GUIDA TECNICA INDICE. pagina

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA TECNICA INDICE. pagina"

Transcript

1 GUIDA TECNICA INDICE Norme di riferimento 2 Classificazione 2 o Grado di protezione IP 2 o Grado di protezione meccanica IK 5 o La protezione contro gli effetti termici 5 o La protezione contro gli incendi 6 o La protezione contro le ustioni 7 o Resistenza al fuoco ed al calore anormale 7 o L'infiammabilità del piano d'appoggio 8 o La protezione contro la scossa elettrica 8 o Il comportamento degli agenti chimici 10 Le norme 11 Dichiarazioni di conformità, certificati, marchi 13 pagina Guida Tecnica Edizione 2004 pagina 1di 15

2 1.0 - Norme di riferimento Gli standard dimensionali e prestazionali dei nostri prodotti sono unificati a livello internazionale e recepiti dalla normativa europea ed italiana: IEC CEI EN CEI Apparecchi di illuminazione - Parte 1: Prescrizioni generali e prove IEC CEI EN CEI 34-21/2 Apparecchi d'illuminazione - Parte 2: Prescrizioni particolari - Apparecchi fissi per uso generale Specifica le prescrizioni per gli apparecchi d'illuminazione fissi per uso generale che impiegano lampade ad incandescenza, lampade fluorescenti ed altri tipi di lampade a scarica, alimentati con tensione non superiore a 1000 V La classificazione Grado di protezione IP Per garantire la sicurezza d'esercizio, i corpi illuminanti devono essere protetti contro la penetrazione di polvere, corpi solidi e di liquidi. La norma CEI EN permette di indicare attraverso il codice IP gradi di protezione previsti per le apparecchiature elettriche contro l'accesso alle parti in tensione e contro la penetrazione dell'acqua e dei corpi solidi estranei. Questa norma non considera la protezione contro i rischi d'esplosione o contro situazioni ambientali come l'umidità, i vapori corrosivi, le muffe o gli insetti. Il codice IP (Increased Protection= Protezione aumentata) è composto da 2 cifre caratteristiche e può essere esteso con una lettera addizionale nel caso in cui la protezione delle persone contro l'accesso alle parti in tensione risulti essere superiore a quella indicata dalla prima cifra. Altre lettere supplementari consentono di fornire indicazioni supplementari per la protezione delle persone o del materiale. Osservazioni Il grado di protezione IP deve sempre essere letto cifra per cifra e non globalmente. Per esempio un involucro con grado di protezione IP31 è adatto in un ambiente che esige un grado di protezione minimo IP21. In questo caso non può essere utilizzato un apparecchio con involucro con grado di protezione IP30. In generale, i gradi di protezione indicati dai costruttori sono validi alle condizioni previste dai cataloghi. Tuttavia, soltanto il montaggio, l'installazione e la manutenzione effettuati secondo le regole dell'arte garantiscono il mantenimento del grado di protezione originale. Guida Tecnica Edizione 2004 pagina 2di 15

3 Protezione contro l'ingresso di corpi estranei e contro l'accesso a parti pericolose 1 cifra Descrizione 0 Nessuna protezione 1 Protetto contro i corpi solidi di dimensioni superiori a 5 mm Non devono poter penetrare parti del corpo umano, per esempio una mano, o corpi solidi di dimensioni superiori a 50 mm di diametro. 2 Protetto contro i corpi solidi di dimensioni superiori a 12 mm Non devono poter penetrare le dita od oggetti analoghi di lunghezza non eccedente gli 80 mm o corpi solidi di diametro superiore a 12 mm. 3 Protetto contro i corpi solidi di dimensioni superiori a 2,5 mm Non devono poter penetrare fili di diametro o spessore superiore a 2,5 mm o corpi solidi di diametro superiore a 2,5 mm 4 Protetto contro i corpi solidi di dimensioni superiori a 1,0 mm Non devono poter penetrare fili o piattine di diametro o spessore superiore a 1mm o corpi solidi di diametro superiore a 1mm 5 Protetto contro la polvere La penetrazione di polvere non è totalmente esclusa ma il quantitativo penetrato non è tale da nuocere al buon funzionamento del materiale. 6 Totalmente protetto contro la povere Non è ammessa alcuna penetrazione di polvere Guida Tecnica Edizione 2004 pagina 3di 15

4 Protezione contro la penetrazione dell acqua 2 cifra Descrizione 0 Nessuna protezione 1 2 Protetto contro la caduta verticale di gocce d'acqua Protetto contro la caduta d'acqua con inclinazione massima di 15 Le gocce d'acqua che cadono verticalmente non devono causare effetti dannosi, Le gocce d'acqua che cadono verticalmente non devono causare effetti dannosi quando l'involucro è inclinato di qualsiasi angolo sino a 15 rispetto alla sua posizione originaria. 3 Protetto contro la pioggia L'acqua che cade a pioggia con una direzione facente con la verticale un angolo fino a 60 non deve provocare effetti dannosi. 4 Protetto contro gli spruzzi d'acqua L'acqua proiettata con un ugello sull'involucro da tutte le direzioni non deve provocare effetti dannosi. 5 Protetto contro i getti d'acqua L'acqua proiettata con un ugello sull'involucro da tutte le direzioni non deve provocare effetti dannosi 6 Protetto contro i getti d'acqua potenti Nel caso di ondate o di getti potenti l'acqua non deve penetrare negli involucri in quantità dannosa. 7 Protetto contro gli effetti dell'immersione temporanea Non deve essere possibile la penetrazione di acqua in quantità dannosa all'interno dell'involucro immerso in condizioni determinate di pressione e durata. 8 Protetto contro gli effetti dell'immersione continua Il materiale è idoneo essere sommerso in acqua nelle condizioni specificate dal costruttore. Guida Tecnica Edizione 2004 pagina 4di 15

5 2.2 - Grado di protezione meccanica La norma CEI EN definisce il grado di protezione contro gli impatti meccanici, caratterizzandolo con le lettere IK seguite da un valore numerico. La tabella seguente illustra i valori di impatto in joule rappresentati da ogni indice Codice IK Energia di impatto in Joule 00 non protetto 01 0, ,2 03 0, ,5 05 0, La protezione contro gli effetti termici Il capitolo 42 delle Norma CEI 64-8 tratta delle misure di protezione che debbono essere messe in atto ai fini di proteggere le persone, i componenti elettrici fissi ed i materiali fissi, non facenti parte dell'impianto elettrico, posti in vicinanza di componenti elettrici, contro gli effetti dannosi del calore sviluppato dai componenti elettrici o contro gli effetti dell'irraggiamento termico, in particolare per quanto riguarda: la combustione o i deterioramento di materiali il rischio di ustioni la riduzione della sicurezza di funzionamento dei componenti elettrici installati. Guida Tecnica Edizione 2004 pagina 5di 15

