Efficienza. (Giuseppe O. Longo)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Efficienza. (Giuseppe O. Longo)"

Transcript

1 PARTE SECONDA Efficienza (longo); Il lanciatore di coltelli (De Luca); Itaca (Kavafis); Il manifesto del riduzionismo; Per Coopenaghen (Buiatti); La macchina banale di Heinz von Foerster; La meccanicizzazione del mondo (Buiatti); Sul riduzionismo (Castellani, Addario); Dalla parte degli ultimi (Shiva); I grandi predatori della Terra. La legge di Gaia (U: Mattei); Un salto di paradigma (Viale).

2 (Giuseppe O. Longo) Efficienza In termini economici e ingegneristici, il funzionamento della vita e degli esseri umani è molto impreciso e il loro rendimento è piuttosto basso: gli uomini esplicano[...] una vasta e differenziata attività, difficile da esprimere con una formula riassuntiva e altrettanto difficile forse da giustificare razionalmente, un'attività in gran parte gratuita e superflua, che fornisce benefici e soddisfazioni marginali e certo non proporzionati all'impegno profuso, ma che non si potrebbe interrompere e neppure ridurre di tanto se non con grave nocumento di qualcosa di imponderabile ma sostanziale. Questo qualcosa si potrebbe, senza esagerare troppo, identificare con la natura umana, o meglio con il funzionamento dell'umanità. Come se questa complicata ed eterogenea macchina, l'umanità, per produrre quel po' che produce, avesse bisogno di sperperare una gran quantità di energia in una sorta di attrito fatto di piccole azioni ripetute, di chiacchiere, di futili contese, di cavilli, di letture inutili, di scritture ancora più inutili, una sorta di pulviscolo sonnolento e disordinato che inviluppasse una gracile ossatura navigante verso un dubitoso e generico progresso. Ma se, animato dalle migliori intenzioni, un rivoluzionario ingegnere sociale tentasse di aumentare il rendimento della macchina eliminando in tutto o in parte quel polverino di azioni in apparenza inutili per conservare solo le più pratiche, le più solide, quelle capaci di aumentare il valore di qualche grandezza importante, la ricchezza, per esempio, o il prodotto nazionale lordo, o l'erogazione di energia elettrica, o altro di ben tangibile, la macchina, pur accelerando a dismisura il suo movimento, perderebbe, con l'attrito, il suo carattere più profondamente umano, quello appunto di girare a vuoto, per mettersi a girare a vuoto in un senso molto più sinistro e spaventoso, nel senso cioè dell'efficienza meccanica. Strappata al regno del disordine ed entrata in quello dell'esattezza, la macchina compirebbe progressi molto più rapidi, ma verso una meta disumana, nella quale solo l'ingegnere sociale si riconoscerebbe. Tutto ciò ha forse a che fare con la natura del nostro corpo, fatto di carne, di sangue, di grassi, e composto in massima parte di acqua: un corpo semiliquido, sfuggente, deteriorabile, un corpo insomma impreciso, anzi casuale, nella forma e nelle funzioni. Un corpo che può concepire l'esattezza e aspirarvi soltanto con la fantasia più inesatta perché, nella pratica, questa famosa e vagheggiata esattezza, esattezza comunque concepita da un cervello sfumato e assai poco esatto, si stempera pur sempre in una serie di gesti sfocati, di parole imprecise, di atti involontari, nella tranquillizzante palude di una relatività senza contorni e senza drammi.

3 Il lanciatore di coltelli (Erri De Luca) Fai come il lanciatore di coltelli, che tira intorno al corpo. Scrivi di amore senza nominarlo, la precisione sta nell'evitare. Distràiti dal vocabolo solenne, già abbuffato, punta al bordo, costeggia, il lanciatore di coltelli tocca da lontano, l'errore è di raggiungere il bersaglio, la grazia è di mancarlo.

4 Itaca (Costantinos Kavafis, Cinquantacinque poesie, Einaudi, Torino). Quando ti metterai in viaggio per Itaca/devi augurarti che la strada sia lunga/fertile in avventure e in esperienze/i Lestrigoni e i Ciclopi o la furia di Nettuno non temere, non sarà questo il genere d'incontri se il pensiero resta alto e il sentimento fermo guida il tuo spirito e il tuo corpo. In Ciclopi e Lestrigoni, no certo né nell'irato Nettuno incapperai se non li porti dentro se l'anima non te li mette contro. Devi augurarti che la strada sia lunga che i mattini d'estate siano tanti quando nei porti - finalmente e con che gioia - toccherai terra tu per la prima volta: negli empori fenici indugia e acquista madreperle coralli ebano e ambre tutta merce fina, anche aromi penetranti d'ogni sorta, più aromi inebrianti che puoi, va in molte città egizie impara una quantità di cose dai dotti. Sempre devi avere in mente Itaca - raggiungerla sia il pensiero costante. Soprattutto, non affrettare il viaggio; fa che duri a lungo,per anni, e che da vecchio metta piede sull'isola, tu, ricco dei tesori accumulati per strada senza aspettarti ricchezze da Itaca. Itaca ti ha dato il bel viaggio,/ senza di lei mai ti saresti messo in viaggio: che cos'altro ti aspetti? E se la trovi povera, non per questo Itaca ti avrà deluso. Fatto ormai savio, con tutta la tua esperienza addosso Già tu avrai capito ciò che Itaca vuole significare.

5 Il manifesto del riduzionismo Così si esprimeva circa duecento anni fa Pierre Simon de Laplace: Se una intelligenza sovraumana conoscesse l attuale stato di tutte le particelle dell universo [ ] nulla più sarebbe incerto, e futuro e passato sarebbero visibili agli occhi di questa intelligenza, ovvero che: Data una descrizione approssimata dello stato dell universo in un certo istante, è possibile ricavarne una descrizione dello stato in qualunque altro istante passato e futuro con lo stesso grado di approssimazione. Ed è proprio quest ultima affermazione che rende impraticabile il riduzionismo ontologico, poiché Laplace aveva ragione nel dire che Se un intelligenza, ma torto nel ritenere che esiste una proporzionalità tra causa ed effetti tale che con lo stesso grado di approssimazione possiamo ricavare la descrizione del futuro.. Più tardi, nel 1927, sarà Werner Heisenberg a smascherare scientificamente l Intelligenza laplaciana: Nella formulazione netta delle leggi della causalità ( se conosciamo il presente possiamo calcolare il futuro ) è falsa non la conclusione, ma la premessa. Noi non possiamo in linea di princìpio (l indeterminazione non è gnoseologica, ma ontologica, ovvero essa parla di come la realtà è) conoscere il presente in ogni elemento determinante. Oggi sappiamo infatti che l evoluzione dei sistemi complessi è fortemente dipendente dalle condizioni iniziali in modo tale che piccole differenze di queste determinano in pochi passi grandi differenze delle condizioni finali. Questo comportamento è quello che comunemente prende il nome di effetto farfalla descritto attraverso l'esempio di un battito d'ali di una farfalla in Amazzonia che provoca un uragano nel Mare della Sonda. Il caos deterministico fu intuito oltre un secolo fa da Poincaré e successivamente riscoperto da Edward Lorenz nel 1963 attraverso l'osservazione di alcuni errori di misura che si manifestavano nei calcolatori che procedevano alle previsioni.

6 Questo scriveva Marcello Buiatti sull Unità del 16 febbraio nel 1990: Per molto tempo, soprattutto dopo la rivoluzione industriale, l umanità ha creduto di poter interpretare il mondo usando schemi mentali semplici basati sulla linearità dei fenomeni, sulla loro indipendenza, quasi che la natura fosse una macchina costruita dall uomo in cui ogni pezzo è indipendente dagli altri ed è una parte di un progetto in cui tutto è previsto e noto in partenza. Questa concezione era nata insieme alla fede, sempre più incrollabile, mano a mano che si accumulavano i successi della scienza, nella capacità degli esseri umani di comprendere tutti i fenomeni naturali, inclusi quelli che avvengono nella società, usando questi stessi, semplici, strumenti mentali. La non comprensione di un fenomeno veniva attribuita a incapacità, a scarse conoscenze, a insufficiente sperimentazione. Da ciò veniva una visione ottimistica del progresso, inteso come sviluppo senza limiti che non fossero le risorse naturali e senza pericoli in quanto tutto prevedibile una volta conosciute le leggi che lo governano. In questo modo qualsiasi trasformazione della natura ai fini produttivi veniva considerata ininfluente sul resto del mondo e quindi semplicemente ottimizzata ai fini del suo sviluppo quantitativo (Buiatti M., 1990, p.50).

7 Per Copenaghen Marcello Buiatti Una delle caratteristiche del nostro tempo é la tendenza alla frammentazione, caratteristica dei sistemi rigidi in momenti di crisi. La frammentazione agisce innanzitutto a livello sociale creando una aumento continuo dei conflitti ma é presente anche a livello concettuale perché é prevalsa una visione meccanica del Mondo che ce lo fa pensare come costituito di pezzi indipendenti che possono essere modificati a volontà ad uno ad uno e poi assemblati dagli esseri umani secondo i loro progetti. Per questo tendiamo ad affrontare solo pezzi della realtà, dimenticandoci delle connessioni dei sui componenti e non curandoci in alcun modo delle dinamiche in arte intrinsecamente imprevedibili dei processi. Questo atteggiamento é presente a livello globale e ci porta in questo momento storico a considerare come non collegate le quattro crisi che stiamo affrontando: ambientale sociale energetica economica. Ciò rende frammentaria ed inefficace lo nostra risposta, che diventa facilmente governabile dai poteri forti mondiali che invece una visione di insieme per quanto alienata e pericolosa per la nostra stessa sopravvivenza la posseggono e sanno come muoversi. Quanto sta avvenendo a Copenhagen dimostra tutto questo e chiarisce che il cambiamento climatico non può essere affrontato se non si tengono presenti le spaventose divisioni fra Paesi ricchi e Paesi poveri, le disuguaglianze crescenti all interno di essi, e la virtualizzazione della economia globale sempre meno legata alla produzione di beni e servizi. Non a caso l ostacolo probabilmente maggiore al raggiungimento di una accordo reale sulla mitigazione del cambiamento globale é la richiesta dei Paesi poveri di aiuto soprattutto in termini di ricerca e tecnologia, in cambio di un rallentamento dello sviluppo, e in particolare di quello vorticoso dei grandi paesi emergenti. In realtà tutte tre le crisi, economica, ambientale, sociale, sono intimamente legate e derivano dal distacco progressivo della umanità

8 dalla visione ormai antiquata della economia come motore del beneessere derivante dalla soddisfazione dei bisogni reali umani. Appare ovvio infatti che il cambiamento climatico globale deriva dalla utopia meccanica delle rivoluzioni industriali che mira alla costruzione di un mondo meccanico tutto ottimizzato a nostro favore e non condizionato dalle possibili conseguenze del nostro agire a medio e lungo termine derivanti dalle interazioni delle nostre azioni con il Mondo non umano, vivente e non vivente. E infatti evidente che la occupazione e lo sfruttamento senza regole delle risorse del Pianeta é quello che ha portato al cambiamento climatico che si accelera con la continua accelerazione della occupazione della Terra da parte delle opere e dei residui umani, come annunciato tanto tempo fa dal Club di Roma. E d altra parte questa stessa ideologia, che in teoria ha come idea portante la crescita continua di materia trasformata in prodotto e merce, é quella invece che ha provocato la virtualizzazione della economia sempre meno reale e sempre più monetaria. In altre parole gli innumerevoli fattori che limitano di fatto l aumento della produzione di beni hanno portato a sostituirli nelle dinamiche economiche con la moneta scambiata nei mercati finanziari e nelle borse di tutto il mondo. Un dato recente ci dice infatti che lo scambio di danaro può essere stimato di 120 miliardi di dollari per il PIL, unico indicatore di un qualche legame della moneta con le merci, ma é di 1700 miliardi nelle borse e nei cambi e di ben 5600 miliardi di dollari per i puri scambi finanziari. Secondo Jean Paul Fitoussi una delle ragioni fondamentali per cui la produzione non riesce a crescere sufficientemente per aumentare continuamente il PIL é la disuguaglianza crescente all interno dei Paesi e fra di loro che esclude di fatto fasce sempre più grandi di popolazione dal mercato reale ( un miliardo di persone nel Mondo ha un reddito sotto il livello minimo di sussistenza). Il limite alla crescita ed allo sviluppo viene superato sempre di più in modo virtuale dal dinamismo finanziario e contemporaneamente dall aumento della economia canaglia ( Loretta Napoleoni) basata su fattori di male-essere come la droga, la prostituzione, ecc. In questo periodo quindi, in cui l umanità sembra essersi dimenticata di essere fatta di materia viva e crede invece di essere diventata denaro vivente, é molto difficile introdurre politiche e misure che invece recuperino il senso della realtà e facciano fronte ai problemi veri e materiali della disuguaglianza, della fame, della carenza delle risorse fondamentali (il capitale naturale fatto dei quattro elementi fondamentali, aria, acqua, suolo fuoco-energia) e degli effetti della ideologia meccanica di ottimizzazione/umanizzazione del Pianeta E in questo quadro che si situa la Conferenza di Copenhagen sul cambiamento climatico che, non a caso, é stata impostata inizialmente

9 solo sulla riduzione delle emissioni di gas serra e quindi sull uso di risorse energetiche non rinnovabili trascurando così i problemi sociali collegati al cambiamento climatico fra cui in primo piano le disuguaglianze, gli effetti della virtualizzazione della economia e la sua crisi mondiale che ovviamente riduce le risorse finanziarie per il cambiamento del modo di produrre, e anche la necessità di lavorare fin da ora per la mitigazione per contenere l aumento di temperatura ma al contempo anche di mettere in atto da subito politiche di adattamento al cambiamento globale che comunque arriverà. In realtà finora nelle trattative non si é nemmeno tenuto presente il fatto che il cambiamento si sta accelerando in modo imprevedibile e siamo già fuori, come dicono con chiarezza gli ultimi studi sull argomento dell aumento di due gradi considerato fino ad ora la soglia di pericolo. Né si é tenuto sufficientemente conto della disuguaglianza del cambiamento climatico stesso, che per ragioni fisiche oltre che economiche colpisce nettamente di più Paesi in via di sviluppo degli altri mentre sono invece proprio alcune di queste nazioni che hanno in questo momento un tasso di sviluppo della economia reale finalmente superiore a quello di altri. E veramente difficile quindi chiedere proprio alle Nazioni emergenti si pieghino ad un rallentamento del loro sviluppo per colpa dei Paesi che lo sviluppo lo hanno già avuto, possono quindi affrontare meglio un suo eventuale rallentamento, e sono poi i veri responsabili della attuale situazione critica. Anzi, devo dire che le richieste dei Paesi emergenti sono ancora troppo deboli nel senso che non viene chiesta una revisione delle norme della organizzazione Mondiale del commercio ( WTO), che sarebbe essenziale per moderare la potenza delle grandi multinazionali e permettere uno sviluppo reale meno costoso ai Paesi poveri. Non a caso da questi vengono voci come quella di Vandana Shiva, addirittura contrarie alle attuali proposte di accordo se queste non tengono conto della necessità impellente di modifica della attuale situazione. Non vi é dubbio secondo me che condizione primaria di un qualche successo di Copenhagen é che ognuno dei Paesi contribuisca a dare ai Paesi poveri i mezzi per affrontare il cambiamento risarcendoli in qualche modo dai danni che la loro crescita senza limiti hanno provocato. Certo, per questo le opinioni pubbliche dei Paesi sviluppati dovrebbero modificarsi e il cambiamento può avvenire solo se i governi del Mondo chiariscono una volta per tutte la pericolosità di quanto sta succedendo e la necessità di un cambiamento delle società umane che popolano il Pianeta che unisca maggiore giustizia a un ritorno alla economia reale e ad un controllo vero di quella virtuale. Questo naturalmente non é possibile se anche all interno di tutti i Paesi non diminuiscono i dislivelli sociali e non si combatte realmente la criminalità mondiale che ha invece sempre più in mano pezzi consistenti della economia virtuale come ho accennato in precedenza.

10 Certo, contro questo grande cambiamento e contro il ritorno ad una economia diretta a produrre bene-essere reale e sostenibile che riduca i danni inevitabilmente provocati dal cambiamento climatico, si muovono forze molto potenti basate sulla concezione comune che un essere umano é ricco non perché produce beni e servizi utili al benessere con le industrie che possiede, ma soltanto se possiede denaro e non necessariamente materia come avviene per le persone più ricche del mondo come Bill Gates e, nel suo piccolo Silvio Berlusconi. Uno dei modi almeno per avvicinarci ad una mutazione così rilevante é comunque quello di dire unanimemente che il re é nudo mettendo insieme nozioni e concetti e contrastando la disseminazione di informazioni in parte vere e in parte false comunque basate sugli scoops che, per bene che vada fanno comunque pensare ad una cosa alla volta e non all intreccio delle dinamiche dei sistemi viventi e non viventi del nostro Pianeta. Per fare qualche esempio dobbiamo avvertire che in questo secolo il nostro Paese sarà in gran parte desertificato, che la estinzione della diversità naturale e nelle piante ed animali che ci servono per cibarci sta diminuendo con una velocità diversa centinaia di volte quella delle precedenti estinzioni, che da noi, che siamo al Sud dell Europa, passeranno presto da 250 milioni a un miliardo di persone in cerca di cibo ed acqua, che già ora in Africa il numero di conflitti derivati dalla fame e dalla sete stanno aumentando esponenzialmente, che i dati recenti hanno almeno raddoppiato la spesa prevista per il contenimento ( non la eliminazione) dell aumento di temperatura, che una serie di malattie africane arriverà inevitabilmente da noi, che i nostri ecosistemi saranno violentemente modificati dalle specie invasive, che il costo dell acqua potabile chiamata non a caso oro bianco aumenterà rapidamente per la sua carenza e per la forza rapidamente crescente delle multinazionali che operano nel settore della distribuzione, che, infine, non sono prevedibili conflitti, per ora locali ma poi inevitabilmente più ampi, si verificheranno per tutti questo. Queste non sono previsioni di un catastrofista ma dati reali ormai assolutamente accertati a cui ancora almeno in parte si può rimediare contenendo contemporaneamente tutte e quattro le crisi che ho citato all inizio e non soltanto quella energetica e quella ambientale e però puntando ad un aumento del bene-essere e non soltanto della circolazione monetaria. Mi rendo conto che questo che propongo é un cambiamento di dimensioni mai viste ma purtroppo di dimensioni mai viste sono i problemi che affliggono l umanità.

11 La macchina banale (von Foerster) Il grande sogno della modernità, il sogno dell Occidente, è stato quello di concepire il mondo (e l uomo) come una macchina 7 cui trasferire automaticamente le leggi della meccanica. Noi amiamo le macchine banali, dice Heinz von Foerster, perché esse sono predicabili e infallibili: in esse la funzione di trasferimento resta immutata così che una data entità inserita come input produrrà sempre lo stesso effetto. La macchina banale non necessariamente è costituita da parti meccaniche; essa può anche essere costituita da una qualsiasi regola aritmetica (la radice quadrata, ad esempio), o da deduzioni logiche. Paghiamo volentieri per la banalità. Quando compriamo un automobile nuova, ci facciamo rilasciare una garanzia che per i primi diecimila chilometri o per i prossimi sei mesi questa manterrà la sua banalità. Se improvvisamente non dovessero più funzionare i freni, si fa venire un banalizzatore che ripristina lo stato che ci è stato garantito (von Foerster, 1997). In un mondo così fatto tutto sarebbe prevedibile e pianificabile secondo processi lineari. Questo sogno ha pervaso la cultura dell'occidente ed è diventato ancora più potente con l'alleanza tra la scienza del XVII secolo e la tecnica della rivoluzione industriale del XVIII secolo. Perfino il grande Marx aderì a questo pensiero ammaliante e illuminato (in fondo anche Marx era un uomo del suo tempo) che soprattutto si sviluppò nella seconda metà dell'ottocento (positivismo): una concezione della conoscenza scientifica come marcia inarrestabile verso la scoperta delle leggi necessarie ed oggettive che regolerebbero e determinerebbero il divenire di tutto ciò che accade nell'universo. L'economia, ad esempio, è tra le discipline che ha tentato più delle altre di trasformare il mondo in un meccanismo, una gigantesca procedura logica; essa ha linearizzato tutti i suoi processi, inglobato in sé ogni aspetto della vita e ha semplificato la complessità riducendo tutte le variabili ad una sola variabile: il denaro, la forma merce. Le emozioni degli individui in carne ed ossa, le loro gioie, speranze, aspettative, dolori, sono state ridotte alla razionalità del comportamento teso alla soddisfazione massima dei bisogni attraverso il consumo di merci: l'insieme dei singoli comportamenti umani (razionali) definisce e identifica a sua volta il mercato regolato anch'esso da una mano invisibile e infallibile. Anche oggi quell'idea di equilibrio generale continua a sopravvivere attraverso la condanna del pensiero evoluzionista 8, rigurgiti di darwinismo sociale alla Spencer, nuovi determinismi che qua e là persistono nonostante l'affermazione crescente del pensiero evoluzionista e del ruolo rilevante del caso nei processi naturali e anche sociali. Ma la macchina banale ha ben poco a che vedere con il mondo reale degli esseri viventi; sono macchine che si sottraggono alla storia, al comportamento del vivente e del resto nessuno di noi che pure affermiamo che il mondo (e gli uomini) è una macchina banale accetta l idea di concepirsi come tale. Se do un calcio ad una

12 pietra, questa si comporterà esattamente secondo le leggi della meccanica classica: seguirà una traiettoria parabolica verso l alto fino a ricadere a terra ad una distanza dal piede proporzionale, secondo una certa costante, alla spinta impressa. La pietra, o meglio il sistema piede-pietra, è una macchina banale. Si comporterà sempre così ogni volta che l esperimento si ripeterà. Ma se lo stesso calcio viene dato a un cane, allora le cose cambiano e l effetto sarà tutt altro come ben sappiamo che prevedibile. Il cane potrebbe prendere male il gesto e di conseguenza mordere il piede dell uomo. Si può dire che la sua reazione dipenderà dalla sua storia di cane e dalla sua relazione con il proprietario del piede. Il sistema, in questo caso, non è predicibile per quanti sforzi possiamo fare, perché il cane non è una macchina banale. La relazione coevolutiva che determina l organizzazione del più vasto sistema individuo/ambiente fa sì che il fenomeno della conoscenza non possa essere concepito come se esistessero dati, fatti od oggetti messi lì, che noi possiamo afferrare e spostare qua e là, conservare, mettere in testa o dare ad altri. Bisogna allora abbandonare le metafore del mondo materiale, caratterizzato dalle regolarità descritte dalle scienze fisiche e pensare ad una metafora del mondo biologico, dove l analogo della causa è l informazione, la differenza, una metafora biologica (Ruffilli, 1999). Se l urbanista abbracciasse interamente questa visione, evitando di concepire la città e il territorio come macchine banali, allora il mondo delle relazioni, il comportamento non sempre razionale degli esseri umani, quello degli altri organismi viventi, la bellezza, l irregolarità dei paesaggi, la discontinuità dell organizzazione vivente, gli suggerirebbe probabilmente una diversa idea della conoscenza: quella di esseri viventi immersi nei mondi circostanti. Le nostre azioni allora potrebbero risultare modalità di reazioni a eventi inaspettati, noi essere ancora capaci di provare stupore, meraviglia e orientati, nell agire, dalla sacralità e dal mistero che avvolge ciò che non sappiamo e che non conosciamo.

13 La meccanicizzazione del mondo Il tentativo di meccanicizzare il mondo (esprimibile attraverso la metafora dell'orologio e del dio-orologiaio) ha avuto come riflesso quello più subdolo di meccanicizzare il pensiero: il pensiero, in fondo, questa è la tesi, altro non è che un algoritmo riproducibile da una macchina, prodotto di operazioni automatiche sequenziali che non hanno a che vedere con la persona pensante, né con l'involucro contenente il pensiero stesso (il corpo). Questo trasferimento del pensiero in una macchina di calcolo ha da qualche anno prodotto nell'urbanistica le tecniche di aiuto alla decisione che dovrebbero aiutare il planner ad organizzare le informazioni, selezionarle e restituirle in forma di possibili opzioni di scelta. Queste tecniche si fondano, più o meno esplicitamente, da una parte sul presupposto che la macchina è in grado di elaborare più velocemente e più efficacemente la massa delle informazioni che occorre trattare quando ci si trova di fronte a problemi di una certa complessità e, dall'altra, sul presupposto epistemologico che la macchina è in grado, attraverso algoritmi, di riprodurre le fasi del processo del pensiero del planner quando si trova nella situazione di dover prendere decisioni rispetto a situazioni caratterizzate da una molteplicità grande di opzioni. Il problema della responsabilità di queste decisioni (che molto spesso hanno a che fare con la vita di molti individui) verrebbe, almeno in parte, trasferita o affidata alla neutralità della macchina evitando la soggettività del decisore. Soggettività - dicono gli stessi utilizzatori e teorizzatori di queste tecniche - che non può essere completamente evitata sia nella fase di selezione delle informazioni, sia in quella di attribuzione dell'importanza (pesi) da dare alle diverse variabili, sia, infine, in quella di interpretazione delle risposte prodotte dalla macchina. Resta abbastanza misteriosa, in tutto questo processo l esigenza di ridurre la soggettività delle scelte del planner, quasi che quest'ultimo, in quanto umano, sarebbe un modello meno perfezionato della macchina che lo sostituisce. Qui probabilmente si incorre in quello che Longo definisce scentismo - vera iattura e caricatura della scienza - poiché la volubile facilità con cui vengono costruiti i modelli fisico-matematici ha autorizzato una pretesa eccessiva, cioè che tutto si possa descrivere in termini di quei modelli. Se la metafora di riferimento non è più quella di Cartesio del mondo come orologio, ma quella biologica dei processi di interazione tra esseri viventi, allora quell'insieme di dispositivi, algoritmi, procedure, meccanismi che adottiamo nelle discipline urbanistiche per simulare la risposta del sistema (che è sempre una macchina non banale, anzi ad alti livelli di complessità) ai nostri interventi, non potranno mai essere adeguati a simulare tale realtà. Occorrerà allora formulare un altro approccio cognitivo, una diversa interpretazione delle relazioni che legano il vivente: Quei dispositivi rassicuranti che utilizziamo e dei quali spesso siamo fieri, non solo semplificano e riducono la complessità del reale, ma come nel caso del signor Palomar di Calvino, trascurano il particolare rilevante che mentre osserviamo il

14 mondo, e noi stessi che osserviamo il mondo, il mondo stesso ci osserva con effetti circolari di retroazione ai quali finiamo - con l'adozione di quelle procedure semplificate - col non dare alcun peso. Un po come nella storiella dello scienziato che chiude la scimmia in una stanza del suo laboratorio per osservarne - non visto - le reazioni. Quando l'occhio dello scienziato si affaccia sulla toppa della serratura per scrutare il comportamento dell'animale, si accorge che dall'altra parte del buco c'è l'occhio della scimmia che osserva il comportamento dello scienziato. Quando abbiamo una conversazione con un nostro conoscente, non possiamo mai prevedere al dettaglio quali saranno le risposte alle nostre domande e, comunque, quale corso può prendere la conversazione, così come ancora non possiamo neppure prevedere quale saranno le nostre risposte alle domande del nostro interlocutore. Sappiamo solo che abbiamo stabilito una comunicazione e che il suo sfondo non è prevedibile Del resto, se tale sfondo fosse prevedibile e dato una volta per tutte, se il corso della comunicazione fosse prevedibile, allora non varrebbe la pena neppure di avviarla, poiché non ci sarebbe nulla da apprendere e comunicare che già non sappiamo. Quando imbrigliamo un corso d'acqua obbligandolo a seguire un percorso prestabilito, o quando costruiamo uno sbarramento lungo un fiume, o quand'ancora cementifichiamo una montagna per evitare che suoi pezzi cadano sui nostri tetti, trascuriamo il fatto rilevante che abbiamo impresso una perturbazione, che abbiamo dato un'informazione (nel senso cibernetico del termine) all'ambiente e che questo, prima o poi, restituirà un suo output che non necessariamente, né tanto meno automaticamente, rispetterà le nostre simulazioni e previsioni. In altri termini possiamo dire tutto questo affermando che il riduzionismo non abita nella natura; la natura è dominata dalla complessità del vivente e dalla ridondanza di informazioni. Ora il problema è che i prodotti (piani) dei planners trascurano normalmente questo aspetto rilevante della questione, poiché i piani sono concepiti per soddisfare bisogni specifici in maniera molto diretta e per questo sono molto meno affidabili. Un comportamento, questo, che non trova validazioni nel mondo naturale dove ogni aspetto della vita di una pianta o di un animale è dettato da un complesso di fattori interagenti sia a livello genetico che fisiologico. Non esistono in natura processi di ottimizzazione, così come sono concepiti dagli esseri umani. E del resto gli stessi uomini non mangiano solo per un bisogno fisiologico, ma per esigenze di convivialità, di golosità, ecc. Se l atto del nutrimento venisse meccanizzato in base al puro bisogno fisiologico, allora diventeremmo come quei polli in batteria il cui unico movimento è appunto quello connesso alla nutrizione. Eppure molti urbanisti ritengono che l'efficienza e la funzionalità (la loro) dei sistemi aumenti se ogni variabile o parte del sistema viene progettata direttamente in funzione dello scopo perseguito. Così si spiegano correnti di pensiero che hanno riscosso adesioni e successo, come il funzionalismo, il razionalismo, il pragmatismo, il tecnicismo e perfino, paradossalmente, una certa versione dell'ecologismo. E' insensata questa teorizzazione e queste pratiche disciplinari meccanicistiche, questa tendenza "epigenetica" dell'uomo moderno a

15 considerare il mondo e gli altri (con l'unica eccezione di se stesso) una macchina banale.

16 Sul riduzionismo scientifico e ontologico Inviato da: Tommaso Castellani Data: 23 aprile 2010 Sul riduzionismo come metodo. Il riduzionismo come metodo conoscitivo è non solo alla base della scienza moderna, ma è anche uno dei capisaldi del pensiero occidentale. Si può naturalmente rimettere in discussione l intero pensiero occidentale, a partire dalle premesse: la mia attuale posizione in senso letterale: seduto sul mio comodo divano in una casa accogliente davanti al mio personal computer, al riparo dal freddo umido di questa giornata non credo però che mi consenta di farlo con leggerezza. Il pensiero occidentale, che si porta dietro una serie di brutture e aberrazioni, ha comunque prodotto un innegabile progresso. Ritengo urgente e necessario discutere di queste brutture e aberrazioni e di come riportare questo progresso su dei binari che l umanità intera possa considerare più giusti, mentre non sono interessato a una rimessa in discussione tout court del pensiero occidentale. Il riduzionismo nasce con una delle grandi intuizioni di Galileo: separare un singolo fenomeno dall insieme. Galileo, superando il linguaggio metaforico e allusivo che caratterizzava gli studiosi di epoca rinascimentale, si rende conto dell importanza di definire dei limiti entro i quali operare. Osservazione cruciale: isolare un fenomeno non significa spezzettare la realtà. Isolare un fenomeno significa poterlo riconoscere identico in un contesto completamente differente. Quando Newton formula la legge di gravitazione universale e mostra che un aspetto dei fenomeni palla e pianeta può essere studiato con un unica descrizione, compie un unificazione. Quando con una sola legge (l equazione delle onde) studiamo il mare, il suono, un terremoto o la luce, stiamo usando uno stesso modello per descrivere fenomeni che non hanno, in apparenza, nulla in comune. È proprio il riduzionismo metodologico che permette di connettere le diverse parti della realtà. Galileo si spinge però oltre, e arriva ad affermare che l universo è scritto in linguaggio matematico. Ecco che il riduzionismo metodologico sta diventando riduzionismo ontologico. Come scrive Marcello Cini, il riduzionismo è un processo conoscitivo in cui la mente proietta le sue categorie sulla realtà per ordinarla estraendone oggetti e relazioni. Quello che ho chiamato riduzionismo ontologico è l attribuire questa possibilità a una proprietà instrinseca della realtà e non della mente umana. Considero questo un errore, anche se ripercorrendo la storia dei grandi progressi scientifici dal XVII al XIX secolo ritengo sia un errore ben comprensibile. Sono in particolare i grandi successi della termodinamica e dell elettromagnetismo che inducono gli scienziati a lasciarsi prendere la mano e a elaborare (o rielaborare) una serie di

17 discutibili idee metafisiche sulla realtà: meccanicismo, determinismo, costruttivismo, ecc. Ma queste tre idee filosofiche non sono implicitamente contenute nel riduzionismo metodologico. Per fare alcuni esempi: nella moderna fisica dei sistemi complessi, ambito nel quale ho fatto ricerca per alcuni anni, si studiano i sistemi descritti da relazioni complesse tra le parti, per cui bisogna tenere in considerazione tutti i feedback che le parti del sistema si scambiano tra loro. Questi sistemi sono descritti in maniera del tutto meccanicista e sono studiabili con equazioni la maggior parte delle quali sono completamente deterministiche. L approccio metodologico è assolutamente galileiano. L equazione di Volterra citata in uno degli articoli dell ultimo numero della rivista, che descrive la dinamica delle popolazioni, è dello stesso tipo. Stessa cosa vale per il citatissimo (talvolta a sproposito) effetto farfalla : non a caso si parla di caos deterministico. Non si confonda l oggetto dello studio (un sistema complesso) con il metodo con cui lo si studia (isolare una caratteristica semplice del sistema). L entusiasmo per i successi delle scienze dure ha nel secolo scorso indotto ad applicare con troppa leggerezza il metodo da esse utilizzato in ambiti nuovi: psicologia, medicina, antropologia e via dicendo. Mi pare giusto mettere in evidenza l importanza di un approccio più cauto per affrontare oggetti di studio così complessi; senza dimenticare però che in molti campi, compresa a mio avviso gran parte della biologia, il riduzionismo metodologico continua a produrre i suoi frutti. Se negli ultimi decenni è venuto talvolta a mancare un lavoro successivo di sintesi, la causa va a mio parere ricercata nell organizzazione industriale della comunità scientifica e non in un errato approccio metodologico.

18 Inviato da: Nicolò Addario Data: 30 aprile 2010 A proposito di riduzionismo. Chi segue o partecipa al dibattito internazionale multidisciplinare che da parecchi decenni si tiene su riduzionismo e emergentismo sa bene che non è in questione tanto il metodo che di fatto ha fondato le scienze moderne assicurando loro il successo che tutti conosciamo. E' in questione, piuttosto, l'interpretazione del metodo e, soprattutto, se questo sia valido (ed eventualmente fino a che punto) pur tutti i livelli di realtà, dalle particelle subatomiche fino alla vita, alla mente e alla società. Tra l'altro ultimamente il dibattito ha avuto un nuovo impulso proprio dalla teoria dei sistemi complessi. E' vero che in molti casi il metodo resta riduzionista (che spesso significa: determinista, almeno in chiave probabilista). E' tuttavia anche vero che si possono ipotizzare sistemi complessi che sono indeterministici nei risultati: non si sa quale sarà lo stato finale (temporaneamente stabile) del sistema a seguito di una piccola perturbazione iniziale. Questo pone interessanti problemi proprio perché il sistema sembra comunque in grado di "auto-organizzarsi" intorno ad un "attrattore" che ha autogenerato. Questo può offrire alcuni spunti a proposito dei diversi livelli di realtà che si sono formati a partire dall'autoorganizzazione della materia. La vita, per esempio, non è spiegabile in termini meramente fisici, pur presupponendo (evidentemente) la materia e le leggi fisiche. Una volta che da una particolare auto-organizzazione della materia si sono formati i primi circuiti biologici e questi hanno dato origine alle forme viventi, la vita non deve più ogni volta riscoprire le leggi e i processi che gli hanno dato forma. La vita si riproduce, semplicemente, dalla vita stessa e mediante evoluzione (che non è spiegata affatto dalla fisica, sebbene la presupponga e la sfrutti per i suoi fini). Dunque, una volta che a partire da certi presupposti un nuovo livello di realtà emerge, ciò significa che questo livello ha trovato in sé stesso, nei suoi processi e nella sua struttura, i modi per mantenersi e per evolvere una complessità propria. Questo non significa che esso produce tutte le sue cause, ma soltanto quelle che esso stesso determina come tali, mentre le altre, per così dire, se le procura all'esterno e le usa come presupposti degli elementi e dei processi che sono del suo stesso livello (si pensi al cibo). La biochimica della vita, insomma, si serve di materia-energia, ma questa di per sé non spiega l'organizzazione del vivente (che infatti potrebbe essere anche d'altro tipo), per esempio i modi della riproduzione che, fatti salvi i vincoli fisici (incorporati), va spiegata al livello del vivente (individui, popolazioni ecc.). A maggior ragione questo vale per la mente e per la società.

19 (Il Manifesto del 6 gennaio 2009) L'AMBIENTALISTA VANDANA SHIVA ESPONE LE SUE TESI DALLA PARTE degli ultimi (Giuliano Battiston) Dalla connessione tra sostenibilità ecologica e giustizia sociale, al nesso tra riduzionismo scientifico e rimozione di tutti i limiti etici allo sfruttamento della natura, fino al concetto di «malsviluppo» I «poveri» sostiene Vandana Shiva, non sono coloro che sono «rimasti indietro» perché incapaci di giocare le regole del capitalismo, ma quelli che sono stati esclusi da ogni gioco e a cui è stato impedito l'accesso alle proprie risorse da un sistema economico che erode il controllo pubblico sul patrimonio biologico e culturale. Stare «dalla parte degli ultimi» (come recita il titolo di un suo recente libro pubblicato dalle Edizioni Slow Food) non significa dunque dare di più a chi ha meno, ma restituire ciò che è stato sottratto con la forza di leggi ingiuste, difendere i beni comuni dall'assalto avanzato dalla globalizzazione neo-liberista, impedire la brevettabilità delle forme di vita e di conoscenza e costruire una nuova democrazia ecologica. Una democrazia che difenda la biodiversità e riconosca il reciproco condizionamento tra sostenibilità ecologica e giustizia sociale. Abbiamo chiesto a Vandana Shiva, che da decenni continua a rivendicare il diritto di ogni essere umano a opporsi e resistere - in senso gandhiano - alle leggi che lo esautorano dei suoi diritti, di rispondere ad alcune domande sulla sua pratica di scienziata e attivista. Una delle questioni che lei tende a sottolineare con più insistenza è l'intima connessione tra sostenibilità ecologica e giustizia sociale. Come spiegherebbe questa connessione a quanti continuano a ritenere che si tratta di ambiti del tutto separati e tra loro impermeabili? Per la maggior parte dei poveri la connessione è evidente, perché le risorse naturali ed ecologiche costituiscono la fonte principale del loro sostentamento, e quando qualcuno se ne appropria indebitamente questo porta da un lato all'insostenibilità ecologica e dall'altro all'ingiustizia sociale ed economica. Mi lasci fare due esempi: se la Coca Cola estrae giornalmente con i suoi impianti milioni di litri d'acqua di cui beneficia di solito una certa comunità, così facendo distrugge il sistema idrico di quella comunità e allo stesso tempo causa una nuova forma di ingiustizia sociale ed economica. Oppure prendiamo la questione della terra: in Bengala, di recente il gruppo Tata ha cercato di appropriarsi

20 della terra dei contadini, ma la sottomissione agli obiettivi dell'industria automobilistica di una terra che offre sostentamento a migliaia di persone non solo toglie fertilità a quella terra e crea una produttività insostenibile dal punto di vista ecologico, ma determina anche una grave ingiustizia sociale. Ed è proprio contro questa ingiustizia che hanno combattuto, organizzandosi, i contadini del Bengala, impedendo alla Tata di costruire sulle loro terre. Sono soltanto due tra i numerosi esempi che dimostrano, tra l'altro, come sostenibilità ecologica e giustizia sociale siano connesse alla pace, perché è proprio dall'ingiustizia sociale e dalla crescita della disuguaglianza che trae origine il fondamentalismo. Secondo l'analisi che svolge nel «Bene comune della terra», «la globalizzazione economica si configura come una nuova forma di "enclosure of the commons", la recinzione delle terre comuni britanniche», ed è volta a privatizzare ogni aspetto della nostra vita, dall'acqua che beviamo alla biodiversità, dal sistema educativo al patrimonio culturale. Ci può spiegare in che modo la globalizzazione è legata alla recinzione dei beni comuni dell'inghilterra del XVI secolo e quali sono le sue attuali manifestazioni? In Inghilterra, con le recinzioni dei beni comuni ci si è appropriati delle terre dei contadini trasformandole in terreni per la produzione di materie prime destinate all'arricchimento della borghesia emergente e al funzionamento dell'industria tessile. Negli ultimi decenni, attraverso le leggi sulla proprietà intellettuale promosse dal Wto e grazie alle condizioni finanziarie imposte dalla Banca Mondiale con i piani di aggiustamento strutturale e i processi di privatizzazione sono stati inclusi nelle recinzioni proprietarie dei beni di nuovo tipo. Quelli ai quali ho rivolto in particolare la mia attenzione sono le risorse viventi: i sistemi viventi grazie ai quali il pianeta si mantiene vivo e che sono indispensabili per soddisfare i nostri bisogni fondamentali sono stati dichiarati proprietà intellettuale, come fossero una creazione delle corporation: oggi è la vita stessa come bene a venire privatizzata; inoltre, dal momento che i sistemi viventi si accompagnano a particolari tipi di sapere e conoscenza, e che dunque specifici sistemi di conoscenza sono associati a specifiche forme di vita, si cominciano a recintare anche il sapere e i beni intellettuali. È ormai evidente che siamo di fronte a un assalto sferrato verso l'atmosfera così come verso l'aria che respiriamo: le grandi industrie prima recintano l'aria inquinandola e trattandola come un oggetto già morto e di loro proprietà, e poi, una volta che l'inquinamento raggiunge un livello da caos climatico, pensano di farne materia di scambio commerciale. La possibilità di comprare e vendere quote di emissioni inquinanti dimostra che tutti gli attori coinvolti nelle discussioni relative ai protocolli sui cambiamenti climatici credono

PROGETTO ITACA: ONCOLOGIA ED EMATOLOGIA IN BARCA VELA

PROGETTO ITACA: ONCOLOGIA ED EMATOLOGIA IN BARCA VELA PROGETTO ITACA: ONCOLOGIA ED EMATOLOGIA IN BARCA VELA Il Progetto Itaca nasce nell estate 2007 (I^ regata 23 giugno 2007), da una collaborazione tra le Unità Operative di Oncologia Medica e di Ematologia

Dettagli

4.6 La sostenibilità: prendersi cura della vita del pianeta

4.6 La sostenibilità: prendersi cura della vita del pianeta 4.6 La sostenibilità: prendersi cura della vita del pianeta Definendo lo sviluppo come un concetto dinamico, implicante trasformazioni qualitative più che quantitative della società, allora lo studio del

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

ROBOT COME PSICOLOGIA

ROBOT COME PSICOLOGIA FORZA, VELOCITÀ E ACCELERAZIONE: UNO SGUARDO CONTEMPORANEO AI PRINCIPI DELLA DINAMICA 301 ROBOT COME PSICOLOGIA DOMENICO PARISI Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione, Consiglio Nazionale delle

Dettagli

L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI

L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI L a Storia perde i pezzi. Non capita sempre, soltanto qualche volta. Alcune cose vengono rimosse, dimenticate e spesso sono gli aspetti più

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza.

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza. Le metafore della scienza di Tommaso Castellani Un dialogo tra: F. Un fisico che fa ricerca all università. I. Un fisico che si occupa di insegnamento a scuola. S. Uno studente sulla strada della fisica.

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale.

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale. ASSICURARE LA SOSTENIBILITA' AMBIENTALE Nel settembre 2000, con l'approvazione unanime della Dichiarazione del Millennio, 191 Capi di Stato e di Governo hanno sottoscritto un patto globale di impegno congiunto

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

MATRIARCATO. La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno.

MATRIARCATO. La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno. MATRIARCATO La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno. Matriarcato: non passa giorno senza che qualcosa venga proposto su questo argomento, sia esso un articolo su una rivista

Dettagli

Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006

Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006 Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006 La Rete di Andrea Morniroli Premessa In questi ultimi anni è cresciuta

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

Tecniche di presenza Lightin. Tecniche di Presenza. Associazione Culturale Lightin

Tecniche di presenza Lightin. Tecniche di Presenza. Associazione Culturale Lightin Tecniche di Presenza Associazione Culturale Lightin 1 L energia della Natura Si dice che la Natura sia in perfetto equilibrio e di conseguenza anche noi che ne facciamo parte, dovremmo esserlo. L albero

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE E OBIETTIVI DEL MILLENNIO

ALFABETIZZAZIONE E OBIETTIVI DEL MILLENNIO ORIENTAMENTI INTERNAZIONALI NELL EDUCAZIONE DEGLI ADULTI IL CONTESTO DELLE INIZIATIVE PROF. BARBARA DE CANALE Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche. Natascia Bobbo

Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche. Natascia Bobbo Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche Natascia Bobbo Pedagogia: definizione Si può definire la pedagogia come il sapere de e sull educazione. Essa è in pratica la disciplina che analizza

Dettagli

Organizzazione come Cervello

Organizzazione come Cervello Organizzazione come Cervello Molte sono state le considerazioni fatte per descrivere la funzione del cervello: Una sofisticata banca dati Un sistema complesso di reazioni chimiche che danno vita ad azioni

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

BIOGRAFIA: VANDANA SHIVA. FILOSOFA DELLA SCIENZA a cura di Laura Abballe matr. 161854

BIOGRAFIA: VANDANA SHIVA. FILOSOFA DELLA SCIENZA a cura di Laura Abballe matr. 161854 BIOGRAFIA: VANDANA SHIVA. FILOSOFA DELLA SCIENZA a cura di Laura Abballe matr. 161854 Vandana Shiva è nata nell India del Nord a Dehra Dun nel 1952. Dopo aver studiato nelle scuole inglesi e statunitensi,

Dettagli

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente LE PAROLE CHE PESANO Hotel Remilia 20/05/2014 Ciclo Magramente Pag. 01 IL LINGUAGGIO CHE PESA Hai mai pensato che il linguaggio che usi possa influenzare la tua autostima e il tuo peso? Rifletti un secondo:

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

L alternativa del Commercio Equo e Solidale

L alternativa del Commercio Equo e Solidale L alternativa del Commercio Equo e Solidale Non si vede bene che col cuore. l essenziale è invisibile agli occhi. (Antoine de Saint-Exupery) Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL (LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, MICHELE ORINI) LA PRINCIPALE E PIÙ OCCULTATA CAUSA DELL AUMENTO DELLE DISEGUAGLIANZE

Dettagli

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI WWW.FISIOPROGRAM-INTENSIVE.COM Come accendere e coltivare la tua passione per la Fisioterapia: Nell articolo precedente FISIOTERAPISTI MOTIVATI

Dettagli

Introduzione. (Martha C. Nussbaum, Non per profitto. Perché le democrazie hanno bisogno della cultura umanistica, Il Mulino, 2010)

Introduzione. (Martha C. Nussbaum, Non per profitto. Perché le democrazie hanno bisogno della cultura umanistica, Il Mulino, 2010) 7 Introduzione «Cosa c è nell esistenza umana che rende così difficile sposare le istituzioni democratiche basate sul rispetto dei princìpi dell uguaglianza e delle garanzie del diritto, e così facile

Dettagli

I n d i c e 9 21 57 97 133 177 219 259

I n d i c e 9 21 57 97 133 177 219 259 I n d i c e 9 Introduzione 21 CAP. 1 La comunicazione 57 CAP. 2 Lavorare in gruppo 97 CAP. 3 Il problem solving 133 CAP. 4 La capacità di gestire situazioni difficili 177 CAP. 5 Metacognizione e competenze

Dettagli

Cosa sono i Global Goals?

Cosa sono i Global Goals? Cosa sono i Global Goals? I Global Goals conosciuti anche con il nome di Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals) sono 17 obiettivi contenuti in un grande piano d azione su cui

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico.

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico. 01 Che cosa è la fisica? In questa lezione iniziamo a studiare questa materia chiamata fisica. Spesso ti sarai fatto delle domande su come funziona il mondo e le cose che stanno attorno a te. Il compito

Dettagli

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA Grazie. Dirò anche due cose su Venezia, impiegherò dieci minuti. Fatemi ricominciare riprendendo da dove ci siamo fermati questa mattina. E difficile per una persona che per

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua RIASSUNTO Il fatto che più di un miliardo di persone non abbiano diritto all acqua potabile e che più di due miliardi non godano di servizi igienici adeguati, unitamente al degrado dell ecosistema acquatico

Dettagli

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Intervento di Stefano Tabò Condivido molto, quasi tutto di quello che è

Dettagli

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Riccardo Ferrigato, Il terzo incomodo. Critica della fecondazione eterologa, San Paolo, 2015, pp. 160, 14.00, ISBN 9788821595035 Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Il terzo incomodo. Critica

Dettagli

LA FELICITÀ Istruzioni d uso per comuni mortali. Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita

LA FELICITÀ Istruzioni d uso per comuni mortali. Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita INTRODUZIONE Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita Quando hai 27 anni un bimbo di 8 mesi, un buon lavoro, una casa un buon marito, cosa ti manca?

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Matteo SIMONE Silvio Trivelloni sceglie l Atletica Leggera alla scuola media con il Concorso Esercito Scuola e poi diventa un Atleta

Dettagli

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE GUIDA PRATICA IN 5 PASSI Sabrina Quattrini www.seichicrei.it Attenzione! Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale.

Dettagli

Giovanna - Quali sono gli argomenti che si trattano all interno di questi colloqui?

Giovanna - Quali sono gli argomenti che si trattano all interno di questi colloqui? A PROPOSITO DI COACHING Giovanna Combatti intervista Giacomo Mosca Abbiamo chiesto a Giacomo Mosca, Formatore e Coach, Counsellor in Analisi Transazionale associato al CNCP (Coordinamento Nazionale Counsellor

Dettagli

GALILEO GALILEI (Pisa 1564- Arcetri 1642)

GALILEO GALILEI (Pisa 1564- Arcetri 1642) GALILEO GALILEI (Pisa 1564- Arcetri 1642) Opere maggiori: - Sidereus nuncius 1610 - Il Saggiatore 1623 - Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo 1632 - Discorsi e dimostrazioni matematiche intorno

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA Insufficienza Intestinale cronica benigna pediatrica. Scienza, tecnica e psicologia: nuove frontiere a confronto Spello, 2-3 novembre 2012 Dott.ssa Cadonati Barbara

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti.

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti. Scienze Competenze TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - Osserva con attenzione il suo corpo, L alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

12 dicembre 2009. La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti. Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma)

12 dicembre 2009. La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti. Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma) DISF WORKING GROUP - SEMINARIO PERMANENTE 12 dicembre 2009 La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma) Problem solving per il

Dettagli

Come si valuta per competenze? Competenza situata. Definizione dei profili di competenza. Situazioni problema per la valutazione di competenze.

Come si valuta per competenze? Competenza situata. Definizione dei profili di competenza. Situazioni problema per la valutazione di competenze. Come si valuta per competenze? Competenza situata. Definizione dei profili di competenza. Situazioni problema per la valutazione di competenze. Criterio 1. Competenza situata Descrizione Per valutare per

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

l'approccio transdisciplinare

l'approccio transdisciplinare l'approccio transdisciplinare le potenzialità socio-economiche della rivalutazione ambientale l'epoca contemporanea la scienza della sostenibilità la complessità l'economia ecologica i gas la comunicazione

Dettagli

SISTEMA AMBIENTE. Tipografia e Redazione - Via Belfiore, 24 10125 TORINO - Tel. 0039.11.6688383. Spedizione elettronica

SISTEMA AMBIENTE. Tipografia e Redazione - Via Belfiore, 24 10125 TORINO - Tel. 0039.11.6688383. Spedizione elettronica 10125 TORINO - Tel 0039116688383 Bilancio ambientale e contabilità industriale Bilancio e sviluppo Per sviluppo intendiamo un percorso umano, economico e tecnologico in cui l umanità garantisce la sua

Dettagli

CONFERENZA INTERNAZIONALE Protezione civile e aiuti umanitari, uniti per affrontare disastri e crisi. Roma, 10-11 novembre 2011

CONFERENZA INTERNAZIONALE Protezione civile e aiuti umanitari, uniti per affrontare disastri e crisi. Roma, 10-11 novembre 2011 CONFERENZA INTERNAZIONALE Protezione civile e aiuti umanitari, uniti per affrontare disastri e crisi Rafforzare la cooperazione sul campo per una capacità di risposta internazionale più efficace Roma,

Dettagli

Opere di misericordia 1

Opere di misericordia 1 Percorso di riscoperta delle Opere di misericordia 1 DAR DA MANGIARE AGLI AFFAMATI INSEGNARE AGLI IGNORANTI Spunti di riflessione per un dibattito sull Opera di misericordia corporale Dar da mangiare agli

Dettagli

PER UN NUOVO UMANESIMO DELLA SCIENZA

PER UN NUOVO UMANESIMO DELLA SCIENZA Intervento di: FRANCO PASQUALI Coordinatore Retinopera PER UN NUOVO UMANESIMO DELLA SCIENZA Accolgo volentieri la sollecitazione di Mario Capanna a riflettere sul rapporto tra scienza, scientismo e democrazia,

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

N on so quante persone si siano poste domande. Libertà

N on so quante persone si siano poste domande. Libertà «Libero pensatore? Basterebbe dire pensatore». Jules Renard N on so quante persone si siano poste domande veramente serie su cosa sia la Libertà e sul suo significato. Sicuramente si tratta di un concetto

Dettagli

CARTA UNIVERSALE DELL AGRONOMO

CARTA UNIVERSALE DELL AGRONOMO CARTA UNIVERSALE DELL AGRONOMO Gli Agronomi nel VI Congresso Mondiale di Milano, ambientato in EXPO2015, Padiglione della Fattoria Globale del Futuro - Farm LAB, approvano la Carta Universale dell Agronomo

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

TRASCRIZIONE DELL INTERVENTO DEL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE ON. PROF. GIULIO TREMONTI TESTO NON RIVISTO DALL AUTORE

TRASCRIZIONE DELL INTERVENTO DEL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE ON. PROF. GIULIO TREMONTI TESTO NON RIVISTO DALL AUTORE 84 a GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO TRASCRIZIONE DELL INTERVENTO DEL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE ON. PROF. GIULIO TREMONTI TESTO NON RIVISTO DALL AUTORE TREMONTI: Per quanto è possibile in

Dettagli

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3 PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... pazza! MODULO 3 Fino ad ora abbiamo lavorato sulla consapevolezza, identificando le 4 chiavi che ci servono per aver successo nel nostro

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO

IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO 1 IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO Nonostante il progresso della conoscenza e delle tecnologie sappiamo ancora molto poco sul funzionamento del nostro cervello e sulle sue possibilità tanto che, fra gli

Dettagli

Il benessere educativo che i figli ci chiedono

Il benessere educativo che i figli ci chiedono Il benessere educativo che i figli ci chiedono Maristella Meli IL BENESSERE EDUCATIVO CHE I FIGLI CI CHIEDONO affetto e disciplina nella genitorialità www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maristella

Dettagli

ETICA AMBIENTALE. UNA PANORAMICA Università degli Studi di Bergamo 23 Maggio 2015, Bergamo. Matteo Andreozzi, PhD Università degli Studi di Milano

ETICA AMBIENTALE. UNA PANORAMICA Università degli Studi di Bergamo 23 Maggio 2015, Bergamo. Matteo Andreozzi, PhD Università degli Studi di Milano ETICA AMBIENTALE. UNA PANORAMICA Università degli Studi di Bergamo 23 Maggio 2015, Bergamo Matteo Andreozzi, PhD Università degli Studi di Milano COS È L ETICA? PRINCIPI E REGOLE DI COMPORTAMENTO ADOTTATE

Dettagli

EXPO MILANO 2015: CHANCE DI NUOVA VITA. Novembre 2014

EXPO MILANO 2015: CHANCE DI NUOVA VITA. Novembre 2014 EXPO MILANO 2015: CHANCE DI NUOVA VITA Novembre 2014 Auspicio L Italia, ospitando l EXPO UNIVERSALE (150 Paesi) il cui obiettivo è nel pay off nutrire il pianeta, energia per la vita può tenere a battesimo,

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

Fare geometria come e perchè

Fare geometria come e perchè Fare geometria come e perchè La matematica non è una materia, è un metodo. Non è uno scaffale del sapere, quello che contiene formule, costruzioni mentali, astrazioni, che sembrano nascere le une dalle

Dettagli

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI 1 MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI Quest iniziativa è lanciata, in occasione di Expo 2015, dalle reti internazionali degli attori pubblici, associativi e

Dettagli

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti *

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * PREMESSA La breve riflessione che segue si colloca nell ambito degli attuali orientamenti di riforma, di conseguenza considera suo principale punto

Dettagli

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE 11 November 2014 COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Ti sei mai chiesto perché alcune persone falliscono in tutto quello che

Dettagli

I risultati di Einstein del 1907( )

I risultati di Einstein del 1907( ) I risultati di Einstein del 1907( ) Nel 1905 Einstein pubblica una serie di articoli che aprono la strada ad innovative ricerche fisiche e propongono una rivoluzionaria visione della realtà tuttora attuale;

Dettagli

Nuovi poteri e/o nuove responsabilità?

Nuovi poteri e/o nuove responsabilità? Nuovi poteri e/o nuove responsabilità? Antinomie degli effetti del movimentismo femminile sulla bioetica Liana M. Daher Dipartimento di Scienze della Formazione Università degli Studi di Catania daher@unict.it

Dettagli

Laboratorio di Termodinamica

Laboratorio di Termodinamica Anno Accademico 2003-2004 Prof. Claudio Luci Laboratorio di Termodinamica http://www.roma1.infn.it/people/luci/corso_labotermo.html Introduzione al corso Richiami di termologia Termometri Calorimetria

Dettagli

Cartesio: Meditazioni Metafisiche

Cartesio: Meditazioni Metafisiche Cartesio: Meditazioni Metafisiche Schema riassuntivo Prima Meditazione DELLE COSE CHE SI POSSONO REVOCARE IN DUBBIO 1. Necessità del dubbio metodico È necessario, almeno una volta nella vita, dubitare

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCIENZE

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCIENZE (AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA) /ESPERIENZE LA CONOSCENZA DEL MONDO L alunno osserva con curiosità lo svolgersi dei più comuni fenomeni, ne immagina e ne verifica le cause, rendendosi sempre più

Dettagli

PREMESSA AD UNA GIORNATA DI STUDIO DELLA MANUTENZIONE

PREMESSA AD UNA GIORNATA DI STUDIO DELLA MANUTENZIONE PREMESSA AD UNA GIORNATA DI STUDIO DELLA MANUTENZIONE La manutenzione nasce insieme all affermarsi della vita biologica. L istinto di conservazione, infatti, produce immediatamente delle pratiche volte

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

Introduzione. è uguale a 0, spostamento di dati da una parte della memoria del calcolatore ad un altra.

Introduzione. è uguale a 0, spostamento di dati da una parte della memoria del calcolatore ad un altra. Appunti di Calcolatori Elettronici Modello di macchina multilivello Introduzione... 1 Linguaggi, livelli e macchine virtuali... 3 La struttura a livelli delle macchine odierne... 4 Evoluzione delle macchine

Dettagli

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 Relazione Incontro del 30 Settembre 2008 BAMBINI ADOTTIVI E BIOLOGICI INSIEME IN FAMIGLIA Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 La genitorialità

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet!

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! Analisi delle problematiche più comuni di un investimento sul web con evidenziazione dei principali fattori di fallimento

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di.

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. Vorrei partire da un assunto, o meglio una constatazione: è impossibile non comunicare: la comunicazione è una proprietà del

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

Premessa. Arrivare al 2050, sopravvivere al 2030

Premessa. Arrivare al 2050, sopravvivere al 2030 Premessa Arrivare al 2050, sopravvivere al 2030 Bastarono pochi mesi perché l impero sovietico si sfasciasse, pochi giorni per modificare radicalmente la situazione del Nordafrica. Potrebbero bastare pochi

Dettagli

LA CITTA Gioco di simulazione

LA CITTA Gioco di simulazione LA CITTA Gioco di simulazione Il gioco di simulazione La città propone ai partecipanti di affrontare il tema della legalità riportandolo a vissuti vicini al loro quotidiano e analizzandolo dalla prospettiva

Dettagli

INTERVENTO CONCLUSIVO

INTERVENTO CONCLUSIVO Bene signori avete sentito i professori parlare di amianto. Hanno parlato di malattia, di legalità. Non è facile che tutto quello che è stato detto possa restare come quando si andava a scuola dentro la

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

UN ANALISI ORGANIZZATIVA DEL BUSINESS SYSTEM AEROPORTUALE. Editore, FrancoAngeli, Milano 2006 23.00

UN ANALISI ORGANIZZATIVA DEL BUSINESS SYSTEM AEROPORTUALE. Editore, FrancoAngeli, Milano 2006 23.00 UN ANALISI ORGANIZZATIVA DEL BUSINESS SYSTEM AEROPORTUALE. Editore, FrancoAngeli, Milano 2006 23.00 www.ibs.it www.bol.it Di Gianluigi Mangia estratto Negli ultimi decenni si è realizzato un profondo cambiamento

Dettagli

Karl Marx. Il Capitale

Karl Marx. Il Capitale Karl Marx Il Capitale Il Capitale Marx esamina le leggi economiche che regolano lo sviluppo del capitalismo, dalle quali dipende destino della borghesia. Critica dell economia politica Marx prende le distanze

Dettagli

PROSPETTIVA MONDIALISTICA. Mappa Concettuale. AMBIENTE = PLURALITA DI ELEMENTI (artificiali e naturali)

PROSPETTIVA MONDIALISTICA. Mappa Concettuale. AMBIENTE = PLURALITA DI ELEMENTI (artificiali e naturali) AMBIENTE: Cinque diavoletti di Sarah Dyer PROSPETTIVA MONDIALISTICA Unità di Lavoro: Ambiente Scuola dell Infanzia 5 anni Mappa Concettuale AMBIENTE = PLURALITA DI ELEMENTI (artificiali e naturali) in

Dettagli

«Sono delle teste dure!» ma è proprio vero?

«Sono delle teste dure!» ma è proprio vero? «Sono delle teste dure!» ma è proprio vero? Consigli per motivare al comportamento sicuro sul lavoro Forse vi è già capitato di trovarvi nei panni di questo allenatore di hockey e di pensare che i vostri

Dettagli

La Bibbia è contro il sesso

La Bibbia è contro il sesso mito 5 La Bibbia è contro il sesso L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. Woody Allen Facendone un peccato il Cristianesimo ha fatto molto

Dettagli