LA DURABILITA' DEL CALCESTRUZZO: TEORIA, PRATICA, PRESCRIZIONI.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA DURABILITA' DEL CALCESTRUZZO: TEORIA, PRATICA, PRESCRIZIONI."

Transcript

1 LA DURABILITA' DEL CALCESTRUZZO: TEORIA, PRATICA, PRESCRIZIONI. geom. Ivano PIGNI - Coordinatore Comitato Tecnico ASSIAD PREMESSA. Per molto tempo tutti abbiamo considerate eterne le strutture di calcestruzzo ma oggi è sufficiente guardarsi un po' intorno per accorgersi che non è così, le patologie che riguardano il calcestruzzo sono di chiara e conclamata gravità e, se ancora oggi, è quasi impossibile prevedere con esattezza quanti anni resisterà in opera un calcestruzzo è però possibile fare molto per limitare le cause esterne ed interne del degrado. Ogni volta che si discute di degrado del calcestruzzo è atteggiamento comune riferirsi soprattutto all'inquinamento o ad altri fattori esterni: la conoscenza dei materiali e lo studio accurato delle patologie ci dimostrano invece che su 100 calcestruzzi precocemente degradati circa 45 lo sono per un confezionamento non corretto (dosaggi di cemento troppo bassi, rapporti A/C troppo elevati, scarsa cura nel proporzionare le miscele, mix design errati, ecc.); 25 circa, per errori o imperfezioni nella messa in opera (scarsa o nulla compattazione, casserature non idonee, nessuna operazione di curing, ecc.); 25 circa, per una progettazione non corretta dell'opera (copriferro inadeguati, spazi interferro troppo limitati per consentire la posa di conglomerati di adatte caratteristiche, errata valutazione dell'ambiente di esposizione e delle sollecitazioni che esso deve fronteggiare, ecc.): Solo 5 calcestruzzi, infine, risultano danneggiati da cause accidentali e quindi totalmente imprevedibili. L'eccessivo e rapido degrado del calcestruzzo ha quindi responsabilità abbastanza nette e precise ed un primo rimedio è intuitivo, responsabilizzare e qualificare maggiormente i singoli operatori. (fig 1) Un calcestruzzo durevole, infine, ha un costo superiore a quello di un calcestruzzo corrente mentre i prezzi di capitolato e di mercato delle strutture in c.a., quasi sempre poco remunerativi, tendono a far realizzare conglomerati di bassa qualità. Bassa qualità che, tuttavia, ad un sommario controllo, sembra soddisfare le poche specifiche tecniche prescritte. Il progresso tecnologico ed il miglioramento sensibile della qualità dei prodotti oggi disponibili, sono diventati anch'essi, paradossalmente, causa di degrado. E' oggi

2 possibile: ridurre le sezioni resistenti, aumentare i tassi di lavoro delle strutture, eseguire getti e mettere in esercizio le strutture in tempi brevissimi e, tutto ciò, come vedremo più avanti, può essere molto pericoloso. (fig 2) Si cercherà ora di esaminare più nel dettaglio le molteplici cause che provocano degrado e che abbiamo cercato di sintetizzare nella tabella precedente ma possiamo affermare, fin d'ora, che le possibilità di insorgenza di una alterazione sono proporzionali alla permeabilità del conglomerato cementizio. Un calcestruzzo impermeabile non consente la penetrazione a nessun elemento chimico, neutro o aggressivo che sia. Al contrario, un calcestruzzo molto permeabile può essere soggetto a qualsiasi attacco portatogli dall'ambiente circostante. Il calcestruzzo durevole deve quindi possedere una caratteristica fondamentale: la compattezza. Un calcestruzzo sarà tanto più compatto quanto più accuratamente sarà stato progettato, eseguito, controllato e messo in opera PROGETTO DELL'IMPASTO - MIX DESING. Il calcestruzzo come noi lo conosciamo è una miscela di particelle solide (cemento e aggregati) con acqua. Possiamo quindi dire che, allo stato fresco, la porosità dell'impasto, che è poi il contrario della compattezza, è uguale alla quantità d'acqua necessaria a riempire tutti i vuoti rimasti tra i granuli. Ma qual'è il volume di questi vuoti?. In un sistema di sfere monogranulari il volume dei vuoti dipende da una legge fisica invalicabile il rapporto tra il volume del cubo e della sua sfera che esso circoscrive. Via via che il numero delle sfere cresce cioè diminuisce il loro diametro esse possono assumere una disposizione spaziale più complessa ed una porosità decrescente. In un recipiente di dimensione infinita (senza pareti) la minima porosità raggiungibile con sfere monogranulari è del 26%. Ciò significa che se in un sistema le sfere sono più di una, sono tutte uguali e non c'è "effetto parete", che esse siano grandi o piccolissime non importa: questa è la massima compattezza raggiungibile. I vuoti tra le sfere sono in grado, però, di accogliere sfere più piccole: in un sistema di sfere assortite la porosità può quindi diminuire ancora. Questo esercizio, puramente matematico, (introdurre una "sfera" più piccola nel vuoto lasciato da quattro "sfere" più grandi affiancate), si potrebbe protrarre all'infinito ottenendo una lievissima diminuzione della porosità ad ogni "passaggio" (aggiunta di sfere più piccole) ma, in pratica, già alla quinta aggiunta, la possibile introduzione di nuovo materiale sarà così esigua da rendere inutile il proseguire oltre. La porosità residua ultima è del 15%. Nella pratica di ogni giorno, per il nostro "esercizio", non abbiamo mai a disposizione sfere perfette ma solo uno o più insiemi di granuli di varia forma e vario assortimento. Le equazioni ed i calcoli, allora, si complicano un po'; sarà più pratico allora, affidarsi a delle convenzioni stabilite sulla base di risultati sperimentali. La minima porosità ottenibile sarà, in ogni caso, molto vicina a quella teorica e vi si giunge (è un metodo tra tanti ed è tra i più affidabili) componendo gli assortimenti granulometrici disponibili in modo che la distribuzione granulometrica risultante coincida con una distribuzione teorica che assume la figura data dall'equazione 1: 1) P% = d/d

3 Se a questa configurazione, disegnata su carta millimetrata, affiancheremo un minimo di tolleranza, la figura che otterremo sarà il famoso e famigerato "fuso granulometrico" entro cui dovremo tentare di rimanere con il nostro insieme se vorremo ottenere la miscela più compatta possibile. Tale fuso granulometrico è solo uno degli svariati metodi, sia grafici sia matematici, utilizzabili per ottenere il risultato voluto e si rifà alla teoria di Fuller. Non sarà il massima della scienza matematica ma ha il pregio della semplicità esecutiva e della costanza di risultati. Un esempio valido di fuso granulometrico di riferimento costruito sulla base dei setacci della Norma UNI ha come equazioni 2 costitutive: 2) P% = (d/d) 0,4 (limite max sabbia 3) P% = (d/d) 0,65 (limite max ghiaia = Tolleranze) di cui quello che segue è un esempio significativo (fig. 3). Nella distribuzione granulometrica così definita manca qualcosa: il cemento che è un insieme di granuli per la gran parte più fini del limite granulometrico posto al precedente diagramma; e l'acqua. Entrambi questi materiali sarebbero teoricamente in grado di "saturare" la porosità residua del nostro insieme di granuli ma c'è una complicazione. L'acqua serve per dare lavorabilità al calcestruzzo: un insieme teoricamente perfetto di granuli non serve a nulla se non possiamo metterlo in opera. L'acqua serve per idratare il cemento che altrimenti rimarrebbe "inerte". Il cemento serve, se idratato bene a conferire resistenza e rigidezza (monoliticità) all'insieme. Occorre quindi proporzionare in modo corretto anche questi componenti senza per questo perdere di vista il risultato finale che deve essere quello della massima compattezza (o della minima porosità, se preferite). Vediamo prima di proporzionare il cemento. Il cemento ha una finezza che nella sua parte più grossolana si confonde con la parte finissima degli aggregati; esistono materiali di finezza analoga al cemento o più fini ancora: sono estremamente utili. Meglio quindi dimenticare un attimo la parola cemento per sostituirla con il termine più generico: "Filler" o se volete Binder. Definendo filler, ogni particella solida al di sotto dei 125 micron. A naso, può sembrare che più filler si aggiunge maggiore sia la compattezza ottenibile; non è così. L'aggiunta di filler per percentuali anche significative aumenta effettivamente la compattezza ma poi, oltre un certo limite ad ogni aggiunta di filler corrisponde un'aumento della porosità. Per il filler quindi esiste, dimostrato dalla pratica, un dosaggio ottimale (vedi diagramma allegato 1). Esso dipende principalmente dalla dimensione massima dei granuli presenti nell'insieme e risponde a precise equazioni, per semplicità, lo esponiamo sotto forma di tabella 11.

4 L'acqua è l'elemento che ancora ci manca. Come abbiamo già accennato essa serve ad idratare correttamente il cemento ma questo è un fabbisogno minimo (8-9% del peso del cemento cioè l/mc) e molto più per conferire all'impasto la giusta attitudine ad essere messo in opera correttamente cioè a conferirgli lavorabilità. Qui non ci aiutano ne teoria ne equazioni; dobbiamo necessariamente affidarci a delle prove pratiche per stabilire quale sia il contenuto minimo di acqua necessario. Contenuto d'acqua che, ricordiamolo sempre, corrisponderà alla minima porosità residua possibile nel nostro insieme. Appare ovvio come tale contenuto dipenda principalmente dai mezzi disponibili per la messa in opera ma è interessante osservare con attenzione i fenomeni che si verificano operando con l'insieme" che abbiamo più sopra definito. Intanto osserviamo che il comportamento degli impasti (ciò che finora avevamo definito genericamente "insieme") è ripetibile una volta rispettate le definizioni date (distribuzione granulometrica compresa nel fuso predefinito, contenuto di filler compreso nei limiti della tabella) non dipende quindi, in prima approssimazione, ne dalla natura e dalla forma dei granuli disponibili ne dalla qualità e dal tipo di cemento utilizzato. Osserviamo poi che già a partire da un contenuto d'acqua di 150 litri per metro cubo si possono ottenere ottimi valori di compattezza agendo con intense vibrazioni. Con medie intensità di vibrazione si ottengono risultati accettabili solo con almeno 165 litri d'acqua per metro cubo. Oltre i 165 litri d'acqua per metro cubo non c'è vibrazione che tenga, la porosità aumenta sempre in modo proporzionale al contenuto effettivo di acqua. Abbiamo così individuato il dosaggio ottimale del componente che mancava al nostro mix per trasformarlo in un calcestruzzo utilizzabile e rispondente al requisito richiesto: la massima compattezza possibile. Preparato l'impasto di calcestruzzo vediamo ora quali sono i fenomeni che si verificano L'IDRATAZIONE DELLA PASTA DI CEMENTO. Una lunga serie di ricerche, iniziate all'alba del secolo e tuttora in atto, perfezionate con l'adozione di sempre nuove apparecchiature, ci consente di schematizzare così le trasformazioni che avvengono nei costituenti principali del cemento in presenza di acqua: C 3 S silicato tricalcico ---!!--- + Acqua > C-S-H + Ca(OH) 2 C 2 S silicato bicalcico ---! PORTLANDITE C 3 A alluminato tricalcico + Acqua > C 2 AH 8 + C 4 AH 13 + C 3 AH 6 C 3 A + Gesso + Acqua > C 3 A. 3 CaSO 4.32H 2 O - C 3 A.CaSO 4.12H 2 O - C 4 AH 13 ETTRINGITE C 4 AF alluminato ferrito tetracalcico + Acqua > C 2 (A opp.f)h 8 +C 4 (A opp.f)h C 3 (A opp.f)h 6 C 4 AF + Gesso + Acqua > C 3 (A opp.f).3caso 4.32H 2 O+C 3 (A opp.f).caso 4.12H 2 O+ +C 3 (A opp.f)h 13 I due silicati, C 3 S e C 2 S, portano alla formazione di uno stesso idrato, C-S-H. L'osservazione al microscopio lo descrive come un insieme di fogli molto sottili che, avvolgendosi su se stessi, formano tubicini aperti, più o meno lunghi. Questa cristallizzazione lanceolata ricopre progressivamente i granuli di cemento anidri che assumono il classico aspetto di un "riccio". L'eccesso di cal-

5 cio lo ritroviamo dapprima sotto forma di idrossido Ca(OH) 2 disciolto nell'acqua, in seguito questo eccesso precipita cristallizzando in placchette esagonali impilate tra i granuli di cemento parzialmente idratato: è la PORTLANDITE. L'idratazione del C 3 A provoca, nell'immediato, la formazione di un GEL (sostanza ad alta viscosità che può ancora configurarsi come una miscela di alluminato e acqua) poi, in rapida successione, la cristallizzazione di alluminati idrati (C 3 AH 8 e C 3 AH 13 ) che si presentano come placchette esagonali e la cristallizzazione cubica dell'alluminato definitivo (C 3 AH 6 ). La cristallizzazione degli alluminati che è una reazione che avviene in un tempo più breve di quello necessario a descriverla, se non controllata, bloccherebbe completamente l'idratazione degli altri componenti, in particolare del C 2 S. Per mantenerne il controllo viene sempre aggiunto un regolatore di presa: il Gesso (CaSO 4.2H 2 O). La reazione del C 3 A in presenza di Gesso conduce alla formazione di una serie di solfoalluminati. Il Trisolfoalluminato o ETTRINGITE, in particolare, cristallizzato molto finemente, ricopre per un certo tempo i granuli ancora anidri del cemento e li protegge da una reazione troppo rapida. Via via che la reazione progredisce però l'ettringite assume una forma più stabile quella di bastoncelli prismatici. Contemporaneamente all'ettringite si formano piccole quantità di monosolfoalluminato e di alluminato idrato che assume l'aspetto di placchette. Analogamente si comporta l'alluminatoferrito-tetracalcico (C 4 AF). Come abbiamo visto, le particelle solide disperse in acqua che costituiscono la pasta di cemento, sono dei granuli policristallini costituituiti da silicati e alluminati. Questi componenti presentano velocità di idratazione molto differenti e di questo occorre tenere conto parlando di durabilità. Ogni loro reazione, poi, produce quantità abbastanza importanti di calore. L'analisi e lo studio delle varie fasi di sviluppo del calore consente di seguire e giudicare lo stato di avanzamento e il progredire dell'idratazione. Si è potuto stabilire che la reazione del C 3 S e del C 3 A non evolve più, in maniera significativa dopo i 28 giorni dall'introduzione dell'acqua. Tra i 28 giorni ed i 6 mesi si registra ancora una sensibile attività residua da parte del C 2 S e del C 4 AF. Dopo i 6 mesi si registrano ancora delle piccole evoluzioni ma è molto difficile stabilire se ciò sia attività primaria residua o reazione di cemento totalmente idratato con sostanze presenti nell'ambiente. Lo sviluppo del calore di idratazione del C 3 S, di gran lunga il componente principale degli attuali cementi, presenta all'analisi, un segnale caratteristico: si verifica una produzione notevole di calore nei primi istanti di idratazione a cui fa seguito un periodo, che dura parecchie ore, di inerzia quasi totale denominato "periodo dormiente", poi la temperatura riprende a salire in modo costante per molte ore. Si attribuisce questo segnale così particolare alla reazione di adsorbimento da parte del C 3 S con conseguente formazione di gel, sarebbe quindi una reazione più fisica che chimica. Il secondo sviluppo di calore è invece legato alla reazione chimica vera e propria, cioè alla formazione dei silicati idrati C-S-H e alla precipitazione del Ca(OH) 2. Il periodo "dormiente" è tuttora molto misterioso tuttavia è noto che l'uso degli additivi e le variazioni di temperatura agiscono proprio sulla durata di tale periodo e sono quindi in grado di accelerare o ritardare la velocità di indurimento della pasta di cemento. Diviene quindi chiaro che il periodo di idratazione del cemento va seguito con cure particolari. Prima tappa sulla strada dell'ottenimento della massima durata sarà quindi quella di avere cura assidua del calcestruzzo, se non fino al termine ultimo delle reazioni di idratazione, almeno fino a quando lo sviluppo delle resistenze non l'abbia reso sufficientemente robusto e compatto (3-5 giorni). L'insieme degli accorgimenti da porre in atto in questa fase è conosciuto con il nome di "curing" REAZIONI DEI COMPOSTI IDRATATI CON L'AMBIENTE. Quando è fortemente compatto e ben dosato in cemento (le due cose purtroppo non sono sinonimi), il calcestruzzo resiste bene alla maggior parte degli attacchi fisici e chimici che gli vengono portati dall'esterno. Troppo spesso però il calcestruzzo non è così e allora tutti i suoi componenti (cemento, ferro, aggregati) possono subire alterazioni e queste alterazioni mettere in pericolo la stabilità stessa dell'opera. Le alterazioni della pasta di cemento possono essere causate da agenti esterni (soluzioni acide, terreni ricchi di gesso, aggressivi gassosi portati a contatto della pasta di cemento dall'acqua che permea il calcestruzzo) o da agenti interni (idratazione della calce e del magnesio liberi nel cemento, reazione alcali e alcali-silice, solidificazione dell'acqua sotto l'azione del gelo ecc.). Queste alterazioni si manifestano in due modi contrari dagli effetti ugualmenti dannosi:

6 con L'EROSIONE - alcuni dei componenti si trasformano in altri molto solubili che l'acqua allontana lasciando vuoti via via crescenti che diminuiscono progressivamente la resistenza meccanica. Una reazione questa, all'inizio lenta e quasi impercettibile ma, una volta innescata, sempre più rapida e distruttiva; con l'espansione - alcuni dei componenti si trasformano in altri ancora insolubili ma di volume nettamente superiore. Ciò crea tensioni notevoli e quando tali tensioni superano la resistenza del conglomerato si assiste alla formazione di fessure che, seppure non sufficienti a indebolire in modo irrimediabile la struttura, sono una porta spalancata agli aggressivi che possono completare in breve tempo la loro azione disgregatrice. Di tutti i componenti del cemento idratato, la Calce (portlandite) è di gran lunga quello più debole essendo molto facilmente solubile. La calce può poi emergere dalla struttura attraverso porosità o microfessure e formare una efflorescenza bianca di Ca(OH) 2 che all'aria carbonata trasformandosi in CaCO 3 insolubile. L'acqua che può permeare il calcestruzzo discioglie sempre la calce sia essa acidula, salina o pura (acqua di ghiacciaio). Per l'importanza che rivestono e per la loro frequenza le azioni aggressive possono essere così schematizzate: AZIONE DI ACIDO CARBONICO (H 2 CO 3 ) E ANIDRIDE CARBONICA (CO 2 ). L'acido carbonico in natura non esiste lo si deve considerare come una soluzione acquosa di anidride carbonica. l'anidride carbonica in acqua è presente sotto diverse forme: - CO2 libera sotto forma di gas e questa presenza è costantemente alimentata dalla massiccia presenza di questo gas nell'aria - CO2 semicombinata chimicamente Ca(HCO3)2-Bicarbonato solubile - CO2 combinata chimicamente CaCO 3 - Carbonato insolubile secondo la seguente reazione di equilibrio (equazione 3): A.1 - La CO 2 è in difetto in rapporto al CaCO 3 : si stabilisce un equilibrio nel senso 2 <---- della reazione (A) si ha precipitazione di CaCO 3 insolubile (calcite o aragonite). Precipitati questi non espansivi che otturano le porosità fungendo, spesso da protettivi del calcestruzzo. Siamo in presenza di acqua incrostante A.2 - La CO 2 Š in eccesso in rapporto al CaCO 3 : I - si stabilisce un equilibrio nel senso 1----> della reazione (A) con formazione di Ca(HCO 3 ) 2 solubile. II - avviene l'attacco del Ca(OH) 2 del cemento: CO 2 + H 2 O + Ca(OH) > CaCO 3 + 2H 2 O III - il CaCO 3 si trasforma come nel caso I Siamo in presenza di un'acqua aggressiva si ha erosione. L'attacco portato dalla CO 2, trascurabile nel calcestruzzo, è estremamente dannoso per uno dei componenti essenziali del cemento armato: il ferro d'armatura. L'ambiente che circonda le armature ha una funzione determinante sulla loro conservazione. Il calcestruzzo, o meglio il cemento, realizza questa protezione grazie all'elevata alcalinità (ph almeno=12,5) che induce e che è dovuta principalmente all'idrossido di calcio che abbiamo visto formarsi in grande quantità al momento dell'idratazione. La CO 2 reagendo come abbiamo appena visto proprio con la calce abbassa in breve tempo il ph sotto il valore 11 (Steel Corrosion Limit). Le armature in presenza dell'ossigeno e dell'umidità dell'ambiente possono subire una degradazione consistente per la trasformazione molto rapida del ferro metallico (Fe) in ossido e in idrossido di ferro (ruggine) secondo la seguente reazione generale: 4Fe + 3O2 + 2H2O ----> 4Fe(OOH) Tale reazione presenta sostanzialmente due fenomeni di degrado ugualmente importanti: I Diminuzione della sezione del ferro metallico II Distacco del copriferro a causa del rigonfiamento del ferro nella sua trasformazione da ferro a ossido e poi a idrossido. (spalling) (fig 4)

7 L'idrossido di ferro esiste in varie forme: in particolare esiste la forma Ÿ.FeOOH denominata lapidocrocite che in ambiente molto basici (ph maggiore di 11 appunto) si presenta stabile, molto denso, compatto e ben aderente al ferro sottostante. Questo idrossido forma una barriera praticamente impenetrabile all'ossigeno e all'acqua e ciò preserva le armature da ulteriori danni: si dice allora che il ferro è "passivato". In ambienti meno basici (ph minore di 11), come si verifica quando la CO 2 ha reagito con la calce presente, l'idrossido superficiale diventa molto soffice, poroso e non più protettivo. Il ferro non più passivato è allora in grado di ossidarsi ulteriormente secondo le seguenti reazioni schematiche: ANODO (reazione anodica) 4Fe + 8H 2 O ----> 4FeOOH + 12H e CATODO (reazione catodica) 3O 2 + 6H 2 O + 12 e ----> 12 OH - Come si può notare, affinché l'ossidazione del ferro possa proseguire occorre che sia presente una gran quantità di umidità e che sia ininterrotto il flusso di elettroni tra anodo e catodo, condizione quest'ultima estremamente facilitata dall'alta conducibilità elettrica del ferro. Vista la facilità con cui avvengono queste reazioni e l'estrema disponibilità delle "materie prime" necessarie, se dopo qualche anno dal getto, abbiamo ancora delle armature in opera ciò è dovuto al fatto che, per fortuna, si devono verificare alcune condizioni concomitanti: occorre, soprattutto, disponibilità di ossigeno e di acqua. In genere la diffusione dell'ossigeno e dell'acqua in un mezzo poroso non avviene in contemporanea e ciò perché l'ossigeno e i gas in genere si diffondono con estrema lentezza nell'acqua. Pori capillari pieni d'acqua (U.R. maggiore del 95%) non contengono ossigeno; pori capillari con U.R. minore del 50% non hanno tutta l'acqua necessaria alla reazione anche se dispongono di una grande concentrazione di gas aggressivo. Ne consegue che le strutture più esposte all'aggressione sono quelle porose (veloce diffusione di gas e acqua) alternativamente bagnate da pioggia o spruzzi con intervalli di condizioni non sature (U.R. tra 50 e 80%) cioè tutte le strutture esterne non protette dalla pioggia (coperture, pavimentazioni, strutture stradali, ecc.) e le zone soggette all'alternarsi delle maree o al rapido susseguirsi dei periodi di piena e di magra (moli, darsene, palificazioni, dighe, piloni di ponti, ecc). Ce n'è comunque a sufficienza per preoccuparsi seriamente. AZIONE DI CLORO E CLORURI. Sostanzialmente analogo a quello appena visto in dettaglio è l'attacco portato al calcestruzzo e alle armature da parte del cloro e dei cloruri. L'unica differenza è data dal fatto che il Cloro reagisce con l'idrossido di ferro trasformandolo in cloruro facilmente solubile. L'attacco all'armatura è quindi sempre ed esclusivamente di riduzione della sezione disponibile (pitting). Nel caso dei cloruri (sali disgelanti, acqua di mare, ecc) è poi necessario distinguere qual'è il tipo di cloruro presente perché nel caso di presenza importante di cloruro di calcio (CaCl 2 ) si può verificare anche la formazione di fessure per effetto dell'espansione provocata dall'ossicloruro di calcio (3CaO.CaCl 2.15H 2 O).

8 La diffusione del cloro, purtroppo, non è del tutto inibita dalla forte presenza d'acqua perciò l'unica protezione a questo tipo di attacco è quella offerta dalla massima compattezza del calcestruzzo e dalla composizione del cemento impiegato. La diffusione del cloro è governata dalla formula (fig 5): AZIONE DEGLI ACIDI. Per acidi si vuole qui intendere soprattutto degli acidi deboli o degli acidi forti molto diluiti perché l'attacco degli acidi forti in concentrazioni elevate richiederebbe misure appropriate e nessuno, salvo incidenti, credo e spero, si sogna di costruire contenitori per tali materiali esclusivamente in cemento armato. Si ha allora: I Caso - La calce passa in soluzione senza reagire. La pasta di cemento si decalcifica progressivamente per la dissoluzione della calce degli idrati Ca(OH) 2 ; C-S-H; C 4 AH 13. Lo stadio ultimo della degradazione è la formazione di SiO 2.nH 2 O ed Al 2 O 3.nH 2 O cioè ossidi semplici idrati. Questo è un gel e la cui resistenza è nulla. I volumi residui sono via via sempre minori si ha perciò: EROSIONE. II Caso - La calce passa in soluzione e partecipa a ulteriori reazioni chimiche: A) Si avrà uno strato protettivo se si formeranno composti nuovi insolubili p.es. H 2 CO 3 (acido carbonico) + Ca(OH) > CaCO 3 + 2H 2 O B) Ci sarà erosione se si formeranno composti nuovi solubili p.es. 2HNO 3 (acido nitrico) + Ca(OH) > Ca(NO 3 ) 2 + 2H 2 O A questo ultimo caso appartengono tutti gli attacchi degli acidi organici (Acetico, Tannico, Lattico, Formico, ecc.). Questi sono acidi deboli e poco aggressivi ma sono presenti quasi sempre in forte concentrazione: si pensi, ad esempio, ai luoghi di conservazione dei prodotti agricoli o alle strutture di stoccaggio e smaltimento degli scarti di lavorazione e dei rifiuti. Anche gli acidi grassi provenienti dagli olii e grassi vegetali o animali, certi acidi derivanti dallo zucchero, l'acido umico e fulvico provenienti dai vegetali (terreno agricolo) sono acidi deboli e poco aggressivi ma sono presenti pressoché ovunque. L'azione dell'acido solforico conduce a formazione di solfati di calcio pochissimo solubili. Non rientra nel caso II A) perché questi solfati provocano reazioni secondarie con altri componenti del cemento e sarà, per questo, descritta a parte. AZIONE DEI SALI: E' questa una reazione di scambio ionico e pertanto può avvenire solo dopo che è iniziata la dissoluzione della calce e in presenza d'acqua. A) In presenza di sali coerenti in Ca(OH) 2 si ha formazione di prodotti insolubili che formano uno strato protettivo p.es. Azione del cloruro di magnesio: lo ione Mg ++ sostituisce lo ione Ca ++ cioè: MgCl Ca(OH) > Mg(OH) 2 + CaCl 2 Insolubile Solubile B) In presenza di sali non coerenti in Ca(OH) 2 si ha formazione di sali solubili e gas volatili si ha cioè EROSIONE

9 p.es. due ioni NH4 + del cloruro d'ammonio sostituiscono lo ione Ca ++ cioè: 2NH 4 Cl + Ca(OH) > 2NH 3 + 2H 2 O + CaCl 2 Gas Solubile Uno schema di questo tipo si applica a tutti i cloruri e a tutti i nitrati. Questi sali sono presenti in grande concentrazione in tutti i materiali disgelanti e in molti fertilizzanti così come negli eluati dei rifiuti sia civili sia industriali. In ogni caso perché ci sia aggressione devono essere presenti contemporaneamente due fattori: l'aggressivo e l'acqua. Un calcestruzzo sarà aggredibile solo se permeabile all'acqua e se sarà in condizioni di umidità variabili di frequente nel tempo. Un calcestruzzo compatto è pressoché impermeabile e quindi poco o nulla aggredibile dagli acidi e dai sali così come li abbiamo definiti. AZIONE DEI SALI SOLFATICI Anche in questo caso si tratta di una reazione di scambio ionico e quindi può avvenire solo in presenza di calce in dissoluzione e di acqua. Non rientra negli schemi proposti perchè lo scambio ionico conduce alla formazione di CaSO 4 (solfato di calcio) cioè lo stesso materiale che viene utilizzato come regolatore di presa. Con il C 3 A del cemento il solfato genera solfoalluminati: cristalli insolubili che occupano un volume molto maggiore di quello dei composti di partenza (ricordate l'ettringite?). In quantità giuste tali cristalli sono componenti essenziali in quantità eccessiva generano una notevole e pericolosa ESPANSIONE. La reazione chimica la conosciamo già ma forse vale la pena di ricordarla (equazione 4): Esistono ancora due tipi di attacchi cui può essere soggetto il calcestruzzo uno di tipo fisico e uno di tipo chimico che nell'introduzione di questa relazione abbiamo definito come: "cause interne di degrado". Riteniamo sia opportuno evidenziarle. REAZIONE ALCALI-SILICE E ALCALI-AGGREGATO. Avviene per reazione degli alcali presenti nel cemento (K 2 O, Na 2 O, CaO) o in alcuni aggregati (p.es. feldspati) con i componenti più reattivi degli aggregati stessi. Si possono citare due casi: A) Aggregati contenenti silice attiva (solubile). Si ha formazione di un gel CaO-K 2 O-Na 2 O-nH 2 O che può portare a conseguenze diverse a seconda che: A.1) Il CaO sia in forte eccesso. Il gel che si forma non è espansivo ma si deposita sulla superficie degli aggregati e ne annulla la coesione con la pasta di cemento. A.2) Vi sia eccesso di alcali (K 2 O, Na 2 O). Il gel che si forma diviene fortemente espansivo per adsorbimento d'acqua. L'espansione è notevole e porta sempre alla comparsa di fessure molto caratteristiche. B) Aggregati dolomiaci (Ca.Mg(CO 3 ) 2 ). Si ha formazione di Mg(OH) 2 insolubile e di CaCO 3, K 2 CO 3, Na 2 CO 3 altrettanto insolubili ma di volume molare nettamente superiore ai costituenti. Si ha anche qui un'espansione ma i danni sono sempre notevolmente minori che nel caso precedente. A questi tipi di aggressione, purtroppo, non c'è rimedio. Occorre solo accertarsi bene della natura degli aggregati prima di utilizzarli per la confezione del calcestruzzo. E' comunque buona regola, peraltro codificata dalle norme vigenti (UNI 8520), sottoporre sempre tutti gli aggregati per calcestruzzo a prove di laboratorio atte ad escludere ogni loro potenziale reattività. ATTACCO DEL GELO. I fenomeni criogenici in sistemi capillari (quali appunto il calcestruzzo) sono materia di studio vastissima che, tuttavia, in prima approssimazione, si può così sintetizzare. L'aumento di volume dovuto alla formazione del ghiaccio crea delle sovrappressioni che spostano l'acqua interstiziale, generando, nel contempo, modeste quantità di calore (dovute al comprimersi dell'aria presente). Tale calore abbassa il punto di congelamento dell'acqua contenuta nei capillari più interni (acqua di saturazione). Chiamando "t 0 " la temperatura di congelamento dell'acqua a pressione atmosferica e "t 1 " la temperatura di congelamento dell'acqua di saturazione possiamo distinguere due casi: 1) GELO MODERATO - Si ha quando la temperatura dell'aria è compresa tra "t 0 " e "t 1 " (di solito tra 0 e -5 C). Il fronte del gelo avanza molto lentamente dall'esterno verso l'interno. L'acqua interstiziale viene spinta lentamente verso la superficie dove a sua volta gela. Si creano delle sovrappressioni molto modeste che tuttavia sono in grado di innescare numerose microfessure.

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

kerabuild jet Code E591 2008/08 pagina 1/5

kerabuild jet Code E591 2008/08 pagina 1/5 recupero calcestruzzo MALTE TECNOLOGICHE STRUTTURALI ad alta resistenza chimica LINEA costruzioni kerabuild Malta tecnologica strutturale colabile monocomponente per inghisaggi a rapida messa in servizio.

Dettagli

CHE COS E IL CALCESTRUZZO

CHE COS E IL CALCESTRUZZO Il calcestruzzo e le strutture armate Che cos'è il calcestruzzo INDICE 1. CHE COS'È IL CALCESTRUZZO 1.1 DEFINIZIONE DEL CALCESTRUZZO 1.3 IL LEGANTE 1.5 L'ACQUA 1.7 IL CALCESTRUZZO ARMATO 1.2 LA RICETTA

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE N NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI elastico e resistenza a trazione, per il riempimento degli scavi effettuati nel

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

6.1 6.2 6.3 STAGIONATURA E DISARMO DISARMO E TEMPISTICHE MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE FINITURE SUPERFICIALI

6.1 6.2 6.3 STAGIONATURA E DISARMO DISARMO E TEMPISTICHE MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE FINITURE SUPERFICIALI Il calcestruzzo e le strutture armate Stagionatura e disarmo INDICE 6.1 6.3 DISARMO E TEMPISTICHE FINITURE SUPERFICIALI 6 STAGIONATURA E DISARMO 6.2 MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE STAGIONATURA E DISARMO

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni Condensatori per rifasamento industriale in Bassa Tensione: tecnologia e caratteristiche. Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni 1 Tecnologia dei condensatori Costruzione Com è noto, il principio costruttivo

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011)

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011) 1) Codice di identificazione unico: 0/4-GF 85 2) Numero di tipo: SABBIA ASTICO 3) Uso previsto di prodotto: UNI EN 12620- Aggregati per calcestruzzo; rilasciato il Certificato di conformità del controllo

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

LINEE GUIDA SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

LINEE GUIDA SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO LINEE GUIDA SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Presentazione La sicurezza strutturale e l affidabilità dei materiali e dei relativi sistemi costruttivi investono direttamente la competenza istituzionale

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1.

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1. Correnti Vaganti Introduzione Correnti Vaganti Una struttura metallica in un mezzo avente conducibilità ionica, quale ad esempio acqua, terreno o calcestruzzo, nel quale sia presente un campo elettrico

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20 mm

Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20 mm CT LISCIATURE C40-F10 A2 fl CONFORME ALLA NORMA EUROPEA Nivorapid EN 13813 Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne DESCRIZIONE DI-CLASS è un sistema composito a base resina caratterizzato da elevata flessibilità di intervento ed

Dettagli

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata».

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata». Esercizi sul calcolo del ph Generalità introduttive 1. L'ammoniaca :NH 3 non possiede alcun ruppo ossidrilico. Come puoi spieare il suo comportamento basico? 2. Spiea il sinificato del termine «acido coniuato»

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

Gli impianti di depurazione. I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti

Gli impianti di depurazione. I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti from Master Builders Solutions I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti Indice : schema generale Tipo e grado di aggressione

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Il ripristino. delle facciate

Il ripristino. delle facciate Il ripristino delle facciate C.P. MK 715110 (I) 10/10 Il ripristino delle facciate SEDE MAPEI SpA Via Cafiero, 22-20158 Milano Tel. +39-02-37673.1 Fax +39-02-37673.214 Internet: www.mapei.com E-mail: mapei@mapei.it

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano www.mpmsrl.com pavimentazioni re sine materiali protettivi milano Tradizione, esperienza, innovazione tecnologica. Da oltre 50 anni MPM materiali protettivi milano s.r.l opera nel settore dell edilizia

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

I prodotti da ancoraggio e fissaggio. secondo le norme europee UNI EN 15o4-6 ed ETA (European Technical Approval)

I prodotti da ancoraggio e fissaggio. secondo le norme europee UNI EN 15o4-6 ed ETA (European Technical Approval) I prodotti da ancoraggio secondo le norme europee UNI EN 15o4-6 I prodotti da ancoraggio C.P. MK 685410 (I) 09/11 Mapei, nell ambito della norma UNI EN 1504, edita un fascicolo dedicato ai prodotti da

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

Sistema Integrale - Capillare di Impermeabilizzazione e Protezione del Calcestruzzo per Cristallizzazione

Sistema Integrale - Capillare di Impermeabilizzazione e Protezione del Calcestruzzo per Cristallizzazione Sistema Integrale - Capillare di Impermeabilizzazione e Protezione del Calcestruzzo per Cristallizzazione Sommario 3-5 6-9 10-13 14-15 16 17 18 19 Il Sistema Penetron Le strutture nuove Le strutture esistenti

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché?

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Klaus Pfitscher Relazione 09/11/2013 Marchio CE UNI EN 14351-1 Per finestre e porte pedonali Marchio CE UNI EN 14351-1

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DEGLI ACCIAI

TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DEGLI ACCIAI TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DEGLI ACCIAI m12 Scopi dei trattamenti diffusivi Trattamenti di Carbocementazione,, Nitrurazione, Borurazione Proprietà ed applicazioni TRATTAMENTI TERMOCHIMICI di DIFFUSIONE TRATTAMENTI

Dettagli

9. La fatica nei compositi

9. La fatica nei compositi 9.1. Generalità 9. La fatica nei compositi Similmente a quanto avviene nei materiali metallici, l'applicazione ad un composito di carichi variabili ciclicamente può dar luogo a rottura anche quando la

Dettagli

LINEA SILANCOLOR protezione e decorazione delle murature. Sistemi di finitura silossanici ad elevata idrorepellenza e traspirabilità

LINEA SILANCOLOR protezione e decorazione delle murature. Sistemi di finitura silossanici ad elevata idrorepellenza e traspirabilità LINEA SILANCOLOR protezione e decorazione delle murature Sistemi di finitura silossanici ad elevata idrorepellenza e traspirabilità Indice pag. 02 LINEA SILANCOLOR pag. 10 SISTEMA SILANCOLOR pag. 15 SISTEMA

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora,

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, ma la natura produce di continuo energie superiori nelle

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino.

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino. Il bacino può essere inteso come volume di controllo che appoggia sulla superficie del suolo oppure sullo strato impermeabile sottostante agli acquiferi. I fenomeni di trasporto di acqua attraverso il

Dettagli

ALLUMINIO E SUE LEGHE Classificazioni e trattamenti termici. Elio Gianotti. Trattamenti Termici Ferioli & Gianotti (Torino)

ALLUMINIO E SUE LEGHE Classificazioni e trattamenti termici. Elio Gianotti. Trattamenti Termici Ferioli & Gianotti (Torino) ALLUMINIO E SUE LEGHE Classificazioni e trattamenti termici. Elio Gianotti. Trattamenti Termici Ferioli & Gianotti (Torino) INDICE Affinamento delle strutture cristalline... 31 Atmosfere dei forni da trattamento

Dettagli

LE SOLUZIONI 1.molarità

LE SOLUZIONI 1.molarità LE SOLUZIONI 1.molarità Per mole (n) si intende una quantità espressa in grammi di sostanza che contiene N particelle, N atomi di un elemento o N molecole di un composto dove N corrisponde al numero di

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 dentificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Non sono

Dettagli

John Ruskin (1819-1900) 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042. A1foro.

John Ruskin (1819-1900) 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042. A1foro. 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042 TRASPORTATORI LEGGERI Non è saggio pagare troppo. Ma pagare troppo poco è peggio. Quando si paga troppo si

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Book IL FENOMENO DELLE MUFFE E ALGHE

Book IL FENOMENO DELLE MUFFE E ALGHE IL FENOMENO DELLE MUFFE E ALGHE CAP Arreghini. Cultura della qualità. Un costante processo di evoluzione e di innovazione abbraccia da sempre tutte le attività di CAP Arreghini. L azienda gode infatti

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Fornitore : Dow Corning S.A. Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio Servizio : Dow

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIVERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO

23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIVERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO v 23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO Un campione di terreno viene considerato come un sistema multifase,

Dettagli

In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano

In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano 1 In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano 2 Nomenclatura chimica e formule brute/struttura ELEMENTI Metalli Non metalli + O 2 Ossidi Anidridi + H 2 O Idrossidi Ossoacidi o Acidi Sali Gli Elementi

Dettagli

Montaggio su tetto piano

Montaggio su tetto piano Montaggio su tetto piano Avvertenze generali Con la crescente diffusione dei sistemi fotovoltaici, oltre a dimensioni elettriche, durata, tempi di garanzia ecc., anche i dettagli di montaggio assumono

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli