Trasferimento del rischio, liquidità e il ruolo degli hedge funds

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Trasferimento del rischio, liquidità e il ruolo degli hedge funds"

Transcript

1 Trasferimento del rischio, liquidità e il ruolo degli hedge funds * Introduzione (di Marco Aiolfi) - Gli hedge funds continuano a dominare le prime pagine dei principali quotidiani finanziari grazie al loro peso crescente sul palcoscenico finanziario internazionale. Secondo l ultimo rapporto dell International Financial Services di Londra, le attività gestite dagli hedge funds sono cresciute dai circa 150 miliardi di dollari del 1996 a quota miliardi di dollari alla fine del Ma cosa sono esattamente gli hedge funds e che cosa li differenzia dai tradizionali soggetti che forniscono servizi finanziari? E ancora, qual è il loro ruolo nel permanente processo d innovazione che caratterizza i mercati finanziari? Secondo Myron Scholes, premio Nobel per l economia nel 1997, il compito delll innovazione finanziaria è quello di generare modalità più efficienti per soddisfare le funzioni del sistema finanziario. Tali funzioni sono sempre le stesse in ogni parte del mondo, mentre i soggetti storici che le svolgono cambiano nel tempo. Nel contesto attuale, gli hedge funds rappresentano i soggetti più consoni a soddisfare le funzioni di offerta di liquidità e trasferimento del rischio richieste nei mercati dei capitali e questo giustifica il loro ruolo di centralità nel panorama finanziario mondiale. I servizi di intermediazione finanziaria Negli ultimi dieci anni, abbiamo assistito a consistenti cambiamenti nel mondo della finanza. Con buona probabilità, il processo d innovazione finanziaria continuerà la sua crescita esponenziale e tra dieci anni saremo sorpresi dalla velocità del cambiamento. La finanza consiste nella distruzione di vecchie istituzioni e nella loro sostituzione con forme istituzionali migliori. Esistono quattro modi per conseguire guadagni attraverso i servizi di intermediazione finanziaria. Innanzitutto, gli investitori possono ottenere un ritorno attraverso un esposizione diretta al rischio di mercato, per esempio investendo direttamente nel mercato azionario e obbligazionario. Questo tipo di esposizione al rischio di mercato si chiama beta. Quando gli hedge funds o altri investitori operanti sul mercato sono in grado di prevedere l andamento o i cambiamenti relativi dei fondamentali macroeconomici (per esempio, se il mercato obbligazionario renderà più di quello azionario, oppure se il dollaro si deprezzerà nei confronti dello yen), possono ottenere rendimenti superiori a quelli di una semplice strategia di buy-and-hold. Nonostante gli investitori possano conseguire i rendimenti attesi attraverso un esposizione sistematica al rischio di mercato, il *Myron S. Scholes è il Chairman di Platinum Grove Asset Management e Professore Emerito presso la Graduate School of Business dell Università di Stanford. È il vincitore, insieme a Robert Merton, del premio Nobel per l economia nel 1997 per «un nuovo metodo per determinare il valore di strumenti derivati». 135

2 Trasferimento del rischio, liquidità valore attuale netto dei loro investimenti è pari a zero. Il mancato riconoscimento di questo fatto ha portato i gestori dei fondi pensioni in Europa, America e Asia a investire nel mercato azionario, dal momento che i rendimenti attesi degli investimenti azionari sono maggiori di quelli obbligazionari. Questi ultimi offrono un tasso di rendimento che è un valore più appropriato da usare come tasso di sconto degli obblighi pensionistici. Secondo il mantra degli ultimi 20 anni, i fondi pensioni, per loro natura caratterizzati da un lungo orizzonte di investimento, dovrebbero investire in titoli azionari che nel lungo periodo offrono quasi certamente un rendimento più elevato di quelli obbligazionari. Al fine di garantire una migliore performance degli investimenti azionari su quelli obbligazionari facendo uso di opzioni, è tuttavia richiesto un premio ampio, potenzialmente fino al 40% del valore degli asset dei fondi pensione. Non esiste nulla di certo negli investimenti, o meglio, garantire un basso livello di incertezza è costoso. Non c è ragione di ritenere che gli investitori di lungo periodo debbano necessariamente investire in azioni. In secondo luogo, gli investitori possono conseguire rendimenti prevedendo i cash-flows o discount rates di particolari aziende meglio di altri. Gli hedge funds che utilizzano strategie long-short equity tengono (vendono) in portafoglio titoli di aziende che considerano sottovalutate (sopravvaluate) per conseguire un ritorno aggiuntivo, chiamato alfa. Alcuni di questi fondi hanno un esposizione al rischio di mercato praticamente nulla. Se le loro strategie si rivelano corrette rendono il mercato più efficiente muovendo i prezzi verso il loro livello di equilibrio. La previsione di alfa e beta è un gioco a somma zero: coloro che seguono una strategia di investimento passiva guadagnano il rendimento medio; mentre, tra coloro che deviano dalla strategia passiva, i perdenti pagano i vincenti. La ricerca di alfa non finisce mai e gli investitori che lo individuano conseguono profitti superiori. Rimane dibattuto se i gestori di hedge funds che generano alfa applichino commissioni troppo elevate per i loro servizi. La teoria economica suggerisce che le rendite sono condivise solo se esistono fattori di produzione congiunti: il risultato conseguito è più grande della somma delle parti. Se il capitale disponibile è abbondante, ma la capacità di generare alfa è scarsa, coloro che sono in grado di generarlo otterranno maggiori quote dei profitti. Le commissioni applicate dagli hedge funds sono considerate elevate, ma sono giustificate se essi sono in grado di generare alfa. In terzo luogo, gli investitori possono guadagnare un rendimento offrendo servizi di liquidità. Gli investitori caratterizzati da un orizzonte di investimento più lungo di quello dell investitore tipico possono conseguire un guadagno offrendo liquidità. Coloro che investono in fondi di private equity, attività immobiliari o hedge funds si aspettano di guadagnare un premio di liquidità per il fatto di investire in attività finanziarie meno liquide. Gli hedge funds guadagnano questo premio tenendo in portafoglio azioni di piccole aziende o attività finanziarie con alti rendimenti ma poco liquide, per esempio residui di prodotti strutturati, prodotti over the counter come prestiti bancari, ecc. Si noti che gli investitori con orizzonte di investimento corto sono consapevoli che stanno rinunciando a rendimenti di liquidità, ma sono disposti a pagare gli investitori di lungo termine perché si facciano carico di questi fattori di rischio. L aspetto interessante è che l orizzonte di investimento degli investitori varia nel tempo. Con le nuove regole stabilite dalla Bank for International Settlement, i metodi di valutazione mark-to-market e per il fatto di essere aziende quotate, le banche commerciali e quelle d affari potrebbero non essere i soggetti adatti a offrire liquidità. Infatti, sebbene possano offrire liquidità in periodi di calma, esse a loro volta domandano liquidità in periodi di crisi rendendo i mercati dei capitali ancora più instabili. 136

3 Trasferimento del rischio, liquidità Approfondimenti Di conseguenza, soggetti come gli hedge funds e altri investitori con orizzonti d investimento effettivamente più lunghi potrebbero essere più adatti del sistema bancario a offrire servizi di liquidità. Infine, gli investitori guadagnano un rendimento fornendo servizi di trasferimento del rischio agli hedgers. Questi ultimi sono disposti a pagare per trasferire il rischio agli speculatori. Come affermato da Greenspan, il precedente governatore della Banca centrale americana, con la crescita del mercato dei derivati, i rischi sono stati diluiti e trasferiti nel sistema economico. Di conseguenza, l economia mondiale è meno esposta agli effetti degli shocks. Liquidità e trasferimento del rischio Se le istituzioni finanziarie trasferiscono rischi al mercato, gli speculatori devono farsene carico e sostenerli nel tempo. L esempio classico di trasferimento del rischio è quello del contadino che trasferisce al mugnaio o al commerciante il rischio di immagazzinare il raccolto (grano o riso). Questi ultimi immagazinano il raccolto fino a quando il fornaio o il negoziante acquistano la farina o il riso per fare pane, dolci o altri prodotti da forno richiesti dai consumatori. Il profitto del mugnaio deriva sia dal conoscere le preferenze della propria clientela, che dal possible cambiamento del valore del prodotto immagazzinato. Il primo tipo di profitto è specifico e corrisponde al guadagno che tutte le imprese si aspettano di conseguire per essersi assunte il rischio di una qualsiasi attività commerciale. Il secondo tipo di guadagno richiede capacità diverse, come l abilità di prevedere i rendimenti dei fattori di rischio. Per il mugnaio, farsi carico di rischi generici ha un valore attuale pari a zero. Di conseguenza, il mugnaio trasferisce il rischio generico al mercato, riducendo così l ammontare di capitale necessario a far fronte a entrambi i tipi di rischio (quello specifico e quello generico). Per ottenere questo risultato, i mugnai vendono contratti futures per assicurarsi contro il rischio generico, consapevoli di pagare gli speculatori per farsi carico di questo rischio. Gli hedgers riducono la loro copertura man mano che i consumatori acquistano i loro prodotti e la necessità di assicurarsi si riduce. La domanda di servizi di trasferimento del rischio è diffusa. Con il boom del mercato dei derivati, le aziende di servizi finanziari sviluppano prodotti per far fronte ai bisogni di trasferimento del rischio dei loro clienti (tra cui altre entità finanziarie, governi, imprese e investitori ultra ricchi). A loro volta, i fornitori di servizi finanziari trasferiscono i rischi generici al mercato per ridurre l ammontare di capitale necessario a condurre le loro attività. Queste permettono un utilizzo più efficiente del capitale nella società e riducono il costo di trasferimento del rischio a beneficio dei diversi soggetti che operano nel sistema economico. Mi riferisco ai servizi di liquidità e trasferimento del rischio chiamandoli omega e usando la lettera greca che nella legge di Ohm definisce la resistenza. Ohm scoprì che, dato un certo livello di corrente elettrica, il voltaggio del sistema è inversamente proporzionale alla resistenza. Nei mercati finanziari, al crescere dei bisogni di intermediazione, l output del sistema diminuisce al crescere del prezzo della liquidità e del trasferimento del rischio. Questo significa che i flussi nel mercato dei capitali incontrano una maggiore resistenza. L interpretazione moderna della legge di Ohm include la dinamica, ovvero alcune sostanze hanno proprietà omiche. Al crescere dei flussi, la resistenza aumenta, ma il processo si inverte dopo un certo periodo di tempo. Infatti, nei mercati finanziari il principio di sostituzione genera un potente effetto che spinge i prezzi a ritornare ai loro livelli di equilibrio. Attività finanziarie alternative non possono offrire agli investitori rendimenti differenti per periodi di tempo troppo lunghi, altrimenti i fornitori di servizi finanziari svilupperanno nuovi prodotti per sfruttare questi disequilibri, oppure cambieranno la 137

4 Trasferimento del rischio, liquidità Gli hedge funds forniscono liquidità e servizi di trasferimento del rischio nei mercati finanziari. composizione del proprio portafoglio acquistando titoli ad alto rendimento atteso e vendendo quelli a basso. Tuttavia, nel breve periodo l effetto di sostituzione può essere dominato dai flussi di domanda di liquidità e/o trasferimento del rischio. Perciò, esiste la necessità che speculatori o altri soggetti si propongano come intermediari nei flussi. Questo tipo di intermediari finanziari è in grado di ridurre i tempi. In altre parole, si mettono nei panni del compratore finale, assecondando i flussi fino a quando il compratore finale decide di assumersi il rischio. Essi si aspettano di ottenere profitti rendendo il mercato più efficiente e meno sensibile agli effetti dei movimenti di capitale. All occorrenza di shocks sul mercato, gli speculatori potrebbero essere i primi a rientrare nel mercato per attenuare gli effetti degli shocks. Così facendo, minimizzano eccessive fluttuazioni nei prezzi di mercato. Gli hedge funds forniscono liquidità e servizi di trasferimento del rischio nei mercati finanziari. Ciò avviene selezionando attività finanziarie che sono sopra o sottovaluate e coprendo il proprio rischio attraverso altre attività finanziare il cui prezzo è ritenuto equo. Usano i prezzi relativi di mercato per individuare il profitto potenziale derivante dai loro servizi di intermediazione finanziaria. Infine, gestiscono i propri rischi facendo uso dei tre strumenti tipici del risk management: diversificazione, riserve e assicurazione. Fornendo servizi di tipo omega su un vasto insieme di attività finanziarie diverse, gli speculatori riducono i propri rischi associati a shocks nell economia. Tuttavia, essendo incapaci di diversificare sufficientemente il proprio portafoglio titoli, avranno bisogno di mantenere riserve e assicurarsi contro l esposizione a fattori di rischio indesiderati. Quest ultima è un attività che richiede competenze specifiche. Con la crescita degli hedge funds, gruppi di esperti hanno abbandonato i tradizionali soggetti di intermediazione finanziaria per attrarre capitale dagli investitori in prima persona. Banche commerciali e broker/dealers potrebbero non essere i migliori fornitori di servizi di tipo omega. Gli hedge funds e i fondi di private equity potrebbero al momento essere i soggetti più consoni a fornire questi servizi. Le banche commerciali, come i mugnai nell esempio precedente, ottengono un profitto fornendo servizi specifici alla loro clientela diversificata, come si vedrà più avanti. Dobbiamo ricordarci di distinguere la forma istituzionale dal tipo di servizi offerti. I servizi oggi forniti dagli hedge funds o da altri soggetti operanti nei mercati finanziari possono essere forniti in forme diverse. La forma istituzionale efficiente cambia nel tempo. Nel passato, la fornitura di liquidità e di servizi speculativi avveniva attraverso le banche e i broker dealers. Gli hedge funds risultano oggi essere i candidati adatti a fornire in modo più efficiente questo tipo di servizi. In futuro, la situazione potrebbe cambiare con un evoluzione verso forme istituzionali più efficienti. L innovazione finanziaria consiste nel cambiare il modo in cui la domanda di prodotti e servizi è soddisfatta e anticipata. In pratica, qualsiasi innovazione porterà modi più efficienti per soddisfare le funzioni di un sistema finanziario. Le principali funzioni a livello mondiale includono: la facilitazione di transazioni, sia che si tratti di acquistare beni o del trading di un ampio portafoglio di mutui; il finanziamento di progetti di investimento, sia che si tratti di prestiti di piccolo taglio o di vaste proporzioni; risparmiare per il futuro, su scala globale, attraverso conti di risparmio o prodotti assicurativi; la condivisione dei rischi e la loro riduzione attraverso fondi di investimento, oppure swaps e opzioni; attività di pricing e la valutazione di 138

5 Trasferimento del rischio, liquidità Approfondimenti segnali provenienti sia dal mercato che dall osservazione di transazioni private; la riduzione dei costi di informazione, sia per l assunzione di un agente che per la trattativa di una transazione. I soggetti in grado di ridurre i costi legati all offerta di uno di questi servizi avranno successo e miglioreranno il funzionamento del sistema economico. Una cosa è certa: le istituzioni evolvono e cambiano, mentre le funzioni svolte dal sistema finanziario sono sempre le stesse in ogni parte del mondo. L innovazione accade a causa di mutamenti naturali. I soggetti che operano nei mercati e in ambito accademico generano innovazione in modo casuale. L innovazione accade a causa di eventi rilevanti che scuotono il sistema. Molti di noi si accorgono che è necessario trovare nuove soluzioni a causa del verificarsi di eventi significativi come la nascita dell euro, il boom del mercato azionario della fine degli anni Novanta, la crisi finanziaria asiatica del 1997, o molti altri eventi che ci portano a rivedere il nostro modo di pensare e quindi producono innovazione. Nei prossimi anni, l innovazione trarrà beneficio dai cambiamenti nelle tecnologie informatiche e nelle telecomunicazioni, dallo sviluppo dei nostri modelli e dalla nostra esperienza nel comprendere come realizzare tutte queste funzioni in modo più efficiente. Gli hedge funds e lo sviluppo dell economia globale Benché non sia in grado di discutere tutti i cambiamenti che prevedo per i prossimi anni, concentrerò la mia attenzione su quattro vaste aree, cruciali per lo sviluppo dell economia globale e in cui gli hedge funds avranno un ruolo primario: - una maggiore attenzione da parte degli intermediari finanziari e delle imprese al risk management strategico; - uno spostamento dell attenzione degli intermediari finanziari e delle imprese dal prodotto al consumatore; - la presa di coscienza che l attuale sistema di contabilità non fornisce sufficiente informazione in un mondo caratterizzato dall incertezza e che il processo di risk management deve essere incluso in un sistema contabile dinamico; - la necessità di sviluppare sistemi dinamici di regolamentazione che siano in grado di mitigare i problemi di aggregazione non lineare che affliggono l economia globale, insieme allo sviluppo di soluzioni interne al sistema finanziario per ridurre questi problemi. Generalmente, per ogni azienda di intermediazione finanziaria, il risk management strategico comporta la decisione di quali rischi assumere e quali trasferire ad altri. Per ottenere un profitto, ogni istituzione deve concentrarsi nell assunzione dei rischi specifici al proprio settore di attività. Inoltre, le imprese si fanno carico di altri rischi generici che hanno valore attuale pari a zero. Se le imprese decidono di assumere questi rischi generici, devono avere capitale sufficiente a fronteggiarli. Questi rischi generici, come le variazioni nel mercato azionario, nei tassi di interesse, nei prezzi delle materie prime o nei tassi di cambio, non portano nessun vantaggio agli azionisti se non nel caso improbabile in cui le imprese dimostrino una particolare abilità nel prevederli. Assumersi questi rischi generici richiede una maggiore disponibilità di capitale. Al ridursi del costo delle attività di hedging o di trasferimento del rischio relativamente al costo del capitale, le imprese finanziarie agiscono in modo strategico, trasferendo i loro rischi generici al mercato. Le aziende di intermediazione finanziaria sviluppano soluzioni di trasferimento del rischio per conto di altre istituzioni finanziarie, private o governative e a loro volta queste trasferiscono il loro rischio generico al mercato. Questi hedgers sono disposti a compensare speculatori come gli hedge funds per la fornitura di servizi di trasferimento del rischio generico e di intermediazione. Inoltre, molte delle soluzioni sviluppate non avranno le stesse caratteristiche di liquidità degli strumenti scambiati nei merca- 139

6 Trasferimento del rischio, liquidità Questo è il futuro e molte delle principali istituzioni finanziarie dovranno dotarsi di competenze per rimanere competitive. ti finanziari. Gli hedge funds e altri soggetti provvederanno a fornire i servizi di liquidità al mercato e a ridurre i costi derivanti dall eccesso di capitale immobilizzato. I soggetti operanti nel mercato compensano coloro che forniscono servizi di tipo omega. Molte entità finanziarie pensano in termini di prodotto e non di servizio per i clienti. Ci stiamo spostando verso un approccio top-down, dove l utente finale è al centro dell attenzione. Per esempio, le istituzioni finanziarie si chiederanno se sia possibile produrre quello che il cliente desidera e conseguire un ritorno sul capitale investito che tenga conto di tutti i fattori di produzione. La risposta a questa domanda comporta la soluzione di un problema multiperiodale. I produttori hanno bisogno di abilità e talento per sviluppare e produrre soluzioni tecnologiche. Questo è il futuro e molte delle principali istituzioni finanziarie dovranno dotarsi di competenze per rimanere competitive. Per esempio, lo sviluppo di soluzioni per il problema del ciclo vitale dei singoli risparmiatori riceverà particolare attenzione nei prossimi dieci anni. Con il progressivo invecchiamento della popolazione, i tradizionali modelli di prodotti assicurativi, prodotti per la previdenza sanitaria e l abitazione, prestiti vitalizi ipotecari, fondi azionari e obbligazionari, protezione ed estensione del capitale umano, non risolvono i problemi di pianificazione della pensione e dei lasciti ereditari dei risparmiatori. Le istituzioni finanziarie produrranno soluzioni personalizzate per il singolo individuo e si assicureranno contro il rischio generico nel mercato dei capitali. Essi si faranno comunque carico del rischio specifico, il cosiddetto basis risk fra ciò che promettono e quello che assicurano in bilancio. Questo tipo di approccio è completamente diverso da quello attuale in cui un agente vende il prodotto assicurativo in cambio di una commissione senza assumersi il rischio di produrre la soluzione più adatta per l utente. Ancora una volta, gli hedge funds e altri speculatori saranno coinvolti in questo settore in crescita, offrendo servizi di tipo omega, e così facendo ridurranno i costi a vantaggio dei risparmiatori e degli altri investitori. L evoluzione futura del risk management Il risk management evolve continuamente. La maggior parte, se non tutti gli intermediari finanziari non si affidano al leverage come misura dei rischi. Ovviamente, il leverage è una misura riduttiva del rischio ed è totalmente inadeguata nel caso di un azienda di servizi finanziari. La maggior parte dei suoi skilled assets non è contabilizzata in bilancio. Le innovazioni sopra menzionate, tra cui over-the-counter swaps e altri contratti compaiono solo nelle note a piè di pagina del bilancio. Importanti passività, come i fondi pensione e l assicurazione sanitaria, non sono incluse. Importanti diritti di opzione posseduti e concessi non sono inclusi nei documenti contabili. E così si potrebbe proseguire a lungo. Il bilancio corrente non misura il cambiamento: è una fotografia istantanea delle condizioni dell impresa in un preciso momento. Le imprese, tuttavia, continuano a imparare come misurare il rischio, quantificare i cambiamenti nei loro bilanci dovuti a modifiche nei fattori di rischio e a registrare, monitorare e variare la loro esposizione a fattori di rischio stessi. Le imprese stanno iniziando a capire come gli shocks incidano sui loro profitti e sulle loro perdite e quali conseguenze debbano affrontare nel caso di movimenti avversi di mercato. Le istituzioni e i governi non hanno bisogno di misurare i rischi; hanno sempre la possibilità di aspettare il verificarsi di una crisi per poi reagire. Tuttavia, se misurassero i rischi e si assicurassero con una copertura parziale (per esempio, assicurandosi in anticipo), il costo sarebbe di molto inferiore a quello di rea- 140

7 Trasferimento del rischio, liquidità Approfondimenti gire alla crisi. Misurando i rischi, li ridurrebbero operativamente attraverso coperture e assicurazioni contro movimenti estremi dei profitti e delle perdite o riducendo l uso dei loro risk budgets. L attuale sistema contabile, tuttavia, non fornisce nessuna delle informazioni necessarie ai manager e agli investitori per realizzare coperture assicurative. Sebbene in futuro assisteremo a un continuo miglioramento delle tecniche di misurazione e di risk management da parte degli intermediari finanziari e delle imprese, il sistema contabile rimarrà sempre inadeguato. Tuttavia, ci sarà una spinta crescente ad abbandonare arcaici sistemi di contabilità a favore di tecnologie più moderne che già esistono, e che continueranno a migliorare nella direzione di un sistema completo e integrato di controllo e risk management. Da ultimo non si può non considerare il problema dell aggregazione. In sintesi, ciascuna impresa ritiene che, qualora fosse necessario ridurre il proprio rischio in periodi di shocks oppure quando questo non sia ritenuto adeguato, i mercati dei capitali siano sufficientemente liquidi da consentirle di cambiare la composizione del proprio portafoglio attraverso mercati regolamentati o intermediari. Non che sia colpa loro: il mondo è talmente complicato che queste entità finanziarie non sono in grado di considerare tutti i possibili stati del mondo che possono richiedere la liquidazione conteporanea dello loro posizioni e di quelle di altre entità. In presenza di uno shock, le entità finanziarie riducono i rischi, i prezzi crollano, costringendo altre entità a ridurre i loro rischi in un processo a cascata nonlineare. Gli speculatori hanno bisogno di tempo per capire se i loro modelli sono calibrati correttamente, o devono essere modificati, prima di fornire liquidità al sistema. I tempi di reazione si allungano e gli speculatori razionalmente ritirano i loro capitali proprio nel momento in cui altre entità hanno maggiormente bisogno dei loro servizi. Il prezzo del trasferimento del rischio e della liquidità aumenta sul mercato. La volatilità e le correlazioni tra attività apparentemente non collegate aumentano dal momento che la necessità di ridurre il rischio spinge le entità finanziarie a vendere le proprie attività accross the board. La società continuerà a innovare per decidere quali siano i migliori sistemi informativi per comprendere il ruolo da giocare nel fornire una protezione ai mercati. Inoltre, costituendo gruppi di lavoro altamente qualificati, gli hedge funds e altri speculatori sono in grado di capire, più velocemente che nel passato, quando rientrare nei mercati e fornire liquidità al sistema. In questo settore a elevato utilizzo di capitale umano, gli speculatori stanno sostituendo istituzioni finanziarie più consolidate che in momenti di shock utilizzavano regole arbitrarie, come le regole di stoploss, aumentando così il prezzo della liquidità e rendendo la situazione ancora più volatile. Vedremo svilupparsi contingent-capital arrangements con cui gruppi di lavoro altamente qualificati, in momenti di crisi, raccoglieranno capitale da fornitori di capitale passivi, come patrimoni e fondi pensione, e forniranno liquidità al sistema alleviando il problema dell aggregazione. Gli intermediari finanziari, sensibili al problema, stanno imparando come misurare e controllare la propria domanda di liquidità. Per risolvere il problema dell aggregazione, sono in via di sviluppo queste e altre soluzioni di mercato. L esperienza e la teoria interagiscono per fornire soluzioni e, grazie alle nuove esperienze provenienti dai mercati, nuove teorie e innovazioni mitigheranno il problema dell aggregazione: è un area di crescita. Sono convinto che, quando tra dieci anni ci troveremo a giudicare i cambiamenti occorsi nel decennio, saremo sorpresi dall ampiezza e dalla portata delle innovazioni finanziarie. Mi aspetto anche che in futuro le innovazioni da me previste si realizzino, se non come soluzione completa dei problemi, almeno come contributo a rendere l economia più efficiente. Traduzione a cura di Marco Aiolfi, Maurizio Motolese e Sarah Bigi. 141

23 Febbraio 2016. State Street Asset Owners Survey

23 Febbraio 2016. State Street Asset Owners Survey 23 Febbraio 2016 State Street Asset Owners Survey Introduzione Il sistema pensionistico globale si trova di fronte a sfide di enorme portata I fondi pensione devono evolversi e svilupparsi per riuscire

Dettagli

Mercati finanziari e valore degli investimenti

Mercati finanziari e valore degli investimenti 7 Mercati finanziari e valore degli investimenti Problemi teorici. Nei mercati finanziari vengono vendute e acquistate attività. Attraverso tali mercati i cambiamenti nella politica del governo e le altre

Dettagli

CREDIT DERIVATIVES: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI

CREDIT DERIVATIVES: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI Prefazione I contratti derivati di credito (Credit Derivatives) hanno rivoluzionato con la loro introduzione il sistema finanziario, mutando sensibilmente e sostanzialmente il modo in cui le banche assumono,

Dettagli

DANTON INVESTMENT SA. Equilibrium. Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE

DANTON INVESTMENT SA. Equilibrium. Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE Equilibrium Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE 2 Gestioni Patrimoniali Computerizzate Grazie ai notevoli investimenti realizzati negli anni, la DANTON INVESTMENT SA può oggi vantare di possedere uno

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di interesse 2 Il rischio di tasso di interesse Il rischio di tasso di interesse può essere

Dettagli

APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE

APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE Per puntare sul recupero del dollaro, o per difendere investimenti in valuta da un ulteriore allungo dell euro, i risparmiatori italiani possono

Dettagli

Finanza Aziendale. Lezione 13. Introduzione al costo del capitale

Finanza Aziendale. Lezione 13. Introduzione al costo del capitale Finanza Aziendale Lezione 13 Introduzione al costo del capitale Scopo della lezione Applicare la teoria del CAPM alle scelte di finanza d azienda 2 Il rischio sistematico E originato dalle variabili macroeconomiche

Dettagli

Gli strumenti di base della Finanza

Gli strumenti di base della Finanza 27 Gli strumenti di base della Finanza ECONOMIA FINANZIARIA L Economia Finanziaria studia le decisioni degli individui sulla allocazione delle risorse e la gestione del rischio VALORE ATTUALE Con il termine

Dettagli

MULTICOMPARTO QUESTIONS & ANSWERS

MULTICOMPARTO QUESTIONS & ANSWERS MULTICOMPARTO QUESTIONS & ANSWERS 1 D1: Che cos è il multicomparto? Il multicomparto è la nuova offerta del fondo basata su più profili di gestione (comparti), che offre agli associati l opportunità di

Dettagli

Indice Banca IMI IMINext Reflex

Indice Banca IMI IMINext Reflex Indice Banca IMI Specialisti per la finanza... pag. 4 IMINext Una linea di prodotti di finanza personale... pag. 5 Reflex Un paniere ufficiale... pag. 6 I mercati a portata di mano... pag. 7 Una replica

Dettagli

LA DURATION E LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO OBBLIGAZIONARIO

LA DURATION E LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO OBBLIGAZIONARIO LA DURATION E LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO OBBLIGAZIONARIO FLAVIO ANGELINI Sommario. In queste note si vuole mostrare come la Duration venga utilizzata quale strumento per la gestione del portafoglio obbligazionario.

Dettagli

CONOSCERE L ASSICURAZIONE

CONOSCERE L ASSICURAZIONE CONOSCERE L ASSICURAZIONE VIDEO N.8 Investire i propri risparmi RISPARMIARE CON LE RIVALUTABILI Sono le polizze vita più tradizionali, adatte a chi cerca un rendimento costante nel tempo, e non vuole correre

Dettagli

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004 Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale c Carmine Trecroci 2004 1 Tassi di cambio a pronti e a termine transazioni con consegna o regolamento immediati tasso di cambio a pronti (SR, spot exchange

Dettagli

gruppo skema consulenza d azienda skema investment srl progetti di investimento Responsabile: Franco Bulgarini

gruppo skema consulenza d azienda skema investment srl progetti di investimento Responsabile: Franco Bulgarini gruppo skema consulenza d azienda skema investment srl progetti di investimento Responsabile: Franco Bulgarini vers 17092013 Questo documento è stato utilizzato come supporto ad una presentazione orale.

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Capitolo 10. Il mercato valutario. La strategia di copertura della Volkswagen

Capitolo 10. Il mercato valutario. La strategia di copertura della Volkswagen EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 10 Il mercato valutario La strategia di copertura della Volkswagen 10-3 La Volkswagen, il più grande produttore europeo di autovetture, ha comunicato una diminuzione

Dettagli

Il mercato dei cambi

Il mercato dei cambi Il mercato dei cambi 18 maggio 2009 Agenda Il mercato valutario Nozioni fondamentali Tassi di cambio Operazioni in cambi Cross rates Operatori del mercato Andamento del tasso di cambio 2 Nozioni fondamentali

Dettagli

Il concetto di elasticità della domanda rispetto al prezzo è di importanza cruciale per anticipare l esito di variazioni di prezzo (legate ad esempio

Il concetto di elasticità della domanda rispetto al prezzo è di importanza cruciale per anticipare l esito di variazioni di prezzo (legate ad esempio L elasticità Cap.4 L elasticità Fin ora abbiamo visto come domanda e offerta di un bene reagiscano a variazioni del prezzo del bene Sono state tutte considerazioni qualitative (direzione del cambiamento)

Dettagli

Gestione finanziaria dei beni conferiti al Trust

Gestione finanziaria dei beni conferiti al Trust Gestione finanziaria dei beni conferiti al Trust Paolo Vicentini 7 Marzo 2005 Avvertenze legali Questa presentazione ha carattere puramente informativo e non costituisce sollecitazione all investimento,

Dettagli

DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO

DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO Aggiornamento: giugno 2013 1 Dalla sua origine nel 1987 e fino al 31 dicembre 2008 il Fondo ha adottato un modello di gestione basato su una convenzione assicurativa, gestita

Dettagli

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Piano Economico Finanziario 2008 e previsioni anni 2009 e 2010 Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Indice Scenario & Previsioni PIANO ANNUALE 2008 1Fonti di finanziamento 2Impieghi 3Ricavi 4Costi

Dettagli

Can Modeling Help Deal with the Pension Funding Crisis?

Can Modeling Help Deal with the Pension Funding Crisis? Can Modeling Help Deal with the Pension Funding Crisis? Workshop CeRP L Operatività dei Fondi Pensione: Scelte dei Partecipanti e Scelte dei Gestori 30 Maggio 2005 Moncalieri Ing. Sergio Focardi, Partner

Dettagli

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Capitolo 15 Indice degli argomenti 1. Analisi dei rendimenti delle principali attività

Dettagli

P o r me m t e ei e a/ci s a Link Ist s ituti t ona n l a Ad A vi v so s ry

P o r me m t e ei e a/ci s a Link Ist s ituti t ona n l a Ad A vi v so s ry Prometeia/CI spa: La confrontabilità dei bilanci è necessaria quanto l adozione di criteri contabili in grado di esprimere equilibrio tra resilienza nei momenti di crisi e trasparenza. Se non c è autoregolamentazione

Dettagli

I TITOLI AZIONARI LE CATEGORIE DI AZIONI I PRINCIPI DI VALUTAZIONE E I DIVERSI MODELLI UTILIZZABILI CAPITOLO 13. Lezione 7 1

I TITOLI AZIONARI LE CATEGORIE DI AZIONI I PRINCIPI DI VALUTAZIONE E I DIVERSI MODELLI UTILIZZABILI CAPITOLO 13. Lezione 7 1 I TITOLI AZIONARI LE CATEGORIE DI AZIONI I PRINCIPI DI VALUTAZIONE E I DIVERSI MODELLI UTILIZZABILI CAPITOLO 13 1 PUNTI PRINCIPALI DELLA LEZIONE Le categorie di azioni Principi e modelli di valutazione

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

Stefano Gaspari Direttore Generale Mondo Hedge Hedge funds, private equity e fondi immobiliari: strategie vincenti per portafogli decorrelati

Stefano Gaspari Direttore Generale Mondo Hedge Hedge funds, private equity e fondi immobiliari: strategie vincenti per portafogli decorrelati Stefano Gaspari Direttore Generale Mondo Hedge Hedge funds, private equity e fondi immobiliari: strategie vincenti per portafogli decorrelati Milano, 12 aprile 2008 1 Uno sguardo sul mondo 2 L evoluzione

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

I Differenziali di rendimento

I Differenziali di rendimento I Differenziali di rendimento continuano ad orientare il mercato FX 14 Febbraio 2011 Durante la scorsa settimana abbiamo avuto un attività di trading favorevole sul Dollaro USA in quanto i differenziali

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini www.skema.it

skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini www.skema.it skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini www.skema.it vers.20042012 Questo documento è stato utilizzato come supporto ad una presentazione orale. Il contenuto non è

Dettagli

IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE.

IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE. IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE. Lezione 5 Castellanza, 17 Ottobre 2007 2 Summary Il costo del capitale La relazione rischio/rendimento

Dettagli

gestione patrimoniale Attiva, professionale e responsabile

gestione patrimoniale Attiva, professionale e responsabile gestione patrimoniale Attiva, professionale e responsabile chi siamo e da dove veniamo La Banca Migros apre i battenti nel 1958 come piccola banca senza pretese al 3 piano del palazzo Migros, sulla Limmatplatz

Dettagli

UniCredit Green. La giusta composizione di elementi chiave.

UniCredit Green. La giusta composizione di elementi chiave. UniCredit Green. La giusta composizione di elementi chiave. UniCredit Green è la nuova gestione di portafogli dedicata ai Clienti del Private Banking di UniCredit. Noi crediamo che Green sia una gestione

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

Data xx/xx/xxxx. Cliente: ESEMPIO/09/03/1. Piano di Intervento

Data xx/xx/xxxx. Cliente: ESEMPIO/09/03/1. Piano di Intervento Data xx/xx/xxxx Piano di Intervento Cliente: ESEMPIO/09/03/1 Gentile CLIENTE, Il presente elaborato è stato redatto sulla base di quanto emerso durante i nostri precedenti incontri e costituisce uno strumento

Dettagli

Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo

Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo Economia dei mercati mobiliari e finanziamenti di aziende Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo Gli stili di gestione Stile di gestione come espressione

Dettagli

Marketing Introduzione al marketing strategico

Marketing Introduzione al marketing strategico http://www.dimeg.poliba.it/kmlab Marketing Introduzione al marketing strategico Prof. Michele Gorgoglione m.gorgoglione@poliba.it Sommario Quattro definizioni di marketing 1. Concetti di base dal bisogno

Dettagli

La gestione degli investimenti

La gestione degli investimenti La gestione degli investimenti Un servizio personalizzato, professionale e trasparente. L investimento patrimoniale dovrebbe produrre il massimo rendimento possibile in base all evoluzione dei mercati

Dettagli

Come ottimizzare il rapporto rischio/rendimento

Come ottimizzare il rapporto rischio/rendimento Come ottimizzare il rapporto rischio/rendimento Quando si decide di investire, e non semplicemente di parcheggiare la propria liquidità, bisogna tener presente che non esistono investimenti completamente

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri

ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri IL TASSO DI CAMBIO Anno Accademico 2013-2014, I Semestre (Tratto da: Feenstra-Taylor: International Economics) Si propone, di seguito, una breve

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

Schroder ISF EURO Short Term Bond

Schroder ISF EURO Short Term Bond Pagina 1 Indice Review su mercato e fondo pag. 2 Il mercato Il fondo Cosa ci aspettiamo dal mercato e dal fondo pag. 3 Uno sguardo al mercato Le scelte strategiche I risultati di pag. 4 Descrizione del

Dettagli

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività.

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività. Glossario finanziario Asset Allocation Consiste nell'individuare classi di attività da inserire in portafoglio al fine di allocare in maniera ottimale le risorse finanziarie, dati l'orizzonte temporale

Dettagli

Note webinar Ponderazione per Beta in IB Risk Navigator

Note webinar Ponderazione per Beta in IB Risk Navigator Note webinar Ponderazione per Beta in IB Risk Navigator Panoramica Il nostro Risk Navigator è stato potenziato, accessibile all'interno di Trader Workstation, offre ora le metriche ponderate per il beta.

Dettagli

Cartella Stampa. Anno 2005 ~ 2004 ~ 2003 ~ 2003

Cartella Stampa. Anno 2005 ~ 2004 ~ 2003 ~ 2003 Cartella Stampa Anno 2005 ~ 2004 ~ 2003 ~ 2003 edizione : gennaio 2005 2 Sommario La società Storia e profilo I clienti in Italia La struttura organizzativa Le attività Risk management Asset allocation

Dettagli

PROMOTORI & CONSULENTI

PROMOTORI & CONSULENTI art PROMOTORI & CONSULENTI FONDI&SICAV Dicembre 2010 Federico Sella di Banca patrimoni Sella &c.: «Trasparenti e prudenti» Reclutamento I soldi non sono tutto Concentrazione Un mondo sempre più di grandi

Dettagli

È importante la struttura finanziaria?

È importante la struttura finanziaria? CAPITOLO 17 È importante la struttura finanziaria? Semplici PROBLEMI 1. Si noti che il valore di mercato di Copperhead supera di molto il suo valore contabile: Valore di mercato Azioni (8 milioni di azioni

Dettagli

OSSERVAZIONI PRINCIPALI

OSSERVAZIONI PRINCIPALI Roma, 3 novembre 2011 OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO CONSULTAZIONE SULLO SCHEMA DI REGOLAMENTO MINISTERIALE DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 7-BIS, COMMA 2, DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005, N. 252, RECANTE

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

Per investitori italiani. Presentazione degli ETF ishares

Per investitori italiani. Presentazione degli ETF ishares Per investitori italiani Presentazione degli ETF ishares Perché scegliere gli ETF? Vantaggi degli ETF Gli Exchange Traded Fund (ETF) hanno rivoluzionato il modo in cui gli investitori gestiscono il proprio

Dettagli

Macro Volatility. Marco Cora. settembre 2012

Macro Volatility. Marco Cora. settembre 2012 Macro Volatility Marco Cora settembre 2012 PERDITE E GUADAGNI Le crisi sono eventi con bassa probabilità e alto impatto - La loro relativa infrequenza non deve però portare a concludere che possano essere

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI

LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI Corso di Economia finanziaria LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI Dott.ssa Arianna Moschetti Sommario Cosa si intende per sistema finanziario Sistemi Bank o Market oriented Sistema

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale Domestic Svizzera. La sua soluzione individuale incentrata sulla Svizzera

Il mandato di gestione patrimoniale Domestic Svizzera. La sua soluzione individuale incentrata sulla Svizzera Il mandato di gestione patrimoniale Domestic Svizzera La sua soluzione individuale incentrata sulla Svizzera Il mandato LGT Domestic Svizzera una soluzione di investimento semplice e comprensibile L universo

Dettagli

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014 Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro Corso di Macroeconomia 2014 1. Assumete che = 10% e = 1. Usando la definizione di inflazione attesa

Dettagli

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 8 Ricerca del profitto e mano invisibile Mercati e motivazioni personali Non è dalla benevolenza del macellaio, del birraio, o del fornaio che ci aspettiamo il nostro desinare, ma dalla considerazione

Dettagli

Principi Guida per l Investimento Finanziario

Principi Guida per l Investimento Finanziario Principi Guida per l Investimento Finanziario Giovanna Nicodano Università di Torino e CeRP-Collegio Carlo Alberto I nostri risparmi seminario di Financial Education Biennale Democrazia, Torino, Aprile

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE FONDO PENSIONE APERTO CARIGE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati e le informazioni riportati sono aggiornati al 31 dicembre 2006. 1 di 8 La SGR è dotata di una funzione di Risk Management

Dettagli

di informazione asimmetrica:

di informazione asimmetrica: Informazione asimmetrica In tutti i modelli che abbiamo considerato finora abbiamo assunto (implicitamente) che tutti gli agenti condividessero la stessa informazione (completa o incompleta) a proposito

Dettagli

Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale

Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale Marianna Belloc 1 Approccio NATREX L approccio NATREX, dovuto a Stein (1990, 1999) e basato, come il precedente, su agenti intertemporalmente

Dettagli

Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi.

Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi. ANALISI DEGLI INVESTIMENTI Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi. Come un comodo abito ogni investimento deve essere fatto su misura.

Dettagli

La gestione del rischio di interesse e di mercato. Giuseppe Squeo

La gestione del rischio di interesse e di mercato. Giuseppe Squeo La gestione del rischio di interesse e di mercato Giuseppe Squeo 1 Il rischio di interesse: modalità esposizione Le modalità di esposizione al rischio di interesse sono: rischio di riprezzamento, quando

Dettagli

Gestione dei rischi PROGRAMMA. 1) Nozioni di base di finanza aziendale. 2) Opzioni. 3) Valutazione delle aziende. 4) Rischio di credito

Gestione dei rischi PROGRAMMA. 1) Nozioni di base di finanza aziendale. 2) Opzioni. 3) Valutazione delle aziende. 4) Rischio di credito PROGRAMMA 1) Nozioni di base di finanza aziendale 2) Opzioni 3) Valutazione delle aziende 4) Rischio di credito Gestione dei rischi 5) Risk management 6) Temi speciali di finanza aziendale Argomenti trattati

Dettagli

Aspettative, consumo e investimento

Aspettative, consumo e investimento Aspettative, consumo e investimento In questa lezione: Studiamo come le aspettative di reddito e ricchezza futuro determinano le decisioni di consumo e investimento degli individui. Studiamo cosa determina

Dettagli

L azionario vince sempre nel lungo periodo?

L azionario vince sempre nel lungo periodo? 1 L azionario vince sempre nel lungo periodo? Redatto il 03/08/2007 Introduzione Spesso accade di ascoltare la celebre ed inflazionata massima secondo la quale l azionario vince sempre nel lungo periodo.

Dettagli

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e

Dettagli

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller.

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. Contenuti L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA (7) Esistono quindi delle imperfezioni dei mercati. Le imperfezioni dei mercati

Dettagli

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6)

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6) Schema 1 Gruppo di Prodotti/servizi Contributo alle vendite (percentuale) Contributo al profitto (percentuale) Attrattività del cliente (da1 a 6) Attrattività dei fornitori (da1 a 6) Attrattività della

Dettagli

AREA DI CORE BUSINESS PATRIMONIO

AREA DI CORE BUSINESS PATRIMONIO AREA DI CORE BUSINESS PATRIMONIO 59 60 Nell ambito degli Investimenti Patrimoniali, si illustrano qui di seguito le linee programmatiche che la Fondazione intende perseguire nel corso del prossimo esercizio,

Dettagli

Verso il multicomparto

Verso il multicomparto Verso il multicomparto Guida alla scelta della linea di investimento più adatta Il Fondo Pensione per il personale della Deutsche Bank Spa è prossimo al passaggio al multicomparto. I risparmi saranno immessi

Dettagli

18 novembre 2014. La costruzione di un portafoglio Fulvio Martina

18 novembre 2014. La costruzione di un portafoglio Fulvio Martina 18 novembre 2014 La costruzione di un portafoglio Fulvio Martina Costruire un portafoglio? REGOLE BASE IDENTIFICARE GLI OBIETTIVI INVESTIMENTO E RISCHIO IDONEO ORIZZONTE TEMPORALE Asset allocation Diversificazione

Dettagli

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo.

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo. LEZIONE 4 Il Capital Asset Pricing Model 1 Generalità 1 Generalità (1) Il Capital Asset Pricing Model è un modello di equilibrio dei mercati che consente di individuare una precisa relazione tra rendimento

Dettagli

Obiettivi aziendali e compiti della finanza

Obiettivi aziendali e compiti della finanza Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Obiettivi aziendali e compiti della finanza Capitolo 1 Indice degli argomenti 1. Creazione di valore come idea guida 2. L impresa come

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Richiami di teoria della domanda di moneta

Richiami di teoria della domanda di moneta Richiami di teoria della domanda di moneta Parte seconda La teoria della preferenza della liquidità di Keynes Keynes distingue tre moventi principali per cui si detiene moneta. Transattivo Precauzionale

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

2014 : Fondi o Etf? Mono o multimarca?

2014 : Fondi o Etf? Mono o multimarca? 2014 : Fondi o Etf? Mono o multimarca? Venerdì 29 novembre 2013 In questo Diario di Bordo parliamo in sintesi: MERCATO OBBLIGAZIONARIO. MEGLIO FONDI O ETF? MEGLIO OPERARE CON UNA SOLA SOCIETA DI GESTIONE

Dettagli

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro.

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Henry Hansmann Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Prima di tutto è bene iniziare da una distinzione

Dettagli

Corso di Economia Applicata

Corso di Economia Applicata Corso di Economia Applicata a.a. 2007-08 II modulo 12 Lezione Asimmetrie informative e Adverse Selection Soluzioni per l Adverse Selection? selezione (screening ) segnalazione razionamento le soluzioni

Dettagli

L Europa è un economia aperta

L Europa è un economia aperta L economia aperta L Europa è un economia aperta Un sistema macroeconomico si dice aperto quando le transazioni internazionali hanno un ruolo rilevante. Il grado di apertura di un paese è generalmente misurato

Dettagli

Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico?

Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico? Davide Natale Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico? 1) Perché il mercato fallisce? Il mercato fallisce prevalentemente a causa della presenza di tre fenomeni, che

Dettagli

COSTRUISCI CON BLACKROCK IL GESTORE DI FIDUCIA DI MILIONI DI INVESTITORI AL MONDO

COSTRUISCI CON BLACKROCK IL GESTORE DI FIDUCIA DI MILIONI DI INVESTITORI AL MONDO COSTRUISCI CON BLACKROCK IL GESTORE DI FIDUCIA DI MILIONI DI INVESTITORI AL MONDO COSTRUISCI CON BLACKROCK In un universo degli investimenti sempre più complesso, il nostro obiettivo rimane invariato:

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

UN FONDO, TRE SEMPLICI MODI PER INVESTIRE

UN FONDO, TRE SEMPLICI MODI PER INVESTIRE AD USO ESCLUSIVO DEI CLIENTI PROFESSIONALI E DEGLI INVESTITORI QUALIFICATI UN FONDO, TRE SEMPLICI MODI PER INVESTIRE BLACKROCK GLOBAL FUNDS (BGF) GLOBAL MULTI-ASSET INCOME FUND Un fondo, tre possibili

Dettagli

MERRILL LYNCH GLOBAL WEALTH MANAGEMENT E CAPGEMINI PRESENTANO LA 15ª EDIZIONE DEL WORLD WEALTH REPORT, IL RAPPORTO ANNUALE SULLA RICCHEZZA NEL MONDO

MERRILL LYNCH GLOBAL WEALTH MANAGEMENT E CAPGEMINI PRESENTANO LA 15ª EDIZIONE DEL WORLD WEALTH REPORT, IL RAPPORTO ANNUALE SULLA RICCHEZZA NEL MONDO Merrill Lynch: Brunswick Ana Iris Reece Gonzalez aireece@brunswickgroup.com Natasha Aleksandrov naleksandrov@brunswickgroup.com +39 02 92 886200 / 03 Capgemini: Community - consulenza nella comunicazione

Dettagli

La rilevanza del risk management nella gestione d impresa. Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope

La rilevanza del risk management nella gestione d impresa. Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope La rilevanza del risk management nella gestione d impresa Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope Le nozioni alternative di rischio L approccio tradizionale-assicurativo: il rischio

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

Entusiasmo? «Ho voce in capitolo sul mio denaro.» Helvetia Piano di garanzia. Ottimizzare garanzia e rendimento in modo individuale.

Entusiasmo? «Ho voce in capitolo sul mio denaro.» Helvetia Piano di garanzia. Ottimizzare garanzia e rendimento in modo individuale. Entusiasmo? «Ho voce in capitolo sul mio denaro.» Helvetia Piano di garanzia. Ottimizzare garanzia e rendimento in modo individuale. La Sua Assicurazione svizzera. Ecco come funziona le garanzie. Costruire

Dettagli

MD 9. La macroeconomia delle economie aperte. UD 9.1. Macroeconomia delle economie aperte

MD 9. La macroeconomia delle economie aperte. UD 9.1. Macroeconomia delle economie aperte MD 9. La macroeconomia delle economie aperte In questo modulo, costituito da due Unità, ci occuperemo di analizzare il funzionamento delle economie aperte, ossia degli scambi a livello internazionale.

Dettagli

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale IFFI 10 edizione VALORIZZARE L IMPRESA E ATTRARRE GLI INVESTITORI La liquidità dei mercati finanziari per lo sviluppo delle imprese Le scelte per la media impresa tra debito e capitale MILANO, 11 Novembre

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28 Partecipazioni in società collegate SOMMARIO Paragrafi Ambito di applicazione 1 Definizioni 2-12 Influenza notevole 6-10 Metodo del patrimonio netto 11-12 Applicazione

Dettagli

Pianificare il futuro

Pianificare il futuro Pianificare il futuro THINK private. Linea Planning Banca Fideuram Banca Fideuram è uno dei principali protagonisti del private banking in Europa, con oltre 50 miliardi di euro di attività in gestione.

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

La situazione dell investitore è chiaramente scomoda e occorre muoversi su due fronti:

La situazione dell investitore è chiaramente scomoda e occorre muoversi su due fronti: Analisti e strategisti di mercato amano interpretare le dinamiche dei mercati azionari in termini di fasi orso, fasi toro, cercando una chiave interpretativa dei mercati, a dimostrazione che i prezzi non

Dettagli