CONVITTO NAZIONALE Mario CUTELLI Catania

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONVITTO NAZIONALE Mario CUTELLI Catania"

Transcript

1 1 PIANO OFFERTA FORMATIVA PREMESSA Il PIANO OFFERTA FORMATIVA - POF è stato pensato in ambito ministeriale come lo strumento con cui ogni istituzione scolastica, in diretto contatto e rapporto col territorio nel quale opera, può dare concreta attuazione all insieme delle norme che variamente supportano il processo di innovazione e di autonomia. Si richiamano a questo proposito alcune norme che hanno portato alla fase attuale dell autonomia e al sistema formativo integrato, e definite cantiere a cielo aperto: a) Regolamento dell autonomia (D.P.R. 8 marzo 1999 n. 275 pubblicato nella G. U. del 10/08/1999); b) Legge-quadro in materia di riordino dei cicli dell istruzione (Legge 10 febbraio 2000 n. 30, pubblicata nella G. U. del 23/02/2000); c) Riforma del Ministero P. I. (decreto legge del 30 luglio 1999, n. 300); d) Regolamento contabilità (in fase di perfezionamento); e) Nuovo esame di Stato (Legge 10 dicembre 1997 n. 425 e regolamenti attuativi); f) Legge sull elevamento dell obbligo (Legge 20 gennaio 1999 n. 9 e regolamento formativo); h) artt. 12 e 17 del CCNL (azione di formazione degli insegnanti che svolgono funzioni di supporto all organizzazione scolastica [funzioni-obiettivo]). Il POF delle scuole annesse al Convitto Nazionale Mario Cutelli è pensato come un progetto didattico in progress, capace di costituire la carta d identità della scuola, attraverso i momenti della flessibilità, della responsabilità e dell integrazione per migliorare gli effettivi livelli di apprendimento degli alunni. E un ritorno alla centralità della didattica che si traduce in un esplicita attenzione al percorso formativo di ciascun alunno. Anche la qualità e la varietà dei progetti extracurriculari rispondono a questo bisogno. FINALITÀ DELLA SCUOLA E OFFERTA FORMATIVA La scuola, per la sua particolare tipologia di istituzione convittuale, offre all utenza la possibilità di una continuità educativa che con la riforma dei cicli abbraccia il periodo dell istruzione di base e superiore. Il ruolo, l attività dei docenti e degli educatori sono garantiti dalla programmazione che, senza limitare la libertà d insegnamento, promuove una pianificazione didattico-educativa fondata sul pluralismo dell offerta formativa e sull effettiva collegialità decisionale; contribuisce, inoltre, alla formazione degli alunni facilitandone le potenzialità educative e favorendo lo sviluppo armonico della personalità, nel rispetto degli obiettivi formativi generali e specifici, recepiti nei piani di studi di ciascuna scuola annessa. Scuola Elementare La scuola elementare ha per suo fine la formazione dell uomo e del cittadino nel quadro dei principi affermati dalla Costituzione Italiana. Essa, pertanto, si propone:

2 2 a) lo sviluppo della personalità degli alunni nel rispetto e nella valorizzazione delle diversità individuali, sociali e culturali; b) le prime alfabetizzazioni culturali; c) la continuità del processo educativo d) la presa di coscienza anche di realtà linguistiche e culturali diverse sin dal 1 anno (lingua inglese). Essendo gli utenti della scuola elementare inseriti nell istituzione convittuale ed essendo anche provenienti da un ambiente socioculturale particolarmente legato al territorio, la scuola elementare, garantendo ad ogni alunno l esercizio del diritto all educazione e all istruzione, offre al proprio bacino d utenza delle opportunità educative e formative, fra cui: a) insegnare a vivere insieme, creando nella classe rapporti improntati a una buona familiarità fra gli allievi; b) essere sensibili ai problemi della salute e dell igiene personale nel rispetto dell ambiente naturale e del corretto atteggiamento verso tutti gli esseri viventi; c) attivare interventi atti a promuovere il massimo dell autonomia, dell acquisizione delle competenze e delle abilità comunicative; d) andare nella direzione di una scuola aperta al cambiamento, capace di ridurre ed eliminare pregiudizi e razzismi personali ed istituzionali; e) garantire e promuovere le culture degli allievi immigrati; f ) fare acquisire tutti i fondamentali tipi di linguaggio; g) sollecitare gli alunni a divenire consapevoli delle proprie idee e responsabili delle proprie azioni; h) offrire occasioni di iniziativa, decisione, responsabilità personale e autonomia a sperimentare forme di lavoro di gruppo e di vicendevole aiuto e sostegno; i) sviluppare l esperienza scolastica dell alunno in situazione di svantaggio o di handicap secondo un percorso unitario fondamentale che rispetti i suoi ritmi di maturazione e di apprendimento; l) integrare l azione della famiglia per favorire condizioni educative e di socializzazione; m) l estensione del semiconvitto anche alle alunne. Il Commissario ad acta con Delibera n. 22 del , ha disposto per gli alunni semiconvittori della Scuola di base le seguenti attività gratuite integrative: Lingua Inglese, Lingua Francese, Attività motorie. Scuola Media Offre un unità scolastica di 30 ore settimanali su 29 ore obbligatorie (1 ora di Educazione Civica). Presenta una differenziazione dei percorsi scolastici (corsi doppia lingua, sperimentazione informatica), flessibilità nella gestione del tempo-scuola (si può scegliere tra tempo normale e semiconvitto), apprendimenti con moderne tecnologie (sperimentazione informatica, uso dei laboratori per tutte le classi e per tutte le discipline), progetti didattici che integrano e rafforzano le attività curricolari proprie delle discipline, perseguendo nuove abilità culturali, acquisizione di capacità logiche, linguistiche, operative, sviluppo della padronanza dei processi comunicativi multimediali (l informatica è strumento per l apprendimento delle discipline), apprendimento e applicazione di abilità manuali, conoscenza e padronanza dei linguaggi non verbali (immagini, suoni, corpo ). Offre progetti curriculari relativi alle seguenti aree: educazione alla salute, educazione ambientale, educazione stradale, educazione interculturale, integrazione, cultura, spettacolo, cinema, coro e musica, giochi sportivi

3 3 studenteschi, laboratorio scientifico, laboratorio informatico, laboratorio linguistico, potenziamento delle lingue. L attività didattica è incentrata a perseguire la formazione globale ossia sviluppo del senso critico e della flessibilità mentale, sviluppo della socializzazione e dell integrazione, valorizzazione delle differenze, educazione alla salute e al benessere, star bene con se stessi, con gli altri e con l ambiente. Il raccordo tra scuola elementare e media, anche grazie all attuazione della riforma dei cicli, rappresenta un aspetto di primaria importanza dell offerta formativa per quegli alunni che studiano all interno della struttura convittuale. Altro aspetto importante è la continuità dell offerta formativa e dell azione educativa, i cui percorsi didattici garantiscono la progressiva maturazione degli alunni, nel rispetto della realtà del preadolescente. All interno di questa prospettiva educativa sono potenziati quei processi di insegnamento-apprendimento che mirano a valorizzare: a) risposte coerenti con gli input in modo da eseguire e organizzare il proprio lavoro secondo modi e tempi stabiliti (autonomia); b) rispetto delle regole del gruppo e collaborazione con i docenti e i compagni, mediante l acquisizione del senso di responsabilità e la consapevolezza di ruoli e funzioni; educazione al colloquio, al confronto produttivo, alla solidarietà (rapporti interpersonali); c) educazione ambientale attraverso l acquisizione della consapevolezza del valore delle cose e dell ambiente fisico, umano e culturale, e l incentivazione di una possibile interazione con esso; d) sviluppo del senso del dovere e della correttezza nell assolvimento degli incarichi. e) l estensione del semiconvitto anche alle alunne. Le Attività Integrative costituiscono un arricchimento dell'offerta formativa, stimolano nuovi interessi e offrono spunti per sperimentare nuovi metodi di lavoro; inoltre, attraverso percorsi didattici ed educativi più flessibili, contribuiscono a promuovere il piacere di stare a scuola. Offre: interventi di esperti su proposta del Consiglio di classe e dei genitori su specifiche tematiche; realizzazione di dossier e/o giornalini che divulgano iniziative in atto o commenti a fatti ed eventi di interesse generale; azioni volte a coinvolgere tutte le classi in periodi distinti dell'anno (iniziative di solidarietà, mostra finale dei lavori svolti, saggi delle sezioni musicali in vari momenti dell'anno, rappresentazioni teatrali di fine anno); viaggi d istruzione di interesse storico-artistico, ecologico-naturalistico, visite guidate e uscite didattiche con indirizzo storico-artistico, civico, ecologico-naturalistico legati alla attività curriculare-progettuale della scuola; adesione alle iniziative promosse dal Comune; giochi d'istituto (tornei di Pallavolo, Calcetto, Convittiadi), Giochi della Gioventù; visite ad Istituti Superiori o ambienti di lavoro ai fini dell'orientamento. Progetti permanenti: Musica insieme, Educazione alla salute, Educazione ambientale, Conoscere e la sua Provincia, Attività teatrale, Progetti PON. E in costante raccordo con la Scuola elementare e con Istituti superiori. Dispone di un ampio salone adibito a laboratorio artistico per le attività pratiche interne ed esterne. I fruitori del semiconvitto godono dei seguenti servizi: sala mensa con servizio al tavolo curato da personale interno specializzato; pasti caldi con prodotti freschi preparati quotidianamente dallo staff cuochi del Convitto; assistenza pomeridiana allo studio a cura di un istitutore; fruizione ambienti di studio e svago. Il Commissario ad acta con Delibera n. 22 del , ha disposto per gli alunni semiconvittori della Scuola Media le seguenti attività gratuite integrative: Lingua Inglese e Attività motorie. Liceo Classico Europeo

4 4 Il Liceo Classico Europeo nella riforma dei cicli rappresenta un offerta formativa completa perché armonizza i campi fondamentali del sapere - umanistico, scientifico e linguistico - mantiene la specificità di ogni area culturale e, nello stesso tempo, ne favorisce le integrazioni anche con progetti interdisciplinari. Rispetto ad altre tipologie scolastiche, avvalendosi della struttura convittuale, il Liceo Classico Europeo ha le seguenti caratteristiche: a) rappresenta un centro di accoglienza di studenti e docenti europei che favorisce il confronto fra i vari sistemi scolastici dell U.E. e la formazione del cittadino europeo; b) è strutturato sul tempo prolungato ed è in grado di offrire una formazione adeguata a studenti italiani e stranieri; c) agevola lo scambio con scuole partner europee; d) accoglie e assiste, grazie alla risorsa degli educatori presenti all interno della struttura, le istanze di socializzazione integrandole nel processo formativo. L educatore, inoltre, è animatore dell apprendimento, collabora con i docenti, monitorizza costantemente nel quinquennio (continuità educativa) il progredire dell azione formativa, coordina le dinamiche del gruppo-classe, è referente nei rapporti scuola-famiglia. Il Liceo Classico Europeo utilizza il laboratorio culturale per ogni disciplina. Questa attività, del tutto innovativa, consente: a) il lavoro di gruppo con la presenza di docente e educatore che, attraverso esperienze guidate, favorisce lo studio e l apprendimento in classe; b) l insegnamento individualizzato e per fasce di livello, finalizzato al recupero, alla sistematizzazione e all approfondimento delle conoscenze; c) l acquisizione da parte dell alunno di un metodo di studio personale, critico e rivolto alla ricerca. Il Liceo Classico Europeo: a) utilizza il «metodo Ørberg» per l insegnamento delle lingue classiche. E una metodologia innovativa nell insegnamento delle lingue classiche dove la cultura greco-latina è presentata, attraverso la comparazione sincronica e diacronica, come un unicum; b) veicola due discipline in lingue europee - diritto (in inglese) e percorsi di storia (in francese), opportunità che consentono di consolidare le competenze linguistiche e di approfondire lessici specifici e ampliare il confronto tra civiltà; c) consente di acquisire già dall anno scolastico l Esabac (Esame di Stato italiano Baccalauréat francese). E un nuovo dispositivo educativo che consentirà agli allievi italiani e francesi di conseguire simultaneamente i due diplomi. ll percorso educativo muove dal presupposto che tramite lo studio in lingua della storia e della letteratura si acquisisce una cultura transfrontaliera. Frutto di un accordo franco-italiano, firmato dai due Ministri dell Istruzione Pubblica il 24 febbraio 2009, è in vigore sia in Francia che in Italia. Il Convitto Mario Cutelli, grazie alle sue peculiarità, è stato inserito nel circuito delle 44 scuole che vi partecipano. Oltre alle tre prove scritte tradizionali è prevista una quarta prova scritta obbligatoria in lingua francese articolata in una prova scritta di lingua e letteratura francese (tempo previsto 4 ore) e una prova scritta di storia (tempo previsto 2 ore). Lo studente ottiene l Esabac se supera le prove specifiche di lingua francese, in caso contrario consegue solo il titolo italiano. d) è impegnato nel progetto La Costituzione Italiana che persegue l obiettivo di avviare il discente alla conoscenza della complessa macchina dello Stato introducendo concetti e modelli propri della Costituzione Italiana e del processo evolutivo in corso.

5 5 Il Liceo Classico Europeo conferisce al termine del ciclo di studi di cinque anni il diploma di maturità classica sperimentale, con l indicazione dell iter scolastico (formativo) seguito, valido per l accesso ai concorsi della pubblica amministrazione, a tutti i corsi di laurea o di diploma universitario. In aggiunta al titolo suddetto e previo superamento di una prova scritta ed orale da svolgersi parallelamente all Esame di Stato, l Ambasciata di Francia rilascia agli alunni del Liceo Europeo una attestation che certifica la conoscenza della lingua francese e permette l accesso a tutte le Università con lingua madre francese. Alla fine del corso, stante il respiro europeo del liceo, lo studente sarà in grado di muoversi con disinvoltura e competenza nell ambito comunitario, in quanto dotato di una preparazione culturale che muove da radici classiche, si consolida nella conoscenza delle lingue più diffuse, si concretizza anche nella capacità di saper usare tutti i mezzi che la comunità e il mondo moderno gli offrono. INDIVIDUAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. Il POF può essere ricondotto a tre grandi aree, ciascuna delle quali contempla una serie di azioni che qui brevemente si richiamano : Area Coordinamento del POF 1. coordinamento delle attività del Piano; 2. coordinamento della progettazione curriculare ed extracurriculare, ossia dell attività connessa alla funzione docente; 3. valutazione delle attività del Piano attraverso scansioni trimestrali a cura di commissioni che opereranno in date stabilite dal Collegio dei Docenti; 4. coordinamento dei rapporti tra la scuola e le famiglie. Area - Sostegno al lavoro dei docenti 1. analisi dei bisogni formativi e gestione del Piano di formazione e di aggiornamento; 2. accoglienza dei nuovi docenti; 3. produzione di materiali didattici; 4. coordinamento dell utilizzo delle nuove tecnologie e della biblioteca; 5. cura della documentazione didattica; 6. coordinamento nella scuola dell attività di tutoraggio connessa alla formazione dei docenti. Area - Area interventi e servizi per studenti 1. coordinamento delle attività extracurriculari; coordinamento e gestione delle attività di continuità, di orientamento e tutoraggio: formazione sezioni prime classi; rapporti con i docenti dei tre tipi di scuola esistenti nell'istituto; rapporti con l operatore della dispersione scolastica; 2. coordinamento delle attività di compensazione, integrazione e recupero (accoglienza degli alunni portatori di handicap, rapporti con Enti esterni, rapporti col referente all educazione alla salute). COMPETENZE E REQUISITI PROFESSIONALI DEI DOCENTI CHIAMATI A SVOLGERE LE FUNZIONI OBIETTIVO DEL PROGETTO FORMATIVO INTEGRATO a) capacità di coordinamento progetti e piani; b) capacità relazionali;

6 6 c) possesso di una visione complessiva di tutte le attività che si svolgono nei tre ordini di scuola, acquisita attraverso un dialogo assiduo coi docenti della scuola elementare, media e superiore; d) disponibilità a studiare i progetti che i singoli consigli di classe elaborano; e) disponibilità ad affrontare progetti che siano anche al di fuori del proprio indirizzo; f) attenzione e disponibilità a valutare che i progetti rientrino nel piano globale dell offerta formativa della Scuola; g) capacità di valutare l essenzialità dell attività che si è svolta; h) attenta considerazione dei suggerimenti esterni. PROGETTAZIONE DELLE SITUAZIONI FORMATIVE I progetti contenuti nel POF rispondono alle esigenze manifestate dagli alunni di una maggiore integrazione con l Europa, di conoscenza e rispetto dell ambiente naturale e dei beni culturali, di problemi che riguardano la qualità della vita, di potere esprimere le loro potenzialità, non solo sotto il profilo strettamente scolastico. Il POF delle scuole annesse al Convitto Nazionale M. Cutelli è caratterizzato da una programmazione in grado di esaltare la verticalizzazione delle scuole, elementare, media e liceo europeo. Molti progetti sono, infatti, sviluppati in modo da coinvolgere, mediante l impiego di diverse strategie didattiche, gli alunni dei tre ordini di scuola, anticipando, si può ben dire, l attuazione della riforma dei cicli scolastici. 1. AREA LINGUISTICO-ESPRESSIVA E DELLA COMUNICAZIONE. USO DEI LINGUAGGI MULTIMEDIALI 1. Partecipazione a rappresentazioni teatrali in lingua inglese. Interessa gli alunni della Scuola Media e del Liceo Classico Europeo. Coordinatori: docenti delle discipline coinvolte. 2. Progetto Educare alla cultura teatrale. Interessa gli alunni del Liceo Classico Europeo. Coordinatrice: prof.ssa Nigro. 3. Progetto Drammatizzazione. Interessa gli alunni della Scuola Elementare. Coordinatrici: tutte le insegnanti della Scuola Elementare. 4. Progetto Partecipazione a spettacoli teatrali. Interessa gli alunni dei tre ordini di scuola. Coordinatrice: prof.ssa Brullo, Calderone, Di Maria, Verona. 5. Progetto Teatriamoci. Interessa gli alunni del Liceo Classico Europeo. Coordinatrici: prof.ssa Di Maria. 6. Progetto: La salute del bambino. Interessa tutti gli alunni della classe 1 a della Scuola Elementare. Coordinatrice: prof.ssa Forno. 7. Progetto Teatro Massimo Bellini. Interessa gli alunni del Liceo Classico Europeo. Coordinatrice: prof.ssa Alabiso. 8. Progetto Biblioteca Uno scaffale lungo un anno 5. Interessa gli alunni del Liceo Classico Europeo. Coordinatrice: prof.sse Di Maria. 9. Progetto La bottega della creatività. Interessa 11 alunni della Scuola Media. Coordinatori: prof. Giannetto, Seminara, Trovato. 10. Progetto Laboratori scolastici. Interessa gli alunni della Scuola Media. Coordinatrici: prof.sse di Lettere. 11. Progetto PON Obiettivo Convergenza Competenze per lo Sviluppo 2007 IT 05 1 PO 004 F.E.S.R. Annualità Interessa gli alunni del Liceo Classico Europeo.. Coordinatrice: prof.ssa Lizzio. 12. Progetto Panenostrum. Interessa tutti gli alunni della Scuola Media. Coordinatrice: prof.ssa Lo Cicero.

7 7 13. Progetto EcoGioco. Interessa gli alunni della Scuola Media. In collaborazione con KC Est Coordinatrice: prof.ssa Lo Cicero. 14. Progetto Sicily History Channel. Interessa gli alunni delle classi 4 a A e 5 a A del Liceo Classico Europeo. In collaborazione con KC Est. Coordinatrice: prof.ssa Lo Cicero. 15. Progetto Progetto Civita Interessa gli alunni della Scuola Media. Coordinatrice: prof.ssa Lo Cicero. 16. Progetto Il Quotidiano in classe. Interessa gli alunni delle classi 1 a A, 1 a B, 2 a A e 2 a B del Liceo Classico Europeo. Coordinatore: prof. Amato. 17. Progetto Hallo School!. Interessa tutti gli alunni semiconvittori della Scuola Elementare e della Scuola Media. Coordinatrice: prof.ssa Borzì. 18. Progetto Recupero di Italiano Inglese - Matematica. Interessa tutti gli alunni della Scuola Media. Coordinatrice: prof.ssa Lo Cicero. 19. Progetto Ciclo di rappresentazioni classiche a Siracusa. Interessa gli alunni della Scuola Media e del Liceo Classico Europeo. Coordinatori: prof.ri Amato, Calderone. 2. AREA DELLA PROGETTUALITÀ: SPERIMENTAZIONE E SCIENZA 1. Progetto Attività di recupero e sostegno. 2. Progetto Adesione alla Settimana della Cultura Scientifica indetta dal MIUR. Interessa gli alunni del triennio del Liceo Classico Europeo. Coordinatori: prof.ri Condorelli, Lizzio. 3. Progetto Olimpiadi di Matematica. Interessa gli alunni del Liceo Classico Europeo. Coordinatrice: prof.ssa Carollo. 4. Progetto Etniadi. Interessa gli alunni del Liceo Classico Europeo. Coordinatrice: prof.ssa Carollo. 5. Progetto Laboratorio Aperto UNICT (Misure di Fisica). Interessa gli alunni della classe 5 a A del Liceo Classico Europeo. Coordinatrice: prof.ssa Lizzio. 6. Progetto Lauree Scientifiche. In collaborazione con UNICT Dipartimento di Fisica (MIUR Regione). Interessa gli alunni delle classi 3 a, 4 a e 5 a del Liceo Classico Europeo. Coordinatrice: prof.ssa Lizzio. 7. Progetto Gara di Italiano. Interessa gli alunni del Liceo Classico Europeo. Coordinatrici: prof.sse Calderone, Pandolfo. 8. Progetto Verso le eccellenze. Interessa gli alunni delle classi 4 a A e 5 a A del Liceo Classico Europeo. Coordinatrice: prof.ssa Di Maria. 9. Progetto Concorso scrittura in lingua Francese. Interessa gli alunni delle classi 2 a A, 2 a B e 4 a A del Liceo Classico Europeo. Coordinatrice: prof.ssa Reache. 10. Progetto ESP La nuova Frontiera. Interessa gli alunni del Liceo Classico Europeo. Coordinatore: prof. Longworth. 11. Progetto Settimana contro la violenza Interessa gli alunni del triennio del Liceo Classico Europeo. Coordinatrice: prof.ssa Reache. 12. Progetto: Premio Teresa Puglisi. Interessa gli alunni delle classi 4 a e 5 a Elementare e gli alunni della Scuola Media. Coordinatrice: prof.ssa Lo Cicero. 13. Progetto Educazione alla legalità. Interessa gli alunni della Scuola Media. Coordinatrici: prof.sse di lettere. 14. Progetto Educazione alla salute. Interessa gli alunni dei tre ordini di Scuola. Coordinatrici: prof.sse Failla e Lo Cicero. 15. Progetto Educazione ambientale. Interessa gli alunni dei tre ordini di Scuola. Coordinatrici: prof.sse Failla e Lo Cicero. 16. Progetto Mettiamoci in gioco. Interessa gli alunni della classe 3 a della Scuola Elementare. Coordinatrice: prof.ssa Forno.

8 8 17. Progetto L'aristocrazia del pensiero della dell'800. Interessa tutti gli alunni del Convitto. Coordinatrici: prof.sse Aliberti, Bisignano, Costa, Giannetto, Lo Cicero, Munda. 3. AREA DELLE RELAZIONI INTERPERSONALI, TRA NAZIONI, TRA UOMO E AMBIENTE, TRA CULTURE ED ETNIE DIVERSE. 1. Progetto Scambio culturale -Rennes. Interessa gli alunni delle classi 3 a A, 3 a B, e 4 a A del Liceo Classico Europeo. Coordinatori: prof.ri Barbà e Scuderi. 2. Progetto Scambio culturale -Varsavia. Interessa gli alunni delle classi 3 a A, 3 a B, e 4 a A del Liceo Classico Europeo. Coordinatrice: prof.ssa La Naia. 3. Progetto 7 Convittiadi. Interessa gli alunni delle classi 1 a A, 1 a B, 1 a C, 2 a A, 2 a B, 2 a C della Scuola Media, 1 a A, 2 a A, 1 a B 2 a B del Liceo Classico Europeo. Coordinatrice: prof.ssa Di Maria. 4. Progetto Attività di Educazione Stradale (D.Leg. 30/4/1992 n. 285 art. 230). Interessa gli alunni delle classi 1 a A, 2 a A, 1 a B e 21 a B del Liceo Classico Europeo. Coordinatore: prof. Amato. 5. Progetto Trofeo Mario Nicotra. Interessa gli alunni del Liceo Classico Europeo. Coordinatrice: prof.ssa Terranova. 6. Progetto Torneo calcio a 5 Mario Nicotra. Interessa gli alunni della Scuola Media. Coordinatore: prof. Fiorenza. 7. Progetto I giovani e l Europeo. Interessa 3-5 alunni del triennio del Liceo Classico Europeo. Coordinatore: prof. Condorelli 8. Progetto NHSMUN Progetto Nazioni Unite. Interessa gli alunni del Liceo Classico Europeo. Coordinatrice: prof.ssa Alabiso. 9. Progetto Premio poesia Cammarata. Interessa gli alunni dei tre ordini di scuola. Coordinatrice: prof.ssa Nigro. 10. Progetto La Scuola e la Filatelia. Interessa gli alunni del Liceo Classico Europeo. Coordinatore: prof. Amato. 11. Progetto Open Horizon. Interessa gli alunni delle classi 4 a A e 5 a A del Liceo Classico Europeo. Coordinatrice: prof.ssa Di Maria. 12. Progetto Recupero di Italiano per alunni stranieri. Interessa gli alunni della Scuola Media. Coordinatrici: prof.sse Aliberti, Bisignano, Costa. 4. AREA DELLE PROFESSIONALITÀ 1. Progetto Pedagogico di Orientamento scolastico-professionale. Interessa gli alunni delle classi 2 a e 3 a media e delle classi 4 a e 5 a Liceo Classico Europeo. Coordinatrici: prof.sse Alabiso, Bisignano, Calderone, Diana, Di Maria, Garozzo, Lo Cicero. 2. Progetto Aprire il Convitto alle terze Medie del Territorio. Coordinatrici: prof.sse Borzì, Calderone, Di Maria, Lo Cicero, Nigro. 3. Progetto Aprire il Convitto alle quinte Elementari del Territorio. Coordinatrici: prof.sse Bisignano, Catalano, Lo Cicero. RISORSE INTERNE ED ESTERNE ALLA SCUOLA RISORSE INTERNE A) Risorse umane e professionali Nell Istituto operano 101 unità di personale qualificato, così articolato: o Preside o Docenti: scuola elementare (9), media (21) liceo (26);

9 9 o Educatori: 10 o Personale ATA: 31 B) Risorse strumentali o Laboratorio linguistico (responsabile: prof.ssa Garozzo); o N. 1 Laboratorio di informatica, n. 1 Laboratorio di fisica (responsabile: prof.ssa Lizzio, docente di Matematica e Fisica); o N. 2 Laboratori di informatica (responsabile: prof.ssa Lo Cicero, docente di Scienze Matematiche, Chimiche, Fisiche e Naturali); o N. 1 Laboratorio mobile di Scienze Naturali e lingue (responsabile: prof.ssa Lo Cicero, docente di Scienze Matematiche, Chimiche, Fisiche e Naturali); o Laboratorio di chimica (responsabile: prof.ssa Failla, docente di Scienze Naturali); o Biblioteca d Istituto (responsabile: prof.ssa Caltabiano, docente di Lingue e letterature classiche); o Biblioteca Convitto (responsabile: prof.ssa Di Maria, educatrice); o Emeroteca; o Sala per conversazioni e incontri; o Sala multimediale con collegamento Internet; o Sala progettazione esperienze di fisica; o Sala di proiezione; o Strumenti audiovisivi lavagne interattive, lavagne luminose, episcopio, proiettori di dispositive, diapositive, fotocopiatrici, videocassette, musicassette, filmini, fax, computer, convertitore PAL/VGA, stampanti, scanner, macchina fotografica digitale, videocamera, telecamera per teleconferenze, antenna parabolica; Televisore, videoproiettore, notebook. o Palestra. COMITATO DI GARANZIA: prof. Erick Barbà, Giovanna Munda, Agata Pandolfo RISORSE ESTERNE o Sistemi informativi e di comunicazione del territorio a disposizione della Scuola. o Disponibilità di esperti sulle tematiche ambientali, salute e orientamento. INFORMAZIONI GENERALI Scuola elementare Scuola Media Liceo Classico Europeo Indirizzo: Via Vittorio Emanuele n. 56 C.A.P Telef Fax Codice Fiscale Il Rettore Preside, prof. Giuseppe Sciuto, riceve lunedì dalle ore 09:00 alle ore 11:00 - Il Vice Preside, prof.ssa Emanuela Lo Cicero, riceve nei giorni di mercoledì dalle ore 10:00 alle ore 11:00 e venerdì dalle ore 11:00 alle ore 12:00

10 10 - Gli insegnanti ricevono singolarmente i genitori una volta alla settimana secondo quadro orario e collegialmente secondo il calendario. - Secondo Collaboratore prof.ssa Maria Luisa Lizzio. - Coordinatrice per la didattica della Scuola Elementare prof.ssa Fabiana Verona. Addetti ai vari settori: - Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi Vicario - sig.ra Carmela Cavallaro - Ufficio personale e Amministrazione - sig.re Giliberto Santa e Maria Rosaria Maccarrone - Didattica alunni - sig.ra Rosaria Aprile - Protocollo sig. Rossano Petralia - Magazzino Scuole - sig. Rossano Petralia - Contabilità - sig.ra Maria Grazia Grasso - Negoziazione - sig.ra Elena Castorina In attuazione di quanto predisposto dall art. 50 del C.C.N.L. e in attuazione dell art. 36 comma 4 del C.C.N.L. pare opportuno - nel quadro normativo del POF - definire le linee progettuali dirette alla valorizzazione della professionalità del personale A.T.A. nelle scuole interne statali annesse al Convitto Nazionale M. Cutelli di. In coerenza con le disposizioni dell art. 33 del C.C.N.L. che prevede l adozione delle sotto elencate tipologie di orario che possono coesistere tra loro in funzione degli obiettivi definiti da ogni singolo Istituto: a) orario di lavoro flessibile b) orario plurisettimanale c) turnazione sono individuate le probabili funzioni aggiuntive rispetto a quelle proprie di ciascun profilo: Il personale assistente amministrativo individuato dalla graduatoria di Istituto svolgerà - d intesa con il Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi - attività di coordinamento degli addetti nei settori omogenei, in considerazione dell unico ufficio di segreteria previsto per i tre ordini di scuola. In aggiunta all attività di cui sopra collaborerà direttamente con il Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi e lo sostituirà in caso di assenza o impedimento. Il personale assistente tecnico, assegnato al Liceo Classico Europeo, compatibilmente agli impegni d ufficio, svolgerà, altresì, attività di supporto al personale docente del Convitto nella gestione dei laboratori e curerà con il docente incaricato il piano degli acquisti. Il personale collaboratore scolastico attiene, oltre alle funzioni di supporto all attività amministrativa e didattica utilizzando le apparecchiature in dotazione (fotocopiatori, duplicatori, ecc.), alla piccola manutenzione dei beni mobili ed immobili (lavori di falegnameria, idraulica, meccanica, carpenteria, muratura, etc.). DATI SULLE SCUOLE ANNESSE PER L ANNO SCOLASTICO Ripartizione degli allievi Scuola Elementare 71 Scuola Media 189 Liceo Classico Europeo 165

11 11 Allievi semiconvittori Numero delle classi Numero dei docenti Scuola Elementare 9 Scuola Media 7 Liceo Classico Europeo 165 Scuola Elementare 4 Scuola Media 9 Liceo Classico Europeo 8 Scuola Elementare 9 Scuola Media 21 Liceo Classico Europeo 26 Numero educatori 10 Unità Personale ATA 31 STRUMENTI PER LA VALUTAZIONE Il Convitto ha messo a punto alcune schede di valutazione e di auto valutazione necessarie nel reperimento di informazioni per porre correttivi nella progettazione in itinere e per lo sviluppo delle scelte del POF. Si riporta l elenco: - SCHEDA PER LA RILEVAZIONE DELLA PARTECIPAZIONE E CONDIVISIONE DEL POF - SCHEDA DI VERIFICA SULLA CONOSCENZA DEL POF DA SOTTOPORRE A DOCENTI, EDUCATORI, GENITORI, ALUNNI E PERSONALE ATA - QUESTIONARIO PER I DOCENTI SULLE STRATEGIE METODOLOGICHE ADOTTATE - SCHEDA RILEVAZIONE DATI SULLA COERENZA DEL POF - SCHEDA RILEVAZIONE DATI SULL AZIONE PLURIDISCIPLINARE - SCHEDA PER LA RILEVAZIONE DEI PROGETTI REALIZZATI ESEMPIO DI QUESTIONARIO PER ANALISI DEI BISOGNI DEGLI STUDENTI ETÀ SESSO CLASSE QUANTE ORE DEDICHI ALLO STUDIO? IN QUALI DISCIPLINE INCONTRI MAGGIORI DIFFICOLTÀ? RITIENI CHE LA RESPONSABILITÀ PRINCIPALE DELLE DIFFICOLTÀ NELLO STUDIO SIA DA IMPUTARE A: 1. LACUNE PREGRESSE 2. POCO TEMPO DISPONIBILE PER LO STUDIO 3. STANCHEZZA PSICOFISICA 4. SVOGLIATEZZA 5. SCARSO INTERESSE PER ALCUNE DISCIPLINE 6. INADEGUATEZZA DEL LIBRO DI TESTO 7. CARENZA DI SPAZI E DI STRUMENTI ADEGUATI ALLE ESIGENZE DELLO STUDIO 8. ALTRO... COSA VUOI CHE CAMBI NELLA SCUOLA PER VIVERLA IN TERMINI PIÙ FUNZIONALI ALLE TUE SIGENZE? 1. L ORGANIZZAZIONE DELL ORARIO 2. IL METODO O I METODI DI INSEGNAMENTO 3. L ORGANIZZAZIONE DEL GRUPPO CLASSE

12 12 4. L ORGANIZZAZIONE DEGLI SPAZI 5. ALTRO QUALI SONO I TUOI INTERESSI EXTRA SCOLASTICI? 1. SPORT (QUALE?) 2. LETTURE (QUALI?) 3. VOLONTARIATO 4. DISCOTECA 5. ALTRO... AGEVOLAZIONI Grazie alla convenzione accesa con l INPDAP in favore dei figli dei dipendenti di Stato il Convitto applica una riduzione, del costo della retta, per convittori e semiconvittori. VIAGGI D ISTRUZIONE Le visite guidate e i viaggi d istruzione non hanno finalità meramente ricreative o di evasione dagli impegni scolastici; vengono perciò effettuate nel rispetto delle disposizioni ministeriali e hanno finalità culturali e didattiche, connesse con l indirizzo di studi e devono avvenire, di norma, entro il 30 aprile di ciascun anno scolastico. Particolare importanza rivestono le visite guidate e i viaggi d istruzione, pertanto è indispensabile che siano ben preparati e guidati da docenti esperti e interessati alla riuscita dell iniziativa. Norme di regolamentazione delle attività: - all inizio dell anno scolastico il Collegio dei docenti nomina una Commissione con il compito di programmare, fra le attività extra scolastiche, le visite guidate, i viaggi d istruzione e gli scambi culturali; - la Commissione ha in compito di predisporre un piano annuale di visite e viaggi articolati per classi parallele; - di norma le uscite più lunghe sono riservate alle classi terminali; - il piano annuale di attività, come l inserimento di tali attività nel POF, è approvato entro il mese di dicembre, salvo nuove disposizioni, dagli Organi collegiali (Consiglio di classe, Collegio dei docenti, Consiglio d Istituto). Prima dell approvazione del Consiglio d Istituto, il Preside, valutate le proposte della Commissione, sceglie i docenti che accompagneranno le classi. Di norma un docente per classe. Il criterio di scelta privilegerà la rotazione, l impegno dimostrato nella preparazione del viaggio, la disponibilità manifestata dal docente: - alle attività partecipano gli alunni che, entro i termini fissati dalla Commissione, hanno l autorizzazione firmata dai genitori con allegata la quota di partecipazione; - per la partecipazione della classe deve esserci l adesione di almeno 2/3 degli iscritti.

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Allegato parte integrante regolamento PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Regolamento per l inserimento e l integrazione degli studenti stranieri nel sistema educativo provinciale (articolo 75 della legge provinciale

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI DISABILI All.9 POF 2015-2016 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI DISABILI Il Protocollo di Accoglienza è il documento che predispone e organizza le modalità che l Istituto intende seguire relativamente all

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI VIA MONTE SUELLO, 2 25128 BRESCIA tel. 030-304924 - fax 030-396105 E-MAIL: bscalini@ provincia.brescia.it LICEO STATALE B R E S C I A SCIENTIFICO A. CALINI via Monte

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR) Prot. n. 4723/A01 Cassino 19 settembre2015 Ai docenti dell istituto comprensivo Loro sedi Atti Oggetto: indicazioni e chiarimenti in merito al POF 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Vista la L. n.107/2015

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI FINALITÀ Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è una guida dettagliata d informazione riguardante l integrazione degli alunni

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

VITTORIO EMANUELE II

VITTORIO EMANUELE II LICEO CLASSICO STATALE VITTORIO EMANUELE II DISTRETTO SCOLASTICO N 1/39 PALERMO SEDE CENTRALE : VIA SIMONE DI BOLOGNA SUCCURSALE : VIA DEL GIUSINO P IANO DELL O FFERTA 2011-2012 F ORMATIVA Conoscenza

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità Istituto Comprensivo Statale Lorenzo Bartolini di Vaiano Piano dell Offerta Formativa Scheda di progetto Progetto 5 Formazione, discipline e continuità I momenti dedicati all aggiornamento e all autoaggiornamento

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale ADELAIDE RISTORI Via L. D Alagno, 16-80138 Napoli

Istituto Comprensivo Statale ADELAIDE RISTORI Via L. D Alagno, 16-80138 Napoli Prot.2429/O Napoli 28.09.2015 Al Collegio Docenti Alla DSGA All Albo AL SITO WEB IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTI il D.P.R. n.297/94 ; il D.P.R. n. 275/99; il D.P.R. 20 MARZO 2009, N.89, recante Revisione

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

1. LINEE D INDIRIZZO

1. LINEE D INDIRIZZO Liceo Scientifico Statale Giovanni Marinelli Viale Leonardo da Vinci, 4-33100 UDINE tel. 0432/46938 - fax 0432/471803 - C.F. 80006880308 anno scolastico 2015/16 1. LINEE D INDIRIZZO 1.1 Indirizzi generali

Dettagli

E-Mail: parentucelli@hotmail.com. http://www.parentucelli.com

E-Mail: parentucelli@hotmail.com. http://www.parentucelli.com 0187610831 E-Mail: parentucelli@hotmail.com http://www.parentucelli.com Gli ambienti Laboratori multimediali Informatico Linguistico Nuove Tecnologie Gli ambienti I Laboratori di Scienze Chimica Biologia

Dettagli

L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado.

L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado. Offerta formativa L istituto comprensivo include : quattro scuole dell infanzia due plessi di scuola primaria la scuola secondaria di primo grado Vi operano Il dirigente scolastico La collaboratrice del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA. Estratto del POF

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA. Estratto del POF ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA Estratto del POF La scuola, come ambiente educativo di apprendimento, luogo di convivenza democratica, deve offrire un clima sociale positivo ed essere

Dettagli

Direzione Didattica Statale di Caluso. Protocollo d accoglienza per alunni stranieri.

Direzione Didattica Statale di Caluso. Protocollo d accoglienza per alunni stranieri. Direzione Didattica Statale di Caluso Protocollo d accoglienza per alunni stranieri. 1 Indice Premessa Finalità Contenuti Prima fase di accoglienza : - domanda di iscrizione; - compiti della segreteria.

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA BAROLO

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA BAROLO CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA BAROLO L ISTITUZIONE SCOLASTICA E IL NUOVO SISTEMA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE L Istituzione Scolastica ha proceduto alla definizione del proprio Curricolo operando l essenzializzazione

Dettagli

Istituto Comprensivo G. Rovani. Scuola Primaria Rovani. Scuola Primaria XXV Aprile

Istituto Comprensivo G. Rovani. Scuola Primaria Rovani. Scuola Primaria XXV Aprile Istituto Comprensivo G. Rovani Scuola Primaria Rovani Scuola Primaria XXV Aprile 15 gennaio 2015 Presentazione Scuola Primaria Le finalità della proposta formativa (dal POF della scuola) 1. Istruzione

Dettagli

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22 Al Collegio dei Docenti E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Oggetto : Pubblicazione Atto di Indirizzo del Dirigente Scolastico per la predisposizione

Dettagli

ISCRIZIONI. Convitto Nazionale Pietro Longone. via degli Olivetani, 9 - Milano. anno scolastico 2015-2016. presentazione del 28 NOVEMBRE 2014

ISCRIZIONI. Convitto Nazionale Pietro Longone. via degli Olivetani, 9 - Milano. anno scolastico 2015-2016. presentazione del 28 NOVEMBRE 2014 Convitto Nazionale Pietro Longone via degli Olivetani, 9 - Milano ISCRIZIONI anno scolastico 2015-2016 presentazione del 28 NOVEMBRE 2014 Convitto Nazionale Pietro Longone via degli Olivetani, 9 - Milano

Dettagli

Piano Offerta formativa 2009-2010 AREA 1: RIDUZIONE DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA

Piano Offerta formativa 2009-2010 AREA 1: RIDUZIONE DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA Piano Offerta formativa 2009-2010 AREA 1: RIDUZIONE DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA 1.1 Attività di recupero e sostegno In ottemperanza con le i disposizioni ministeriali e proseguendo sulla linea da anni

Dettagli

ROSINA SALVO 2015/2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE. Trapani. piano offerta formativa. piano offerta formativa

ROSINA SALVO 2015/2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE. Trapani. piano offerta formativa. piano offerta formativa P.O.F. piano offerta formativa piano offerta formativa / LICEO LINGUISTICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO LICEO ARTISTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE ROSINA SALVO Trapani P.O.F

Dettagli

Questionario di autovalutazione dei docenti

Questionario di autovalutazione dei docenti Questionario di autovalutazione dei docenti INDAGINE CONOSCITIVA 1. AREA PERSONALE 1 2 3 4 5 (1=non so; 2=per nulla; 3=poco; 4=abbastanza; 4=molto) Sei soddisfatto del lavoro che svolgi Ti senti parte

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado Piano Annuale per l Inclusività A.S. 2013/14 L I.C. Tivoli 2 A.Baccelli pone particolare attenzione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

Oberdan: la strada per il mio futuro. Liceo. Tecnico economico. Istituto Statale di Istruzione Superiore G. Oberdan Treviglio

Oberdan: la strada per il mio futuro. Liceo. Tecnico economico. Istituto Statale di Istruzione Superiore G. Oberdan Treviglio Istituto Statale di Istruzione Superiore G. Oberdan Treviglio Oberdan: la strada per il mio futuro Liceo Liceo delle Scienze Umane Liceo Economico Sociale (LES) Tecnico economico Amministrazione, finanza

Dettagli

Piano dell Offerta Formativa

Piano dell Offerta Formativa Liceo Classico MEGARA Sezione Scientifica annessa Augusta (SR) Piano dell Offerta Formativa Anno Scolastico 2014/2015 Il Liceo MEGARA è una scuola profondamente radicata nella realtà territoriale di Augusta

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo. Piano dell offerta formativa

Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo. Piano dell offerta formativa Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo Piano dell offerta formativa Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo I PROGETTI DIDATTICI INDIRIZZI GENERALI DELLA SCUOLA LE STRUTTURE IL CURRICOLO P.O.F

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Galileo Galilei Catania

Liceo Scientifico Statale Galileo Galilei Catania Liceo Scientifico Statale Galileo Galilei Catania Piano dell Offerta Formativa Illustrazione di copertina Fabio Manfrè Una buona scuola sa costruire trame di alleanze educative tra docenti, studenti

Dettagli

Sintesi del Piano dell Offerta Formativa

Sintesi del Piano dell Offerta Formativa Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale «ALESSANDRO VOLTA» Sintesi del Piano dell Offerta Formativa SCUOLA PRIMARIA Dirigente Scolastico Prof. Incoronata

Dettagli

Anno Scolastico 2015-2016

Anno Scolastico 2015-2016 Scuola Secondaria di Primo Grado Giovanni Pascoli Via Tagliamonte, 21 80058 Torre Annunziata (Na) POF Anno Scolastico 2015-2016 PREMESSA L istituzione scolastica effettua la programmazione triennale dell

Dettagli

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S.

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. NUOVO PONTE DI NONA - VIA GASTINELLI N. 58-00132 ROMA TEL. 06/22180417- fax: 06/22188121 C.M.RMIC8CR006

Dettagli

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Liceo Artistico Statale Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Via della Rocca,7-10123 Torino - Tel.: 011.8177377 - Fax: 011.8127290 Mail: istpassoni@tin.it - sito web: http://www.lapassoni.it 1 2 Liceo

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE

Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE Scuola dell Infanzia Paola di Rosa Scuola Primaria San Giuseppe La vera educazione è apertura alla realtà nella sua ricchezza la scuola è

Dettagli

Piano Offerta Formativa

Piano Offerta Formativa Piano Offerta Formativa ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via Venezia,15 San Giovanni Teatino Chieti I plessi Scuola dell'infanzia Dragonara Scuola

Dettagli

(Collegio Docenti del / /2012)

(Collegio Docenti del / /2012) Codice Fiscale: 80014050357 CM: CMRETD02000L Vìa Prati, 2 42015 Correggio (RE) Tel. 0522 693271 Fax 0522 632119 Sito Web: www.einaudicorreggio.gov.it e mail: info@einaudicorreggio.gov.it e mail certificata:

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Scuola _I.C. NOLE CAN.SE (TO) a.s._2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "EMANUELE MORSELLI INDIRIZZI: CHIMICO - ELETTROTECNICA - MECCANICA E MECCATRONICA- AGRARIA,AGROALIMENTARE E AGROINDUSTRIA ELETTRONICA- INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

Progetto Educativo d Istituto

Progetto Educativo d Istituto LICEO SCIENTIFICO Paritario LICEO delle SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Paritario ISAAC NEWTON Progetto Educativo d Istituto P.E.I. A.S. 2014/2015 0 INDICE 1. Introduzione. pag. 2 2. Finalità e

Dettagli

PROFILO DEL LICEO LINGUISTICO. Il percorso del liceo linguistico è indirizzato allo studio di più sistemi linguistici e culturali.

PROFILO DEL LICEO LINGUISTICO. Il percorso del liceo linguistico è indirizzato allo studio di più sistemi linguistici e culturali. PROFILO DEL LICEO LINGUISTICO Il percorso del liceo linguistico è indirizzato allo studio di più sistemi linguistici e culturali. COSA RICHIEDE IL LICEO LINGUISTICO? Curiosità intellettuale Interesse nei

Dettagli

Allegato A) 1. PREMESSA

Allegato A) 1. PREMESSA Delibera N. 1193 del 10.04.2006 Riforma scolastica nelle scuole primarie e secondarie di primo grado in lingua italiana. Anno scolastico 2006/200 (modificata con delibera n. 4926 vom 29.12.2006) omissis

Dettagli

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE CURRICOLO Il Curricolo è il complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che una scuola intenzionalmente progetta e realizza per gli alunni al fine di conseguire le mete formative desiderate.

Dettagli

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga,

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, fertile in avventure e in esperienze.... Sempre devi avere in mente Itaca raggiungerla

Dettagli

Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari.

Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari. H A N D I C A P E S C U O L A Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari. L INTEGRAZIONE DELLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP L art. 3 della

Dettagli

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO Prof. Paola Perrone PREMESSA Nell attuale contesto storico, che ha acquisito la tematica europea dell orientamento lungo

Dettagli

Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili

Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili INCLUSIVITÀ a Integrazione del disagio Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili Il POF d istituto riconosce pienamente il modello d istruzione italiano in termini

Dettagli

Protocollo per l accoglienza degli alunni stranieri

Protocollo per l accoglienza degli alunni stranieri LICEO G. MARCONI San Miniato Pisa Protocollo per l accoglienza degli alunni stranieri Questo documento intende presentare una modalità corretta e pianificata con la quale affrontare e facilitare l inserimento

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO Tel. 031. 607321 - E-mail: sms.inverigo@tiscali.it - Sito: www.icsinverigo.gov.it Direzione e Segreteria dell Istituto Comprensivo: Via

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI SCUOLA MEDIA ARMANDO DIAZ OLBIA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI PREMESSA Da alcuni anni la nostra scuola è frequentata da alunni stranieri provenienti da paesi europei ed extraeuropei, da

Dettagli

COSA OFFRE IL PASCAL?

COSA OFFRE IL PASCAL? I. INDICE RAGIONATO COS E IL PASCAL? UN ISTITUTO ORGANIZZATO IN: 4 indirizzi sperimentali: - Informatico (Indirizzo Tecnico) - Linguistico (Indirizzo Tecnico) - Grafico-Beni Culturali (Liceo artistico)

Dettagli

DIPLOMATO SISTEMA MODA ARTICOLAZIONE CALZATURE E MODA

DIPLOMATO SISTEMA MODA ARTICOLAZIONE CALZATURE E MODA DIPLOMATO SISTEMA MODA ARTICOLAZIONE CALZATURE E MODA PROFILO PROFESSIONALE Il Diplomato nell Indirizzo "Sistema Moda" ha competenze specifiche nell ambito delle diverse realtà ideativo-creative, progettuali,

Dettagli

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi Area di Riferimento 1 Gestione POF Riscrittura del POF alla luce delle innovazioni normative e dei bisogni formativi attuali, sia interni che del territorio Monitoraggio in itinere dell attuazione del

Dettagli

A tutti i genitori degli alunni e delle alunne delle classi quinte della Scuola primaria

A tutti i genitori degli alunni e delle alunne delle classi quinte della Scuola primaria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOTTICINO Via Udine, 6 25080 Botticino Mattina - CF 80064290176 - Tel. 030 2693113 Fax: 030 2191205 email: ddbottic@provincia.brescia.it

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA MOD. A04 Allegato n. 4 al P.O.F. PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA Punti del documento: - Dichiarazione d intenti - Premessa - Obiettivi - Procedure e Strategie - Soggetti coinvolti - Prassi condivise.

Dettagli

LICEO ARTISTICO DI VERONA CORSO SERALE

LICEO ARTISTICO DI VERONA CORSO SERALE LICEO ARTISTICO DI VERONA CORSO SERALE Premessa Il CORSO SERALE del Liceo Artistico statale di Verona Nani Boccioni, che prende avvio nell a.s. 2014/15, intende rispondere ai bisogni di un utenza particolare,

Dettagli

SCUOLA E TERRITORIO LINEE DI INDIRIZZO PER UNA FATTIVA COLLABORAZIONE

SCUOLA E TERRITORIO LINEE DI INDIRIZZO PER UNA FATTIVA COLLABORAZIONE 21 SCUOLA E TERRITORIO LINEE DI INDIRIZZO PER UNA FATTIVA COLLABORAZIONE Il servizio offerto dalle Scuole dell Istituto Comprensivo si è caratterizzato negli anni anche per una diversificata ed organica

Dettagli

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Piano Annuale per l Inclusione 2015/16 1. FINALITA GENERALE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge 104/92 Legge

Dettagli

DISCIPLINE INSEGNATE MONTE ORE SETTIMANALE PER DISCIPLINA ITALIANO - STORIA - GEOGRAFIA - LATINO

DISCIPLINE INSEGNATE MONTE ORE SETTIMANALE PER DISCIPLINA ITALIANO - STORIA - GEOGRAFIA - LATINO OFFERTA FORMATIVA La Scuola Secondaria di 1 Grado - nel rispetto del Regolamento relativo all assetto ordinamentale, organizzativo e didattico art. 64 D.L. 25 giugno 2008 n. 112, convertito dalla Legge

Dettagli

Prot. n. 6408/C23 Viareggio 13 novembre 2015

Prot. n. 6408/C23 Viareggio 13 novembre 2015 Prot. n. 6408/C23 Viareggio 13 novembre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola)

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) Docente di: scuola infanzia scuola primaria scuola secondaria I Professionalità dei docenti Programmazione e valutazione

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale G.Rodari Via Aquileia, 1 20021 Baranzate (MI) Tel/fax 02-3561839 Cod. Fiscale 80126410150 Cod. meccanografico MIIC8A900C

Dettagli

Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Obiettivi del progetto per l anno scolastico 2012/13

Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Obiettivi del progetto per l anno scolastico 2012/13 Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Obiettivi del progetto per l anno scolastico 2012/13 Liceo classico Il percorso del liceo classico è indirizzato allo studio della civiltà classica e della

Dettagli

Liceo statale delle Scienze umane A. Sanvitale

Liceo statale delle Scienze umane A. Sanvitale Liceo statale delle Scienze umane A. Sanvitale Piazzale San Sepolcro, 4100 Parma Tel. 051/8176 Fax 051/0641 e-mail albertina@sanvitale.net Web www.sanvitale.net Dove siamo Sede: Piazzale San Sepolcro,

Dettagli

Anno scolastico 2008/09

Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO AZZANO SAN PAOLO Il presente opuscolo, che racchiude le linee programmatiche essenziali utili ad identificare la nostra scuola, costituisce una sintesi del Piano dell Offerta Formativa;

Dettagli

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO Castiglione delle Stiviere, 05/10/2015 Prot. n. 9298/C6 Al Collegio dei Docenti Alla DSGA All albo E p.c. al Consiglio di Istituto Oggetto: ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

Istruzione professionale:

Istruzione professionale: Istruzione professionale: DUE BIENNI + QUINTO ANNO - ESAME DI STATO - ACCESSO AI CORSI UNIVERSITARI Indirizzi attivi: Servizi Commerciali dal terzo anno è possibile anche scegliere Servizi Socio-Sanitari

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO DELLE SCIENZE UMANE (Potenziamento Linguistico - Antropologico) Il Liceo delle Scienze Umane completa la formazione umanistica con materie relative all area psicologica, sociale e formativa allo

Dettagli

PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA. Motivazioni e criteri di riferimento

PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA. Motivazioni e criteri di riferimento 1 PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA Motivazioni e criteri di riferimento La formazione completa degli insegnanti sul piano universitario rimanda alla necessità di tenere presente che nel definire

Dettagli

IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA MIUR

IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA MIUR Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA MIUR E LA SOCIETA DANTE ALIGHIERI Protocollo d'intesa Tra

Dettagli

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Anno Scolastico 2012/2013 [[[Nessun bambino può essere considerato straniero, laddove ci si occupa di educazione, di trasmissione di valori, di conoscenze

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA Il progetto si propone di avvicinare i ragazzi al mondo del cinema con un approccio ludico

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. Situazione iniziale Anno Scolastico

Dettagli

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione)

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) CONCORSO DOCENTI Premio nazionale per docenti Didattica del REACH e del CLP Seconda edizione Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) Concorso nazionale per

Dettagli

Progetto scuole in aree a forte processo immigratorio a.s. 2011/12

Progetto scuole in aree a forte processo immigratorio a.s. 2011/12 : E VALUTAZIONE PREVISIONE DI PES SPESA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ist. Sec. di I Grado VIA VOLTA VIA BATTISTI Via Volta,13-20093 Cologno (MI) Tel. 0225492649-022543060

Dettagli

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia gli alunni che i genitori apprezzano: - competenze e

Dettagli

LICEO ARTISTICO STATALE P.CANDIANI -BUSTO ARSIZIO-a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione

LICEO ARTISTICO STATALE P.CANDIANI -BUSTO ARSIZIO-a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione LICEO ARTISTICO STATALE P.CANDIANI -BUSTO ARZIO-a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità (nell anno scolastico 2013/2014) A. Rilevazione dei BES presenti:

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE I.I.S. Federico II di Svevia PROGRAMMAZIONE DI CLASSE a. s. 2013-2014 classe VB docente coordinatore Prof.ssa Teresa CARUSO La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE. ATTIVITA di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE. ATTIVITA di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA I tre ordini di scuola, in accordo fra loro per garantire una continuità dalla scuola dell Infanzia alla scuola Superiore

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA Anno scolastico 2014-2015 LE NOSTRE SCUOLE scuola dell infanzia FUTURA scuola primaria GIOVANNI XXIII scuola secondaria 1^ grado GIUSEPPE

Dettagli

LICEO CLASSICO LORENZO COSTA

LICEO CLASSICO LORENZO COSTA LICEO CLASSICO LORENZO COSTA La Spezia Piazza G. Verdi, 15 Tel 0187 734520 Il passato ti appartiene......costruisci il tuo futuro! IL NOSTRO LICEO da più di cento anni una presenza significativa nella

Dettagli

IL CONSIGLIO DI CLASSE

IL CONSIGLIO DI CLASSE Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO XXV APRILE Via Gramsci, 2-4 6 01033 CIVITA CASTELLANA (VT) Tel. 0761513060 Fax. 0761513362

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2015/2016 MOTIVAZIONE La continuità didattica è parte determinante del processo

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Istituzione scolastica dotata di personalità giuridica Decreto del Direttore Generale dell Ufficio Scolastico Regionale del F.V.G. del 25 gennaio 2012 - prot. n.

Dettagli