Documento del Consiglio di Classe

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento del Consiglio di Classe"

Transcript

1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Sanluri Documento del Consiglio di Classe della Quinta A Igea DPR 323/98, art.5 Anno scolastico 2013/2014 Data 15 Maggio

2 PRESENTAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Composizione del Consiglio di classe Disciplina Docente Italiano e Storia Prof.ssa Anna Setzu Geografia Prof. Fernando Lisci Ec.Aziendale Prof.ssa Maria Laura Curreli Francese Prof.ssa Maria Rita Manca Inglese Prof.ssa Franca Urru IRC Prof.ssa Mariapaola Piras Diritto Prof.ssa Elena Pisanu Scienza delle Finanze Prof.ssa Elena Pisanu Ed. Fisica Prof.ssa Mariangela Ruiu Matematica e laboratorio Prof. Giancarlo Tronci Dirigente Scolastico Dott.ssa Agnese Pusceddu Composizione della classe N COGNOME E NOME N COGNOME E NOME 1 AQUILA VITTORIO 12 MANCA PAOLO 2 ARU JONATAN 13 MANDIS ALESSANDRO 3 BASCIU ALESSANDRA 14 MELIS MARILISA 4 BRAU ELISABETTA 15 MELONI SIMONE 5 CARTA MONICA 16 NONNIS GIADA 6 CASTIGLIA MICHELE 17 ORRU MATTIA 7 CASULA MAURA 18 PITZALIS SABRINA 8 COCCO ELEONORA 19 VINCI ALESSANDRO 9 FENU DANIELE 20 ZARA SIMONA 10 FLORIS ALESSIO 21 ZUCCA FEDERICA 11 MACCIONI MARTA 2

3 Storia della Classe La classe era composta da 22 alunni provenienti quasi tutti dalla IV A IGEA tranne 3 che sono ripetenti e 2 che provengono da corsi di recupero anni scolastici. Nel corso dell anno scolastico 2 alunni hanno lasciato la scuola. Nella quasi totalità gli studenti provengono dai paesi del circondario: San Gavino, Villacidro, Segariu, Furtei, Villamar, Samassi, solo alcuni da Sanluri. Questa situazione di forte pendolarità, penalizzata dagli scarsi collegamenti nelle ore pomeridiane, ha rappresentato un ostacolo alle attività di recupero e/o approfondimento e limitato la realizzazione di valide iniziative culturali nelle ore extracurricolari. La preparazione di base della classe non è omogenea perché alcuni allievi mancavano dei prerequisiti necessari per affrontare lo studio di alcune materie in cui presentavano delle carenze; mentre altri, nel corso dell anno, incontravano qualche difficoltà in alcune materie. Queste difficoltà, nonostante le attività di recupero attivate in orario curricolare, in qualche caso permangono. La classe, nella quasi totalità, partecipava seppur non ordinatamente e costruttivamente al dialogo educativo, mostrando interesse per le materie e per le attività proposte in classe, mentre l impegno nello studio individuale era caratterizzato dalla saltuarietà e frammentarietà. La frequenza delle lezioni, per alcuni allievi, non è stata assidua, poiché si assentavano spesso o con cadenza ricorrente. In questo ultimo anno di corso sono cambiati alcuni docenti: geografia, scienze motorie, scienza delle finanze. Gli aspetti, precedentemente elencati, hanno determinato un rallentamento nello svolgimento dei programmi delle varie discipline che comunque sono stati quasi conclusi anche grazie ad un maggiore impegno nel corso dell ultima parte dell anno. Il comportamento della classe è stato nel complesso corretto, anche se, qualche volta, alcuni alunni non hanno rispettato le regole e/o non hanno avuto un atteggiamento adeguato. Per tutti questi motivi il profitto della classe non è da ritenersi soddisfacente anche se sono presenti diversi livelli di profitto: solo alcuni hanno raggiunto un grado di preparazione positivo, mentre per gli altri, a causa delle difficoltà pregresse e dello scarso impegno nello studio non può ritenersi tale. 3

4 ATTIVITA EXTRASCOLASTICHE Nell ambito delle attività extrascolastiche, la classe, ha partecipato per le attività di orientamento : Visita al salone dello studente a Cagliari Visita alla cittadella universitaria a Cagliari Incontro con docenti universitari; Per le attività di approfondimento: Progetto Fisco e scuola ; ATTIVITA DELLA CLASSE Rispetto al conseguimento degli obiettivi prefissati, il Consiglio di Classe ha adottato, nell ambito delle singole discipline, modalità di svolgimento delle attività curricolari per le quali si rimanda alla parte del documento relativa ai contenuti disciplinari. Nelle varie discipline si sono tuttavia affrontati dei temi che si prestassero ad approfondimenti pluridisciplinari e, con il supporto e le indicazioni bibliografiche e di metodo dei singoli docenti, si è cercato di offrire spunti di ricerca interdisciplinare e di rielaborazione personale. OBIETTIVI GENERALI DELL INDIRIZZO L obiettivo formativo generale relativo all acquisizione delle opportune conoscenze, competenze e capacità degli allievi della classe V A IGEA prevede il raggiungimento e lo sviluppo di capacità che permettano loro di svolgere funzioni connesse con la gestione, l organizzazione e l amministrazione delle aziende. Il diplomato ragioniere, quindi: Ha una buona cultura generale con buone capacità linguistico-espressive e logico interpretative; Ha una conoscenza complessiva e sistematica dei processi che caratterizzano la gestione aziendale sotto il profilo economico, giuridico, organizzativo e contabile; 4

5 Utilizza metodi, strumenti tecniche contabili ed extra-contabili per una corretta rilevazione dei fenomeni aziendali; E in grado di leggere ed interpretare i più significativi documenti aziendali; Elabora i dati e li rappresenta in modo efficace per favorire diversi processi decisionali; Coglie gli aspetti organizzativi delle varie funzioni aziendali; OBIETTIVI SPECIFICI Una visione organica dei processi di gestione delle aziende industriali e bancarie. Una visione chiara degli elementi peculiari che caratterizzano le aziende sopra citate. Saper analizzare le operazioni di gestione caratteristiche delle aziende industriali, bancarie sotto l aspetto economico e contabile. Saper impostare la procedura e compilare la documentazione relativa alle diverse operazioni. 5

6 SCHEDA INFORMATIVA PROF.SSA ANNA SETZU MATERIA ITALIANO LIBRI di TESTO A.A. V.V. IL LIBRO DELLA LETTERATURA-vol.III ( tomo 1-2) PARAVIA ED. PARADISO- qualunque edizione DATA CONTENUTI OBIETTIVI Settembre Ottobre Novembre Dicembre Gennaio Gennaio Febbraio Marzo Marzo Aprile Aprile Maggio Ottobre Novembre Dicembre Gennaio Febbraio Il realismo nella narrativa dell 800 (naturalismo e verismo) Giovanni Verga L età dello Imperialismo: crisi sociale,differenze di cultura.( Decadentismo- Simbolismo) Giovanni Pascoli Gabriele D Annunzio L intellettuale nell età giolittiana Il romanzo della coscienza:luigi Pirandello -Italo Svevo Il male di vivere nella poesia del primo 900:Giuseppe Ungaretti Paradiso I-III-VI canto Storicizzare il tema mirando alla comprensione delle sue funzioni nell ambito della società contemporanea. Riconoscere i principali modelli culturali. Saper riconoscere i temi comuni ai romanzi tipici del movimento. Individuare le fasi fondamentali dell evoluzione della poetica verghiana. Sottolineare l originalità della scrittura verghiana a livello sia tematico che stilistico. Puntualizzare il nesso tra ideologia e strutture formali. Riconoscere i modelli culturali caratterizzanti un epoca. Comprendere la complessità del quadro storico-culturale e l interazione tra fattori materiali e spirituali. Localizzare i centri di elaborazione culturale. Individuare l intreccio dei fattori individuali e socio-culturali nell opera dell autore. Porre in relazione le diverse opere con la poetica dell autore. Riconoscere le influenze,le conoscenze originali del poeta-vate. Individuare l intreccio dei fattori individuali e socio-culturali nell opera dell autore. Distinguere il ritratto storico e l autoritratto ideale nelle varie manifestazioni letterarie e non. Individuare le fasi fondamentali della produzione letteraria. Saper riconoscere le dinamiche e i significati delle diverse tipologie di avanguardie del primo 900. Saper riconoscere i modelli culturali caratterizzanti un epoca,un genere. Saper individuare le fasi fondamentali dell evoluzione della produzione letteraria. Sottolineare l originalità tematica e stilistica di Svevo e Pirandello. Saper riconoscere il genere nei suoi aspetti tematici e formali. Saper riconoscere la complessità del quadro storico-culturale. Comprendere la funzione delle scelte tematiche e formali rispetto al messaggio che il poeta intende trasmettere. Saper illustrare le caratteristiche del Paradiso. Saper spiegare il significato dei canti. METODOLO GIA Discussione guidata. Discussione guidata. Analisi del testo. Discussione guidata. Discussione guidata. Analisi del testo. Discussione guidata. Analisi del testo. Discussione guidata. Discussione guidata. Analisi del testo. Discussione guidata. Analisi del testo. Lettura e parafrasi in classe. MEZZI e MAT. DIDAT TICI testo testo testo testo testo testo testo testo testo TEMPI 4 ore 3 ore 3 ore 6 ore 6 ore 3ore 8 ore 4 ore 9 ore CRITERI e STRUMENTI di VALUTAZIO NE Si fa riferimento alle griglie di valutazione. Interrogazione. Prova strutturata e semistrutturata. Interrogazione. Prova strutturata e semistrutturata. Analisi del testo. Interrogazione. Prova strutturata e semistrutturata. Interrogazione. Prova strutturata e semistrutturata. Analisi del testo. Interrogazione. Prova strutturata e semistrutturata. Analisi del testo. Interrogazione. Prova strutturata e semistrutturata Interrogazione. Prova strutturata e semistrutturata Interrogazione. Prova strutturata e semistrutturata. Interrogazione. Prova strutturata e semistrutturata. 6

7 Scheda Informativa Materia : Storia Prof.ssa Anna Setzu testo:palazzo Bergese Rossi Storia magazine-vol.mi 2b-3-3b ed.la Scuola. DATA CONTENUTI OBIETTIVI METOD. Ott.\Nov. Nov\Dic. Genn. Genn. Marzo Aprile Genn. Aprile Aprile Maggio Aprile Maggio La grande guerra La rivoluzione russa ( ) La crisi dello stato liberale e l avvento dei sistemi politici totalitari( ) Il difficile cammino della decolonizzazione Rottura e ricostruzione del nuovo ordine mondiale.( La seconda guerra mondiale -Il dopoguerra) Il mondo diviso Individuarne le cause. Distinguere le cause materiali da quelle ideologiche.delinearne l evoluzione e le conseguenze nello spazio e nel tempo. Individuarne le cause. Delinearne le caratteristiche. Cogliere la dimensione spaziotemporale del fenomeno. Saper utilizzare il concetto di crisi. Cogliere la dimensione spaziotemporale del fenomeno. Individuare la differenza fra stato liberale e regime totalitario. Acquisire i concetti di fascismo e antifascismo. Capire la funzione dei media. Ricostruirne le cause. Riconoscere la dimensione storica dei concetti usati per definire le categorie del presente. Individuarne le cause. Cogliere la dimensione spazio-temporale del fenomeno. Riconoscere la dimensione storica dei concetti usati. Rilevare i fattori della crescita economica del ventennio 50\70 e identificare i nuovi settori produttivi. Delineare le cause del divario fra paesi ricchi e paesi poveri. Sottolineare i principali conflitti scoppiati durante la guerra fredda.. Discussione guidata.. Discussione guidata.. Discussione guidata.. Discussione guidata.. Discussione guidata.. Discussione guidata. MEZZI E MAT. DIDATTICI testo testo testo testo testo testo TEMPI 5 ore 6 ore 18 ore 3 ore 8 ore 3 ore CRITERI E STRUMENTI DI VALUTAZIO NE Si rimanda alle griglie di valutazione. Interrogazione. Prova semistrutturata e strutturata. Si rimanda alle griglie di valutazione. Interrogazione. Prova semistrutturata e strutturata. Si rimanda alle griglie di valutazione. Interrogazione. Prova semistrutturata e strutturata. Si rimanda alle griglie di valutazione. Interrogazione. Prova semistrutturata e strutturata. Si rimanda alle griglie di valutazione. Interrogazione. Prova semistrutturata e strutturata. Si rimanda alle griglie di valutazione. Interrogazione. Prova semistrutturata e strutturata. 7

8 Scheda informativa Materia : Geografia del turismo Docente : Prof. Fernando Lisci Macroargomenti Obiettivi Metodo Strumenti e Mezzi Il Continente africano Conoscenza delle testo principali caratteristiche Discussione Laboratorio di fisiche e turistiche e di Analisi del libro informatica alcuni paesi in di testo Internet particolare Il Continente asiatico Conoscenza delle principali caratteristiche fisiche e turistiche e problematiche di alcuni paesi in particolare Il Continente americano L Oceania e le regioni polari Conoscenza delle principali caratteristiche fisiche e turistiche e di alcuni paesi in particolare Conoscenza delle principali caratteristiche fisiche e turistiche e di alcuni paesi in particolare Discussione Analisi del libro di testo Discussione Analisi del libro di testo Discussione Analisi del libro di testo testo Laboratorio di informatica Internet testo Laboratorio di informatica Internet testo Laboratorio di informatica Internet Prove Colloquio Elaborati multimediali Colloquio Elaborati multimediali Colloquio Elaborati multimediali Colloquio Elaborati multimediali 8

9 Materia: Docente: testo: Classe MATEMATICA E LABORATORIO Giancarlo Tronci MATEMATICA PER L ECONOMIA TOMO D, G ED. ATLAS V A MACRO ARGOMENTI TEMPI OBIETTIVI METODOLOGIA MEZZI E MATERIALE DIDATTICO PROVE DI VERIFICA Le funzioni: dominio e segno di una funzione razionale fratta. I limiti: Forme indeterminate dei limiti. Asintoti di una funzione razionale fratta. Derivata di una funzione. Massimi e minimi di una funzione razionale fratta. Grafico di una funzione razionale fratta. La risoluzione delle equazioni di grado superiore al secondo. Funzioni della domanda e dell offerta. Costo-Ricavo-Profitto Fasci di rette. Fasci di coniche. Disequazioni in due variabili. Il sistema di riferimento nello spazio. Le linee di livello. Le derivate parziali prime e seconde di una funzione di due variabili. Settemb re Ottobre Ottobre Ottobre Novembr e Novembr e Dicembre Dicembre Gennaio Febbraio Febbraio Marzo Saper calcolare il dominio e il segno di una funzione razionale fratta. Saper calcolare i limiti di una funzione e determinare gli asintoti di una funzione rappresentandoli nel piano. Saper calcolare la derivata prima e di ordine superiore di una funzione per determinare i massimi, i minimi e i flessi di una funzione. Saper rappresentare nel piano cartesiano il grafico di una funzione razionale fratta. Saper determinare le radici di un equazione di grado superiore al secondo con il metodo di bisezione, della secante e delle tangenti. Saper rappresentare nel piano le funzioni della domanda e dell offerta e saper calcolare il prezzo di equilibrio e il coefficiente di elasticità della domanda e dell offerta. Saper tracciare nel piano il diagramma di redditività e calcolare il profitto massimo e il costo totale minimo. Saper individuare le caratteristiche di un fascio di rette e rappresentarlo in un sistema di riferimento cartesiano. Saper riconoscere la natura di una conica e individuare le caratteristiche di un fascio di coniche mista. Saper risolvere disequazioni lineari e non lineari in due variabili. Saper individuare e rappresentare le linee di livello. Saper calcolare le derivate parziali prime e seconde di una funzione di due variabili. ed esercitazioni alla lavagna. ed esercitazioni alla lavagna. ed esercitazioni alla lavagna. ed esercitazioni alla lavagna. ed esercitazioni alla lavagna. ed esercitazioni alla lavagna. ed esercitazioni alla lavagna. ed esercitazioni alla lavagna. ed esercitazioni alla lavagna. testo e appunti. testo e appunti. testo e appunti. testo e appunti testo e appunti testo e appunti testo e appunti. testo e appunti. testo e appunti. Verifica scritta, esercizi guidati in classe.. Verifica scritta, esercizi guidati in classe.. Verifica scritta, esercizi guidati in classe. Verifica scritta, esercizi guidati in classe. Verifica scritta, esercizi guidati in classe. Verifica scritta, esercizi guidati in classe. Verifica scritta, esercizi guidati in classe. Verifica scritta, esercizi guidati in classe. Verifica scritta, esercizi guidati in classe. 9

10 Massimi e minimi liberi di una funzione di due variabili. Marzo Saper calcolare massimi e di minimi liberi con le curve di livello e con il metodo delle derivate. ed esercitazioni alla lavagna. testo e appunti. Verifica scritta ed esercizi guidati in classe. Massimi e minimi vincolati di una funzione di due variabili. Marzo Saper calcolare massimi e minimi vincolati da un equazione con le curve di livello, con il metodo dei moltiplicatori di Lagrange e con il metodo elementare. ed esercitazioni alla lavagna. testo e appunti. Verifica scritta ed esercizi guidati in classe. Massimi e minimi vincolati di una funzione di due variabili. Aprile Maggio Saper calcolare massimi e minimi vincolati da disequazioni con il metodo delle curve di livello e con il metodo delle derivate. ed esercitazioni alla lavagna. testo e appunti. Verifica scritta ed esercizi guidati in classe. 10

11 SCHEDA INFORMATIVA A.S.2013/2014 CLASSE V A IGEA PROF.SSA PISANU ELENA MATERIA : DIRITTO PUBBLICO LIBRO DI TESTO : ZAGREBELSKY -DIRITTO PUBBLICO- ED. LE MONNIER CONTENUTI Recupero prerequisiti: fonti del diritto interne (costituzionali,primarie,secondarie, consuetudinarie) ed esterne (diritto internazionale e fonti comunitarie). La Costituzione repubblicana Principi fondamentali della Costituzione Diritti costituzionali Doveri costituzionali) Ruolo, funzione,e organizzazione del Parlamento OBIETTIVI Conoscere:la formazione e i caratteri della Costituzione repubblicana. Il contenuto dei diritti inviolabili dell uomo Il significato del principio costituzionale di uguaglianza Essere in grado di: commentare gli articoli della Costituzione relativi ai diritti inviolabili dell uomo distinguere l uguaglianza in senso formale e in senso sostanziale Conoscere: la composizione, l organizzazione e le funzioni del Parlamento il procedimento di formazione delle leggi ordinarie e costituzionali Essere in grado di: inquadrare il Parlamento nell ambito degli organi costituzionali riprodurre l iter di formazione di una legge ordinaria e costituzionale METODOLO GIA La metodologia comune a tutti gli argomenti è stata la seguente: lezione frontale e collaborativa ; discussione, scoperta guidata, lettura e interpretazio ne di fonti normative.. MEZZI e MAT. DIDATTICI Materiali didattici comuni a tutti gli argomenti: testo Costituzione Dispense Quotidiani Ricerche su internet TEMPI Settembre /Ottobre/ Novembre Dicembre/ Gennaio Gennaio CRITERI e STRUMENTI di VALUTAZIONE Gli strumenti di valutazione comuni a tutti gli argomenti sono stati i seguenti: prove orali e scritte (test strutturati e non di carattere formativo e sommativo). Nella valutazione finale si è tenuto conto: dei risultati in termini di conoscenze, competenze e di atteggiamenti costruttivi quali costanza nell impegno, partecipazione assidua e corretta alle attività, progressione individuale rispetto alla situazione di partenza, rispetto e spirito di collaborazione. Gli istituti di democrazia diretta e indiretta Ruolo e funzioni del Governo Formazione e composizione del Governo Conoscere: la nozione di democrazia diretta e indiretta la disciplina del referendum abrogativo Essere in grado: di elencare i diversi tipi di sistemi elettorali Esporre i limiti, i controlli e i risultati del referendum Conoscere: la composizione e la procedura di formazione del Governo la natura del rapporto di fiducia con il Parlamento la responsabilità dei componenti del Governo la disciplina dell attività normativa del Governo Essere in grado di: spiegare la funzione esecutiva del Governo schematizzare i passaggi della formazione di un nuovo esecutivo distinguere la responsabilità politica e giuridica dei membri del Governo confrontare gli atti normativi del Governo Gennaio Febbraio I 11

12 Ruolo e funzioni del Presidente della Repubblica Composizione e funzione della Corte Costituzionale L Europa Conoscere: L elezione e lo status del Capo dello Stato Le funzioni e gli atti del Presidente della Repubblica Essere in grado di: comprendere il ruolo del Presidente della Repubblica collegare gli atti del Presidente alle diverse funzioni dello Statonell opera dell autore. Distinguere il ritratto storico e l autoritratto ideale nelle varie manifestazioni letterarie e non. Individuare le fasi fondamentali della produzione letteraria. Conoscere: il concetto di rigidita della Costituzione e il ruolo della Corte Costituzionale la composizione e l organizzazione della Corte Essere in grado di: valutare il ruolo di garanzia svolto dalla Corte Costituzionale.Conoscere la composizione e la funzione degli organi comunitari;distinguere tra trattati comunitari regolamenti e direttive. Marzo Aprile Maggio SCHEDA INFORMATIVA A.S.2013/2014 CLASSE V A Igea PROF.SSA ELENA PISANU MATERIA : SCIENZA DELLE FINANZE LIBRO DI TESTO : A. GILIBERT, SCIENZA DELLE FINANZE E DIRITTO TRIBUTARIO, ED. LATTES. CONTENUTI PREREQUISITI DEL PROGRAMMA DI ECONOMIAPOLITICA:La contabilità nazionale(pnl, PIL, RN), i fattori della produzione e le loro remunerazioni, la domanda aggregata, la teoria classica e quella keynesiana dell equilibrio economico, il moltiplicatore keynesiano, la propensione media e marginale al risparmio e al consumo. LA FINANZA PUBBLICA LE SPESE PUBBLICHE LE ENTRATE PUBBLICHE I BENI PUBBLICI LE IMPRESE PUBBLICHE OBIETTIVI CONOSCERE i concetti di base dell economia politica necessari per affrontare lo studio della scienza delle finanze. ESSERE IN GRADO DI: Applicare all economia del settore pubblico i concetti di base dell economia politica ed in particolare quelli della politica economica. CONOSCERE: i caratteri, le funzioni, i soggetti, l evoluzione e gli obiettivi dell attività finanziaria pubblica; nozione ed effetti delle spese pubbliche; l analisi costi-benefici; le entrate pubbliche: nozione e classificazioni; il concetto di pressione tributaria e i suoi effetti economici; l attività imprenditoriale pubblica: forma e disciplina; le privatizzazioni delle imprese METODOLO GIA Lezione frontale e collaborativa; discussione, scoperta guidata, lettura e interpretazione di fonti di carattere economico Lezione frontale e collaborativa; discussione, scoperta guidata, lettura e interpretazione di fonti di carattere economico 12 MEZZI e MAT. DIDATTICI testo Costituzione Dispense Quotidiani Ricerche su internet testo Costituzione Dispense Quotidiani Ricerche su internet TEMPI Settembre Ottobre Novembre Dicembre Gennaio CRITERI e STRUMENTI di VALUTAZIONE Gli strumenti di valutazione comuni a tutti gli argomenti sono stati i seguenti: prove orali e scritte (test strutturati e non di carattere formativo e sommativo). Nella valutazione finale si è tenuto conto: dei risultati in termini di conoscenze, competenze e di atteggiamenti costruttivi quali costanza nell impegno, partecipazione assidua e corretta alle attività, progressione individuale rispetto alla situazione di partenza, rispetto e spirito di collaborazione.

13 pubbliche. L IMPOSTA: FUNZIONI, PRESUPPOSTI, CLASSIFICAZIONI, PRINCIPI GIURIDICI, PRINCIPI AMMINISTRATIVI, EFFETTI ECONOMICI. -FINANZA STRAORDINARIA E DEBITO PUBBLICO ESSERE IN GRADO DI: comprendere l importanza del ruolo della finanza pubblica negli Stati contemporanei; cogliere l importanza esercitata dalla spesa pubblica nelle economie moderne; individuare le fonti di entrata operando le necessarie distinzioni e valutarne gli effetti sull economia nazionale; comprendere il ruolo dello Stato imprenditore. CONOSCERE: le imposte dirette e indirette, generali e speciali, personali e reali, proporzionali, progressive e regressive; le tecniche della progressività; i principi giuridici delle imposte; la determinazione della capacità contributiva; i principi amministrativi delle imposte; i metodi di accertamento e riscossione; l evasione, l elusione, la rimozione, la traslazione, l ammortamento e la diffusione delle imposte; il debito fluttuante e il debito consolidato. ESSERE IN GRADO DI: comprendere le funzioni dell imposta, descrivere i principali metodi di accertamento e riscossione, comprendere gli effetti provocati dal prelievo fiscale su consumatori, prezzi e attività produttive; individuare le cause che inducono a utilizzare le entrate straordinarie e i loro effetti. Lezione frontale e collaborativa; discussione, scoperta guidata, lettura e interpretazione di fonti di carattere economico Partecipazione al progetto Fisco e scuola testo Costituzione Dispense Quotidiani Ricerche su internet Febb/ Marzo IL BILANCIO DELLO STATO CONOSCERE: Le funzioni e i caratteri del bilancio, la normativa sul bilancio, l iter procedimentale di approvazione della legge di bilancio, i controlli della Corte dei conti, il rendiconto: natura e funzione. ESSERE IN GRADO DI: individuare il carattere di atto sostanzialmente amministrativo e formalmente legislativo della legge di bilancio, individuare i documenti che costituiscono la manovra di bilancio, individuare la differenza tra bilancio preventivo e consuntivo, comprendere l interdipendenza tra attività finanziaria e politica in senso strettodel Governo Lezione frontale e collaborativa; discussione, scoperta guidata, lettura e interpretazione di fonti di carattere economico testo Costituzione Dispense Quotidiani Ricerche su internet Aprile Maggio 13

14 SCHEDA INFORMATIVA DI LINGUA E CIVILTÀ FRANCESE Classe 5 A IGEA Prof.ssa Manca Maria Rita TESTO UTILIZZATO : C. Caputo, G. Schiavi, T. Boella, G Fleury, La nouvelle Entreprise. Ed. Petrini OBIETTIVI Favorire la formazione umana, sociale e culturale degli alunni attraverso il confronto con la civiltà straniera. Educare al rispetto e al riconoscimento di differenti identità, allontanando il pregiudizio razziale. Educare alla multiculturalità, quale opportunità di arricchimento reciproco. Possedere una conoscenza della cultura e della civiltà del paese straniero che permetta agli alunni di comprenderla senza filtrarla attraverso la propria Saper capire e produrre lettere di carattere commerciale Saper redigere una lettera di motivazione e un curriculum vitae Saper effettuare collegamenti con altre discipline studiate riguardanti gli stessi argomenti Saper fare confronti e collegamenti tra quanto studiato e l attualità STRUMENTI E MEZZI testo Fotocopie Internet METODI TEMPI trimestre pentamentre 14

15 SCHEDA INFORMATIVA A.S DISCLIPLINA: EDUCAZIONE FISICA DOCENTE: MARIANGELA RUIU CLASSE: 5^ A IGEA LIBRO DI TESTO: PRATICAMENTE SPORT, VOL. UNICO, DEL NISTA PARKER TASSELLI. EDIZIONI D ANNA MACROARGOMENTI OBIETTIVI CONTENUTI MEZZI TEMPI CRITERI DI SUFFICIENZA ADOTTATI PROVE DI VERIFICA Potenziamento fisiologico conseguimento di una migliore funzionalità cardiocircolatoria e respiratoria miglioramento delle capacità condizionali (forza, velocità, resistenza, mobilità)e coordinative(coordinazion e ed equilibrio) miglioramento dell elasticità muscolare esercitazioni pratiche con carichi progressivamente crescenti (intensità e frequenza) esercizi con uso di grandi e piccoli attrezzi conoscenza anatomica, fisiologica e cinesiologica generale del corpo umano attività, conoscenza e definizione delle qualità motorie e loro allenamento grandi e piccoli attrezzi della palestra lezioni frontali libro di testo letture di approfondimento Tutto l anno (15 ore) Richiami novembre, febbraio, maggio (6 ore) Registrazione di un miglioramento rispetto alla situazione di partenza T P Rielaborazione e consolidamento degli schemi motori di base Consolidamento del carattere, sviluppo della socialità e del senso civico acquisire consapevolezza dei propri limiti per accettarli ed eventualmente superarli conoscere e valorizzare il linguaggio motorio e gestuale in armonia con gli altri mezzi espressivi esercitazioni in situazioni varie e non consuetudinarie gestione autonoma di partite ed arbitraggio delle stesse prevenzione e salute fumo, alcol, droghe, il doping e l AIDS breve storia dello Sport dalle Olimpiadi antiche palestra grandi attrezzi palestra febbraio marzo (10 ore) Gennaiofe bbraio marzo, aprile (12 ore) Acquisizione dell autonomia, dell autostima, della sicurezza nella pratica motoria nella consapevolezz a dei propri limiti Acquisizione dell autonomia, dell autocontro llo e della responsabilità da trasferire anche in altri ambiti 1 o r a l e - 2 p r a t i c h e 2 o r a l e - 4 p r a t i c h e Avviamento alla pratica sportiva acquisizione di un minimo di abilità e conoscenze per poter praticare 2 sport di squadra e 2 sport individuali analisi dei fondamentali individuali e del gesto tecnico svolgimento di partite libro di testo esercitazioni pratiche conversazioni letture di approfondimento Tutto l anno (15 ore) Conoscenza della storia e delle principali tecniche e regole fondamentali degli sport praticati Informazioni fondamentali sulla tutela della salute e prevenzione degli infortuni acquisizione di conoscenze atte a tutelare la salute psicofisica abitudine all utilizzazione rigorosa, all analisi dei risultati ottenuti per il raggiungimento di obiettivi prefissati tecniche di allenamento e di allungamento nozioni di traumatologia e primo soccorso alimentazione e sport, i disturbi alimentari nozioni sui danni da sedentarietà esercitazioni pratiche libro di testo conversazioni letture di approfondimento Richiami novembre aprile e maggio (6 ore) Acquisizione dei concetti fondamentali e corrette norme igieniche danni da uso e abuso di droghe 15

16 SCHEDA INFORMATIVA PROF.SSA MARIA LAURA CURRELI MATERIA ECONOMIA AZIENDALE LIBRO DI TESTO:TELEPASS PERCORSI MODULARI IN ECONOMIA AZIENDALE ( TOMO 1 E TOMO 2) DATA CONTENUTI OBIETTIVI Settembre Ottobre Novembre Dicembre Febbraio Marzo Gennaio Giugno Marzo Aprile Recupero prerequisiti: scritture di gestione e di assestamento. Bilancio d esercizio per le società di capitali. Interpretazione della gestione e analisi di bilancio per indici. Riclassificazione dello Stato Patrimoniale secondo il criterio finanziario. Riclassificazione del Conto Economico secondo il valore aggiunto e secondo il costo del venduto. Analisi situazione finanziaria, patrimoniale ed economica e relativi indici. Coordinamento indici, analisi sequenziali e report. I costi e la contabilità analitica; pianificazione, programmazione e budget; budget economico generale e reporting. Tecniche di elaborazione per l impostazione dei compiti e del bilancio con dati a scelta ed esercitazioni per lo svolgimento della simulazione della 2 prova scritta d esame. Svolgimento temi in preparazione seconda prova scritta esame con riferimento ai compiti anni precedenti Le imprese bancarie: le funzioni della banca moderna; la gestione bancaria e i suoi obiettivi; principi di gestione e aree della gestione; cenni sulle principali forme tecniche di raccolta e impiego; il fido bancario; i conti correnti; il bilancio bancario. Sapere e saper fare : conoscere e redigere le scritture in PD relative alle operazioni tipiche delle società di capitali; conoscere e redigere il bilancio d esercizio secondo gli schemi previsti dal codice civile. Sapere:le funzioni e gli obiettivi delle analisi per indici, le fasi dei processi di analisi e i criteri di riclassificazione dei bilanci, i diversi tipi di indici, la classificazione, il calcolo, l impiego, il coordinamento degli indici e la loro lettura. Saper fare: riclassificare il bilancio in funzione delle analisi, calcolare i principali indici, coordinarli e redigere una relazione interpretativa. Sapere: l oggetto della contabilità analitica, le principali classificazioni e metodologia di calcolo dei costi, la break even analysis, il sistema di budgeting e reporting. Saper fare: classificare i costi, calcolare i costi di prodotto nella configurazione a costi pieni e variabili, risolvere alcuni problemi di scelta, redigere i budget settoriali. Saper : conoscere la terminologia tecnica specifica richiesta nell elaborazione della parte teorica del tema e rispetta re i vincoli imposti dalla traccia per lo svolgimento della parte pratica del tema. Saper fare: svolgere l introduzione relativa alla parte teorica del tema in modo pertinente rispetto alla traccia, svolgere la parte pratica del compito rispettando i vincoli imposti dalla traccia e assumere dati numerici completi e corretti. Sapere: banche e attività bancario, gestione bancaria e i suoi obiettivi, le norme e le tecniche che la regolano, le autorità creditizie,le operazioni e aree della gestione bancaria; conoscere le principali operazioni di raccolta, di impiego, il fido bancario e i principi di formazione e la struttura dei bilanci bancari. Saper correlare le varie tipologie di credito alle diverse esigenze aziendali, classificare le operazioni bancarie, riconoscere della struttura del patrimonio; conoscere le principali operazioni di raccolta, di impiego, il fido bancario e la struttura dei bilanci bancari. METODOLO GIA lezione frontale e collaborativa; processi individuali; discussione guidata; lezione di rinforzo; esercitazioni; laboratorio; Materiali didattici comuni a tutti gli argomenti: lezione frontale e collaborativa; processi individuali; discussione guidata; lezione di rinforzo; esercitazioni; laboratorio; Materiali didattici comuni a tutti gli argomenti: lezione frontale e collaborativa; processi individuali; discussione guidata; lezione di rinforzo; esercitazioni; laboratorio; Materiali didattici comuni a tutti gli argomenti: lezione frontale e collaborativa; processi individuali; discussione guidata; lezione di rinforzo; esercitazioni; laboratorio; Materiali didattici comuni a tutti gli argomenti: lezione frontale e collaborativa; processi individuali; discussione guidata; lezione di rinforzo; esercitazioni; laboratorio; Materiali didattici comuni a tutti gli argomenti: MEZZI e MAT. DIDATTICI testo Fotocopie e schede Riviste Aula di informatica Calcolatrice tascabile Siti internet tematici LIM testo Fotocopie e schede Riviste Aula di informatica Calcolatrice tascabile Siti internet tematici LIM testo Fotocopie e schede Riviste Aula di informatica Calcolatrice tascabile Siti internet tematici LIM testo Fotocopie e schede Riviste Aula di informatica Calcolatrice tascabile Siti internet tematici LIM testo Fotocopie e schede Riviste Aula di informatica Calcolatrice tascabile Siti internet tematici LIM CRITERI e STRUMENTI di VALUTAZIONE Si fa riferimento alle griglie di valutazione. Interrogazione. Prova strutturata e semistrutturata. Si fa riferimento alle griglie di valutazione. Interrogazione. Prova strutturata e semistrutturata. Si fa riferimento alle griglie di valutazione. Interrogazione. Prova strutturata e semistrutturata. Si fa riferimento alle griglie di valutazione. Interrogazione. Prova strutturata e semistrutturata. Si fa riferimento alle griglie di valutazione. Interrogazione. Prova strutturata e semistrutturata. 16

17 SCHEDA INFORMATIVA PROF.SSA FRANCA URRU MATERIA INGLESE LIBRI di TESTO LIBRO DI TESTO : M. Ryan - Working in business - Europass DATA CONTENUTI OBIETTIVI Settembre/ Ottobre/ Novembre Dicembre/ Gennaio Febbraio- Marzo I contenuti sono stati articolati in diversi moduli. - Revision - Letter of application - Business Organizatio ns - Multinationa ls & Globalizatio n - Welfare State - Changes in employment - Cutting labour costs - Flexibility - Technology and employment - Recruitment, training, pay Educazione all interculturalità: confronto tra realtà appartenenti a culture diverse. Saper effettuare collegamenti con altre discipline studiate riguardanti gli stessi argomenti. Saper fare confronti e collegamenti tra quanto studiato e l attualità. Saper scrivere delle semplici lettere in risposta ad annunci di lavoro. METODOLO GIA Lezione frontale Discussione Ricerche in Internet Lezione frontale Discussione Ricerche in Internet MEZZI e MAT. DIDAT TICI testo Fotocopie Internet testo Fotocopie Internet CRITERI e STRUMENTI di VALUTAZIONE Quasi ogni modulo è stato seguito da una verifica scritta e spesso da una orale Trimestre: 2 verifiche scritte, 2 verifiche orali Pentamestre: 4 verifiche scritte,3-4 verifiche orali TIPOLOGIA: Quesiti a risposta aperta, quesiti a risposta singola, Lettera. CRITERI DI VALUTAZIONE: Situazione di partenza Approccio positivo alla disciplina (impegno e partecipazione Risultati delle verifiche Capacità di analisi e sintesi Raggiungimento degli obiettivi Marzo-Aprile Aprile Maggio - Marketing - Banking and Finance - The Institutions of the UK - The Institution of the USA - The European Union Lezione frontale Discussione Ricerche in Internet Lezione frontale Discussione Ricerche in Internet Lezione frontale Discussione Ricerche in Internet testo Fotocopie Internet testo Fotocopie Internet testo Fotocopie Internet 17

18 Materia : IRC Docente Mariapaola Piras testo: Luigi Solinas Tutti i colori della vita SEI MACROARGOMENTI Relazioni e società: Religioni e NMR OBIETTIVI Conoscere il ruolo della religione nella società contemporanea e l importanza del dialogo interreligioso e dell ecumenismo STRUMENTI E MEZZI METODI TEMPI Settembre Gennaio Relazioni e società: La famiglia: cellula vitale della società Conoscere la visione biblica e cristiana della coppia umana e la concezione cristiano-cattolica del matrimonio e della famiglia. Argomentare il ruolo fondamentale della famiglia per la società. Valutare le ragioni che differenziano nuove forme di nuclei famigliari testo, La Bibbia, Documenti del Magistero della Chiesa, Videocassette Materiale fotocopiato Laboratorio d informatica LIM Cooperative Learning. Ricerca attiva. Lettura ed interpretazione di: articoli di giornale, testi letterari e biblici, libro di testo, documenti del Magistero. Visita a siti Internet Dialogo Visione e analisi di film e documentari. Schematizzazione dei contenuti Febbraio Maggio 18

19 PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (scheda riassuntiva) Finalità: Formazione Comportamentali Obiettivi Cognitivi Materia Umana Culturale Tecnica Interesse Partecipazione Impegno Autonomia Puntuaità Padr.ling. Conoscenze Applicazione Analisi Sintesi Autovalutazione Religione X X X X X X X X X X X X X Italiano X X X X X X X X X X X X X Storia X X X X X X X X X X X X X Inglese X X X X X X X X X X X X X X Francese X X X X X X X X X X X X X X Matematica X X X X X X X X X X X X X Geografia X X X X X X X X X X X X X Economia Aziendale X X X X X X X X X X X X X Diritto X X X X X X X X X X X X X Scienze delle Finanze X X X X X X X X X X X X X Educazione Fisica X X X X X X X X X X X X X X 19

20 MATERIALI DIDATTICI E TESTI ADOTTATI Autore Testi adottati Titolo Altri testi consigliati Fotocopie Elaborazioni proprie Materiale multimediale IRC LUIGI SOLINAS TUTTI I COLORI DELLA VITA X X X X Italiano Storia IL LIBRO DELLA LETTERATURA 3 VARI VOLUME TOMI I II X X X BERGESE-ROSSI- PALAZZO STORIA MAGAZINE VOL. 2B,3,3B X X X Inglese MARTIN RYAN WORKING IN BUSINESS X X X X Matematica Francese FRANCESCHINI GHEZZI SPEZIA MATEMATICA PER L ECONOMIA X X X CAPUTO SCHIAVI BOELLA - FLEURY LA NOUVELLE ENTREPRISE X X X Altro X Geografia MANLIO DINUCCI IL SISTEMA GLOBALE X X X X Diritto ZAGREBELSKY DIRITTO PUBBLICO X X X Scienza delle finanze GILIBERT SCIENZA DELLE FINANZE E DIRITTO TRIBUTARIO X X X Educazione fisica VARI IL PERFETTO EQUILIBRIO X X Economia Aziendale BONI GHIGINI ROBECCHI PERCORSI MODULARI IN ECONOMIA AZIENDALE X X X X 20

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER GLI ESAMI DI STATO 2008/2009 ( Regolamento art. 5 ) CLASSE 5 a. sez. A

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER GLI ESAMI DI STATO 2008/2009 ( Regolamento art. 5 ) CLASSE 5 a. sez. A ISTITUTO TECNICO AGRARIO O. Munerati C.F. 80004570299 ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI A. Bernini Via Cappello,10 45100 S. Apollinare-RO Corso del Popolo, 274 45100 Rovigo Tel. 0425 492404 Dir. 0425 49900

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 B Corso: SERVIZI COMMERCIALI (TRIENNIO)

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 B Corso: SERVIZI COMMERCIALI (TRIENNIO) Classe: 3 B ITALIANO LETTERATURA 9788822168191 SAMBUGAR MARTA / SALA' GABRIELLA LETTERATURA + / VOLUME 1 + GUIDA ESAME 1 + ANTOLOGIA DIVINA COMMEDIA + ESPANSIONE WEB 1 LA NUOVA ITALIA EDITRICE 32,80 No

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA

RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA Il giorno 23 del mese di aprile dell anno 2013,

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Documento del Consiglio di Classe

Documento del Consiglio di Classe Istituto Stat. di Istruzione Secondaria Superiore Giovanni Maria Sforza Palagiano (TA) con sede aggregata di Palagianello Documento del Consiglio di Classe Classe 5 sez. A Palagiano COM GEO X Palagianello

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli