La valutazione del rischio di caduta e la prevenzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La valutazione del rischio di caduta e la prevenzione"

Transcript

1 Corso di aggiornamento per medici, infermieri e fisioterapisti Acuzie e cronicità in Casa di Riposo La valutazione del rischio di caduta e la prevenzione Ft Barbara Bazoli Casa di Riposo S.Francesca Cabrini Sant Angelo Lodigiano (LO) 24 Giugno 2004

2 Le cadute MARKER DI DISFUNZIONE OMEOSTATICA Eventi a genesi multifattoriale (Alexander 1996); Fattori di rischio intrinseci (Trueblood 1991); (invecchiamento fisiologico, malattie acute e croniche); Fattori di rischio estrinseci (Trueblood 1991); (attività del soggetto e ostacoli ambientali) Interazione tra fattori predisponenti e fattori precipitanti (Tinetti 1995).

3

4

5 La valutazione Poiché esiste una complessa interazione tra le cause di caduta che riconoscono natura multifattoriale (Alexander 1996), si rende necessaria una valutazione dell anziano di tipo globale, che ne permetta un inquadramento clinico completo, spesso anche di difficile interpretazione.

6 La valutazione La valutazione del rischio di cadute nei pazienti è uno dei punti sui cui le linee guida sono meno concordi; Tutte sostengono che i pazienti devono essere valutati per individuare quelli a rischio più elevato ma nessuna consiglia uno specifico strumento di valutazione.

7 La valutazione: L'A.M.D.A. raccomanda la valutazione di tutti i pazienti con l'eventuale esclusione dei pazienti terminali, che rifiutano il trattamento, per i quali l'informazione non modificherebbe il piano di cura. non è esplicitato il grado della raccomandazione.

8 La valutazione: Joanna Briggs Institute programmi di screening generalizzato solo se sono realmente disponibili trattamenti o interventi per i pazienti a rischio; gli strumenti di valutazione attualmente disponibili sono poco sensibili e gli studi condotti per la valutazione sono inaccurati o di scarsa qualità, non prendono in esame alcune variabili organizzative la presenza di personale neoassunto, il tasso di occupazione dei posti letto La intensività dell'assistenza (grado III e IV)

9 La valutazione: S.I.G.N. raccomandano la valutazione del rischio di cadute e di fratture negli anziani (Grado A); Non sono indicati i metodi di valutazione del rischio.

10 La valutazione: linee guida American Geriatric Society I pazienti che hanno difficoltà nella manovra (alzarsi e sedersi su una sedia senza l'ausilio degli arti superiori) o che sono caduti nell'ultimo anno devono essere sottoposti a valutazione multidimensionale: l'assunzione di farmaci, le circostanze della caduta, la presenza di difetti visivi e di deficit dell'equilibrio o della deambulazione, valutazioni cliniche cardiologiche Non è dichiarato il grado della raccomandazione.

11 La valutazione La prima fase dell elaborazione di una strategia di prevenzione fa riferimento alla valutazione del paziente che si articola in quattro fasi: anamnesi esame obiettivo assessment andatura ed equilibrio esami strumentali

12 Le scale di valutazione si collocano come uno dei momenti fondamentali dell assessment dell anziano a rischio di caduta accanto a quelli più tradizionali dell anamnesi, dell esame obiettivo e degli esami strumentali (Franzoni1995); non risultano strumenti clinici esaustivi senza gli altri.

13 Le scale di valutazione indici: combinazione di misure di fattori di rischio, variano in funzione del setting, aumentano il potere predittivo; test osservazionali o di performance: facile apprendimento ed utilizzo, analisi dell equilibrio e dell andatura, sintesi del rischio di caduta.

14 Le scale di valutazione scopo: evidenziare il rischio di caduta valutando i fattori di rischio che concorrono a favorire o determinare l evento caduta nel soggetto preso in esame. le più validate ed efficaci: Tinetti balance and gait scale, get up and go test, one-leg balance, falls risk index.

15 TINETTI BALANCE AND GAIT SCALE AUTORE: Mary Tinetti ANNO: 1986 Performance-oriented assessment of mobility problems in elderly patients in Jags,

16 FINALITA questa scala permette di: associare un punteggio alle abilità valutate verificare la variazione dell indice di rischio di caduta nel tempo verificare l efficacia degli interventi adottati.

17 CARATTERISTICHE Questa scala non richiede apparecchiature addestramento setting particolari per essere utilizzata.

18 COMPOSIZIONE Si compone di due parti: 1.valuta la funzione dell equilibrio: 9 items con punteggio valuta la funzione dell andatura: 7 items con punteggio 0-12 punteggio totale della scala (0-28) somma del punteggio parziale ottenuto nelle due sezioni.

19 SEZIONE DELL EQUILIBRIO ricreare le manovre che simulano le situazioni a rischio osservare movimenti o gesti che suggeriscono instabilità fornire informazioni: diagnostiche terapeutiche prognostiche

20 SEZIONE DELL ANDATURA osservare l inizio e lo svolgimento del cammino evidenziare andature anormali mettere in luce patologie o strategie di compenso

21 LIMITI non è esaustiva per l inquadramento clinico completo e un test da camera

22 MODALITA DI SOMMINISTRAZIONE Esaminatore: Fisioterapista Infermiere Medico Durata: 10 minuti

23 PUNTEGGIO 0 16: Sezione equilibrio 0 12 :Sezione andatura 0 28 : TOTALE PUNTEGGIO: 0 1: soggetto non deambulante 2 19: soggetto deambulante a rischio di caduta 20 28: soggetto deambulante a basso rischio di caduta

24 EQUILIBRIO Il soggetto è seduto su di una sedia rigida, senza braccioli; se il soggetto non sta in equilibrio, il punteggio è 0.

25 1 equilibrio da seduto (0) si inclina o scivola dalla sedia (1) è stabile, sicuro

26 2 alzarsi dalla sedia (0) è incapace senza aiuto (1) deve aiutarsi con le braccia (2) si alza senza aiutarsi con le braccia

27 3 tentativo di alzarsi (0) è incapace senza aiuto (1) capace, ma richiese più di un tentativo (2) capace al primo tentativo

28 4 equilibrio nella stazione eretta (primi 5 sec.) (0) instabile (vacilla, muove i piedi, marcate oscillazioni del tronco) (1) stabile grazie all uso di bastone o di altri ausili del cammino (2) stabile senza ausili per il cammino

29 5 equilibrio nella stazione eretta prolungata (0) instabile (vacilla, muove i piedi, marcate oscillazioni del tronco) (1) stabile ma a base larga (i malleoli mediali distano più di 10 cm fra loro) (2) stabile a base stretta senza supporto

30 6 Romberg (0) instabile (1) stabile

31 7 Romberg sensibilizzato (0) incomincia a cadere (1) oscilla, ma si ripiglia da solo (2) stabile

32 8 girarsi di 360 (0) a passi discontinui (1) a passi continui (0) instabile (1) stabile

33 9 sedersi (0) insicuro (sbaglia la distanza, cade sulla sedia) (1) usa la braccia o ha un movimento discontinuo (2) sicuro, movimento continuo

34 ANDATURA il paziente sta in piedi di fronte al rater ; cammina lungo il corridoio o attraverso la stanza all inizio con il suo passo usuale, poi con un passo rapido, ma sicuro. Può utilizzare gli abituali ausili per il cammino Se il soggetto non deambula, il punteggio è 0.

35 10 inizio della deambulazione (0) una certa esitazione o più tentativi (1) nessuna esitazione

36 11 lunghezza ed altezza del passo del piede destro (0) durante il passo il piede destro non supera il sinistro (1) durante il passo il piede destro supera il sinistro (0) durante il passo il piede destro non si alza completamente dal pavimento (1) durante il passo il piede destro si alza completamente dal pavimento

37 12 lunghezza ed altezza del passo del piede sinistro (0) durante il passo il piede sinistro non supera il destro (1) durante il passo il piede sinistro supera il destro (0) durante il passo il piede sinistro non si alza completamente dal pavimento (1) durante il passo il piede sinistro si alza completamente dal pavimento

38 12 simmetria del passo (0) il passo destro e quello sinistro non sembrano uguali (1) il passo destro e quello sinistro sembrano uguali

39 13 continuità del passo (0) interrotto o discontinuo (1) continuo

40 14 traiettoria (0) marcata deviazione (1) lieve e moderata o uso di ausili (2) assenza di deviazione e uso di ausili

41 15 tronco (0) marcata oscillazione o uso si ausili (1) nessuna oscillazione, ma flessione delle ginocchia, della schiena o allargamento delle braccia durante il cammino (1) nessuna oscillazione, flessione, uso delle braccia o ausili

42 16 cammino (0) i talloni sono separati (1) i talloni quasi si toccano

43 GET UP AND GO TEST AUTORI: Mathias S, Nayak USL, Isaacs B, FINALITA : prima valutazione della mobilità di base. CARATTERISTICHE: è somministrare. rapido e facile da LIMITI: L assegnazione del punteggio è discutibile.

44 GET UP AND GO TEST ESECUZIONE: alzarsi dalla sedia senza l aiuto delle mani, camminare per 3 m, girarsi, tornare e restare fermo. sedersi senza l aiuto delle mani.

45 ONE-LEG BALANCE AUTORI: Wellas, Wayne, Romero, Baumagartner, Rubenstein, Garry,1997. FINALITA : vuole essere un fattore predittivo significativo per le cadute con le complicanze più gravi. CARATTERISTICHE: è un test facile da somministrare e da riprodurre. LIMITI: scala di tipo descrittivo, non abbastanza sensibile per essere predittiva nella maggior parte degli eventi caduta.

46 ONE-LEG BALANCE ESECUZIONE: far scegliere alla persona la gamba su cui restare in appoggio, far flettere il ginocchio opposto in modo che il piede si allontani dal pavimento, richiedere al soggetto di mantenere l equilibrio il più a lungo possibile.

47 FALL RISK INDEX AUTORE: Tinetti, Williams, Mayewski, FINALITA : mettere in relazione l aumento del rischio di caduta con il numero delle aree funzionali affette da disabilità significative CARATTERISTICHE: suggerire che, oltre a fattori come l andatura e l equilibrio, esistono altre condizioni responsabili di caduta. LIMITI: non prende in considerazione la severità o la cronicità dei fattori di rischio valutati

48 FALL RISK INDEX INDICE: include 9 fattori di rischio di caduta, fra quelli ritenuti più importanti: - grado di mobilità, - vista, - udito, - tono dell umore, -stato mentale, - pressione arteriosa, - farmaci somministrati - A.D.L. all ammissione in Istituto. - esame del dorso,

49 Le scale di valutazione ciascuna scala racchiude aspetti positivi e limiti, nessuna scala è sufficientamente esaustiva se utilizzata da sola, possono dare buon supporto clinico ed integrare la capacità di analisi e di sintesi dei problemi di chi si interroga in materia di prevenzione delle cadute.

50 La prevenzione delle cadute numerosi studi in materia di prevenzione delle cadute. a tutt oggi, non è stato possibile delineare profili di alto rischio con specificità tale da poterli impiegare come modelli predittivi generali.

51 La prevenzione delle cadute prevenzione delle cadute: schema centrato sulla persona valutazione del paziente: anamnesi, esame obiettivo, esami strumentali assessment (andatura ed equilibrio) interventi mirati : STRATEGIE DI PREVENZIONE DIRETTE ALLA PERSONA: aspecifiche (generiche, invecch. fisiologico) specifiche (patologie) DIRETTE ALL'AMBIENTE DI VITA: struttura protetta

52 Piani di prevenzione una molteplicità di fattori variamente combinati fra loro intervengono nel causare le cadute. intrinseci se riguardano la persona, estrinseci se riguardano l ambiente non possono essere letti in chiave generale e generica per avere risposte soddisfacenti in materia di prevenzione

53 Piani di prevenzione costruzione di uno schema di valutazione del paziente che : individui e colga i momenti di maggiore rischio permetta di modulare ed adattare l intensità dell assistenza e degli interventi preventivi rendendoli mirati e specifici. (schema centrato sulla persona)

54 Piani di prevenzione Scopo degli interventi ridurre al minimo il rischio e le conseguenze delle cadute, non limitare la capacità e la volontà di movimento, nonché l indipendenza funzionale del paziente.

55 Strumenti di prevenzione schede usate dopo che il paziente è caduto e che rilevano i dettagli della caduta stessa. schede che rilevano i rischi ambientali.

56 La prevenzione: Joanna Briggs Institute Gli interventi multifattoriali rimangono l approccio più comune al problema delle cadute, Le raccomandazioni sono basate sul parere degli esperti.

57 Rischi ambientali Numerosi accorgimenti e interventi approntabili per rendere più sicuri gli ambienti di vita; alcuni richiedono l impiego di ingenti risorse economiche altri solamente attenzione e buon senso da parte di chi si occupa del problema.

58 Rischi ambientali legge inerente il superamento delle barriere architettoniche (DPR 384/78 e DM 236/89). Vengono citate alcune modifiche architettoniche semplici e valide: l illuminazione degli ambienti i pavimenti - le scale - il bagno Sedie, poltrone, tavoli e letti

59 Rischi ambientali con un bastone: largh. 70 cm, con due bastoni: largh. 90 cm, in carrozzina: lung.110 cm, largh.70 cm, passaggio minimo automanovrata 90 cm., alt. piano d azione per l occupante 80 cm, diametro per rotazione a cm, campo d azione laterale mediano 80 cm.

60 Rischi ambientali Riduzione dei rischi ambientali in genere, ed in particolare degli ostacoli e del disordine, Luci notturne intorno al letto ed in bagno, Letto e comodini stabili e/o con freni (se su ruote), Corrimano nei servizi igienici, in posizione verticale vicino ai sanitari.

61 La formazione Al personale per aumentare la consapevolezza sul rischio dei pazienti, per le strategie di prevenzione, Al paziente ed alla famiglia sul rischio di caduta, sulla sicurezza, sulle limitazioni alla mobilizzazione, Insegnare al paziente a cambiare posizione lentamente, come muoversi dal letto, utilizzare i supporti e chiedere assistenza, Educare tutti i pazienti al momento del ricovero, in particolare quelli ad alto rischio.

62 Farmaci Rivalutare frequentemente la necessità di prescrizione dei farmaci, Controllare i pazienti a cui sono stati somministrati lassativi o diuretici, Limitare le interazioni tra farmaci quando possibile (es, sedativi e analgesici).

63 Mobilità Utilizzare scarpe con fondo antisdrucciolo, Attuare gli esercizi di riabilitazione, deambulazione assistita, Insegnare al paziente ad alzarsi lentamente, Ricordare al paziente ed ai familiari le limitazioni della mobilità, assistere e accompagnare i pazienti ad alto rischio nei trasferimenti.

64 Le calzature la calzatura deve essere adatta alle caratteristiche del piede, comoda, sicura; chiuse, con punta e pianta larghe, tomaia soffice senza rilievi e cuciture sporgenti. devono aderire bene al piede e quindi essere preferibilmente allacciate; la suola antiscivolo con tacco di 3-4 cm in modo da fornire un sostegno posteriore e facilitare il passo.

65 La cura del piede un piede in buono stato di salute permette una migliore qualità della deambulazione; assicurarsi dello stato di salute della cute e delle unghie del piede, verificare la sensibilità della cute evitare che l anziano indossi calze che possano ostacolare la circolazione o che possiedano cuciture tali da favorire lesioni da pressione. L igiene del piede va curata.

66 L attività fisica Mobilizzazione in tempi veloci, Rinforzo muscolare, Esercizi di controllo posturale e di riassetto dello schema corporeo, Esercizi per il miglioramento dell equilibrio, della stazione eretta e della deambulazione, Terapia fisica.

67 Attività motoria e danza Nell anziano sano, naturalmente, questi interventi sono per la maggior parte di tipo aspecifico miglioramento della forza muscolare e della coordinazione neuro-motoria, dell equilibrio e delle reazioni di raddrizzamento. Tai Chi.

68 Gli ausili la scelta dell ausilio secondo i criteri di rilevazione della disabilità della persona, in relazione all ambiente in cui l ausilio dovrà essere utilizzato. L utilizzo dell ausilio Educazione manutenzione

69 Poltrone e carrozzine Usare cinture di sicurezza per il paziente sulla sedia a rotelle, Utilizzare dei supporti in gomma sulla sedia per prevenire lo scivolamento del paziente, Scegliere sedie con braccioli e con un altezza che renda facile alzarsi o sedersi.

70 Eliminazione Mettere i pazienti con deficit di percezione dello stimolo all'evacuazione/minzione vicino ai servizi igienici, Invitare i pazienti a recarsi in bagno periodicamente, o minzione programmata, Invitare i pazienti che hanno capogiri o vertigini ad urinare in posizione seduta.

71 Pazienti allettati Assicurarsi che il letto sia abbassato Assicurarsi che siano inseriti i freni Utilizzare le spondine, solo se necessario Assicurarsi che il paziente possa raggiungere ciò che gli serve Utilizzare delle spondine corte per evitare che il paziente le scavalchi, rischiando di cadere, per alzarsi dal retto

72 Stato mentale Orientare i pazienti confusi, Metterli vicino all'infermeria, Invitare i parenti a rimanere con il paziente confuso, Utilizzare per i pazienti confusi un letto basso.

73 Le protesi l uso appropriato di protesi per la vista, per l udito e la mobilità è essenziale ; i deficit visivi invasi di protesi inadeguati mancanza di udito possono essere responsabili di caduta.

74 L abbigliamento l abbigliamento deve essere comodo, sicuro e garantire libertà di movimento; Evitare calzoni troppo lunghi, vestaglie o cinture ciondolanti, calze con le giarrettiere indumenti stretti come il collo delle camicie possono risultare fastidiosi nonché pericolosi per problemi di circolazione.

75 Altri interventi Utilizzare braccialetti colorati o contrassegni (per la documentazione o la stanza) che evidenzino i pazienti a rischio di caduta Far eseguire terapia occupazionale Spiegare l'uso del campanello al paziente ed assicurarsi che sia raggiungibile Coinvolgere i familiari nelle cure Rivalutare il fabbisogno di personale in relazione al rischio dei pazienti

76 La prevenzione: S.I.G.N. interventi diversificati sui pazienti ad alto rischio esercizi fisici per aumentare la forza muscolare, aumentare il peso corporeo nei pazienti con un BMI<18.5, migliorare l'equilibrio e modificare i fattori di rischio individuati (Grado A). Per ridurre il rischio di fratture d anca è raccomandato l'utilizzo di specifici protettori (Grado E). I protettori, pur efficaci nella riduzione delle fratture dell'anca (riducono gli eventi del 50-66%) sono tollerati solo dal 25-30% dei pazienti.

77 esercizio, età e metabolismo proteico muscolare Yarasheski KE, J Geront 2003

78 allenamento fisico nei vecchi istituzionalizzati: revisione sistematica Rydwick E, Age Ageing 2004

79 I dispositivi protesici d anca Imbottitura contenuta in un guscio che viene applicata sull area che copre il grande trocantere a livello dell anca

80 La prevenzione:a.m.d.a. elenca delle raccomandazioni, senza specificare il livello di evidenza. Raccomanda di non limitare l'autonomia e la mobilità del paziente, informandolo però, insieme ai familiari, dei rischi delle cadute. L'utilizzo di mezzi di contenzione o di spondine deve essere documentato, riconsiderato periodicamente e quanto più possibile limitato, in considerazione dei danni che possono derivare dal loro 'uso.

81 Conclusioni La prevenzione delle cadute attraverso un assessment molto accurato e una serie di interventi specifici mirati nei momenti di maggior rischio per la persona, rende i piani di lavoro degli operatori meno generici ed onerosi. E un compito problematico per la difficoltà a raggiungere l obiettivo, per la necessità di coinvolgere tutte le figure professionali coinvolte nel processo di cura.

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

La prevenzione delle cadute nell anziano

La prevenzione delle cadute nell anziano Ospedale San Lorenzo Valdagno Dipartimento Medicina Interna Unità Operativa di Lungodegenza Responsabile dr. Marcello Mari La prevenzione delle cadute nell anziano Consigli utili Indice II problema delle

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA CANNIZZARO DI RIFERIMENTO REGIONALE DI 3 LIVELLO PER L EMERGENZA Via Messina 829 95126 Catania SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Elenco provvidenze nuova mutualità

Elenco provvidenze nuova mutualità Elenco provvidenze nuova mutualità Tipologia sussidio Importo erogato Periodicità del sussidio Documentazione da allegare Ricovero 15,00 al giorno (per massimo 20 giorni all anno) Ogni anno Certificato

Dettagli

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico)

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico) Poste Vita S.p.A. 00144, Roma (RM), Piazzale Konrad Adenauer, 3 Tel.: (+39) 06 549241 Fax: (+39) 06 54924203 www.postevita.it Partita IVA 05927271006 Codice Fiscale 07066630638 Capitale Sociale Euro 1.216.607.898,00

Dettagli

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS-IRCCS Centro S. Maria Nascente Milano 5 febbraio 2014 Organizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE 6032 6/7/2012 Identificativo Atto n. 248 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA SPERIMENTAZIONE DEL NUOVO MODELLO DI VALUTAZIONE DEL

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni CADUTE In sicurezza ad ogni passo upi Ufficio prevenzione infortuni Andare a fare la spesa, montare una lampadina stando su una scala portatile, fare le scale: sono attività che svolgiamo comunemente ogni

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ MANUALE UN PROGRAMMA DI RISCALDAMENTO COMPLETO PER RIDURRE GLI INFORTUNI NEL CALCIO INDICE PREFAZIONE 4 INTRODUZIONE

Dettagli

Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO

Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO Gli ausili per l'autonomia nella vita 1 AUTONOMIA 1,2 RECUPERO DI UN NUOVO EQUILIBRIO Relazione

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Attività con la fune

Attività con la fune lo sport a scuola Attività con la fune percorso n. 1 Attrezzatura: - uno spazio adatto (palestra, cortile) - una fune Scansione delle attività: 1. Fase motoria 2. Fase espressivo-analogica 3. Fase ludica

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

I SEGNALI GESTUALI GUIDA PRATICA

I SEGNALI GESTUALI GUIDA PRATICA I SEGNALI GESTUALI GUIDA PRATICA per lavoratori La formazione vincente. Il CFRM, Centro Formazione e Ricerca Macchine del Gruppo Merlo, è la prima struttura in Italia ed una delle prime in Europa specializzata

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

(s)legami. sulla contenzione fisica. progetto di ricerca. in struttura

(s)legami. sulla contenzione fisica. progetto di ricerca. in struttura (s)legami progetto di ricerca sulla contenzione fisica in struttura indice pag 4 pag 6 pag 9 pag 10 pag 18 pag 25 pag 26 pag 39 pag 40 introduzioni di: Guido Saccardi Presidente Coopselios Dina Bonicelli

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti Di Marco Mozzi PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO Le funzioni Le componenti Avendo riportato, all interno del paragrafo dedicato agli obiettivi, alcuni concetti che possono risultare di difficile comprensione

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi)

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi) Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali (Allegato alla Carta dei Servizi) REGOLAMENTO INTERNO RSA ************* TITOLO 1 OGGETTO, FINALITA, CARATTERISTICHE Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

Che cos è l ergonomia

Che cos è l ergonomia norme ergonomiche per le attrezzature di lavoro, il posto di lavoro e l ambiente di lavoro. Che cos è l ergonomia La parola ergonomia deriva dal greco ergo, che significa lavoro, e nomos che significa

Dettagli

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Responsabili: M. DENTI - H. SCHÖNHUBER - P. VOLPI Responsabile:

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08)

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) 1. DEFINIZIONI PRINCIPALI Datore di lavoro Il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o,

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

Consigli per muoverti bene con la persona che assisti

Consigli per muoverti bene con la persona che assisti 8. Strumenti per qualificare il lavoro di cura a domicilio Consigli per muoverti bene con la persona che assisti Assessorato alla Promozione delle politiche sociali e di quelle educative per l infanzia

Dettagli

- SALTUARIASALTUARIA-OCCASIONALE

- SALTUARIASALTUARIA-OCCASIONALE LA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI IN EDILIZIA LA VALUTAZIONE DEI RISCHI L art. 168 definisce per il DDL una sequenza di azioni PARTENDO DAL POSTO DI LAVORO: 1) Individuazione e valutazione ATTIVA ai

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

4.03 Stato al 1 gennaio 2013

4.03 Stato al 1 gennaio 2013 4.03 Stato al 1 gennaio 2013 Mezzi ausiliari dell AI Professione e vita quotidiana 1 Gli assicurati dell AI hanno diritto, nei limiti fissati in un elenco allestito dal Consiglio federale, ai mezzi ausiliari

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

SALUTE E BENESSERE MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI

SALUTE E BENESSERE MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI SALUTE E BENESSERE MASEC COS E È la mutua assistenza volontaria dei piccoli imprenditori e delle loro famiglie,

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

In forma con la FASCIA ELASTICA

In forma con la FASCIA ELASTICA RICHIEDETE In forma con la FASCIA ELASTICA L O R I G L E I N A www.thera-band.de Istruzioni professionali per il Vostro allenamento quotidiano Astrid Buscher Charlotta Cumming Gesine Ratajczyk Indice

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

Una casa su misura. Domande e risposte per migliorare l accessibilità domestica. A cura di Devis Trioschi

Una casa su misura. Domande e risposte per migliorare l accessibilità domestica. A cura di Devis Trioschi Una casa su misura Domande e risposte per migliorare l accessibilità domestica A cura di Devis Trioschi Fisioterapista Centro Regionale Ausili di Bologna È un iniziativa Regione Emilia Romagna Programma

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio Brevetto N. 1 Seduti sul bordo con gambe in acqua (valutare emotività) Discesa dalla scaletta (valutare emotività) Studio equilibrio verticale Andature con Remate, movimenti braccia SL e Do (M.I.) Valutazione

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli