Guida all'esercitazione finale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida all'esercitazione finale"

Transcript

1 Corso di Laurea in Architettura (ciclo unico) corso di Analisi del territorio e degli insediamenti - C Prof. Valeria Lingua, Urb. Matteo Scamporrino, Arch. Luca Di Figlia Guida all'esercitazione finale L'esercitazione finale di esame consiste nella produzione, a cura del gruppo di studenti, di alcuni elaborati (grafici e testuali) descrittivi dei caratteri territoriali e insediativi di alcuni contesti selezionati. Attraverso l esercitazione, si intende indirizzare lo studente alla comprensione del territorio come entità complessa, nella quale ogni parte concorre con ruoli diversi al funzionamento dell insieme, al cui assetto in continuo divenire l'uomo concorre quale fondamentale soggetto. Il lavoro delle esercitazioni dovrà essere svolto in gruppo (massimo tre studenti). In sede di esame sarà tuttavia accertata la responsabilizzazione dei vari componenti su tutte le parti dello studio fatto. Al fine di acquisire la capacità di interpretazione del territorio a diversi livelli (area vasta, urbano, di quartiere), le analisi saranno svolte generalmente a tre scale principali: 1/25.000, 1/ e 1: Elenco delle tavole 1. Inquadramento territoriale (1/25000) 1.1 Altimetria 1.2 Clivometria e idrografia 2. I temi degli assetti insediativi (1/10000) 2.1 Uso del suolo 2.2 Organizzazione funzionale degli insediamenti 2.3 Periodizzazione della crescita edilizia e urbana 2.4 Il patrimonio territoriale 3. I temi della città (1/2000) 3.1 Uso del suolo urbano 3.2 Analisi percettiva 3.3 Morfologie urbane e tipologie edilizie 3.4 Il patrimonio urbano 4. Relazione Metodologia L'esercitazione dovrà essere svolta possibilmente in aula e autonomamente a casa quando il tempo a disposizione nelle ore del corso non fosse sufficiente. L interpretazione del materiale elaborato comporta il seguente percorso logico: - raccolta dei dati di base (fonti), - scelta e organizzazione dei dati più significativi - incrocio dei dati, per capire le necessarie relazioni fra i vari fenomeni singolarmente analizzati, - interpretazione della realtà sociale analizzata (relazione di sintesi). L organizzazione dei dati potrà avvenire sia attraverso la costruzione della cartografia, sia all interno di elaborati scritti, a seconda del tema proposto di volta in volta durante le lezioni. 1

2 Gli elaborati scritti conterranno alcune elaborazioni delle analisi espresse sia in forma discorsiva, sia in forma tabellare o figurativa (tabelle con dati percentuali, variazioni percentuali, indici, grafici, immagini) nelle forme ritenute più consone a capire e a trasmetterne con chiarezza i fenomeni. Le tavole di restituzione finale delle analisi dovranno essere progettate nella loro organizzazione e dovranno contenere la rappresentazione dell oggetto di ogni singola tavola con la relativa legenda. Per ciascuna scala di lavoro dovranno essere presenti le seguenti informazioni: intestazione (nomi dei componenti del gruppo, titolo della carta, scala di riferimento), legenda della carta, squadratura del foglio. Le tavole possono essere realizzate sia attraverso tecniche tradizionali (disegno manuale su fondo topografico), sia attraverso tecniche digitali raster (elaborazioni di scansioni di carte topografiche), sia attraverso tecniche digitali vettoriali (elaborazioni di cartografia topografica vettoriale), sia attraverso tecniche GIS (elaborazioni di micro Sistemi Informativi basati sulla implementazione di carte tecniche regionali disponibili in formati GIS). L'area di lavoro e gli strumenti in uso L esercitazione si svolge in un territorio a scelta del gruppo di lavoro, che dovrà individuare un comune e, al suo interno, un area circoscritta da analizzare. L area di lavoro è estesa all intera Regione Toscana. Sono ammesse altre parti d Italia solo se gli studenti sono in grado di procurarsi il dataset e i tiff dell area. Per la realizzazione dell esercitazione, gli studenti sono invitati a utilizzare il programma open source Quantum GIS (QGIS), da scaricare e installare sul proprio PC (http://www.qgis.org/it/site/). Le basi di utilizzo del programma saranno fornite durante le lezioni. Ai fini dell esercitazione, gli studenti dovranno scaricate il quadrante (o i quadranti, max 4) della Carta Tecnica Regionale (CTR) dell'area di interesse dal sito (http://www502.regione.toscana.it/geoscopio/cartoteca.html) (finestra di destra-->trova). scaricate il dataset.shp (finestra di destra-->download-->carta tecnica Regionale-->CTR10K-- >SHP) e anche il TIFF (finestra di destra-->download-->carta tecnica Regionale-->CTR10K-- >STIFF con legenda). Consegne PRIMA CONSEGNA (3 novembre 2014) 1. Inquadramento territoriale (1/25000) 1.1 Altimetria 1.2 Clivometria e idrografia 2. I temi degli assetti insediativi (1/10000) 3. I temi della città (1/2000) 2.1 Uso del suolo territoriale 3.1 Uso del suolo urbano 2.2 Organizzazione funzionale degli insediamenti 3.2 Analisi percettiva SECONDA CONSEGNA (9 gennaio 2015) 2. I temi degli assetti insediativi (1/10000) 3. I temi della città (1/2000) 2.3 Periodizzazione della crescita edilizia e urbana 3.3 Morfologie urbane e tipologie edilizie 2.4 Il patrimonio territoriale 3.4 Il patrimonio urbano 4. Relazione - Analisi storica e socio-economica - Analisi previsioni di piano esistenti - Analisi Swot e schizzo di sintesi 2

3 Guida alla redazione delle tavole 1. Inquadramento territoriale Tutte le tavole di questa sezione dovranno essere riprodotte in scala 1/25000, utilizzando come fondo topografico o una edizione IGM recente (soprattutto per tecniche di redazione tradizionali o digitali raster; si utilizzeranno le serie 25 o 25V a seconda della disponibilità: per informazioni o una CTR 1/10000 ridotta (soprattutto per tecniche di redazione digitali vettoriali o GIS: per informazioni sulla CTR toscana Tav.1.1 Altimetria Scopo della tavola è l evidenziazione delle condizioni orografiche del contesto territoriale esaminato. La rappresentazione dovrà, quando le caratteristiche del suolo lo rendano utile, individuare attraverso campiture cromatiche opportune ambiti altimetrici diversi (aree di fondovalle, di versante, di crinale ed eventuali variazioni significative della morfologia fisica). Elementi da includere nella rappresentazione: fondo topografico (IGM o CTR 1/10000 in edizione vestita, ossia visualizzando tutti i livelli compresa la toponomastica) fasce altimetriche ottenute o attraverso trattamento grafico mediante colori delle fasce leggibili attraverso le curve di livello o attraverso la restituzione di una griglia altimetrica di passo commisurato alla scala di rappresentazione (utilizzando tecniche GIS è consigliabile la realizzazione di una griglia di passo 10 metri attraverso l'interpolazione delle curve di livello e dei punti quotati disponibili nella CTR 1/10000) Indicazioni per la restituzione grafica: utilizzare per le fasce altimetriche una sfumatura di colore dal verde (per le quote più basse) al marrone (per le quote più alte) passando per uno o più toni di giallo intermedio; la variazione cromatica dovrà poter permettere di leggere in modo sufficientemente chiaro le soglie di passaggio da un ambito altimetrico (pianura, versanti, sommità) a un altro. Per elaborazioni GIS: è possibile e quasi sempre consigliabile ombreggiare la griglia altimetrica attraverso una copertura hillshade (ottenibile per elaborazione della griglia altimetrica) per dare maggiore evidenza alle forme del rilievo;in alternativa è possibile ombreggiare la griglia utilizzando una copertura clivometrica, per segnalare espressivamente l andamento dei crinali; utilizzare come fondo topografico la CTR in versione raster o in edizione vettoriale "vestita"; in questo secondo caso aver cura di caricare tutti i livelli compresa la toponomastica e restituire la CTR in nero utilizzando tratti sottilissimi (0.1). 3

4 Tav.1.2 Clivometria e idrografia Scopo della tavola è dare risalto ai caratteri salienti della morfologia del suolo del contesto in esame, dando evidenza alle forme terrestri maggiormente caratterizzanti: fondovalle, terrazzi orografici, crinali principali e secondari, forre, ecc. È molto importante mettere in evidenza nella rappresentazione le relazioni tra le forme del suolo e il sistema insediativo, soprattutto per quanto riguarda la trama viaria. Si tratta di una tavola derivata dalla precedente che dunque utilizza i dati già prodotti nell'elaborazione appena descritta. Elementi da includere nella rappresentazione: fondo topografico (IGM o CTR 1/10000 ridotta in edizione vestita, ossia visualizzando tutti i livelli compresa la toponomastica) idrografia (nel caso di elaborazioni GIS ottenuta per selezione dei dati cartografici disponibili da CTR: copertura xxxxxxad.shp, codici 301, 302, 303 della copertura xxxxxxel.shp) fasce clivometriche ottenute: o attraverso trattamento grafico delle fasce rappresentabili attraverso l'interpretazione delle distanze tra le curve di livello principali (istruzioni più dettagliate nel testo Rappresentare i luoghi, a cura di Alberto Magnaghi, indicato in calce)o attraverso la restituzione di una griglia clivometrica di passo commisurato alla scala di rappresentazione (utilizzando tecniche GIS è consigliabile la realizzazione di una griglia di passo 10 metri attraverso l'elaborazione della griglia altimetrica utilizzata per la tavola 1.1) Indicazioni per la restituzione grafica: utilizzare per le fasce clivometriche una sfumatura continua sui toni del marrone, valutandone l intensità in ragione della espressività dell immagine finale. In alternativa, quando la rappresentazione voglia presentare la gamma delle pendenze in funzione delle diverse vocazioni agricole dei suoli (lavorazione meccanizzata, necessità di terrazzamenti, ecc.) o dei potenziali problemi presenti nel territorio scelto (rischio di erosione e di instabilità dei versanti) vestire la griglia per fasce clivometriche caratterizzate da colori distinti (le classi di pendenza dovranno essere scelte in relazione dell'intenzione descrittiva prescelta: p.e. nel caso si vogliano descrivere le condizioni di diversa lavorabilità dei suoli utilizzare le seguenti soglie: <10% suoli lavorabili meccanicamente 10% 20% suoli lavorabili meccanicamente con attrezzature leggere 20% 35% suoli lavorabili attraverso sistemazioni di versante: terrazzamenti, ciglionamenti > 35% suoli non lavorabili). Utilizzare un tono di azzurro e un tratto deciso per la rappresentazione della rete idrografica principale; utilizzare lo stesso tono di azzurro, ma con spessore inferiore e tratteggiato per la rete delle scoline di fondovalle. Per elaborazioni GIS: utilizzare come fondo topografico la CTR in versione raster o in edizione vettoriale "vestita"; in questo secondo caso aver cura di caricare tutti i livelli compresa la toponomastica e restituire la CTR in nero utilizzando tratti sottilissimi (0.1) 4

5 evidenziare la rete idrografica attraverso una opportuna resa cromatica degli elementi lineari aventi codice 301 (corsi d'acqua principali) 302 (corsi d'acqua secondari) 303 (scoline e canalette irrigue); utilizzare campiture piena solo per i fiumi, evitando di utilizzare la copertura xxxxxxad.shp per i torrenti; Approfondimenti possibili: inserire nella tavola una rappresentazione relativa ai limiti di bacino idrografico o ai limiti di versante (tale informazione può essere ricostruita sulla base dell esame delle curve di livello, ovvero per perfezionamento della copertura bacidro.shp pubblicata dalla Regione Toscana) 5

6 2. I temi degli assetti insediativi Tutte le tavole di questa sezione dovranno essere riprodotte in scala 1/10000, utilizzando come fondo topografico una CTR 1/10000 (soprattutto per tecniche di redazione digitali vettoriali o GIS: per informazioni sulla CTR toscana Tav.2.1 Uso del suolo Scopo della tavola è evidenziare la ripartizione dei suoli in aree omogenee dal punto di vista degli usi, segnalando e distinguendo gli ambiti di naturalità (bosco, vegetazione di pertinenza fluviale, aree umide, ecc.), gli ambiti delle colture agrarie (seminativi, oliveti, vigneti, ecc.) gli ambiti urbanizzati (urbanizzato ad alta densità, urbanizzato a bassa densità, ambiti produttivi, ecc.). L informazione riportata nella tavola sarà costruita sulla base di quanto disponibile presso il Sistema Informativo Territoriale e Ambientale della Regione Toscana, collaudata speditivamente attraverso sopralluoghi diretti. Sarà utilizzata un'articolazione delle classi di uso del suolo sufficiente per individuare l estensione delle aree urbanizzate ed evidenziare la presenza del bosco, del seminativo e delle colture pregiate più importanti (oliveto e vigneto, con eventuale segnalazione della sistemazione specializzata). Elementi da includere nella rappresentazione: fondo topografico CTR 1/10000 in edizione vestita (tutti i livelli compresa la toponomastica) copertura uso del suolo ottenuta per trascrizione e collaudo della documentazione già esistente idrografia (nel caso di elaborazioni GIS ottenuta per selezione dei dati cartografici disponibili da CTR: copertura xxxxxxad.shp, codici 301, 302, 303 della copertura xxxxxxel.shp) Indicazioni per la restituzione grafica: utilizzare per la rappresentazione degli usi del suolo una tavolozza cromatica basata sulla necessità di conciliare chiarezza dell informazione ed espressività grafica; di norma, utilizzare toni allusivi ai colori reali: verde scuro per i boschi, toni di ocra per i seminativi, verde olivo per gli oliveti, e così via (è possibile prendere spunto da foto aeree a colori); utilizzare un tono di azzurro e un tratto spesso per la rappresentazione della rete idrografica principale; utilizzare lo stesso tono di azzurro, ma con spessore inferiore e tratteggiato, per la rete delle scoline di fondovalle. Per elaborazioni GIS: è possibile e quasi sempre consigliabile ombreggiare la tavola attraverso una copertura hillshade (ottenibile per elaborazione della griglia altimetrica) per dare maggiore evidenza alle forme del rilievo; in alternativa è possibile ombreggiare la 6

7 griglia utilizzando una copertura clivometrica, per segnalare espressivamente l andamento dei crinali; utilizzare come fondo topografico la CTR in versione raster o in edizione vettoriale "vestita"; in questo secondo caso aver cura di caricare tutti i livelli compresa la toponomastica e restituire la CTR in nero utilizzando tratti sottilissimi (0.1); evidenziare la rete idrografica attraverso una opportuna resa cromatica degli elementi lineari aventi codice 301 (corsi d'acqua principali) 302 (corsi d'acqua secondari) 303 (scoline e canalette irrigue); utilizzare campiture piena solo per i fiumi, evitando di utilizzare la copertura xxxxxxad.shp per i torrenti; Tav.2.2 Organizzazione funzionale degli insediamenti Scopo della tavola è evidenziare i caratteri della organizzazione funzionale degli insediamenti in ciascun contesto di indagine, evidenziando: la localizzazione degli insediamenti produttivi, la localizzazione dei servizi pubblici e di interesse collettivo, la resistenza addensata e compatta, o viceversa la rada e dispersa, i caratteri di centralità di alcune funzioni rare. Andranno inoltre segnalati i principali assi di comunicazione individuabili nel contesto esaminato (autostrade, ferrovie, strade statali e di grande comunicazione) L informazione potrà essere costruita direttamente dagli studenti attraverso sopralluoghi diretti, attraverso i quali sarà possibile qualificare sulla carta ogni blocco edilizio documentato dalla CTR in funzione della funzione prevalente esercitata (residenza, industria, servizi, ecc.). In casi particolarmente significativi gli studenti dovranno articolare l informazione spezzando i poligoni registrati dalla carta tecnica in unità di rilevazione più piccole. Andrà sempre fatto riferimento alla funzione prevalente esercitata in ogni blocco edilizio: vale a dire, per esempio, che un edificio che ospiti al piano terreno una attività commerciale e ai piani superiori residenze private andrà classificato come residenziale. In alcuni casi, sarà utile indicare anche le pertinenze scoperte (non edificate) legate alla funzione individuata (p.e. per la funzione "istruzione" sarà opportuno segnalare la localizzazione sia degli spazi costruiti, sia dei giardini e delle aree di pertinenza della scuola). Esempio di articolazione della legenda: residenza attività produttive (industria, artigianato) commercio (grande distribuzione, showrooms, ecc.) altre attività terziarie private (banche, uffici privati, ecc.) uffici pubblici (municipio, poste, servizio dell'amministrazione dello stato, ecc.) attrezzature per la sanità (ospedali, poliambulatori, case di riposo, ecc.) attrezzature per l'istruzione (scuole di ogni ordine e grado) attrezzature per lo sport (stadi, palazzetti dello sport, ecc.) attrezzature per il culto (chiese, conventi, ecc.) attrezzature per la cultura (teatri, cinema, ecc.) attrezzature tecnologiche (inceneritori, centrali elettriche, ecc.) attrezzature ricettive (alberghi, villaggi turistici, ecc.) aree edificate non utilizzate (edifici abbandonati, industrie dimesse, ruderi, ecc.) 7

8 Elementi da includere nella rappresentazione: fondo topografico CTR 1/10000 in edizione vestita (tutti i livelli compresa la toponomastica) edifici e principali pertinenze distinti cromaticamente secondo la funzione prevalente individuabile attraverso sopralluogo diretto principali assi di comunicazione individuabili attraverso interpretazione del fondo topografico idrografia (nel caso di elaborazioni GIS ottenuta per selezione dei dati cartografici disponibili da CTR: copertura xxxxxxad.shp, codici 301, 302, 303 della copertura xxxxxxel.shp) Indicazioni per la restituzione grafica: utilizzare per la rappresentazione dei sedimi edificati colori accesi adeguati alla differenziazione delle funzioni: in prima approssimazione, è possibile partire da queste corrispondenze: residenza grigio attività produttive viola commercio giallo altre attività terziarie private arancio uffici pubblici rosso attrezzature per la sanità rosa attrezzature per l'istruzione azzurro attrezzature per lo sport verde attrezzature per il culto porpora attrezzature per la cultura blu attrezzature tecnologiche nero attrezzature ricettive giallo chiaro attrezzature per i trasporti grigio scuro utilizzare un tono analogo a quello utilizzato ma leggermente desaturato per la evidenziazione delle pertinenze più rilevanti legate a funzioni non residenziali (istruzione, sport, ecc.); utilizzare colori desaturati per la evidenziazione dei principali assi di comunicazione viaria; utilizzare un tono di azzurro e un tratto spesso per la rappresentazione della rete idrografica principale; utilizzare lo stesso tono di azzurro, ma con spessore inferiore e tratteggiato, per la rete delle scoline di fondovalle. Per elaborazioni GIS: la copertura relativa alla localizzazione delle principali funzioni potrà essere costruita attribuendo ad ogni geometria registrata nella CTR 1/10000 (codici 2xx, reperibili nella copertura xxxxxxea.shp) un attributo relativo alla funzione prevalente esercitata in ciascun blocco edilizio. In casi particolarmente significativi gli studenti dovranno articolare l informazione spezzando i poligoni registrati dalla carta tecnica in unità di rilevazione più piccole; 8

9 è possibile utilizzare come base geometrica per la evidenziazione dei principali assi di comunicazione la copertura xxxxxxav.shp (archi viari) e la copertura xxxxxxaf.shp (archi ferroviari) della carta tecnica regionale toscana; utilizzare come fondo topografico la CTR in versione raster o in edizione vettoriale "vestita"; in questo secondo caso aver cura di caricare tutti i livelli compresa la toponomastica e restituire la CTR in nero utilizzando tratti sottilissimi (0.1); è possibile ombreggiare la tavola attraverso una copertura hillshade (ottenibile per elaborazione della griglia altimetrica) per dare maggiore evidenza alle forme del rilievo; in alternativa è possibile ombreggiare la griglia utilizzando una copertura clivometrica, per segnalare espressivamente l andamento dei crinali; evidenziare la rete idrografica attraverso una opportuna resa cromatica degli elementi lineari aventi codice 301 (corsi d'acqua principali) 302 (corsi d'acqua secondari) 303 (scoline e canalette irrigue); utilizzare campiture piena solo per i fiumi, evitando di utilizzare la copertura xxxxxxad.shp per i torrenti. Tav.2.3 Periodizzazione della crescita edilizia e urbana Scopo della tavola è evidenziare i caratteri quantitativi e qualitativi delle dinamiche insediative documentate dal XIX secolo ad oggi. La tavola dovrà permettere di riconoscere gli assetti insediativi fondativi riconoscibili nello stato dei luoghi alla fine dell'800, una prima fase di crescita spesso ancora coerente con i principi insediativi tradizionali (edificazione compatta su filo strada, isolati chiusi), una seconda fase di crescita estranea ai principi insediativi tradizionali (la "grana grossa" dei servizi urbani, l'espansione a bassa densità di edifici isolati su lotto, le parti di città morfologicamente autonome dell'edilizia promossa da iniziativa pubblica, e così via). È di norma molto importante segnalare le relazioni tra le dinamiche di nuova localizzazione degli insediamenti rispetto alla morfologia del suolo. L informazione riportata nella tavola sarà costruita sulla base di quanto disponibile presso il Sistema Informativo Territoriale e Ambientale della Regione Toscana. Elementi da includere nella rappresentazione: fondo topografico CTR 1/10000 in edizione vestita (tutti i livelli compresa la toponomastica); sedimi edificati (edifici) distinti cromaticamente secondo il periodo di prima documentazione cartografica leggibile attraverso il confronto con la cartografia storica; percorsi fondativi identificabili attraverso la lettura della cartografia storica, prevalentemente mediante la lettura delle carte IGMI e delle foto aeree della levata del 1954, reperibili presso la catoteca del dipartimento di urbanistica, presso la stessa IGM e on-line mediante lo sportello cartografico della regione toscana (servizio WMS). idrografia (nel caso di elaborazioni GIS ottenuta per selezione dei dati cartografici disponibili da CTR: copertura xxxxxxad.shp, codici 301, 302, 303 della copertura xxxxxxel.shp). Indicazioni per la restituzione grafica: 9

10 utilizzare per la rappresentazione dei sedimi edificati una scala cromatica che va da toni scuri per le parti più antiche a toni chiari per le parti contemporanee (p.e. marrone/rosso/arancio/giallo); utilizzare un tono analogo a quello utilizzato per la prima soglia temporale ma leggermente desaturato per la evidenziazione dei percorsi di impianto; utilizzare un tono di azzurro e un tratto spesso per la rappresentazione della rete idrografica principale; utilizzare lo stesso tono di azzurro, ma con spessore inferiore e tratteggiato, per la rete delle scoline di fondovalle. Per elaborazioni GIS: utilizzare come fondo topografico la CTR in versione raster o in edizione vettoriale "vestita"; in questo secondo caso aver cura di caricare tutti i livelli compresa la toponomastica e restituire la CTR in nero utilizzando tratti sottilissimi (0.1); è possibile ombreggiare la tavola attraverso una copertura hillshade (ottenibile per elaborazione della griglia altimetrica) per dare maggiore evidenza alle forme del rilievo; in alternativa è possibile ombreggiare la griglia utilizzando una copertura clivometrica, per segnalare espressivamente l andamento dei crinali; utilizzare campiture piena solo per i fiumi, evitando di utilizzare la copertura xxxxxxad.shp per i torrenti; evidenziare la rete idrografica attraverso una opportuna resa cromatica degli elementi lineari aventi codice 301 (corsi d'acqua principali) 302 (corsi d'acqua secondari) 303 (scoline e canalette irrigue); Tav.2.4 Il patrimonio territoriale La tavola del patrimonio territoriale è un elaborato cartografico interpretativo che ha l obiettivo di comunicare conoscenza sulla identità dei luoghi, attraverso la evidenziazione del repertorio di regole che ne hanno costruito l identità nel lungo periodo storico. La costruzione della tavola è concepita come una operazione di selezione, di messa in relazione, di rappresentazione espressiva, di elementi e fenomeni territoriali di diversa natura: aspetti morfologici, relativi alla organizzazione agraria, relativi organizzazione insediativa degli insediamenti, relativa ai processi storici di trasformazione. Si tratta dunque di una carta di sintesi che, a partire dai vari elementi precedentemente studiati, sviluppa un quadro interpretativo dell'area di studio. Elementi da includere nella rappresentazione: La tavola dovrà segnalare, evidenziandoli rispetto al fondo topografico CTR 1/10000, gli elementi giudicati come caratterizzanti rispetto alla identità dei contesti insediati esaminati; a titolo di esempio: aggregati urbani ed edilizia isolata ereditati dagli assetti insediativi storici; percorsi fondativi degli assetti insediativi storici; boschi; colture tradizionali e di pregio (oliveto, vigneto, ecc.); fiumi, torrenti e ambiti riparali; eventuali sistemazioni idraulico agrarie di pregio (terrazzamenti, ciglionamenti, arginature, ecc.); ambiti di particolare rilevanza geo-morfologica; 10

11 Indicazioni per la restituzione grafica: La costruzione grafica della tavola ha essenziali finalità interpretative e deliberatamente non vengono fornite indicazioni tecniche precise per la sua redazione. In generale si suggerisce di segnalate attraverso l'uso del colore i segni topografici considerati importanti per la evidenziazione degli elementi del patrimonio. Gli aspetti legati alla restituzione cartografica saranno comunque oggetto di un confronto collettivo nelle ore di lezione e per i singoli gruppi negli incontri con il docente. 11

12 3. I temi della città Tutte le tavole di questa sezione dovranno essere riprodotte in scala 1/2000, utilizzando come fondo topografico una CTR 1/2000 (soprattutto per tecniche di redazione digitali vettoriali o GIS: per informazioni sulla CTR toscana Tav. 3.1 Uso del suolo urbano L analisi ha come obiettivo il chiarimento di quale e che cosa sia il centro abitato oggi, quali siano le sue funzioni, le relazioni con il suo immediato contesto e, conseguentemente, il ruolo funzionale che esso svolge nel territorio. Per l esecuzione dell analisi si dovrà procedere al preventivo riconoscimento dell entità minima urbanistica del lotto. Nella tavola dovranno essere individuate e rappresentate le aree a destinazione pubblica e a funzioni riconosciute nel nostro ordinamento di interesse collettivo, e quelle a destinazione o interesse di carattere privato. Nelle prime dovranno essere individuate in dettaglio: le aree per i vari tipi di istruzione dall asilo nido alla scuola media, quelle per i vari tipi di servizi e attrezzature di interesse collettivo (amministrativi, culturali, religiosi, socio sanitari, associativi ricreativi, cimiteriali, tecnologici, ecc.), quelle per le attività sportive, a parco pubblico e a verde attrezzato, quelle per la mobilità (vari tipi di strade carrabili, ciclabili, pedonali, ferrovia, spazi attrezzati di sosta, fermate e stazioni dell autobus e del treno, ecc.), altre eventualmente presenti. Se esistenti dovranno essere indicate le aree per i servizi di interesse generale che fanno riferimento ad un ambito sovracomunale (scuole superiori, ospedali, parchi di interesse territoriale, servizi di sicurezza, ecc.). Tra le aree a destinazione o interesse privato dovranno essere individuate in dettaglio: le aree residenziali, quelle produttive, commerciali, per i vari altri tipi di attività terziarie (credito e assicurazioni, uffici e studi, ricezione, pubblici esercizi, depositi, ecc.), le aree ortive e i parchi non strettamente attribuibili alle precedenti funzioni e le aree polifunzionali dove le attività, da classificare, convivono fra di loro o, più frequentemente, con la residenza. Queste aree polifunzionali saranno indicate in legenda come aree miste, comprendenti una sovrapposizione di due o più funzioni. In ogni caso l analisi farà riferimento alla funzione prevalente o alla compresenza di non più di due funzioni prevalenti. Dovranno essere indicati ed individuati anche tutti quegli usi marginali non chiaramente riferibili alle precedenti categorie, presenti talvolta in modo significativo nelle aree di frangia periurbana (autodemolizioni, discariche, depositi che non si configurano come attività, aree in abbandono, ecc.), che si presentano come aree di degrado funzionale e conseguente criticità. Dalla relazione fra gli usi in atto potranno emergere quelli che per le loro caratteristiche costituiscono situazioni di criticità per incompatibilità funzionale, per produzione di inquinamento (scarichi liquidi, solidi o gassosi, rumorosità, ecc.) e rischio idraulico o instabilità, ecc.. Tali situazioni dovranno essere correttamente individuate. 12

13 Le categorie presenti dovrebbero essere rappresentate con campiture continue e/o discontinue a colori, perimetri e linee e, se occorrenti, simbologie. Oltre alla conoscenza del significato funzionale presente nel complesso nell area di lavoro, l analisi dovrebbe attivare la valutazione critica delle carenze, delle compatibilità e incompatibilità fra le funzioni presenti e attigue, i margini e le flessibilità funzionali ancora presenti nel tessuto urbanizzato. La tavola può essere accompagnata da uno schema ragionato sulla organizzazione dei servizi e sulla loro efficienza. Elementi da includere nella rappresentazione: fondo topografico CTR 1/2000 in edizione vestita (tutti i livelli compresa la toponomastica) copertura uso del suolo ottenuta per trascrizione e collaudo della documentazione già esistente e verificata attraverso l analisi diretta e eventualmente, per le parti non facilmente accessibili, attraverso la lettura delle foto aeree disponibili per l area oggetto di analisi. idrografia (nel caso di elaborazioni GIS ottenuta per selezione dei dati cartografici disponibili da CTR: copertura xxxxxxad.shp, codici 301, 302, 303 della copertura xxxxxxel.shp) Indicazioni per la restituzione grafica: utilizzare per la rappresentazione dei sedimi edificati colori accesi adeguati alla differenziazione delle funzioni, utilizzando variazioni di saturazione o di tono rispetto alle campiture delle categorie evidenziate nella tav. 2.3 utilizzare un tono analogo a quello utilizzato ma leggermente desaturato per la evidenziazione delle pertinenze più rilevanti legate a funzioni non residenziali (istruzione, sport, ecc.); utilizzare colori desaturati per la evidenziazione dei principali assi di comunicazione viaria; utilizzare un tono di azzurro e un tratto spesso per la rappresentazione della rete idrografica principale; utilizzare lo stesso tono di azzurro, ma con spessore inferiore e tratteggiato, per la rete delle scoline di fondovalle. Per elaborazioni GIS: la copertura relativa alla localizzazione delle principali funzioni potrà essere costruita attribuendo ad ogni geometria registrata nella CTR 1/2000 (codici 2xx, reperibili nella copertura xxxxxxae.shp e xxxxxxea.shp) un attributo relativo alla funzione prevalente esercitata in ciascun blocco edilizio. In casi particolarmente significativi gli studenti dovranno articolare l informazione spezzando i poligoni registrati dalla carta tecnica in unità di rilevazione più piccole; è possibile utilizzare come base geometrica per la evidenziazione dei principali assi di comunicazione la copertura xxxxxxav.shp (aree viarie) e la copertura xxxxxxaf.shp (are ferroviarie) della carta tecnica regionale toscana; utilizzare come fondo topografico la CTR in versione raster o in edizione vettoriale "vestita"; in questo secondo caso aver cura di caricare tutti i livelli compresa la toponomastica e restituire la CTR in nero utilizzando tratti sottilissimi (0.1); 13

14 è possibile ombreggiare la tavola attraverso una copertura hillshade (ottenibile per elaborazione della griglia altimetrica) per dare maggiore evidenza alle forme del rilievo; in alternativa è possibile ombreggiare la griglia utilizzando una copertura clivometrica, per segnalare espressivamente l andamento dei crinali; evidenziare la rete idrografica attraverso una opportuna resa cromatica degli elementi lineari aventi codice 301 (corsi d'acqua principali) 302 (corsi d'acqua secondari) 303 (scoline e canalette irrigue) Tav. 3.2 Analisi percettiva Scopo della tavola è l individuazione dei caratteri identificativi dello spazio urbano (conformazione degli spazi, materiali edilizi, colori, caratteri, ecc) mediante l analisi dell ambito urbano specifico scelto dal gruppo. L analisi verterà sull individuazione, a livello urbano, degli elementi di riferimento dell analisi percettiva proposti da Kevin Lynch (L immagine della città, Etaslibri, Milano, 2004): 1. Percorsi: strade, camminate, passaggi, ed altri canali utilizzati per spostarsi 2. Margini: confini e limiti ben percepiti (mura, edifici, spiagge, linee ferroviarie ecc.) 3. Quartieri (o ambiti insediativi unitari): sezioni relativamente larghe della città contraddistinte da caratteri specifici e da una propria identità 4. Nodi: punti focali della città, intersezioni tra vie di comunicazione, punti d'incontro 5. Riferimenti: oggetti dello spazio velocemente identificabili, anche a distanza, che funzionano come punto di riferimento ed orientamento. L'attribuzione degli elementi alle varie categorie non è da applicarsi in modo rigido; in ogni elemento considerato ci possono essere caratteristiche tali da poterlo collocare in diverse categorie. La carta è redatta facendo uso di più tecniche di rappresentazione (sezioni urbane, prospetti, materiali fotografici, appunti bibliografici, schizzi prospettici, particolari caratterizzanti, ecc). Tav. 3.3 Morfologie urbane e tipologie edilizie Scopo della tavola è l analisi sui tessuti morfologici dei nuclei insediativi presenti nell area di analisi. preventivo riconoscimento dell entità minima urbanistica del lotto. Su questa base, dovrà essere individuata la tipologia insediativa dei vari edifici presenti, che sarà in stretta relazione con l epoca di formazione. L analisi ha come obiettivo il chiarimento di quali sono le tipologie edilizie dell area, per comprendere come l evoluzione storica delineata nell ambito dell analisi storica e socioeconomica prenda forma sul territorio, attraverso la traduzione in tipi edilizi e in forme architettoniche legate ad un epoca specifica (che può essere l epoca di fondazione o un successivo rimaneggiamento o un espansione attuale, a seconda della zona che si prende in analisi). Per la determinazione delle classi tipologiche dovranno essere presi in considerazione: - le modalità di edificazione del lotto; - i rapporti tra edificato, aree scoperte e percorsi; 14

15 - le modalità di aggregazione e distribuzione degli spazi interni, dedotte attraverso la lettura dei prospetti architettonici; - le modalità di aggregazione in tessuti edilizi del sistema edificio-area di pertinenza con quelli adiacenti. L analisi congiunta di questi aspetti porterà alla mappatura delle principali tipologie edilizie identificabili nell area, che possono essere ricondotte ai seguenti tipi: - colonica; - casa a corte; - villa - villini isolati; - palazzo; - palazzina; - schiera; - casa in linea; - blocco chiuso; - blocco aperto; - elementi speciali nodali; - elementi seriali polari; - elementi seriali antipolari. La classificazione delle tipologie insediative dovrà i essere ordinata per periodo storico e per categoria. In particolare, per ciascuna tipologia saranno distinti i tipi edilizi ante 1940 e post 1940, prendendo in considerazione questa data in quanto simbolica dello spartiacque tra l architettura precedente alla seconda guerra mondiale e quella successiva, basata su canoni estetici e metodologie costruttive completamente differenti. L attribuzione del tipo può essere certa, dedotta cioè dal confronto delle fonti, o presunta, ipotizzata attraverso indizi. Le fonti dell analisi possono essere: - cartografia - cartografia storica (fondamentali sono le carte catastali preunitarie) e eventuali fonti d archivio; - analisi diretta. Oltre all analisi sul posto e alla lettura della cartografia CTR 1:2.000, un utile riferimento per l analisi è rappresentato dal testo di Caniggia G. e Maffei G. L., Lettura dell edilizia di base, Marsilio, Venezia, Inoltre, specificatamente per la zona fiorentina, può risultare interessante anche il testo degli stessi autori, La casa fiorentina nella storia della città dalle origini all'ottocento, Marsilio, Venezia, Elementi da includere nella rappresentazione: fondo topografico CTR 1/2000 in edizione vestita (tutti i livelli compresa la toponomastica) sedimi edificati (edifici) distinti cromaticamente secondo la tipologia leggibile attraverso il confronto con la cartografia storica (periodizzazione della crescita urbana) e individuabile attraverso la lettura delle foto aeree disponibili e il sopralluogo diretto. principali assi di comunicazione individuabili attraverso interpretazione del fondo topografico idrografia (nel caso di elaborazioni GIS ottenuta per selezione dei dati cartografici disponibili da CTR: copertura xxxxxxad.shp, codici 301, 302, 303 della copertura xxxxxxel.shp) 15

16 Indicazioni per la restituzione grafica: utilizzare per la rappresentazione dei sedimi edificati colori accesi adeguati alla differenziazione delle tipologie ordinare la classificazione delle tipologie insediative in base al periodo storico. In particolare, per ciascuna tipologia saranno distinti i tipi edilizi ante 1940 e post 1940, prendendo in considerazione questa data in quanto simbolica dello spartiacque tra l architettura precedente alla seconda guerra mondiale e quella successiva, basata su canoni estetici e metodologie costruttive completamente differenti. di conseguenza, per ciascuna tipologia sarà utilizzato un tono pieno per gli edifici ante 1940 e un tono analogo a quello utilizzato ma leggermente desaturato per la evidenziazione delle tipologie post 1940; Per elaborazioni GIS: è possibile e quasi sempre consigliabile ombreggiare la tavola attraverso una copertura hillshade (ottenibile per elaborazione della griglia altimetrica) per dare maggiore evidenza alle forme del rilievo; in alternativa è possibile ombreggiare la griglia utilizzando una copertura clivometrica, per segnalare espressivamente l andamento dei crinali; utilizzare come fondo topografico la CTR in versione raster o in edizione vettoriale "vestita"; in questo secondo caso aver cura di caricare tutti i livelli compresa la toponomastica e restituire la CTR in nero utilizzando tratti sottilissimi (0.1) Tav. 3.4 Il patrimonio urbano La tavola viene costruita valutando la consistenza insediativa del centro urbano, delle tipologie edilizie e insediative, dei pattern, dei caratteri degli elementi primari e della città pubblica al fine di produrre una carta che metta in evidenza la struttura e gli elementi primari di valore. Elementi da includere nella rappresentazione: La tavola dovrà segnalare, evidenziandoli rispetto al fondo topografico CTR 1/2000, gli elementi giudicati come caratterizzanti rispetto alla identità dei contesti insediati esaminati; a titolo di esempio: tipologie edilizie e insediative; pattern prevalenti; elementi caratterizzanti della città pubblica; elementi ordinatori dello spazio pubblico; Indicazioni per la restituzione grafica: La costruzione grafica della tavola ha essenziali finalità interpretative e deliberatamente non vengono fornite indicazioni tecniche precise per la sua redazione. In generale si suggerisce di segnalate attraverso l'uso del colore i segni topografici considerati importanti per la evidenziazione degli elementi del patrimonio. Gli aspetti legati alla restituzione cartografica saranno comunque oggetto di un confronto collettivo nelle ore di lezione e per i singoli gruppi negli incontri con il docente. 16

17 Relazione Contenuti della relazione Gli elaborati cartografici dovranno essere accompagnati da un documento contenente la descrizione di alcuni aspetti strutturali della comunità sociale e delle attività insediate nel territorio scelto. Essendo il territorio il luogo fisico dove la comunità ha stabilito il suo insediamento permanente e dove ha svolto in forme diverse le sue attività, il suo assetto attuale può essere considerato in gran parte la risultante delle azioni che la stessa comunità ha svolto in esso in risposta alle proprie necessità. Nella relazione si dovranno affrontare le problematiche e dare le conseguenti risposte in merito a: - quali sono le caratteristiche strutturali della popolazione e delle sue attività, - in qual modo, con quale dinamica e con quali effetti queste si sono evolute nel tempo, - quali sono e come si sono evolute le forme e le condizioni insediative. L analisi dovrà tendere a cogliere e selezionare i caratteri strutturali che hanno maggiormente segnato l'evoluzione della comunità dal dopoguerra ad oggi. Lo studio dovrà avvalersi delle fonti Istat (censimenti dal 1951 al 2001) e comunali (ufficio anagrafico comunale e di quartiere). In particolare lo studio potrà prendere in considerazione i seguenti aspetti nella loro evoluzione: 1) Struttura della popolazione a) aspetti quantitativi - popolazione residente e famiglie - movimento della popolazione nello stesso arco temporale (nati, morti, immigrati, emigrati) - distribuzione della popolazione nel territorio comunale; b) aspetti qualitativi - distribuzione della popolazione in classi di età, piramidi delle età e indicatori; c) la struttura occupazionale - popolazione attiva e non attiva - settori e rami di attività economica della popolazione attiva - condizione della popolazione non attiva; 2) L abitazione - condizioni abitative nel complesso - epoca di costruzione dei fabbricati delle abitazioni occupate e non occupate - le abitazioni non occupate: quantità e motivazioni 3) La struttura produttiva - imprese, unità locali e addetti per settore e ramo di attività Le modalità della seconda esercitazione L interpretazione del materiale elaborato comporta il seguente percorso logico: - raccolta dei dati di base (fonti), 17

18 - scelta e organizzazione dei dati più significativi in tabelle contenenti anche alcune elaborazioni degli stessi (percentuali, variazioni percentuali, indici, grafici) nelle forme ritenute più consone a capire e a trasmetterne con chiarezza i fenomeni, - incrocio dei dati, per capire le necessarie relazioni fra i vari fenomeni singolarmente analizzati, - interpretazione della realtà sociale analizzata (relazione di sintesi). La raccolta, l'organizzazione e l'elaborazione dei dati sarà fatta come lavoro di gruppo e organizzata in un elaborato scritto contenente una breve interpretazione sull evoluzione della struttura socio economica del comune ed eventualmente dell area di riferimento (max 5 cartelle A4). 4) Lo scenario istituzionale di trasformazione (lettura degli strumenti di regolazione) La lettura delle principali indicazioni degli strumenti urbanistici relativi alla zona di studio verrà restituita mediante un testo scritto, parte della relazione da allegare agli elaborati grafici, corredato delle immagini ritenute necessarie per illustrarne i contenuti. Lo scopo dell'elaborato è di individuare e descrivere le principali linee di tendenza per il futuro dell'area, così come contenute negli strumenti urbanistici attualmente in vigore, prevalentemente nei piani strutturali. Dato che le aree di studio non coincidono con il territorio di un solo comune sarà necessario per ogni gruppo definire con il docente la modalità di analisi da adottare, anche in relazione alla situazione dei piani strutturali presenti nella zona ed al mosaico che caratterizza ogni singola area di lavoro. 5) Sintesi: analisi SWOT La relazione si concluderà con una sintesi delle risorse e delle opportunità presenti sul territorio interessato, attraverso un elaborato scritto che prenda in considerazione tutte le analisi svolte precedentemente sia a livello documentale che cartografico. In particolare, la ricomposizione dell apparato analitico nelle carte del patrimonio territoriale e urbano può portare al riconoscimento delle parti del centro abitato omogenee per i vari e diversi caratteri e problematiche, di quelle caratterizzate da specifiche sensibilità e da situazioni di criticità ambientali, funzionali, morfologiche), degli elementi singoli o delle aree costruite di riferimento storico, funzionale o morfologico. Dovranno essere riconosciuti i tessuti urbanistici omogenei per caratteri comuni o per modello di organizzazione urbana, nonché le parti disomogenee o non strutturate, per evidenziarne gli elementi identitari, le potenzialità e i limiti. 18

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI Il sottoscritto: Arch. Riccardo Palestra Iscritto all'albo Professionale: Ordine degli Architetti con il n 444 della Provincia di Terni

Dettagli

Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA. Lessico di base

Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA. Lessico di base Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA Lessico di base Lezione n. 6/10 1 CARTOGRAFIA DI BASE: rappresentazione plano-altimetrica o

Dettagli

Allegato AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA.

Allegato AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA. D.P.C.M. 12-12-2005 Individuazione della documentazione necessaria alla verifica della compatibilità paesaggistica degli interventi proposti, ai sensi dell'articolo 146, comma 3, del Codice dei beni culturali

Dettagli

CRITERI PER LA CLASSIFICAZIONE

CRITERI PER LA CLASSIFICAZIONE CRITERI PER LA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO (L.R. 52/2000, ART. 3, COMMA 3, LETT. A) 1 PREMESSA Redigere un piano di classificazione acustica equivale ad attribuire ad ogni porzione del territorio

Dettagli

Argomenti. Inquadramento

Argomenti. Inquadramento 1 2 Il 30 ottobre 1995, sul Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 254, è stata pubblicata la: Legge quadro sull inquinamento acustico Legge 26 ottobre 1995, n. 447 che stabilisce i principi

Dettagli

ESAME DELL IMPATTO PAESISTICO DEI PROGETTI

ESAME DELL IMPATTO PAESISTICO DEI PROGETTI Aggiornato 01.07.05 ESAME DELL IMPATTO PAESISTICO DEI PROGETTI Applicato in forma sperimentale agli interventi edilizi maggiori. (Approvato ai sensi dell art. 30 delle Norme di Attuazione del Piano Territoriale

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

Premessa percorso municipale, Conferenza Urbanistica Cittadina, Carta dei valori municipali parte generale schede progetto

Premessa percorso municipale, Conferenza Urbanistica Cittadina,  Carta dei valori municipali parte generale  schede progetto Premessa Il percorso municipale, che porterà alla Conferenza Urbanistica Cittadina, prevede la raccolta dei materiali progettuali, riguardanti tutta l area municipale, da acquisire nel corso delle riunioni

Dettagli

PROPOSTA COLORE PER IL CENTRO STORICO (cartella dei colori)

PROPOSTA COLORE PER IL CENTRO STORICO (cartella dei colori) PROPOSTA COLORE PER IL CENTRO STORICO (cartella dei colori) Premessa Il tema della riqualificazione degli insediamenti antichi è un nodo cruciale nell insieme degli interventi di pianificazione del territorio

Dettagli

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE ASSESSORATO ENTI LOCALI FINANZE ED URBANISTICA Direzione generale della pianificazione territoriale urbanistica e della vigilanza edilizia S E T T O R E SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

Dettagli

Fornitura di data base topografici dei centri urbani e aree abitate della Sardegna, alla scala 1:2.000 e 1:1.000

Fornitura di data base topografici dei centri urbani e aree abitate della Sardegna, alla scala 1:2.000 e 1:1.000 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DIREZIONE GENERALE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA TERRITORIALE E DELLA VIGILANZA EDILIZIA SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO

Dettagli

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3 INDICE Ambito di Trasformazione AT1 Residenziale via Petrarca, via Montello... 4 Ambito di Trasformazione AT2 Residenziale via Boccaccio - via Monte Cengio... 10 Ambito di Trasformazione AT3 Residenziale

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

1. INSERIMENTO URBANISTICO

1. INSERIMENTO URBANISTICO A.S.A. Azienda Servizi Ambientali Comune di Pomarance OPERE DI COLLETTAMENTO DELLA RETE FOGNARIA AL NUOVO DEPURATORE RELAZIONE INSERIMENTO URBANISTICO Data Aprile 2015 Codice PGI G089-0636-000 Codice Commessa

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA. Corso di Pianificazione Territoriale Corso di Tecnica Urbanistica Prof. Bernardino ROMANO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA. Corso di Pianificazione Territoriale Corso di Tecnica Urbanistica Prof. Bernardino ROMANO UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA Corso di Pianificazione Territoriale Corso di Tecnica Urbanistica Prof. Bernardino ROMANO LEZIONE 6 Dott. PhD. Alessandro Marucci LA CARTOGRAFIA PER L ANALISI TERRITORIALE

Dettagli

Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO

Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO REGIONE LOMBARDIA Scheda Reg Lomb A2 n. prot. 15545/06 Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO - Comune: Milano - Provincia: Milano - Committente: Comune

Dettagli

IL SISTEMA INFORMATIVO GEOGRAFICO INTEGRATO DEL TERRITORIO SENESE

IL SISTEMA INFORMATIVO GEOGRAFICO INTEGRATO DEL TERRITORIO SENESE IL SISTEMA INFORMATIVO GEOGRAFICO INTEGRATO DEL TERRITORIO SENESE Paolo Menicori responsabile del SIT dell Amministrazione Provinciale di Siena - tel. 0577/241457 fax 0577/241470 e-mail menicori@provincia.siena.it

Dettagli

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO Autorità di Bacino Regionale della Campania Centrale Delibera di Comitato Istituzionale n. 1 del 23 febbraio 2015 PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO G R U P P O D I P R O G E T T O R.U.P. arch.

Dettagli

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Architettura Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio UNA RETE DI GREENWAYS PER IL TERRITORIO DEL COMUNE DI PRATO: occasioni di riqualificazione

Dettagli

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE E/O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA.

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE E/O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA. Schema della relazione paesaggistica ai sensi dell'art. 3 del D.C.P.M. 12 dicembre 2005 approvato dall'osservatorio Regionale per la qualità del Paesaggio nella seduta del 13.07.2006 SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE COMUNE DI PIETRACAMELA Versate teramano del Gran Sasso d Italia PROGRAMMA DI FABBRICAZIONE NORME TECNICHE Pietracamela lì 25.5.1971 Il Progettista Dott. Ing. Mario Dragone Comune di Pietracamela Piano

Dettagli

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Bolzano Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano L ambito della trasformazione Il tema dell area ferroviaria di Bolzano

Dettagli

UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano

UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano QUADRO CONOSCITIVO LOCALIZZATO Indice Inquadramento territoriale, descrizione e contestualizzazione...2 Pericolosità idraulica, acque superficiali e depurazione...7

Dettagli

COMUNE DI BRUGNERA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI BRUGNERA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE COMUNE DI BRUGNERA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE Analisi radioelettrica relativa alla realizzazione del piano comunale di settore per la localizzazione delle stazioni radio base nel Comune

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

PREMESSA Piano Strutturale

PREMESSA Piano Strutturale PREMESSA il Comune ha avviato la procedura di revisione ed aggiornamento del Piano Strutturale, il documento che disegna il futuro del territorio, sia per il suo sviluppo, sia per la sua tutela. Per permettere

Dettagli

COMUNE DI COMO. Riqualificazione di Piazza Roma, Piazza Grimoldi e della Via Pretorio

COMUNE DI COMO. Riqualificazione di Piazza Roma, Piazza Grimoldi e della Via Pretorio COMUNE DI COMO Riqualificazione di Piazza Roma, Piazza Grimoldi e della Via Pretorio PREMESSA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE La presente relazione viene redatta ai sensi degli articoli 93 del

Dettagli

COMUNICA. 1. Ex convento di Sant Orsola ex Manifattura tabacchi (Via di Sant Orsola/Via Guelfa 23/ via Panicate e via Taddea).

COMUNICA. 1. Ex convento di Sant Orsola ex Manifattura tabacchi (Via di Sant Orsola/Via Guelfa 23/ via Panicate e via Taddea). VARIANTE URBANISTICA AL PRG VIGENTE RELATIVA A CINQUE IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI FIRENZE, DELLA REGIONE TOSCANA, DELLA PROVINCIA DI FIRENZE E DEL DEMANIO DELLO STATO A SEGUITO DELPROTOCOLLO D

Dettagli

Il nuovo Sistema Informativo Territoriale del Comune di Castelfiorentino

Il nuovo Sistema Informativo Territoriale del Comune di Castelfiorentino Il nuovo Sistema Informativo Territoriale del Comune di Castelfiorentino Il Sistema Informativo Territoriale (SIT) del Comune di Castelfiorentino è il punto d'accesso per i servizi e alle informazioni

Dettagli

CURRICOLO DI GEOGRAFIA della scuola primaria

CURRICOLO DI GEOGRAFIA della scuola primaria CURRICOLO DI GEOGRAFIA della scuola primaria CURRICOLO DI GEOGRAFIA al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI GEOGRAFIA al termine della classe seconda della scuola primaria...3

Dettagli

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014 Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014 Prova pratico-grafica (6 ore) Tema n.1 Consideriamo un edificio

Dettagli

PROPOSTA COLORE PER IL CENTRO STORICO (cartella dei colori)

PROPOSTA COLORE PER IL CENTRO STORICO (cartella dei colori) PROPOSTA COLORE PER IL CENTRO STORICO (cartella dei colori) Premessa La cartella dei colori costituisce lo strumento per guidare gli interventi di tinteggiatura delle facciate nel centro storico, al fine

Dettagli

Analisi preliminare degli elementi a rischio idraulico nel bacino dell Ombrone P.se

Analisi preliminare degli elementi a rischio idraulico nel bacino dell Ombrone P.se Analisi preliminare degli elementi a rischio idraulico nel bacino dell Ombrone P.se L analisi preliminare della distribuzione degli elementi a rischio all interno delle aree a diverso grado di pericolosità

Dettagli

Relatore: Prof. Pier Luigi PAOLILLO. Co-relatore: Prof. Franco GUZZETTI

Relatore: Prof. Pier Luigi PAOLILLO. Co-relatore: Prof. Franco GUZZETTI L integrazione del Database Topografico di Regione Lombardia con i dati provenienti dagli archivi catastali: la determinazione delle aree di pertinenza Relatore: Prof. Pier Luigi PAOLILLO Co-relatore:

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

COMUNE DI. 1. RICHIEDENTE: (2) persona fisica /società/impresa/ente 2. TIPOLOGIA DELL'OPERA E/O DELL'INTERVENTO (3) :

COMUNE DI. 1. RICHIEDENTE: (2) persona fisica /società/impresa/ente 2. TIPOLOGIA DELL'OPERA E/O DELL'INTERVENTO (3) : U.T.A. - Ufficio Tecnico Associato Settore Urbanistica, Edilizia, SUE, SUAP e Ambiente Borgo Tossignano Casalfiumanese Castel Guelfo di Bologna Fontanelice P.zza Unità d Italia 7 P.zza A. Cavalli 15 Via

Dettagli

Politecnico di Milano Scuola di Architettura e Società Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali

Politecnico di Milano Scuola di Architettura e Società Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali Linee guida progettuali per un nuovo Piano delle Regole Lombardo il caso Meda: modelli insediativi e indirizzi urbanistici per

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

LA CARTA TECNICA REGIONALE IN SCALA 1:5000

LA CARTA TECNICA REGIONALE IN SCALA 1:5000 LA CARTA TECNICA REGIONALE IN SCALA 1:5000 Attualmente sono disponibili tre diverse edizioni di C.T.R. 1:5000: AL TRATTO realizzata dal 1977 al 1982 in base alle norme contenute nella L.R. n. 40 del 29/11/1974.

Dettagli

Sistemi Informativi Geografici

Sistemi Informativi Geografici Sistemi Informativi Geografici Introduzione ai dati geografici Alberto Belussi Anno accademico 2007-08 08 Sistemi Informativi Territoriali (SIT) o Geografici I Sistemi Informativi Territoriali (SIT) gestiscono

Dettagli

PROCESSO DI TRASFORMAZIONE DELL AREA BOVISA-GASOMETRI. Con la presente si comunica, nell intento che ne diveniate parte attiva, l avvio di un

PROCESSO DI TRASFORMAZIONE DELL AREA BOVISA-GASOMETRI. Con la presente si comunica, nell intento che ne diveniate parte attiva, l avvio di un Milano, 23 ottobre 2014 Avvio di un percorso di ascolto attivo e di partecipazione della cittadinanza PROCESSO DI TRASFORMAZIONE DELL AREA BOVISA-GASOMETRI Gentili, Con la presente si comunica, nell intento

Dettagli

Laboratorio di Cartografia e GIS CIRCE www.iuav.it/circe

Laboratorio di Cartografia e GIS CIRCE www.iuav.it/circe Laboratorio di Cartografia e GIS CIRCE www.iuav.it/circe Il laboratorio opera e svolge attività di ricerca nel campo della cartografia e la rappresentazione del fenomeno urbano e regionale. Raccoglie,

Dettagli

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici Ing. Giovanni Carena - Progettazioni idrauliche Via Casa Scopelli, 4/A 15050 Carbonara Scrivia (AL) Tel: 0131 892 955 Cell: 335 6070937 E-mail: giovanni_carena@alice.it Carbonara Scrivia, 3 marzo 2011

Dettagli

Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Giugno 2009 (Laurea Specialistica 4/s)

Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Giugno 2009 (Laurea Specialistica 4/s) Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Giugno 2009 (Laurea Specialistica 4/s) Tema N.1 Il candidato imposti il progetto di un complesso

Dettagli

ARCHITETTURA. Rubrica Infografica

ARCHITETTURA. Rubrica Infografica RICOSTRUZIONE/Empler 26-07-2007 13:06 Pagina 47 PROGETTARE ARCHITETTURA Tommaso Empler* Rubrica Infografica Ricostruzione infografica di una situazione ambientale urbana Dopo aver illustrato le procedure

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini Paolo Mogorovich Sistemi Informativi Territoriali Appunti dalle lezioni Vari tipi di immagini Cod.303 - Vers.E41 1 Introduzione 2 Immagine fisica 3 Immagine classificata 4 Immagine cartografica 5 Immagine

Dettagli

ALLEGATO A CRITERI PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DI IMPATTO ACUSTICO AI SENSI DELL ART. 12 COMMA 2 E 6BIS DELLA L.R. N.

ALLEGATO A CRITERI PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DI IMPATTO ACUSTICO AI SENSI DELL ART. 12 COMMA 2 E 6BIS DELLA L.R. N. ALLEGATO A CRITERI PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DI IMPATTO ACUSTICO AI SENSI DELL ART. 12 COMMA 2 E 6BIS DELLA L.R. N. 89/98 A.1 PREMESSA Nel presente documento sono definiti, ai sensi dell

Dettagli

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito urbano è collocato intorno all asse della via Emilia nella porzione est rispetto al centro città. In particolare esso è

Dettagli

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2012-2013 Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Architettura e funzionalità di una piattaforma GIS. Parte seconda:

Dettagli

CONVENZIONE TRA PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA GEOGRAFICA UNICA DEL TERRITORIO FERRARESE

CONVENZIONE TRA PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA GEOGRAFICA UNICA DEL TERRITORIO FERRARESE CONVENZIONE TRA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI FERRARA - CONSORZIO GENERALE DI BONIFICA DELLA PROVINCIA DI FERRARA COMUNE DI FERRARA - REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA GEOGRAFICA

Dettagli

P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5

P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5 P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5 Norme Tecniche di Attuazione ALLEGATO 4: Centro storico 1 L allegato 4 è costituito dalle presenti norme e dagli elaborati grafici di seguito

Dettagli

Collaudo DBT 2K Agg. RT

Collaudo DBT 2K Agg. RT Tre porzioni territoriali + estensione Circa 100000 ha di aggiornamento e 10000 ha di exnovo Per ogni porzione territoriale due consegne in corso d opera, al termine di fasi intermedie di lavoro, e una

Dettagli

Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI"

Workshop VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI" Ing. Giorgio Cesari Autorità di bacino del Fiume Tevere Distretto Idrografico dell Appennino Centrale

Dettagli

9 ambito progettuale stazione ferroviaria

9 ambito progettuale stazione ferroviaria 9 ambito progettuale stazione ferroviaria Project manager: gruppo dirigenti: master plan e progettazione urbanistica: progettazione urbana: progettazione opere pubbliche: Lavorare in team si lavora in

Dettagli

www.epsilon-italia.ititalia.it

www.epsilon-italia.ititalia.it Provincia di Cosenza Settore Programmazione e Gestione Territoriale SIPITEC2 - Sistema Informativo Territoriale per la Gestione del P.T.C.P. www.epsilon-italia.ititalia.it MACRO ARGOMENTI Che cos è un

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE INFORMAZIONI SULLA CONSISTENZA DELLE BANCHE DATI CATASTALI A LIVELLO COMUNALE

DESCRIZIONE DELLE INFORMAZIONI SULLA CONSISTENZA DELLE BANCHE DATI CATASTALI A LIVELLO COMUNALE PAG. 1 DI 14 DESCRIZIONE DELLE INFORMAZIONI SULLA CONSISTENZA DELLE BANCHE DATI CATASTALI A LIVELLO COMUNALE 10 Novembre 2010 DOC. ES-23-IS-0C PAG. 2 DI 14 INDICE 1. PREMESSA 3 2. UIU PER CATEGORIA 4 3.

Dettagli

Sub. B. Comune di TRECATE SETTORE COMMERCIO ANNO 2012 CRITERI COMUNALI. Disposizioni attuative

Sub. B. Comune di TRECATE SETTORE COMMERCIO ANNO 2012 CRITERI COMUNALI. Disposizioni attuative ALLEGATO Sub.B ALLA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 015 IN DATA 03.04.2012 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE dott. Roberto Varisco IL SEGRETARIO GENERALE dott.ssa Carmen Cirigliano Comune di

Dettagli

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche)

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche) STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche) STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI IDROLOGICHE, IDRAULICHE, GEOTECNICHE, SISMICHE E ARCHEOLOGICHE

Dettagli

La città che cambia. Per ospitare eventi Con un grande parco urbano

La città che cambia. Per ospitare eventi Con un grande parco urbano La città che cambia Per ospitare eventi Con un grande parco urbano Variante al piano strutturale per nuove funzioni pubbliche e strutture di servizio complementari all aeroporto Comune di Pisa Perchè la

Dettagli

Variazioni del profilo di fondo alveo

Variazioni del profilo di fondo alveo Assetto Schedatura morfologico dei tratti e idraulico fluviali Fiume: Parma Ordine: II sx/dx Po: Destra P Lunghezza tratto (Km): 7, Tratto: PO_46 - PR_ confluenza Parma in Po - ponte stradale a Est di

Dettagli

DIPARTIMENTO PER I BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI ALLEGATO A

DIPARTIMENTO PER I BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI ALLEGATO A ALLEGATO A al decreto ministeriale recante Criteri e modalità per la verifica dell interesse culturale dei beni immobili di proprietà delle persone giuridiche private senza fine di lucro, ai sensi dell

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

RELAZIONE DI ANALISI

RELAZIONE DI ANALISI CITTA DI VENTIMIGLIA Prov. di Imperia P. Iva/C.f. 00247210081 Piazza della Libertà, 3 18039 Ventimiglia (IM) Tel. 0184 2801 - Fax 0184-352581 PEC comune.ventimiglia@legalmail.it PIANO DEL COLORE DEL CENTRO

Dettagli

STATUTO CONSORTILE. Art. 50, comma 4

STATUTO CONSORTILE. Art. 50, comma 4 STATUTO CONSORTILE Art. 50, comma 4 Entro due anni dall approvazione dello statuto da parte della Giunta regionale, il Consorzio provvede ad esplicitare nell avviso di pagamento lo specifico beneficio

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 7. Lettura delle carte topografiche

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 7. Lettura delle carte topografiche Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 7. Lettura delle carte topografiche Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti Dati identificativi

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

L.R. 1/2005 - Norme per il Governo del Territorio Sistema informativo geografico regionale

L.R. 1/2005 - Norme per il Governo del Territorio Sistema informativo geografico regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali e Ambientali L.R. 1/2005 - Norme per il Governo del Territorio istema informativo geografico regionale PECIFICHE TECNICHE PER L ACQUIIZIONE IN FORMATO DIGITALE

Dettagli

1.5. Il centro storico 1.5.1. Un ambito urbano di pregio La ristretta fascia compresa fra la SP342dir. e la linea ferroviaria Carnate-Lecco è occupata dal centro storico, impostato sull unico asse viario

Dettagli

Genova 22/24 settembre 2015

Genova 22/24 settembre 2015 Genova 22/24 settembre 2015 ELABORAZIONI DELLA C.T.R.: DTM E CARTE DERIVATE Rappresentazione della morfologia del territorio in Regione Liguria QUALCHE DEFINIZIONE DTM (Digital Terrain Model) o DEM (Digital

Dettagli

L espulsione di una Scuola a Monteverde per consentire la demolizione dell edificio per costruire nuovi appartamenti.

L espulsione di una Scuola a Monteverde per consentire la demolizione dell edificio per costruire nuovi appartamenti. L espulsione di una Scuola a Monteverde per consentire la demolizione dell edificio per costruire nuovi appartamenti. Premessa La scuola Arcobaleno (www.scuolaarcobaleno.org) si trova dal 1994 nel quartiere

Dettagli

RELAZIONE PAESAGGISTICA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO

RELAZIONE PAESAGGISTICA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELAZIONE PAESAGGISTICA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO Premessa La presente relazione paesaggistica è redatta secondo le indicazioni della Deliberazione Giunta Regionale 15 marzo 2006 n. 8/2121: Criteri

Dettagli

Prof. Arch. Paolo Fusero Università G. d Annunzio Corso di Fondamenti di Urbanistica Modulo di Urbanistica a.a. 2012-13

Prof. Arch. Paolo Fusero Università G. d Annunzio Corso di Fondamenti di Urbanistica Modulo di Urbanistica a.a. 2012-13 Prof. Arch. Paolo Fusero Università G. d Annunzio Corso di Fondamenti di Urbanistica Modulo di Urbanistica a.a. 2012-13 WORKSHOP Spazi e Attrezzature Pubbliche SISTEMA DEI SERVIZI PUBBLICI a livello dì

Dettagli

Piano Strategico Aree Gioco Urbane RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Piano Strategico Aree Gioco Urbane RELAZIONE ILLUSTRATIVA Piano Strategico Aree Gioco Urbane RELAZIONE ILLUSTRATIVA PROGETTO DEFINITIVO Ottobre 2009 Coordinamento progettuale Laboratorio Città Sostenibile Pier Giorgio Turi Responsabile Settore Gestione Verde

Dettagli

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7.1 - ACCESSI E DIRAMAZIONI. DEFINIZIONI E TIPOLOGIA Tra i diversi fattori che possono influire sulle prestazioni, in termini di sicurezza e di funzionalità, di una strada, occupano

Dettagli

Prima Lezione: Costruire una mappa

Prima Lezione: Costruire una mappa Prima Lezione: Costruire una mappa I tipi di informazione geografica disponibili Navigazione nella mappa Coordinate e scala Vista panoramica Introduzione ai GIS GIS significa Sistema Informativo Geografico

Dettagli

Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.

Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11. (Aggiornamento 31.03.2004) 1 Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.2003 NORME REGOLAMENTARI 1. AMBITI DI

Dettagli

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE Premessa (I) Le carte geologiche danno evidenza alla geologia di un territorio, illustrando in estrema sintesi la sostanza di cui questo è fatto. Esse vengono

Dettagli

I criteri alla base del processo di revisione parziale del classamento nelle microzone anomale di Roma Capitale

I criteri alla base del processo di revisione parziale del classamento nelle microzone anomale di Roma Capitale SEMINARIO Il riclassamento delle unità immobiliari di Roma Capitale Roma, 16 aprile 2014 I criteri alla base del processo di revisione parziale del classamento nelle microzone anomale di Roma Capitale

Dettagli

FOTOGRAFIE DELLO STATO DI FATTO

FOTOGRAFIE DELLO STATO DI FATTO COMMITTENTE ING. GIAN LUCA ULCIANI NOME IMIANTO ORTOFINO 4 4.1 FOTOGRAFIE DELLO STATO DI FATTO LANIMETRIA UNTI DI RIRESA ANORAMICI E L A B O R A ZI O N E G R A F I C A A C U RA D I UNI EN I SO pag: 16

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE. carattere Times new roman grassetto. carattere Times new roman barrato evidenziato. Art. 0 Indice

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE. carattere Times new roman grassetto. carattere Times new roman barrato evidenziato. Art. 0 Indice NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Testo originario adottato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 21.05.2004, modificato da parte comunale a seguito di accoglimento di talune osservazioni (deliberazione

Dettagli

Tecnologie per i Beni Culturali Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini

Tecnologie per i Beni Culturali Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini Tecnologie per i Beni Culturali Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini Carte di base (o fondamentali): hanno lo scopo di descrivere la superficie fisica della terra. Devono permettere

Dettagli

INDICE. VERNIANA Tav. 5 Bc vrn 01 pag. 04. PALAZZUOLO Tav. 6 Bc pal 01 pag. 01

INDICE. VERNIANA Tav. 5 Bc vrn 01 pag. 04. PALAZZUOLO Tav. 6 Bc pal 01 pag. 01 INDICE MONTE SAN SAVINO Tav. 1a e 1b Ap mss 02 pag. 01 Ap mss 03 pag. 04 Ap mss 04 pag. 07 Bc mss 01 pag. 10 Bc mss 02 pag. 13 Bc mss 03 pag. 16 Bc mss 04 pag. 19 Bc mss 05 pag. 22 Bc mss 06 pag. 25 Bc

Dettagli

INQUINAMENTO ACUSTICO

INQUINAMENTO ACUSTICO Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria INQUINAMENTO ACUSTICO Ing. Giorgio Baldinelli RIFERIMENTI NORMATIVI NAZIONALI: D.P.C.M. 01/03/91 Limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI, PAESAGGISTI e CONSERVATORI della Provincia di VERCELLI

ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI, PAESAGGISTI e CONSERVATORI della Provincia di VERCELLI ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI, PAESAGGISTI e CONSERVATORI della Provincia di VERCELLI oappc.vercelli@archiworldpec.it TARIFFA PROFESSIONALE DELL'ARCHITETTO E DELL'INGEGNERE PRONTUARIO B) PIANI

Dettagli

Estratto Elaborato A7 PIT. Localizzazione siti oggetto di osservazione COMUNE DI EMPOLI. Servizio Urbanistica

Estratto Elaborato A7 PIT. Localizzazione siti oggetto di osservazione COMUNE DI EMPOLI. Servizio Urbanistica 12 13 11 4 5 Estratto Elaborato A7 PIT 10 6 7 3 2 8 9 1 1) Località Terrafino 2) Località Terrafino 3) Località Castelluccio 4) Località Avane 5) Località S. Maria 6) Empoli centro 7) Empoli centro 8)

Dettagli

I principali formati digitali di codifica dell informazione geografica

I principali formati digitali di codifica dell informazione geografica I principali formati digitali di codifica dell informazione geografica I formati digitali di registrazione dell informazione geografica L informazione geografica digitale può essere archiviata secondo

Dettagli

Il Piano Urbano dei Servizi del Sottosuolo. Fase Conoscitiva

Il Piano Urbano dei Servizi del Sottosuolo. Fase Conoscitiva Il Piano Urbano dei Servizi del Sottosuolo Fase Conoscitiva Quali fattori vanno analizzati La fase conoscitiva analizza: Realtà geoterritoriale (quadro strutturale) Quadro Urbano (infrastrutture, edificato,

Dettagli

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:...

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:... INDICE 1) Premessa... 2 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela dal Rischio Idrogeologico:... 3 3) Lo studio di compatibilità idraulica... 8 4) Contenuti dello studio

Dettagli

C A R T O G R A F I A N Applicazioni Cartografia numerica: Creazione di carte topografiche con TNTmips Pag. 1 Prima di iniziare TNTmips fornisce una moltitudine di strumenti di lavoro per dati cartografici

Dettagli

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO 4 RISCHIO IDROGEOLOGICO Premessa Il rischio è dovuto all interazione di una somma di elementi diversi ed è conseguenza di fenomeni associati all assetto geologico, idrogeologico-idraulico e situazioni

Dettagli

Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC

Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Applicazione dell art. 14.1 del Testo Coordinato delle Norme di PSC-POC-RUE RAPPORTO PRELIMINARE (ART. 12 D.LGS. N. 152/2006

Dettagli

AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA

AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA Area tematica: AMBIENTE URBANO Indice documento 1 Area tematica ambiente urbano: individuazione delle sessioni di lavoro 3 Richiesta prime indagine a campione sul

Dettagli

Progetto Eco-Turistico

Progetto Eco-Turistico Progetto Eco-Turistico Morro de San Paolo - Bahía Nord Est del Brasile Spiaggia di Garapuà Indice 1) MORRO DI SAN PAOLO Introduzione 2) TAMACA - LOCALIZZAZIONE - LE FASI DEL PROGETTO DI SVILUPPO URBANISTICO

Dettagli

Provincia di Venezia Comune di Chioggia 552_Edificio ex corderie Via Granatieri di Sardegna DUE DILIGENCE SCHEDA DESCRITTIVA

Provincia di Venezia Comune di Chioggia 552_Edificio ex corderie Via Granatieri di Sardegna DUE DILIGENCE SCHEDA DESCRITTIVA Provincia di Venezia Comune di Chioggia 552_Edificio ex corderie Via Granatieri di Sardegna DUE DILIGENCE SCHEDA DESCRITTIVA Anagrafica COMPLESSO Codice bene Denominazione bene Comune Provincia Indirizzo

Dettagli

Soluzioni low cost di rilievo 3D e ortofoto ad altissima risoluzione per interi centri storici Dott. Stefano Picchio

Soluzioni low cost di rilievo 3D e ortofoto ad altissima risoluzione per interi centri storici Dott. Stefano Picchio Workshop regionale SMARTINNO 23 Ottobre 2014 Edifici storici e Città Soluzioni low cost di rilievo 3D e ortofoto ad altissima risoluzione per interi centri storici Dott. Stefano Picchio IL RILIEVO DELLA

Dettagli

Relazione paesaggistica

Relazione paesaggistica Relazione paesaggistica TIPOLOGIA DELL OPERA E/O DELL INTERVENT0 : ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE MUNICIPIO E PARCHEGGIO MERCATO, MODIFICA VIABILITA OPERA CORRELATA A: X edificio X area di pertinenza

Dettagli

SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux

SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux QUADRO CONOSCITIVO Breve descrizione dell intervento Gli interventi

Dettagli

Nelle carte in scala 1:25.000 1 cm misurato sulla carta corrisponde a 25.000 cm nella realtà, cioè a 250 m e quindi 1 km = 4 cm.

Nelle carte in scala 1:25.000 1 cm misurato sulla carta corrisponde a 25.000 cm nella realtà, cioè a 250 m e quindi 1 km = 4 cm. Le carte topografiche sono strumenti per la rappresentazione in piano di zone geografiche non eccessivamente estese come il territorio di una provincia, di un comune o parti di esso. Fondamentale è l'individuazione

Dettagli