NUOVE TECNOLOGIE INCLUSIVE PER NON VEDENTI E IPOVEDENTI

3 INDICE q q q q q q q q I NON VEDENTI E L INFORMATICA:UN MONDO DI PUNTINI UN MONDO DI SUONI INTEGRAZIONE DEL DISABILE VISIVO NELLA SCUOLA COMUNE UN MONDO DI BIT O DI PUNTINI?!?..QUESTO E IL PROBLEMA!!! STRUMENTI E AUSILI DIDATTICI SOFTWARE E HARDWARE ACCESSIBILITA RISORSE E SERVIZI IN RETE BIBLIOGRAFIA

4 I NON VEDENTI E L INFORMATICA:UN MONDO DI PUNTINI

5 STORIA DEL BRAILLE Nel XIX sec. Louis Braille inventò l alfabeto fonetico tattile. L A.f.t. era una tavola di segni (64 in tutto) che, basandosi sull associazione di sei punti poteva consentire la scrittura di lettere, numeri, punteggiatura, note musicali, caratteri matematici Braille era convinto che un cieco non potendo servirsi della vista dovesse imparare a leggere attraverso il tatto utilizzando un codice (serie di segni realizzata ad hoc) All epoca il metodo venne messo da parte perché era convinzione dei pedagoghi che le persone non vedenti potessero scrivere tracciando caratteri simili a quelli usati dai vedenti disegnandoli col punteruolo. Il Braille in seguito si impose come metodo principe per l educazione dei non vedenti. Nel XX sec.sorgono le prime stamperie braille per la produzione di libri, riviste, partiture musicali, testi scolastici e di consultazione. Negli istituti si insegna l utilizzo della tavoletta: Piano di lavoro, di solito metallico, costituito da solchi paralleli longitudinali, un telaio per la fissazione del foglio e dell asticella e una riga percorsa da un certo numero di casellini verticali, uno per ogni carattere Lo scrivente produce segni sul foglio con un punteruolo (usato come una penna), andando da destra verso sinistra *

6 All epoca il limite del Braille era il rapporto assai limitato del lettore con il messaggio grafico. Nasce il sistema Ballù che è un procedimento che permette la produzione di disegni a puntini. Sono da menzionare: La Stamperia Nazionale Braille Vittorio Emanuele II di Firenze che, soprattutto tra gli anni Trenta e Cinquanta, ha stampato di tutto. La Biblioteca Italiana per Ciechi Regina Margherita di Monza, che oltre ad avere una propria stamperia, ha avuto tra i suoi compiti istituzionali quello di prestare volumi in lettura*.

7 Alfabeto fonetico tattile

8 UN MONDO DI SUONI

9 Come acquisire informazioni audio? Mezzi di riproduzione fonica: Magnetofono a bobine Registratore a cassette Il walkman Lettori mp3 E-book Con che finalità? SUPERARE LE BARRIERE CHE SEPARANO IL MONDO DEI VEDENTI DA QUELLO DEI NON VEDENTI RELATIVAMENTE ALL ACCESSO ALLA CULTURA.nello specifico ha permesso: lettura di testi Registrazione di lezioni.le conseguenze? Incremento delle info a disposizione della persona NV Maggiori possibilità di acculturazione Apprendimento delle lingue straniere*

10 Cosa ha fatto l U.I.C.? (Unione Italiana Ciechi) Registrazione di volumi e periodici Organizzazione di grosse nastroteche di livello nazionale che si occupano della produzione/registrazione dei testi e della loro distribuzione: Il Centro Nazionale del Libro Parlato dell Unione Italiana dei Ciechi (http://www.uiciechi.it/ ), con sede a Roma e diverse sedi regionali 13 Centri regionali del Libro parlato ( ) Tra i centri regionali va segnalato quello di Padova (già nastroteca P.Bigini, specializzata nella saggistica di livello universitario (Ente proprietario UNIONE ITALIANA CIECHI IndirizzoVia L. Braille, 6 Telefono 049/ PADOVA) Il Servizio del Libro Parlato per i Ciechi d Italia Robert Holmann curato dal Lions di Verbania Il Centro Internazionale del Libro Parlato di Feltre ( ) *

11 Di cosa si occupano i Centri del Libro Parlato? Registrano testi e li distribuiscono tramite un servizio di prestito Su richiesta degli utenti registrano testi di interesse particolare Questi centri utilizzano volontari o donatori di voce che devono attenersi ad un protocollo di lettura. Il C.N.L.P. (Centro Nazionale Libro Parlato)si avvale di attori professionisti di Radio Rai Solitamente l iscrizione a questi servizi è gratuita. Alcuni centri invece chiedono una quota di abbonamento per ricevere libri e periodici*

12 INTEGRAZIONE DEL DISABILE VISIVO NELLA SCUOLA COMUNE di M.Olivi

13 Integrazione del disabile visivo nella scuola Storicamente l istruzione del minorato della vista era gestita da istituzioni di tipo residenziale, presenti già agli inizi del secolo scorso. Istituzioni di matrice religiosa. In seguito si trasformarono in strutture che risolvevano problematiche di origine tiflologica attuando un approccio scientifico per il recupero delle potenzialità del disabile. La finalità di queste strutture era di fornire al bambino cieco consistenti e prolungate occasioni di acculturazione. Queste strutture speciali avevano la caratteristica di essere chiuse e non promuovevano l integrazione scolastica. In seguito a spinte politico-ideologiche ( 70) vennero modificate molte realtà consolidate, tra cui gli istituti speciali. Alla base dell emancipazione del disabile e alla socializzazione della disabilità sta la convinzione pedagogica che il disabile possa intraprendere un percorso più significativo in contesti e situazioni non speciali...quindi..

14 L integrazione nella scuola comune si pone l obiettivo di: Superare i condizionamenti negativi sul percorso formativo dell alunno non vedente. Superare gli impedimenti alla socialità Superare gli impedimenti all autonomia Superare gli impedimenti alla acculturazione significativa*

15 Aspetti metodologici L integrazione del disabile visivo necessita attenzione e valutazioni specifiche Infatti la condizione di minorazione determina oggettive diversificazioni nel fare didattico. Quindi è necessario.. valutare i problemi che la disabilità ha posto al bambino già nell evoluzione prescolastica e Prevenire le potenziali distorsioni che la minorazione può comportare Come? Saturando i bisogni determinati dalla disabilità permettendo lo strutturarsi nel disabile visivo di una globale normalità Conseguenza Il bambino non vedente ha la possibilità di fruire al massimo delle specifiche proposte che la scuola gli offre.*

16 La scuola deve domandarsi CHI E quel particolare bambino caratterizzato, fra l altro da una condizione di minorazione sensoriale E fondamentale ricorrere ad un attenta valutazione funzionale, individuando come il bambino funziona attraverso parametri significativi: Oss. in ambito scolastico Info dagli operatori scolastici* Info dalla famiglia Oftalmologi Info dai riabilitatori Operatori sociali

17 Le aree da focalizzare sono: Diagnostica con riferimento alla minorazione Psicointellettiva Dell apprendimento Performances funzionali Abilità sociali Autonomia Socio-ambientali

18 Metodologia dell inserimento 1. Raccolta e sistematizzazione dei diversi elementi conoscitivi indiretti, dati anamnestici, documentazione informative pregresse, inquadramenti clinici specifici, resoconti di osservazioni di figure significative. 2. Determinazione diretta di elementi conoscitivi, attraverso l utilizzo di strumenti codificati (test di sviluppo; prove di valutazione della funzionalità senso-percettiva). Osservazione diretta globale e/o sistemica dell allievo disabile nella classe e in altri contesti naturali 3. Inquadramento sintetico dei diversi parametri significativi e conseguente delineazione di un profilo funzionale del soggetto 4. Elaborazione di un piano educativo individualizzato, in un ottica programmata. 5. Costante ricalibratura e ridefinizione in itinere degli obiettivi individuati sulla base di verifiche e di retroazioni.*

19 Scendendo nel dettaglio.. 1) A livello specifico della minorazione: o diagnosi - età inizio - tempi di insorgenza - grado di disabilità visiva (totale/parziale in riferimento ai parametri dell'acutezza, del campo visivo, della motilità oculare, della fissazione) - prognosi o Ausili e tecniche di compensazione (lenti, ingranditori, tecniche tiflologiche, ingrandimenti o adattamenti di materiali) o Funzionalità nell'utilizzo della percezione visiva e/o dei sensi residui, in compiti relativi a: tecniche di individuazione e ricerca (scanning) - discriminazioni visive - percezione della profondità - colpo d'occhio/campo visivo - discriminazioni e riconoscimenti tattili e uditivi - percezione stereognosica - afferenze propriocettive e cenestesiche - coordinazione bimanuale - percezione del movimento Gestione dello spazio (spostamento e orientamento, parametri relativi)*

20 2) A livello dello sviluppo intellettivo: a) Area cognitiva: fondamentali ambiti conoscitivi b) Area percettiva: livelli di integrazione - di riconoscimento c) Area psicomotoria: coordinazioni d) Area comunicazione: abilità comunicativa di base 3) A livello generale della persona: a) Ogni altra minorazione, disabilità, handicap b) Adattamento/accettazione riferiti alla condizione di minorazione c) Problematiche sociale ed emotive d) Capacità di auto organizzazione e) Autostima f) Fiducia g) Motivazione - interesse h) Attenzione - perseveranza - disponibilità al compito i) Particolari forze o debolezze l) Atteggiamento del contesto familiare m) Atteggiamento delle figure significative della scuola*

21 E quindi fondamentale q L individuazione delle condizioni di funzionalità dell allievo Perché? q Sono propedeutiche ed essenziali per strutturare il processo di Ins./Appr. nelle sue connotazioni concrete. Modalità Tempi Tecniche Strumenti In base alle capacità/incapacità dell allievo di ricorrere in modo significativo alla visione per l accesso alle informazioni si determinerà una prima generale differenziazione nella metodologia/e utilizzata e adattamenti didattici. In seguito all interno di questi due poli antitetici troveranno giustificazione le proposte curricolari, vagliando preventivamente i diversi parametri di funzionalità sensoriali e altre variabili concomitanti*

22 Possiamo dire che L allievo disabile visivo, deve in linea generale fruire durante la sua scolarizzazione di tre generali risposte ai bisogni posti dalla minorazione 1. Adattamento del curriculum 2. Modificazioni metodologiche 3. Integrazione al curriculum o curricola aggiuntivi*

23 1. Adattamento del curriculum Varie possibilità: q Proposta di contenuti uguali per l alunno NV con modificazioni nelle modalità di presentazione atte a una fruizione attraverso i sensi residui o il residuo visivo: braille, ingrandimenti, conversione in rilievo di grafica, presentazioni verbali. q Tempi più lunghi per lo svolgimento delle attività. q Continua valutazione degli adattamenti effettuati.*

24 2. Modificazioni metodologiche q Quando l attività e/o i contenuti non si presteranno ad un adattamento si farà ricorso ad un cambio di metodologia. per q Proporre in modalità più idonee alla condizione di disabilità visiva determinati contenuti (es. alfabetizzazione, matematica, scienze). q In caso di disabilità visiva dovremo favorire in generale approcci basati sul concreto e sul manipolabile.*

25 3. Integrazione al curriculum o curricula aggiuntivi q Appositi interventi nati dallo stato di disabilità e dalle limitazioni negli apprendimenti spontanei in mancanza di utilizzo naturale della percezione visiva. Emergono dei bisogni che q Devono essere affrontati e colmati da appositi interventi*

26 a) Abilità e nozioni che per oggetto di insegnamento anche per il vedente, necessitano di insegnamento e pratiche aggiuntive per l allievo disabile a fronte di carenze esperienziali e occasioni di generalizzazione. b) Abilità e nozioni che sono intrinsecamente collegate alla condizione di disabilità in quanto tale (in relazione all uso di ausili e apparecchiature specifiche o a puntuali performances quale la lettura tramite l ascolto. c) Abilità e nozioni che il vedente apprende di massima attraverso la spontanea osservazione visiva e l imitazione (mobilità spaziale e orientamento, abilità di comunicazione espressiva, competenze sociali ecc).

27 Area logico-matematica q Il bambino NV ha un ampia gamma di materiali e strumenti normali basati su una metodologia che utilizza la manipolazione. q A partire dalla 2 elementare utilizza anche dei sussidi per il calcolo aritmetico con segnografia braille e materiali specifici: Dattiloritmica a quattro punti e/o il cubaritmo (per aritmetica). Il piano di gomma, album tattili e Geoméplan (composizione su piano magnetico dei diversi elementi e figure geometriche piane). Area espressivo-creativa Il bambino consolida, amplia e articola le diverse tecniche di produzione del tridimensionale e della grafica in rilievo (disegno con tecnica del contorno e/o relativa all uso di tessiture e materiali diversi) Un alunno ipovedente potrebbe anche essere in grado di utilizzare, con adattamenti nell uso del colore, nelle dimensioni e tratto grafico, le comuni tecniche grafo-pittoriche) Nelle competenze del bambino disabile visivo rientra nell arco del 2 ciclo elementare la tecnica di lettura delle cartine in rilievo e dei plastici geografici*

28 UN MONDO DI BIT O DI PUNTINI?!? QUESTO E IL PROBLEMA

29 Attuali sviluppi tecnologici La tecnologica che ha portato alla creazione di attrezzature esclusivamente per ciechi (Braillex, il Versabraille) è stata superata da sviluppi che ci permettono di far dialogare il normale Pc con Hardware e software dedicati. Es. Display braille: linea tattile che consente all utente di convertire la normale stampa, riga per riga, in Braille. Software che permettono di convertire testi direttamente in braille contratto in varie lingue (inclusi i segni speciali, i simboli, ecc.) La posta elettronica. Internet: accesso a dati specializzati che sono diventati strumenti familiari a ciechi e ipovedenti. Cd rom Gli scanner*

30 q Fonti di informazioni acustiche Prima: la radio ed i libri parlati (audiocassette,vinile) Dopo: Audiolibri (cd- file mp3 ecc);sintesi vocali (software associato a screen reader, display e stampante braille). Attraverso la sintetizzazione del linguaggio si può accedere alle info memorizzate con le tecniche digitali (alti livelli in quasi tutte le lingue) q Braille e figure Le info possono essere memorizzate con le tecniche digitali e tradotte in linguaggio audio o trascritte in braille (dati caricati su disco rigido e letti attraverso la linea tattile o stampati) Per il braille contratto sono stati creati software speciali. Entro certi limiti anche le illustrazioni e le figure possono essere editate ed adattate in modo da poter essere lette e riconosciute dai ciechi. q Lo scanner Digitalizza automaticamente i testi con l ausilio di software per convertire il testo in braille contratto o in voce sintetizzata. q Programmi di riconoscimento vocale Esistono molti progetti internazionali per lo sviluppo di tecniche per il riconoscimento vocale (AR=audio recognition-riconoscimento audio) Oggi è possibile digitalizzare i testi attraverso gli O.C.R. (optical character recognition) Quindi in futuro sarà possibile:*

31 Produrre testi digitalizzati e memorizzati attraverso un input audio, sotto forma di libro parlato. come alternativa invece sarà possibile realizzare testi in braille alla linea tattile o alla stampa su carta. Allora è lecito chiedersi se.*

32 IL BRAILLE E DESTINATO q AD AVERE UN FUTURO? SI! Perché? L informazione orale viene facilmente dimenticata. Come studiano gli alunni vedenti? (Canale sensoriale visivo) Studiano ed apprendono la scrittura, che rappresenta ancora una delle più importanti forme di comunicazione. La imparano:codifica e scrittura (lettura e scrittura corrette) Imparano ad utilizzarla per imparare: prendere appunti, strutturare info scritte ecc. q Come studiano gli alunni non vedenti? (Canale sensoriale tattile) Nella stessa maniera, ma utilizzando strumenti e modalità specifiche. Molti ciechi hanno rivelato che è ciò che sentono con le dita che riescono a ricordare per lungo tempo, che rimane impresso nella memoria. Quindi *

33 q Alla base dello studio c è una strutturazione dei contenuti che vengono rielaborati attraverso il linguaggio scritto. LA FORMA SCRITTA È ESSENZIALE PER UN CORRETTO APPRENDIMENTO E PER GLI ALUNNI CIECHI! QUESTO SIGNIFICA STUDIARE CON IL METODO BRAILLE!! (Il metodo rappresenta un elemento vitale per la vita della persona non vedente!!!)*

34 La scuola deve: In generale Insegnare il linguaggio scritto (leggere e scrivere) utilizzando metodologie appropriate alle specificità dell utenza. Insegnare la capacità di distinguere info importanti da altre inutili. Insegnare la capacità di riproduzione dei contenuti in forme più o meno strutturate. Nello specifico (disabilità visiva) Tutte le capacità sopra indicate. Insegnare a collegare i contenuti delle varie fonti, a riconoscere i contesti, quindi a gestire l informazione. Senza la conoscenza e l utilizzo del braille una persona non vedente rischia q Vanificazione dell integrazione Scolastica Professionale Sociale* L ANALFABETISMO!!!!!..con conseguente

35 L invenzione dell alfabeto tattile, ad opera di Louis Braille è stato geniale Perché: Ha permesso l utilizzo di un codice trasversale ed universale, in quanto viene utilizzato in qualsiasi lingua e in qualsiasi materia. OGGI L estensione del Braille da 6 a 8 punti permette La rappresentazione di formule matematiche complesse e di simboli (es. ASCII). L utilizzo, tramite periferiche speciale, dell alfabeto braille sul pc.*

36 q L alunno disabile visivo in uscita dalla scuola dell obbligo deve possedere queste competenze per avere possibilità di integrazione professionale (lavori manuali, d ufficio, amministrativi o accademici) Conoscenza del braille Conoscenza ed utilizzo del sistema braille nella lingua straniera richiesta Conoscenza di segni speciali, simboli scientifici e musicali Conoscenza informatica, in particolare dei programmi di videoscrittura Capacità di scrivere con punteruolo e tavoletta, dattilobraille, tastiera del computer, display braille Capacità di strutturare i concetti per iscritto Conoscenza di un numero sufficiente di testi in Braille q La percezione acustica è importantissima ed è complementare a quella tattile. q L utente una volta effettuato il percorso scolastico personale e in possesso delle conoscenze e capacità sopra esposte dovrà q Individuare la forma di comunicazione che meglio risponde alle proprie esigenze*

37 Per concludere possiamo dire che: IL BRAILLE RAPPRESENTA UN ELEMENTO INDISPENSABILE PER COMUNICARE, ED È PRESUPPOSTO NECESSARIO PER L INSEGNAMENTO RIVOLTO AI NON VEDENTI. LE NUOVE TECNOLOGIE DEVONO PERMETTERE L ACCESSIBILITA ED USABILITA DELLE INFORMAZIONI. IL FINE ULTIMO DEL NOSTRO IMPEGNO DEVE ESSERE L INTEGRAZIONE SOCIALE E LA PARTECIPAZIONE DEI CIECHI. DARE PARI DIRITTI E OPPORTUNITÀ (ES. DIRITTO AD ACCEDERE A QUALSIASI INFO)*

38 Fine anni 80 Il Personal Computer e il D.O.S. Personal Computer con programmi funzionanti e sistema operativo MS-DOS Il DOS si basava su un interfaccia testuale (righe di comandi) che potevano essere tradotte facilmente in voce o in caratteri braille da 8 punti con software specifici. La persona non vedente poteva autonomamente : Scrivere Leggere Far di conto Redigere programmi*

39 Metà anni 90 Il Personal Computer e WINDOWS 95 Personal Computer con programmi funzionanti e sistema operativo basato su un interfaccia grafica con icone, barre degli strumenti, il mouse come strumento principe per selezionare gli oggetti sul desktop. Conseguenza IL NUOVO SISTEMA CREAVA SERI PROBLEMI PER I PROGRAMMATORI DI SOFTWARE CHE DOVEVANO ELABORARE Un software che interpretasse ciò che compariva sullo schermo. Trasformare icone in parole. Ideare e realizzare supporti voce e braille per un sistema poco compatibile con la cecità*

40 L informatica ha provocato anche: q Rivoluzione del Braille Introduzione del Braille a 8 punti Per quali ragioni? Il vecchio alfabeto tattile utilizzava in diversi contesti lo stesso simbolo, ma per operare coi pc non era possibile. Perché? L alfabeto internazionale dei PC è L ASCII ( tavola di 250 segni, comprendente lettere maiuscole, minuscole, numeri, lettere accentate di diverse lingue e caratteri che vengono interpretati dalla macchina come dei comandi). Quindi Per ogni carattere era necessario un simbolo ad hoc. Sopprimere il segnonumero e la lettera maiuscola, caratteri che nell alf. tattile a 6 punti servono per determinare le cifre e l inizio di una frase. Stesso discorso vale anche per le lettere accentate e per la punteggiatura.*

41 Braille a 6 o 8 punti? q L introduzione del Braille a 8 punti ha permesso agli utenti non vedenti di interagire con le macchine, ma. q Ha aperto il dibattito tra gli operatori non vedenti sul tipo di codice braille da utilizzare. Due fazioni q I conservatori vogliono mantenere la simbologia a 6 punti e sono convinti che l istruzione dei ciechi nelle scuole si debba basare su questo alfabeto. q Gli innovatori vogliono dimenticare il braille a 6 punti per utilizzare la simbologia a 8 punti perché l uso delle macchine (pc) è destinato a crescere.*

42 Conseguenze della continua innovazione tecnologica: q Rivoluzione del modo di accedere alle info q Necessità di una continua alfabetizzazione q Necessità di mantenere l Hardware e software sempre aggiornato*

43 La rivoluzione informatica Ha determinato: q Continuo mutamento tecnologico che rende velocemente obsoleti hardware e software per non vedenti e ipovedenti Display braille I sintetizzatori vocali O.C.R. Ingranditori di immagini Software*

44 ed è causa di: q Rifiuto ad adeguarsi alla nuova situazione tecnologica contemporaneamente Crisi del Braille (disabili che non conosco l alfabeto con i puntini e si affidano totalmente alla tecnologia: Sistemi acustici come il registratore La radio Il sintetizzatore vocale sotto dos OS.

45 conseguenze Progressiva marginalizzazione delle persone non vedenti che non hanno più gli strumenti tecnologici per comunicare in una comunità che utilizza strumenti sempre più sofisticati e Non si sentono nemmeno parte di una comunità (ciechi) che ha in comune l utilizzo del codice Braille. TOTALE MARGINALIZZAZIONE DEL NON VEDENTE*

46 STRUMENTI E AUSILI DIDATTICI Software e Hardware

47 Cos è un ausilio? AUSILIO: Secondo lo standard internazionale ISO 9999, in fase di adozione quale standard europeo, gli ausili vengono definiti come "technical aids" o con il più accreditato termine di "assistive device". q Con assistive device si intende qualsiasi prodotto, strumento, attrezzatura o sistema tecnologico di produzione specializzata o di comune commercio, utilizzato da una persona disabile per prevenire, compensare, alleviare o eliminare una menomazione, disabilità o handicap. q Esiste una classificazione degli ausili che si basa sullo standard ISO che è la seguente: Ausili per terapia e rieducazione Protesi ed ortesi Ausili per la cura e la protezione personale Ausili per la mobilità personale Ausili per la cura della casa Mobilia e adattamenti per la casa o per altri edifici Ausili per comunicare, informazione e segnalazione Ausili per manovrare oggetti e dispositivi Ausili per miglioramento ambientale, utensili e macchine Ausili per le attività di tempo libero

48 CATEGORIE DI AUSILI q TRADIZIONALI Sussidi tiflodidattici LIBRI A GRANDI CARATTERI LIBRI BRAILLE/TATTILI LENTI D INGRANDIMENTO LENTI E OCCHIALI SPECIALI TAVOLETTA E PUNTERUOLO CUBARITMO CASELLARIO TERMOFORM PIANO-GOMMA CUSCINETTO LA DATTILOBRAILLE q TECNOLOGICI L OPTACON VIDEOINGRANDITORE SOFTWARE INGRANDENTI LIBRI ELETTRONICI LIBRI PARLATI/AUDIOLIBRO DISPLAY BRAILLE STAMPANTE BRAILLE SCANNER O.C.R. SINTESI VOCALI SCREEN READER AGENDA ELETTRONICA-PC PALMARI E TELEFONIA MOBILE (G.P.S.)*

49 Libri a grandi caratteri (ipovedenti) Esiste una particolare editoria che si occupa di pubblicare testi a grandi caratteri. Finalità: rendere agevole la fruizione e la leggibilità di opere lett. giornali, riviste, manuali ecc.. COME? Utilizzando caratteri superiori alla media (minimo di corpo 16) Utilizzando font adeguati che non si prestino all ambiguità Margini di impaginazione ben studiati Carta non riflettente e ad alto spessore Rapporto equilibrato tra il numero dei caratteri, lunghezza della riga e interlinea COS E LA TECNICA BOOK ON DEMAND Sistema di stampa digitale, simile a quello delle stampanti laser che permette la produzione personalizzata di libri ingranditi su ordinazione anche per poche copie. Le case editrici sono in grado di farlo, disponendo di file di testo in formato digitale con cui possono, in tempi rapidi preparare dei testi su misura, modificando dimensioni del carattere, font, spaziatura, margini, contrasti.*

50 Libri Braille/tattili (non vedenti) q Il sistema di codifica Braille è conosciuto e diffuso come il metodo tradizionale di scrittura e lettura per i non vedenti. q Messo a punto da Louis Braille nel 1829, il sistema è basato sull'uso del tatto e consiste in segni alfabetici formati da gruppi di punti. q Elementi essenziali sono i punti in altorilievo e lo spazio non punteggiato, ossia la distanza tra un punto e l'altro, ma anche la disposizione dei punti l'uno rispetto all'altro e, più in generale, la loro collocazione nel rettangolo virtuale; che costituisce il sistema di riferimento attraverso il quale l'esplorazione delle dita assume un senso logico. q La forma fondamentale di questo sistema è data da due file di tre punti messe in verticale e poste parallele tra loro che occupano superfici rettangolari di pochi millimetri (circa 4 millimetri in orizzontale e 7 millimetri in verticale); q La variazione del numero dei punti e le diverse posizioni di quelli impiegati possono dare luogo a 64 differenti combinazioni che costituiscono l'intero sistema di scrittura. q Il codice Braille è utilizzato anche per rappresentare la matematica e la musica. q Esistono biblioteche di libri in Braille e diversi centri che svolgono servizio di trascrizione, stampa e distribuzione. q I libri braille per bambini, sono spesso arricchiti di disegni in rilievo realizzati secondo varie tecniche, sia di tipo artigianale che semi-industriale.*

51 Lenti d ingrandimento (ipovedenti) Strumenti che favoriscono la visione e la lettura da vicino Sono di varie forme, dimensione e potere ingrandente con un supporto per l utilizzo manuale. Esistono modelli auto illuminanti, provviste di lampadina. Generalmente portatili.*

52 Lenti e occhiali speciali (ipovedenti) Sistemi prismatici Consistono in un occhiale simile a quello utilizzato per la lettura da soggetti normovedenti, ma con lenti ipercorrettive asferiche dotate di una correzione prismatica, che riduce la necessità di convergenza degli occhi, permettendo una confortevole messa a fuoco ad una distanza compresa tra 7 e 20 cm. Gli ingrandimenti, massimo 4 x nei sistemi binoculari e 6 x in quelli monoculari, li rendono particolarmente indicati per ipovedenti di medio-bassa gravità.*

53 q Sistemi galileiani Sono microscopi miniaturizzati applicabili su montatura. Sono utilizzabili per la visione da lontano, ma non possono essere impiegati nella deambulazione perché alterano i rapporti spaziali. Con l'aggiunta di una lente correttiva anteriore diventano un ausilio ottico idoneo per la lettura, vantaggioso in quanto permette una maggiore distanza di lavoro. q Sistemi Aplanatici Sistemi monoculari che permettono di sfruttare la visione paracentrale nei soggetti ipovedenti con alterazione della visione centrale. Ingrandimenti fino a 15 x. Si utilizzano ad una distanza di lettura molto ravvicinata, sfruttando l'occhio migliore.*

54 q Sistemi kepleriani Sono i sistemi telescopici più potenti con cui si ottengono i maggiori ingrandimenti, a costo però di una riduzione del campo visivo. Possono essere utilizzati sia per vedere immagini da vicino che lontano, ma sono più difficili da applicare e utilizzare rispetto agli altri. Possono essere montati su occhiali (con costi molto elevati) o, nel caso di normali binocoli o monocoli, utilizzati manualmente. Nelle retiniti pigmentose, dove non è utile ma dannoso ricorrere all'ingrandimento dell'immagine, si possono utilizzare sistemi telescopici galileiani montati al contrario che offrono un effetto grandangolo con un ampliamento del campo visivo.*

55 q Filtri L'uso delle lenti filtranti, di diverso colore e applicabili a tutti i sistemi descritti permette di amplificare o ridurre determinate lunghezze d'onda della luce, esaltano il contrasto con conseguente miglioramento qualitativo della visione, minore abbagliamento e migliore adattamento alle variazioni luminose.*

56 Tavoletta e punteruolo (non vedenti) Piano di lavoro, di solito di metallo o di plastica, costituito da un piano orizz., con scanalature che permettono la punzonatura del foglio e un telaio.i due elementi sono tenuti uniti da una cerniera con solchi paralleli longitudinali, un telaio per la fissazione del foglio e dell asticella e una riga percorsa da un certo numero di caselline verticali, uno per ogni carattere La tavoletta comune supporta un formato cartaceo di 17 x 26 cm Il telaio ha 11 possibilità di ancoraggio per il righello che contiene 24 cellette.ognuna corrisponde ad un carattere Lo scrivente produce segni sul foglio con un punteruolo (usato come una penna), andando da destra verso sinistra Più la punzonatura è leggera e più difficile sarà percepirla al tatto; se viceversa fosse eccessiva, il foglio si bucherebbe. L indice della mano che non tiene il punteruolo dovrebbe accompagnare la punzonatura, calibrandone la pressione. Esistono tavolette palmari in cui il righello funge da telaio Tavoletta Marsell che utilizza un bloccaggio magnetico del foglio.concezione diversa del righello. Utilizzata da utenti esperti. Tavoletta che supporta il formato 34 x 26 cm, lo stesso della dattilobraille.*

57 Tavoletta e punteruolo Tavoletta e punteruolo

58 Cubaritmo (non vedenti) Foglio a quadretti in Braille, utilizzato per effettuare operazioni aritmetiche. Piano di plastica con cellette in cui si inseriscono dei cubetti con le superfici riproducenti i segni Braille della 1 o 5 serie (tavola dei segni) Utilizzato per apprendere il corretto incolonnamento delle cifre.*

59

60 Casellario (non vedenti) Strumento propedeutico all apprendimento del sistema Braille. Utilizzato nelle prime classi elementari delle scuole speciali per non vedenti. E un cubaritmo gigante. Al posto dei cubetti vengono inseriti dei parallelepipedi che rappresentano il singolo puntino Braille.*

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

per Scanner Serie 4800/2400

per Scanner Serie 4800/2400 Agosto, 2003 Guida d installazione e guida utente per Scanner Serie 4800/2400 Copyright 2003 Visioneer. Tutti i diritti riservati. La protezione reclamata per il copyright include tutte le forme, gli aspetti

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD WORD SOMMARIO 1. Muoversi nel testo... 1 2. Taglia, copia e incolla... 2 3. Aprire, salvare e chiudere... 3 4. Trovare e sostituire... 4 5. Visualizzare in modi diversi... 6 6. Formattare e incolonnare...

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Meeting

TeamViewer 8 Manuale Meeting TeamViewer 8 Manuale Meeting Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

REGEL - Registro Docenti

REGEL - Registro Docenti REGEL - Registro Docenti INFORMAZIONI GENERALI Con il Registro Docenti online vengono compiute dai Docenti tutte le operazioni di registrazione delle attività quotidiane, le medesime che si eseguono sul

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

Manuale per ascoltare e creare file audio Utilizzando la tecnologia Virtual Singer (VS) di Choralia

Manuale per ascoltare e creare file audio Utilizzando la tecnologia Virtual Singer (VS) di Choralia Manuale per ascoltare e creare file audio Utilizzando la tecnologia Virtual Singer (VS) di Choralia Informazioni generali Questo manuale fornisce informazioni e istruzioni per l ascolto e la creazione

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Nitro Reader 3 Guida per l' utente

Nitro Reader 3 Guida per l' utente Nitro Reader 3 Guida per l' utente In questa Guida per l'utente Benvenuti in Nitro Reader 3 1 Come usare questa guida 1 Trovare rapidamente le informazioni giuste 1 Per eseguire una ricerca basata su parole

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

Font e tipi di carattere

Font e tipi di carattere Font e tipi di carattere Un font è un insieme di caratteri e simboli creato con un determinato stile. Lo stile viene definito tipo di carattere. Tramite l'uso dei diversi tipi di carattere, è possibile

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

Che cos è la LIM? L utilizzo didattico della LIM La LIM consente di andare incontro a diversi stili

Che cos è la LIM? L utilizzo didattico della LIM La LIM consente di andare incontro a diversi stili Che cos è la LIM? La LIM, Lavagna Interattiva Multimediale, è una lavagna arricchita da potenzialità digitali e multimediali. Si tratta di una periferica collegata al computer, che rende possibile visualizzare

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA HOTSPOT Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA Hotspot è l innovativo servizio che offre ai suoi clienti accesso ad Internet gratuito, in modo semplice e veloce, grazie al collegamento

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata 1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata di Michele Diodati michele@diodati.org http://www.diodati.org Cosa significa accessibile 2 di 19 Content is accessible when it may be used by someone with

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Giocare é comunicare.

Giocare é comunicare. Giocare é comunicare. Presentazione del progetto ADIO, AdioScan (realizzazione e copyright CID, Centro Informatica Disabilità cp 61 CH 6903 Lugano (Svizzera)). Gabriele Scascighini, direttore del Centro

Dettagli

Mini manuale di Audacity.

Mini manuale di Audacity. Mini manuale di Audacity. Questo mini manuale è parte del corso on-line Usare il software libero di Altrascuola. Il corso è erogato all'interno del portale per l'e-learning Altrascuola con la piattaforma

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Manuale d Uso. Ref: 04061

Manuale d Uso. Ref: 04061 Manuale d Uso Ref: 04061 1 Grazie per aver acquistato il lettore digitale ENERGY SISTEM INNGENIO 2000. Questo manuale fornisce istruzioni operative dettagliate e spiegazioni delle funzioni per godere al

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO

AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO Con questa esercitazione guidata imparerai a realizzare una macro. Una macro è costituita da una serie di istruzioni pre-registrate che possono essere

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto!

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Manuale d uso Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Giacchè noi costantemente aggiorniamo e miglioriamo il Tuo e-tab, potrebbero

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio 2 Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Il vostro sistema per la comunicazione al pubblico di facile

Dettagli

ADOBE READER XI. Guida ed esercitazioni

ADOBE READER XI. Guida ed esercitazioni ADOBE READER XI Guida ed esercitazioni Guida di Reader Il contenuto di alcuni dei collegamenti potrebbe essere disponibile solo in inglese. Compilare moduli Il modulo è compilabile? Compilare moduli interattivi

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2011 Progetto Istanze On Line 21 febbraio 2011 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 PROGETTO ISTANZE ON LINE... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

Guida pratica di base

Guida pratica di base Adolfo Catelli Guida pratica di base Windows XP Professional Dicembre 2008 Sommario Accedere a Windows XP 4 Avviare Windows XP 4 Uscire da Windows XP 5 L interfaccia utente di Windows XP 6 Il desktop di

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Guida Samsung Galaxy S Advance

Guida Samsung Galaxy S Advance Guida Samsung Galaxy S Advance Il manuale utente completo del telefono si può scaricare da qui: http://bit.ly/guidasamsung NB: la guida è riferita solo al Samsung Galaxy S Advance, con sistema operativo

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 2: Sistema Operativo 2 Modulo 2 Il sistema operativo Windows

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone A Installazione di Rosetta Stone Windows: Inserire il CD-ROM dell'applicazione Rosetta Stone. Selezionare la lingua dell'interfaccia utente. 4 5 Seguire i suggerimenti per continuare l'installazione. Selezionare

Dettagli

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano AMICO CI SENTO Manuale di istruzioni - Italiano 1. Per iniziare 1.1 Batteria 1.1.1 Installare la batteria Rimuovere il coperchio della batteria. Allineare i contatti dorati della batteria con i relativi

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

Come difendersi dai VIRUS

Come difendersi dai VIRUS Come difendersi dai VIRUS DEFINIZIONE Un virus è un programma, cioè una serie di istruzioni, scritte in un linguaggio di programmazione, in passato era di solito di basso livello*, mentre con l'avvento

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Ricerche e proposte italiane Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Flavio Fogarolo

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer,

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Guida Introduttiva Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Heike Schilling. Data di rilascio:

Dettagli

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale !"$#%!" #% Nella prima lezione... Definizione di Informatica Cosa è una soluzione algoritmica Esempi di algoritmi cicalese@dia.unisa.it 2 Prima parte: Società dell informazione Ma cosa vuol dire società

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Dall idea al prodotto finito. www.dmgmori.com

Dall idea al prodotto finito. www.dmgmori.com Dall idea al prodotto finito. www.dmgmori.com Unico. Completo. Compatibile. highlights unico CELOS di DMG MORI dall idea al prodotto finito. Le APP CELOS consentono all utente di gestire, documentare e

Dettagli

Alb@conference GO e Web Tools

Alb@conference GO e Web Tools Alb@conference GO e Web Tools Crea riunioni virtuali sempre più efficaci Strumenti Web di Alb@conference GO Guida Utente Avanzata Alb@conference GO Per partecipare ad un audioconferenza online con Alb@conference

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

SCUOLANET UTENTE DOCENTE

SCUOLANET UTENTE DOCENTE 1 ACCESSO A SCUOLANET Si accede al servizio Scuolanet della scuola mediante l'indirizzo www.xxx.scuolanet.info (dove a xxx corrisponde al codice meccanografico della scuola). ISTRUZIONI PER IL PRIMO ACCESSO

Dettagli

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento -

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Nota preliminare La presente guida, da considerarsi quale mera indicazione di massima fornita a titolo esemplificativo,

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Sistemi digitali per l ufficio sempre più efficienti e facili da usare Ottenere massima efficienza ed elevata professionalità, pur mantenendo

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli