Documento del Consiglio di Classe

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento del Consiglio di Classe"

Transcript

1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Sanluri Documento del Consiglio di Classe della Quinta A Igea DPR 323/98, art.5 Anno scolastico 2013/2014 Data 15 Maggio

2 PRESENTAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Composizione del Consiglio di classe Disciplina Docente Italiano e Storia Prof.ssa Anna Setzu Geografia Prof. Fernando Lisci Ec.Aziendale Prof.ssa Maria Laura Curreli Francese Prof.ssa Maria Rita Manca Inglese Prof.ssa Franca Urru IRC Prof.ssa Mariapaola Piras Diritto Prof.ssa Elena Pisanu Scienza delle Finanze Prof.ssa Elena Pisanu Ed. Fisica Prof.ssa Mariangela Ruiu Matematica e laboratorio Prof. Giancarlo Tronci Dirigente Scolastico Dott.ssa Agnese Pusceddu Composizione della classe N COGNOME E NOME N COGNOME E NOME 1 AQUILA VITTORIO 12 MANCA PAOLO 2 ARU JONATAN 13 MANDIS ALESSANDRO 3 BASCIU ALESSANDRA 14 MELIS MARILISA 4 BRAU ELISABETTA 15 MELONI SIMONE 5 CARTA MONICA 16 NONNIS GIADA 6 CASTIGLIA MICHELE 17 ORRU MATTIA 7 CASULA MAURA 18 PITZALIS SABRINA 8 COCCO ELEONORA 19 VINCI ALESSANDRO 9 FENU DANIELE 20 ZARA SIMONA 10 FLORIS ALESSIO 21 ZUCCA FEDERICA 11 MACCIONI MARTA 2

3 Storia della Classe La classe era composta da 22 alunni provenienti quasi tutti dalla IV A IGEA tranne 3 che sono ripetenti e 2 che provengono da corsi di recupero anni scolastici. Nel corso dell anno scolastico 2 alunni hanno lasciato la scuola. Nella quasi totalità gli studenti provengono dai paesi del circondario: San Gavino, Villacidro, Segariu, Furtei, Villamar, Samassi, solo alcuni da Sanluri. Questa situazione di forte pendolarità, penalizzata dagli scarsi collegamenti nelle ore pomeridiane, ha rappresentato un ostacolo alle attività di recupero e/o approfondimento e limitato la realizzazione di valide iniziative culturali nelle ore extracurricolari. La preparazione di base della classe non è omogenea perché alcuni allievi mancavano dei prerequisiti necessari per affrontare lo studio di alcune materie in cui presentavano delle carenze; mentre altri, nel corso dell anno, incontravano qualche difficoltà in alcune materie. Queste difficoltà, nonostante le attività di recupero attivate in orario curricolare, in qualche caso permangono. La classe, nella quasi totalità, partecipava seppur non ordinatamente e costruttivamente al dialogo educativo, mostrando interesse per le materie e per le attività proposte in classe, mentre l impegno nello studio individuale era caratterizzato dalla saltuarietà e frammentarietà. La frequenza delle lezioni, per alcuni allievi, non è stata assidua, poiché si assentavano spesso o con cadenza ricorrente. In questo ultimo anno di corso sono cambiati alcuni docenti: geografia, scienze motorie, scienza delle finanze. Gli aspetti, precedentemente elencati, hanno determinato un rallentamento nello svolgimento dei programmi delle varie discipline che comunque sono stati quasi conclusi anche grazie ad un maggiore impegno nel corso dell ultima parte dell anno. Il comportamento della classe è stato nel complesso corretto, anche se, qualche volta, alcuni alunni non hanno rispettato le regole e/o non hanno avuto un atteggiamento adeguato. Per tutti questi motivi il profitto della classe non è da ritenersi soddisfacente anche se sono presenti diversi livelli di profitto: solo alcuni hanno raggiunto un grado di preparazione positivo, mentre per gli altri, a causa delle difficoltà pregresse e dello scarso impegno nello studio non può ritenersi tale. 3

4 ATTIVITA EXTRASCOLASTICHE Nell ambito delle attività extrascolastiche, la classe, ha partecipato per le attività di orientamento : Visita al salone dello studente a Cagliari Visita alla cittadella universitaria a Cagliari Incontro con docenti universitari; Per le attività di approfondimento: Progetto Fisco e scuola ; ATTIVITA DELLA CLASSE Rispetto al conseguimento degli obiettivi prefissati, il Consiglio di Classe ha adottato, nell ambito delle singole discipline, modalità di svolgimento delle attività curricolari per le quali si rimanda alla parte del documento relativa ai contenuti disciplinari. Nelle varie discipline si sono tuttavia affrontati dei temi che si prestassero ad approfondimenti pluridisciplinari e, con il supporto e le indicazioni bibliografiche e di metodo dei singoli docenti, si è cercato di offrire spunti di ricerca interdisciplinare e di rielaborazione personale. OBIETTIVI GENERALI DELL INDIRIZZO L obiettivo formativo generale relativo all acquisizione delle opportune conoscenze, competenze e capacità degli allievi della classe V A IGEA prevede il raggiungimento e lo sviluppo di capacità che permettano loro di svolgere funzioni connesse con la gestione, l organizzazione e l amministrazione delle aziende. Il diplomato ragioniere, quindi: Ha una buona cultura generale con buone capacità linguistico-espressive e logico interpretative; Ha una conoscenza complessiva e sistematica dei processi che caratterizzano la gestione aziendale sotto il profilo economico, giuridico, organizzativo e contabile; 4

5 Utilizza metodi, strumenti tecniche contabili ed extra-contabili per una corretta rilevazione dei fenomeni aziendali; E in grado di leggere ed interpretare i più significativi documenti aziendali; Elabora i dati e li rappresenta in modo efficace per favorire diversi processi decisionali; Coglie gli aspetti organizzativi delle varie funzioni aziendali; OBIETTIVI SPECIFICI Una visione organica dei processi di gestione delle aziende industriali e bancarie. Una visione chiara degli elementi peculiari che caratterizzano le aziende sopra citate. Saper analizzare le operazioni di gestione caratteristiche delle aziende industriali, bancarie sotto l aspetto economico e contabile. Saper impostare la procedura e compilare la documentazione relativa alle diverse operazioni. 5

6 SCHEDA INFORMATIVA PROF.SSA ANNA SETZU MATERIA ITALIANO LIBRI di TESTO A.A. V.V. IL LIBRO DELLA LETTERATURA-vol.III ( tomo 1-2) PARAVIA ED. PARADISO- qualunque edizione DATA CONTENUTI OBIETTIVI Settembre Ottobre Novembre Dicembre Gennaio Gennaio Febbraio Marzo Marzo Aprile Aprile Maggio Ottobre Novembre Dicembre Gennaio Febbraio Il realismo nella narrativa dell 800 (naturalismo e verismo) Giovanni Verga L età dello Imperialismo: crisi sociale,differenze di cultura.( Decadentismo- Simbolismo) Giovanni Pascoli Gabriele D Annunzio L intellettuale nell età giolittiana Il romanzo della coscienza:luigi Pirandello -Italo Svevo Il male di vivere nella poesia del primo 900:Giuseppe Ungaretti Paradiso I-III-VI canto Storicizzare il tema mirando alla comprensione delle sue funzioni nell ambito della società contemporanea. Riconoscere i principali modelli culturali. Saper riconoscere i temi comuni ai romanzi tipici del movimento. Individuare le fasi fondamentali dell evoluzione della poetica verghiana. Sottolineare l originalità della scrittura verghiana a livello sia tematico che stilistico. Puntualizzare il nesso tra ideologia e strutture formali. Riconoscere i modelli culturali caratterizzanti un epoca. Comprendere la complessità del quadro storico-culturale e l interazione tra fattori materiali e spirituali. Localizzare i centri di elaborazione culturale. Individuare l intreccio dei fattori individuali e socio-culturali nell opera dell autore. Porre in relazione le diverse opere con la poetica dell autore. Riconoscere le influenze,le conoscenze originali del poeta-vate. Individuare l intreccio dei fattori individuali e socio-culturali nell opera dell autore. Distinguere il ritratto storico e l autoritratto ideale nelle varie manifestazioni letterarie e non. Individuare le fasi fondamentali della produzione letteraria. Saper riconoscere le dinamiche e i significati delle diverse tipologie di avanguardie del primo 900. Saper riconoscere i modelli culturali caratterizzanti un epoca,un genere. Saper individuare le fasi fondamentali dell evoluzione della produzione letteraria. Sottolineare l originalità tematica e stilistica di Svevo e Pirandello. Saper riconoscere il genere nei suoi aspetti tematici e formali. Saper riconoscere la complessità del quadro storico-culturale. Comprendere la funzione delle scelte tematiche e formali rispetto al messaggio che il poeta intende trasmettere. Saper illustrare le caratteristiche del Paradiso. Saper spiegare il significato dei canti. METODOLO GIA Discussione guidata. Discussione guidata. Analisi del testo. Discussione guidata. Discussione guidata. Analisi del testo. Discussione guidata. Analisi del testo. Discussione guidata. Discussione guidata. Analisi del testo. Discussione guidata. Analisi del testo. Lettura e parafrasi in classe. MEZZI e MAT. DIDAT TICI testo testo testo testo testo testo testo testo testo TEMPI 4 ore 3 ore 3 ore 6 ore 6 ore 3ore 8 ore 4 ore 9 ore CRITERI e STRUMENTI di VALUTAZIO NE Si fa riferimento alle griglie di valutazione. Interrogazione. Prova strutturata e semistrutturata. Interrogazione. Prova strutturata e semistrutturata. Analisi del testo. Interrogazione. Prova strutturata e semistrutturata. Interrogazione. Prova strutturata e semistrutturata. Analisi del testo. Interrogazione. Prova strutturata e semistrutturata. Analisi del testo. Interrogazione. Prova strutturata e semistrutturata Interrogazione. Prova strutturata e semistrutturata Interrogazione. Prova strutturata e semistrutturata. Interrogazione. Prova strutturata e semistrutturata. 6

7 Scheda Informativa Materia : Storia Prof.ssa Anna Setzu testo:palazzo Bergese Rossi Storia magazine-vol.mi 2b-3-3b ed.la Scuola. DATA CONTENUTI OBIETTIVI METOD. Ott.\Nov. Nov\Dic. Genn. Genn. Marzo Aprile Genn. Aprile Aprile Maggio Aprile Maggio La grande guerra La rivoluzione russa ( ) La crisi dello stato liberale e l avvento dei sistemi politici totalitari( ) Il difficile cammino della decolonizzazione Rottura e ricostruzione del nuovo ordine mondiale.( La seconda guerra mondiale -Il dopoguerra) Il mondo diviso Individuarne le cause. Distinguere le cause materiali da quelle ideologiche.delinearne l evoluzione e le conseguenze nello spazio e nel tempo. Individuarne le cause. Delinearne le caratteristiche. Cogliere la dimensione spaziotemporale del fenomeno. Saper utilizzare il concetto di crisi. Cogliere la dimensione spaziotemporale del fenomeno. Individuare la differenza fra stato liberale e regime totalitario. Acquisire i concetti di fascismo e antifascismo. Capire la funzione dei media. Ricostruirne le cause. Riconoscere la dimensione storica dei concetti usati per definire le categorie del presente. Individuarne le cause. Cogliere la dimensione spazio-temporale del fenomeno. Riconoscere la dimensione storica dei concetti usati. Rilevare i fattori della crescita economica del ventennio 50\70 e identificare i nuovi settori produttivi. Delineare le cause del divario fra paesi ricchi e paesi poveri. Sottolineare i principali conflitti scoppiati durante la guerra fredda.. Discussione guidata.. Discussione guidata.. Discussione guidata.. Discussione guidata.. Discussione guidata.. Discussione guidata. MEZZI E MAT. DIDATTICI testo testo testo testo testo testo TEMPI 5 ore 6 ore 18 ore 3 ore 8 ore 3 ore CRITERI E STRUMENTI DI VALUTAZIO NE Si rimanda alle griglie di valutazione. Interrogazione. Prova semistrutturata e strutturata. Si rimanda alle griglie di valutazione. Interrogazione. Prova semistrutturata e strutturata. Si rimanda alle griglie di valutazione. Interrogazione. Prova semistrutturata e strutturata. Si rimanda alle griglie di valutazione. Interrogazione. Prova semistrutturata e strutturata. Si rimanda alle griglie di valutazione. Interrogazione. Prova semistrutturata e strutturata. Si rimanda alle griglie di valutazione. Interrogazione. Prova semistrutturata e strutturata. 7

8 Scheda informativa Materia : Geografia del turismo Docente : Prof. Fernando Lisci Macroargomenti Obiettivi Metodo Strumenti e Mezzi Il Continente africano Conoscenza delle testo principali caratteristiche Discussione Laboratorio di fisiche e turistiche e di Analisi del libro informatica alcuni paesi in di testo Internet particolare Il Continente asiatico Conoscenza delle principali caratteristiche fisiche e turistiche e problematiche di alcuni paesi in particolare Il Continente americano L Oceania e le regioni polari Conoscenza delle principali caratteristiche fisiche e turistiche e di alcuni paesi in particolare Conoscenza delle principali caratteristiche fisiche e turistiche e di alcuni paesi in particolare Discussione Analisi del libro di testo Discussione Analisi del libro di testo Discussione Analisi del libro di testo testo Laboratorio di informatica Internet testo Laboratorio di informatica Internet testo Laboratorio di informatica Internet Prove Colloquio Elaborati multimediali Colloquio Elaborati multimediali Colloquio Elaborati multimediali Colloquio Elaborati multimediali 8

9 Materia: Docente: testo: Classe MATEMATICA E LABORATORIO Giancarlo Tronci MATEMATICA PER L ECONOMIA TOMO D, G ED. ATLAS V A MACRO ARGOMENTI TEMPI OBIETTIVI METODOLOGIA MEZZI E MATERIALE DIDATTICO PROVE DI VERIFICA Le funzioni: dominio e segno di una funzione razionale fratta. I limiti: Forme indeterminate dei limiti. Asintoti di una funzione razionale fratta. Derivata di una funzione. Massimi e minimi di una funzione razionale fratta. Grafico di una funzione razionale fratta. La risoluzione delle equazioni di grado superiore al secondo. Funzioni della domanda e dell offerta. Costo-Ricavo-Profitto Fasci di rette. Fasci di coniche. Disequazioni in due variabili. Il sistema di riferimento nello spazio. Le linee di livello. Le derivate parziali prime e seconde di una funzione di due variabili. Settemb re Ottobre Ottobre Ottobre Novembr e Novembr e Dicembre Dicembre Gennaio Febbraio Febbraio Marzo Saper calcolare il dominio e il segno di una funzione razionale fratta. Saper calcolare i limiti di una funzione e determinare gli asintoti di una funzione rappresentandoli nel piano. Saper calcolare la derivata prima e di ordine superiore di una funzione per determinare i massimi, i minimi e i flessi di una funzione. Saper rappresentare nel piano cartesiano il grafico di una funzione razionale fratta. Saper determinare le radici di un equazione di grado superiore al secondo con il metodo di bisezione, della secante e delle tangenti. Saper rappresentare nel piano le funzioni della domanda e dell offerta e saper calcolare il prezzo di equilibrio e il coefficiente di elasticità della domanda e dell offerta. Saper tracciare nel piano il diagramma di redditività e calcolare il profitto massimo e il costo totale minimo. Saper individuare le caratteristiche di un fascio di rette e rappresentarlo in un sistema di riferimento cartesiano. Saper riconoscere la natura di una conica e individuare le caratteristiche di un fascio di coniche mista. Saper risolvere disequazioni lineari e non lineari in due variabili. Saper individuare e rappresentare le linee di livello. Saper calcolare le derivate parziali prime e seconde di una funzione di due variabili. ed esercitazioni alla lavagna. ed esercitazioni alla lavagna. ed esercitazioni alla lavagna. ed esercitazioni alla lavagna. ed esercitazioni alla lavagna. ed esercitazioni alla lavagna. ed esercitazioni alla lavagna. ed esercitazioni alla lavagna. ed esercitazioni alla lavagna. testo e appunti. testo e appunti. testo e appunti. testo e appunti testo e appunti testo e appunti testo e appunti. testo e appunti. testo e appunti. Verifica scritta, esercizi guidati in classe.. Verifica scritta, esercizi guidati in classe.. Verifica scritta, esercizi guidati in classe. Verifica scritta, esercizi guidati in classe. Verifica scritta, esercizi guidati in classe. Verifica scritta, esercizi guidati in classe. Verifica scritta, esercizi guidati in classe. Verifica scritta, esercizi guidati in classe. Verifica scritta, esercizi guidati in classe. 9

10 Massimi e minimi liberi di una funzione di due variabili. Marzo Saper calcolare massimi e di minimi liberi con le curve di livello e con il metodo delle derivate. ed esercitazioni alla lavagna. testo e appunti. Verifica scritta ed esercizi guidati in classe. Massimi e minimi vincolati di una funzione di due variabili. Marzo Saper calcolare massimi e minimi vincolati da un equazione con le curve di livello, con il metodo dei moltiplicatori di Lagrange e con il metodo elementare. ed esercitazioni alla lavagna. testo e appunti. Verifica scritta ed esercizi guidati in classe. Massimi e minimi vincolati di una funzione di due variabili. Aprile Maggio Saper calcolare massimi e minimi vincolati da disequazioni con il metodo delle curve di livello e con il metodo delle derivate. ed esercitazioni alla lavagna. testo e appunti. Verifica scritta ed esercizi guidati in classe. 10

11 SCHEDA INFORMATIVA A.S.2013/2014 CLASSE V A IGEA PROF.SSA PISANU ELENA MATERIA : DIRITTO PUBBLICO LIBRO DI TESTO : ZAGREBELSKY -DIRITTO PUBBLICO- ED. LE MONNIER CONTENUTI Recupero prerequisiti: fonti del diritto interne (costituzionali,primarie,secondarie, consuetudinarie) ed esterne (diritto internazionale e fonti comunitarie). La Costituzione repubblicana Principi fondamentali della Costituzione Diritti costituzionali Doveri costituzionali) Ruolo, funzione,e organizzazione del Parlamento OBIETTIVI Conoscere:la formazione e i caratteri della Costituzione repubblicana. Il contenuto dei diritti inviolabili dell uomo Il significato del principio costituzionale di uguaglianza Essere in grado di: commentare gli articoli della Costituzione relativi ai diritti inviolabili dell uomo distinguere l uguaglianza in senso formale e in senso sostanziale Conoscere: la composizione, l organizzazione e le funzioni del Parlamento il procedimento di formazione delle leggi ordinarie e costituzionali Essere in grado di: inquadrare il Parlamento nell ambito degli organi costituzionali riprodurre l iter di formazione di una legge ordinaria e costituzionale METODOLO GIA La metodologia comune a tutti gli argomenti è stata la seguente: lezione frontale e collaborativa ; discussione, scoperta guidata, lettura e interpretazio ne di fonti normative.. MEZZI e MAT. DIDATTICI Materiali didattici comuni a tutti gli argomenti: testo Costituzione Dispense Quotidiani Ricerche su internet TEMPI Settembre /Ottobre/ Novembre Dicembre/ Gennaio Gennaio CRITERI e STRUMENTI di VALUTAZIONE Gli strumenti di valutazione comuni a tutti gli argomenti sono stati i seguenti: prove orali e scritte (test strutturati e non di carattere formativo e sommativo). Nella valutazione finale si è tenuto conto: dei risultati in termini di conoscenze, competenze e di atteggiamenti costruttivi quali costanza nell impegno, partecipazione assidua e corretta alle attività, progressione individuale rispetto alla situazione di partenza, rispetto e spirito di collaborazione. Gli istituti di democrazia diretta e indiretta Ruolo e funzioni del Governo Formazione e composizione del Governo Conoscere: la nozione di democrazia diretta e indiretta la disciplina del referendum abrogativo Essere in grado: di elencare i diversi tipi di sistemi elettorali Esporre i limiti, i controlli e i risultati del referendum Conoscere: la composizione e la procedura di formazione del Governo la natura del rapporto di fiducia con il Parlamento la responsabilità dei componenti del Governo la disciplina dell attività normativa del Governo Essere in grado di: spiegare la funzione esecutiva del Governo schematizzare i passaggi della formazione di un nuovo esecutivo distinguere la responsabilità politica e giuridica dei membri del Governo confrontare gli atti normativi del Governo Gennaio Febbraio I 11

