Guida all'esercitazione finale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida all'esercitazione finale"

Transcript

1 Corso di Laurea in Architettura (ciclo unico) corso di Analisi del territorio e degli insediamenti - C Prof. Valeria Lingua, Urb. Matteo Scamporrino, Arch. Luca Di Figlia Guida all'esercitazione finale L'esercitazione finale di esame consiste nella produzione, a cura del gruppo di studenti, di alcuni elaborati (grafici e testuali) descrittivi dei caratteri territoriali e insediativi di alcuni contesti selezionati. Attraverso l esercitazione, si intende indirizzare lo studente alla comprensione del territorio come entità complessa, nella quale ogni parte concorre con ruoli diversi al funzionamento dell insieme, al cui assetto in continuo divenire l'uomo concorre quale fondamentale soggetto. Il lavoro delle esercitazioni dovrà essere svolto in gruppo (massimo tre studenti). In sede di esame sarà tuttavia accertata la responsabilizzazione dei vari componenti su tutte le parti dello studio fatto. Al fine di acquisire la capacità di interpretazione del territorio a diversi livelli (area vasta, urbano, di quartiere), le analisi saranno svolte generalmente a tre scale principali: 1/25.000, 1/ e 1: Elenco delle tavole 1. Inquadramento territoriale (1/25000) 1.1 Altimetria 1.2 Clivometria e idrografia 2. I temi degli assetti insediativi (1/10000) 2.1 Uso del suolo 2.2 Organizzazione funzionale degli insediamenti 2.3 Periodizzazione della crescita edilizia e urbana 2.4 Il patrimonio territoriale 3. I temi della città (1/2000) 3.1 Uso del suolo urbano 3.2 Analisi percettiva 3.3 Morfologie urbane e tipologie edilizie 3.4 Il patrimonio urbano 4. Relazione Metodologia L'esercitazione dovrà essere svolta possibilmente in aula e autonomamente a casa quando il tempo a disposizione nelle ore del corso non fosse sufficiente. L interpretazione del materiale elaborato comporta il seguente percorso logico: - raccolta dei dati di base (fonti), - scelta e organizzazione dei dati più significativi - incrocio dei dati, per capire le necessarie relazioni fra i vari fenomeni singolarmente analizzati, - interpretazione della realtà sociale analizzata (relazione di sintesi). L organizzazione dei dati potrà avvenire sia attraverso la costruzione della cartografia, sia all interno di elaborati scritti, a seconda del tema proposto di volta in volta durante le lezioni. 1

2 Gli elaborati scritti conterranno alcune elaborazioni delle analisi espresse sia in forma discorsiva, sia in forma tabellare o figurativa (tabelle con dati percentuali, variazioni percentuali, indici, grafici, immagini) nelle forme ritenute più consone a capire e a trasmetterne con chiarezza i fenomeni. Le tavole di restituzione finale delle analisi dovranno essere progettate nella loro organizzazione e dovranno contenere la rappresentazione dell oggetto di ogni singola tavola con la relativa legenda. Per ciascuna scala di lavoro dovranno essere presenti le seguenti informazioni: intestazione (nomi dei componenti del gruppo, titolo della carta, scala di riferimento), legenda della carta, squadratura del foglio. Le tavole possono essere realizzate sia attraverso tecniche tradizionali (disegno manuale su fondo topografico), sia attraverso tecniche digitali raster (elaborazioni di scansioni di carte topografiche), sia attraverso tecniche digitali vettoriali (elaborazioni di cartografia topografica vettoriale), sia attraverso tecniche GIS (elaborazioni di micro Sistemi Informativi basati sulla implementazione di carte tecniche regionali disponibili in formati GIS). L'area di lavoro e gli strumenti in uso L esercitazione si svolge in un territorio a scelta del gruppo di lavoro, che dovrà individuare un comune e, al suo interno, un area circoscritta da analizzare. L area di lavoro è estesa all intera Regione Toscana. Sono ammesse altre parti d Italia solo se gli studenti sono in grado di procurarsi il dataset e i tiff dell area. Per la realizzazione dell esercitazione, gli studenti sono invitati a utilizzare il programma open source Quantum GIS (QGIS), da scaricare e installare sul proprio PC (http://www.qgis.org/it/site/). Le basi di utilizzo del programma saranno fornite durante le lezioni. Ai fini dell esercitazione, gli studenti dovranno scaricate il quadrante (o i quadranti, max 4) della Carta Tecnica Regionale (CTR) dell'area di interesse dal sito (http://www502.regione.toscana.it/geoscopio/cartoteca.html) (finestra di destra-->trova). scaricate il dataset.shp (finestra di destra-->download-->carta tecnica Regionale-->CTR10K-- >SHP) e anche il TIFF (finestra di destra-->download-->carta tecnica Regionale-->CTR10K-- >STIFF con legenda). Consegne PRIMA CONSEGNA (3 novembre 2014) 1. Inquadramento territoriale (1/25000) 1.1 Altimetria 1.2 Clivometria e idrografia 2. I temi degli assetti insediativi (1/10000) 3. I temi della città (1/2000) 2.1 Uso del suolo territoriale 3.1 Uso del suolo urbano 2.2 Organizzazione funzionale degli insediamenti 3.2 Analisi percettiva SECONDA CONSEGNA (9 gennaio 2015) 2. I temi degli assetti insediativi (1/10000) 3. I temi della città (1/2000) 2.3 Periodizzazione della crescita edilizia e urbana 3.3 Morfologie urbane e tipologie edilizie 2.4 Il patrimonio territoriale 3.4 Il patrimonio urbano 4. Relazione - Analisi storica e socio-economica - Analisi previsioni di piano esistenti - Analisi Swot e schizzo di sintesi 2

3 Guida alla redazione delle tavole 1. Inquadramento territoriale Tutte le tavole di questa sezione dovranno essere riprodotte in scala 1/25000, utilizzando come fondo topografico o una edizione IGM recente (soprattutto per tecniche di redazione tradizionali o digitali raster; si utilizzeranno le serie 25 o 25V a seconda della disponibilità: per informazioni o una CTR 1/10000 ridotta (soprattutto per tecniche di redazione digitali vettoriali o GIS: per informazioni sulla CTR toscana Tav.1.1 Altimetria Scopo della tavola è l evidenziazione delle condizioni orografiche del contesto territoriale esaminato. La rappresentazione dovrà, quando le caratteristiche del suolo lo rendano utile, individuare attraverso campiture cromatiche opportune ambiti altimetrici diversi (aree di fondovalle, di versante, di crinale ed eventuali variazioni significative della morfologia fisica). Elementi da includere nella rappresentazione: fondo topografico (IGM o CTR 1/10000 in edizione vestita, ossia visualizzando tutti i livelli compresa la toponomastica) fasce altimetriche ottenute o attraverso trattamento grafico mediante colori delle fasce leggibili attraverso le curve di livello o attraverso la restituzione di una griglia altimetrica di passo commisurato alla scala di rappresentazione (utilizzando tecniche GIS è consigliabile la realizzazione di una griglia di passo 10 metri attraverso l'interpolazione delle curve di livello e dei punti quotati disponibili nella CTR 1/10000) Indicazioni per la restituzione grafica: utilizzare per le fasce altimetriche una sfumatura di colore dal verde (per le quote più basse) al marrone (per le quote più alte) passando per uno o più toni di giallo intermedio; la variazione cromatica dovrà poter permettere di leggere in modo sufficientemente chiaro le soglie di passaggio da un ambito altimetrico (pianura, versanti, sommità) a un altro. Per elaborazioni GIS: è possibile e quasi sempre consigliabile ombreggiare la griglia altimetrica attraverso una copertura hillshade (ottenibile per elaborazione della griglia altimetrica) per dare maggiore evidenza alle forme del rilievo;in alternativa è possibile ombreggiare la griglia utilizzando una copertura clivometrica, per segnalare espressivamente l andamento dei crinali; utilizzare come fondo topografico la CTR in versione raster o in edizione vettoriale "vestita"; in questo secondo caso aver cura di caricare tutti i livelli compresa la toponomastica e restituire la CTR in nero utilizzando tratti sottilissimi (0.1). 3

4 Tav.1.2 Clivometria e idrografia Scopo della tavola è dare risalto ai caratteri salienti della morfologia del suolo del contesto in esame, dando evidenza alle forme terrestri maggiormente caratterizzanti: fondovalle, terrazzi orografici, crinali principali e secondari, forre, ecc. È molto importante mettere in evidenza nella rappresentazione le relazioni tra le forme del suolo e il sistema insediativo, soprattutto per quanto riguarda la trama viaria. Si tratta di una tavola derivata dalla precedente che dunque utilizza i dati già prodotti nell'elaborazione appena descritta. Elementi da includere nella rappresentazione: fondo topografico (IGM o CTR 1/10000 ridotta in edizione vestita, ossia visualizzando tutti i livelli compresa la toponomastica) idrografia (nel caso di elaborazioni GIS ottenuta per selezione dei dati cartografici disponibili da CTR: copertura xxxxxxad.shp, codici 301, 302, 303 della copertura xxxxxxel.shp) fasce clivometriche ottenute: o attraverso trattamento grafico delle fasce rappresentabili attraverso l'interpretazione delle distanze tra le curve di livello principali (istruzioni più dettagliate nel testo Rappresentare i luoghi, a cura di Alberto Magnaghi, indicato in calce)o attraverso la restituzione di una griglia clivometrica di passo commisurato alla scala di rappresentazione (utilizzando tecniche GIS è consigliabile la realizzazione di una griglia di passo 10 metri attraverso l'elaborazione della griglia altimetrica utilizzata per la tavola 1.1) Indicazioni per la restituzione grafica: utilizzare per le fasce clivometriche una sfumatura continua sui toni del marrone, valutandone l intensità in ragione della espressività dell immagine finale. In alternativa, quando la rappresentazione voglia presentare la gamma delle pendenze in funzione delle diverse vocazioni agricole dei suoli (lavorazione meccanizzata, necessità di terrazzamenti, ecc.) o dei potenziali problemi presenti nel territorio scelto (rischio di erosione e di instabilità dei versanti) vestire la griglia per fasce clivometriche caratterizzate da colori distinti (le classi di pendenza dovranno essere scelte in relazione dell'intenzione descrittiva prescelta: p.e. nel caso si vogliano descrivere le condizioni di diversa lavorabilità dei suoli utilizzare le seguenti soglie: <10% suoli lavorabili meccanicamente 10% 20% suoli lavorabili meccanicamente con attrezzature leggere 20% 35% suoli lavorabili attraverso sistemazioni di versante: terrazzamenti, ciglionamenti > 35% suoli non lavorabili). Utilizzare un tono di azzurro e un tratto deciso per la rappresentazione della rete idrografica principale; utilizzare lo stesso tono di azzurro, ma con spessore inferiore e tratteggiato per la rete delle scoline di fondovalle. Per elaborazioni GIS: utilizzare come fondo topografico la CTR in versione raster o in edizione vettoriale "vestita"; in questo secondo caso aver cura di caricare tutti i livelli compresa la toponomastica e restituire la CTR in nero utilizzando tratti sottilissimi (0.1) 4

5 evidenziare la rete idrografica attraverso una opportuna resa cromatica degli elementi lineari aventi codice 301 (corsi d'acqua principali) 302 (corsi d'acqua secondari) 303 (scoline e canalette irrigue); utilizzare campiture piena solo per i fiumi, evitando di utilizzare la copertura xxxxxxad.shp per i torrenti; Approfondimenti possibili: inserire nella tavola una rappresentazione relativa ai limiti di bacino idrografico o ai limiti di versante (tale informazione può essere ricostruita sulla base dell esame delle curve di livello, ovvero per perfezionamento della copertura bacidro.shp pubblicata dalla Regione Toscana) 5

6 2. I temi degli assetti insediativi Tutte le tavole di questa sezione dovranno essere riprodotte in scala 1/10000, utilizzando come fondo topografico una CTR 1/10000 (soprattutto per tecniche di redazione digitali vettoriali o GIS: per informazioni sulla CTR toscana Tav.2.1 Uso del suolo Scopo della tavola è evidenziare la ripartizione dei suoli in aree omogenee dal punto di vista degli usi, segnalando e distinguendo gli ambiti di naturalità (bosco, vegetazione di pertinenza fluviale, aree umide, ecc.), gli ambiti delle colture agrarie (seminativi, oliveti, vigneti, ecc.) gli ambiti urbanizzati (urbanizzato ad alta densità, urbanizzato a bassa densità, ambiti produttivi, ecc.). L informazione riportata nella tavola sarà costruita sulla base di quanto disponibile presso il Sistema Informativo Territoriale e Ambientale della Regione Toscana, collaudata speditivamente attraverso sopralluoghi diretti. Sarà utilizzata un'articolazione delle classi di uso del suolo sufficiente per individuare l estensione delle aree urbanizzate ed evidenziare la presenza del bosco, del seminativo e delle colture pregiate più importanti (oliveto e vigneto, con eventuale segnalazione della sistemazione specializzata). Elementi da includere nella rappresentazione: fondo topografico CTR 1/10000 in edizione vestita (tutti i livelli compresa la toponomastica) copertura uso del suolo ottenuta per trascrizione e collaudo della documentazione già esistente idrografia (nel caso di elaborazioni GIS ottenuta per selezione dei dati cartografici disponibili da CTR: copertura xxxxxxad.shp, codici 301, 302, 303 della copertura xxxxxxel.shp) Indicazioni per la restituzione grafica: utilizzare per la rappresentazione degli usi del suolo una tavolozza cromatica basata sulla necessità di conciliare chiarezza dell informazione ed espressività grafica; di norma, utilizzare toni allusivi ai colori reali: verde scuro per i boschi, toni di ocra per i seminativi, verde olivo per gli oliveti, e così via (è possibile prendere spunto da foto aeree a colori); utilizzare un tono di azzurro e un tratto spesso per la rappresentazione della rete idrografica principale; utilizzare lo stesso tono di azzurro, ma con spessore inferiore e tratteggiato, per la rete delle scoline di fondovalle. Per elaborazioni GIS: è possibile e quasi sempre consigliabile ombreggiare la tavola attraverso una copertura hillshade (ottenibile per elaborazione della griglia altimetrica) per dare maggiore evidenza alle forme del rilievo; in alternativa è possibile ombreggiare la 6

7 griglia utilizzando una copertura clivometrica, per segnalare espressivamente l andamento dei crinali; utilizzare come fondo topografico la CTR in versione raster o in edizione vettoriale "vestita"; in questo secondo caso aver cura di caricare tutti i livelli compresa la toponomastica e restituire la CTR in nero utilizzando tratti sottilissimi (0.1); evidenziare la rete idrografica attraverso una opportuna resa cromatica degli elementi lineari aventi codice 301 (corsi d'acqua principali) 302 (corsi d'acqua secondari) 303 (scoline e canalette irrigue); utilizzare campiture piena solo per i fiumi, evitando di utilizzare la copertura xxxxxxad.shp per i torrenti; Tav.2.2 Organizzazione funzionale degli insediamenti Scopo della tavola è evidenziare i caratteri della organizzazione funzionale degli insediamenti in ciascun contesto di indagine, evidenziando: la localizzazione degli insediamenti produttivi, la localizzazione dei servizi pubblici e di interesse collettivo, la resistenza addensata e compatta, o viceversa la rada e dispersa, i caratteri di centralità di alcune funzioni rare. Andranno inoltre segnalati i principali assi di comunicazione individuabili nel contesto esaminato (autostrade, ferrovie, strade statali e di grande comunicazione) L informazione potrà essere costruita direttamente dagli studenti attraverso sopralluoghi diretti, attraverso i quali sarà possibile qualificare sulla carta ogni blocco edilizio documentato dalla CTR in funzione della funzione prevalente esercitata (residenza, industria, servizi, ecc.). In casi particolarmente significativi gli studenti dovranno articolare l informazione spezzando i poligoni registrati dalla carta tecnica in unità di rilevazione più piccole. Andrà sempre fatto riferimento alla funzione prevalente esercitata in ogni blocco edilizio: vale a dire, per esempio, che un edificio che ospiti al piano terreno una attività commerciale e ai piani superiori residenze private andrà classificato come residenziale. In alcuni casi, sarà utile indicare anche le pertinenze scoperte (non edificate) legate alla funzione individuata (p.e. per la funzione "istruzione" sarà opportuno segnalare la localizzazione sia degli spazi costruiti, sia dei giardini e delle aree di pertinenza della scuola). Esempio di articolazione della legenda: residenza attività produttive (industria, artigianato) commercio (grande distribuzione, showrooms, ecc.) altre attività terziarie private (banche, uffici privati, ecc.) uffici pubblici (municipio, poste, servizio dell'amministrazione dello stato, ecc.) attrezzature per la sanità (ospedali, poliambulatori, case di riposo, ecc.) attrezzature per l'istruzione (scuole di ogni ordine e grado) attrezzature per lo sport (stadi, palazzetti dello sport, ecc.) attrezzature per il culto (chiese, conventi, ecc.) attrezzature per la cultura (teatri, cinema, ecc.) attrezzature tecnologiche (inceneritori, centrali elettriche, ecc.) attrezzature ricettive (alberghi, villaggi turistici, ecc.) aree edificate non utilizzate (edifici abbandonati, industrie dimesse, ruderi, ecc.) 7

8 Elementi da includere nella rappresentazione: fondo topografico CTR 1/10000 in edizione vestita (tutti i livelli compresa la toponomastica) edifici e principali pertinenze distinti cromaticamente secondo la funzione prevalente individuabile attraverso sopralluogo diretto principali assi di comunicazione individuabili attraverso interpretazione del fondo topografico idrografia (nel caso di elaborazioni GIS ottenuta per selezione dei dati cartografici disponibili da CTR: copertura xxxxxxad.shp, codici 301, 302, 303 della copertura xxxxxxel.shp) Indicazioni per la restituzione grafica: utilizzare per la rappresentazione dei sedimi edificati colori accesi adeguati alla differenziazione delle funzioni: in prima approssimazione, è possibile partire da queste corrispondenze: residenza grigio attività produttive viola commercio giallo altre attività terziarie private arancio uffici pubblici rosso attrezzature per la sanità rosa attrezzature per l'istruzione azzurro attrezzature per lo sport verde attrezzature per il culto porpora attrezzature per la cultura blu attrezzature tecnologiche nero attrezzature ricettive giallo chiaro attrezzature per i trasporti grigio scuro utilizzare un tono analogo a quello utilizzato ma leggermente desaturato per la evidenziazione delle pertinenze più rilevanti legate a funzioni non residenziali (istruzione, sport, ecc.); utilizzare colori desaturati per la evidenziazione dei principali assi di comunicazione viaria; utilizzare un tono di azzurro e un tratto spesso per la rappresentazione della rete idrografica principale; utilizzare lo stesso tono di azzurro, ma con spessore inferiore e tratteggiato, per la rete delle scoline di fondovalle. Per elaborazioni GIS: la copertura relativa alla localizzazione delle principali funzioni potrà essere costruita attribuendo ad ogni geometria registrata nella CTR 1/10000 (codici 2xx, reperibili nella copertura xxxxxxea.shp) un attributo relativo alla funzione prevalente esercitata in ciascun blocco edilizio. In casi particolarmente significativi gli studenti dovranno articolare l informazione spezzando i poligoni registrati dalla carta tecnica in unità di rilevazione più piccole; 8

9 è possibile utilizzare come base geometrica per la evidenziazione dei principali assi di comunicazione la copertura xxxxxxav.shp (archi viari) e la copertura xxxxxxaf.shp (archi ferroviari) della carta tecnica regionale toscana; utilizzare come fondo topografico la CTR in versione raster o in edizione vettoriale "vestita"; in questo secondo caso aver cura di caricare tutti i livelli compresa la toponomastica e restituire la CTR in nero utilizzando tratti sottilissimi (0.1); è possibile ombreggiare la tavola attraverso una copertura hillshade (ottenibile per elaborazione della griglia altimetrica) per dare maggiore evidenza alle forme del rilievo; in alternativa è possibile ombreggiare la griglia utilizzando una copertura clivometrica, per segnalare espressivamente l andamento dei crinali; evidenziare la rete idrografica attraverso una opportuna resa cromatica degli elementi lineari aventi codice 301 (corsi d'acqua principali) 302 (corsi d'acqua secondari) 303 (scoline e canalette irrigue); utilizzare campiture piena solo per i fiumi, evitando di utilizzare la copertura xxxxxxad.shp per i torrenti. Tav.2.3 Periodizzazione della crescita edilizia e urbana Scopo della tavola è evidenziare i caratteri quantitativi e qualitativi delle dinamiche insediative documentate dal XIX secolo ad oggi. La tavola dovrà permettere di riconoscere gli assetti insediativi fondativi riconoscibili nello stato dei luoghi alla fine dell'800, una prima fase di crescita spesso ancora coerente con i principi insediativi tradizionali (edificazione compatta su filo strada, isolati chiusi), una seconda fase di crescita estranea ai principi insediativi tradizionali (la "grana grossa" dei servizi urbani, l'espansione a bassa densità di edifici isolati su lotto, le parti di città morfologicamente autonome dell'edilizia promossa da iniziativa pubblica, e così via). È di norma molto importante segnalare le relazioni tra le dinamiche di nuova localizzazione degli insediamenti rispetto alla morfologia del suolo. L informazione riportata nella tavola sarà costruita sulla base di quanto disponibile presso il Sistema Informativo Territoriale e Ambientale della Regione Toscana. Elementi da includere nella rappresentazione: fondo topografico CTR 1/10000 in edizione vestita (tutti i livelli compresa la toponomastica); sedimi edificati (edifici) distinti cromaticamente secondo il periodo di prima documentazione cartografica leggibile attraverso il confronto con la cartografia storica; percorsi fondativi identificabili attraverso la lettura della cartografia storica, prevalentemente mediante la lettura delle carte IGMI e delle foto aeree della levata del 1954, reperibili presso la catoteca del dipartimento di urbanistica, presso la stessa IGM e on-line mediante lo sportello cartografico della regione toscana (servizio WMS). idrografia (nel caso di elaborazioni GIS ottenuta per selezione dei dati cartografici disponibili da CTR: copertura xxxxxxad.shp, codici 301, 302, 303 della copertura xxxxxxel.shp). Indicazioni per la restituzione grafica: 9

10 utilizzare per la rappresentazione dei sedimi edificati una scala cromatica che va da toni scuri per le parti più antiche a toni chiari per le parti contemporanee (p.e. marrone/rosso/arancio/giallo); utilizzare un tono analogo a quello utilizzato per la prima soglia temporale ma leggermente desaturato per la evidenziazione dei percorsi di impianto; utilizzare un tono di azzurro e un tratto spesso per la rappresentazione della rete idrografica principale; utilizzare lo stesso tono di azzurro, ma con spessore inferiore e tratteggiato, per la rete delle scoline di fondovalle. Per elaborazioni GIS: utilizzare come fondo topografico la CTR in versione raster o in edizione vettoriale "vestita"; in questo secondo caso aver cura di caricare tutti i livelli compresa la toponomastica e restituire la CTR in nero utilizzando tratti sottilissimi (0.1); è possibile ombreggiare la tavola attraverso una copertura hillshade (ottenibile per elaborazione della griglia altimetrica) per dare maggiore evidenza alle forme del rilievo; in alternativa è possibile ombreggiare la griglia utilizzando una copertura clivometrica, per segnalare espressivamente l andamento dei crinali; utilizzare campiture piena solo per i fiumi, evitando di utilizzare la copertura xxxxxxad.shp per i torrenti; evidenziare la rete idrografica attraverso una opportuna resa cromatica degli elementi lineari aventi codice 301 (corsi d'acqua principali) 302 (corsi d'acqua secondari) 303 (scoline e canalette irrigue); Tav.2.4 Il patrimonio territoriale La tavola del patrimonio territoriale è un elaborato cartografico interpretativo che ha l obiettivo di comunicare conoscenza sulla identità dei luoghi, attraverso la evidenziazione del repertorio di regole che ne hanno costruito l identità nel lungo periodo storico. La costruzione della tavola è concepita come una operazione di selezione, di messa in relazione, di rappresentazione espressiva, di elementi e fenomeni territoriali di diversa natura: aspetti morfologici, relativi alla organizzazione agraria, relativi organizzazione insediativa degli insediamenti, relativa ai processi storici di trasformazione. Si tratta dunque di una carta di sintesi che, a partire dai vari elementi precedentemente studiati, sviluppa un quadro interpretativo dell'area di studio. Elementi da includere nella rappresentazione: La tavola dovrà segnalare, evidenziandoli rispetto al fondo topografico CTR 1/10000, gli elementi giudicati come caratterizzanti rispetto alla identità dei contesti insediati esaminati; a titolo di esempio: aggregati urbani ed edilizia isolata ereditati dagli assetti insediativi storici; percorsi fondativi degli assetti insediativi storici; boschi; colture tradizionali e di pregio (oliveto, vigneto, ecc.); fiumi, torrenti e ambiti riparali; eventuali sistemazioni idraulico agrarie di pregio (terrazzamenti, ciglionamenti, arginature, ecc.); ambiti di particolare rilevanza geo-morfologica; 10

11 Indicazioni per la restituzione grafica: La costruzione grafica della tavola ha essenziali finalità interpretative e deliberatamente non vengono fornite indicazioni tecniche precise per la sua redazione. In generale si suggerisce di segnalate attraverso l'uso del colore i segni topografici considerati importanti per la evidenziazione degli elementi del patrimonio. Gli aspetti legati alla restituzione cartografica saranno comunque oggetto di un confronto collettivo nelle ore di lezione e per i singoli gruppi negli incontri con il docente. 11

12 3. I temi della città Tutte le tavole di questa sezione dovranno essere riprodotte in scala 1/2000, utilizzando come fondo topografico una CTR 1/2000 (soprattutto per tecniche di redazione digitali vettoriali o GIS: per informazioni sulla CTR toscana Tav. 3.1 Uso del suolo urbano L analisi ha come obiettivo il chiarimento di quale e che cosa sia il centro abitato oggi, quali siano le sue funzioni, le relazioni con il suo immediato contesto e, conseguentemente, il ruolo funzionale che esso svolge nel territorio. Per l esecuzione dell analisi si dovrà procedere al preventivo riconoscimento dell entità minima urbanistica del lotto. Nella tavola dovranno essere individuate e rappresentate le aree a destinazione pubblica e a funzioni riconosciute nel nostro ordinamento di interesse collettivo, e quelle a destinazione o interesse di carattere privato. Nelle prime dovranno essere individuate in dettaglio: le aree per i vari tipi di istruzione dall asilo nido alla scuola media, quelle per i vari tipi di servizi e attrezzature di interesse collettivo (amministrativi, culturali, religiosi, socio sanitari, associativi ricreativi, cimiteriali, tecnologici, ecc.), quelle per le attività sportive, a parco pubblico e a verde attrezzato, quelle per la mobilità (vari tipi di strade carrabili, ciclabili, pedonali, ferrovia, spazi attrezzati di sosta, fermate e stazioni dell autobus e del treno, ecc.), altre eventualmente presenti. Se esistenti dovranno essere indicate le aree per i servizi di interesse generale che fanno riferimento ad un ambito sovracomunale (scuole superiori, ospedali, parchi di interesse territoriale, servizi di sicurezza, ecc.). Tra le aree a destinazione o interesse privato dovranno essere individuate in dettaglio: le aree residenziali, quelle produttive, commerciali, per i vari altri tipi di attività terziarie (credito e assicurazioni, uffici e studi, ricezione, pubblici esercizi, depositi, ecc.), le aree ortive e i parchi non strettamente attribuibili alle precedenti funzioni e le aree polifunzionali dove le attività, da classificare, convivono fra di loro o, più frequentemente, con la residenza. Queste aree polifunzionali saranno indicate in legenda come aree miste, comprendenti una sovrapposizione di due o più funzioni. In ogni caso l analisi farà riferimento alla funzione prevalente o alla compresenza di non più di due funzioni prevalenti. Dovranno essere indicati ed individuati anche tutti quegli usi marginali non chiaramente riferibili alle precedenti categorie, presenti talvolta in modo significativo nelle aree di frangia periurbana (autodemolizioni, discariche, depositi che non si configurano come attività, aree in abbandono, ecc.), che si presentano come aree di degrado funzionale e conseguente criticità. Dalla relazione fra gli usi in atto potranno emergere quelli che per le loro caratteristiche costituiscono situazioni di criticità per incompatibilità funzionale, per produzione di inquinamento (scarichi liquidi, solidi o gassosi, rumorosità, ecc.) e rischio idraulico o instabilità, ecc.. Tali situazioni dovranno essere correttamente individuate. 12

13 Le categorie presenti dovrebbero essere rappresentate con campiture continue e/o discontinue a colori, perimetri e linee e, se occorrenti, simbologie. Oltre alla conoscenza del significato funzionale presente nel complesso nell area di lavoro, l analisi dovrebbe attivare la valutazione critica delle carenze, delle compatibilità e incompatibilità fra le funzioni presenti e attigue, i margini e le flessibilità funzionali ancora presenti nel tessuto urbanizzato. La tavola può essere accompagnata da uno schema ragionato sulla organizzazione dei servizi e sulla loro efficienza. Elementi da includere nella rappresentazione: fondo topografico CTR 1/2000 in edizione vestita (tutti i livelli compresa la toponomastica) copertura uso del suolo ottenuta per trascrizione e collaudo della documentazione già esistente e verificata attraverso l analisi diretta e eventualmente, per le parti non facilmente accessibili, attraverso la lettura delle foto aeree disponibili per l area oggetto di analisi. idrografia (nel caso di elaborazioni GIS ottenuta per selezione dei dati cartografici disponibili da CTR: copertura xxxxxxad.shp, codici 301, 302, 303 della copertura xxxxxxel.shp) Indicazioni per la restituzione grafica: utilizzare per la rappresentazione dei sedimi edificati colori accesi adeguati alla differenziazione delle funzioni, utilizzando variazioni di saturazione o di tono rispetto alle campiture delle categorie evidenziate nella tav. 2.3 utilizzare un tono analogo a quello utilizzato ma leggermente desaturato per la evidenziazione delle pertinenze più rilevanti legate a funzioni non residenziali (istruzione, sport, ecc.); utilizzare colori desaturati per la evidenziazione dei principali assi di comunicazione viaria; utilizzare un tono di azzurro e un tratto spesso per la rappresentazione della rete idrografica principale; utilizzare lo stesso tono di azzurro, ma con spessore inferiore e tratteggiato, per la rete delle scoline di fondovalle. Per elaborazioni GIS: la copertura relativa alla localizzazione delle principali funzioni potrà essere costruita attribuendo ad ogni geometria registrata nella CTR 1/2000 (codici 2xx, reperibili nella copertura xxxxxxae.shp e xxxxxxea.shp) un attributo relativo alla funzione prevalente esercitata in ciascun blocco edilizio. In casi particolarmente significativi gli studenti dovranno articolare l informazione spezzando i poligoni registrati dalla carta tecnica in unità di rilevazione più piccole; è possibile utilizzare come base geometrica per la evidenziazione dei principali assi di comunicazione la copertura xxxxxxav.shp (aree viarie) e la copertura xxxxxxaf.shp (are ferroviarie) della carta tecnica regionale toscana; utilizzare come fondo topografico la CTR in versione raster o in edizione vettoriale "vestita"; in questo secondo caso aver cura di caricare tutti i livelli compresa la toponomastica e restituire la CTR in nero utilizzando tratti sottilissimi (0.1); 13

14 è possibile ombreggiare la tavola attraverso una copertura hillshade (ottenibile per elaborazione della griglia altimetrica) per dare maggiore evidenza alle forme del rilievo; in alternativa è possibile ombreggiare la griglia utilizzando una copertura clivometrica, per segnalare espressivamente l andamento dei crinali; evidenziare la rete idrografica attraverso una opportuna resa cromatica degli elementi lineari aventi codice 301 (corsi d'acqua principali) 302 (corsi d'acqua secondari) 303 (scoline e canalette irrigue) Tav. 3.2 Analisi percettiva Scopo della tavola è l individuazione dei caratteri identificativi dello spazio urbano (conformazione degli spazi, materiali edilizi, colori, caratteri, ecc) mediante l analisi dell ambito urbano specifico scelto dal gruppo. L analisi verterà sull individuazione, a livello urbano, degli elementi di riferimento dell analisi percettiva proposti da Kevin Lynch (L immagine della città, Etaslibri, Milano, 2004): 1. Percorsi: strade, camminate, passaggi, ed altri canali utilizzati per spostarsi 2. Margini: confini e limiti ben percepiti (mura, edifici, spiagge, linee ferroviarie ecc.) 3. Quartieri (o ambiti insediativi unitari): sezioni relativamente larghe della città contraddistinte da caratteri specifici e da una propria identità 4. Nodi: punti focali della città, intersezioni tra vie di comunicazione, punti d'incontro 5. Riferimenti: oggetti dello spazio velocemente identificabili, anche a distanza, che funzionano come punto di riferimento ed orientamento. L'attribuzione degli elementi alle varie categorie non è da applicarsi in modo rigido; in ogni elemento considerato ci possono essere caratteristiche tali da poterlo collocare in diverse categorie. La carta è redatta facendo uso di più tecniche di rappresentazione (sezioni urbane, prospetti, materiali fotografici, appunti bibliografici, schizzi prospettici, particolari caratterizzanti, ecc). Tav. 3.3 Morfologie urbane e tipologie edilizie Scopo della tavola è l analisi sui tessuti morfologici dei nuclei insediativi presenti nell area di analisi. preventivo riconoscimento dell entità minima urbanistica del lotto. Su questa base, dovrà essere individuata la tipologia insediativa dei vari edifici presenti, che sarà in stretta relazione con l epoca di formazione. L analisi ha come obiettivo il chiarimento di quali sono le tipologie edilizie dell area, per comprendere come l evoluzione storica delineata nell ambito dell analisi storica e socioeconomica prenda forma sul territorio, attraverso la traduzione in tipi edilizi e in forme architettoniche legate ad un epoca specifica (che può essere l epoca di fondazione o un successivo rimaneggiamento o un espansione attuale, a seconda della zona che si prende in analisi). Per la determinazione delle classi tipologiche dovranno essere presi in considerazione: - le modalità di edificazione del lotto; - i rapporti tra edificato, aree scoperte e percorsi; 14

15 - le modalità di aggregazione e distribuzione degli spazi interni, dedotte attraverso la lettura dei prospetti architettonici; - le modalità di aggregazione in tessuti edilizi del sistema edificio-area di pertinenza con quelli adiacenti. L analisi congiunta di questi aspetti porterà alla mappatura delle principali tipologie edilizie identificabili nell area, che possono essere ricondotte ai seguenti tipi: - colonica; - casa a corte; - villa - villini isolati; - palazzo; - palazzina; - schiera; - casa in linea; - blocco chiuso; - blocco aperto; - elementi speciali nodali; - elementi seriali polari; - elementi seriali antipolari. La classificazione delle tipologie insediative dovrà i essere ordinata per periodo storico e per categoria. In particolare, per ciascuna tipologia saranno distinti i tipi edilizi ante 1940 e post 1940, prendendo in considerazione questa data in quanto simbolica dello spartiacque tra l architettura precedente alla seconda guerra mondiale e quella successiva, basata su canoni estetici e metodologie costruttive completamente differenti. L attribuzione del tipo può essere certa, dedotta cioè dal confronto delle fonti, o presunta, ipotizzata attraverso indizi. Le fonti dell analisi possono essere: - cartografia - cartografia storica (fondamentali sono le carte catastali preunitarie) e eventuali fonti d archivio; - analisi diretta. Oltre all analisi sul posto e alla lettura della cartografia CTR 1:2.000, un utile riferimento per l analisi è rappresentato dal testo di Caniggia G. e Maffei G. L., Lettura dell edilizia di base, Marsilio, Venezia, Inoltre, specificatamente per la zona fiorentina, può risultare interessante anche il testo degli stessi autori, La casa fiorentina nella storia della città dalle origini all'ottocento, Marsilio, Venezia, Elementi da includere nella rappresentazione: fondo topografico CTR 1/2000 in edizione vestita (tutti i livelli compresa la toponomastica) sedimi edificati (edifici) distinti cromaticamente secondo la tipologia leggibile attraverso il confronto con la cartografia storica (periodizzazione della crescita urbana) e individuabile attraverso la lettura delle foto aeree disponibili e il sopralluogo diretto. principali assi di comunicazione individuabili attraverso interpretazione del fondo topografico idrografia (nel caso di elaborazioni GIS ottenuta per selezione dei dati cartografici disponibili da CTR: copertura xxxxxxad.shp, codici 301, 302, 303 della copertura xxxxxxel.shp) 15

16 Indicazioni per la restituzione grafica: utilizzare per la rappresentazione dei sedimi edificati colori accesi adeguati alla differenziazione delle tipologie ordinare la classificazione delle tipologie insediative in base al periodo storico. In particolare, per ciascuna tipologia saranno distinti i tipi edilizi ante 1940 e post 1940, prendendo in considerazione questa data in quanto simbolica dello spartiacque tra l architettura precedente alla seconda guerra mondiale e quella successiva, basata su canoni estetici e metodologie costruttive completamente differenti. di conseguenza, per ciascuna tipologia sarà utilizzato un tono pieno per gli edifici ante 1940 e un tono analogo a quello utilizzato ma leggermente desaturato per la evidenziazione delle tipologie post 1940; Per elaborazioni GIS: è possibile e quasi sempre consigliabile ombreggiare la tavola attraverso una copertura hillshade (ottenibile per elaborazione della griglia altimetrica) per dare maggiore evidenza alle forme del rilievo; in alternativa è possibile ombreggiare la griglia utilizzando una copertura clivometrica, per segnalare espressivamente l andamento dei crinali; utilizzare come fondo topografico la CTR in versione raster o in edizione vettoriale "vestita"; in questo secondo caso aver cura di caricare tutti i livelli compresa la toponomastica e restituire la CTR in nero utilizzando tratti sottilissimi (0.1) Tav. 3.4 Il patrimonio urbano La tavola viene costruita valutando la consistenza insediativa del centro urbano, delle tipologie edilizie e insediative, dei pattern, dei caratteri degli elementi primari e della città pubblica al fine di produrre una carta che metta in evidenza la struttura e gli elementi primari di valore. Elementi da includere nella rappresentazione: La tavola dovrà segnalare, evidenziandoli rispetto al fondo topografico CTR 1/2000, gli elementi giudicati come caratterizzanti rispetto alla identità dei contesti insediati esaminati; a titolo di esempio: tipologie edilizie e insediative; pattern prevalenti; elementi caratterizzanti della città pubblica; elementi ordinatori dello spazio pubblico; Indicazioni per la restituzione grafica: La costruzione grafica della tavola ha essenziali finalità interpretative e deliberatamente non vengono fornite indicazioni tecniche precise per la sua redazione. In generale si suggerisce di segnalate attraverso l'uso del colore i segni topografici considerati importanti per la evidenziazione degli elementi del patrimonio. Gli aspetti legati alla restituzione cartografica saranno comunque oggetto di un confronto collettivo nelle ore di lezione e per i singoli gruppi negli incontri con il docente. 16

17 Relazione Contenuti della relazione Gli elaborati cartografici dovranno essere accompagnati da un documento contenente la descrizione di alcuni aspetti strutturali della comunità sociale e delle attività insediate nel territorio scelto. Essendo il territorio il luogo fisico dove la comunità ha stabilito il suo insediamento permanente e dove ha svolto in forme diverse le sue attività, il suo assetto attuale può essere considerato in gran parte la risultante delle azioni che la stessa comunità ha svolto in esso in risposta alle proprie necessità. Nella relazione si dovranno affrontare le problematiche e dare le conseguenti risposte in merito a: - quali sono le caratteristiche strutturali della popolazione e delle sue attività, - in qual modo, con quale dinamica e con quali effetti queste si sono evolute nel tempo, - quali sono e come si sono evolute le forme e le condizioni insediative. L analisi dovrà tendere a cogliere e selezionare i caratteri strutturali che hanno maggiormente segnato l'evoluzione della comunità dal dopoguerra ad oggi. Lo studio dovrà avvalersi delle fonti Istat (censimenti dal 1951 al 2001) e comunali (ufficio anagrafico comunale e di quartiere). In particolare lo studio potrà prendere in considerazione i seguenti aspetti nella loro evoluzione: 1) Struttura della popolazione a) aspetti quantitativi - popolazione residente e famiglie - movimento della popolazione nello stesso arco temporale (nati, morti, immigrati, emigrati) - distribuzione della popolazione nel territorio comunale; b) aspetti qualitativi - distribuzione della popolazione in classi di età, piramidi delle età e indicatori; c) la struttura occupazionale - popolazione attiva e non attiva - settori e rami di attività economica della popolazione attiva - condizione della popolazione non attiva; 2) L abitazione - condizioni abitative nel complesso - epoca di costruzione dei fabbricati delle abitazioni occupate e non occupate - le abitazioni non occupate: quantità e motivazioni 3) La struttura produttiva - imprese, unità locali e addetti per settore e ramo di attività Le modalità della seconda esercitazione L interpretazione del materiale elaborato comporta il seguente percorso logico: - raccolta dei dati di base (fonti), 17

18 - scelta e organizzazione dei dati più significativi in tabelle contenenti anche alcune elaborazioni degli stessi (percentuali, variazioni percentuali, indici, grafici) nelle forme ritenute più consone a capire e a trasmetterne con chiarezza i fenomeni, - incrocio dei dati, per capire le necessarie relazioni fra i vari fenomeni singolarmente analizzati, - interpretazione della realtà sociale analizzata (relazione di sintesi). La raccolta, l'organizzazione e l'elaborazione dei dati sarà fatta come lavoro di gruppo e organizzata in un elaborato scritto contenente una breve interpretazione sull evoluzione della struttura socio economica del comune ed eventualmente dell area di riferimento (max 5 cartelle A4). 4) Lo scenario istituzionale di trasformazione (lettura degli strumenti di regolazione) La lettura delle principali indicazioni degli strumenti urbanistici relativi alla zona di studio verrà restituita mediante un testo scritto, parte della relazione da allegare agli elaborati grafici, corredato delle immagini ritenute necessarie per illustrarne i contenuti. Lo scopo dell'elaborato è di individuare e descrivere le principali linee di tendenza per il futuro dell'area, così come contenute negli strumenti urbanistici attualmente in vigore, prevalentemente nei piani strutturali. Dato che le aree di studio non coincidono con il territorio di un solo comune sarà necessario per ogni gruppo definire con il docente la modalità di analisi da adottare, anche in relazione alla situazione dei piani strutturali presenti nella zona ed al mosaico che caratterizza ogni singola area di lavoro. 5) Sintesi: analisi SWOT La relazione si concluderà con una sintesi delle risorse e delle opportunità presenti sul territorio interessato, attraverso un elaborato scritto che prenda in considerazione tutte le analisi svolte precedentemente sia a livello documentale che cartografico. In particolare, la ricomposizione dell apparato analitico nelle carte del patrimonio territoriale e urbano può portare al riconoscimento delle parti del centro abitato omogenee per i vari e diversi caratteri e problematiche, di quelle caratterizzate da specifiche sensibilità e da situazioni di criticità ambientali, funzionali, morfologiche), degli elementi singoli o delle aree costruite di riferimento storico, funzionale o morfologico. Dovranno essere riconosciuti i tessuti urbanistici omogenei per caratteri comuni o per modello di organizzazione urbana, nonché le parti disomogenee o non strutturate, per evidenziarne gli elementi identitari, le potenzialità e i limiti. 18

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

Introduzione... 3. 4.2 Passi metodologici per la definizione delle classi acustiche parametriche II, III, IV...7

Introduzione... 3. 4.2 Passi metodologici per la definizione delle classi acustiche parametriche II, III, IV...7 Criteri e linee guida per la redazione dei Piani comunali di classificazione acustica del territorio, ai sensi dell articolo 18, comma 1, lettera a) della legge regionale 18 giugno 2007, n. 16. INDICE

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA DGR n 896 del 24/06/2003 Pubblicata sul Bur n 62 del 11/07/2003 2 OGGETTO: Legge n.447/1995 Legge quadro sull inquinamento acustico e legge regionale 14 novembre 2001, n.28 Norme per

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 1.1 Il QUADRO NORMATIVO...5 1.2 COSA E UN PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE...8 2.0 LA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2012

CONTO DEL BILANCIO 2012 CONTO DEL BILANCIO 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 7.640,44 750,00 8.66,48 5.343,90

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com tel. 335 5860896 mail massimilianoperazzoli@yahoo.it SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 ANALISI

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Determinazione VALORE AREE EDIFICABILI AI FINI.I.C.I. Relazione. Comune di Borgo a Mozzano. Provincia di Lucca SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO

Determinazione VALORE AREE EDIFICABILI AI FINI.I.C.I. Relazione. Comune di Borgo a Mozzano. Provincia di Lucca SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO Comune di Borgo a Mozzano Provincia di Lucca SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO Responsabile Funzionario Direttivo (Geom. Alessandro Brunini) Istruttore Tecnico (Geom. Massimo Vergamini Borgo a Mozzano, Marzo

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge:

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge: Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12 Norme per i centri storici. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA la seguente legge: TITOLO I FINALITÀ E AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE ATTIVITÀ 42.99.01 LOTTIZZAZIONE DEI TERRENI CONNESSA CON L URBANIZZAZIONE ATTIVITÀ 68.10.00 COMPRAVENDITA DI

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO CEMENTO E SOLO CEMENTO Il futuro di Salò non può essere ancora di mattoni, di seconde case, di case vuote e di case invendute. La volumetria approvata (oltre 250 appartamenti) corrisponde a circa il 10%

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 38.83,47.000,00 75.86,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 04 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0,00 980,00 9.007,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 6.40,57.44,00 38.640,43

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 007 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 9 0 3 5.00 7.00.00 Servizio

Dettagli

COMUNE DI VITTORIA REVISIONE PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ATTUAZIONE

COMUNE DI VITTORIA REVISIONE PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ATTUAZIONE . REGIONE SICILIA COMUNE DI VITTORIA Provincia di Ragusa REVISIONE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ARCH. NUNZIO BARONE (Capogruppo) ARCH. EMILIO GIANSANTI ING. EMANUELE GULINO

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 203 Funzion Servizi. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizi 0. 02 Segreteria generale,personale e organizzazione Servizi 0. 03

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici Indicazione delle dotazioni strumentali, anche informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell automazione dell ufficio Segreteria SS.DD. - Affari Generali Anagrafe, Stato Civile, Elettorale Segreteria,

Dettagli

VALUTAZIONE DEL SISTEMA PAESISTICO AMBIENTALE E PERCETTIVO. Piano Strutturale Comunale

VALUTAZIONE DEL SISTEMA PAESISTICO AMBIENTALE E PERCETTIVO. Piano Strutturale Comunale PSCComune di C a s a l g r a n d e Piano Strutturale Comunale VALUTAZIONE DEL SISTEMA PAESISTICO AMBIENTALE E PERCETTIVO estratto dall analisi sull Ecologia del Paesaggio redatta nell ambito del PSC C

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA EDIFICI CON STRUTTURA IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA EDIFICI CON STRUTTURA IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO «Quello Quello che per un uomo è "magia", per un altro è ingegneria». Robert Anson Heinlein ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA Corso di aggiornamento sulle Norme

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

LA CARTOGRAFIA E LA SCALA

LA CARTOGRAFIA E LA SCALA Corso di laurea in Urbanistica e Sistemi Informativi Territoriali Laboratorio di ingresso Prof. Salvemini Arch. Valeria Mercadante A.A. 2009/2010 LA CARTOGRAFIA E LA SCALA La scala numerica La scala numerica

Dettagli