IL MANUALE DELLE OPERAZIONI STRAORDINARIE. Cfr. OIC 4 par

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL MANUALE DELLE OPERAZIONI STRAORDINARIE. Cfr. OIC 4 par. 4.2. 28"

Transcript

1 3.3 Il bilancio di fusione Le valutazioni del capitale economico delle società partecipanti alla fusione saranno illustrate nella relazione dell organo amministrativo e saranno oggetto del parere di congruità degli esperti. Come evidenziato in precedenza, la normativa civilistica non prevede alcun obbligo di redazione di un particolare documento in cui formalizzare le valutazioni di fusione. Tuttavia, la dottrina prevalente 27 ritiene opportuno predisporre un bilancio di fusione, per lo meno nel caso di utilizzo di criteri patrimoniali o misti patrimoniali-reddituali. Infatti, tale bilancio dovrebbe essere costituito da una vera e propria situazione patrimoniale, priva di conto economico e nota integrativa, in cui sono esposte le attività e passività, espresse a valori correnti, delle società partecipanti alla fusione. In particolare, dovranno essere evidenziate le attività immateriali non presenti nel bilancio civilistico delle rispettive società, quali, ad esempio, marchi e brevetti di origine interna, know how, ecc.. Tra le poste passive, dovranno essere rilevate quelle passività potenziali non iscritte in contabilità. In tal modo, si perviene ad un patrimonio netto di fusione da utilizzare ai fini della determinazione del rapporto di cambio. Risulta evidente che tale patrimonio netto di fusione può divergere, anche in misura notevole rispetto al patrimonio netto contabile esposto nella situazione patrimoniale ex art quater c.c., di cui diremo infra, in quanto in quest ultima situazione le poste patrimoniali valutate secondo criteri di funzionamento. Infine, la redazione di una situazione patrimoniale a valori correnti può essere utile anche nel caso di valutazioni del capitale economico delle società partecipanti tramite metodi di valutazione sintetici (finanziario, reddituale, moltiplicatori, ecc.), in quanto, nel caso la fusione facesse emergere un eventuale disavanzo, lo stesso potrà essere allocata agevolmente alle attività e passività delle società fuse o incorporate (si veda in seguito) La situazione patrimoniale ex art quater L art quater c.c. stabilisce che l organo amministrativo delle società partecipanti alla fusione deve redigere la situazione patrimoniale delle società stesse, riferita ad una data non anteriore di oltre quattro mesi dal giorno in cui il progetto di fusione è depositato nella sede della società. Tale situazione patrimoniale deve essere redatta con l osservanza delle norme sul bilancio di esercizio e può essere sostituita dal bilancio dell ultimo esercizio, se questo è stato chiuso da non oltre sei mesi prima del giorno del deposito del progetto di fusione. Il rinvio alle norme dettate per il bilancio di esercizio deve essere inteso nel senso che i principi di redazione ed i criteri di valutazione applicabili sono quelli propri di un bilancio ordinario, anche se relativo ad una frazione dell esercizio. In sostanza si tratta di bilancio infrannuale, di tipo ordinario, composto da stato patrimoniale e conto 27 Cfr. OIC 4 par In tal senso, G. Savioli, Le operazioni di gestione straordinaria, Milano, Giuffrè, 2008, pag

2 CAPITOLO QUARTO LA FUSIONE economico. Inoltre, anche se non richiesto dalla norma, il riferimento alle norme sul bilancio porterebbe a concludere sulla necessità di corredare tale situazione patrimoniale anche di una nota integrativa 29. Relativamente al contenuto, l OIC 4, parte prima, par. 4.1, prevede che tale bilancio infrannuale sia redatto in aderenza alle indicazioni dell OIC 30 bilanci intermedi. Pertanto, per la sua redazione occorrerà rilevare il reddito maturato dall inizio dell esercizio e quantificare l entità del patrimonio alla data di riferimento operando le opportune integrazioni e rettifiche, le quali possono essere effettuate anche in via extracontabile. Trattandosi di un bilancio infrannuale, è da ritenere non necessario procedere alla sua approvazione da parte dell assemblea dei soci. Al posto della predetta situazione patrimoniale, la disposizione in esame consente di utilizzare il bilancio dell ultimo esercizio, se questo è stato chiuso non oltre sei mesi prima del deposito del progetto di fusione presso la sede della società. In tal caso, tuttavia, è da ritenere che detto bilancio debba essere regolarmente approvato dall assemblea. In conclusione, la funzione svolta da tale bilancio infrannuale è individuata dall OIC 4, parte prima, par. 4.1, nel fornire ai soci e ai terzi una situazione aggiornata sulla situazione patrimoniale, finanziaria e sul risultato economico rispetto a quella dell ultimo bilancio approvato 30. Di più tale situazione non è in grado di fornire. In particolare, la situazione patrimoniale in questione non è idonea a fornire la dimostrazione del valore del capitale economico da utilizzare per la determinazione del rapporto di concambio. 3.5 Il rapporto di cambio (o concambio) Nelle pagine precedenti abbiamo visto più volte che nella fusione si verifica uno scambio tra l apporto dei complessi aziendali delle società fuse o incorporate e il valore effettivo delle azioni o quote della società incorporante o risultante dalla fusione. La quantità di partecipazioni da assegnare ai soci delle società fuse o incorporate è misurata dal cosiddetto rapporto di cambio o concambio. Tale rapporto indica, pertanto, il numero di azioni o quote della società incorporante o risultante dalla fusione che i soci delle società incorporate o fuse riceveranno in sostituzione delle azioni o quote detenute precedentemente alla fusione, le quali vengono annullate. RC= Nº azioni o quote della nuova società assegnate al socio Nº azione o quote possedute originariamente dal socio 29 In tal senso OIC 4, par. 4.1, secondo cui la nota integrativa può avere un contenuto più snello di quello previsto dall art del Codice Civile. Sono, invece, da ritenere non necessari gli altri documenti di accompagnamento al bilancio ordinario di esercizio come la relazione sulla gestione e quella del collegio sindacale. 30 Cfr. F. Poddighe, Manuale di tecnica professionale, Padova, Cedam, 2000, pag

3 La determinazione del rapporto di cambio costituisce per i soci delle società interessate il dato essenziale per valutare la convenienza della proposta di fusione. Ricordiamo, infatti, che nell operazione di fusione, i soci delle società partecipanti vedono ridursi il valore percentuale della loro quota di partecipazione originaria e, quindi, la loro forza in termini di diritti patrimoniali ed amministrativi. Per tali motivi, il rapporto di cambio non può essere determinato arbitrariamente, altrimenti si potrebbe favorire ingiustamente i soci di una o più società a danno dei soci delle altre società. Al riguardo, le disposizioni civilistiche impongono una serie di adempimenti informativi per dare possibilità ai soci di valutare la correttezza e la convenienza dell operazione ed, eventualmente poter impugnare la delibera di fusione nel caso di rapporto di cambio che leda i loro interessi. In particolare, la disciplina civilistica prevede che il rapporto di cambio sia determinato dagli amministratori delle società partecipanti alla fusione, i quali dovranno darne evidenza nel progetto di fusione 31 e illustrarne, nella loro relazione accompagnatoria, i criteri mediante i quali è stato determinato, evidenziando le eventuali difficoltà di valutazione riscontrate. Sempre nell ottica della tutela dei soci, la congruità del rapporto di cambio è oggetto di valutazione da parte degli esperti nominati ai sensi dell art sexies c.c.. 32 Affinché il rapporto di cambio non giunga a conclusioni arbitrarie, in linea di principio, è necessario che la sua determinazione si basi sul rapporto tra i valori economici delle società partecipanti all operazione. In caso contrario, l operazione favorirebbe ingiustamente i soci di talune società rispetto a quelli di altre. Un esempio può chiarire meglio quanto detto. Esempio Si supponga una fusione per unione tra la società A, il cui patrimonio ha un valore effettivo di 1.000, e la società B, il cui patrimonio ha un valore effettivo di Nel suo complesso, Il valore economico della società risultante dalla fusione è pari a 3.000, dato dalla sommatoria dei valori economici delle società partecipanti all operazione. Qualunque rapporto di cambio che assegni alla società A meno di 1/3 del capitale sociale della nuova società danneggia i soci della società A e favorisce quelli di B. Infatti, se i soci di A fosse assegnato 1/4 delle nuove azioni, essi riceverebbero una partecipazione il cui valore effettivo è di 750, mentre il loro apporto valeva Lo stesso discorso può essere fatto anche nell ipotesi di fusione per incorporazione. Infatti, supponendo cha la società B incorpori la società A, per non ledere gli interessi dei soci di A, è necessario che B aumenti il capitale in misura tale che le nuove azioni o quote emesse siano pari almeno ad 1/3 del capitale sociale della società B post fusione. In sostanza, affinché non si creino situazioni discriminatorie tra i soci delle società partecipanti all operazione, è necessario che il numero di azioni o quote da attribuire a 31 art ter, comma 1, n. 3, c.c.. 32 La relazione degli esperti può essere omessa in determinati casi, come vedremo successivamente. 280

4 CAPITOLO QUARTO LA FUSIONE ciascun socio in cambio delle azioni o quote possedute nelle società fuse o incorporate sia proporzionale al rapporto tra il valore di ciascuna singola società partecipante alla fusione e il valore complessivo post fusione della società risultante o incorporante. Il rapporto di cambio, oltre a dipendere principalmente dai valori effettivi delle società interessate alla fusione, è influenzato anche da ulteriori fattori, sia di natura economica sia di natura extra - economica. Tra questi abbiamo: il tipo e le caratteristiche delle azioni o quote scambiate; il godimento delle azioni o quote; la presenza di eventuali conguagli in denaro; lo status di società quotata di tutte o alcune delle società interessate all operazione; la presenza o meno di obbligazioni convertibili e/o di azioni di risparmio convertibili; apprezzamenti e valutazioni di natura extra economica. È evidente che gli elementi di natura economica concorreranno alla determinazione di un rapporto di cambio teorico, provvisorio. Sarà in sede di trattative tra gli amministratori delle società interessate che entreranno in gioco anche i fattori di natura extra economica, per giungere alla determinazione di un rapporto di cambio definitivo. In ogni caso gli elementi che stanno alla base del rapporto di cambio devono essere quanto più obiettivi e verificabili, in modo tale da non ledere gli interessi dei soci delle società interessate e assicurare la parità di trattamento tra gli stessi. In altri termini, non è necessario che il rapporto di cambio scaturisca da un semplice rapporto matematico tra i valori economici dei complessi aziendali. Ciò che importa è che il divario tra rapporto di cambio teorico e quello definitivo sia giustificato da vantaggi, anche indiretti, della parte lesa dalla divergenza Determinazione del rapporto di cambio teorico Il rapporto di cambio dipende essenzialmente dal rapporto tra i valori economici delle società partecipanti alla fusione. Infatti, una volta stabilito che il rapporto tra il valore il valore economico di ciascuna società fusa o incorporata e quello della società risultante dalla fusione o incorporante rappresenta la percentuale di partecipazione nel nuovo organismo societario, il numero di azioni o quote assegnate dovrà conseguentemente rispettare tale proporzione. Vediamo di seguito come determinare il rapporto di cambio nel caso di fusione per unione e fusione per incorporazione. 33 Secondo Caratozzolo, la possibilità di stabilire un rapporto di cambio diverso da quello derivante dal semplice rapporto tra i valori effettivi dei patrimoni delle società interessate, è ricavabile sia dall art quinquies, il quale richiede agli amministratori di giustificare la fissazione di un determinato rapporto di cambio, sia dall art sexies, il quale richiede agli esperti di indicare il metodo o i metodi seguiti per la determinazione del rapporto di cambio. Caratozzolo, op. cit., 2009, pag

5 Fusione per unione Ipotizziamo una fusione per unione tra le società per azioni A e B, le quali intendono dare vita alla società per azioni C di nuova costituzione (tra A e B non vi è alcun rapporto di partecipazione). Innanzitutto occorre individuare il peso economico (PE) delle due società A e B nella società C, al fine di stabilire la percentuale di partecipazione nella nuova società. VEa PEa = (VEa + VEb) VEb PEb = (VEa + VEb) VEa: il valore del capitale economico della società A VEb: il valore del capitale economico della società B Dopodiché è necessario stabilire il numero di azioni che verranno assegnate ai soci delle società A e B in base al relativo peso economico. Nca = PEa * CSc Ncb = PEb * CSc CSc: n. azioni componenti il capitale sociale di C Nca: n. azioni di C da assegnare ai soci di A Ncb: n. azioni di C da assegnare ai soci di B A questo punto, il rapporto di cambio (RC) è determinato dai seguenti rapporti: RCa = Nca Na RCb = Ncb Nb Na: n. azioni componenti il capitale sociale di A Nb: n. azioni componenti il capitale sociale di B 282

6 CAPITOLO QUARTO LA FUSIONE Esempio La società A e la società B presentano i seguenti dati: Società A Società B Società C Capitale sociale (CS) Valore economico (VE) Valore nominale azione (VN) N. azioni (N) Le azioni della nuova società C saranno attribuite ai soci delle società A e B proporzionalmente al loro peso economico. Peso economico di A (PEa) 60% Peso economico di B (PEb) 40% N. azioni di C da assegnare ai soci di A (Nca) N. azioni di C da assegnare ai soci di B (Ncb) I rapporti di cambio saranno così determinati: RCa = Nca/Na 9/10 RCb = Ncb/Nb 6/5 Pertanto, ad ogni socio di A spetteranno 9 azioni di C ogni 10 vecchie azioni di A, mentre ai soci di B spetteranno 6 azioni di C ogni 5 vecchie azioni di B. Fusione per incorporazione In questo caso, ipotizziamo che le società A e B diano luogo ad una fusione per incorporazione in cui la società A incorpori la società B. Si ipotizza, inoltre, che tra le due società non vi sia alcun rapporto di partecipazione. Di conseguenza, la società A dovrà aumentare il capitale sociale per cambiare tutte le azioni dei soci di B. La misura dell'aumento di capitale deve essere determinata in modo tale che il capitale sociale di A post fusione sia suddiviso tra i soci di A e di B nella stessa proporzione esistente tra i valori economici di ciascuna società rispetto al valore economico complessivo della società incorporante una volta attuata la fusione. In sostanza, il capitale sociale che la società A dovrà avere a seguito della fusione, è determinato dalla seguente proporzione: 283

7 VE : (VEa + VEb) = CSa (ante fusione): CSa (post fusione) da cui: CSa (post fusione) = (VEa + VEb)* CSa (ante fusione) VEa L aumento di capitale di A si determina semplicemente attraverso la differenza tra il capitale sociale di A post fusione e lo stesso capitale sociale ante fusione. ΔCSa = CSa (post fusione) Csa (ante fusione) CSa = aumento del capitale sociale di A A questo punto, per individuare il numero di azioni da assegnare ai soci di B e il relativo rapporto di cambio, è sufficiente rapportare l aumento di capitale che la società A dovrà effettuare con il valore nominale delle azioni. ΔNa = ΔCSa VNa Na = numero nuove azioni di A da assegnare ai soci di B VNa = valore nominale azione di A Nell ipotesi in cui nello statuto della società manchi l indicazione del valore nominale delle azioni 34, il numero di azioni nuove di A da dare ai soci di B si ottiene attraverso la seguente proporzione: VEa : VEb = Na : ΔNa ΔNa = Na * VEb VEa Infine, il rapporto di cambio è così determinato: RC = ΔNa Nb 34 Si ricorda che il nuovo art. 2346, comma 3, c.c. prevede che in mancanza di indicazione del valore nominale delle azioni, le disposizioni che ad esso si riferiscono si applicano con riguardo al loro numero in rapporto al totale delle azioni emesse. 284

8 CAPITOLO QUARTO LA FUSIONE Si noti che allo stesso risultato è possibile pervenire rapportando il valore economico unitario di ciascuna azione dell incorporata (VEbu) rispetto al valore economico unitario di ciascuna azione dell incorporante (VEau). VEau = VEa Na VEbu = Da cui, il rapporto di cambio è pari: VEbu RC = VEau VEb Nb Esempio La società A e la società B presentano i seguenti dati: Società A Società B Capitale sociale (CS) Valore economico (VE) Valore nominale azione (VN) 1 1 N. azioni (N) Valore economico unitario 2,5 2 azione (VE/N) Il capitale sociale che A dovrà avere a seguito della fusione, è determinato dal seguente rapporto: VEa : (VEa + VEb) = CSa (ante fusione): CSa (post fusione) da cui: CSa (post fusione) = ( ) * = ΔCSa = CSa (post fusione) Csa (ante fusione) = = 800 Considerando che il valore è pari ad 1, il numero delle nuove azioni ( Na) che la società A dovrà emettere nei confronti dei soci di B è pari a 800. Conseguentemente, il rapporto di cambio è così determinato: RC = ΔNa Nb = = 4 5 Pertanto, ad ogni socio di B spetteranno 4 azioni di A ogni 5 vecchie azioni di B. 285

9 Lo stesso risultato si ottiene rapportando i valori economici unitari delle azioni delle due società. RC = VEbu VEau = 4 5 Ipotesi in cui non risulta necessario procedere all aumento di capitale Nella fusione per incorporazione, la società incorporante provvede ad aumentare il capitale per emettere le nuove azioni da attribuire in concambio ai soci delle società incorporate. Tuttavia, attraverso alcuni procedimenti suggeriti in prevalenza dalla dottrina 35, è possibile procedere ad un aumento limitato del capitale sociale oppure non procedervi affatto. In particolare, le azioni necessarie, da utilizzare al servizio del concambio, possono essere reperite nei seguenti modi: a) azioni proprie possedute dall incorporante precedentemente all operazione di fusione. Tuttavia, considerando i limiti previsti dall art c.c., la quantità di azioni proprie possedute potrebbe rilevarsi non sufficiente con la necessità di effettuare comunque un aumento di capitale. b) La società incorporante potrebbe decidere di agire sul valore nominale delle azioni, annullando tutte le azioni in circolazione e riemettendole con un valore nominale inferiore, in modo tale da ripartire il capitale sociale proporzionalmente al rapporto di cambio (sulla possibilità di emettere azioni senza valore nominale si veda infra). c) Le azioni dell incorporante potrebbero essere detenute dall incorporata e per effetto della fusione entrerebbero a far parte della prima che può utilizzarle per il concambio. In questo caso, tuttavia, è necessario verificare la compatibilità con quanto disposto dall art ter c.c. d) L assegnazione delle azioni previste dal rapporto di cambio potrebbe avvenire ad opera dei soci della società incorporante, qualora gli stessi trasferissero senza corrispettivo parte delle loro azioni ai soci dell incorporata. Occorre osservare che, a seguito della riforma societaria del 2003, l art. 2346, comma 3, c.c. consente, se previsto dallo statuto, l emissione di azioni senza valore nominale. Pertanto, l aumento di capitale da parte dell incorporante potrebbe essere evitato attraverso una semplice modifica statutaria che consenta l emissione di tale tipo di azioni. Infatti, in questo modo il capitale sociale resterebbe identico ed aumenterebbe unicamente il numero delle azioni in cui esso è suddiviso, da attribuire tra soci vecchi e nuovi in proporzione al rapporto di cambio. 35 La dottrina prevalente ritiene leciti questi mezzi alternativi all aumento di capitale. Cfr. C. Santagata, Lineamenti generali dell istituto della fusione: natura giuridica e procedimento, in AA.VV., Fusioni e scissioni di società. Profili civili e fiscali, Milano, Ipsoa, 1993, pag. 43; N. Gasperoni, Trasformazione e fusione di società, in Enciclopedia del diritto, vol. XLIV, Milano, 1992, pag

Fusione: scritture contabili e progetto di fusione (Prova assegnata all Università di Macerata - II Sessione 2014)

Fusione: scritture contabili e progetto di fusione (Prova assegnata all Università di Macerata - II Sessione 2014) Prova pratica n. 18 Fusione: scritture contabili e progetto di fusione (Prova assegnata all Università di Macerata - II Sessione 2014) La fuzione per incorporazione di società partecipata al 100%. Il candidato

Dettagli

LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: LA LIQUIDAZIONE, LA FUSIONE, LA SCISSIONE, E LA TRASFORMAZIONE

LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: LA LIQUIDAZIONE, LA FUSIONE, LA SCISSIONE, E LA TRASFORMAZIONE Evento organizzato da R LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: LA LIQUIDAZIONE, LA FUSIONE, LA SCISSIONE, E LA TRASFORMAZIONE con la collaborazione di e la sponsorizzazione di Materiale didattico non vendibile riservato

Dettagli

di Pasquale De Luca (*) e Katia Giordano (**)

di Pasquale De Luca (*) e Katia Giordano (**) Il rapporto di cambio nelle fusioni di Pasquale De Luca (*) e Katia Giordano (**) Nella realizzazione dell operazione straordinaria di fusione tra due società si pone il problema della determinazione del

Dettagli

Compagine sociale ANTE fusione delle società partecipanti all'operazione

Compagine sociale ANTE fusione delle società partecipanti all'operazione Compagine sociale ANTE fusione delle società partecipanti all'operazione Compagine sociale della incorporanda "Alfa" - ante fusione Capitale sociale 120.000,00 Valore nominale azioni azioni 2,00 N. azioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 26/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 26/E. Quesito RISOLUZIONE N. 26/E Roma, 07 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello - Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Assegnazione azioni proprie a titolo di dividendo Articolo 94, comma

Dettagli

La deliberazione di fusione delle società DI CAPITALI deve essere depositata per l'iscrizione nel registro delle imprese, insieme con gli allegati

La deliberazione di fusione delle società DI CAPITALI deve essere depositata per l'iscrizione nel registro delle imprese, insieme con gli allegati Seconda Parte La deliberazione di fusione delle società DI CAPITALI deve essere depositata per l'iscrizione nel registro delle imprese, insieme con gli allegati indicati nell' articolo 2501-septies. Si

Dettagli

Signori Soci, * * * 1. ILLUSTRAZIONE DELL OPERAZIONE

Signori Soci, * * * 1. ILLUSTRAZIONE DELL OPERAZIONE RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO POPOLARE SOCIETA COOPERATIVA SUL PUNTO 2) ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA STRAORDINARIA DEI SOCI CONVOCATA PER IL GIORNO 28 FEBBRAIO

Dettagli

SITUAZIONE PATRIMONIALE DI APERTURA DELLA SOCIETA' RISULTANTE DALLA FUSIONE ALLA DATA DEL 1 GENNAIO 2014. (Valori in euro)

SITUAZIONE PATRIMONIALE DI APERTURA DELLA SOCIETA' RISULTANTE DALLA FUSIONE ALLA DATA DEL 1 GENNAIO 2014. (Valori in euro) SITUAZIONE PATRIMONIALE DI APERTURA DELLA SOCIETA' RISULTANTE DALLA FUSIONE ALLA DATA DEL 1 GENNAIO 2014 (Valori in euro) UNIPOLSAI ASSICURAZIONI SPA SITUAZIONE PATRIMONONIALE DI APERTURA DELLA SOCIETA'

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI ETICREDITO BANCA ETICA ADRIATICA S.P.A. IN BANCA CARIM CASSA DI RISPARMIO DI RIMINI S.P.A.

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI ETICREDITO BANCA ETICA ADRIATICA S.P.A. IN BANCA CARIM CASSA DI RISPARMIO DI RIMINI S.P.A. PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI ETICREDITO BANCA ETICA ADRIATICA S.P.A. IN BANCA CARIM CASSA DI RISPARMIO DI RIMINI S.P.A. PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI ETICREDITO BANCA ETICA ADRIATICA

Dettagli

INDICE DELLE OBBLIGAZIONI

INDICE DELLE OBBLIGAZIONI DELLE OBBLIGAZIONI Art. 2410 c.c. Emissione... 1 1. Premessa... 1 2. Competenza... 3 2.1. Competenza dell organo amministrativo... 3 2.2. Competenza di altri organi sociali... 4 2.3. I compiti del collegio

Dettagli

Premi di maggioranza e sconti di minoranza nella valutazione delle partecipazioni: aspetti teorici ed ambiti di applicazione

Premi di maggioranza e sconti di minoranza nella valutazione delle partecipazioni: aspetti teorici ed ambiti di applicazione Premi di maggioranza e sconti di minoranza nella valutazione delle partecipazioni: aspetti teorici ed ambiti di applicazione di Massimo Buongiorno docente di Finanza Aziendale, Università Bocconi, Milano

Dettagli

Progetto di FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA SOCIETA

Progetto di FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA SOCIETA Progetto di FUSIONE PER INCORPORAZIONE ai sensi e per gli effetti dell art. 2501-ter c.c. DELLA SOCIETA Società: Effelle Ricerche S.r.l. Sede legale: Milano (MI), via F. Casati 1/A Capitale sociale: 10.000

Dettagli

intek SpA Documento di informazione annuale

intek SpA Documento di informazione annuale intek SpA sede legale in Ivrea (TO) via Camillo Olivetti, 8 capitale sociale Euro 35.389.362,84 i.v. Iscrizione al Registro imprese di Torino, codice fiscale e partita IVA 00470590019 Documento di informazione

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Le operazioni sul capitale nelle società di capitali- Gli aumenti

Le operazioni sul capitale nelle società di capitali- Gli aumenti Le operazioni sul capitale nelle società di capitali- Gli aumenti Le operazioni sul capitale Il capitale può subire, nel corso della gestione aziendale, variazioni di due tipi: Aumenti di capitale Riduzioni

Dettagli

AVVISO AGLI AZIONISTI DI BANCA DELL ARTIGIANATO E DELL INDUSTRIA S.p.A.

AVVISO AGLI AZIONISTI DI BANCA DELL ARTIGIANATO E DELL INDUSTRIA S.p.A. AVVISO AGLI AZIONISTI DI BANCA DELL ARTIGIANATO E DELL INDUSTRIA S.p.A. Modalità e termini di esercizio del diritto di vendita ai sensi dell art. 2505-bis del codice civile e di esercizio del diritto di

Dettagli

ESERCIZIO 1 LIQUIDAZIONE DELLA QUOTA DEL SOCIO RECEDUTO IN UNA SOCIETÀ DI PERSONE

ESERCIZIO 1 LIQUIDAZIONE DELLA QUOTA DEL SOCIO RECEDUTO IN UNA SOCIETÀ DI PERSONE RECESSO DEL SOCIO ESERCIZIO 1 LIQUIDAZIONE DELLA QUOTA DEL SOCIO RECEDUTO IN UNA SOCIETÀ DI PERSONE A) Valore di liquidazione della quota superiore al corrispondente valore contabile del patrimonio netto

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso. Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Circolare n. 11 dell 11 settembre 2014 DL 24.6.2014 n. 91

Dettagli

Revisione e Ragioneria Societaria

Revisione e Ragioneria Societaria Revisione e Ragioneria Societaria Ragioneria Societaria Lezioni 5 6 Prof.ssa Anna Paris Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici Università degli Studi di Siena anna.paris@unisi.it A.A. 2014-2015 La

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 79 Aspetti contabili della fusione inversa

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 79 Aspetti contabili della fusione inversa DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 79 Aspetti contabili della fusione inversa settembre 2007 Aspetti contabili della fusione inversa DOCUMENTO ARISTEIA N. 79 ASPETTI CONTABILI DELLA FUSIONE INVERSA Sommario:

Dettagli

Capitolo 1 Z La valutazione delle aziende

Capitolo 1 Z La valutazione delle aziende Edizioni Simone - Vol. 37/1 Compendio di ragioneria applicata e tecnica professionale Capitolo 1 Z La valutazione delle aziende Sommario Z 1. Introduzione. - 2. Metodo reddituale. - 3. Metodo patrimoniale.

Dettagli

Brescia, 5 marzo 2015. www.pirolapennutozei.it

Brescia, 5 marzo 2015. www.pirolapennutozei.it Brescia, 5 marzo 2015 OIC 26 -Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC 28: Patrimonio Netto www.pirolapennutozei.it OIC 26 -Operazioni, attività e passività in valuta estera www.pirolapennutozei.it

Dettagli

Meridiana S.p.A. www.meridiana.com

Meridiana S.p.A. www.meridiana.com Meridiana S.p.A. Società assoggettata a direzione e coordinamento da parte della società Aga Khan Fund for Economic Development - AKFED S.A. (Svizzera) ai sensi degli articoli 2497 e seguenti del Codice

Dettagli

Indice. Premessa. 4. Metodo misto patrimoniale-reddituale 4.1 Il metodo misto nella pratica professionale 4.2 Il metodo UEC. Cesi Professionale V

Indice. Premessa. 4. Metodo misto patrimoniale-reddituale 4.1 Il metodo misto nella pratica professionale 4.2 Il metodo UEC. Cesi Professionale V Premessa XV Parte prima - La due diligence 1. L attività di due diligence e le rettifiche ai bilanci 1.1 La due diligence 1.1.1 La due diligence legale 1.1.2 La due diligence fiscale 1.1.3 La due diligence

Dettagli

* * * PROGETTO UNITARIO DI FUSIONE. (ai sensi dell art. 2501-ter del codice civile)

* * * PROGETTO UNITARIO DI FUSIONE. (ai sensi dell art. 2501-ter del codice civile) DAVIDE CAMPARI-MILANO S.P.A. Sede in Milano, via Turati n. 27 Reg. Imp. Di Milano e codice fiscale n. 06672120158 CAMPARI - CRODO S.P.A. Sede in Milano, via Turati n. 27 Reg. Imp. Di Milano e codice fiscale

Dettagli

ESAME DI STATO ABILITANTE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA

ESAME DI STATO ABILITANTE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ESAME DI STATO ABILITANTE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ANNO 2005 PRIMA SESSIONE PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1 1) Il candidato rediga il I bilancio di verifica al 31/12/200_ della società

Dettagli

I GRANDI VIAGGI S.P.A.

I GRANDI VIAGGI S.P.A. I GRANDI VIAGGI S.P.A. Capitale sociale Euro 23.400.000 i.v. Sede Sociale in Milano, Via della Moscova, 36 R.E.A. Milano n.1319276 Codice fiscale, Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

RENDICONTO SINTETICO DELLE VOTAZIONI

RENDICONTO SINTETICO DELLE VOTAZIONI sede legale in Ivrea (TO) via Camillo Olivetti, 8 Capitale sociale: Euro 35.389.742,96 i.v. Iscrizione al Registro imprese di Torino, codice fiscale e partita IVA 00470590019 ASSEMBLEA STRAORDINARIA DEGLI

Dettagli

Revisione e Ragioneria Societaria

Revisione e Ragioneria Societaria Revisione e Ragioneria Societaria Ragioneria Societaria Lezione 8-9 Prof.ssa Anna Paris Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici Università degli Studi di Siena anna.paris@unisi.it A.A. 2014-2015 La

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 D.Lgs. 58/1998

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 D.Lgs. 58/1998 KME Group S.p.A. Intek S.p.A. COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 D.Lgs. 58/1998 OFFERTA PUBBLICA DI SCAMBIO SU AZIONI ORDINARIE KME GROUP S.P.A. E INTEK S.P.A. FUSIONE PER INCORPORAZIONE

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE di TELECOM ITALIA MEDIA S.p.A. in TELECOM ITALIA S.p.A.

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE di TELECOM ITALIA MEDIA S.p.A. in TELECOM ITALIA S.p.A. PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE di TELECOM ITALIA MEDIA S.p.A. in TELECOM ITALIA S.p.A. RELAZIONE DELLA SOCIETÀ DI REVISIONE sul Rapporto di Cambio delle azioni ai sensi dell art. 2501 sexies del

Dettagli

RATEI ATTIVI E PASSIVI

RATEI ATTIVI E PASSIVI RATEI ATTIVI E PASSIVI Costituiscono ratei attivi o passivi rispettivamente i crediti o debiti, relativi a ricavi o costi di competenza dell esercizio che si chiude e di esercizi successivi, i quali avranno

Dettagli

* * * * * ivi. Approvato dagli Organi Amministrativi. di Brembo S.p.A. e di Brembo Performance S.p.A.

* * * * * ivi. Approvato dagli Organi Amministrativi. di Brembo S.p.A. e di Brembo Performance S.p.A. PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA SOCIETÀ CONTROLLATA AL 100% BREMBO PERFORMANCE S.P.A. NELLA SOCIETÀ CONTROLLANTE BREMBO S.P.A. AI SENSI DEGLI ARTICOLI 2501-TER E 2505 del codice civile * *

Dettagli

gli amministratori della società soggetta ad attività di direzione e coordinamento

gli amministratori della società soggetta ad attività di direzione e coordinamento Iscrizione in apposita sezione dei soggetti che esercitano attività di direzione e coordinamento e dei soggetti che vi sono sottoposti, e relativa cessazione (2497 bis c.c.) gli amministratori della società

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 D.Lgs. 58/1998

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 D.Lgs. 58/1998 Cobra Automotive Technologies S.p.A. Drive Rent S.p.A. (società appartenente al Gruppo KME Group S.p.A.) COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 D.Lgs. 58/1998 I CONSIGLI DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Gli aumenti di capitale

Gli aumenti di capitale Gli aumenti di capitale Nel caso delle società quotate, il ricorso ad una operazione di aumento del capitale risulta facilitata. Per poter procedere con un aumento del capitale occorre: stabilire l entità

Dettagli

Scioglimento e Liquidazione delle società di Capitali e di persone: profili civilistici e fiscali (a cura Paolo Giovanetti)

Scioglimento e Liquidazione delle società di Capitali e di persone: profili civilistici e fiscali (a cura Paolo Giovanetti) Scioglimento e Liquidazione delle società di Capitali e di persone: profili civilistici e fiscali (a cura Paolo Giovanetti) La riforma del Diritto Societario, avvenuta con l entrata in vigore del D.Lgs.

Dettagli

In caso di adesioni all OPSC per quantitativi di azioni superiori alle azioni oggetto dell Offerta, si farà luogo al riparto secondo il metodo

In caso di adesioni all OPSC per quantitativi di azioni superiori alle azioni oggetto dell Offerta, si farà luogo al riparto secondo il metodo Proposta di autorizzazione all acquisto di azioni ordinarie proprie, ai sensi dell art. 2357 del codice civile, dell art. 132 del D.Lgs. 58/1998 e relative disposizioni di attuazione, con la modalità di

Dettagli

DEFINIZIONE DI RISTORNO E NORMATIVA DI RIFERIMENTO

DEFINIZIONE DI RISTORNO E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Sezione prima - Aspetti gestionali Definizione di ristorno e normativa di riferimento DEFINIZIONE DI RISTORNO E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Codice civile, art. 2545-sexies - Ristorni [1] L atto costitutivo

Dettagli

2.Finalità dell operazione:

2.Finalità dell operazione: COMUNICATO STAMPA I Consigli di Amministrazione delle rispettive società hanno approvato il Progetto di Fusione per incorporazione di G.I.M. Generale Industrie Metallurgiche S.p.A. in INTEK S.p.A.; Rapporti

Dettagli

Il sovrapprezzo nell emissione di azioni e quote: tecniche e casi di calcolo * Emanuela Fusa **

Il sovrapprezzo nell emissione di azioni e quote: tecniche e casi di calcolo * Emanuela Fusa ** Il sovrapprezzo nell emissione di azioni e quote: tecniche e casi di calcolo * Emanuela Fusa ** 1. Definizione e determinazione Il sovrapprezzo delle azioni è dato dalla differenza tra il prezzo, corrispettivo

Dettagli

Rilevanza legale dei documenti sul web, rivoluzione per fusioni e scissioni

Rilevanza legale dei documenti sul web, rivoluzione per fusioni e scissioni Rilevanza legale dei documenti sul web, rivoluzione per fusioni e scissioni OPERAZIONI STRAORDINARIE Oggetto : RILEVANZA LEGALE DEI DOCUMENTI SUL WEB Norme e prassi : D.LGS. 123/2012; ART. 2501-TER, 2501-QUATER,

Dettagli

LIQUIDAZIONE. Alcuni aspetti di rilievo. Dott. Raffaele MARCELLO. Liquidazione delle S.r.l.: inquadramento

LIQUIDAZIONE. Alcuni aspetti di rilievo. Dott. Raffaele MARCELLO. Liquidazione delle S.r.l.: inquadramento LIQUIDAZIONE Alcuni aspetti di rilievo Dott. Raffaele MARCELLO Agenda Liquidazione delle S.r.l.: inquadramento Nomina liquidatori S.r.l. Adempimenti (verbali) Caso: riduzione del capitale per perdite sotto

Dettagli

coordinamento di Enrico Holzmiller*

coordinamento di Enrico Holzmiller* Soluzioni operative: determinazione e funzione del sovrapprezzo In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN DIRITTO SOCIETARIO (30 LEZIONI) NOTAIO STEFANO SANTANGELO. Il bilancio delle società di capitali

PROGRAMMA DEL CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN DIRITTO SOCIETARIO (30 LEZIONI) NOTAIO STEFANO SANTANGELO. Il bilancio delle società di capitali PROGRAMMA DEL CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN DIRITTO SOCIETARIO (30 LEZIONI) NOTAIO STEFANO SANTANGELO Il bilancio delle società di capitali - Composizione del bilancio (stato patrimoniale, conto economico,

Dettagli

Capitolo 8 Z Fusioni, scissioni e trasformazioni bancarie

Capitolo 8 Z Fusioni, scissioni e trasformazioni bancarie Edizioni Simone - Vol. 35 Compendio di Diritto bancario Capitolo 8 Z Fusioni, scissioni e trasformazioni bancarie Sommario Z 1. Introduzione. - 2. La fusione delle imprese bancarie. - 3. La scissione delle

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SUL SECONDO PUNTO ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SUL SECONDO PUNTO ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SUL SECONDO PUNTO ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL 21 APRILE 2010 Revoca, per la parte non utilizzata, e contestuale conferimento di nuova

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI PER LA DELEGA EX ART. 2443, C.C. AD AUMENTARE IL CAPITALE SOCIALE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI PER LA DELEGA EX ART. 2443, C.C. AD AUMENTARE IL CAPITALE SOCIALE RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI PER LA DELEGA EX ART. 2443, C.C. AD AUMENTARE IL CAPITALE SOCIALE predisposta ai sensi dell art. 72 e secondo lo schema n. 2 dell Allegato 3A del Regolamento

Dettagli

RISOLUZIONE N. 12/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 12/E. Quesito RISOLUZIONE N. 12/E Roma, 07 febbraio 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Assegnazione azioni proprie a titolo di dividendo Articolo 94, comma

Dettagli

Introduzione alle società di capitali

Introduzione alle società di capitali Appunti di Economia Società per azioni Introduzione alle società di capitali... 1 Società per azioni (S.p.A.)... 2 Diritto di voto... 3 Diritto agli utili ed al dividendo... 4 Diritto di opzione... 5 Le

Dettagli

ESERCITAZIONE N. 4 - SPA

ESERCITAZIONE N. 4 - SPA ESERCITAZIONE N. 4 VARIAZIONI CAPITALE SOCIALE Pagina 1 di 11 TIPOLOGIE DI AUMENTI DEL CAPITALE SOCIALE L aumento del Capitale Sociale può essere: - SENZA VARIAZIONE del P.N. (Virtuale o Gratuito) - CON

Dettagli

Compagine sociale ANTE fusione delle società partecipanti all'operazione

Compagine sociale ANTE fusione delle società partecipanti all'operazione Compagine sociale ANTE fusione delle società partecipanti all'operazione Compagine sociale della incorporante (controllata) "Alfa" - ante fusione Capitale sociale 120.000,00 N. azioni 60.000 Socio N. azioni

Dettagli

NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E

NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E NUOVA ESENZIONE DELLE PLUSVALENZE DA CESSIONI DI ATTIVITA FINANZIARIE CIRCOLARE 15/E Premessa L accertamento da redditometro potrà essere disinnescato anche dalle cessioni di partecipazione in società

Dettagli

Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo

Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo 4. Elaborazioni tecniche di consolidamento Ugo Sòstero Le elaborazioni tecniche di consolidamento ASSESTAMENTO DELLE PARTECIPAZIONI Metodi

Dettagli

S.p.a. unipersonale. Altrimenti, responsabilità illimitata per il periodo in cui c è l unico socio

S.p.a. unipersonale. Altrimenti, responsabilità illimitata per il periodo in cui c è l unico socio Nozione (2325 c.c.) Solo la società con il suo patrimonio risponde delle obbligazioni sociali Capitale sociale di almeno 120.000 euro Sola garanzia offerta ai creditori Creditori forti e deboli - gruppi

Dettagli

1. OPA e tutela degli investitori 2. Il procedimento nell OPA volontaria 3. OPA obbligatoria. 2002 Marco FUMAGALLI

1. OPA e tutela degli investitori 2. Il procedimento nell OPA volontaria 3. OPA obbligatoria. 2002 Marco FUMAGALLI 1. OPA e tutela degli investitori 2. Il procedimento nell OPA volontaria 3. OPA obbligatoria OPA e tutela degli investitori 1. OPA E TUTELA DEGLI INVESTITORI Importanza per il sistema economico del buon

Dettagli

!!!!! DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA

!!!!! DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA Introduzione: Il Decreto Legge n. 91 del 24 giugno 2014 (c.d. Decreto Competitività ) e la relativa Legge di Conversione (Legge n. 116

Dettagli

IPOTESI DI RAPPORTO DI CAMBIO TRA CAFC S.P.A. E C.D.L. S.P.A. IN BASE ALLE VALUTAZIONI ECONOMICHE ALLA DATA DEL 31.12.2008

IPOTESI DI RAPPORTO DI CAMBIO TRA CAFC S.P.A. E C.D.L. S.P.A. IN BASE ALLE VALUTAZIONI ECONOMICHE ALLA DATA DEL 31.12.2008 IPOTESI DI RAPPORTO DI CAMBIO TRA CAFC S.P.A. E C.D.L. S.P.A. IN BASE ALLE VALUTAZIONI ECONOMICHE ALLA DATA DEL 31.12.2008 1. Premessa La sottoscritta è stata congiuntamente incaricata dalla società CAFC

Dettagli

CAPE LISTED INVESTMENT VEHICLE IN EQUITY S.P.A.

CAPE LISTED INVESTMENT VEHICLE IN EQUITY S.P.A. CAPE LISTED INVESTMENT VEHICLE IN EQUITY S.P.A. www.capelive.it RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE AL SESTO PUNTO ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli e le partecipazioni

Dettagli

Patrimonio netto di spa e srl e operazioni sul capitale sociale. dott. Enrico ZANETTI. Eutekne Tutti i diritti riservati

Patrimonio netto di spa e srl e operazioni sul capitale sociale. dott. Enrico ZANETTI. Eutekne Tutti i diritti riservati Patrimonio netto di spa e srl e operazioni sul capitale sociale dott. Enrico ZANETTI Eutekne Tutti i diritti riservati PROFILI INTRODUTTIVI IL PATRIMONIO NETTO ESPRIME LA DIFFERENZA TRA ATTIVO E PASSIVO

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica 10 ottobre 1994, n. 645

Decreto del Presidente della Repubblica 10 ottobre 1994, n. 645 TARIFFA PROFESSIONALE* REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DEGLI ONORARI, DELLE INDENNITÀ E DEI CRITERI PER IL RIMBORSO DELLE SPESE PER LE PRESTAZIONI PROFESSIONALI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI Decreto del

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI Bilanci di liquidazione

PRINCIPI CONTABILI Bilanci di liquidazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilanci di liquidazione Giugno 2008 PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) nasce dall esigenza, avvertita dalle principali parti

Dettagli

Indice NOZIONI E CARATTERI. -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice NOZIONI E CARATTERI. -------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO COMMERCIALE I LEZIONE VII LE AZIONI PROF. RENATO SANTAGATA Indice 1 NOZIONI E CARATTERI. --------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A.

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. I Consigli di Amministrazione di Banco di Desio e della Brianza e di Banca Popolare di Spoleto hanno approvato

Dettagli

PRELIOS S.P.A. Sede in Milano, Viale Piero e Alberto Pirelli n. 27 Registro delle Imprese di Milano n. 02473170153. www.prelios.

PRELIOS S.P.A. Sede in Milano, Viale Piero e Alberto Pirelli n. 27 Registro delle Imprese di Milano n. 02473170153. www.prelios. PRELIOS S.P.A. Sede in Milano, Viale Piero e Alberto Pirelli n. 27 Registro delle Imprese di Milano n. 02473170153 www.prelios.com REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A CONVERSIONE OBBLIGATORIA DENOMINATO

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia

Dettagli

L EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI

L EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI L EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI di Emanuele Rossi e Andrea Sergiacomo 1. Premessa Sia le S.P.A. che le S.A.P.A. ed in particolari casi anche le cooperative 1, hanno la facoltà di emettere prestiti

Dettagli

BANCA CARIGE Società per Azioni - Via Cassa di Risparmio,15-16123 Genova 1

BANCA CARIGE Società per Azioni - Via Cassa di Risparmio,15-16123 Genova 1 Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione al punto secondo dell ordine del giorno dell Assemblea Straordinaria dei Soci convocata per il giorno 23 aprile 2015 in unica convocazione, in merito

Dettagli

La tabella che segue mostra le informazioni storiche sui volumi di negoziazione e il prezzo medio di ogni categoria di azioni:

La tabella che segue mostra le informazioni storiche sui volumi di negoziazione e il prezzo medio di ogni categoria di azioni: Conversione obbligatoria delle azioni di risparmio in azioni ordinarie; esame delle conseguenti modifiche statutarie sottoposte all Assemblea straordinaria degli Azionisti ordinari. Approvazione, ai sensi

Dettagli

CONFERIMENTO DI AZIENDA

CONFERIMENTO DI AZIENDA CONFERIMENTO DI AZIENDA 1. Aspetti civilistici L operazione denominata «conferimento» è altresì indicata con numerosi sinonimi, questo è dovuto al fatto che tale operazione non è stata presa in considerazione

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

NOVITA BILANCIO DI ESERCIZIO 2014

NOVITA BILANCIO DI ESERCIZIO 2014 NOVITA BILANCIO DI ESERCIZIO 2014 a cura di Maria Chiara Ronzani - Area Fiscale APINDUSTRIA VICENZA 30/01/2015 - Sala Convegni Apindustria Vicenza 1 Sommario DEPOSITO BILANCIO E NOTA INTEGRATIVA IN FORMATO

Dettagli

I nuovi principi contabili nazionali - OIC 25

I nuovi principi contabili nazionali - OIC 25 I nuovi principi contabili nazionali - OIC 25 Bologna 10 febbraio 2015 Silvia Fiesoli Partner 2013 Grant Thornton International Ltd. All rights reserved. PRINCIPALI NOVITA OIC 25 Disciplina in maniera

Dettagli

ASCOPIAVE S.p.A. Signori azionisti,

ASCOPIAVE S.p.A. Signori azionisti, ASCOPIAVE S.p.A. Via Verizzo, 1030 Pieve di Soligo (TV) Capitale Sociale Euro 234.411.575,00 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA e Registro delle Imprese di Treviso n. 03916270261 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL

Dettagli

Bilancio Bilancio d esercizio

Bilancio Bilancio d esercizio Bilancio Bilancio d esercizio Le operazioni in moneta non di conto nel bilancio di esercizio di Tiziano Sesana (*) Con l attuazione della Riforma del diritto societario, le successive modificazioni normative

Dettagli

29.03.2012 Finanziamento soci

29.03.2012 Finanziamento soci Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 151 29.03.2012 Finanziamento soci Le rilevazioni contabili e i compiti degli organi societari Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria:

Dettagli

Procedure AIM ITALIA per le Operazioni sul capitale

Procedure AIM ITALIA per le Operazioni sul capitale Procedure AIM ITALIA per le Operazioni sul capitale Le seguenti procedure sono costituite dal Principio Generale e dalle Linee Guida e Tabelle, che formano parte integrante delle Procedure stesse. Le seguenti

Dettagli

Relazione del Consiglio di Amministrazione

Relazione del Consiglio di Amministrazione Relazione del Consiglio di Amministrazione sulla fusione per incorporazione di Cassa di Risparmio di Foligno S.p.A., Cassa di Risparmio di Terni e Narni S.p.A., Cassa di Risparmio di Città di Castello

Dettagli

L acquisto di azioni proprie

L acquisto di azioni proprie L acquisto di azioni proprie 1 Le azioni proprie Sono titoli rappresentativi del capitale della società acquistate e detenute dalla stessa. 2 L acquisto di azioni proprie Le principali motivazioni alla

Dettagli

Regolamento dei warrant denominati Warrant azioni ordinarie Creval 2014. Articolo 1 Delibera

Regolamento dei warrant denominati Warrant azioni ordinarie Creval 2014. Articolo 1 Delibera Regolamento dei warrant denominati Warrant azioni ordinarie Creval 2014 Articolo 1 Delibera In data 19 settembre 2009, l Assemblea straordinaria del Credito Valtellinese Società Cooperativa (il Creval

Dettagli

LA LIQUIDAZIONE DELLE SOCIETÀ DI CAPITALI. a cura di Alessandro Corsini Dottore Commercialista - Pubblicista

LA LIQUIDAZIONE DELLE SOCIETÀ DI CAPITALI. a cura di Alessandro Corsini Dottore Commercialista - Pubblicista LA LIQUIDAZIONE DELLE SOCIETÀ DI CAPITALI a cura di Alessandro Corsini Dottore Commercialista - Pubblicista 1 modulo Le cause di scioglimento LE CAUSE DI SCIOGLIMENTO Le due categorie di cause di scioglimento

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E INDICE

CIRCOLARE N. 20/E INDICE CIRCOLARE N. 20/E Roma, 18 giugno 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Articolo 3 del decreto-legge 10 febbraio 2009, n. 5, convertito con modificazioni dalla legge 9 aprile 2009, n. 33, e successive

Dettagli

bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, portafoglio sbf

bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, portafoglio sbf Temi in preparazione alla maturità Analisi di bilancio, bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, decisioni aziendali, portafoglio sbf di Rossana MANELLI ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIA:

Dettagli

- Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati consolidati al 30 giugno 2014 -

- Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati consolidati al 30 giugno 2014 - COMUNICATO STAMPA SOCIETA ACQUE POTABILI S.P.A: - Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati consolidati al 30 giugno 2014 - - Progetto di fusione per incorporazione in Sviluppo Idrico S.p.A.

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE*

TARIFFA PROFESSIONALE* TARIFFA PROFESSIONALE* REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DEGLI ONORARI, DELLE INDENNITÀ E DEI CRITERI PER IL RIMBORSO DELLE SPESE PER LE PRESTAZIONI PROFESSIONALI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI Decreto del

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE AZIONI E DELLE QUOTE DI SOCIETÀ IN IPOTESI DI RECESSO. Avv. Giovanni AGRUSTI

LA VALUTAZIONE DELLE AZIONI E DELLE QUOTE DI SOCIETÀ IN IPOTESI DI RECESSO. Avv. Giovanni AGRUSTI LA VALUTAZIONE DELLE AZIONI E DELLE QUOTE DI SOCIETÀ IN IPOTESI DI RECESSO Avv. Giovanni AGRUSTI Diretta 21 giugno 2010 LA FUNZIONE DEL RECESSO NELLA S.P.A. E NELLA S.R.L. La attuale configurazione del

Dettagli

pluriennale 2008/2010, Programma Investimenti 2008/2010 e Programma triennale delle opere pubbliche.

pluriennale 2008/2010, Programma Investimenti 2008/2010 e Programma triennale delle opere pubbliche. IL PRESIDENTE sottopone per l approvazione quanto segue: *** Normativa Decreto Presidente della Repubblica n. 285/1990 Regolamento nazionale di polizia mortuaria. Circolare Ministero Sanità n. 24/1993

Dettagli

L LI L Q I UID I AZI Z O I NE

L LI L Q I UID I AZI Z O I NE LA LIQUIDAZIONE VOLONTARIA LIQUIDAZIONE VOLONTARIA La Liquidazione Volontaria è detta anche ordinaria E distinta dalla liquidazione cosidddetta forzata o giudiziaria o concorsuale. Consiste di tre fasi:

Dettagli

Le azioni proprie. Sono titoli rappresentativi del capitale della società acquistate e detenute dalla stessa.

Le azioni proprie. Sono titoli rappresentativi del capitale della società acquistate e detenute dalla stessa. Le azioni proprie 1 Le azioni proprie Sono titoli rappresentativi del capitale della società acquistate e detenute dalla stessa. 2 L acquisto di azioni proprie Le principali motivazioni alla base dell

Dettagli

OIC 25 Il trattamento contabile delle imposte sul reddito Sintesi dei principali interventi

OIC 25 Il trattamento contabile delle imposte sul reddito Sintesi dei principali interventi OIC 25 Il trattamento contabile delle imposte sul reddito Sintesi dei principali interventi Sono stati eliminati i riferimenti al disinquinamento fiscale. E stata disciplinata in modo organico la rilevazione

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE Per il programma di emissione denominato

CONDIZIONI DEFINITIVE Per il programma di emissione denominato 10 - Allegato 1A Modello delle condizioni definitive Emil Banca Obbligazioni Tasso Fisso Emil Banca - Credito Cooperativo s.c. in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento Denominazione: EMIL

Dettagli

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della Temi in preparazione alla maturità Ammortamento, contabilizzazione delle operazioni di gestione e di assestamento, bilancio sintetico a stati comparati, prospetti della Nota integrativa, calcolo delle

Dettagli

1. CONTABILITA GENERALE

1. CONTABILITA GENERALE 1. CONTABILITA GENERALE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Sede di Fano Corso di Ragioneria Generale e Applicata I PARTE APPLICATA CONTABILITA GENERALE 1 Cosa si studia nel Corso

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI M.B. INTERNATIONAL TELECOM LABS S.R.L. E DI SCREEN SERVICE SYSTEMS S.R.L. IN SCREEN

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI M.B. INTERNATIONAL TELECOM LABS S.R.L. E DI SCREEN SERVICE SYSTEMS S.R.L. IN SCREEN PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI M.B. INTERNATIONAL TELECOM LABS S.R.L. E DI SCREEN SERVICE SYSTEMS S.R.L. IN SCREEN SERVICE BROADCASTING TECHNOLOGIES S.P.A. Gli organi amministrativi di S.S.B.T.

Dettagli

Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti)

Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti) Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti) Assestamento di una partecipazione di controllo Primo anno di consolidamento...2 Assestamento di una partecipazione di controllo secondo anno

Dettagli

INDICE. Prefazione di Giovanni Lo Cascio... Presentazione... Gli Autori... Art. 2498 c.c. Continuità dei rapporti giuridici... 1

INDICE. Prefazione di Giovanni Lo Cascio... Presentazione... Gli Autori... Art. 2498 c.c. Continuità dei rapporti giuridici... 1 INDICE Prefazione di Giovanni Lo Cascio.......................... Presentazione...................................... Gli Autori....................................... V VII IX Art. 2498 c.c. Continuità

Dettagli

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti.

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti. Le società di capitali 89 anche se non iscritte, vengono ad esistenza pur assumendo la condizione di società irregolari. In particolare, la società in nome collettivo non registrata è irregolare per tutto

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A.

CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A. CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A. Iscritta all albo delle Banche: 5099 Sede legale e Direzione generale: Via Matteotti 8/b - 44042 CENTO (Fe) Capitale Sociale: Euro 67.498.955,88 Codice Fiscale, Partita

Dettagli