Memorandum per la selfefficacy. invecchiamento. Promuovere l apprendimento attivo e l invecchiamento degli anziani svantaggiati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Memorandum per la selfefficacy. invecchiamento. Promuovere l apprendimento attivo e l invecchiamento degli anziani svantaggiati"

Transcript

1 Memorandum per la selfefficacy e un meritevole invecchiamento Promuovere l apprendimento attivo e l invecchiamento degli anziani svantaggiati

2 1 Memorandum per la self-efficacy e un meritevole invecchiamento Titolo del progetto: Promuovere l apprendimento attivo e l invecchiamento degli anziani svantaggiati Numero di progetto: Sotto programma: Sito web del progetto: LLP PT-GRUNDTVIG-GMP Grundtvig Multilateral Projects Data di preparazione: Coordinatore di PALADIN: Associazione VIDA. Valorizzazione intergenerazionale e sviluppo attivo Coordinatore WP6: Gabor Dombi Organizzazione coordinatrice WP6: INFORUM [Forum delle organizzazioni IT per ungheresi per una società dell informazione] Numero di telefono: Autori: Albertina L. Oliveira, Gabor Dombi, Georgios K. Zarifis, Judit Farago, Maddalena Fiordelli, Teresa Almeida Pinto Questo progetto è stato finanziato col supporto della Commissione Europea. La presente pubblicazione riflette solo le visioni degli autori e la Commissione non può essere ritenuta responsabile per nessun uso che può essere fatto dell informazione qui contenuta. Il documento può essere copiato e distributo liberamente, ma senza l apporto di modifiche e previo riconoscimento della fonte e inclusione di questa nota di copyright.

3 2 Memorandum per la self-efficacy e un meritevole invecchiamento Indice Introduzione - Aspetti sociali dell approccio SDL... 3 La ricerca e i risultati del progetto PALADIN...Erro! Marcador não definido. 1. Senso civico Formazione Salute Attività Finanze... 8 Principi fondamentali (aspetti individuali identificazione bisogni degli anziani)... 8 Principi per l azione...erro! Marcador não definido. Riferimenti bibliografici...erro! Marcador não definido. Letteratura correlata... 13

4 3 Memorandum per la self-efficacy e un meritevole invecchiamento Introduzione - Aspetti sociali dell approccio Self Directed Learning La domanda sociale Il livello di sviluppo di una società può essere misurato dalla maniera in cui essa tratta i cittadini adulti. È un dato di fatto che gli anziani devono affrontare più difficoltà della maggior parte delle società in Europa. Nella maggior parte degli Stati aggiuntisi recentemente all UE, la situazione di alcuni gruppi di anziani si delinea nella maniera seguente. Gli impiegati sopra i 50 anni di età possono non trovare lavoro da soli, dunque i pensionati (indipendentemente dalla loro formazione) rimangono sprovvisti di assistenza da parte della società. 1 Sussiste un serio rischio per il quale se i loro redditi diminuiscono, il loro riconoscimento sociale diminuirà e la loro rete di rapporti si sfalderà. Gli anziani in condizioni svantaggiate possono iniziare a pensare che non ci sia più bisogno di loro, e nel mentre devono lottare per la sussistenza usando le proprie risorse limitate in maniera ottimale e devono competere con le giovani generazioni. Sebbene l aspettativa media di vita stia crescendo, essa risulta essere più bassa nelle nazioni dell est e del sud europeo, se paragonate con l occidente e il nord. Perdere il contatto con la società può portare allo sviluppo di malattie psicosomatiche e all aumento di interventi medici. Conseguentemente, dunque, la mancanza di attenzione sociale causa anche un aumento dei costi sociali. Il cambiamento della domanda sociale Nell ultimo ventennio ha preso piede una rivoluzione tecnico-tecnologica che ha avuto un impatto diretto sulla qualità di vita degli anziani. Sta crescendo la richiesta di tecnologie per l informazione e di nuova conoscenza. Gran parte dei vantaggi derivati dalle nuove tecnologie sono stati riconosciuti anche dai più anziani (un esempio è rappresentato dai telefoni cellulari, spesso usati come strumenti di emergenza). Questi bisogni dei più anziani comunque non vengono sempre soddisfatti 2, e i membri più fortunati delle generazioni anziane costituiscono una minoranza (primariamente sono 1 sull invecchiamento dell istituto di ricerca ungherese TARKI) (studio 2 IKT helyzetelemzés 2010 végén (Rapporto sulla condizione predominante delle ICT, fine 2010)

5 4 Memorandum per la self-efficacy e un meritevole invecchiamento quelli con entrate più alte o con un educazione elevata) che cerca opportunità attraverso le quali stare al passo con le nuove tecnologie. Questi ultimi frequentano spesso corsi di formazione a basso costo o addirittura gratuiti, e sono anche gli utenti più attivi delle opportunità di apprendimento self-directed (auto-diretto). Con il termine persone svantaggiate indichiamo: individui che vivono soli, lontano dalle città e dai centri di formazione, che hanno un basso reddito o un basso livello di educazione. Le nuove informazioni, le tecnologie e le opportunità non li raggiungono o li raggiungono solo dopo lungo tempo. La ricerca e i risultati del progetto PALADIN Il progetto PALADIN intende contribuire a dare pieni poteri agli anziani svantaggiati, a coloro che hanno superato la soglia dei 50 anni e sono poco qualificati, attraverso lo sviluppo di strumenti che incrementino la loro disposizione all apprendimento selfdirected. Uno degli scopi del progetto PALADIN era quello di costruire cinque scale per determinare la self-direction degli anziani svantaggiati nelle aree: salute, attività, educazione, senso civico e finanze. A livello operativo si trattava di costruire scale scientificamente valide e allo stesso tempo graficamente attrattive, semplici da usare e da capire. Dal momento che l apprendimento self-directed e la self-efficacy (autoefficacia) per la self-direction nell apprendimento sono interconnessi (Hoban & Sersland, 1999, 2000; Oliveira & Simões, 2001, 2006; Oliveira, 2005, 2009), le scale sono state sviluppate a partire da due costrutti teorici: il self-directed learning (apprendimeno auto-diretto) e la self-efficacy (auto-efficacia). Alla luce del paradigma emergente dell apprendimento e del cambiamento delle circostanze nella società, il progetto PALADIN enfatizza il fatto che salute, attività, formazione, senso civico e finanze siano i campi fondamentali per il funzionamento all interno delle nostre società. Asserisce inoltre il bisogno di rafforzare le abilità di imparare e svilupparsi in questi settori in modo da fornire pieni poteri alla popolazione, specialmente agli anziani in situazioni svantaggiate 3 (Oliveira et al., 2011). 3 in termini generali, gli svantaggiati nell agenda politica europea sono quel particolare gruppo di persone con risorse di apprendimento inadeguate a causa di un accesso limitato o ristretto (per diversi motivi) agli operatori culturali. Vale a dire i disoccupati, coloro che abbandonano la formazione, gli immigrati, quelli con poche o nessuna capacità, le persone disabili (mentali o fisici) e i più anziani (>50 anni). Georgios K. Zarifis (2011). Disadvantaged seniors: Main identifiers (Anziani svantaggiati: principali identificatori) (http://projectpaladin.eu/wp-content/uploads/2010/11/7c.pdf )

6 5 Memorandum per la self-efficacy e un meritevole invecchiamento Il primo passo del metodo di ricerca è stata la definizione dei campi di azione rilevanti in ognuna delle cinque aree: salute, attività, formazione, senso civico e finanze. Abbiamo condotto degli studi pilota con gli anziani in Portogallo (Coimbra e Lousada), Spagna (Zaragoza), Grecia (Thessaloníki), Svizzera (Lugano), Ungheria (Budapest) e Malta (diverse città e paesi su tutta l isola). La popolazione target identificata per lo studio erano gli anziani di più di 50 anni con un basso livello di formazione, poche qualifiche e un basso livello economico (Zarifis, 2010). Il passo successivo consisteva nel portare avanti gli studi definitivi per mezzo delle scale migliorate e abbreviate in tutte le nazioni e su campioni più ampi. Molti dati (quantitativi e qualitativi) sono stati raccolti tra gli anziani svantaggiati nelle varie nazioni partecipanti, sebbene questo non possa essere considerato rappresentativo della popolazione svantaggiata degli anziani in ogni paese. Un breve riassunto per ogni area è presentato qui di seguito. 1. Senso civico Riguardo ai dati quantitativi, il campione della Grecia ha prodotto i risultati più bassi (Media=116.03), seguito dalla Spagna (Media=142.81). Ungheria (Media=153.62) Svizzera (Media=156.46), Malta (Media=159.52) e Portogallo (Media=162.51) hanno ottenuto i valori più alti, ciò significa che gli anziani sono più fiduciosi rispetto al fatto di agire secondo un attitudine e un comportamento civile. I risultati quantitativi di Portogallo e Malta mostrano che gli anziani di queste due nazioni si vedono come buoni cittadini e basano le loro convinzioni su due aspetti: aiutano le altre persone e (specialmente gli anziani di Malta) si sentono ben integrati nella comunità e capaci di contribuire al bene comune. Nel campione della Svizzera un anziano riferisce che qualche volta le persone trattano gli anziani come quelli che non hanno nulla da dire in merito alla vita sociale. In altri campioni ci sono delle opinioni inusuali come: Non accetto persone pigre (un anziano spagnolo) e Sono un buon cittadino. Sono andato in pensione dopo 50 anni di lavoro e poi ho continuato a lavorare (un anziano ungherese). Insieme a un impegno forte per contribuire alla comunità, può occorrere la recettività a contribuire a una serie di attività. Oltre alle attività studiate nel progetto PALADIN, i coordinatori sono propensi ad aggiungere che le persone più anziane con un grande desiderio di contribuire alla comunità sono recettive alla partecipazione a eventi politici, ad aiutare informalmente i loro vicini e le organizzazioni di cui fanno parte, oltra a fare donazioni per valide cause comuni.

7 6 Memorandum per la self-efficacy e un meritevole invecchiamento 2. Formazione Riguardo alla sicurezza nella self-direction, per quanto concerne la formazione, i dati quantitativi, hanno evidenziato che il campione della Grecia ha nuovamente ottenuto i risultati più bassi (Media=81.47), seguito da Malta (Media=129.68), Spagna (Media=141.11) e Svizzera (Media=142.94). Gli anziani di Portogallo (Media=162.72) e Ungheria (Media=163.40) hanno conseguito i valori più alti, cioè significa che si sentono più sicuri nel prendersi cura della loro formazione. In questo campo si possono sottolineare due idee principali nelle varie nazioni. Prima di tutto e in modo significativo, gli anziani attribuiscono un gran valore alla formazione e all apprendimento, considerando queste attività e iniziative strumenti cruciali per promuovere la qualità di vita individuale nel quotidiano. Secondariamente e in maniera meno significativa, alcuni anziani hanno dei dubbi riguardo all efficacia delle attività di formazione e apprendimento per cambiare le condizioni di vita degli anziani. In particolare entro il campione spagnolo i partecipanti tendono a credere che le persone partecipino a questo tipo di attività quando disponibili (e gli anziani non hanno null altro da fare) o quando hanno bisogno di farlo per ragioni professionali. Nel campione ungherese è interessante notare che i partecipanti considerano la formazione in tecnologie per l informazione e la comunicazione importanti. In Svizzera alcuni anziani hanno evidenziato che una volta in pensione alcune delle domande non erano pertinenti. 3. Salute Generalmente gli anziani si sentono sicuri nel prendersi cura della loro salute, sebbene ci siano alcune differenze da paese a paese. Riguardo ai dati quantitativi, il campione Greco mostra i risultati più bassi (Media=116.39), seguito da Spagna (Media=132.01), Svizzera (Media=138.08) e Ungheria (Media=140.23). Gli anziani di Portogallo (Media=153.92) e Malta (Media=163.47) hanno ottenuto i valori più alti, ciò significa che si sentono più in grado di prendersi cura della loro salute. Gli anziani del campione portoghese esprimono molte opinioni riguardo alla loro relazione con la salute; questo dimostra che la salute è un campo che sta loro molto a cuore. In generale c è consenso sull idea che ognuno dovrebbe avere uno stile di vita salutare per migliorare o aumentare la qualità della vita. Quasi tutti gli anziani sono convinti di sapere cosa fare per promuovere la loro salute. Alcuni di loro citano difficoltà nel capire i professionisti della salute e altri riconoscono i loro limiti in termini di risorse

8 7 Memorandum per la self-efficacy e un meritevole invecchiamento necessarie per sviluppare stili di vita salutari. Tra gli altri esempi citati traspare il bisogno di svolgere più attività fisica e di avere abitudini alimentari più sane. 4. Attività Riguardo ai dati quantitativi, il campione Greco mostra il risultato più basso nell attività (Media=109.66), seguito da Spagna (Media=134.24), Svizzera (Media=139.22) e Malta (Media=146.07). Gli anziani di Portogallo (Media=151.73) e Ungheria (Media=156.45) hanno espresso i valori più alti, ciò significa che hanno il più alto grado di sicurezza nel partecipare alle diverse attività (professionali, volontarie e associative, culturali, del tempo libero e per lo sviluppo sociale e personale). Generalmente gli anziani del campione portoghese mostrano una naturale fiducia nelle loro abilità a svolgere le attività quotidiane, anche quando vivono in case per anziani dove non sono tenuti a farlo. Tendono a caratterizzarsi come attivi e alcuni di loro esprimono la volontà di aumentare il loro livello di attività per poter accedere alla forza lavoro o addirittura per sviluppare attività di aiuto agli altri. Nel campione spagnolo alcuni anziani rimpiangono di non avere tempo per svolgere altre attività (di diversificare le loro attività) e nel campione greco possiamo trovare una dualità di opinioni in termini d interesse all attività: alcuni di loro esprimono il loro desiderio di trovare un lavoro e altri mostrano una completa mancanza di interesse nello svolgere ogni tipo di attività. Nei campioni di Malta e Ungheria gli anziani tendono a sottolineare l importanza di essere attivi e la soddisfazione personale per questa condizione positiva. Inoltre il campione di Malta enfatizza il ruolo cruciale giocato dalla famiglia specialmente dai bambini in questo processo, e i partecipanti greci sono molto scrupolosi nel descrivere le loro principali attività. Le risposte fortemente positive di questa sezione possono indicare le capacità a cui viene data più importanza e anche indicare l interesse a mantenere o migliorare queste capacità. Le persone più anziane che sono concentrate nell usare le capacità possono essere ricettive a diversi ambiti nei quali mettere a frutto queste ultime. Il desiderio di avere la possibilità di impegnarsi in diverse attività può portare a voler mantenere programmi flessibili. Quando i coordinatori delle attività incontrano persone anziane che danno un gran valore a mantenere i loro piani flessibili potrebbero forse inferire un interesse in attività differenziate. Può manifestarsi qui un legame con la letteratura sui lavoratori maturi, che riferisce che le persone più anziane sono

9 8 Memorandum per la self-efficacy e un meritevole invecchiamento particolarmente attratte dai lavori che offrono flessibilità nelle condizioni di lavoro. Le persone più anziane interessate sia al lavoro che alla flessibilità sul posto di lavoro possono voler combinare il lavoro remunerato con altre occupazioni. Relativamente all attività delle persone bisogna considerare una contraddizione. Se da una parte la richiesta dell aumento dell età pensionabile fa costantemente parte dei programmi politici delle nazioni europee (per ridurre l obbligo della società a sostenere i più anziani), è evidente che gli impiegati che hanno superato i 50 anni d età hanno possibilità limitate nel mercato del lavoro. Secondo l Ufficio Centrale di Statistica Ungherese la maggioranza dei pensionati oggi desidererebbe iniziare a lavorare nei primi anni della pensione, ma le percentuali di chi realmente trova lavoro si assestano tra lo 0.5 e il 3 per cento. 5. Finanze Riguardo alle Finanze, gli anziani di Spagna (Media=132.08) e Grecia (Media=134.09) mostrano i risultati più bassi, seguiti da Malta (Media=146.52). Svizzera (Media=155.05), Ungheria (Media=156.31) e Portogallo (Media=156.93) hanno ottenuto i valori più alti, ciò significa che si sentono più sicuri nella gestione delle proprie finanze. Questo è il campo nel quale è più facile trovare opinioni comuni tra tutti i campioni, sebbene le risposte dei partecipanti di Spagna e Grecia siano meno significative. In generale gli anziani considerano un reddito basso come la loro problematica maggiore dato che ciò ha un impatto sulla vita di tutti i giorni. Nonostante questo, i soggetti in studio sono convinti di essere in grado d individuare le migliori soluzioni per superare questo limite ricorrendo ad un uso parsimonioso dei loro soldi. In alcuni campioni, Malta e Svizzera, alcuni anziani accennano al fatto che la famiglia è importante a volte per gestire le difficoltà finanziare. Principi fondamentali (Aspetti individuali identificazione dei bisogni degli anziani) Coloro che imparano con il metodo self-directed sono i vincitori del futuro perché hanno nelle loro stesse mani la capacità di migliorare la loro conoscenza per la vita intera (Collins, 2006). Una volta che gli individui sono formati per l apprendimento selfdirected saranno in grado di imparare con gli anni e affrontando diverse situazioni. Le capacità correlate al Self-directed learning (SDL) sono la base per l apprendimento di

10 9 Memorandum per la self-efficacy e un meritevole invecchiamento tutta la vita... L abilità al SDL, se acquisita propriamente, fornisce gli studenti dell abilità di essere apprendisti per tutta la vita (Dynan, Cate & Rhee, 2008). Il Self-directed Learning dà la possibilità di migliorare la qualità di vita perché fornisce a coloro che imparano, gli strumenti per l apprendimento durante l intero arco della vita (Yamada, 1994). Il Self-directed learning è stato denominato uno stile di vita più che una tecnica perché il suo fondamento è un attitudine che resta presente in ogni condizione e per tutta la vita (Clinton & Rieber, 2010). Siamo capaci di migliorare la disposizione all auto apprendimento se capiamo i componenti del SDL. Esso enfatizza autonomia, motivazione personale, personalizzazione, auto-disciplina, riflessione critica e può aiutare chi impara a diventare più concentrato, immediato e a ottenere un buon esito (Ausburn 2002). (Clark, 2005). Il SDL è più efficace quanto più forte è la motivazione interiore di chi impara. Esso viene anche visto come una risorsa potente contro il declino prematuro e la dipendenza dal momento che ha il potere di sbloccare la motivazione della gente a imparare e svilupparsi. Il suo grande potenziale può essere applicato a ogni soggetto e ogni studente. Al contempo molti adulti non sono del tutto self-directed. Si può notare che si posizionano a diversi livelli della self-direction, alcuni sono più autonomi e altri più dipendenti. Le persone con un più basso livello di educazione tendono ad essere meno selfdirected degli adulti con un alto livello di educazione (Terry, 2006). Quindi dobbiamo essere particolarmente attenti a moderare la self-direction o all assistenza, in maniera che possano aumentare la loro motivazione, la sicurezza di sé e la partecipazione alle attività di apprendimento. Inoltre i cittadini anziani variano considerabilmente quando le differenze individuali aumentano con l invecchiamento. Ogni persona raggiunge l età matura in maniera completamente diversa a causa dei diversi percorsi che ognuno di loro ha intrapreso. Ogni anziano ha speranze e piani futuri. L uso corretto degli strumenti che possano aumentare il processo del SDL è essenziale al suo scopo. La tecnologia gioca un ruolo importante nella società moderna e può anche servire la cause che stiamo esplorando.

11 10 Memorandum per la self-efficacy e un meritevole invecchiamento Come mostrato da Clark nel suo studio esplorativo anche e specialmente le comunità meno servite possono profittare dell uso della tecnologia. Chu e Tsai (2009) sottolineano che l apprendimento basato su internet è particolarmente adatto per gli anziani in situazioni svantaggiate. Esso infatti aiuta quelle persone (tra i 45 e 59 anni e gli over 60) a superare le diverse barriere di accesso all apprendimento. Inoltre internet ha ovviamente la caratteristica di essere il più conveniente ed efficiente ambiente di apprendimento in grado di raggiungere ogni persona e rimanere per la vita intera. Queste sono le ragioni per cui è uno strumento che si accompagna bene al Self-Directed learning. Principi d azione (Raccomandazioni per i politici, i servizi sociali e le strutture educative e di formazione) Secondo i risultati della ricerca condotta nell ambito del progetti PALADIN e l esperienza degli esperti partecipanti, si possono fare diverse raccomandazioni per la politica a questo punto: L autostima degli anziani dovrebbe essere ripristinata, la coscienza dell utilità degli anziani deve essere ristabilita supportando e incoraggiando programmi per l aumento della consapevolezza. Le attitudini rispetto ai cittadini anziani dovrebbero essere modificate per poter cambiare positivamente la loro immagine di sé. È necessario fornire assistenza alle persone sopra i 50 anni perché possano acquisire capacità e conoscenze al passo con i tempi. Questo richiede che la formazione adulta non si concentri solo sul mercato del lavoro; tutte le forme di apprendimento per la vita (tipologie di formazione continua) dovrebbero essere incoraggiate allo scopo di permettere agli anziani di ottenere le capacità che necessitano. Salute, attività, formazione, senso civico e finanze sono stati confermati come i campi fondamentali per le persone anziane. Rinforzare le loro capacità in questi ambiti contribuirebbe immediatamente in maniera positiva alla loro vita quotidiana. La disposizione al self-directed learning tra gli anziani può essere supportata da una formazione online e offline, che assicurerebbe una supervisione per l auto-educazione a ogni centro di assistenza, in ogni distretto, università, centro culturale e libreria. Il mentore del self-directed

12 11 Memorandum per la self-efficacy e un meritevole invecchiamento learning o l educatore degli anziani deve nascere da una nuova formazione (come risultato di una formazione adulta indirizzata agli adulti?). Il tutoraggio, la guida e tutte le forme di educazione anziana non dovrebbero essere confinate ai soli anziani. L apprendimento intergenerazionale dovrebbe essere promosso, non solo come una metodologia flessibile per migliorare l apprendimento, ma anche come una strategia per promuovere la solidarietà e la coesione sociale. L auto-organizzazione degli anziani dovrebbe essere permessa e incoraggiata rispetto al loro tempo libero, il loro apprendimento e il lavoro che intraprendono. Comunque è importante sottolineare che la Self-directiveness è il DNA della maggior parte degli imprenditori e che l auto-disposizione all apprendimento dovrebbe essere promosso dal momento che può giocare un ruolo molto importante nella performance dell educazione imprenditoriale di persone mature o anziane. L uso degli strumenti, come quello sviluppato da PALADIN, per incrementare la disposizione all apprendimento auto-diretto delle persone mature e anziane, potrebbero essere promossi a livello globale. I membri delle vecchie generazioni sono più inclini ad accettare l informazione delle persone della loro età. Questa attitudine può essere superata con il supporto di mediatori intergenerazionali. Le persone anziane dovrebbero essere incoraggiate e sostenute in una direzione che possa rafforzare la loro sel-efficacy alla self-direction. Le persone anziane hanno un grosso potenziale imprenditoriale, sia individualmente che in cooperazione con altre generazioni, che può essere usato per creare la loro stessa attività (a scopo di lucro o non-profit). La formazione imprenditoriale dovrebbe essere sviluppata insieme a programmi nazionali per il supporto all imprenditorialità anziana. La ricerca di PALADIN conferma anche alcuni aspetti supportati dalla letteratura, come quelli che dovrebbero essere rispettati quando si progettano i programmi per l apprendimento: Le scelte dovrebbero essere date agli studenti rispetto a cosa, come e quando imparare (lo studente non deve corrispondere al programma, è il programma che deve corrispondere allo studente). I bisogni di sviluppo degli studenti adulti devono essere rispettati.

13 12 Memorandum per la self-efficacy e un meritevole invecchiamento Le differenze individuali devono essere prese in considerazione. Il passo dello studente deve essere rispettato: l apprendimento self-paced (auto-regolato) è un opportunità per progredire a un tasso molto più veloce o più lento a dipendenza di ogni studente. Ognuno ha bisogno del suo tempo. Si devono offrire i piani flessibili Si deve offrire un ambiente di apprendimento amichevole e piacevole Le barriere dell accessibilità devono essere rimosse Si deve promuovere la dipendenza reciproca tra gli studenti È riconosciuto che le strategie di apprendimento riguardanti la formazione continua dovrebbero trovare strade più flessibili e attrattive (Council, 2009), quindi il potenziale del self-directed learning deve essere considerato come uno strumento forte per migliorare la disposizione al self-directed learning delle persone anziane, specialmente di quelle più svantaggiate.

14 13 Memorandum per la self-efficacy e un meritevole invecchiamento Riferimenti bibliografici Oliveira, A. L., Vieira, C., Nogueira, S., Lima, M., Alcoforado, L., & Ferreira, J. A. (2011). PALADIN, WP3 development Report: Development of Self-directed Learning Readiness Scales for disadvantage seniors in health, activity, education, citizenship and finances. Coimbra: Universidade, Faculdade de Psicologia e de Ciências da Educação. Collins, A. (2006). How society can foster self-directed learning. Human Development, 49(4), Dynan, L., Cate, T., & Rhee, K. (2008). The impact of learning structure on students readiness for self-directed learning. Journal of Education for Business, 84(2), Clark, K. (2005). Serving underserved communities with instructional technologies: Giving them what they need, not what you want. Urban Education, 40(4), Council (2009). Council conclusions of 12 May 2009 on a strategic framework for European cooperation in education and training ( ET 2020 ). OJ C (2009/C 119/02). Council of the European Union. Zarifis, G. (2010). Disadvantage seniors in Europe: Main identifiers: A desk research approach. In Chu, R. J.-C., & Tsai, C.-C. (2009). Self-directed learning readiness, internet selfefficacy and preferences towards constructivist internet-based learning environments among higher-aged adults. Journal of Computer Assisted Learning, 25(5), Terry, M. (2006). Self-directed learning by undereducated adults. Educational Research Quarterly, 29(4), Letteratura correlata Clinton, G., & Rieber, L. P. (2010). The Studio experience at the University of Georgia: an example of constructionist learning for adults. Educational Technology Research and Development, 58(6), McMillan, S. J., & Macias, W. (2008). Strengthening the safety net for online seniors: factors influencing differences in health information seeking among older internet users. Journal of health communication, 13(8),

15 14 Memorandum per la self-efficacy e un meritevole invecchiamento McMillan, S., Avery, E. J., & Macias, W. (2008). From Have Nots To Watch Dogs. Information, Communication & Society, 11(5), Yamada, Masayuki (Department of Education, Akita University, Akita, J. (1994). Yamada 1994.pdf. Educational Gerontology,

TITOLO Social Innovation & Mutual Learning on Micro-Savings in Europe

TITOLO Social Innovation & Mutual Learning on Micro-Savings in Europe TITOLO Social Innovation & Mutual Learning on Micro-Savings in Europe LUOGO E DATA ORGANIZZATORE Hotel Bedford, Rue du Midi 135-137, 1000 Brussels 9-10 Settembre 2013 EFIN-European Financial Inclusion

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

NEWSLETTER. Edizione 3, Aprile 2014. 2. Panoramica sui contenuti. 3. Partnership di successo. 4. Prossime tappe. 5.

NEWSLETTER. Edizione 3, Aprile 2014. 2. Panoramica sui contenuti. 3. Partnership di successo. 4. Prossime tappe. 5. NEWSLETTER Edizione 3, Invecchiamento Attivo, fatelo voi! La Comunità di Apprendimento per l Invecchiamento Attivo @Learn è un progetto multilaterale Grundtvig che riunisce le organizzazioni partner da

Dettagli

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996 SCHEDA 4 Le Linee guida di Heidelberg per la promozione dell attività fisica per le persone anziane (The Heidelberg Guidelines for promoting physical activity among older persons) Quarto Congresso Internazionale

Dettagli

Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition. Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005

Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition. Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005 Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition Summary in Italian Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005 Riassunto in italiano L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco

Dettagli

Formazione e-learning: uno stato dell Arte

Formazione e-learning: uno stato dell Arte Highlight Formazione e-learning: uno stato dell arte 189 Formazione e-learning: uno stato dell Arte Laura Nespeca L odierna evoluzione dei processi formativi indica una tendenza all individuazione e al

Dettagli

REPORT SULLA RICERCA E ANALISI DEI BISOGNI DEL SETTORE DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN ITALIA

REPORT SULLA RICERCA E ANALISI DEI BISOGNI DEL SETTORE DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN ITALIA REPORT SULLA RICERCA E ANALISI DEI BISOGNI DEL SETTORE DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN ITALIA COMUNITÀ DI APPRENDIMENTO CREATIVO 2010-3558/001-001 2 Indice: Introduzione... 3 1. Panoramica... 3 2. Note

Dettagli

BAREFOOT - Building an Adult Resourced Environment for Online Outreach Training, Leonardo da Vinci - Transfer of Innovation

BAREFOOT - Building an Adult Resourced Environment for Online Outreach Training, Leonardo da Vinci - Transfer of Innovation BAREFOOT - Building an Adult Resourced Environment for Online Outreach Training, Leonardo da Vinci - Transfer of Innovation UK/11/LLP-LdV/TOI-415 BAREFOOT trainer- WP 2 Research Analisi comparativa della

Dettagli

LLP 2007-2013 - Leonardo da Vinci - DOI. Il Ruolo Sociale di TRIO Firenze, 2 Marzo 2012

LLP 2007-2013 - Leonardo da Vinci - DOI. Il Ruolo Sociale di TRIO Firenze, 2 Marzo 2012 LLP 2007-2013 - Leonardo da Vinci - DOI Il Ruolo Sociale di TRIO Firenze, 2 Marzo 2012 NewsJob Becoming Entrepreneurs! Developing New Skills for New Jobs Divenire imprenditori! Sviluppare nuove competenze

Dettagli

L informal learning di Jay Cross

L informal learning di Jay Cross L informal learning di Jay Cross tratto ed adattato da Apprendimento informale e formazione aziendale: perché usare questo sistema di apprendimento? di Jay Cross e Robin Good (link) Premessa di formazione-esperienziale.it

Dettagli

UNITE-IT UNA RETE PER L INCLUSIONE DIGITALE

UNITE-IT UNA RETE PER L INCLUSIONE DIGITALE UNITE-IT UNA RETE PER L INCLUSIONE DIGITALE Sostenuto da PANORAMICA GENERALE UNITE-IT 2014 La rete Unite-IT ha festeggiato il suo secondo anno di progetto, che in realtà è stato il primo vero anno operativo,

Dettagli

Anno 2012 LA PARTECIPAZIONE DEGLI ADULTI ALLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Anno 2012 LA PARTECIPAZIONE DEGLI ADULTI ALLE ATTIVITÀ FORMATIVE 2 dicembre 2013 Anno 2012 LA PARTECIPAZIONE DEGLI ADULTI ALLE ATTIVITÀ FORMATIVE Nel 2012 il 51,5% delle persone di 18-74 anni ha dichiarato di aver effettuato almeno un attività di formazione nei 12 mesi

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Chi attua il Programma Gioventù in Azione? Education, Audiovisual, and Culture Executive Agency

Chi attua il Programma Gioventù in Azione? Education, Audiovisual, and Culture Executive Agency Gioventù in Azione 2007-2013 2013 Gioventù in Azione è: Un programma comunitario per i giovani dai 13 ai 30 Promuove la mobilità di gruppo e individuale, la partecipazione, e il protagonismo giovanile

Dettagli

Ufficio di Statistica n 4 ottobre/dicembre 2005

Ufficio di Statistica n 4 ottobre/dicembre 2005 I ROMANI E LE NUOVE TECNOLOGIE Un analisi sul territorio del Municipio 11 Premessa La tecnologia continua a diffondersi sia tra le istituzioni pubbliche che tra le famiglie italiane ed, infatti, se nelle

Dettagli

Nuove tecnologie digitali: un opportunità per la promozione della salute? Dr. Maddalena Fiordelli

Nuove tecnologie digitali: un opportunità per la promozione della salute? Dr. Maddalena Fiordelli Nuove tecnologie digitali: un opportunità per la promozione della salute? Dr. Maddalena Fiordelli Institute of Communication and Health Università della Svizzera Italiana (Lugano) ehealth: definizioni

Dettagli

CALL FOR PAPERS. X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR)

CALL FOR PAPERS. X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR) CALL FOR PAPERS X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR) Fondazione Scuola di Alta Formazione per il Terzo Settore (ForTeS) Siena ( Italy) 10 13 luglio 2012 Democratizzazione,

Dettagli

La valutazione per l apprendimento e per gli alunni disabili

La valutazione per l apprendimento e per gli alunni disabili LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT La valutazione per l apprendimento e per gli alunni disabili Questo documento intende proporre una sintesi dei temi emersi nei dibattiti del progetto dell Agenzia

Dettagli

Ridurre l abbandono precoce, con attenzione particolare a specifici target

Ridurre l abbandono precoce, con attenzione particolare a specifici target Obiettivo tematico 10 Istruzione e Formazione Risultati attesi Obiettivi Specifici Azioni Interventi di sostegno agli studenti caratterizzati da particolari fragilità (azioni di tutoring e mentoring, attività

Dettagli

Le ICT nella scuola italiana. Sintesi dei dati in un quadro comparativo europeo

Le ICT nella scuola italiana. Sintesi dei dati in un quadro comparativo europeo esperienze / riflessioni Le ICT nella scuola italiana. Sintesi dei dati in un quadro comparativo europeo Giuliano Vivanet a a Università di Cagliari, giuliano.vivanet@unica.it Abstract Con l obiettivo

Dettagli

2000-2010. ISFOL Agenzia Nazionale LLP Programma settoriale Leonardo da Vinci

2000-2010. ISFOL Agenzia Nazionale LLP Programma settoriale Leonardo da Vinci Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali Direzione Generale per gli Affari Internazionali

Dettagli

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa www.unil.ch/share Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa Cosa accadrà in futuro? Il passo successivo dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa sarà completare la base dati già

Dettagli

Competenze chiave per l apprendimento permanente

Competenze chiave per l apprendimento permanente per l apprendimento permanente Un quadro di riferimento europeo * Contesto ed obiettivi Che cosa c è di nuovo nei piani di studio Dato che la globalizzazione europea continua a porre l Unione europea di

Dettagli

- PROGETTO IDLE - Risultati di un indagine su esperienze di educazione alla salute in Germania, Ungheria e Italia

- PROGETTO IDLE - Risultati di un indagine su esperienze di educazione alla salute in Germania, Ungheria e Italia - PROGETTO IDLE - Risultati di un indagine su esperienze di educazione alla salute in Germania, Ungheria e Italia Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è

Dettagli

Il progetto. T- T- Story Story NEWSLETTER

Il progetto. T- T- Story Story NEWSLETTER T- T- Story Story NEWSLETTER November June 2013 2013 Edition N. 1 Newsletter ufficiale del progetto europeo T-Story - Storytelling applicato all educazione, sostenuto dal programma Key Activity 3 Tecnologie

Dettagli

Documenti internazionali sulla mobilità, la sicurezza stradale e lo sviluppo sostenibile Raccolta curata dal sito web mobilita&sicurezzastradale

Documenti internazionali sulla mobilità, la sicurezza stradale e lo sviluppo sostenibile Raccolta curata dal sito web mobilita&sicurezzastradale ACCORDO di BRISTOL Incontro informale tra i Ministri europei della Politica Urbana CREARE delle COMUNITA SOSTENIBILI in EUROPA Conclusioni della Presidenza Britannica dell UE BRISTOL Dicembre 2005 Meeting

Dettagli

Autovalutaizone delle competenze chiave nela formazione degli adulti Progetto VINTAGE

Autovalutaizone delle competenze chiave nela formazione degli adulti Progetto VINTAGE ONLINE TOOL FOR SELF-EVALUATION OF KEY COMPETENCES IN ADULT AGE Autovalutaizone delle competenze chiave nela formazione degli adulti Progetto VINTAGE L Aquila, 13th Marzo 2014 Laura VETTRAINO Reference:

Dettagli

CHE COS E IL MENTORING

CHE COS E IL MENTORING CHE COS E IL MENTORING E un dato di fatto che il numero delle donne che lavorano è in sensibile aumento in ogni paese, ma nonostante questo, e malgrado molte donne rivestano posizioni anche altamente professionali,

Dettagli

Profilo Europeo per la Formazione dei Docenti di Lingue Un Quadro di Riferimento

Profilo Europeo per la Formazione dei Docenti di Lingue Un Quadro di Riferimento Profilo Europeo per la Formazione dei Docenti di Lingue Un Quadro di Riferimento di Michael Kelly e Michael Grenfell 1 Traduzione dall inglese in italiano di Pierangela Diadori 2 INTRODUZIONE Questo volume

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche

La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche Sintesi Francesco Berlingieri, Holger Bonin, Maresa Sprietsma Centre for European Economic Research Sintesi 2 3 Oggetto dello studio La

Dettagli

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDICE 1 PREMESSA 5 IL PROGETTO RIMOTIVAZIONE 6 PRIMA PARTE IL CONTESTO TEORICO DI RIFERIMENTO 8 CAPITOLO PRIMO I DIVERSI MODELLI

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

Terza sessione del corso di formazione. Incontro di partenariato

Terza sessione del corso di formazione. Incontro di partenariato Newsletter n.5 Promuovere lo sviluppo sociale regionale incoraggiando il NETworking tra stakeholder pubblici e volontari al fine di incentivare l innovazione nella fornitura di servizi di assistenza socio-sanitaria

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

Teachers Matter: Attracting, Developing and Retaining Effective Teachers. Insegnamento : Attrarre, sviluppare e trattenere gli insegnanti competenti

Teachers Matter: Attracting, Developing and Retaining Effective Teachers. Insegnamento : Attrarre, sviluppare e trattenere gli insegnanti competenti Teachers Matter: Attracting, Developing and Retaining Effective Teachers Summary in Italian Insegnamento : Attrarre, sviluppare e trattenere gli competenti Riassunto in italiano L importanza della politica

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

"L autovalutazione dei bisogni espressa dai familiari assistenti, un punto di partenza per ottenere un aiuto

L autovalutazione dei bisogni espressa dai familiari assistenti, un punto di partenza per ottenere un aiuto "L autovalutazione dei bisogni espressa dai familiari assistenti, un punto di partenza per ottenere un aiuto Rapporto finale (Sintesi) Partenariato educativo Grundtvig Introduzione Tra agosto 2010 e luglio

Dettagli

Materiale elaborato, su incarico del Bologna Follow Up Group, dall apposito Bologna Working Group on Qualifications Frameworks

Materiale elaborato, su incarico del Bologna Follow Up Group, dall apposito Bologna Working Group on Qualifications Frameworks Estratto dal documento A Framework for Qualifications of the European Higher Education Area (Il Quadro dei Titoli dello Spazio Europeo dell Istruzione Superiore), disponibile sul sito www.processodibologna.it/documentieuropei

Dettagli

La formazione professionale nella SEO: Employment Guidelines.

La formazione professionale nella SEO: Employment Guidelines. La formazione professionale nella SEO: Employment Guidelines. Keywords: Training, Vocational Training, Retraining, Traineeships, Lifelong Training (Learning), Apprenticeship Training, Open Land Training,

Dettagli

Widening the future Improving guidance intervention at school

Widening the future Improving guidance intervention at school Lifelong Learning Programme 2007 2013 Comenius Multilateral Projects Widening the future Improving guidance intervention at school PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Questo progetto è promosso, nell'ambito del

Dettagli

La partecipazione insostituibile di docenti e studenti

La partecipazione insostituibile di docenti e studenti La partecipazione insostituibile di docenti e studenti Marzia Foroni Nella Dichiarazione della Sorbona del 1998, preludio di quella di Bologna e del Processo stesso, si manifesta per la prima volta il

Dettagli

Invecchiamento della popolazione e welfare attivo per tutte le età

Invecchiamento della popolazione e welfare attivo per tutte le età Invecchiamento della popolazione e welfare attivo per tutte le età Alessandro Rosina alessandro.rosina@unicatt.it RIVOLUZIONE INDUSTRIALE/ TRANSIZIONE DEMOGRAFICA I 150 anni che hanno cambiato (per sempre)

Dettagli

il Project Management come strumento di sviluppo della qualità nella formazione/istruzione professionale, in riferimento al mondo del lavoro

il Project Management come strumento di sviluppo della qualità nella formazione/istruzione professionale, in riferimento al mondo del lavoro Provincia di Pesaro e Urbino PIA2 il Project Management come strumento di sviluppo della qualità nella formazione/istruzione professionale, in riferimento al mondo del lavoro Curriculum di base Project

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

Il Working Partnership

Il Working Partnership Il Working Partnership Il Working Partnership è uno strumento/risorsa per tutti coloro che sono interessati allo sviluppo e al miglioramento del lavoro di partnership. Lo strumento deriva da un precedente

Dettagli

3. I BENCHMARK EUROPEI

3. I BENCHMARK EUROPEI Da ALLULLI G., Dalla Strategia di Lisbona a Europa 2020, Tipografia Pio XI, aprile 2015. 3. I BENCHMARK EUROPEI 1. Un ruolo strategico per gli indicatori In molti Paesi europei sta crescendo, negli ultimi

Dettagli

l imprenditoria sociale

l imprenditoria sociale L iniziativa per l imprenditoria sociale della Commissione europea Mercato interno e servizi Per la versione elettronica di questo opuscolo, consultare: http://ec.europa.eu/internal_market/publications/docs/sbi-brochure/sbi-brochure-web_it.pdf

Dettagli

Progetto ACTIVE AGE evaluating active ageing policies in Italy: an innovative methodological framework

Progetto ACTIVE AGE evaluating active ageing policies in Italy: an innovative methodological framework Progetto ACTIVE AGE evaluating active ageing policies in Italy: an innovative methodological framework SINTESI RAPPORTO LIGURIA A cura di ELISABETTA BECCARIA Salerno, 04 novembre 2009 Chi siamo Agenzia

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L UNIVERSITA, L ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE E PER LA RICERCA Direzione Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo Studio Ufficio IV Il Processo di Bologna Lo Spazio

Dettagli

Conferenza dei ministri dell istruzione superiore Londra, 17-18 maggio 2007

Conferenza dei ministri dell istruzione superiore Londra, 17-18 maggio 2007 Conferenza dei ministri dell istruzione superiore Londra, 17-18 maggio 2007 Comunicato di Londra Verso lo Spazio europeo dell istruzione superiore: rispondere alle sfide di un mondo globalizzato 1. Introduzione

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-2020: i fondi a gestione diretta per la cultura ERASMUS+

Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-2020: i fondi a gestione diretta per la cultura ERASMUS+ Al servizio di gente unica Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-2020: i fondi a gestione diretta per la cultura ERASMUS+ Erasmus+: obiettivi generali Il programma Erasmus+ contribuisce

Dettagli

Risorse Umane e Gestione dei Volontari Livello base

Risorse Umane e Gestione dei Volontari Livello base Risorse Umane e Gestione dei Volontari Livello base Modulo 1: Introduzione al volontariato Unità 1.1 Ruolo del volontariato: La base per una società più coesa Cos è il volontariato concetti di base e miti

Dettagli

Storytelling. T- Story NEWSLETTER. Giugno. Obiettivi del progetto

Storytelling. T- Story NEWSLETTER. Giugno. Obiettivi del progetto T- Story NEWSLETTER June Edition N. 1 Newsletter ufficiale del progetto europeo T-Story Storytelling applicato all educazione, sostenuto dal programma Key Activity 3 Tecnologie di Informazione e Comunicazione,

Dettagli

LETTI PER VOI: " Qualità della vita delle donne caregivers: dalla Penisola Scandinava al Mar Mediterraneo "

LETTI PER VOI:  Qualità della vita delle donne caregivers: dalla Penisola Scandinava al Mar Mediterraneo LETTI PER VOI: " Qualità della vita delle donne caregivers: dalla Penisola Scandinava al Mar Mediterraneo " a cura di Cinzia Di Novi Università Ca Foscari di Venezia, Dipartimento Economia L Europa nel

Dettagli

Le ICT nella pratica e nello sviluppo professionale dei docenti

Le ICT nella pratica e nello sviluppo professionale dei docenti Le ICT nella pratica e nello sviluppo professionale dei docenti Verso un quadro di riferimento delle degli insegnanti nelle ICT per la loro pratica Vittorio Midoro, CNR, Istituto Tecnologie Didattiche

Dettagli

Dati sulle donazioni. Report n.5. Marzo 2014

Dati sulle donazioni. Report n.5. Marzo 2014 Dati sulle donazioni Report n.5 Marzo 2014 Metodologia Committente: Ixè + Osservatorio Socialis Soggetto realizzatore: Ixè srl Metodologia: indagine quantitativa campionaria Metodo di raccolta dati: telefono

Dettagli

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA EE.LL. (PUNTO 2.2, LETTERE A. E B. DELL ALLEGATO A) FINALIZZATE AD INTERVENTI RIVOLTI AD ADOLESCENTI E GIOVANI. (L.R. 14/08 "NORME IN MATERIA

Dettagli

Risparmi, scelte consapevoli, banche, finanza etica, economia e impresa sui banchi di scuola.

Risparmi, scelte consapevoli, banche, finanza etica, economia e impresa sui banchi di scuola. REPORT 2012/2014 Risparmi, scelte consapevoli, banche, finanza etica, economia e impresa sui banchi di scuola. Sbankiamo è un progetto innovativo che porta in Italia il meglio delle esperienze internazionali

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. Pag 1 di 14

CAPITOLATO TECNICO. Pag 1 di 14 GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI MONITORAGGIO, VERIFICA E SUPPORTO TECNICO AI PROGETTI REALIZZATI DALLE SCUOLE AMMESSE AL FINANZIAMENTO NELL AMBITO DELL INIZIATIVA E-INCLUSION.

Dettagli

Obiettivi. Priorità permanenti. Priorità annuali 2011

Obiettivi. Priorità permanenti. Priorità annuali 2011 Gioventù in Azione 2007-20132013 INIZIATIVE GIOVANI Agenzia Nazionale per i Giovani Priorità ed obiettivi del programma Obiettivi Cittadinanza attiva Solidarietà e tolleranza tra i giovani Comprensione

Dettagli

ACTIVE AGEING LEARNING COMMUNITY 526384-LLP-1-2012-1-BG-GRUNDTVIG-GMP. With the support of the Lifelong Learning Programme of the European Union

ACTIVE AGEING LEARNING COMMUNITY 526384-LLP-1-2012-1-BG-GRUNDTVIG-GMP. With the support of the Lifelong Learning Programme of the European Union PROGRAMMA DI STUDIO Nuove Tecnologie di Comunicazione (ICT) per il Social Networking 2013 responsabilità sull uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute CONTENUTO 1. TARGET GROUP 3

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Adult Education. I Centri Provinciali per l Istruzione degli Adulti (CPIA)

Adult Education. I Centri Provinciali per l Istruzione degli Adulti (CPIA) Adult Education I Centri Provinciali per l Istruzione degli Adulti (CPIA) Il contesto Europeo Circa il 75% degli adulti (tra i 25 e i 64 anni) in Europa hanno completato un percorso di istruzione secondaria

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO Progetto VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità della scuola Profilo della scuola POPPI Codice meccanografico ARIC8R INDICE Introduzione La partecipazione al progetto:

Dettagli

Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374. ABSTRACT del documento. e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte

Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374. ABSTRACT del documento. e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374 ABSTRACT del documento e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte 1 Gruppo di lavoro Supervisione scientifica: Maria Pia Cavalieri Coordinamento Marco Guspini

Dettagli

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni): l Italia nello scenario internazionale I risultati dell indagine

Dettagli

Il secondo rapporto annuale ForAge

Il secondo rapporto annuale ForAge Il secondo rapporto annuale ForAge Cos'é ForAge? Il progetto é una rete multilaterale europea che ha lo scopo di comunicare le esperienze di apprendimento nella fase avanzata della vita per favorire alti

Dettagli

Scuole di formazione APC e SPC Sede: Roma, viale Castro Pretorio 116, Roma Tel. 06 44704193 Articolo pubblicato su www.apc.it e su www.scuola-spc.

Scuole di formazione APC e SPC Sede: Roma, viale Castro Pretorio 116, Roma Tel. 06 44704193 Articolo pubblicato su www.apc.it e su www.scuola-spc. Qual è il destino professionale dei diplomati in psicoterapia della scuola della Associazione di Psicologia Cognitiva e della Scuola di Psicoterapia Cognitiva srl? Francesca Baietta, Michela Carreri, Daniele

Dettagli

DECISIONE N. 1719/2006 DEL PARLAMENTO EUROPEO DEL CONSIGLIO. Gioventù Azione 2007-2013

DECISIONE N. 1719/2006 DEL PARLAMENTO EUROPEO DEL CONSIGLIO. Gioventù Azione 2007-2013 DECISIONE N. 1719/2006 DEL PARLAMENTO EUROPEO DEL CONSIGLIO Gioventù in Azione 2007-2013 GIOVENTU IN AZIONE 2007 2007-20132013 è un programma comunitario per i giovani dai 13 ai 30 anni promuove la mobilità

Dettagli

La percezione del metano nei trasporti

La percezione del metano nei trasporti La percezione del metano nei trasporti Awareness e opinioni degli automobilisti italiani RISULTATI DELL INDAGINE DEMOSCOPICA In collaborazione con Verona, 28 maggio 2014 Premesse In linea con i trend su

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: COMUNE DI CARBONE (PZ) Titolo del progetto: SEMPRE MENO SOLI 6) Descrizione del contesto territoriale

Dettagli

Un cervello, due lingue: vantaggi linguistici e cognitivi del bilinguismo infantile Antonella Sorace Università di Edimburgo

Un cervello, due lingue: vantaggi linguistici e cognitivi del bilinguismo infantile Antonella Sorace Università di Edimburgo Un cervello, due lingue: vantaggi linguistici e cognitivi del bilinguismo infantile Antonella Sorace Università di Edimburgo Il mantenimento della diversità linguistica, in Italia e nel resto dell Europa,

Dettagli

TRADING, EMOZIONI E DECISIONI Come migliorare la performance ed evitare gli errori più comuni

TRADING, EMOZIONI E DECISIONI Come migliorare la performance ed evitare gli errori più comuni TRADING, EMOZIONI E DECISIONI Come migliorare la performance ed evitare gli errori più comuni Introduzione Parte 1 Antonio Lengua IL TRADING CONSAPEVOLE CAPITOLO 1 LA NASCITA DI UNA NUOVA PROFESSIONE 1.1

Dettagli

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010 Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud Università Ca Foscari Venezia, 10 febbraio 2010 Premesse In riferimento all obiettivo di sensibilizzare ed educare allo sviluppo

Dettagli

PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA

PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA L accesso all informazione è un diritto fondamentale di ogni studente, con o senza disabilità e/o specifiche

Dettagli

APPUNTI E-SKILLS DIFFUSIONE, APPRENDIMENTO, FABBISOGNI LE NUOVE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE COME VOLANO DI SVILUPPO

APPUNTI E-SKILLS DIFFUSIONE, APPRENDIMENTO, FABBISOGNI LE NUOVE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE COME VOLANO DI SVILUPPO 16 a p r i l e. 2012 E-SKILLS DIFFUSIONE, APPRENDIMENTO, FABBISOGNI Le ICT hanno un ruolo crescente nelle imprese e il possesso di competenze digitali sarà sempre più indispensabile per avere maggiori

Dettagli

Formative Assessment: Improving Learning in Secondary Classrooms. Valutazione formativa: migliorare l apprendimento nella scuola secondaria

Formative Assessment: Improving Learning in Secondary Classrooms. Valutazione formativa: migliorare l apprendimento nella scuola secondaria Formative Assessment: Improving Learning in Secondary Classrooms Summary in Italian Valutazione formativa: migliorare l apprendimento nella scuola secondaria Riassunto La valutazione fa parte integrante

Dettagli

Lettera/Bolletino di Informazione per i genitori

Lettera/Bolletino di Informazione per i genitori ITALIAN/ITALIANO Lettera/Bolletino di Informazione per i genitori Un insieme di 18 brevi articoli su vari argomenti del SACSA, in merito all insegnamento essenziale, le aree di insegnamento, i livelli

Dettagli

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Obiettivi di apprendimento Sono sempre di più le aziende interessate ad approfondire la conoscenza degli strumenti di collaborazione per migliorare la propria

Dettagli

NONNI SU INTERNET IL PROGETTO IN BREVE

NONNI SU INTERNET IL PROGETTO IN BREVE NONNI SU INTERNET Nel 2002 la sigla del primo accordo ufficiale per promuovere l'alfabetizzazione digitale della popolazione anziana, siglato da FMD, Ministero dell'innovazione e Comune di Roma, ha dato

Dettagli

Il modello sociale europeo e il programma di riforma economica europea una contraddizione o politiche complementari?

Il modello sociale europeo e il programma di riforma economica europea una contraddizione o politiche complementari? UNION EUROPEENNE DE L ARTISANAT ET DES PETITES ET MOYENNES ENTREPRISES EUROPÄISCHE UNION DES HANDWERKS UND DER KLEIN- UND MITTELBETRIEBE EUROPEAN ASSOCIATION OF CRAFT, SMALL AND MEDIUM-SIZED ENTERPRISES

Dettagli

Sviluppare e prioritizzare le opzioni d intervento

Sviluppare e prioritizzare le opzioni d intervento Sviluppare e prioritizzare le opzioni d intervento Nicoletta Bertozzi Dipartimento di Sanità Pubblica Azienda Sanitaria di Cesena Roma, 21 febbraio 207 Quali i passi nel percorso teorico 1) identificare

Dettagli

GRUNDTVIG PARTNERSHIP 2013 2015

GRUNDTVIG PARTNERSHIP 2013 2015 GRUNDTVIG PARTNERSHIP 2013 2015 Education open the door to the future EDU-ODOF 2013-1-RO1-GRU06-29570-5 Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione Europea. L'autore è il solo responsabile

Dettagli

Premessa: VALIDATION OF NON FORMAL AND INFORMAL LEARNING: UN AGGIORNAMENTO DELLA CORNICE EUROPEA

Premessa: VALIDATION OF NON FORMAL AND INFORMAL LEARNING: UN AGGIORNAMENTO DELLA CORNICE EUROPEA Premessa: VALIDATION OF NON FORMAL AND INFORMAL LEARNING: UN AGGIORNAMENTO DELLA CORNICE EUROPEA Il tema della trasparenza e del riconoscimento delle competenze comunque e ovunque acquisite rappresenta

Dettagli

L'architettura di un blended e-learning efficace (parte 2)

L'architettura di un blended e-learning efficace (parte 2) L'architettura di un blended e-learning efficace (parte 2) Nel precedente approfondimento è stata evidenziata l'importanza di definire un'architettura per un percorso di blended e-learning (bl-el): questo

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME Obbligo di istruzione Linee guida per le agenzie formative accreditate ai sensi del DM del 29/11/2007 (MPI/MLPS) Premessa 1. Il contesto di riferimento

Dettagli

Analisi del Nuovo modello per la certificazione delle competenze. Anno scolastico 2014-15. Istituto comprensivo di Monte San Pietro - Bologna

Analisi del Nuovo modello per la certificazione delle competenze. Anno scolastico 2014-15. Istituto comprensivo di Monte San Pietro - Bologna Analisi del Nuovo modello per la certificazione delle competenze. Anno scolastico 2014-15 Istituto comprensivo di Monte San Pietro - Bologna Scuola primaria e Scuola secondaria di primo grado Maria Cassani

Dettagli

PROGETTO SHEEP FORMAZIONE INSEGNANTI: COMUNICAZIONE CON LE FAMIGLIE

PROGETTO SHEEP FORMAZIONE INSEGNANTI: COMUNICAZIONE CON LE FAMIGLIE PROGETTO SHEEP FORMAZIONE INSEGNANTI: COMUNICAZIONE CON LE FAMIGLIE Premessa La presente dispensa è stata realizzata nell ambito del progetto SHEEP finanziato dal programma europeo Energie Intelligenti

Dettagli

NONNI SU INTERNET IL PROGETTO IN BREVE

NONNI SU INTERNET IL PROGETTO IN BREVE NONNI SU INTERNET Nel 2002 la sigla del primo accordo ufficiale per promuovere l'alfabetizzazione digitale della popolazione anziana, siglato da FMD, Ministero dell'innovazione e Comune di Roma, ha dato

Dettagli

Scheda 3 «Smart City» SMART ECONOMY. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 3 «Smart City» SMART ECONOMY. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 3 «Smart City» GREEN JOBS Formazione e Orientamento Un economia intelligente è un economia composta da persone che pensano e lavorano in maniera intelligente, generando nuove idee e cercando di

Dettagli

Diversi da chi? a cura dell Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l intercultura del Miur

Diversi da chi? a cura dell Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l intercultura del Miur Diversi da chi? a cura dell Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l intercultura del Miur 1. Nella scuola: esercizi di mondo Una buona scuola è una scuola buona per tutti

Dettagli

Presentiamo dunque un lavoro progettato per chi crede in una scuola per tutti, per chi si pone domande e per chi cerca risposte.

Presentiamo dunque un lavoro progettato per chi crede in una scuola per tutti, per chi si pone domande e per chi cerca risposte. Introduzione Il manuale La scuola inclusiva nell Italia che cambia. si propone di accompagnare e sostenere l insegnante in ogni fase dell inserimento scolastico di un allievo non madrelingua nella scuola

Dettagli

Politiche educative e iniziative di elearning in Europa

Politiche educative e iniziative di elearning in Europa 1 Politiche educative e iniziative di elearning in Europa Handimatica, 30 novembre 2006 2 Società della Informazione in Europa 1999 eeurope- An Information Society for all 2000 eeurope Action Plan 2002

Dettagli

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079)

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) AUDIZIONE DELLA SVIMEZ c/o Camera dei Deputati Commissione VIª: Finanze INDICE DELL

Dettagli

SERVIZIO VOLONTARIO EUROPEO

SERVIZIO VOLONTARIO EUROPEO SERVIZIO VOLONTARIO EUROPEO CHE COS È È un programma di mobilità che permette ai giovani di impegnarsi nel volontariato in un paese diverso da quello di residenza per un periodo non superiore ai 12 mesi.

Dettagli

Progetto Q4ECEC. 'Awareness-raising on Quality and Institutional Commitment in Early Childhood Education and Teaching

Progetto Q4ECEC. 'Awareness-raising on Quality and Institutional Commitment in Early Childhood Education and Teaching Progetto Q4ECEC 'Awareness-raising on Quality and Institutional Commitment in Early Childhood Education and Teaching Reference: 550472-LLP-1-2013-1-IT-KA1-KA1ECETA Progetto Q4ECEC 'Awareness-raising on

Dettagli

STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA

STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA Quali sono gli obiettivi dell Unione nel realizzare i programmi per la mobilità? Questi programmi rientrano all interno della politica di istruzione, formazione

Dettagli