IL MANUALE DELLE OPERAZIONI STRAORDINARIE. Cfr. OIC 4 par

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL MANUALE DELLE OPERAZIONI STRAORDINARIE. Cfr. OIC 4 par. 4.2. 28"

Transcript

1 3.3 Il bilancio di fusione Le valutazioni del capitale economico delle società partecipanti alla fusione saranno illustrate nella relazione dell organo amministrativo e saranno oggetto del parere di congruità degli esperti. Come evidenziato in precedenza, la normativa civilistica non prevede alcun obbligo di redazione di un particolare documento in cui formalizzare le valutazioni di fusione. Tuttavia, la dottrina prevalente 27 ritiene opportuno predisporre un bilancio di fusione, per lo meno nel caso di utilizzo di criteri patrimoniali o misti patrimoniali-reddituali. Infatti, tale bilancio dovrebbe essere costituito da una vera e propria situazione patrimoniale, priva di conto economico e nota integrativa, in cui sono esposte le attività e passività, espresse a valori correnti, delle società partecipanti alla fusione. In particolare, dovranno essere evidenziate le attività immateriali non presenti nel bilancio civilistico delle rispettive società, quali, ad esempio, marchi e brevetti di origine interna, know how, ecc.. Tra le poste passive, dovranno essere rilevate quelle passività potenziali non iscritte in contabilità. In tal modo, si perviene ad un patrimonio netto di fusione da utilizzare ai fini della determinazione del rapporto di cambio. Risulta evidente che tale patrimonio netto di fusione può divergere, anche in misura notevole rispetto al patrimonio netto contabile esposto nella situazione patrimoniale ex art quater c.c., di cui diremo infra, in quanto in quest ultima situazione le poste patrimoniali valutate secondo criteri di funzionamento. Infine, la redazione di una situazione patrimoniale a valori correnti può essere utile anche nel caso di valutazioni del capitale economico delle società partecipanti tramite metodi di valutazione sintetici (finanziario, reddituale, moltiplicatori, ecc.), in quanto, nel caso la fusione facesse emergere un eventuale disavanzo, lo stesso potrà essere allocata agevolmente alle attività e passività delle società fuse o incorporate (si veda in seguito) La situazione patrimoniale ex art quater L art quater c.c. stabilisce che l organo amministrativo delle società partecipanti alla fusione deve redigere la situazione patrimoniale delle società stesse, riferita ad una data non anteriore di oltre quattro mesi dal giorno in cui il progetto di fusione è depositato nella sede della società. Tale situazione patrimoniale deve essere redatta con l osservanza delle norme sul bilancio di esercizio e può essere sostituita dal bilancio dell ultimo esercizio, se questo è stato chiuso da non oltre sei mesi prima del giorno del deposito del progetto di fusione. Il rinvio alle norme dettate per il bilancio di esercizio deve essere inteso nel senso che i principi di redazione ed i criteri di valutazione applicabili sono quelli propri di un bilancio ordinario, anche se relativo ad una frazione dell esercizio. In sostanza si tratta di bilancio infrannuale, di tipo ordinario, composto da stato patrimoniale e conto 27 Cfr. OIC 4 par In tal senso, G. Savioli, Le operazioni di gestione straordinaria, Milano, Giuffrè, 2008, pag

2 CAPITOLO QUARTO LA FUSIONE economico. Inoltre, anche se non richiesto dalla norma, il riferimento alle norme sul bilancio porterebbe a concludere sulla necessità di corredare tale situazione patrimoniale anche di una nota integrativa 29. Relativamente al contenuto, l OIC 4, parte prima, par. 4.1, prevede che tale bilancio infrannuale sia redatto in aderenza alle indicazioni dell OIC 30 bilanci intermedi. Pertanto, per la sua redazione occorrerà rilevare il reddito maturato dall inizio dell esercizio e quantificare l entità del patrimonio alla data di riferimento operando le opportune integrazioni e rettifiche, le quali possono essere effettuate anche in via extracontabile. Trattandosi di un bilancio infrannuale, è da ritenere non necessario procedere alla sua approvazione da parte dell assemblea dei soci. Al posto della predetta situazione patrimoniale, la disposizione in esame consente di utilizzare il bilancio dell ultimo esercizio, se questo è stato chiuso non oltre sei mesi prima del deposito del progetto di fusione presso la sede della società. In tal caso, tuttavia, è da ritenere che detto bilancio debba essere regolarmente approvato dall assemblea. In conclusione, la funzione svolta da tale bilancio infrannuale è individuata dall OIC 4, parte prima, par. 4.1, nel fornire ai soci e ai terzi una situazione aggiornata sulla situazione patrimoniale, finanziaria e sul risultato economico rispetto a quella dell ultimo bilancio approvato 30. Di più tale situazione non è in grado di fornire. In particolare, la situazione patrimoniale in questione non è idonea a fornire la dimostrazione del valore del capitale economico da utilizzare per la determinazione del rapporto di concambio. 3.5 Il rapporto di cambio (o concambio) Nelle pagine precedenti abbiamo visto più volte che nella fusione si verifica uno scambio tra l apporto dei complessi aziendali delle società fuse o incorporate e il valore effettivo delle azioni o quote della società incorporante o risultante dalla fusione. La quantità di partecipazioni da assegnare ai soci delle società fuse o incorporate è misurata dal cosiddetto rapporto di cambio o concambio. Tale rapporto indica, pertanto, il numero di azioni o quote della società incorporante o risultante dalla fusione che i soci delle società incorporate o fuse riceveranno in sostituzione delle azioni o quote detenute precedentemente alla fusione, le quali vengono annullate. RC= Nº azioni o quote della nuova società assegnate al socio Nº azione o quote possedute originariamente dal socio 29 In tal senso OIC 4, par. 4.1, secondo cui la nota integrativa può avere un contenuto più snello di quello previsto dall art del Codice Civile. Sono, invece, da ritenere non necessari gli altri documenti di accompagnamento al bilancio ordinario di esercizio come la relazione sulla gestione e quella del collegio sindacale. 30 Cfr. F. Poddighe, Manuale di tecnica professionale, Padova, Cedam, 2000, pag

3 La determinazione del rapporto di cambio costituisce per i soci delle società interessate il dato essenziale per valutare la convenienza della proposta di fusione. Ricordiamo, infatti, che nell operazione di fusione, i soci delle società partecipanti vedono ridursi il valore percentuale della loro quota di partecipazione originaria e, quindi, la loro forza in termini di diritti patrimoniali ed amministrativi. Per tali motivi, il rapporto di cambio non può essere determinato arbitrariamente, altrimenti si potrebbe favorire ingiustamente i soci di una o più società a danno dei soci delle altre società. Al riguardo, le disposizioni civilistiche impongono una serie di adempimenti informativi per dare possibilità ai soci di valutare la correttezza e la convenienza dell operazione ed, eventualmente poter impugnare la delibera di fusione nel caso di rapporto di cambio che leda i loro interessi. In particolare, la disciplina civilistica prevede che il rapporto di cambio sia determinato dagli amministratori delle società partecipanti alla fusione, i quali dovranno darne evidenza nel progetto di fusione 31 e illustrarne, nella loro relazione accompagnatoria, i criteri mediante i quali è stato determinato, evidenziando le eventuali difficoltà di valutazione riscontrate. Sempre nell ottica della tutela dei soci, la congruità del rapporto di cambio è oggetto di valutazione da parte degli esperti nominati ai sensi dell art sexies c.c.. 32 Affinché il rapporto di cambio non giunga a conclusioni arbitrarie, in linea di principio, è necessario che la sua determinazione si basi sul rapporto tra i valori economici delle società partecipanti all operazione. In caso contrario, l operazione favorirebbe ingiustamente i soci di talune società rispetto a quelli di altre. Un esempio può chiarire meglio quanto detto. Esempio Si supponga una fusione per unione tra la società A, il cui patrimonio ha un valore effettivo di 1.000, e la società B, il cui patrimonio ha un valore effettivo di Nel suo complesso, Il valore economico della società risultante dalla fusione è pari a 3.000, dato dalla sommatoria dei valori economici delle società partecipanti all operazione. Qualunque rapporto di cambio che assegni alla società A meno di 1/3 del capitale sociale della nuova società danneggia i soci della società A e favorisce quelli di B. Infatti, se i soci di A fosse assegnato 1/4 delle nuove azioni, essi riceverebbero una partecipazione il cui valore effettivo è di 750, mentre il loro apporto valeva Lo stesso discorso può essere fatto anche nell ipotesi di fusione per incorporazione. Infatti, supponendo cha la società B incorpori la società A, per non ledere gli interessi dei soci di A, è necessario che B aumenti il capitale in misura tale che le nuove azioni o quote emesse siano pari almeno ad 1/3 del capitale sociale della società B post fusione. In sostanza, affinché non si creino situazioni discriminatorie tra i soci delle società partecipanti all operazione, è necessario che il numero di azioni o quote da attribuire a 31 art ter, comma 1, n. 3, c.c.. 32 La relazione degli esperti può essere omessa in determinati casi, come vedremo successivamente. 280

4 CAPITOLO QUARTO LA FUSIONE ciascun socio in cambio delle azioni o quote possedute nelle società fuse o incorporate sia proporzionale al rapporto tra il valore di ciascuna singola società partecipante alla fusione e il valore complessivo post fusione della società risultante o incorporante. Il rapporto di cambio, oltre a dipendere principalmente dai valori effettivi delle società interessate alla fusione, è influenzato anche da ulteriori fattori, sia di natura economica sia di natura extra - economica. Tra questi abbiamo: il tipo e le caratteristiche delle azioni o quote scambiate; il godimento delle azioni o quote; la presenza di eventuali conguagli in denaro; lo status di società quotata di tutte o alcune delle società interessate all operazione; la presenza o meno di obbligazioni convertibili e/o di azioni di risparmio convertibili; apprezzamenti e valutazioni di natura extra economica. È evidente che gli elementi di natura economica concorreranno alla determinazione di un rapporto di cambio teorico, provvisorio. Sarà in sede di trattative tra gli amministratori delle società interessate che entreranno in gioco anche i fattori di natura extra economica, per giungere alla determinazione di un rapporto di cambio definitivo. In ogni caso gli elementi che stanno alla base del rapporto di cambio devono essere quanto più obiettivi e verificabili, in modo tale da non ledere gli interessi dei soci delle società interessate e assicurare la parità di trattamento tra gli stessi. In altri termini, non è necessario che il rapporto di cambio scaturisca da un semplice rapporto matematico tra i valori economici dei complessi aziendali. Ciò che importa è che il divario tra rapporto di cambio teorico e quello definitivo sia giustificato da vantaggi, anche indiretti, della parte lesa dalla divergenza Determinazione del rapporto di cambio teorico Il rapporto di cambio dipende essenzialmente dal rapporto tra i valori economici delle società partecipanti alla fusione. Infatti, una volta stabilito che il rapporto tra il valore il valore economico di ciascuna società fusa o incorporata e quello della società risultante dalla fusione o incorporante rappresenta la percentuale di partecipazione nel nuovo organismo societario, il numero di azioni o quote assegnate dovrà conseguentemente rispettare tale proporzione. Vediamo di seguito come determinare il rapporto di cambio nel caso di fusione per unione e fusione per incorporazione. 33 Secondo Caratozzolo, la possibilità di stabilire un rapporto di cambio diverso da quello derivante dal semplice rapporto tra i valori effettivi dei patrimoni delle società interessate, è ricavabile sia dall art quinquies, il quale richiede agli amministratori di giustificare la fissazione di un determinato rapporto di cambio, sia dall art sexies, il quale richiede agli esperti di indicare il metodo o i metodi seguiti per la determinazione del rapporto di cambio. Caratozzolo, op. cit., 2009, pag

5 Fusione per unione Ipotizziamo una fusione per unione tra le società per azioni A e B, le quali intendono dare vita alla società per azioni C di nuova costituzione (tra A e B non vi è alcun rapporto di partecipazione). Innanzitutto occorre individuare il peso economico (PE) delle due società A e B nella società C, al fine di stabilire la percentuale di partecipazione nella nuova società. VEa PEa = (VEa + VEb) VEb PEb = (VEa + VEb) VEa: il valore del capitale economico della società A VEb: il valore del capitale economico della società B Dopodiché è necessario stabilire il numero di azioni che verranno assegnate ai soci delle società A e B in base al relativo peso economico. Nca = PEa * CSc Ncb = PEb * CSc CSc: n. azioni componenti il capitale sociale di C Nca: n. azioni di C da assegnare ai soci di A Ncb: n. azioni di C da assegnare ai soci di B A questo punto, il rapporto di cambio (RC) è determinato dai seguenti rapporti: RCa = Nca Na RCb = Ncb Nb Na: n. azioni componenti il capitale sociale di A Nb: n. azioni componenti il capitale sociale di B 282

6 CAPITOLO QUARTO LA FUSIONE Esempio La società A e la società B presentano i seguenti dati: Società A Società B Società C Capitale sociale (CS) Valore economico (VE) Valore nominale azione (VN) N. azioni (N) Le azioni della nuova società C saranno attribuite ai soci delle società A e B proporzionalmente al loro peso economico. Peso economico di A (PEa) 60% Peso economico di B (PEb) 40% N. azioni di C da assegnare ai soci di A (Nca) N. azioni di C da assegnare ai soci di B (Ncb) I rapporti di cambio saranno così determinati: RCa = Nca/Na 9/10 RCb = Ncb/Nb 6/5 Pertanto, ad ogni socio di A spetteranno 9 azioni di C ogni 10 vecchie azioni di A, mentre ai soci di B spetteranno 6 azioni di C ogni 5 vecchie azioni di B. Fusione per incorporazione In questo caso, ipotizziamo che le società A e B diano luogo ad una fusione per incorporazione in cui la società A incorpori la società B. Si ipotizza, inoltre, che tra le due società non vi sia alcun rapporto di partecipazione. Di conseguenza, la società A dovrà aumentare il capitale sociale per cambiare tutte le azioni dei soci di B. La misura dell'aumento di capitale deve essere determinata in modo tale che il capitale sociale di A post fusione sia suddiviso tra i soci di A e di B nella stessa proporzione esistente tra i valori economici di ciascuna società rispetto al valore economico complessivo della società incorporante una volta attuata la fusione. In sostanza, il capitale sociale che la società A dovrà avere a seguito della fusione, è determinato dalla seguente proporzione: 283

7 VE : (VEa + VEb) = CSa (ante fusione): CSa (post fusione) da cui: CSa (post fusione) = (VEa + VEb)* CSa (ante fusione) VEa L aumento di capitale di A si determina semplicemente attraverso la differenza tra il capitale sociale di A post fusione e lo stesso capitale sociale ante fusione. ΔCSa = CSa (post fusione) Csa (ante fusione) CSa = aumento del capitale sociale di A A questo punto, per individuare il numero di azioni da assegnare ai soci di B e il relativo rapporto di cambio, è sufficiente rapportare l aumento di capitale che la società A dovrà effettuare con il valore nominale delle azioni. ΔNa = ΔCSa VNa Na = numero nuove azioni di A da assegnare ai soci di B VNa = valore nominale azione di A Nell ipotesi in cui nello statuto della società manchi l indicazione del valore nominale delle azioni 34, il numero di azioni nuove di A da dare ai soci di B si ottiene attraverso la seguente proporzione: VEa : VEb = Na : ΔNa ΔNa = Na * VEb VEa Infine, il rapporto di cambio è così determinato: RC = ΔNa Nb 34 Si ricorda che il nuovo art. 2346, comma 3, c.c. prevede che in mancanza di indicazione del valore nominale delle azioni, le disposizioni che ad esso si riferiscono si applicano con riguardo al loro numero in rapporto al totale delle azioni emesse. 284

8 CAPITOLO QUARTO LA FUSIONE Si noti che allo stesso risultato è possibile pervenire rapportando il valore economico unitario di ciascuna azione dell incorporata (VEbu) rispetto al valore economico unitario di ciascuna azione dell incorporante (VEau). VEau = VEa Na VEbu = Da cui, il rapporto di cambio è pari: VEbu RC = VEau VEb Nb Esempio La società A e la società B presentano i seguenti dati: Società A Società B Capitale sociale (CS) Valore economico (VE) Valore nominale azione (VN) 1 1 N. azioni (N) Valore economico unitario 2,5 2 azione (VE/N) Il capitale sociale che A dovrà avere a seguito della fusione, è determinato dal seguente rapporto: VEa : (VEa + VEb) = CSa (ante fusione): CSa (post fusione) da cui: CSa (post fusione) = ( ) * = ΔCSa = CSa (post fusione) Csa (ante fusione) = = 800 Considerando che il valore è pari ad 1, il numero delle nuove azioni ( Na) che la società A dovrà emettere nei confronti dei soci di B è pari a 800. Conseguentemente, il rapporto di cambio è così determinato: RC = ΔNa Nb = = 4 5 Pertanto, ad ogni socio di B spetteranno 4 azioni di A ogni 5 vecchie azioni di B. 285

9 Lo stesso risultato si ottiene rapportando i valori economici unitari delle azioni delle due società. RC = VEbu VEau = 4 5 Ipotesi in cui non risulta necessario procedere all aumento di capitale Nella fusione per incorporazione, la società incorporante provvede ad aumentare il capitale per emettere le nuove azioni da attribuire in concambio ai soci delle società incorporate. Tuttavia, attraverso alcuni procedimenti suggeriti in prevalenza dalla dottrina 35, è possibile procedere ad un aumento limitato del capitale sociale oppure non procedervi affatto. In particolare, le azioni necessarie, da utilizzare al servizio del concambio, possono essere reperite nei seguenti modi: a) azioni proprie possedute dall incorporante precedentemente all operazione di fusione. Tuttavia, considerando i limiti previsti dall art c.c., la quantità di azioni proprie possedute potrebbe rilevarsi non sufficiente con la necessità di effettuare comunque un aumento di capitale. b) La società incorporante potrebbe decidere di agire sul valore nominale delle azioni, annullando tutte le azioni in circolazione e riemettendole con un valore nominale inferiore, in modo tale da ripartire il capitale sociale proporzionalmente al rapporto di cambio (sulla possibilità di emettere azioni senza valore nominale si veda infra). c) Le azioni dell incorporante potrebbero essere detenute dall incorporata e per effetto della fusione entrerebbero a far parte della prima che può utilizzarle per il concambio. In questo caso, tuttavia, è necessario verificare la compatibilità con quanto disposto dall art ter c.c. d) L assegnazione delle azioni previste dal rapporto di cambio potrebbe avvenire ad opera dei soci della società incorporante, qualora gli stessi trasferissero senza corrispettivo parte delle loro azioni ai soci dell incorporata. Occorre osservare che, a seguito della riforma societaria del 2003, l art. 2346, comma 3, c.c. consente, se previsto dallo statuto, l emissione di azioni senza valore nominale. Pertanto, l aumento di capitale da parte dell incorporante potrebbe essere evitato attraverso una semplice modifica statutaria che consenta l emissione di tale tipo di azioni. Infatti, in questo modo il capitale sociale resterebbe identico ed aumenterebbe unicamente il numero delle azioni in cui esso è suddiviso, da attribuire tra soci vecchi e nuovi in proporzione al rapporto di cambio. 35 La dottrina prevalente ritiene leciti questi mezzi alternativi all aumento di capitale. Cfr. C. Santagata, Lineamenti generali dell istituto della fusione: natura giuridica e procedimento, in AA.VV., Fusioni e scissioni di società. Profili civili e fiscali, Milano, Ipsoa, 1993, pag. 43; N. Gasperoni, Trasformazione e fusione di società, in Enciclopedia del diritto, vol. XLIV, Milano, 1992, pag

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 79 Aspetti contabili della fusione inversa

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 79 Aspetti contabili della fusione inversa DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 79 Aspetti contabili della fusione inversa settembre 2007 Aspetti contabili della fusione inversa DOCUMENTO ARISTEIA N. 79 ASPETTI CONTABILI DELLA FUSIONE INVERSA Sommario:

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

c...al 'ierbale $GJI T.wO~NICO RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE S.R.L. IN AQP S.P.A. DI PURA ACQUA, DEL 1 7 FEB.

c...al 'ierbale $GJI T.wO~NICO RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE S.R.L. IN AQP S.P.A. DI PURA ACQUA, DEL 1 7 FEB. ALLEGATQ" c...al 'ierbale DEL 1 7 FEB. 1014 $GJI T.wO~NICO RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE S.R.L. IN AQP S.P.A. DI PURA ACQUA, PREMESSA La presente relazione ha lo scopo

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi

OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi Format Si è modificata la struttura del principio utilizzando il format standard dei nuovi principi salvo apportare i necessari adeguamenti

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

PATRIMONI E FINANZIAMENTI DESTINATI AD UNO SPECIFICO AFFARE

PATRIMONI E FINANZIAMENTI DESTINATI AD UNO SPECIFICO AFFARE OIC 2 PATRIMONI E FINANZIAMENTI DESTINATI AD UNO SPECIFICO AFFARE ottobre 2005 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) nasce dall esigenza, avvertita dalle principali parti

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi di Claudio Venturi Sommario: - 1. Le decisioni dei soci. 1.1.

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI SEZIONE I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. Premessa La disciplina delle operazioni con parti

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Si è cercato il punto di equilibrio tra la tutela dei soci e la salvaguardia del buon funzionamento della società e della certezza dei rapporti societari

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

IL RECESSO E L ESCLUSIONE DI SOCI NELLE SOCIETA DI CAPITALI

IL RECESSO E L ESCLUSIONE DI SOCI NELLE SOCIETA DI CAPITALI IL RECESSO E L ESCLUSIONE DI SOCI NELLE SOCIETA DI CAPITALI di Claudio Venturi Sommario: - 1. Il diritto di recesso e le sue funzioni essenziali. 2. Il diritto di recesso nelle Società per azioni. 3. Il

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

CIRCOLARE N. 30/E. Roma, 11 agosto 2015

CIRCOLARE N. 30/E. Roma, 11 agosto 2015 CIRCOLARE N. 30/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 agosto 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186, concernente Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

IL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO Redazione, approvazione e pubblicazione nel Registro delle imprese

IL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO Redazione, approvazione e pubblicazione nel Registro delle imprese IL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO Redazione, approvazione e pubblicazione nel Registro delle imprese di Claudio Venturi Sommario: - 1. Soggetti obbligati. 1.1. Consorzi. 1.2. Consorzi di garanzia

Dettagli

DIRITTO COMMERCIALE XIX CICLO. Tesi di dottorato di ricerca

DIRITTO COMMERCIALE XIX CICLO. Tesi di dottorato di ricerca UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA CORSO DI DOTTORATO DI RICERCA IN DIRITTO COMMERCIALE XIX CICLO Tesi di dottorato di ricerca LE AZIONI RISCATTABILI AI SENSI DELL ART. 2437-SEXIES C.C. Settore scientifico

Dettagli

Documento. n. 20. Verbali e procedure del collegio sindacale

Documento. n. 20. Verbali e procedure del collegio sindacale Documento n. 20 Verbali e procedure del collegio sindacale Giugno 2013 VERBALI E PROCEDURE DEL COLLEGIO SINDACALE Si ringraziano per il loro contributo Niccolò Abriani, Cristina Bauco, Luciano Berzè, Marcellino

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI EDIZIONE NOVEMBRE 2010 Approvato dal Consiglio d Amministrazione in data 30 Novembre 2010 Indice Premessa...3 A. PARTE GENERALE...5 1. Inquadramento...5

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli