Relazione sul Programma Annuale per l esercizio Finanziario 2014, redatta col supporto tecnico del Direttore S.G.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione sul Programma Annuale per l esercizio Finanziario 2014, redatta col supporto tecnico del Direttore S.G.A."

Transcript

1 Anno finanziario 2014 Relazione sul Programma Annuale per l esercizio Finanziario 2014, redatta col supporto tecnico del Direttore S.G.A. La Giunta Esecutiva ha esaminato L' ITER e LA NORMATIVA per il Programma Annuale in fase di predisposizione nella seduta del 3 febbraio2014 La normativa di riferimento per la formulazione del programma annuale relativo all'esercizio 2014 continua ad essere quella contenuta nel Decreto interministeriale n 44 del 2001 e nelle circolari MIUR n 173/2001 e , nelle note MIUR prot 175 / nel decreto ministeriale n 21 del 2007 nella circolare ministeriale 151 del 15/03/2007 e nella nota prot del 3 /12 / 2007 della nota Prot. n del 5/12/2014, con oggetto : Istruzioni per la predisposizione del Programma Annuale per l e.f.2014 Premessa Il presente programma annuale recepisce il D.I.44/2001, concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo- contabile delle istituzioni scolastiche, il T.U.297/94 e successive modifiche e integrazioni. L'azione progettuale si concretizza in un documento denominato "Programma annuale" con il quale si provvede all'allocazione delle risorse assegnate dallo Stato, dagli Enti Locali o altri enti pubblici e da privati per lo svolgimento delle attività di istruzione, formazione e orientamento proprie dell Istituto Comprensivo Allende come previste ed organizzate dal Piano dell'offerta formativa. Occorre evidenziare che l istituto, pur nascendo istituzionalmente il 1 settembre 2013, dal punto di vista amministrativo e finanziario ha mantenuto sia il codice meccanografico che il bilancio dell istituto comprensivo Gramsci che ha cessato di essere tale al 31 agosto 2013; occorre dunque puntualizzare : il nuovo istituto dal punto di vista dell avanzo di amministrazione presunto al 31 dicembre ha assunto tutti i residui attivi, passivi e la cassa del ex IC Gramsci e i residui attivi e passivi e cassa dell istituto Allende Croci il cui conto consuntivo è stato chiuso entro il 31 agosto 2013 e approvato dai revisori in data 8 Ottobre 2013 e dal commissario straordinario in data 14 ottobre 2013 in data 20/12/2013 è stato firmato il passaggio di consegne dei beni mobili tra l istituto Allende e l istituto Croci ( che ha inglobato la scuola secondaria Croci ) in data 7/12/2013 è stata firmata la nuova convenzione di cassa con l Istituto bancario INTESA SANPAOLO, a seguito di gara effettuata in rete con le seguenti Istituzioni : IC ALLENDE IC DE MARCHI- IC DI PADERNO DUGNANO Il nuovo istituto Comprensivo Allende è composto da 5 plessi fino all anno scolastico appartenenti a istituzioni scolastiche non più, ad oggi, esistenti. La popolazione scolastica è di alunni suddivisi in 203 alla scuola dell infanzia con 4 alunni h ; 589 alla scuola primaria con 23 alunni h e 428 alla scuola secondaria con 38 alunni h. I docenti sono 163 di cui 102 per infanzia e primaria e 61 della media. Il piano dell offerta formativa del nuovo istituto nella sua complessità è in fase di elaborazione, tuttavia nelle more della vacatio del consiglio d istituto il commissario straordinario, per permettere l avvio delle varie attività della scuola nel suo complesso ha approvato : 1. DELIBERA n 3/ COMM del 18 settembre 2013 :Indirizzi generali dell istituto ( obbiettivi del comprensivo ai fini della realizzazione del POF)

2 2. Delibera n 18 / COMM del 14 ottobre 2014 : la progettazione complessiva per Le scuole dell istituto per l anno ( approvata dal collegio dei docenti unitario in data 7 novembre 2014) Il nuovo consiglio d istituto ha nella seduta del 15 gennaio 2014 confermato e ampliato le linee di indirizzo precedentemente assunte, approvando : Documento programmatico e di Indirizzo del consiglio di Istituto ( DELIBERA N 7 ) Delibera Regolamento Attività negoziale ( DELIBERA n 10) Per la stesura del programma annuale la dirigente scolastica: ha tenuto presente gli obiettivi generali individuati nel Piano dell offerta formativa ha tenuto conto dei criteri generali amministrativi e gestionali deliberati dal Consiglio di Istituto ha consultato il direttore dei servizi generali e amministrativi ha considerato le proposte dei docenti collaboratori della dirigente scolastica, dei docenti con incarico di funzione obiettivo, dei responsabili di progetto, dei referenti di commissione ha applicato i criteri generali di impiego delle risorse destinate al personale oggetto di contrattazione con la RSU. In particolare l esercizio finanziario 2014 prevede le novità già evidenziate nell e.f ed in particolare: 1. la modifica delle materie oggetto di contrattazione integrativa ad opera del D.L.gs 150/ l introduzione dello specifico sistema di erogazione unificata di competenze fisse e accessorie al personale centrale e periferico delle amministrazioni dello Stato denominato cedolino unico dal 1 gennaio 2011 ad opera del Decreto MEF 1 dicembre 2010 a) Le materie oggetto di contrattazione sono state modificate dal D.L.gs 150/2009 in particolare relativamente alle parti di organizzazione e gestione degli uffici ( disposto dirigenziale del 24 gennaio 2014 prot. 295/a26) ; le parti relative alla distribuzione delle risorse del fondo dell istituzione scolastica sono ancora oggetto di accordo con le RSU di istituto e con le Organizzazioni Sindacali firmatarie del CCNL/2007. Nella redazione del Programma Annuale si è tenuto in conto di impegnare nelle schede di attività e progetto gli avanzi di amministrazione vincolati, essenziali alla realizzazione di progetti e attività previsti nel Piano Attività dell anno Il MIUR con nota prot. n del 5/12/2014 ha comunicato la risorsa finanziaria assegnata a questa Istituzione Scolastica per il periodo gennaio-agosto 2014 e relativa alle spese di Funzionamento; tale risorsa pari ad 8.040,00 è iscritta in entrata (mod. A) in conto competenza all aggregato 02 Finanziamento dallo Stato, voce 01 Dotazione Ordinaria. I compensi relativi agli Istituti contrattuali: Fondo di Istituto, Funzioni strumentali, Incarichi specifici ed Ore eccedenti docenti per l a.s. 2013/2014, verranno erogati dal Ministero dell Economia e delle Finanze insieme allo stipendio mensile del singolo dipendente nella voce Compensi accessori c.d. cedolino unico. Il Comune di Paderno Dugnano con nota prot. n dell 8/11/2013 ha comunicato la somma da destinare ai progetti per il Diritto allo studio pari a ,19 e la quota spettante per le spese par l acquisto del materiale di pulizia e didattico pari a 9.306,67. L'esercizio finanziario ha inizio il 1 gennaio e termina il 31 dicembre: dopo tale termine non possono essere effettuati accertamenti di entrate ed impegni di spesa in conto dell'esercizio scaduto.

3 La gestione finanziaria si esprime in termini di competenza ed è improntata ai criteri di efficacia, efficienza ed economicità. Essa si conforma ai principi di trasparenza, annualità, integrità, unità, veridicità. Non si gestiscono fondi al di fuori del presente programma annuale. Le voci di spesa non hanno previsto una possibilità pluriennale considerata l'incertezza sulla consistenza dei fondi che saranno resi disponibili e dei tempi di erogazione degli stessi. STRUTTURA DEL PROGRAMMA ANNUALE Il programma distingue e descrive: 1. Le entrate distinte per provenienza e vincolo di destinazione 01. avanzo di amministrazione 02. finanziamenti dello Stato 03. finanziamenti della Regione 04. finanziamenti da Enti Locali 05. Contributi da privati 06. proventi da gestioni economiche 07. altre entrate 08. Mutui 2. Le spese distinte in A. Attività P. Progetti G. Gestioni economiche Q. Fondo di riserva Z. Disponibilità finanziaria da programmare Il Programma Annuale si articola in Progetti e Attività. Il Progetto si configura come nucleo di attività finalizzate all attuazione di un obiettivo intorno al quale si effettua un raggruppamento di spese che risultano da scelte attente rispetto alla ricerca della migliore offerta formativa e alla ricerca di costi più adeguati rapportati ai risultati attesi. La spesa è classificata non più in base alla natura del bene o servizio, ma per la finalità a cui è destinata. Le Attività rappresentano aggregati di spesa contraddistinti da omogeneità di caratteristiche. La programmazione di ciascuna unità progettuale e delle attività pertanto: enuclea gli obiettivi misurabili; individua i soggetti responsabili; definisce i risultati attesi quantifica le risorse umane e materiali definisce le modalità di controllo e di gestione determina gli indicatori indispensabili per la valutazione indica le fonti di finanziamento Ad ogni scheda progettuale e di attività corrisponde una scheda finanziaria su cui il DSGA aggiorna costantemente i dati contabili e che risulta composta da una prima sezione riportante le nove aggregazioni previste dal programma annuale e da una seconda sezione riportante le uscite raggruppate in nove voci: 01. Personale

4 02. Beni di consumo 03. prestazioni di servizi da terzi 04. Altre spese 05. Tributi 06. Beni di investimento 07. Oneri finanziari 08. partite di giro La scheda progetto/attività rappresenta quindi, per la sua struttura, un importante strumento per il controllo di gestione poiché il rigore di stesura consente di selezionare i progetti meritevoli di prosecuzione e quelli che invece meritano modifiche più o meno sostanziali in dipendenza dagli esiti avuti. Analogo discorso vale per l utilizzo di esperti esterni. Per dare conto dell'impostazione delle linee programmatiche in ordine ai criteri seguiti per la determinazione delle entrate e alla correlativa allocazione delle spese, si ritiene necessario premettere i seguenti dati che caratterizzano la struttura e il funzionamento dell'istituto SCUOLA DELL INFANZIA Numero sezioni con orario ridotto (a) Numero sezioni con orario normale (b) Totale sezioni (c=a+b) Bambini iscritti al 1 settembre Bambini frequentanti sezioni con orario ridotto (d) Bambini frequentanti sezioni con orario normale (e) Totale bambini frequentanti (f=d+e) Di cui div. abili Media bambini per sezione (f/c) ,50 SCUOLA PRIMARIA Numero classi funzionanti con 24 ore (a) Numero classi funzionanti a tempo normale (da 27 a 30/34 ore) (b) Numero classi funzionanti a tempo pieno /prolungato (40/36 ore) (c) Totale classi (d=a+b+c) Alunni iscritti al 1 settembre (e) Alunni frequentanti classi funzionanti con orario obbligatorio (f) Alunni frequentanti classi funzionanti a tempo normale (da 27 a 30/34 ore) (g) Alunni frequentanti classi funzionanti a tempo pieno fr /prolungato (40/36 ore ore) (h) Scuola primaria Prime Seconde Terze Quarte Quinte Pluriclassi Totale

5 Scuola secondaria di I grado Prime Seconde Terze Pluriclassi Totale DATI DI CONTESTO: PERSONALE Per quanto concerne l organico dei docenti va segnalato che, oltre a garantire il funzionamento delle classi e sezioni, l organico funzionale è utilizzato per far fronte alle seguenti necessità: Scuola dell infanzia - sostituzione colleghi assenti - attività alternativa alla religione Cattolica - attività didattiche realizzate tramite la procedura laboratoriale per gruppi di intersezioni - progetti di istituto previsti dal POF e inseriti nella programmazione annuale delle intersezioni Scuola primaria - sostituzione colleghi assenti - attività alternativa alla religione Cattolica - insegnamento della lingua straniera in tutte le classe della scuola primaria - progetti di istituto previsti dal POF e inseriti nella programmazione annuale delle interclassi - attività didattiche di laboratorio (informatica, musica, educazione motoria) Scuola secondaria di primo grado - sostituzione colleghi assenti/ attività alternativa alla religione Cattolica - attività progettuale dell istituto comprensivo attività didattiche di laboratorio - assistenza e supporto alunni diversamente abili - integrazione alunni stranieri L organico di fatto del personale docente e A.T.A. dell Istituto per questo anno scolastico è così costituito DIRIGENTE SCOLASTICO NUMERO N.B. in presenza di cattedra o posto esterno il docente va rilevato solo dalla scuola di titolarità del posto Insegnanti titolari su posto normale a tempo indeterminato full-time 118 Insegnanti titolari su posto normale a tempo indeterminato part-time 1 Insegnanti titolari di sostegno a tempo indeterminato full-time 12 Insegnanti titolari di sostegno a tempo indeterminato part-time Insegnanti su posto normale a tempo determinato con contratto annuale Insegnanti di sostegno a tempo determinato con contratto annuale Insegnanti a tempo determinato con contratto fino al 30 Giugno 9 Insegnanti di sostegno a tempo determinato con contratto fino al Giugno Insegnanti di religione a tempo indeterminato full-time 4

6 Insegnanti di religione a tempo indeterminato part-time Insegnanti di religione incaricati annuali 3 Insegnanti su posto normale con contratto a tempo determinato su spezzone orario* Insegnanti di sostegno con contratto a tempo determinato su spezzone orario* 1 * da censire solo presso la 1 scuola che stipula il primo contratto nel caso in cui il docente abbia più spezzoni e quindi abbia stipulato diversi contratti con altrettante scuole TOTALE PERSONALE DOCENTE 163 N.B. il personale ATA va rilevato solo dalla scuola di titolarità del posto NUMERO Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi 1 Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi a tempo determinato 0 Coordinatore Amministrativo e Tecnico e/o Responsabile amministrativo 0 Assistenti Amministrativi a tempo indeterminato 5 Assistenti Amministrativi a tempo determinato con contratto annuale 0 Assistenti Amministrativi a tempo determinato con contratto fino al 30 Giugno 0 Assistenti Tecnici a tempo indeterminato 0 Assistenti Tecnici a tempo determinato con contratto annuale Assistenti Tecnici a tempo determinato con contratto fino al 30 Giugno 0 Collaboratori scolastici dei servizi a tempo indeterminato 0 Collaboratori scolastici a tempo indeterminato 21 Collaboratori scolastici a tempo determinato con contratto annuale 0 Collaboratori scolastici a tempo determinato con contratto fino al 30 Giugno 1 Personale altri profili (guardarobiere, cuoco, infermiere) a tempo indeterminato 0 Personale altri profili (guardarobiere, cuoco, infermiere) a tempo determinato con contratto annuale 0 Personale altri profili (guardarobiere, cuoco, infermiere) a tempo determinato con contratto fino al 30 Giugno 0 Personale ATA a tempo indeterminato part-time 1 TOTALE PERSONALE ATA Situazione edilizia e contesto sociale L Istituto è costituito da 5 plessi, in entrambi sono presenti palestra e aule speciali, in particolare : - scienze, informatica, biblioteca, Educazione Musicale, educazione artistica, Ceramica, Orientamento, sostegno, laboratorio linguistico I plessi accolgono alunni provenienti da un territorio comprendente 5 frazioni dello stesso Comune utilizzando la rete di trasporti urbani presenti sul territorio e gestiti dall Ente Locale. In parte l utenza proviene dai comuni limitrofi (Cusano Milanino, Nova Milanese, Bresso), nell ultimo periodo vi è inoltre stato un incremento di alunni stranieri La sede centrale di via Italia ospita l ufficio amministrativo. La proprietà dei locali scolastici è dell Ente Locale Obiettivi complessivi del programma annuale Annualmente viene aggiornato il documento del POF che contiene le linee generali di riferimento relativamente alle scelte formative e didattiche, alle scelte organizzative e

7 gestionali, alla formazione e all aggiornamento, alla sicurezza, al monitoraggio e alla valutazione dell offerta formativa. Il programma annuale fa riferimento al POF per la definizione dei propri obiettivi.( cfr premessa ) Le diverse azioni previste nel programma annuale sono finalizzate a : 1. garantire la continuità nella erogazione del servizio scolastico, mediante - l attribuzione di incarichi di supplenze temporanee per la sostituzione del personale - insegnante assente, là dove sia possibile provvedere con le risorse interne 2. promuovere un utilizzo razionale e flessibile delle risorse umane assegnate alla istituzione scolastica allo scopo di garantire il miglioramento complessivo dell azione amministrativa e didattica.questa azione prevede il pieno utilizzo delle risorse assegnate alla Istituzione scolastica per la retribuzione dei docenti incaricati di funzioni strumentali all offerta formativa, dei docenti collaboratori di plesso, del lavoro delle diverse commissioni, del personale amministrativo e ausiliario che svolge incarichi specifici. Tali risorse sono tuttavia in diminuzione molto drastica e ciò potrebbe compromettere il livello qualitativo dell offerta e dell impegno del personale, che professionalmente non vede riconosciuto il lavoro svolto, oltre a quanto previsto dal contratto, nell organizzazione dell offerta non solo curriculare,dell istituto 3. garantire un incremento adeguato delle attrezzature e delle principali dotazioni dell Istituzione scolastica presenti: nei laboratori audiovisivi nell ufficio di segreteria nei laboratori di informatica nei laboratori musicali nelle biblioteche scolastiche 4. garantire l acquisto di materiale di consumo per le sezioni e le classi, e il funzionamento amministrativo dell Istituzione scolastica 5. sostenere la formazione del personale. l esperienza di questi anni ha dimostrato come l innovazione non possa realizzarsi appieno senza adeguate azioni di formazione e aggiornamento rivolte ai docenti e al restante personale. La formazione specifica per questo anno sarà relativa alle innovazioni scolastiche, alla scurezza e ai processi connessi con la Qualità del servizio scolastico. PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E SCELTE OPERATIVE Il programma annuale prevede la progettazione e la realizzazione di interventi diretti a promuovere lo sviluppo della persona, a favorire l eccellenza e a combattere l insuccesso scolastico. E stato quindi formulato tenendo conto dei principi del Piano dell Offerta Formativa. 1. Valorizzazione delle diversità individuali. La scuola intende promuovere l identità di ogni alunno favorendo le potenzialità che ciascuno possiede. Per il perseguimento di questo, predispone percorsi di arricchimento dell offerta formativa, cercando di fornire a ciascun alunno una molteplicità di strumenti e possibilità atti a favorire l apprendimento e lo sviluppo armonico 2. Promozione di una cultura dell integrazione. La scuola è un sistema che valorizza le diversità individuali e pone attenzione alle diverse abilità. Essa affronta quindi con particolare cura le situazioni di disagio di difficoltà e di handicap. 3. Valorizzazione delle diverse forme espressive. Per il perseguimento di tale fine la scuola organizza dei percorsi di approccio alle potenzialità offerte dagli strumenti multimediali al fine di fornire agli alunni occasioni di scoperta e decodifica del linguaggio

8 dei media. Predispone inoltre percorsi che accostano gli alunni alle forme di espressione dell arte e della musica 4. Incentivazione dell aggiornamento e della formazione. La scuola è un sistema che apprende e si modifica continuamente. Per seguire adeguatamente i cambiamenti storici e proporne agli alunni una chiave di lettura, è necessario che la formazione e l aggiornamento del personale siano costanti. In particolare, in questo momento, è importante capire le modalità di attuazione della riforma degli ordinamenti scolastici per poter procedere ad una applicazione adeguata di quanto previsto dalla normativa. E altresì importante offrire ai docenti un sostegno nella gestione delle situazioni più complesse problematiche.inoltre l applicazione del D.L.gs 196/2003 impone una conoscenza delle procedure relative alla corretta gestione dei dati personali 5. Acquisizione di norme per la convivenza democratica. Un aspetto della convivenza civile è rappresentato dalla promozione del rispetto delle regole finalizzate a garantire la sicurezza, la salute e il benessere dei cittadini. Per questo è stato predisposto l intervento di competente personale esterno che possa aiutare la scuola ad attuare quanto previsto dalla normativa vigente e a migliorare la cultura della sicurezza. La progettazione di istituto deve tener conto necessariamente del fatto che i finanziamenti statali non sono sufficienti per realizzare tutte le attività progettuali e inserite nel POF e di quelle che nel corso dell anno scolastico saranno approvate. Pertanto l Istituto accanto alle risorse relative all avanzo di amministrazione e alla dotazione ordinaria statale, che quest anno è pari a 8/12 ( vedasi circolare MIUR),deve reperire risorse finanziarie esterne aggiuntive sia utilizzando i rapporti di collaborazione esistenti con l ente locale( Diritto allo studio ) sia utilizzando eventualmente i contributi delle famiglie e dei privati, sia partecipando a reti di scuole finalizzate a macroprogettazioni ( disabili- stranieri, microrobotica, formazione ecc), sia partecipando a progetti Ministeriali E chiaro che gli stanziamenti e le spese previste riflettono le risorse finanziarie a disposizione dell Istituto e sono strettamente correlati alle spese che si prevede di sostenere effettivamente, attraverso una gestione che deve tener conto anche : - delle caratteristiche logistiche della scuola - delle strutture di cui la scuola dispone - del fatto che gran parte delle risorse finanziarie disponibili relative al finanziamento statale è destinato alle spese obbligatorie e al funzionamento organizzativo dell'istituto ( registri, materiale di pulizia, modulistica, contratti ecc) In rapporto alle finalità esposte e alla consapevolezza della necessità di intraprendere percorsi ottimali per la realizzazione di quanto enunciato, i fondi vengono gestiti con le seguenti modalità organizzative e gestionali: selezione e realizzazione delle attività idonee a perseguire gli obiettivi definiti dal Piano dell Offerta Formativa nel senso dell efficacia. Ottimizzazione delle risorse con particolare cura del rapporto costo benefici nel senso dell economicità: Valutazione degli interventi con una chiara e preliminare individuazione degli indicatori e delle modalità di monitoraggio; Utilizzo equo delle risorse finanziarie ed umane per garantire pari opportunità formative; Ricorso alle risorse esterne solo in mancanza di competenze interne e secondo criteri di selezione predefiniti

9 La procedura di scelta e organizzazione nella gestione finanziaria si riassume nello schema seguente evidenziazione dei bisogni selezione delle priorità verifica della coerenza con il Piano dell Offerta Formativa Assegnazione degli incarichi e definizione degli ambiti di responsabilità Rilevazione e valorizzazione delle risorse interne Rilevazione di adeguate compente esterne e definizione delle modalità di intervento Analisi di fattibilità in termini di risorse economiche, umane e strutturali Verifica della coerenza con i criteri generali amministrativi deliberati dal Consiglio di istituto di istituto Attivazione della funzione gestionale del dirigente scolastico Avvio dell attività negoziale di competenza del Dirigente Scolastico DEFINIZIONE DELLE ENTRATE Per il calcolo delle entrate che afferiscono al programma si deve fare riferimento a : AVANZO DI AMMINISTRAZIONE ,48 DOTAZIONE ORDINARIA 8.040,00 FINANZIAMENTO DA ENTI LOCALI ,61 CONTRIBUTI DA PRIVATI VINCOLATI ,00 CONTRIBUTI DA PRIVATI NON VINCOLATI 50, , , , , , ,00 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE DOTAZIONE ORDINARIA FINANZIAMENTO DA ENTI LOCALI CONTRIBUTI DA PRIVATI VINCOLATI CONTRIBUTI DA PRIVATI NON VINCOLATI 0,00 occorre chiarire che nell avanzo d amministrazione è confluito buona parte del contributo genitori ( stabilito da delibera del Commissario in 10 euro per la scuola dell infanzia e primaria e 30 euro per la scuola secondaria ) incassato nell anno 2013 e utilizzato per quote assicurazione alunni e pagamento quote diari. La restante cifra è stata distribuita nelle schede progettuali : funzionamento didattico e nuove tecnologie ( si allega tabella sintesi totale entrate ) DEFINIZIONE DELLE SPESE Tenuto conto del contesto complessivo all interno del quale l Istituzione scolastica agisce e considerate le esigenze complessive evidenziate nella presente relazione si ritiene vadano rispettate le seguenti priorità di spesa: - assegnare alle singole scuole le risorse indispensabili per consentire il regolare funzionamento delle attività amministrative e didattiche ordinarie, la manutenzione delle attrezzature e dei sussidi

10 - assegnare le risorse del fondo ai diversi progetti come previsto dalla contrattazione di Istituto - sostenere le spese per il personale - valorizzare e sostenere le attività progettuali (complessivamente indicate nel POF) - sostenere le iniziative e alle attività finalizzate all integrazione degli alunni diversamente abili e con disagio - incrementare le attrezzature informatiche e mantenere quelle già esistenti - mantenere le attrezzature didattiche e sportive - sostenere le attività formative del personale - retribuire gli esperti inseriti nei diversi progetti Queste spese sono definite in modo analitico nelle schede descrittive del progetto/attività FUNZIONAMENTO AMMINISTRATIVO GENERALE ,73 FUNZIONAMENTO DIDATTICO GENERALE ,00 SPESE DI PERSONALE ,61 PROGETTI ,60 DISPONIBILITA DA PROGRAMMARE ( AVANZO DI ,60 COMPETENZA ) ,00 FUNZIONAMENTO AMMINISTRATIVO GENERALE ,00 FUNZIONAMENTO DIDATTICO GENERALE , ,00 SPESE DI PERSONALE , ,00 PROGETTI ,00 DISPONIBILITA DA PROGRAMMARE 0,00 Funzionamento Amministrativo Generale totale ,73 Viene inserito totalmente in questa Attività il finanziamento per il funzionamento conteggiato in 8.040,00 di cui 300,00 inseriti nel fondo di riserva, si inseriscono anche : 50,00 quale previsione interessi bancari ,81 avanzo di amministrazione vincolato Avanzo di amministrazione vincolato che comprende : versamenti quote iscrizioni genitori che vanno ad integrare le spese di noleggio delle fotocopiatrici, per l acquisto di carta da fotocopie e per l assicurazione degli alunni, e il finanziamento ministeriale per la Sicurezza 1.292,58 avanzo di amministrazione non vincolato In questa scheda sono comprese le seguenti SPESE : i pagamenti per indennità di missione personale, spese per il servizio di tesoreria di Banca Intesa Consulenza esterna per assistenza software per noleggio fotocopiatrice, telefonia, per oneri postali, spese per Beni di Consumo ( registri professori registri di classe, verbali e modulistica varia) per carta fotocopie, per Cancelleria ed informatica inerenti l ufficio amministrativo, abbonamenti a riviste per Presidenza e ufficio di segreteria, e per materiale di pulizia, Fondo Minute Spese 500,00 Fondo di Riserva 300,00

11 Funzionamento didattico generale totale di ,00 Vengono inseriti in questa attività, l avanzo di amministrazione vincolato per 6.000,00 per fondi iscrizioni, da usare per l acquisto di materiale vario per gli alunni dei vari plessi. Viene inserita una previsione di ,00 quali fondi che i genitori verseranno per le uscite (pagamento tramite fatture dei pullman e agenzie viaggi). In questa scheda vengono inserite le SPESE : per i beni di consumo per tutte quelle attività e quei laboratori che non hanno una specifica scheda di progetto, compresi abbonamenti a riviste, e attività Sportiva, per servizi ed utilizzo di beni da terzi,uscite didattiche ecc. e per mezze quote uscite didattiche per alunni con difficoltà economiche Spese di personale totale di ,61 I fondi derivano da avanzo di amministrazione vincolato per un totale di ,01 relativi a fondi per la Formazione e fondi avanzati per il pagamento delle supplenze brevi per un totale di ,17 ( relativi all ex IC Gramsci ) come da comunicazione Miur n del 7 ottobre 2013, oltre ai fondi del Comune relativi al pagamento delle funzioni miste per 5.000,00 e per la pulizia della palestra del plesso Manzoni di Cassina per 6.606,60 e la quota di 6.480,00 per le pulizie che due collaboratori scolastici effettuano per l UTE che ha sede presso la media. 6 - PROGETTI per un totale di ,60 Nuove tecnologie ,63 Orientamento Bes( integrazione-intercultura) Biblioteca. 9870,09 Sicurezza 5000 Ampliamento Pof , , , , ,00 0,00 Nuove tecnologie Orientamento Bes( integrazione-intercultura) Biblioteca. Sicurezza Ampliamento Pof Criteri generali per la finanziabilità dei progetti di Istituto ( comprese le progettazioni dei viaggi e delle visite d istruzione per i quali si richiedono gratuità o utilizzo di risorse della scuola ) e progetti di formazione A) coerenza con i progetti inseriti nel POF B) completezza della documentazione presentata C) chiarezza nella definizione delle risorse umane interne od esterne e dei relativi costi, delle risorse strutturali e dei relativi costi di implementazione o rinnovo D) Estendibilità della progettazione sui due plessi E) Fruibilità da parte di un numero adeguato di alunni ( ad eccezione degli alunni diversamente abili o di progettazioni pilota) F) Adeguatezza delle modalità di verifica ( monitoraggio di soddisfazione monitoraggi relativo all efficacia del lavoro)

12 G) Adeguatezza del rapporto qualità/economicità Nuove Tecnologie /Microrobotica / Laboratorio Linguistico / Sito euro ,63 Si inserisce: avanzo di amministrazione vincolato comprensivo di fondi iscrizioni, fondi per progetto Microrobotica per un totale di ,63 Tale progetto è finalizzato al : Mantenimento dei Laboratori, verifica dello stato delle macchine, manutenzione ed eventuali adeguamenti alle esigenze dei plessi in particolare acquisto materiale di consumo,nuovi computer, videoproiettore, kit microrobotica e strumentazione per la segreteria amministrativa e didattica in funzione del processo di dematerializzazione. Diffusione dell informazione sulla strumentazione presente nei laboratori in particolare le LIM e tablet Manutenzione e gestione del sito della scuola e spese per il personale che gestisce il sito Microrobotica finalizzato ad avviare gli alunni alla conoscenza di semplici meccanismi di automazione con l uso delle N.T. favorire la formazione e l aggiornamento degli insegnanti. Orientamento / Accoglienza e Continuità ,70 Si inserisce : Come previsione di fondi comunali la quota di 5.164,57 per progetto Percorsi Orientativi Integrati ,13 da avanzo di amministrazioni vincolato Una parte dei finanziamenti derivano dal contributo del Comune di Paderno Dugnano per la realizzazione di un Progetto Orientamento interistituzionale, denominato Percorsi Orientativi Integrati, tra le scuole medie statali, scuola media privata, scuola superiore e comune che hanno stipulato in un accordo di programma l organizzazione di precise attività per studenti e genitori. Si prevede la diffusione all interno delle classi delle attività previste dal progetto di cui sopra, integrate con altre attività di carattere sia informativo sia formativo.(moduli orientamento per classi I-II- III secondaria ) Continuità - raccordo Nella scuola tradizionalmente si organizzano attività finalizzate all inserimento dei nuovi iscritti nel nuovo ambiente scolastico. Queste attività si svolgono tra la fine dell anno scolastico e l inizio del nuovo.in particolare il progetto accoglienza Prevede vari percorsi differenziandosi sui plessi esempio : un percorso di avvio alla drammatizzazione con finalità socializzanti (plesso Allende) uscite didattiche di inizio anno finalizzate al conoscersi per la scuola dell infanzia in particolare : - Contatti coi referenti dei nidi sia privati che comunali; - Incontro con i genitori dei futuri frequentanti finalizzato a far conoscere le linee educative didattiche delle scuole dell infanzia dell I.C.S Allende; - Open day; - Accoglienza di gruppi di bambini del nido accompagnati dalle loro educatrici alla scuola dell infanzia; - Attività in compresenza tra insegnanti ed educatrici; - Colloqui tra operatori delle due realtà educative.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Mod B (art. 2 c. 6) SCHEDA ILLUSTRATIVA FINANZIARIA Esercizio finanziario 2015. Progetto/attività A A01 Funzionamento amministrativo generale ENTRATE

Mod B (art. 2 c. 6) SCHEDA ILLUSTRATIVA FINANZIARIA Esercizio finanziario 2015. Progetto/attività A A01 Funzionamento amministrativo generale ENTRATE A A01 Funzionamento amministrativo generale Aggr. Voce Sotto voce ENTRATE 01 Avanzo di amministrazione presunto 31.551,42 01 Non vincolato 30.426,92 02 Vincolato 1.124,50 02 Finanziamenti dello Stato 52.872,58

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo.

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo. Regolamento G.L.I. Art. 1 Costituzione del G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l Inclusione) Ai sensi della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 (Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Indice (cliccabile) Premessa Terziarizzazione Regole per la definizione degli organici di ciascun profilo o DSGA o Assistenti Tecnici

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Mod B (art. 2 c. 6) SCHEDA ILLUSTRATIVA FINANZIARIA Esercizio finanziario 2015. Progetto/attività A A01 Funzionamento amministrativo generale ENTRATE

Mod B (art. 2 c. 6) SCHEDA ILLUSTRATIVA FINANZIARIA Esercizio finanziario 2015. Progetto/attività A A01 Funzionamento amministrativo generale ENTRATE A A01 Funzionamento amministrativo generale Aggr. Voce Sotto voce ENTRATE 01 Avanzo di amministrazione presunto 2.572,26 02 Vincolato 2.572,26 01 Funzionamento amministrativo e didattico - Dematerializzazione

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. CADUTI DI NASSIRIYA

Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. CADUTI DI NASSIRIYA A A01 Funzionamento amministrativo generale Aggr. Voce Sotto voce ENTRATE 01 Avanzo di amministrazione presunto 15.000,00 01 Non vincolato 11.602,54 02 Vincolato 3.397,46 02 Finanziamenti dello Stato 1.500,00

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO Ufficio VI -Area amministrazione e gestione delle risorse finanziarie Corso Ferrucci n. 3 10138 Torino SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012 Di cosa si tratta Si tratta della possibilità che ha il personale della scuola di poter partecipare alla "mobilità annuale", e cioè di poter prestare servizio, per un anno, in una scuola diversa da quella

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci di Sorbolo-Mezzani a.s. 2013-2014 PREMESSA Essere alfabetizzati nella nostra lingua costituisce un buon indicatore,

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

COMUNICATO N. 400. In allegato alla medesima nota è reperibile la modulistica da utilizzare per le istanze relative all a.s. 2014/15.

COMUNICATO N. 400. In allegato alla medesima nota è reperibile la modulistica da utilizzare per le istanze relative all a.s. 2014/15. Istituto Tecnico Statale Settore Tecnologico Via Tronconi, 22-31100 Treviso tel. 0422.430310 fax 0422.432545 mail: pallad@tin.it dirigente@palladio-tv.it pec: itspalladio@pec.palladio-tv.it url: www.palladio-tv.it

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

IPOTESI DI TRA PREMESSO

IPOTESI DI TRA PREMESSO IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO CONCERNENTE LE UTILIZZAZIONI E LE ASSEGNAZIONI PROVVISORIE DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO ED A.T.A. PER L ANNO SCOLASTICO 2015/16. L'anno 2015 il

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO CRESPELLANO Via IV Novembre, 23 Valsamoggia (BO) 40056 Località - Crespellano Tel. 051/6722325 051/960592 Fax. 051/964154 - C.F. 91235100376 E-mail: boic862002@istruzione.it - iccrespellano@virgilio.it

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLITel. 0817519375FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00NCodice fiscale 80022520631 e-mail: naic8bt00n@istruzione.it naic8bt00n@pec.istruzione.it

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli