GUIDA TECNICA INDICE. pagina

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA TECNICA INDICE. pagina"

Transcript

1 GUIDA TECNICA INDICE Norme di riferimento 2 Classificazione 2 o Grado di protezione IP 2 o Grado di protezione meccanica IK 5 o La protezione contro gli effetti termici 5 o La protezione contro gli incendi 6 o La protezione contro le ustioni 7 o Resistenza al fuoco ed al calore anormale 7 o L'infiammabilità del piano d'appoggio 8 o La protezione contro la scossa elettrica 8 o Il comportamento degli agenti chimici 10 Le norme 11 Dichiarazioni di conformità, certificati, marchi 13 pagina Guida Tecnica Edizione 2004 pagina 1di 15

2 1.0 - Norme di riferimento Gli standard dimensionali e prestazionali dei nostri prodotti sono unificati a livello internazionale e recepiti dalla normativa europea ed italiana: IEC CEI EN CEI Apparecchi di illuminazione - Parte 1: Prescrizioni generali e prove IEC CEI EN CEI 34-21/2 Apparecchi d'illuminazione - Parte 2: Prescrizioni particolari - Apparecchi fissi per uso generale Specifica le prescrizioni per gli apparecchi d'illuminazione fissi per uso generale che impiegano lampade ad incandescenza, lampade fluorescenti ed altri tipi di lampade a scarica, alimentati con tensione non superiore a 1000 V La classificazione Grado di protezione IP Per garantire la sicurezza d'esercizio, i corpi illuminanti devono essere protetti contro la penetrazione di polvere, corpi solidi e di liquidi. La norma CEI EN permette di indicare attraverso il codice IP gradi di protezione previsti per le apparecchiature elettriche contro l'accesso alle parti in tensione e contro la penetrazione dell'acqua e dei corpi solidi estranei. Questa norma non considera la protezione contro i rischi d'esplosione o contro situazioni ambientali come l'umidità, i vapori corrosivi, le muffe o gli insetti. Il codice IP (Increased Protection= Protezione aumentata) è composto da 2 cifre caratteristiche e può essere esteso con una lettera addizionale nel caso in cui la protezione delle persone contro l'accesso alle parti in tensione risulti essere superiore a quella indicata dalla prima cifra. Altre lettere supplementari consentono di fornire indicazioni supplementari per la protezione delle persone o del materiale. Osservazioni Il grado di protezione IP deve sempre essere letto cifra per cifra e non globalmente. Per esempio un involucro con grado di protezione IP31 è adatto in un ambiente che esige un grado di protezione minimo IP21. In questo caso non può essere utilizzato un apparecchio con involucro con grado di protezione IP30. In generale, i gradi di protezione indicati dai costruttori sono validi alle condizioni previste dai cataloghi. Tuttavia, soltanto il montaggio, l'installazione e la manutenzione effettuati secondo le regole dell'arte garantiscono il mantenimento del grado di protezione originale. Guida Tecnica Edizione 2004 pagina 2di 15

3 Protezione contro l'ingresso di corpi estranei e contro l'accesso a parti pericolose 1 cifra Descrizione 0 Nessuna protezione 1 Protetto contro i corpi solidi di dimensioni superiori a 5 mm Non devono poter penetrare parti del corpo umano, per esempio una mano, o corpi solidi di dimensioni superiori a 50 mm di diametro. 2 Protetto contro i corpi solidi di dimensioni superiori a 12 mm Non devono poter penetrare le dita od oggetti analoghi di lunghezza non eccedente gli 80 mm o corpi solidi di diametro superiore a 12 mm. 3 Protetto contro i corpi solidi di dimensioni superiori a 2,5 mm Non devono poter penetrare fili di diametro o spessore superiore a 2,5 mm o corpi solidi di diametro superiore a 2,5 mm 4 Protetto contro i corpi solidi di dimensioni superiori a 1,0 mm Non devono poter penetrare fili o piattine di diametro o spessore superiore a 1mm o corpi solidi di diametro superiore a 1mm 5 Protetto contro la polvere La penetrazione di polvere non è totalmente esclusa ma il quantitativo penetrato non è tale da nuocere al buon funzionamento del materiale. 6 Totalmente protetto contro la povere Non è ammessa alcuna penetrazione di polvere Guida Tecnica Edizione 2004 pagina 3di 15

4 Protezione contro la penetrazione dell acqua 2 cifra Descrizione 0 Nessuna protezione 1 2 Protetto contro la caduta verticale di gocce d'acqua Protetto contro la caduta d'acqua con inclinazione massima di 15 Le gocce d'acqua che cadono verticalmente non devono causare effetti dannosi, Le gocce d'acqua che cadono verticalmente non devono causare effetti dannosi quando l'involucro è inclinato di qualsiasi angolo sino a 15 rispetto alla sua posizione originaria. 3 Protetto contro la pioggia L'acqua che cade a pioggia con una direzione facente con la verticale un angolo fino a 60 non deve provocare effetti dannosi. 4 Protetto contro gli spruzzi d'acqua L'acqua proiettata con un ugello sull'involucro da tutte le direzioni non deve provocare effetti dannosi. 5 Protetto contro i getti d'acqua L'acqua proiettata con un ugello sull'involucro da tutte le direzioni non deve provocare effetti dannosi 6 Protetto contro i getti d'acqua potenti Nel caso di ondate o di getti potenti l'acqua non deve penetrare negli involucri in quantità dannosa. 7 Protetto contro gli effetti dell'immersione temporanea Non deve essere possibile la penetrazione di acqua in quantità dannosa all'interno dell'involucro immerso in condizioni determinate di pressione e durata. 8 Protetto contro gli effetti dell'immersione continua Il materiale è idoneo essere sommerso in acqua nelle condizioni specificate dal costruttore. Guida Tecnica Edizione 2004 pagina 4di 15

5 2.2 - Grado di protezione meccanica La norma CEI EN definisce il grado di protezione contro gli impatti meccanici, caratterizzandolo con le lettere IK seguite da un valore numerico. La tabella seguente illustra i valori di impatto in joule rappresentati da ogni indice Codice IK Energia di impatto in Joule 00 non protetto 01 0, ,2 03 0, ,5 05 0, La protezione contro gli effetti termici Il capitolo 42 delle Norma CEI 64-8 tratta delle misure di protezione che debbono essere messe in atto ai fini di proteggere le persone, i componenti elettrici fissi ed i materiali fissi, non facenti parte dell'impianto elettrico, posti in vicinanza di componenti elettrici, contro gli effetti dannosi del calore sviluppato dai componenti elettrici o contro gli effetti dell'irraggiamento termico, in particolare per quanto riguarda: la combustione o i deterioramento di materiali il rischio di ustioni la riduzione della sicurezza di funzionamento dei componenti elettrici installati. Guida Tecnica Edizione 2004 pagina 5di 15

6 2.4 - La protezione contro gli incendi I criteri riguardanti il pericolo di innesco o di propagazione di incendi, per la scelta e prove di comportamento dei componenti elettrici sono specificate nelle Norme CEI relative ai diversi componenti. In assenza di queste Norme, al paragrafo 422 della Norma CEI 64-8 vengono indicati i criteri di prova da adottare per i componenti elettrici costruiti con materiali isolanti. In particolare, in funzione delle diverse condizioni d impiego dei componenti elettrici vengono proposti i livelli minimi di resistenza al riscaldamento in funzionamento ordinario e nelle fasi di installazione mediante la prova in stufa e la verifica dell'attitudine a non innescare incendi in caso di riscaldamento eccessivo dovuto a guasti mediante la prova del filo incandescente (Glow wire test) secondo la Pubblicazione IEC La tabella 1 sotto riportata propone questi criteri di prova mentre di seguito sono illustrati i metodi di prova normalmente utilizzati nelle diverse normative per la verifica del comportamento al fuoco dei diversi componenti realizzati in materiale organico Metodo del filo incandescente (Glow wire test) Secondo norme IEC e CEI Scopo delle prova Condizioni di prova Risultati della prova Simulare le sollecitazioni termiche che possono essere prodotte dalle sorgenti di calore e di accensione (elementi incandescenti o resistori sovraccaricati per brevi periodi) in modo da valutare il pericolo di innesco incendio. Sorgente di calore: filo incandescente di 4 mm i diametro. Temperature di prova: 650 C C - 850àC C Durata della prova Applicazione del filo per 30 s. Elementi caratteristici Tempo di spegnimento della fiamma L'eventuale manifestazione della fiamma deve cessare entro 20 s dalla rimozione del filo La carta velina posta sotto l'esemplare non deve incendiarsi a causa dell'eventuale caduta di gocce incendiate Metodo di Prova di fiamma con ago Secondo norme IEC e CEI 89-1 Scopo delle prova Condizioni di prova Risultati della prova Simulare l'effetto di piccole fiamme che possono manifestarsi per condizioni di guasto all'interno dei prodotti al fine di valutarne il rischio di incendio Sorgente di calore: fiamma a becco di Bunsen Durata della prova Applicazione della fiamma per tempi variabili secondo norme specifiche: (Ta) s Elementi caratteristici Tempo di applicazione della fiamma L'esemplare non si incendia La fiamma e le particelle incandescenti non propagano l'incendio La durata della combustione è inferiore a 30 s dalla rimozione della fiamma del becco Bunsen Guida Tecnica Edizione 2004 pagina 6di 15

7 Metodo UL - Underwriter' Laboratories Secondo UL 94 Scopo delle prova Condizioni di prova Risultati della prova Fornire una classificazione del comportamento dei diversi materiali a seguito dell'applicazione della fiamma di un becco Bunsen Sorgente di calore: fiamma a becco di Bunsen Durata della prova Applicazione della fiamma per 10 s per due volte consecutive Elementi caratteristici Durata della combustione V0 se il provino brucia in media meno di 5 s prima di autoestinguersi V1 se brucia in media meno di 25 s V2 se brucia in media meno di 25 s con gocciolature incandescenti HB se brucia per un tempo superiore a 25 s (provino orizz. e velocità di combustione inferiore a 38 mm al minuto. Prova assimilabile a ASTM D Protezione contro le ustioni Anche i limiti di temperatura delle parti accessibili dei componenti elettrici ai fini del rischio di ustione per le persone, sono sempre regolamentati dalle rispettive norme di riferimento. In assenza di queste il paragrafo 423 della Norma CEI 64-8 stabilisce i limiti di temperatura nel funzionamento ordinario per tutte le parti accessibili di componenti elettrici (vedi tabella 2). Qualora esistessero parti di impianto che, in funzionamento ordinario e anche se per brevi periodi, possono raggiungere temperature superiori ai limiti indicati in questa tabella, esse devono essere protette con involucri o barriere tali da assicurare almeno il grado di protezione IPXXB Resistenza al fuoco ed al calore anormale Per tutti i nostri prodotti viene specificato il grado di resistenza al fuoco ed al calore anormale espresso secondo le Norme IEC e CEI che prevede la prova del filo incandescente ( Glow-Wire Test). Guida Tecnica Edizione 2004 pagina 7di 15

8 2.7 - Classificazione secondo l'infiammabilità del piano d'appoggio Gli apparecchi d'illuminazione sono apparecchiature elettriche che trasformano in calore il 60-90% dell'energia assorbita. Per questa ragione, nella scelta delle sorgenti luminosi occorre saper tener conto del loro effetto sull'ambiente circostante e sulle superfici di fissaggio, in modo da poter escluder pericoli d'incendio a causa di un'installazione o di un montaggio inadeguato. Occorre pertanto tener conto dei diversi fattori: posizione dell'apparecchio infiammabilità dell'ambiente e della superficie di fissaggio distanze minime dai materiali infiammabili. Tutte le nostre plafoniere sono classificate secondo il montaggio diretto su superfici normalmente infiammabili oppure non infiammabili, nel modo seguente : Apparecchi con marchio F Possono essere installati su superfici normalmente infiammabili in quanto costruiti in modo tale che sulla superficie del piano di appoggio non si sviluppino temperature superiori a 130 C in esercizio e superiori a 180 C in caso di guasto al reattore. Apparecchi con marchio FF Presentano temperature di superficie limitate in quanto soggetti a depositi di materiali facilmente infiammabili come polvere o fibre, e quindi non debbono superare i 95 C nel normale esercizio e i 115 C in caso di guasto al reattore. Apparecchi con marchio M Sono destinati all'incasso in mobili e quindi costruiti in modo tale da non poter causare l'incendio di materiali normalmente infiammabili come il legno, neanche in caso di guasto al reattore. I loro elementi possono essere rivestiti, impiallaciati o verniciati. Apparecchi con marchio MM Destinati all'incasso in mobili realizzati con materiali di cui non si conosce l'infiammabilità. Sono costruiti in modo tale che durante l'esercizio nessuna superficie critica superi i 95 C o i 115 C nel caso di guasto al reattore ad un valore di tensione superiore del 10% di quello nominale Classificazione secondo il tipo di protezione contro la scossa elettrica Tutte le lampade Lombardo sono previste, a seconda del posizionamento, in classi di protezione che consentono di indicare il tipo di isolamento necessario per assicurare la protezione contro la scossa elettrica. Apparecchi di classe di protezione 0 Apparecchio nel quale la protezione contro la scossa elettrica si basa sull'isolamento fondamentale; ciò implica che non sia previsto alcun dispositivo per il collegamento delle parti conduttrici accessibili, eventualmente presenti, ad un conduttore di protezione ( messa a terra) facente parte dello impianto elettrico fisso; in caso di guasto all'isolamento fondamentale la protezione rimane affidata all'ambiente che circonda l'apparecchio. Guida Tecnica Edizione 2004 pagina 8di 15

9 Apparecchi di classe di protezione I Apparecchio nel quale la protezione contro la scossa elettrica non si basa unicamente sull'isolamento fondamentale, ma anche su una misura di sicurezza supplementare costituita dal collegamento delle parti conduttrici accessibili ad un conduttore di protezione ( messa a terra) facente parte dello impianto elettrico fisso, in modo tale che le parti conduttrici accessibili non possano diventare pericolose in caso di guasto all'isolamento fondamentale. Apparecchi di classe di protezione II Apparecchio nel quale la protezione contro la scossa elettrica non si basa unicamente sull'isolamento fondamentale, ma anche su misure supplementari di sicurezza costituite dal doppio isolamento o dall'isolamento rinforzato. Queste misure non comportano dispositivi per la messa a terra e non dipendono dalle condizioni d'installazione. Apparecchi di classe di protezione III Apparecchio nel quale la protezione contro la scossa elettrica si basa sull'alimentazione a bassissima tensione di sicurezza ( 50 V max) ed in cui non si producono tensioni superiori alla stessa. Definizioni Isolamento fondamentale isolamento delle parti in tensione necessario per assicurare la protezione contro la scossa elettrica. Isolamento supplementare isolamento indipendente previsto in aggiunta a quello fondamentale per assicurare la protezione contro la scossa elettrica in caso di guasto all'isolamento fondamentale. Doppio isolamento Isolamento comprendente sia l'isolamento fondamentale che l'isolamento supplementare Guida Tecnica Edizione 2004 pagina 9di 15

10 2.9 - Comportamento agli agenti chimici Qualsiasi materiale utilizzato per la realizzazione di componenti d'installazione offre resistenze differenti agli agenti chimici con cui possono entrare in contatto. Al fine di evitare molti inconvenienti può essere utile informarsi sempre, già durante la fase di progettazione, delle condizioni degli ambienti in cui le lampada saranno installate, tenendo in particolare conto: I materiali che compongono la lampada, che possono essere diversissimi a seconda della funzione che debbono assolvere(armatura, riflettore, guarnizioni, chiusure, entrata cavi, ecc.) Le applicazioni, molte delle quali per loro natura possono presentare ambienti corrosivi per i materiali : o industria chimica e petrolifera o industria alimentare (caseifici, latterie, macellerie,birrerie, ecc.) o agricoltura o industria del pesce o cucine industriali o impianti di lavaggio o industrie ed officine con forte impiego di lubrificanti I composti chimici presenti nell'ambiente e da definire attentamente con i diversi responsabili La saturazione delle sostanze chimiche presenti La temperatura ambiente che, in funzione delle tipo e della saturazione delle sostanze, può contribuire a determinare reazioni chimiche.. Guida Tecnica Edizione 2004 pagina 10di 15

11 3.0 - Le norme La funzione Le norme mondiali La Norma è un insieme di regole tecniche che garantiscono la sicurezza e le prestazioni di un prodotto perché possa ritenersi sicuro. Essa rappresenta un buon utensile contrattuale tra Costruttore ed Acquirente per parlare lo stesso linguaggio, per fissare i livelli di prestazione del prodotto e definire le relative prove. Il primo e più importante riconoscimento giuridico della legislazione italiana alle norme, tuttora riconosciuto, è la Legge 186 del 1968 in cui si afferma che la rispondenza alle norme CEI è indice di presunzione di conformità "alla buona regola dell'arte". La regola dell'arte non necessariamente si identifica con la Norma CEI; si possono utilizzare altre norme (IEC, UL, ecc) o trovare soluzioni diverse da quelle previste dalle Norme purché il costruttore garantisca un livello di sicurezza e prestazioni costruttive altrettanto valide. Non è quindi strettamente obbligatorio costruire un apparecchio o realizzare un impianto in conformità alle Norme ma si può affermare che è senz'altro " opportuno, conveniente e comodo". Le norme mondiali di maggiore importanza ed applicazione sono: IEC : norme internazionali UL : norme americane CSA: norme canadesi JIS : norme giapponesi Le norme internazionali IEC La Commissione Elettrotecnica Internazionale (IEC), fondata nel 1906, ha come scopo principale quello di favorire la cooperazione internazionale in materia di normalizzazione nel campo elettrico. I suoi obiettivi principali sono quelli di: migliorare la sicurezza delle persone; valutare la qualità dei prodotti e dei servizi; contribuire alla protezione dell'ambiente. La IEC pubblica una serie di norme approvate a livello internazionale in previsione di una loro utilizzazione in tutto il mondo e più di 100 paesi le adottano e seguono le loro prescrizioni. La IEC garantisce che le norme assicurano la compatibilità e l'intercambiabilità dei prodotti ai sistemi ed agli impianti elettrici ed elettronici. La IEC copre tutto il campo l'elettrotecnica che comprende l'elettronica, l'elettromagnetismo, le fibre ottiche e l'elettroacustica e tutti gli argomenti annessi come la terminologia, i simboli, la metrologia, la sicurezza, la durevolezza e l'attitudine al funzionamento. La IEC è formata dai vari Comitati Nazionali che rappresentano una cinquantina di paesi di tutto il mondo i quali portano i loro contributi alla preparazione della norma ed esprimono il loro voto (positivo o negativo) per l'accettazione. Il lavoro tecnico e la ricerca del consenso per l'approvazione delle norme internazionali viene fatto sulla partecipazione volontaria delle persone dei paesi membri ai Comitati Tecnici. Ciascun Comitato o Sottocomitato è responsabile delle norme per il proprio settore. Guida Tecnica Edizione 2004 pagina 11di 15

12 Come una norma internazionale diventa norma nazionale Dal 1 luglio 1987, data di entrata in vigore dell'atto Unico Europeo, le diverse normative nazionali hanno dovuto armonizzarsi al fine di non determinare svantaggi concorrenziali nell'ambito del mercato unico. Nell'ambito del settore elettrotecnico è stato istituito il Comité Européen de Normalisation ELECtrotechnique (CENELEC) con lo scopo di definire le norme europee concordando anche un marchio unitario che, in futuro, potrà essere utilizzato al posto dei diversi marchi nazionali. Come una norma internazionale diventa oggi norma nazionale: Esistono 3 possibilità: le normativa internazionale IEC viene recepita tale e quale a livello europeo. norme specifiche vengono elaborate dal CENELEC o dal CEI (Comitato Elettrotecnico Italiano) le norme europee o nazionali vengono elaborate sulla base di norme internazionali IEC : IEC + specifiche europee = EN EN senza modifiche = CEI Guida Tecnica Edizione 2004 pagina 12di 15

13 4.0 - Dichiarazioni di conformità, certificati e marchi ll costruttore deve dimostrare la rispondenza dei sui prodotti ai requisiti previsti dalle norme in termini di sicurezza e di prestazioni eseguendo le prove. E' possibile assicurare la presunzione di conformità alle norme mediante le seguenti procedure: con una dichiarazione di conformità stabilita dal costruttore, e nel caso occorra, accompagnata da una certificazione del sistema di qualità. I documenti ufficiali del costruttore (cataloghi, guide, fogli di istruzione, ecc.) possono rappresentare una dichiarazione di conformità. In caso di contestazione, il costruttore deve comprovare la veridicità di quanto ha dichiarato sui suoi apparecchi mediante rapporti di prova, disegni costruttivi, rapporti di qualità, ecc. La dichiarazione di conformità ricade sotto la sola responsabilità del costruttore. mediante un certificato di prova o un certificato di conformità rilasciato da un ente terzo (laboratorio riconosciuto). Nel primo caso lo specifico esemplare del prodotto è provato con le prove richieste dal costruttore e se ha superato con successo una o più prove previste viene rilasciato il certificato di prova. nel caso in cui si voglia la conformità del prodotto alla norma, il laboratorio effettua tutte le prove di tipo previste dalla norma e dopo aver riconosciuto il prodotto dai suoi disegni viene rilasciato il marchio sul prodotto stesso ( marchio IMQ, marchio UL, ecc.). Il marchio garantisce anche la rispondenza di tutta la produzione. Rispondenza alle Direttive CEE Le direttive europee ( leggi della Comunità Europea) fissano degli obbiettivi, chiamati requisiti essenziali di sicurezza, ed al costruttore spetta poi l'obbligo di rispettali. Uno dei mezzi per rispondere alle direttive è quello di applicare le norme armonizzate di riferimento che sono pubblicate sulla gazzetta ufficiale della comunità europea. Le principali direttive europee che riguardano il settore dell'illuminazione sono: La Direttiva Bassa Tensione (BT) : Dir. 73/23/CEE recepita con la Legge del 18/10/77 n.791 e modificata dalla Dir. 93/68/CEE, si applica a tutto il materiale elettrico compreso nel campo di tensione tra 50 e 1000V c.a. e tra 75 e 1500 V c.c.. E' obbligatoria dal 1 Gennaio 97 La Direttiva Compatibilità Elettromagnetica (EMC) : Dir.89/336/CEE recepita con D.L. del 04/12/92 n.476 e modificata dalla Dir. 93/68/CEE, riguarda le apparecchiature che possono creare delle perturbazioni elettromagnetiche o il cui funzionamento può venire influenzato da queste perturbazioni. E' obbligatoria dal Per ciascun prodotto, o famiglia di prodotti il costruttore o il suo rappresentante nella comunità europea, sotto la propria responsabilità, deve redigere una dichiarazione di conformità e preparare il fascicolo tecnico. Entrambe sono destinate esclusivamente agli organismi nazionali di controllo ( dogane, ministeri, ispettori, ecc.). Il rispetto delle direttive europee( ed anche delle leggi italiane che le hanno recepite), impone infine l'apposizione della "marcatura CE": Guida Tecnica Edizione 2004 pagina 13di 15

14 La marcatura CE CE è una marcatura obbligatoria che attesta la rispondenza del prodotto ai requisiti essenziali di sicurezza richiesti dalle direttive comunitarie applicabili al prodotto in questione CE è la condizione necessaria per l'immissione dei prodotti sul mercato e la loro libera circolazione all'intero della comunità europea. CE è una marcatura amministrativa destinata alle autorità e non al cittadino CE non indica la conformità alla norma e non è in alcun caso una garanzia di sicurezza di qualità e di funzionamento del prodotto. Viceversa, se il prodotto è a norma sicuramente risponde anche alle direttive. CE è una marcatura che và posta sul prodotto e/o sull'imballaggio e/o sulle avvertenza d'uso che accompagnano il prodotto stesso. La marcatura CE di conformità è costituita dalle iniziali "CE" secondo il simbolo grafico accanto. In caso di riduzione o di ingrandimento della marcatura CE devono essere rispettate le proporzioni indicate dal simbolo graduato illustrato. I diversi elementi della marcatura devono avere essenzialmente la stessa dimensione verticale, che non può essere inferiore a 5 mm. Il marchio ENEC (European Norms Electrical Certification) Dal 1993 gli apparecchi di illuminazione possono circolare in tutta Europa con il marchio ENEC (European Norms Electrical Certification),il quale certifica che un prodotto è conforme alle norme EN ENEC Marchio europeo di certificazione, istituito nell'ambito del CENELEC (Comitato Europeodi Normazione Elettrotecnica), dagli Organism ieuropei di Certificazione Elettrica che hanno aderito ad un accordo denominato 'Lum Agreement' per un mutuo riconoscimento di un unico marchio 'ENEC' equivalente ai singoli marchi degli Organismi aderenti. Aderiscono all'accordo gli Organismi di Certificazione dei seguenti Paesi: Spagna - Belgio - Italia - Portogallo - Olanda- Irlanda - Lussenburgo - Francia - Grecia - Germania - Austria - Regno Unito - Svizzera -Svezia - Danimarca - Finlandia - Norvegia - Ungheria - Repubblica Ceca - Slovenia.Possono richiedere l'autorizzazione all'uso del marchio ENEC i costruttori di Apparecchi di illuminazione, Alimentatori, Accenditori, Starter, Condensatori di rifasamento, Portalampade e Portastarter. Il marchio ENEC viene rilasciato da uno qualsiasi degli Organismi certificatori firmatari dell'accordo ed è riconosciuto automaticamente da tutti gli altri Organismi. A fianco del marchio ENEC viene comunque posto un numero che identifica l'organismo che ha rilasciato la certificazione. Il marchio ENEC si basa sull'applicazione dei quattro principi qui di seguito riportati: La certificazione viene rilasciata solamente sulla base di Norme Europee armonizzate EN : Norme EN relative agli apparecchi di illuminazione. Il fabbricante deve avere un Sistema di Qualità in conformità alle Norme UNI EN ISO Il marchio è concesso in maniera indipendente da un Organismo neutro. Il prodotto è sottoposto a sorveglianza nella sua fase produttiva da parte dell'organismo che ha rilasciato il Certificato di Approvazione. Guida Tecnica Edizione 2004 pagina 14di 15

15 Il marchio ENEC dunque è un marchio Europeo di certificazione ad alto valore tecnico basato su dei severi criteri di concessione. Questo marchio offre all'acquirente e all'utilizzatore finale la massima garanzia per quanto riguarda le procedure applicate nella produzione dei prodotti. In ogni Paese si differenzia per un numero di Serie differente. Viene riportata di seguito una tabella che illustra il paese di appartenenza e la sigla corrispondente. 01 AENOR - Spain 02 CEBEC - Belgium 03 IMQ - Italy 04 IPQ - Portugal 05 KEMA - The Netherlands 06 NSAI - Ireland 07 SEE - Luxembourg 08 LCIE - France 09 ELOT - Greece 10 VDE - Germany 11 OVE - Austria 12 BSI - United Kingdom 13 SEV - Switzerland 14 SEMKO - Sweden 15 DEMKO - Denmark 16 FIMKO - Finland 17 NEMKO - Norway 18 MEEI - Hungary 19 BEAB - United Kingdom 20 ASTA - United Kingdom 21 EZU - Czech republic 22 SIQ - Slovenia Guida Tecnica Edizione 2004 pagina 15di 15

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv Riccardo Bucci ANIE - AICE Associazione Italiana Industrie Cavi e Conduttori Elettrici Elementi costituivi i cavi elettrici

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

COMUNE DI ROMA SOVRAINTENDENZA BB. CC.

COMUNE DI ROMA SOVRAINTENDENZA BB. CC. COMUNE DI ROMA SOVRAINTENDENZA BB. CC. Corso di formazione Quaderno N 5 Parte III GLI IMPIANTI ELETTRICI Il rischio elettrico nei cantieri temporanei e mobili Servizio Prevenzione e Protezione INTRODUZIONE

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

Saldatura ad arco Generalità

Saldatura ad arco Generalità Saldatura ad arco Saldatura ad arco Generalità Marchio CE: il passaporto qualità, conformità, sicurezza degli utenti 2 direttive europee Direttiva 89/336/CEE del 03 maggio 1989 applicabile dall 01/01/96.

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione...

Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione... Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione... Parte I Introduzione Capitolo 1 IMPIANTI ELETTRICI, DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E NORME TECNICHE

Dettagli

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI.

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. -capitolo 1- - 1-1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. 1.1 Premessa. Gli impianti elettrici possono essere causa di innesco e di propagazione

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici. Gulisano Antonino

Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici. Gulisano Antonino Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici Infortuni Ogni giorno si verificano quasi quattro (4) infortuni mortali sul lavoro. Di questi uno (1) avviene per cause elettriche.

Dettagli

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Istruzioni per l'installazione TempsensorAmb-IIT110610 98-0042610 Versione 1.0 IT SMA Solar Technology AG Indice Indice 1 Avvertenze su queste istruzioni.....................

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008)

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Disposizioni atte a regolamentare l'emissione di aldeide formica da pannelli a base di legno e manufatti con essi realizzati in

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

Cavi piatti di qualità per ascensori

Cavi piatti di qualità per ascensori Cavi piatti di qualità per ascensori Resistenti, affidabili e in linea con la normativa EUZ HAR EN 50214 Soluzioni di cavi ad alte prestazioni Testati per rispettare gli standard qualitativi Draka offre

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Roma, 14 aprile 2015 Convegno "Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione"

Roma, 14 aprile 2015 Convegno Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione Roma, 14 aprile 2015 Convegno "Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione" Attività del CRA-ING 1. Ricerca: sistemi per la determinazione

Dettagli

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Sistemi di Rivelazione Incendio MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Proprietà del rivelatore adatte all'utilizzo in ambienti interni Regolazione

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia AZIENDE PER I SERVIZI SANITARI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE Servizi Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Ufficio Operativo dd. 29/09/2011 L impianto elettrico

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

Corso di Progettazione di Impianti Elettrici. Documentazione per la Progettazione Norme Tecniche

Corso di Progettazione di Impianti Elettrici. Documentazione per la Progettazione Norme Tecniche Corso di Progettazione di Impianti Elettrici Documentazione per la Progettazione Norme Tecniche Norme Tecniche e Norme di Legge La progettazione di un opera ha come scopo la definizione delle caratteristiche

Dettagli

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility ERASMUS PLUS Disposizioni nazionali allegate alla Guida al Programma 2015 Settore Istruzione Scolastica, Educazione degli Adulti e Istruzione Superiore KA1 School education staff mobility/ Adult education

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099

Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099 Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099 Misure precise e affidabili in applicazioni ad alta temperatura, come il trattamento termico e i processi di combustione Materiali ceramici

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

CI-Obiettivi determinanti del ramo d' articoli elettrici

CI-Obiettivi determinanti del ramo d' articoli elettrici Der Verband für Stark- und Schwachstrominstallationen, Telekommunikation, IT- und Sicherheitsinstallationen, Anlagenbau, Gebäudetechnik L union pour les installations à courant fort et courant faible,

Dettagli

SUNSAVER TM MANUALE DELL'OPERATORE. e-mail: info@morningstarcorp.com web: www.morningstarcorp.com REGOLATORE FOTOVOLTAICO

SUNSAVER TM MANUALE DELL'OPERATORE. e-mail: info@morningstarcorp.com web: www.morningstarcorp.com REGOLATORE FOTOVOLTAICO SUNSAVER TM REGOLATORE FOTOVOLTAICO MANUALE DELL'OPERATORE e-mail: info@morningstarcorp.com web: www.morningstarcorp.com MANUALE DELL'OPERATORE RIEPILOGO SPECIFICHE Volt sistema Volt PV massimi Ingresso

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Interruttori per protezione motore P5M 68 Ausiliari per interruttore P5M 70 Sezionatori-fusibili STI 7 Limitatori di sovratensione di Tipo PRF Master 7 Limitatori

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

CEI EN 60601-2-2 2011-03

CEI EN 60601-2-2 2011-03 N O R M A I T A L I A N A C E I Norma Italiana Data Pubblicazione CEI EN 60601-2-2 2011-03 La seguente Norma è identica a: EN 60601-2-2:2009-05. Titolo Apparecchi elettromedicali Parte 2: Prescrizioni

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione

Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione Dicembre 2006 Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione 1SDC007103G0902 Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione Indice Introduzione... 2 1 Il riscaldamento nei quadri elettrici 1.1 Generalità...

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

Differenze tra le attività di certificazione di prodotto (PRD) e le attività di ispezione (ISP) ed altri schemi di valutazione della conformità

Differenze tra le attività di certificazione di prodotto (PRD) e le attività di ispezione (ISP) ed altri schemi di valutazione della conformità Differenze tra le attività di certificazione di prodotto (PRD) e le attività di ispezione (ISP) ed altri schemi di valutazione della conformità In alcuni casi, le somiglianze apparenti tra le attività

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities 1-32 28 giugno 2013 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Cambiano gli scenari europei Regolamento

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

Scatole da incasso. Scatole da incasso per pareti in muratura - CARATTERISTICHE TECNICHE

Scatole da incasso. Scatole da incasso per pareti in muratura - CARATTERISTICHE TECNICHE Scatole da incasso Scatole da incasso per pareti in muratura - CARATTERISTICHE TECNICHE Principali caratteristiche tecnopolimero ad alta resistenza e indeformabilità temperatura durante l installazione

Dettagli

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno)

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno) Citofono senza fili Installazione ed uso (fascicolo staccabile all interno) Sommario Presentazione... 3 Descrizione... 4 La postazione esterna... 4 La placca esterna... 4 Il quadro elettronico... 4 La

Dettagli

Guida alle applicazioni innovative finalizzate all integrazione architettonica del fotovoltaico. Agosto 2012

Guida alle applicazioni innovative finalizzate all integrazione architettonica del fotovoltaico. Agosto 2012 Guida alle applicazioni innovative finalizzate all integrazione architettonica del fotovoltaico DM 5 luglio 2012 5 Conto Energia Agosto 2012 Guida alle applicazioni innovative finalizzate all integrazione

Dettagli

Sensore su fascetta stringitubo 0085 Rosemount

Sensore su fascetta stringitubo 0085 Rosemount Bollettino tecnico Gennaio 2013 00813-0102-4952, Rev. DC Sensore su fascetta stringitubo 0085 Rosemount Design non intrusivo per una misura di temperatura facile e veloce in applicazioni su tubazioni Sensori

Dettagli

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic Temp 360 Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD - 0,01 C Temp 300 Professional Datalogger, a doppio canale, per sonde a termocoppia K, T, J, B, R, E, S, N Temp 16 RTD Basic Per sonde Pt100 RTD Temp

Dettagli

rischio elettrico generale

rischio elettrico generale rischio elettrico generale In Italia si verificano mediamente 5 infortuni elettrici mortali ogni settimana (per folgorazione), un primato europeo fortunatamente in lenta ma continua diminuizione. I luoghi

Dettagli

Descrizione del prodotto

Descrizione del prodotto Dati tecnici 2CDC501067D0901 ABB i-bus KNX Descrizione del prodotto Gli alimentatori di linea KNX con bobina integrata generano e controllano la tensione del sistema KNX (SELV). Con la bobina integrata

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano La vita è regolata a livello cerebrale, muscolare e biologico da impulsi di natura elettrica. Il cervello è collegato ai muscoli ed a tutti

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Regolatori ad alta precisione Serie R210 / R220 / R230

Regolatori ad alta precisione Serie R210 / R220 / R230 Regolatori ad alta precisione Serie R210 / R220 / R230 Catalogo PDE2542TCIT-ca ATTENZIONE LA SCELTA OPPURE L UTILIZZO ERRATI DEI PRODOTTI E/O SISTEMI IVI DESCRITTI OPPURE DEGLI ARTICOLI CORRELATI POSSONO

Dettagli

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 ISOLATORI ELASTOMERICI ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 INTRODUZIONE CERTIFICAZIONI Nel 1992 FIP Industriale ha ottenuto la certificazione CISQ-ICIM per il Sistema di Assicurazione Qualità in conformità

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO Parma 16 novembre 2012 S.D.A.C. Arch. Fabrizio Finuoli L evoluzione della Prevenzione Incendi 2 Panorama normativo della Prevenzione incendi

Dettagli

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni Condensatori per rifasamento industriale in Bassa Tensione: tecnologia e caratteristiche. Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni 1 Tecnologia dei condensatori Costruzione Com è noto, il principio costruttivo

Dettagli

Elettrovalvole a comando diretto Serie 300

Elettrovalvole a comando diretto Serie 300 Elettrovalvole a comando diretto Serie 00 Minielettrovalvole 0 mm Microelettrovalvole 5 mm Microelettrovalvole mm Microelettrovalvole mm Modulari Microelettrovalvole mm Bistabili Elettropilota CNOMO 0

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL Bollettino ECEPA In questo numero N 6 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DEI PRODOTTI DOP 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 2.1. Marchi di conformità ECEPA 2.2. Marchio Comunitario DOP 2.3.

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici Fatti per il sole, minacciati dalle scariche atmosferiche L importanza

Dettagli

Sistema di trattamento dell'aria

Sistema di trattamento dell'aria EMCAirPrep01AIT Sistema di trattamento dell'aria Avete uno dei seguenti problemi? Errore di avviamento ed elevato indice di scarto prodotto Guasto alimentazione tramoggia Distribuzione irregolare della

Dettagli

CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO

CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO 1. Elementi di elettrofisiologia I fenomeni elettrici inerenti il corpo umano e l analisi degli effetti

Dettagli