UNITA di APPRENDIMENTO Anno Scolastico 2013/2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNITA di APPRENDIMENTO Anno Scolastico 2013/2014"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO G.A. COLOZZA CAMPOBASSO UNITA di APPRENDIMENTO Anno Scolastico 2013/2014 CLASSE TERZA ITALIANO STORIA GEOGRAFIA CITTADINANZA e C. MATEMATICA SCIENZE INGLESE FRANCESE Ed TECNOLOGICA MUSICA ARTE e IMMAGINE RELIGIONE SCIENZE MOTORIE 1

2 ITALIANO UNITA D APPRENDIMENTO UDA 1 Riflessione sulla lingua: riconoscere ed analizzare le diverse parti del discorso e le proposizioni all interno di un periodo, usare quanto appreso in modo corretto sul piano della comunicazione orale e scritta. I.C. "G.A. COLOZZA" Scuola Secondaria di I grado DISCIPLINA: ITALIANO DESTINATARI: Alunni delle classi III^ Compito unitario Somministrazione di una prova tipo Invalsi, con risposte esclusivamente legate alla riflessione linguistica, che preveda l autovalutazione e l identificazione da parte di ciascun alunno delle eventuali lacune, in modo da poter organizzare un efficace azione di recupero. Prova finale. Obiettivi Formativi Affrontare in modo logico i vari argomenti distinguendone i vari gradi di complessità. Obiettivi di Apprendimento Riconoscere e analizzare gli elementi grammaticali e sintattici della lingua, usarli in modo corretto nella comunicazione orale e scritta. Tempi 2 Tipologie testuali : testi personali, quali diario e lettera, testi narrativi, espositivi, argomentativi, relazioni struttura e produzione. 3 Poesia dell Ottocento e del Novecento: temi e linguaggio ( scelta di testi poetici che trattino i temi degli affetti e dell amore, della felicità e del dolore, dell adolescenza, del senso della vita e del la morte, dell impegno civile e sociale ). Produzione di un testo, utilizzando una tipologia a scelta tra lettera, diario e relazione, testo argomentativo, in cui l alunno ipotizzi il suo futuro scolastico e professionale ( produzione singole in itinere e finale.) Eseguire l analisi stilistica e il commento di poesie. Sviluppare capacità logiche e di comunicazione; ipotizzare il proprio futuro. Esternare le proprie emozioni. Sviluppare spirito critico, confrontare opinioni. Conoscere elementi specifici delle varie tipologie testuali. Conoscere e utilizzare modalità tipiche del linguaggio del genere. Produrre testi. Conoscere gli elementi caratterizzanti il testo poetico. Utilizzare le tecniche imparate. Produrre parafrasi e commenti 2

3 4 Tra letteratura e storia: scelta antologica di brani di autori dell Ottocento e del Novecento, legati alle tematiche trattate in storia. Saper esporre e analizzare alcuni aspetti della storia della letteratura. Riflettere criticamente su avvenimenti, confrontare opinioni. Conoscere le caratteristiche strutturali di testi diversi. Contestualizzare storicamente e culturalmente un testo. 5 Orientamento Temi e problemi del mondo d oggi ( cenni a temi quali: movimenti migratori, integrazione razziale, guerra, negazione dei diritti, ambiente ). Test di comprensione e riflessione critica di attitudini, interessi, abilità. Riflettere criticamente. Applicare strategie di risoluzione di problemi ai fini della conoscenza di sé. Obiettivi di apprendimento Italiano Classe terza VALUTAZIONE IN DECIMI ASCOLTO Comprensione orale In una comunicazione non comprende quello che si dice ne coglie le informazioni essenziali. - Non chiede spiegazioni - In una comunicazione comprende parzialmente quello che si dice e non sempre coglie le informazioni essenziali. - Chiede raramente spiegazioni. - In una comunicazione comprende quello che si dice e coglie le informazioni essenziali. - Se non capisce chiede spiegazioni. LETTURA Comprensione lingua scritta - Si distrae anche nel corso della lettura silenziosa di un breve testo. - E esitante e incerto nella lettura ad alta voce. - Non usa il dizionario in maniera funzionale. - Ha bisogno di essere guidato nella comprensione del testo - Si distrae anche durante la lettura silenziosa. - Legge ad alta voce con frequenti correzioni e interruzioni fonetiche. - E insicuro nell uso del dizionario. - Non è completamente autonomo nella comprensione del testo - Legge silenziosamente un breve testo senza distrarsi, finchè non l ha terminato. - Legge ad alta voce in modo comprensibile. - Usa il dizionario per trovare il significato delle parole che non conosce. - quando legge un testo, individua, senza bisogno di aiuto, i fatti, chi agisce, i luoghi e i tempi. - Ricava informazioni essenziali da grafici schemi e tabelle. 3

4 PARLATO Produzione orale SCRITTURA Produzione scritta RIFLESSIONE SULLA LINGUA Conoscenza strutturata della lingua - Ha difficoltà a riferire la sua esperienza. - Esprime opinioni non pertinenti. - Riferisce in modo frammentario. - Scrive un testo di esperienze personali con linguaggio e contenuto scarni. - Guidato riassume un semplice testo. - Individua con difficoltà i periodi di un testo. - Non riconosce le proposizioni che compongono il periodo. - Riferisce le sue esperienze schematicamente. - Esprime opinioni a volte poco pertinenti. - Riferisce con incertezza. - Scrive un testo di esperienze personali con linguaggio e contenuto elementari. - Riassume un semplice testo seguendo uno schema. - E approssimativo nell individuazione dei periodi che compongono il testo. - Non sempre riconosce le proposizioni che compongono il periodo. - Riferisce la sua esperienza usando un linguaggio semplice e corretto. - Esprime la sua opinione se sollecitato. - Riferisce in modo comprensibile le informazioni ricavate da una comunicazione scritta o orale. - Scrive un testo di esperienze personali utilizzando contenuto e linguaggio comprensibile. - Riassume un testo semplice. - Riconosce nel testo i periodi che lo compongono. - Distingue la proposizione principale dalla subordinata. Valutazione in decimi ASCOLTO Comprensione orale - In una comunicazione coglie tutte le informazioni. - Se non capisce, trova autonomamente strumenti validi di comprensione - In una comunicazione coglie le informazioni e le schematizza. - In una comunicazione individua le informazioni le rielabora in maniera personale e le schematizza. LETTURA Comprensione lingua scritta - Legge silenziosamente un testo senza distrarsi, finchè non l ha terminato. - Legge in modo scorrevole. -Ricava il significato delle parole nuove dall insieme del testo. - Quando legge un testo, individua i fatti,, chi agisce, i luoghi e i tempi, le cause e le conseguenze. - riconosce il genere di testo che legge ( racconto, romanzo, testo poetico, testo giornalistico, relazione ) -Distingue in un testo le informazioni principali da - Legge in modo espressivo. - Fa ipotesi sul significato di termini sconosciuti. -In un testo individua il messaggio dell autore. - Riconosce il genere di testo che legge ( racconto, romanzo, testo poetico, testo giornalistico, relazione )e identifica le sue caratteristiche. - Collega le informazioni principali a quelle secondarie. - Legge con giusta intonazione rispettando i ritmi e le pause, dando voce ai sentimenti dei personaggi. -Ipotizza il significato di termini sconosciuti e li riutilizza in altri contesti. -In un testo individua le opinioni dell autore. - Riconosce il genere di testo che legge e ne identifica le caratteristiche, esprimendo un proprio giudizio. - Collega le informazioni principali a quelle 4

5 quelle secondarie. secondarie compiendo inferenze. PARLATO Produzione orale - Riferisce la sua esperienza usando un lessico adatto allo scopo. - Esprime la sua opinione e la motiva. - Riferisce in modo coerente le informazioni ricavate da una comunicazione scritta o orale. - Rielabora i contenuti e li esprime distinguendo le informazioni principali da quelle secondarie - Riferisce la sua esperienza usando un lessico ricco. - Esprime la sua opinione integrandola con quella altrui. - Riferisce le informazioni arricchendole con dati provenienti da fonti diverse. - Riferisce la sua esperienza usando un lessico ricco e preciso. - Esprime la sua opinione argomentando con esempi, dati e informazioni che la sostengono. - Riferisce le informazioni arricchendole e citando le fonti di provenienza. SCRITTURA Produzione scritta RIFLESSIONE SULLA LINGUA Conoscenza strutturata della lingua - Scrive un testo di esperienze personali in una prosa scorrevole. - Riassume un testo autonomamente. - Scrive un testo narrativo ( diario, lettera ecc.) in una prosa scorrevole. - Scrive una relazione in modo completo. - Scrive un testo espositivo secondo un ordine logico. - Scrive un testo argomentativo semplice. - Riconosce e analizza la proposizione principale e le coordinate. - Riconosce e analizza le principali proposizioni subordinate. - Scrive un testo di esperienze personali ampio e appropriato nel lessico. - Riassume un testo autonomamente e in modo personale. - Scrive una relazione in modo completo e approfondito. - Scrive un testo espositivo con organicità e coerenza. - Scrive un testo argomentativo ben strutturato. - Analizza in modo corretto un periodo. - Riconosce e analizza le proposizioni subordinate in un periodo. - Scrive un testo di esperienza personale ampio e articolato e con lessico vario e ricco. - Riassume un testo in maniera originale - Scrive una relazione in modo completo e approfondito, ricavando dal percorso descritto conoscenze trasferibili in altri contesti. - Scrive un testo espositivo con organicità e coerenza secondo un percorso originale. - Scrive un testo argomentativo ben strutturato e arricchito di prove a sostegno. - Analizza in modo corretto un periodo complesso. - In un periodo coglie il rapporto tra sintassi e stile. 5

6 Classe III Macro unità di apprendimento1 1) IO MI CONOSCO ANCORA MEGLIO (dai comportamenti ai valori) Aree disciplinari Area linguisticoartisticoespressiva Area storicogeografica Area matematico -scientifico tecnologica Principi guida Senso dell espe rienza educativa ( concetto di sé scolastico) Apprendimento da promuovere L alunno, attraverso una riflessione critica e guidata di alcuni aspetti di sé,matura l esigenza di instaurare rapporti sereni con i propri coetanei,nel rispetto della libertà altrui e nella coscienza dei propri diritti e doveri all interno della comunità e del mondo circostante. Compito unitario in situazione -Riflettere sulla necessità di conoscere e tutelare i diritti umani -Maturare una coscienza ecologica -Essere consapevole delle modalità relazionali con coetanei ed adulti. Approfondire i principi della non violenza -Affrontare la trattazione di problemi legati ad esperienze di solidarietà -Considerare la condizione dei più deboli e dei più fragili -Comprendere l organizzazione dell economia del proprio territorio e le funzioni delle istituzioni e delle strutture preposte alla programmazione di essa. Acquisire consapevolezza del valore individuale e sociale del lavoro e del suo diritto- dovere,stabilendo un legame tra le aspirazioni personali e i bisogni della società tra il benessere individuale e il bene comune. Superare i confini della propria soggettività e confrontarsi con culture diverse senza pregiudizi Standard di valutazione dei traguardi di competenza Afferma la propria identità nella pratica della tolleranza e della cooperazion e: -sempre, -spesso, -se sollecitato -raramente anche dietro sollecitazio ne. Metodi Strategie -Uso degli strumenti della comunicazione in diversi linguaggi -Esplicitazione dei risultati da raggiungere -metodo induttivo e deduttivo -Lezione frontale e interattiva -Discussioni guidate -Affidamento di incarichi organizzativi -Suggerimenti procedurali -Lavoro individuale e di gruppo -Uscite didattiche -Incontri con esperti -Esperienze di tutorato e insegnamento tra pari -Attività laboratoriali Verifiche Colloqui orali, elaborati scritti,prove strutturate e semistrutturate, esecuzione e verbalizzazion e di procedimenti e sequenze motorie con prodotti ottenuti 6

7 Classe III Macro unità di apprendimento 2) IO RIELABORO E MI ESPRIMO Aree disciplinari Principi guida Apprendimento da promuovere Compito unitario in situazione Standard di valutazione dei traguardi di competenza Metodi Strategie Verifiche Area linguisticoartisticoespressiva Area storicogeografica Area matematicoscientifico tecnologica Alfabetiz zazione culturale di base L alunno è capace di collegare le conoscenze alla propria esperienza in funzione di uno scopo Sa leggere la realtà circostante Sa integrare aspetti affettivi e cognitivi della propria esperienza -Assumere ruoli sociali e sviluppare diverse appartenenze in comunità differenti,ciascuna delle quali connotata da una propria specificità in termini di finalità,ruoli e codici -Conoscere, accanto ai contenuti,i processi di apprendimento più efficaci nelle varie aree disciplinari e coglierne la valenza orientativa e formativa -Raccogliere le informazioni dalla realtà in cui si vive -scegliere gli strumenti di raccolta e di classificazione adeguati: utilizzare un metalinguaggio chiaro e condiviso; individuare gli elementi significativi; interpretare i dati e riorganizzarli in concetti,schemi,modelli esplicativi,reti concettuali; usufruire delle nuove conoscenze per esplorare adeguati piani di sviluppo successivo. -Possedere pertinenza lessicale specifica e padronanza dei codici non verbali, usare e decodificare il linguaggio simbolico,rielaborare in modo originale -Capire l importanza della informazione e sapere analizzare gli strumenti con cui è prodotta e diffusa -Scegliere la tipologia di linguaggio più appropriata allo scopo comunicativo -Acquistare padronanza della commistione di più linguaggi attraverso la comprensione e produzione di ipertesti -Fondere,non solo nella comunicazione espressiva,ma anche in quella funzionale,i vari linguaggi,cosicché si supportino e si integrino in una comunicazione potenziata Ha padronanza degli strumenti di interpretazione della realtà mutuati dai vari ambiti disciplinari: -piena -adeguata -sostanziale -parziale. -Uso degli strumenti della comunicazione in diversi linguaggi -Esplicitazione dei risultati da raggiungere -metodo induttivo e deduttivo -Lezione frontale e interattiva -Discussioni guidate -Affidamento di incarichi organizzativi -Suggerimenti procedurali -Lavoro individuale e di gruppo -Uscite didattiche -Incontri con esperti -Esperienze di tutorato e insegnamento tra pari -Attività laboratoriali Colloqui orali, elaborati scritti,prove strutturate e semistrutturate, esecuzione e verbalizzazione di procedimenti e sequenze motorie con prodotti ottenuti 7

8 Classe III Macro unità di apprendimento 3) IO SONO DIVENTATO AUTONOMO (dal dovere al senso di responsabilità) Aree disciplinari Principi guida Apprendimento da promuovere Compito unitario in situazione Standard di valutazione dei traguardi di competenza Metodi Strategie Verifiche Area linguisticoartisticoespressiva Area storicogeografica Area matematicoscientifico tecnologica Progettaz ione consape vole e spirito critico -L alunno riflette su di sé per scoprire le proprie risorse e i propri punti deboli, -affronta le difficoltà con sicurezza, si apre a nuove situazioni di apprendimento per crearsi interessi rispondenti alle proprie inclinazioni. -Acquisire flessibilità,adottando di volta in volta la strategia più proficua -Operare in modo razionale pianificare percorsi idonei; ritrovare regolarità o costanti in una serie di occorrenze;formulare spiegazioni a problemi affrontati; ipotizzare concetti generali a partire da situazioni particolari; costruire ipotesi e argomentarle; negoziare soluzioni di gruppo - Conoscere le caratteristiche dei programmi digitali e scegliere il più adeguato al proprio scopo - Sapersi orientare nella rete Compie scelte motivate e consapevoli sempre, spesso, se guidato, quasi mai. -Uso degli strumenti della comunicazione in diversi linguaggi -Esplicitazione dei risultati da raggiungere -metodo induttivo e deduttivo -Lezione frontale e interattiva -Discussioni guidate -Affidamento di incarichi organizzativi -Suggerimenti procedurali -Lavoro individuale e di gruppo -Uscite didattiche -Incontri con esperti -Esperienze di tutorato e insegnamento tra pari -Attività laboratoriali Colloqui orali, elaborati scritti,pro ve strutturat e e semistrutturat e, esecuzion e e verbalizz azione di procedim enti e sequenze motorie con prodotti ottenuti 8

9 OBIETTIVI FORMATIVI 1^-2^-3^ TEMATICA Anno scolastico ^TEMATICA: CONCETTO DI SE SOCIALE 3^TEMATICA : AMBITO METODOLOGICO Conoscersi nel rapporto con gli altri; essere disponibile a rivedere i propri comportamenti sociali; sviluppare il controllo delle proprie reazioni emotive. Organizzare in modo ordinato le proprie conoscenze; sviluppare le abilità di comunicazione e calcolo; consolidare le conoscenze di base e conseguire gli apprendimenti di tutte le discipline ;sviluppare adeguatamente le capacità logiche; conoscere ed usare i linguaggi specifici. Essere disponibile a rivedere i propri comportamenti sociali;sviluppare il controllo delle proprie reazioni emotive, confrontarsi con gli altri. Organizzare un ordinato metodo di studio; sviluppare le abilità di comunicazione e di calcolo; consolidare gli apprendimenti di tutte le discipline; sviluppare adeguatamente le capacità logiche; comprendere e applicare i linguaggi specifici. CLASSI 1^ 2^ 3^ 1^ TEMATICA: CONCETTO DI SE SCOLASTICO ( EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA Scoprire alcuni aspetti di sé; accrescere la fiducia in sé; sapersi motivare allo studio. Prendere coscienza dei propri limiti e potenzialità;sapersi motivare allo studio; sviluppare l autocontrollo dei comportamenti. Avere coscienza delle proprie responsabilità; accrescere la motivazione allo studio; essere consapevole dei livelli cognitivi raggiunti, delle potenzialità e delle attitudini personali ai fini delle future scelte scolasticolavorative. Controllare se stesso negli atteggiamenti e nel linguaggio; partecipare ed essere disponibile alla collaborazione; essere sensibili alle problematiche sociali; rispettare l ambiente, la salute personale, le norme di convivenza civile; rispettare il regolamento d Istituto. Approdare ad un metodo di studio autonomo e razionale; potenziare tecniche, strutture e linguaggi specifici; perfezionare le abilità, le capacità comunicative, logiche e di sintesi; ampliare le conoscenze ed avviarsi ad un approccio interdisciplinare del sapere, al fine di affrontare il colloquio d esame in maniera quanto più unitaria. 9

10 Obiettivi di apprendimento e descrittori- Classi I- II- III ITALIANO CLASSI 1^ 2^ 3^ ASCOLTO Ascoltare testi diversi individuando le informazioni principali. Ascoltare testi diversi individuando lo scopo, l argomento e il punto di vista dell emittente Ascoltare testi di vario tipo applicando tecniche di supporto alla comprensione(appunti, parole chiave,schemi ) PARLATO Riferire esperienze, eventi,trame selezionando informazioni significative;intervenire fornendo un positivo contributo rispettando tempi e turni di parole. Narrare e descrivere usando un lessico adeguato, selezionando le informazioni in base allo scopo; intervenire fornendo un positivo contributo, rispettando tempi e turni di parole Riferire in modo chiaro quanto studiato e saperlo argomentare; intervenire fornendo un positivo contributo, rispettando tempi e turni di parole. LETTURA Utilizzare correttamente le diverse tecniche di lettura. Individuare informazioni ed elementi costitutivi nei testi. Riconoscere i vari testi nella loro tipologia,individuando anche l intenzione comunicativa dell autore. SCRITTURA Produrre testi corretti, coesi e rispondenti alla richiesta Produrre testi corretti, coesi e rispondenti alla richiesta Produrre testi corretti, coesi e rispondenti alla richiesta RIFLESSIONI SULLA LINGUA Riconoscere gli elementi essenziali della fonologia e della morfologia. Riconoscere gli elementi della morfologia e della sintassi semplice Riconoscere gli elementi della morfologia e della sintassi semplice e complessa. 10

11 ADERENZA ALLA TRACCIA ELABORAZIONE DEL TESTO PRODUZIONE SCRITTA ITALIANO TABELLA DI VERIFICA E VALUTAZIONE ORGANIZZAZIONE DEL TESTO COMPETENZA MORFO SINTATTICA COMPETENZA LESSICALE VOTI IN 10 Pienamente aderente Aderente Molto approfondito Personale ed originale Approfondito Articolato Personale Pienamente coerente Coeso - efficace Perfettamente corretto curato Vario ricco 10 Coerente coeso Molto corretto Vario - accurato 9 Aderente Approfondito Organico Corretto Appropriato 8 Rispondente Esauriente Coerente Per lo più corretto Nel complesso aderente Abbastanza efficace Essenziale Non del tutto coerente Qualche errore Generico 6 Parzialmente aderente Modesto Schematico Vari errori Elementare Ripetuto Non aderente Inadeguato Incongruente Numerosi errori Povero improprio sbagliato Produzione inesistente

12 COLLOQUI ORALI VOTI GIUDIZIO CORRISPONDENTE CONDOTTA 1 4 >Grave mancanza di conoscenze ( conoscenze scorrette) > Incapacità comunicativa di analisi e di elaborazione >Mancanza di competenze 5 > Conoscenze frammentarie e superficiali ( in parte scorrette) > Difficoltà comunicativa di analisi e di elaborazione > Competenze parziali o ridotte 6 > Conoscenze non approfondite ( nel complesso corrette) > Capacità comunicativa di analisi e di elaborazione sicura e corretta > Competenze sicure 7 >Conoscenze adeguate ( abbastanza corrette) > Capacità comunicativa di analisi e di elaborazione sicura e corretta > Competenze sicure 8 9 >Conoscenze soddisfacenti > Capacità comunicativa di analisi e di elaborazione chiara e approfondita > Competenze valide 10 > Conoscenze complete ampie approfondite > Capacità comunicativa di analisi e di elaborazione ampia personale approfondita sicura e convincente > Competenze eccellenti Totale mancanza di rispetto delle regole Adeguato rispetto delle regole Consapevole rispetto delle regole 12

13 UdA CLASSE TERZA STORIA Titolo UdA Compito unitario Obiettivi Formativi Obiettivi di Apprendimento 1 Il Risorgimento italiano Rielaborazione di contenuti, schede riepilogative o completamento di una mappa e/o test di verifica strutturata e/o verifiche orali. Analisi di documenti. 2 La seconda Rivoluzione industriale 3 La Belle Epoque La Grande Guerra Rielaborazione di contenuti, schede riepilogative o completamento di una mappa e/o test di verifica strutturata e/o verifiche orali. Analisi di documenti. Rielaborazione di contenuti, schede riepilogative o completamento di una mappa e/o test di verifica strutturata e/o verifiche orali. Analisi di documenti. 4 L Europa senza pace Rielaborazione di contenuti, schede riepilogative o completamento di una mappa e/o test di verifica strutturata e/o verifiche orali. Analisi di documenti. Riflettere sul principio dell equilibrio e del legittimismo nella restaurazione e le aspirazioni dei popoli alla libertà. Apprender le difficili condizioni di vita dei nostri emigranti e confrontarle con quelle dei nostri immigrati attuali. Comprendere la portata del progresso tecnologico e la sua importanza per l uomo. Riflettere sulla società di massa. Individuare cause/conseguenze e forme dell imperialismo, chiarendo il concetto di superiorità della razza bianca. Chiarire nessi causa/effetto per comprendere i motivi che portarono alla I Guerra Mondiale. Riflettere sull annientamento dell individuo attraverso le dittature e lo sterminio. L'importanza della pace Conoscere fatti, luoghi, date, protagonisti e idee dell'età del Risorgimento italiano. Conoscere i cambiamenti economici, sociali e culturali del periodo storico in esame. Conoscere i cambiamenti economici, sociali e culturali del periodo storico in esame. Conoscere le caratteristiche, le cause e le conseguenze dei sistemi totalitari. Tempi 5 Italia ed Europa nel dopoguerra Rielaborazione di contenuti, schede riepilogative o completamento di una mappa e/o test di verifica strutturata e/o verifiche orali. Analisi di documenti. 6 La decolonizzazione. Rielaborazione di contenuti, schede riepilogative o completamento di una mappa e/o test di verifica strutturata e/o verifiche orali. Analisi di documenti. 7 La globalizzazione. Rielaborazione di contenuti, schede riepilogative o completamento di una mappa e/o test di verifica strutturata e/o verifiche orali. Analisi di documenti. Comprendere l origine e l importanza del progetto di unificazione d Europa. Riconoscere nello sviluppo economico italiano l origine di molti problemi attuali ( il degrado del territorio, morti bianche, ecc.). Cogliere le differenze delle varie forme di lotta dei popoli per giungere all indipendenza. Comprendere il concetto di globalizzazione in modo equilibrato e senza pregiudizi. Analizzare le problematiche del dopoguerra in Italia e in Europa. Conoscere le situazioni e i problemi delle ex colonie. Individuare vantaggi e svantaggi della globalizzazione. 13

14 Obiettivi di apprendimento Classe terza Storia VALUTAZIONE IN DECIMI ORGANIZZAZI ONE DELLE INFORMAZIONI RELAZIONI STRUMENTI CONCETTUALI PRODUZIONE SCRITTA E ORALE:USO DELLE FONTI Valutazione in decimi Non identifica date e luoghi. - Non riesce a collegare personaggi ad eventi storici. - Non riesce a descrivere un evento in modo essenziale. - Non sa individuare cause e conseguenze di un evento. - Non riesce a mettere in ordine cronologico gli eventi studiati. - Non riconosce le differenza tra un ordinamento democratico e uno dittatoriale. - Non conosce forme di stato e di governo diverse. - Non conosce i legami tra politica ed economia e società. - Non distingue tra storia nazionale, europea e mondiale. - Non riesce a leggere da solo testi e/o documenti, non individua le parole chiave e non riesce a selezionare i concetti fondamentali. - Non sa ripetere il contenuto di un testo e/o documento - Durante una spiegazione non partecipa neanche attraverso semplici interventi. - Non sa individuare i termini specifici studiati. - Aiutato identifica date e luoghi. - Se guidato collega personaggi ad eventi storici. - Se guidato descrive un evento in modo essenziale. - Anche se non in maniera autonoma individua cause e conseguenze di un evento. - Guidato mette in ordine gli eventi studiati. - Non riconosce le differenza tra un ordinamento democratico e uno dittatoriale. - Guidato riconosce forme di stato e di governo diverse. - Non sempre conosce i legami tra politica ed economia e società. - Guidato distingue tra storia nazionale, europea e mondiale. - Non sempre in maniera autonoma riesce a leggere testi e/o documenti, non individua le parole chiave e non riesce a selezionare i concetti fondamentali. - Non riesce sempre a ripetere il contenuto di un testo e/o documento in modo semplice e chiaro. - Durante una spiegazione non partecipa neanche attraverso semplici interventi. - Anche se con difficoltà individua i termini specifici studiati Identifica date e luoghi. - Collega personaggi ad eventi storici. - Descrive un evento in modo essenziale. - Individua cause e conseguenze di un evento. - Mette in ordine cronologico gli eventi studiati. - Conosce la differenza tra un ordinamento democratico e uno dittatoriale. - Conosce forme di stato e di governo diverse. - Conosce i legami tra politica ed economia e società. - Distingue tra storia nazionale, europea e mondiale. - Legge da solo testi e/o documenti, non individua le parole chiave e non riesce a selezionare i concetti fondamentali. - Ripete il contenuto di un testo e/o documento in modo semplice e chiaro. - Durante una spiegazione: fa domande quando non capisce. - Individua i termini specifici studiati. 14

15 ORGANIZZAZI ONE DELLE INFORMAZIONI RELAZIONI STRUMENTI CONCETTUALI PRODUZIONE SCRITTA E ORALE USO DELLE FONTI - Identifica date, luoghi e li collega con eventi storici studiati.. - Distingue aspetti economici, politici e sociali di un evento/problema. - Organizza un discorso, chiaro ed esauriente sugli eventi storici studiati. - Spiega cause e conseguenze di un evento. - Organizza una gerarchia tra fatti storici. - Individua i principi di un ordinamento democratico e uno dittatoriale. - Distingue forme di stato e di governo diverse. - Distingue i legami tra i diversi processi politici, economici e sociali. -Coglie le connessioni e le differenze tra storia nazionale, europea e mondiale. - Legge da solo testi e/o documenti e costruisce una scaletta su quanto a letto. - Ripete in modo logico quanto letto. - Durante una spiegazione: prende appunti. - Definisce i termini specifici. - Collega e integra gli eventi storici studiati. - Integra gli aspetti economici, politici e sociali di un evento/problema con valutazioni personali. - Organizza un discorso coerente, pertinente e approfondito sugli argomenti studiati. - Approfondisce la relazione di causa effetto collegando gli avvenimenti storici con gli eventi precedenti. - Utilizza la conoscenza degli eventi passati per comprendere il presente. - Comprende e spiega i principi di un ordinamento democratico e uno dittatoriale. - Confronta forme di stato e di governo diverse. - Comprende e distingue i legami tra i diversi processi politici, economici e sociali, esprimendo valutazioni critiche. - Rielabora le connessioni e le differenze tra storia nazionale, europea e mondiale, operando valutazioni critiche. - Legge da solo testi e/o documenti, prepara schede riassuntive su argomenti studiati e integra gli appunti con i testi. - Espone i contenuti con linguaggio appropriato ed esprimendo valutazioni critiche. - Durante una spiegazione fa domande di approfondimento. - Usa i termini specifici studiati. - Collega e amplia con considerazioni personali gli eventi storici studiati. - Integra gli aspetti economici, politici e sociali di un evento/problema con valutazioni personali. - Organizza un discorso coerente e approfondito e ricco di considerazioni personali sugli argomenti. - Approfondisce la relazione di causa effetto collegando gli avvenimenti storici con gli eventi precedenti esprimendo anche giudizi personali. - Utilizza la conoscenza degli eventi passati per comprendere il presente. - Comprende e spiega i principi di un ordinamento democratico e uno dittatoriale. - Confronta forme di stato e di governo diverse e formula giudizi e considerazioni personali sugli stessi. - Comprende e distingue i legami tra i diversi processi politici, economici e sociali, esprimendo valutazioni critiche. - Rielabora le connessioni e le differenze tra storia nazionale, europea e mondiale, operando valutazioni critiche. - Legge da solo testi e/o documenti, prepara schede riassuntive su argomenti studiati e integra gli appunti con i testi in maniera personale. - Espone i contenuti con linguaggio appropriato ed esprimendo valutazioni critiche. - Durante una spiegazione fa domande di approfondimento in cui esprime posizioni personali. - Usa i termini specifici studiati con padronanza. 15

16 Obiettivi di apprendimento e descrittori- Classi I II- III Anno Scolastico STORIA CLASSI 1^ 2^ 3^ ORGANIZZAZIONE DELLE INFORMAZIONI RELAZIONI STRUMENTI CONCETTUALI PRODUZIONE SCRITTA E ORALE Selezionare e organizzare le informazioni principali. Usare le conoscenze per comprendere le problematiche storiche. Collocare gli avvenimenti nello spazio e nel tempo. Esporre quanto appreso utilizzando conoscenze selezionate da fonti diverse. Organizzare le informazioni con mappe schemi e risorse digitali. Usare le conoscenze per comprendere problemi interculturali e di convivenza civile. Conoscere aspetti dei processi storici italiani ed europei. Esporre quanto appreso utilizzando conoscenze selezionate da fonti diverse. Organizzare e approfondire le informazioni con mappe schemi e risorse digitali. Usare le conoscenze per comprendere problemi interculturali e di convivenza civile. Conoscere aspetti dei processi storici italiani, europei e mondiali. Esporre quanto appreso utilizzando conoscenze selezionate da fonti diverse utilizzando un lessico specifico. 16

17 COLLOQUI ORALI VOTI GIUDIZIO CORRISPONDENTE CONDOTTA 1 4 >Grave mancanza di conoscenze ( conoscenze scorrette) > Incapacità comunicativa di analisi e di elaborazione >Mancanza di competenze 5 > Conoscenze frammentarie e superficiali ( in parte scorrette) > Difficoltà comunicativa di analisi e di elaborazione > Competenze parziali o ridotte 6 > Conoscenze non approfondite ( nel complesso corrette) > Capacità comunicativa di analisi e di elaborazione sicura e corretta > Competenze sicure 7 >Conoscenze adeguate ( abbastanza corrette) > Capacità comunicativa di analisi e di elaborazione sicura e corretta > Competenze sicure 8 9 >Conoscenze soddisfacenti > Capacità comunicativa di analisi e di elaborazione chiara e approfondita > Competenze valide 10 > Conoscenze complete ampie approfondite > Capacità comunicativa di analisi e di elaborazione ampia personale approfondita sicura e convincente > Competenze eccellenti Totale mancanza di rispetto delle regole Adeguato rispetto delle regole Consapevole rispetto delle regole 17

18 UdA CLASSE TERZA Geografia Titolo UdA Compito unitario Obiettivi Formativi Obiettivi di Apprendimento Tempi 1 Conoscere il mondo Verifiche oralo e/o scritte. Riconoscere elementi climatici da una fotografia. Completare carte tematiche. Riflettere sulla relazione tra popolazione, territorio, clima, lingua e religione. Conoscere cartografia, fasce climatiche, popolazione e culture. 2 Le Americhe Verifiche oralo e/o scritte. Leggere con sicurezza la cartina fisica e politica. Interpretare a confrontare carte tematiche. 3 L Africa Verifiche oralo e/o scritte. Leggere con sicurezza la cartina fisica e politica. Interpretare e confrontare carte tematiche. 4 L Asia Verifiche oralo e/o scritte. Leggere con sicurezza la cartina fisica e politica. Interpretare e confrontare carte tematiche. 5 L Oceania Verifiche oralo e/o scritte. Leggere con sicurezza la cartina fisica e politica. - Interpretare e confrontare carte tematiche. 6 Grandi questioni d attualità Verifiche oralo e/o scritte. Prova simulata d esame, colloquio interdisciplinare. Riflettere su conoscenze ed abilità acquisite e saperle utilizzare in un contesto concreto. Riflettere su conoscenze ed abilità acquisite e saperle utilizzare in un contesto concreto. Riflettere su conoscenze ed abilità acquisite e saperle utilizzare in un contesto concreto. Riflettere su conoscenze ed abilità acquisite e saperle utilizzare in un contesto concreto. Riflettere sul concetto di globalizzazione ( definizione). Cause sviluppo/sottosviluppo. Sviluppo sostenibile. Multinazionali. Conoscere le caratteristiche generali del continente America ed di alcuni Stati più importanti. Conoscere le caratteristiche generali del continente Africa ed di alcuni Stati più importanti. Conoscere le caratteristiche generali del continente Asia ed di alcuni Stati più importanti. Conoscere le caratteristiche generali del continente Oceania ed di alcuni Stati più importanti. Conoscere cause e conseguenze dello sviluppo ed del sottosviluppo mondiale e l interdipendenza tra economia e sviluppo della società. 18

19 Obiettivi di apprendimento Classe terza Geografia Valutazion e in decimi ORIENTA MENTO E PAESAGG IO REGIONE E SISTEMA TERRITO RIALE LINGUAG GIO DELLA GEO GRAFICI TA : uso degli strumenti Non identifica elementi geografici ( elementi morfologici ed antropici) e non li colloca nel rispettivo ambiente, neanche avvalendosi di materiale strutturato. - Non elenca gli aspetti più significativi dell argomento affrontato. - Non collega fenomeni generali a situazioni locali ( es. astronomia e clima; tettonica e orografia) con l aiuto dell insegnante. - Non Individua le modifiche apportate dall uomo ad un paesaggio. - Non riconosce se un fenomeno o un problema è locale o globale. - Non individua le modifiche apportate dall uomo all ambiente. - Non individua le relazioni tra gli aspetti socio culturali ed economici di un paese. - Identifica parzialmente gli elementi geografici ( elementi morfologici ed antropici) e non li colloca nel rispettivo ambiente, neanche avvalendosi di materiale strutturato. - Elenca solo se guidato gli aspetti più significativi dell argomento affrontato. - Collega con difficoltà fenomeni generali a situazioni locali ( es. astronomia e clima; tettonica e orografia) con l aiuto dell insegnante. - Individua solo in parte le modifiche apportate dall uomo ad un paesaggio. - riconosce se un fenomeno o un problema è locale o globale. - Individua parzialmente le modifiche apportate dall uomo all ambiente. - Individua sommariamente le relazioni tra gli aspetti socio culturali ed economici di un paese. - Identifica elementi geografici ( elementi morfologici ed antropici) e li colloca nel rispettivo ambiente, solo avvalendosi di materiale strutturato. - Elenca gli aspetti più significativi dell argomento affrontato. - Collega fenomeni generali a situazioni locali ( es. astronomia e clima; tettonica e orografia) con l aiuto dell insegnante. - Individua le modifiche apportate dall uomo ad un paesaggio. - Riconosce se un fenomeno o un problema è locale o globale. - Segue la lezione e prende appunti seguendo gli schemi dell insegnante. - Sull atlante trova con quale che difficoltà gli elementi geografici di cui si parla. - Usa il libro di sesto con una autonomia limitata. - Completa una carta muta in modo essenziale. - Legge e comprende una scala di riduzione. - Legge e costruisce in modo approssimativo carte tematiche semplici. - Legge e costruisce semplici grafici. LINGUAG GIO DELLA GEO GRAFICI TA : uso del linguaggio. - Non riesce a spiegare dove si trovano gli elementi geografici di cui si parla usando correttamente punti di riferimento. - Non sa ricercare, neanche se sollecitato il significato di termini nuovi e specifici. - Non comprende il significato di frasi che contengono termini specifici neanche in seguito alla spiegazione dell insegnante. - Non riesce a dare definizioni neanche attraverso esempi. - Non riesce a descrivere in modo chiaro e semplice un immagine. - Non sa esporre i contenuti essenziali, utilizzando un linguaggio semplice. - Spiega con difficoltà dove si trovano gli elementi geografici di cui si parla usando non sempre correttamente punti di riferimento. - Non sa ricercare, neanche se sollecitato il significato di termini nuovi e specifici. - Non comprende il significato di frasi che contengono termini specifici neanche in seguito alla spiegazione dell insegnante. - Descrive, se guidato in modo chiaro e semplice un immagine. - Espone i contenuti essenziali, con un tipo di linguaggio non sempre corretto. - Spiega dove si trovano gli elementi geografici di cui si parla usando correttamente punti di riferimento. - Se sollecitato, ricerca il significato di termini nuovi e specifici. - Comprende il significato di frasi che contengono termini specifici in seguito alla spiegazione dell insegnante. - Da definizioni solo attraverso esempi. - Descrive in modo chiaro e semplice un immagine. - Espone i contenuti essenziali, utilizzando un linguaggio semplice 19

20 Valutazion e in decimi ORIENTA MENTO E PAESAGG IO LINGUAG GIO DELLA GEO GRAFICI TA : uso degli strumenti Identifica elementi geografici ( elementi morfologici ed antropici) e li colloca nel rispettivo ambiente. - Riassume gli aspetti più significativi dell argomento affrontato. - Collega fenomeni generali a situazioni locali ( es. astronomia e clima; tettonica e orografia) in modo autonomo. - Individua le implicazioni economico sociale dell intervento dell uomo sul paesaggio ( colonialismo, demografia, ecologia ). - Distingue quali sono gli aspetti locali e quali globali di un fenomeno. - Identifica elementi geografici ( elementi morfologici ed antropici) e li colloca nel rispettivo ambiente, con altre informazioni. -Organizza un discorso coerente e pertinente sull argomento affrontato, integrandolo con valutazioni d ordine qualitativo. - Collega fenomeni e situazioni in modo autonomo, avvalendosi anche di informazioni provenienti da altre fonti/discipline. - Riconduce ad un contesto storico culturale gli interventi dell uomo sull ambiente. - Coglie le implicazioni tra sviluppo e processi di globalizzazione. - Identifica elementi geografici ( elementi morfologici ed antropici) e li colloca nel rispettivo ambiente, con altre informazioni a seguito di una personale rielaborazione. - Organizza un discorso coerente e pertinente sull argomento affrontato, integrandolo con valutazioni d ordine qualitativo e personale. - Collega fenomeni e situazioni in modo autonomo, avvalendosi anche di informazioni provenienti da altre fonti/discipline. - Riconduce autonomamente ad un contesto storico culturale gli interventi dell uomo sull ambiente. - Coglie le implicazioni tra sviluppo e processi di globalizzazione in maniera personale. REGIONE E SISTEMA TERRITO RIALE - Segue la lezione e prendendo appunti in modo personale e facendo domande per avere eventuali chiarimenti. - Sull atlante trova in modo autonomo gli elementi geografici di cui si parla. - Si muove sul libro di testo con scioltezza. - Completa una carta muta con tutti gli elementi richiesti. - Legge, comprende ed utilizza una scala di riduzione. - Legge e costruisce in modo carte tematiche seguendo un modello. - Legge e costruisce grafici. - Segue la lezione e prendendo appunti in modo personale e facendo domande che sollecitano le discussione e l approfondimento. - Usa con sicurezza l atlante. - Usa il testo come una delle possibili fonti, integrandolo con altri materiali. - Completa una carta muta in modo ordinato e preciso. - Confronta scale di riduzione diverse. - Legge e costruisce carte tematiche anche piuttosto complesse. - Usa grafici e tabelle per descrivere e/o commentare fenomeni. - Segue la lezione e prendendo appunti in modo personale e facendo domande che sollecitano le discussione e l approfondimento. - Usa con sicurezza l atlante. - Usa il testo come una delle possibili fonti, integrandolo con altri materiali scelti autonomamente. - Completa una carta muta in modo ordinato e preciso. - Confronta scale di riduzione diverse in maniera puntuale e precisa. - Legge e costruisce carte tematiche anche piuttosto complesse. - Usa grafici e tabelle per descrivere e/o commentare fenomeni. 20

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale

Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale ISTITUTO COMPRENSIVO ARCOLA-AMEGLIA Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: Storia, Geografia, Arte e immagine, Musica, Educazione fisica, Religione Anno

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Approfondimento N 2. Scuola primaria

Approfondimento N 2. Scuola primaria Approfondimento N 2 Scuola primaria, Nuclei tematici e Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta Italiano L'allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Accordo Stato Regioni 27 luglio 2011. Genova, 1 dicembre 2011

Accordo Stato Regioni 27 luglio 2011. Genova, 1 dicembre 2011 uadro normativo sistema IeFP Accordo Stato Regioni 27 luglio 2011 Genova, 1 dicembre 2011 Contenuti Repertorio Nazionale dell offerta di IFP Figure di differente livello articolabili in specifici profili

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

10 passi verso i CPIA

10 passi verso i CPIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione?

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Scrive Thomas Eliot: Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Interrogativi integrati da: Dov è l informazione che abbiamo perso nei dati?

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello)

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Ricerca n 3 Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Giovanna Erba Cinzia Galletti Un po di definizioni: Pensiero

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

La realtà e la sua rappresentazione Ipotesi di progettazione didattica in arte e immagine

La realtà e la sua rappresentazione Ipotesi di progettazione didattica in arte e immagine La realtà e la sua rappresentazione Ipotesi di progettazione didattica in arte e immagine Insegnante Chiara Zanotto Istituto Comprensivo Gianni Rodari di Rossano Veneto Anno scolastico 2014/2015 Disciplina

Dettagli