Istituto Comprensivo di Scuola Materna Elementare e Media di MOROZZO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto Comprensivo di Scuola Materna Elementare e Media di MOROZZO"

Transcript

1 Istituto Comprensivo di Scuola Materna Elementare e Media di MOROZZO Via L. Eula, Morozzo - tel fax indirizzo web: PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Il Piano dell Offerta Formativa E la carta identificativa dell Istituto; rappresenta la risposta complessiva ai bisogni formativi ed alle esigenze di diritto allo studio e all istruzione provenienti dall utenza. 1- L ISTITUTO Siamo un Istituto Comprensivo che riunisce in una stessa organizzazione cinque scuole dell'infanzia, cinque della primaria e tre della secondaria di primo grado, vicine fra loro come collocazione nel territorio. Ciò Consente di migliorare la continuità tra i diversi gradi scolastici. Gli alunni hanno l opportunità di essere coinvolti in un percorso educativo unitario dalla scuola dell infanzia fini alla secondaria di I grado. Le famiglie hanno il vantaggio di potersi relazionare con la stessa istituzione scolastica dall ingresso del proprio figlio nella scuola fino al termine della media. Un Istituto Comprensivo crea proficua continuità orizzontale, intesa come sviluppo di relazioni e sinergie tra scuola e territorio di appartenenza (ente locale,associazionismo,...). 1

2 2-LA MISSION DELL ISTITUTO ACCOGLIERE, FORMARE, ORIENTARE TRA ESPERIENZA E INNOVAZIONE Supportare ciascun alunno nelle sue esigenze formative e didattiche, accompagnandolo nel passaggio da un ordine di scuola a quello successivo, con particolare attenzione al momento dell ingresso nella scuola e all atto della scelta del percorso scolastico futuro così che i nostri alunni si sentano al centro dell attività scolastica e protagonisti di un progetto globale volto alla loro crescita; individuare e soddisfare i bisogni culturali dell utenza e di promuovere il successo scolastico di tutti gli studenti con particolare attenzione al sostegno delle varie forme di diversità, di disabilità o di svantaggio; accompagnare l alunno orientandolo nel passaggio da un ordine di scuola a quello successivo creare un ambiente sano e portatore di benessere, la scuola è infatti il luogo di elezione per sviluppare e promuovere benessere, stili di vita sani, cittadinanza attiva,cambiamento nella comunità locale. dialogare attivamente con le famiglie e il territorio per essere una scuola partecipativa, fondata, cioè, sulla collaborazione fra il personale, gli alunni, le loro famiglie, gli enti e le agenzie del territorio all interno dell offerta formativa. costruire progetti in risposta ai bisogni riscontrati e al fine di garantire il diritto dovere all istruzione di tutti i propri allievi e a formulare un ipotesi chiara, praticabile e trasparente di proposta educativa e didattica considerare l autovalutazione come un processo di crescita professionale e utilizzare la valutazione esterna come occasione di miglioramento. costruire una comunità professionale ricca di relazioni, orientata all innovazione e alla condivisione di conoscenze. 2

3 3-ALCUNE PRIORITA UN APPRENDIMENTO PER TUTTI E PER CIASCUNO L A SALUTE E IL BENESSERE per i quali abbiamo ottenuto il marchio SHE che ci inserisce in una rete europea di scuole che promuovono lo star bene a scuola UNA CITTADINANZA ATTIVA E RESPONSABILE L APERTURA AL TERRITORIO, ALL EUROPA E AL MONDO LA CONTINUITA E L ORIENTAMENTO PER SUPPORTARE SCELTE CONSAPEVOLI E MOTIVATE 3

4 4- AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA PROGETTI Nel nostri Istituto i docenti dei singoli plessi hanno elaborato progetti in risposta ai diversi bisogni riscontrati per favorire l apprendimento per tutti e per ciascuno, la salute e il benessere, l apertura al territorio, all Europa e al mondo, la cittadinanza attiva e responsabile, la Continuità e l Orientamento per operare scelte consapevoli e motivate. APPRENDIMENTO PER TUTTI E PER CIASCUNO: Progetto interculturale : Identita e differenza Confrontare realtà culturali diverse e multietniche per conoscere in modo più approfondito usi e costumi degli altri Paesi. Il progetto inoltre si propone di favorire la capacità di comprendere, condividere, aiutare e cooperare, sensibilizzando al rispetto dei valori universali mediante scambi comunicativi che stimolino il pensiero divergente. Scuole coinvolte: tutte le Scuole dell Infanzia dell Istituto in cui sono presenti alunni stranieri. Tempo di realizzazione: durante il corso dell anno scolastico in periodi che si differenziano nelle varie scuole. Progetto Creativamente Conservare l infanzia per tutta la vita vuol dire conservare la curiosità di conoscere, il piacere di capire, la voglia di comunicare, come dice Bruno Munari. Questo progetto si propone di valorizzare la Scuola dell Infanzia come luogo privilegiato per l espressività e la creatività di ogni bambino. 4

5 Ogni bambina ed ogni bambino maturando la propria autostima attraverso il riconoscimento della propria espressività, riscoprirà il gusto del bello e il creare insieme. Scuole coinvolte: tutte le Scuole dell Infanzia dell Istituto. Tempo di realizzazione: durante il corso dell anno scolastico in periodi che si differenziano nelle varie scuole. All'interno di tale progetto, la Scuola dell'infanzia di Morozzo, ed in particolare la sezione A, amplia l'offerta formativa proponendo un'attività specifica a pagamento svolta con il supporto di un esperto esterno nel periodo primaverile. L'attività che ha come tema Multimedialità e creatività, si propone di avvicinare i bambini alle nuove tecnologie, per conoscerne il funzionamento e l'utilizzo in modo creativo. Il progetto verrà avviato in primavera e si articolerà in 5 incontri di due ore, in cui i bambini della classe verranno divisi in due gruppi per la creazione di un cartone animato. Al termine dell'attività sarà prodotto un DVD che verrà regalato alle famiglie. Progetto potenziamento di linguaggi verbali e non verbali in un ottica di continuità : Il progetto si propone di favorire l espressione personale e la comunicazione attraverso linguaggi diversi, rivolto a tutte le classi del plesso delle scuole primaria e secondaria di Beinette. Progetto cucina Cucinando si impara Il progetto si propone di far compiere attivamente ai bambini esperienze di cucina con ingredienti e ricette legati alle attività didattiche proposte durante l anno scolastico (stagioni, feste, ricorrenze ). Scuole coinvolte: tutte le Scuole dell Istituto. Tempo di realizzazione: durante il corso dell anno scolastico. Scuola domiciliare (Beinette) presso il plesso della scuola media di Beinette è stata attivata l Istruzione domiciliare che rappresenta una particolare modalità di esercizio del diritto allo studio che assicura agli alunni impossibilitati alla frequenza, per una malattia documentata, 5

6 l effettiva possibilità di continuare il proprio percorso formativo attraverso azioni individualizzate. Essa consente ad un alunno di prepararsi a casa, con l'aiuto dei servizi sociali, utilizzando il materiale e le indicazioni forniti dagli insegnanti. Sosterrà l'esame di licenza media e gli insegnanti terranno conto del suo percorso e delle sue difficoltà. Progetto integrazione Diversamente uguali per crescere insieme Il progetto si propone di arricchire e qualificare l Offerta Formativa per un adeguato intervento educativo-didattico sui bambini diversamente abili. Scuole coinvolte: Scuola dell Infanzia di Morozzo. Tempo di realizzazione : durante il corso dell anno scolastico. Progetto Integrazione dell handicap Progetto rivolto agli alunni diversamente abili e alle classi in cui sono inseriti. Si intende integrare gli alunni diversamente abili, promuovere attività che favoriscano a socializzazione, la relazionalità, l autonomia e la rielaborazione delle emozioni e degli stati d animo. Recupero per gli alunni con difficoltà di apprendimento e/o stranieri: per fornire le competenze di base nell ambito linguistico, logico-matematico, promuovere attività didattiche differenziate in base al livello di difficoltà; è rivolto tutte le classi. Recupero di italiano e matematica : per recuperare e rinforzare le principali convenzioni ortografiche e grammaticali, per consolidare le abilità logiche e di calcolo matematico; rivolto a alunni extracomunitari e con difficoltà di apprendimento di tutte le classi. Margarita, Morozzo e Beinette Progetto Laboratorio Scuola Formazione Al fine di prevenire e contrastare la dispersione scolastica è stata costituita una rete interistituzionale con il Centro di formazione professionale Cebano Monregalese (capofila), il C.T.P. di Mondovì, le Scuole Medie di Mondovì, l I. C. di Carrù, di Ceva, di Villanova Mondovì, di San Michele, il centro per l impiego di Mondovì-Ceva e il Consorzio per i Servizi Socio- 6

7 assistenziale del Monregalese, per la realizzazione di un laboratorio annuale integrato per studenti di anni iscritti alla Scuola Secondaria di 1 grado, pluriripetenti, che presentano mancanza di motivazione. I ragazzi sono inseriti in un processo di formazione professionale per alcuni giorni della settimana in modo da rimotivarli allo studio ed avviarli al conseguimento,oltre che alla licenza media, anche di un certificato di formazione professionale. Il nostro Istituto partecipa al progetto con due alunni della scuola secondaria di primo grado di Beinette e un alunno di Morozzo Progetto sdoppiamento pluriclasse a Montanera: Il progetto si propone di aumentare le ore di compresenza nella pluriclasse per offrire una didattica individualizzata che consenta a ciascuno il raggiungimento degli obiettivi stabiliti Ore compresenza per incentivare lo studio di gruppo secondo la peer education Progetto La fatica di studiare Attività di aiuto allo studio pomeridiana presso la scuola media di Beinette Progetto "Imparare con le mani: laboratorio di manualità per la ricerca di se stessi attraverso le abilità" Obiettivi: padroneggiare tecniche varie e saper usare attrezzature specifiche; sviluppare le capacità creativa e collaborativa; acquisire maggiori capacità relazionali; riconoscere i propri limiti; acquisire un metodo di lavoro. Destinatari: Scuola secondaria di primo grado di Castelletto Stura (tutte le classi) Progetto Un mondo di libri Obiettivi: sviluppare la curiosità e l interesse per il libro e la capacità di riflessione critica; educare al piacere della lettura e al rispetto del libro, accrescendo il senso di responsabilità; costituire una biblioteca di classe; conoscere gli elementi essenziali della catalogazione; 7

8 sapersi relazionare con un autore attraverso un incontro diretto. Destinatari: Scuola secondaria di primo grado di Castelletto Stura (tutte le classi). Progetto lettura e Libri, libri che passione : per stimolare e amare la lettura, favorire l espressione corporea, sviluppare la creatività e la fantasia, in collaborazione con ibliotece locali e quella di Cuneo; è rivolto a tutti gli alunni della scuola primaria di Montanera e Margarita Progetto: Lettorato d inglese Progetto per le classi terze della scuola secondaria di primo grado di Morozzo teso a fornire agli alunni la possibilità di interloquire con un parlante madre-lingua e migliorare così l abilità orale di conversazione e di ascolto in lingua inglese. PROGETTI DIDEROT offrono agli studenti di tutti gli Istituti di istruzione primaria e secondaria di I e II grado del Piemonte e della Valle d Aosta l'opportunità di conoscere ed avvicinarsi alla Matematica, all educazione civica e al computing, alla tutela della salute e alla storia, all etica e allo sviluppo sostenibile, al giornalismo e alla filosofia. Per tutte le classi del plesso di Morozzo è prevista la partecipazione alla rappresentazione teatrale de La figlia del reggimento, l'opera comica, che Gaetano Donizetti ha scritto nel 1839 a Parigi e che la Fondazione Teatro Nuovo di Torino, in collaborazione con Liceo Teatro Nuovo, Accademia Perosi di Biella, La Fabbrica dei suoni di Venasca e l Associazione Master of Magic, porta in scena presso presso il Teatro Toselli a Cuneo. La realizzazione di scene e costumi è affidata agli allievi del Liceo Teatro Nuovo. La linea Rinnova mente: tra codici e numeri! si propone invece l obiettivo di motivare gli studenti allo studio della matematica e dell informatica, al fine di far loro acquisire competenze basilari relative alla programmazione informatica e logico-matematica. Obiettivi del percorso saranno: fornire agli alunni spunti concreti di applicazione del calcolo nella vita di tutti i giorni; sviluppare motivazione nello studio didattico della matematica e dell informatica; migliorare la capacità di problem solving attraverso il metodo didattico Singapore Math; stimolare nuovi metodi di apprendimento mediante l integrazione delle tecnologie informatiche nella didattica; comprendere il funzionamento degli strumenti informatici e non impararne semplicemente la modalità di utilizzo. 8

9 SALUTE e BENESSERE: Ti M.u.O.v.i.? Mobilità Urbana autonoma per giovani e bambini Obiettivi: conoscere le fondamentali regole della circolazione stradale; motivare al rispetto delle norme del codice stradale; acquisire abitudini responsabili e rispettose dell ambiente; promuovere l uso della bicicletta come mezzo di trasporto; conoscere e osservare l ambiente circostante; socializzare. Destinatari: tutte le Scuole dell Infanzia, Scuole Primarie di Margarita e Montanera, Scuole Secondarie di primo grado di Morozzo (1^ A e 1^ B, 3^ A e 3^B); anche tutte le 7 sezioni della scuola secondaria di Beinette. Corri, salta, lancia continua a fare sport Il progetto si propone di creare un momento di incontro e socializzazione tra gli alunni della scuola primaria (classi quinte) e secondaria(classi prime) attraverso attività ludiche e sportive così da favorire l inserimento degli alunni delle classi quinte nel loro futuro ambiente scolastico. Progetto acquaticità Divertiamoci a giocare in acqua Il progetto, attraverso giochi a mediazione corporea, intende favorire nei bambini la maturazione dell'identità personale, della consapevolezza del proprio corpo, rendere i piccoli autonomi nel vestirsi e nello svestirsi, conseguendo anche pratiche corrette di cura di sé. Scuole coinvolte: la sezione B con i bambini di cinque anni della Scuola dell Infanzia di Morozzo. Tempo di realizzazione: il progetto verrà realizzato a partire dal mese di novembre nella giornata del mercoledì per un totale di otto lezioni. 9

10 Progetto Come per magia: laboratorio di teatro, gioco e motricità Il progetto intende stimolare i bambini della scuola dell Infanzia perché si mettano in gioco in situazioni nuove, emozionanti e non competitive al fine di sostenere la loro autostima e la capacità di fiducia negli altri. materna Morozzo Giocosport a scuola : per rinforzare e migliorare la coordinazione dinamica generale e la resistenza fisica, imparare a rispettare le regole di un gioco e favorire la socializzazione, promuovere il benessere fisico; è rivolto a tutte le classi della Primaria di Beinette, Margarita, Montanera Sportivamente a scuola : per sviluppare gli schemi motori di base, per imparare e consolidare tecniche sportive, con intervento di esperti, rivolto a tutte le classi della Primaria di Morozzo e Castelletto Stura Progetto Educazione alimentare Progetto di educazione alimentare rivolto a tutti gli alunni della Scuola secondaria di primo grado di Morozzo e della Scuola primaria di Margarta e Morozzo. Il progetto di educazione alimentare si prefigge come obiettivo quello di favorire nei nostri alunni un rapporto corretto con il cibo che ne elimini gli sprechi o l assunzione inconsiderata e che, nello stesso tempo, li renda consapevoli del fatto che anche il cibo è frutto di un dono che arriva a loro da parte della famiglia e che può essere ridonato a chi non ne ha a sufficienza. All interno del progetto, solo per la secondaria di Morozzo, è compresa anche l attività del DONACIBO svolta in collaborazione con la CRI di Morozzo. Progetti ASL CN1: 10

11 I-denti-Kit : sensibilizzare alla prevenzione delle patologie del cavo orale, attraverso un percorso che stimola gli allievi sui temi della costruzione della propria identità, del senso di responsabilità, dell'impegno e della cura della propria persona, alla scoperta delle emozioni ed alla socializzazione. Portare la salute orale all interno del programma curricolare e sensibilizzare le famiglie alle corrette pratiche di igiene orale Difetti visivi e dislessia: creare sinergie con gli insegnanti per migliorare l aspetto oculomotorio e percettivo del bambino, dare supporto e supervisione agli insegnanti La valigia di Affy Fiutapericolo: Il progetto affronta il tema della sicurezza negli ambienti di vita stimolando i piccoli a sviluppare il senso del pericolo e della responsabilità: informare sui pericoli, prevalentemente in ambiente domestico, facilitare la comprensione dei meccanismi causa/effetto, generare consapevolezza nel pensare e nell agire sviluppare processi di riflessione sul concetto di sicurezza, favorire la cultura della prevenzione. Eclissi totale: informare sui pericoli, prevalentemente in ambiente domestico, facilitare la comprensione dei meccanismi causa/effetto, generare consapevolezza nel pensare e nell agire, sviluppare processi di riflessione sul concetto di sicurezza, favorire la cultura della prevenzione classi prime secondaria primo grado Morozzo Progetto INCONTRI EDUCATIVI PER ORIENTARE ALL USO DEI SERVIZI CONSULTORIALI (studenti classe III media Morozzo) promuovere la conoscenza dello Spazio Ascolto Giovani Al 34 per gli studenti delle classi 3 medie, favorire la conoscenza dei servizi sul territorio rivolti agli adolescenti Progetto di educazione stradale Sicuri per scelta (infanzia di Morozzo ) è un progetto di educazione alla sicurezza stradale e alla mobilità sostenibile promosso dalla Fondazione CRC e riconosciuto dalla Commissione Europea nell ambito del programma vite da salvare. Progetto di partecipazione a iniziative e corsi di avviamento allo sport del territorio: STRACONI 11

12 Camminata non competitiva che si snoda per alcune vie urbane di Cuneo per poi inoltrarsi nel parco fluviale dello Stura Progetto di Attività Sportiva Anche per il corrente a.s. 2014/15 le tre Scuole Secondarie di Primo Grado aderiranno ai Giochi Sportivi Studenteschi. Le discipline sportive cui i diversi plessi della scuola secondaria di primo grado aderiscono sono le seguenti: Atletica Leggera su pista Nuoto Morozzo, Beinette e Castelletto Stura Morozzo e Beinette Inoltre con delibera del Consiglio d Istituto del è stato rinnovato il Centro Sportivo Scolastico, struttura organizzativa interna che ha il compito di programmare ed organizzare le attività di Pratica Sportiva in coerenza con le Linee guida per le attività di educazione fisica, motoria e sportiva nelle scuole secondarie di primo e secondo grado diramate dal M.I.U.R. in data

13 APERTURA AL TERRITORIO, ALL EUROPA E AL MONDO: Oltre i nostri orizzonti Progetto Europeo di collaborazione con le scuole dell infanzia di MOLANES Senza frontiere Il Progetto Europeo si basa su di un rapporto di collaborazione tra docenti italiani e francesi per la programmazione di attività comuni che offrano ai bambini situazioni di scambio ed incontro. Si prevedono una prima occasione di conoscenza attraverso corrispondenza epistolare, posta elettronica, internet; lo svolgimento di un argomento comune alle varie Scuole ; un momento di festa conclusivo tra i bambini francesi e italiani. Tale progetto è sostenuto dalle amministrazioni comunali dei Paesi coinvolti e prevede possibili escursioni esterne e visite da parte dei bambini francesi. Scuole coinvolte: Scuole dell Infanzia di Castelletto Stura in collaborazione con la Scuola di Molanès e la Scuola dell Infanzia di Montanera in collaborazione con la scuola francese di Barcellonette. Progetto di scambio Amici vicini" Il progetto che coinvolge le due monosezioni di Castelletto Stura e Montanera, si basa su di un rapporto di collaborazione fra le due scuole, che mira ad ampliare i rapporti interpersonali e di collaborazione fra bambini di paesi limitrofi per il conseguimento di obiettivi comuni e scambi di esperienze. Scuole coinvolte: Scuola dell Infanzia di Castelletto Stura e Scuola dell Infanzia di Montanera. Tempo di realizzazione: durante il corso dell anno in orario scolastico e con incontri a cadenza bimestrale per quanto riguarda la programmazione. Conosciamo ambienti vicini e lontani : per conoscere ed aprirsi a realtà scolastiche e culturali di paesi vicini e lontani e/o altre scuole, sensibilizzare gli alunni a problematiche sociali; è rivolto a tutte le classi.montanera 13

14 Il mondo a scuola, a scuola del mondo progetto triennale, rivolto alle scuole e alle agenzie di formazione che, si occupa dei temi della cittadinanza e del dialogo interculturale. Attraverso un azione di coordinamento, valorizzazione e potenziamento di pratiche sul tema dell educazione interculturale nelle scuole della provincia di Cuneo, il progetto promuove azioni di formazione, laboratoriali e sperimentali. CITTADINANZA ATTIVA E RESPONSABILE Raccordo col territorio: per sfruttare le risorse e le proposte del territorio, stimolare il lavoro di gruppo, sviluppare la creatività, sensibilizzare gli alunni al riciclo e al recupero di materiali; è rivolto a tutte le classi.beinette Castelletto Collaborazione con gli enti locali : per educare alla cittadinanza consapevole, favorire la partecipazione degli alunni alla vita comunitaria e alle iniziative culturali del paese; è rivolto agli alunni di tutte le classi di Margarita e Morozzo. 14

15 PROGETTO PARCO : per avvicinare i bambini alla conoscenza degli animali che vanno in letargo o migrano, conoscere l habitat e comprendere le relazioni all interno degli ecosistemi; è rivolto a tutte le classi. Ragazzi e anziani in sintonia : per sensibilizzare i bambini sulla realtà degli anziani, prendere coscienza della loro ricchezza umana e culturale, rafforzare il rapporto tra generazioni diverse, sviluppare la capacità di collaborare; è rivolto agli alunni delle classi 5 di Morozzo. Progetto: Un paese giardino. Percorsi di verde urbano Obiettivi: acquisire una coscienza ambientale per rispettare, difendere e recuperare l ambiente in cui si vive; assumere corrette abitudini ecologiche. Destinatari: Scuola Secondaria di primo grado di Beinette (tutte le classi) Progetto Costruire Insieme Obiettivi: saper lavorare in gruppo accentando gli altri; acquisire abilità tecniche e strumentali;migliorare il metodo di lavoro, l autonomia ed il senso di responsabilità. Destinatari: Scuola Secondaria di primo grado di Beinette, tutte le classi. Progetto Ambiente: -Impatto Zero- Il progetto si propone di accompagnare gli alunni a conoscere il proprio territorio, le sue risorse e i suoi problemi, a curare le aree verdi adiacenti la scuola, ad acquisire consapevolezza dei consumi energetici e a creare comportamenti responsabili nella gestione delle risorse. Esso consente inoltre di imparare nuove tecniche per realizzare oggetti secondo una procedura che preveda le fasi di ideazione, progettazione, realizzazione e produzione; valutare le aspettative; costruire bozzetti o modelli riferiti ad oggetti di uso comune, utilizzando materiali elementari e di facile uso. Questa parte del progetto si rivolge a tutti gli alunni di Morozzo che non frequentano il corso di nuoto. 15

16 Progetto Scuola in fiore Obiettivi: recuperare ambienti trascurati del cortile della scuola; conoscere alcune tecniche specialistiche, procedimenti e informazioni su varie specie vegetali; usare attrezzature specifiche; raccogliere informazioni mediante interviste per conoscere il territorio, le risorse e i problemi; acquisire comportamenti responsabili e collaborare con i compagni e con gli adulti. Destinatari: Scuola secondaria di primo grado di Castelletto Stura (tutte le classi) REDDSO promosso dalla Regione Piemonte al fine di favorire l educazione alla solidarietà internazionale, l educazione allo sviluppo per- promuovere l'apertura ai problemi globali, incoraggiare la riflessione sui grandi squilibri globali e sul rapporto Nord-Sud del mondo; aiutare a cambiare atteggiamenti e comportamenti individuali e collettivi per promuovere il rispetto e la curiosità nei confronti di altre culture attraverso le attività di solidarietà;- integrare le diverse dimensioni dello sviluppo sostenibile (sociale, culturale, economico,ambientale e di governance);- promuovere l'apprendimento della complessità attraverso il confronto tra punti di vista diversi EXPO di Milano 2015, progetto dedicato al tema del cibo e della nutrizione per lanciare i nuovi obiettivi per un millennio sostenibile, dove sia da un lato salvaguardata la biodiversità, dall altro siano tutelati i saperi, le tradizioni e le intere culture. 16

17 CONTINUITA E ORIENTAMENTO Progetto inserimento accoglienza C è una scuola che mi aspetta Questo progetto si propone un graduale e sereno passaggio del bambino dall ambiente familiare a quello scolastico. Particolare impegno è dedicato all allestimento dei locali ed alla cura dei rapporti con i genitori. Durante la prima settimana di scuola è previsto il solo turno antimeridiano per favorire la compresenza dei docenti. Scuole coinvolte: tutte le Scuole dell Infanzia dell Istituto. Tempo di realizzazione: settembre ottobre Accoglienza e festa di inizio anno : per creare un clima sereno e favorevole all inizio delle attività scolastiche, sviluppare le capacità organizzative e collaborative dei bambini di 5, favorire l inserimento dei bambini di 1 nella nuova realtà scolastica; è rivolto agli alunni di tutte le classi di Morozzo Progetto: Il tempo di andare 17

18 Il progetto si propone di aiutare i bambini ad affrontare serenamente il passaggio dalla Scuola dell infanzia alla Scuola Primaria è rivolto agli alunni di tutte le classi dell infanzia del Istituto Attività di Orientamento Progetto: triennale che persegue i seguenti obiettivi: presa di coscienza delle proprie potenzialità; conoscenza dell organizzazione scolastica e del mondo del lavoro (collegamento con le Scuole professionali e gli Istituti superiori); conoscenza dei mezzi multimediali; prevenzione del disagio scolastico. Destinatari: tutte le scuole secondarie di primo grado dell Istituto. 18

19 5- IL PERSONALE DOCENTE, ATA E ALUNNI L Istituto Comprensivo di Morozzo opera con cinque plessi di Scuola dell'infanzia ( Beinette, Castelletto Stura, Margarita, Montanera e Morozzo), cinque plessi di Scuola Primaria ( Beinette, Castelletto Stura, Margarita, Montanera e Morozzo) e tre plessi di Scuola Secondaria di primo grado ( Beinette, Castelletto Stura e Morozzo) La sede degli uffici amministrativi e della Dirigenza si trova presso la Scuola Secondaria di primo grado di Morozzo, in via Luciano Eula, 8. Telefono: ; Fax: L organico SCUOLA DELL INFANZIA Plessi Alunni Sezioni Insegnanti Collaboratori scolastici Beinette IRC 2 +15h e 30 Castelletto h 30 IRC 1 e 9h Stura Margarita h 30 IRC 1+24 Montanera h 30 IRC 1 e 27h (con primaria) Morozzo ins. di sost 1 e 18h + 1 assistente 19

20 4h 30 IRC TOTALE e 76h * Alcuni collaboratori scolastici prestano servizio in più plessi e/o in altri ordini di scuola Il numero comprende insegnanti curricolari, insegnanti di religione, di lingua inglese e insegnanti che prestano servizio in due plessi. SCUOLA PRIMARIA Plessi alunni classi n. insegnanti Collaboratori scol. Assistenti BEINETTE CASTELLETTO S. MARGARITA MONTANERA * 0 MOROZZO h18 2 TOTALE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Plessi alunni classi n. insegnanti Collaboratori assistenti scol. 20

21 BEINETTE h 3 CASTELLETTO S MOROZZO h 1 TOTALE (alcuni h docenti operano su più sedi) 21

22 6- L OFFERTA ORARIA DEI PLESSI SCUOLA DELL INFANZIA Plesso Orario apertura Orario chiusura Giorni settimanali Beinette (*) Cinque Pre-ingresso 7,45-8,00 Castelletto Stura Cinque Margarita Cinque Montanera Cinque Morozzo (*) Cinque Pre-ingresso 7,30-8,25 (*) Nella Scuola dell Infanzia di Beinette il servizio di pre-ingresso è svolto dalle insegnanti del plesso, mentre in quella di Morozzo viene svolto dall assistente comunale SCUOLA PRIMARIA ORARI DEI 5 PLESSI Generalmente l orario scolastico si articola in 6 giorni per 27 settimanali con uno o due rientri pomeridiani. 22

23 Nei plessi di Beinette e Morozzo alcune classi funzionano a 28 ore settimanali per 5 giorni e 4 rientri pomeridiani, una classe a Beinette è a tempo pieno; nel plesso di Castelletto l orario è articolato in 5 giorni e 3 rientri pomeridiani. Beinette Castelletto Stura Margarita da lunedì a sabato corso A lunedì 1 A, 3 A, 4 A mercoledì 2 A, 5 A 8, ,25 dal lunedì al venerdì corso B ( 1 B, 2 B, 3 B 4 B ) 14,25 16,15 dal lunedì al giovedì 8,20 12,32 dal lunedì al venerdì lunedì, mercoledì e giovedì dal lunedì al venerdì 14 16,30 martedì e giovedì Montanera Morozzo da lunedì a sabato lunedi e mercoledi da lunedì a sabato corso A mercoledi 2 A, 3 A 5 A 8,25 12,25 da lunedì a venerdì corso B (1 B, 2 B, 4B, 5 B) dal lunedì al giovedì SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO Beinette dal lunedì al sabato: 7.55/ Castelletto Stura dal lunedì al sabato: 7.55/ martedì e giovedì pomeriggio: 14.10/ solo nella 2 e 3 E Morozzo dal lunedì al sabato: 7.55 / martedì e giovedì pomeriggio:

24 Orario di Apertura al Pubblico della Segreteria Si puó accedere all Ufficio relazioni con il pubblico (Segreteria) presso la Scuola Secondaria di 1 Grado di Morozzo, durante l orario di apertura al pubblico: dal lunedì al venerdì dalle h alle h Il mercoledì e il venerdì Dalle h alle ore Il sabato Dalle h alle h Inoltre il martedí dalle ore alle ore è attivo uno sportello di Segreteria presso la Scuola Secondaria di 1 Grado di Beinette. 24

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo.

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo. Regolamento G.L.I. Art. 1 Costituzione del G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l Inclusione) Ai sensi della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 (Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli