1. INTRODUZIONE 2. RISULTATI DELL ANALISI MINERALOGICO- PETROGRAFICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. INTRODUZIONE 2. RISULTATI DELL ANALISI MINERALOGICO- PETROGRAFICA"

Transcript

1 ANALISI ARCHEOMETRICA DI REPERTI CERAMICI ALTO MEDIEVALI RINVENUTI IN TRE SITI DI SCAVO DELLA SICILIA OCCIDENTALE di R. ALAIMO *, R. GIARRUSSO **, I. ILIOPOULOS *** G. MONTANA *** * Cattedra di Archeometria, Corso di Laurea in Conservazione dei Beni Culturali - Università di Palermo ** CEPA srl, Centro per la Protezione Ambientale e l Analisi dei Materiali, Palermo *** Dipartimento di Chimica e Fisica della Terra ed Applicazioni alle Georisorse e ai Rischi Naturali - Università di Palermo 1. INTRODUZIONE In questa nota sono riportati i risultati delle indagini mineralogico-petrografiche effettuate su materiale ceramico alto medievale rinvenuto in tre scavi stratigrafici condotti nell isola di Marettimo (Contrada Case Romane), nel Duomo di Cefalù e presso Palazzo Galletti a Palermo. Le ceramiche analizzate sono rappresentate da frammenti di contenitori da trasporto (anfore di medie dimensioni a corpo ovoidale: 11 campioni) e ceramica da fuoco (pentole con orlo a tesa: 2 campioni), datati tra il VII e il IX secolo. La descrizione del contesto storico-archeologico e delle peculiarità tipologico-stilistiche dei reperti esaminati, è riportata, con ricchezza di particolari, in una nota presentata in questo stesso volume (cfr F. ARDIZZONE). Le caratteristiche composizionali, strutturali e tessiturali dell impasto ceramico (fabric) sono state studiate mediante l osservazione di sezioni sottili al microscopio polarizzatore. 2. RISULTATI DELL ANALISI MINERALOGICO- PETROGRAFICA Di seguito vengono riportati i risultati dell osservazione microscopica di tutti i campioni. Le stime di addensamento percentuale e delle caratteristiche morfologiche del degrassante sabbioso e dei macropori sono state effettuate mediante confronto visivo con tavole di comparazione (TERRY- CHILINGAR, 1955; TUCKER, 1981; BULLOCK et al., 1985). 2.1 REPERTI PROVENIENTI DALL ISOLA DI MARETTIMO, CONTRADA CASE ROMANE CAMPIONE MRT57 (Frammento di parete di anfora) Lo scheletro degrassante è omogeneamente distribuito, con addensamento compreso tra il 5 e 10%. La granulometria è uniforme e risulta compresa in prevalenza, nella classe della sabbia molto fine (0,06-0,125 mm), ad eccezione di alcuni granuli che possiedono dimensioni relativamente maggiori (sino ad un massimo di 0,4 mm). La forma dei clasti varia da angolosa a subangolosa La composizione del degrassante sabbioso è data prevalentemente da quarzo, insieme a quantità minori di feldspato (ortoclasio, sanidino e plagioclasio) e mica. Sporadicamente sono stati identificati clinopirosseno e litici vulcanici a tessitura vitrofirica. La frazione granulometrica più grossolana è rappresentata esclusivamente da granuli di sanidino. Raramente sono stati individuati granuli di selce e di quarzo policristallino. Tra i costituenti fondamentali dell impasto vanno aggiunti anche bioclasti e litici carbonatici di varia natura. Questi, nella maggior parte dei casi, risultano decomposti in seguito al processo di cottura e, pertanto, non sono più riconoscibili, se non indirettamente, dai pori da impronta (cast) o dai grumi di calcite microcristallina (calcinelli). Questi ultimi derivano dalla ricarbonatazione dell ossido di calcio residuo, a sua volta prodotto dalla decomposizione termica dei carbonati primari. In alcuni casi, la morfologia esterna del granulo carbonatico primario risulta ancora abbastanza preservata (Fig. 1). La pasta di fondo mostra una colorazione d insieme rossastra a nicol incrociati e risulta otticamente inattiva. La macroporosità è stata stimata intorno al 5% ed è rappresentata, per lo più, da pori da impronta, derivanti da decomposizione termica di bioclasti calcarei, con dimensioni comprese tra 0,05 e 0,3 mm e con forma tondeggiante. Sono presenti anche vacuoli a morfologia irregolare e dimensioni relativamente più grossolane (sino a 1,2 mm). CAMPIONE MRT59 (Frammento di parete di anfora) Lo scheletro degrassante è ben distribuito, con addensamento pari al 10%. I clasti hanno dimensioni comprese prevalentemente nella classe della sabbia molto fine (0,06-0,125 mm) con classazione media e diametro massimo di 0,7 mm. La forma dei clasti varia da subangolosa ad angolosa, Lo scheletro sabbioso è costituito da quarzo (predominante) e, subordinatamente, feldspato potassico (ortoclasio e sanidino), plagioclasio, mica, sporadici granuli di selce. Rari i litici vulcanici e il quarzo policristallino. La frazione granulometricamente più grossolana è rappresentata dal sanidino. La pasta di fondo risulta otticamente isotropa ed uniformemente pigmentata da abbondanti ossidi di ferro (colore d insieme a nicol incrociati rosso-bruno). La macroporosità è del 3-5% ed appare costituita, per lo più, da pori di forma arrotondata, con diametro compreso tra 0,05 e 0,2 mm. Subordinatamente sono stati riscontrati vacuoli di forma irregolare, con dimensioni relativamente più grossolane (0,2-0,7 mm). Gran parte dei pori risultano rivestiti da calcite secondaria. La presenza di pori da impronta con orli di schiarimento sono, come noto, una prova indiretta della presenza di una componente carbonatica nella materia prima argillosa, non più rilevabile a causa della elevata temperatura di cottura. Campione MRT60 (Frammento di parete di anfora) Lo scheletro degrassante appare omogeneamente distribuito, con addensamento del 10%. La granulometria è abbastanza uniforme, con dimensioni prevalenti che ricadono nella classe della sabbia molto fine (0,06-0,125 mm), con diametro massimo pari a 0,6 mm. I clasti hanno una forma da angolosa a subangolosa e sfericità medio-alta. La sabbia risulta composta in prevalenza da quarzo monocristallino. Meno frequentemente si notano feldspato potassico (sanidino e ortoclasio), plagioclasio, mica, selce. Sporadici, risultano il clinopirosseno, i frammenti di lave trachitiche ed i granuli di quarzo policristallino. La frazione granulometricamente più grossolana è quasi esclusivamente rappresentata dal sanidino. La pasta di fondo ha una tessitura otticamente isotropa. Osservata a nicol incrociati, essa appare di colore verde brunastro con numerose chiazze rossastre legate a concentrazioni particolari di ossidi di ferro. La macroporosità è del 5% ed è rappresentata da pori grossolani (0,3-1 mm) di forma irregolare e pori di minor dimensione (0,05-0,1 mm) di forma arrotondata. Questi ultimi derivano chiaramente dalla decomposizione, per cottura, di microfossili calcarei, che, insieme a litoclasti carbonatici di varia natura, rappresentavano una componente quantitativamente non trascurabile dello scheletro degrassante. Da notare, infine, la frequente presenza di calcite secondaria all interno dei pori. CAMPIONE MRT61 (Frammento di parete di anfora con graffito) La sabbia degrassante è omogeneamente distribuita e presenta un addensamento pari al 10%. La distribuzione granulometrica dello granuli è compresa, in prevalenza, nella 2001 Edizioni all Insegna del Giglio - vietata la riproduzione e qualsiasi utilizzo a scopo commerciale 7

2 Fig. 1 Campione MRT57 (anfora -Marettimo). Microfotografia in sezione sottile in cui è mostrato un calcinello derivante dalla decomposizione termica di un bioclasto, che preserva ancora l originale forma esterna. (nicol +; barra dimensionale = 0.2 mm). Fig. 2 Campione MRT104 (anfora-marettimo). Microfotografia in sezione sottile che mostra un cristallo di plagioclasio vulcanico con evidente zonatura (nicol +; barra dimensionale = 0.2 mm). Fig. 3 Campione K80/94.1 (anfora-cefalù). Microfotografia in sezione sottile in cui si nota, al centro, un grosso cristallo geminato di sanidino (nicol +; barra dimensionale = 0.2 mm). Fig. 4 Campione K80/103.3a (pentola-cefalù). Microfotografia in sezione sottile con evidente alterazione sericitica sul cristallo di plagioclasio che occupa il centro del campo visivo (nicol +; barra dimensionale = 0.2 mm). classe della sabbia molto fine (0,06-0,125 mm). La classazione è buona ed il diametro massimo riscontrato è di 0,2 mm. La forma dei clasti varia da angolosa a subangolosa Dal punto di vista composizionale, il quarzo monocristallino è certamente il costituente più abbondante, seguito da feldspato potassico (sanidino e ortoclasio) plagioclasio, mica, quarzo policristallino, selce, biotite, e frammenti di vetro vulcanico. La pasta di fondo risulta, per lo più, otticamente inattiva ad esclusione di alcune plaghe anisotrope dovute alla presenza di calcite secondaria microcristallina. La porosità è del 3-5% ed è rappresentata da macropori di forma arrotondata, con diametro compreso tra 0,05 e 0,3 mm, molti dei quali derivano dalla decomposizione, per cottura, di microfossili calcarei Sono presenti inoltre alcuni pori di forma irregolare, con dimensioni grossolane (0,3-0,7 mm), derivanti dalla calcinazione di litoclasti calcarei. Gran parte dei pori risultano rivestiti da calcite secondaria. CAMPIONE MRT62 (Frammento di parete di anfora con lettere graffite sulla spalla) Lo scheletro degrassante è omogeneamente distribuito con addensamento intorno al 10%. La distribuzione granulometrica risulta abbastanza uniforme, essenzialmente compresa nella classe della sabbia molto fine (0,06-0,125 mm), con un diametro massimo di 0,4 mm. La forma dei clasti varia da angolosa a subangolosa, I clasti risultano costituiti in prevalenza da quarzo monocristallino, feldspato potassico (sanidino e ortoclasio), plagioclasio, mica (muscovite e subordinatamente biotite), granuli di selce, clinopirosseno (di colore verde tenue e leggermente pleocroico), granato, quarzo policristallino, litici vulcanici (più o meno alterati) a tessitura vitrofirica e, più raramente, a tessitura olocristallina intergranulare. Rari i litici metamorfici a tessitura fine. I granuli più grossolani sono rappresentati da litoclasti vulcanici. La pasta di fondo risulta in gran parte otticamente inattiva e mostra, a nicol incrociati, colore bruno-rossastro. La macroporosità è del 5% circa ed è costituita da pori di forma arrotondata, con dimensioni comprese tra 0,05 e 0,2 mm, derivanti dalla decomposizione di microfossili calcarei. Alcuni pori presentano una sottile bordatura costituita da calcite secondaria. CAMPIONE MRT103 (Frammento di parete di anfora) Lo scheletro degrassante è omogeneamente distribuito, con addensamento del 10-15%. La granulometria dello scheletro è bimodale, con una moda primaria rappresentata dalla sabbia molto fine (0,06-0,125 mm) ed una secondaria corrispondente alla classe dimensionale della sabbia grossolana (0,5-1,0 mm). La forma dei clasti è in generale angolosa, I clasti sabbiosi risultano composti, in prevalenza, da quarzo, feldspato potassico (sanidino, ortoclasio e raro microclino), plagioclasio, frammenti di rocce metamorfiche (gneiss quarzoso-feldspatici con muscovite e/o biotite), quarzo policristallino. Con frequenza relativamente minore sono stati notati anche clasti di clinopirosseno ed anfibolo, rari litici vulcanici e selce. L impasto è caratterizzato dalla presenza di numerosi microfossili parzialmente calcinati e rappresentati, per lo più, da Globigerine. Sono 2001 Edizioni all Insegna del Giglio - vietata la riproduzione e qualsiasi utilizzo a scopo commerciale 8

3 stati individuati alcuni frammenti di grog (ben visibili anche macroscopicamente) la cui presenza è, tuttavia, da considerare senz altro accidentale. La pasta di fondo ha una tessitura otticamente isotropa e, osservata in luce polarizzata, mostra un colore rossastrobruno. La porosità è del 3% ed è rappresentata in prevalenza dai pori interni dei microfossili. Inoltre, sono presenti anche macropori di forma irregolare, con dimensioni medie di 0,2 mm. CAMPIONE MRT104 (Frammento di parete di anfora) Lo scheletro degrassante appare omogeneamente distribuito con addensamento del 10-15%. La granulometria dello scheletro è spiccatamente bimodale con mode corrispondenti alle classi del silt grossolano (0,03-0,06) e della sabbia media (0,25-0,5). La massima dimensione dei clasti è di 0,9 mm e la forma varia da angolosa a subangolosa con sfericità medio-alta. La composizione è data principalmente da quarzo monocristallino, feldspato potassico (sanidino e ortoclasio pertitico), plagioclasio e granuli policristallini di rocce granitoidi e gneissiche. Meno frequentemente si notano granuli di clinopirosseno e di anfibolo. Quest ultimo appare profondamente alterato per cottura. Talvolta il plagioclasio presenta una vistosa zonatura che ne indica un origine vulcanica (Fig. 2). Raramente sono stati individuati litici vulcanici. Da notare, inoltre, la presenza nell impasto di alcuni grumi di calcite microcristallina (calcinelli), con dimensioni medie di 0,3 mm, derivanti dalla ricarbonatazione dell ossido di calcio residuo della decomposizione termica dei carbonati primari. La frazione siltosa ha una composizione quarzoso-feldspatico-micacea. La pasta di fondo ha una tessitura otticamente isotropa e risulta pigmentata da abbondanti ossidi di ferro. La macroporosità è del 3-5% ed è rappresentata da pori sia di forma arrotondata che irregolare, con dimensioni comprese tra 0,05 e 0,3 mm, che derivano, in gran parte, dalla decomposizione, per cottura di microfossili calcarei e litoclasti carbonatici. Molti dei pori risultano rivestiti da calcite secondaria e in alcuni casi si nota un orlo di reazione con la matrice argillosa (bordo schiarito), tipicamente indicativo della formazione dei silicati calcici secondari (da cottura) come gehlenite e diopside. 2.2 REPERTI PROVENIENTI DAL DUOMO DI CEFALÙ CAMPIONE K80/94.1 (Frammento di anfora) Lo scheletro degrassante presenta un addensamento addensamento intorno al 15%. La granulometria è uniforme, in prevalenza compresa nella classe della sabbia molto fine (0,06-0,125 mm), con dimensioni che raramente superano tale intervallo, raggiungendo un valore massimo di 0,5 mm. La forma dei clasti è subangolosa con sfericità medioalta. La composizione è data da quarzo, feldspato potassico (ortoclasio e sanidino), plagioclasio, mica (muscovite e sporadicamente biotite), vetro vulcanico, clinopirosseno, selce. I granuli che presentano dimensioni mediamente più grossolane sono costituiti da sanidino (Fig. 3). Rari i frammenti di litici cristallini e i granuli di quarzo policristallino. I granuli di vetro vulcanico appaiono per lo più non alterati e presentano una bollosità generalmente molto sviluppata. Da notare, inoltre, la presenza nell impasto di numerosi calcinelli aventi le stesse dimensioni degli altri costituenti dello scheletro sabbioso. La pasta di fondo risulta otticamente isotropa. Quando osservata a nicol incrociati appare di colore bruno-rossastro. La macroporosità è pari al 5% ed è rappresentata in prevalenza da pori di forma arrotondata con dimensioni medie di 0,1 mm, molti dei quali chiaramente derivanti dalla decomposizione per cottura di originari microfossili calcarei. CAMPIONE K80/103.1 (Frammento di anfora) Lo scheletro degrassante è omogeneamente distribuito con addensamento del 15-20% ed ha una granulometria uniforme in prevalenza compresa nell intervallo della sabbia molto fine (0,06-0,12 mm) con dimensioni massime di 0,6 mm. La forma dei clasti varia da angolosa a subangolosa La composizione è data da quarzo (predominante), feldspato potassico (ortoclasio, sanidino subordinato e raro microclino), plagioclasio, frammenti di vetro vulcanico, litici vulcanici, mica, clipirosseno, litici cristallini, granuli di selce e raro quarzo policristallino. Nei litoclasti di origine vulcanica la fase vetrosa appare quasi sempre alterata, semiopaca, di colore giallo-rossastro e con netta polarizzazione d aggregato a nicol incrociati. L ortoclasio appare anch esso per lo più alterato con formazione di prodotti argillosi o sericitici, mentre il plagioclasio, il sanidino e il pirosseno non mostrano segni di alterazione. I granuli di sanidino si distinguono dagli altri componenti dello scheletro in quanto presentano dimensioni mediamente più grossolane. La pasta di fondo risulta otticamente isotropa e di colore bruno-rossastro per l abbondante presenza di ossidi di ferro. La macroporosità è del 10% ed è rappresentata per lo più da pori di forma arrotondata con dimensioni medie di 0,1 mm, derivanti dalla decomposizione di carbonati primari. Nelle porzioni più esterne del frammento ceramico i pori risultano impregnati da calcite secondaria. CAMPIONE K80/103.3A (Frammento di pentola con tesa orizzontale) Lo scheletro degrassante risulta omogeneamente distribuito, con addensamento del 30%, ed ha una granulometria abbastanza assortita, con dimensioni dei clasti che variano dal silt grossolano (0,03-0,06 mm) alla sabbia molto grossolana (1,0-2,0 mm), con prevalenza della sabbia media (0,25-0,5 mm). La dimensione massima dei clasti risulta pari a 1,5 mm. La forma dei granuli varia da angolosa a subangolosa, con sfericità è medio-alta specie nei clasti più grossolani. La composizione dello scheletro è data in prevalenza da granuli di quarzo, feldspato potassico (ortoclasio pertitico e microclino) plagioclasio e da granuli litici policristallini della stessa natura, vale a dire frammenti di gneiss quarzoso-feldspatici (Fig. 4). Con frequenza relativamente minore si notano clasti di quarzarenite e selce. Talvolta nei granuli feldspatici sono presenti strutture di sostituzione metasomatica del plagioclasio da parte del feldspato potassico ed inclusioni di mica. Inoltre, i granuli feldspatici appaiono spesso torbidi per alterazione sericitica ed argillosa. La pasta di fondo presenta un colore rosso-arancio a causa di ossidi di ferro finemente diffusi e, a nicol incrociati, mostra una limitata polarizzazione d aggregato. In corrispondenza dell orlo annerito la pasta di fondo appare otticamente isotropa e di colore rosso-bruno. La macroporosità è del 5% ed è costituita da vacuoli di forma molto allungata, allineati parallelamente alla superficie esterna del manufatto. CAMPIONE K80/108 (Frammento di pentola con tesa orizzontale) L impasto è caratterizzato da uno scheletro molto abbondante, con addensamento dei clasti intorno al 35%. La granulometria è assortita e le dimensioni dei clasti variano dal silt grossolano (0,03-0,06 mm) alla sabbia molto grossolana (1,0-2,0 mm), con prevalenza della sabbia media (0,25-0,5 mm). La dimensione massima dei clasti risulta pari a 1,7 mm. La forma dei granuli varia da angolosa a subangolosa, La composizione dello scheletro è data in prevalenza da granuli di quarzo monocristallino, feldspato potassico (ortoclasio pertitico e microclino) e plagioclasio. Meno frequentemente si notano granuli grossolani di gneiss quarzoso-feldspatici, arenarie quarzose e, più sporadicamente fram Edizioni all Insegna del Giglio - vietata la riproduzione e qualsiasi utilizzo a scopo commerciale 9

4 menti di rocce vulcaniche di tipo andesitico, granuli di selce e di tormalina. Talvolta nei granuli feldspatici sono state rilevate strutture mirmechitiche e fenomeni di sostituzione metasomatica del plagioclasio da parte del feldspato potassico. Inoltre, sia il feldspato potassico che il plagioclasio appaiono abbastanza frequentemente torbidi per alterazione argillosa e sericitica. I clasti di origine vulcanica presentano una struttura porfirica data da fenocristalli di plagioclasio in una massa di fondo, costituita da plagioclasio e pirosseno completamente ossidato. La pasta di fondo mostra una parziale attività ottica ed appare, a nicol incrociati, di colore rosso intenso. La macroporosità è del 5% ed è rappresentata per lo più da vacuoli di forma lenticolare molto allungata, allineati parallelamente alla superficie esterna del manufatto. CAMPIONE K80/115 (Frammento di anfora) Lo scheletro degrassante, presente in percentuale compresa tra il 5 e il 10%, ha un granulometria uniforme, in prevalenza compresa nella classe della sabbia molto fine (0,06-0,125 mm), con dimensione massima di 0,3 mm. La forma dei clasti varia da angolosa a subangolosa, Esso è composto prevalentemente da clasti di quarzo. Meno frequentemente si notano granuli di feldspato (ortoclasio, microclino e plagioclasio) e di mica (muscovite, biotite o clorite completamente ossidata per cottura). Sporadicamente sono stati rilevati granuli di quarzo policristallino con tessitura xenoblastica scistosa, derivante da rocce metamorfiche. Nell impasto si notano, inoltre, alcuni grossolani calcinelli (0,6 mm) e relitti di microfossili. La pasta di fondo appare isotropa e, osservata in luce trasmessa, mostra un colore bruno. La macroporosità è del 5-7% ed è costituita prevalentemente da vacuoli di forma lenticolare o irregolare, più o meno allungati, con dimensioni molto varie (0,1-3,0 mm).vi sono inoltre numerosi pori da impronta dovuti a decomposizione termica di microfossili Reperti provenienti da Palazzo Galletti (Palermo) CAMPIONE PPG1 (Frammento di anfora) Lo scheletro degrassante, presente in percentuale del 15%, ha una granulometria uniforme, in prevalenza compresa nella classe della sabbia molto fine (0,06-0,125 mm). La forma dei clasti è per lo più angolosa, I clasti risultano composti da quarzo monocristallino, predominante, feldspato potassico (ortoclasio e sanidino), plagioclasio, mica, clinopirosseno, anfibolo, frammenti di vetro vulcanico litici vulcanici, granuli di selce e, raramente, tormalina. Il clinopirosseno è presente in granuli subedrali, aventi dimensioni molto più grossolane rispetto agli altri componenti dello scheletro sabbioso. Nell impasto inoltre si nota anche la presenza di un elevata percentuale di calcinelli, ovvero granuli calcarei decomposti in seguito al processo di cottura che non hanno reagito con la componente argillosa, successivamente reidratati e ricarbonatati. Il loro addensamento è stato stimato intorno al 20% e le dimensioni medie sono uguali a quelle mostrate dagli altri componenti dello scheletro degrassante. La pasta di fondo, se osservata a nicol incrociati, mostra una colorazione bruno-rossastra a causa della presenza di ossidi di ferro ben diffusi. La macroporosità è del 5% ed è rappresentata per lo più da pori di forma arrotondata, con dimensioni medie di 0,1 mm, molti dei quali derivano chiaramente dalla decomposizione per cottura, di originari microfossili calcarei. 3. RAGGRUPPAMENTI MINERALOGICO- PETROGRAFICI In base alla composizione mineralogica e litologica degli inclusi e ad altre caratteristiche tessiturali, quali l addensamento e la distribuzione granulometrica della sabbia digrassante, schematicamente riassunte in Tabella 1, i campioni ceramici studiati possono essere classificati in quattro raggruppamenti mineralogico-petrografici. GRUPPO A (8 campioni) Il gruppo comprende cinque anfore provenienti da Marettimo (MRT57, MRT59, MRT60, MRT61 e MRT62), due di quelle portate alla luce nel Duomo di Cefalù (K80/ 94.1, K80/103.1) ed il campione di Palazzo Galletti, a Palermo (PPG1). I reperti ceramici appartenenti a questo gruppo, come già visto, sono caratterizzati da uno scheletro degrassante a granulometria molto fine, composto in prevalenza da quarzo, con minori quantità di feldspato potassico (sanidino, ortoclasio e in alcuni casi, microclino), plagioclasio, mica, selce, litici arcosici, clinopirosseno e litici vulcanici. Tra i costituenti fondamentali dell impasto vanno aggiunti bioclasti e litici carbonatici di varia natura, per lo più decomposti dal processo di cottura. GRUPPO B (2 campioni) Il gruppo è costituito dai campioni di anfora siglati MRT103 e MRT104, provenienti dallo scavo di Marettimo. Questi reperti, rispetto alle gruppo precedente descritto, presentano alcune sostanziali differenze nella distribuzione granulometrica del degrassante sabbioso, che risulta marcatamente bimodale e, in parte, anche nella composizione mineralogica. Infatti, per ciò che riguarda l aspetto dimensionale del degrassante, mentre la frazione fine quarzoso-feldspatico-micacea può certamente essere considerata una componente naturale della materia prima, la frazione granulometrica più grossolana potrebbe essere stata aggiunta all impasto. Dal punto di vista composizionale il gruppo si distingue per una maggiore abbondanza di frammenti di rocce gneissiche e granitoidi e dei minerali da esse derivati, che compongono preferenzialmente la frazione granulometrica più grossolana. Da sottolineare che tra gli altri componenti del degrassante si riscontrano, in analogia con il fabric descritto per il Gruppo A, minerali vulcanici (sanidino, clinopirosseno e plagioclasio zonato), insieme a relitti di bioclasti e rocce carbonatiche di varia natura. GRUPPO C (2 campioni) Questo gruppo comprende i due campioni di ceramica da fuoco provenienti dagli scavi stratigrafici effettuati nel Duomo di Cefalù (K80/108 e K80/103.3a). Tali reperti sono caratterizzati da uno scheletro abbondante (addensamento intorno al 30%), a granulometria molto assortita, composto da litoclasti e minerali derivanti da rocce cristalline (gneiss quarzoso-feldspatici), sedimentarie (selce e arenarie quarzose) e, più raramente, vulcaniche (andesiti). Un aspetto peculiare è rappresentato dalla presenza di granuli feldspatici con strutture mirmechitiche e dalla sostituzione metasomatica del plagioclasio da parte del feldspato potassico. GRUPPO D (1 campione) Questo gruppo è costituito da un solo reperto, ovvero l anfora K80/115, ritrovata a Cefalù. Il campione presenta caratteristiche composizionali tali da non potere essere inserito in nessuno dei raggruppamenti precedentemente descritti. Caratteristica peculiare è l assenza di markers mineralogici. Infatti non sono stati individuati né litoclasti e/o minerali vulcanici (come nel Gruppo A) e neppure litoclasti cristallini (come nei Gruppi B e C). 4. IPOTESI DI PROVENIENZA Per quanto riguarda il Gruppo A, che è anche quello più numeroso, sussistono elementi sufficienti per supporta Edizioni all Insegna del Giglio - vietata la riproduzione e qualsiasi utilizzo a scopo commerciale 10

5 re una produzione nell ambito della fascia litorale tirrenica che si estende da Terracina a Napoli. Infatti, un fabric molto simile e, in alcuni casi, pressochè identico a quello riscontrato nei reperti che ricadono nel Gruppo A è stato riscontrato nelle anfore vinarie romane di età imperiale prodotte nelle fornaci di Fondi, Garigliano, Minturno e Mondragone (THIERRIN-MICHAEL 1990; IDEM 1992). L associazione di minerali e frammenti litoidi che caratterizza questo fabric deriva dalla variabile combinazione (mixing) di clasti derivanti dall erosione dei carbonati mesozoici, delle formazioni detritiche terziarie (Appennino) e delle vulcaniti quaternarie, che affiorano nell immediato entroterra dell area suddetta. Infatti, queste formazioni vengono erose da numerosi corsi d acqua e i depositi alluvionali che ne derivano risultano costituiti da apporti composizionalmente differenti, mescolati in proporzioni variabili. Pertanto, le alluvioni costiere di fiumi come il Garigliano o il Volturno sono caratterizzate da una frazione sabbiosa (e siltoso grossolana) che rispecchia, in modo assai soddisfacente, quella accertata nel degrassante dei reperti analizzati (GANDOLFI- PAGANELLI 1984; RICQ DE BOUARD et al. 1989). Inoltre, non è affatto escluso che l utilizzo dei medesimi depositi alluvionali per la produzione ceramica sia avvenuto anche in altri centri poco distanti da quelli sopracitati, come, ad esempio, Napoli. A supporto di questa ipotesi è interessante rilevare che l analisi mineralogico-petrografica di un congruo numero di mattonelle maiolicate del XVII-XVIII secolo (48 campioni appartenenti al Museo Regionale della Ceramica di Caltagirone), certamente prodotte a Napoli, ha messo in luce la presenza di un corpo ceramico con un fabric del tutto assimilabile a quello riscontrato nelle anfore medievali oggetto di questa nota (ALAIMO-GIARRUSSO-MONTANA c.s.). I campioni che costituiscono il Gruppo B potrebbero, a grandi linee, essere ricondotti alla stessa area di produzione definita per il Gruppo A. Le differenze, solo apparentemente vistose, notate nella distribuzione granulometrica e nella composizione del degrassante sabbioso, in tal caso, verrebbero ad essere spiegate con una diversa modalità di impasto, che prevedeva l aggiunta di una certa quantità di tempera grossolana, la cui differente natura (abbondanza di litici e minerali cristallini) rispecchia semplicemente un maggiore apporto di sedimenti derivanti dall erosione delle formazioni detritico-flyscoidi appenniniche di età terziaria. Tuttavia, si deve ricordare che, in linea teorica, la bimodalità dello scheletro sabbioso di una ceramica non deve, necessariamente, essere attribuito all aggiunta deliberata di degrassante, ma, può anche avere un origine naturale. Il Gruppo C presenta un associazione litologica del tutto confrontabile con quella dei sedimenti alluvionali affioranti nei dintorni di Cefalù, ovvero nell area del Fiume Imera. Questo corso d acqua trasporta i materiali derivanti dalla erosione di due importanti formazioni litostratigrafiche: il Flysch Numidico (composto da argilliti siltose intercalate a livelli di quarzareniti) e la Formazione Cozzo Terravecchia (costituita da argille, sabbie e conglomerati con clasti di rocce metamorfiche e subordinatamente frammenti di rocce vulcaniche). Per i due campioni appartenenti a questo gruppo, pertanto, il risultato dell analisi archeometrica suggerisce, con un buon margine di sicurezza, una produzione locale. Infine, per ciò che riguarda il Gruppo D, peraltro rappresentato da un solo campione, la composizione dello scheletro degrassante è risultata talmente comune, da non potere obiettivamente propendere per nessuna delle precedenti ipotesi di provenienza. BIBLIOGRAFIA ALAIMO R., GIARRUSSO R., MONTANA G., Analisi mineralogiche, petrografiche e chimiche di mattonelle maiolicate del XVII- XVIII secolo conservate presso il Museo Nazionale delle Ceramiche di Caltagirone. ARDIZZONE F. Rapporti commerciali tra la Sicilia occidentale ed il Tirreno centro meridionale nell VIII secolo alla luce del rinvenimento di alcuni contenitori da trasporto, in questo volume. BULLOCK P., FEDOROFF N., JONGERIUS A., STOOPS G.J., TURSINA T. 1985, Handbook for soil thin section description, Waine Research Publishers, Wolverhampton. GANDOLFI G., PAGANELLI L. 1984, Petrografia delle sabbie del litorale tirrenico fra i Monti dell Uccellina e Monte di Procida, «Mineralogica et Petrographica Acta», XXVIII, pp RICQ DE BOUARD M., MEILLE E., VICHY M., PICON M. 1989, Les argiles utilisées pour la fabrication des amphores en Italie, Etrurie, Latium, Campania, Coll. de L Ecole Francaise de Rome, 114, pp TERRY R.D., CHILINGAR G.V. 1955, Summary of «concerning some additional aids in studying sedimentary formations» by M.S. Shvetsov, «Journal of Sedimentary Petrology», 25(3), pp THIERRIN-MICHAEL G. 1990, Roman Wine Amphoras: production sites in Italy and import to Switzerland, in E. PERNICKA, G.A. WAGNER (Eds), «Archaeometry 90», Birkhäuser Verlag Basel, pp THIERRIN-MICHAEL G. 1992, Römische Weinamphoren: mineralogische un chemische untersuchungen zur klärung iher herkfunt und herstellungsweise, PhD Dissertation Nr. 977, Universität Freiburg, Schweiz. TUCKER M.E. 1981, Sedimentary Petrology: an Introduction. Blackwell Scientific Pubblication, Oxford Edizioni all Insegna del Giglio - vietata la riproduzione e qualsiasi utilizzo a scopo commerciale 11

storiche ed economiche che la presenza di questi contenitori

storiche ed economiche che la presenza di questi contenitori RAPPORTI COMMERCIALI TRA LA SICILIA OCCIDENTALE ED IL TIRRENO CENTRO- MERIDIONALE NELL VIII SECOLO ALLA LUCE DEL RINVENIMENTO DI ALCUNI CONTENITORI DA TRASPORTO di FABIOLA ARDIZZONE La Sicilia ha giocato,

Dettagli

Eruzione Etna 2004 Analisi petrografiche e composizionali preliminari

Eruzione Etna 2004 Analisi petrografiche e composizionali preliminari Prot. int. n UFVG2004/104 Eruzione Etna 2004 Analisi petrografiche e composizionali preliminari Rosa Anna Corsaro - Lucia Miraglia Il campionamento dei prodotti emessi nel corso dell eruzione etnea del

Dettagli

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione.

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. ROCCE METAMORFICHE Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. Protolite = la roccia pre-esistente. Metamorfismo è un processo

Dettagli

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti (da BINI, 1990) Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti La descrizione dettagliata di sezioni

Dettagli

Rocce metamorfiche Metamorfismo:

Rocce metamorfiche Metamorfismo: Rocce metamorfiche Metamorfismo: variazione mineralogica e strutturale delle rocce allo stato solido in risposta a condizioni chimiche e fisiche differenti da quelle in cui si è formata la roccia originaria.

Dettagli

Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre

Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre Introduzione: che cos è una roccia ignea? Le rocce ignee sono molto varie. Alcune contengono dei cristalli abbastanza grandi. Altre contengono cristalli così

Dettagli

RICERCHE ARCHEOMETRICHE SULLE PRODUZIONI CERAMICHE DELLA CALABRIA CENTRO-MERIDIONALE: LE INGOBBIATE MEDIEVALI di CLAUDIO CAPELLI, GIORGIO DI GANGI

RICERCHE ARCHEOMETRICHE SULLE PRODUZIONI CERAMICHE DELLA CALABRIA CENTRO-MERIDIONALE: LE INGOBBIATE MEDIEVALI di CLAUDIO CAPELLI, GIORGIO DI GANGI RICERCHE ARCHEOMETRICHE SULLE PRODUZIONI CERAMICHE DELLA CALABRIA CENTRO-MERIDIONALE: LE INGOBBIATE MEDIEVALI di CLAUDIO CAPELLI, GIORGIO DI GANGI NOTE SUI DATI ARCHEOLOGICI * A partire dal 1997 è iniziata,

Dettagli

Si è deciso di caratterizzare la composizione delle pianelle fornite mediante le seguenti analisi chimiche e fisiche:

Si è deciso di caratterizzare la composizione delle pianelle fornite mediante le seguenti analisi chimiche e fisiche: 1 DIPARTIMENTO DI CHIMICA Dott.ssa Assunta Marrocchi UNIVERSITÀ DI PERUGIA Via Elce di Sotto, 8-06123 Perugia Tel. +39-0755855547 Fax +39-0755855560 e-mail: assunta@unipg.it Segr. Tel. +39-0755855534 1.

Dettagli

La diagnostica mineralogico petrografica nello studio delle malte antiche

La diagnostica mineralogico petrografica nello studio delle malte antiche La diagnostica mineralogico petrografica nello studio delle malte antiche Fabio Fratini Malte antiche e malte da restauro: leganti, aggregati, impasti Aosta 14 dicembre 2007 Fabio Fratini CNR-ICVBC Firenze

Dettagli

RELAZIONE FINALE DELLE ANALISI RELATIVE ALLA STATUA DI CASSIUS APPARTENENTE ALLA COLLEZIONE DI PALAZZO LANCELLOTTI AI CORONARI, ROMA

RELAZIONE FINALE DELLE ANALISI RELATIVE ALLA STATUA DI CASSIUS APPARTENENTE ALLA COLLEZIONE DI PALAZZO LANCELLOTTI AI CORONARI, ROMA RELAZIONE FINALE DELLE ANALISI RELATIVE ALLA STATUA DI CASSIUS APPARTENENTE ALLA COLLEZIONE DI PALAZZO LANCELLOTTI AI CORONARI, ROMA Dott.ssa Anna Maria MECCHI Dott.ssa Susanna BRACCI Dott. Fabio FRATINI

Dettagli

COMUNE DI PRATO - PROGETTO ESECUTIVO -

COMUNE DI PRATO - PROGETTO ESECUTIVO - COMUNE DI PRATO Servizio Ambiente e Qualità dei Luoghi di Lavoro Via Manassei, 23-59100 PRATO Responsabile della ricerca: PROF. ARCH. GIUSEPPE A. CENTAURO Gruppo di ricerca: DOTT. ARCH. ROBERTO TAZIOLI

Dettagli

Ostello Internazionale della Giudecca

Ostello Internazionale della Giudecca SISTEMA DI QUALIT'A CERTIFICATO R RESTAURO CONSERVATIVO DEI BENI ARTISTICI E STORICI Competenza specifica nel marmo e nella pietra, intointonaci di pregio, opere d arte e superfici affrescate Pro Progettazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche STUDIO STRATIGRAFICO DI SUCCESSIONI MESOZOICHE DEL DOMINIO SUDALPINO AFFIORANTI

Dettagli

European standard: EN 12407:2007 Natural stone test methods Petrographic examination. Descrizione PIETRA SERENA. Denominazione: PIETRA SERENA

European standard: EN 12407:2007 Natural stone test methods Petrographic examination. Descrizione PIETRA SERENA. Denominazione: PIETRA SERENA PIETRA SERENA Pagina 1 di 15 European standard: EN 12407:2007 Natural stone test methods Petrographic examination Denominazione: Provenienza: PIETRA SERENA Firenzuola Descrizione PIETRA SERENA Litotipo

Dettagli

SCUOLA NORMALE SUPERIORE DI PISA Laboratorio di Storia, Archeologia e Topografia del Mondo Antico

SCUOLA NORMALE SUPERIORE DI PISA Laboratorio di Storia, Archeologia e Topografia del Mondo Antico SCUOLA NORMALE SUPERIORE DI PISA Laboratorio di Storia, Archeologia e Topografia del Mondo Antico QUARTE GIORNATE INTERNAZIONALI DI STUDI SULL AREA ELIMA (Erice, 1-4 dicembre 2000) ATTI I Pisa 2003 Il

Dettagli

ANALISI CHIMICA DELLA CERAMICA, DELLE MALTE e DEGLI INTONACI

ANALISI CHIMICA DELLA CERAMICA, DELLE MALTE e DEGLI INTONACI ANALISI CHIMICA DELLA CERAMICA, DELLE MALTE e DEGLI INTONACI In questa sede verranno esaminati 11 campioni provenienti dallo scavo archeologico del Mastio e della Chiesa nell sito di Castel Pagano Apricena,

Dettagli

Analisi delle malte originali e di rifacimento del mosaico di controfacciata nella chiesa di Santa Sabina (V sec. d.c)

Analisi delle malte originali e di rifacimento del mosaico di controfacciata nella chiesa di Santa Sabina (V sec. d.c) Analisi delle malte originali e di rifacimento del mosaico di controfacciata nella chiesa di Santa Sabina (V sec. d.c) Paola Santopadre, Pierluigi Bianchetti, Giancarlo Sidoti La composizione e la tessitura

Dettagli

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità.

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Materiale sintetico parzialmente o totalmente cristallino solido, inorganico, non metallico, formato a freddo e consolidato per trattamento

Dettagli

INDAGINI MINERO-PETROGRAFICHE SU CERAMICHE GREZZE. DA CONTESTI DEL XVI SECOLO DEGLI SCAVI DI ALGHERO (SS)

INDAGINI MINERO-PETROGRAFICHE SU CERAMICHE GREZZE. DA CONTESTI DEL XVI SECOLO DEGLI SCAVI DI ALGHERO (SS) Marco Milanese* Paola Mameli** Daniele Cosseddu** INDAGINI MINERO-PETROGRAFICHE SU CERAMICHE GREZZE. DA CONTESTI DEL XVI SECOLO DEGLI SCAVI DI ALGHERO (SS) 1 INTRODUZIONE È stata sottoposta ad analisi

Dettagli

CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE. Vincenzino Siani

CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE. Vincenzino Siani CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE Vincenzino Siani ricevuto il 15 giugno 2007 CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE Vincenzino Siani La crosta terrestre è la parte più

Dettagli

CAMPIONAMENTO DEL SUOLO

CAMPIONAMENTO DEL SUOLO CAMPINAMENT DEL SUL Metodo Nei tre anni di durata del progetto è stato effettuato un solo campionamento del suolo da tutte le 6 AdS di Livello IIA-B, esattamente tra la fine di Maggio e Giugno 1996. Il

Dettagli

GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce)

GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce) GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce) I MINERALI I minerali sono sostanze solide omogenee, inorganiche, esprimibili mediante

Dettagli

MATERIALI LAPIDEI. 2. Estrazione e lavorazione dei materiali lapidei - Lavorazioni in cava - Lavorazioni in officina - Principali tipi di pietre

MATERIALI LAPIDEI. 2. Estrazione e lavorazione dei materiali lapidei - Lavorazioni in cava - Lavorazioni in officina - Principali tipi di pietre MATERIALI LAPIDEI 1. Caratteristiche e proprietà delle pietre - Classificazione e terminologia - Proprietà principali delle pietre e loro influenza sul tipo di impiego 2. Estrazione e lavorazione dei materiali

Dettagli

UNIVERSITÀ IUAV DI VENEZIA SISTEMA DEI LABORATORI L.A.M.A. LABORATORIO DI ANALISI DEI MATERIALI ANTICHI

UNIVERSITÀ IUAV DI VENEZIA SISTEMA DEI LABORATORI L.A.M.A. LABORATORIO DI ANALISI DEI MATERIALI ANTICHI UNIVERSITÀ IUAV DI VENEZIA SISTEMA DEI LABORATORI L.A.M.A. LABORATORIO DI ANALISI DEI MATERIALI ANTICHI PONTE DI RIALTO: Indagini minero-petrografiche e chimico-fisiche sui materiali lapidei e litoidi,

Dettagli

file://d:\fesn\sito FESN\Didattica\Rocce\rocce.htm

file://d:\fesn\sito FESN\Didattica\Rocce\rocce.htm Pagina 1 di 7 LE ROCCE The rocks Premessa Rocce dell'austria Classificazione delle Rocce Rocce del Friuli Venezia Giulia Rocce sedimentarie Codice Iagine di roccia Classe Grana / Forma Principali minerali

Dettagli

Laboratorio integrato di Rilievo e Restauro Modulo Restauro

Laboratorio integrato di Rilievo e Restauro Modulo Restauro UNIVERSITA DEGLI STUDI DICAGLIARI FACOLTA DI ARCHITETTURA Corso di Laurea magistrale in Architettura_LM4 a.a. 2013-2014 Laboratorio integrato di Rilievo e Restauro Modulo Restauro QUESTIONI DI RESTAURO

Dettagli

RISULTATI DELLE ANALISI CONDOTTE SU UN PRESUNTO FRAMMENTO DI METEORITE

RISULTATI DELLE ANALISI CONDOTTE SU UN PRESUNTO FRAMMENTO DI METEORITE RISULTATI DELLE ANALISI CONDOTTE SU UN PRESUNTO FRAMMENTO DI METEORITE In data 17/12/2012, all INGV di Palermo, è stato consegnato un oggetto rinvenuto nei giorni precedenti in località Brancaccio, a Palermo.

Dettagli

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE Sono solidi cristallini, di origine inorganica, caratterizzati da una precisa formula chimica. Una sostanza è un minerale se: si presenta come solido cristallino, cioè

Dettagli

ODALENGO limoso-fine, fase tipica ODA1

ODALENGO limoso-fine, fase tipica ODA1 ODALENGO limoso-fine, fase tipica ODA1 Distribuzione geografica e pedoambiente Aree poste all'interno di fondivalle collinari nelle immediate vicinanze dei rii o piccoli torrenti che li solcano. Si tratta

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA

EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I C A T A N I A F A C O L T À D I I N G E G N E R I A C o r s o d i I D R A U L I C A M A R I T T I M A EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA Prof. Ing. Enrico FOTI&

Dettagli

Le ceramiche ellenistiche del santuario periurbano settentrionale di Cuma

Le ceramiche ellenistiche del santuario periurbano settentrionale di Cuma Facem 1 P RISCILLA MUNZI V. G UARINO, A. DE B ONIS, C. G RIFA, A. L ANGELLA, V. M ORRA Le ceramiche ellenistiche del santuario periurbano settentrionale di Cuma Fig. 1. Veduta aerea di Cuma (Foto J. P.

Dettagli

Analisi dei campioni di intonaco dipinto prelevati a la Sufricaya nella campagna di scavo anno 2003 Holmul Guatemala

Analisi dei campioni di intonaco dipinto prelevati a la Sufricaya nella campagna di scavo anno 2003 Holmul Guatemala Analisi dei campioni di intonaco dipinto prelevati a la Sufricaya nella campagna di scavo anno 2003 Holmul Guatemala Coittente: Prof. Francisco Estrada Belli Vanderbilt University e Istituto di Antropologia

Dettagli

L. A. M. A. LABORATORIO DI ANALISI DEI MATERERIALI ANTICHI PREZZIARIO AGGIORNATO DELLE PRESTAZIONI ESEGUIBILI

L. A. M. A. LABORATORIO DI ANALISI DEI MATERERIALI ANTICHI PREZZIARIO AGGIORNATO DELLE PRESTAZIONI ESEGUIBILI L. A. M. A. LABORATORIO DI ANALISI DEI MATERERIALI ANTICHI PREZZIARIO AGGIORNATO DELLE PRESTAZIONI ESEGUIBILI Sistema dei laboratori Definizione e aggiornamento delle tariffe dei laboratori Laboratorio

Dettagli

CAPITOLO 2 FORMAZIONE DELLE ROCCE

CAPITOLO 2 FORMAZIONE DELLE ROCCE CAPITOLO 2 FORMAZIONE DELLE ROCCE LE ROCCE SI SONO ORIGINATE IN TRE MODI : Per solidificazione dei magmi Per deposizione sedimentaria Per metamorfismo di rocce preesistenti Il "Ciclo delle Rocce", proposto

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA. L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta

INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA. L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta 1:25.000 dell'i.g.m.i. denominata "Torretta Granitola" IV S.E. del foglio n 265 della Carta d'italia.

Dettagli

Che cosa sono? Che forma hanno?

Che cosa sono? Che forma hanno? Che cosa sono? Parti solide della crosta terrestre formate da Atomi - Ioni Molecole che sono disposti secondo un ordine Che forma hanno? Possono presentarsi in masse informi o sotto l aspetto di Poliedri

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

Elenco dei rilevamenti litologici effettuati: Gesso (CaSO 4 2H 2 O) (Formazione a Bellerophon) Coordinate GPS Lat. N 46 20.223 Long. E 11 48.

Elenco dei rilevamenti litologici effettuati: Gesso (CaSO 4 2H 2 O) (Formazione a Bellerophon) Coordinate GPS Lat. N 46 20.223 Long. E 11 48. La nostra escursione inizia da Passo Valles, dove abbiamo intrapreso il sentiero CAI 751, noto anche come Alta Via delle Dolomiti n o 2 (che collega Bressanone a Feltre) o Sentiero Italia (SI), in Fig.

Dettagli

TRAVERTINI SCALA DI MOHS

TRAVERTINI SCALA DI MOHS La nomenclatura commerciale dei lapidei: Per tradizione 4 categorie, codificate dalla norma UNI 8458/1983 MARMI PIETRE GRANITI TRAVERTINI materiali lucidabili materiali NON lucidabili La linea di demarcazione

Dettagli

Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi

Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi Minerali: sostanze naturali, solide, con una composizione chimica definita ed una struttura cristallina (impalcatura di ioni

Dettagli

Scheda analisi mineralogico-petrografiche

Scheda analisi mineralogico-petrografiche Pag. 1 Scheda analisi mineralogico-petrografiche 1.1 Premessa Le analisi mineralogico-petrografiche di n.2 campioni di malta sono state eseguite presso il laboratorio di microscopia ottica del Dipartimento

Dettagli

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche Prof. Carlo Carrisi ORIGINE DELLE ROCCE In base al processo di formazione le rocce, si possono classificare a seconda della loro origine in tre tipi: Magmatiche o ignee caratterizzate dalla presenza iniziale

Dettagli

Le Rocce. Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali.

Le Rocce. Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali. Minerali e Rocce Le Rocce Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali. Origine delle rocce Le Rocce La roccia è tutto ciò che forma la crosta terrestre,

Dettagli

PIGMENTI E COLORANTI

PIGMENTI E COLORANTI I materiali colorati utilizzati per realizzare un film pittorico vengono definiti pigmenti e sono ben differenziati dai coloranti. I pigmenti sono costituti da polveri più o meno fini, colorate, insolubili

Dettagli

CATALOGO DEI MATERIALI DA UTILIZZARSI PER LE LAPIDI E COPRITOMBA NEI CAMPI COMUNI A SOSTITUZIONE DEI CIPPI COMUNALI

CATALOGO DEI MATERIALI DA UTILIZZARSI PER LE LAPIDI E COPRITOMBA NEI CAMPI COMUNI A SOSTITUZIONE DEI CIPPI COMUNALI CATALOGO DEI MATERIALI DA UTILIZZARSI PER LE LAPIDI E COPRITOMBA NEI CAMPI COMUNI A SOSTITUZIONE DEI CIPPI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL C.d.A. DI AGEC N 117 DEL 30 AGOSTO 2005 COME PREVISTO

Dettagli

(b) Leganti idraulici

(b) Leganti idraulici (b) Leganti idraulici Materiali leganti: classificazione induriscono soltanto in aria, non possono stare permanentemente a contatto con l acqua induriscono anche in acqua Materiali leganti: classificazione

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO PROT. N. 10181 13.06.2006 CERTIFICATO N. 46/08/2006 DETERMINAZIONI FISICO MECCANICHE SU UN CAMPIONE DI MATERIALE LAPIDEO DENOMINATO QUARZITE DI BARGE PROVENIENTE DALLA CAVA PIAN MARTINO SITA NEL COMUNE

Dettagli

4.MINERAL CHEMISTRY 4.1.CONSIDERAZIONI GENERALI

4.MINERAL CHEMISTRY 4.1.CONSIDERAZIONI GENERALI 4.MINERAL CHEMISTRY 4.1.CONSIDERAZIONI GENERALI Le indagini relative allo studio della petrologia di fase sono state condotte su una rappresentanza di campioni ritenuti informativi per varietà e stato

Dettagli

Lotta biologica agli insetti, e calcitazioni del terreno

Lotta biologica agli insetti, e calcitazioni del terreno Lotta biologica agli insetti, e calcitazioni del terreno Per volontà dell autore il presente testo non è stato sottoposto a revisione. L editore, per preservarne integralmente il pensiero, ha scelto di

Dettagli

Posizione delle cave di pietra ollare esistenti nel territorio di Alagna.

Posizione delle cave di pietra ollare esistenti nel territorio di Alagna. LA PIETRA OLLARE La pietra ollare è una roccia di natura scistosa di colore verde cenerino. Ne esistono in alta Valgrande due varietà: una forma compatta a grana molto fine, talora leggermente untuosa

Dettagli

GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO

GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, PROTEZIONE CIVILE E TURISMO Settore Servizi alle Imprese Agricole GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO Laboratorio Regionale Analisi Terreni e Produzioni

Dettagli

Generale disequilibrio con l ambiente superficiale + Grande varietà di condizioni ambientali + Diverse situazioni di sforzo applicato sui materiali

Generale disequilibrio con l ambiente superficiale + Grande varietà di condizioni ambientali + Diverse situazioni di sforzo applicato sui materiali IL DEGRADO DELLE ROCCE Molti tipi di rocce utilizzate nei manufatti. Si distinguono: per natura geologica (sedimentarie, magmatiche, metamorfiche); per composizione (carbonatiche, silicatiche); per struttura

Dettagli

I.I.S.S E. Mattei Rosignano Solvay

I.I.S.S E. Mattei Rosignano Solvay I.I.S.S E. Mattei Rosignano Solvay ARGILLE Definizione di argilla Le argille sono sostanze complesse e possono essere definite sotto vari punti di vista: mineralogico, geologico, chimico, tecnologico,

Dettagli

IL «CONVENTO ROSSO» A SOHAG. RISULTATI DI SINTESI DELLA PRIMA CAMPAGNA DI STUDIO

IL «CONVENTO ROSSO» A SOHAG. RISULTATI DI SINTESI DELLA PRIMA CAMPAGNA DI STUDIO 1 IL «CONVENTO ROSSO» A SOHAG. RISULTATI DI SINTESI DELLA PRIMA CAMPAGNA DI STUDIO A CURA DI COSTANTINO MEUCCI INTRODUZIONE Nel corso della prima missione del gruppo di ricerca dell Università degli Studi

Dettagli

LE ROCCE. Lunedì 21 marzo 2011. Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche

LE ROCCE. Lunedì 21 marzo 2011. Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche LE ROCCE Lunedì 21 marzo 2011 Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche COS È UN MINERALE? Un minerale è una sostanza naturale, generalmente solida, omogenea;

Dettagli

Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico

Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico corpo idrico sotterraneo: del Siracusano meridionale b) Caratteristiche geografiche, geologiche, idrogeologiche Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico Localizzazione geografica L acquifero

Dettagli

ANALISI STRUTTURALI. Il campionamento

ANALISI STRUTTURALI. Il campionamento ANALISI STRUTTURALI XRD (diffrazione di raggi X) MICROSCOPIA OTTICA SEM e TEM (microscopio a scansione elettronica) Il campionamento il più rispettoso possibile rispetto ai contenuti estetici, storici

Dettagli

Inquadramento geografico e geologico

Inquadramento geografico e geologico RELAZIONE Premessa Nell ambito del progetto di rinaturazione e ripascimento di un tratto di costa compreso tra La Maddalena Spiaggia e Cala d Orri, lungo il litorale di Capoterra (Ca), è stata eseguita

Dettagli

GEOLOGO MARCO MARCATO

GEOLOGO MARCO MARCATO GEOLOGO MARCO MARCATO RELAZIONE GEOLOGICA-GEOTECNICA CON INDAGINI GEOLOGICHE. INDICE 1. PREMESSA..... pag. 1 2. QUADRO DEI VINCOLI IDROGEOLOGICI.. 2 3. RELAZIONE GEOLOGICA 3 3.1 INQUADRAMENTO GEOLOGICO

Dettagli

Ingegneria Edile-Architettura Architettura Tecnica I e Laboratorio I MATERIALI LAPIDEI. prof. ing. Vincenzo Sapienza

Ingegneria Edile-Architettura Architettura Tecnica I e Laboratorio I MATERIALI LAPIDEI. prof. ing. Vincenzo Sapienza Ingegneria Edile-Architettura Architettura Tecnica I e Laboratorio I MATERIALI LAPIDEI prof. ing. Vincenzo Sapienza CICLO LITOLOGICO COMPOSIZIONE CHIMICA DELLE ROCCE Gli elementi più diffusi nelle rocce,

Dettagli

Carte del grado di alterazione in rocce cristalline: aspetti metodologici ed applicativi

Carte del grado di alterazione in rocce cristalline: aspetti metodologici ed applicativi CICLO DI SEMINARI RICERCA, ALTA FORMAZIONE E MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDROGEOLOGICO IN CALABRIA Università della Calabria Novembre 2009 Giugno 2010 Carte del grado di alterazione in rocce cristalline: aspetti

Dettagli

PETROGRAFIA Manuale per lo studio delle rocce in sezione sottile

PETROGRAFIA Manuale per lo studio delle rocce in sezione sottile PETROGRAFIA Manuale per lo studio delle rocce in sezione sottile v.3.0-2002 di Adriano Nardi - Univ. di Roma La Sapienza AVVERTENZA: l autore non si assume alcuna responsabilità circa eventuali danni morali

Dettagli

Tecnologia dei Materiali e degli Elementi Costruttivi. Leganti, malte per murature, intonaci

Tecnologia dei Materiali e degli Elementi Costruttivi. Leganti, malte per murature, intonaci Tecnologia dei Materiali e degli Elementi Costruttivi Leganti, malte per murature, intonaci Firenze, lunedì 16 ottobre 2006 LEGANTI Materiali che opportunamente ricondotti allo stato di polvere e miscelati

Dettagli

Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR

Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR Antonio D Alessio, Andrea D Anna Report RSE/29/97 Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente RICERCA

Dettagli

Groupe de projet TSE3 Gruppo di progetto TSE3 BG-AMBERG-LOMBARDI-ARCADIS-TECNIMONT-STUDIO QUARANTA-SEA CONSULTING-ITALFERR-INEXIA-SYSTRA _

Groupe de projet TSE3 Gruppo di progetto TSE3 BG-AMBERG-LOMBARDI-ARCADIS-TECNIMONT-STUDIO QUARANTA-SEA CONSULTING-ITALFERR-INEXIA-SYSTRA _ 1.1 Definizione delle problematiche connesse allo scavo in rocce potenzialmente amiantifere 1.2 Premessa Il tracciato del Tunnel di Base (alternativa D) determina la necessità di indagare il settore d

Dettagli

Indice. Presentazione

Indice. Presentazione ROMANE 28-02-2007 16:20 Pagina VII Prefazione Presentazione XIII XVIII Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni 1.1 Introduzione 1 1.2 Leganti aerei e idraulici 2 1.3 Il gesso

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

CAPITOLATO DI FORNITURA PER CONTENITORI VETRO SPECIALE

CAPITOLATO DI FORNITURA PER CONTENITORI VETRO SPECIALE CAPITOLATO DI FORNITURA PER CONTENITORI VETRO SPECIALE - Pagina 1 ver. 2012-04-18 Requisiti generali I contenitori di vetro devono risultare per composizione e caratteristiche chimiche conformi a quanto

Dettagli

Le rocce rocce rocce

Le rocce rocce rocce Le rocce Per rocce si intendono aggregati di minerali cristallini, a volte con presenza di sostanze amorfe. La maggior parte delle rocce è formata da minerali diversi; più raramente le rocce sono formate

Dettagli

INTERPRETAZIONE PETROLOGICA DELLA ROCCIA A CORDIERITE E ALLUMINO-SILICATI DELLA CAVA DI CELLERE (VT)

INTERPRETAZIONE PETROLOGICA DELLA ROCCIA A CORDIERITE E ALLUMINO-SILICATI DELLA CAVA DI CELLERE (VT) INTERPRETAZIONE PETROLOGICA DELLA ROCCIA A CORDIERITE E ALLUMINO-SILICATI DELLA CAVA DI CELLERE (VT) Francesco Radica Dipartimento di Scienze Geologiche, Università Roma Tre, Largo S. L. Murialdo 1, 00146

Dettagli

La marcature CE della Calce da Costruzione

La marcature CE della Calce da Costruzione La marcature CE della Calce da Costruzione Andrea Rattazzi In Italia la marcatura CE per la calce da costruzione di calce è obbligatoria. Questo articolo presenta una panoramica della norma UN EN 459-1:2002

Dettagli

Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase. Separazione di fase. Fasi della materia: solido, liquido, gas

Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase. Separazione di fase. Fasi della materia: solido, liquido, gas Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase Separazione di fase Fasi della materia: solido, liquido, gas SOLIDO Scioglimento solidificazione LIQUIDO evaporazione condensazione

Dettagli

IMPIEGO DEL FELDSPATO GS60 ADDIZIONATO CON VETRO IN UNA PRODUZIONE INDUSTRIALE DI GRES PORCELLANATO

IMPIEGO DEL FELDSPATO GS60 ADDIZIONATO CON VETRO IN UNA PRODUZIONE INDUSTRIALE DI GRES PORCELLANATO IMPIEGO DEL FELDSPATO GS60 ADDIZIONATO CON VETRO IN UNA PRODUZIONE INDUSTRIALE DI GRES PORCELLANATO Relatori: C. Carbonchi, P. Danasino, R. Riveriti Una giornata su Le materie prime di qualità per piastrelle

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

ATLANTE DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO

ATLANTE DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO ATLANTE DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO Documento estratto dal Manuale interno di istruzione per la raccolta e la trasmissione di campioni per analisi di fibre: microscopia ottica ed elettronica. Contarp

Dettagli

Scheda edificio via S. Sofia 33 - Milano

Scheda edificio via S. Sofia 33 - Milano S. Sofia 33 - Milano Data prestazione: 2000-2001 Committente: Condominio via S. Sofia, 33 - Milano Professionista incaricato: Ing. Roberto Dell Acqua Bellavitis e Ing. Filippo Dell Acqua Bellavitis, via

Dettagli

Il Castello del borgo di Grotteria tracce di storia medioevale fra gli affioramenti messiniani della Locride, Calabria Jonica Meridionale.

Il Castello del borgo di Grotteria tracce di storia medioevale fra gli affioramenti messiniani della Locride, Calabria Jonica Meridionale. Il Castello del borgo di Grotteria tracce di storia medioevale fra gli affioramenti messiniani della Locride, Calabria Jonica Meridionale. Angela Alfieri, Domenico Carrà, Giuseppe Lanzo, Domenico Monteleone,

Dettagli

LE PIETRE VERDI IN ITALIA

LE PIETRE VERDI IN ITALIA LE PIETRE VERDI IN ITALIA Generalità Nella Legge 257/92 era previsto (art.10) che le Regioni realizzassero il censimento dei siti interessati dalle attività di estrazione dell amianto. Nelle successive

Dettagli

Classificazione della materia: Sostanze pure e miscugli

Classificazione della materia: Sostanze pure e miscugli Classificazione della materia: Sostanze pure e miscugli la composizione e quindi le proprietà intensive sono le stesse in ogni parte del sistema La composizione e le proprietà intensive variano da una

Dettagli

Verbale di campionamento del suolo

Verbale di campionamento del suolo V. Allegati Regione Campania Assessorato all Agricoltura Verbale di campionamento del suolo Comune codice ISTAT Coordinate geografiche: UTM-Est Sigla identificazione del campione codice rilevatore codice

Dettagli

ALTO TREVIGIANO SERVIZI S.r.l. Pag. 1

ALTO TREVIGIANO SERVIZI S.r.l. Pag. 1 ALTO TREVIGIANO SERVIZI S.r.l. Pag. 1 CONDOTTA CORNUDA SALVATRONDA COLLETTORE PRIMARIO DEL BACINO SCOLANTE DELLA LAGUNA DI VENEZIA STRALCIO I PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GEOLOGICO - GEOTECNICA DATA FEBBRAIO

Dettagli

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10 5.1 Introduzione Tra gli interventi finanziati dalla Regione Emilia Romagna per il 2004, ai fini della messa a punto di strumenti conoscitivi utili per

Dettagli

ARCHEOCLUB D'ITALIA SEDE DI SAN SEVERO NAZIONALE. sulla. Preistoria - Protostoria - Storia della Daunia. San Severo 23-24 novembre 2002 A T T I

ARCHEOCLUB D'ITALIA SEDE DI SAN SEVERO NAZIONALE. sulla. Preistoria - Protostoria - Storia della Daunia. San Severo 23-24 novembre 2002 A T T I ARCHEOCLUB D'ITALIA SEDE DI SAN SEVERO 23 CONVEGNO NAZIONALE sulla Preistoria - Protostoria - Storia della Daunia San Severo 23-24 novembre 2002 A T T I a cura di Armando Gravina SAN SEVERO 2003 Stampa:

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA 9.0 Analisi Granulometrica dei Sedimenti Sergio G. Longhitano Dipartimento

Dettagli

Capitolo 4 Rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi

Capitolo 4 Rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi Capitolo 4 Rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi Rocce: aggregati di uno o più minerali 115 Capitolo 4 Rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi Rocce: aggregati di uno o più minerali

Dettagli

Caratteristiche dell'acqua nei comuni di Storo e Bondone.

Caratteristiche dell'acqua nei comuni di Storo e Bondone. Caratteristiche dell'acqua nei comuni di Storo e Bondone. Nei Comuni di Storo e Bondone viene analizzata regolarmente l acqua degli acquedotti per assicurarsi che rispetti i limiti stabiliti dal Decreto

Dettagli

Risultati delle analisi di alcuni micro campioni prelevati da sculture in terracotta

Risultati delle analisi di alcuni micro campioni prelevati da sculture in terracotta Risultati delle analisi di alcuni micro campioni prelevati da sculture in terracotta Museo Nazionale del Palazzo di Venezia Progetto Banca Intesa Restauro delle sculture in terracotta Claudia PELOSI Dipartimento

Dettagli

LA CERAMICA A VERNICE ROSSA di Maria Aprosio

LA CERAMICA A VERNICE ROSSA di Maria Aprosio 4. LA CERAMICA A VERNICE ROSSA di Maria Aprosio 1 Lippolis 1984, pp. 31-34. 2 Goudineau 1968, pp. 320-322. 3 Lamboglia 1950, p. 69. 4 Cristofani 1972, p. 506. 5 Palermo 1990, pp. 114-115. 6 Cristofani

Dettagli

Perché è importante l analisi del terreno?

Perché è importante l analisi del terreno? Perché è importante l analisi del terreno? Indice 1. Terreno e piante, uniti per la vita 2. Le proprietà fisiche del terreno 3. La composizione chimica del terreno 4. L analisi del terreno 1. Terreno e

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, EDILE E AMBIENTALE (DICEA) CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO CARATTERIZZAZIONE FISICO-MECCANICA

Dettagli

acqua + legante + aggregati + additivi = conglomerato

acqua + legante + aggregati + additivi = conglomerato EDUCAZIONE TECNICA TECNOLOGIA DEI MATERIALI c acqua + legante + aggregati + additivi = conglomerato paste miscele di leganti e acqua malte miscele di legante, acqua e granuli fini (sabbia) calcestruzzi

Dettagli

Analisi delle ceneri di rifiuti civili e industriali mediante il microscopio riscaldante

Analisi delle ceneri di rifiuti civili e industriali mediante il microscopio riscaldante Analisi delle ceneri di rifiuti civili e industriali mediante il microscopio riscaldante ing. Chiara Venturelli Expert System Solutions Srl, Modena, Italia Introduzione La termovalorizzazione è un processo

Dettagli

I materiali di rivestimento. di Maximillian Vegetti, Federico Maffioli e Davide Biganzoli

I materiali di rivestimento. di Maximillian Vegetti, Federico Maffioli e Davide Biganzoli I materiali di rivestimento di Maximillian Vegetti, Federico Maffioli e Davide Biganzoli Porosità della ceramica -Le ceramiche hanno la caratteristica di essere porose, un fattore che non le ha rese utilizzabili

Dettagli

Parte II. Metamorfismo e Deformazione: Evoluzione della Crosta. Classificazione delle Rocce Metamorfiche. protolito). metamorfico.

Parte II. Metamorfismo e Deformazione: Evoluzione della Crosta. Classificazione delle Rocce Metamorfiche. protolito). metamorfico. Metamorfismo e Deformazione: Evoluzione della Crosta Parte II Classificazione delle Rocce Metamorfiche Il nome di una roccia metamorfica in genere si basa sul quello che la roccia era prima di essere metamorfosata

Dettagli

L evoluzione del reticolo idrografico

L evoluzione del reticolo idrografico L evoluzione del reticolo idrografico romano e l urbanizzazione Uno studio dell uso del suolo in relazione al reticolo secondario del settore sud-est della Capitale, dall Unità d Italia ad oggi I depositi

Dettagli

TRANS ADRIATIC PIPELINE PROJECT OFFSHORE PIPELINE DETAIL DESIGN

TRANS ADRIATIC PIPELINE PROJECT OFFSHORE PIPELINE DETAIL DESIGN Rev. Sh. 2 of 21 INDICE 1 Premessa... 3 2 NEARSHORE Indagine Geofisica Batimetria e Geofisica... 4 2.1 Analisi dati... 4 2.2 risultati... 7 3 NEARSHORE Indagine Geofisica Sismica a Rifrazione... 8 3.1

Dettagli

Valutazione analitica del rifiuto di cemento amianto dopo trattamento di inertizzazione con processo pirolitico

Valutazione analitica del rifiuto di cemento amianto dopo trattamento di inertizzazione con processo pirolitico Valutazione analitica del rifiuto di cemento amianto dopo trattamento di inertizzazione con processo pirolitico Giovanni Pecchini 1, Alessandro F. Gualtieri 2, Emilio.Renna 1, Orietta.Sala 1, Luigi Calzavacca

Dettagli

DAI MISCUGLI ALLE SOSTANZE PURE

DAI MISCUGLI ALLE SOSTANZE PURE Come si presenta la materia? DAI MISCUGLI ALLE SOSTANZE PURE Il criterio per distinguere i materiali è la presenza di una o più FASI porzioni di materia fisicamente distinte tra loro delimitate da nette

Dettagli

Cap. 10 I minerali. Fig.1. Fig. 3. Fig. 4. Fig. 5. Fig. 6. Fig. 7. Dollaro di marcasite fossile

Cap. 10 I minerali. Fig.1. Fig. 3. Fig. 4. Fig. 5. Fig. 6. Fig. 7. Dollaro di marcasite fossile Cap. 10 I minerali 10.1 La crosta terrestre La crosta terrestre è la copertura rocciosa più superficiale della Terra, è relativamente sottile con uno spessore che varia dai 5 Km, nei fondali oceanici,

Dettagli

9. La morena. Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali

9. La morena. Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali L azione erosiva del ghiacciaio, in senso stretto, viene indicata con il termine esarazione; una delle forme caratteristiche

Dettagli