BILANCIO SOCIETARIO 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BILANCIO SOCIETARIO 2011"

Transcript

1 BILANCIO SOCIETARIO 2011 Via XX Settembre 150/A Perugia Capitale Sociale interamente versato Iscritta al Registro delle Imprese di Perugia al numero e Codice Fiscale e al REA di Perugia al N Pec. 1

2 INDICE ORGANI DELIBERANTI E DI CONTROLLO... 3 AZIONISTI E PARTECIPAZIONE AZIONARIA al L OGGETTO SOCIALE... 5 ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI DEL. APRILE RIASSUNTO DELLE DELIBERAZIONI... 8 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO Sintesi dei risultati economico finanziari e di gestione... 9 La dinamica del fatturato La dinamica dei costi La redditività Gli investimenti e la struttura patrimoniale La situazione finanziaria DATI DEL PERSONALE ADEMPIMENTI IN MATERIA DI PROTEZIONE E PREVENZIONE DAGLI INFORTUNI E DI SORVEGLIANZA SANITARIA DEL PERSONALE DI CUI AL D.Lgs. 81/2008 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ADEMPIMENTI IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI - REDAZIONE DEL DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA D.LGS. 231/ LA QUALITA IN WEBRED NEL LA CUSTOMER SATISFACTION PANORAMA DELL ESERCIZIO Le reti Piattaforma abilitante ai servizi della Community Network dell Umbria Servizi Applicativi condivisi per la PA dell Umbria Sistemi Applicativi PARTECIPAZIONI ANALISI DEI RISCHI FATTI DI RILIEVO SUCCESSIVI AL EVOLUZIONE PREVEDIBILE TAVOLE PATRIMONIALI REDDITUALI FINANZIARIO Analisi della struttura patrimoniale Analisi dei risultati reddituali Rendiconto finanziario CASH FLOW ATTESTAZIONE DEL RISPETTO DELLA DISPOSIZIONE ART. 9 COMMA 2 DELLA L.R. 4/2011 LETT. E) INFORMATIVA SULL ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO AZIONI PROPRIE E AZIONI O QUOTE DI SOCIETA CONTROLLANTI SEDI SECONDARIE BILANCIO DELL ESERCIZIO NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CHIUSO AL 31/12/

3 ORGANI DELIBERANTI E DI CONTROLLO In carica per il triennio Consiglio di Amministrazione: Presidente Maurizio Biondi Amministratore Delegato Mario Conte Consigliere Alberto Orvietani In carica fino all approvazione del Bilancio 2012 Collegio Sindacale: Presidente Carlo Crocione Sindaci effettivi Stefano Croci Fausto Sciamanna 3

4 AZIONISTI E PARTECIPAZIONE AZIONARIA al (Capitale sociale i.v.) Soci Azioni Percentuale Sottoscritte Regione dell Umbria ,080 Provincia di Perugia ,850 Comune di Perugia ,630 Comune di Terni ,450 Comune di Spoleto ,030 Provincia di Terni ,020 Comunità Montana del Trasimeno ,000 Comune di Orvieto ,000 Comune di Città di Castello ,650 Comune di Foligno ,250 Comune di Bastia Umbra ,040 Valore nominale di una azione 0,52 TOTALE ,00 4

5 L OGGETTO SOCIALE Webred S.p.A. è la società strumentale in house a totale capitale pubblico per la fornitura di servizi informatici alle Amministrazioni Pubbliche dell Umbria secondo quanto disposto della Legge Regionale 11 aprile 1984, n. 19 e successive modifiche ed integrazioni. STATUTO SOCIETARIO Articolo 4 Oggetto Sociale 1) La società è struttura al servizio della Regione, delle aziende ed agenzie regionali di diritto pubblico e del sistema delle autonomie locali dell Umbria, appositamente costituita e operante per le finalità di seguito elencate, ai sensi della legge regionale 11 aprile 1984, n. 19 e successive modifiche ed integrazioni. 2) La società, quale organismo promosso e partecipato dalla Regione Umbria ai sensi del comma precedente, ha quale scopo di perseguire, attraverso l esercizio di attività economiche, il miglioramento qualitativo nella gestione della cosa pubblica mediante la realizzazione e la messa a disposizione degli operatori pubblici di un sistema integrato di servizi informativi ed informatici e la diffusione di una cultura della informazione quale fonte di sviluppo sociale e tecnologico. 3) La Società operante nel settore del terziario avanzato, ha per oggetto la produzione e la commercializzazione di sistemi integrati automatizzati propri e di terzi e di quant altro connesso al settore di attività; la prestazione di servizi di elaborazione dati, di consulenza, di divulgazione e formazione nel settore informatico e organizzativo nonché la prestazione di servizi ad alto valore aggiunto e la fornitura di tecnologie avanzate. 4) Per il raggiungimento dello scopo sociale, nei limiti consentiti per il modello in house providing dall ordinamento comunitario e interno, nonché dall art. 13 del d.l. 4 luglio 2006, n. 223 conv. dalla legge 4 agosto 2006, n. 248, la Società potrà compiere tutte le operazioni industriali, commerciali, finanziarie, mobiliari comunque ad esse connesse, compreso il rilascio di fideiussioni e garanzia reali, la acquisizione, la cessione e lo sfruttamento di privative industriali, brevetti, invenzioni, l assunzione sotto qualsiasi forma di partecipazioni ed interessenze in altre società e imprese collaterali o affini, costituite o costituende ed in genere ogni operazione riconosciuta necessaria ed utile al raggiungimento dello scopo sociale. 5) Fermi i limiti stabiliti per il modello in house providing dall ordinamento comunitario e interno, la Società può effettuare l attività di cui all oggetto sociale, per soggetti diversi da quelli di cui al precedente comma 1, unicamente mediante la costituzione di separate società, ai sensi dell art. 13 del d.l. n. 223 del 2006 conv. dalla legge n. 248 del 2006 e dell art. 8, comma 2 bis della legge 10 ottobre 1990, n ) La Società provvede agli appalti di lavori, servizi e forniture comunque connessi allo svolgimento delle attività ottenute in affidamento diretto, secondo le norme ed i principi specificamente applicabili alle società c.d. in house providing. 5

6 GOVERNANCE I processi ed i rapporti tra la Società e le Pubbliche Amministrazioni socie ed affidanti risultano regolati dall impianto normativo introdotto nel corso del 2007 con la L.R. n. 8/2007 e con la DGR n. 1009/2007 secondo cui la Regione esercita sulla società il controllo analogo a quello esercitato sui propri servizi, anche per conto degli altri enti locali partecipanti o affidanti, previa verifica con questi ultimi degli obiettivi e dei risultati raggiunti da Webred in sede di assemblea del Consorzio per il sistema informativo regionale (SIR), istituito con Legge Regionale 31 luglio 1998, n. 27 quale organismo stabile di cooperazione tra gli enti. Nel rispetto della suddetta normativa, nel corso dell anno 2011 la Conferenza degli Enti che partecipano al Consorzio SIR Umbria dedicata al controllo analogo sulla Webred SpA si è riunita più volte in occasione dell approvazione degli atti strategici della Società in via preventiva rispetto all Assemblea dei Soci della Webred SpA. Come noto, il controllo da parte di tale Conferenza è fondamentale per consentire alle Amministrazioni Locali umbre la possibilità di ricorrere a Webred quale struttura al servizio del sistema delle autonomie locali dell Umbria. La suddetta Conferenza si è riunita il 20 aprile 2011 per l esame degli obiettivi raggiunti da Webred nel corso del 2010 e per la condivisione degli obiettivi strategici per l anno 2011, con particolare riferimento ai programmi e progetti per le Amministrazioni Locali Regionali. La seconda riunione della Conferenza si è svolta in data 16 settembre 2011 per l analisi della Relazione Semestrale del Consiglio di Amministrazione di Webred ex articolo 21 punto 3 dello Statuto sociale (Consuntivo al 30/06/2011 e Previsione di chiusura al 31/12/2011) e per la verifica della coerenza degli obiettivi strategici fissati per l anno 2011 nella seduta del 20 aprile 2011, con particolare riferimento ai programmi e progetti strategici per le amministrazioni locali regionali. Nella seduta assembleare del 28 aprile 2011, si è provveduto a nominare i membri del Consiglio di Amministrazione per il triennio

7 ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI DEL 27 APRILE 2012 CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA (Avviso ai Soci mediante lettera raccomandata ai sensi dell art.11 dello statuto) Gli Azionisti della Webred SpA sono convocati in Assemblea Ordinaria presso la Sede Sociale in Perugia Via XX Settembre 150/A, per il giorno 27 aprile 2012 ore in prima convocazione e, occorrendo, in seconda convocazione per il giorno 28 aprile 2012 stesso luogo ed ora, per discutere e deliberare sul seguente ORDINE DEL GIORNO Approvazione del bilancio al 31/12/2011 Approvazione budget

8 RIASSUNTO DELLE DELIBERAZIONI L assemblea degli Azionisti riunitasi in seduta ordinaria il 27 Aprile 2012 nella sede della Webred S.p.A. in Perugia via XX Settembre 150/A, presieduta dal Presidente Ing. Maurizio Biondi, ha approvato il bilancio 2011 ed ha deliberato di destinare l utile dell esercizio nel seguente modo: a riserva non distribuibile (art n.4 c.c.) 841 a riserva legale (ex art c.c.) 750 a riserva straordinaria Il Presidente del Consiglio di Amministrazione Ing. Maurizio Biondi 8

9 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 Sintesi dei risultati economico finanziari e di gestione Signori Azionisti, L esercizio 2011 si è chiuso positivamente per la Società sia con riferimento ai risultati economico finanziari che agli obiettivi di gestione in coerenza con la missione della Società quale strumento organizzativo della Regione, delle Aziende Sanitarie e delle Amministrazioni dell Umbria finalizzato alla fornitura di servizi ICT. I Risultati economico-finanziari L esercizio 2011 presenta un utile netto di 16 K, in coerenza con le previsioni e con la gestione dell esercizio precedente, un Valore della Produzione Totale di K, in sostanziale equilibrio con l esercizio 2010, ed un indebitamento finanziario netto di K. Tali risultati sono in linea con gli obiettivi fissati nel budget 2011 approvato nella seduta assembleare del che prevedeva, tra l altro, il blocco delle assunzioni, un mantenimento dei valori reddituali nonché un miglioramento della struttura patrimoniale e della struttura finanziaria netta della Società. I principali risultati economici e patrimoniali che hanno caratterizzato gli anni , ed i tre anni precedenti, possono essere sintetizzati come segue: Dati economici patrimoniali finanziari Dati economici / patrimoniali in K / EURO Valore della produzione tipica (VPT) Valore Aggiunto Margine Operativo Lordo (MOL) Risultato Operativo (EBIT) Saldo tra Oneri e Proventi Finanziari Risultato prima delle imposte Utile dell esercizio Variazione (187) (45) (195) (4) (29) Investimenti (142) Immobilizzazioni Nette (164) Capitale Investito Netto (265) Patrimonio Netto Indebitamento Finanziario Netto (281) 9

10 Dal quadro dei principali indicatori economici emergono le seguenti considerazioni: La dinamica del fatturato L analisi dell andamento del fatturato, parametrato su un arco temporale di cinque anni, evidenzia che il valore della produzione tipica, esclusa la lieve flessione del 2009, è posizionato in un ordine di grandezza che supera la soglia degli K, attestandosi nell esercizio a K con una riduzione rispetto al 2010 di 187 K. Nell analisi dei dati va considerato che a maggio 2007 e a luglio 2008 hanno avuto luogo le cessioni dei rami d azienda Webred rispettivamente in Hiweb s.r.l. e Webred Servizi Scarl, determinando una significativa riduzione di fatturato. La suddivisione del valore della VPT nei diversi settori di attività evidenzia, rispetto al 2010, la sostanziale invarianza del valore della produzione derivante dai servizi agli Enti Locali, una diminuzione della VPT per servizi erogati all Amministrazione regionale ed un incremento della VPT della per servizi alla Sanità. Settori di attività Esercizio 2010 % VPT 2010 Esercizio 2011 % VPT 2011 Diff. % VPT 2010 Amministrazione Regionale ,05% ,57% - 2,48% Enti Locali ,05% 999 9,06% - 0,01% Sanità ,90% ,37% 2,47% TOTALE ,00% ,00% Le variazioni della VPT rispetto alle previsioni del budget approvato dall Assemblea il 28/04/2011, sono pari a K cosi attribuiti: - 51 K nell ambito degli Enti Locali; K nell ambito della Sanità per il ritardato avviamento di alcuni progetti quali il Dossier Sanitario e l estensione del Sistema Informativo Oncologia, per la rimodulazione dei progetti con la Regione Piemonte e per la riduzione della previsione della Manutenzione evolutiva; K nell ambito dell Amministrazione Regionale quale conseguenza dei ritardi sul progetto Dematerializzazione, connessi alla scelta della piattaforma tecnologica e sugli sviluppi dei portali, per i quali si è registrato uno slittamento dei tempi di attuazione. 10

11 La dinamica dei costi L andamento dei costi di funzionamento viene descritto nella tabella seguente con cui vengono evidenziate le variazioni registrate delle spese generali e dei costi diretti di commessa Costi Esercizio 2010 % VPT 2010 Esercizio 2011 % VPT 2011 Differenza Diff. % VPT 2010 Costi diretti su commesse ,39% ,67% ,72% Costi generali ,09% ,23% - 9 0,14% TOTALE ,48% ,90 % Tale andamento manifesta l attenzione della gestione sul controllo dei costi esterni, registrando una riduzione percentuale di quasi 1 punto %. Si evidenzia inoltre, come data la sostanziale incomprimibilità delle spese generali e della parte dei costi legati a licenze d uso e manutenzioni per le componenti di costo attribuite alle commesse, la pressoché integrale riduzione dei costi per l importo di 142 K è da attribuirsi alla riduzione delle esternalizzazioni, con effetti positivi sul valore aggiunto. Relativamente ai costi del personale, pur avendo operato il blocco delle assunzioni, a seguito del deliberato dell Assemblea del e del relativo turn over, in termini assoluti si riscontra un incremento di 48K rispetto all esercizio precedente. Personale Esercizio 2010 Esercizio 2011 Variazione Costo Personale Costi ribaltati Costo dell esercizio Organico medio retribuito 109,75 111,50 + 1,75 L incremento del costo del personale è conseguenza: - per 102 K della riduzione dei ribaltamenti infragruppo a seguito dei processi di strutturazione organizzativa decisi dalla Webred Servizi Scarl, con particolare riferimento alla gestione amministrativa e del personale nonché sulla riduzione degli impieghi di personale a comando sulla controllata HiWeb ; - per 150 K all incremento dell organico medio di 1,75 unità rispetto all organico medio 2010 determinato dai tempi con cui sono state effettuate le assunzioni nell esercizio 2010 nonché all incremento dei costi derivanti dal rinnovo contrattuale e dall integrativo aziendale. Il contenimento dell incremento del costo del personale a 48 K (lo 0.8% rispetto al 2010) è stato inoltre possibile grazie ad una attenta gestione del personale con azioni di contenimento delle prestazioni di lavoro straordinario e alla riduzione dei costi relativi alle ferie maturate e non godute. 11

12 Il miglioramento dell efficienza del fattore-lavoro è peraltro riscontrabile dall andamento degli indici seguenti : Fatturato pro-capite Ricavi/n dip. Medio Rendim. dei dipendenti Ricavi /costi del personale 1,80 2,10 La redditività Il Valore Aggiunto pari a K, pur evidenziando in termini assoluti un decremento di 45 K rispetto al 2010, si incrementa in termini percentuali rispetto al valore della produzione di circa mezzo punto percentuale passando dal 58,52% del 2010 al 59,10 % Tale risultato è stato ottenuto puntando sulla riduzione dei costi di funzionamento e sull incremento dell efficentamento produttivo, come risulta dagli indicatori del fatturato procapite e del rendimento dei dipendenti. Il Margine Operativo Lordo pari a 807 K si riduce di 195 K rispetto al Detta riduzione è totalmente attribuibile alla riduzione di VPT cui corrisponde una riduzione non lineare dei costi di funzionamento ed un incremento del costo del lavoro. Il Risultato Operativo è pari a 546 K registrando un incremento di 94 K (+ 20%) rispetto al Il risultato è stato conseguito dopo aver effettuato accantonamenti per 180 K e stanziamenti rettificativi per accantonamenti al fondo svalutazione crediti per 51 K. Sostanzialmente invariata rispetto all esercizio precedente risulta invece la componente proventi ed oneri diversi che si attesta, nell esercizio, al valore di 30 K. Il Risultato Netto è pari a 246 K registrando un incremento di 22 K rispetto al Il risultato viene influenzato, oltre che dagli oneri finanziari pari a 211 K, anche dalla gestione non caratteristica determinata dalla rettifica di valore alle attività finanziarie relative alla perdita della controllata HiWeb per 21K e della rivalutazione per 1 K delle partecipazioni secondo il criterio del patrimonio netto della collegata Webred Servizi Scarl nonché dagli oneri e proventi straordinari per 69 K determinati dalle incentivazioni per l uscita del personale e dalla chiusura di un contenzioso giuslavoristico. L Utile dell esercizio è pari a 16 K e si consegue dopo aver detratto imposte di esercizio per 230 K, il cui incremento è determinato dal mancato recupero di tassazioni scontate negli esercizi precedenti. 12

13 Di seguito si evidenzia il raffronto sull andamento dei principali indici di redditività: ROS (risultato operativo/vpt ) 4,03 4,95 ROI (redditività del capitale investito ) 6,78 8,53 ROE (redditività del capitale proprio ) 1,31 0,46 Gli investimenti e la struttura patrimoniale Gli investimenti non riscontrano nell esercizio valori significativi e si attestano a 46 K con una riduzione di 142 K rispetto all esercizio precedente. L aggregato delle Immobilizzazioni nette dell esercizio pari a K registrano una riduzione di 164 K attribuibile per 133 K alla gestione caratteristica e per 31 K alle immobilizzazioni finanziarie riconducibili per la quasi totalità alle variazioni del patrimonio netto delle società partecipate. Il grado di copertura delle immobilizzazioni di seguito rappresentato, pur se ampiamente positivo, è in aumento: Copertura Immobilizzazioni con mezzi propri ,3 2,6 La variazione va assegnata al risultato positivo del reddito di esercizio che rafforza il capitale netto ed alla contestuale diminuzione del capitale immobilizzato. Il Capitale Investito si attesta a K con una riduzione di 265 K determinata per 164 K dalla riduzione delle immobilizzazioni, per 116 K dalla riduzione del capitale di esercizio (dato questo che, se in termini assoluti evidenzia una variazione che potrebbe apparire fisiologica, nella struttura dell attivo evidenzia variazioni di rilievo relativamente al peso delle rimanenze rispetto al valore dei crediti) e per 15 K dalla variazione diminutiva degli accantonamenti per trattamenti di fine rapporto. La copertura del Capitale Investito (al netto dei fondi) si attesta attorno al 54% contro il 52% del Il restante 46% è rappresentato da capitale di terzi di cui il 45%, (-1%) rispetto all anno precedente per indebitamento a breve e l 1% per indebitamento a medio/lungo termine. 13

14 La riclassificazione dello Stato Patrimoniale, secondo il criterio della liquidità ed esigibilità, di seguito rappresentata, consente inoltre di evidenziare l analisi dei relativi margini. ATTIVO % PASSIVO % VOCE Voce Capitale Immobilizzazioni ,6 10,2 Netto ,0 23,5 Rimanenze ,1 23,7 Passività fisse ,4 14,9 Liquidità Passività disponibili ,2 66,0 correnti ,6 61,6 Liquidità immediate ,1 0,1 Totale Totale Margine di struttura ( CN Immobilizzazioni ) Circolante Netto (Rim.+LD+LI)-PC Margine di Tesoreria (LD+LI)-PC Il Margine di Struttura migliora per le stesse ragioni già commentate a proposito del grado di copertura delle immobilizzazioni. Il Capitale Circolante Netto è positivo e migliora per effetto di una significativa riduzione delle passività correnti più che proporzionale rispetto alla riduzione del capitale circolante. Il Margine di Tesoreria fa registrare un significativo incremento dovuto alla crescita dei crediti ed alla riduzione delle passività. La positività dei tre margini, tutti in aumento, segnala un adeguato livello di capitalizzazione e un buon equilibrio finanziario anche riferito alla gestione della liquidità. La situazione finanziaria L indebitamento finanziario netto si attesta nell esercizio a K registrando una riduzione di 281 K rispetto al 2010 e risulta costituito quasi completamente da debiti a breve (2.904 K ). Detto risultato è peraltro inficiato dal blocco delle liquidazioni effettuato tra il 16 e il 20/12/2012 (atti n e 9618), con conseguente successivo annullamento dei mandati effettuati ad inizio gennaio da parte della Regione Umbria su Progetti della Sanità per l importo di 259 K, a seguito della necessità di armonizzazione dei sistemi contabili delle Regioni ed Enti Locali regolati con D.Lgs. 118/

15 A ciò si aggiunge il blocco delle liquidazioni operate a partire dal 19/05/2011 fino al 31/12/2011 da parte dell Azienda Ospedaliera di Terni per l importo di 311 K relativamente alla gestione del contratto SIIS. L indebitamento medio pari a K è significativamente migliorato, registrando una riduzione media di K che ha consentito di mantenere sostanzialmente inalterata l incidenza degli interessi passivi sulla gestione (211 K ) nonostante le variazioni in aumento riscontrate sui tassi di interesse sui prestiti. I debiti a lungo termine sono rappresentati per 36 K dalla quota derivante dal contratto di mutuo sottoscritto per l acquisto dell immobile di Via Fanti sul quale, al , è vigente il contratto derivato di copertura interest rate swap. Gli incassi si sono attestati su un valore di K con uno scostamento fisiologico rispetto all esercizio precedente di 136 K. L entità delle riscossioni di fatture dell esercizio pari a K rappresenta il 68% del totale riscosso contro il 64% dell esercizio precedente. Il tempo medio di incasso migliora conseguentemente, passando dai 308 giorni del 2010 ai 286 giorni del Va evidenziato che il termine di 286 giorni è condizionato da crediti verso la PA centrale la cui entità e la cui datazione influenzano significativamente il valore medio di incasso, al netto dei quali tale valore si attesterebbe a 213 giorni. Il valore dei pagamenti è stato pari a K con un incremento di K rispetto all esercizio precedente che ha consentito di contenere in maniera significativa la pressione dei fornitori verso i quali i pagamenti sono aumentati di K. Risulta conseguentemente ridotto anche il tempo medio di pagamento ai fornitori che passa a 216 giorni rispetto ai 259 giorni del Resta ancora aperta la forbice tra gg medi incassi/pagamenti, con conseguente necessità di migliorare ancora la riduzione del divario trai due indici. Il Free cash flow operativo mantiene la sua positività; la sua significativa variazione è da attribuire alle variazioni del capitale di esercizio che ha assunto livelli di ordinarietà in relazione alle variazioni riscontrate nelle componenti dell attivo e del passivo. Lo stesso non viene peraltro influenzato significativamente, a differenza dell esercizio precedente, dalla variazione della gestione non operativa per - 15K attribuibile alle variazioni dei fondi rischi e del TFR. Il flusso monetario positivo si riflette conseguentemente nel miglioramento della posizione finanziaria netta della società già indicata. Di seguito si rappresentano gli indici relativi alla componente finanziaria Debt Ratio (IFN/CIN) 48,31 45,92 Leverage (IFN/MOL) 3,24 3,64 15

16 DATI DEL PERSONALE Organici Nel corso dell esercizio 2011 si è registrata l uscita, previa incentivazione, di una unità impiegatizia a fronte della quale non sono state effettuate assunzioni. Si è in tal modo data attuazione a quanto indicato dall azionista Regione Umbria in sede di approvazione del Budget, procedendo al blocco delle assunzioni e del relativo turn over. L organico alla data del si attesta a 111 unità di cui 6 dirigenti, 8 quadri e 97 impiegati, registrando una riduzione di un unità rispetto al valore dell anno L organico medio risulta di 111,50 unità rispetto alle 109,75 unità dell esercizio precedente. RIPARTIZIONE ORGANICO Funzioni N. al 31 Dicembre 2011 N. al 31 Dicembre 2010 Dir.Generale 1 1 Dirigenti 5 5 Quadri 8 8 Impiegati 1 Livello Impiegati 2 Livello Impiegati 3 Livello Impiegati 4 Livello 2 2 TOTALI Formazione Nel corso dell esercizio si è dato attuazione agli interventi formativi definiti con il Piano Annuale. Tale piano è stato mirato a garantire l evoluzione delle competenze professionali del personale tecnico operante nelle varie Unità Operative, ad assicurare gli aggiornamenti del personale amministrativo e del personale cui sono stati affidati compiti in materia di sicurezza. Complessivamente sono state erogate 90 giornate di formazione che hanno interessato 37 unità. Relazioni Industriali Le relazioni si sono mantenute su un positivo piano di confronto non riscontrando conflittualità aziendali. Per lo svolgimento delle attività sindacali, assemblee e permessi sono state fruite complessivamente ore con un incremento di 381 ore rispetto all esercizio precedente. Tale incremento è attribuibile alla discussione sull integrativo aziendale, conclusasi con l accordo del , con il quale sono stati chiariti aspetti applicativi per gli istituti delle ferie e della malattia e concordata la proroga di un anno della validità con nuova scadenza al Indici di Assenteismo Malattia: 628 giornate su 111,50 unità medie, pari a 5,63 giorni persona/annui. Infortuni: non si sono riscontrati eventi. Maternità: si riscontra 1 evento con astensione anticipata per un totale di 342 giorni. 16

17 Relativamente alle assenze per malattia si riscontra una riduzione di 1,09 gg persona/annui. Rispetto al 2010 fermo restando che anche in tale esercizio gran parte delle assenze è da attribuire ad eventi significativi di non breve durata che hanno interessato 4 persone per complessive 111 giornate di assenza. In merito alla fruizione di permessi previsti dalla L. 104/92 per assistenza Handicap si rileva una fruizione di 2.160,35 ore contro le 2.359,40 del 2010, distribuite su un organico di 10 unità. ADEMPIMENTI IN MATERIA DI PROTEZIONE E PREVENZIONE DAGLI INFORTUNI E DI SORVEGLIANZA SANITARIA DEL PERSONALE DI CUI AL D.Lgs. 81/2008 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Nel corso dell'esercizio 2010 sono stati eseguiti in tutte le sedi aziendali i sopralluoghi annuali per verificare l'adeguatezza degli impianti e dei posti di lavoro rispetto alla normativa vigente. Sono stati effettuati due aggiornamenti del Documento Valutazione Rischi, l ultima a Dicembre, in attuazione delle disposizioni emanate in merito alla valutazione del rischio stress lavoro correlato ; a questo riguardo è stato attivato un apposito Gruppo di Lavoro che ha definito il piano operativo per la valutazione del rischio in questione. Regolare è stata la Sorveglianza Sanitaria mediante le visite così come previste e programmate dal protocollo Sanitario adottato e approvato nella riunione annua del SPP. Ai sensi del 2 comma dell articolo 2428 c.c. relativamente alle informazioni attinente all ambiente, si precisa che non sussistono specifici rischi ambientali. ADEMPIMENTI IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI - REDAZIONE DEL DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA Ai sensi delle disposizioni del Codice in materia di protezione dei dati personali (D.Lgs. n.196/2003) allegato B (Disciplinare Tecnico in materia di misure di sicurezza), comma 26, Webred rende noto di avere aggiornato per l anno 2010 il Documento Programmatico sulla Sicurezza dei dati (DPS), già redatto da Webred fin dall anno Tale Documento descrive, sulla base di una valutazione dei rischi, i criteri tecnici ed organizzativi adottati per la protezione dei dati personali, comuni e sensibili, trattati da Webred con strumenti informatici. Nel corso dell esercizio 2010 la Società, relativamente ai trattamenti dei dati personali dalla stessa effettuati, ha dato attuazione alle misure di sicurezza indicate nel suddetto DPS. Nel 2010, con riferimento al Provvedimento emesso dal Garante per la Privacy il 27/11/2008 e successive modifiche e integrazioni concernente Misure e accorgimenti prescritti ai titolari dei trattamenti effettuati con strumenti elettronici relativamente alle attribuzioni delle funzioni di amministratore di sistema, Webred ha provveduto alla attivazione delle misure tecniche necessarie per la gestione delle credenziali degli Amministratori di Sistema e alla tracciatura degli accessi ai sistemi, regolamentando il tutto con apposito Disciplinare interno per la regolamentazione delle funzioni di Amministratore di Sistema. 17

18 D.LGS. 231/2001 Il D.Lgs. n. 231/2001 ha ad oggetto i reati contro la Pubblica Amministrazione, a cui si sono aggiunti nel tempo i reati societari, quelli con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico, quelli contro la personalità individuale e gli abusi di mercato, quelli relativi all omicidio colposo e lesioni colpose gravi o gravissime commessi in violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela dell igiene e della salute sul lavoro, quelli in materia di violazione del diritto d autore. La Legge 3 agosto 2009, n. 116 ha inserito nel suddetto Decreto l'art. 25-novies riguardante i delitti in materia di violazione del diritto d autore, nonché l art decies riguardante l'induzione a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci all'autorità giudiziale. Da ultimo, con il D.Lgs. n. 121 del 7 luglio 2011 è stato introdotto l art.25 undicies relativo alla commissione di reati ambientali. L art. 24 bis del suddetto decreto contempla inoltre i reati per delitti informatici e trattamento illecito di dati. Con l entrata in vigore di tale decreto le società non possono più dirsi estranee alle conseguenze dirette dei reati commessi da singole persone fisiche nell interesse della società stessa. Infatti, oltre alle sanzioni pecuniarie, vengono introdotte quelle di sospensione e di interdizione parziale o totale dalle attività di impresa. A fronte di tale scenario, tuttavia, l art. 6 del decreto in questione contempla l esonero della società da responsabilità se questa dimostra, in occasione di un procedimento penale per uno dei reati considerati, di aver adottato un modello organizzativo idoneo a prevenire la realizzazione dei predetti reati. Webred già dal 2003 ha approvato ed adottato un proprio Codice Etico di comportamento ed il Modello Organizzativo 231, individuando altresì il Consigliere incaricato di curare la realizzazione del modello organizzativo al fine di ridurre al minimo i rischi di possibili fattispecie di reati previsti dal D.Lgs Sempre nel corso del 2003 è stato costituito l Organismo di Vigilanza ai sensi del D.Lgs. 231/2001 nominando, quali componenti, un consigliere ed un sindaco revisore effettivo con il compito di assicurare una puntuale ed efficiente vigilanza sul funzionamento e l osservanza del modello organizzativo e di gestione adottato dalla Società. Nel corso dell anno 2010 è proseguita la consueta attività di verifica da parte dell Organismo di Vigilanza di Webred sui flussi informativi allo stesso trimestralmente inviati dai referenti delle funzioni aziendali, su richiesta del Consigliere preposto all attuazione del M.O Le verifiche effettuate sui flussi forniti hanno avuto sempre esito positivo e all ODV non è pervenuta alcuna segnalazione di deviazione dal Modello Organizzativo nel corso del Sempre nel corso del 2010 si è conclusa la fase di aggiornamento delle aree a rischio di reato 231 attivata nel 2009 sulla base del progetto di massima approvato dal CDA del 20 ottobre 2009 e finalizzata all adeguamento del Modello Organizzativo 231 di Webred alle nuove fattispecie di reato previste dalla normativa. Oltre alla riscrittura di alcuni processi già contenuti nel M.O. allo scopo di renderli più conformi alla natura di 18

19 società strumentale in house di Webred Spa, sono stati aggiunti i processi derivanti dall analisi del rischio connesso ai nuovi reati inseriti nell ambito dell applicazione della normativa 231/2001. Anno 2011 Il 28 marzo 2011, con delibera consiliare n.1734, a seguito di tutta l attività svolta nel corso del 2010 è stato approvato il nuovo M.O. 231 della Webred Spa. Nel corso dell anno 2011 è proseguita l attività di controllo da parte dell Organismo di Vigilanza che non ha riscontrato alcuna deviazione nell attività svolta da Webred rispetto a quanto riportato nei processi contenuti nel M.O.. LA QUALITA IN WEBRED NEL 2011 La verifica del sistema qualità è stata effettuata dalla società DNV in data 13 Dicembre e si è chiusa con esito favorevole confermando la certificazione di Webred. Nel verbale finale redatto dagli ispettori è stato evidenziato quanto segue: Commenti positivi: - Prospettive di acquisire in futuro nuove attività - Nuove iniziative volte a migliorare il rapporto con i Clienti nelle attività di assistenza (es. visibilità on line al Cliente dell andamento dei cartellini aperti) - Riesame della Direzione ben strutturato e completo in ogni sua parte Principali aree di miglioramento: - Utilizzo del marchio di certificazione - Definizione delle competenze relative ai ruoli nell organizzazione LA CUSTOMER SATISFACTION Il 2011 è stato un anno con alcuni importanti e qualificanti elementi di impegno nel mantenimento del sistema qualità aziendale; in particolare sono stati pubblicati i dati relativi alla indagine di Customer Satisfaction per la rilevazione della qualità percepita dei servizi Webred da parte degli Enti Locali. L indagine ha costituito una ripetizione della precedente effettuata negli anni ed ha pertanto consentito di confrontare i risultati delle due iniziative al fine di analizzare l andamento nel tempo della soddisfazione dei clienti. Gli aspetti su cui sono state incentrate le domande sono stati: - giudizio sulle tempistiche della fornitura - giudizio su aspetti relazionali delle persone che entrano in contatto con il Cliente - giudizio sulle capacità tecniche del personale impegnato nei servizi - giudizio sugli elementi amministrativi della fornitura - giudizio complessivo e valutazione rispetto all aspettativa 19

20 Per l indagine è stato utilizzato, un questionario che rappresenta lo strumento per una osservazione complessiva dei vari aspetti componenti i servizi (misurazione della qualità percepita) e per il progetto di miglioramento dei servizi stessi. Si è poi provveduto alla elaborazione dei dati e alla predisposizione dei relativi report e grafici calcolando: o il valore medio della soddisfazione complessiva o il valore medio per ciascun quesito o gli scostamenti di ciascun quesito rispetto al valore medio di soddisfazione complessiva o la conseguente individuazione dei punti di forza e di debolezza Il valore medio relativo alla soddisfazione complessiva della iniziativa intrapresa nel 2010 e stato 3,03 su una scala di 4 (dove 1 = insufficiente, 2 = sufficiente, 3 = buono e 4 = molto buono); pertanto, rispetto alla precedente rilevazione si nota come l indice di soddisfazione globale sia sostanzialmente stabile (3,03 del 2010 contro il 3,02 del 2006) e corrispondente al livello buono nella scala di valori proposta. Il grafico riportato di seguito rappresenta la valutazione media suddivisa per Ente: i valori non scendono mai al disotto del valore 2 (sufficiente), non evidenziando pertanto clienti in situazione di grave criticità. Vista per Ente 4,50 4,00 3,50 3,00 Val. Media 2,50 2,00 1,50 1,00 0,50 0,00 Sodalizio San Martino Comune Deruta Comune Marsciano Comune Allerona Comune Orvieto Comunità Montana Subasio Martani Comune Arrone APT Umbria Comune Cannara Comune Porano Comune Castiglione del Lago Comunità Montana Valnerina Comune Piegaro Adisu Provincia di Terni Ente Comune Ferentillo Comune Umbertide Comune Montefalco Comune Monte Castello di Vibio Comune Gualdo Cattaneo Comune Tuoro sul Trasimeno Comune Foligno Comune Perugia ARPA Comune Sangemini Comune Otricoli Comune Spoleto Comune Amelia Comune Magione Comune Todi Figura 1 - Valutazione media sui quesiti proposti aggregata per ente cliente Nel grafico seguente è invece mostrato il valore medio su ciascun quesito: anche qui i valori non scendono mai al disotto di 2,5 (valutazione tra sufficiente e buono). 20

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Documento elettronico sottoscritto mediante firma digitale e conservato nel sistema di

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Norme di riferimento del modello generale di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del d.lgs. 231/01

Norme di riferimento del modello generale di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del d.lgs. 231/01 ISTITUTO POLIGRAFICO E ZECCA DELLO STATO Norme di riferimento del modello generale di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del d.lgs. 231/01 Sintesi Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Software di gestione delle partecipate per l ente l

Software di gestione delle partecipate per l ente l Software di gestione delle partecipate per l ente l locale Obiettivo Governance Le necessità di governo del sistema delle partecipate comportano l esigenza di dotarsi di un software adeguato, che permetta

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Gestisci. Organizza. Risparmia. Una lunga storia, uno sguardo sempre rivolto al futuro. InfoSvil è una società nata nel gennaio 1994 come

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli