LE NOVITA DEI PROVVEDIMENTI D ESTATE, LO SPESOMETRO E LA COMUNICAZIONE BENI E FINANZIAMENTI DEI SOCI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE NOVITA DEI PROVVEDIMENTI D ESTATE, LO SPESOMETRO E LA COMUNICAZIONE BENI E FINANZIAMENTI DEI SOCI"

Transcript

1 ATTRACTIVETOUR _ 2013 ERP Gestionale Integrazione Solidità Adattabilità Business Intelligence Affidabilità Cloud APP CRM Evoluzione Semplicità Efficienza Flessibilità Competitività In collaborazione con LE NOVITA DEI PROVVEDIMENTI D ESTATE, LO SPESOMETRO E LA COMUNICAZIONE BENI E FINANZIAMENTI DEI SOCI Via del Carroccio 8/ Castelleone (CR) Tel. e Fax Referente Giorgio Pasini

2 GRUPPO EUROCONFERENCE S.P.A. Via E. Fermi, Verona Tel. 045/ Fax 045/ Sito internet: Tutti i diritti sono riservati È vietata la riproduzione anche parziale e con qualsiasi mezzo. Editing e impaginazione: Erica Cestaro Lara Sousa Oliveira Chiara Alberini Gli autori, pur garantendo la massima affidabilità dell opera, declinano ogni responsabilità per eventuali errori e/o inesattezze relative all elaborazione dei presenti contenuti. Chiuso per la stampa il 19/11/2013 2

3 INDICE Schemi operativi di sintesi 6 Novità ed adempimenti 2013 a cura di Fabio Garrini

4

5 Schemi operativi di sintesi

6 Novità ed adempimenti 2013 a cura di Fabio Garrini DL 138/11 La comunicazione dei Beni e dei Finanziamenti Art. 2 c. da 36-quinquies a 36- duodecies Società di comodo in perdita sistemica Discipline autonome Art. 2 c. da 36-terdecies a 36- duodevicies Beni ai soci e finanziamenti 6

7 Novità ed adempimenti 2013 Beni ai soci 3 previsioni Reddito diverso in capo all utilizzatore COMUNICAZIONE dei beni concessi in godimento + COMUNICAZIONE dei finanziamenti INDEDUCIBILITÀ dei costi in capo al concedente DUE COMUNICAZIONI CON UNICO MODELLO MEDESIMA NORMA DI INNESCO DL BENI AI SOCI FINANZIAMENTI PROVV PROVV MEDESIMO MODELLO Per controllare la fiscalità dell operazione Per consentire applicazione del redditometro 7

8 COMUNICAZIONE BENI: UNA SINTESI Soggetti che esercitano attività di impresa, sia in forma individuale che collettiva (residenti) imprenditore individuale; società di persone (società in nome collettivo e società in accomandita semplice); società di capitali (società per azioni, società a responsabilità limitata, società in accomandita per azioni); società cooperative; stabili organizzazioni di società non residenti; enti privati di tipo associativo limitatamente ai beni relativi alla sfera commerciale. ESCLUSE LE SOCIETA SEMPLICI POSSONO AVERE UN OBBLIGO DI COMUNICAZIONE qualora sussista una differenza tra il corrispettivo annuo relativo al godimento del bene ed il valore di mercato del diritto di godimento. L obbligo può essere assolto, in via alternativa: - dall'impresa concedente, - dal socio, - dal familiare dell'imprenditore. SOCI residenti e non GLI UTILIZZATORI: APPROFONDIMENTO 1. Che partecipano DIRETTAMENTE società ed enti privati di tipo associativo residenti, che svolgono attività commerciale, da cui ricevono i beni 2. Che partecipano INDIRETTAMENTE soggetti da cui ricevono i beni (società controllate o collegate ai sensi dell articolo 2359 del codice civile a quella partecipata) 3. Fiduciaria: si indica il fiduciante (CM 25/E/2012) 4. Trust: si indica il beneficiario (CM 25/E/2012) FAMILIARI residenti e non il coniuge, i parenti entro il terzo grado e gli affini entro il secondo grado: 1.dell imprenditore individuale 2.dei soci Ma solo se producono redditi diversi 8

9 Novità ed adempimenti 2013 DECORRENZA ED OGGETTO DECORRENZA OGGETTO L OBBLIGO DECORRE DAL 2012 L obbligo sussiste anche se il bene è stato concesso in godimento in periodi precedenti, qualora ne permanga l utilizzo nell anno di riferimento della comunicazione. Vanno indicati i dati: dei soci - comprese le persone fisiche che direttamente o indirettamente detengono partecipazioni nell'impresa concedente dei familiari dell'imprenditore che hanno ricevuto in godimento beni dell'impresa La comunicazione deve essere effettuata per ogni bene concesso in godimento nel periodo d'imposta. IL DETTAGLIO DEGLI ELEMENTI DA INDICARE DATI ANAGRAFICI per le persone fisiche: codice fiscale, dati anagrafici e stato estero per i non residenti nel territorio dello Stato; per i soggetti diversi dalle persone fisiche: codice fiscale, denominazione e comune del domicilio fiscale o lo stato estero di residenza; ALTRE INFORMAZIONI informazioni circa l utilizzo del bene; data della concessione (data di inizio e fine); corrispettivo versato; valore di mercato del bene. 9

10 LE ESCLUSIONI OGGETTIVE 1. i beni concessi in godimento agli amministratori; 2. i beni concessi in godimento al socio dipendente o lavoratore autonomo, qualora detti beni costituiscano fringe benefit assoggettati alla disciplina prevista dagli articoli 51 e 54 del citato Testo unico delle imposte sui redditi; 3. i beni concessi in godimento all imprenditore individuale; 4. i beni di società e di enti privati di tipo associativo che svolgono attività commerciale, residenti o non residenti, concessi in godimento a enti non commerciali soci che utilizzano gli stessi beni per fini esclusivamente istituzionali; 5. gli alloggi delle società cooperative edilizie di abitazione a proprietà indivisa concessi ai propri soci; 6. i beni ad uso pubblico per i quali è prevista l integrale deducibilità dei relativi costi nonostante l utilizzo privatistico riconosciuto per legge; 7. i finanziamenti concessi ai soci o ai familiari dell'imprenditore. LE ESCLUSIONI PER BENI RESIDUALI MODICI L'obbligo della comunicazione non sussiste quando i beni concessi in godimento al socio o familiare dell'imprenditore, inclusi nella categoria altro del tracciato record contenuto nell allegato tecnico al presente provvedimento, siano di valore non superiore a tremila euro, al netto dell imposta sul valore aggiunto. Valore del bene e non del diritto 10

11 Novità ed adempimenti 2013 I TERMINI PER L INVIO PER ANNO 2012 Per i beni in godimento nel 2012, anno di prima applicazione delle disposizioni, la comunicazione deve essere effettuata entro il 12 dicembre A REGIME La comunicazione deve essere effettuata entro il 30 aprile dell'anno successivo a quello di chiusura dell anno in cui i beni sono concessi o permangono in godimento. IL TIPO DI COMUNICAZIONE Le tre caselle sono alternative deve contenere il protocollo telematico della comunicazione da sostituire o annullare, desumibile dalla ricevuta telematica 11

12 QUANDO COMUNICA L UTILIZZATORE 1 A B C D SE COMUNICA L UTILIZZATORE, IL TIPO SOGGETTO E Soci, residenti e non residenti nel territorio dello Stato, di società e di enti privati di tipo associativo residenti che svolgono attività commerciale Familiari, residenti e non residenti nel territorio dello Stato, dell imprenditore individuale residente nel territorio dello Stato. Soggetto residente e non residente che nella sfera privata utilizza beni della sua impresa commerciale residente nel territorio dello Stato (IPOTESI ESCLUSA DAL PROVVEDIMENTO!). Familiari, residenti o non residenti nel territorio dello Stato, dei soggetti di cui alla lettera A). QUANDO COMUNICA IL CONCEDENTE 2 E F G H I L SE COMUNICA IL CONCEDENTE, IL TIPO SOGGETTO È: Imprenditore individuale Società di persone Società di capitali Società cooperative Stabili organizzazioni di soggetti non residenti Enti di tipo privato associativo (solo beni sfera commerciale) 12

13 Novità ed adempimenti 2013 DATI DEL SOGGETTO CHE CONCEDE O UTILIZZA Campo obbligatorio. Non può essere uguale a quello riportato nel campo 2 del record "B". Uguale a quelli visti prima Significa che la comunicazione è fatta dall utilizzatore Significa che la comunicazione è fatta dal concedente IL TIPO DI UTILIZZO DEL BENE Le tre caselle sono alternative ed è obbligatorio impostare una casella. 13

14 INDICAZIONI DEL TIPO DI SEGNALAZIONE Caselle obbligatorie Solo per i beni Solo per finanziamenti / capitalizzazioni Caselle alternative: è obbligatorio impostarne una LE CARATTERISTICHE DEI BENI IN GODIMENTO Caselle alternative IL DPR 198/2012 PREVEDE INDICAZIONE SUL LIBRETTO DEL VEICOLO DELL UTILIZZATORE PER OLTRE 30 GIORNI, TRANNE NEL CASO DI FAMILIARI CONVIVENTI (sanzione da 653 a euro) 14

15 Novità ed adempimenti 2013 CONFRONTO TRA CORRISPETTIVO E VALORE INEVITABILE RACCORDO CON RIGO RL10 DEL MODELLO UNICO DEL SOCIO Le specifiche tecniche prevedono la barratura di una casella per confermare importi rilevanti; la casella non si ritrova sul modello FINANZIAMENTI E CAPITALIZZAZIONI I soggetti che esercitano attività di impresa, sia in forma individuale che collettiva comunicano all anagrafe tributaria i dati delle persone fisiche soci o familiari dell imprenditore che hanno concesso all impresa, nell anno di riferimento, finanziamenti o capitalizzazioni per un importo complessivo, per ciascuna tipologia di apporto, pari o superiore a tremilaseicento euro. FINANZIAMENTI CAPITALIZZAZIONI Al fine di semplificare l adempimento, si stabilisce che l obbligo di comunicazione dei finanziamenti e capitalizzazioni sussiste qualora nell anno di riferimento l ammontare complessivo dei versamenti sia pari o superiore a tremilaseicento euro. Detto limite è riferito, distintamente, ai finanziamenti annui ed alle capitalizzazioni annue. 15

16 ESCLUSIONI E INFORMAZIONI ESCLUSIONI OGGETTIVE i dati relativi agli apporti, già in possesso dell Amministrazione finanziaria (ad es., finanziamento effettuato per atto pubblico o scrittura privata autenticata) DATI DA INDICARE Nella comunicazione devono essere indicati i seguenti elementi: a)codice fiscale, dati anagrafici e per i non residenti lo stato estero; b)ammontare dei finanziamenti e delle capitalizzazioni. TERMINI DI PRESENTAZIONE PER ANNO 2012 A REGIME L obbligo di comunicazione è riferito ai finanziamenti ed alle capitalizzazioni effettuate a decorrere dall anno Per i finanziamenti e le capitalizzazioni ricevuti nell anno 2012, la comunicazione deve essere effettuata entro il 12 dicembre La comunicazione deve essere effettuata entro il 30 aprile dell'anno successivo a quello di chiusura del periodo d'imposta in cui sono stati ricevuti i finanziamenti o le capitalizzazioni. 16

17 Novità ed adempimenti 2013 SOGGETTI OBBLIGATI La società o l impresa individuale, ma in ogni caso solo chi esercita attività d impresa (non è prevista la comunicazione alternativa del finanziatore) Tuttavia il modello nella sua struttura è identico a quello dei beni concessi in godimento ai soci o familiari. Quindi va compilata con attenzione la casella «qualifica» MA QUALI FINANZIAMENTI E CAPITALIZZAZIONI? CIRCOLARE 25/E/2012 E PROVVEDIMENTO 2 AGOSTO Tutti, anche se non funzionali all acquisto dei beni concessi in godimento 2. Ma solo se erogati da soci persone fisiche (o familiari imprenditore) 3. Solo se erogati dal 2012 in poi 4. Solo se superiori a 3.600, distintamente per tipologia (finanziamenti distinti da capitalizzazioni) e, sembrerebbe, per singolo anno (vedi motivazioni del provvedimento) 17

18 COME CONSIDERARE IL LIMITE? TESI 1: La soglia è riferita alla società TESI 2: La soglia è riferita al socio Socio A versa euro Socio B versa euro Totale finanziamenti: euro Sì comunicazione Socio A versa euro Socio B versa euro Ogni socio è sotto soglia NO comunicazione Sembra preferibile la tesi 1) perché giustifica il fatto che la comunicazione debba essere resa SOLO dalla società, in modo che questa possa verificare il superamento della soglia. Se il limite fosse riferito al socio, come può la società conoscere l esistenza di finanziamenti fatti a beneficio di altre società partecipate dal singolo? COME CONSIDERARE IL LIMITE? Rossi e Verdi soci della SRL Alfa, hanno eseguito nel 2012 finanziamenti per ciascuno, che sono diventati capitalizzazioni per rinuncia. Nessun obbligo di comunicazione Rossi e Verdi hanno eseguito nel 2012 un finanziamento di ciascuno, e nel 2013 un altro finanziamento per ciascuno. Totale finanziamenti al Nessun obbligo di comunicazione Rossi e Verdi eseguono un finanziamento nel 2012 per ciascuno Obbligo di comunicazione perché il limite è superato sulla società (situazione dubbia) 18

19 Novità ed adempimenti 2013 SINGOLI MOVIMENTI E RESTITUZIONI 1 Sembra necessaria la comunicazione autonoma per ogni finanziamento o capitalizzazione, visto che viene richiesta la data 2 Non viene mai citato il requisito della esistenza a fine anno del finanziamento, quindi la erogazione andrebbe segnalata anche se restituita prima della fine d anno. IL DATO SERVE PER IL REDDITOMETRO FINANZIAMENTI: UN ESEMPIO (1) Il socio Rossi ha eseguito un finanziamento per il /04/12 X

20 FINANZIAMENTI: UN ESEMPIO (2) Lo stesso socio, il , ha rinunziato al finanziamento che é divenuto apporto in conto capitale. 30/09/12 X La compilazione prudenziale proposta, rischia di esporre il contribuente ad una ricostruzione redditometrica errata. Infatti non vi è stata alcuna movimentazione finanziaria SANZIONI: OMISSIONI O INCOMPLETEZZE BENI AI SOCI 1. è dovuta, in solido, una sanzione pari al 30% della differenza tra valore di mercato e corrispettivo, se il socio non dichiara 2. è dovuta, in solido, una sanzione da 258 a 2.065, ove i costi non siano stati dedotti ed il socio abbia dichiarato il reddito FINANZIAMENTI Esistono tre diverse tesi: 1.nessuna sanzione; 2.sanzione «residuale» D. Lgs. 471/97 da 258 a euro; 3.sanzione art. 13 DPR 605/1973: - OMESSA: da 206 a INCOMPLETA: da 103 a

21 Novità ed adempimenti 2013 Il «nuovo» spesometro: le questioni chiave La comunicazioni «assorbite» Le novità Comunicazione delle operazioni IVA Operazioni di leasing/noleggio Operazioni black list Acquisti da San Marino Operazioni settore turistico Attenzione: ciascuna mantiene la propria periodicità! periodicità A A M / T * dal M dal A IN DATA 10 OTTOBRE PREVISIONE DI UN PERIODO TRANSITORIO PER SAN MARINO E BLACK LIST (vecchi modelli sino 31.12) MODELLO AGGIORNATO E ISTRUZIONI PER COMPILAZIONE 21

22 La composizione del modello Quadro FA Quadro SA Quadro NE Quadro NR Quadro DF Quadro FN Quadro SE Quadro TU Quadro FE Quadro FR Quadro BL cessioni di beni e prestazioni di servizi rese e ricevute da altri soggetti passivi i cui corrispettivi siano di importo pari o superiore a una determinata soglia rilevanti ai fini IVA Le operazioni interessate Sono rilevanti: operazioni imponibili operazioni non imponibili (art. 8 escl. a e b, 8-bis, 38-quater, 71 e 72 e 9) triangolari comunitarie art. 58 DL 331/93 operazioni esenti art. 10 Verifica dei presupposti: presupposto soggettivo presupposto oggettivo presupposto territoriale (irrilevante fatturazione) 22

23 Novità ed adempimenti 2013 Le operazioni da includere art. 2, comma 6, D.L. 16/ Soppressione del limite di euro 2. Per le operazioni per le quali è previsto l'obbligo di emissione della fattura l'obbligo di comunicazione è assolto con la trasmissione, per ciascun cliente e fornitore, dell'importo di tutte le operazioni attive e passive effettuate. Analitica / aggregata 3. Per le operazioni per le quali non è previsto l'obbligo di emissione della fattura permane il limite di euro (IVA compresa) Provv la distinzione è tra operazioni fatturate/non fatturate SEMPLIFICAZIONE TRANSITORIA Per motivi di semplificazione, in sede di prima applicazione delle nuove disposizioni, i soggetti di cui agli articoli 22 (commercianti al minuto e assimilati) e 74-ter (agenzie di viaggio) del D.P.R. n. 633/1972, possono comunicare SOLO le operazioni attive per le quali viene emessa fattura, relativamente agli anni 2012 e 2013, di importo unitario pari o superiore a euro tremilaseicento al lordo dell'imposta sul valore aggiunto. ATTENZIONE: 1.non tutti i clienti sono menzionati dall articolo 22 2.dal 2014, inoltre, si torna a regime 23

24 CM 24/E/10 Note di variazione: per effetto della nota di variazione viene superato il limite COM per effetto della nota di variazione si scende sotto il limite NO COM comunicazione al netto della nota di variazione (se sopra limite) n.d.v. oltre termine invio rileva nell anno di emissione Vanno separatamente evidenziate dalla fatture Nella compilazione aggregata sono sommate alle fatture Soggettive LE ESCLUSIONI Oggettive Contribuenti Minimi A condizione che non superino, nell anno, il tetto dei ricavi di oltre il 50% Enti pubblici per la sfera istituzionale Importazioni / esportazioni Operazioni intracomunitarie Operazioni già comunicate all Anagrafe Tributaria Operazioni rese a privati e regolate tramite carte (se > 3.600) In separate sezioni del modello Black list e San Marino 24

25 Novità ed adempimenti 2013 Le novità AGGREGAZIONE NON SEMPRE POSSIBILE Obbligo di comunicazione analitica Solo per queste operazioni, oppure per tutte le operazioni comunicate contestualmente a queste??? 25

26 In passato LE COMUNICAZIONI CORRETTIVE E possibile trasmettere una comunicazione in sostituzione di un altra precedentemente inviata, purché si riferisca al medesimo periodo temporale e la sostituzione avvenga, previo annullamento della precedente comunicazione, non oltre 30 giorni dalla scadenza del termine previsto per la trasmissione dei dati. SANZIONI per comunicazioni omesse, incomplete o con dati non veritieri (attenzione a verifiche incrociate ) Oggi clemenza?!? IVA IMMOBILIARE CM 22/E/2013 CM 22/E/13 Locazione fabbricati abitativi Regime ordinario Regime opzionale Costruttori Alloggi sociali opzione Regime Iva Situazione a regime: in contratto Registro Esenzione 2% IVA (10%) 67 Disciplina transitoria: registrazione di accordo integrativo o modello telematico 26

27 Novità ed adempimenti 2013 CM 22/E/13 Locazione fabbricati strumentali Regime Iva Registro Regime ordinario Regime opzionale Esenzione 1% IVA (22%) 1% Per tutti, indipendentemente dal locatario Situazione a regime: in contratto opzione Disc. transit: IVA obbligo Iva opzione: nessuna opzione Disc. transit: IVA obbligo esenzione: contratto integrativo Provv del In alternativa al contratto integrativo registrato Utilizzabile per Locazioni IVA da parte del costruttore Locazioni IVA per alloggi sociali Subenti con opzione IVA (alloggi sociali) anche per gli strumentali??? 27

28 CM 22/E/13 Cessione fabbricati abitativi Costruttori entro 5 anni IVA Oltre 5 anni IVA IVA (obbligo) IVA (opzione) Registro Altri soggetti Esenzione % Alloggi sociali IVA (opzione) 168 CM 22/E/13 Cessione fabbricati strumentali Costruttori entro 5 anni IVA Oltre 5 anni Altri soggetti situazione di default opzione per tutti IVA IVA (obbligo) IVA (opzione) IVA Esenzione IVA Registro Registro

29 Novità ed adempimenti 2013 Cessioni: dove esercitare l opzione IVA? preliminare Rogito (senza prelim.) Preliminare Senza opzione Vincolante per il rogito (contra 102/T/12) Acconti in IVA IVA solo saldo Registro su acconti (contra 102/T/12) IVA solo saldo, se opto Conguaglio registro su acconti Il caso chiarito immobile abitativo costruito: Acconti entro 5 anni Rogito dopo 5 anni Acconti in IVA Salvo esente / IVA (r.c.) CM 22/E/13 inversione contabile DL 83/12 IVA per obbligo IVA per opzione Attenzione a: rivalsa Momento di effettuazione (acconti) Fabbricato non ultimato Reverse charge 29

30 Separazione ammessa CM 22/E/13 separazione delle attività per attività diverse nell ambito dell attività di locazione nell ambito dell attività di cessione (DL 1/12) Il chiarimento: separazione per «sub-settori» «I sub-settori di attività ulteriormente separabili nell ambito di ciascun settore sono costituiti, rispettivamente, dalle locazioni di fabbricati abitativi esenti e locazioni di altri fabbricati o immobili e dalle cessioni di fabbricati abitativi esenti e cessioni di altri fabbricati o immobili.» Decreto del Fare DL 69/2013 LE NOVITA DELLA RISCOSSIONE FINALITA DELLA NORMA 1 PRESERVARE I PIANI DI RATEAZIONE (nel 2012 si è recuperato il 2%) 2 TUTELARE MAGGIORMENTE IL BENE << PRIMA CASA >> 3 RENDERE POSSIBILI VENDITE DEI BENI CON MAGGIOR INTROITI 30

31 Novità ed adempimenti 2013 I PIANI DI RATEAZIONE (convivono 2 forme) RATEAZIONE ORDINARIA SUPER RATEAZIONE Temporanea situazione di obiettiva difficoltà 72 rate + 72 rate Comprovata e grave situazione di difficoltà 120 rate rate LA SUPER RATEAZIONE 1 PARTE CON DECRETO ATTUATIVO DEL MEF entro 30 giorni 2 La comprovata e grave situazione di difficoltà si ha se: 1.Accertata la impossibilità di adempiere alla rateazione ordinaria 2.Verificabile la sostenibilità del rientro con tempistica maggiore 3 Richiede due ulteriori requisiti: 1.Deve essere legata alla congiuntura economica 2.La difficoltà deve derivare da ragioni estranee alla responsabilità del debitore 31

32 LA DECADENZA DA RATEAZIONE VECCHIA NUOVA Mancato pagamento di due rate consecutive Mancato pagamento, nel corso del periodo di rateazione, di otto rate, anche non consecutive Equitalia sembra applicare anche alle rateazioni in corso, ed anche se già decadute ESPROPRIAZIONE IMMOBILIARE L agente della riscossione non dà corso all espropriazione: 1. se l unico immobile di proprietà del debitore, con esclusione delle abitazioni di lusso e dei fabbricati classificati nelle categorie catastali A/8 e A/9, è adibito ad uso abitativo e lo stesso vi risiede anagraficamente; 2. per uno specifico paniere di beni definiti "beni essenziali" e individuato con decreto del Ministero dell'economia e delle finanze d'intesa con l'agenzia delle entrate e con l'istituto nazionale di statistica; 3. se l'importo complessivo del credito per cui procede non supera centoventimila euro. Rimane fermo il fatto che il concessionario non procede all'espropriazione immobiliare se il valore del bene, determinato con le regole della riscossione, è inferiore all'importo indicato nel comma 1. 32

33 Novità ed adempimenti 2013 ESPROPRIAZIONE IMMOBILIARE IMMOBILE ADIBITO AD USO ABITATIVO Occorre riferirsi alla classificazione catastale del bene e non alla destinazione d uso di fatto. Restano esclusi dal divieto tutti gli immobili con categoria non abitativa PRESENZA DI PERTINENZE In presenza di pertinenze accatastate autonomamente, come box o cantina (C/6), non viene meno la condizione dell unicità dell unità immobiliare adibita a residenza, né la destinazione d uso catastale abitativa. PROCEDURE IN CORSO Nell attesa di chiarimenti, Equitalia ha sospeso le procedure relative a pignoramenti già eseguiti, per i quali non sia stata ancora effettuata la vendita all incanto. Le «altre novità» normative dell estate Responsabilità solidale Contratti di appalto Committente Appaltatore / subappaltatore Sanzione Responsabilità solidale Ambiti di applicazione Ritenute dipendenti IVA Decorrenza? 33

34 IMU DL 102/13 IMU DL 54/13 immobiliari Enti non commerciali Soppressa la scadenza 16.9 Dalla II rata 2013 esonero per fabbricati invenduti Esentati immobili per la ricerca scientifica Assimilazioni abitazioni princ. - Coop a proprietà indivisa - Forze Armate e Polizia DL 102/13 IMU e immobiliari Verificare immobile Verificare origine Sono esenti «i fabbricati costruiti e destinati dall'impresa costruttrice alla vendita, fintanto che permanga tale destinazione e non siano in ogni caso locati» Verificare possessore Effetto seconda rata 2013 a regime dal 2014 Verificare utilizzo 34

35 Novità ed adempimenti 2013 DL 102/13 cedolare La misura della cedolare per i contratti convenzionati viene ridotta dal 19% al 15% Valutazioni di convenienza Tassazione ordinaria IRPEF + addizionali Imposta di registro + bollo Diritto ad adeguamenti canone Deduzione forfettaria 5% Deduzione agg. (30% conc.) vs Tassazione cedolare Tassa piatta al 21% / 15% NO Imposta di registro + bollo NO adeguamenti canone NO Deduzione forfettaria 15% NO Deduzione agg. (30% conc.) DL 102/13 detrazione primi assicurativi Nella detrazione dei premi assicurativi è rimasta invariata la misura della detrazione per i premi assicurativi (19%) ma si è ridotto massimale di rilevanza: Fino al 2012: Per il 2013: 630 Dal 2014: Conv. DL 102/13 conv. DL 102/13 tetto 1.291,14 assicurazioni rischio non autosufficienza 35

36 Acconti Incremento IVA: slittamento decorrenza (e poi?) IRPEF IRES Dal 99% al 100% (a regime) Dal 100% al 101% (solo per il 2013) Dal IVA al 22% Monitoraggio valutario Quadro RW Sez I trasferimenti «particolari» Sez II monitoraggio investimenti al Sez III monitoraggio flussi Decorrenza già da UNICO 2013? Sanzioni Range 10% - 50% 3% - 15% (favor rei) 36

37 Novità ed adempimenti senza sostituto d imposta 730/2013 Solo liquidazioni a credito 730/2014 Anche liquidazioni a debito PAGAMENTI E COMPENSAZIONI: LE NOVITA DELLE CIRCOLARI 21/E/13 E 27/E/13 IL CASO 1 Società nel corso del 2010 matura credito IVA di , ma non presenta dichiarazione IVA. 2 Presenta regolarmente dichiarazione per anno successivo, riportando credito IVA 2010 di , nel frattempo utilizzato in compensazione 3 Ufficio in fase di liquidazione dichiarazione IVA relativa al 2011 riscontra irregolarità in quanto non risulta credito IVA 2010 ed emette avviso bonario, richiedendo importo credito, interessi e sanzione 30% 37

38 RISOLUZIONE 74/E/2007 l eccedenza del credito IVA maturata in un anno in cui la dichiarazione annuale risulta omessa potrà essere computata in detrazione, al più tardi, con la dichiarazione relativa al secondo anno successivo a quello in cui il diritto alla detrazione è sorto. Il contribuente avrà, comunque, sempre la possibilità di richiedere la restituzione del credito IVA attraverso la procedura di rimborso di cui all art. 21 del D.Lgs. 546/92, entro i termini ivi previsti CIRCOLARE 34/E/ NON SI PUO RIPORTARE CREDITO IVA SE E OMESSA DICHIARAZIONE ANNO IN CUI E SORTO EMISSIONE AVVISO BONARIO PER RECUPERO CREDITO: RESTITUZIONE IMPORTO CREDITO E SUCCESSIVA RICHIESTA DI RIMBORSO ENTRO 24 MESI 3 SOLO CON MEDIAZIONE O CONCILIAZIONE GIUDIZIALE POSSIBILE COMPENSAZIONE (MA SONO DOVUTI SANZIONI E INTERESSI) 38

39 Novità ed adempimenti 2013 CIRCOLARE 21/E/ AMMESSA COMPENSAZIONE CON CREDITO INDEBITAMENTE RIPORTATO 2 DOPO COMPENSAZIONE, UFFICIO EMETTE UN SECONDO AVVISO BONARIO, COMPRENSIVO DI INTERESSI E SANZIONI 3 DETERMINAZIONE SANZIONE SULLA PARTE DI CREDITO EFFETTIVAMENTE UTILIZZATA E RIDUZIONE A 1/3 CON PAGAMENTO ENTRO 30 GIORNI CIRCOLARE 27/E/ MAGGIORAZIONE 0,40% NON E PRESUPPOSTO PER VERSAMENTO LUNGO IMPOSTE 2 SANZIONE SOLO SU DIFFERENZA TRA QUANTO DOVUTO E QUANTO VERSATO CORRETTAMENTE 3 POSSIBILE RAVVEDIMENTO OPEROSO PER VERSAMENTI CARENTI; F24 DEVE CONTENERE CODICE TRIBUTO SANZIONI 39

40 CIRCOLARE 27/E/ VALIDITA RAVVEDIMENTO FRAZIONATO 5 INVITO UFFICI ABBANDONO CONTENZIOSO (MA PER SANZIONI IRROGATE CON PROVVEDIMENTO DEFINITIVO NON AMMESSA RIPETIZIONE) 6 ESTENSIONE MEDESIMI PRINCIPI AD ACQUIESCENZA ED ACCERTAMENTO CON ADESIONE 7 PER ACCERTAMENTO CON ADESIONE CONFERMATI PRINCIPI C.M. 65/E/2001 SU ERRORI LIEVE ENTITA LA GESTIONE DEI CONTRATTI DI LEASING CM 17/E/2013 IL CANONE DEDUCIBILE Una società acquista macchine elettroniche di ufficio. Coefficiente di ammortamento pari al 20%, periodo di ammortamento pari a 60 mesi. Durata minima fiscale pari a 40 mesi (2/3 di 60). Durata effettiva del contratto di leasing 24 mesi. Quota canone civilistico di competenza all anno. Costo concedente Costo complessivo al lordo di interessi passivi , quindi interessi passivi I metodo ( Assonime) quota capitale deducibile: /40 mesi x 12 mesi = quota interessi deducibile: annui. Totale canone deducibile = II metodo (Assilea e Agenzia Entrate) totale costo contratto /40 x 12 =

41 Novità ed adempimenti 2013 CALCOLO INTERESSI SECONDO D.M (applicabile per i soggetti non IAS circ. 19/09) PROCEDIMENTO Si sottrae dal canone di competenza il valore che si ottiene assumendo il costo concedente diviso per i giorni del contratto e moltiplicato per i giorni di utilizzo nel periodo d imposta Ma se si sottrae il costo concedente rapportato a giorni al canone civilistico si ottiene un valore irragionevole di interessi passivi!!!! Riprendendo l esempio di prima: Quota canone imputata a conto economico = costo concedente rapportato a giorni ( / 40 x 12) = 6000 che sarebbe la quota interessi di un esercizio Mentre il dato é ragionevole se l importo del costo concedente é sottratto non dal canone imputato a conto economico ma da quello che risulta fiscalmente deducibile: quindi = ) Riscatto OPZIONI AL TERMINE DEL CONTRATTO 2) Cessione contratto Valore riscatto viene ammortizzato La quota non dedotta vigendo il contratto viene dedotta tramite variazioni diminutive nel limite della quota annua del canone La quota non dedotta vigendo il contratto viene dedotta in unica soluzione nel periodo d imposta di cessione del contratto ATTENZIONE: rimane vincolo art. 96 per soggetti IRES 41

42 LEASING IMMOBILIARI E QUOTA TERRENO La quota capitale determinata considerando la durata fiscale del contratto é anche il montante per determinare la quota terreno indeducibile Esempio: Valore immobile , interessi , riscatto Durata contrattuale 15 anni. Quota imputata a conto economico di cui capitale e interessi Quota fiscale deducibile /18 = di cui capitale e interessi Il 20% (o 30%) si calcola su e non su RIFLESSI IRAP Soggetti art. 5 (IRAP in base al bilancio) canone imputato a conto economico é deducibile salvo quota interessi che, però, ai fini Irap, sono desunti dalla durata civilistica del contratto Una società acquista macchine elettroniche di ufficio. Coefficiente di ammortamento pari al 20% e, quindi, periodo di ammortamento pari a 60 mesi. Periodo di durata minima fiscale pari a 40 mesi (2/3 di 60). Durata effettiva del contratto di leasing 24 mesi. Quota canone civilistico di competenza all anno. Costo concedente Costo complessivo lordo di interessi , quindi interessi passivi (20.000/24 x 12) =

43 Novità ed adempimenti 2013 DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI CM 26/E/2013 ELEMENTI CERTI E PRECISI E SVALUTAZIONI irreperibilità del debitore provata con le previste procedure penalistiche e civilistiche POSSIBILE QUANDO dichiarazioni di parte (avvocati o società di recupero crediti) che attestino l inutilità dell azione di riscossione antieconomicità del recupero in presenza di crediti di modesta entità (confronto tra costo per recupero e ammontare del credito) ATTI REALIZZATIVI Cessione pro soluto dottrina e parte minoritaria giurisprudenza: minusvalenze giurisprudenza maggioritaria: perdite su crediti, art. 101 con obbligo di dimostrazione di inesigibilità del credito 1) circ. 26 ritiene che se il credito é ceduto a banche o intermediari finanziari la minusvalenza contabile é deducibile (e altri cessionari?) 2) cessione crediti modesto importo > vedi svalutazione Transazione 1) se riguarda il merito si generano minori ricavi o sopravvenienze passive 2) se riguarda le difficoltà finanziarie del debitore occorrono elementi certi e precisi 43

Comunicazione dei beni in godimento a soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa

Comunicazione dei beni in godimento a soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa 18.2015 Ottobre Comunicazione dei beni in godimento a soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa Sommario 1. PREMESSA... 2 2. SOGGETTI OBBLIGATI AD EFFETTUARE LA COMUNICAZIONE...

Dettagli

CIRCOLARE n. 10 del 01/04/2014 COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI E DELLE CAPITALIZZAZIONI

CIRCOLARE n. 10 del 01/04/2014 COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI E DELLE CAPITALIZZAZIONI CIRCOLARE n. 10 del 01/04/2014 COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI E DELLE CAPITALIZZAZIONI INDICE 1. PREMESSA 2. COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI 2.1 Soggetti obbligati 2.2 Oggetto della

Dettagli

OGGETTO: COMUNICAZIONE DEI BENI CONCESSI AI SOCI E FAMILIARI E COMUNICAZIONE FINANZIAMENTI CONCESSI DAI SOCI - modalità e termini di effettuazione

OGGETTO: COMUNICAZIONE DEI BENI CONCESSI AI SOCI E FAMILIARI E COMUNICAZIONE FINANZIAMENTI CONCESSI DAI SOCI - modalità e termini di effettuazione A tutti i clienti Loro sedi OGGETTO: COMUNICAZIONE DEI BENI CONCESSI AI SOCI E FAMILIARI E COMUNICAZIONE FINANZIAMENTI CONCESSI DAI SOCI - modalità e termini di effettuazione PREMESSA Come noto il D.L.

Dettagli

STUDIO CAGNIN ROVOLETTO

STUDIO CAGNIN ROVOLETTO STUDIO CAGNIN ROVOLETTO COMMERCIALISTI ASSOCIATI PIERO CAGNIN CHIARA ROVOLETTO DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI A Tutti i Clienti Loro Sedi COMUNICAZIONE PER I BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI

Dettagli

Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa NUMERO 36-7 OTTOBRE 20151

Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa NUMERO 36-7 OTTOBRE 20151 Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa 1 1 PREMESSA L art. 2 co. 36-terdecies - 36-duodevicies del DL 13.8.2011 n. 138, conv.

Dettagli

La comunicazione dei beni d impresa concessi a soci e familiari e dei finanziamenti e capitalizzazioni

La comunicazione dei beni d impresa concessi a soci e familiari e dei finanziamenti e capitalizzazioni La comunicazione dei beni d impresa concessi a soci e familiari e dei finanziamenti e capitalizzazioni a cura diandrea Bongi Qualifica: Dottore Commercialista e Pubblicista La disciplina normativa di riferimento

Dettagli

BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI

BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI D I S C I P L I N A E Q U E S T I O N I A P E R T E STUDIO ASSOCIATO TRIBUTARIO E SOCIETARIO BELLINI SECCHI SAVIOTTI FLORITA 20121 MILANO - PIAZZA CASTELLO,

Dettagli

IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE

IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE 1. Introduzione Il contratto di leasing costituisce un negozio a titolo oneroso concluso con la presenza di tre soggetti ognuno con un diverso interesse economico, ossia

Dettagli

studio associato zaniboni

studio associato zaniboni N. protocollo: 51/2013 Oggetto: BENI AI SOCI E FINANZIAMENTI COMUNICAZIONE 2012 DA INVIARE ENTRO IL 12 DICEMBRE 2013 Con due distinti provvedimenti del Direttore dell Agenzia delle Entrate del 2 agosto

Dettagli

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista 1/6 OGGETTO COMUNICAZIONE PER L ANNO 2014 DEI BENI CONCESSI IN GODIMENTO AI SOCI O FAMILIARI E DEI FINANZIAMENTI E/O CAPITALIZZAZIONI RIFERIMENTI NORMATIVI Art. 2, COMMI da 36-terdecies a 36-duodevicies,

Dettagli

R O S S I & A S S O C I A T I

R O S S I & A S S O C I A T I R O S S I & A S S O C I A T I C o r p o r a t e A d v i s o r s Main Office: Via S. Radegonda, 8 - Milano www.rossiassociati.it Tel +39 02.874271 Fax +39 02.72099377 NEWS SETTIMANALE Novembre 2013 nr.

Dettagli

Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa

Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa Circolare n. 19 Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa del 20 ottobre 2014 INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti obbligati ad effettuare

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DEL LEASING E LE ALTRE NOVITÀ DEL REDDITO DI IMPRESA. Dott. Gianluca Odetto

LA NUOVA DISCIPLINA DEL LEASING E LE ALTRE NOVITÀ DEL REDDITO DI IMPRESA. Dott. Gianluca Odetto E LE ALTRE NOVITÀ DEL REDDITO DI IMPRESA Dott. Gianluca Odetto DEDUCIBILITÀ CANONI LEASING Per i contratti di leasing stipulati sino al 28.4.2012 deducibilità subordinata alla durata contrattuale Previgente

Dettagli

Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa NUMERO 25-14 OTTOBRE 20141

Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa NUMERO 25-14 OTTOBRE 20141 Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa 1 1 PREMESSA L art. 2 co. 36-terdecies - 36-duodevicies del DL 13.8.2011 n. 138, conv.

Dettagli

Circolare informativa area tributaria. La comunicazione dei beni ai soci/familiari, la comunicazione dei finanziamenti e delle capitalizzazioni

Circolare informativa area tributaria. La comunicazione dei beni ai soci/familiari, la comunicazione dei finanziamenti e delle capitalizzazioni Circolare informativa area tributaria La comunicazione dei beni ai soci/familiari, la comunicazione dei finanziamenti e delle capitalizzazioni Nel mese di ottobre sono in scadenza 2 adempimenti riguardanti

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI ALL'IMPRESA ANNO 2013 : SCADENZA AL 30 OTTOBRE 2014

LA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI ALL'IMPRESA ANNO 2013 : SCADENZA AL 30 OTTOBRE 2014 LA COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI E DEI FINANZIAMENTI ALL'IMPRESA ANNO 2013 : SCADENZA AL 30 OTTOBRE 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Entro il prossimo 30 Ottobre 2014 come

Dettagli

Comunicazione dei beni dati in godimento ai soci e dei finanziamenti soci entro il prossimo 30 ottobre 2014

Comunicazione dei beni dati in godimento ai soci e dei finanziamenti soci entro il prossimo 30 ottobre 2014 Circolare 11/2014-C del 17.10.2014 Comunicazione dei beni dati in godimento ai soci e dei finanziamenti soci entro il prossimo 30 ottobre 2014 Come disposto dal provvedimento n. 54581 del 16 aprile 2014,

Dettagli

Circolare N.37 del 13 marzo 2012

Circolare N.37 del 13 marzo 2012 Circolare N.37 del 13 marzo 2012 Beni ai soci: comunicazione entro il 2 aprile 2011 Richiesta dei documenti necessari al fine dell adempimento Beni ai soci: comunicazione entro il 2 aprile 2011 Richiesta

Dettagli

NUOVI ADEMPIMENTI FISCALI: COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI/COMUNICAZIONE FINANZIAMENTI DAI SOCI

NUOVI ADEMPIMENTI FISCALI: COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI/COMUNICAZIONE FINANZIAMENTI DAI SOCI A tutti i clienti LL.SS Ravenna, 26/11/2013 NUOVI ADEMPIMENTI FISCALI: COMUNICAZIONE DEI BENI IN GODIMENTO AI SOCI/COMUNICAZIONE FINANZIAMENTI DAI SOCI Entro il prossimo 12 dicembre è previsto l invio

Dettagli

Circolare informativa n. 10 del 23 ottobre 2014 COMUNICAZIONE BENI AI SOCI E FINANZIAMENTI 2013

Circolare informativa n. 10 del 23 ottobre 2014 COMUNICAZIONE BENI AI SOCI E FINANZIAMENTI 2013 Circolare informativa n. 10 del 23 ottobre 2014 COMUNICAZIONE BENI AI SOCI E FINANZIAMENTI 2013 In presenza di società/ditte individuali che concedono in godimento l utilizzo di beni d impresa a un socio/familiare

Dettagli

COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E RIFLESSI NEL MODELLO UNICO

COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E RIFLESSI NEL MODELLO UNICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SOCIETÀ DI COMODO E/O IN PERDITA SISTEMATICA: PRESUNZIONI DI NON OPERATIVITÀ E CONSEGUENTE TASSAZIONE COMUNICAZIONE DEI BENI AI SOCI E RIFLESSI NEL MODELLO

Dettagli

La gestione dei leasing dopo la circ. 17/13

La gestione dei leasing dopo la circ. 17/13 La gestione dei leasing dopo la circ. 17/13 1) Determinazione del canone deducibile 2) Determinazione della variazione diminutiva a fine contratto 3) Riflessi Irap Determinazione del canone deducibile

Dettagli

Dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara

Dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara ASPETTI TRIBUTARI DEL IL BILANCIO D ESERCIZIO 2012 Dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara I beni aziendali in uso ai soci Beni ai soci e spesometro

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 152 del 10 Ottobre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Appuntamento con lo spesometro: 12.11.2013 per i contribuenti IVA mensili o 21.11.2013 per i contribuenti IVA trimestrali

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2016 Legge n. 208 del 28/12/2015 ALTRE DISPOSIZIONI DI PARTICOLARE INTERESSE MERCOLEDI 6 APRILE 2016

LEGGE DI STABILITA 2016 Legge n. 208 del 28/12/2015 ALTRE DISPOSIZIONI DI PARTICOLARE INTERESSE MERCOLEDI 6 APRILE 2016 LEGGE DI STABILITA 2016 Legge n. 208 del 28/12/2015 ALTRE DISPOSIZIONI DI PARTICOLARE INTERESSE MERCOLEDI 6 APRILE 2016 NUOVA DETRAZIONE IRPEF SULL IVA PER L ACQUISTO DI IMMOBILI IN CHE COSA CONSISTE:

Dettagli

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare

DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI. 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI 16 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare DEDUCIBILITA INTERESSI PASSIVI ALTRI INTERESSI SU IMMOBILI PATRIMONIO SU VEICOLI A MOTORE SOGGETTI IRPEF SOGGETTI IRES BANCHE ASSICURAZIONI

Dettagli

Informativa n. 22 INDICE. del 16 giugno 2011

Informativa n. 22 INDICE. del 16 giugno 2011 Informativa n. 22 del 16 giugno 2011 Comunicazione telematica all Agenzia delle Entrate delle operazioni rilevanti ai fini IVA di importo pari o superiore a 3.000,00 euro - Riepilogo della disciplina e

Dettagli

LE MANOVRE DELL ANNO 2012. Riassunto delle principali novità introdotte nel corso del 2012.

LE MANOVRE DELL ANNO 2012. Riassunto delle principali novità introdotte nel corso del 2012. Milano, 28 gennaio 2013 LE MANOVRE DELL ANNO 2012 Riassunto delle principali novità introdotte nel corso del 2012. D.L. 16 del 02/03/2012, convertito in Legge 26/04/2012 n. 44 Deducibilità dei costi periodici

Dettagli

CIRCOLARE N.17/E. OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16

CIRCOLARE N.17/E. OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 CIRCOLARE N.17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 maggio 2013 OGGETTO: Deducibilità dei canoni di leasing - Decreto legge 2 marzo 2012, n. 16 INDICE Premessa... 3 1 La nuova disciplina fiscale dei

Dettagli

NUOVO SPESOMETRO e BENI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI

NUOVO SPESOMETRO e BENI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI Dott. Mario Conte Ragioniere Commercialista Dott. Dario Cervi Ragioniere Commercialista Dott. Giovanni Orso Rag. Pierluigi Martin Consulente aziendale Dott.ssa Arianna Bazzacco Dott. Oscar Sartor Dott.ssa

Dettagli

2.1.3. Gli adempimenti posti a carico dei soggetti interessati dalla norma Pag. 22

2.1.3. Gli adempimenti posti a carico dei soggetti interessati dalla norma Pag. 22 1. LA FIGURA DEL TRIBUTARISTA 1.1. La figura del Tributarista Pag. 9 1.1.1. Premessa Pag. 9 1.1.2. Le principali caratteristiche, obblighi ed attività del tributarista in sintesi Pag. 10 2. LA LEGGE N.

Dettagli

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI Anno 2013 N. RF160 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO RIFERIMENTI CIRCOLARE DEL 12/07/2013 CONTRIBUENTI E MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI ART.

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

Spesometro e novità IVA recate dai recenti provvedimenti normativi e di prassi

Spesometro e novità IVA recate dai recenti provvedimenti normativi e di prassi S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO NOVITÀ DEI PROVVEDIMENTI ESTIVI 2013 Spesometro e novità IVA recate dai recenti provvedimenti normativi e di prassi Dr. Stefano Maffi 9 ottobre 2013 Sala

Dettagli

Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari

Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari Filodiritto.it Premessa La disciplina fiscale del leasing finanziario ha visto, nel tempo, importanti variazioni

Dettagli

Anno 2014 N. RF264. La Nuova Redazione Fiscale

Anno 2014 N. RF264. La Nuova Redazione Fiscale Anno 2014 N. RF264 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO GODIMENTO BENI AI SOCI E FAMILIARI - COMUNICAZIONE AL 30/10 RIFERIMENTI PROVV. N. 54581/2014 E N. 94902/2013

Dettagli

IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità

IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità A cura del Dott. Michele Avesani A partire dal 1 gennaio 2012 è entrato in vigore il regime

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Tassazione dei canoni di locazione di immobili ad uso abitativo

Dettagli

Documento sul regime fiscale

Documento sul regime fiscale Fondo Scuola Espero FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 145 Documento sul regime fiscale (depositato presso la Covip

Dettagli

OGGETTO: Comunicazione beni ai soci e finanziamenti - liberatoria

OGGETTO: Comunicazione beni ai soci e finanziamenti - liberatoria GIORDA FRANCESCO Informativa per la clientela di studio N. 18 del 29.01.2014 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Comunicazione beni ai soci e finanziamenti - liberatoria Gentile Cliente, con la stesura

Dettagli

Loro sedi. Oggetto: comunicazione dei beni concessi in godimento ai soci e finanziamenti soci entro il 12 dicembre 2013.

Loro sedi. Oggetto: comunicazione dei beni concessi in godimento ai soci e finanziamenti soci entro il 12 dicembre 2013. Studio Associato di Consulenza Aziendale Dottori Commercialisti Dott. Gianpiero Perissinotto Dott.ssa Monica Lacedelli Via degli Agricoltori n. 11 32100 Belluno tel: 0437/932080 fax: 0437/932095 E-mail:

Dettagli

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi Il Punto sull Iva I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi I regimi Iva previsti dalla normativa Il sistema giuridico italiano ha previsto, per le imprese e professionisti,

Dettagli

CATANIA 15 MARZO 2011. Dott. Ernesto GATTO

CATANIA 15 MARZO 2011. Dott. Ernesto GATTO CATANIA 15 MARZO 2011 LA LEGGE DI STABILITA 2011 E LE ULTIME NOVITA PER PROFESSIONISTI E IMPRESE Dott. Ernesto GATTO BLOCCO COMPENSAZIONI DAL 2011 NON E PIU CONSENTITO UTILIZZARE IN COMPENSAZIONE I CREDITI

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO DI PREVIDENZA MARIO NEGRI FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I DIRIGENTI DI AZIENDE DEL TERZIARIO, DI SPEDIZIONE E TRASPORTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della

Dettagli

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 MD/cm Monza, lì 03/03/2015 A Tutti i C l i e n t i Loro Sedi Oggetto : NUOVO REGIME FORFETTARIO PER PERSONE FISICHE Riferimenti: Legge n. 190/2014 (c.d. Legge

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI Gentili Clienti Loro sedi Oggetto: la nuova disciplina dei beni d impresa concessi in godimento a soci e familiari. I nuovi adempimenti di comunicazione dei beni concessi

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 17 Dicembre 2014 DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI Il Decreto Legislativo 21 novembre 2014 nr. 175, cosiddetto Semplificazione fiscale e dichiarazione dei

Dettagli

OGGETTO: NOVITA DEL MESE DI NOVEMBRE 2013. Principali scadenze mese di novembre 2013

OGGETTO: NOVITA DEL MESE DI NOVEMBRE 2013. Principali scadenze mese di novembre 2013 > Circ. n. 9-M/2013 PC/pf Del 04 2013 OGGETTO: NOVITA DEL MESE DI NOVEMBRE 2013 Spett.le Ditta/Società In evidenza SOMMARIO Principali scadenze mese di 2013 Modello di comunicazione polivalente delle operazioni

Dettagli

Oggetto. Contenuto. Circolare Numero 10/2014. C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5

Oggetto. Contenuto. Circolare Numero 10/2014. C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5 C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5 Circolare Numero 10/2014 Oggetto LEGGE STABILITÀ 2014 NOVITÀ IN TEMA DI REDDITO D IMPRESA Contenuto La Legge di stabilità 2014, ovvero la

Dettagli

Circolare n. 33. del 10 ottobre 2013

Circolare n. 33. del 10 ottobre 2013 Circolare n. 33 del 10 ottobre 2013 Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di effettuazione

Dettagli

SPESOMETRO 2014. Nella tabella seguente riportiamo i dati utili per la predisposizione della Comunicazione: Dati utili all adempimento

SPESOMETRO 2014. Nella tabella seguente riportiamo i dati utili per la predisposizione della Comunicazione: Dati utili all adempimento Comunicazione del 27/03/2014 SPESOMETRO 2014 Gentili Clienti, il 10 aprile 2014, per i soggetti che effettuano la liquidazione IVA mensile e il 22 aprile 2014, per gli altri soggetti, scade il termine

Dettagli

REGISTRAZIONI CONTABILI

REGISTRAZIONI CONTABILI REGISTRAZIONI CONTABILI presupposti civilistici risvolti fiscali perchè devo fare le registrazioni? come e quando devo fare le registrazioni? FINALITÀ CIVILISTICA art. 2423 definire con chiarezza un bilancio

Dettagli

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni E INTRODOTTO IL REGIME FISCALE AGEVOLATO RISERVATO AI

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 162 del 29 Ottobre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi 12 dicembre 2013: appuntamento con la comunicazione dei beni e finanziamenti dati in godimento ai soci Rileva solo

Dettagli

L utilizzo della riserva da rivalutazione

L utilizzo della riserva da rivalutazione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 92 26.03.2014 L utilizzo della riserva da rivalutazione Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Riserve L'art. 15, comma 18, D.L. 185/2008

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners.

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners. Roma, 19/10/2015 CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 9/2015 ARGOMENTO: ADEMPIMENTO ANNUALE RELATIVO ALLA: COMUNICAZIONE DEI BENI IN USO AI SOCI E FINANZIAMENTI A SOCIETA Gentile Cliente, con la stesura del presente

Dettagli

CEDOLARE SECCA : NUOVA OPPORTUNITÀ PER LE LOCAZIONI AD USO ABITATIVO

CEDOLARE SECCA : NUOVA OPPORTUNITÀ PER LE LOCAZIONI AD USO ABITATIVO CEDOLARE SECCA : NUOVA OPPORTUNITÀ PER LE LOCAZIONI AD USO ABITATIVO Riferimenti: Art. 3, D.Lgs. n. 23/2011 Nell ambito del Federalismo fiscale municipale il Legislatore ha introdotto, con decorrenza dal

Dettagli

LA MANOVRA ESTIVA 2008

LA MANOVRA ESTIVA 2008 Seminario LA MANOVRA ESTIVA 2008 Arezzo 8 ottobre 2008 Lucca 9 ottobre 2008 Firenze 14 ottobre 2008 D.L. n. 112/2008 Il nuovo regime fiscale dei fondi di investimento immobiliari Dott. Fabio Giommoni Fondi

Dettagli

Circolare informativa n.18 del 03 dicembre 2013

Circolare informativa n.18 del 03 dicembre 2013 Circolare informativa n.18 del 03 dicembre 2013 COMUNICAZIONE BENI D IMPRESA IN GODIMENTO AI SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL IMPRENDITORE

Dettagli

SOCIETA NON OPERATIVE DOPO LE NOVITA DELLA FINANZIARIA 2007

SOCIETA NON OPERATIVE DOPO LE NOVITA DELLA FINANZIARIA 2007 SOCIETA NON OPERATIVE DOPO LE NOVITA DELLA FINANZIARIA 2007 La legge Finanziaria 2007 è nuovamente intervenuta sulla disciplina delle società non operative, già oggetto di modifiche da parte del Decreto

Dettagli

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L.

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L. CIRCOLARE Spettabili Padova, 21 dicembre 2012 CLIENTI LORO SEDI Oggetto: Vendita e locazione di immobili nuovi adempimenti fiscali. VENDITA Con la presente Vi informiamo che si applica il meccanismo dell

Dettagli

Durc imprese creditici della PA

Durc imprese creditici della PA CIRCOLARE INFORMATIVA Novità fiscali Scadenze Adempimenti Novità fiscali Durc imprese creditici della PA L'Inail con la circolare 53 dell'11 novembre 2013 ha chiarito che è possibile il rilascio del Durc

Dettagli

L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI

L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI INFORMATIVA N. 253 10 NOVEMBRE 2011 IMPOSTE DIRETTE - IVA L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI Art. 1, commi 96 e seguenti, Legge n. 244/2007 Circolari Agenzia Entrate 21.12.2007,

Dettagli

La fiscalità dei contratti di locazione. Milano, 29 gennaio 2013

La fiscalità dei contratti di locazione. Milano, 29 gennaio 2013 La fiscalità dei contratti di locazione Milano, 29 gennaio 2013 1 Fiscalità connessa ai contratti di locazione Imposte dirette Per il locatore non imprenditore, ai fini della determinazione del reddito

Dettagli

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI Anno IV, n. 1 GENNAIO 2014 I N D I C E LEGGE DI STABILITà n. 147/2013... 3 Canoni di locazione Immobili abitativi... 3 Aumento detrazione Irpef lavoro dipendente...

Dettagli

Focus di pratica professionale di Norberto Villa. Le società di comodo in Unico 2011

Focus di pratica professionale di Norberto Villa. Le società di comodo in Unico 2011 Focus di pratica professionale di Norberto Villa Le società di comodo in Unico 2011 Il prospetto del quadro RF Il quadro RF del modello Unico SC 2011 contiene le informazioni necessarie per verificare

Dettagli

La correzione degli errori in bilancio

La correzione degli errori in bilancio La correzione degli errori in bilancio trattamento fiscale alla luce dei chiarimenti forniti nella circolare n. 31/E del 24 settembre 2013 Francesca Roselli 1 Normativa e soggetti interessati Normativa:

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale STUDIO GAMBI OGGETTO: Comunicazione beni ai soci e finanziamenti COMUNICAZIONE DEI BENI D IMPRESA AI SOCI/FAMILIARI SOGGETTO OBBLIGATO: - società (di capitali o persone) che concedono beni in uso ai soci

Dettagli

Deducibilità dei canoni di leasing

Deducibilità dei canoni di leasing Circolare Monografica 11 giugno 2014 n. 1989 DICHIARAZIONI Deducibilità dei canoni di leasing Modifiche normative e gestione in UNICO 2014 di Marianna Annicchiarico, Giuseppe Mercurio La Legge 27 dicembre

Dettagli

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile Carlin Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI e REVISORI 45014 PORTO VIRO (RO) Via Mantovana n. 86 tel 0426.321062 fax 0426.323497 per informazioni su questa circolare: evacarlin@studiocla.it Circolare

Dettagli

730, Unico 2013 e Studi di settore

730, Unico 2013 e Studi di settore 730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 22 30.05.2014 I canoni di leasing in Unico14 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico-Società di capitali Con specifico riferimento

Dettagli

CONTRIBUENTI MININI E SUPERMINIMI

CONTRIBUENTI MININI E SUPERMINIMI FONDAZIONE DOTTORI COMMERCIALISTI SICILIA CONTRIBUENTI MININI E SUPERMINIMI Art. 27, commi 1, 2 e 3, D.L. 6 luglio 2011, n.98 Enrico Licciardello Catania 9 febbraio 2012 Dottore Commercialista AGA Hotel

Dettagli

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani 1 Profili fiscali e opportunità in vista di Basilea 2 Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani Scuola Superiore Economia e

Dettagli

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015 Dott. Rag. Giorgio Palmeri Rag. Tiberio Frascari Dott. Fabio Ceroni Dott. Carlo Bacchetta Dott. Mariangela Frascari Dott. Marta Lambertucci Dott. Lorenzo Nadalini Dott. Simone Pizzi Rag. Marinella Quartieri

Dettagli

In particolare per i contratti per i quali il termine di registrazione scade tra il 7 aprile e il 6 giugno 2011 la registrazione, anche ai fini dell

In particolare per i contratti per i quali il termine di registrazione scade tra il 7 aprile e il 6 giugno 2011 la registrazione, anche ai fini dell NOVITA LEGISLATIVE CEDOLARE SECCA AFFITTI Con il Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate del 7 aprile 2011 è stata data attuazione, con effetto dal 2011 alla cedolare secca sugli affitti,

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

IMU 2014 - COMUNE DI PEVERAGNO

IMU 2014 - COMUNE DI PEVERAGNO IMU 2014 - COMUNE DI PEVERAGNO Imposta Municipale Propria (I.M.U.) - anno 2014 Invitiamo alla consultazione periodica del nostro sito istituzionale, per le eventuali novità apportate in sede normativa.

Dettagli

Regime fiscale agevolato per autonomi

Regime fiscale agevolato per autonomi 1 REGIME FORFETARIO PER AUTONOMI Regime fiscale agevolato per autonomi L art. 1, c. 54 89, della legge di stabilità 2015 disciplina il nuovo regime fiscale agevolato per autonomi, destinato agli esercenti

Dettagli

LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE L art. 35 co. 8 della L. 248/2006, nella sua versione

Dettagli

CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI

CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI 1 Decreto legislativo 14.3.2011, n. 23 Art. 3 Cedolare secca sugli affitti in vigore dal 7 aprile 2011 2 . Regime ordinario Base imponibile Irpef E rappresentata dal canone

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/2011 del 3 maggio 2011

CIRCOLARE N. 8/2011 del 3 maggio 2011 CIRCOLARE N. 8/2011 del 3 maggio 2011 OGGETTO: LA CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI L'art. 3 del D.Lgs. n. 23 del 14/03/2011 ha introdotto, a partire dal periodo d imposta 2011, la possibilità per i possessori

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (REGOLAMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE IN DATA 30.10.2012 CON DELIBERAZIONE N. 60/121562) INDICE Art. 1 Oggetto..pag. 3 Art. 2 Abitazione

Dettagli

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Entro il 28 febbraio 2014 i titolari di partita Iva sono tenuti a presentare

Dettagli

DEDUCIBILITÀ PERDITE SU CREDITI E ACCANTONAMENTI

DEDUCIBILITÀ PERDITE SU CREDITI E ACCANTONAMENTI DEDUCIBILITÀ PERDITE SU CREDITI E ACCANTONAMENTI iscritti a valore nominale da esporre in bilancio a valore di realizzo VALUTAZIONE CREDITI «I crediti devono essere valutati al loro valore di presumibile

Dettagli

imposte sui redditi e irap

imposte sui redditi e irap Imposte sui redditi e Irap ACCONTI d IMPOSTA di NOVEMBRE DOVUTI per l ANNO 2012 di Mario Jannaccone QUADRO NORMATIVO L art. 1, L. 23.3.1977, n. 97 [CFF ➋ 7316], ha introdotto nel nostro sistema tributario

Dettagli

LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE

LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE SOCIETÀ DI PERSONE La base imponibile Irap delle imprese individuali e delle società di persone, secondo quanto stabilito dall

Dettagli

CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI (art. 3 Dlgs. 14.3.2011 n. 23)

CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI (art. 3 Dlgs. 14.3.2011 n. 23) STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE COMO 1.6.2011 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 E mail: segreteria@studiogorini.it FAX 031.27.33.84 INFORMATIVA N. 2/2011 CEDOLARE

Dettagli

IMU SINTESI DI COME SI APPLICA

IMU SINTESI DI COME SI APPLICA IMU SINTESI DI COME SI APPLICA Riferimenti legislativi Art. 13, DL n. 201/2011 Artt. 8 e 9, D.Lgs. n. 23/2011 D.Lgs. n. 504/92 Art. 4, DL n. 16/2012 Circolare MEF 18.5.2012, n. 3/DF PRESUPPOSTO IMPOSITIVO

Dettagli

Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi

Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi dott. Giovanni Mercanti Milano, 17 giugno 2014 Contenuto della relazione Rinuncia parziale al credito Emissione SFP Distinzione

Dettagli

Regime Iva per cassa: opportunità a criticità operative

Regime Iva per cassa: opportunità a criticità operative ART. 32-BIS 1. per le cessioni di beni e per le prestazioni di servizi effettuate da soggetti passivi con volume d'affari non superiore a 2 milioni di euro, nei confronti di cessionari o di committenti

Dettagli

nel reddito di lavoro autonomo Dottori commercialisti

nel reddito di lavoro autonomo Dottori commercialisti TRATTAMENTO DEGLI IMMOBILI nel reddito di lavoro autonomo RRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti RRI GAVELLI ZAVATTA & Associati Dottori commercialisti Ammortamenti e canoni di leasing

Dettagli

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI Dott. Pasquale Saggese IMPOSTE SUI REDDITI Art. 182 TUIR In caso di liquidazione dell impresa o della società il reddito di impresa

Dettagli

Decreto sviluppo - IVA Modifiche al regime delle cessioni e delle locazioni di immobili

Decreto sviluppo - IVA Modifiche al regime delle cessioni e delle locazioni di immobili n 28 del 13 luglio 2012 circolare n 464 del 12 luglio 2012 referente BERENZI/af Decreto sviluppo - IVA Modifiche al regime delle cessioni e delle locazioni di immobili Il decreto legge c.d. Decreto Crescita

Dettagli

ASSEGNAZIONE BENI AI SOCI * TRASFORMAZIONE IN SOCIETA SEMPLICE * ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE

ASSEGNAZIONE BENI AI SOCI * TRASFORMAZIONE IN SOCIETA SEMPLICE * ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE SCHEDA MONOGRAFICA TMG ASSEGNAZIONE BENI AI SOCI * TRASFORMAZIONE IN SOCIETA SEMPLICE * ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE Data aggiornamento scheda 18 gennaio 2016 Redattore Davide David

Dettagli

SPESOMETRO ANNO 2013

SPESOMETRO ANNO 2013 Tipologia: FISCO Protocollo: 2005414 Data: 28.03.2014 Oggetto: spesometro anno 2013 SPESOMETRO ANNO 2013 Gentile Associato, come noto, l art. 21 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78 ha previsto l obbligo

Dettagli

Pomara Scibetta & Partners

Pomara Scibetta & Partners Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Luciana Pomara Giuseppe Scibetta Onorina Zilioli Alessia Carla Vinci Roberto Scibetta Stefania Zilioli Rosaria Marano Sabrina Iannuzzi Your

Dettagli

Giugno 2013. I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate sulla deduzione dei canoni di leasing ai fini delle imposte dirette

Giugno 2013. I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate sulla deduzione dei canoni di leasing ai fini delle imposte dirette Giugno 2013 I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate sulla deduzione dei canoni di leasing ai fini delle imposte dirette Avv. Prof. Stefano Loconte e Avv. Gabriella Antonaci, Studio Legale e Tributario

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 07 11.02.2014 Il leasing per le auto A cura di Devis Nucibella Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette La disposizione di riferimento per l individuazione

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli