UNITA di APPRENDIMENTO Anno Scolastico 2013/2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNITA di APPRENDIMENTO Anno Scolastico 2013/2014"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO G.A. COLOZZA CAMPOBASSO UNITA di APPRENDIMENTO Anno Scolastico 2013/2014 CLASSE TERZA ITALIANO STORIA GEOGRAFIA CITTADINANZA e C. MATEMATICA SCIENZE INGLESE FRANCESE Ed TECNOLOGICA MUSICA ARTE e IMMAGINE RELIGIONE SCIENZE MOTORIE 1

2 ITALIANO UNITA D APPRENDIMENTO UDA 1 Riflessione sulla lingua: riconoscere ed analizzare le diverse parti del discorso e le proposizioni all interno di un periodo, usare quanto appreso in modo corretto sul piano della comunicazione orale e scritta. I.C. "G.A. COLOZZA" Scuola Secondaria di I grado DISCIPLINA: ITALIANO DESTINATARI: Alunni delle classi III^ Compito unitario Somministrazione di una prova tipo Invalsi, con risposte esclusivamente legate alla riflessione linguistica, che preveda l autovalutazione e l identificazione da parte di ciascun alunno delle eventuali lacune, in modo da poter organizzare un efficace azione di recupero. Prova finale. Obiettivi Formativi Affrontare in modo logico i vari argomenti distinguendone i vari gradi di complessità. Obiettivi di Apprendimento Riconoscere e analizzare gli elementi grammaticali e sintattici della lingua, usarli in modo corretto nella comunicazione orale e scritta. Tempi 2 Tipologie testuali : testi personali, quali diario e lettera, testi narrativi, espositivi, argomentativi, relazioni struttura e produzione. 3 Poesia dell Ottocento e del Novecento: temi e linguaggio ( scelta di testi poetici che trattino i temi degli affetti e dell amore, della felicità e del dolore, dell adolescenza, del senso della vita e del la morte, dell impegno civile e sociale ). Produzione di un testo, utilizzando una tipologia a scelta tra lettera, diario e relazione, testo argomentativo, in cui l alunno ipotizzi il suo futuro scolastico e professionale ( produzione singole in itinere e finale.) Eseguire l analisi stilistica e il commento di poesie. Sviluppare capacità logiche e di comunicazione; ipotizzare il proprio futuro. Esternare le proprie emozioni. Sviluppare spirito critico, confrontare opinioni. Conoscere elementi specifici delle varie tipologie testuali. Conoscere e utilizzare modalità tipiche del linguaggio del genere. Produrre testi. Conoscere gli elementi caratterizzanti il testo poetico. Utilizzare le tecniche imparate. Produrre parafrasi e commenti 2

3 4 Tra letteratura e storia: scelta antologica di brani di autori dell Ottocento e del Novecento, legati alle tematiche trattate in storia. Saper esporre e analizzare alcuni aspetti della storia della letteratura. Riflettere criticamente su avvenimenti, confrontare opinioni. Conoscere le caratteristiche strutturali di testi diversi. Contestualizzare storicamente e culturalmente un testo. 5 Orientamento Temi e problemi del mondo d oggi ( cenni a temi quali: movimenti migratori, integrazione razziale, guerra, negazione dei diritti, ambiente ). Test di comprensione e riflessione critica di attitudini, interessi, abilità. Riflettere criticamente. Applicare strategie di risoluzione di problemi ai fini della conoscenza di sé. Obiettivi di apprendimento Italiano Classe terza VALUTAZIONE IN DECIMI ASCOLTO Comprensione orale In una comunicazione non comprende quello che si dice ne coglie le informazioni essenziali. - Non chiede spiegazioni - In una comunicazione comprende parzialmente quello che si dice e non sempre coglie le informazioni essenziali. - Chiede raramente spiegazioni. - In una comunicazione comprende quello che si dice e coglie le informazioni essenziali. - Se non capisce chiede spiegazioni. LETTURA Comprensione lingua scritta - Si distrae anche nel corso della lettura silenziosa di un breve testo. - E esitante e incerto nella lettura ad alta voce. - Non usa il dizionario in maniera funzionale. - Ha bisogno di essere guidato nella comprensione del testo - Si distrae anche durante la lettura silenziosa. - Legge ad alta voce con frequenti correzioni e interruzioni fonetiche. - E insicuro nell uso del dizionario. - Non è completamente autonomo nella comprensione del testo - Legge silenziosamente un breve testo senza distrarsi, finchè non l ha terminato. - Legge ad alta voce in modo comprensibile. - Usa il dizionario per trovare il significato delle parole che non conosce. - quando legge un testo, individua, senza bisogno di aiuto, i fatti, chi agisce, i luoghi e i tempi. - Ricava informazioni essenziali da grafici schemi e tabelle. 3

4 PARLATO Produzione orale SCRITTURA Produzione scritta RIFLESSIONE SULLA LINGUA Conoscenza strutturata della lingua - Ha difficoltà a riferire la sua esperienza. - Esprime opinioni non pertinenti. - Riferisce in modo frammentario. - Scrive un testo di esperienze personali con linguaggio e contenuto scarni. - Guidato riassume un semplice testo. - Individua con difficoltà i periodi di un testo. - Non riconosce le proposizioni che compongono il periodo. - Riferisce le sue esperienze schematicamente. - Esprime opinioni a volte poco pertinenti. - Riferisce con incertezza. - Scrive un testo di esperienze personali con linguaggio e contenuto elementari. - Riassume un semplice testo seguendo uno schema. - E approssimativo nell individuazione dei periodi che compongono il testo. - Non sempre riconosce le proposizioni che compongono il periodo. - Riferisce la sua esperienza usando un linguaggio semplice e corretto. - Esprime la sua opinione se sollecitato. - Riferisce in modo comprensibile le informazioni ricavate da una comunicazione scritta o orale. - Scrive un testo di esperienze personali utilizzando contenuto e linguaggio comprensibile. - Riassume un testo semplice. - Riconosce nel testo i periodi che lo compongono. - Distingue la proposizione principale dalla subordinata. Valutazione in decimi ASCOLTO Comprensione orale - In una comunicazione coglie tutte le informazioni. - Se non capisce, trova autonomamente strumenti validi di comprensione - In una comunicazione coglie le informazioni e le schematizza. - In una comunicazione individua le informazioni le rielabora in maniera personale e le schematizza. LETTURA Comprensione lingua scritta - Legge silenziosamente un testo senza distrarsi, finchè non l ha terminato. - Legge in modo scorrevole. -Ricava il significato delle parole nuove dall insieme del testo. - Quando legge un testo, individua i fatti,, chi agisce, i luoghi e i tempi, le cause e le conseguenze. - riconosce il genere di testo che legge ( racconto, romanzo, testo poetico, testo giornalistico, relazione ) -Distingue in un testo le informazioni principali da - Legge in modo espressivo. - Fa ipotesi sul significato di termini sconosciuti. -In un testo individua il messaggio dell autore. - Riconosce il genere di testo che legge ( racconto, romanzo, testo poetico, testo giornalistico, relazione )e identifica le sue caratteristiche. - Collega le informazioni principali a quelle secondarie. - Legge con giusta intonazione rispettando i ritmi e le pause, dando voce ai sentimenti dei personaggi. -Ipotizza il significato di termini sconosciuti e li riutilizza in altri contesti. -In un testo individua le opinioni dell autore. - Riconosce il genere di testo che legge e ne identifica le caratteristiche, esprimendo un proprio giudizio. - Collega le informazioni principali a quelle 4

5 quelle secondarie. secondarie compiendo inferenze. PARLATO Produzione orale - Riferisce la sua esperienza usando un lessico adatto allo scopo. - Esprime la sua opinione e la motiva. - Riferisce in modo coerente le informazioni ricavate da una comunicazione scritta o orale. - Rielabora i contenuti e li esprime distinguendo le informazioni principali da quelle secondarie - Riferisce la sua esperienza usando un lessico ricco. - Esprime la sua opinione integrandola con quella altrui. - Riferisce le informazioni arricchendole con dati provenienti da fonti diverse. - Riferisce la sua esperienza usando un lessico ricco e preciso. - Esprime la sua opinione argomentando con esempi, dati e informazioni che la sostengono. - Riferisce le informazioni arricchendole e citando le fonti di provenienza. SCRITTURA Produzione scritta RIFLESSIONE SULLA LINGUA Conoscenza strutturata della lingua - Scrive un testo di esperienze personali in una prosa scorrevole. - Riassume un testo autonomamente. - Scrive un testo narrativo ( diario, lettera ecc.) in una prosa scorrevole. - Scrive una relazione in modo completo. - Scrive un testo espositivo secondo un ordine logico. - Scrive un testo argomentativo semplice. - Riconosce e analizza la proposizione principale e le coordinate. - Riconosce e analizza le principali proposizioni subordinate. - Scrive un testo di esperienze personali ampio e appropriato nel lessico. - Riassume un testo autonomamente e in modo personale. - Scrive una relazione in modo completo e approfondito. - Scrive un testo espositivo con organicità e coerenza. - Scrive un testo argomentativo ben strutturato. - Analizza in modo corretto un periodo. - Riconosce e analizza le proposizioni subordinate in un periodo. - Scrive un testo di esperienza personale ampio e articolato e con lessico vario e ricco. - Riassume un testo in maniera originale - Scrive una relazione in modo completo e approfondito, ricavando dal percorso descritto conoscenze trasferibili in altri contesti. - Scrive un testo espositivo con organicità e coerenza secondo un percorso originale. - Scrive un testo argomentativo ben strutturato e arricchito di prove a sostegno. - Analizza in modo corretto un periodo complesso. - In un periodo coglie il rapporto tra sintassi e stile. 5

6 Classe III Macro unità di apprendimento1 1) IO MI CONOSCO ANCORA MEGLIO (dai comportamenti ai valori) Aree disciplinari Area linguisticoartisticoespressiva Area storicogeografica Area matematico -scientifico tecnologica Principi guida Senso dell espe rienza educativa ( concetto di sé scolastico) Apprendimento da promuovere L alunno, attraverso una riflessione critica e guidata di alcuni aspetti di sé,matura l esigenza di instaurare rapporti sereni con i propri coetanei,nel rispetto della libertà altrui e nella coscienza dei propri diritti e doveri all interno della comunità e del mondo circostante. Compito unitario in situazione -Riflettere sulla necessità di conoscere e tutelare i diritti umani -Maturare una coscienza ecologica -Essere consapevole delle modalità relazionali con coetanei ed adulti. Approfondire i principi della non violenza -Affrontare la trattazione di problemi legati ad esperienze di solidarietà -Considerare la condizione dei più deboli e dei più fragili -Comprendere l organizzazione dell economia del proprio territorio e le funzioni delle istituzioni e delle strutture preposte alla programmazione di essa. Acquisire consapevolezza del valore individuale e sociale del lavoro e del suo diritto- dovere,stabilendo un legame tra le aspirazioni personali e i bisogni della società tra il benessere individuale e il bene comune. Superare i confini della propria soggettività e confrontarsi con culture diverse senza pregiudizi Standard di valutazione dei traguardi di competenza Afferma la propria identità nella pratica della tolleranza e della cooperazion e: -sempre, -spesso, -se sollecitato -raramente anche dietro sollecitazio ne. Metodi Strategie -Uso degli strumenti della comunicazione in diversi linguaggi -Esplicitazione dei risultati da raggiungere -metodo induttivo e deduttivo -Lezione frontale e interattiva -Discussioni guidate -Affidamento di incarichi organizzativi -Suggerimenti procedurali -Lavoro individuale e di gruppo -Uscite didattiche -Incontri con esperti -Esperienze di tutorato e insegnamento tra pari -Attività laboratoriali Verifiche Colloqui orali, elaborati scritti,prove strutturate e semistrutturate, esecuzione e verbalizzazion e di procedimenti e sequenze motorie con prodotti ottenuti 6

7 Classe III Macro unità di apprendimento 2) IO RIELABORO E MI ESPRIMO Aree disciplinari Principi guida Apprendimento da promuovere Compito unitario in situazione Standard di valutazione dei traguardi di competenza Metodi Strategie Verifiche Area linguisticoartisticoespressiva Area storicogeografica Area matematicoscientifico tecnologica Alfabetiz zazione culturale di base L alunno è capace di collegare le conoscenze alla propria esperienza in funzione di uno scopo Sa leggere la realtà circostante Sa integrare aspetti affettivi e cognitivi della propria esperienza -Assumere ruoli sociali e sviluppare diverse appartenenze in comunità differenti,ciascuna delle quali connotata da una propria specificità in termini di finalità,ruoli e codici -Conoscere, accanto ai contenuti,i processi di apprendimento più efficaci nelle varie aree disciplinari e coglierne la valenza orientativa e formativa -Raccogliere le informazioni dalla realtà in cui si vive -scegliere gli strumenti di raccolta e di classificazione adeguati: utilizzare un metalinguaggio chiaro e condiviso; individuare gli elementi significativi; interpretare i dati e riorganizzarli in concetti,schemi,modelli esplicativi,reti concettuali; usufruire delle nuove conoscenze per esplorare adeguati piani di sviluppo successivo. -Possedere pertinenza lessicale specifica e padronanza dei codici non verbali, usare e decodificare il linguaggio simbolico,rielaborare in modo originale -Capire l importanza della informazione e sapere analizzare gli strumenti con cui è prodotta e diffusa -Scegliere la tipologia di linguaggio più appropriata allo scopo comunicativo -Acquistare padronanza della commistione di più linguaggi attraverso la comprensione e produzione di ipertesti -Fondere,non solo nella comunicazione espressiva,ma anche in quella funzionale,i vari linguaggi,cosicché si supportino e si integrino in una comunicazione potenziata Ha padronanza degli strumenti di interpretazione della realtà mutuati dai vari ambiti disciplinari: -piena -adeguata -sostanziale -parziale. -Uso degli strumenti della comunicazione in diversi linguaggi -Esplicitazione dei risultati da raggiungere -metodo induttivo e deduttivo -Lezione frontale e interattiva -Discussioni guidate -Affidamento di incarichi organizzativi -Suggerimenti procedurali -Lavoro individuale e di gruppo -Uscite didattiche -Incontri con esperti -Esperienze di tutorato e insegnamento tra pari -Attività laboratoriali Colloqui orali, elaborati scritti,prove strutturate e semistrutturate, esecuzione e verbalizzazione di procedimenti e sequenze motorie con prodotti ottenuti 7

8 Classe III Macro unità di apprendimento 3) IO SONO DIVENTATO AUTONOMO (dal dovere al senso di responsabilità) Aree disciplinari Principi guida Apprendimento da promuovere Compito unitario in situazione Standard di valutazione dei traguardi di competenza Metodi Strategie Verifiche Area linguisticoartisticoespressiva Area storicogeografica Area matematicoscientifico tecnologica Progettaz ione consape vole e spirito critico -L alunno riflette su di sé per scoprire le proprie risorse e i propri punti deboli, -affronta le difficoltà con sicurezza, si apre a nuove situazioni di apprendimento per crearsi interessi rispondenti alle proprie inclinazioni. -Acquisire flessibilità,adottando di volta in volta la strategia più proficua -Operare in modo razionale pianificare percorsi idonei; ritrovare regolarità o costanti in una serie di occorrenze;formulare spiegazioni a problemi affrontati; ipotizzare concetti generali a partire da situazioni particolari; costruire ipotesi e argomentarle; negoziare soluzioni di gruppo - Conoscere le caratteristiche dei programmi digitali e scegliere il più adeguato al proprio scopo - Sapersi orientare nella rete Compie scelte motivate e consapevoli sempre, spesso, se guidato, quasi mai. -Uso degli strumenti della comunicazione in diversi linguaggi -Esplicitazione dei risultati da raggiungere -metodo induttivo e deduttivo -Lezione frontale e interattiva -Discussioni guidate -Affidamento di incarichi organizzativi -Suggerimenti procedurali -Lavoro individuale e di gruppo -Uscite didattiche -Incontri con esperti -Esperienze di tutorato e insegnamento tra pari -Attività laboratoriali Colloqui orali, elaborati scritti,pro ve strutturat e e semistrutturat e, esecuzion e e verbalizz azione di procedim enti e sequenze motorie con prodotti ottenuti 8

9 OBIETTIVI FORMATIVI 1^-2^-3^ TEMATICA Anno scolastico ^TEMATICA: CONCETTO DI SE SOCIALE 3^TEMATICA : AMBITO METODOLOGICO Conoscersi nel rapporto con gli altri; essere disponibile a rivedere i propri comportamenti sociali; sviluppare il controllo delle proprie reazioni emotive. Organizzare in modo ordinato le proprie conoscenze; sviluppare le abilità di comunicazione e calcolo; consolidare le conoscenze di base e conseguire gli apprendimenti di tutte le discipline ;sviluppare adeguatamente le capacità logiche; conoscere ed usare i linguaggi specifici. Essere disponibile a rivedere i propri comportamenti sociali;sviluppare il controllo delle proprie reazioni emotive, confrontarsi con gli altri. Organizzare un ordinato metodo di studio; sviluppare le abilità di comunicazione e di calcolo; consolidare gli apprendimenti di tutte le discipline; sviluppare adeguatamente le capacità logiche; comprendere e applicare i linguaggi specifici. CLASSI 1^ 2^ 3^ 1^ TEMATICA: CONCETTO DI SE SCOLASTICO ( EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA Scoprire alcuni aspetti di sé; accrescere la fiducia in sé; sapersi motivare allo studio. Prendere coscienza dei propri limiti e potenzialità;sapersi motivare allo studio; sviluppare l autocontrollo dei comportamenti. Avere coscienza delle proprie responsabilità; accrescere la motivazione allo studio; essere consapevole dei livelli cognitivi raggiunti, delle potenzialità e delle attitudini personali ai fini delle future scelte scolasticolavorative. Controllare se stesso negli atteggiamenti e nel linguaggio; partecipare ed essere disponibile alla collaborazione; essere sensibili alle problematiche sociali; rispettare l ambiente, la salute personale, le norme di convivenza civile; rispettare il regolamento d Istituto. Approdare ad un metodo di studio autonomo e razionale; potenziare tecniche, strutture e linguaggi specifici; perfezionare le abilità, le capacità comunicative, logiche e di sintesi; ampliare le conoscenze ed avviarsi ad un approccio interdisciplinare del sapere, al fine di affrontare il colloquio d esame in maniera quanto più unitaria. 9

10 Obiettivi di apprendimento e descrittori- Classi I- II- III ITALIANO CLASSI 1^ 2^ 3^ ASCOLTO Ascoltare testi diversi individuando le informazioni principali. Ascoltare testi diversi individuando lo scopo, l argomento e il punto di vista dell emittente Ascoltare testi di vario tipo applicando tecniche di supporto alla comprensione(appunti, parole chiave,schemi ) PARLATO Riferire esperienze, eventi,trame selezionando informazioni significative;intervenire fornendo un positivo contributo rispettando tempi e turni di parole. Narrare e descrivere usando un lessico adeguato, selezionando le informazioni in base allo scopo; intervenire fornendo un positivo contributo, rispettando tempi e turni di parole Riferire in modo chiaro quanto studiato e saperlo argomentare; intervenire fornendo un positivo contributo, rispettando tempi e turni di parole. LETTURA Utilizzare correttamente le diverse tecniche di lettura. Individuare informazioni ed elementi costitutivi nei testi. Riconoscere i vari testi nella loro tipologia,individuando anche l intenzione comunicativa dell autore. SCRITTURA Produrre testi corretti, coesi e rispondenti alla richiesta Produrre testi corretti, coesi e rispondenti alla richiesta Produrre testi corretti, coesi e rispondenti alla richiesta RIFLESSIONI SULLA LINGUA Riconoscere gli elementi essenziali della fonologia e della morfologia. Riconoscere gli elementi della morfologia e della sintassi semplice Riconoscere gli elementi della morfologia e della sintassi semplice e complessa. 10

11 ADERENZA ALLA TRACCIA ELABORAZIONE DEL TESTO PRODUZIONE SCRITTA ITALIANO TABELLA DI VERIFICA E VALUTAZIONE ORGANIZZAZIONE DEL TESTO COMPETENZA MORFO SINTATTICA COMPETENZA LESSICALE VOTI IN 10 Pienamente aderente Aderente Molto approfondito Personale ed originale Approfondito Articolato Personale Pienamente coerente Coeso - efficace Perfettamente corretto curato Vario ricco 10 Coerente coeso Molto corretto Vario - accurato 9 Aderente Approfondito Organico Corretto Appropriato 8 Rispondente Esauriente Coerente Per lo più corretto Nel complesso aderente Abbastanza efficace Essenziale Non del tutto coerente Qualche errore Generico 6 Parzialmente aderente Modesto Schematico Vari errori Elementare Ripetuto Non aderente Inadeguato Incongruente Numerosi errori Povero improprio sbagliato Produzione inesistente

12 COLLOQUI ORALI VOTI GIUDIZIO CORRISPONDENTE CONDOTTA 1 4 >Grave mancanza di conoscenze ( conoscenze scorrette) > Incapacità comunicativa di analisi e di elaborazione >Mancanza di competenze 5 > Conoscenze frammentarie e superficiali ( in parte scorrette) > Difficoltà comunicativa di analisi e di elaborazione > Competenze parziali o ridotte 6 > Conoscenze non approfondite ( nel complesso corrette) > Capacità comunicativa di analisi e di elaborazione sicura e corretta > Competenze sicure 7 >Conoscenze adeguate ( abbastanza corrette) > Capacità comunicativa di analisi e di elaborazione sicura e corretta > Competenze sicure 8 9 >Conoscenze soddisfacenti > Capacità comunicativa di analisi e di elaborazione chiara e approfondita > Competenze valide 10 > Conoscenze complete ampie approfondite > Capacità comunicativa di analisi e di elaborazione ampia personale approfondita sicura e convincente > Competenze eccellenti Totale mancanza di rispetto delle regole Adeguato rispetto delle regole Consapevole rispetto delle regole 12

13 UdA CLASSE TERZA STORIA Titolo UdA Compito unitario Obiettivi Formativi Obiettivi di Apprendimento 1 Il Risorgimento italiano Rielaborazione di contenuti, schede riepilogative o completamento di una mappa e/o test di verifica strutturata e/o verifiche orali. Analisi di documenti. 2 La seconda Rivoluzione industriale 3 La Belle Epoque La Grande Guerra Rielaborazione di contenuti, schede riepilogative o completamento di una mappa e/o test di verifica strutturata e/o verifiche orali. Analisi di documenti. Rielaborazione di contenuti, schede riepilogative o completamento di una mappa e/o test di verifica strutturata e/o verifiche orali. Analisi di documenti. 4 L Europa senza pace Rielaborazione di contenuti, schede riepilogative o completamento di una mappa e/o test di verifica strutturata e/o verifiche orali. Analisi di documenti. Riflettere sul principio dell equilibrio e del legittimismo nella restaurazione e le aspirazioni dei popoli alla libertà. Apprender le difficili condizioni di vita dei nostri emigranti e confrontarle con quelle dei nostri immigrati attuali. Comprendere la portata del progresso tecnologico e la sua importanza per l uomo. Riflettere sulla società di massa. Individuare cause/conseguenze e forme dell imperialismo, chiarendo il concetto di superiorità della razza bianca. Chiarire nessi causa/effetto per comprendere i motivi che portarono alla I Guerra Mondiale. Riflettere sull annientamento dell individuo attraverso le dittature e lo sterminio. L'importanza della pace Conoscere fatti, luoghi, date, protagonisti e idee dell'età del Risorgimento italiano. Conoscere i cambiamenti economici, sociali e culturali del periodo storico in esame. Conoscere i cambiamenti economici, sociali e culturali del periodo storico in esame. Conoscere le caratteristiche, le cause e le conseguenze dei sistemi totalitari. Tempi 5 Italia ed Europa nel dopoguerra Rielaborazione di contenuti, schede riepilogative o completamento di una mappa e/o test di verifica strutturata e/o verifiche orali. Analisi di documenti. 6 La decolonizzazione. Rielaborazione di contenuti, schede riepilogative o completamento di una mappa e/o test di verifica strutturata e/o verifiche orali. Analisi di documenti. 7 La globalizzazione. Rielaborazione di contenuti, schede riepilogative o completamento di una mappa e/o test di verifica strutturata e/o verifiche orali. Analisi di documenti. Comprendere l origine e l importanza del progetto di unificazione d Europa. Riconoscere nello sviluppo economico italiano l origine di molti problemi attuali ( il degrado del territorio, morti bianche, ecc.). Cogliere le differenze delle varie forme di lotta dei popoli per giungere all indipendenza. Comprendere il concetto di globalizzazione in modo equilibrato e senza pregiudizi. Analizzare le problematiche del dopoguerra in Italia e in Europa. Conoscere le situazioni e i problemi delle ex colonie. Individuare vantaggi e svantaggi della globalizzazione. 13

14 Obiettivi di apprendimento Classe terza Storia VALUTAZIONE IN DECIMI ORGANIZZAZI ONE DELLE INFORMAZIONI RELAZIONI STRUMENTI CONCETTUALI PRODUZIONE SCRITTA E ORALE:USO DELLE FONTI Valutazione in decimi Non identifica date e luoghi. - Non riesce a collegare personaggi ad eventi storici. - Non riesce a descrivere un evento in modo essenziale. - Non sa individuare cause e conseguenze di un evento. - Non riesce a mettere in ordine cronologico gli eventi studiati. - Non riconosce le differenza tra un ordinamento democratico e uno dittatoriale. - Non conosce forme di stato e di governo diverse. - Non conosce i legami tra politica ed economia e società. - Non distingue tra storia nazionale, europea e mondiale. - Non riesce a leggere da solo testi e/o documenti, non individua le parole chiave e non riesce a selezionare i concetti fondamentali. - Non sa ripetere il contenuto di un testo e/o documento - Durante una spiegazione non partecipa neanche attraverso semplici interventi. - Non sa individuare i termini specifici studiati. - Aiutato identifica date e luoghi. - Se guidato collega personaggi ad eventi storici. - Se guidato descrive un evento in modo essenziale. - Anche se non in maniera autonoma individua cause e conseguenze di un evento. - Guidato mette in ordine gli eventi studiati. - Non riconosce le differenza tra un ordinamento democratico e uno dittatoriale. - Guidato riconosce forme di stato e di governo diverse. - Non sempre conosce i legami tra politica ed economia e società. - Guidato distingue tra storia nazionale, europea e mondiale. - Non sempre in maniera autonoma riesce a leggere testi e/o documenti, non individua le parole chiave e non riesce a selezionare i concetti fondamentali. - Non riesce sempre a ripetere il contenuto di un testo e/o documento in modo semplice e chiaro. - Durante una spiegazione non partecipa neanche attraverso semplici interventi. - Anche se con difficoltà individua i termini specifici studiati Identifica date e luoghi. - Collega personaggi ad eventi storici. - Descrive un evento in modo essenziale. - Individua cause e conseguenze di un evento. - Mette in ordine cronologico gli eventi studiati. - Conosce la differenza tra un ordinamento democratico e uno dittatoriale. - Conosce forme di stato e di governo diverse. - Conosce i legami tra politica ed economia e società. - Distingue tra storia nazionale, europea e mondiale. - Legge da solo testi e/o documenti, non individua le parole chiave e non riesce a selezionare i concetti fondamentali. - Ripete il contenuto di un testo e/o documento in modo semplice e chiaro. - Durante una spiegazione: fa domande quando non capisce. - Individua i termini specifici studiati. 14

15 ORGANIZZAZI ONE DELLE INFORMAZIONI RELAZIONI STRUMENTI CONCETTUALI PRODUZIONE SCRITTA E ORALE USO DELLE FONTI - Identifica date, luoghi e li collega con eventi storici studiati.. - Distingue aspetti economici, politici e sociali di un evento/problema. - Organizza un discorso, chiaro ed esauriente sugli eventi storici studiati. - Spiega cause e conseguenze di un evento. - Organizza una gerarchia tra fatti storici. - Individua i principi di un ordinamento democratico e uno dittatoriale. - Distingue forme di stato e di governo diverse. - Distingue i legami tra i diversi processi politici, economici e sociali. -Coglie le connessioni e le differenze tra storia nazionale, europea e mondiale. - Legge da solo testi e/o documenti e costruisce una scaletta su quanto a letto. - Ripete in modo logico quanto letto. - Durante una spiegazione: prende appunti. - Definisce i termini specifici. - Collega e integra gli eventi storici studiati. - Integra gli aspetti economici, politici e sociali di un evento/problema con valutazioni personali. - Organizza un discorso coerente, pertinente e approfondito sugli argomenti studiati. - Approfondisce la relazione di causa effetto collegando gli avvenimenti storici con gli eventi precedenti. - Utilizza la conoscenza degli eventi passati per comprendere il presente. - Comprende e spiega i principi di un ordinamento democratico e uno dittatoriale. - Confronta forme di stato e di governo diverse. - Comprende e distingue i legami tra i diversi processi politici, economici e sociali, esprimendo valutazioni critiche. - Rielabora le connessioni e le differenze tra storia nazionale, europea e mondiale, operando valutazioni critiche. - Legge da solo testi e/o documenti, prepara schede riassuntive su argomenti studiati e integra gli appunti con i testi. - Espone i contenuti con linguaggio appropriato ed esprimendo valutazioni critiche. - Durante una spiegazione fa domande di approfondimento. - Usa i termini specifici studiati. - Collega e amplia con considerazioni personali gli eventi storici studiati. - Integra gli aspetti economici, politici e sociali di un evento/problema con valutazioni personali. - Organizza un discorso coerente e approfondito e ricco di considerazioni personali sugli argomenti. - Approfondisce la relazione di causa effetto collegando gli avvenimenti storici con gli eventi precedenti esprimendo anche giudizi personali. - Utilizza la conoscenza degli eventi passati per comprendere il presente. - Comprende e spiega i principi di un ordinamento democratico e uno dittatoriale. - Confronta forme di stato e di governo diverse e formula giudizi e considerazioni personali sugli stessi. - Comprende e distingue i legami tra i diversi processi politici, economici e sociali, esprimendo valutazioni critiche. - Rielabora le connessioni e le differenze tra storia nazionale, europea e mondiale, operando valutazioni critiche. - Legge da solo testi e/o documenti, prepara schede riassuntive su argomenti studiati e integra gli appunti con i testi in maniera personale. - Espone i contenuti con linguaggio appropriato ed esprimendo valutazioni critiche. - Durante una spiegazione fa domande di approfondimento in cui esprime posizioni personali. - Usa i termini specifici studiati con padronanza. 15

16 Obiettivi di apprendimento e descrittori- Classi I II- III Anno Scolastico STORIA CLASSI 1^ 2^ 3^ ORGANIZZAZIONE DELLE INFORMAZIONI RELAZIONI STRUMENTI CONCETTUALI PRODUZIONE SCRITTA E ORALE Selezionare e organizzare le informazioni principali. Usare le conoscenze per comprendere le problematiche storiche. Collocare gli avvenimenti nello spazio e nel tempo. Esporre quanto appreso utilizzando conoscenze selezionate da fonti diverse. Organizzare le informazioni con mappe schemi e risorse digitali. Usare le conoscenze per comprendere problemi interculturali e di convivenza civile. Conoscere aspetti dei processi storici italiani ed europei. Esporre quanto appreso utilizzando conoscenze selezionate da fonti diverse. Organizzare e approfondire le informazioni con mappe schemi e risorse digitali. Usare le conoscenze per comprendere problemi interculturali e di convivenza civile. Conoscere aspetti dei processi storici italiani, europei e mondiali. Esporre quanto appreso utilizzando conoscenze selezionate da fonti diverse utilizzando un lessico specifico. 16

17 COLLOQUI ORALI VOTI GIUDIZIO CORRISPONDENTE CONDOTTA 1 4 >Grave mancanza di conoscenze ( conoscenze scorrette) > Incapacità comunicativa di analisi e di elaborazione >Mancanza di competenze 5 > Conoscenze frammentarie e superficiali ( in parte scorrette) > Difficoltà comunicativa di analisi e di elaborazione > Competenze parziali o ridotte 6 > Conoscenze non approfondite ( nel complesso corrette) > Capacità comunicativa di analisi e di elaborazione sicura e corretta > Competenze sicure 7 >Conoscenze adeguate ( abbastanza corrette) > Capacità comunicativa di analisi e di elaborazione sicura e corretta > Competenze sicure 8 9 >Conoscenze soddisfacenti > Capacità comunicativa di analisi e di elaborazione chiara e approfondita > Competenze valide 10 > Conoscenze complete ampie approfondite > Capacità comunicativa di analisi e di elaborazione ampia personale approfondita sicura e convincente > Competenze eccellenti Totale mancanza di rispetto delle regole Adeguato rispetto delle regole Consapevole rispetto delle regole 17

18 UdA CLASSE TERZA Geografia Titolo UdA Compito unitario Obiettivi Formativi Obiettivi di Apprendimento Tempi 1 Conoscere il mondo Verifiche oralo e/o scritte. Riconoscere elementi climatici da una fotografia. Completare carte tematiche. Riflettere sulla relazione tra popolazione, territorio, clima, lingua e religione. Conoscere cartografia, fasce climatiche, popolazione e culture. 2 Le Americhe Verifiche oralo e/o scritte. Leggere con sicurezza la cartina fisica e politica. Interpretare a confrontare carte tematiche. 3 L Africa Verifiche oralo e/o scritte. Leggere con sicurezza la cartina fisica e politica. Interpretare e confrontare carte tematiche. 4 L Asia Verifiche oralo e/o scritte. Leggere con sicurezza la cartina fisica e politica. Interpretare e confrontare carte tematiche. 5 L Oceania Verifiche oralo e/o scritte. Leggere con sicurezza la cartina fisica e politica. - Interpretare e confrontare carte tematiche. 6 Grandi questioni d attualità Verifiche oralo e/o scritte. Prova simulata d esame, colloquio interdisciplinare. Riflettere su conoscenze ed abilità acquisite e saperle utilizzare in un contesto concreto. Riflettere su conoscenze ed abilità acquisite e saperle utilizzare in un contesto concreto. Riflettere su conoscenze ed abilità acquisite e saperle utilizzare in un contesto concreto. Riflettere su conoscenze ed abilità acquisite e saperle utilizzare in un contesto concreto. Riflettere sul concetto di globalizzazione ( definizione). Cause sviluppo/sottosviluppo. Sviluppo sostenibile. Multinazionali. Conoscere le caratteristiche generali del continente America ed di alcuni Stati più importanti. Conoscere le caratteristiche generali del continente Africa ed di alcuni Stati più importanti. Conoscere le caratteristiche generali del continente Asia ed di alcuni Stati più importanti. Conoscere le caratteristiche generali del continente Oceania ed di alcuni Stati più importanti. Conoscere cause e conseguenze dello sviluppo ed del sottosviluppo mondiale e l interdipendenza tra economia e sviluppo della società. 18

19 Obiettivi di apprendimento Classe terza Geografia Valutazion e in decimi ORIENTA MENTO E PAESAGG IO REGIONE E SISTEMA TERRITO RIALE LINGUAG GIO DELLA GEO GRAFICI TA : uso degli strumenti Non identifica elementi geografici ( elementi morfologici ed antropici) e non li colloca nel rispettivo ambiente, neanche avvalendosi di materiale strutturato. - Non elenca gli aspetti più significativi dell argomento affrontato. - Non collega fenomeni generali a situazioni locali ( es. astronomia e clima; tettonica e orografia) con l aiuto dell insegnante. - Non Individua le modifiche apportate dall uomo ad un paesaggio. - Non riconosce se un fenomeno o un problema è locale o globale. - Non individua le modifiche apportate dall uomo all ambiente. - Non individua le relazioni tra gli aspetti socio culturali ed economici di un paese. - Identifica parzialmente gli elementi geografici ( elementi morfologici ed antropici) e non li colloca nel rispettivo ambiente, neanche avvalendosi di materiale strutturato. - Elenca solo se guidato gli aspetti più significativi dell argomento affrontato. - Collega con difficoltà fenomeni generali a situazioni locali ( es. astronomia e clima; tettonica e orografia) con l aiuto dell insegnante. - Individua solo in parte le modifiche apportate dall uomo ad un paesaggio. - riconosce se un fenomeno o un problema è locale o globale. - Individua parzialmente le modifiche apportate dall uomo all ambiente. - Individua sommariamente le relazioni tra gli aspetti socio culturali ed economici di un paese. - Identifica elementi geografici ( elementi morfologici ed antropici) e li colloca nel rispettivo ambiente, solo avvalendosi di materiale strutturato. - Elenca gli aspetti più significativi dell argomento affrontato. - Collega fenomeni generali a situazioni locali ( es. astronomia e clima; tettonica e orografia) con l aiuto dell insegnante. - Individua le modifiche apportate dall uomo ad un paesaggio. - Riconosce se un fenomeno o un problema è locale o globale. - Segue la lezione e prende appunti seguendo gli schemi dell insegnante. - Sull atlante trova con quale che difficoltà gli elementi geografici di cui si parla. - Usa il libro di sesto con una autonomia limitata. - Completa una carta muta in modo essenziale. - Legge e comprende una scala di riduzione. - Legge e costruisce in modo approssimativo carte tematiche semplici. - Legge e costruisce semplici grafici. LINGUAG GIO DELLA GEO GRAFICI TA : uso del linguaggio. - Non riesce a spiegare dove si trovano gli elementi geografici di cui si parla usando correttamente punti di riferimento. - Non sa ricercare, neanche se sollecitato il significato di termini nuovi e specifici. - Non comprende il significato di frasi che contengono termini specifici neanche in seguito alla spiegazione dell insegnante. - Non riesce a dare definizioni neanche attraverso esempi. - Non riesce a descrivere in modo chiaro e semplice un immagine. - Non sa esporre i contenuti essenziali, utilizzando un linguaggio semplice. - Spiega con difficoltà dove si trovano gli elementi geografici di cui si parla usando non sempre correttamente punti di riferimento. - Non sa ricercare, neanche se sollecitato il significato di termini nuovi e specifici. - Non comprende il significato di frasi che contengono termini specifici neanche in seguito alla spiegazione dell insegnante. - Descrive, se guidato in modo chiaro e semplice un immagine. - Espone i contenuti essenziali, con un tipo di linguaggio non sempre corretto. - Spiega dove si trovano gli elementi geografici di cui si parla usando correttamente punti di riferimento. - Se sollecitato, ricerca il significato di termini nuovi e specifici. - Comprende il significato di frasi che contengono termini specifici in seguito alla spiegazione dell insegnante. - Da definizioni solo attraverso esempi. - Descrive in modo chiaro e semplice un immagine. - Espone i contenuti essenziali, utilizzando un linguaggio semplice 19

20 Valutazion e in decimi ORIENTA MENTO E PAESAGG IO LINGUAG GIO DELLA GEO GRAFICI TA : uso degli strumenti Identifica elementi geografici ( elementi morfologici ed antropici) e li colloca nel rispettivo ambiente. - Riassume gli aspetti più significativi dell argomento affrontato. - Collega fenomeni generali a situazioni locali ( es. astronomia e clima; tettonica e orografia) in modo autonomo. - Individua le implicazioni economico sociale dell intervento dell uomo sul paesaggio ( colonialismo, demografia, ecologia ). - Distingue quali sono gli aspetti locali e quali globali di un fenomeno. - Identifica elementi geografici ( elementi morfologici ed antropici) e li colloca nel rispettivo ambiente, con altre informazioni. -Organizza un discorso coerente e pertinente sull argomento affrontato, integrandolo con valutazioni d ordine qualitativo. - Collega fenomeni e situazioni in modo autonomo, avvalendosi anche di informazioni provenienti da altre fonti/discipline. - Riconduce ad un contesto storico culturale gli interventi dell uomo sull ambiente. - Coglie le implicazioni tra sviluppo e processi di globalizzazione. - Identifica elementi geografici ( elementi morfologici ed antropici) e li colloca nel rispettivo ambiente, con altre informazioni a seguito di una personale rielaborazione. - Organizza un discorso coerente e pertinente sull argomento affrontato, integrandolo con valutazioni d ordine qualitativo e personale. - Collega fenomeni e situazioni in modo autonomo, avvalendosi anche di informazioni provenienti da altre fonti/discipline. - Riconduce autonomamente ad un contesto storico culturale gli interventi dell uomo sull ambiente. - Coglie le implicazioni tra sviluppo e processi di globalizzazione in maniera personale. REGIONE E SISTEMA TERRITO RIALE - Segue la lezione e prendendo appunti in modo personale e facendo domande per avere eventuali chiarimenti. - Sull atlante trova in modo autonomo gli elementi geografici di cui si parla. - Si muove sul libro di testo con scioltezza. - Completa una carta muta con tutti gli elementi richiesti. - Legge, comprende ed utilizza una scala di riduzione. - Legge e costruisce in modo carte tematiche seguendo un modello. - Legge e costruisce grafici. - Segue la lezione e prendendo appunti in modo personale e facendo domande che sollecitano le discussione e l approfondimento. - Usa con sicurezza l atlante. - Usa il testo come una delle possibili fonti, integrandolo con altri materiali. - Completa una carta muta in modo ordinato e preciso. - Confronta scale di riduzione diverse. - Legge e costruisce carte tematiche anche piuttosto complesse. - Usa grafici e tabelle per descrivere e/o commentare fenomeni. - Segue la lezione e prendendo appunti in modo personale e facendo domande che sollecitano le discussione e l approfondimento. - Usa con sicurezza l atlante. - Usa il testo come una delle possibili fonti, integrandolo con altri materiali scelti autonomamente. - Completa una carta muta in modo ordinato e preciso. - Confronta scale di riduzione diverse in maniera puntuale e precisa. - Legge e costruisce carte tematiche anche piuttosto complesse. - Usa grafici e tabelle per descrivere e/o commentare fenomeni. 20

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I SCUOLA PRIMARIA CLASSE I ITALIANO INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Ascoltare e comprendere Leggere e comprendere Comunicare oralmente Mantenere l attenzione

Dettagli

I DISCORSI E LE PAROLE

I DISCORSI E LE PAROLE SCUOLA DELL INFANZIA INDICATORI I DISCORSI E LE PAROLE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni ASCOLTARE E Ascoltare brevi e semplici racconti. Capire il messaggio delle parole usate dall insegnante.

Dettagli

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA UdA n.1 - LEGGERE, COMPRENDERE E INTERPRETARE TESTI 1. Comprendere e analizzare narrativi, descrittivi, espositivi e poetici 2. Riconoscere e classificare diversi tipi di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE LETTERE SULLA BASE DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICULO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G.A. COLOZZA CAMPOBASSO UNITA

ISTITUTO COMPRENSIVO G.A. COLOZZA CAMPOBASSO UNITA ISTITUTO COMPRENSIVO G.A. COLOZZA CAMPOBASSO UNITA di APPRENDIMENTO Anno Scolastico 2013/2014 CLASSE PRIMA ITALIANO STORIA GEOGRAFIA CITTADINANZA MATEMATICA SCIENZE INGLESE FRANCESE TECNOLOGIA MUSICA ARTE

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA NUCLEI FONDANTI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Sa usare la comunicazione orale e scritta per collaborare e interagire positivamente con gli altri

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

LINGUA ITALIANA. Scuola dell Infanzia. Saper comunicare oralmente. Condividere esperienze personali, emozioni, pensieri e comportamenti vissuti.

LINGUA ITALIANA. Scuola dell Infanzia. Saper comunicare oralmente. Condividere esperienze personali, emozioni, pensieri e comportamenti vissuti. LINGUA ITALIANA Scuola dell Infanzia Campi di esperienza Traguardi per lo sviluppo della competenza Abilità Conoscenze Il sé e l altro Il bambino: Saper comunicare oralmente. Le attività di routine quotidiane.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

Curricolo verticale di ITALIANO

Curricolo verticale di ITALIANO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SIANO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Curricolo verticale di ITALIANO ITALIANO - CLASSI PRIME Leggere e comprendere -Ascolta le informazioni principali di discorsi affrontati

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE Istituto Comprensivo di Calderara di Reno Scuola Secondaria di Primo Grado Due Risorgimenti PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE CONTENUTI LETTURA Conoscere le strategie

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE TERZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi dai media, riconoscendone la

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

Curricolo di LINGUA INGLESE

Curricolo di LINGUA INGLESE Curricolo di LINGUA INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 I traguardi sono riconducibili ai livelli A1 e A2 del Quadro Comune Europeo

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 STRUTTURA DELLA CLASSE Alunni iscritti n. Alunni frequentanti n. Alunni ripetenti n. /. Alunni disabili n.. Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Classe 1 TIPOLOGIA

Dettagli

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca Istituto Comprensivo di Mozzate Viale Libertà, 3 22076 Mozzate (CO) tel. 0331 831491- fax 0331 262484 codice meccanografico COIC83400P c.f. 80017540131 email: COIC83400P@istruzione.it - info@comprensivomozzate.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

Progettazione consapevole: riconoscere ed analizzare i propri e gli altrui bisogni

Progettazione consapevole: riconoscere ed analizzare i propri e gli altrui bisogni Curricolo di lingua inglese aa. ss. 2016 2019 L apprendimento della lingua straniera, coerentemente a quanto suggerito dalle Indicazioni Nazionali 2012 (D.M 254/2012), contribuisce a promuovere la formazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Istituto Comprensivo di Bosco Chiesanuova Piazzetta Alpini 5 37021 Bosco Chiesanuova Tel 045 6780 521-

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione

SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione Descrittori Classe 1 Descrittori Classe 2 Descrittori Classe 3 Descrittori Classe 4 Descrittori Classe 5 1.1.1

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Di Bella Carmela Disciplina Italiano Classe I Sezione F n. alunni 25 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

Livelli ed Indicatori SCHEDA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Primo Quadrimestre

Livelli ed Indicatori SCHEDA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Primo Quadrimestre Livelli ed Indicatori SCHEDA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Primo Quadrimestre ITALIANO (Voto numerico espresso in decimi e riportato in lettere) Prestare attenzione, comprendere e riferire i contenuti di

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2012/2013 ITALIANO A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Prof. David Baragiola 1 L AMBITO DISCIPLINARE DI ITALIANO STABILISCE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 COMPETENZA al termine del primo ciclo di istruzione Dimostra una padronanza della lingua italiana tale

Dettagli

TABELLE DI VALUTAZIONE SCUOLA SECONDARIA

TABELLE DI VALUTAZIONE SCUOLA SECONDARIA TABELLE DI VALUTAZIONE SCUOLA SECONDARIA o COMPORTAMENTO o LETTERE (ITALIANO, STORIA, GEOGRAFIA) o MATEMATICA E SCIENZE o PRIMA E SECONDA LINGUA COMUNITARIA o TECNOLOGIA o EDUCAZIONE MUSICALE o SCIENZE

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Competenze chiave Comunicazione nella madre lingua competenza digitale imparare a imparare competenze

Dettagli

CLASSE 3^ ITALIANO ASCOLTARE PARLARE LEGGERE OBIETTIVI DECLINATI PER CONOSCENZE, ABILITA' E COMPETENZECLASSE

CLASSE 3^ ITALIANO ASCOLTARE PARLARE LEGGERE OBIETTIVI DECLINATI PER CONOSCENZE, ABILITA' E COMPETENZECLASSE OBIETTIVI DECLINATI PER CONOSCENZE, ABILITA' E COMPETENZECLASSE 1 CLASSE 3^ ITALIANO ASCOLTARE Conoscenze Abilità Competenze - Conoscere le strategie di ascolto di testi orali: racconti, argomentazioni,

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado Disciplina: Italiano Classe: I Docente:

Scuola Secondaria di Primo Grado Disciplina: Italiano Classe: I Docente: Scuola Secondaria di Primo Grado Disciplina: Italiano Classe: I Docente: NUCLEI TEMATICI Ascolto e parlato Lettura Scrittura TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE L allievo ascolta e comprende testi di

Dettagli

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO BOZZAOTRA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO Via Roma, 27-80061 MASSA LUBRENSE(NA) Cod. Mecc. NAIC8D8002 C. F. n 90078340636 Tel e/o fax. 081/8789205-8089695 Sito

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO DENOMINAZIONE CON PINOCCHIO PER IMPARARE A STARE INSIEME PRODOTTI LIBRICINO COMPETENZE CHIAVE/COMPETENZE CULTURALI EVIDENZE OSSERVABILI Italiano -Padroneggiare gli strumenti espressivi

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi

Dettagli

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI ALLEGATO 4 Scuola Primaria Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI VOTO Eccellenti competenze e pieno controllo degli aspetti tecnici e formali. Rivela creatività, logica

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione

SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione Descrittori Classe 1 Descrittori Classe 2 Descrittori Classe 3 Descrittori Classe 4 Descrittori Classe 5 il

Dettagli

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA ISTITUTO TECNICO STATALE AD INDIRIZZO COMMERCIALE IGEA - MARKETING GEOMETRI - PROGRAMMATORI TURISTICO G FILANGIERI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2010/2011 INDIRIZZO DI STUDI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio.

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio. ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio Obiettivi specifici ITALIANO Attività ASCOLTO - Applicare le strategie dell ascolto

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

1 CIRCOLO DIDATTICO - Pontecagnano Faiano (SA) PROFILI FORMATIVI. Allegato al POF

1 CIRCOLO DIDATTICO - Pontecagnano Faiano (SA) PROFILI FORMATIVI. Allegato al POF 1 CIRCOLO DIDATTICO - Pontecagnano Faiano (SA) PROFILI FORMATIVI Allegato al POF a.s. 2013/2014 Profilo formativo della classe prima competenze riferite agli strumenti culturali Comunicare per iscritto

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI NELLA SCUOLA PRIMARIA

CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI NELLA SCUOLA PRIMARIA CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI NELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSI PRIME E SECONDE VOTI COMPETENZE -ha ottime capacità di ascolto; riconosce, scrive e legge correttamente parole\frasi in

Dettagli

ITALIANO RIFLESSIONE SULLA LINGUA

ITALIANO RIFLESSIONE SULLA LINGUA RIFLESSIONE SULLA LINGUA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado ü L alunno interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, sostiene

Dettagli

Il Dirigente scolastico e il Presidente della Commissione d esame CERTIFICANO

Il Dirigente scolastico e il Presidente della Commissione d esame CERTIFICANO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Raffaello Giovagnoli Via Ticino 72 00015 Monterotondo (RM) Tel. 069068053 Fax 0690629007

Dettagli

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LETTERE AL GINNASIO Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno: aver raggiunto una conoscenza adeguata

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C Insegnante : Piera Buono ITALIANO : obiettivi COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE - prestare attenzione in situazione di ascolto - individuare gli elementi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione

SCUOLA PRIMARIA SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione SCUOLA PRIMARIA SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione Descrittori Classe 1 Descrittori Classe 2 Descrittori Classe 3 Descrittori Classe 4 Descrittori

Dettagli

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA COMPETENZE NUCLEO FONDANTE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Comunicare -Ascoltare con attenzione le collegamenti ASCOLTO E PARLATO comunicazioni degli adulti e e dei compagni

Dettagli

Disciplina: Storia. ANNO SCOLASTICO 2015-2016 - Classe IIA

Disciplina: Storia. ANNO SCOLASTICO 2015-2016 - Classe IIA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 - Classe IIA Disciplina: Storia Lo studio della storia, insieme alla memoria delle generazioni viventi, alla percezione del presente e alla visione del futuro, contribuisce a

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez.

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez. PROGETTAZIONE ANNUALE CORSO: A. S. 200_/0_ Classe sez. Disciplina: ANALISI DELLA CLASSE: Situazione di partenza Descrivere tipologia, (caratteristiche cognitive, comportamentali, atteggiamento verso la

Dettagli

COMMISSIONE CURRICOLI E VALUTAZIONE 25 FEBBRAIO

COMMISSIONE CURRICOLI E VALUTAZIONE 25 FEBBRAIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO CERCEMAGGIORE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO SEPINO C.A.P. 86012 CERCEMAGGIORE (Campobasso) Via

Dettagli

Documento per la valutazione degli studenti

Documento per la valutazione degli studenti Documento per la valutazione degli studenti A.S. 201/201 La valutazione e' espressione dell'autonomia professionale propria della funzione docente, nella sua dimensione sia individuale che collegiale,

Dettagli

Istituto Comprensivo 2 Anagni FORMAZIONE INVALSI 2016. Unità di apprendimento Il mondo in classe

Istituto Comprensivo 2 Anagni FORMAZIONE INVALSI 2016. Unità di apprendimento Il mondo in classe Unità di apprendimento Istituto Comprensivo 2 Anagni FORMAZIONE INVALSI 2016 Gruppo di lavoro: Troiano Rossella, Spinillo Maria Antonietta, Di Maggio Anna Maria, Michelangeli Maria Grazia, Mancini Anna,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ROBERTA BIAGI. MATERIA: Matematica CLASSE I E

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ROBERTA BIAGI. MATERIA: Matematica CLASSE I E PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ROBERTA BIAGI MATERIA: Matematica CLASSE I E DATA DI PRESENTAZIONE: 28 novembre 2013 Finalità della disciplina La finalità della disciplina

Dettagli

PROGRAMMAZIONE di ITALIANO ASCOLTARE

PROGRAMMAZIONE di ITALIANO ASCOLTARE CLASSE PRIMA Ascoltare in modo attivo e partecipe, comprendendo il contenuto PROGRAMMAZIONE di ITALIANO ASCOLTARE Attribuisce significato al Favole e fiabe tono di chi parla o legge Storie fantastiche

Dettagli

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (1) ITALIANO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri; con ciò

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE)

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative corrispondenti

Dettagli

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Allegato 8 PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Scuola Primaria PERCORSI FORMATIVI E CRITERI DI VALUTAZIONE Il Piano Educativo e Didattico d Istituto (P.E.D.) è la programmazione dei percorsi formativi

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

PIANO ANNUALE DI LAVORO

PIANO ANNUALE DI LAVORO Istituto Comprensivo via Latina 303 - Roma Piano annuale di lavoro MOD-102 Rev. 1 Data: 03/09/12 Totale pagine: 6 PIANO ANNUALE DI LAVORO Docenti Materia Classi Sezione a. s. Tutti Materie Letterarie Seconde

Dettagli

Istituto Comprensivo di Carugate Scuola Secondaria di I grado C. Baroni Programmazione: lingua spagnola Anno scolastico 2015/16 CLASSI TERZE

Istituto Comprensivo di Carugate Scuola Secondaria di I grado C. Baroni Programmazione: lingua spagnola Anno scolastico 2015/16 CLASSI TERZE Istituto Comprensivo di Carugate Scuola Secondaria di I grado C. Baroni Programmazione: lingua spagnola Anno scolastico 2015/16 CLASSI TERZE Finalità e senso della disciplina - In affinità con le altre

Dettagli

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria Griglie di valutazione disciplinari Scuola Primaria 3 VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Il recente Regolamento per la valutazione scolastica Dpr n. 122 del 2009 intende coordinare le diverse norme in questo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO. Promuovere la pace per evitare la guerra

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO. Promuovere la pace per evitare la guerra ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO PERCORSO VERTICALE Promuovere la pace per evitare la guerra SCUOLA DELL INFANZIA Terzo anno Competenza e abilità al termine

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Dipartimento di Materia: ITALIANO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Dipartimento di Materia: ITALIANO Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

Il testo narrativo autobiografico Io com ero, come sono, come sarò

Il testo narrativo autobiografico Io com ero, come sono, come sarò Istituto Comprensivo Taverna Montalto Uffugo Scuola Secondaria di Primo Grado Scuola Secondaria di 1 Grado Classe II Sez. C Progetto di un intervento didattico su Italiano Titolo dell attività Il testo

Dettagli

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare INTRODUZIONE Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è condizione indispensabile per la crescita della persona e per l'esercizio pieno della cittadinanza, per l'accesso critico a tutti gli

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO REPUBBLICA ITALIANA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI Via Giovanni XXIII, n. 64-38065 MORI Cod. Fisc. 94024510227 - Tel. 0464-918669 Fax 0464-911029 www.icmori.it e-mail: segr.ic.mori@scuole.provincia.tn.it

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO. Traguardi per lo sviluppo delle competenze. Obiettivi di apprendimento( conoscenze e

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO. Traguardi per lo sviluppo delle competenze. Obiettivi di apprendimento( conoscenze e CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO Traguardi per lo sviluppo delle competenze 1.Partecipa a scambi comunicativi con compagni ed insegnanti, formulando messaggi chiari e pertinenti Obiettivi

Dettagli

LINGUA ITALIANA CONOSCENZE

LINGUA ITALIANA CONOSCENZE Classe 1^ Scuola Secondaria di I Grado COMPETENZA DI OBIETTIVI DI RIFERIMENTO APPRENDIMENTO Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente 1.1 Ascoltare per intervenire in modo pertinente nelle conversazioni.

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Annalisa Messore. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s.

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Annalisa Messore. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docente Plesso Classe III Disciplina/Macroarea/Campo d esperienza Annalisa Messore SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO CARLO DEL PRETE Sezione C ITALIANO Tavola di sintesi delle

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Interagire e comunicare verbalmente in contesti di diversa natura Quando ascolta,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare: ITALIANO Classe 1 Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della scuola secondaria di 1

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PER LA CLASSE PRIMA E RELATIVI COMUNICAZIONE ORALE MANTENERE L ATTENZIONE SUL MESSAGGIO ORALE,

Dettagli

Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado

Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado LINEE GUIDA PER I TRAGUARDI E GLI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è una condizione indispensabile per

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA Anno scolastico 2014-2015 Seconda classe FINALITA' GENERALI 1) Forte legame con la storia 2) Sviluppare la capacità di comprendere le relazioni che intercorrono tra le caratteristiche

Dettagli

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DEL TRIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DEL TRIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO La scuola secondaria di primo grado rappresenta la fase in cui si realizza l accesso alle discipline come punti di vista sulla realtà e come modalità di interpretazione, simbolizzazione e rappresentazione

Dettagli

ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio

ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello 3 (5-6) Livello 4 (4-5) Livello 5 (2-4) Lessico Ottimo Buono Uso essenziale del lessico Difficoltà

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ITALIANO BIENNIO Il Liceo Classico promuove lo sviluppo e l approfondimento delle quattro abilità di base (ascolto, lettura, rielaborazione

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A.

I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A. I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A. - Guspini Programmazione annuale di MATEMATICA a.s. 2013-2014 Classi seconde Docente: Prof. Walter Concas A. OBIETTIVI 1. Obiettivi educativi generali. La

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale ASCOLTO E PARLATO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri. Usa la comunicazione orale per collaborare

Dettagli

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PSI_ITALIANO QUARTO BIENNIO_CLASSE SECONDA COMPETENZA ABILITA CONOSCENZE Competenza

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE

PROGETTAZIONE ANNUALE ISTITUTO COMPRENSIVO MAZZINI-MODUGNO VIA G. SUPPA, 7 70125 BARI PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA CLASSI V A.S. 2014-2015 ITALIANO A. Ascolto e parlato A1. Interagire in modo collaborativo in una conversazione,

Dettagli

LINGUA ITALIANA INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO E PARLATO

LINGUA ITALIANA INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO E PARLATO LINGUA ITALIANA INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO E PARLATO INFANZIA Il bambino sviluppa abilità di ascolto, comprende testi brevi e semplici, arricchisce il proprio lessico. Racconta ed inventa Esprime emozioni,

Dettagli

VALUTAZIONE NELLA SCUOLA MEDIA E GRIGLIE DI VALUTAZIONE

VALUTAZIONE NELLA SCUOLA MEDIA E GRIGLIE DI VALUTAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO G.PASCOLI -SILVI VALUTAZIONE NELLA SCUOLA MEDIA E GRIGLIE DI VALUTAZIONE SEZIONE POF 201-201 Valutazione nella scuola media In conformità alle nuove direttive ministeriali - decreto

Dettagli