Memorandum per la selfefficacy. invecchiamento. Promuovere l apprendimento attivo e l invecchiamento degli anziani svantaggiati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Memorandum per la selfefficacy. invecchiamento. Promuovere l apprendimento attivo e l invecchiamento degli anziani svantaggiati"

Transcript

1 Memorandum per la selfefficacy e un meritevole invecchiamento Promuovere l apprendimento attivo e l invecchiamento degli anziani svantaggiati

2 1 Memorandum per la self-efficacy e un meritevole invecchiamento Titolo del progetto: Promuovere l apprendimento attivo e l invecchiamento degli anziani svantaggiati Numero di progetto: Sotto programma: Sito web del progetto: LLP PT-GRUNDTVIG-GMP Grundtvig Multilateral Projects Data di preparazione: Coordinatore di PALADIN: Associazione VIDA. Valorizzazione intergenerazionale e sviluppo attivo Coordinatore WP6: Gabor Dombi Organizzazione coordinatrice WP6: INFORUM [Forum delle organizzazioni IT per ungheresi per una società dell informazione] Numero di telefono: Autori: Albertina L. Oliveira, Gabor Dombi, Georgios K. Zarifis, Judit Farago, Maddalena Fiordelli, Teresa Almeida Pinto Questo progetto è stato finanziato col supporto della Commissione Europea. La presente pubblicazione riflette solo le visioni degli autori e la Commissione non può essere ritenuta responsabile per nessun uso che può essere fatto dell informazione qui contenuta. Il documento può essere copiato e distributo liberamente, ma senza l apporto di modifiche e previo riconoscimento della fonte e inclusione di questa nota di copyright.

3 2 Memorandum per la self-efficacy e un meritevole invecchiamento Indice Introduzione - Aspetti sociali dell approccio SDL... 3 La ricerca e i risultati del progetto PALADIN...Erro! Marcador não definido. 1. Senso civico Formazione Salute Attività Finanze... 8 Principi fondamentali (aspetti individuali identificazione bisogni degli anziani)... 8 Principi per l azione...erro! Marcador não definido. Riferimenti bibliografici...erro! Marcador não definido. Letteratura correlata... 13

4 3 Memorandum per la self-efficacy e un meritevole invecchiamento Introduzione - Aspetti sociali dell approccio Self Directed Learning La domanda sociale Il livello di sviluppo di una società può essere misurato dalla maniera in cui essa tratta i cittadini adulti. È un dato di fatto che gli anziani devono affrontare più difficoltà della maggior parte delle società in Europa. Nella maggior parte degli Stati aggiuntisi recentemente all UE, la situazione di alcuni gruppi di anziani si delinea nella maniera seguente. Gli impiegati sopra i 50 anni di età possono non trovare lavoro da soli, dunque i pensionati (indipendentemente dalla loro formazione) rimangono sprovvisti di assistenza da parte della società. 1 Sussiste un serio rischio per il quale se i loro redditi diminuiscono, il loro riconoscimento sociale diminuirà e la loro rete di rapporti si sfalderà. Gli anziani in condizioni svantaggiate possono iniziare a pensare che non ci sia più bisogno di loro, e nel mentre devono lottare per la sussistenza usando le proprie risorse limitate in maniera ottimale e devono competere con le giovani generazioni. Sebbene l aspettativa media di vita stia crescendo, essa risulta essere più bassa nelle nazioni dell est e del sud europeo, se paragonate con l occidente e il nord. Perdere il contatto con la società può portare allo sviluppo di malattie psicosomatiche e all aumento di interventi medici. Conseguentemente, dunque, la mancanza di attenzione sociale causa anche un aumento dei costi sociali. Il cambiamento della domanda sociale Nell ultimo ventennio ha preso piede una rivoluzione tecnico-tecnologica che ha avuto un impatto diretto sulla qualità di vita degli anziani. Sta crescendo la richiesta di tecnologie per l informazione e di nuova conoscenza. Gran parte dei vantaggi derivati dalle nuove tecnologie sono stati riconosciuti anche dai più anziani (un esempio è rappresentato dai telefoni cellulari, spesso usati come strumenti di emergenza). Questi bisogni dei più anziani comunque non vengono sempre soddisfatti 2, e i membri più fortunati delle generazioni anziane costituiscono una minoranza (primariamente sono 1 sull invecchiamento dell istituto di ricerca ungherese TARKI) (studio 2 IKT helyzetelemzés 2010 végén (Rapporto sulla condizione predominante delle ICT, fine 2010)

5 4 Memorandum per la self-efficacy e un meritevole invecchiamento quelli con entrate più alte o con un educazione elevata) che cerca opportunità attraverso le quali stare al passo con le nuove tecnologie. Questi ultimi frequentano spesso corsi di formazione a basso costo o addirittura gratuiti, e sono anche gli utenti più attivi delle opportunità di apprendimento self-directed (auto-diretto). Con il termine persone svantaggiate indichiamo: individui che vivono soli, lontano dalle città e dai centri di formazione, che hanno un basso reddito o un basso livello di educazione. Le nuove informazioni, le tecnologie e le opportunità non li raggiungono o li raggiungono solo dopo lungo tempo. La ricerca e i risultati del progetto PALADIN Il progetto PALADIN intende contribuire a dare pieni poteri agli anziani svantaggiati, a coloro che hanno superato la soglia dei 50 anni e sono poco qualificati, attraverso lo sviluppo di strumenti che incrementino la loro disposizione all apprendimento selfdirected. Uno degli scopi del progetto PALADIN era quello di costruire cinque scale per determinare la self-direction degli anziani svantaggiati nelle aree: salute, attività, educazione, senso civico e finanze. A livello operativo si trattava di costruire scale scientificamente valide e allo stesso tempo graficamente attrattive, semplici da usare e da capire. Dal momento che l apprendimento self-directed e la self-efficacy (autoefficacia) per la self-direction nell apprendimento sono interconnessi (Hoban & Sersland, 1999, 2000; Oliveira & Simões, 2001, 2006; Oliveira, 2005, 2009), le scale sono state sviluppate a partire da due costrutti teorici: il self-directed learning (apprendimeno auto-diretto) e la self-efficacy (auto-efficacia). Alla luce del paradigma emergente dell apprendimento e del cambiamento delle circostanze nella società, il progetto PALADIN enfatizza il fatto che salute, attività, formazione, senso civico e finanze siano i campi fondamentali per il funzionamento all interno delle nostre società. Asserisce inoltre il bisogno di rafforzare le abilità di imparare e svilupparsi in questi settori in modo da fornire pieni poteri alla popolazione, specialmente agli anziani in situazioni svantaggiate 3 (Oliveira et al., 2011). 3 in termini generali, gli svantaggiati nell agenda politica europea sono quel particolare gruppo di persone con risorse di apprendimento inadeguate a causa di un accesso limitato o ristretto (per diversi motivi) agli operatori culturali. Vale a dire i disoccupati, coloro che abbandonano la formazione, gli immigrati, quelli con poche o nessuna capacità, le persone disabili (mentali o fisici) e i più anziani (>50 anni). Georgios K. Zarifis (2011). Disadvantaged seniors: Main identifiers (Anziani svantaggiati: principali identificatori) (http://projectpaladin.eu/wp-content/uploads/2010/11/7c.pdf )

6 5 Memorandum per la self-efficacy e un meritevole invecchiamento Il primo passo del metodo di ricerca è stata la definizione dei campi di azione rilevanti in ognuna delle cinque aree: salute, attività, formazione, senso civico e finanze. Abbiamo condotto degli studi pilota con gli anziani in Portogallo (Coimbra e Lousada), Spagna (Zaragoza), Grecia (Thessaloníki), Svizzera (Lugano), Ungheria (Budapest) e Malta (diverse città e paesi su tutta l isola). La popolazione target identificata per lo studio erano gli anziani di più di 50 anni con un basso livello di formazione, poche qualifiche e un basso livello economico (Zarifis, 2010). Il passo successivo consisteva nel portare avanti gli studi definitivi per mezzo delle scale migliorate e abbreviate in tutte le nazioni e su campioni più ampi. Molti dati (quantitativi e qualitativi) sono stati raccolti tra gli anziani svantaggiati nelle varie nazioni partecipanti, sebbene questo non possa essere considerato rappresentativo della popolazione svantaggiata degli anziani in ogni paese. Un breve riassunto per ogni area è presentato qui di seguito. 1. Senso civico Riguardo ai dati quantitativi, il campione della Grecia ha prodotto i risultati più bassi (Media=116.03), seguito dalla Spagna (Media=142.81). Ungheria (Media=153.62) Svizzera (Media=156.46), Malta (Media=159.52) e Portogallo (Media=162.51) hanno ottenuto i valori più alti, ciò significa che gli anziani sono più fiduciosi rispetto al fatto di agire secondo un attitudine e un comportamento civile. I risultati quantitativi di Portogallo e Malta mostrano che gli anziani di queste due nazioni si vedono come buoni cittadini e basano le loro convinzioni su due aspetti: aiutano le altre persone e (specialmente gli anziani di Malta) si sentono ben integrati nella comunità e capaci di contribuire al bene comune. Nel campione della Svizzera un anziano riferisce che qualche volta le persone trattano gli anziani come quelli che non hanno nulla da dire in merito alla vita sociale. In altri campioni ci sono delle opinioni inusuali come: Non accetto persone pigre (un anziano spagnolo) e Sono un buon cittadino. Sono andato in pensione dopo 50 anni di lavoro e poi ho continuato a lavorare (un anziano ungherese). Insieme a un impegno forte per contribuire alla comunità, può occorrere la recettività a contribuire a una serie di attività. Oltre alle attività studiate nel progetto PALADIN, i coordinatori sono propensi ad aggiungere che le persone più anziane con un grande desiderio di contribuire alla comunità sono recettive alla partecipazione a eventi politici, ad aiutare informalmente i loro vicini e le organizzazioni di cui fanno parte, oltra a fare donazioni per valide cause comuni.

7 6 Memorandum per la self-efficacy e un meritevole invecchiamento 2. Formazione Riguardo alla sicurezza nella self-direction, per quanto concerne la formazione, i dati quantitativi, hanno evidenziato che il campione della Grecia ha nuovamente ottenuto i risultati più bassi (Media=81.47), seguito da Malta (Media=129.68), Spagna (Media=141.11) e Svizzera (Media=142.94). Gli anziani di Portogallo (Media=162.72) e Ungheria (Media=163.40) hanno conseguito i valori più alti, cioè significa che si sentono più sicuri nel prendersi cura della loro formazione. In questo campo si possono sottolineare due idee principali nelle varie nazioni. Prima di tutto e in modo significativo, gli anziani attribuiscono un gran valore alla formazione e all apprendimento, considerando queste attività e iniziative strumenti cruciali per promuovere la qualità di vita individuale nel quotidiano. Secondariamente e in maniera meno significativa, alcuni anziani hanno dei dubbi riguardo all efficacia delle attività di formazione e apprendimento per cambiare le condizioni di vita degli anziani. In particolare entro il campione spagnolo i partecipanti tendono a credere che le persone partecipino a questo tipo di attività quando disponibili (e gli anziani non hanno null altro da fare) o quando hanno bisogno di farlo per ragioni professionali. Nel campione ungherese è interessante notare che i partecipanti considerano la formazione in tecnologie per l informazione e la comunicazione importanti. In Svizzera alcuni anziani hanno evidenziato che una volta in pensione alcune delle domande non erano pertinenti. 3. Salute Generalmente gli anziani si sentono sicuri nel prendersi cura della loro salute, sebbene ci siano alcune differenze da paese a paese. Riguardo ai dati quantitativi, il campione Greco mostra i risultati più bassi (Media=116.39), seguito da Spagna (Media=132.01), Svizzera (Media=138.08) e Ungheria (Media=140.23). Gli anziani di Portogallo (Media=153.92) e Malta (Media=163.47) hanno ottenuto i valori più alti, ciò significa che si sentono più in grado di prendersi cura della loro salute. Gli anziani del campione portoghese esprimono molte opinioni riguardo alla loro relazione con la salute; questo dimostra che la salute è un campo che sta loro molto a cuore. In generale c è consenso sull idea che ognuno dovrebbe avere uno stile di vita salutare per migliorare o aumentare la qualità della vita. Quasi tutti gli anziani sono convinti di sapere cosa fare per promuovere la loro salute. Alcuni di loro citano difficoltà nel capire i professionisti della salute e altri riconoscono i loro limiti in termini di risorse

8 7 Memorandum per la self-efficacy e un meritevole invecchiamento necessarie per sviluppare stili di vita salutari. Tra gli altri esempi citati traspare il bisogno di svolgere più attività fisica e di avere abitudini alimentari più sane. 4. Attività Riguardo ai dati quantitativi, il campione Greco mostra il risultato più basso nell attività (Media=109.66), seguito da Spagna (Media=134.24), Svizzera (Media=139.22) e Malta (Media=146.07). Gli anziani di Portogallo (Media=151.73) e Ungheria (Media=156.45) hanno espresso i valori più alti, ciò significa che hanno il più alto grado di sicurezza nel partecipare alle diverse attività (professionali, volontarie e associative, culturali, del tempo libero e per lo sviluppo sociale e personale). Generalmente gli anziani del campione portoghese mostrano una naturale fiducia nelle loro abilità a svolgere le attività quotidiane, anche quando vivono in case per anziani dove non sono tenuti a farlo. Tendono a caratterizzarsi come attivi e alcuni di loro esprimono la volontà di aumentare il loro livello di attività per poter accedere alla forza lavoro o addirittura per sviluppare attività di aiuto agli altri. Nel campione spagnolo alcuni anziani rimpiangono di non avere tempo per svolgere altre attività (di diversificare le loro attività) e nel campione greco possiamo trovare una dualità di opinioni in termini d interesse all attività: alcuni di loro esprimono il loro desiderio di trovare un lavoro e altri mostrano una completa mancanza di interesse nello svolgere ogni tipo di attività. Nei campioni di Malta e Ungheria gli anziani tendono a sottolineare l importanza di essere attivi e la soddisfazione personale per questa condizione positiva. Inoltre il campione di Malta enfatizza il ruolo cruciale giocato dalla famiglia specialmente dai bambini in questo processo, e i partecipanti greci sono molto scrupolosi nel descrivere le loro principali attività. Le risposte fortemente positive di questa sezione possono indicare le capacità a cui viene data più importanza e anche indicare l interesse a mantenere o migliorare queste capacità. Le persone più anziane che sono concentrate nell usare le capacità possono essere ricettive a diversi ambiti nei quali mettere a frutto queste ultime. Il desiderio di avere la possibilità di impegnarsi in diverse attività può portare a voler mantenere programmi flessibili. Quando i coordinatori delle attività incontrano persone anziane che danno un gran valore a mantenere i loro piani flessibili potrebbero forse inferire un interesse in attività differenziate. Può manifestarsi qui un legame con la letteratura sui lavoratori maturi, che riferisce che le persone più anziane sono

9 8 Memorandum per la self-efficacy e un meritevole invecchiamento particolarmente attratte dai lavori che offrono flessibilità nelle condizioni di lavoro. Le persone più anziane interessate sia al lavoro che alla flessibilità sul posto di lavoro possono voler combinare il lavoro remunerato con altre occupazioni. Relativamente all attività delle persone bisogna considerare una contraddizione. Se da una parte la richiesta dell aumento dell età pensionabile fa costantemente parte dei programmi politici delle nazioni europee (per ridurre l obbligo della società a sostenere i più anziani), è evidente che gli impiegati che hanno superato i 50 anni d età hanno possibilità limitate nel mercato del lavoro. Secondo l Ufficio Centrale di Statistica Ungherese la maggioranza dei pensionati oggi desidererebbe iniziare a lavorare nei primi anni della pensione, ma le percentuali di chi realmente trova lavoro si assestano tra lo 0.5 e il 3 per cento. 5. Finanze Riguardo alle Finanze, gli anziani di Spagna (Media=132.08) e Grecia (Media=134.09) mostrano i risultati più bassi, seguiti da Malta (Media=146.52). Svizzera (Media=155.05), Ungheria (Media=156.31) e Portogallo (Media=156.93) hanno ottenuto i valori più alti, ciò significa che si sentono più sicuri nella gestione delle proprie finanze. Questo è il campo nel quale è più facile trovare opinioni comuni tra tutti i campioni, sebbene le risposte dei partecipanti di Spagna e Grecia siano meno significative. In generale gli anziani considerano un reddito basso come la loro problematica maggiore dato che ciò ha un impatto sulla vita di tutti i giorni. Nonostante questo, i soggetti in studio sono convinti di essere in grado d individuare le migliori soluzioni per superare questo limite ricorrendo ad un uso parsimonioso dei loro soldi. In alcuni campioni, Malta e Svizzera, alcuni anziani accennano al fatto che la famiglia è importante a volte per gestire le difficoltà finanziare. Principi fondamentali (Aspetti individuali identificazione dei bisogni degli anziani) Coloro che imparano con il metodo self-directed sono i vincitori del futuro perché hanno nelle loro stesse mani la capacità di migliorare la loro conoscenza per la vita intera (Collins, 2006). Una volta che gli individui sono formati per l apprendimento selfdirected saranno in grado di imparare con gli anni e affrontando diverse situazioni. Le capacità correlate al Self-directed learning (SDL) sono la base per l apprendimento di

10 9 Memorandum per la self-efficacy e un meritevole invecchiamento tutta la vita... L abilità al SDL, se acquisita propriamente, fornisce gli studenti dell abilità di essere apprendisti per tutta la vita (Dynan, Cate & Rhee, 2008). Il Self-directed Learning dà la possibilità di migliorare la qualità di vita perché fornisce a coloro che imparano, gli strumenti per l apprendimento durante l intero arco della vita (Yamada, 1994). Il Self-directed learning è stato denominato uno stile di vita più che una tecnica perché il suo fondamento è un attitudine che resta presente in ogni condizione e per tutta la vita (Clinton & Rieber, 2010). Siamo capaci di migliorare la disposizione all auto apprendimento se capiamo i componenti del SDL. Esso enfatizza autonomia, motivazione personale, personalizzazione, auto-disciplina, riflessione critica e può aiutare chi impara a diventare più concentrato, immediato e a ottenere un buon esito (Ausburn 2002). (Clark, 2005). Il SDL è più efficace quanto più forte è la motivazione interiore di chi impara. Esso viene anche visto come una risorsa potente contro il declino prematuro e la dipendenza dal momento che ha il potere di sbloccare la motivazione della gente a imparare e svilupparsi. Il suo grande potenziale può essere applicato a ogni soggetto e ogni studente. Al contempo molti adulti non sono del tutto self-directed. Si può notare che si posizionano a diversi livelli della self-direction, alcuni sono più autonomi e altri più dipendenti. Le persone con un più basso livello di educazione tendono ad essere meno selfdirected degli adulti con un alto livello di educazione (Terry, 2006). Quindi dobbiamo essere particolarmente attenti a moderare la self-direction o all assistenza, in maniera che possano aumentare la loro motivazione, la sicurezza di sé e la partecipazione alle attività di apprendimento. Inoltre i cittadini anziani variano considerabilmente quando le differenze individuali aumentano con l invecchiamento. Ogni persona raggiunge l età matura in maniera completamente diversa a causa dei diversi percorsi che ognuno di loro ha intrapreso. Ogni anziano ha speranze e piani futuri. L uso corretto degli strumenti che possano aumentare il processo del SDL è essenziale al suo scopo. La tecnologia gioca un ruolo importante nella società moderna e può anche servire la cause che stiamo esplorando.

11 10 Memorandum per la self-efficacy e un meritevole invecchiamento Come mostrato da Clark nel suo studio esplorativo anche e specialmente le comunità meno servite possono profittare dell uso della tecnologia. Chu e Tsai (2009) sottolineano che l apprendimento basato su internet è particolarmente adatto per gli anziani in situazioni svantaggiate. Esso infatti aiuta quelle persone (tra i 45 e 59 anni e gli over 60) a superare le diverse barriere di accesso all apprendimento. Inoltre internet ha ovviamente la caratteristica di essere il più conveniente ed efficiente ambiente di apprendimento in grado di raggiungere ogni persona e rimanere per la vita intera. Queste sono le ragioni per cui è uno strumento che si accompagna bene al Self-Directed learning. Principi d azione (Raccomandazioni per i politici, i servizi sociali e le strutture educative e di formazione) Secondo i risultati della ricerca condotta nell ambito del progetti PALADIN e l esperienza degli esperti partecipanti, si possono fare diverse raccomandazioni per la politica a questo punto: L autostima degli anziani dovrebbe essere ripristinata, la coscienza dell utilità degli anziani deve essere ristabilita supportando e incoraggiando programmi per l aumento della consapevolezza. Le attitudini rispetto ai cittadini anziani dovrebbero essere modificate per poter cambiare positivamente la loro immagine di sé. È necessario fornire assistenza alle persone sopra i 50 anni perché possano acquisire capacità e conoscenze al passo con i tempi. Questo richiede che la formazione adulta non si concentri solo sul mercato del lavoro; tutte le forme di apprendimento per la vita (tipologie di formazione continua) dovrebbero essere incoraggiate allo scopo di permettere agli anziani di ottenere le capacità che necessitano. Salute, attività, formazione, senso civico e finanze sono stati confermati come i campi fondamentali per le persone anziane. Rinforzare le loro capacità in questi ambiti contribuirebbe immediatamente in maniera positiva alla loro vita quotidiana. La disposizione al self-directed learning tra gli anziani può essere supportata da una formazione online e offline, che assicurerebbe una supervisione per l auto-educazione a ogni centro di assistenza, in ogni distretto, università, centro culturale e libreria. Il mentore del self-directed

12 11 Memorandum per la self-efficacy e un meritevole invecchiamento learning o l educatore degli anziani deve nascere da una nuova formazione (come risultato di una formazione adulta indirizzata agli adulti?). Il tutoraggio, la guida e tutte le forme di educazione anziana non dovrebbero essere confinate ai soli anziani. L apprendimento intergenerazionale dovrebbe essere promosso, non solo come una metodologia flessibile per migliorare l apprendimento, ma anche come una strategia per promuovere la solidarietà e la coesione sociale. L auto-organizzazione degli anziani dovrebbe essere permessa e incoraggiata rispetto al loro tempo libero, il loro apprendimento e il lavoro che intraprendono. Comunque è importante sottolineare che la Self-directiveness è il DNA della maggior parte degli imprenditori e che l auto-disposizione all apprendimento dovrebbe essere promosso dal momento che può giocare un ruolo molto importante nella performance dell educazione imprenditoriale di persone mature o anziane. L uso degli strumenti, come quello sviluppato da PALADIN, per incrementare la disposizione all apprendimento auto-diretto delle persone mature e anziane, potrebbero essere promossi a livello globale. I membri delle vecchie generazioni sono più inclini ad accettare l informazione delle persone della loro età. Questa attitudine può essere superata con il supporto di mediatori intergenerazionali. Le persone anziane dovrebbero essere incoraggiate e sostenute in una direzione che possa rafforzare la loro sel-efficacy alla self-direction. Le persone anziane hanno un grosso potenziale imprenditoriale, sia individualmente che in cooperazione con altre generazioni, che può essere usato per creare la loro stessa attività (a scopo di lucro o non-profit). La formazione imprenditoriale dovrebbe essere sviluppata insieme a programmi nazionali per il supporto all imprenditorialità anziana. La ricerca di PALADIN conferma anche alcuni aspetti supportati dalla letteratura, come quelli che dovrebbero essere rispettati quando si progettano i programmi per l apprendimento: Le scelte dovrebbero essere date agli studenti rispetto a cosa, come e quando imparare (lo studente non deve corrispondere al programma, è il programma che deve corrispondere allo studente). I bisogni di sviluppo degli studenti adulti devono essere rispettati.

13 12 Memorandum per la self-efficacy e un meritevole invecchiamento Le differenze individuali devono essere prese in considerazione. Il passo dello studente deve essere rispettato: l apprendimento self-paced (auto-regolato) è un opportunità per progredire a un tasso molto più veloce o più lento a dipendenza di ogni studente. Ognuno ha bisogno del suo tempo. Si devono offrire i piani flessibili Si deve offrire un ambiente di apprendimento amichevole e piacevole Le barriere dell accessibilità devono essere rimosse Si deve promuovere la dipendenza reciproca tra gli studenti È riconosciuto che le strategie di apprendimento riguardanti la formazione continua dovrebbero trovare strade più flessibili e attrattive (Council, 2009), quindi il potenziale del self-directed learning deve essere considerato come uno strumento forte per migliorare la disposizione al self-directed learning delle persone anziane, specialmente di quelle più svantaggiate.

14 13 Memorandum per la self-efficacy e un meritevole invecchiamento Riferimenti bibliografici Oliveira, A. L., Vieira, C., Nogueira, S., Lima, M., Alcoforado, L., & Ferreira, J. A. (2011). PALADIN, WP3 development Report: Development of Self-directed Learning Readiness Scales for disadvantage seniors in health, activity, education, citizenship and finances. Coimbra: Universidade, Faculdade de Psicologia e de Ciências da Educação. Collins, A. (2006). How society can foster self-directed learning. Human Development, 49(4), Dynan, L., Cate, T., & Rhee, K. (2008). The impact of learning structure on students readiness for self-directed learning. Journal of Education for Business, 84(2), Clark, K. (2005). Serving underserved communities with instructional technologies: Giving them what they need, not what you want. Urban Education, 40(4), Council (2009). Council conclusions of 12 May 2009 on a strategic framework for European cooperation in education and training ( ET 2020 ). OJ C (2009/C 119/02). Council of the European Union. Zarifis, G. (2010). Disadvantage seniors in Europe: Main identifiers: A desk research approach. In Chu, R. J.-C., & Tsai, C.-C. (2009). Self-directed learning readiness, internet selfefficacy and preferences towards constructivist internet-based learning environments among higher-aged adults. Journal of Computer Assisted Learning, 25(5), Terry, M. (2006). Self-directed learning by undereducated adults. Educational Research Quarterly, 29(4), Letteratura correlata Clinton, G., & Rieber, L. P. (2010). The Studio experience at the University of Georgia: an example of constructionist learning for adults. Educational Technology Research and Development, 58(6), McMillan, S. J., & Macias, W. (2008). Strengthening the safety net for online seniors: factors influencing differences in health information seeking among older internet users. Journal of health communication, 13(8),

15 14 Memorandum per la self-efficacy e un meritevole invecchiamento McMillan, S., Avery, E. J., & Macias, W. (2008). From Have Nots To Watch Dogs. Information, Communication & Society, 11(5), Yamada, Masayuki (Department of Education, Akita University, Akita, J. (1994). Yamada 1994.pdf. Educational Gerontology,

Aumentare la consapevolezza formativa come fattore chiave di un invecchiamento attivo

Aumentare la consapevolezza formativa come fattore chiave di un invecchiamento attivo Aumentare la consapevolezza formativa come fattore chiave di un invecchiamento attivo 1. Rilevanza del progetto Il progetto SLIC enfatizza il ruolo della formazione degli adulti come uno dei fattori fondamentali

Dettagli

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri dei volontari YFJ_VolunteeringCharter_IT.indd 1 16/09/12 13:02 Editorial team Editor in Chief Giuseppe Porcaro Copy Editor Thomas Spragg Graphic

Dettagli

Action Anti-bullying

Action Anti-bullying Action Anti-bullying Raccomandazioni dello studio condotto dalle Nazioni Unite sulla violenza contro i bambini In relazione alla riduzione del bullismo ed altre forme di violenza, questo studio pubblicato

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

NEWSLETTER. Edizione 3, Aprile 2014. 2. Panoramica sui contenuti. 3. Partnership di successo. 4. Prossime tappe. 5.

NEWSLETTER. Edizione 3, Aprile 2014. 2. Panoramica sui contenuti. 3. Partnership di successo. 4. Prossime tappe. 5. NEWSLETTER Edizione 3, Invecchiamento Attivo, fatelo voi! La Comunità di Apprendimento per l Invecchiamento Attivo @Learn è un progetto multilaterale Grundtvig che riunisce le organizzazioni partner da

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

Giuliana Cacciapuoti consulente esperta inserimento e reinserimento lavorativo fasce deboli

Giuliana Cacciapuoti consulente esperta inserimento e reinserimento lavorativo fasce deboli Donne in età adulta e mondo del lavoro: recuperare il gap tecnologico Giuliana Cacciapuoti consulente esperta inserimento e reinserimento lavorativo fasce deboli 1.Uno sguardo alla condizione svantaggiata

Dettagli

Riflessioni sulla e-leadership

Riflessioni sulla e-leadership PIANO NAZIONALE PER LA CULTURA, LA FORMAZIONE E LE COMPETENZE DIGITALI Riflessioni sulla e-leadership (a cura di Franco Patini e Clementina Marinoni) Nella sua più completa espressione l e-leader è una

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Pagina 2 Contenuto Il progetto TIDE...4 Il manifesto TIDE...6 La nostra Dichiarazione...8 Conclusioni...12 Pagina 3 Il progetto TIDE Verso un

Dettagli

Invecchiamento della popolazione e welfare attivo per tutte le età

Invecchiamento della popolazione e welfare attivo per tutte le età Invecchiamento della popolazione e welfare attivo per tutte le età Alessandro Rosina alessandro.rosina@unicatt.it RIVOLUZIONE INDUSTRIALE/ TRANSIZIONE DEMOGRAFICA I 150 anni che hanno cambiato (per sempre)

Dettagli

Essere Competente! Saper Descrivere E Narrare Il Proprio Agire Professionale!

Essere Competente! Saper Descrivere E Narrare Il Proprio Agire Professionale! Timeoutintensiva, N 18, Nurse Science, Ottobre 2011 Essere Competente! Saper Descrivere E Narrare Il Proprio Agire Professionale! S. Giammona, S. Egman, M. Ziino Colanino, G. Cappello, R. Lombardo, F.

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE Imparare a imparare è l abilità di perseverare nell, di organizzare il proprio anche mediante una gestione efficace del tempo

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale.

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. Gestione e sviluppo richiedono oggi comportamenti diversi

Dettagli

PALADINews N 2 May.2010

PALADINews N 2 May.2010 PALADINews N 2 May.2010 Editoriale Questo numero di PALADINews è dedicato all apprendimento autodiretto. Non sta a me definire questo concetto con dettagli accademici altri lo faranno in modo più completo.

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

ALL. A Competenze chiave di cittadinanza

ALL. A Competenze chiave di cittadinanza ALL. A Competenze chiave di cittadinanza Cosa sono Dove se ne parla Riferimenti europei L intreccio Nel dettaglio A cosa servono Cosa contrastare Come si acquisiscono Le competenze chiave di cittadinanza

Dettagli

Valorizzare l esperienza per promuovere l inclusione e la mobilità

Valorizzare l esperienza per promuovere l inclusione e la mobilità Seminario Nazionale Rete Euroguidance Valorizzare l esperienza per promuovere l inclusione e la mobilità 04 Novembre 2015 Isfol Corso d Italia 33, Roma Emilia Filosa psicologa/psicoterapeuta-orientatrice-formatrice

Dettagli

SENSO DI COMUNITÀ IN UN CORSO ON LINE: COSTRUZIONE DI UN QUESTIONARIO

SENSO DI COMUNITÀ IN UN CORSO ON LINE: COSTRUZIONE DI UN QUESTIONARIO TECNOLOGIE EMERGENTI E COSTRUZIONE DI CONOSCENZA 27-28 MARZO 2007 SENSO DI COMUNITÀ IN UN CORSO ON LINE: COSTRUZIONE DI UN QUESTIONARIO Vittore Perrucci,, Stefano Cacciamani,, Giulia Balboni Università

Dettagli

Il ruolo dei determinanti di salute nella progettazione in cooperazione internazionale

Il ruolo dei determinanti di salute nella progettazione in cooperazione internazionale Il ruolo dei determinanti di salute nella progettazione in cooperazione internazionale Mariano Giacchi U.O.C. Promozione della salute AOUS CREPS Dip. Fisiopatologia, Medicina Sperimentale e Sanità Pubblica

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

Competenze di cittadinanza ed Educazione Ambientale

Competenze di cittadinanza ed Educazione Ambientale Provincia Autonoma di Bolzano Intendenza scolastica italiana - Ufficio processi educativi Le risorse del territorio e la costruzione del curricolo di scuola Dobbiaco 27/29 Agosto 2008 Competenze di cittadinanza

Dettagli

Formative Assessment: Improving Learning in Secondary Classrooms. Valutazione formativa: migliorare l apprendimento nella scuola secondaria

Formative Assessment: Improving Learning in Secondary Classrooms. Valutazione formativa: migliorare l apprendimento nella scuola secondaria Formative Assessment: Improving Learning in Secondary Classrooms Summary in Italian Valutazione formativa: migliorare l apprendimento nella scuola secondaria Riassunto La valutazione fa parte integrante

Dettagli

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati Indagine su imprese e assicurazioni Report dei risultati ITA045 Maggio 2012 Management summary_1 BACKGROUND E OBIETTIVI Il Giornale delle Assicurazioni, in occasione del convegno Assicurazioni e Sistema

Dettagli

GUIDA VELOCE PER TRAINER

GUIDA VELOCE PER TRAINER GUIDA VELOCE ~ 6 ~ GUIDA VELOCE PER TRAINER Perché usare il toolkit di EMPLOY? In quanto membro del personale docente, consulente di carriera, addetto al servizio per l impiego o chiunque interessato ad

Dettagli

Le delegazioni troveranno in allegato la versione finale delle conclusioni del Consiglio EPSCO adottate il 3 Ottobre 2011.

Le delegazioni troveranno in allegato la versione finale delle conclusioni del Consiglio EPSCO adottate il 3 Ottobre 2011. CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA Bruxelles, 3 Ottobre 2011 14552/11 SOC 804 JEUN 53 CULT 66 NOTA Da : Il Segretariato Generale del Consiglio a : Le Delegazioni N. doc. prec.: 14061/1/11 REV 1 SOC 759 JEUN

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: Storia, Cittadinanza e Costituzione DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Le competenze

Dettagli

Materiale elaborato, su incarico del Bologna Follow Up Group, dall apposito Bologna Working Group on Qualifications Frameworks

Materiale elaborato, su incarico del Bologna Follow Up Group, dall apposito Bologna Working Group on Qualifications Frameworks Estratto dal documento A Framework for Qualifications of the European Higher Education Area (Il Quadro dei Titoli dello Spazio Europeo dell Istruzione Superiore), disponibile sul sito www.processodibologna.it/documentieuropei

Dettagli

La riparazione diretta dei danni da acqua in Europa

La riparazione diretta dei danni da acqua in Europa La riparazione diretta dei danni da acqua in Europa Convegno Nazionale ASSIT 16-17 Maggio 2013 Stefano Sala A.D. gruppo per Lo scopo del mio intervento Specificare cosa si intende per riparazione diretta

Dettagli

IL SOSTEGNO IN ETA PRESCOLARE MESSAGGI POLITICI

IL SOSTEGNO IN ETA PRESCOLARE MESSAGGI POLITICI IL SOSTEGNO IN ETA PRESCOLARE MESSAGGI POLITICI Introduzione Questo documento propone una panoramica delle principali conclusioni e raccomandazioni indicate dall Agenzia Europea per lo Sviluppo dell Istruzione

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA Le nostre scuole dell'infanzia, in continuità con le scelte già espresse nel POF, hanno definito, attraverso una riflessione avvenuta in più incontri tra genitori

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO Progetto VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità della scuola Profilo della scuola POPPI Codice meccanografico ARIC8R INDICE Introduzione La partecipazione al progetto:

Dettagli

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE:

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: VALORI PER SOCIETÀ SICURE ED INTERCULTURALI di Giovanna Spagnuolo Ci manca la comunità perché ci manca la sicurezza Z. Bauman (Voglia di comunità, Laterza, Bari-Roma,

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor

Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor Estratto dal progetto Foundations for Work per gentile concessione di DiversityWorks (Progetto n. 2012-1-GB2-LEO05-08201) Introduzione Perché

Dettagli

Terza sessione del corso di formazione. Incontro di partenariato

Terza sessione del corso di formazione. Incontro di partenariato Newsletter n.5 Promuovere lo sviluppo sociale regionale incoraggiando il NETworking tra stakeholder pubblici e volontari al fine di incentivare l innovazione nella fornitura di servizi di assistenza socio-sanitaria

Dettagli

OFFERTA DI COMPETENZE

OFFERTA DI COMPETENZE IT LA FUTURA OFFERTA DI COMPETENZE IN EUROPA PREVISIONI A MEDIO TERMINE FINO AL RISULTATI CHIAVE Oltre Lisbona: verso una societá basata sulla conoscenza L evoluzione della struttura delle qualifiche Le

Dettagli

POSitivitiES Psicologia Positiva nelle Scuole Europee GUIDA PER INIZIARE EL CORSO

POSitivitiES Psicologia Positiva nelle Scuole Europee GUIDA PER INIZIARE EL CORSO POSitivitiES Psicologia Positiva nelle Scuole Europee GUIDA PER INIZIARE EL CORSO POSitivitiES Positive Psychology in European Schools PositiviES è un progetto europeo Comenius multilaterale che si prefigge

Dettagli

Artability. Tlab - 1 interim report

Artability. Tlab - 1 interim report Artability Tlab - 1 interim report Introduzione Il progetto Artability è un progetto biennale per lo scambio di buone pratiche che possono motivare le persone con disabilità di partecipare al processo

Dettagli

COACH BOT Modular e-course with virtual coach tool support

COACH BOT Modular e-course with virtual coach tool support Modular e-course with virtual coach tool support PROGRAMMA DI APPRENDIMENTO PERMANENTE LEONARDO da VINCI Coordinato da FOR.COM. Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione Europea.

Dettagli

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996 SCHEDA 4 Le Linee guida di Heidelberg per la promozione dell attività fisica per le persone anziane (The Heidelberg Guidelines for promoting physical activity among older persons) Quarto Congresso Internazionale

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ECOSISTEMA SEACW

INTRODUZIONE ALL ECOSISTEMA SEACW INTRODUZIONE ALL ECOSISTEMA SEACW Il progetto SEACW, co-finanziato dalla Commissione Europea, ha creato un Ecosistema Digitale destinato a diventare un punto di incontro per tutti coloro che sono interessati

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

educazione alla legalità

educazione alla legalità Coordinamento LIBERA TOSCANA educazione alla legalità e alla cittadinanza attiva Percorsi e Laboratori Per la scuola primaria, secondaria di primo e secondo grado a.s. 2011-2012 In collaborazione con:

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante -

Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante - ISIS Facchinetti di Castellanza Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante - Finalità ed obiettivi L offerta formativa del nostro istituto, per quanto attiene la formazione

Dettagli

CHE COSA RENDE UN INSEGNANTE UN BUON INSEGNANTE?

CHE COSA RENDE UN INSEGNANTE UN BUON INSEGNANTE? CHE COSA RENDE UN INSEGNANTE UN BUON INSEGNANTE? Simona Baggiani La scuola sono i professori, nel bene e nel male, questo è un dato incontrovertibile. In altre parole: serve un buon insegnante per fare

Dettagli

FocusReport3. KIBS: il percorso della conoscenza. EBiComLab. nella provincia di Treviso. agosto 2014. Centro studi sul terziario trevigiano

FocusReport3. KIBS: il percorso della conoscenza. EBiComLab. nella provincia di Treviso. agosto 2014. Centro studi sul terziario trevigiano FocusReport3 agosto 2014 KIBS: il percorso della conoscenza Filcams-CGIL Fisascat-CISL Uiltucs-UIL Secondo i dati forniti dall Ufficio Studi e Statistica della Camera di Commercio Industria Artigianato

Dettagli

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDICE 1 PREMESSA 5 IL PROGETTO RIMOTIVAZIONE 6 PRIMA PARTE IL CONTESTO TEORICO DI RIFERIMENTO 8 CAPITOLO PRIMO I DIVERSI MODELLI

Dettagli

PERCORSO DI FORMAZIONE SUI METODI DI APPRENDIMENTO COOPERATIVO. LABORATORIO PERMANENTE di FORMAZIONE E RICERCA

PERCORSO DI FORMAZIONE SUI METODI DI APPRENDIMENTO COOPERATIVO. LABORATORIO PERMANENTE di FORMAZIONE E RICERCA PERCORSO DI FORMAZIONE SUI METODI DI APPRENDIMENTO COOPERATIVO LABORATORIO PERMANENTE di FORMAZIONE E RICERCA Dr. Andrea Bertucci Psicologo e Dottore di Ricerca in Scienze Cognitive E mail: andrea.bertucci@yahoo.com

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

A cosa serve la paghetta di Stato, se le università fanno schifo?

A cosa serve la paghetta di Stato, se le università fanno schifo? A cosa serve la paghetta di Stato, se le università fanno schifo? Investire nel sapere in Italia non conviene: basse opportunità di lavoro e ancor più bassi stipendi. Dare 500 euro una tantum non serve

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration)

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Conferenza Europea sulle Politiche sanitarie: opportunità per il futuro Copenaghen, Danimarca, 5-9 dicembre 1994. La Conferenza ha concordato di

Dettagli

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi 2 Pure Performance La nostra Cultura Alfa Laval è un azienda focalizzata sul cliente e quindi sul prodotto con una forte cultura

Dettagli

ALCUNE SIGLE. PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla

ALCUNE SIGLE. PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla DAL PEI AL PDV ALCUNE SIGLE PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO, DELLA DISABILITA' E DELLA SALUTE LUNGO TUTTO L ARCO DELLA VITA (ICF) rivolto ai bambini

Dettagli

GIOVANI E LAVORO: PROVVEDIMENTI E OPPORTUNITÀ

GIOVANI E LAVORO: PROVVEDIMENTI E OPPORTUNITÀ GIOVANI E LAVORO: PROVVEDIMENTI E OPPORTUNITÀ di Lucia ROSSI APPROFONDIMENTI Nell articolo sono presentate le principali iniziative volte alla promozione dell occupazione giovanile. La crisi economica

Dettagli

Dati sulle donazioni. Report n.5. Marzo 2014

Dati sulle donazioni. Report n.5. Marzo 2014 Dati sulle donazioni Report n.5 Marzo 2014 Metodologia Committente: Ixè + Osservatorio Socialis Soggetto realizzatore: Ixè srl Metodologia: indagine quantitativa campionaria Metodo di raccolta dati: telefono

Dettagli

Capitolo 5 Qual è il "mandato" della scuola?

Capitolo 5 Qual è il mandato della scuola? Pagina 1 di 6 Qual è il "mandato" della scuola? 5.1 Ogni scuola deve avere un "mandato" 5.2 Le nostre idee-guida 5.3 Le dimensioni dell apprendimento 5.4 La funzione educativa del rispetto delle regole

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona 3 È possibile ricreare dei rapporti intergenerazionali reali attraverso attività in cui bambini e anziani, in uno stesso spazio, imparino gli uni dagli altri in uno scambio di esperienze. Un incontro di

Dettagli

Cos è secondo voi una strategia? Ci sono strategie che si usano in più contesti? E strategie legate alle singole discipline?

Cos è secondo voi una strategia? Ci sono strategie che si usano in più contesti? E strategie legate alle singole discipline? Cos è secondo voi una strategia? Ci sono strategie che si usano in più contesti? E strategie legate alle singole discipline? Ricordate qualche strategia che vi è stata particolarmente utile nel corso delle

Dettagli

Si appoggia a Internet come canale per veicolare le informazioni. Un LMS permette di:

Si appoggia a Internet come canale per veicolare le informazioni. Un LMS permette di: Compito I settimana del II modulo Fagnani Lorena classe E13 1. La sezione del modulo dedicata ai Learning Management System elenca diverse funzioni di gestione, comunicazione e valutazione che possono

Dettagli

Nuove tecnologie digitali: un opportunità per la promozione della salute? Dr. Maddalena Fiordelli

Nuove tecnologie digitali: un opportunità per la promozione della salute? Dr. Maddalena Fiordelli Nuove tecnologie digitali: un opportunità per la promozione della salute? Dr. Maddalena Fiordelli Institute of Communication and Health Università della Svizzera Italiana (Lugano) ehealth: definizioni

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

la città come luogo di formazione del capitale umano

la città come luogo di formazione del capitale umano la città come luogo di formazione del capitale umano Andrea Gavosto * andrea.gavosto@fga.it efficacia ed equità le sfide delle città educative Assemblea Generale dell AICE Torino * 13 marzo 2015 Associazione

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA

STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA Quali sono gli obiettivi dell Unione nel realizzare i programmi per la mobilità? Questi programmi rientrano all interno della politica di istruzione, formazione

Dettagli

LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE

LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE Ricerca e innovazione in Italia. Le proposte della politica Italianieuropei intervista Maria Chiara Carrozza I ricercatori appartengono alla schiera dei potenziali innovatori.

Dettagli

Tavola rotonda Le competenze e la didattica laboratoriale dalla Scuola di base all Università: esempi di orientamento formativo.

Tavola rotonda Le competenze e la didattica laboratoriale dalla Scuola di base all Università: esempi di orientamento formativo. SCUOLA ESTIVA DI RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA CHIMICA ULDERICO SEGRE Ferrara 15 luglio 2010 Riflettere sulle conoscenze per favorire un apprendimento significativo Tavola rotonda Le competenze e la didattica

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15 Neoassunti 2015/16 BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale Versione del 09/12/15 Sommario Sommario Sommario... 1 Introduzione... 2 La guida per la compilazione del Bilancio di Competenze... 2 A cosa

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

COOPERATIVA SOCIALE E.D.I. ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA

COOPERATIVA SOCIALE E.D.I. ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA COOPERATIVA SOCIALE E.D.I. ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA OGGETTO: PERCORSI SULL USO RESPONSABILE DEI NUOVI MEDIA E LA CITTADINANZA DIGITALE PROPOSTA PER LE SCUOLE La Cooperativa

Dettagli

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo B. Munari inside INSIDE è specializzata nella trasformazione organizzativa, nello sviluppo e nella valorizzazione del capitale umano

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

IL COLLOCAMENTO MIRATO TRA OBBLIGO E OPPORTUNITÀ

IL COLLOCAMENTO MIRATO TRA OBBLIGO E OPPORTUNITÀ IL COLLOCAMENTO MIRATO TRA OBBLIGO E OPPORTUNITÀ Convegno sull inserimento lavorativo delle persone con disabilità: iniziative, servizi, esperienze e riflessioni Esperienze aziendali tratte dal video prodotto

Dettagli

Aurora 2000 staff formativo

Aurora 2000 staff formativo FormAzione Aurora 2000 fa parte del Consorzio Provinciale SIS e della rete nazionale CGM - Welfare Italia, il cui obiettivo è quello di favorire l inclusione sociale e lo sviluppo nel territorio dell area

Dettagli

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Materiale pratico della durata di un ora circa Il nuovo ambiente di apprendimento rappresenterà un cambiamento pedagogico radicale o sarà soltanto

Dettagli

Il secondo rapporto annuale ForAge

Il secondo rapporto annuale ForAge Il secondo rapporto annuale ForAge Cos'é ForAge? Il progetto é una rete multilaterale europea che ha lo scopo di comunicare le esperienze di apprendimento nella fase avanzata della vita per favorire alti

Dettagli

Opportunità e problematicita delle iniziative italiane in tema di educazione finanziaria. Bergamo, 23 gennaio 2009

Opportunità e problematicita delle iniziative italiane in tema di educazione finanziaria. Bergamo, 23 gennaio 2009 Convegno adeimf Nuove politiche per la gestione bancaria Opportunità e problematicita delle iniziative italiane in tema di educazione finanziaria Bergamo, 23 gennaio 2009 Maurizio Trifilidis maurizio.trifilidis@bancaditalia.it

Dettagli

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010 Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud Università Ca Foscari Venezia, 10 febbraio 2010 Premesse In riferimento all obiettivo di sensibilizzare ed educare allo sviluppo

Dettagli

Cooperazione Europea Per la pedagogia curativa e la socioterapia antroposofica

Cooperazione Europea Per la pedagogia curativa e la socioterapia antroposofica Cooperazione Europea Per la pedagogia curativa e la socioterapia antroposofica inclusione sostenibile delle persone con disabilità nella società Che cos è l ECCE? ECCE è un associazione al servizio delle

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare. Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata NADIA VANDI

Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare. Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata NADIA VANDI Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata Perché la scuola si è occupata di tecnologie digitali Esperienza di didattica

Dettagli

Elementi di successo e di ostacolo alla comunicazione efficace in un processo educativo

Elementi di successo e di ostacolo alla comunicazione efficace in un processo educativo Elementi di successo e di ostacolo alla comunicazione efficace in un processo educativo Gabriella Geraci La comunicazione La comunicazione serve per trasmettere delle informazioni per mezzo di messaggi

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE Relazione del Presidente Regionale CNA Pensionati- Giovanni Giungi A noi viene voglia, nonostante questa valle

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE T.GULLI

ISTITUTO MAGISTRALE T.GULLI PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IT051PO003FSE ISTITUTO MAGISTRALE T.GULLI Anno scolastico 2012/2013 Pon Imprenditore DONNA Codice Progetto- C5 120h di Tirocinio e stage Simulazione aziendale, alternanza

Dettagli

I DONATORI ITALIANI E IL TERZO SETTORE Paolo Anselmi, Vice Presidente GfK Eurisko

I DONATORI ITALIANI E IL TERZO SETTORE Paolo Anselmi, Vice Presidente GfK Eurisko I DONATORI ITALIANI E IL TERZO SETTORE Paolo Anselmi, Vice Presidente GfK Eurisko ROMA, 27 maggio 2011 Premessa 2 A quasi tre anni dall indagine sui donatori effettuata nel luglio 2008, l Istituto Italiano

Dettagli

Clubhouses: Comunità che Creano Opportunità per Persone con Malattie Mentali

Clubhouses: Comunità che Creano Opportunità per Persone con Malattie Mentali Clubhouses: Comunità che Creano Opportunità per Persone con Malattie Mentali Cos è una Clubhouse? Una clubhouse è prima di tutto una comunità di persone. Molto di più di un semplice programma, o di un

Dettagli