6 2.4 - La protezione contro gli incendi I criteri riguardanti il pericolo di innesco o di propagazione di incendi, per la scelta e prove di comportamento dei componenti elettrici sono specificate nelle Norme CEI relative ai diversi componenti. In assenza di queste Norme, al paragrafo 422 della Norma CEI 64-8 vengono indicati i criteri di prova da adottare per i componenti elettrici costruiti con materiali isolanti. In particolare, in funzione delle diverse condizioni d impiego dei componenti elettrici vengono proposti i livelli minimi di resistenza al riscaldamento in funzionamento ordinario e nelle fasi di installazione mediante la prova in stufa e la verifica dell'attitudine a non innescare incendi in caso di riscaldamento eccessivo dovuto a guasti mediante la prova del filo incandescente (Glow wire test) secondo la Pubblicazione IEC La tabella 1 sotto riportata propone questi criteri di prova mentre di seguito sono illustrati i metodi di prova normalmente utilizzati nelle diverse normative per la verifica del comportamento al fuoco dei diversi componenti realizzati in materiale organico Metodo del filo incandescente (Glow wire test) Secondo norme IEC e CEI Scopo delle prova Condizioni di prova Risultati della prova Simulare le sollecitazioni termiche che possono essere prodotte dalle sorgenti di calore e di accensione (elementi incandescenti o resistori sovraccaricati per brevi periodi) in modo da valutare il pericolo di innesco incendio. Sorgente di calore: filo incandescente di 4 mm i diametro. Temperature di prova: 650 C C - 850àC C Durata della prova Applicazione del filo per 30 s. Elementi caratteristici Tempo di spegnimento della fiamma L'eventuale manifestazione della fiamma deve cessare entro 20 s dalla rimozione del filo La carta velina posta sotto l'esemplare non deve incendiarsi a causa dell'eventuale caduta di gocce incendiate Metodo di Prova di fiamma con ago Secondo norme IEC e CEI 89-1 Scopo delle prova Condizioni di prova Risultati della prova Simulare l'effetto di piccole fiamme che possono manifestarsi per condizioni di guasto all'interno dei prodotti al fine di valutarne il rischio di incendio Sorgente di calore: fiamma a becco di Bunsen Durata della prova Applicazione della fiamma per tempi variabili secondo norme specifiche: (Ta) s Elementi caratteristici Tempo di applicazione della fiamma L'esemplare non si incendia La fiamma e le particelle incandescenti non propagano l'incendio La durata della combustione è inferiore a 30 s dalla rimozione della fiamma del becco Bunsen Guida Tecnica Edizione 2004 pagina 6di 15

7 Metodo UL - Underwriter' Laboratories Secondo UL 94 Scopo delle prova Condizioni di prova Risultati della prova Fornire una classificazione del comportamento dei diversi materiali a seguito dell'applicazione della fiamma di un becco Bunsen Sorgente di calore: fiamma a becco di Bunsen Durata della prova Applicazione della fiamma per 10 s per due volte consecutive Elementi caratteristici Durata della combustione V0 se il provino brucia in media meno di 5 s prima di autoestinguersi V1 se brucia in media meno di 25 s V2 se brucia in media meno di 25 s con gocciolature incandescenti HB se brucia per un tempo superiore a 25 s (provino orizz. e velocità di combustione inferiore a 38 mm al minuto. Prova assimilabile a ASTM D Protezione contro le ustioni Anche i limiti di temperatura delle parti accessibili dei componenti elettrici ai fini del rischio di ustione per le persone, sono sempre regolamentati dalle rispettive norme di riferimento. In assenza di queste il paragrafo 423 della Norma CEI 64-8 stabilisce i limiti di temperatura nel funzionamento ordinario per tutte le parti accessibili di componenti elettrici (vedi tabella 2). Qualora esistessero parti di impianto che, in funzionamento ordinario e anche se per brevi periodi, possono raggiungere temperature superiori ai limiti indicati in questa tabella, esse devono essere protette con involucri o barriere tali da assicurare almeno il grado di protezione IPXXB Resistenza al fuoco ed al calore anormale Per tutti i nostri prodotti viene specificato il grado di resistenza al fuoco ed al calore anormale espresso secondo le Norme IEC e CEI che prevede la prova del filo incandescente ( Glow-Wire Test). Guida Tecnica Edizione 2004 pagina 7di 15

8 2.7 - Classificazione secondo l'infiammabilità del piano d'appoggio Gli apparecchi d'illuminazione sono apparecchiature elettriche che trasformano in calore il 60-90% dell'energia assorbita. Per questa ragione, nella scelta delle sorgenti luminosi occorre saper tener conto del loro effetto sull'ambiente circostante e sulle superfici di fissaggio, in modo da poter escluder pericoli d'incendio a causa di un'installazione o di un montaggio inadeguato. Occorre pertanto tener conto dei diversi fattori: posizione dell'apparecchio infiammabilità dell'ambiente e della superficie di fissaggio distanze minime dai materiali infiammabili. Tutte le nostre plafoniere sono classificate secondo il montaggio diretto su superfici normalmente infiammabili oppure non infiammabili, nel modo seguente : Apparecchi con marchio F Possono essere installati su superfici normalmente infiammabili in quanto costruiti in modo tale che sulla superficie del piano di appoggio non si sviluppino temperature superiori a 130 C in esercizio e superiori a 180 C in caso di guasto al reattore. Apparecchi con marchio FF Presentano temperature di superficie limitate in quanto soggetti a depositi di materiali facilmente infiammabili come polvere o fibre, e quindi non debbono superare i 95 C nel normale esercizio e i 115 C in caso di guasto al reattore. Apparecchi con marchio M Sono destinati all'incasso in mobili e quindi costruiti in modo tale da non poter causare l'incendio di materiali normalmente infiammabili come il legno, neanche in caso di guasto al reattore. I loro elementi possono essere rivestiti, impiallaciati o verniciati. Apparecchi con marchio MM Destinati all'incasso in mobili realizzati con materiali di cui non si conosce l'infiammabilità. Sono costruiti in modo tale che durante l'esercizio nessuna superficie critica superi i 95 C o i 115 C nel caso di guasto al reattore ad un valore di tensione superiore del 10% di quello nominale Classificazione secondo il tipo di protezione contro la scossa elettrica Tutte le lampade Lombardo sono previste, a seconda del posizionamento, in classi di protezione che consentono di indicare il tipo di isolamento necessario per assicurare la protezione contro la scossa elettrica. Apparecchi di classe di protezione 0 Apparecchio nel quale la protezione contro la scossa elettrica si basa sull'isolamento fondamentale; ciò implica che non sia previsto alcun dispositivo per il collegamento delle parti conduttrici accessibili, eventualmente presenti, ad un conduttore di protezione ( messa a terra) facente parte dello impianto elettrico fisso; in caso di guasto all'isolamento fondamentale la protezione rimane affidata all'ambiente che circonda l'apparecchio. Guida Tecnica Edizione 2004 pagina 8di 15

9 Apparecchi di classe di protezione I Apparecchio nel quale la protezione contro la scossa elettrica non si basa unicamente sull'isolamento fondamentale, ma anche su una misura di sicurezza supplementare costituita dal collegamento delle parti conduttrici accessibili ad un conduttore di protezione ( messa a terra) facente parte dello impianto elettrico fisso, in modo tale che le parti conduttrici accessibili non possano diventare pericolose in caso di guasto all'isolamento fondamentale. Apparecchi di classe di protezione II Apparecchio nel quale la protezione contro la scossa elettrica non si basa unicamente sull'isolamento fondamentale, ma anche su misure supplementari di sicurezza costituite dal doppio isolamento o dall'isolamento rinforzato. Queste misure non comportano dispositivi per la messa a terra e non dipendono dalle condizioni d'installazione. Apparecchi di classe di protezione III Apparecchio nel quale la protezione contro la scossa elettrica si basa sull'alimentazione a bassissima tensione di sicurezza ( 50 V max) ed in cui non si producono tensioni superiori alla stessa. Definizioni Isolamento fondamentale isolamento delle parti in tensione necessario per assicurare la protezione contro la scossa elettrica. Isolamento supplementare isolamento indipendente previsto in aggiunta a quello fondamentale per assicurare la protezione contro la scossa elettrica in caso di guasto all'isolamento fondamentale. Doppio isolamento Isolamento comprendente sia l'isolamento fondamentale che l'isolamento supplementare Guida Tecnica Edizione 2004 pagina 9di 15

10 2.9 - Comportamento agli agenti chimici Qualsiasi materiale utilizzato per la realizzazione di componenti d'installazione offre resistenze differenti agli agenti chimici con cui possono entrare in contatto. Al fine di evitare molti inconvenienti può essere utile informarsi sempre, già durante la fase di progettazione, delle condizioni degli ambienti in cui le lampada saranno installate, tenendo in particolare conto: I materiali che compongono la lampada, che possono essere diversissimi a seconda della funzione che debbono assolvere(armatura, riflettore, guarnizioni, chiusure, entrata cavi, ecc.) Le applicazioni, molte delle quali per loro natura possono presentare ambienti corrosivi per i materiali : o industria chimica e petrolifera o industria alimentare (caseifici, latterie, macellerie,birrerie, ecc.) o agricoltura o industria del pesce o cucine industriali o impianti di lavaggio o industrie ed officine con forte impiego di lubrificanti I composti chimici presenti nell'ambiente e da definire attentamente con i diversi responsabili La saturazione delle sostanze chimiche presenti La temperatura ambiente che, in funzione delle tipo e della saturazione delle sostanze, può contribuire a determinare reazioni chimiche.. Guida Tecnica Edizione 2004 pagina 10di 15

11 3.0 - Le norme La funzione Le norme mondiali La Norma è un insieme di regole tecniche che garantiscono la sicurezza e le prestazioni di un prodotto perché possa ritenersi sicuro. Essa rappresenta un buon utensile contrattuale tra Costruttore ed Acquirente per parlare lo stesso linguaggio, per fissare i livelli di prestazione del prodotto e definire le relative prove. Il primo e più importante riconoscimento giuridico della legislazione italiana alle norme, tuttora riconosciuto, è la Legge 186 del 1968 in cui si afferma che la rispondenza alle norme CEI è indice di presunzione di conformità "alla buona regola dell'arte". La regola dell'arte non necessariamente si identifica con la Norma CEI; si possono utilizzare altre norme (IEC, UL, ecc) o trovare soluzioni diverse da quelle previste dalle Norme purché il costruttore garantisca un livello di sicurezza e prestazioni costruttive altrettanto valide. Non è quindi strettamente obbligatorio costruire un apparecchio o realizzare un impianto in conformità alle Norme ma si può affermare che è senz'altro " opportuno, conveniente e comodo". Le norme mondiali di maggiore importanza ed applicazione sono: IEC : norme internazionali UL : norme americane CSA: norme canadesi JIS : norme giapponesi Le norme internazionali IEC La Commissione Elettrotecnica Internazionale (IEC), fondata nel 1906, ha come scopo principale quello di favorire la cooperazione internazionale in materia di normalizzazione nel campo elettrico. I suoi obiettivi principali sono quelli di: migliorare la sicurezza delle persone; valutare la qualità dei prodotti e dei servizi; contribuire alla protezione dell'ambiente. La IEC pubblica una serie di norme approvate a livello internazionale in previsione di una loro utilizzazione in tutto il mondo e più di 100 paesi le adottano e seguono le loro prescrizioni. La IEC garantisce che le norme assicurano la compatibilità e l'intercambiabilità dei prodotti ai sistemi ed agli impianti elettrici ed elettronici. La IEC copre tutto il campo l'elettrotecnica che comprende l'elettronica, l'elettromagnetismo, le fibre ottiche e l'elettroacustica e tutti gli argomenti annessi come la terminologia, i simboli, la metrologia, la sicurezza, la durevolezza e l'attitudine al funzionamento. La IEC è formata dai vari Comitati Nazionali che rappresentano una cinquantina di paesi di tutto il mondo i quali portano i loro contributi alla preparazione della norma ed esprimono il loro voto (positivo o negativo) per l'accettazione. Il lavoro tecnico e la ricerca del consenso per l'approvazione delle norme internazionali viene fatto sulla partecipazione volontaria delle persone dei paesi membri ai Comitati Tecnici. Ciascun Comitato o Sottocomitato è responsabile delle norme per il proprio settore. Guida Tecnica Edizione 2004 pagina 11di 15

12 Come una norma internazionale diventa norma nazionale Dal 1 luglio 1987, data di entrata in vigore dell'atto Unico Europeo, le diverse normative nazionali hanno dovuto armonizzarsi al fine di non determinare svantaggi concorrenziali nell'ambito del mercato unico. Nell'ambito del settore elettrotecnico è stato istituito il Comité Européen de Normalisation ELECtrotechnique (CENELEC) con lo scopo di definire le norme europee concordando anche un marchio unitario che, in futuro, potrà essere utilizzato al posto dei diversi marchi nazionali. Come una norma internazionale diventa oggi norma nazionale: Esistono 3 possibilità: le normativa internazionale IEC viene recepita tale e quale a livello europeo. norme specifiche vengono elaborate dal CENELEC o dal CEI (Comitato Elettrotecnico Italiano) le norme europee o nazionali vengono elaborate sulla base di norme internazionali IEC : IEC + specifiche europee = EN EN senza modifiche = CEI Guida Tecnica Edizione 2004 pagina 12di 15

13 4.0 - Dichiarazioni di conformità, certificati e marchi ll costruttore deve dimostrare la rispondenza dei sui prodotti ai requisiti previsti dalle norme in termini di sicurezza e di prestazioni eseguendo le prove. E' possibile assicurare la presunzione di conformità alle norme mediante le seguenti procedure: con una dichiarazione di conformità stabilita dal costruttore, e nel caso occorra, accompagnata da una certificazione del sistema di qualità. I documenti ufficiali del costruttore (cataloghi, guide, fogli di istruzione, ecc.) possono rappresentare una dichiarazione di conformità. In caso di contestazione, il costruttore deve comprovare la veridicità di quanto ha dichiarato sui suoi apparecchi mediante rapporti di prova, disegni costruttivi, rapporti di qualità, ecc. La dichiarazione di conformità ricade sotto la sola responsabilità del costruttore. mediante un certificato di prova o un certificato di conformità rilasciato da un ente terzo (laboratorio riconosciuto). Nel primo caso lo specifico esemplare del prodotto è provato con le prove richieste dal costruttore e se ha superato con successo una o più prove previste viene rilasciato il certificato di prova. nel caso in cui si voglia la conformità del prodotto alla norma, il laboratorio effettua tutte le prove di tipo previste dalla norma e dopo aver riconosciuto il prodotto dai suoi disegni viene rilasciato il marchio sul prodotto stesso ( marchio IMQ, marchio UL, ecc.). Il marchio garantisce anche la rispondenza di tutta la produzione. Rispondenza alle Direttive CEE Le direttive europee ( leggi della Comunità Europea) fissano degli obbiettivi, chiamati requisiti essenziali di sicurezza, ed al costruttore spetta poi l'obbligo di rispettali. Uno dei mezzi per rispondere alle direttive è quello di applicare le norme armonizzate di riferimento che sono pubblicate sulla gazzetta ufficiale della comunità europea. Le principali direttive europee che riguardano il settore dell'illuminazione sono: La Direttiva Bassa Tensione (BT) : Dir. 73/23/CEE recepita con la Legge del 18/10/77 n.791 e modificata dalla Dir. 93/68/CEE, si applica a tutto il materiale elettrico compreso nel campo di tensione tra 50 e 1000V c.a. e tra 75 e 1500 V c.c.. E' obbligatoria dal 1 Gennaio 97 La Direttiva Compatibilità Elettromagnetica (EMC) : Dir.89/336/CEE recepita con D.L. del 04/12/92 n.476 e modificata dalla Dir. 93/68/CEE, riguarda le apparecchiature che possono creare delle perturbazioni elettromagnetiche o il cui funzionamento può venire influenzato da queste perturbazioni. E' obbligatoria dal Per ciascun prodotto, o famiglia di prodotti il costruttore o il suo rappresentante nella comunità europea, sotto la propria responsabilità, deve redigere una dichiarazione di conformità e preparare il fascicolo tecnico. Entrambe sono destinate esclusivamente agli organismi nazionali di controllo ( dogane, ministeri, ispettori, ecc.). Il rispetto delle direttive europee( ed anche delle leggi italiane che le hanno recepite), impone infine l'apposizione della "marcatura CE": Guida Tecnica Edizione 2004 pagina 13di 15

14 La marcatura CE CE è una marcatura obbligatoria che attesta la rispondenza del prodotto ai requisiti essenziali di sicurezza richiesti dalle direttive comunitarie applicabili al prodotto in questione CE è la condizione necessaria per l'immissione dei prodotti sul mercato e la loro libera circolazione all'intero della comunità europea. CE è una marcatura amministrativa destinata alle autorità e non al cittadino CE non indica la conformità alla norma e non è in alcun caso una garanzia di sicurezza di qualità e di funzionamento del prodotto. Viceversa, se il prodotto è a norma sicuramente risponde anche alle direttive. CE è una marcatura che và posta sul prodotto e/o sull'imballaggio e/o sulle avvertenza d'uso che accompagnano il prodotto stesso. La marcatura CE di conformità è costituita dalle iniziali "CE" secondo il simbolo grafico accanto. In caso di riduzione o di ingrandimento della marcatura CE devono essere rispettate le proporzioni indicate dal simbolo graduato illustrato. I diversi elementi della marcatura devono avere essenzialmente la stessa dimensione verticale, che non può essere inferiore a 5 mm. Il marchio ENEC (European Norms Electrical Certification) Dal 1993 gli apparecchi di illuminazione possono circolare in tutta Europa con il marchio ENEC (European Norms Electrical Certification),il quale certifica che un prodotto è conforme alle norme EN ENEC Marchio europeo di certificazione, istituito nell'ambito del CENELEC (Comitato Europeodi Normazione Elettrotecnica), dagli Organism ieuropei di Certificazione Elettrica che hanno aderito ad un accordo denominato 'Lum Agreement' per un mutuo riconoscimento di un unico marchio 'ENEC' equivalente ai singoli marchi degli Organismi aderenti. Aderiscono all'accordo gli Organismi di Certificazione dei seguenti Paesi: Spagna - Belgio - Italia - Portogallo - Olanda- Irlanda - Lussenburgo - Francia - Grecia - Germania - Austria - Regno Unito - Svizzera -Svezia - Danimarca - Finlandia - Norvegia - Ungheria - Repubblica Ceca - Slovenia.Possono richiedere l'autorizzazione all'uso del marchio ENEC i costruttori di Apparecchi di illuminazione, Alimentatori, Accenditori, Starter, Condensatori di rifasamento, Portalampade e Portastarter. Il marchio ENEC viene rilasciato da uno qualsiasi degli Organismi certificatori firmatari dell'accordo ed è riconosciuto automaticamente da tutti gli altri Organismi. A fianco del marchio ENEC viene comunque posto un numero che identifica l'organismo che ha rilasciato la certificazione. Il marchio ENEC si basa sull'applicazione dei quattro principi qui di seguito riportati: La certificazione viene rilasciata solamente sulla base di Norme Europee armonizzate EN : Norme EN relative agli apparecchi di illuminazione. Il fabbricante deve avere un Sistema di Qualità in conformità alle Norme UNI EN ISO Il marchio è concesso in maniera indipendente da un Organismo neutro. Il prodotto è sottoposto a sorveglianza nella sua fase produttiva da parte dell'organismo che ha rilasciato il Certificato di Approvazione. Guida Tecnica Edizione 2004 pagina 14di 15

15 Il marchio ENEC dunque è un marchio Europeo di certificazione ad alto valore tecnico basato su dei severi criteri di concessione. Questo marchio offre all'acquirente e all'utilizzatore finale la massima garanzia per quanto riguarda le procedure applicate nella produzione dei prodotti. In ogni Paese si differenzia per un numero di Serie differente. Viene riportata di seguito una tabella che illustra il paese di appartenenza e la sigla corrispondente. 01 AENOR - Spain 02 CEBEC - Belgium 03 IMQ - Italy 04 IPQ - Portugal 05 KEMA - The Netherlands 06 NSAI - Ireland 07 SEE - Luxembourg 08 LCIE - France 09 ELOT - Greece 10 VDE - Germany 11 OVE - Austria 12 BSI - United Kingdom 13 SEV - Switzerland 14 SEMKO - Sweden 15 DEMKO - Denmark 16 FIMKO - Finland 17 NEMKO - Norway 18 MEEI - Hungary 19 BEAB - United Kingdom 20 ASTA - United Kingdom 21 EZU - Czech republic 22 SIQ - Slovenia Guida Tecnica Edizione 2004 pagina 15di 15

Protezione dai Contatti Diretti

Protezione dai Contatti Diretti Contatto Diretto Protezione dai Contatti Diretti La protezione delle persone contro i contatti diretti può essere ottenuta mediante: Isolamento delle parti attive. La parti attive devono essere ricoperte

Dettagli

GRADO DI PROTEZIONE IL CODICE IP

GRADO DI PROTEZIONE IL CODICE IP GRADO DI PROTEZIONE IL CODICE IP Avremo tutti sentito molte volte, riferendosi ad apparecchiature elettriche in genere, la dicitura "protezione IP";facciamo dunque un pò di chiarezza sul significato di

Dettagli

Asso@eraulica. Titolo: gradi di protezione degli involucri (Codice IP-International Protection)

Asso@eraulica. Titolo: gradi di protezione degli involucri (Codice IP-International Protection) OGGETTO: gradi di protezione degli involucri NORMA: CEI 70-1 NORME CORRELATE : nazionali CEI 70-3, europee EN 60529, internazionali IEC 529 Data di pubblicazione: 06/1997 seconda edizione Validità: in

Dettagli

CRITER1 PER LA SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE SECONDO LE VA RIE CONDIZIONI DI INFLUENZE ESTERNE

CRITER1 PER LA SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE SECONDO LE VA RIE CONDIZIONI DI INFLUENZE ESTERNE CRITER1 PER LA SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE SECONDO LE VA RIE CONDIZIONI DI INFLUENZE ESTERNE Scelta delle misure di protezione contro i contatti diretti Le misure di protezione mediante isolamento

Dettagli

APPLICAZIONI GEODETICHE

APPLICAZIONI GEODETICHE APPLICAZIONI GEODETICHE Applicazioni Geodetiche - Strumenti di Misura Grado di protezione degli involucri International Protection - Codice IP - Laboratorio Topografico Via Giovanni XXIII, 4 22063 Cantù

Dettagli

3 Protetto contro i corpi solidi superiori a 2,5mm (arnesi, fili) GENERALITA'

3 Protetto contro i corpi solidi superiori a 2,5mm (arnesi, fili) GENERALITA' GENERALITA' Il codice IP (International Protection) identifica i gradi di protezione degli involucri per apparecchiature elettriche. La prima codifica comparve sulla norma CEI 70-1 (1980), cui fece seguito

Dettagli

Impianti elettrici nei cantieri edili

Impianti elettrici nei cantieri edili Impianti elettrici nei cantieri edili Per. Ind. Luca Paolini S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza www.scuolaedile.com 1 DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008 n. 81 Art. 89. Definizioni 1. Agli effetti

Dettagli

Le nuove tecnologie: Opportunità tra innovazione e sicurezza. BOLOGNA : 28 OTTOBRE 2014 Roberto Cavenaghi: - Certificazione prodotto IMQ

Le nuove tecnologie: Opportunità tra innovazione e sicurezza. BOLOGNA : 28 OTTOBRE 2014 Roberto Cavenaghi: - Certificazione prodotto IMQ Le nuove tecnologie: Opportunità tra innovazione e sicurezza BOLOGNA : 28 OTTOBRE 2014 Roberto Cavenaghi: - Certificazione prodotto IMQ Viaggio nella sicurezza e qualità in 3 tappe 1.Sicurezza e prestazioni

Dettagli

Qualità e Certificazione certificazione di prodotto - Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria Firenze

Qualità e Certificazione certificazione di prodotto - Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria Firenze Qualità e Certificazione certificazione di prodotto - Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria Firenze 1 Focus sulla Certificazione Organismi di certificazione Certificazione personale Certificazione

Dettagli

Impianti sportivi (Norme di Installazione)

Impianti sportivi (Norme di Installazione) Norme di installazione (le disposizioni indicate si riferiscono ad un impianto sportivo classificato come locale di pubblico spettacolo; se così non fosse, seguire le indicazioni per un impianto ordinario)

Dettagli

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione)

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione) Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti: o Isolamento delle parti attive; o Involucri o barriere con grado di protezione minimo IP2X o IPXXB. Per le superfici orizzontali superiori

Dettagli

LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE

LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE Torino 21-23 marzo 2006 ABAG SRL http:// www.abag.it 1 CONSIDERAZIONI GENERALI E DEFINIZIONI cos'è la marcatura ce chi ne va soggetto e quali direttive occorre

Dettagli

ARI LOANO (SV) 20.05.2011 IK1HLG

ARI LOANO (SV) 20.05.2011 IK1HLG ARI LOANO (SV) Utilizzare un Generatore Elettrico in Sicurezza ovvero "come proteggersi dai contatti diretti ed indiretti quando si usa un generatore di corrente elettrica con motore a scoppio". 20.05.2011

Dettagli

EN 60204-1 Sicurezza del macchinario. www.aceconsulting.it. Equipaggiamento elettrico delle macchine UDINE, 22 OTTOBRE 2009

EN 60204-1 Sicurezza del macchinario. www.aceconsulting.it. Equipaggiamento elettrico delle macchine UDINE, 22 OTTOBRE 2009 EN 60204-1 Sicurezza del macchinario Equipaggiamento elettrico delle macchine Matteo Marconi Stefano Piccagli UDINE, 22 OTTOBRE 2009 Le direttive LA LEGGE 1. Austria 2. Belgio 3. Bulgaria (dal 01 Gennaio

Dettagli

Indice. 2 - Le norme. Introduzione pag. 12

Indice. 2 - Le norme. Introduzione pag. 12 Indice 2 - Le norme Introduzione pag. 12 11 Le norme Introduzione Gli impianti elettrici di bassa tensione sono regolamentati da un insieme di testi che hanno l obiettivo di definire le misure per la protezione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO PROVINCIA DI LECCE Importo Progetto 1.000.000,00 RELAZIONE TECNICA 1. Premessai Dal sopralluogo effettuato si è stabilito che l'impianto elettrico del piano primo risulta di recente rifacimento ed a norma,

Dettagli

TRASFORMATORE PER CANTIERE

TRASFORMATORE PER CANTIERE TRASFORMATORE PER CANTIERE DI SICUREZZA E ISOLAMENTO 000VA L'UNICO A MARCHIO IMQ TRASFORMATORI DI ISOLAMENTO E DI SICUREZZA I trasformatori di isolamento e di sicurezza assicurano la protezione contro

Dettagli

Presentazione. Westelettric 55050 Quiesa (LU) Italy tel. ++39 058497361 fax ++39 0584975956 e-mail: info@westelettric.it http://www.westelettric.

Presentazione. Westelettric 55050 Quiesa (LU) Italy tel. ++39 058497361 fax ++39 0584975956 e-mail: info@westelettric.it http://www.westelettric. Presentazione La Westelettric S.r.l. una societ operante livello internazionale dal 1987, con una struttura composta da: Venditori-tecnici che propongono soluzioni individuate in vari settori. Uffici tecnici

Dettagli

D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III

D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III Gli Impianti e le Apparecchiature Elettriche RELATORI: Dr. Nicola CARRIERO Dr. Carmineraffaele ROSELLI Art. 80 comma 1 IL Datore di Lavoro provvede affinchè i materiali

Dettagli

La Direttiva Macchine

La Direttiva Macchine La Direttiva Macchine Enti, Norme, Presupposti Il Quadro Normativo Presupposto fondamentale: distinguere subito ed in modo preciso le due grandi famiglie di Norme di riferimento. Le Norme Legislative Le

Dettagli

Cenni Normativi sulla Sicurezza degli Impianti Elettrici

Cenni Normativi sulla Sicurezza degli Impianti Elettrici FACOLTÁ DI INGEGNERIA UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Cenni Normativi sulla Sicurezza degli Impianti Elettrici Prof. Dott. Ing. Roberto Mugavero tel/fax 06-72597320 e-mail mugavero@ing.uniroma2.it

Dettagli

La nuova UNI 9795 Lancenigo di Villorba (TV), 13 ottobre 2010. Marco Fontana. (Membro CEI Comitato Tecnico 20)

La nuova UNI 9795 Lancenigo di Villorba (TV), 13 ottobre 2010. Marco Fontana. (Membro CEI Comitato Tecnico 20) CONNESSIONE E CAVI Scelta dei tipi di cavi, sigle di designazione e comportamento al fuoco Marco Fontana (Membro CEI Comitato Tecnico 20) 1 Per quanto riguarda le connessioni, cioè la rete di collegamento

Dettagli

Cenni Normativi sulla Sicurezza degli Impianti Elettrici

Cenni Normativi sulla Sicurezza degli Impianti Elettrici FACOLTÁ DI INGEGNERIA UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Cenni Normativi sulla Sicurezza degli Impianti Elettrici Prof. Roberto Mugavero tel/fax 06-72597320 e-mail mugavero@ing.uniroma2.it Le Basi

Dettagli

La Tecnologia in Sala Operatoria: dalla fase di progettazione agli aspetti gestionali

La Tecnologia in Sala Operatoria: dalla fase di progettazione agli aspetti gestionali Seminario di Ingegneria Clinica 2013 La Tecnologia in Sala Operatoria: dalla fase di progettazione agli aspetti gestionali Con il Patrocinio di Cagliari, Facoltà di Ingegneria Aula V 14 Giugno 2013 ore

Dettagli

Francesco Campanella Tecnico di Emodialisi Qualificato Esperto Iscritto col n 2 nel Registro Nazionale dei Tecnici di Emodialisi Qualificati

Francesco Campanella Tecnico di Emodialisi Qualificato Esperto Iscritto col n 2 nel Registro Nazionale dei Tecnici di Emodialisi Qualificati Modulo di formazione per il Tecnico di Emodialisi 16 18 aprile 2012 Hotel Corallo Riccione Normative di riferimento in ambito dialitico Francesco Campanella Tecnico di Emodialisi Qualificato Esperto Iscritto

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1 Impianti industriali 2-2012 1 RIFERIMENTI NORMATIVI D.M.10/03/98 Criteri generali di sicurezza e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro D.M.04/04/98 Elenco attività normate (soggette a CPI)

Dettagli

ADATTATORI, ADATTATORI MULTIPLI, ADATTATORI MULTIPLI CON PROLUNGHE E PROLUNGHE

ADATTATORI, ADATTATORI MULTIPLI, ADATTATORI MULTIPLI CON PROLUNGHE E PROLUNGHE OPUSCOLO INFORMATIVO DEI LAVORATORI (ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) ADATTATORI, ADATTATORI MULTIPLI, ADATTATORI MULTIPLI CON PROLUNGHE E PROLUNGHE a cura del RESPONSABILE DEL SERVIZIO

Dettagli

AMBER/forkline. segnalazione per carrelli elevatori CATALOGO GENERALE

AMBER/forkline. segnalazione per carrelli elevatori CATALOGO GENERALE AMBER/forkline segnalazione per carrelli elevatori CATALOGO GENERALE AMBER/forkline segnalazione per carrelli elevatori La linea completa di segnalatori AMBER comprende anche: AMBER/serviline Un ampia

Dettagli

La Sicurezza delle Macchine. Tecnico della Prevenzione Dott. Tieri Sperduti

La Sicurezza delle Macchine. Tecnico della Prevenzione Dott. Tieri Sperduti La Sicurezza delle Macchine Tecnico della Prevenzione Dott. Tieri Sperduti Passaggio dalla vecchia alla nuova normativa di sicurezza Vecchio sistema : Macchine rivestite di Sicurezza: Si utilizzano le

Dettagli

alla norma tecnica Giorgio Belussi - IMQ

alla norma tecnica Giorgio Belussi - IMQ La conformità del prodotto alla norma tecnica Giorgio Belussi - IMQ SICUREZZA 2010 Fieramilano Milano, 18 novembre 2010 Workshop A.I.PRO.S. La certificazione dei Sistemi di Sicurezza Certificazione di

Dettagli

Introduzione. 2.1.1 Obblighi di legge generali

Introduzione. 2.1.1 Obblighi di legge generali 2.1 SICUREZZA ELETTRICA Introduzione In questo capitolo sono illustrati gli obblighi di legge e le principali caratteristiche legate agli impianti elettrici dei locali che ospitano le lavorazioni oggetto

Dettagli

Quadri elettrici e norme di riferimento

Quadri elettrici e norme di riferimento Quadri elettrici e norme di riferimento Nella realizzazione di un impianto di sicurezza, un attenzione particolare va posta al quadro elettrico, al quale fa capo l alimentazione dell impianto stesso. Innanzitutto,

Dettagli

Locali contenenti riscaldatori per saune Norme di installazione

Locali contenenti riscaldatori per saune Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti e indiretti Interruzione automatica dell alimentazione mediante interruttore differenziale con I dn non superiore a 30 ma. Norma CEI 64-8 sezione 703 - Art. 703.412.5

Dettagli

L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv

L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv 1 L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv La Norma CEI EN 50107 ( entrata in vigore nel settembre del 1999 e classificata come 34-86) fornisce i criteri

Dettagli

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti Norma CEI 64-8 e aggiornamenti Arcavacata Rende, 8 ottobre 2010 La luce come requisito di legge negli ambienti di lavoro Come riconoscere un apparecchio di illuminazione Direttiva ECOdesign e possibili

Dettagli

PROVE DI RIFERIMENTO RICHIAMATE NEL CATALOGO

PROVE DI RIFERIMENTO RICHIAMATE NEL CATALOGO PROVE DI RIFERIMENTO RICHIAMATE NEL CATALOGO Norme e prove Le norme e le prove prese in considerazione, sono le norme tecniche armonizzate CENELEC che danno la presunzione di conformità alle direttive

Dettagli

Dossier tecnico n 7. Involucri e gradi di protezione

Dossier tecnico n 7. Involucri e gradi di protezione Dossier tecnico n 7 Involucri e gradi di protezione Involucri e gradi di protezione Dossier tecnico n 7 Redatto a cura del Attività Bassa Tensione La protezione delle persone contro i contatti diretti

Dettagli

MACCHINE SICURE. MACCHINE SICURE Vittore Carassiti - INFN FE 1

MACCHINE SICURE. MACCHINE SICURE Vittore Carassiti - INFN FE 1 Vittore Carassiti - INFN FE 1 LA SICUREZZA DEI LUOGHI DI LAVORO Ha il suo riferimento base in un numero di direttive comunitarie di tipo sociale Esse sono state recepite in blocco in Italia mediante il

Dettagli

Marcatura CE. Logo della marcatura CE

Marcatura CE. Logo della marcatura CE Marcatura CE Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Logo della marcatura CE La marcatura CE è un contrassegno che deve essere apposto su determinate tipologie di prodotti dal fabbricante stesso che con essa

Dettagli

/HJJLSULQFLSDOLLQWHPDGL VLFXUH]]DGHJOLLPSLDQWLHOHWWULFL

/HJJLSULQFLSDOLLQWHPDGL VLFXUH]]DGHJOLLPSLDQWLHOHWWULFL /HJJLSULQFLSDOLLQWHPDGL VLFXUH]]DGHJOLLPSLDQWLHOHWWULFL DPR n 547/55 1RUPHSHUODSUHYHQ]LRQHGHJOLLQIRUWXQLVXO ODYRUR Legge n 186/68 'LVSRVL]LRQLFRQFHUQHQWLODSURGX]LRQHGL PDWHULDOLDSSDUHFFKLDWXUHPDFFKLQDULLQVWDOOD]LRQLHLPSLDQWL

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Guida alla progettazione ed all installazione secondo le norme tecniche CEI e UNI di MARCO

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Sistema di Gestione per la Qualità ISO 9001:2000 Certificato CSQ n.9122 ASLB Servizio Impiantistica e Sicurezza Lavoro Responsabile: Ing. Basilio A. Sertori 24125 Bergamo Via

Dettagli

Resistenza al fuoco di tetti a falda in legno

Resistenza al fuoco di tetti a falda in legno Resistenza al fuoco di tetti a falda in legno Prove di comportamento al fuoco di strutture edilizia isolate con schiume poliuretaniche Protezione passiva dal rischio incendi Come è noto per la valutazione

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

Nuova normativa EN 61439-1 per i quadri elettrici di bassa tensione

Nuova normativa EN 61439-1 per i quadri elettrici di bassa tensione per i quadri elettrici di bassa tensione Pubblicato il: 28/02/2005 Aggiornato al: 28/02/2005 di Gianfranco Ceresini Sta per terminare la stagione dei quadri AS e ANS che ha caratterizzato l'ultimo decennio.

Dettagli

Materiale didattico validato da: Impianti elettrici

Materiale didattico validato da: Impianti elettrici Impianti elettrici 1. Legislazione Applicabile 2. Valutazione del rischio elettrico 3. Contatti diretti e indiretti 4. Misure di protezione 5. Verifiche periodiche 6. Scariche atmosferiche 7. Centrali

Dettagli

SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE

SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE COMUNE DI AVELLINO SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE Norme installazione UNI 10683 GENERATORI DI CALORE ALIMENTATI A LEGNA O DA ALTRI BIOCOMBUSTIBILI SOLIDI- REQUISITI DI INSTALLAZIONE.

Dettagli

Statistica degli infortuni

Statistica degli infortuni SEMINARIO VAL DELLA TORRE 15 febbraio 2013 LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DEI CANTIERI EDILI: suggerimenti operativi per i CSP/CSE Relatore Dott. Ing. Dario CASTAGNERI Tecnico della prevenzione

Dettagli

L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia

L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia Pubblicato il: 11/12/2003 Aggiornato al: 11/12/2003 di Gianluigi Saveri Secondo la Norma 64-8 sez. 701, in funzione della pericolosità, nei locali bagno

Dettagli

Normativa tecnica e marcatura CE. Sommario. Documenti Normativi Industria e Marcatura CE Conclusioni

Normativa tecnica e marcatura CE. Sommario. Documenti Normativi Industria e Marcatura CE Conclusioni Normativa tecnica e marcatura CE Sommario Documenti Normativi Industria e Marcatura CE Conclusioni 1 Documenti Normativi Finalità ed Uso Finalità Definire lo Stato dell Arte nei rispettivi settori di competenza

Dettagli

2PI Sas di Maurizio Pitta & C.

2PI Sas di Maurizio Pitta & C. Nozioni di Illuminotecnica. L'illuminotecnica è una scienza che ha come oggetto la caratterizzazione delle sorgenti di luce artificiale e lo studio degli effetti che esse hanno su ambienti esterni, interni,

Dettagli

NORMATIVA CAMINI/CANNE FUMARIE

NORMATIVA CAMINI/CANNE FUMARIE Fonte: G.B.D. spa 30 Parametri a normadi Paolo Grisoni La definizione di alcune importanti norme europee hanno completamente ridefinito gli standard per i sistemi di scarico dei prodotti della combustione

Dettagli

Guida per l installazione degli impianti fotovoltaici

Guida per l installazione degli impianti fotovoltaici Prescrizioni di prevenzione incendi per attività ove sono installati pannelli fotovoltaici 1 CONTENUTI DELLA GUIDA PREMESSA CAMPO DI APPLICAZIONE REQUISITI TECNICI CARATTERISTICHE DOCUMENTAZIONE VERIFICHE

Dettagli

GRADO DI PROTEZIONE 30/05/2003 1

GRADO DI PROTEZIONE 30/05/2003 1 GRADO DI PROTEZIONE 30/05/2003 1 Involucri Funzioni dell involucro: proteggere i componenti dagli agenti nocivi esterni impedire l ingresso dell acqua e dei corpi solidi proteggere le persone dai contatti

Dettagli

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il sistema nervoso dell impianto elettrico Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il compito principale di un cavo è quello di trasportare l energia all interno di un

Dettagli

L equipaggiamento elettrico delle macchine

L equipaggiamento elettrico delle macchine L equipaggiamento elettrico delle macchine Convegno La normativa macchine: obblighi e responsabilità 4 giugno 05 Ing. Emilio Giovannini Per. Ind. Franco Ricci U.F. Prevenzione e Sicurezza Verifiche Periodiche

Dettagli

La direttiva MID Applicazione nella vendita sfusa di detersivi

La direttiva MID Applicazione nella vendita sfusa di detersivi 1 La direttiva MID Applicazione nella vendita sfusa di detersivi Torino, 10 aprile 2013 Igor Gallo 2 D. Lgs. N. 22/2007 Recepimento direttiva MID Recepimento della nuova Direttiva Europea 2004/22/CE MID

Dettagli

IIS VANVITELLI STRACCA ANGELINI - ANCONA

IIS VANVITELLI STRACCA ANGELINI - ANCONA IIS VANVITELLI STRACCA ANGELINI - ANCONA Responsabile di Laboratorio Il Compilatore ----------------------------------------------------------------------- S C H E D A D I M A N U T E N Z I O N E A P P

Dettagli

Orac Decor Illuminazione

Orac Decor Illuminazione Orac Decor Illuminazione Sezione 1 Informazioni generali 1. Quale è la temperatura massima per i profili Orac Decor abbinati all illuminazione? I profili Orac Decor possono raggiungere la temperatura massima

Dettagli

ISPESL DIPARTIMENTO DI ROMA ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 1

ISPESL DIPARTIMENTO DI ROMA ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 1 ISPESL DIPARTIMENTO DI ROMA ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 1 RISCHIO ELETTRICO ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 2 PANORAMA LEGISLATIVO NEL SETTORE ELETTRICO ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 3 IMPIANTI E

Dettagli

Le direttive nuovo approccio applicabili alle macchine in riferimento alla direttiva 2006/42/CE

Le direttive nuovo approccio applicabili alle macchine in riferimento alla direttiva 2006/42/CE Le direttive nuovo approccio applicabili alle macchine in riferimento alla direttiva 2006/42/CE Cuneo, 8 Ottobre 2013 Ivan Furcas ivan.furcas@it.bureauveritas.com Sviluppo della legislazione di prodotto

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI - LOCALI BAGNI E DOCCE

IMPIANTI ELETTRICI - LOCALI BAGNI E DOCCE IMPIANTI ELETTRICI - LOCALI BAGNI E DOCCE Sommario 1. Definizione 2. Fonti normative 3. Questioni interpretative 4. Caratteristiche e modalità di installazione 5. Adempimenti amministrativi 6. Voci di

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica (Seconda parte) Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Concluso l esame a vista, secondo quanto

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO ILLUMINAZIONE PUBBLICA STRADE DI LOTTIZZAZIONE

IMPIANTO ELETTRICO ILLUMINAZIONE PUBBLICA STRADE DI LOTTIZZAZIONE OGGETTO Variante al piano attuativo di iniziativa privata ai sensi della L.R. 11/2005 autorizzato con delibera del C.C. n. 125 del 21/12/2005 S. Angelo di Celle - Deruta (Perugia) COMMITTENTE Novatecno

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato Interruttori di sicurezza ad azionatore separato Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 5 6 9 scatto rapido sovrapposti FD FP FL FC 21 22

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea (2006/C 306/02)

Gazzetta ufficiale dell'unione europea (2006/C 306/02) C 306/2 Comunicazione della Commissione nell'ambito dell'applicazione della direttiva 94/9/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 marzo 1994, concernente il ravvicinamento delle legislazioni

Dettagli

SISTEMA ELETTRICO, NORMATIVA E LEGISLAZIONE

SISTEMA ELETTRICO, NORMATIVA E LEGISLAZIONE SISTEMA ELETTRICO, NORMATIVA E LEGISLAZIONE INDICE Generalità sulla produzione, il trasporto e la distribuzione dell energia elettrica. Normativa, unificazione, certificazione e controllo sugli impianti

Dettagli

Titolo. Title. Sommario

Titolo. Title. Sommario Norma Italiana Data Pubblicazione Titolo Title Sommario Norma italiana Classificazione Edizione Nazionali Europei Internazionali Legislativi Legenda (IDT) - La Norma in oggetto è identica alle Norme indicate

Dettagli

LE DIRETTIVE EUROPEE ED IL RUOLO DEGLI ORGANISMI

LE DIRETTIVE EUROPEE ED IL RUOLO DEGLI ORGANISMI LE DIRETTIVE EUROPEE ED IL RUOLO DEGLI ORGANISMI BERGAMO, 20.12.2005 Relatore: dott. ing. Pier Alberto Frighi DIRETTIVE EUROPEE SETTORIALI Documenti promulgati dal Legislatore europeo per gamma di prodotti,

Dettagli

RISCHI DERIVANTI DALL USO DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE

RISCHI DERIVANTI DALL USO DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE Pagina 1 di 5 INDICE Scopo Riferimenti normativi Campo di applicazione Responsabilità ed aggiornamento Rischi derivanti dall uso di apparecchiature a funzionamento elettrico Cautele e misure di prevenzione

Dettagli

INDICE Manuale Volume 2

INDICE Manuale Volume 2 INDICE Manuale Volume 2 Pag. NOTA DEGLI EDITORI PREFAZIONE 1. INTRODUZIONE 1 2. DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E RIFERIMENTI NORMATIVI 3 2.1 Principali disposizioni legislative 3 2.2 Principali norme tecniche

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER STUDENTI DELL ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO NEL COMPARTO EDILE

CORSO DI FORMAZIONE PER STUDENTI DELL ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO NEL COMPARTO EDILE CORSO DI FORMAZIONE PER STUDENTI DELL ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO NEL COMPARTO EDILE ASL della Provincia di Bergamo Servizio Prevenzione e Sicurezza negli

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO SCHEMA per il rilascio del certificato di costanza della prestazione ai fine della marcatura CE di segnali permanenti di cui alla norma UNI EN 12899 1 ed. 2008 0 STORIA Edizione 0 14/10/2009 Schema per

Dettagli

La sicurezza elettrica nelle location di eventi. La sicurezza elettrica I requisiti delle location, la fase di cantiere e la fase di evento.

La sicurezza elettrica nelle location di eventi. La sicurezza elettrica I requisiti delle location, la fase di cantiere e la fase di evento. La sicurezza elettrica I requisiti delle location, la fase di cantiere e la fase di evento. Requisiti location Decreto Interministeriale del 22 luglio 2014 Sicurezza nel Montaggio/Smontaggio Palchi Requisiti

Dettagli

ARCA, marchio di qualità per gli edifici in legno 7 ottobre 2011 MADE Rho (MI)

ARCA, marchio di qualità per gli edifici in legno 7 ottobre 2011 MADE Rho (MI) ARCA, marchio di qualità per gli edifici in legno 7 ottobre 2011 MADE Rho (MI) La sicurezza al fuoco nella progettazione e posa in opera di canne fumarie Dott.ing. Paolo Bosetti Servizio Antincendi e Protezione

Dettagli

Lo standard accettato per le macchine non marcate CE L allegato V del D. Lgs.. 81/08

Lo standard accettato per le macchine non marcate CE L allegato V del D. Lgs.. 81/08 Lo standard accettato per le macchine non marcate CE L allegato V del D. Lgs.. 81/08 Bologna - 4 maggio 2011 Ing. Mario Alvino Coordinatore Operativo CTS L Allegato V del Testo Unico tratta i requisiti

Dettagli

Impianti di rilevamento fumi (Norme di installazione)

Impianti di rilevamento fumi (Norme di installazione) Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti e indiretti: La protezione contro i contatti diretti ed indiretti degli apparecchi elettrici ed elettronici presenti nell impianto e dei rispettivi

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI 1. premessa Il complesso immobiliare oggetto dell intervento consta di due edifici, CENTRO DI AGGREGAZIONE GIOVANILE PER L ARTE E LA CULTURA e OSTELLO DELLA GIOVENTU

Dettagli

Le novità della Norma CEI 64-8

Le novità della Norma CEI 64-8 Le novità della Norma CEI 64-8 Giuseppe Bosisio Comitato Elettrotecnico Italiano 1 Le novità della Norma CEI 64-8 -COME CAMBIA - Parte 1- Oggetto, scopo e principi - fondamentali - Parte 2 Definizioni

Dettagli

Saldatura ad arco Generalità

Saldatura ad arco Generalità Saldatura ad arco Saldatura ad arco Generalità Marchio CE: il passaporto qualità, conformità, sicurezza degli utenti 2 direttive europee Direttiva 89/336/CEE del 03 maggio 1989 applicabile dall 01/01/96.

Dettagli

Norma 17-13. Generalità

Norma 17-13. Generalità QUADRI ELETTRICI Generalità Norma 17-13 I quadri elettrici, sono da considerare componenti dell impianto. Essi devono rispondere alla Norma CEI 17-13, che riporta le prescrizioni generali e distingue:

Dettagli

INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN

INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN 12445 Con la

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI & Valutazione del RISCHIO ELETTRICO. Il RISCHIO ELETTRICO. Dal punto di consegna... D.Lgs 81 R.el. - Pagani 1

IMPIANTI ELETTRICI & Valutazione del RISCHIO ELETTRICO. Il RISCHIO ELETTRICO. Dal punto di consegna... D.Lgs 81 R.el. - Pagani 1 IMPIANTI ELETTRICI & Valutazione del RISCHIO ELETTRICO Dal punto di consegna... 2 Il RISCHIO ELETTRICO è da intendersi come il rischio di infortunio CAUSATO da un impianto elettrico Il danno conseguente

Dettagli

DISEGNI QUOTATI. catalogo 2013-2014. I disegni quotati sono pubblicati in ordine alfabetico di denominazione. CABLAGGIO DUCKTAMARK 1 SEP-E Ø 6 A B 6,5

DISEGNI QUOTATI. catalogo 2013-2014. I disegni quotati sono pubblicati in ordine alfabetico di denominazione. CABLAGGIO DUCKTAMARK 1 SEP-E Ø 6 A B 6,5 Ø 6 catalogo 2013-2014 DISEGNI QUOTTI I disegni quotati sono pubblicati in ordine alfabetico di denominazione. BLOKSEP-E DINBLOK 3 4 50 14 DUCTFIX 30 15 16 DUCKTMRK 1 26 SEP-E DENOMINZIONE QUOTE B C D

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI ENERGIA ELETTRICA

IMPIANTI ELETTRICI ENERGIA ELETTRICA IMPIANTI ELETTRICI ENERGIA ELETTRICA forma di energia più conosciuta ed utilizzata facilmente trasportabile facilmente trasformabile in energia meccanica, termica, chimica, luce pericolosa in caso di guasti,

Dettagli

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

COI SISTEMI FASSA. Dott. Vincenzo De Astis Responsabile Tecnico Sistema Cartongesso. Milano, 26 Ottobre 2011

COI SISTEMI FASSA. Dott. Vincenzo De Astis Responsabile Tecnico Sistema Cartongesso. Milano, 26 Ottobre 2011 LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO COI SISTEMI FASSA Dott. Vincenzo De Astis Responsabile Tecnico Sistema Cartongesso Milano, 26 Ottobre 2011 COMPORTAMENTO IN CASO DI INCENDIO La Prevenzione è una materia

Dettagli

AA 2002 2003 Corso di impianti elettrici. Lezione 3 - Legislazione

AA 2002 2003 Corso di impianti elettrici. Lezione 3 - Legislazione AA 2002 2003 Corso di impianti elettrici Lezione 3 - Legislazione Legislazione Lo Stato tutela l individuo come cittadino e come lavoratore, in particolare per quanto riguarda:! la salute! la sicurezza

Dettagli

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading I cambiamenti climatici. Alcuni dati Negli ultimi 100 anni le temperature media sono aumentate di

Dettagli

INNOVATICA. DSO300E02 Generatori aerosol per lo spegnimento incendio

INNOVATICA. DSO300E02 Generatori aerosol per lo spegnimento incendio Pagina 1 di 5 INNOVATICA presenta l estinguente del futuro DSO300E02 Generatori aerosol per lo spegnimento incendio Rapido Sicuro ed affidabile Efficace ed efficiente Compatibile con l ambiente INNOVATICA,

Dettagli

Disciplinare descrittivo e prestazionale

Disciplinare descrittivo e prestazionale Disciplinare descrittivo e prestazionale Sommario PREMESSA... 1 OGGETTO DELL APPALTO... 1 REQUISITI DI RISPONDENZA A NORME, LEGGI E REGOLAMENTI... 1 ILLUMINAZIONE PUBBLICA, QUADRI E LINEE ELETTRICHE...

Dettagli

Sicurezza impianti elettrici

Sicurezza impianti elettrici Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Capo III Impianti e apparecchiature elettriche Obblighi del datore di lavoro Il datore di lavoro prende le misure necessarie affinché i materiali, le apparecchiature

Dettagli

MAGAZZINIILLUMINAZIONE

MAGAZZINIILLUMINAZIONE MAGAZZINIILLUMINAZIONE 1 2 3 Lybra Design Carlo Mannucci 4 5 LYBRA LEADER H. max 285 - min 166 - Sp. 225 - L. 55 Base metallo 29x40 - Paralume D.55 h.24 1 x 105W E27 1 x 30W E27 NC BC AC 50 6 7 LYBRA LUXURY

Dettagli

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 Rischio elettrico in edilizia DIVO PIOLI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Attuazione art. 1 L. 123/2007 ELETTRICITA CONTATTI DIRETTI CONTATTI INDIRETTI

Dettagli

Ospedale dei SS. Cosma e Damiano REALIZZAZIONE CENTRALE FRIGORIFERA LABORATORIO ANALISI

Ospedale dei SS. Cosma e Damiano REALIZZAZIONE CENTRALE FRIGORIFERA LABORATORIO ANALISI Azienda USL n. 3 Pistoia P.IVA 01241740479 Area Funzionale Tecnica Settore Tecnico Distaccato della Z/D Valdinievole P.zza XX Settembre, 22 51017 Pescia (PT) Tel. 0572-460431 fax 0572/460433 Ospedale dei

Dettagli

Impianti Tecnologici

Impianti Tecnologici Impianti Tecnologici OGGETTO: ELENCO DELLE PRINCIPALI NORME E GUIDE CEI Il presente Registro è redatto in n. 11 pagine (copertina presente) ver. 1.0 1 Elenco Norme e Guide CEI 0-1 Adozione di nuove norme

Dettagli

IL LEGNO: REAZIONE AL FUOCO

IL LEGNO: REAZIONE AL FUOCO PREMESSA Il legno è un materiale che, impiegato nelle costruzioni con diverse finalità (ad es. strutturali, decorativi o di arredamento ecc.), ha sempre posto il problema della sua combustibilità, intesa

Dettagli

0.0.2 Normalmente si considerano le seguenti tipologie di attività di manutenzione:

0.0.2 Normalmente si considerano le seguenti tipologie di attività di manutenzione: 0.0.0 PREMESSA 0.0.1 Come manutenzione si identifica un tipo di attività il cui scopo è quello di mantenere funzionanti ed in sicurezza, con le prescrizioni qualitative e quantitative gli impianti elettrici.

Dettagli