12 Ruolo e funzioni del Presidente della Repubblica Composizione e funzione della Corte Costituzionale L Europa Conoscere: L elezione e lo status del Capo dello Stato Le funzioni e gli atti del Presidente della Repubblica Essere in grado di: comprendere il ruolo del Presidente della Repubblica collegare gli atti del Presidente alle diverse funzioni dello Statonell opera dell autore. Distinguere il ritratto storico e l autoritratto ideale nelle varie manifestazioni letterarie e non. Individuare le fasi fondamentali della produzione letteraria. Conoscere: il concetto di rigidita della Costituzione e il ruolo della Corte Costituzionale la composizione e l organizzazione della Corte Essere in grado di: valutare il ruolo di garanzia svolto dalla Corte Costituzionale.Conoscere la composizione e la funzione degli organi comunitari;distinguere tra trattati comunitari regolamenti e direttive. Marzo Aprile Maggio SCHEDA INFORMATIVA A.S.2013/2014 CLASSE V A Igea PROF.SSA ELENA PISANU MATERIA : SCIENZA DELLE FINANZE LIBRO DI TESTO : A. GILIBERT, SCIENZA DELLE FINANZE E DIRITTO TRIBUTARIO, ED. LATTES. CONTENUTI PREREQUISITI DEL PROGRAMMA DI ECONOMIAPOLITICA:La contabilità nazionale(pnl, PIL, RN), i fattori della produzione e le loro remunerazioni, la domanda aggregata, la teoria classica e quella keynesiana dell equilibrio economico, il moltiplicatore keynesiano, la propensione media e marginale al risparmio e al consumo. LA FINANZA PUBBLICA LE SPESE PUBBLICHE LE ENTRATE PUBBLICHE I BENI PUBBLICI LE IMPRESE PUBBLICHE OBIETTIVI CONOSCERE i concetti di base dell economia politica necessari per affrontare lo studio della scienza delle finanze. ESSERE IN GRADO DI: Applicare all economia del settore pubblico i concetti di base dell economia politica ed in particolare quelli della politica economica. CONOSCERE: i caratteri, le funzioni, i soggetti, l evoluzione e gli obiettivi dell attività finanziaria pubblica; nozione ed effetti delle spese pubbliche; l analisi costi-benefici; le entrate pubbliche: nozione e classificazioni; il concetto di pressione tributaria e i suoi effetti economici; l attività imprenditoriale pubblica: forma e disciplina; le privatizzazioni delle imprese METODOLO GIA Lezione frontale e collaborativa; discussione, scoperta guidata, lettura e interpretazione di fonti di carattere economico Lezione frontale e collaborativa; discussione, scoperta guidata, lettura e interpretazione di fonti di carattere economico 12 MEZZI e MAT. DIDATTICI testo Costituzione Dispense Quotidiani Ricerche su internet testo Costituzione Dispense Quotidiani Ricerche su internet TEMPI Settembre Ottobre Novembre Dicembre Gennaio CRITERI e STRUMENTI di VALUTAZIONE Gli strumenti di valutazione comuni a tutti gli argomenti sono stati i seguenti: prove orali e scritte (test strutturati e non di carattere formativo e sommativo). Nella valutazione finale si è tenuto conto: dei risultati in termini di conoscenze, competenze e di atteggiamenti costruttivi quali costanza nell impegno, partecipazione assidua e corretta alle attività, progressione individuale rispetto alla situazione di partenza, rispetto e spirito di collaborazione.

13 pubbliche. L IMPOSTA: FUNZIONI, PRESUPPOSTI, CLASSIFICAZIONI, PRINCIPI GIURIDICI, PRINCIPI AMMINISTRATIVI, EFFETTI ECONOMICI. -FINANZA STRAORDINARIA E DEBITO PUBBLICO ESSERE IN GRADO DI: comprendere l importanza del ruolo della finanza pubblica negli Stati contemporanei; cogliere l importanza esercitata dalla spesa pubblica nelle economie moderne; individuare le fonti di entrata operando le necessarie distinzioni e valutarne gli effetti sull economia nazionale; comprendere il ruolo dello Stato imprenditore. CONOSCERE: le imposte dirette e indirette, generali e speciali, personali e reali, proporzionali, progressive e regressive; le tecniche della progressività; i principi giuridici delle imposte; la determinazione della capacità contributiva; i principi amministrativi delle imposte; i metodi di accertamento e riscossione; l evasione, l elusione, la rimozione, la traslazione, l ammortamento e la diffusione delle imposte; il debito fluttuante e il debito consolidato. ESSERE IN GRADO DI: comprendere le funzioni dell imposta, descrivere i principali metodi di accertamento e riscossione, comprendere gli effetti provocati dal prelievo fiscale su consumatori, prezzi e attività produttive; individuare le cause che inducono a utilizzare le entrate straordinarie e i loro effetti. Lezione frontale e collaborativa; discussione, scoperta guidata, lettura e interpretazione di fonti di carattere economico Partecipazione al progetto Fisco e scuola testo Costituzione Dispense Quotidiani Ricerche su internet Febb/ Marzo IL BILANCIO DELLO STATO CONOSCERE: Le funzioni e i caratteri del bilancio, la normativa sul bilancio, l iter procedimentale di approvazione della legge di bilancio, i controlli della Corte dei conti, il rendiconto: natura e funzione. ESSERE IN GRADO DI: individuare il carattere di atto sostanzialmente amministrativo e formalmente legislativo della legge di bilancio, individuare i documenti che costituiscono la manovra di bilancio, individuare la differenza tra bilancio preventivo e consuntivo, comprendere l interdipendenza tra attività finanziaria e politica in senso strettodel Governo Lezione frontale e collaborativa; discussione, scoperta guidata, lettura e interpretazione di fonti di carattere economico testo Costituzione Dispense Quotidiani Ricerche su internet Aprile Maggio 13

14 SCHEDA INFORMATIVA DI LINGUA E CIVILTÀ FRANCESE Classe 5 A IGEA Prof.ssa Manca Maria Rita TESTO UTILIZZATO : C. Caputo, G. Schiavi, T. Boella, G Fleury, La nouvelle Entreprise. Ed. Petrini OBIETTIVI Favorire la formazione umana, sociale e culturale degli alunni attraverso il confronto con la civiltà straniera. Educare al rispetto e al riconoscimento di differenti identità, allontanando il pregiudizio razziale. Educare alla multiculturalità, quale opportunità di arricchimento reciproco. Possedere una conoscenza della cultura e della civiltà del paese straniero che permetta agli alunni di comprenderla senza filtrarla attraverso la propria Saper capire e produrre lettere di carattere commerciale Saper redigere una lettera di motivazione e un curriculum vitae Saper effettuare collegamenti con altre discipline studiate riguardanti gli stessi argomenti Saper fare confronti e collegamenti tra quanto studiato e l attualità STRUMENTI E MEZZI testo Fotocopie Internet METODI TEMPI trimestre pentamentre 14

15 SCHEDA INFORMATIVA A.S DISCLIPLINA: EDUCAZIONE FISICA DOCENTE: MARIANGELA RUIU CLASSE: 5^ A IGEA LIBRO DI TESTO: PRATICAMENTE SPORT, VOL. UNICO, DEL NISTA PARKER TASSELLI. EDIZIONI D ANNA MACROARGOMENTI OBIETTIVI CONTENUTI MEZZI TEMPI CRITERI DI SUFFICIENZA ADOTTATI PROVE DI VERIFICA Potenziamento fisiologico conseguimento di una migliore funzionalità cardiocircolatoria e respiratoria miglioramento delle capacità condizionali (forza, velocità, resistenza, mobilità)e coordinative(coordinazion e ed equilibrio) miglioramento dell elasticità muscolare esercitazioni pratiche con carichi progressivamente crescenti (intensità e frequenza) esercizi con uso di grandi e piccoli attrezzi conoscenza anatomica, fisiologica e cinesiologica generale del corpo umano attività, conoscenza e definizione delle qualità motorie e loro allenamento grandi e piccoli attrezzi della palestra lezioni frontali libro di testo letture di approfondimento Tutto l anno (15 ore) Richiami novembre, febbraio, maggio (6 ore) Registrazione di un miglioramento rispetto alla situazione di partenza T P Rielaborazione e consolidamento degli schemi motori di base Consolidamento del carattere, sviluppo della socialità e del senso civico acquisire consapevolezza dei propri limiti per accettarli ed eventualmente superarli conoscere e valorizzare il linguaggio motorio e gestuale in armonia con gli altri mezzi espressivi esercitazioni in situazioni varie e non consuetudinarie gestione autonoma di partite ed arbitraggio delle stesse prevenzione e salute fumo, alcol, droghe, il doping e l AIDS breve storia dello Sport dalle Olimpiadi antiche palestra grandi attrezzi palestra febbraio marzo (10 ore) Gennaiofe bbraio marzo, aprile (12 ore) Acquisizione dell autonomia, dell autostima, della sicurezza nella pratica motoria nella consapevolezz a dei propri limiti Acquisizione dell autonomia, dell autocontro llo e della responsabilità da trasferire anche in altri ambiti 1 o r a l e - 2 p r a t i c h e 2 o r a l e - 4 p r a t i c h e Avviamento alla pratica sportiva acquisizione di un minimo di abilità e conoscenze per poter praticare 2 sport di squadra e 2 sport individuali analisi dei fondamentali individuali e del gesto tecnico svolgimento di partite libro di testo esercitazioni pratiche conversazioni letture di approfondimento Tutto l anno (15 ore) Conoscenza della storia e delle principali tecniche e regole fondamentali degli sport praticati Informazioni fondamentali sulla tutela della salute e prevenzione degli infortuni acquisizione di conoscenze atte a tutelare la salute psicofisica abitudine all utilizzazione rigorosa, all analisi dei risultati ottenuti per il raggiungimento di obiettivi prefissati tecniche di allenamento e di allungamento nozioni di traumatologia e primo soccorso alimentazione e sport, i disturbi alimentari nozioni sui danni da sedentarietà esercitazioni pratiche libro di testo conversazioni letture di approfondimento Richiami novembre aprile e maggio (6 ore) Acquisizione dei concetti fondamentali e corrette norme igieniche danni da uso e abuso di droghe 15

16 SCHEDA INFORMATIVA PROF.SSA MARIA LAURA CURRELI MATERIA ECONOMIA AZIENDALE LIBRO DI TESTO:TELEPASS PERCORSI MODULARI IN ECONOMIA AZIENDALE ( TOMO 1 E TOMO 2) DATA CONTENUTI OBIETTIVI Settembre Ottobre Novembre Dicembre Febbraio Marzo Gennaio Giugno Marzo Aprile Recupero prerequisiti: scritture di gestione e di assestamento. Bilancio d esercizio per le società di capitali. Interpretazione della gestione e analisi di bilancio per indici. Riclassificazione dello Stato Patrimoniale secondo il criterio finanziario. Riclassificazione del Conto Economico secondo il valore aggiunto e secondo il costo del venduto. Analisi situazione finanziaria, patrimoniale ed economica e relativi indici. Coordinamento indici, analisi sequenziali e report. I costi e la contabilità analitica; pianificazione, programmazione e budget; budget economico generale e reporting. Tecniche di elaborazione per l impostazione dei compiti e del bilancio con dati a scelta ed esercitazioni per lo svolgimento della simulazione della 2 prova scritta d esame. Svolgimento temi in preparazione seconda prova scritta esame con riferimento ai compiti anni precedenti Le imprese bancarie: le funzioni della banca moderna; la gestione bancaria e i suoi obiettivi; principi di gestione e aree della gestione; cenni sulle principali forme tecniche di raccolta e impiego; il fido bancario; i conti correnti; il bilancio bancario. Sapere e saper fare : conoscere e redigere le scritture in PD relative alle operazioni tipiche delle società di capitali; conoscere e redigere il bilancio d esercizio secondo gli schemi previsti dal codice civile. Sapere:le funzioni e gli obiettivi delle analisi per indici, le fasi dei processi di analisi e i criteri di riclassificazione dei bilanci, i diversi tipi di indici, la classificazione, il calcolo, l impiego, il coordinamento degli indici e la loro lettura. Saper fare: riclassificare il bilancio in funzione delle analisi, calcolare i principali indici, coordinarli e redigere una relazione interpretativa. Sapere: l oggetto della contabilità analitica, le principali classificazioni e metodologia di calcolo dei costi, la break even analysis, il sistema di budgeting e reporting. Saper fare: classificare i costi, calcolare i costi di prodotto nella configurazione a costi pieni e variabili, risolvere alcuni problemi di scelta, redigere i budget settoriali. Saper : conoscere la terminologia tecnica specifica richiesta nell elaborazione della parte teorica del tema e rispetta re i vincoli imposti dalla traccia per lo svolgimento della parte pratica del tema. Saper fare: svolgere l introduzione relativa alla parte teorica del tema in modo pertinente rispetto alla traccia, svolgere la parte pratica del compito rispettando i vincoli imposti dalla traccia e assumere dati numerici completi e corretti. Sapere: banche e attività bancario, gestione bancaria e i suoi obiettivi, le norme e le tecniche che la regolano, le autorità creditizie,le operazioni e aree della gestione bancaria; conoscere le principali operazioni di raccolta, di impiego, il fido bancario e i principi di formazione e la struttura dei bilanci bancari. Saper correlare le varie tipologie di credito alle diverse esigenze aziendali, classificare le operazioni bancarie, riconoscere della struttura del patrimonio; conoscere le principali operazioni di raccolta, di impiego, il fido bancario e la struttura dei bilanci bancari. METODOLO GIA lezione frontale e collaborativa; processi individuali; discussione guidata; lezione di rinforzo; esercitazioni; laboratorio; Materiali didattici comuni a tutti gli argomenti: lezione frontale e collaborativa; processi individuali; discussione guidata; lezione di rinforzo; esercitazioni; laboratorio; Materiali didattici comuni a tutti gli argomenti: lezione frontale e collaborativa; processi individuali; discussione guidata; lezione di rinforzo; esercitazioni; laboratorio; Materiali didattici comuni a tutti gli argomenti: lezione frontale e collaborativa; processi individuali; discussione guidata; lezione di rinforzo; esercitazioni; laboratorio; Materiali didattici comuni a tutti gli argomenti: lezione frontale e collaborativa; processi individuali; discussione guidata; lezione di rinforzo; esercitazioni; laboratorio; Materiali didattici comuni a tutti gli argomenti: MEZZI e MAT. DIDATTICI testo Fotocopie e schede Riviste Aula di informatica Calcolatrice tascabile Siti internet tematici LIM testo Fotocopie e schede Riviste Aula di informatica Calcolatrice tascabile Siti internet tematici LIM testo Fotocopie e schede Riviste Aula di informatica Calcolatrice tascabile Siti internet tematici LIM testo Fotocopie e schede Riviste Aula di informatica Calcolatrice tascabile Siti internet tematici LIM testo Fotocopie e schede Riviste Aula di informatica Calcolatrice tascabile Siti internet tematici LIM CRITERI e STRUMENTI di VALUTAZIONE Si fa riferimento alle griglie di valutazione. Interrogazione. Prova strutturata e semistrutturata. Si fa riferimento alle griglie di valutazione. Interrogazione. Prova strutturata e semistrutturata. Si fa riferimento alle griglie di valutazione. Interrogazione. Prova strutturata e semistrutturata. Si fa riferimento alle griglie di valutazione. Interrogazione. Prova strutturata e semistrutturata. Si fa riferimento alle griglie di valutazione. Interrogazione. Prova strutturata e semistrutturata. 16

17 SCHEDA INFORMATIVA PROF.SSA FRANCA URRU MATERIA INGLESE LIBRI di TESTO LIBRO DI TESTO : M. Ryan - Working in business - Europass DATA CONTENUTI OBIETTIVI Settembre/ Ottobre/ Novembre Dicembre/ Gennaio Febbraio- Marzo I contenuti sono stati articolati in diversi moduli. - Revision - Letter of application - Business Organizatio ns - Multinationa ls & Globalizatio n - Welfare State - Changes in employment - Cutting labour costs - Flexibility - Technology and employment - Recruitment, training, pay Educazione all interculturalità: confronto tra realtà appartenenti a culture diverse. Saper effettuare collegamenti con altre discipline studiate riguardanti gli stessi argomenti. Saper fare confronti e collegamenti tra quanto studiato e l attualità. Saper scrivere delle semplici lettere in risposta ad annunci di lavoro. METODOLO GIA Lezione frontale Discussione Ricerche in Internet Lezione frontale Discussione Ricerche in Internet MEZZI e MAT. DIDAT TICI testo Fotocopie Internet testo Fotocopie Internet CRITERI e STRUMENTI di VALUTAZIONE Quasi ogni modulo è stato seguito da una verifica scritta e spesso da una orale Trimestre: 2 verifiche scritte, 2 verifiche orali Pentamestre: 4 verifiche scritte,3-4 verifiche orali TIPOLOGIA: Quesiti a risposta aperta, quesiti a risposta singola, Lettera. CRITERI DI VALUTAZIONE: Situazione di partenza Approccio positivo alla disciplina (impegno e partecipazione Risultati delle verifiche Capacità di analisi e sintesi Raggiungimento degli obiettivi Marzo-Aprile Aprile Maggio - Marketing - Banking and Finance - The Institutions of the UK - The Institution of the USA - The European Union Lezione frontale Discussione Ricerche in Internet Lezione frontale Discussione Ricerche in Internet Lezione frontale Discussione Ricerche in Internet testo Fotocopie Internet testo Fotocopie Internet testo Fotocopie Internet 17

18 Materia : IRC Docente Mariapaola Piras testo: Luigi Solinas Tutti i colori della vita SEI MACROARGOMENTI Relazioni e società: Religioni e NMR OBIETTIVI Conoscere il ruolo della religione nella società contemporanea e l importanza del dialogo interreligioso e dell ecumenismo STRUMENTI E MEZZI METODI TEMPI Settembre Gennaio Relazioni e società: La famiglia: cellula vitale della società Conoscere la visione biblica e cristiana della coppia umana e la concezione cristiano-cattolica del matrimonio e della famiglia. Argomentare il ruolo fondamentale della famiglia per la società. Valutare le ragioni che differenziano nuove forme di nuclei famigliari testo, La Bibbia, Documenti del Magistero della Chiesa, Videocassette Materiale fotocopiato Laboratorio d informatica LIM Cooperative Learning. Ricerca attiva. Lettura ed interpretazione di: articoli di giornale, testi letterari e biblici, libro di testo, documenti del Magistero. Visita a siti Internet Dialogo Visione e analisi di film e documentari. Schematizzazione dei contenuti Febbraio Maggio 18

19 PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (scheda riassuntiva) Finalità: Formazione Comportamentali Obiettivi Cognitivi Materia Umana Culturale Tecnica Interesse Partecipazione Impegno Autonomia Puntuaità Padr.ling. Conoscenze Applicazione Analisi Sintesi Autovalutazione Religione X X X X X X X X X X X X X Italiano X X X X X X X X X X X X X Storia X X X X X X X X X X X X X Inglese X X X X X X X X X X X X X X Francese X X X X X X X X X X X X X X Matematica X X X X X X X X X X X X X Geografia X X X X X X X X X X X X X Economia Aziendale X X X X X X X X X X X X X Diritto X X X X X X X X X X X X X Scienze delle Finanze X X X X X X X X X X X X X Educazione Fisica X X X X X X X X X X X X X X 19

20 MATERIALI DIDATTICI E TESTI ADOTTATI Autore Testi adottati Titolo Altri testi consigliati Fotocopie Elaborazioni proprie Materiale multimediale IRC LUIGI SOLINAS TUTTI I COLORI DELLA VITA X X X X Italiano Storia IL LIBRO DELLA LETTERATURA 3 VARI VOLUME TOMI I II X X X BERGESE-ROSSI- PALAZZO STORIA MAGAZINE VOL. 2B,3,3B X X X Inglese MARTIN RYAN WORKING IN BUSINESS X X X X Matematica Francese FRANCESCHINI GHEZZI SPEZIA MATEMATICA PER L ECONOMIA X X X CAPUTO SCHIAVI BOELLA - FLEURY LA NOUVELLE ENTREPRISE X X X Altro X Geografia MANLIO DINUCCI IL SISTEMA GLOBALE X X X X Diritto ZAGREBELSKY DIRITTO PUBBLICO X X X Scienza delle finanze GILIBERT SCIENZA DELLE FINANZE E DIRITTO TRIBUTARIO X X X Educazione fisica VARI IL PERFETTO EQUILIBRIO X X Economia Aziendale BONI GHIGINI ROBECCHI PERCORSI MODULARI IN ECONOMIA AZIENDALE X X X X 20

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE PROF. CINZIA FAVRETTO Classe II R Materia Economia Aziendale Anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO Pagina 1 di 9 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE GAROFOLI M. GIUSEPPINA ECONOMIA AZIENDALE V B MERCURIO OBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 I BIENNIO (CLASSI 1^ E 2^) Competenze disciplinari Specifiche 1) Conoscere e utilizzare il proprio corpo

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSE 3 AS ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C Insegnante : Piera Buono ITALIANO : obiettivi COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE - prestare attenzione in situazione di ascolto - individuare gli elementi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 7 04/12/2013 118 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE

PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE A.S. 2012/2013 Classe: 5C Logistica Disciplina: Economia Aziendale e dei Trasporti Prof. Gianna Righi CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI (descrivere dettagliatamente specificando

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Ragnoli Raffaella MATERIA Economia Aziendale e geopolitica classe e indirizzo : 5 A RIM n. ore settimanali: 6 monte orario annuale: 198 CONOSCENZE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Al Dirigente Scolastico dell I.I.S. F. Algarotti Venezia PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Prof /ssa A.M.PANCINO Classe 5 A AFM materia Economia Aziendale anno scolastico 2015//2016 Obiettivi generali

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

SCHEMA UNITA DIDATTICA

SCHEMA UNITA DIDATTICA Titolo modulo: Differential calculus Unità didattica n. 2 dal titolo: Differentiation Ore previste per questa unità didattica: SCHEMA UNITA DIDATTICA Eventuali note sulla pianificazione e realizzazione:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014. Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture 1 REVISIONE SOCIETA DI CAPITALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014. Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture 1 REVISIONE SOCIETA DI CAPITALI Pagina 1 di 8 DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: IGEA 5AR DOCENTE : PINI MARIA GABRIELLA Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture 1 ISIONE SOCIETA DI CAPITALI 2 I CARATTERI DELLE

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI Disciplina:ECONOMIA AZIENDALE Classe:4 A SIA A.S.2014/2015 Docente:CARBOGNIN AGOSTINO GIACOMO ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La situazione di partenza e' generalmente sufficiente, con la presenza

Dettagli

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia Grazia Batarra, Monica Mainardi Imprese ricettive & ristorative oggi per il quinto anno Edizione mista Tramontana Programmazione modulare per la classe quarta : Accoglienza turistica Servizi di sala e

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA Anno scolastico 2014-2015 Seconda classe FINALITA' GENERALI 1) Forte legame con la storia 2) Sviluppare la capacità di comprendere le relazioni che intercorrono tra le caratteristiche

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Amministrazione finanza e Marketing, Sistemi informativi aziendali Nodi concettuali essenziali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014 Pagina 1 di 6 DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: MERCURIO CLASSE: 5BR DOCENTE: BONOMINI MIRELLA Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture A 1 I CARATTERI DELLE Le caratteristiche

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio SEZIONE TECNICA A.S. 2014 2015 Piano di Lavoro Di Matematica Secondo Biennio DOCENTE CENA LUCIA MARIA CLASSI 4 BM Libri di testo: Bergamini-Trifone-Barozzi Mod.U verde Funzioni e limiti Mod.V verde Calcolo

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi.

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "MARCO POLO - VIANI" LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI La valutazione è un elemento pedagogico

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 5^ AS CLASSE Indirizzo di studio Liceo Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Giuliana

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 I.I.S. Federico II di Svevia Melfi Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal Consiglio di classe con la sola presenza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO SETTORI: ECONOMICO - TURISTICO - TECNOLOGICO INDIRIZZI: AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING - SISTEMI

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA Telefono: 051/4298511 - Fax: 051/392318 - Codice fiscale: 80074870371 Sede Associata: Via Nazionale Toscana, 1-40068 San Lazzaro

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING -SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Nodi concettuali essenziali

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE Pag. 1 di 10 DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: AFM - SIA RIM CLASSE BIENNIO TRIENNIO DOCENTI: Alagna, Garofoli - Masoch - Oldoni - Zuffada ANNO SCOLASTICO 2014/2015 NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Matematica e Complementi di Matematica Classe: 4 AI A.S. 2015/16 Docente: Carollo Maristella ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE F E R M I-GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE IIS F E R M I GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it Codice Fiscale 83003590011

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO CLASSE TERZA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO CLASSE TERZA 1 di 5 04/12/2013 100 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SECONDO BIENNIO DISCIPLINA DIRITTO E LEGISLAZIONE TURISTICA MODINA DOCENTI

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE Anno Scolastico: 2014-2015 CLASSE: QUARTA

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING 1 di 6 26/01/2015 10.43 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: Diritto/Economia DOCENTI:Giuliano

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: 4A ind. TURISMO Matematica Docente: CABERLOTTO GRAZIAMARIA Situazione di partenza della classe La classe è composta da 24 alunni di

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ITALIANO BIENNIO Il Liceo Classico promuove lo sviluppo e l approfondimento delle quattro abilità di base (ascolto, lettura, rielaborazione

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti)

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti) 1 di 6 09/12/2013 12.23 PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA TECNICO MATERIA: TEDESCO (2^Lingua straniera) ANNO SCOLASTICO:2013/2014 1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) Revisione e completamento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Dipartimento di Materia: ITALIANO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Dipartimento di Materia: ITALIANO Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 ITALIANO (BIENNIO CLASSICO E SCIENTIFICO) Obiettivi generali dell insegnamento della lingua italiana nel biennio sono: affinare le capacità espressive

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 80121, NAPOLI Codice meccanografico: NAPC14000P Telefono 081 415084 e-mail: napc14000p@istruzione.it Fax 081 7944596 PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO https://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/.. 1 di 5 26/01/2015 14.06 PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof.

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. ssa Laura Piazzi CLASSE I A.S.2014 /2015 2 OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1 OBIETTIVI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE I.I.S. Federico II di Svevia PROGRAMMAZIONE DI CLASSE a. s. 2013-2014 classe VB docente coordinatore Prof.ssa Teresa CARUSO La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal

Dettagli

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 e-mail: info@istitutocalvino.gov.it Codice Fiscale: 97270410158 internet: www.istitutocalvino.gov.it

Dettagli

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti LA VALUTAZIONE Valutazione degli apprendimenti Le verifiche hanno da sempre la duplice funzione di controllare il grado di apprendimento degli allievi e la validità dell azione educativa e didattica. Infatti,mentre

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010/11 Docente: Antonio Gottardo Materia: Matematica Classe: 5BSo Liceo delle Scienze Sociali 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. ANNALISA

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DOCENTI DI INFORMATICA E LABORATORIO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI 1 e E 2 e ITC IPC OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO: Potenziare la capacità d ascolto Sviluppare le capacità comunicative

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FORLIN MARIA NIVES

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FORLIN MARIA NIVES PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 DOCENTE DISCIPLINA CLASSE INDIRIZZO FORLIN MARIA NIVES DIRITTO 5 ^ ARI IGEA DATA DI PRESENTAZIONE 10 Novembre 2013 1 - LIVELLI DI PARTENZA TEST E/O GRIGLIE DI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE "G. GALILEI" AREZZO Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 Classi del Biennio FINALITÀ EDUCATIVE Concorrere alla formazione e allo sviluppo dell area corporea e motoria della

Dettagli

Sistema Qualità UNI EN ISO 9001 ED 2008. PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL DOCENTE Classi 5^

Sistema Qualità UNI EN ISO 9001 ED 2008. PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL DOCENTE Classi 5^ PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL DOCENTE Classi 5^ Docenti: Colombo Maria Silvia,Muratore Carmela, Colombo Leonardo, Balletta Giuseppe e Caruso Francesco Classi: 5A Igea, 5B Igea, 5C Igea, 5A Mercurio, 5B Mercurio

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola Polo Liceale Orbetello. INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola Polo Liceale Orbetello. INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO Scuola Polo Liceale Orbetello INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE DISCIPLINA: Fisica DOCENTE: Lucia Serpico CLASSE 1 A Obiettivi

Dettagli

LICEO STATALE G. GUACCI

LICEO STATALE G. GUACCI LICEO STATALE G. GUACCI BENEVENTO Programmazione Didattica Modulare di Lingua e Letteratura Italiana Classe III sezione B Ind. Scienze Applicate Anno scolastico 2015 2016 Presentazione della classe: La

Dettagli

I.I.S. LUCA SIGNORELLI CORTONA ITE F. LAPARELLI DI CORTONA E FOIANO DELLA CHIANA INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DIRITTO ED ECONOMIA

I.I.S. LUCA SIGNORELLI CORTONA ITE F. LAPARELLI DI CORTONA E FOIANO DELLA CHIANA INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DIRITTO ED ECONOMIA I.I.S. LUCA SIGNORELLI CORTONA ITE F. LAPARELLI DI CORTONA E FOIANO DELLA CHIANA INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DIRITTO ED ECONOMIA PRIMO BIENNIO COMUNE INDIRIZZI AFM e TURISMO collocare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO FINALITA GENERALI L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI

FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI CLASSE I LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE A.S.2015/2016 1. OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1

Dettagli

LICEO SCIENZE UMANE P. SECCO SUARDO. PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI DIRITTO - ECONOMIA Anno scolastico 2015 / 2016

LICEO SCIENZE UMANE P. SECCO SUARDO. PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI DIRITTO - ECONOMIA Anno scolastico 2015 / 2016 LICEO SCIENZE UMANE P. SECCO SUARDO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI DIRITTO - ECONOMIA Anno scolastico 2015 / 2016 FINALITA SPECIFICHE Il corso di Diritto nel biennio promuove e sviluppa: 1) la comprensione

Dettagli

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s.

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s. Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale a.s. 2015-2016 Premessa La seguente programmazione è stata sviluppata a partire

Dettagli

Istituto tecnico Luigi Sturzo

Istituto tecnico Luigi Sturzo Istituto tecnico Luigi Sturzo Settore Tecnologico Biotecnologie Ambientali e Biotecnologie Sanitarie Anno Scolastico 2012/ 2013 Programmazione dipartimentale Area scientifica (Matematica, Disegno, Informatica)

Dettagli

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB.

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 DISCIPLINA: Religione CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ELENCO MODULI 1 Vivere secondo la Bibbia 2 Gesù,

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE Classe 4 a C A.S. 2015/2016 Disciplina: Italiano Docente: prof. ssa Anna Schiavo Ore settimanali: quattro Libro di

Dettagli

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Allegato 8 PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Scuola Primaria PERCORSI FORMATIVI E CRITERI DI VALUTAZIONE Il Piano Educativo e Didattico d Istituto (P.E.D.) è la programmazione dei percorsi formativi

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che L alunno/a è stato/a ammesso/a alla classe successiva/all Esame di Stato al termine del 1 ciclo

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Michele BUNIVA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Michele BUNIVA 1. Articolazione (moduli, unità didattiche ) delle conoscenze e dei contenuti. PROGRAMMA ECONOMIA AZIENDALE E GEO POLITICA CLASSE 4 RIM Libro di testo : Astolfi, Nazzaro, Rascioni & Ricci IMPRESA E MERCATI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011 PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011 FINALITA' E OBIETTIVI GENERALI 1) Favorire la formazione di una cultura storica tesa a recuperare la memoria del passato più lontano, in cui il nostro

Dettagli

Biennio: AFM, TURISTICO.

Biennio: AFM, TURISTICO. ANNO SCOLASTICO 0/06 Programmazione del dipartimento di ECONOMIA AZIENDALE Biennio: AFM, TURISTICO. FINALITÀ L'insegnamento dell'economia aziendale nella prima classe è teso a fornire una visione organica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli